Cardinal Gasparo Contarini

A Collection of his published correspondence

Compiled by Paul Hanbridge OFM Cap.

Rome 2008

Revised September 2011

Cardinal Gasparo Contarini

(1489-1542)

Table of Contents

Letters

1. To Paolo Giustiniani, 1 February 1511

2. To Paolo Giustiniani, 24 April 1511

3. To Paolo Giustiniani, 10 August (1511)

4. To Paolo Giustiniani, 22 Septmember (1511)

5. To Vincenzo Querini, (end of November, 1511)

6. To Paolo Giustiniani, 3 December 1511

7. To Vincenzo Querini, 26 December (1511)

8. To Vincenzo Querini, 1512

9. Giustiniani to Nicolò Tiepolo and Gasparo Contarini, February 1512

10. To Paolo Giustiniani, 26 February (1512)

11. To Paolo Giustiniani, 10 March (1512)

12. To Vincenzo Querini, 10 March (1512)

13. Giustiniani to Egnazio, Tiepolo and Contarini, 12 March 1512

14. Pietro Querini to Contarini and Tiepolo, 12 April 1512

15. Giustiniani to Tiepolo and Contarini, 18 April 1512

16. To Paolo Giustiniani, 20 April (1512)

17. To Giustiniani and Querini, 17 July (1512)

18. To Querini and Giustiniani, 26 November (1513)

19. To Querini from Rome, 13 June (1514)

20. To Querini from Rome, 11 July (1514)

21. To Giustiniani from Ravenna, 29 April (1515)

22. To Giustiniani from Ravenna, 25 May (1515)

23. To Giustiniani from Venice, 30 May (1515)

24. To Giustiniani from Venice, 9 June (1515)

25. To Giustiniani from Venice, 28 June (1515)

26. To Giustiniani from Venice, 9 July (1515)

27. To Giustiniani from Venice, 1 and 16 November (1515)

28. To Giustiniani from Venice, 12 January (1516)

29. To Giustiniani from Venice, 4 March (1516)

30. To Don Constantino from Venice, 25 May (1516)

31. To Paolo Giustiniani, 26 May (1516?)

32. To Giustiniani from Venice, 16 August (1516?)

33. To Paolo Giustiniani, 16 September 1516

34. To Paolo Giustiniani, 15 Novemeber (1516?)

35. Giustiniani to Tiepolo and Contarini, March 1517

36. To Giustiniani, 19 April (1518)

37. To Andrea Gritti from Worms, 25 April 1521

38. To Nicolò Tiepolo And Companions from Worms, 25 April 1521

39. To Matteo Dando from Worms lo, 26 April 1521

40. From Corner and Contarini (Worms) to Andrea Gritti, 28 April 1521

41. From Corner and Contarini in Worms to Andrea Gritti, 4 May 1521

42. To Andrea Gritti from Worms, 12 May 1521

43. To Andrea Gritti from Worms, 18 May 1521

44. To Andrea Gritti from Worms, 22 May 1521

45. To Andrea Gritti from Worms, 24 May 1521

46. To Andrea Gritti from Worms, 26 May 1521

47. To Andrea Gritti from Brussels, 4 July 1521

48. To Matteo Dandolo from Brussels, 5 March (1522)

49. To Batista Egnatio from Brussels, 28 April 1522

50. To the Andrea Gritti from Vallaldolid, 24 September 1522

51. To Venetian Senate from Valladolid, 24 November 1522

52. To Giustiniani from Valladolid, 7 February (1523)

53. From Andrea Contarini, 28 January 1524

54. To Ferigo Contarini and brothers from Madrid, 7 February 1524

55. To the Venetian Senate from Toledo, May 1525

56. Report to the Senate of Venice, 16 November 1525

57. To Giovanni Battista della Torre from Venice, 13 July (1526)

58. To Giovanni Battista de la Torre from Venice, 5 October (1526)

59. To Giovanni Battista de la Torre from Venice, 8 November (1526)

60. Report to the Venetian senate, 1530

61. From Gianpietro Carafa, 17 October 1533

62. To Ercole Gonzaga from Venice, 29 May 1535

63. To Ercole Gonzaga from Venice, 10 June 1535

64. To Ercole Gonzaga from Venice, 12 June 1535

65. To Pier Paolo Vergerio from Venice, 22 June 1535

66. To Ercole Gonzaga from Venice, 5 July 1535

67. To Ercole Gonzaga from Venice, 7 July 1535

68. To Ercole Gonzaga from Venice, 9 August 1535

69. To Ercole Gonzaga from Venice, 21 August 1535

70. From Vittoria Colonna, August 1535

71. To Cardinal Jacobo Sadoleto from Rome

72. From Reginald Pole, 1 January 1536

73. To Benedetto Accolti from Rome, 1 January 1536

74. From Marcantonio Flaminio, 16 January 1536

75. From Reginald Pole, 31 January 1536

76. From Reginald Pole, 8 February 1536

77. From Marcantonio Flaminio, 16 February 1536

78. From Marcantonio Flaminio, after 16 February 1536

79. From Reginald Pole, 4 March 1536

80. To Jacobo Sadoleto from Rome, after 18 April 1536(?)

81. To Benedetto Accolti from Rome, 14 May 1536

82. From Vittoria Colonna, mid 1536

83. From Reginald Pole, 8 June 1536

84. From Reginald Pole, 24 June 1536

85. From Marcantonio Flaminio, 8 July 1536

86. To Reginald Pole from Rome, 12 July 1536

87. To Reginald Pole from Rome, 18 July 1536

88. To Reginald Pole from Rome, 22 July 1536

89. From Reginald Pole, 4 August 1536

90. From Reginald Pole, 31 August 1536

91. From Gianpietro Carafa, 8 September 1536

92. From Marcantonio Flaminio, 7 October 1536

93. From Reginald Pole, 10 October 1536

94. To Vittoria Colonna from Rome, 13 November 1536

95. From Vittoria Colonna, 22 December 1536

96. To Reginald Pole from Rome, 20 February 1537

97. To the Belluno Dean and Chapter from Rome, 26 February 1537

98. From Reginald Pole, 28 February 1537

99. From Reginald Pole, 4 March 1537

100. From Marcantonio Flaminio, 7 March 1537

101. From Marcantonio Flaminio, 9 March 1537

102. From Reginald Pole, 23 March 1537

103. To Andrea Gritti From Rome, 28 March 1537

104. In Verona to its Governors and Podestà (1537)

105. From Marcantonio Flaminio, 6 April 1537

106. To Reginald Pole from Rome, 12 May 1537

107. From Ercole Gonzaga, 15 May 1537

108. From Ercole Gonzaga, 18 May 1537

109. To Reginald Pole from Rome, 22 May 1537

110. To Alvise Priuli from Rome, 22 May 1537

111. From Reginald Pole, 1 June 1537

112. To the Belluno Chapter and Canons from Rome, 2 June1537

113. From Ercole Gonzaga, 6 June 1537

114. To the Belluno Chapter and Clergy from Rome, (1537)

115. To Gian Matteo Giberti from Rome, 12 June 1537

116. From Marcantonio Flaminio, 15 June 1537

117. From Ercole Gonzaga, 16 June 1537

118. From Jacopo Sadoleto, 17 June 1537

119. From Reginald Pole, 29 June 1537

120. To Reginald Pole from Rome, 30 June 1537

121. From Ercole Gonzaga, 18 July 1537

122. From Reginald Pole, 21 July 1537

123. To Reginald Pole from Rome, 21 July 1537

124. To Isidoro Chiari from Rome, 23 July (1537)

125. To Pietro Bechinio Boemo from Rome, (1537)

126. To Geronimo Querini, (1537)

127. From Reginald Pole, 10 August 1537

128. To Reginald Pole from Rome, 12 August 1537

129. From Reginald Pole, 21 August 1537

130. From Ercole Gonzaga, 29 August 1537

131. From Ercole Gonzaga, 1 September 1537

132. From Reginald Pole, 30 September 1537

133. To Ercole Gonzaga from Ronciglione, 1 October 1537

134. To Ercole Gonzaga from Rome, 10 October 1537

135. From Ercole Gonzaga, 15 October 1537

136. From Ercole Gonzaga, 17 October 1537

137. From Ercole Gonzaga, 19 October 1537

138. To Ercole Gonzaga from Rome, 31 October 1537

139. From Ercole Gonzaga, 3 November 1537

140. From Francesco Cornelio, 6 November 1537

141. From Marcantonio Flaminio, 11 November 1537

142. To Ercole Gonzaga from Rome, 22 November 1537

143. From Francesco Corner, 27 December 1537

144. From Ercole Gonzaga, 2 January 1538

145. To Lattanzio Tolomei, before 19 January 1538

146. To Ercole Gonzaga from Rome, 19 January 1538

147. From Ercole Gonzaga, 26 January 1538

148. To Ercole Gonzaga from Rome, 8 February 1538

149. From Ercole Gonzaga, 13 February 1538

150. From Ercole Gonzaga, 18 February 1538

151. To Ercole Gonzaga, 19 March 1538

152. To Reginald Pole (1538)

153. From Reginald Pole, 4 August 1538

154. From Girolamo Aleandro, 10 August 1538

155. From Benedetto Accolti, 20 October 1538

156. To Reginald Pole from Ostia, 11 November 1538

157. From Marcantonio Flaminio, December 1538

158. From Rome to [?], 21 December 1538

159. To Girolamo Verallo from Rome, (1538)

160. To Johannes Cochläus from Rome, (1538)

161. From Reginald Pole, 6 January 1539

162. From Marcantonio Flaminio, January 1539

163. From Reginald Pole, 10 January 1939

164. From Ercole Gonzaga, 16 January 1539

165. To Reginald Pole from Rome, 18 January 1539

166. From Marcantonio Flaminio, 25 January 1539

167. From Johannes Cochläus, 20 February 1539

168. From Gianmatteo Giberti, 25 February 1539

169. To Ercole Gonzaga from Rome, 27 February 1539

170. From Reginald Pole, 25 March 1539

171. From Reginald Pole, 8 April 1539

172. To Reginald Pole from Rome, 12 April 1539

173. From Reginald Pole, 24 April 1539

174. From Reginald Pole, 12 May 1539

175. From Reginald Pole, 8 June 1539

176. To Girolamo Negri from Rome, (1539)

177. To Girolamo Negri from Rome, (1539)

178. To the Belluno Podestà from Rome, (1539)

179. To the Communità of Belluno from Rome, (1539)

180. To Girolamo Negri from Rome, (1539)

181. To the Belluno Chapter and Canons from Rome, (1539)

182. To Girolamo Negri from Rome, (1539)

183. (To the Comune of Belluno from Rome, 1539)

184. To Jacobo Sadoleto from Rome, 13 June (1539)

185. From Reginald Pole, 13 June 1539

186. To Reginald Pole from Rome, 22 June 1539

187. From Johann Cochläus, 1 July 1539

188. From Reginald Pole, 1 July 1539

189. From Jacopo Sadoleto, 4 July 1539

190. From Girolamo Aleandro, 6 July 1539

191. From Reginald Pole, 16-17 July 1539

192. From Reginald Pole, 18 July 1539

193. From Jacopo Sadoleto, 29 July 1539

194. From Reginald Pole, 7 August 1539

195. To Ercole Gonzaga from Rome, 12 August 1539

196. From Reginald Pole, 15 and (P.S.) 16 August 1539

197. From Reginald Pole, 16 August 1539

198. From Reginald Pole, 29 August 1539

199. To Ignatius Loyola from Tivoli, 3 September 1539

200. From Reginald Pole, 22 September 1539

201. From Lattanzio Tolomei, 28 September 1539

202. From Johann Cochläus, 12 October 1539

203. From Reginald Pole, 17 October 1539

204. From Reginald Pole, 19 October 1539

205. From Reginald Pole, 25 October 1539

206. To Ercole Gonzaga from Rome, 4 November 1539

207. From Ercole Gonzaga, 15 November 1539

208. From Jacopo Sadoleto, 21 November 1539

209. To Girolamo Negri from Rome, December (1539)

210. From Jacopo Sadoleto, 9 December1539

211. From Federico Fregoso, 24 December 1539

212. From Jacopo Sadoleto, 24 December 1539

213. To Marcello Cervini from Rome, 27 December 1539

214. Modus concionandi Rmi Contareni

215. Fram Marcello Cervini, 4 February 1540

216. To Marcello Cervini from Rome, 27 February 1540

217. From Giovanni Guidiccioni, 5 March 1540

218. To Ercole Gonzaga from Rome, 20 March 1540

219. To Don Timoteo De’ Giusti from Rome, 20 March 1540

220. From Ercole Gonzaga, 2 April 1540

221. From Ercole Gonzaga, 4 April 1540

222. To Ercole Gonzaga from Rome, 9 April 1540

223. To Ercole Gonzaga from Rome, 10 April 1540

224. To Ercole Gonzaga from Rome, 10 April 1540

225. From Ercole Gonzaga, 18 April 1540

226. To Ercole Gonzaga from Rome, 21 April 1540

227. To Ercole Gonzaga from Rome, 21 April 1540

228. To Ercole Gonzaga from Rome, 22 April 1540

229. To Johann Cochläus from Rome, 24 April 1540

230. To Johannes Eck from Rome, 24 April 1540

231. To Ercole Gonzaga from Rome, 28 April 1540

232. To Gianmatteo Giberti from Rome, 28 April 1540

233. From Marcantonio Flaminio, 1 May 1540

234. To Ercole Gonzaga from Rome, 5 May 1540

235. From Ercole Gonzaga, 7 May 1540

236. To Ercole Gonzaga from Rome, 17 May 1540

237. Ercole Gonzaga to Contarini, 20 May 1540

238. From Benedetto Accolti, 24 May 1540

239. From Ercole Gonzaga, 25 May 1540

240. To Johann Eck from Rome, 26 May 1540

241. To Giovanni Morone from Rome, 26 May 1540

242. To Jacopo Sadoleto from Rome, 26 May 1540

243. To Marcello Cervini from Rome, 26 May 1540

244. To Ercole Gonzaga from Rome, 29 May 1540

245. From Rodolfo Pio de’ Carpi, 29 May 1540

246. From Eleonora Gonzaga della Rovere, 3 June 1540

247. To Mauritz von Hutten from Rome, 8 June 1540

248. To Marcello Cervini for Alessandro Farnese from Rome (9 June 1540)

249. From Giovanni Poggio, 15 June 1540

250. From Giovanni Morone, 19 June 1540

251. From Bonifacio Ferrero, 19 June 1540

252. From Marcello Cervini, 24 June 1540

253. From Giovanni Morone, 26 June 1540

254. To Marcello Cervini from Rome, 29 June 1540

255. From Ercole Gonzaga, 30 June 1540

256. From Jacopo Sadoleto, 1 July 1540

257. From Gregorio Cortese, 4 July 1540

258. To Ercole Gonzaga from Rome, 13 July 1540

259. To Ferdinand I from Rome, 14 July 1540

260. To Marcello Cervini from Rome, 15 July 1540

261. To Mauritz von Hutten from Rome, 18 July 1540

262. From Marcello Cervini, 9 August 1540

263. From Marcello Cervini, 18 August 1540

264. From Marcantonio Flaminio, 22 August 1540

265. From Jacopo Sadoleto, 25 August 1540

266. From Ercole Gonzaga, 28 August 1540

267. From Reginald Pole, 8 September 1540

268. To Marcantonio Flaminio from Rome, 10 September 1540

269. From Marcantonio Flaminio, 25 September 1540

270. To Gregorio Cortese from Rome, 27 September 1540

271. To Ercole Gonzaga from Rome, 13 December 1540

272. From Tommaso Badia, 28 December 1540

273. Memorandum to Marcello Cervini

274. From Giovanni Morone, 10 January 1541

275. From Tommaso Campeggio, 10 January 1541

276. From Giovanni Morone, 12 January 1541

277. To Gianmatteo Giberti from Rome, 13 January 1541

278. From Tommaso Campeggio, 13 January 1541

279. To Ippolito d’Este from Rome 14 January 1541

280. To Jacopo Sadoleto from Rome, 14 January 1541

281. Carlo V’s dissolution of the Colloquy of Worm’s, 18 January 1541

282. From Tommaso Campeggio, 18 January 1541

283. From Paul III, 28 January 1541

284. From Reginald Pole, 4 February 1541

285. To Reginald Pole from Bologna, 12 February 1541

286. To Alessandro Farnese from Bologna, 12 February 1541

287. To Ercole Gonzaga from Verona, 19 February 1541

288. To Alessandro Farnese from Verona, 20 February 1541

289. From Alessandro Farnese, 20 February 1541

290. From Giovanni Poggio, 2 March 1541

291. From the Hungarian Princes, 5 March 1541

292. From Giovanni Poggio, 6 March 1541

293. From Giovanni Morone, 7 March 1541

294. From Giovanni Poggio, 8 March 1541

295. From Giovanni Morone, 8 March 1541

296. To Alessandro Farnese from Regensburg, 13 March 1541

297. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 13 March 1541

298. From Albertus Pighius

299. To Reginald Pole from Regensburg, 14 March 1541

300. To Girolamo Aleandro from Regensburg, 14 March 1541

301. To Alessandro Farnese from Regensburg, 16 March 1541

302. To Alessandro Farnese from Regensburg, 18 March 1541

303. From Pietro Bembo, 19 March 1541

304. To Alessandro Farnese from Regensburg, 20 March 1541

305. To Alessandro Farnese from Regensburg, 22 March 1541

306. To Marcello Cervini from Regensburg, 22 March 154

307. To Reginald Pole from Regensburg, 22 March 1541

308. To Johann Eck from Regensburg, 23 March 1541

309. To Alessandro Farnese from Regensburg, 24 March 1541

310. From Girolamo Dandino, 25 March 1541

311. To Alessandro Farnese from Regensburg, 26 March 1541

312. To Johann Faber from Regensburg, 27 March 1541

313. To Alessandro Farnese from Regensburg, 30 March 1541

314. Carlo V’s proposition to Regensburg Diet, 1 April 1541

315. To Girolamo Dandino from Regensburg, 1 April 1541

316. From Ferdinand I, 2 April 1541

317. To Alessandro Farnese from Regensburg, 3 April 1541

318. To Alessandro Farnese from Regensburg, 5 April 1541

319. To Reginald Pole from Regensburg, 6 April 1541

320. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 6 April 1541

321. To Alessandro Farnese from Regensburg, 7 April 1541

322. To Cristoforo Madruzzo from Regensburg, 7 April 1541

323. From Reginald Pole, 11 April 1541

Alternate ending to same letter

324. To Alessandro Farnese from Regensburg, 14 April 1541

325. To Ferdinand I from Regensburg, 13 April 1541

326. To Alessandro Farnese from Regensburg, 14 April 1541

327. From Alessandro Farnese, 16 April 1541

328. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 16 April 1541

329. To Alessandro Farnese from Regensburg, 16 April 1541

330. To Alessandro Farnese from Regensburg, 18 April 1541

331. From Reginald Pole, 22 April 1541

332. To Pietro Bembo from Regensburg, 26 April 1541

333. To Alessandro Farnese from Regensburg, 28 April 1541

334. To Alessandro Farnese from Regensburg, 28 April 1541

335. From Alessandro Farnese, 29 April 1541

336. To Alessandro Farnese from Regensburg, 29 April 1541

337. To Marcello Cervini from Regensburg, 29 April 1541

338. To Alessandro Farnese from Regensburg, 30 April 1541

339. From Albertus Pighius

340. To Alessandro Farnese from Regensburg, 3 May 1541

341. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 3 May 1541

342. To Alessandro Farnese from Regensburg, 4 May 1541

343. To Alessandro Farnese from Regensburg, 9 May 1541

344. To Alessandro Farnese from Regensburg, 9 May 1541

345. To Alessandro Farnese from Regensburg, 11 May 1541

346. To Girolamo Dandino from Regensburg, 1 and 11 May 1542

347. To Marcello Cervini from Regensburg, 12 May 1541

348. From Pietro Bembo, 12 May 1541

349. To Alessandro Farnese from Regensburg, 13 May 1541

350. To Bonifacio Ferrero from Regensburg, 13 May 1541

351. Memorandum to Carlo V, with a letter 15 May 1541

352. To Alessandro Farnese from Regensburg, 15 May 1541

353. To Alessandro Farnese from Regensburg, 16 May 1541

354. From Reginald Pole, 17 May 1541

355. From Girolamo Dandino, 17 May 1541

356. To Alessandro Farnese from Regensburg, 18 May 1541

357. From Konrad von Bibra, 18 May 1541

358. From Pietro Bembo, 21 May 1541

359. To Alessandro Farnese from Regensburg, 23 May 1541

360. To Alessandro Farnese from Regensburg, 23 May 1541

361. To Alessandro Farnese from Regensburg, 23 May 1541

362. Tractatus sue epistolae de justificatione, 25 May 1541

363. To Marguerite D’Angoulême from Regensburg, 26 May 1541

364. From Pietro Bembo, 27 May 1541

365. From Marcello Cervini, 28 May 1541

366. From Alessandro Farnese, 29 May 1541

367. To Alessandro Farnese from Regensburg, 29 May 1541

368. From Niccolò Ardinghelli, 29 May 1541

369. To Alessandro Farnese from Regensburg, 30 May 1541

370. To Marcello Cervini from Regensburg, 30 May 1541

Memoriale Echii

371. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 30 May 1541

372. To Bonifacio Ferrero from Regensburg, 30 May 1541

373. To Alessandro Farnese from Regensburg, 2 June 1541

374. To Cristoforo Madruzzi from Regensburg, 2 June 1541

375. To Girolamo Capodiferro from Regensburg, 2 June 1541

376. To Alessandro Farnese from Regensburg, 4 June 1541

377. From Pietro Bembo, 4 June 1541

378. To Alessandro Farnese from Regensburg, 8 June 1541

379. To Alessandro Farnese from Regensburg, 8 June 1541

380. To Marcello Cervini from Regensburg, 9 June 1541

381. To Alessandro Farnese from Regensburg, 9 June 1541

382. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 9 June 1541

383. To Domenico di Cupis from Regensburg, 9 June 1541

384. To Matteo Dandalo from Regensburg, 9 June 1541

385. To Juan Alvarez of Toledo from Regensburg, 9 June 1541

386. To Girolamo Capodiferro from Regensburg, 9 June 1541

387. From Pietro Bembo, 11 June 1541

388. To Girolamo Capodiferro from Regensburg, 12 June 1541

389. To Alessandro Farnese from Regensburg, 14 June 1541

390. To Alessandro Farnese from Regensburg, 14 June 1541

391. From Marcello Cervini, 14 June 1541

392. From Paul III, 15 June 1541

393. From Niccolò Ardinghelli, 15 June 1541

394. To Alessandro Farnese from Regensburg, 15 June 1541

395. To Alessandro Farnese from Regensburg, 19 June 1541

396. To Alessandro Farnese from Regensburg, 20 June 1541

397. To Domenico di Cupis from Regensburg, 20 June 1541

398. To Alessandro Farnese from Regensburg, 22 June 1541

399. To Alessandro Farnese from Regensburg, 24 June 1541

400. To Alessandro Farnese from Regensburg, 24 June 1541

401. From Pietro Bembo, 25 June 1541

402. From Matteo Dandolo, 26 June 1541

403. To Alessandro Farnese from Regensburg, 27 June 1541

404. To Pietro Bembo from Regensburg, 28 June 1541

405. To Girolamo Capodiferro from Regensburg, 29 June 1541

406. To Alessandro Farnese from Regensburg, 3 July 1541

407. To Pietro Bembo from Regensburg, 4 July 1541

408. To Alessandro Farnese from Regensburg, 5 July 1541

409. From Alessandro Farnese, 7 July 1541

410. From Alessandro Farnese, 10 July 1541

411. To Alessandro Farnese from Regensburg, 10 July 1541

412. Contarini to the German bishops at the Diet, 11 July (?) 1541

413. To Alessandro Farnese from Regensburg, 13 July 1541

414. To Alessandro Farnese from Regensburg, 13 July 1541

415. From Pietro Bembo, 13 July 1541

416. From Friedrich Nausea, 15 July 1541

417. From Reginald Pole, 16 July 1541

418. To Alessandro Farnese from Regensburg, 17 July 1541

419. To Alessandro Farnese from Regensburg, 19 July 1541

420. To Alessandro Farnese from Regensburg, 19 July 1541

421. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 19 July 1541

422. To Alessandro Farnese from Regensburg, 22 July 1541

423. To Marcello Cervini from Regensburg, 22 July 1541

424. To an unnamed Cardinal from Regensburg, 22 July 1541

425. Contarini’s opinion on the ‘Regensberg book’

426. Contarini’s second opinion on the Regensburg book

427. To Alessandro Farnese from Regensburg, 25 July 1541

428. To Matteo Dandolo from Regensburg, July 1541

429. Contarini’s protest re: a German Council, 26 July 1541

430. To Alessandro Farnese from Regensburg, 26 July 1541

431. To Alessandro Farnese from Regensburg, 27 July 1541

432. To Alessandro Farnese from Regensburg, 28 July 1541

433. From Gasparo da Larme, 14 August 1541

434. To Alessandro Farnese from Rovere, 16 August 1541

435. To Secretary “Jaches” from Borghetto, 16 August 1541

436. From Pietro Bembo, 16 August 1541

437. To Alessandro Farnese from Milan, 23 August 1541

438. From Hermann V von Wied, 24 August 1541

439. To Alessandro Farnese from Milan, 26 August 1541

440. From Reginald Pole, 1 September 1541

441. From Pietro Bembo, 12 September 1541

442. To Albrecht of Brandenburg from Lucca, 19 September 1541

443. From Alessando Farnese, 5 October 1541

444. Instructio pro praedicatoribus, circa 15 October 1541

445. From Reginald Pole, 21 October 1541

446. From Reginald Pole, 26 October 1541

447. From Niccolò Gaddi, 27 October 1541

448. To Ercole Gonzaga from Rome, 19 November 1541

449. From Jacopo Sadoleto, 6 December 1541

450. From Reginald Pole, 9 December 1541

451. From Ercole Gonzaga, 9 December 1541

452. From Reginald Pole, 15 December 1541

453. From Cristoforo Madruzzi, 22 December 1541

454. From Reginald Pole, 23 December 1541

455. From Reginald Pole, 1 January 1542

456. To Ercole Gonzaga from Rome, 7 January 1542

457. From Reginald Pole, 16 Januaryt 1542

458. From Reginald Pole, 29 January 1542

459. From Reginald Pole, 7 February 1542

460. To Alessandro Farnese from Bologna, 25 March 1542

461. To Braccio Martelli from Bologna, 27 March 1542

462. To Giovanni Salviati from Bologna, 27 March [?] 1542

463. To Giovambattista Grimaldo from Bologna, 28 March 1542

464. To Ercole Gonzaga from Bologna, 28 March 1542

465. To Alessandro Farnese from Bologna, 28 March 1542

466. To Giovan Battista De Fornari from Bologna, 28 March 1542

467. To Michele De Silva from Bologna, 28 March 1542

468. To Marcello Cervini from Bologna, 29 March 1542

469. To Alfonso d’Avalos from Bologna, 29 March 1542

470. To Bindo Altoviti from Bologna, 29 March 1542

471. To Alessandro Farnese from Bologna, 30 March 1542

472. To Alessandro Farnese from Bologna, 1 April 1542

473. To Alessandro Farnese from Bologna, 1 April 1542

474. To Giovanni Morone from Bologna, 1 April 1542

475. To Cristoforo Madruzzo from Bologna, 1 April 1542

476. To Tommaso Badia from Bologna, 1 April 1542

477. To Marcello Cervini from Bologna, 1 April 1542

478. To Fra Bernardino Ochino from Bologna, 1 April 1542

479. To Rodolfo Pio de Carpi from Bologna, 2 April 1542

480. To Margherita Paleologo from Bologna, 4 April 1542

481. To Ercole Gonzaga from Bologna, 4 April 1542

482. To Uberto Gambara from Bologna, 7 April 1452

483. To the Friars of the Santo in Padua from Bologna, 8 April 1542

484. To Pietro Lando from Bologna, 8 April 1542

485. To the Podestà of Padua from Bologna, 8 April 1542

486. To Marcantonio Cornaro from Bologna, Venice, 8 April 1542

487. To Alessando Farnese from Bologna, 9 April 1542

488. To Guido Ascanio Sforza from Bologna, 11 April 1542

489. To Giovanni del Monte from Bologna, 10 April 1542

490. To Galeotto Pico from Bologna, 10 April 1542

491. To Alessando Farnese from Bologna, 11 April 1542

492. To Alessando Farnese from Bologna, 15 April 1542

493. To Gregorio Cortese from Bologna, 15 April 1542

494. To Uberto Gambara from Bologna, 16 April 1542

495. To Marcello Cervini from Bologna, 15 April 1542

496. To Gabriele Venier from Bologna, 17 April 1542

497. To Guido Ascanio Sforza from Bologna, 18 April 1542

498. To Domenico di Cupis from Bologna, 18 April 1542

499. To Giovanni Morone from Bologna, 18 April 1542

500. To Cristofro Madruzzo from Bologna, 18 April 1542

501. To Tommaso Badia from Bologna, 18 April 1542

502. To Marino Cavalli from Bologna, 18 April 1542

503. To Alessandro Contarini from Bologna, 18 April 1542

504. To Alessandro Farnese from Bologna, 19 April 1542

505. To Alessandro Farnese from Bologna, 19 April 1542

506. To Marcello Cervini from Bologna, 19 April 1542

507. To Francesco Cornaro from Bologna, 19 April 1542

508. To Giovanni and Francesco Erizzi from Bologna, 19 April 1542

509. To Rodolfo Pio de Carpi from Bologna, 20 April 1542

510. To Antonello da Forlimpòpoli from Bologna, 20 April 1542

511. To Ferdinand I from Bologna, 22 April 1542

512. To Ercole Gonzaga from Bologna, 23 April 1542

513. To Alessandro Farnese from Bologna, 24 April 1542

514. To Alessandro Campeggio from Bologna, 25 April 1542

515. To Girolamo Negri from Bologna, 25 April 1542

516. To Giovanni Morone from Bologna, 26 April 1542

517. To Girolamo Verallo from Bologna, 26 April 1542

518. To Ercole Gonzaga from Bologna, 27 April 1542

519. To Domenico Sauli from Bologna, 28 April 1542

520. To the treasurer of Romagna from Bologna, 28 April 1542

521. To Alessandro Farnese from Bologna, 29 April 1542

522. To Dionisio Contarini from Bologna, 29 April 1542

523. To Gregorio Cortese from Bologna, 30 April 1542

524. From Reginald Pole, 1 May 1542

525. To Ridolfo Pio di Carpi from Bologna, 2 May 1542

526. To Galeazzo Florimonte from Bologna, 2 May 1542

527. To Master Agapit from Bologna, 2 May 1542

528. To the OFM Chapter in Padua from Bologna, 2 May 1542

529. To the Deputies of Padua from Bologna, 2 May 1542

530. To Bernardo Macchiavello from Bologna, 2 May 1542

531. To Alessandro Farnese from Bologna, 4 May 1542

532. To Rodolfo Pio di Carpi from Bologna, 4 May 1542

533. To Giovanni Morone from Bologna, 7-8 May 1542

534. To Alessandro Farnese, 8 May 1542

535. To Ercole II d’Este from Bologna, 10 May 1542

536. To Cardinal Farnese from Bologna, 11 May 1542

537. To Ascanio Sforza di Santa Fiora from Bologna, 11 May 1542

538. To Bernardino Castellari from Bologna, 11 May 1542

539. To Jacopo Giacomelli from Bologna, 11 May 1542

540. To Ercole Gonzaga from Bologna, 11 May 1542

541. To Uberto Gambara from Bologna, 12 May 1542

542. To Alessandro Farnese from Bologna, 13 May 1542

543. To Ascanio Sforza di Santa Fiora from Bologna, 13May 1542

544. To Nicolò Ridolfi from Bologna, 13 May 1542

545. To Alessandro Farnese from Bologna, 15 May 1542

546. To the Chapter of Saint Benedict from Bologna, 16 May 1542

547. From Reginald, 17 May 1542

548. To Bernardino Castellari from Bologna, 17 May 1542

549. To the Friars Minor in Venice from Bologna, 18 May 1542

550. To Uberto Gambara from Bologna, 19 May 1542

551. To Francesco Pisani from Bologna, 19 May 1542

552. To Fra Leone from Bologna, 19 May 1542

553. To Alfonso d’Avalos from Bologna, 19(?) May 1542

554. To Giovanni Battista Grimaldi from Bologna, 19 May 1542

555. To Giovan Battista De Fornari from Bologna, 19 May 1542

556. To Vincenzo Fedeli from Bologna, 19 May 1542

557. To Domenico Sauli, 19 May 1542

558. To Alessandro Farnese from Bologna, 20 May 1542

559. To Uberto Gambara from Bologna, 20 May 1542

560. From Giovanni Morone, 21 May 1542

561. To Paul III from Bologna, 21 May 1542

562. To Alessandro Farnese from Bologna, 22 May 1542

563. To Giovanni Morone from Bologna, 22 May 1542

564. To Alessandro Farnese from Bologna, 24 May 1542

565. To Alessandro Vitello from Bologna, 26 May 1542

566. To Alfonso d’Avalos from Bologna, 26 May 1542

567. To Marcello Cervini from Bologna, 27 May 1542

568. To Daniele Barbaro from Bologna, 27 May 1542

569. To (Uberto Gambara?) from Bologna, 27 May 1542

570. To Rodolfo Pio de Carpi from Bologna, 28 May 1542

571. To Francesco da Carpi from Bologna, 28 May 1542

572. To Alessandro Manzuoli from Bologna, 28 May 1542

573. To Alessandro Farnese from Bologna, 31 May 1542

574. To the Friars Minor in Padua from Bologna, 1 June 1542

575. To the ….Grande from Bologna, 1 June 1542

576. From Reginald Pole, 2 June 1542

577. To Alessandro Farnese from Bologna, 3 June 1542

578. To Alessandro Farnese from Bologna, 3 June 1542

579. To Alessandro Farnese from Bologna, 3 June 1542

580. To Alessandro Farnese from Bologna, 4 June 1542

581. To Pomponio Cecci from Bologna, 4 June 1542

582. To Roberto Pucci from Bologna, 4 June 1542 472

583. To Giovanni Vincenzo Acquaviva d’Aragona from Bologna, 4 June 1542

584. To unidentified recipient from Bologna, 4 June 1542

585. To Alessandro Farnese from Bologna, 5 June 1542

586. To Jacopo Cortese from Bologna, 5 June 1542

587. To Alessandro Vitello from Bologna, 5 June 1542

588. To Marcantonio Lupari from Bologna, 5 June 1542

589. To Vincenzo Fedeli (?) from Bologna, 6 June 1542

590. From Bologna, unidentified ricipient from Bologna, 6 June 154

591. To Ercole d’Este (?) from Bologna, 7 June 1542

592. To Ercole II d’Este (?) from Bologna, 7 June 1542

593. To Giovan Battista Grimaldi from Bologna, 9 June 1542

594. From Reginald Pole, 10 June 1542

595. To Alessandro Farnese from Bologna, 10 June 1542

596. From Bolonga to Guido Ascanio Sforza from Bologna, 10 June 1542

597. To Juan Alvarez di Toledo from Bologna, 10 June 1542

598. To Giulio della Rovere from Bologna, 10 June 1542

599. To Alessandro Manzoli from Bologna, 11 June 1542

600. To Polo Contarini from Bologna, 11 June 1542

601. To Giovanni Cipelli from Bologna, 11 June 1542

602. To Federico Valaresso from Bologna, 11 June 1542

603. To Uberto Gambara from Bologna, 12 June 1542

604. To Girolamo Franco from Bologna, 12 June 1542

605. To Alessandro Farnese from Bologna, 13 June 1542

606. To Rodolfo Pio de Carpi from Bologna, 14 June 1542

607. To Ercole Poeta from Bologna, 14 June 1542

608. To Rodolfo Pio de Carpi from Bologna, 15 June 1542

609. To Alessandro Farnese from Bologna, 17 June 1542

610. To Alessandro Farnese from Bologna, 19 June 1542

611. From Reginald Pole, 20 June 1542

612. To Alessandro Farnese from Bologna, 21 June 1542

613. To the Belluno Canons and Chapter from Bologna, 21 June 1542

614. To Alessandro Farnese from Bologna, 22 June 1542

615. To Uberto Gambara from Bologna, 22 June 1542

616. To Alessandro Manzuoli from Bologna, 22 June 1542

617. To Alessandro Farnese from Bologna, 23 June 1542

618. To Alesandro Farnese from Bologna, 24 June 1542

619. To new Card. Protector of the Canons Regular from Bologna, 25 June 1542

620. To Giovan Matteo Bembo from Bologna, 25 June 1542

621. To the vicar of Turin from Bologna, 25 June 1542

622. To Alessandro Farnese from Bologna, 28 June 1542

623. To Guido Ascanio Sforza from Bologna, 28 June 1542

624. To Ridolfo Pio di Carpi from Bologna, 28 June 1542

625. To Ridolfo Pio di Carpi from Bologna, 29 June 1542

626. To the Treasurer of Romagna from Bologna, 29 June 1542

627. To Alessandro Farnese from Bologna, 1 July 1542

628. To the Ercole II d’Este from Bologna, 1 July 1542

629. From Giovanni Morone, 3 July 1542

630. To Livio Podocataro from Bologna, 4 July 1542

631. To Alessandro Farnese from Bologna, 5 July 1542

632. To Uberto Gambara from Bologna, 5 July 1542

633. To Jacopo Sadoleto from Bologna

634. To Hermolao Barbaro from Bologna, 5 July 1542

635. From Marcantonio Flaminio, 8 July 1542

636. From Reginald Pole, 8 July 1542

637. To Alessandro Farnese from Bologna, 8 July 1542

638. To Marcello Cervini from Bologna, 8 July 1542

639. To Renata di Ferrara from Bologna, 9 July 1542

640. To Cristoforo Madruzzo from Bologna, 11 July 1542

641. To Ottaviano [Negri] from Bologna, 11 July 1542

642. To Alessandro Farnese from Bologna, 12 July 1542

643. To Gian Pietro Carafa from Bologna, 12 July 1542

644. To Marcello Cervini from Bologna, 12 July 1542

645. To Marino Grimani from Bologna, 12 July 1542

646. To the Belluno Chapter from Bologna, 12 July 1542

647. From Bologna, 12 July 1542

648. To the Treasurer of Romagna from Bologna, 13 July 1542

649. To Pellegrino Venier from Bologna, 13 July 1542

650. To Giovanni Morone from Bologna, 13 July 1542

651. To the Commissary for the Salt Tax from Bologna, 14 July 1542

652. To Cosimo I de’ Medici from Bologna, 17 July 1542

653. To Cardinal Alessandro Farnese from Bologna, (17 July 1542?)

654. To Cardinal Alessandro Farnese from Bologna, 18 July 1542

655. To Ercole II d’Este from Bologna, 18 July 1542

656. To the University of Padua from Bologna, 18-19(?) July, 1542

657. From Reginald Pole, 18 July 1542

658. To Reginald Pole from Bologna, 22 July 1542

659. To Alessandro Farnese from Bologna, 22 July 1542

660. To the President of Romagna from Bologna, 22 July 1542

661. To Alessandro Manzuoli from Bologna, 22 July 1542

662. To Reginald Pole from Bologna, after 22 July 1542

663. To Rudolfo Pio de’ Carpi from Bologna, 24 July 1542

664. To Francesco da Capri from Bologna, 25 July 1542

665. To the President of Romagna (?) from Bologna, 24 July 1542

666. Letter to Paul III, 28 or 31 July 1542(?)

667. To Alessandro Farnese from Bologna, 29 July 1542(?)

668. To Jacopo Sadoleto from Bologna, 29 July 1542

669. To Alessandro Farnese from Bologna, 29 July 1542

670. To Giovanni Morone (?) from Bologna, 29 July 1542

671. To Ercole II d’Este from Bologna, 29 July 1542

672. From Bologna, 29 July 1542

673. To Alessandro Farnese from Bologna, 2 August 1542

674. To Judoco Hoetfilter from Bologna, 2 August 1542

675. To Agostino Trivulzio from Bologna, 2 August 1542

676. From Bologna, 2 August 1542

677. To Ercole II d’Este from Bologna, 3 August 1542

678. To the Treasurer of Romagna from Bologna, 4 August 1542

679. To Alessandro Farnese from Madonna del Monte, 5 August 1542

680. To Gregorio Cortese from Bologna, 5 August 1542

681. To the President of Romagna from Bologna, 5 August 1542

682. To Cosimo I de’ Medici from Bologna, 7 August 1542

683. To Julius Pflug from Bologna, 6 August 1542

684. From Reginald Pole, 8 August 1542

685. To Alessandro Farnese from Bologna, 9 August 1542

686. To Albrecht von Brandenburg from Bologna, 9 August 1542

687. To Girolamo Verallo from Bologna, 9 August 1542

688. To Pedro Pachecho from Bologna, 9 August 1542

689. To Giovanni Poggio from Bologna, 9 August 1542

690. To Nicholas Perrenot de Granvilla from Bologna, 9 August 1542

691. To the Antinori from Bologna, 9 August 1542

692. To Ioannes Eck from Bologna, 10 August 1542

693. To Marino de’ Cavalli from Bologna, 9 August 1542

694. To Alessandro Farnese from Bologna, 11 August 1542

695. From Reginald Pole, 13 August 1542

696. To Ranuccio Farnese (?) from Bologna, 14 August 1542

697. To Fabio Mignanelli from Bologna, 15 August 1542

698. To Aurelio Durante from Bologna, 15 August 1542

699. To Alessandro Farnese from Bologna, 17 August 1542

700. From Bologna, 17 August 1542

701. From Bologna, 17 August 1542

702. (To Reginald Pole from Bologna, 24 August 1542)

1. Paul III to Ascanio Colonna, 25 February 1541

2. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 1 March 1541

3. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 1 March 1541

4. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 6 March 1541

5. Ascanio Colonna to Vittoria Colonna, 7 March 1541

6. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 7 or 8 March, 1541

7. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 8 March 1541

8. Ascanio Colonna to Vittoria Colonna, 9 March 1541

9. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, circa 10 March 1541

10. Carlo V to Vittoria Colonna, 17 March 1541

11. Carlo V to Vittoria Colonna, 26 March 1541

List of Correspondents

Index of Persons in the footnotes

Abbreviations

Annales = Mittarelli, Johannes Benedictus and Costadoni, Anselmus, Annales Camaldulenses Ordinis Sancti Benedicti, tomus nonus; Annales, column number

Baudet = Baudet Henry, Les Nonciatures Apostoliques Permanentes jusqu’en 1648

Brieger = Brieger Theodor, “Zur Correspondenz Contarini´s während seiner deutschen Legation. Mitteilungen aus Beccadelli´s Monumenti”

Cappelli = Cappelli Adriano, Chronologia Cronografia e Calendario perpetuo

Cardauns = Cardauns Ludwig (ed.), Nunziaturberichte aus Deutschland 1533-1559 nebst ergänzenden aktenstücken. Siebenter Band

Casadei = Casadei Alfredo, “Lettere del Cardinal Gasparo Contarini durante la sua legazione di Bologna (1542)”

Cesareo = Cesareo C. Francesco, Humanism and Catholic Reform. The Life and Work of Gregorio Cortese (1483-1548), Renaissance and Baroque Studies and Texts, Eckhard Bernstein General Editior, Vol.2, Peter Lang, New York, 1990

Centifolium = Centifolium Camaldulense, 1750

Cistellini = Cistellini Antonio, Figure della riforma pretridentina COE = Bietenholz Peter G. (ed.), Contemporaries of Erasmus. A Biographical Register of the Renaissaince and Reformation, vol.1-3

Colonna = Colonna Vittoria, Carteggio

DBEn = Deutsche Biographische Enzyklopädie; DBEn volume number [year of publication] page numbers

DBI = Dizionario biografico degli Italiani; DBI volume number [year of publication] page numbers

DdC = Migne Jacques Paul (ed.), Dictionnaire des Cardinaux

Dittrich = Dittrich Franz, Regesten und Briefe des Cardinals Gasparo Contarini (1483-1542)

DNB = Oxford Dictionary of National Biography; DNB volume number:page numbers

DSE = Gaetano Romano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da S. Pietro sino ai nostri giorni; DSE volume number [year of publication] page numbers

Epist I-V = Schelhorn, Johann Georg (ed.), Epistolarum Reginaldi Poli S.R.E. Cardinalis et aliorum ad ipsum pars I [-V]; Epist volume number, page numbers

Firpo = Firpo Luigi (ed.), Relazioni di Ambasciatori Veneti al Senato. Tratte dalle migliori edizionidisponibili e ordinate cronologicamente

Flaminio = Marcantonio Flaminio, Lettere

Friedensburg = Friedensburg Walter (ed)., “Der Briefwechsel Gasparo Contarini’s mit Ercole Gonzaga. Nebst einen Briefe Giovanni Pietro Carafa’s“

Guidiccioni = Giovanni Guidiccioni. Le Lettere, edited by Maria Teresa Graziani, 2 vols., Bonacci Editore, Roma, 1979

Hùnermann = Hùnermann Friedrich, Gasparo Contarini, gegenreformatorische Schriften (1530c. – 1542)

IBI = Indice Biografico Italiano. IBI vol. number, page number

Ignatiana = Monumenta Ignatiana ex autographis vel ex antiquioribus exemplis collecta,

Jedin = Jedin Hubert, “Contarini und Camaldoli”

Kelly = Kelly J.N.D., Oxford Dictionary of Popes

Laemmer = Laemmer Hugo, Monumenta Vaticana historiam ecclesiasticam saeculi xvi illustrantia,

Lestocquoy = Lestocquoy J. (ed.), Correspondence des Nonces en France. Capodiferro, Dandino et Giudiccione 1541 – 1546

LThK = Lexikon für Theologie und Kirche; LThK volume number [year of publication] column numbers

Marshall = Religious Identities in Henry VIII’s England

Mayer I = Mayer Thomas F., The Correspondence of Reginald Pole

Mayer IV = Mayer Thomas F. and Walters Courtney B., The Correspondence of Reginald Pole. 4. A Biographical Companion: The British Isles

Morandi = Morandi Giambattista, Monumenti di varia letteratura tratti dai manoscritti di Monsignor Lodovico Beccadelli arcivescovo di Ragusa

NCE = New Catholic Encyclopedia; NCE volume number, page numbers

OER = Hillerbrand Hans J. (editor in chief), The Oxford Encyclopedia of the Reformation; OER volume number: page numbers

Papi = Enciclopedia dei Papi (Treccani), vol.3 unless otherwise specified, 2000

Pastor = von Pastor Ludwig, “Die Correspondenz des Cardinals Contarini während feiner deutschen Legation. 1541”

RGG = Religion in Geschichte und Gegenwart. Handwörterbuch für Theologie und Religionwissenschaft; RGG volume number [year of publication] column numbers.

Sanuto = Stefani, Berchet and Barozz (eds), I Diarii di Marino Sanuto; Sanuto volume number: column number

Schultz = Schultze Victor, “Dreizehn Depeschen Contarini’s aus Regensburg an den Cardinal Farnese (1541)”

Solmi = Solmi Edmondo, “Gasparo Contarini alla dieta di Ratisbona secondo i documenti inediti dell’Archivio Gonzaga di Mantova”

Stella = Stella Aldo, “La Lettera del cardinale Contarini sulla Predestinazione”

TRE = Theologische Realenzyklopedia; TRE volume number [year of publication] page numbers

Wrede = Wrede Adolf, Deutsche Reichstagsakten unter Kaiser Karl V

Bibliography of published letters transcribed to this compilation

Albèri Eugenio, Relazioni degli Ambasciatori Veneti al Senato durante il secolo decimosesto raccolte e illustrate, Firenze, 1839-1863. Contarini’s report (1525) on his embassy to the court of Carlo V in serie I, tome 2, p.9+; Contarini’s report (1530) on his special embassy to Clement VII in serie II, tome 3, p.255+

Beccadelli Ludovico, “Vita di Monsignor Reverendiss. & Illustriss. Messer Gasparo Contarini. Gentilhuomo Venetiano, & Cardinale della S.R.C”. in Epistolarum Reginaldi Poli S.R.E. cardinalinal et alirum ad ipsum. Pars III, Brixie, Rizzardi, 1748. Published by Gregg Press, Farnborouugh, 1967

Brieger Theodor, “Zur Correspondenz Contarini´s während seiner deutschen Legation. Mitteilungen aus Beccadelli´s Monumenti” in Zeitschrift für Kirchengeschichte 3(1879)492-523

Cardauns Ludwig (ed.), Nunziaturberichte aus Deutschland 1534-1559 nebst ergänzenden aktenstücken. Siebenter Band: Berichte vom Regensburger und Speier Reichstag 1541, 1542. Nuntiaren Verallos und Pogios. Sendungen Farneses un Sfrondratos 1541-1544, Berlin, Verlag von A. Bath, 1912. [Mostly substantial extracts.]

Casadei Alfredo, “Lettere del Cardinal Gasparo Contarini durante la sua legazione di Bologna (1542)” in Archivio Storico Italiano 118(1960) 77-130; 220-285

Cistellini Antonio, Figure della riforma pretridentina Stefana Quinzani, Angela Merici, Laura Mignani, Bartolomeo Stella, Francesco Cabrini, Francesco Santabona, Morcelliana, Brescia, 1948

Colonna Vittoria, Carteggio, raccolto e pubblicato da Ermanno Ferraro e Giuseppe Müller. Seconda edizione con Supplemento raccolto ed annotato da Domenico Tordi, Torino, Ermanno Loescher, 1892

Dittrich, Franz, Regesten und Briefe des Cardinals Gasparo Contarini (1483-1542), Braunsberg, Verlag von Huy’s Buchhaldlung (Emil Bender), 1881

Firpo, Luigi (ed.), Relazioni di Ambasciatori Veneti al Senato. Tratte dalle migliori edizionidisponibili e ordinate cronologicamente, Monumenta Politica et Philosophica Rariora Series II Numerus 9, Volume II: Germania (1506-1554), Torino, Bottega D’Erasmo, 1970 (taken from Albèri Eugenio, Relazioni, serie I, tome 2, as above)

Friedensburg Walter (ed)., “Der Briefwechsel Gasparo Contarini’s mit Ercole Gonzaga. Nebst einen Briefe Giovanni Pietro Carafa’“ in Quellen und Forsehungen aus Italienischen Archiven und Bibliotheken, Band I, Rome, Loescher, 1898, p.161-222

Gilbert Felix, “Contarini on Savonarola : An Unknown Document of 1516” in Archiv für Reformationsgeschicte 59(1968)145-150

Graziosi Maia Teresa (ed.), Giovanni Guidiccioni. Le lettere, 2 vols., Bonacci Editiore, Roma, 1979

Hünermann Friedrich, Gasparo Contarini, gegenreformatorische schriften (1530 c. – 1542), Corpus Catholicorum. Werke katholischer schriftsteller in Zeitalte der Glaubenssaltung, Münster in Westfalen, Verlag der Aschendorffshen Verlagsbuchhandling, 1923

Jedin Hubert, “Contarini und Camaldoli” in Archivio italiano per la storia della pietà 2(1959) 51-118. An English translation (with introduction) of three (2, 11 and 30) of these letters is in Elizabeth G. Gleason, Reform Thought in Sixteenth Century Italy, Scholars Press, 1981, pp. 21-33

Laemmer Hugo, Monumenta Vaticana historiam ecclesiasticam saeculi xvi illustrantia, Freiburg, Herder, 1861

Marcantonio Flaminio, Lettere a cura di Alessandro Pastore, Roma, Edizione dell’Ateneo & Bizzari, 1978

Mayer Thomas F., The Correspondence of Reginald Pole. 1.Calendar, 1518-1546: Beginnings to Legate of Viterbo, Ashagate, Aldershot, 2002

Mayer Thomas F. and Walters Courtney B., The Correspondence of Reginald Pole. 4. A Biographical Companion: The British Isles, Ashgate, Aldershot, 2008

Minnich Nelson M. and Gleason Elisabeth G., “Vocational choices: un unknown letter of Pietro Querini to Gasparo Contarini and Nicolò Tiepolo (April 1512)” in The Catholic Historical Review 75(1989)1-20

Mittarelli, Johannes Benedictus and Costadoni, Anselmus, Annales Camaldulenses Ordinis Sancti Benedicti, tomus nonus, Venetiis, mdcclxxiii. The text in is in a more correct Italian, suggesting that Jedin’s transcription is faithful to a more original text. The Annales text is not without errors, e.g. the letter date at the beginning and conclusion of letter 18, cols. 531-535

Monumenta Ignatiana ex autographis vel ex antiquioribus exemplis collecta, series tertia: Sancti Ignatii de Loyola Constitutiones Societatis Jesu, tomus primus: Monumenta Constitutionum Praevia, Roma, 1934

Morandi Giambattista, Monumenti di varia letteratura tratti dai manoscritti di Monsignor Lodovico Beccadelli arcivescovo di Ragusa, In Bologna, Nell’Instituto delle Scienze, 1797 -1799; republished by Gregg Press, Farnborough, 1967

Pastore, Alessandro (ed.), see Marcantonio Flaminio

Schelhorn Johann Georg (ed.), Epistolarum Reginaldi Poli S.R.E. Cardinalis et aliorum ad ipsum partes I [-V] quae scripta complectitur ab anno MDXX usque ad an. MDXXXVI …Praemittuntur animadversiones in Epist. Jo: Georg. Schelhornii, Vita cardinalis Poli, & quaedam hujus Scripta atque Diatriba ad easdem Epistolas. Editio Brixiae, excudebat Joannes-Maria Rizzardi, 1744-1757. 5 vols. London, Gregg Press, 1967. Anastatic reprint.

Schultze Victor, “Dreizehn Depeschen Contarini’s aus Regensburg an den Cardinal Farnese (1541)” in Zeitshcrift für Kirchensgeschichte 3(1879)150-184

Solmi Edmondo, “Gasparo Contarini alla dieta di Ratisbona secondo i documenti inediti dell’Archivio Gonzaga di Mantova” in Nuovo archivio veneto, nuova serie, anno IV, tomo VIII, parte I, (1907), p.245-274

Stefani Frederico, Berchet Guglielmo, Barozz, Nicolò (eds), I Diarii di Marino Sanuto, Venezia, 1891-1894. Tomo XXX (1891), XXXI (1891), XXXIII (1892), XXXVIII (1893), XXXIX (1894)

Stella Aldo, “La Lettera del cardinale Contarini sulla Predestinazione” in Rivista di Storia della Chiesa in Italia, 15(1961)411-441

von Pastor Ludwig, “Die Correspondenz des Cardinals Contarini während seiner deutschen Legation. 1541” in Historisches Jahrbuch 1(1880) 321-392, 473-500

Wieser Franz, “Ein Bericht des Gasparo Contarini über die Heimkehr der Victoria von den Magalhaê’schen Expedition” in Mittheilungen des Instituts für Österreichische Geschichtsforschung, 5(1884)446-450

Wrede Adolf, Deutsche Reichstagsakten unter Kaiser Karl V. Zweiter band, Gotha, Friedrich Andreas Perthese, 1896

A biographical bibliography

Alphonsus Ciaconius (Chaçon), Vitae et res gestae pontificum romanorum et S.R.E. cardinalium, tomus tertius, Romae, Philippus et Antonius de Rubeis, 1677

Anderson C. Colt, The Great Catholic Reformers. From Gregory the Great to Dorothy Day, Paulist Press, New York, 2007

Beccadelli Ludovico, “Vita di Monsignor Reverendiss. & Illustriss. Messer Gasparo Contarini. Gentilhuomo Venetiano, & Cardinale della S.R.C”. in Epistolarum Reginaldi Poli S.R.E. cardinalinal et alirum ad ipsum. Pars III, Brixie, Rizzardi, 1748. Published by Gregg Press, Farnborouugh, 1967, pp.xcvii-cxli

Solmi Edmondo, “Gasparo Contarini alla dieta di Rastisbona seconda i documenti inediti dell’Archivio Gonzaga di Mantova” in Nuovo archivio veneto, anno VII, tomo XIII, parte I, (1907), p.5-33; tome XIII, parte II, (1907), p.69-93

Cavazzana Romanelli F. (ed.), Gaspare Contarini e il suo tempo, Atti del Convegno, 1-3 marzo 1985, Edizioni Studium Cattolico Veneziano, 1988

De Boni Vanda, “Il Cardinale Gaspare Contarini vescovo di Belluno (1536-1542)” in Rivista di storia della chiesa in Italia, 51(1997) 436-491

Dittrich Franz, Gasparo Contarini, 1483-1542: eine Monographie, Braunsberg, 1885

Fragnito Gigliola, “Contarini, Gasparo” in DBI 28[1983]172-192

Fragnito Gigliola, “The Expurgatory Policy of the Church and the Works of Gasparo Contarini” in Delph Ronald K., Fontaine Michelle M., Martin John Jeffries (eds), Heresy, Culture, and Religion in Early Modern Italy. Contexts and Contestations. Sixteenth Century Essay & Studies, Truman State University Press, 2006, 193-210

Fragnito Gigliola, Gasparo Contarini. Un magistrato veneziano ad servizio della Cristianità, Firenze, Olschki, 1988

Furey Constance M., Erasmus, Contarini, and the Religious Public of Letters, Cambridge University Press, 2006

Cavazzana Romanelli, Francesca (ed.), Gasparo Contarini e il suo tempo. Atti convegno di studio, Venezia 1-3 marzo 1985, Edizioni Studium Cattolico Veneziano, 1988

Gleason Elisabeth G., Gasparo Contarini. Venice, Rome and Reform, University of California Press, Berkeley, 1993

Gleason Elizabeth G., “Contarini, Gasparo” in OER 1:419-420

Guerrini O. and Ricci C. (eds), Diario Bolognese di Jacopo Rainieri, Dei Monumenti Istorici pertinenti alle Provincie delle Romagne, Bologna, Regia Tipografia, 1887

Jedin Hubert, “Contarini, Gasparo” in Dizionnarie d’Histoire et de Géographie Ecclésiastiques, XIII, Prias, Librairie Letouzey et Ane, 1956, col. 711-784

Nappo Tommaso (ed.), Indice Biografico Italiano, 4th edition, K.G. Saur, München, 2007

Other biograpahical works cited

Alberigo Giuseppe, “Aleandro, Girolamo” in DBI 2[1960]128-135

Alberigo Giuseppe, “Badia (Delle Abbazie, Dalla Badia, Tommaso” in DBI 5[1963]74-76

Alberigo Giuseppe, “Beccadelli, Ludovico” in DBI 7[1965]407-413

Anderson Marvin W., “Vermigli, Peter Martyr” in OER 4:229-231

Andretta Stefano, “Farnese, Alessandro” in DBI 45[1995]52-65

Arrighi Vanna, “Gaddi, Niccolò” in DBI 51[1998]161- 164

Aubert Alberto, “Alle origini della Controriforma. Studi e problemi su Paolo IV” in Rivista di storia et letteratura religiosa, 22(1986) 303-355

Aulinger Rosemarie, “Konrad Peutinger” in COE 3:74-76

Aulinger Rosemarie, “Nicholas Perronet de Granvelle” in COE 3:68-70

Avesani Rino, “Amaseo, Romulo Quirinio” in DBI 2[1987]660-666

Baiocchi Angelo, “Corner, Francesco” in DBI 29[1983]195-197

Ballistreri Gianni, “Bini (Bino), Giovanni Francesco” in DBI 10[1968]510-513

Bartlett Kenneth R., “Reginald Pole” in COE 3:103-105

Bäumer Remigius, “Cochlaeus, Johannes” in TRE 8[1981]140-146

Bäumer Remigius, “Cochläus, Johannes” in DBEn 2[1995]349

Bäumer Remigius, “Cochläus, Johannes” in LThK 2[1994]1239-1240

Bäumer Remigius, “Pighius (Pigge), Albertus” in TRE 26(1996)632-634

Bäumer Remigius, “Wolfgang, Fürst zu Anhalt-Köthen” and DBEn 26[1996]632-634

Becker Rotraud, “Guidiccioni, Bartolomeo” in DBI 61[2003]320-324

Becker Rotraud, “Madruzzo, Cristoforo” in DBI 67(2006)175-180

Beitenholz Peter G., “García de Loaysa” in COE 2:336-337

Benrath Gustav Adolf, “Albrecht von Mainz” in TRE 2[1978]184-187

Benrath Karl, Bernardino Ochino of Siena: a Contribution towards the History of the Reformation, Carter & Bros, New York, 1887

Benzoni Gino, “Gritti, Andrea” in DBI 59[2002]726-734

Biaudet Henry, Les Nonciatures Apostoliques Permanentes jusqu’en 1648, Tirage à part du volume B II (Etudes Romaines) des Annales de l’Académie des Sciences de Finlands. Helsinki, 1910

Bietenhold Peter G, “Francisco de Quiñones” in COE 3:125-126

Bietenholz Peter G, “Nausea, Federicus” in COE 3:7-8

Bietenholz Peter G, “Ochino, Bernardino” in COE 3:22

Bietenholz Peter G, “Pierre Danès” in COE 1:376

Bietenholz Peter G. (ed.), Contemporaries of Erasmus. A Biographical Register of the Renaissaince and Reformation, vol.1-3, University of Toronto Press, Toronto, 2003. (Paperback edition of the three volume set published between 1985 and 1987.)

Brady Thomas A., Jr “Sturm, Jacob (1489-1553)” in OER 4:121-122

Braunisch Reinhard, “Gropper, Johannes” in DBEn 4[1996]188

Braunisch Reinhard, “Gropper, Johannes” in TRE 14[1985]266-270

Braunisch Richard, “Gropper, Johannes” in RGG 3[2000]1302

Brecht Martin, “Brenz, Johannes” in TRE 7[1981]170-181

Breen Quirinus, “Melanchthon, Philipp” in NCE 9:624

Brendle Franz, “Sturm, Jakob” in LThK 9[2000]1061

Brizzi Gian Paolo, “Campeggi, Lorenzo” in DBI 17[1974]454-464

Brunelli Giampiero, “Fregoso, Federico” in DBI 50[1998]396-399

Brunelli Giampiero, “Gambara, Uberto” in DBI 52[1999]63-68

Brunelli Giampiero, “Gattinara, Mercurio Arborio” in DBI 52[1999]633-643

Brunelli Giampiero, “Giulio III” in DBI 57[2001]26-36

Brunelli Giampiero, “Gonzaga, Ercole” in DBI 57[2001]711-722

Brunelli Giampiero, “Gonzaga, Ferrante” in DBI 57[2001]734-744

Brunelli Giampiero, “Grimani, Marino” in DBI 59[2002]640-646

Brunelli Giampiero, “Jacovacci, Cristoforo” in DBI 62[2004]108-111

Burger Christoph,  “Cochlaeus, Johannes” in RGG 2[1999]407

Büsser Frity, “Huldruch Zwingli” in COE 3:481-486

Byatt Lucy, “Este, Ippolito d’” in DBI 43[1993]367-374

Calitti Floriana, “Fascitelli (Fasitelius, Fascitelius, Fascitellus), Onorato (Honoratus)” in DBI 45[1995]228-231

Cantù Cesare, Gli eretici d’Italia: Discorsi Storici, 3 vols., Torino, 1865-1868

Cappelli Adriano, Chronologia Cronografia e Calendario perpetuo, settima edizione, Hoepli, Milano, 1998

Cargnoni Costanzo, “Ochino (Bernardin; Tommasini da Siena)” in Dictionnaire de Spiritualità ascétique et mystique, doctrine et histoire, 1982, col. 575-591

Cerroni Monica, “Grimaldi, Giovanni Battista” in DBI 59[2002]531-533

Cerroni Monica, “Gualteruzzi, Carlo” in DBI 60(2003)193-199

Cesaro C. Francesco, Humanism and Catholic Reform. The Life and Work of Gregorio Cortese (1483-1548), Renaissance and Baroque Studies and Texts, Eckhard Bernstein General Editor, Peter Lang, New York, 1990

Cesaro C. Francesco, Humanism and Catholic Reform. The Life and Work of Gregorio Cortese (1483-1548), Renaissance and Baroque Studies and Texts, Eckhard Bernstein General Editior, Vol.2, Peter Lang, New York, 1990

Cevolotto Aurelio, “Niccolò Fieschi” in DBI 47(1997)503-506

Chadwick William Owen, “Martin Bucer or Butzer” in NCE 2:844

Chambers D.S., “Grimani, Marino” in COE 2:134-135

Chambers D.S., “Paul IV” in COE 3:56-57

Cheney David M., The Hierarchy of the Catholic Church Current and historical information about its bishops and dioceses, (www.catholic-hierarchy.org/), Kansas, 1996-2007

Chiodi Luigi, “Eresia protestante a Bergamo nella prima metà del ‘500 e il vescovo Vittore Soranzo. Appunti per una riconsiderazione storica” in Rivista di Storia della Chiesa in Italia 35(1981) 456-485

Cholakian Patricia F. and Reuben C., Marguerite de Navarre. Mother of the Renaissance, Colombia University Press, New York, 2006

Chrisman Miriam U, “Martin Bucer of Sélestat” in COE 1:209-212

Chrisman Miriam U., “Jakob Sturm” in COE 3:293-294

Cistellini Antonio., Figure della riforma pretridentina, Brescia, Morcelliano, 1948

Collett Barry, A Long and Troubled Pilgrimage. The Correspondence of Marguerite d’Angoulême and Vittoria Colonna, 1540-1545, Princeton Theological Seminary, 2000

Collett Barry, Italian Benedictine Scholars and the Reformation. The Congregation of Santa Giustina of Padua, Clarendon Press, Oxford, 1985

Colt Anderson C., The Great Catholic Reformers. From Gregory the Great to Dorothy Day, Paulist Press, New Jersey, 2007

Cristofori Francesco, Storia dei Cardinali, Roma, 1888

d’Alençon Edoardo, Gian Pietro Carafa, vescovo di Chieti (Paolo IV) e la Riforma nell’Ordine dei Minori dell’Osservanza. Documenti inediti sul Generalato di Paolo Pisotti di Parma e la Provincia di S. Antonio, Francesco Salvati, Foligno, 1912 originally published in Miscellanea Franciscana 13(1911) 33-48, 81-92, 112-121, 131-144

De Caro Gaspare, “Avalos, Alfonso d’” in DBI 4[1962]612-616

De Caro Gaspare, “Avalos, Ferdinand Francesco d’” in DBI 4[1962]623-627

De Matteis Valeria, “Flaminio, Giovanni Antonio” in DBI 48[1997]278-281

Decot Rolf, “Richard von Greiffenklau” in COE 2:127

Dellsperger Rudolf, “Musculus (Müslin), Wolfgang” in LThK 7[1998]542-543

Dellsperger Rudolf, “Musculus, Wolfgang” in TRE 23[1994]439-441

Deutscher Thomas B, “Gian Matteo Giberti” in COE 2:94-96

Deutscher Thomas B, “Luis de Carvajal” in COE 1:275-276

Deutscher Thomas B, “Pier Paolo Vergerio of Capodistria” in COE 3:387-388

Deutscher Thomas B, “Sforza, Guido Ascanio” in COE 3:244-245

Deutscher Thomas B., “Alessandro Farnese” in COE 2:13

Deutscher Thomas B., “Doria, Andrea” in COE 1:397-398

Devonshire Jones Rosemary, “Clement VII” in COE 1:308-311

Devonshire Jones Rosemary, “Pope Paul III” in COE 33-56

Di Sivio Michele, “Ghinucci, Girolamo” in DBI 53[1999]777-781

Dingel Irene, “Granvelle, Antoine Perrento de” in RGG 3[2000]1250

Dionisotti Carlo, “Bembo, Pietro” in DBI 8[1966]133-151

Dolan John M., “Witzel, Georg” in OER 4:287-288

Donnelly John Patrick, “Johannes Gropper” in OER 2:197

Donnelly John Patrick, “Politi, Ambrogio Catarino” in OER 3:290-291

Douglas Richard M, “Sadoleto, Jacopo” in OER 3:467-468

Douglas Richard M, “Sadoleto, Paolo” in COE 3:187-188

Douglas Richard M., “Sadoleto, Jacopo” in COE 3:183-187

Eggesperger Thomas, “Ortiz, Tomás” in RGG 6[2003]715

Elton Geoffrey R., “Cromwell, Thomas” in OER 1:453-455

Enciclopedia dei Papi, Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani, vol.3, 2000

Eubel Conradus, Hierarchica Catholica Medii Aevi sive summorum Pontificum, S.R.E. Cardinalium, ecclesiarum antistitum series ab anno 1431 usque ad annum 1503 perducta, editio altera, Monasterii, Regensbergianae, 1914

Eubel Conradus, Hierarchica Catholica Medii Aevi sive summorum Pontificum, S.R.E. Cardinalium, ecclesiarum antistitum series Volumen tertium: Seculum XVI ab anno 1503 complectens, editio altera, Monasterii, Regensbergianae, 1923

Feliciangeli Bernardino, Notizie e documenti sulla vita di Caterina Cibo-Varano Duchessa di Camerino, Camerino Libreria Editrice Favorino, 1891, Ristampa anastatica, Tipografia La Nuova Stampa, Camerino, 2005

Ferrero Giuseppe Guido (ed.), Lettere del Cinquecento, Unione Tipografico-Editrice Torinese, 1967

Firpo Massimo (ed.), Il processo inquisitoriale del Cardinale Giovanni Morone. Edizione critica, 5 vols., Istituto Storico Italiano, Roma, 1981-1989

Firpo Massimo and Marcatto Dario (eds.), I processi inquisitoriali di Pietro Carnesecchi (1557-1569). Edizione critica, 2 vols., Collectanea Archivi Vaticani 43, 1998

Firpo Massimo and Pagano Sergio, I Processi Inquisitoriali di Vittore Soranzo (1550-1558) Edizione Critica, Tomi 2, Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, 2004

Firpo Massimo, “Morone, Giovanni” in OER 3:95-97

Firpo Massimo, Inquisizione romana e Controriforma. Studi sul Cardinal Giovanni Morone (1509-1580) e il suo processo d’eresia. Nuova edizione, riveduta e ampliata, Brescia, Morcelliana, 2005

Firpo Massimo, Vittore Soranzo vescovo ed eretico. Riforma della chiesa e inquisizione nell’Italia del Cinquencento, Roma-Bari, Editori Laterza, 2006

Foà Anna, “Castellari (Castellaro), Bernardino” in DBI 21[1978]652-656

Foà Anna, “Cattani da Diacceto (Ghiacceto), Francesco” in DBI 22[1979]507-511

Foà Anna, “Chiericati (Chieregati, Chericati, Chierigato, Cheregati, Cherigatti, Clericatus), Francesco” in DBI 24[1989]674-681

Foà Anna, “Dandini (Dandino), Girolamo” in DBI 32[1986]413-423

Foà Simona, “Dolfin, Nicolò” in DBI 40[1991]554-555

Fontana Bartolommeo, “Documenti vaticani contra l’eresia luterana in Italia” in Archivio della Società romana di storia patria, 15(1892) 71-165, 365-474

Fortini Laura, “Gabriel, Trifone” in DBI 51[1998]44-47

Fragnito Gigliola, “Capodiferro” in DBI 18[1975]626-629

Fragnito Gigliola, “Cicala, Giambattista” in DBI 25[1981]304-309

Fragnito Gigliola, “Conversini, Benedetto” in DBI 28[1983]570-574

Fragnito Gigliola, “Cortese, Gregorio” in DBI 28[1983]733-740

Fragnito Gigliola, “Farnese, Ranuccio” in DBI 45(1995)147-160

Ganzer Klaus, “Carnesecchi, Pietro” in LThK 2[1994]857-958

Ganzer Klaus, “Morone, Giovanni” LThK 7[1998]479-480

Geschat Martin, “Bucer (Butzer), Martin” in LThK 2[1994]739

Giorgetti Alceste, “Fra’ Luca Bettini e la sua difesa del Savonarola” in Archivio Storico Italiano 77(1909) 164-231

Giusti Antonella, “Gheri (Ghieri, Gieri) Cosimo” in DBI 53[1999]645-649

Giusti Antonella, “Gheri, Filippo” in DBI 53[1999]649-653

Gleason Elisabeth G., “Flaminio, Marcantonio” in OER 2:112-113

Gleason Elisabeth G., “Querini, Vincenzo” in OER 3:371

Gleason Elisabeth G., Reform Thought in Sixteenth Century Italy, Scholar Press, Chico, 1981

Greengrass Mark, The Longman Companion to the European Reformation c. 1500-1618, Harlow, 1998

Grendi Edoardo, “Doria, Andrea” in DBI 41[1992]264-274

Greschat Martin, “Bucer, Martin” in OER 1:221-224

Guenther Ilse, “Henry III of Nassau” in COE 2:5

Guenther Ilse, “Johann Brenz of Weil der Stadt” in COE 1:193-194

Guenther Ilse, “Johannes Cochlaeus of Wendelstein” in COE 1:321-322

Guenther Ilse, “Lancellotto de’ Politi” in COE 2:105-106

Guenther Ilse, “Matthäus Lang” in COE 2:289

Guenther Ilse, “Nikolaus von Schönberg of Meissen” in COE 3:229-230

Gullino Giuseppe, “Corner, Andrea” in DBI 23[1983]159-161

Gullino Giuseppe, “Corner, Giacomo” in DBI 29[1983]206-208

Gullino Giuseppe, “Corner, Marco Antonio” in DBI 29[1983]259-261

Gullino Giuseppe, “Dandalo, Matteo” in DBI 32[1986]492-495

Gullino Giuseppe, “Grimani, Marco” in DBI 59[2002]633-639

Gunderson Catherine F., “Thomas Cranmer” in COE 1:355-357

Hay Denys, “Eugenio IV” in DBI 43[1993]496-502

Headley John M., “Gattinara, Mercurino Arborio di” in OER 2:159-160

Headley John M., “Mercurio Arborio di Gattinara” in COE 2:76-80

Heller Henry, “Margaret of Angoulême” in COE 2:386-388

Henze Barbara, “Witzel, Georg” in LThK 10[2001]1263-1264

Hillerbrand Hans J. (editor in chief), The Oxford Encyclopedia of the Reformation, Oxford University Press, 4 vols., 1996

Hohl Clarence Leonard, “Albrecht of Brandenburg-Ansbach” in NCE 1:265

Höss Irmgard, “Georg Witzel” in COE 3:458-459

Hudon William V., “Clement VII” in OER 1:362-363

Hudon William V., “Paul III” in OER 3:228-229

Hudson William V., “Paul IV” in OER 3:229-230

Immenkötter Herbert, “Pflug, Julius von” in DBEn 7 (1998) 650

Immenkötter Herbert, “Pflug, Julius von” in TRE 26[1996]449-453

Innamorati Giuliano, “Aretino, Pietro” in DBI 4(1962)89-104

Iserloh Erwin, “Eck, Johannes” in DBEn 3[1996]6

Iserloh Erwin, “Eck, Johannes” in TRE 9[1982]249-258

Jacobson Schutte Anne, “Vergerio, Pier Polo” in OER 4:228-229

Janz Denis R., “Johann Maier of Eck” in COE 1:416-419

Jedin Hubert (director), Storia della Chiesa, vol VI: Riforma e Controriforma. Crisi-Consolidamento-Diffusione missionaria (xvi-xvii sec.), edited by Erwin Iserloh, Josef Glazik, Hubert Jedin, Jaca Book, Milano, 1967, 1975

Jedin Hubert, “Campeggi, Tommaso” in DBI 17[1974]472-474

Jedin Hubert, “Il Cardinal Pole e Vittoria Colonna” in LItalia Francescana, 27(1947)13-30

Jürgensmeier Friedhelm, “Albrecht von Mainz” in RGG 1[1998]273-274

Jürgensmeier Friedhelm, “Albrecht, Markgraf von Brandenburg” in DBEn 1[1995]77

Kaufmann Thomas, “Bucer, Martin” in DBEn 2[1995]179-180

Keen Ralph, “Cochlaeus, Johannes” in OER 1:369-371

Keller William, “Perronet de Granville, Antoine” in NCE 6:695-696

Kelly J.N.D., Oxford Dictionary of Popes, Oxford University Press, 1986

Keniston Hayward, Francisco de los Cobos. Secretary of the Emperor Charles V, University of Pittsburgh Press, 1960

Killy Walther, “Witzel, Georg” in DBEn 10[1996]553

Könneker Barbara, “Franz von Sickingen” in COE 3:247-249

Kristeller P.O., Iter Italicum, 2 vols., London-Leiden, 1963-1967

Laube Adolf, “Jakob Fugger” in OER 2:150-151

Leclerg Jean, Camoldolese Extraordinary. The Life, Doctrine and Rule of Blessed Paul Giustiniani, Ercam Editions, Bloomingdale, Ohio, 2003

Lestocquoy J. (ed.), Correspondence des Nonces en France. Capodiferro, Dandino et Giudiccione 1541 – 1546. Legations des cardinauz Farnèse et Sadolet et missions d’Ardinghello, de Grimani et de Hieronimo da Correggio, Acta Nuntiaturae Gallicae 3, Presses de l’Universeté Grégorienne, Rome, 1963

Lexikon für Theologie und Kirche, Herder, Freiburg, 1993 +

Lienhard Marc, “Capito, Wolfgang” in TRE 7[1981]636-640

Lowry M.J.C., “Navagero, Andrea” in COE 3:8-9

Luttenberger Albrecht, “Albert of Brandenburg” in COE 1:184-187

Lutz H., “Morone, Giovanni” in NCE 9:1150

MacCulloch Diarmaid, “Cranmer, Thomas“ in OER 1:448-450

Mammana Simona, “Guidiccioni, Giovanni” in DBI 61(2003)324-329

Marshall Peter, Religious Identities in Henry VIII’s England, St. Andrew’s Studies in Reformation History, 2006

Marthaler Berard Lawrence, “Pflug, Julian von” in NCE 11:250

Massa Eugeni, “Paolo Giustiniani” in Bibliotheca Sanctorum, vol.7, col. 2-9

Massa Eugenio, “Accolti, Benedetto, il Giovane” in DBI 1[1960]101-102

Massa Eugenio, “Accolti, Benedetto” in DBI 1[1960]101-102

Matthew H.C. and Harrison Brian (eds.), Oxford Dictionary of National Biography in association with the The British Academy. From the earliest times to the year 2000, Oxford University Press, 2004

Mayer Thomas F, “Tunstall, Cuthbert” in OER 4:182-183

Mayer Thomas F., “Pole, Reginald” in OER 3:288-289

Mazzone Umberto, “Morone, Giovanni” in TRE 23[1994]318-324

Mazzone Umberto, “Ochino, Bernardino” in TRE 25[1995]1-6

McConica James K., “Cuthbert Tunstall” in COE 3:349-354

McNair Philip, Peter Martyr in Italy. An Anatomy of Apostasy, Oxford, 1967

Meier Johannes, “Gropper, Johann” in LThK 4[1995]1062

Miccoli Giovanni, “Marcello Virgilio Adriani” in DBI 1(1960) 310-311

Migne Jacques Paul (series ed.,) Troisème et Dernière. Enclopdédie Théologique.vol. 31, III: Dictionnaire des Cardinaux, Paris, 1857

Minnich Nelson H., “Giustiniani, Tommaso” in OER 2:175-176

Minnich Nelson H., “Leo X” in OER 2:418-419

Miranda Salvador, The Cardinals of the Holy Roman Church. A digital resource created and produced by Salvador Miranda, consisting of the biographical entries of the cardinals from 1198 to 2008 and of the events and documents concerning the origin of the Roman cardinalate and its historical evolution, www.fiu.edu/~mirandas/essay.htm Florida International University, modified 19 January 2008

Moeller Bernd, “Bucer (Butzer), Martin” in RGG 1[1998]1810-1812

Moeller Bernd, “Capito [Köpfel], Wolfgang” in LThK 2[1994]932

Mongiano Elisa, “Ferrero Bonifacio” in DBI 47[1996]2-4

Moore Walter L., “Johann Eck” in OER 2:17-19

Moreau Gérard, “Guillaume (I) de Croy” in COE 1:366-367

Moroni Gaetano, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica da S. Pietro sino ai nostri giorni, Tipografia Emiliana, Venezia, 1840 – 1861

Nappo Tommaso (ed.), Indice Biografico Italiano, 4th edition, K.G. Saur, München, 2007, 10 vols.

Niccolini Benedetto, Lettere di negozi del pieno Cinquencento, Bologna, 1965

Nischan Bodo, “Albert of Brandenburg” in OER 1:15-16

Nischan Bodo, “Brandenburg” in OER 1:207-209

Nuti Giovanni, “De Fornari” in DBI 36[1988]9-12

Olin John C., The Catholic Reformation: Savonarola to Ignatius Loyola, Harper and Row, New York, 1969

Pagano Sergio e Ranieri Concetta, Nuovi Documenti su Vittoria Colonna e Reginald Pole, Città del Vaticano, Archivio Vaticano, 1989

Pagano Sergio, Il cardinale Uberto Gambara vescovo di Tortona (1489-1549), Firenze. Olschki, 1995

Paschini Pio, S. Gaetano Thiene, Gian Pietro Carafa e le origini dei chierici regolari teatini, Roma, 1926

Pasquali Roberto (ed.), Le Costituzioni per il clero (1542) di Gian Matteo Giberti, Vescovo di Verona. Prima edizione critica, Fonte e Studi di Storia Veneta n.25, Vicenza, 2000

Pastore Alessandro, “Flaminio, Marcantonio” in DBI 48[1997]282-288

Patrizi Giorgio, “Colonna, Vittoria” in DBI 27[1982]448-457

Perini Leandro, “Bernardino da Colpetrazzo” in DBI 9[1967]203-204

Peruzzi Enrico, “Fracastoro, Girolamo” in DBI 49[1997]543-548

Petrucci Franca, “Cesarini, Alessandro (snr)” in DBI 24[1980]180-182

Petrucci Franca, “Cibo, Caterina” in DBI 25[1981]237-241

Petrucci Franca, “Colonna, Ascanio” in DBI 27(1982)271-275

Petrucci Franca, “Colonna, Fabrizio” in DBI 27[1982]288-293

Petrucci Franca, “Cortesi, Tommaso” in DBI 29[1983]772-772

Petrucci Franca, “Crispolti (Crispoldi, Crispoldo), Tullio” in DBI 30[1984]820-822

Petrucci Franca, “De Cupis, Gian Domenico” in DBI 33[1987]602-605

Pfnür Vincenz, “Colloquies” in OER 1:375-383

Pfnür Vincenz, “Pflug, Julius” in LThK 8[1999]196-197

Pignatti Franco, “Florimonte, Galeazzo” in DBI 48[1997]354-356

Polverini Fosi Irene, “Crescenzi, Marcello” in DBI 30[1984]641-645

Prosperi Adriano, “Clemente VII” in DBI 26(1982)237-259

Prosperi Adriano, “Giberti, Gian Matteo” in OER 2:173-175

Prosperi Adriano, Tra evangelismo e controriforma. G. M. Giberti (1495-1543), Roma, 1969

Ragagli Simone, “Laurerio, Dionisio” in DBI 64[2005]82-84

Rainieri Iacopo, Diario Bolognese, Bolognese, 1887

Ranke Leopold von, The Theory and Practice of History, edited and translated by Iggers and von Moltke, New York, Irvington Publisher, 1973, 1983

Raponi Nicola, “Andreasi, Giorgio” in DBI 3[1961]128-130

Redworth Glyn, “Gardiner, Stephen” in OER 2:158-159

– Religion in Geschichte und Gegenwart. Handwörterbuch für Theologie und Religionwissenschaft, Mohr Siebeck, Tübingen,1998 +

Reumont, Alfredo, Della diplomazia italiana dal secolo XII al XVI, Volume unico, Firenze, Barbèra, Bianchi e Comp., 1857

Rill Gerhard, “Bertano, Pietro” in DBI 9[1967]467-471

Roberg Burkhard, “Granvella, Antoine Perronet de” in LThK 4[1995]981-982

Rosa Mario, “Ardinghelli, Niccolò” in DBI 4[1962]30-34

Rotondò Antonio, “Carnesecchi Pietro” in DBI 20[1977]466-476

Sanfilippo Matteo, “Duranti, Durante” in DBI 42[1993]124-126

Scheible Heinz, “Melancthon, Philipp” in DBEn 7[1998]49-51

Scheible Heinz, “Melancthon, Philipp” in RGG 5[2002]1002-1012

Scheible Heinz, “Melancthon, Philipp” in TRE 22[1992]371-410

Scheible Heinz, “Philipp Melanchton” in OER 3:41-45

Scheible Heinz, “Philippus Melancthon” in COE 2:424-429

Scheible Heinz, “Witzel, Georg” in RGG 8[2005]1671

Scheider Bernd Christian, “Granvelle, Nicolas Perrenot de” in RGG 3[2000]1250

Schoeck R. J., “Richard Sampson” in COE 3:192

Schoeck R. J., “Thomas Cromwell” in COE 1:360-361

Schwarz Lausten Martin and Bietenholz Peter G., “Johannes Magnus, Johannes Magni or Johan Månsson” in COE 2:368-369

Schweitzer Vincentius (ed.), Concili Tridentini Tractatuum pars prima … Concilium Tridentinum, tomus XII, tractatuum pars prior, Societatis Georresiane, 1930

Sestieri Lee Valeria, “Girolamo Fracastoro of Verona” in OER 2:49

Simoncelli Paolo, “Ochino, Bernardino” in OER 3:166-167

Smolinsky Heribert, “Eck, Johannes (Maeir, Mayer)” in LThK 3[1999]441-443

Smolinsky Heribert, “Pigge (Pighius), Albert” in LThK 8[1999]294-295

Sommers Paula, “Marguerite D’Angoulême” in OER 3:7

Spitz Lewis W., “Peutinger, Conrad” in OER 3:252

Stöve Eckehart, “Vergerio, Pietro Paolo d. J. (1498-1565)” in TRE 34[2002]690-694

Stupperich Robert, “Bucer, Martin” in TRE 7[1981]258-270

Tabacchi Stefano, “Giustinian, Paolo” in DBI 57[2001]281-286

Tamalio Raffaele,”Gonzaga, Sigismondo” in DBI 57[2001]854-857

Targhetta Renata, “Fedeli,Vincenzo” in DBI 45[1995] 611-615

– Theologische Realenzyklopedia, Walter de Gruyter, Berlin, 1977 +

Tinsley Barbara Sher, “Sturm, Johann” in OER 4:122-123

Truman R.W., “Alfonso Manrique de Lara” in COE 2:373-375

Turchini Angelo, “Giberti, Gian Matteo” in DBI 54[2000]623-629

Velo Marina, “Ferrero, Filiberto” in DBI 47(1997)8-10

Ventura Angelo, “Badoer, Alvise (Luigi)” in DBI 5[1963]93-96

Ventura Angelo, “Bragadino, Lorenzo” in DBI 13[1971]681-684

Ventura Angelo, “Contarini, Marcantonio” in DBI 28[1983]237-241

Vogler Gunter, “George of Brandenburg-Ansbach” in OER 2:166-167

Von Ranke Leopold, The Theory and Practice of History, Irvington Publications, New York, 1973, 1983

von Zeeden Ernst, “Albrecht v. Brandenburg“ in LThK 1[1993]333

Wandel Lee Palmer, “Zwingli, Huldruch” in OER 4:320-323

Weismann Christoph, “Brenz, Johannes” in LThK 2[1994]675-676

Wicks Jared, “Eck, Johannes” in RGG 2[1999]1047-1048

Williams G.H., “Ochino, Bernardino” in NCE 10:630

Zaccaria Raffaella, “Dolfin, Pietro” in DBI 40[1991]565-571

Zapperi Roberto, “Farnese, Costanza” in DBI 45(1995)81-82

Ziegelbaur, Magnoaldus, Centifolium Camaldulense sive Notitia Scriptorum Camaldulensium… Ex tyupographia, Joh. Batistæ Albrizzi Hieronymi Filii, Venetiis, 1750. Republished by Greg Press, Farnborough, 1967

Zschoch Helmut, “Pighius (Pigge), Albert” in RGG 6[2003]1354

Letters in the compilation

1. To Paolo Giustiniani, 1 February 1511 Jedin, 61-62
2. To Paolo Giustiniani, 24 April 1511 Jedin, 62-65
3. To Paolo Giustiniani, 10 August [1511] Jedin, 65-67
4. To Paolo Giustiniani, 22 Septmember [1511] Jedin, 67-69
5. To Vincenzo Querini, [end of November, 1511] Jedin, 69-71
6. To Paolo Giustiniani, 3 December 1511 Jedin, 71-72
7. To Vincenzo Querini, 26 December [1511] Jedin, 72-76
8. To Vincenzo Querini, 1512 Annales, 539-543
9. Giustiniani to Tiepolo and Contarini, February 1512 Annales, 544-550
10. To Paolo Giustiniani, 26 February [1512] Jedin, 76-79
11. To Paolo Giustiniani, 10 March [1512] jedin, 79-83
12. To Vincenzo Querini, 10 March [1512] jedin, 84-86
13. Giustiniani to Egnazio, Tiepolo and Contarini, 12 March 1512 Annales, 550-560
14. Querini to Contarini and Tiepolo, April 1512 Minnich and Gleason
15. Giustiniani to Tiepolo and Contarini, 18 April 1512 Annales, 560-563
16. To Paolo Giustiniani, 20 April [1512] jedin, 89-90
17. To Paolo Giustiniani and Querini, 17 July [1512] jedin, 87-89
18. To Querini and Giustiniani, 26 November [1513] Jedin, 90-93
19. To Querini from Rome, 13 June [1514] jedin, 93-96
20. To Querini from Rome, 11 July [1514] jedin, 96-98
21. To Giustiniani from Ravenna, 29 April [1515] jedin, 98
22. To Giustiniani from Ravenna, 25 May [1515] jedin, 98-99
23. To Giustiniani from Venice, 30 May [1515] jedin, 99-100
24. To Giustiniani from Venice, 9 June [1515] jedin, 100-101
25. To Giustiniani from Venice, 28 June [1515] jedin, 102-104
26. To Giustiniani from Venice, 9 July [1515] jedin, 104-105
27. To Giustiniani from Venice, 1 + 16 November [1515] jedin, 105-107
28. To Giustiniani from Venice, 12 January [1516] jedin, 108
29. To Giustiniani from Venice, 4 March [1516] jedin, 108-109
30. To Don Constantino from Venice, 25 May [1516] jedin, 110-111
31. To Paolo Giustiniani, 26 May [1516?] jedin, 111
32. To Giustiniani from Venice, 16 August [1516?] jedin, 112-113
33. To Paolo Giustiniani, 18 September 1516 Gilbert, 147-149
34. To Paolo Giustiniani, 15 November [1516?] jedin, 113
35. Giustiniani to Tiepolo and Contarini, March 1517 Annales, 589-594
36. To Giustiniani, 19 April [1518] jedin, 114-115
37. To Andrea Gritti from Worms, 25 April 1521 Wrede, 876
38. To Nicolò Tiepolo and companions from Worms, 25 April 1521 Dittrich, 252-253
39. To Matteo Dandolo from Worms, 26 April 1521 Dittrich, 254-257
40. Corner & Contarini (Worms) to Andrea Gritti, 28 April 1521 Wrede, 879-882
41. Corner & Contarini (Worms) to Andrea Gritti, 4 May 1521 Wrede, 895
42. To Andrea Gritti from Worms, 12 May 1521 Wrede, 904-907
43. To Andrea Gritti from Worms, 18 May 1521 Wrede, 914-919
44. To Andrea Gritti from Worms, 22 May 1521 Wrede, 925-926
45. To Andrea Gritti from Worms, 24 May 1521 Wrede, 931-934
46. To Andrea Gritti from Worms, 26 May 1521 Wrede, 944-948
47. To Andrea Gritti from Brussels, Doge, 4 July 1521 Sanuto 31: 80-82
48. To Matteo Dandolo from Brussels, 5 March 1522 Sanuto 31:71-72
49. To Battista Egnatio from Brussels, 28 April 1522 Sanuto 33:311
50. To Andrea Gritti from Valladolid, 24 September 1522 Wieser
51. To the Venetian Senate from Valladolid, 24 November 1522 Sanuto 33:557
52. To Giustiniani from Valladolid, 7 February [1523] Jedin, 115-117
53. From Andrea Contarini, 28 January 1524 Sanuto 38:200-201
54. To Ferigo Contarini and brothers from Madrid, 7 February 1524 Dittrich, 257-259
55. To the Venetian Senate from Toledo, May 1525 Sanuto 39:49-51
56. Report to the Venetian Senate, 16 November 1525 Firpo, 12-73
57. To Giovanni Battista de la Torre from Venice, 13 July [1526] Dittrich, 258
58. To Giovanni Battista de la Torre from Venice, 5 October [1526] Dittirch, 258-260
59. To Giovanni Battista de la Torre from Venice, 8 November [1526] Dittrich, 260
60. Report to the Venetian senate (1530) Albèri/Firpo
61. From Gianpietro Carafa, 17 October 1533 Cistellini, 318-319
62. To Ercole Gonzaga from Venice, 29 May 1535 Friedensburg, 164
63. To Ercole Gonzaga from Venice, 10 June 1535 Solmi, 248-249
64. To Ercole Gonzaga from Venice, 12 June 1535 Solmi, 249
65. To Pier Paolo Vergerio from Venice, 22 June 1535 Dittrich, 261
66. To Ercole Gonzaga from Venice, 5 July 1535 Solmi, 249-250
67. To Ercole Gonzaga from Venice, 7 July 1536 Solmi, 250-251
68. To Ercole Gonzaga from Venice, 9 August 1535 Solmi, 251
69. To Ercole Gonzaga from Venice, 21 August 1535 Friedensburg, 165
70. From Vittoria Colonna, August 1535 Colonna, 93-96
71. To Jacobo Sadoleto from Rome (without date) Dittrich, 261-262
72. From Reginald Pole, 1 January 1536 Epist I, 428-430
73. To Benedetto Accolti from Rome, 1 January 1536 Dittrich, 263
74. From Marcantonio Flaminio, 16 January 1536 Flaminio, 22-25
75. From Reginald Pole, 31 January 1536 Epist I, 430-431
76. From Reginald Pole, 8 February 1536 Epist I, 431-433
77. From Marcantonio Flaminio, 16 February 1536 Flaminio, 25-30
78. From Marcantonio Flaminio, after 16 February, 1536 Flaminio, 31-33
79. From Reginald Pole, 4 March 1536 Epist I, 434-437
80. To Jacobo Sadoleto from Rome, [after 18 April 1536] Dittrich, 263-264
81. To Benedetto Accolti from Rome, 14 May 1536 Dittrich, 264-265
82. From Vittoria Colonna, mid 1536 Colonna, 110-122
83. From Reginald Pole, 8 June 1536 Epist I, 455-457
84. From Reginald Pole, 24 June 1536 Epist I, 457-460
85. From Marcantonio Flaminio, 8 July 1536 Flaminio, 38-39
86. To Reginald Pole from Rome, 12 July 1536 Epist I, 463-464
87. To Reginald Pole from Rome, 18 July 1536 Epist I, 464-465
88. To Reginald Pole from Rome, 22 July 1536 Epist I, 465-466
89. From Reginald Pole, 4 August 1536 Epist I, 470-476
90. From Reginald Pole, 31 August 1536 Epist I, 479-482
91. From Gianpietro Carafa, 8 September 1536 Friedensburg, 221-222
92. From Marcantonio Flaminio, 7 October 1536 Flaminio, 40-41
93. From Reginald Pole, 10 October 1536 Epist I, 483-485
94. To Vittoria Colonna from Rome, 13 November 1536 Colonna, 441-454
95. From Vittoria Colonna, 22 December 1536 Colonna, 127-128
96. To Reginald Pole from Rome, 20 February 1537 Epist II, 19-20
97. To the Dean and Canons of Belluno from Rome, 26 February 1537 Dittrich, 265-266
98. From Reginald Pole, 28 February 1537 Epist II, 20-23
99. From Reginald Pole, 4 March 1537 Epist II, 23-28
100. From Marcantonio Flaminio, 7 March 1537 Flaminio, 42-43
101. From Marcantonio Flaminio, 9 March 1537 Flaminio, 44-45
102. From Reginald, 23 March 1537 Epist II, 28-30
103. To Andrea Gritti from Rome, 28 March 1537 Dittrich, 266-267
104. In Verona to its Governors and Podestà [1537] Dittrich, 267
105. From Marcantonio Flaminio, 6 April 1537 Flaminio, 46-47
106. To Reginald Pole from Rome, 12 May 1537 Epist II, 30-33
107. From Ercole Gonzaga, 15 May 1537 Friedensburg, 165-166
108. From Ercole Gonzaga, 18 May 1537 Friedensburg, 167
109. To Reginald Pole from Rome, 22 May 1537 Epist II, 58-59
110. To Alvise Priuli from Rome, 22 May 1537 Dittrich, 267-268
111. From Reginald Pole, 1 June 1537 Epist II, 64-68
112. To the Chapter and Canons of Belluno from Rome, 2 June 1537 Dittrich, 268-269
113. From Ercole Gonzaga, 6 June 1537 Friedensburg, 167-168
114. To the Chapter and Clergy of Belluno from Rome [1537] Dittrich, 269-270
115. To Gian Matteo Giberti from Rome, 12 June 1537 Dittrich, 270
116. From Marcantonio Flaminio, 15 June 1537 Flaminio, 48-49
117. From Ercole Gonzaga, 16 June 1537 Friedensburg, 168-170
118. From Jacopo Sadoleto, 17 June 1537 (?) Morandi, 61-62
119. From Reginald Pole, 29 June 1537 Epist II, 68-70
120. To Reginald Pole from Rome, 30 June 1537 Epist II, 70-71
121. From Ercole Gonzaga, 18 July 1537 Friedensburg, 170-171
122. From Reginald Pole, 21 July 1537 Epist II, 73-77
123. To Reginald Pole from Rome, 21 July 1537 Epist II, 79-80
124. To Isidoro Chiari from Rome, 23 July [1537] Dittrich, 277-278
125. To Pietro Bechino Boemo from Rome, [1537] Dittrich, 278-279
126. To Geronimo Querini from Rome, [1537] Dittrich, 288-290
127. From Reginald Pole, 10 August 1537 Epist II, 80-82
128. From Rome to Reginald Pole, 12 August 1537 Epist II, 82-84
129. From Reginald Pole, 21 August 1537 Epist II, 88-89
130. From Ercole Gonzaga, 29 August 1537 Friedensburg, 171-172
131. From Ercole Gonzaga, 1 September 1537 Friedensburg, 172-173
132. From Reginald Pole, 30 September 1537 Epist II, 89-90
133. To Ercole Gonzaga from Ronciglione, 1 October 1537 Friedensburg, 173-174
134. To Ercole Gonzaga from Rome, 10 October 1537 Friedensburg, 175-176
135. From Ercole Gonzaga, 15 October 1537 Friedensburg, 176-177
136. From Ercole Gonzaga, 17 October 1537 Friedensburg, 177
137. From Ercole Gonzaga, 19 October 1537 Friedensburg, 177-178
138. To Ercole Gonzaga from Rome, 31 October 1537 Friedensburg, 178-180
139. From Ercole Gonzaga, 3 November 1537 Friedensburg, 180-181
140. From Francesco Corner, 6 November 1537 Epist III, cclxxv-cclxxvii
141. From Marcantonio Flaminio, 11 November 1537 Flaminio, 56-57
142. To Ercole Gonzaga from Rome, 22 November 1537 Solmi, 252-255
143. From Francesco Cornelio, 27 December 1537 Epist III, cclxxvii-cclxxviii
144. From Ercole Gonzaga, 2 January 1538 Friedensburg, 181-184
145. To Lattanzio Tolomei, before 19 January 1538 Stella, 421-441
146. To Ercole Gonzaga from Rome, 19 January 1538 Friedensburg, 184-186
147. From Ercole Gonzaga, 26 January 1538 Friedensburg, 186-187
148. To Ercole Gonzaga from Rome, 8 February 1538 Friedensburg, 187-189
149. From Ercole Gonzaga, 13 February 1538 Friedensburg, 189
150. From Ercole Gonzaga, 18 February 1538 Friedensburg, 190
151. To Ercole Gonzaga from Rome, 19 March 1538 Friedensburg, 191-192
152. To Reginald Pole [1538] Dittrich, 294-295
153. From Reginald Pole, 4 August 1538 Epist II, 139-140
154. From Girolamo Aleandro, 10 August 1538 Dittrich, 373
155. From Benedetto Accolti, 20 October 1538 Epist III, cclvi-cclix
156. To Reginald Pole from Ostia, 11 November 1538 Epist II, 141-142
157. From Marcantonio Flaminio, December 1538 Flaminio, 63-68
158. To [?] from Rome, 21 December 1538 Dittrich, 295-296
159. To Girolamo Verallo from Rome, [1538] Dittirch, 296
160. To Johannes Cochläus from Rome, [1538] Dittrich, 296-297
161. From Reginald Pole, 6 January 1539 Epist II, 142-143
162. From Marcantonio Flaminio, January 1539 Flaminio, 69-73
163. From Reginald Pole, 10 January 1539 Epist II, 143-145
164. From Ercole Gonzaga, 16 January 1539 Friedensburg, 193-195
165. To Reginald Pole from Rome, 18 January 1539 Epist II, 145-146
166. Marcantonio Flaminio, 25 January 1539 Flaminio, 74
167. From Johannes Cochläus, 10 Cal. Martias 1539 Dittrich, 374-375
168. From Gianmatteo Giberti, 25 February 1539 Dittrich, 375-376
169. To Ercole Gonzaga from Rome, 27 February 1539 Solmi, 256-257
170. From Reginald Pole, 25 March 1539 Epist II, 146-149
171. From Reginald Pole, 8 April 1539 Epist II, 150-152
172. To Reginald Pole from Rome, 12 April 1539 Epist II, 156
173. From Reginald Pole, 24 April 1539 Epist II, 153
174. From Reginald Pole, 12 May 1539 Epist II, 153-155
175. From Reginald Pole, 8 June 1539 Epist II, 157-159
176. To Girolamo Negri from Rome, [1539] Dittrich, 297-298
177. To Girolamo Negri from Rome, [1539] Dittrich, 298-299
178. To the Podestà of Belluno from Rome [1539] Dittrich, 299-300
179. To the Communità of Belluno from Rome [1539] Dittrich, 300-301
180. To Girolamo Negri from Rome, [1539] Dittrich, 301
181. To the Chapter and Canons of Belluno from Rome, [1539] Dittrich, 302
182. To Girolamo Negri from Rome, [1539] Dittrich, 302
183. To the Communità of Belluno from Rome, [1539] Dittrich, 302
184. To Jacobo Sadoleto from Rome, 13 June [1539] Dittrich, 302-303
185. From Reginald Pole, 13 June 1539 Epist II, 175-179
186. To Reginald Pole from Rome, 22 June 1539 Epist II, 159-160
187. From Johann Cochläus, 1 July 1539 Dittrich, 376-378
188. From Reginald Pole, 1 July 1539 Epist II, 160-162
189. From Girolamo Aleandro, 6 July 1539 Dittrich, 378
190. From Jacopo Sadoleto, 9 July 1539 Morandi, 62-66
191. From Reginald Pole, 16-17 July 1539 Epist II, 162-164
192. From Reginald Pole, 18 July 1539 Epist II, 165-166
193. From Jacopo Sadoleto, 29 July 1539 Morandi, 66-67
194. From Reginald Pole, 7 August 1539 Epist II, 179-181
195. To Ercole Gonzaga from Rome, 12 August 1539 Solmi, 257-258
196. From Reginald Pole, 15 and (P.S.) 16 August 1539 Epist II, 181-188
197. From Reginald Pole, 16 August 1539 Epist II, 188-190
198. From Reginald Pole, 29 August 1539 Epist II, 190-191
199. To Ignatius Loyola from Tivoli, 3 September 1539 Ignatiana, 21-22
200. From Reginald Pole, 22 September 1539 Epist II, 191-199
201. From Lattanzio Tolomei, 28 September 1539 Dittrich, 379-380
202. From Johann Cochläus, 12 October 1539 Dittrich, 380-381
203. From Reginald Pole, 17 October 1539 Epist II, 200
204. From Reginald Pole, 19 October 1539 Epist II, 201-202
205. From Reginald Pole, 25 October 1539 Epist II, 202-203
206. To Ercole Gonzaga from Rome, 4 November 1539 Solmi, 258-259
207. From Ercole Gonzaga, 15 November 1539 Friedensburg, 195-196
208. From Jacopo Sadoleto, 21 November 1539 Morandi, 67-68
209. To Girolamo Negri from Rome, December [1539] Dittrich,303-304
210. From Jacopo Sadoleto, 9 December 1539 Morandi, 68-78
211. From Federico Fregoso, 24 December 1539 Epist III, cclxxiv-cclxxv
212. From Jacopo Sadoleto, 24 Dec 1539 Morandi,78-80
213. To Marcello Cervini from Rome, 27 December 1539 Epist III, ccxvii-ccxviii
214. Modus concionandi Rmi Contareni Dittrich,305-309
215. From Marcello Cervini, 4 February 1540 Epist III, ccxviii-ccxix
216. To Marcello Cervini from Rome, 27 February 1540 Epist III, ccxix-ccxx
217. From Giovanni Guidiccioni, 5 March 1540 Guidiccioni, II, 112-113
218. To Ercole Gonzaga from Rome, 20 March 1540 Friedensburg, 197-199
219. To Don Timoteo de Giusti from Rome, 20 March 1540 Dittrich, 309
220. From Ercole Gonzaga, 2 April 1540 Friedensburg, 199-201
221. From Ercole Gonzaga, 4 April 1540 Friedensburg, 201-202
222. From Ercole Gonzaga, 9 April 1540 Solmi, 260
223. To Ercole Gonzaga from Rome, 10 April 1540 Solmi, 260-262
224. To to Ercole Gonzaga from Rome, 10 April 1540 Solmi, 262-264
225. From Ercole Gonzaga, 18 April 1540 Friedensburg, 203-206
226. To Ercole Gonzaga from Rome, 21 April 1540 Solmi, 264-265
227. To Ercole Gonzaga from Rome, 21 April 1540 Solmi, 265
228. To Ercole Gonzaga from Rome, 22 April 1540 Solmi, 266-267
229. To Johann Cochläus from Rome, 24 April 1540 Dittrich, 310
230. To Johann Eck from Rome, 24 April 1540 Dittrich, 310-311
231. To Ercole Gonzaga from Rome, 28 April 1540 Solmi, 267-268
232. To Gianmatteo Giberti from Rome, 28 April 1540 Morandi, 83-84
233. From Marcantonio Flaminio, 1 May 1540 Flaminio, 91-92
234. To Ercole Gonzaga from Rome, 5 May 1540 Solmi, 268-279
235. From Ercole Gonzaga, 7 May 1540 Friedensburg, 206-207
236. To Ercole Gonzaga from Rome, 17 May 1540 Solmi, 270-271
237. From Ercole Gonzaga, 20 May 1540 Friedensburg, 207-208
238. From Benedetto Accolti, 24 May 1540 Epist III, cclix-cclx
239. rom Ercole Gonzaga, 25 May 1540 Friedensburg,208-209
240. To Johann Eck from Rome, 26 May 1540 Dittrich, 311
241. To Giovanni Morone from Rome, 26 May 1540 Morandi, 80-81
242. To Jacopo Sadoleto from Rome, 26 May 1540 Morandi, 81-82
243. To Marcello Cervini from Rome, 26 May 1549 Morandi, 84-85
244. To Ercole Gonzaga from Rome, 29 May 1540 Friedensburg, 209
245. From Rodolfo Pio De Carpi to Contarini, 29 May 1540 Epist III, cclxxii
246. From Eleonora Gonzaga de la Rovere, 3 June 1540 Epist III, cclxxiii
247. To Mauritz von Hutten from Rome , 8 June 1540 Dittrich, 311-312
248. To Marcello Cervini for Alessandro Farnese from Rome, 9 June 1540 Dittrich, 312-313
249. From Giovanni Poggio, 15 June 1540 Epist III, cclxxi-cclxxii
250. From Giovanni Morone, 19 June 1540 Epist III, cclxii-cclxvi
251. From Bonifacio Ferrero, 19 June 1540 Epist III, cclxxiii-cclxxiv
252. From Marcello Cervini, 24 June 1540 Epist III, ccxx-ccxxi
253. From Giovanni Morone, 26 June 1540 Epist III, cclxvi-cclxvii
254. To Marcello Cervini from Rome, 29 June 1540 Epist III, ccxxi-ccxxii
255. From Ercole Gonzaga, 30 June 1540 Friedensburg, 210-211
256. From Jacopo Sadoleto, 1 July 1540 Morandi, 82-83
257. From Gregory Cortese, 4 July 1540 Cesareo, 175-176
258. To Ercole Gonzaga from Rome, 13 July 1540 Friendensburg, 211-212
259. To Ferdinand I from Rome, 14 July 1540 Morandi, 87-88
260. To Marcello Cervini from Rome, 15 July 1540 Epist III, ccxxii
261. To Mauristz von Hutten from Rome, 18 July 1540 Dittrich, 313-314
262. From Marcello Cervini, 9 August 1540 Epist III, ccxxiii
263. From Marcello Cervini, 18 August 1540 Epist III, ccxxiii
264. From Marcantonio Flaminio, 22 August 1540 Flaminio, 95
265. From Paolo Sadoleto, 25 August 1540 Morandi, 80
266. From Ercole Gonzaga, 28 August 1540 Friedensburg, 212-213
267. From Reginald Pole, 8 September 1540 Morandi, 343-346
268. To Marcantonio Flaminio from Rome, 10 September 1540 Morandi, 89
269. From Flaminio, 25 September 1540 Flaminio, 98-100
270. To Gregorio Cortese from Rome, 27 September 1540 Morandi, 92-93
271. To Ercole Gonzaga from Rome, 13 December 1540 Friedensburg, 213-214
272. From Tommaso Badia, 28 December 1540 Epist III, cclx-cclxii
273. Memorandum to Marcello Cervini Epist III, ccxxiv-ccxxv
274. From Giovanni Morone, 10 January 1541 Morandi, 95-98
275. From Tommaso Campeggio, 10 January 1541 Morandi, 99-100
276. From Giovanni Morone, 12 January 1541 Morandi, 100-105
277. To Gianmatteo Giberti from Rome, 13 January 1541 Morandi, 93-94
288. From Tommaso Campeggio, 13 January 1541 Morandi, 106-107
279. To Ippolito d’Este from Rome, 14 January 1541 Morandi, 94-95
280. To Jacopo Sadoleto from Rome, 14 January 1541 Morandi, 95
281. Carlo V’s dissolution of the Colloquy of Worm’s, 18 January 1541 Morandi, 110-112
282. From Tommaso Campeggio, 18 January 1541 Morandi, 108-110
283. From Paul III, 28 January 1541 Epist III, cclxxxvi-ccic
284. From Reginald Pole, 4 February 1541 Epist III, 13-15
285. To Reginald Pole to Bologna, 12 February 1541 Epist III, 15-16
286. To Alessandro Farnese from Bologna, 12 February 1541 Pastor, 360
287. To Ercole Gonzaga from Verona, 19 February 1541 Friedensburg, 215
288. To Alessandro Farnese from Versona, 20 February 1541 Dittrich, 315
289. From Alessandro Farnese, 20 February 1541 Cardauns, 13-15
290. From Giovanni Poggio, 2 March 1541 Morandi, 122-123
291. From the Princes of Hungary, 5 March 1541 Morandi, 132-134
292. From Giovanni Poggio, 6 March 1541 Morandi, 123
293. From Giovanni Morone, 7 March 1541 Morandi, 123-124
294. From Giovanni Poggio. 8 March 1541 Morandi, 124-125
295. From Giovanni Morone, 8 March 1541 Morandi, 127
296. To Alessandro Farnese from Regensburg, 13 March 1541 Schultze, 150-156
297. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 13 March 1541 Pastor, 362
298. From Albertus Pighius Dittrich, 381-384
299. To Reginald Pole from Regensburg, 14 March 1541 Epist III, 16-17
300. To Girolamo Aleandro from Regensburg, 14 March 1541 Epist III, ccxxv-ccxxvi
301. To Alessandro Farnese from Regensburg, 16 March 1541 Schultze, 156-158
302. To Alessandro Farnese from Regensburg, 18 March 1541 Schultze, 159-161
303. From Pietro Bembo, 19 March 1541 Morandi, 134
304. To Alessandro Farnese from Regensburg, 20 March 1541 Schultze, 162-163
305. To Alessandro Farnese from Regensburg, 22 March 1541 Dittrich, 316
306. To Marcello Cervini from Regensburg, 22 March 1541 Epist III, ccxxvi
307. To Reginald Pole from Regensburg, 22 March 1541 Epist III, 19
308. To Johann Eck from Regensburg, 23 March 1541 Dittrich, 316
309. To Alessandro Farnese from Regensburg, 24 March 1541 Dittrich, 316-317
310. From Girolamo Dandino, 25 March 1541 Morandi, 128-131
311. To Alessandro Farnese from Regensburg, 26 March 1541 Dittrich, 318
312. To Johann Faber from Regensburg, 27 March 1541 Dittrich, 317
313. To Alessandro Farnese from Regensburg, 30 March 1541 Schultze, 164-166
314. Carlo V’s proposition to the Regensburg Diet, 1 April 1541 Morandi, 139-146
315. From Regensburg to Girolamo Dandino, 1 April 1541 Dittrich, 318-319
316. Ferdinand I to Contarini, 2 April 1541 Morandi, 135-136
317. From Regensburg to Alessandro Farnese, 3 April 1541 Schultze, 166-169
318. From Regensburg to Alessandro Farnese, 5 April 1541 Schultze, 169-173
319. From Regensburg to Reginald Pole, 6 April 1541 Epist III, 20-21
320. From Regensburg to Ercole Gonzaga, 6 April 1541 Dittrich, 319-320
321. From Regensburg to Alessandro Farnese, 7 April 1541 Schultze, 173
322. From Regensburg to Cristoforo Madruzzo, 7 April 1541 Dittrich, 320
323. Reginald Pole to Contarini, 11 April 1541 Epist III, 17-19
F324. rom Regensburg to Alessandro Contarini, 14 April 1541 Schultze, 174-176
325. From Regensburg to Ferdinand I, 13 April 1541 Morandi, 136-137
326. From Regensburg to Alessandro Farnese, 14 April 1541 Pastor, 364
327. From Alessandro Farnese, 16 April 1541 Cardauns, 16-18
328. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 16 April 1541 Dittrich, 321
329. To Alessandro Farnese from Regensburg, 16 April 1541 Dittrich, 321
330. To Alessandro Farnese from Regensburg, 18 April 1541 Pastor, 365-366
331. From Reginald Pole, 22 April 1541 Epist III, 22-24
332. To Pietro Bembo from Regensburg, 26 April 1541 Dittrich, 322-323
333. To Alessandro Farnese from Regensburg, 28 April 1541 Pastor, 366-371
334. To Alessandro Farnese from Regensburg, 28 April 1541 Epist III, ccliii-cclvi
335. From Alessandro Farnese, 29 April 1541 Cardauns, 18-19
336. To Alessandro Farnese from Regensburg, 29 April 1541 Pastor, 371
337. To Marcello Cervini from Regensburg, 29 April 1541 Epist III, ccxxvii
338. To Alessandro Farnese from Regensburg, 30 April 1541 Epist III, cclvi
339. From Albertus Pighius Dittrich, 387-389
340. To Alessandro Farnese from Regensburg, 3 May 1541 Pastor, 372-375
341. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 3 May 1541 Dittrich, 324-352
342. To Alessandro Farnese from Regensburg, 4 May 1541 Pastor, 375-376
343. To Alessandro Farnese from Regensburg, 9 May 1541 Pastor, 376-379
344. To Alessandro Farnese from Regensburg, 9 May 1541 Pastor, 379-381
345. To Alessandro Farnese from Regensburg, 11 May 1541 Pastor, 381-383
346. To Girolamo Dandino from Regensburg,1 and 11 May 1541 Dittrich,323-324
347. To Marcello Cervini from Regensburg, 12 May 1541 Epist III, ccxxviii
348. From Pietro Bembo, 12 May 1541 Morandi, 146-148
349. To Alessandro Farnese from Regensburg, 13 May 1541 Pastor, 383-387
350. To Bonifacio Ferrero from Regensburg, 13 May 1541 Morandi, 148
351. Memorandum to Carlo V, with a letter 15 May 1541 Dittrich, 325-326
352. To Alessandro Farnese from Regensburg, 15 May 1541 Pastor, 387-390
353. To Alessandro Farnese from Regensburg, 16 May 1541 Pastor, 390
354. From Reginald Pole, 17 May 1541 Epist III, 25-26
355. From Girolamo Capodiferro, 17 May 1541 Epist III, cclxxviii- cclxxxiii
356. To Alessandro Farnese from Regensburg, 18 May 1541 Pastor, 390-391
357. From Konrad von Bibra, 18 May 1541 Morandi, 137-138
358. From Pietro Bembo, 21 May 1541 Morandi, 148-149
359. To Alessandro Farnese from Regensburg, 23 May 1541 Dittrich, 326-328
360. To Alessandro Farnese from Regensburg, 23 May 1541 Dittrich, 328-331
361. To Alessandro Farnese from Regensburg, 23 May 1541 Dittrich, 331-332
362. Tractatus sue epistolae de justificatione, 25 May 1541 Various
363. To Marguerite D’Angoulême from Regensburg, 26 May 1541 Dittrich, 332-333
364. From Pietro Bembo, 27 May 1541 Morandi, 167-169
365. From Marcello Cervini, 28 May 1541 Epist III, ccxxviii
366. From Alessandro Farnese, 29 May 1541 Cardauns, 20
367. To Alessandro Farnese from Regensburg, 29 May 1541 Pastor, 474-476, etc.
368. From Niccolò Ardinghelli, 29 May 1541 Epist III, ccxxi-ccxxx
369. To Alessandro Farnese from Regensburg, 30 May 1541 Dittrich, 334-335
370. To Marcello Cervini from Regensburg, 30 May 1541 Epist III, ccxxix-ccxxx
371. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 30 May 1541 Morandi, 149-150
372. To Bonifacio Ferrero from Regensburg, 30 May 1541 Morandi, 169-170
373. To Alessandro Farnese from Regensburg, 2 June 1541 Pastor, 477
374. To Cristoforo Madruzzo from Regensburg, 2 June 1541 Morandi, 170
375. To Girolamo Capodiferro from Regensburg, 2 June 1541 Morandi, 170-171
376. To Alessandro Farnese from Regensburg, 4 June 1541 Dittrich, 335-336
377. From Pietro Bembo to Contarini, 4 June 1541 Morandi, 171-172
378. To Alessandro Farnese from Regensburg, 8 June 1541 Dittrich, 337-338
379. To Alessandro Farnese from Regensburg, 8 June 1541 Morandi, 172-173
380. To Marcello Cervini from Regensburg, 9 June 1541 Epist III, ccxxxi
381. To Alessandro Farnese from Regensburg, 9 June 1541 Pastor, 478-481
382. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 9 June 1541 Morandi, 173-174
383. To Domenico De Cupis from Regensburg, 9 June 1541 Morandi, 174
384. To Matteo Dandolo from Regensburg, 9 June 1541 Morandi, 175
385. To Juan Alvarez de Toledo from Regensburg, 9 June 1541 Morandi, 175-176
386. To Girolamo Capodiferro from Regensburg, 9 June 1541 Morandi, 176
387. From Pietro Bembo, 11 June 1541 Morandi, 176-177
388. To Girolamo Capodiferro from Regensburg, 12 June 1541 Morandi,177-178
389. To Alessandro Farnese from Regensburg, 14 June 1541 Dittrich, 338-339
390. To Alessandro Farnese from Regensburg, 14 June 1541 Pastor, 481-482
391. From Marcello Cervini, 14 June 1541 Epist III, ccxxx
392. From Paul III, 15 June 1541 Laemmer,376-382
393. From Niccolò Ardinghelli, 15 June 1541 Epist III, ccxl-ccxlix
394. To Alessandro Farnese from Regensburg, 15 June 1541 Pastor, 482-483
395. To Alessandro Farnese from Regensburg, 19 June 1541 Pastor, 483-486
396. To Alessandro Farnese from Regensburg, 20 June 1541 Dittrich, 339-340
397. To Domenico De Cupis from Regensburg, 20 June 1541 Morandi, 178-179
398. To Alessandro Farnese from Regensburg, 22 June 1541 Cardauns, 9-13
399. To Alessandro Farnese from Regensburg, 24 June 1541 Schultze, 176-179
400. To Alessandro Farnese from Regensburg, 24 June 1541 Dittrich, 340
401. From Pietro Bembo, 25 June 1541 Morandi, 181-182
402. From Matteo Dandolo, 26 June 1541 Morandi, 179-180
403. To Alessandro Farnese from Regensburg, 27 June 1541 Pastor, 487-488
404. To Pietro Bembo from Regensburg, 28 June 1541 Dittrich, 341
405. To Girolamo Capodiferro from Regensburg, 29 June 1541 Morandi, 180-181
406. To Alessandro Farnese from Regensburg, 3 July 1541 Dittrich, 342-343
407. To Pietro Bembo from Regensburg, 4 July 1541 Dittrich, 344
408. To Alessandro Farnese from Regensburg, 5 July 1541 Pastor, 489-490
409. From Alessandro Farnese, 7 July 1541 Cardauns, 22-24
410. From Alessandro Farnese, 10 July 1541 Cardauns, 24-26
411. To Alessandro Farnese from Regensburg, 10 July 1541 Pastor, 490-495
412. To the German Bishops at Regensburg, 11 July (?) 1541 Morandi, 197-199
413. To Alessandro Farnese from Regensburg, 13 July 1541 Dittrich, 344-345
414. To Alessandro Farnese from Regensburg, 13 July 1541 Pastor, 495
415. From Pietro Bembo, 13 July 1541 Morandi, 182-183
416. From Friedrich Nausea, 15 Juy 1541 Morandi, 183-185
417. From Reginald Pole, 16 July 1541 Epist III, 26-30
418. To Alessandro Farnese from Regensburg, 17 July 1541 Pastor, 495-497
419. To Alessandro Farnese from Regensburg, 19 July 1541 Pastor, 497
420. To Alessandro Farnese from Regensburg, 19 July 1541 Schultze, 180-181
421. To Ercole Gonzaga from Regensburg, 19 July 1541 Friedensburg, 216
422. To Alessandro Farnese from Regensburg, 22 July 1541 Schultze, 181-183
423. To Marcello Cervini from Regensburg, 22 July 1541 Morandi, 185-186
424. To an unnamed Cardinal from Regensburg,22 July 1541 Morandi, 186-189
425. Contarini’s opinion on the Regensberg book Morandi, 191
426. Contarini’s second opinion on the Regensburg book Morandi, 193-194
427. To Alessandro Farnese from Regensburg, 25 July 1541 Dittrich, 345
428. To Matteo Dandolo from Regensburg,26 July 1541 Morandi, 200-203
429. Contarini’s protest re: a German Council, 26 July 1541 Morandi, 195-196
430. To Alessandro Farnese from Regensburg, 26 July 1541 Schultze, 183-184
431. To Alessandro Farnese from Regensburg, 27 July 1541 Pastor, 498-500
432. To Alessandro Farnese from Regensburg, 28 July 1541 Dittrich, 345-346
433. From Gasparo da Larme, 14 August 1541 Epist III, cclxxxiii-cclxxxiv
434. To Alessandro Farnese from Rovere, 16 August 1541 Morandi, 206
435. To Secretary Alonso de Idiáquez from Borghetto, 16 August 1541 Morandi, 206
436. From Pietro Bembo, 16 August 1541 Morandi, 204-205
437. To Alessandro Farnese from Milan, 23 August 1541 Dittrich, 346-347
438. From Hermann V von Wied, 24 August 1541 Morandi, 205
439. To Alessandro Farnese from Milan,26 August 1541 Dittrich, 347-348
440. From Reginald Pole, 1 September 1541 Epist III, 30-31
441. From Pietro Bembo, 12 September 1541 Morandi, 206-207
442. To Albrecht von Brandenburg from Lucca , 19 September 1541 Dittrich, 348-349
443. From Alessandro Farnese, 5 October 1541 Dittrich, 385
444. Instructio pro praedicatoribus, October 1541 Epist III, 75-82
445. From Reginald Pole, 21 October 1541 Epist III, 40
446. From Reginald Pole, 26 October 1541 Epist III, 40-41
447. From Niccolò Gaddi, 27 October 1541 Morandi, 207-208
448. To Ercole Gonzaga from Rome, 19 November 1541 Friedensburg, 216-217
449. From Jacopo Sadoleto, 6 December 1541 Morandi, 208-210
450. From Reginald Pole, 9 December 1541 Epist III, 41-43
451. From Ercole Gonzaga, 9 December 1541 Epist III, cclxxxiii
452. From Reginald Pole, 15 December 1541 Epist III, 43
453. From Cristoforo Madruzzo, 22 December 1541 Morandi, 210-211
454. From Reginald Pole, 23 December 1541 Epist III, 43-46
455. From Reginald Pole, 1 January 1542 Epist III, 46-47
456. To Ercole Gonzaga from Rome, 7 January 1542 Friedensburg, 217-218
457. From Reginald Pole, 16 January 1542 Epist III, 47-49
458. From Reginald Pole, 29 January 1542 Epist III, 49-50
459. From Reginald Pole, 7 February 1542 Epist III, 50-52
460. To Alessandro Farnese from Bologna, 25 March 1542 Morandi, 211-212
461. To Braccio Martelli from Bologna, 27 March 1542 Casadei, 84
462. To Giovanni Salviati from Bologna, 27 March [?] 1542 Casadei, 84
463. To Giovambattista Grimaldo from Bologna, 28 March 1542 Casadei, 84-85
464. To Ercole Gonzaga from Bologna, 28 March 1542 Casadei, 85-86
465. To Alessandro Farnese from Bologna, 28 March 1542 Casadei, 86
466. To Giovan Battista De Fornari from Bologna, 28 March 1542 Casadei, 86-87
467. To Michele De Silva from Bologna 28 March 1542 Casadei, 87
468. To Marcello Cervini from Bologna, 29 March 1542 Epist III, ccl
469. To Alfonso Avalos from Bologna, 29 March 1542 Casadei, 87-88
470. To Bindo Altoviti from Bologna, 29 March 1542 Casadei, 88
471. To Alessandro Farnese from Bologna, 30 March 1542 Casadei, 88-90
472. To Alessandro Farnese from Bologna, 1 April 1542 Casadei, 90-91
473. To Alessandro Farnese, 1 April 1542 Casadei, 91
474. To Giovanni Morone from Bologna, 1 April 1542 Casadei, 92
475. To Cristofro Madruzzo from Bologna, 1 April 1542 Casadei, 92
476. To Tommaso Badia from Bologna, 1 April 1542 Casadei, 92-93
477. To Marcello Cervini from Bologna, 1 April 1542 Epist III, ccl-ccli
478. To Bernardino Ochino from Bologna, 1 April 1542 Casadei, 93
479. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 2 April 1542 Casadei, 93-94
480. To Margherita Paleologo from Bologna, 4 April 1542 Casadei, 94
481. To Ercole Gonzaga from Bologna, 4 April 1542 Friedensburg, 219-220
482. To Uberto Gambara from Bologna, 7 April 1452 Casadei, 94-95
483. To the Friars Minor of the ‘Santo’ (Padua), from Bologna 8 April 1542 Casadei, 95
484. To Pietro Lando from Bologna, 8 April 1542 Casadei, 95-96
485. To the Podestà of Padua from Bologna 8 April 1542 Casadei, 96
486. To Marcantonio Corner from Bologna, 8 April 1542 Casadei, 96
487. To Alessando Farnese from Bologna, 9 April 1542 Casadei, 97-98
488. To Guido Ascanio Sforza from Bologna, 11 April 1542 Casadei, 98
489. To Giovanni del Monte from Bologna, 10 April 1542 Casadei, 99
490. To Galeotto Pico from Bologna, 10 April 1542 Casadei, 99-100
491. To Alessando Farnese from Bologna, 11 April 1542 Casadei, 100
492. To Alessando Farnese from Bologna, 15 April 1542 Casadei, 100-101
493. To Gregorio Cortese from Bologna, 15 April 1542 Casadei, 101-102
494. To Uberto Gambara from Bologna, 16 April 1542 Casadei, 102
495. To Marcello Cervini from Bologna, 15 April 1542 Epist III, ccli
496. To Gabriele Venier from Bologna, 17 April 1542 Casadei, 102-103
497. To Guido Ascanio Sforza from Bologna, 18 April 1542 Casadei, 103
498. To Domenico De Cupis from Bologna, 18 April 1542 Casadei, 103
499. To Giovanni Morone from Bologna, 18 April 1542 Casadei, 104
500. To Cristoforo Madruzzo from Bologna, 18 April 1542 Casadei, 104-105
501. To Tommaso Badia from Bologna, 18 April 1542 Casadei, 105
502. To Marino Cavalli from Bologna, 18 April 1542 Casadei, 105-106
503. To Alessandro Contarini from Bologna, 18 April 154 Casadei, 106
504. To Alessandro Farnese from Bologna,19 April 1542 Casadei, 106-107
505. To Alessandro Farnese from Bologna, 19 April 1542 Casadei, 108
506. To Marcello Cervini from Bologna, 19 April 1542 Casadei, 108-109
507. To Francesco Corner from Bologna, 19 April 1542 Casadei, 109
508. To Giovanni and Francesco Erizzi from Bologna, 19 April 1542 Casadei, 109-110
509. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 20 April 1542 Casadei, 110
510. To Antonello da Forlimpòpoli from Bologna, 20 April 1542 Casadei, 110-111
511. To Ferdinand I from Bologna, 22 April 1542 Casadei, 111
512. To Ercole Gonzaga from Bologna, 23 April 1542 Casadei, 111-112
513. To Alessandro Farnese from Bologna, 24 April 1542 Casadei, 112
514. To Alessandro Campeggio from Bologna, 25 April 1542 Casadei, 112-113
515. To Girolamo Negri from Bologna, 25 April 1542 Casadei, 113
516. To Giovanni Morone from Bologna, 26 April 1542 Casadei, 113
517. To Girolamo Verallo from Bologna, 26 April 1542 Casadei, 114
518. To Ercole Gonzaga from Bologna, 27 April 1542 Casadei, 114
519. To Domenico Sauli from Bologna, 28 April 1542 Casadei, 114-115
520. To the treasurer of Romagna from Bologna, 28 April 1542 Casadei, 115
521. To Alessandro Farnese from Bologna, 29 April 1542 Casadei, 115-116
522. To Dionisio Contarini from Bologna, 29 April 1542 Casadei, 116
523. To Gregorio Cortese from Bologna, 30 April 1542 Casadei, 116-117
524. From Reginald Pole, 1 May 1542 Epist III, 52-54
525. To Ridolfo Pio De Carpi from Bologna, 2 May 1542 Casadei, 117
526. To Galeazzo Florimonte from Bologna, 2 May 1542 Casadei, 117-118
527. To Maestro Agapit from Bologna, 2 May 1542 Casadei, 118
528. To Friars Minor Chapter in Padua from Bologna, 2 May 1542 Casadei, 118-119
529. To the Deputies of Padua from Bologna, 2 May 1542 Casadei, 119
530. To Bernardo Macchiavello from Bologna, 2 May 1542 Casadei, 119
531. To Alessandro Farnese from Bologna, 4 May 1542 Casadei, 119-120
532. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 4 May 1542 Casadei, 120
533. To Giovanni Morone from Bologna, 7-8 May 1542 Casadei, 120-121
534. To Alessandro Farnese from Bologna, 8 May 1542 Casadei, 121-122
535. To Ercole II d’Este from Bologna, 10 May 1542 Casadei, 122-123
536. To Alessandro Farnese from Bologna, 11 May 1542 Casadei, 123-124
537. To Ascanio Sforza from Bologna, 11 May 1542 Casadei, 124
538. To Bernardino Castellari from Bologna, 11 May 1542 Casadei, 124-125
539. To Jacopo Giacomelli from Bologna, 11 May 1542 Casadei, 125
540. To Ercole Gonzaga from Bologna, 11 May 1542 Friedensburg, 220
541. To Uberto Gambara from Bologna, 12 May 1542 Casadei, 126
542. To Alessandro Farnese from Bologna, 13 May 1542 Morandi, 213-215
543. To Ascanio Sforza from Bologna, 13 May 1542 Casadei, 126
544. To Niccolò Ridolfi from Bologna, 13 May 1542 Casadei, 126
545. To Alessandro Farnese from Bologna, 15 May 1542 Casadei, 127
546. To the Chapter of Saint Benedict from Bologna, 16 May 1542 Casadei, 127
547. From Reginald Pole from Bologna, 17 May 1542 Epist III, 54-55,
548. To Bernardino Castellari from Bologna, 17 May 1542 Casadei, 128
549. To the Friars Minor in Venice from Bologna, 18 May 1542 Casadei, 129-130
550. To Uberto Gambara from Bologna, 19 May 1542 Casadei, 128
551. To Francesco Pisani from Bologna, 19 May 1542 Casadei, 128-129
552. To Fra Leone from Bologna, 19 May 1542 Casadei, 129
553. To Alfonso d’Avalos from Bologna, 19(?) May 1542 Casadei, 130
554. To Giovanni Battista Grimaldi from Bologna, 19 May 1542 Casadei, 220
555. To Giovan Battista Fornari from Bologna, 19 May 1542 Casadei, 220-221
556. To Vincenzo Fedeli from Bologna, 19 May 1542 Casadei, 221
557. To Domenico Sauli from Bologna, 19 May 1542 Casadei, 221
558. To Alessandro Farnese from Bologna, 20 May 1542 Casadei, 222
559. To Uberto Gambara from Bologna, 20 May 1542 Casadei, 223
560. From Giovanni Morone, 21 May 1542 Epist III, cclxvii-cclxxi
561. To Paul III from Bologna, 21 May 1542 Casadei, 223
562. To Alessandro Farnese from Bologna, 22 May 1542 Casadei, 223-224
563. To Giovanni Morone from Bologna, 22 May 1542 Casadei, 224
564. To Alessandro Farnese from Bologna, 24 May 1542 Casadei, 224-225
565. To Alessandro Vitello from Bologna, 26 May 1542 Casadei, 225
566. To Alfonso Avalos from Bologna, 26 May 1542 Casadei, 226
567. To Marcello Cervini from Bologna, 27 May 1542 Casadei, 227
568. To Daniele Barbaro from Bologna, 27 May 1542 Casadei, 227
569. To Uberto Gambara(?) from Bologna, 27 May 1542 Casadei, 227-228
570. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 28 May 1542 Casadei, 228
571. To Francesco da Capri from Bologna, 28 May 1542 Casadei, 228
572. To Alessandro Manzuoli from Bologna, 28 May 1542 Casadei, 228-229
573. To Alessandro Farnese from Bologna, 31 May 1542 Casadei, 229-230
574. To the Friars Minor in Padua from Bologna, 1 June 1542 Casadei, 230
575. To the ….Grande from Bologna, 1 June 1542 Casadei, 230
576. From Reginald Pole, 2 June 1542 Epist III, 55-56,
577. To Alessandro Farnese from Bologna, 3 June 1542 Casadei, 231
578. To Alessandro Farnese from Bologna, 3 June 1542 Morandi, 215-216
579. To Alessandro Farnese from Bologna, 3 June 1542 Casadei, 231-232
580. To Alessandro Farnese from Bologna, 4une 1542 Casadei, 232-233
581. To Pomponio Cecci from Bologna, 4 June 1542 Casadei, 233
582. To Roberto Pucci from Bologna, 4 June 1542 Casadei, 233-234
583. To Giovanni Vincenzo Acquaviva (?) from Bologna, 4 June 1542 Casadei, 234
584. To an unidentified recipient, from Bologna, 4 June 1542 Casadei, 234-235
585. To Alessandro Farnese from Bologna, 5 June 1542 Casadei, 235
586. To Jacopo Cortese from Bologna, 5 June 1542 Casadei, 235
587. To Alessandro Vitello from Bologna, 5 June 1542 Casadei, 236
588. To Marcantonio Lupari from Bologna, 5 June 1542 Casadei, 236
589. To Vincenzo Fedeli (?)from Bologna, 6 June 1542 Casadei, 236
590. To an unidentified recipient, from Bologna, 6 June 1542 Casadei, 237
591. To Ercole II d’Este(?) from Bologna, 7 June 1542 Casadei, 237
592. To Ercole II d’Este(?) from Bologna, 7 June 1542 Casadei, 237-238
593. To Giovan Battista Grimaldo from Bologna, 9 June 1542 Casadei, 238
594. From Reginald Pole, 10 June 1542 Epist III, 57,
595. To Alessandro Farnese from Bologna, 10 June 1542 Casadei, 238-240
596. To Guido Ascanio Sforza from Bologna, 10 June 1542 Casadei, 240
597. To Giovanni Alvarez di Toledo from Bologna, 10 June 1542 Casadei, 240-241
598. To Giulio della Rovere from Bologna, 10 June 1542 Casadei, 241
599. To Alessandro Manzuoli from Bologna, 11 June 1542 Casadei, 241-242
600. To Polo Contarini from Bologna, 11 June 1542 Casadei, 242
601. To Giovanni Cipelli from Bologna, 11 June 1542 Casadei, 242-243
602. To Federico Valaresso from Bologna, 11 June 1542 Casadei, 243
603. To Uberto Gambara from Bologna, 12 June 1542 Casadei, 243
604. To Girolamo Franco from Bologna, 12 June 1542 Casadei, 243-244
605. To Alessandro Farnese from Bologna, 13 June 1542 Casadei, 244-245
606. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 14 June 1542 Casadei, 245
607. To Ercole Poeta from Bologna, 14 June 1542 Casadei, 245-246
608. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 15 June 1542 Casadei, 246
609. To Alessandro Farnese from Bologna, 17 June 1542 Casadei, 246
610. To Alessandro Farnese from Bologna, 19 June 1542 Casadei, 247
611. From Reginald Pole, 20 June 1542 Epist III, 58,
612. To Alessandro Farnese from Bologna, 21 June 1542 Casadei, 247-248
613. To the Canons and Chapter of Belluno from Bologna, 21 June 1542 Casadei, 248
614. To Alessandro Farnese from Bologna, 22 June 1542 Casadei, 248-249
615. To Uberto Gambara from Bologna, 22 June 1542 Casadei, 249
616. To Alessandro Manzoli from Bologna, 22 June 1542 Casadei, 249
617. To Alessandro Farnese from Bologna, 23 June 1542 Casadei, 249-250
618. To Alessandro Farnese from Bologna, 24 June 1542 Casadei, 250
619. To new Card. Protector of Canons Regular from Bologna, 25 June 1542 Casadei, 250
620. To Giovan Matteo Bembo from Bologna, 25 June 1542 Casadei, 251
621. To the Vicar of Turin from Bologna, 25 June 1542 Casadei, 251
622. To Alessandro Farnese from Bologna, 28 June 1542 Casadei, 251
623. To Guido Ascanio Sforza from Bologna, 28 June 1542 Casadei, 252
624. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 28 June 1542 Casadei, 252-253
625. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 29 June 1542 Casadei, 253
626. To the Treasurer of Romagna from Bologna, 29 June 1542 Casadei, 253
627. To Alessandro Farnese from Bologna, 1 July 1542 Casadei, 254
628. To the Ercole II d’Este from Bologna, 1 July 1542 Casadei, 254
629. From Giovanni Morone, 3 July 1542 Epist III, cclxxxiv-cclxxxvi
630. To Livio Podocataro from Bologna, 4 July 1542 Casadei, 254-255
631. To Alessandro Farnese from Bologna, 5 July 1542 Casadei, 255
632. To Uberto Gambara from Bologna, 5 July 1542 Casadei, 255
633. To Jacopo Sadoleto from Bologna, no date Casadei, 255-256
634. To Hermolao Barbaro from Bologna, 5 July 1542 Casadei, 256
635. From Marcantonio Flaminio, 8 July 1542 Flaminio, 123
636. From Reginald Pole, 8 July 1542 Epist III, 58-59,
637. To Alessandro Farnese from Bologna, 8 July 1542 Casadei, 256-257
638. To Marcello Cervini from Bologna, 8 July 1542 Epist III, cclii
639. To Renata da Ferrara from Bologna, 9 July 1542 Casadei, 258
640. To Cristoforo Madruzzo from Bologna, 11 July 1542 Casadei, 258
641. To Ottaviano [Negri] from Bologna, 11 July 1542 Casadei, 259
642. To Alessandro Farnese from Bologna, 12 July 1542 Casadei, 259
643. To Gian Pietro Carafa from Bologna, 12 July 1542 Casadei, 259-260
644. To Marcello Cervini from Bologna, 12 July 1542 Epist III, cclii-ccliii
645. To Marco Grimani from Bologna, 12 July 1542 Casadei, 260
646. To the Chapter at Belluno from Bologna, 12 July 1542 Casadei, 260
647. To an unidentified recipient, from Bologna, 12 July 1542 Casadei, 261
648. To the Treasurer of Romagna from Bologna, 13 July 1542 Casadei, 261
649. To Pellegrino Venier from Bologna, 13 July 1542 Casadei, 261-262
650. To Giovanni Morone from Bologna, 13 July 1542 Dittrich, 353
651. To the Salt Tax Commissioner, from Bologna, 14 July 1542 Casadei, 261
652. To Cosimo I de’ Medici from Bologna, 17 July 1542 Casadei, 262
653. To Alessandro Farnese from Bologna, (17 July 1542?) Casadei, 262-263
654. To Alessandro Farnese from Bologna, 18 July 1542 Casadei, 263-264
655. To Ercole II d’Este from Bologna, 18 July 1542 Casadei, 264
656. To the University of Padua from Bologna, 18-19(?) July, 1542 Casadei, 264
657. From Reginald Pole, 18 July 1542 Epist III, 59
658. To Reginald Pole from Bologna, 22 July 1542 Epist III, 31-32
659. To Alessandro Farnese from Bologna, 22 July 1542 Casadei, 265-266
660. To the President of Romagna from Bologna, 22 July 1542 Casadei, 266
661. To Alessandro Manzoli from Bologna, 22 July 1542 Casadei, 266-267
662. To Reginald Pole from Bologna, 22 July 1542 Dittrich, 353-361
663. To Rodolfo Pio De Carpi from Bologna, 24 July 1542 Casadei, 267
664. To Francesco da Capri from Bologna, 25 July 1542 Casadei, 267
665. To the President of Romagna (?) from Bologna, 24 July 1542 Casadei, 267-268
666. To Paul III from Bologna, 28 or 31 July 1542(?) Casadei, 268-269
667. To Alessandro Fanese from Bologna, 29 July 1542(?)

668. To Jacopo Sadoleto from Bologna, 29 July 1542

Casadei, p.269

Casadei, 269-270

669. To Alessandro Farnese from Bologna, 29 July 1542 Casadei, 270
670. To Giovanni Morone (?) from Bologna, 29 July 1542 Casadei, 271
671. To Ercole II d’Este from Bologna, 29 July 1542 Casadei, 271
672. To an unidentified recipient from Bologna, 29 July 1542, Casadei, 271
673. To Alessandro Farnese from Bologna, 2 August 1542 Casadei, 272
674. To Judoco Hoetfilter from Bologna, 2 August 1542 Casadei, 272
675. To Agostino Trivulzio from Bologna, 2 August 1542 Casadei, 273
676. To an unidentified recipient from Bologna, 2 August 1542 Casadei, 274
677. To Ercole II d’Este from Bologna, 3 August 1542 Casadei, 274
678. To the Treasurer of Romagna from Bologna, 4 August 1542 Casadei, 274-275
679. To Alessandro Farnese from Madonna del Monte, 5 August 1542 Casadei, 275
680. To Gregorio Cortese from Bologna, 5 August 1542 Casadei, 275-276
681. To the President of Romagna from Bologna, 5 August 1542 Casadei, 276
682. To Cosimo I de’ Medici from Bologna, 7 August 1542 Casadei, 276
683. To Julius Pflug from Bologna, 6 August 1542 Casadei, 277
684. From Reginald Pole, 8 August 1542 Epist III, 60-61
685. To Alessandro Farnese from Bologna, 9 August 1542 Casadei, 277-278
686. To Albrecht von Brandenburg from Bologna, 9 August 1542 Casadei, 278
687. To Girolamo Verallo from Bologna, 9 August 1542 Casadei, 278-279
688. To Pedro Pachecho from Bologna, 9 August 1542 Casadei, 279
689. To Giovanni Poggio from Bologna, 9 August 1542 Casadei, 279
690. To Nicholas Perrenot de Granvelle from Bologna, 9 August 1542 Casadei, 279-280
691. To the Antinori from Bologna, 9 August 1542 Casadei, 280
692. To Ioannes Eck from Bologna, 10 August 1542 Casadei, 280-281
693. To Marino de’ Cavalli from Bologna, 9 August 1542 Casadei, 281
694. To Alessandro Farnese from Bologna, 11 August 1542 Casadei, 281-282
695. From Reginald Pole, 13 August 1542 Epist III, 61
696. To Ranuccio Farnese (?) from Bologna, 14 August 1542 Casadei, 282
697. To Fabio Mignanelli from Bologna, 15 August 1542 Casadei, 282-283
698. To Aurelio Durante from Bologna, 15 August 1542 Casadei, 283
699. To Alessandro Farnese from Bologna, 17 August 1542 Casadei, 283-284
700. To an unidentified recipient from Bologna, 17 August 1542 Casadei, 284-285
701. To an unidentified recipient from Bologna, 17 August 1542 Casadei, 285
702. To Reginald Pole from Bologna, 24 August 1542 cf. Mayer I, 298

Appendix – The Ascanio Colonna Affair 1541

  1. 1. Paul III to Ascanio Colonna, 25 February 1541
Colonna, 214-216 (note)
2. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 1 March 1541 Colonna, 214-217
3. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 1 March 1541 Colonna, 217-218
4. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 6 March 1541 Colonna, 219-220
5. Ascanio Colonna to Vittoria Colonna, 7 March 1541 Colonna, 220-221
6. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 7 or 8 March, 1541 Colonna, 221-222
7. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, 8 March 1541 Colonna, 222-224
8. Ascanio Colonna to Vittoria Colonna, 9 March 1541 Colonna, 225-225
9. Vittoria Colonna to Ascanio Colonna, circa 10 March 1541 Colonna, 226-227
10. Carlo V to Victoria Colonna, 17 March 1541 Colonna, 227-228
11. Carlo V to Vittoria Colonna, 26 March 1541 Colonna, 228-229

Preface

This assembly of letters is accidental, a side-effect – the unintended consequence (at first) of another project. As a student of the beginnings of the Capuchin Friars, a need to understand those beginnings within a broader social and ecclesial setting has become ever more apparent. The testimonies of other contemporary witnesses and participants in the times help contextualised the turbulent, early years of the Capuchin fraternity. My reading focussed upon a specific question: What was happening in the church and in Italy in the decade up to 1542 which so decided or polarised approaches toward church reform? The observations made by protagonists in this drama are especially valuable. At least one representative sample might help profile that situation. Numerous publications of some of his letters are available. With the experience and contacts he gained as a non-cleric Venetian envoy, and as a papal legate; his involvement in official attempts at Church reform; his association – if not friendship – with such reform minded persons as Vittoria Colonna and Bernardino Ochino (just to mention a few) made Cardinal Gasparo Contarini an ideal candidate. And so, I began to read his published letters, and to transcribe them for later reference. Thus this project was born.

This volume may be a unique research tool. It assembles in chronological order, for the first time, most of the published epistolary of the Venetian Cardinal, Gasparo Contarini (1487-1542).

Selection of texts

The compilation is not a ‘register’ of Contarini’s known letters, a task undertaken some years ago.[1] Using the bibliographies of his various modern biographers[2] I have tried to locate and transcribe Contarini’s published correspondence, a small percentage of his actual output.[3]

The various collections of letters relate to time periods (his time at the court of Carlo V;[4] Regensburg, 1541;[5] Bologna, 1542[6]) or to persons (Giustiniani and Querini,[7] Reginald Pole,[8] Ercole Gonzaga[9]). Some letters exist in various copies or versions. Some have been published more than once. Editors have wanted to present their material under various aspects, while attempting a more accurate transcription by correcting the errors of earlier editions in their selection and deciphering of the manuscripts.

The collection assembled here is not a critical edition of Contarini’s letters. None of the letters in this volume is direct transcription by me from any manuscript. As copies of published versions, I have reproduced inevitably flawed transcriptions and am confident I have contributed my own errors also. Even after proof reading I probably did not identify, and therefore remedy, all my mistakes.

In many cases, editors of some of his published correspondence chose to summarise letters, in part or in full. This often resulted in extracts – sometimes fragmentary with snippets from the letters heavily punctuated by editorial comment and summaries. And sometimes the commentaries are punctuated by snippets from the letters. Since I wish to let the letter writers to speak for themselves, I have tried to reproduce texts in their integrity and to omit hybrid renditions by supplementing text from an available version published prior. In the footnotes I alert the reader to these amalgamations. Unfortunately sometimes only the large extracts are available.

The collection is not an opera omnia of Contarini’s works, just letters, to him or by him. Some of the passages, though, are not letters. The long reports he gave to the Venetian senate of his embassies to the court of a young Carlo V, the Holy Roman Emperor, and that of Clement VII take up a a number of pages. Since these reports are not always easy to come by, I have included them here. There is also a version of his treatise on justification by faith produced when he was Legate to the Colloquy at Regensburg in 1541. One of his later instructions for good preaching is here too. The temptation to include more material from Regensburg, material not written by him, was strong. My only concession to the impulse is the inclusion Carlo V’s declaration to close the Regensburg Colloquy. An appendix contains a few letters regarding Ascanio Colonna’s rebellion in 1541.

For many readers the largest obstacle to an effortless comprehension may be the fact that I have left all the letters in their original languages, either Latin or Italian from the sixteenth century.

So many limitations – and given that the source material for this collection is already published in various earlier editions,[10] why bother to present them again here?

First of all, for a few letters, it has been possible to identify their authors more accurately. There is the case of the letter dated 17 May 1541 and written from the French court to Contarini. In the published version, the eighteenth century editor has Ercole Gonzaga as its author. Gonzaga, in Italy, could not have been the author. The letter was from the pen of Girolamo Dandino. Another example: Morandi’s edition includes letters dated 2, 9, 12 and 29 June 1541 – also from the French court to Contarini. Morandi names Niccolò Ardinghelli as the author. Ardinghelli, still en route to the French court, was not the author, but Girolamo Capodiferro. These corrections were aided by the ability to compare letters in one published collection with those in other collections.[11] In this way, a compilation of all the published letters in chronological sequence enables the letters to shed factual interpretative light on each other. A more comprehensive collection can be more useful than a smaller collection, given that there are so many editions that target a particular period in Contarini’s life and output. Like tiles in a mosaic, each edition fills its space in the overall picture: whether the picture be a portrait of the person (Contarini and his correspondents), or a panorama of the rapid, profound and unprecedented change in the European social landscape in the first half of the sixteenth century.

For the prosoponographer

With their wealth of biographical material, the letters allow glimpses into Contarini’s personality and some of his correspondents. For example, just to mention one among the others, Marcantonio Flaminio writes a self-portrait[12]. He laments his poverty. He is very direct in his advice to Contarini. Ironic was the episode of collaboration Flaminio describes between Caterina Cybo, Flaminio, Giberti and Carafa.[13] He offers an assessment of the general situation in early 1536.[14] Elsewhere he describes his health in 1540.[15] He protests his unsuitability to fulfil Contarini’s request to accompany him as Latinist to Regensburg[16]. Elsewhere he describes his evangelical thought[17] and his to praying the psalms in the breviary.[18]

For a period in 1512 Contarini struggles with vocational choice and shows signs of proneness to a dysthemic temperament[19] and an anxiety resulting in a period of personal inertia. This disposition could dispose him to an existential dimension to the question about the relationship between the grace of justification and good works, especially when faced by his own experience of sin. It is plausible that his crisis as a young man may have prompted in him a insight and sympathy to the Lutherans in their emphasis on the primacy of grace.

As for Contarin’s clerical career, after his nomination as cardinal on 21 May 1535, he chose the clerical state. He received the tonsure and minor orders from Gianpietro Carafa.[20] He celebrated his first Mass, it seems, in 1537.[21]

He and the other authors of these letters often refer to small details of daily life. These observations make concrete our meeting with persons and not only their ideas. Observations about the climate, modes and conditions of travel in winter snow or intense summer heat; the experience of famine in Europe, particularly in Italy, with its economic consequences[22]; the health risks associated with the seasons or as a result of war; common medical conditions; postal methods; courtly practices and entertainments; the elegance and style of formal, diplomatic language (although such courtesies may be unfamiliar to us today and may appear stilted, even false).

In Contarini’s later letters one constantly encounters his dominant concerns. There is the fraying integrity of the ‘Christian Republic’ and the evaporation of clearly defined Euro-centred cultural, economic, demographic, political ‘horizons’. At the same time, Europe faced military and naval threats which kept eyes fixed upon eastern horizons during the spring and summer each year. The two concerns were not disconnected. Christian princes appeared to be more interested in asserting their political muscle in function of resistance, if not rebellion, to the Empire, the Church, and one another, rather than respond in unison to a perceived common threat. Reform was not a novelty for the church. Church reform now, however, was not merely a question of morals and theology. It was now also driven by and linked to an amorphic impetus of economic and political social restructuring.

Regarding the pursuit of reform[23] during such troubling times Contarini describes ‘structural’ difficulties.[24] He entertains a hope for a General Council,[25] a hope shared by others, including Paul III.[26] Part of any reconciliation with the protesting Lutheran German Princes at Regensberg, in the eyes of Rome, would not only involve doctrine but also the restoration of church properties and benefices confiscated by the princes. And by 1542, the Concistory was also aware of the growth of the perceived anarchy of the ‘Lutheran’ outlook also in Italy, even within Rome itself. At this time the meaning of the term “Lutheran” appears to be have been generic.[27] Essentially, preachers or authors who stressed the primacy of grace were suspect. The presence and influence of this outlook in Italy had been noted explicitly at least since the previous decade.[28] By 1542 Modena and Lucca at least were under scrutiny for their Lutheran views. The seriousness of the situation in 1542 begins to focus the attention and efforts ‘Counter-Reformers’ more stridently, seeding a polarisation expressed in Italy with the establishment of the Roman Inquisitition, and the flight from Italy by Bernardino Ochino and Pietro Martire Vermiglio, as well as many citizens.[29] These were not the first to leave Italy, and would not be the last. Within this smouldering atmosphere we may appreciate the impact of Ascanio Colonna’s revolt against Paul III’s salt tax in 1541. It is not unlikely that this event alarmed the Roman court. The distant anarchy of the German princes suddenly appeared within the papal state of Perugia. The ‘Lutheran’ threat was no longer remote and abstract, no merely theological. Ascanio’s actions were more than a storm in a tea cup. News of them troubled the representatives of the Holy See at Regensburg, and concern was expressed about the political and personal repercussions of these events. A study of Ascanio Colonna’s relationship and understated role within that ambiguous tide of reform rising in Italy prior to the Council of Trent would be worthwhile. His relationship with Bernardino Ochino, and his role in Ochino’s flight from Italy, is telling. In short, it may be posited that Ascanio’s rebellion was an effective catalyst to the “Counter-Reformation” reaction in Rome on the eve of the Council of Trent. Because of this episode, there is an appendix of letters: The Ascanio Colonna Affair 1541.

Despite the gravity of the situation and the level of concern, there are moments of humour,[30] and lines of pathos and poignancy.[31] In short, the letters let us see something of the human face of Contarini, his correspondents and the times in which they lived. Consequently the letters can help redress a feeling of insuperable chronological remoteness that can detach the past experience of others from our present experience, making the past an abstraction rather than vivid reality it actually was and is.

Format

The various publishers have used different styles to render the superscript abbreviations commonly used in titles of address between the authors of the letters, e.g. “S.a S.a” (Sua Santità), “S. Mtà” (Sua Maestà), “V. S. R.ma” (Vostra Signoria Reverendissima). I have applied a uniform style to these forms of abbreviation, underlining the text, without using superscript. “S.a S.a” becomes “Sa Sa”, “S. M” and “V.S.R.ma” become S. Mtà and V. S. Rma.

The titles of the letters are my own, though the author and recipient, in most cases, are those identified by the cited editors. The title numbering and line numbering are added to facilitate referencing.

In many instances I have also included the footnotes supplied by the earlier editors, often adding further observations or references. I have tried to identify the contribution of the earlier editors by giving their name, followed by a colon. It has not always been possible to distinguish between the editor’s note and my own.

An attempt is made to identify the persons referred to in the text, and where possible, provide some biographical reference. The idenfitications do not share all the same degree of certitude however. I am not entirely confident about a very small number of them. That some are uncertain does not mean that they must be false. Anagraphical details can also vary among the ‘sources.’ In my view, Tommaso Nappo (ed.), Indice Biografico Italiano, 4th edition, K.G. Saur, München, 2007, 10 vols is no where near as reliable as the Dizionario Biografico degli Italiani, and obviously not as comprehensive, or the Oxford Dictionary of National Biography in association with the The British Academy. From the earliest times to the year 2000. While both biographical dictionaries are limited to their geographical areas, the Dizionario Biografico degli Italiani is still a work in progress, only having reached the first volumes for surnames beginning with “M” at the time of this compilation. As a last resort, in a small number of cases, I have used other public domain tools such as “Wikipedia” to identify individuals and/or their fundamental data (date of birth, date of death). Usually I have not given a reference to such ‘sources’ of personal details.

For cardinals and bishops, I have also used:

www.fiu.edu/~mirandas/cardinals.htm

www.catholic-hierarchy.org/findit.html

For page economy I have chosen a small font (Bitstream Vera Serif ) for its clarity and even spacing in small formats.

Bibliography

The bibliography has three sections: The first is a list of publications used as ‘sources’ for the letters included in this compilation. Next comes a list of biographical works about Contarini. The final section lists the works, mostly brief dicitonary or encyclopedia biographical entries about other persons as cited in the footnotes to the text.

Indices

The first index is an alphabetical list of Contarini’s correspondents as identified in this collection. The numbering adjacent each name indicates the letter numbers found in the letter headings.

There is also an alphabetical index of those persons mentioned in the footnotes. Here, too, the numbers given in the index refer to the document numbers in their titles. I believe this method of referring to document rather than page numbers, will make the later addition of more texts easier to accommodate in the index. A reference to a numae indicates that one or more of the footnotes of that document refer to the person. The numbers in bold indicate that at least one footnote in that letter contains at least one biographical reference to the person.

Acknowledgement

Finally, I would acknowledge the assistance of Paulus Toni Tantiono who helped with the proof reading of some of the material. Also a special word of thanks to the staff of the Biblioteca Centrale dei Frati Minori Cappuccini, Rome, for their help, patience and encouragement; and to Dr Gabe Lomas, whose enthusiasm and interest have helped sustain the momentum of this little project.

Gasparo Cardinal Contarini

(16 Oct 1483- 24 Aug 1542)

Letters

1. To Paolo Giustiniani, 1 February 1511[32]

Desiderava grandemente avanti la partita vostra[33] vederve et tuor da vui combiato. Ma non secondo il desiderio mio ve partisti, senza che io sapesse cosa alguna. Et quel giorno dappoi disnar, subito andai visitar el Magnifico Iuliano,[34] dove trovai lui insieme con vui esser partito.

Non poté far che alquanto non me turasse et con mi medesmo me sdegniasse de esser stato cusì negligente, che havesse lassato partir colui (perdonami tuto el resto de miei amici) el qual sopar tuti amava, et haveva proposto una guida al viver mio, senza pur vederlo.

Ma poi che meco pensai quanta serìa stata la passion et noia che forse haveria presa in quel combiato, restai alquanto contento non haver experimentado quel despiacer, et dato forsi a vui. Expectando de giorno in giorno de intender quando havesti mandato ad execution el bon vostro proponimento, tandem per el vostro servidor, el qual tornò, inteso ce havessemo el tuto, fo leto una vostra lettera piena de tanto affecto, di tanta chiareza che cusì manifestamentre dimonstrava el vero et confutava quelle frivole rason, le qual ne retiene (et mi più de tuti li altri) che, benchè sempre habbi sempre habbi cognosciuto l’animo vostro affectuosissimo et la dextreza vostra nel scriver nostri concepti, non di meno non posso far altro iudicio che non vui ma el spirito che in vui era per vostra man havesse cusì ditato.

Me remarico et dolgio più spesso di quel forse credeti di questo mio cor di sasso; il qual per tante vie essendo quasi per forza tirato a veder il vero, non se movi, immo più obstinatamente de giorno in giorno proceda di mal in peio. Essendo vui di qui (dirò el vero), le parole, lo exemplo vostro era al viver mio un continuo spiron, un porto al qual me pareva poter securamente rincorer in tute le mie adversità. Hora quasi nave in mezo el mar senza governo son rimasto.

Se sapesti el dolor che qualche volta di questa cosa me assalisse: la carità ve constrenzeria de desiderar di lassar per qualche hora la solitudine et esser con el vostro Gasparo. Pur mi consola che, benchè stati lontano da mi con la presentia, con l’animo tamen et con la memoria sempre sete meco. Ne le oration vostre ve ricordati di me.

Quante volte questo inverno con questi grandissimi fredi me soccorse a mente: O da pocho et vil animo in tuto obtenebrato! Te ne stai ne le piume caldo; et el tuo Fra Paulo per le neve et giacio se ne va a Matutin; tu vestito de bone pelle ne la tua camera hai fredo; et lui forse ne le neve è cusì aceso che non sente la pena del fredo, o, se la sente, non li è pena nè amaritudine ma consolatione.

Voria scriver, ma non posso, quel che spesse volte l’animo mio rivolta. Non dico però, aziò non ve inganate, de venir a farve compagnia: non è in mi sì bon pensieri, ma solum me dolgio, come di sopra etiam dissi, de la mia tanto obstinata mente et indurato cor, che, vedendo i mei amici ogni giorno proceder di ben in meglio, al contrario se ne vadi di mal in peio.

Per tanto, amantissimo et honorandissimo Padre, (benchè credo non bisogni) pur quanto so et posso ve prego che vi degniate far memoria di me ne le oration vostre; da le quale spero più subsidio che da alguna altra cosa.

Me saria etiam gratissimo, quando qualche volta ve avanza tempo, me scrivessati qualche paroleta, aziò potesse almen a questo modo ragionar con vui, over, se scriver a mi particularmente ve sia noia, almen che le lettere mandare a Messer Vincentio Querino siano drezate a lui con tal modo che etiam io leggi in queste qualche parola pertinente a la persona mia.

Io vivo al consueto expectando questa Pasqua[35] con grandissimo desiderio, pregando Idio me concedi gratia che possi, secondo el mio desiderio, venir a visitarve. Son stado questi zorni qualche volta con el Magnifico Messer Benato Gabriel,[36] vostro cugnato, et havemo assai ragionato di vui: el qual veramente ha gentilissimo et lauda, immo admira, questo vostro proposito. Cosa che, credo, pochi di vostri coniuncti fanno.

Tutti li amici vostri, infra i quali precipuo è Messer Agustin Donato, se ricomandano assai. Bene valeat Paternitas tua Gasparis tui memor.

A dì primo Februario [1511] Gaspar Contarenus scripsit. Rev.do in Christo Patri Fratri Paulo Iustiniano Colendissimo in Camaldole.

2. To Paolo Giustiniani, 24 April 1511[37]

Reverende et colendissime Pater. Ià alguni zorni recevì una vostra, piena di quella tenerezza di charità verso la persona mia, che sempre ho cognosciuto esser in vui.

Dapoi, in questi giorni sancti a San Zorzi, dove son stado con Messer Vincentio Querino,[38] ho letto algune vostre, di le qualle, per dirve el vero, da una parte ho habuto grandissimo contento vedendo lo ardente desiderio vostro di servir a Dio. La qual servitù veramente cognosco che supera ogni grandissima signoria, imperochè la Magiestà sua non richiede el servitio nostro per sua utilitù alguna, el qual essendo in si medesmo perfectissimo infinitamente più di quel che lo ingengo nostro puol comprehender, non che io possi cusì brevemente scriver, non puol ricever da la servitù nostra alguna utilità a sì. Ma perchè la ultima nostra felicità è in servir a lui et in tuto sottoponerse a la sua voluntà, per tanto rechiede da nui questa servitù.

Dapoi etiam, vedendovi messo ad una via de humiltà, che cercati de humilarve quanto è possibile, ho prendesto grande apiacer. Perchè, in vero, ad un che versa in bone operation credo che cosa alguna non li sia cusì infesta, quanto piacer a si medesmo. Al qual morbo niuna melgior medicina trovar si può di la humiltà.

Tute queste et molte altre cose me hanno dato grande consolation. Adiuncto poi la benivolentia vostra verso de mi, la qual vedo più presto a crescer che minuir, la qual io però cognosco non meritar.

Et benchè in aparentia ve pari haver compreso in mi condition per la qual meriti di esser amato, hei mihi, chè, se me cognoscesti nel’intrinseco come son in effecto, che etiam io non mi cognosco bene, non faresti tal iudicio di me qual fati.

Ma io sono visso con tal modo, in aparentia, lontano da le opere, che non solo vui ma etiam mi medesmo ho inganato nè cesso de inganarmi, persuadendo a me medesmo che sia bona, videndo in mezo di continue sceleratze et perseverando in quelle. Hor non più di questo.

Queste adonque tute cose me son stà grate assai. Tamen, da l’altra parte vedendo quel che vui ditte di buon core, che, dapoi lassato tuto el mondo per amor di Christo, et dapoi fati una vita così austera, non restati però di temer che i peccati vosti commessi per il passato non siano di tal sorte che non siati per farze conveniente penitentia in questo avanzo di la vostra vita, in el qual pensier et in el qual timor ve vedo assai continuato; vedendo adonque io questo tal pensier in vui, rivolto a me stesso et considerando el viver mio ne li anni pasati, et considerando che in me non è tal core che se adapti per niente, non dico di far la vita che fati vui ma nè etiam una minima parte, nè el core mio di dà di lassar la moltitudine di la cità per vegnir in un poccho di solitudine che sia in qualunque religion ben larga, nè di lassar i miei amici et parenti che qui viveno, ve dico il vero che restai assai mal contento et poccho men che quasi disperato.

Se non chè, pur questa speranza viveva in me dicendo: Che sai? forsi te potresti mutar di core, maior miracoli di questi se hanno visti. Pur, vedendo el mio cor indurato, non steva senza molestia.

Poi el Sabato Sancto[39] andato a riconciliarme a San Sebastiano,[40] parlai un bon pezo con un Padre religiose pieno di sanctità, el qual infra vari ragionamenti, quasi se havesse saputo la mia molestia, me cominciò a ragionar che la via de la salute era più ampia di quel che molti se persuadeno. Et qui, non me cognoscendo altrimente, me disse molte parole.

Partito io de lì cominciai fra me medesmo pensar qual fosse quella felicità et qual fosse la condition nostra. Et compresi veramente che se io fessi tute le penitentie possibile et molto più anchora, non serìa bastante ad una gran zonta, non meritar quella felicità, ma satisfar a le colpe passate.

Il che havendo visto quella infinita bontà, quel amor che sempre infinitamente arde et tanto ne ama nui vermicelli, quanto lo intelletto nostro non puol capir, havendo solum per la sua bontà et non per altro fati nui di niente et alzati a tanta alteza che potemo esser participi di quella felicità, di la qual lui è in sì sempre felice, et vedendo, oltra l’original peccato, tanti altri nostri peccati, a li quali se non fusse satisfacto con penitentia et dolore, non era conveniente a quella summa iustitia di admetterne a quella superna Hierusalem, volse, constrecto quasi da quella ferventissima charità, mandar el suo Unigenito, el qual per la sua passion satisfacesse per tutti collori, i quali el voranno per capo et voranno esser membri di quel corpo dil qual Christo è capo. Et benchè tutti non possi haver tanta gratia di esser membri propinqui al capo, pur tuti coloro che saranno connexi a questo corpo per influxo di la virtù de la satisfaction che ha fato el capo nostro, potrà con poccha fatiga sperar di satisfar i suo’ peccati. Solum fatigar se devemo in unirse con questo nostro capo con fede, con speranza et con quel poccho di amore che potemo. Chè quanto a la satisfaction di i peccati fati et in i quali la fragilità humana casca, la passion sua è stà sufficiente et più che bastante.

Per il qual pensiero io di gran timor et assai tristizia converso in alegreza, commenciai con tuto el spirito voltarmi a quella summa bontà, la qual vedeva per amor mio esser in croce con la bracie aperte et con el pecto aperto in fin al core, aciochè se io, misero, non havesse tanto core che per satisfaction di le mie iniquità potesse lassar el mondo et fare penitentia, me rivoltase a lui et, purchè io rechiedesse, che me fesse participe de la satisfaction che lui, senza peccato suo, ha fato per nui, era statim prompto di aceptarme et far che el Padre suo in tuto scanzelasse el debito che io haveva contracto, chè io per me mai non era sufficiente satisfarlo.

Non dormirò adonque io securo, benchè sia in meza la cità, benchè non satisfaci al debito che ho contracto, havendo io tal pagatore del mio debito? Veramente dormirò et vegierò cusì securo come se tuto el tempo di la vita mia fosse stado ne l’Heremo, con proposito di non mi lassar mai da tal apozo.

Et pur, se qualche punto io el lassasse, il che spero non serà, son con firma intention di statim ritornar, vedendo che sempre tien per me aperto el pecto in fin al core, et amerolo, se potrò, sempre mai et sempre el cor mio el lauderà et extollerà la bontà sua. Et se non potrò sempre amarlo con lo affecto, saltem sempre desidererò di amarlo più che posso. Cercherò con tuto el core di meter ogni mia speranza, ogni mio affecto in quel amor che sempre arde. Et cusì viverò securo, senza timor algun de le mie scelerateze, perchè la sua misericrodia supera ogni altra sua opera.

Son transcorso in queste tal parole sì per excitar l’affecto et mollificar questo mio indurato et adamantino core, sì etiam, che in vero ve ho dito la verità, che questo è stato el pensier mio. Et benchè non improbi quel vostro timor, perchè in effecto quello è causa di conservarvi in humilitade, pur (quamvis sus Minervam doceat) non risterò de aricordarve che el più del pensier vostro non sia in quella tal timidità, immo, dapoi che alquanto sereti versato in quello, el più del tempo ve rivoltati a questa altra parte et in questo dimoriati el giorno et la note. Et cusì ne la memoria del le iniquitade vostre ne el dì del iudicio ve perturberanno talmente che ve extingui in un puncto la speranza viva che havereti.

Questo, benchè presumptuosamente, me à parso aricordarve, perchè l’ò experimentato in me, trovando che molto magior fruto mi fa questo pensier che non fa el primo. Immo el primo me induceva in una quasi desperation. Le qual perturbation a vui che seti in solitudine ve potria far noia assai. Sichè tuto el pensier vostro sia in quella summa charità, sperando et certissimamente credendo che, se seremmo pur un poccho con lo affecto acostato à lui, non besogna molta altra satisfaction, perchè lui à satisfato ex visceribus charitatis per amor nostro. Et in questo tal pensier io, a chi non è dato una minima parte di core a fare quello fate vui, ma da viver fra la moltitudine in la cità, me nutrisco et sempre me nutrirò. In quella satisfaction spero et sempre spererò, altrimenti me vederia di una mala voglia.

Vivamus ergo laeti, ut ex hoc timore liberati, in laetitia serviamus illi omnibus diebus nostris. Non resterò di aricordarve, benchè sia superfluo, che in le oration vostre ve aricordate di me. Anchora le cose non son di tal assetamento, che habbiamo fato deliberatione dil tempo diterminato per vegnir a visitarve. Prego Messer Domene Dio ha hazi pace, se cusì è per il melgio. Benevaleat in Christo R.ia tua nostri memor. A dì 24 April [1511]. Gaspar Contarenus tuus scripsit.

3. To Paolo Giustiniani, 10 August (1511)[41]

Reverende Pater mihique dilectissime vel potius colendissime. Ià alquanti giorni me fu ressa una vostra lettera piena di quella charità che in voi redundando empie etiam ogni vostra opera, ogni vostra parola.

Se suol dire, et li più docti philosophi dicono, che la absentia de li amici è causa over di total oblivion de l’amore, over almeno è causa de intepidirlo. In voi vedo esser il contrario, imperochè, benchè sempre per la gentileza de l’animo vostro me haveti amato grandamente, me pare che adeso, luntano da la vostra conversation mia, più teneramente me amiate.

Dil che altro causa non puol esser, se non che l’amore vostro no è amor nè amicitia mondana fondata ne le delectatione di conversar et viver con li amici, la qual i philosophi hanno cognosciuta, ma è fondata ne la charità christiana la qual prima è verso Dio et dapoi verso le creature rationale, come quelle che la divina bontà ha voluto far participe et communicar con loro quella felicità la qual lei sola per natura possiede. Sichè è necessario che, crescendo l’amor verso Dio, cresci etiam l’amor verso el proximo o propinguo o luntano che si sia.

Non me meravelgio adonque se, con più fervente amor, essendo ne l’Heremo lontano, amate più li amici vostri, che non facevi essendoli presente, dil che io, per mia parte, ne resto contento, quanto forse de ogni altra cosa, perchè pur spero, se per me son luntano da quel dolce foccho de l’amor divino, per mezo ei tal persone, qual seti vui, qualche volta saltem romper questo giazo del mio adamantino core, et più che adamantino.

Chè quando ripenso li innumeri beneficii de Dio particularmente a mi concessi da una parte, immo contra mia volgia al mio despecto datime da quella infinita largeza, et da l’altra parte considero la infinita mia ingratitudine passata et presente, me maravelgio di me medesmo che di dolor et di amor non mi disfacia. Niente di meno, con tuta questa meravelgia me ne son pur, come soleva per avanti, opresso da un grave et mortifero lethargo, nè ben so la via da risanarme et per la qual possi andar securo.

Da una parte questo versar nel mondo con li amici et parenti oprime cusì l’animo mio, che infinite volte, immo quasi sempre, me fa cusì adormentato et alongato dal vero che quel già me ricordo in qualche punto haver veduto chiaro, me par esser quasi una ombra over uno sonnio, non cosa che sia vera. Da l’altra parte il mutar vita per la debelleza de l’animo mio me paventa de non incorrer in qualche mala disposition forse de magio importantia di quella che adeso io sneto. Voria volentieri seguir uno modo medio, el qual assai volte me penso, nè so ritrovarlo.

Et a l’ultimo, (per concluder questo parlar nel qual sono cusì transcorso, et ritornar dove era partito) non ho alguna altra speranza se non ne la bontà divina et le oration vostre et de alguni altri mei amici, per el mezo de la quale spero che, quando serà per mio melgio, la divina clementia me monstrerà la via, per la qual debbia passar questa mia, come ben ditte, peregrination.

Per tanto, con quanta più instantia posso, ve prego che ne le oration vostre ve aricordati di me. Benchè sia superfluo di aricordave questo, avendome refferito el Padre Fra Innocentio che non solum vui fati questo, immo che per intercession vostra quelli altri vostri compagni – felices animae – il fanno. De la qual cosa io ve posso solamente esser obligato. Dio serà quello che satisferà.

De l’esser vostro et del star sanissimo et allegrissimio dal Padre Fra Innocentio ho habundantemente inteso. A mi però non è stata cosa nova. A chi pareria da novo che lo audito stesse contento ne l’udir una suavissima armonia, et lo ochio in veder un bello et proportionato obiecto? Certamente niun. Cusì, che l’animo vostro sempre goda versando sempre con ogni affecto in quel summo Bene nel qual solo la mente nostra trova il vero riposo, niun se die meravelgiar. Et che poi, prendendo il corpo la vita da l’animo, che etiam prendi optima disposition et habitudine da un animo contento et ilqual veramente vive, non mi meravelgiorò mai.

Me ha etiam per vostro nome refferito il dito frate Innocentio che me aricordi de la promessa che con mie lettere vi ho fata. Sapiate che non mi l’ho dimenticata, ma, come in quella volta ve scrisi, desiderava che queste turbulentie de guerre fosseno quietate, aziò potesse vegnir senza pericolo de esser fato preson de Feraresi o Bolognesi over simile altri. Il che non essendo venuto, non ho posuto mandar ad execution questo mio desiderio. Tamen crediate certo che questa cosa me è più ne lo animo che mai. Et subito che per li tempi me serà concesso, son per vegnir a solazo in quelle bande a rivederve et star un poccho con vui.

Resteria che io respondesse a la lettera vostra prudente et amorevole. Ma me par che la melgior resposta che io potesse far serìa metter in execution le admonition vostre, come quel poccho mio aricordo haveti vui in execution meso, benchè, per vui, avanti che io ve scrivesse, havesti già commenzato ad exequirlo.

Ma, a dirve il vero del fato mio, me par che ben sappia veder in altrui un poccho di maculeta, et sappia molto ben dir et scriver, ma operar io minime nequaquam, et ogni giorno dico infra mi medesmo: Ben una volta farò, nè però mai me dispono pur a operar. Sichè non so che me dir del fato mio. Et tanto più noia mi dà la bona existimation che vui fati di me.

O se sapesti qual è quel vostro bon et da ben Gasparo, et qual sia quella bontà, la qual ve par veder, ben diresti: Quanto me trovo io inganato!

Vedeti quelle rason che davano qualche aparentia a la mia negligentia, quanto me movevano et con quanta efficacia; quel veramente che voi me scriveti volgiandome ritrazer da questo extremo et ritirarme ne la virtù media vedeti quanto poccho me move, quasi come se fosse letargico et fosse chiamato da qualche un che mi volesse risvelgiare.

Solum ergo spes me in Domino, qui notam mihi faciat viam in qua ambulem et bonorum orationibus. Bene valeat Paternitas tua nostri memor. A dì 10 Agosto [1511]. Gaspar tuus scripsit. Reverendo in Christo Patri Fratri Pauli Iustiniano tamquam Patri colendissimo.

4. To Paolo Giustiniani, 22 Septmember (1511)[42]

Colendissime Pater. Venendo el nostro Messer Vincentio Quirino a trovarve, serìa venuto el tempo di satisfar a la promessa che ià per mie lettere vi feci, et al mio grandissimo desiderio, el qual ho, de rivederve. Perchè in vero non so qual melgior compagnia potesse haver trovato. Niente di meno, essendo le cose nostre cusì da ogni canto in travalgio et havendo li inimici, si puol dir, su le porte, sopravenendo etiam l’invernata et essendo per Feraresi el viazo non securo, non havendo io el pensier che ha messer Vincentio di restar de lì, ma solum desiderando di rivederve et, dapoi pocchi giorni, ritornarmene indrieto, me ha parso che a questa sason de’ tempi non haveria potuto mandar ad execution questo mio desiderio senza molto rumor de li mei, a li qual bisogna che habbia rispeto.

Per tanto questo mio, immo più presto, nostro desiderio comune de rivederci differiremo in tempo più commodo, che spero serà passato questa invernata. Nè venirò solo, immo venerò acompagnato con qualche altro nostro amico. Et Dio volgia che etiam venga con qualche melgior pensiero.

El viver et l’esser mio de qui è ne li studii, sforzandome di expedirme da questi studii humani per poterme poi transferir a quelli ne li quali ho proposto di versar sempre. Et spero infin pocchi messi haver fornito el mio disegno.

Tuta via spesso me ritrovo in diverse perturbation de animo hor di una sorte, hor de una altra, nè so con el pensier formarme un modo di viver dove me parrà poter star in quiete over in poccha perturbation. In un modo di vita trovo una maniera, in l’altro una altra maniera di perturbation che mi spaventa. Sichè io ho cusì deliberato di rimeter tuto questo resto de la mia vita ne le man de quella infinita bontà et in quella sola sperar che mi monstra el varco di questo rapido torrente, cognoscendo che lei sola il sa et cognoscendo che el ben mio molto più è desiderato da quella che da me stesso.

Son adonque con l’animo de tal fata, come dicono li philosophi esser la materia prima: disposto a ricever quella impression che parerà a la sua Maiestà, in la qual sola ho posto la speranza mia, et a questo instantissimamente prego la Paternità Vostra che con le sue oration mi volgi adiutar, come, son certo, faceti.

Le cose vostre che mandasti a Messer Vincentio me son state di tanta satisfaction et consolation quanto cose altre che mai habbia letto. Et voria volentiera haverle habute apreso de mi over che almen le fosse ristate in questa terra, aziò qualche volta havesse potuto ragionar con vui in quelle scriture et excitar questo mio adormentato animo. Tamen la negligentia mia non ha patito che io ne habbi tolto copia, et Messer Vincentio dice che come per vostre li haveti commesso che el ve le ritorni.

Essendo tornate, pregove che per satisfaction mea et de Messer Nicolò Teupolo,[43] el qual deveva nominar primo, ma la penna è transcorsa, ne le rimandate et che da novo ve afatigate qualche parte del giorno in simel cose, che a nui è da esser de singular giovamento, et più di quel che forse credeti, et a simel opera exhortate el nostro Messer Vincentio.

Ben sapeti melgio di me che, benchè la vita contemplativa sia più nobile de la activa, pur la vita activa, la qual versa ne l’adiuvar el proximo ne la vita spiritual, è più meritoria de la contemplativa, et da magior charità verso Dio procede el voler qualche volta privar sé de la dolceza de la contemplation del suo amato, aziochè la gloria del suo dilecto sia in più modi al suo poter manifestata, et cognoscendo che questo è di precipuo apiacer al suo dilecto. Unde Paulo dice: Cupio anathema fieri pro fratribus.

Per tanto, spendendo el tempo in tal opere per adiutar el proximo vostro, non butareti el tempo, immo vi serà di magior merito. Al simele da parte nostra exhortareti el nostro Messer Vincentio, el qual, venendo de lì, pienamente vi darà notizia de tuto l’esser nostro.

Per tanto farò fine, nè più ve tegnirò a tedio. Tuti li amici assai se ricomandano. Felix valeas nostri memor. A dì 22 Setembri [1511]. Gaspar tuus scripsit.

5. To Vincenzo Querini, (end of November, 1511)[44]

Dapoi la partita vostra de qui, honorandissimo et amantissimo mio Messer Vincentio, molte volte ho desiderato ragionar con vui almen con lettere, poiché per la distantia di lochi altramente non posso. Tamen, non essendo innovato qui cosa alguna, aspetava de giorno in giorno vostre, de le quale potesse haver materia de scriver, et insieme potesse intender molte particularità del viazo vostro et, più, de la stantia dove alquanti giorni eri stato, ma molto più dei pensieri vostri.

Dimorando io in questa expectatione, questa matina da Messer Marc’Antonio Morexini nostro me fo deto come per via da Pesaro da Innocentio vostro Messer Zorzi, vostro fratello, haveva inteso come non eri sano et ve havevati transferito al monasterio da basso.[45]

Il che subito che me fo refferito (non vi mento) quasi in un puncto da dolore et da alegreza grande fui percosso. Dolore hebbi de la non bona valutidine vostra. Intendendo tamen che la non era molto da conto, hebbì alegraza, non dico, che ve fosse venuto questo impedimento a qualche vostro proposito, el qual, quando è da Dio, sempre è buono, ma perchè me pareva che, havendove vui in tuto et per tuto posto ne le man del Signore, che drizasse el camin vostro, questi erano certi inditii che non era voluntà de la sua Maiestà nè el ben vostro restar in quelle parte et viver in solitudine, lassando privi molti amici vostri et innumere altre persone di grande utilità, la qual prendevano per la conversation vostra.

Lassando da canto li altri, parlerò de la persona mia. Quante volte credete vui, Messer Vincentio mio, che, retrovandome in grandissima perturbation di mente, il vegnir a star con vui et ragionar con vui me rendesse un animo quietissimo, de perturbatissimo? Et quante volte, dapoi che seti partito, credete vui che io in simel occorentie ve habbi desiderato et hora vi desideri?

Nè credete che io solo sia a questa condition cotal.

Direte vui che non cognosceti in vui tal perfection che possiati giovar ad altri, immo che non seti bastante a giovar a vui; et ben direti. Pur, se il piacesse a Dio usarve cusì tristo, come seti a vostro modo parlando, per suo instrumento, non deveti per questo atribuir tal effecto a vui ma a la causa principal che è esso Dio, et de ciò credere a li altri che el provano con experentia et non a vui.

Nè, quando fosti chiamato da Dio a questa vocation, zoè che serviste a lui versando ne la vita et ne la moltitudine, benchè a vui fosse cosa noiosa, devereste però refutarla, immo aceptarla con alacre animo, perchè la vera charità non cercha la commodità sua ma el piacer de Iesu Christo.

Non ve persuadete vui che a Paulo serìa stato gratissimo renchiuderse in una cella, et lì versar ne la contemplation et amor divino, et non andar vagabundo per el mondo in tanti pericoli, in tanta perturbation di tanta canalgia? Ben sapeti che a lui serìa stato più grato. Pur, per el ben del proximo suo in el qual amava esso Iesu Christo et el suo precioso Sangue, lo qual haveva sparso solum per amor de li homeni, li quali chiamo qui proximi, discorendo andava di cità in cità, de gente in gente, de turbation in turbation per tuto el mondo.

Nè però volgio compararve a Paulo, perchè, come ho detto, etiam per li homeni perversi come per instrumenti Dio opera grande et perfecti effecti.

Questo tuto discorso ho fato, carissimo mio Messer Vincentio, per ridurve a memoria quel che con pocche parole ve dissi ne la partita vostra. Quando da Dio a li homeni fosse prescripta una via certa di salute, non è algun dubio che tuti senza altro conselgio deveriano per ella drizarse; et io, per me, ve iuro: quando che a la natura, a la complexion mia fosse in tuto contraria, senza apsetar puncto ve intraria, quando fosse certo che tuto el tempo de la vita mia dovesse viver in tribulation et affanni.

Ma non essendo nè via de solitudine, nè via de Religion certa, nè etiam la vita civil certa de perditione, ma in tute essendo modo di pervernir a salute et a perdition, devemo iudicare che da quel sapientissimo opifice de l’universo a diversi homeni sian state date diverse vie de pervegnir ad uno termine, zoè a la salute. Ma chischadun de nui essendo cieco, non cognosse qual è la sua. Per tanto tuto el pensier nostro debbe esser drizato in pregar la bontà divina che ne guidi nel nostro sentier; nè devemo con l’animo nostro obstinarse in una via come quella sia certa la nostra, perchè tal obstination de animo non sta insieme con haverse in tuto et per tuto messo ne le man de Dio che ne guidi.

Per tanto, Messer Vincentio mio, benchè el pensier vostro, zoè al qual seti inclinato, de viver in solitudine, appari nel primo aspeto bono, però non ve deveti ne l’animo obstinar, che questo sia sentier vostro et persuaderve che ogni altro pensiero opposito a questo over ogni impedimento sia tentatione diabolica, perchè , come ho detto, questa serìa far la sua prudentia guida del suo viver et non Dio.

Credeti certo che in questa cosa sopra tuto desidero el ben vostro et el piacer divino. Ben è vero che volentiera voria che el ben vostro fosse: chè, dapoichè a nui non è dato spirito da seguitarve, vivesti insieme con nui in exercitii degni da un christiano, et forse forse vivessemo in solitudine in mexo la citade, nè potresti perusaderve di quanto contento et satisfaction fosse a mi questo.

Dirove el vero, al partir vostro non senti’ nel cor mio quel dispiacer che hora sento. Hora me par esser rimasto solo senza algun apozo, nè vivo in quella securtà che soleva. Dio volesse che questo fosse el ben vostro et suo piacer: ben so io di quanta utilità mi sarebbe. Niente di meno, se la Maiestà sua ve chiama che in solitude li serviati, lassando nui privi et soli, son per contentarme, immo più alegrarme del ben vostro et de la gratia che de dolerme de le mia incomodità.

Hoc unum facias: Non ve obstinate in una via, metendove ne la man de Dio, quel che fareti serà da iudicar esser iudicio divino et sua voluntà.

Interim pregarete Dio per nui et ricomandaretime assai a Fra Paulo, dal qual aspeto lettere a la qual habbia a risponder. Bene vales, Gasparis tui memor.

6. To Paolo Giustiniani, 3 December 1511[46]

Lo haver voluto differir di scriver infin che sapesse quando fosse per partir fante per Fiorenza, fa che hora, per la brevità del tempo, non posso scriver secondo el desiderio mio. Però differiro in fin al partir de uno altro fante de scriver per mio nome.

Queste pocche parole vi farò per nome de Messer Priore Baptista[47] nostro, il quale l’altro giorno me pregò assai che per el primo vi devesse scriver suo nomine, significandove lui non esser anchora del tuto risanato, et per tanto non vi haver possuto nè adeso poterve scriver, pur, con la gratia divina, da giorno in giorno sentirse melgio et perseverar nel suo proposito, di che sapeti, immo acrescer de giorno in giorno in tal proponimento, et che omnino avanti Pascha proxima lui era per mandarlo ad execution.

Per tanto che etiam lui pregava Messer Frate Paulo non devesse permutar cosa alguna di quel che lui sa, aziò el possi senza alguno obstaculo exeguir el proposito suo.

De qui li amici nostri et vostri tuti stanno bene; Augustin Donado etiam lui sta melgio, pur va melgiorando lentamente. La zonto dequi el signor Alberto da Carpi,[48] con el qual ho ragionato de vui, Messer Vincentio.

Perdonatime, el tempo me mancha: per una altra copiosamente satisferò al tuto.

A dì 3 Decembrio [1511]. G. Co. orationi pur se commenda.

Vi prego[49], Messer Vinzenzo carissimo, o voi mi scriviate quello podete de vosta mano qualche cosse di voi et dil vostro proposito fermo, o fate che Don Paolo scriva. Io con febbre intima, ma da poi una quartana molestissima ho vogliuto scrivervi di mia mano. Salute F. Paulo et il Padre Generale[50], el Maior Superior[51] et il Rinchiso et li altri Padri. Egnatius. Reverendo in Christo Patri Frati Iustiniano et Magnifico Domino Vincentio Quirino Doctori Maioribus honorandis.

7. To Vincenzo Querini, 26 December (1511)[52]

Honorandissimo et amantissimo mio Messer Vincentio. Le ultime mie, per la brevità del tempo che mi fu concessa a scriver, furonno molto più breve di quel che era el desiderio mio. Perochè, non possendo io in questi mesi che seti absente consumar gran parte del giorno ne le dolcissime confabulation che soleva far con vui, almeno con questo mezo satisfacia, ragionando con vui in longissime lettere.

Da Messer Zorzi, vostro fratello, intesi che per lettere scrite di man vostra, vui eravati assai melgiorato, immo quasi sano; vero è che el sopravenir de l’invernata ve impediva alquanto che non cusì presto recuperavi la pristina valitudine: cosa di che ne recevì summo apiacer. Del tuto sia laudata la bontà divina.

Me par una hora mille anni di veder una vostra letterina per intender del stato vostro et dei pensieri vostri. Son con l’animo molto perplexo, pur me par sentir nel cor mio una certa speranza di non perderve, et che la voluntà de Dio non sia che li serviati in solitudine ma nel commertio de nui, vostri amici. Nè crediati che etiam in questo modo non se servi a Dio, ma che solum in star in solitudine voler indurar el cor suo de una quasi crudeltà verso sui amici et parenti, sia cosa grata a Dio. Ben è vero che quando li homeni ad una tal vita molti et molti anni sonno chiamati da la divina bontà, per niun altro impedimento o di amicitia o di parentella i debbono restar de exequir questa vocation, havendo però prima usato ogni debito modo per cognoscir se questa è vocation divina o pur non.

Perchè, Messer Vincentio charissimo, ben sappeti che il viver solitario non è natural a l’homo, el qual la natura ha fato animal sociabile, ma besogna che colui che vuol metersi a tal vita sia de una perfection excendente quasi la condition humana, tal che non cun li sensi ma solum cun lo intellecto viva. A la qual perfection rarissimi homeni pervengono. Però è grandissima presumtpion voler cusì, al primo trato, creder che una simel vocation sia da Dio, ma besogna molto ben considerarla.

Quanti, credeti vui, che con simil persuasion se habbino mesi ad imprese sopra le sue forze, et poi sono finiti male? Et meritamente, perchè inconsideratamente meterse a tal imprese è tentar Dio.

Per tanto, Messer Vincentio mio, se in voi non sentiti veramente esser questa vocation a tal perfection, non ve intrigati, tanto più vedendo la complexione vostra non poter sopportar quella vita, il che io comprendo per questa vostra egritudine. Et imitare quel bon et santo homo Basilio, el qual, come lui medesmo dice in uno suo Sermone, andò etiam lui per diventar anachorita; ma, dopoi che ‘l ebbe provato quel modo di viver et advedutosi che se haveva presumpto di sè più di quel che se convegniva a la condition sua, se ne ritornò a viver con li sui, disponendosi di servir a Dio in quel stato che la sua fragilità li concedeva, non possendolo servir in quella perfection che lui haveria voluto.

È tropo gran difficultà che uno homo di carne vestito versi in contemplation de Dio separandosi de le cose sensibile. Et però, non potendo la imperfection de la natura nostra che sempre versemo contemplando et amando Dio in sé, devemo, come dice Augustino, colere et amare Deum in proximo nostro, giovando al proximo nostro et ne le cose spiritual et ne le necessità corporal per l’amor de Dio. Nè potresti creder, ma so el credeti, perchè l’aveti experimentado, quanto questo modo accenda lo affecto nostro verso Dio.

Per tanto, carissimo Messer Vincentio, se non cognosceti certamente da Dio esser chiamato a quella vita di tanta perfection, non volgiati obstinar l’animo vostro, quasi non ci sia altro modo di salute che quello. Perchè, come per una altra mia copiosamente ve scrissi, questo serìa volerse fidar ne la prudentia sua, non haver posto Christo per sua guida et serìa un presumerse de esser pervenuto presto ad una perfection molto grande. Nè crediati che metendose in queste tal imprese cusì ardue dicendo: Dio me adiuterà, sia in tuto pensier di persona prudente nè etiam di christiana, immo el meterse a pericoli grandi, scilicet maiori di quel che l’homo cognosce di poter esser sufficiente di passarli, senza necessità dicendo: Me confido io Dio, è manifestamente tentar Dio.

Et crediati che lo inimico de la humana natura con assai persone, le qual lui vedde non poter sedurre per altra via, usa sotto velame di gran perfectio, questa tal via, per la qual molti sino poi mal cappitati. Chè molto melgio per loro serìa stato se i fosseno stati al seculo con li altri in una vita mediocre, ch’a che loro havessono affectato questa cusì grande perfection.

Crediati, amantissimo mio Messer Vincentio, che la astutitia de l’inimico nostro è maior di quel che con lo intellecto vostro poteti capir. Et, se vi cognosceti debile a le presecution che da lui haveti vivendo al seculo, persuadetevi esser debilissimo a quelle che havereti in la solitudine. Et come la gratia divina ve puol preservare da queste, ve preserverà etiam da quelle del seculo.

O Messer Vincentio mio, quanti sono quelli che, presumendo di sé più del convenevole, se hanno messo a tal vita et poi son cascati in disposizion melancolica over in qualche suggestione diabolica de innumere maniere et hanno fato morte di sorte che horresco cogitans. Sichè non ve obstiniate per niente, Messer Vincentio, in tal pensier, ma volgiate prima ben pensar et longamente experimentar se questa è vocation divina over non.

Fu questi giorni Fra Thomaso Moro da San Pietro Martire da Muran: etiam lui, subduto da tentation diabolica, che altro non se puol creder sia stato, se haveva messo far abstinentie, star solitario et patir più di quel che la sua natura poteva portar, et per alguni mesi li pareva non sentir nocumente alguno. Poi cascò in una disposizion melancolica tal che li frati se dubitarono che el impacisse, poi tandem li assalì la febre et obdormivit in Domino, come credo. Et essendo reduto a quella infirmità el poverello, o quante volte se dolse de la imprudentia sua nel presumerese di voler far più di quel portava la sua complexion, et haveria voluto poter esser tornato a dietro.

Per tanto, Messer Vincentio mio, non precipitate cusì questa tanta impresa. Di questo basta, non più, non: prudenti pauca.

Questa Pascha,[53] secondo l’ordine, piacendo a Dio, son per vegnir a visitar Frate Paulo et riveder vui et Messer Sebastian, dove più longamente ragioneremo de ciò. Messere Priore Baptista sta melgio, pur non è ben risanto. Augustin Donato melgio. Marc’Antonio Contarini sta bene. El signor Alberto da Carpi se ritrova in questa terra, con el qual spesso ragiono de vui, et vi porta singular affection, et publice et private ha parlato de vui honoratissimamente. El Mussuro se ricomanda assai, et tuti gli altri amici vostri.

Hora è tempo che ritorna a me et che ve ragioni un poccho del mio stato. Ho compito di veder quel che voleva de l’Almagesto et, per expedirve in pocche parole, sono expedito de veder quel che me haveva ià assai tempo proposto di veder in questi studi humani. Et è venuto el tempo che, secundo lo antiquo mio desiderio, son per darme tuto a la Scritura Sacra, rivedendo qualche coseta di questi altri studii maxime per giovar a quelli doi giovani che sappeti in questo usano la mia opera.

Ho comenciato a veder li Libri de Salomone per esser molto morali, et ho comenzo li Proverbi, libro excelentissimo. Et cusì, per mio piacer, cercando di lassar in tuto la mia solita anxietade nel studio, son per andar dietro a vedendo, non per imparar et per sapper, come principal fin, ma per emendar la mia vita et per accender questo mio frigidissimo pecto.

O Messer Vincentio charissimo, se adesso ve ritrovasti de qui serìa venuto el tempo che mai me partirìa da vui, ma, in un voler, in un studio vivendo, di quanto ben mio saresti causa, et ego fungerer vice cotis. Ma benchè adesso non habbia io questa commodità, spero tamen di haverla. Non potresti creder quanta fidanza sia nel cor mio di non perderve, et che la voluntà de Christo non sia che li serviate separato dal consortio nostro, ma che el volgi che noi laudiamo la Maiestà sua ne la conversation vostra.

O se questa fosse la voluntà de Cristo et che vui a l’incontro, con obstinato animo presumendove de vui più del convenevole, usassi questa crudeltà verso li amici vostri, li quali forse per mezo vostro Dio vol che i seguiscano bon fine, et usati questa impietà verso di quella povera vechia, la qual ne la gioventù vostra ha usato tanta diligentia verso vui et tante fatige, con speranza che ne la sua vechieza voi fosti el suo bastone sì ne le cose corporal come ne le spiritual, il che – anchora che non volgiati – è el debito vostro, non credeti vui che meritamente poi lo onnipotente Dio negeria la gratia sua ne le tribulation vostre, le quali seranno grandissime in questa solitudine?

Sichè, Messer Vincentio mio, considerate ben et ben guardate che lo inimico vostro per questa via non obtenga victoria de vui, imponendo nome a la crudeltà che usareti verso li amici vostri: forteza, et a la impietà che usareti verso vostra madonna: amor de Christo. Nè quel dicto di Hyeronimo se puol fin qui adaptar a vui, perchè ben sappeti che lui scrive ad uno il qual ià era monacho et haveva lassata la solitudine per star ne la cità, il che non haveti anchora fato vui.

Son ritornato in quel che ià di sopra haveva lassato. Son transcorso non mi avedendo, perdonatime.

Con Frate Paulo, se lo esser stato occupato ne la egritudine vostra non me lo excusasse, me lamenteria uno poccho che ià tanti messi non me habbi scrito pur un verso, ma insieme insieme me habbi privato de vui et de le sue lettere, el qual solo modo me era restato di ragionar con lui. Pregatello da parte mia che almen se degni scriver quatro linee.

Da vui veramente apsetto longissime lettere. Interim felix valebis ricordandove di me ne le oration vostre, et il simele pregareti Frate Paulo se degni de far. A dì 26 Decembrio [1511]. Gaspar tuus scripsit.

Magnifico et clarissimo Domino Vincentio Quirino tamquam fratri honorandissimo.

8. To Vincenzo Querini, 1512[54]

Cum mihi est allatum te his proximis diebus sacris esse initiatum apud Camaldulum, atque in ea solitudine omnem dehinc ætatem tuamagere constituisse, saneque pro eo ac debui, hance rem graviter molesteque tuli, communemque hanc de te jacturam cum tuis omnibus & cum ipsa patria mihi esse existimavi. Qui si isthuc ad te venire potuissem, libentius tibi coram omnem animi mei offensionem ultro patefecissem, citroque abs te percupide audissem, quibusnam impulsus rationibus civilem vitam & urbanam consuetudinem tam repente, tamque præter opinionem deseruisses, ut si tua potior esset sententia, quam mea, factum non improbarem tuum, atque hoc item his, qui de te non bene sentiunt, & liberius obloquuntur, comprobarem, ac demum ea, qua de te nunc vehementer angor, levarer sollicitudine aliquantisper.

Cum vero ad te accedere minime potuissem, cum propter varias multiplicesque occupationes meas, tum præsentis belli causa; nam fere omnia itinera sunt a latronibus undique circumsepta, & vix quidquam pateat in Italia, quo tuto ad aliquem locum progredi liceat, decrevi has ad te mittere literas, ne id mihi vitio verti possit, quod multi tibi imprimis imputant, qui insalutatis pene omnibus, amicitia & necessitudine tibi conjunctis, hinc abiisti, aut potius aufugisti; quod quidem parum clementer & humane factum, neque ergo in te laudaverim.

Nam etsi firmissima mente & animo penitus declinato, quod decreveras, perficere omnino volueras, tamen tibi, qui politissimo es ingenio, ac summa bonarum artium præditus eruditione, non decebat abhorrere ab humanitate, & integrum fuisset vel adversantibus tibi omnibus in tua te sententia permanere, atque in hoc supremo munere, extremaque, ut ita dicam, a tuis omnibus separatione; siquidem mortui illi mundo quodammodo esse videntur, qui sese abdicant, ut tu fecisti, in Religione.

Satius erat, si vel quantulacumque amoris ac pietatis officia in tuos præstitisses, quod quidem nec a philosophia erat alienum, nisi fortasse sordent nunc penes te, & sunt obsoleta ea, quæ in scholis didicisti, neque abhorrebat a fidei Christianæ institutione, quæ ante omnia præcipit, ut æque necessarios ac propinquos atque nosmetipsos diligamus. In quo porro placito atque decreto præcipue cavetur, ne caritatis ac amoris officia ullo modo deseramus, quibus fine nullam constare artem ac doctrinam, nullam sapientiam ac disciplinam, nec quidquam posse, quod ad bonos mores faciat, & ad utilitatem hominum communem sacrosancto testimonio comprobatur. Sed tamen, ut hæc prætermittam, ea breviter nunc attingam, in quibus multi graviter & acerbe te criminantur, & eo quatenus per me fieri potuit, pro veteri nostra necessitudine acuratissime te defendi, ac summa vi, summaque contentione partes tutatus sum tuas, tametsi non satis & liquido mihi constaret, quonam pacto bene eis adversarer.

Sed tamen cum mihi persuasissem te vel ab ineunte ætate nil temere unquam, nihilque fecisse aut egisse unquam inconsulto, hæc eo libentius ad te præscripsi, ut si tu mihi consilii tui redderes rationem, quæ te ad hanc vitæ pepulit inconstantiam, & mihi ipsi & aliis, ut ante dixi, commode persuaderem, te in nullo esse crimine, nulloque penitus errore. Nam grave aliter esset re incognita, de tuo judicio judicare, praesertim cum jamdiu versatus esses in magnis rebus, in quibus summam moderationis atque prudentiæ speciem prætulisti.

Primum itaque tibi objiciunt, te pusillanimitate quadam ductum, cum fremere undique bella conspiceres, quibus nunc demum tota ardet Italia, ac nullum putares fore malorum finem, ac denique de republica penitus desperares, ut tuæ tantum consuleres incolumitati, humile quoddam & sordidum vitæ genus, nulla habita dignitatis tuæ ratione, sub inani ac ficta religionis specie elegisse teque e medio sustulisse, relicta patria, pene oppressa in sævissima tempestate. Quapropter plurimi quoque plurimorum ingratitudine arguunt te & reprehendunt cum amplissimi pro ætate tua & conditione honoribus ab ipsa fueris hactenus prosequutus. Hique asseverando adjiciunt minime cives decere bonos, qui quidem membra sunt civitatis, & qui curam reipublicæ sufferre debent, civilia deserere officia, & agendi consulendique munus in commune, ut quisque viritim potest. Nam si tuo exemplo ceteri omnes hoc idem fecissent, scilicet in belli angustiis, durissimisque temporibus, patriam & civitatem, posthabita omni pietate, desererent & destituerent, certe nulla nobis extaret civitas, nedum ulla reipublicæ forma seu potius nullum imperii nostri vestigium.

Quod si in exercitu milites in ipsa acie, in ipso certandi discrimine, nec conferre manum, neque servare ordines, neque hostes sustinere, nec imperatoris dicto præsto esse vellent, sed imperia detrectarent atque alius alio dilaberetur, ut sibi magis collibuisset; & nautæ itidem in mari classem conquassatam deserent, omneque parendi ac gubernandi officium recusarent, non ne funditus omnia pessum irent? Quocirca majori supplicio transfugæ & desertores, quam hostes ipsi digni esse censentur. Nam hi gravius quidem lædunt & magis peccant, qui aut jure naturæ aut alia lege obstricti deserunt & produnt fidem, quam hi, qui aperto marte dimicant, seque manifestos hostes & inimicos esse profitentur.

Quicumque igitur necessarios & amicos, & patriam ipsam laresque domesticos deserunt, quos quidem cum magis eorum opus est opera, juvare & fovere renuunt & recusant, quod piaculum majus aut flagitium, quod scelus unquam magis atrox & destruendum possunt ulla arte & ingenio committere? Qui igitur digniorem personam repræsentant, quive in majori sunt indolis expectatione, ut tu esse putabare, hujusmodi obnoxii scelere, omnem prorsus nequitiam transcendunt, omnique omnino excusatione carent. His autem cum ego acriter obstarem, diceremque te potius amore pio religionis incensum mundi illecebras & ludibria, & cetera hujusmodi frigida omnia mortaliaque despexisse, atque hac de causa ea officia neglexisse, quæ alioquin officere potuissent, ut consilium tuum tam sanctum, tamque salutare in irritum iret, cum stomacho respondebant, quid ni hoc idem assererent ψσευδοφιλοσοφοι, voluptatisque magistri, qui quidem omnium ignavissimi ea se despicere dicunt, quæ alii magni faciunt,ut ludrica & levia, ajunt se vivere sibi ipsis, ac per se sua negocia agere, cuncta & singula referentes ad proprium commodum propriamque utilitatem. At non sic Socrates & Plato, & hi, qui immortalem animum posuerunt, qui in hoc neutique dissident a Christi instituto, qui quidem philosphiam οΰεσ απολλιτλον esse volunt, ac omnia referunt in utilitatem hominum communem, nullaque re gaudere magis dicunt ipsum Deum, quam cum florentes civitates civium frequentia, bonisque artibus & bonis moribus conspicit. Quod si tu pro gloria, pro salute, proque animi immortalitate vel hac via tendere voluisses, qua tendisti, tuum erat potius succurrere primum patriæ laboranti, nec tuo commodo parcere, propriæque saluti, quam sic temere, sic impie atque nefarie temetipsum & tua omnia præcipitavisse.

Nam sic virtus tua magis ac magis enituisset, quo magis in angustiis atque difficultatibus emersisset, atque ita hanc ingrati ignominiam & pusillanimi & ignavissimi, & non bene de philosophia atque religione sentientis evasisses. Addunt alli plerique, ut sunt diversa judicia hominum, quo magis aggravent factum tuum, quid si superbia & indignatione impulsus, quod neglectus sit penes patres post Germanicam legationem & neque in senatu, neque in populo nancisci potuit ullum magistratum, idcirco contulit se in solitudinem, ut sub mentita hac bonitate, atque hoc quaesito colore, ut fieri solet hoc tempore, vitia & malefacta sua obumbrarentur, grandemque fortasse sibi ita dignitatem in curia Romana aucuparetur? Confirmant hoc argumento.

Si vitam abjectam & humilem agere voluisses, spretis & calcatis mundanis omnibus soli inserviens Religioni, non oportuisset & gloriabundum mittere epistolas circumquaque per universam Italiam, & divulgare quodammodo per totum orbem Quirinum factum esse sacerdotem, Quirinum, ut illi Gymnisophistæ, sub dio & speluncis durissimam vitam traducere, Quirinum velut alterum Paulum eremitam vitæ sanctimonia Christianam religionem illustraturum? Nonnulli autem, qui magis liberi sunt animo, vel qui magis sunt licentiosi, genus hoc Religionis seu dogma improbant, ad quod te addixisti; nam ventri & sommo potissimum dediti esse videntur, ut cetera sub silentio præteream, hi, qui vetant studia literarum, & qui abigunt se in lustris ac solitudine, fugiuntque hominum commercium, ac sese in claustra claudunt, ac si odio haberent, ut ille Timon Atheniensis, hominum genus. Nam hi, qui optime sentiunt de Religione, præter res pro fidei amplificatione bene & graviter a se gestas, in literis praecipue, sine quibus nil lætum & jucundum nil utile & honestum ex integro in vita esse potest, egregiam operam navaverunt, ut conspicuum est apud Græcos, quam apud Latinos, & apud alios omnes sanctissimos ac solertissimos sacrorum cultores, qui quidem aut versati sunt assidue in luce hominum, aut otium suum cum negotio pulcherrime conjunxerunt, benefaciendo magis, quam nihil agendo, ut fecit Auctor Salutis, qui exemplum nobis dedit, ut sicut ipse fecit ita & nos faceremus.

Ad hæc alii nonnulli ingenti cacchino nauseantes hanc irrident vitam, & hujusmodi lacessunt mores, quibus imbutus modo esse videris, ac si correpti essent atrabile, hi qui sibi sumunt tunicam & cucullum, & qui abraso vertice incedunt, & sese deterius vultu gestuque deformant, quam olim fecisse Adamantas ferunt, quos Homerus quondam ab his injuria lacessitus per contemptum τους οπις εν κεμοιον δας vocitavit, qui quidem sacrorum specie, velutis incurvi cervicum pecus sic vivunt, quia diffidunt se haud aliter victuros sine labore, aut quia sub hoc cultu, habituque magis confidunt, se posse credulos homines hallucinari, in qua quidem area velut per jocum hilarissime spatiantur.

Sed ego, mi Quirine, ex multis, ut antea dixi, pauca collegi tum ne epistola prodiret in infinitum nam pene sunt immensa atque innumera, quæ de te dicuntur, tum quia hæc mihi visa sunt esse satis ad hoc, ut honorem possis tutari tuum, & objectis criminibus respondere, atque hæc convicia & maledicta refellere. Nam nisi penitus neglexeris hominum opinionem, & quod plerique omnes de te iudicum faciunt, procul dubio ita te defendas oportet, ut nunquam posthac male audias, sed potius honorem tuum & tui gloriam nominis in integrum reducasatque restituas, & ut magis quam prius illustres ubique & amplices. Vale.

9. Giustiniani to Nicolò Tiepolo and Gasparo Contarini, February 1512[55]

Jesus. Avendo parte per vostre lettere, parte per relazione del nostro Querino inteso voi tutti due carissimi aver cominciato a studiare in qualche parte la Cristiana dottrina, sola ed unica vera dottrina e verità, io me era non temperatamente rallegrato, che amandovi io in carità di Gesucristo benedetto, quanto l’anima mia stessa, sentiva una troppo grande contentezza dal conoscer voi aver posta la mano a que’ libri, i quali sogliono illuminare le menti umane, e pascerle del soavissimo cibo della verità, dimostrandoli quante siano le tenebre di tutte le mondane non scienze, ma inscipienze, e facendoli conoscere, quanto sia il cibo delle umane discipline, non cibo di razionale creatura, ma piutosto da bruti animali; che la razionale stessa creatura, quando non usa la ragione e l’intelletto a quel fine gli è stato donato, alla cognizione, all’amore, al culto del creatore suo, che altro è, che brutissimo animale, sperava che negli studj delle cristiane lettere versando voi rivolgeste gli onori vostri non a mondane fuggitive delizie o contentezze piene di discontenti, non a voi stessi e la sensual parte di voi, ma alla futura, eterna in noi vita, all’amor e cognizione del creator nostro?

Non pensava già per ancora, che vi dovesse entrare in animo desiderio di Religione, ma si ben credea, che foste con questo aiuto delle sacre lettere nelle case vostre ed alla patria vostra Cristianamente, e questo stesso mi affermava il Quirino, dicendomi spesso: Il Tiepolo ed il Contarini saranno per animi secolari due animi molto Cristiani, ed io questo credendo tanto mi rallegrava, che nol potreste credere. Il domandarmi le mie insipide lettere drizzate al Quirino mi mostrava già in voi una carità ed una umiltà cristiana estimare le cose da poco conto solo, perchè dell’amore del Creatore parlavano in qualche parte per mandarvele; già avea cominciato ed assai m’era avanzato in una lettera, la qual pur a voi drizzava, sforzandomi in quella mostrarvi secondo il breve veder mio quante volte, e in quanti modi i nostri stessi desiderj, le nostre stesse affezioni, ed operazioni così si tramutano di uomo in brutto animale, che solo questa esterior figura di uomo lasciandoci, ogni virtù e dote, per la quale si possiamo uomini chiamare, si toglie, quante volte in ogni vita, ma più frequentemente invita secolare per nostra sola colpa si verifica in noi quel detto del Profeta: Homo cum in honore esset, non intellexit, comparatus est jumentis insipientibus & similis factus est illis.

E più avanti procedendo m’ingegnava di farvi vedere, quanto poco siamo d’effetto Cristiani: quante volte nelle cogitazioni, nelle parole, nell azioni ed in tutta la vita nostra noi molto peggio e più dispettosamente rineghiamo Gesucristo, e adoriamo vanissimi idoli di cose create, che non faceano o fanno i Gentili ed infedeli. E mi parea potervi facilmente mostrare, che altro non era in noi di Cristiana fede, che una osservanza di esterior culto, piuttosto da voi per consuetudine, che per elezione seguitata, e questa stessa osservanza manca e difettosa, talchè secondo il mio parere iniquamente usurpavano il nome degnissimo Cristiano. In questi ragionamenti così di lontano con voi conversava con indicibile giocondità. Ma quando io meno sperava, allora versa est in luctum cithara mea, dulcedo uvæ in amaritudinem fellis commutata est; che vedendo le vostre ultime lettere al Quirino drizzate, io non so, quando sostenessi alla mia vita nè maggiore, nè tanta amarezza, che amandovi io nelle viscere dello spirito mio, come carissime parti di me stesso, incredibile è la pietà, che sento della vostra miseria, e miserabile (perdonatemi) non solo ignoranza, manifesstissima empietà, la quale tanto al cuor mio è più grave e trista, quanto più io comprendo, che voi siete alla veemenza della miseria vostra fatti di quella insensibili ed infermi, essendo anzi poco meno che morti? voi non sentite la vostra infermità, e parvi pur di essere molto ben sani, e la vostra impiissima impietade vi par forse una pietosa opera, questo è il profondo e cupo abisso della miseria, nella quale siete sommersi in tante tenebre e cecità, in quante siete, e stimar che non vi sia altra luce, che quella che a voi par di vedere.

O Gesù benedetto, vero Dio venuto in terra, e vestitosi l’umana natura per radrizzare a sè la tua amata umana creatura, quanta è la nostra ingratitudine verso di te, il non ti amare, il non t’ imitare, il non osservare i tuoi santi comandmanti, il non voler udire la tua santa dottrina, il rinegarti cento mille volte con le cogitazioni, con gli affetti, colle parole, coll’opere è stimato un niente. Or ecco, Signor mio, risorgono i dotti, i sapienti di questo mondo, ai quali tu hai abbondantemente donato intelletto, che ardiscono non incauta o inavvedutamente, ma excogitatamente dedita opera oppugnarti, perseguitarti, contraporti, e combattere contro di te.

O Gesù quanta è la tua pazienza sopra di noi. Il poco esser Cristiano, e in mille modi rinegar Christo, et adorar gl’idoli di tutte le vanità delle terra è peccato comune a molti già per consuetudine poco stimato. Ma oppugnarti, o Signore, e così apertamente perseguitarti, è pur singolare iniquità, e troppo temeraria empietà, è pur singolare empietà; pochi tiranni hanno ardito di questo fare, ed ecco quelli che ti dovriano quanto alcun altro difendere e confessare, hanno preso le armi contro di te. Io parlo con Gesuscristo, carissimi, perché io credo, che voi non vi curerete di ascoltarmi, nè vi parerà, che io dica il vero, io parlo con quella verità, che conosce tutte le verità, voi siete fatti persecutori di Cristo; in che vi ha egli offeso o contristato, che così da lui apostatando vi siete fatti oppugnatori delle opere sue? E quello che mi raddoppia il dolore, si è, ch’io vi vedo aver poste le armi alla sacre Scritture, per usale contro Cristo. Io sono stato, Signore, in parte, che ho pregato, ha lasciato in testamento ad altrui lo studio delle sacre Lettere, io intanto ho dato le armi in mano agli avversarj tuoi, con esse ti perseguitano. Ma perdonami, Signore, perdonami, che io non credea, nè sapea, che la faccia dell’amore proprio, che la faccia dell’ignoranza di te fosse tanta, che dovesse muover le mani contro te, Signore, contro te stesso. Io, carissimo Tiepolo, t’ho sempre persuaso a cercare la cristiana disciplina, ma non credea giammai, che tu la dovessi usare contro Gesucristo; io t’ho dato il ferro in mano, ma non pensai che’l dovessi rivoltare contro Cristo, anzi contro te stesso. Questo è buono, messer Gasparo, la Sapienza di Salomone, usar l’autorità della sacra Scrittura e de sacri Dottori, poco viste e manco intese, da voi contro Gesucristo? O miserabili animi, over siete voi empj reclinati nel profondo delle miseri, non vi par niente oppugnar la Religione, biasimar quelli, che seguitano Cristo? O miserabili anticristi, io non vi posso altrimenti chiarmare; la grandezza della vostra impietà mi fa così dire, non credete con ira, nò, ma con uno zelo grande dell’onor di Gesucrito e della salute vostra. Non crediate, che mi sia alle vostre parole, come scrivete voi, commosso lo stomaco, nò; ma mi sono ben in tal modo dalla pietà di voi commosse le viscere dell’anima mia, che poco è in me sanità, non è cosa alcuna, che mi possi appieno rallegrare, e pure ho molte cagioni di allegrarmi più, che facessi giammai, e chi potria esser allegro, vedendo due così care parti di me stesso in tanta miserabile ruina e defolazione? io temo molto, che queste mie parole non abbiano a conturbare le menti vostre, parendomi non aver pur quello fatto, che io vi dico, ma sappiate (benchè il conoscete anco voi stessi) che sotto ombra vana di consiglio, e mostrando di non approvar la vita solitaria, le vostre lettere sono piene d’impissime bestemmie, nè altro fanno da un capo all’altro, che oppugnare la Religione, non è parola, che non abbi il suo veleno mortifero o palese, o nascosto, il che non voglio in tutto già imputar a voi, ma a quel sempre avversario delle verità, invido della umana salute, al quale avete consentito di esser istrumenti, egli ha dettato, e voi avete inscipientemente scritto, nè sapete voi stessi in molti parti quel, che vi scriviate, questi sono quegli animi cristiani oppugnatori della Religione, persecutori di Cristo, scandalo e ruina di altrui; arricordatevi che dice Cristo e non io, che qui scandalizaverit unum de pusillis in eum credentibus, expedit illi, ut mola afinaria appendatur in collo ejus, & projiciatur in mari.

Ma voi direte: io non sono scandalo a nessuno, se dico modestamente per carità, e non per malizia il mio parere. Ricordatevi, che Pietro amava più Cristo, che voi non amate il Quirino, e volendolo modestamente rivocare, non dalla Religione, non dalla solitudine, ma dalla morte, ch’è molto più dura, le disse Cristo: Vade retro Sathanas, scandalum mihi es. Or vedete, se voi potete esser chiamati e scandalo, e non solo anticristi, ma satanassi. Voi mi direte, che io impazzisco, e volesse Gesucristo, che fosse tanta e sì veemente la mi pazzia, che poteste sollevarmi in qualche parte da questa miserabile ruina, nella quale vedendovi colla mente, io vi dico il vero, non posso molte volte ritenere le lagrime, or pensate, se saprò ritener le parole, quando mi par, che tutto quello, che io vi dico, non aggiunge al merito della vostra impietà. Grido, ma Dio voglia, che voi mi udiate; vi chiamo anticristi e satanassi, istrumenti del diavolo, oppugnatori di Cristo Gesù, e Dio voglia, che a così orribili nomi vi sentiate qualche rimordimento della empietà vostra, che voi chiamate mondana e secolar affezione, e non sapete ben dire, ch’ella è diabolica persuasione. Non crediate a me; ricorrete un poco a san Tommaso al suo xvii opuscolo, leggere i tre libri di san Giovanni Grisostomo contra impugnantes Religionem; riconoscete la vostra miseria; non sprezzate la salute vostra stessa; io mi sento dall’acerbità del dolor vinto; non credete per il Quirinio, che quello che abbiano in lui operato le vostre empie lettere, per sue intenderete, egli non solo con lettere, ma con l’opere vi riprenderà copiosamente, ma il mio dolore è solo per la pietà di voi, la quale, quando sia un poco racquietato, lo misurarò col movimento delle viscere mie. Credomi sforzerà a torre temerariamente carico non dalle mie spalle di rispondere ad una ad una alle ragioni anzi perversioni vostre, cosa che adesso nè il tempo mi basteria a fare, nè la commozione dell’animo mio permetteria, e daràmi l’animo di farmi vedere in lettere vostre tante bestemmiae di Gesucristo, quante sono in quelle, non che clausule, ma parole e sillabe; tutto è falsità, ignoranza, empietà e manifesta eresia.

O messer Gasparo, qual è quel sermone di Basilio, in che egli dice di sestesso non aver potuto durare in solitudine? deh fate che il vedi anch’io per la fede vostra. Che fede, dico io, che non vi è punto in voi di Cristiana fede, e non vi adirate, che ciò est participatio della luce Cristiana nelle tenebre delle vostre eretiche ed empie lettere?

E tu buon Tiepolo, anzi poco buono, essendo nemico di Cristo, che quella ragione così filosofica, con la quale empi le tue lettere, vai così estendendo ed ornando, la qual a te par così vera, tu fai pur, che nasce, ed io lo conosco all’odore, e tu non saprai negare, da quella radice, che non sono molti mesi, che produceva da te così empio frutto, era negare la podestà del vicario di Cristo, opponersi, contendere e disputare contro il sommo pontefice, affermar non solo, che non ci potea scomunicare, ma che non era pontefice, questa oppugna la religione, quella oppugnava la chiesa di Dio, & quod omnium deterius est, Gesucristo esemplo di perfezione. Tu sei allegato per esempio di fuggire la perfezione. Oh Francesco amator delle solitudini, tu sei chiamato in testimonio a fuggire la solitudine. Io stupisco a pensarmi, quanta sia l’audacia degli empj.

Ma che fò io? son intrato non volendo a parlare delle vostre così empie e false ragioni; non è adesso il tempo forse, che la pietà di voi, e lo zelo di Dio mi farà metter la mano all’opera sopra le mie forze, a rispondere a parte e parte, a parola a parola, alle vostre lettere, allora potrò un poco più entrare in questi ragionamenti. Ora questa sola sia a voi quasi una voce, quanto io posso maggiore per richiamarvi dalla impiissima strada, nella quale siete entrati. Un grido solo sia questa mia lettera, il quale vi svegli dal sonno della profonda miseria, nella quale siete, e se io ho troppo lasciata andar la mazza, crediate che io l’ho fatto per pietà di voi, non per ira, non per istomaco, e mi par di aver detto poco. E se scriverò per rispondervi a quelle particolarmente, conoscerete spero, che non bisogneria parlar niente più modestamente, e non so anche con tutte queste parole, se vi muoverò a riconoscervi a mutar sentenza, la quale se voi non mutate, io vi stimo infideli deteriores &… infideliores, novi Joviniani, novi Vigilantii, & his etiam iniquiores. Direte che io sono proclive a giudicare; io non giudico voi in niente, quoniam cordis & animarum solus Deus inspector & cognitor; ma giudico bene le vostre lettere, e quello che ho detto di esse, non è nuovo mio giudizio, ma già de re judicata loquor; questo pur non sò tacere, che non solo il preponere la vita secolare alla Religione, come fate voi, che dicendo mille pazzie la fate più sicura, ma eziando il compararla è espressa eresia riprovata dalla sacra Chiesa e da’ Concilj. Ora sono troppo trascorso in questa lettera, volendomi, come penso, ad altra più ordinata rifervarmi, nella quale vi renderò ragione di quanto ho detto in questa. Vi prego ripensare il vostro abbominevole errore, e non credete, che sia piccolo, che l’è stato grande, che io non sò, se il potria esser maggiore. Perdonatemi, se vi offendo in esser con voi così libero; in altra causa forse nol farei; ma per l’onore di Dio e la salute vostra, mi par che sia modestia l’esser immodesto. Ritornate a Cristo, ritornate alla fede, e sforzatevi di non più impugnar, ma confessar Gesucristo in cogitatione, in verbis & in operibus; e se vi dispiace la Cristiana vita, se l’essere cristiano vi par male, rinegate al tutto Cristo, se potete creder far bene. Miseri che siete, e sempre sarete, infinattantochè non rivogliate l’intelletto e la volontà vostra al creatore, quello con l’intelletto cercando, quello con la volontà desiderando; ed in fine delle carte con questo vi lascio. Valete per adesso; io vi saluto, ma perseverando in qesta impietà nulla mihi vobiscum participatio futura est. In eremo die …. februarii m.d.xii. F. Paolo.

Non vi mando le lettere dirizzate al Quirino, nè penso fornir quella, che avea già cominciata, perchè mi pareria, che fosse cosa importuna e mal conveniente. Ajor enim est animorum vestrorum infirmitas, quam quod possit levioribus his medicamentis aut curari, aut deliniri. Fortiora quærenda sunt remedia, i quali voi stssi troverete, se vorrete torvi per salte vostra la fatica di leggere, come vi ho pregato i tre libri del Gristostomo, ed un opusculo di san Tommaso contra retrahentes hominem a Religione &.

10. To Paolo Giustiniani, 26 February (1512)[56]

Reverende Pater mihique semper colendissime. Già molti giorni dal nostro Messer Nicolò Teupolo mi fo resa una vostra suavissima epistola, commune a Teupolo, Egnatio et a me; la quale più volte lessi et rellessi vedendo sculpito in quelle lettere el vostro core, nel qual vedevo etiam impresso uno grandissimo affecto verso nui, benché, quanto apartene a me, cognosci esser molto magior di quel che io per ogni condition meriti.

Et havevo già comenzo a rispondere, né haveva fornito di scrivere expectando di fornire a la partita de uno vostro monacho, el qual per la festività de la Purgation de la Virgene se deveva partir de qui per vegnir a l’Heremo. Al qual io già non havevo parlato, ma el nostro gentil Messer Ioanne Brevio molte fiate era stato ne li giorni inanti con quel Padre.

Sopragionse mi che la vigilia de la dicta Festa concludessemo un par di noze de una nostra sorella natural in Messer Vincentio Belegno, gentil giovene, el qual forsi haveti etiam vui cognosciuto, et el dì poi di la Festa fessemo le nocie. Et, come in tale cose suol intravegnir, tuta la casa fu sottosopra et io occupato in varie facende. Per tanto, forzo mi fo lassar partir quel Padre senza mie lettere. Et dolsemi assai de la negligentia che ne li giorni dinanti havevo usato in non poner fine a quelle già mezze scrite lettere. Dil che etaim a vui chiego perdono, el qual so che per la benignità et charità vostra son facilmente per impetrare.

De la felice partita del nostro Querino sono stato et con dolore et con allegrezza insieme per vostre informato. Ma molto mi ha delectato el sentire come in vui il grandissimo dolore è converso in summo gaudio.

Dolcissime me sono state le contemplatione vostre et quelli giocundissimi ragionamenti che insieme con Pietro et Paulo spesse volte facete. Il che, oltra le atlre ragione, mi fa essere certo di la loro salute, perchè in uno vano phantasma mi par che serìa impossibile che il vostro intellecto tanto se inalzasse et firmasse.

Molto più dolce poi mi sono state le amorevole exhortatione vostre a la cognitione et amore del summo Bene, nel quale consiste la perfectione humana. Et quel tuto che altre volte, mi ricordo, di questa cosa havete lecto in molti auctori phylosophi et christiani, vedo da vui con tanta elevazione de intellecto esser gustata, che anchora in me, leggendo quella parte, ne risultava un poccho di gusto.

Vero è, per confessarvi in tuto el vero, che el mezzo de inalzarme a questo bene che vui charitevolemtne mi aricordate, a la bassezza mia sento chiarmente esser improportionato. Non dico solum nel seguir la vita monasticha me etiam nel versar molto ne la Scriptura Sacra. Quella prima et summa verità molto bene cognosce et sa quante volte mi son messo a quella impressa, et quante volte di core io l’ho pregata che me concedi gratia che in quello giardino pasca lo intellecto mio. Ma sempre sempre, che a tal impresa son messo, et indispositione grande nel corpo per questo humore melancholico et perturbation grande ne l’animo mi è risultata. Et pure ultimamente, dopoi che la febre quartana non mi dava più noia, mi havevo messo a leggere lo Evangelio di san Matheo et qualche cosa di sancto Gregorio et sancto Agustino, quando, oltre la indipositione del corpo, mi sentiva nascere per quelle lectione alguni timori ne l’animo, vani et pazzi però; pure, benchè il cognoscessi essere vani, mi davano grandissima peturbatione.

Pro quo rogavi Altissimum che mi devesse liberar di quella noia et indurme a quella via che per me facesse. Et a l’ultimo mi pare che, come non degno di tanta altezza, mi habbi posto una inclinatione in el animo che discenda, et che per adeso di quella moralità, la qual li philosophi hanno vista con el lume naturale, el qual è etiam dono grande di Dio, mi debba contentare, et in quelle speculatione basse de philosophi et theologi, che solum insegnano, zioè di sancto Thomaso, me debba contentare. Et questa via et questo debile lume a l’animo mio quadra.

Quelle altre cose de li theologi più vechi, li quali sempre in interpretatione mystice de la Scriptura over in admonitione di uno modo di vivere et di uno affecto di animo, al qual non posso inalzarme, la debellezza mia non sostene, immo, se io in quelle cose verso, di timore in discontento et di discontento in timore ritorno. Et cusì, onde che per quella doctrina penso liberarmi l’animo de perturabatione, mi sento di continuo in maggior perturbatione, et a poccho a poccho descendere poi ad algune superstitione et algune credulità paze, de le quali tute è causa la pusillanimitade di animo che tale lectione mi genera.

Per tanto, Padre mio, spento da una inclinatione interiore, la quale credo sia di sopra, ho deliberato quelle cose cusì alte havere in reverentia et veneratione, ma el studio mio mettere in queste cose più basse, perchè la luce di quelle la mia debile vista non sostene. Non crediate però che qualche volta non sia per vedere qualche cosa di quelle. Ma dicove che el continuo studio in esse è quello che mi noce.

Questa è la dispositione di li mei studii ne li quali posso dire consistere la summa del viver mio.

Son poi con li amici nostri gentili veramente, con li quali spesse volte spendo il tempo in ragionamenti boni, et maxime con il nostro gentilissimo Messer Triphone Gabrielo, il cui animo trovo io tanto ben composto et tanto privo de ogni perturbatione, quanto apena potrìa credere traovarsi in homo alguno. Et meno poi mi haveria persuaso che uno intellecto il quale non fosse molto versato in le scientie, fosse in ogni materia cusì perspicace et di cusì soddo iudicio; talmente, che non mi pare mai con alguna persona philosophare melgio et spender melgio il tempo che con lui. Haec de me.

Il nostro Teupolo è stato et è in grandissimi travalgi, ne li quali però ha usato una constantia di animo più quasi che humana.

Lo Egnazio è ne li sui studii, et hora compone una opera «De Exemplis» simile a quella di Valerio Maximo, dove cerca quasi comparar li homeni nostri, zioè nostri antiqui, al resto di moderni che in Italia et fuor de Italia sono stati.

Io, quanto a la sanitade dil corpo, gratia Domini, son liberato de la quartana et era molto bene riducto. Vero è che questo carnevale, come vi ho sopra detto, havemo facto nocie et maritata havemo una nostra sorella naturale in Vincentio Belegnio, gentilissimo giovene, et per la sua etade assai honorato. Hor, in queste noci ho facto molti desordeni, talchè mi havevo dismenticato de ogni ordine. Sono poi stato spesso a cena fora, da parenti, come è costume il carnevale farsi tra parenti. Sichè questi giorni non mi ho sentito molto bene et ogni quarto giorno mi sento un poccho conturbato.

Per tanto son ritornato a l’ordine et spero presto di ristorarmi a melgior habitudine di quella che io havevo per il passato. Non crediati però che io sia stato in questi giorni in lecto o molto in casa, perchè il mal che mi ho sentito non è stato molto grande.

Dopoi Pascha fate che intenda se seti per vegnir a Ravenna, perchè credo che certissimo insieme con Messer Tryphone nostro vi venissemo a trovare.

Solum superest che io vi pregi quello, dal che so certo non manchate mai, zioè che ne le oratione vostre faciate calda mentione di me, pregandome l’Altissimo che me indrizzi il core a la via de la salute et a fare la sua voluntade, removendome da l’animo ogni sorte di perturbatione, se cusì è per il meglio, et che in ogni sorte di fortuna mi faci che io ricorra a laudar et glorificar sua Magiestà, qui est benedictus in secula. A dì 26 Febbrar [1512]. Gasparo Contarini scripsit. Al suo molto Reverendo Padre Frate Paulo Iustiniano Monacho Camaldulense nell’Heremo di Camaldole.

11. To Paolo Giustiniani, 10 March (1512)[57]

Ià per molte mie lettere et, per avanti, in molti ragionamenti che solevamo far insieme, credo assai volte, honorandissimo et amantissimo Padre, haverve expressamente fato intender che ne la bona opinione che havevati de la persona mia grandemente eravati inganato. Pur, vui, iudicando in altrui quel esser che in vui sentivati, nel proposito vostro permanevi, hora nominandome bono, hora da bene, et con simili epitheti explicando la opinione vostra di me.

Hora che in qualche parte haveti fato experientia de la bontà et de lo elevato animo del vostro Gasparo, ben vedeti come seti rimasto ingannato. Perchè, a dirve el vero, observandissime mi, l’animo mio è cusì inmerso in queste cose sensibile, che ora pensa sia quasi impossibile viver in questa carne sequestrato da conversione civil, hora iudica tal vita ricerchar tanta perfection ne queli che a lei se metino, quanta in pocchissimi se trova, da la qual etiam vedesse lui esser molto luntano, et secundo el commune error, che nel iudicar suolsi trovar, da sé fa iudicio de altrui. Il qual error, perdonatime se presumptuosamente cusì dirò, anchora ne le vostre lettere io comprendo, vedendo voi persuaderve che quel ardente fervor et zelo che sentite nel cor vostro verso Christo, sia nel nostro indurato pecto. O quanto seti scostato dal vero! Non è in l’animo mio quel affecto che a vui pareva, anzi tanto è refredito di quel vero et solo vivifico calor, che nulla o poccho sente quelli che ben in dentro lo pungessono.

Non ve maravelgiate adonque, discendendo a risponder a le vostre lettere, se da un animo cusì affecto, come di sopra ve ho explicato, sonno venute parole le qual tanto habbiano offesso el vostro candido et preclaro, immo lucido, intellecto. La reprehension vostra, benché nel primo aspeto, a dirve el vero, me molestasse alquanto, dapoi tamen che melgio hebbi pensato, me è stata tanto grata che non so se alguna cosa ià molti giorni habbia sentito più grata, perchè veramente cognosco l’amor vostro verso di me esser sincero et paterno amore, el qual non permette macula alguna ne la persona amata, ma subito con ogni baldanza la coreggie.

Me è stato etiam di summo contento et gaudio il veder l’affecto vostro el summo Opifice de l’universo esser talmente infiammato et invagito, che più presto dir se puol che viviate in lui che in voi medesmo. (Felice et desiderando stato!) Il che fa, oltra che io me persuado voi iustamente reprehender me, che per niente volgi addur excusation alguna a la acusation vostra, immo con tuto l’animo et con ogni observantia accepto tal correption. Et instantissimamennte ve prego che spesso spesso in ogni altra mia opersation, le qual so esser molto errante dal vero camino, volgiate far il simele. Nè da queste vi retira el vederme cusì inmerso ne li vitii, che, come desperato, cusì iacer me volgiati lassare, perchè ben sappeti che, mentre la vita dura, sempre per la misericordia del Signore se puol resanare el peccatore et sempre li è concesso tempo di penitentia.

Però vi prego con tuta quella efficatia che io posso, che spesso spesso me volgiate visitar con vostre suavissime lettere, et quelle cose vostre drizate al Querino, la qual ià ve dimandai per mie lettere, et a boccha poi dissi al Querino nostro che per mio nome ve le rechiedesse, o raconze o non, me le volgiate mandare. Chi puol sappere se a qualche punto, da tante amorose voce percosso, l’animo mio se riscaldasse. Questo ben ve dico che, leggendole, non procede cusì infrigidandose de continuo come suol fare. Tanto ve prego adonque, quanto melgio intendereti vui di quel che io sappia exprimer: mandatimele più presto potete. Io, per me, so non esser sufficiente di esserve grato di tanto beneficio. Dio sarà quello che di tal fatiga ve ne renderà el premio. Sichè non ne dubitate di perder el tempo.

Questa sola cosa, leggendo ne le vostre lettere, me ha dato grande noia, vedendo che dicevi quasi che, raconzando vui quelli nostri tractadi et lettere mandate al Querino, sopragionse le nostre le qual tanta molestia ve haveva data, come si vede. La qual cosa quasi me faceva dubitar che più non fosti per manfdarnele. Dapoi tamen, riguardando a l’amor ne portati et al desiderio che haveti da giovarne, non posso persuaderme siati per privarne de quella lectione che tanto desideriamo. Nè crediate che per algun modo volgiamo esser di sorte che non habbiate participation con nui, immo con promptissimo animo et obsequentissima voluntà semo per rimoverse da tuti quelli errori, de li quali semo et seremo admoniti di esser incorsi.

Ben è vero che volentiera più particularmente desiderìa de esser correcto. Et se la copia de la lettera che mandai a Messer Vincentio se ritrovasse apresso de mi, come non se ritrova, haverìa, dapoi la reprehension vostra, ben considerata ogni parte, sforzandome di veder etiam quelli tanti errori et heresie che scrivete.

Non pensate però che sia intrado in tal ragionamento per far excusation alguna; immo, come di sopra ho detto, accepto la accusation vostra et tengome certo haver grandemente errato. Et quando anchora, fata ogni inquisition, non me paresse haver fallito, non atribuiria questo mio parer ad altro che a la mia grande cecità, la qual me fosso impedimento a veder etiam un chiarissimo lume. Ma tuto el parlar è per esser particularmente correcto, aziò particularmente me rimovi da l’errore.

Se adonque ben mi ricordo, Reverendo mio Padre, a confessarve in tuto el vero, et explicandove tuto l’animo mio circa tal cosa, quando el nostro Messer Vincentio se partì da nui per vegnir a l’Heremo, poccho men che firmamente io tenni che el venisse per intrar ne la Religione, et molti messi per avanti me ne haveva adveduto. Niente di meno, come lui potrame render testimonio, nè avanti che el partisse nè a la partita sua ge dissi pur una parola in disuaderlo da questo bon proposito.

Partito Messer Vincentio, dapoi alguni giorni me ritrovava con l’animo molto perturbato, et cusì infra di mi mi doleva di esser privo del ristoro che haveria possuto haver da sua dolcissima conversation. Quando, essendo io tal pensiero in Rialto, me fo refferito come l’era infermato. Il che, subito che hebbi udito, me dete una speranza di non esser privo de lui, come credeva, quasi questo fosse un segno che non era lo voluntà del Signore che Messer Vincentio li servisse in solitudine. Considerava etiam la delicata complexion del Querino et la aspreza de la vita heremitica. La qual tute cose me augumentorono assai questa speranza. Onde me mossi a scriver quelle due lettere. Ne le quale, benchè fosse io commosso assai da questo affecto di non esser privo de l’amico, quanto podeti (se non me inganno) me sforzai, non da disuaderlo che non intrasse in Religion biasmando la Religione over dicendo quella vita esser imperfecta, ma tuto el pensier mio fo de dimonstrarge che la vita de Religiosi, presertim de quelli Heremiti, era un a vita de homeni perfectissimi, a la qual perfection (credo che non me negereti questo) pocchissimi pervengono, et che el persuadersi esser vegnuto cusì presto a tal perfectione era forsi presumptuoso, non havendo fato altra experientia; et che a tanta impresa meterse ricerchava una grande circumspectione.

Credo etiam in fin qui haver ditto male, Et forsi che io l’ho detto, ma non el cognosco. In tuto me riporto a le admonition vostre.

Me sforzai etiam di dimonstrate che, benchè la vita de la Religione fosse de homeni perfectissimi, et in questa peregrination nostra tegnisse el principato, pur, che in tute era pericolo et in tuti li modi de viver ge era strada di salute, et che da la bontà divina non era, secondo el poccho veder mio, questi tanti et cusì diversi modi da viver instituiti senza causa. La causa a mi pareva esser, fra le altre che si potrebono addure, questa: aziò ogni sorte, ogni diversa natura de homeni potesse per diverse vie pervenir a la patria sua, ciaschadun sequitando quella che più a la sua natura et a le sue forze fosse agrado. Et che però non era da obstinarse in tuto l’animo ad una strada, perchè forse la voluntà divina era che per una altra el Querino a servir la Maiestà sua vegnisse. Et benchè forsi la strada de la Religion sia più secura et più remossa da le cose sensibile, da le quale tirati li homeni lassano el vero sentiero, pur ha in sè etiam algune sorte de pericoli, li quali forse non cusì universalmente, pur ad alguna sorte de homeni sonno di gran pericolo, et a quelli di molto maior che non sonno a loro el pericolo di caschar versando ne le cità.

Et, per non andar molto luntano, io ve dirò de mi medesmo. Non niego che qui, ne la patria mia, non caschi ogni giorno in mille sorte de peccati. Niente di meno a me par certo che con più facilità me possi guardar di caschar qui ne li peccati, dico, che sonno mortali. Et, se cascho, me par più agevolmente poterme rihaver. Et questo dico senza comperation di quel che io farìa de le tentation che solgie indur la solitudine. Credeti che io non son solo: ge ne sonno etiam altri di tal natura.

Vi parrerà forsi da novo, non sentendo questo in voi, che el possi esser in me et in molti altri. Già ve ho detto che nel iudicar è grande errore, che suol però ne li iudicii frequentissimamente acader: da sè iudicar de altrui.

Hor dicetemi, charo Padre Frate Paulo, non serìa grande patìa la mia et quasi un tentar Dio, sentendo in me questa disposition, se me obstinasse ne l’animo mio et, senza altra maggior experientia de le forze mie, vegnisse ne l’Heremo? Nè credo che li Padri vostri, sapendo questo di me, me acceptariano; immo è costume de tute le Religion ben instituide proponer a quelli che volgiano intrar in elle ogni difficultà et experimentar la constantia de l’animo suo.

Hor, per tornar al Querino nostro, oltra la delicatezza de la complexion, considerava etiam la natura sua non esser molto inclinata a star solo, nè mai haver fato di questo experientia, et io, non iudicando ma dubitando che quel che in me sentiva hora, il che ià alguni anni non soleva sentir, non nocesse etiam a lui, et, se non questa disposition, qualche una altra simile, non mi parse di errar, se li aricordai che non se ne dovesse obstinar con l’animo in alguna determinata via, ma in tuto devesse rimetersse in Dio, pregandolo che el drizasse in quel camino, che a la Maiestà sua fosse grato el suo servitio. Nè in questo me par haver mal detto, riportandome però al iudicio vostro.

Non credo altro di subtantia esser stado ne le mie lettere.

Lo exagerar queste cose, direte, esta mal fato. Non negarei mai che la praecipua causa di questa tal exageration sia stato l’affecto, de non esser privo de l’amico, che nel pecto sentiva. Pur a questo affecto era iuncta ne l’animo mio questa ragione: che se quella di Messer Vincentio era veramente vocation divina, che le mie cotal parole seriano prove de la constantia del Querino in tal proposito, a similutidne di quelle prove che solgiono fare li religiosi a quelli che novamente volgiono intrar in Religione.

Ultimo resta quel exempio de Basilio, el qual addussi in quella mia lettera. Non celandove in parte alguna el vero, quel giorno che poi la sera scrissi, over el giorno avanti, me ritrovai insieme con Messer Nicolò Teupolo nostro a visitation del signor Alberto da Carpi, dove se ritrovava el Musuro. Et fra li altri ragionamenti vegnissemo a ragionar del nostro Querino et de la vita solitaria la qual dubitavamo se el Querino volesse sequitar over non. Et il Musuro in quelli ragionamenti addusse questa cosa de Basilio, la qual poi me ocorse scrivendo a Messer Vincentio. Dapoi recevute le vostre et admonito da vui sopra questa cosa, ho voluto veder el fonte. Dal Musuro me è stata monstrata una epistola de Basilio a Gregorio, al qual scrive essendo in solitudine cun sui monachi però, chè, benchè lui se havesse remosso con el corpo da le perturabtion che sonno nelle cità et vegnuto a la solitudine, non era perciò libero de le perturbation de l’animo suo, le qual sequitava lui in tuti i lochi, et dice sè esser stato a similitudine di quelli che, ritrovandosse in una grande nave, dove per la fluctuation sentono nausea, se partino da quella tal nave et se metenno in mar in una barcheta, portando però con si in stomacho la colera et li altri humori, principal causa de la nausea, dove poi trovano maior nausea credendo haver trovato rimedio e la perturbation che ne la nave sentivano.

Questo dice Basilio. Non dice però sè non haver possuto viver in solitudine, nè biasma, immo lauda grandemente quella vita religiosa che lui con sui monachi faceva. Sichè, si io in quello exemplo ho errato, sappeti dove è processo lo error mio. A me pare che el Musuro dicesse quel che io scrissi. Potria etiam esser el diffecto da me che mal intesi; perdonatime.

Credo haver compresso tuto quel che ne le mie lettere se contegniva. Et è cusì grande le tenebre mie che io non vedo queste heresie, che dite, nè volgio haver parte alguna con Vigilantio o cun Ioviniano. Potria esser che la mia cecità et ignorantia me conducesse a qualche un de’ sui errori: sempre tamen l’animo mio è promptissimo da rimoversi ogni volta che serà admonito, nè in parte alguna se ha proposto de esser obstinato contra la verità.

Questo discorso tuto ho fato, amantissimo e venerando Padre, non per voler difenderme contra a vui (immo cun benighissimo animo acepto le reprehension vostre, et cusì credo certo haver errato) ma solum, aziochè più particularmente io da vui intendi questo mio errore.

A vui, son certo, non vi serà noiso el coregierme per quella innata humanità vostra. Adiuncto poi l’amore grandissimo che a me portaste sempre, et hora più che mai, amandome in Christo, al qual tuto l’affecto de l’animo vostro è converso.

Nel fine de le mie lettere questo solo mi resta dire, che per le altre mie pur me ricordo haverve scripto, hora anchora replicherò: Ricordative ne le oration vostre di far memoria di me, el qual, come vedeti, essendo in una cusì precipitosa via, grande pericolo ogni hora, immo ogni momento scorro di caschar. Dico, pazo che son, ‘pericolo’, dovendo dir: ‘certeza’. Nè maior speranza ho de poterme solevar, excepto l’auito divino, di quella che ho ne le oration vostre.

Non ve sia grave, etiam ogni giorno, dispensar un poccho de hora ragionando con nui ne le vostre suavissme lettere di quelle cose di che havere el cor pieno. Fareti a nui cosa tanto grata quanto nulla più. A Iesu Christo benedeto fareti molto più grata cosa che a nui, perchè niuno è più vero tempio de Dio de l’intellecto humano, et nel qual esser a lui renduto el debito culto più volentieri cerchi.

Pertanto, colendissimo Padre, di questa nostra expectation faciate che non siamo ingannati. El simile, son certo, farà el Quirino nostro, al qual etiam scrivo. Felix valeas in charitate Christi. A dì 10 Marzo [1512]. Gaspar tuus scripsit.

12. To Vincenzo Querini, 10 March (1512)[58]

Honorandissimo mio Meser Vincentio. Son stato tuta questa invernata, come credo per le mie lettere habbiate possuto comprender, con l’animo molto perplexo, qual deliberation fosti per far del viver vostro, el qual dubio me generava ne la mente una certa speranza di non perder el dolce conversar che soleva far testè con vui. La qual speranza augumentava il veder voi soprastar di risponder a tuti nostri amici, i quali di questo con molte sue lettere havevano tentato el cor vostro.

Hora, le ultime vostre ricevute per Marco del tuto apieno ne ha chiarito. Il che, benchè ne la prima vista et nol primo occorso molto perturbasse l’animo mio, el qual ne la sua carnal sepranza molti mesi se haveva nurtrito, sedato niente di meno quel primo moto et considerato che veramente questa era vocation divina, la qual a questa cotal vita ve haveva tirato; iudicando etiam che, se io ve amava veramente, molto più me deveva esser grato el ben vostro di quel che me era el piacer mio, el qual io prendeva da la iucundissima consuetudine vostra, subito in alegreza el meror se converse. Et cusì dentro di me diceva: Deh, per tua fede, se qualche grande principe mondano havesse chiamato a sè el tuo Querino per adoperarlo in qualche gran magistrato al suo servitio dal qual lui devesse riceverne qualche grande honor over utilitade, et che teco di questo suo futuro bene te dolessi transportato da questo affecto di esser privo de la sua conversation, non iudicheria ogni uno, immo te medesmo, che questa tua benivolentia fosse molto paza? Nè veramente questo cotal affecto se potesse domandar amicitia, ma una amorevole stultizia? Come adonque adesso potrastù dolerte, se el tuo Querino, chiamato dal Re de li regi et dal Signore de li signori al suo servitio, dal quale ne riporterà per premio el summo bene et la incorruptibile felicità, se ne è andato et te ha privo del conversar seco?

Et se più oltra tu discorri, questo tal grande Signore, al servitio del qual à el Querino, non solo è cusì gran Signore, immo è etiam tuo Signore non tyrannico ma paterno, el qual più te ama assai di quel che tu medesmo te ami; il che manifestamente potrai comprender, se con la mente tua discorerai per li grandi beneficii, li quali per sua sola summa bontà cusì ampiamente ti ha concesso, et, da l’altro canto, considererai la tua grande ingratitudine verso di lui; et, se anchora più indentro penserai, vedrai chiaramente questo Signore esser el summo bene, a la participation et similganza del quale tute le creature, secondo el poter suo et la natura sua, chi più et chi meno, tende non con altra via, se non con quel servitio che a lui prestano.

O felice et iucundo servire! Qual regno, qual imperio se debbe preponer, imo comparare con tal servitio? Et cusì dentro di me poi diceva: O felice Querino, a qual servitio sei tu andato!

El qual discorso tute le reliquie de la tristitia schazò e adempiè el cor mio di molta alegreza. Et cusì, confirmato l’animo, più sanamente considerava che a lui utilità vostra tanta era etiam adiunta la mia utilitade non menor forse di quella che da la conversation vostra io prendeva, prima con haver davanti li ochi lo exemplo del Iustiniano et poi el vostro, mei amantissimi, de li quali spesso l’amore mi fa pensare et ragionarne con altrui, e gran stimulo a l’animo mio in tute le sue operationi.

Dapoi, essendo vui ne l’Heremo, so che non vi serà grave un poccho di hora del giorno spendere in ragionar meco di quelle cose da le quale le citade son molto lontane et, per l’incontra, lo Heremo da ogni parte scaturisse. Son certo che la benivolentia me portate et la charitate vostra cresciuta verso Dio et, per consequente, cresciuta etiam verso el proximo vostro, in el quale amate Dio, non vi lassarà pretermeter questo offitio di pietade et misericordia verso de nui.

Se Aristotele, privo del lume vero et di quella charitate, la qual sola Iesu Christo ha lassato per precepto a tuti nui, dice nel nono Libro de la Hetica sua che, essendo officio de ogni amico subvegnir a l’amico suo ne li besogni sui circa le cose pertinente al corpo et a la fortuna, molto più debbe esser officio de l’amico subvegnire l’altro amico ne li deffecti sui circa li beni de l’animo, li quali veramente son beni et veramente sonno nostri: Che adonque dirà uno christiano, el qual ha udito nel sacro Evangelio da la boccha de Iesu Christo: Questo è el precepto mio: che ve amate insieme come io ve ho amato vui, zoè praecipue ne li beni di l’animo, ne li quali Christo ne ama et amò li discipuli sui? Perchè ne li altri beni ben sappeti che li electi de Dio in questa peregrination spessissime volte sonno molto percossi.

Per tanto, Messer Vincentio mio, me rendo certissimo che non vi serà noia un poccho de hora del giorno spender inscriverne, aziò poi, in capo de alquanti giorni, possiamo longamente ragionar con vui, il che suplirà a tuti li ragionamenti che in molti giorni qui in Venetia solevamo far insieme.

Non serò adonque privo del conversar con vui come io me pensava, et il che molto me angustiava in quel mio terreno affecto.

Ma più: non potrò io, sempre quando a mi parerà, vegnire a star con vui lì in quel bosco un mese et più, se me ne vegnirà la volgia? Son certo che a quelli Padri, per la humanità et benignità sua, non li serò fastidio, a vui facendo apiacer.

Ecco per quante vie, se da me non mancherà, potrò goder la iucundissima consuetudine vostra. Et, per dir di questo ultimo: desidero grandemente dimorar in quel vostro bosco un mese di questa estate insieme con vui, se le turbolentie de le guerre non me impediscono, per el rispeto che etiam questa estate me impedite, et più per questo scisma, el qual pur va procedendo oltra come vedeti. Dio serà quello che guiderà el mio camino et el mio pensiero.

Voi stareti lì remosso da le pertubation de le guerre et de ogni altra civil turbolentia. Non vi crediate però di stare, come son certo non credeti, privo et quieto da ogni sorte di perturbation, immo aparechiative di haverne forse di magiore di quelle havevi al seculo, perché lo inimico de la humana felicità con magior forze se mette ad expugnar coloro li quali vede lui aspirar a maior perfection. Il che vedendo, quel sapientissimo Salomon diceva: Fili, accedens ad servitutem Dei, praepara cor tuum ad tentationem, et suffer ac sustine.

Ma, benchè le impugnation seranno magiore, più valido serà lo adiuto di sopra. Ve haveti con tuto el cor messo nel refugio de Dio, et sappeti che Dio, come dice el Profeta nel Psalmo, ha posto el refugio suo altissimo, et tanto alto che a lui non puol aproprinquarse mal alguno, di quelli, dico, che veramente sonno mali.

State adonque con l’animo constante et securo sotto tal protection, sperando non in le vostre forze ma ne lo auxilio divino.

Pazo io, che son transcorso in admonir vui, io, pien de ignoranzia et in tuto summerso nel fango, dago aricordo al Quirino et assumo testamentum Domini per os meum, havendo gitato driedo le spalle la disciplina sua! Perdonatime et per questa volta sopportati questa mia presumptione. Ma forsi fungar vice cotis, acutum reddere quae ferrum valte, exors ipsa secandi. Et forsi che, cusì dicendo, inciterò anchora molto più vui a darme quelli aricordi, che vedereti esser al mio proposito.

Non mi extenderò per questa prima più oltra. Ne le altre serò poi tanto longo che ve darò noia, credo. Volgio etiam io ogni giorno un poccho de hora spender in scriver over a vui, over a Frate Paulo, nel qual tempo me imaginerò esser con vui in una di quelle vostre celle et confabular insieme con vui.

Tuti li amici vostri se ricomandano assai, infra li quali el Signor Alberto da Carpi, el qual ve è affectionatissimo, ve prega assai che ne le oration vostre faciate memoria de lui, Don Faustin da San Zorzi se ricomanda etiam assai. Il simile el nostro Donato, Messer Zuan Aurelio et, breviter, tuti li amici.

A mi solum resta di pregarve quel che so sempre facete, zoè che pregate Iesu Christo per me. Grande speranza ho riposta ne le oration de vui altri religiosi, mei amici. Felix valeas nostri memor. A dì 10 Marzo [1512]. Gaspar tuus scriptsit.

Al Magnifico Messer Vincentio Quirino Doctore in Camaldole.

13. Giustiniani to Egnazio, Tiepolo and Contarini, 12 March 1512[59]

Jesus. Se l’affetto dell’animo mio verso di voi, carissimi Egnatio, Tiepolo e Contarino, potesse a voi essere manifesto senza il mio scrivere, e quel che non voi spesso spesso così lontano ragiono, nell’animo vostro fosse sentito, a me saria più caro il non scrivere per molti rispecti; ma perchè gli animi nostri, mentre che sono in la prigione di queste membra richiusi, non possono senon per esteriore operazione li affetti suoi l’un all’altro manifestare, non può l’animo mio pieno di ardente affetto della vostra pace, e tranquillità, del vostro non pure transitorio, ma in eterno per permanente gaudio non discendere a scrivervi rare volte alcuna di quelle cose, che spesso tra sè stesso con voi ragiona.

Non aspettate da me, che io vi ragioni d’altro, che di quelle cose, delle quali l’animo mio è pieno. O buono, o reo che sia quel, che nel petto si rivoglie, quello in ogni ragionamento esce di fuori; se tal mio parlare con voi non vi fosse grato, io son più atto a tacere in tutto, e non vi scrivere giammai, che non son atto a parlarvi d’altre cose, che di quelle, delle quali ho tutto il cuor pieno. Le mie lettere a voi bisogna, che sieno o tali, o nessune; quello, che vorrete voi stessi di queste due, sarà per avvenire. Addesso per questa avrete da me, nella quale altro non vi voglio scrivere, altro non vi voglio notificare, senon che desidero con tutti li desiderj miei, che voi vi rivogliate con più amore, che non siete a quel che io credo volti al desidero della futura vita, della eterna imarcessibile gloria del celeste regno, per amor del quale vorrei, che volgesti le spalle piene di un santo dispregio del Mondo e d’ogni cosa creata e temporale.

Vorrei, che fatti magnanimi con gli occhi fissi nell’eternità calcaste sotto a’ piedi vostri, come vil lutto tutte quelle fuggitive e transitorie cose, nelle quali gli animi terreni involti si dilettano. Non vorrei tra molti, ch’io veggo dal veloce ed infido torrente della vanità mondana esser al mare di ogni miseria rapidamente menati, veder voi, carissimi amici, anzi carissime parti dell’anima mia, membra enim spiritualia ad invicem sumus, e se io in questo istesso misero torrente mi affatico, quanto posso di notar all ripa, prima che io sia al mar miserrimo di eterna morte trasportato, non vi sia maraviglia, che come io posso, voi a far il simile solleciti. Deh carissimi stracciatevi dagli occhj il velo della consuetudine mondana, ogni nebula di terreni affetti discacciate davanti la faccia vostra, e considerate, quanto sia vano il Mondo, quanto sia ben certo non una, ma universa vanità quell’animo, che celeste ed eterno creato, di vane e momentanee cose così si pasce, che dell’eterna e celesti, o non mai o raro, e quasi come in segno vi pensa.

Lascierò mille altre cose, che potria ragionar con voi, le quali della vanità del Mondo vi potriano dar chiara esperienza; ma essendo voi, con cui io parlo, tre, di tre cose nocissimamente avvenute voglio ragionar, e con quelle eccitare le menti vostre, oppresse più ch’io non vorrei, dalla ignoranza di sestesse, quanto è vano questo sonno dell’amore del Mondo, nel qual non vorrei, che dormiste voi, acciò non avvensisse a voi quel, che di molti dice il profeta: Hanno dormito il suo sonno, e non ritrovarono niente nelle lor mani. Risvegli voi dal misero non sonno, ma letargo dell’amor di qualunque cosa creata tre potentissime voci, che siete sordi in tutto, credo che vi debbano all’orecchie dell’anima risuonare e farsi sentire: La morte, per tacer altri, di messer Marcantonio nostro della Torre; la conversione del più mio ora, che vostro messer Vincenzo Quirino; e la misera (per lasciar stare il resto d’Italia) la misera e lagrimevol nuova strage Bresciano;[60] cose a chi non ha il cuore adamantino, si possono far molto intrinsecamente sentire, e commuovere ogni pià addormentato pensiero a riconoscere la non pur vanità, ma miseria di questa vita, la quale sa ben sempre miserrimi quelli, che solo di questa pensa, sol in questa si fonda, si diletta, e questa sola ama. Ripensate un poco, per far così un breve trascorso per queste cose il curioso ed incessabile studio di messer Marcantonio ad acquistar, se debba Lettere, o gloria di Lettere.

Amico mi fu vivo, morto io ho pregato e pregherò sempre per lui, ma voglio pur dire quello, che mi par vero, e fosse qual si volesse il suo intento, io non determino nè l’uno, nè l’altro, riconoscete voi al suo esemplo, quanto è vano. Amò le Lettere, e non di gloria era studioso, e sia così; pur non dirizzando le Letere alla cognizione del Creatore, del Salvator nostro Gesucristo, che cosa è più vana del Mondo, che così sollecito studio delle Lettere? Qual contentezza ha mai data la sua scienza al nostro messer Marcantonio,[61] le sue discipline, che non sia stata vanità? Qual premio delle sue fatiche ha ritrovato al fine di quelle morendo pervenuto? Qual uso di tanti studi ha seco portato? Forse, che in quella celeste patria, in la qual prego, che sia pervenuto o nell’infernal esilio, dal qual l’abbia la misericordia di Dio liberato, bisognan dialettici argomenti, o filosofiche dispute, o matematiche discipline, o arte di medicina, forse o Greco, o Latino, o Tosco ivi si ragiona, e non piutosto nello specchio della Divinità ogni cosa si vede, e senza ragione di discorso si conosce ogni verità da quelli, che in quel beatifico lume si possono specchiare?

O quanto sarebbe giovato al nostro carissimo, se egli avesse o in tutto, o almen in qualche parte il suo studio rivolto all’evangelica verità, al bene operare secondo la cristiana disciplina, ne sentiria ora il frutto copioso e dolce, onde io temo, che dalli studi suoi non ne senta amara e dolorosa pena. Forse un da lui difeso e laudato Aristotele adesso il riporrà in cielo? Forse un’ Euclide gli prepararà la scala con lu sue proposizioni da montar alla gloria di Dio? Forse un Cicerone orerà si ornatamente per lui, che persuaderà il Signor eterno del cielo a riceverlo in la sua patria? O misera vanità mondana, quanto ti saria stato meglio in questa vita peregrina con gli studi, coll’opere, colla lingua aver confessato Gesucristo Salvator dell’umana natura, acciochè egli adesso confessasse te avanti il padre eterno. Ma tu dotta anima, over hai tu lasciato le tue dottrine; chi ne hai tu erede costituito, o qual parte di quelle hai teco portato? Credo che ora conosci, quanto sia più alta e sublime la semplicità cristiana, che la sagacità filosofica; e non dubito punto, che se a questo mondo ritornasti, non penseresti più nè ad Aristotele, nè ad Avicena, ma al Vangelo ed alla sacra Scrittura, la quale c’illumina nella Fede, c’innalza alla Speranza, ci accende di Carità, con le quali virtù alla visione beatifica di Dio si perviene, e dalla quale le dispute de filosofi Gentili ci allontanano.

Io così con quell’amica anima ragiono, così con voi spesso parlando vi dimando, qual frutto sperate voi dagli studj vostri, i quali in questa vita finiranno? Non voglio prender a disputarla con voi, ma da voi stessi considerate meglio, che io non vi saprei dire, il fine de vostri studj mondani, e sò che vi vergognerete, che un’animo eterno sia così in cose momentanee tutto occupato. Pensate, che frutto vi aspetta dopo questa vita breve, e doleravvi avervi tanto affaticato per raccogliere amaritudine e supplizio. Ora se sono vani gli studj delle umane lettere non drizzati alla beatitudine eterna, com’è vano, chi in quella vanità cerca gloria? Se cerco al nostro già da noi partito amico gloria de’ suoi studj, vedete quanta ne ha in tanti anni acquistata, che nelle cittadi stesse, in cui è vissuto, e ne’ suoi studj andatosi adornando, più senza proporzione saranno quelli, che pur al nome, al volto nol conobbero mai, che quelli che’l conobbero, non tutti per dotto; ma molti per poco dotto o ignorante l’hanno tenuto, molti mediocremente erudito, e delli suoi auditori stessi, credo che vi sia stato sempre alcuno, che l’abbi piuttosto biasimato, che lodato. Or vedete che gloria è questa sua? Pensate alla grandezza non voglio dir del Mondo, ma d’Italia, e se non trovate che di mille uomini dotti, e lascio gl’altri d’Italia, novecento non sanno chi sia messer Marcantonio dalla Torre, io volgio dire, che non sia vana questa qloria. Ma forse si dirà: quella ch’ei non ebbe in vita, l’ha lasciata al Mondo dappoi la morte. Bella e solida gloria, che sarà un quindici giorni, dico troppo, ricordato con un certo pietoso sospiro, e poi quasi non fuisset, non resterà più di lui memoria, senon una tenue e leggera negli animi di alcuni pochi, che non le Lettere sua, ma l’amicizia e fraterno amore conserverà.

O Fracanziano, o Cotta, o Paolo Canale, o voi tutti dotti di questa etade già da noi dipartiti, quanti sono quelli, che di voi per le Lettere vostre si ricordano? Pochi o nessuno; e se alcuno di voi tiene memoria, è piuttosto per l’amore e per la consuetudine con voi avuta di quello, che per le vostre lettere. E sebbene tutti gli uomini dell’universo tenesse di voi una onorata memoria, che questo è a voi ora? che ne sentite voi, qual utile, qual contento per questo sente, o è mai per sentire gli animi vostri da questo Mondo partiti? Vano dunque fu il faticar vostro per la gloria mondana, la quale nè vivendo acquistasti, dico di chi la cercò, nè morendo lasciasti, nè con voi portasti in parte alcuna. Non voglio usa nessuna autorità, nessuna ragione, di che si potria empire ogni volumaccio; ma dicavelo Marcantonio della Torre, il qual nel fiore della sua gioventù, quando meno pensava, quando più speranze si ordiva, quando più il Mondo amava, ed esser dal Mondo più amato si dilettava, allora in un volger d’occhio, se n’è ito per non più ritornare, e l’amato Mondo, le seguitate Lettere, la desiderata gloria, e tutte le altre cose, di che si poteva dilettare, ha lasciato; nè ha seco altro che la conscienza delle buone e delle non buone sue opere, della sincerità e dubbietà della Fede, della confessione o annegazione di Gesucristo, portato; e secondo quella in eterna o vita, o morte sarà destinato.

Quanto più non dirò savia, ma avventuratamente, per mercede di Dio, è al nostro magnanimo Querino avvenuto, il qual non isforzatamente e violentemente, nè con dolore ed amarezza, ma volontaria e spontaneamente, con letizia dell’animo suo ha lasciato il Mondo, non già morendo come il Torre, ma come morto e puzzolente il Mondo e tutti is suoi desiderj lasciando, quello dal Mondo con l’effetto partendo ha forse ancora gli affetti dell’animo nel fango del Mondo attuffati, questo non avendo ancora il Mondo con l’effetto lasciato, che pur vive nelle sue membra, ed in terra col corpo conversa, ha con tutto il suo affetto il fango mondano abbandonato, ed in terra ancora essendo, comincia con i desiderj in cielo a conversare; ed ivi per più lietamente salire, si ha da ogni carico terreno, da ogni mondana soma quanto più potè alleggerito, fattosi senza padre, senza madre, senza patria, senza amico, per pervenire, quando al Signore piaccia, a quel vero celeste padre Iddio eterno, e quella vera celeste madre ed eterna patria celeste Gerusalemme, a quelli veri amici ed inseparabili celesti spiriti.

Comparate l’una morte all’altra, la violente e dolorosa del Torre, alla volontaria e gioconda del Querini, e proponete a voi stessi, quale di queste dobbiamo desiderare ed eleggere; o aspettare quella, che a vostro malgrado dal Mondo, e da ogni amara cosa mondana vi diparti, ed a quel permio o pena vi guidi, che s’avranno i vostri amori guadagnato, oppure voi stessi prevenendo gli affetti tutti mondani, ed il Mondo quanto si può lasciando, la stada alla celeste beattudine preparavi, come ha fatto il nostro amato Querini, il quale le cose del Mondo in ogni cosa più, che alcuni di voi avendo gustate, e l’amarezza di quelle apertamente conosciuta, non con nuovo pensiero, come forse credete voi, tutte le ha in un punto abbandonate e sprezzate. Anzi già molti non dirò mesi, ma anni avendole coll’interno affetto poco amate, ora le ha con l’esterior effetto gettate, ed a quelli, che non sapevano, qual fosse l’interno dell’animo fuo, dimostrato, il qual’essendo stato a me in gran parte non nuovamente manifesto, errore saria, se io a voi non manifestassi, e se alli vostri discorsi piuttosto vorrete credere, che la mia non finta testificazione, non d’altro sarà la colpa, se non di quell’affetto vostro in terra tutto sommerso, che simile a se ogn’altro giudica. Ma io mi arricordo, che appena era da’ Patavini studj uscito il Quirini, ed io ancora in quelle, non istudj, ma ombre di studj altre occupazioni mondane ritenuto, quando insieme non una, non dieci, ma più di mille volte lunghissimi ragionamenti facendo, per il primo passo lo studio delle sacre Lettere dover essere la nostra occupazione in questa vita ci proponessimo, non per sapere, non per gloriarci, o cercare di esser gloriato, ma solo per ajutarci con quegli studj al bene e cristianamente operare, al desiderio della celeste patria accenderci. E questo già dieci sono e più anni, ch’era così negli animi nostri stabilito, che nessuna cosa era più ad ambidue davanti gli occhj, che questa; e chi a noi non nuoce. Dal primo passo al secondo fu pur il Querino il primo, ed alcun di voi il sà apertamente, tra noi che vi si trattasse, e me con molta prudenza e grande amore a quello trarre s’ingegnò.

Questo qual fosso voglio tacere, ma non sì, che non confessi tale essere, che senza quel fare, non si può all’amore delli celesti beni pervenire: e molti anni son già, che questo sì difficil passo il Querino varcando, per non poter mai più addietro ritornare, a sestesso volontariamente il passo rinchiuse. Dappoi questo credo non fallire, se io dirò, già più di tre, e forse quattro anni sono passati, che il Querini con voi vivendo esteriormente, nell’interiore dell’animo, già con istabilita e ferma sentenza viveva nell’abito e conversazione monastica, o poco da quella diverso, e ad essere tra monaci sestesso avea dedicato; ed alcuno di voi ne potè esser di ciò certo, senza che io il dicessi, che sa quanti pensieri, quanti ragionamenti si ha di questo insieme fatti. Or nol crederà, chi vuol non credere, ma pure sappiasi, che là al Bosco del Montello non si andò per fare quella confessione solamente, ma si trattò di secreto cosa più a dentro, che non si mostrava di fuora. A Praglia similmente di vivere con quei monaci stretto e maturo ragionamento fu fatto; e quel semplice Tommaso, che allora mostrava non sapere che andarsi, non altro pensava senon di ritrovar luogo, ov’egli e ‘l suo Querini si potessero dal Mondo separare in penitenze de’ suoi peccati, e nell’amore di Gesucristo esercitare. Tutto questo vi dico, e molte altre cose lascio forse più efficaci per mostrarvi, che non è stato nè nuovo, nè poco esaminato, nè precipitato in alcun modo il pensiero e l’affetto del nostro buon Querino in questo suo abbandonare il Mondo, nè causato da alcuna mondana occasione, come molti sciocchi si pensano, ma solo da un vero conoscimento delle mondane vanità, e da un sincero amore di Gesucristo.

E chi si pensa o dubita, che il Querino si sia alla monastica o eremtica vita convertito per le ruine, per le perdite dello stato e del dominio della sua terrena patria è molta dal vero lontano. Non era ancora il Querino nella seconda sua ambasciatore andato, sebbene già eletto, quando vivere lontano e separato dagli onori e cure mondane aveva deliberato, benchè non avesse allora l’esser monaco deliberato. Non era ancora un Re di Francia discesso in Italia, non era stato ancora l’esercito Veneziano fugato e disperso, nè la Lombardia da’ Barbari occupata, quando avea il Querino nell’animo stabilito di vivere tra monaci della sua patria in qualche solitario luogo lontano: or vedete bene, come s’ingannano, chi crede, che le ruine della patria abbia mosso il Querino a farsi monaco. Molto più ancora s’ingannano, e falsamente giudicano quelli, che credono per non poter aver a sua desiderio le dignità e magistrati, abbia egli la patria abbandonata.

O quanti sono quelli, che con gli affetti bassi e vili degli animi suoi misurano i pensieri altrui, che non credono, che vi sia altro bene, nè altra felicità dell’uomo, che l’essere nella sua patria in magistrato, e di questo come della più eccellente cosa si pasce, giudica poi da questa sua viltà gli animi degli altri. Ma al Querini tornando io credo, che in essi stessi magistrati, sebben di fuora al comun’ uso vivea, nel segreto dell’animo suo gli dispregiava. Senza dubbio io giudico, che se in questi anni, ne’quali o poco, o piuttosto niente à magistrato, avesse fatta non tanta, ma la decima parte di quella sollecitudine per averli, che fanno li più mondani ambiziosi, avria avuto di quelli, che sarian stati sopra l’etade sua, e ad ogni tempo che vi avesse applicato l’animo, a questo saria stato pur troppo adoperato, quando essendo fin quì, e già quasi con la cocolla indosso, gli viene scritto da chi può usarlo, di mandarlo in assai onorata facenda per nome della Signoria, perchè non avria esso avuto dignità tante e più che ogni altro suo coetaneo, se le avesse con que’ modi cercate, che dalli più si cercano. Meno ancora è vero quello che alcuni non solo stolti, ma iniqui potriano dire, ed è stato detto, che il Querino superbo vuol signoreggiare in ogni modo, e non potendo tra’ Senatori, vuol tra’ Frati dominare.

O gentili invenzioni che son queste! Or vedete, se vuole signoreggiare, che egli non pensa, nè studia mai altro, che di umiliarsi, e d’essere umiliato da tutti, e per questo rispetto più che per altro forse ha eletto piuttosto al suo vivere questo eremo, che altra religione, ha fuggite quelle magne e ricche congregazioni, ove sono tanti abati, tanti governatori, per non cader in governi, e si ha messo in luogo, dove non puol’esser altro che semplice monaco. Cessino questi empj giudizj tra voi almeno, e non si dichino queste empietà, nè davvero, nè da scherzo parlando, che non son cose degne di voi. E sappiate di certo, che il Querini non ha per nessun rispetto, nè buono, nè reo, mondano e terreno eletto questa vita, nè per amor di persona o cosa mortale. Quello che ha mosso il Querini, è stato la grazia dell’altissimo redentor nostro Gesucristo, che gli ha fatto conoscere, le cure mondane essere non solo vane, ma pericolose all’anima di chi in esse vive, però si ha dirizzato con tutto l’affetto alla futura eternità. Alla qual eternità avendo gli occhj della mente intenti, ha riputato più vil, che sterco della terra, tutte le vostre ricchezze, tutti li vostri così sublimi onori e magnifici magistrati, ha conosciuto quello, che temo non conosciate voi, che alla beata felicità non si perviene, senon da chi a quella drizza tutti i suoi pensieri ed amori, ogni altra cosa dispregiando. Questo è stato il motivo; non dispetti o disperazione di cose terrene, il qual l’ha fatto eleggere questa vita povera, solitaria, umile, incognita, ma molto più quieta, anco in questo Mondo, molto più tranquilla, e per dire in una parola molte cose, molto più da uomo, che le vostre ricche nelle frequenze, nelle altezze delle magnigiche e preclare dignità vostre.

E se avesse saputo veder una vita più atta di questa, a quella si avria portato, ed io a lui mi sarei unito. Or quanto meglio fareste voi tre ad imitazione del nostro Querini, non dico farvi Frati, non, senon vi piace; ma a desiderare l’eterna vita, a confessar Gesucristo, a non giacer sempre nelli bassi e vani amori terreni, a lascia i desiderj di onori o ambiziosa, o immoderatamente cercati, a lasciare gli studj vani de’Gentili per amore di Dio benedetto, come gli ha lasciati per forza il nostro Torre; ed in vece di questi add accendervi tutti di desiderio dell’eterna beatitudine, ed attendere agli studj de’ sagrosanti Vangeli e della sagra Scrittura. Di me potrete dire con ogni verità, pazzo era quel Tommaso, e sempre visse pazzamente, in fine pazzo si ha fatto monaco. Questo nol potete dire del Querini, che sempre per prudente, per savio l’avete tenuto; di me potreste dire, come l’avete detto, quel malinconico si dilettò sempre, come fiera silvestre ch’era, d’una solitudine, superato dalla veemenza dell’atrabile si è alla fine in quella orribile solitudine ridotto.

Questo non si può dire del nostro fra Pietro, che sempre giocondamente visse, e per lieto e sanguineo avete conosciuto, amico delle compagnie, ed in quelle assai piacevole. Di me si poteva dire: quella stemma non era ad altro, che da esser monaco; inetto a tutte le azioni del Mondo; non era buono da niente; a che si poteva quel pezzo di mole o per se, o per altri adoperare? Dell’amico nostro Querini non si può dire questo, che e negli studj, e nelle cose private e nelle pubblicahe quanto era svegliato, sollecito, destro ed accorto, ognuno di voi lo conosce.

Direi qualche altra cosa, ma non voglio più dire male di me stesso; dirò ben del Quirini, che vi dee commuovere tutte le viscere vostre col suo esemplo. Egli vi può di certo dire: Hebræi sunt & ego, sono il Tiepolo, il Contarini e’l Egnazio Veneziani, e sono delicatemtne nutriti, e sono vissuti tra amici, e son’ usi alle compagnie, sono letterati e dottori, e sono negli amori de’ parenti ed amici, e sono ne’ Magistrati, nelle ambizioni, ed io, ed inscipientemente, come dice l’Apostolo in omnibus his plus ego. Perchè dunque se così vi dice tacendo, non vi si commuove l’animo a volerlo o in tutto, o in parte imitare? non vi potete scusa alcuna fingere, che non sia stata più o meno così in esso Querini; ed egli pur tutti questi mondani, vani, vani, vani piaceri ha calcato magnanimamente, non solo per giovare s sestesso, ma per giovare etiam a voi col suo esemplo; esemplo di così dotto savio e prudente amico non vi lascia scusa presso Gesù benedetto.

Considerate vi prego quante agitazioni vi sono negli stessi riposi, quante miserie nelle stesse contentezze, non solo di ogni particolar e privato uomo, ma non meno negli stati e nelle repubbliche, il che, lasciando ogni altra prova, vi dica e dimostri la Bresciana recente strage, la quale tal’ è stata, che fino quì si è udita e sentita, e se non così distintamente, almeno un gran rumore. Delle altre due cose, ch’io sapea qualche parte, ho lungamente parlato; di questa terza, delle quale non sò niente di certo, non voglio altro parlare, senon pregarvi, che voi stessi ve la proponiate davanti, e con molta cura a parte a parte considerare, che credo vi mostrerà mirabili cose, l’incertezza de’ stati, non che privati, ma pubblici, la vanità del rallegrarsi di cosa mondana, la miseria di non solo di minuti popoli, ma di alti cittadini, e di grandi e nominati uomini. Queste sono quelle pazzie, che vi fa scrivere il vostro fra Paolo, queste sono quelle cose, delle quali io sò ragionare, bisogna che io taccia con voi, o che di queste o simili cose io vi ragioni, le quali se a voi non giovano, siate certi che a me giovano assai, perche quantunque io sia monaco, io ho tanto e forse più bisogno di considerare tutto il giorno queste cose, perché monaco di abito e non di effetto.

Perdonate alla mia ignoranza, importunità, e mordacità, e mal composta locuzione. Io sono così dappoco. Sopportatemi vi prego e imponetemi silenzio, ch’io ‘l riceverò volontieri. 1512 adì 12 marzo nell’eremo di Camaldoli. Fra Paolo eremita.

14. Pietro Querini to Contarini and Tiepolo, 12 April 1512[62]

Iesus Cristo sola vera et perfect via, per la quale possiamo dirizzare alla salute sia quello, che vi racconsoli, che vi guide Theupolo et Contareno miei per questo triste, et cieco mondo: et prestavi gatia insieme con Paulo, et Pietro vostri[63] di potere sempereternamente fruire quella immensa dolcezza, ch’egli promettet a qualunque lo amera di cuore.

Non volgio, amici miei sopra gli altri tutti, che sono per habitare tra gli huomini carissimi, che noi speriamo tanto le institutione delle vite col lodare una, et biasmare l’altra, che quella inconsutile tunica di Iesu Christo s’habbia in alcuno modo a dividere. Non siano più tra voi, et il buon Paulo nostro differentie qual stato sia da seguire, qual da fugguire. Tutti siamo Christiani: non si vergognamo pure col nome insieme havere la lingua, il cuore, et l’opere nostre. Amiamo sole Iesu benedetto, et amaremlo, servando e sue commandamenti. A lui dirizzamo l’intelletto, la mente nostra ad haverlo per vero iddio, a cognoscere per discorso la potenza, la maesta, la bellezza sua, l’amore immesno, ch’egli semper ci ha portato, et ci porta anchora. Et andiamo drieto questo amore, cosi belando, come il pecorino suole drieto il suo pastore: infiamandoci, raccendosi il cuore d’un dolce et amoroso foco, che levi, scacci, consomi ogni affetto terreno, ogni mondano desio, che ci potesse dal nostro vero bene allontare. Cerchiamo d’immitare le dotti, ch’en lui si possono immitare, amando il proximo nostro di cuore, non seguendo i proprii voleri, cognoscendoci drento et di fuori essere in tutto niente, pieni d’errori, pieni di colpe, deboli, tristi, et scagurati. Et da lui ricognoscamo quanto di buon ci puo essere in noi. Seguiamo l’opere sante di pieta, e caminiamo per questo mondo come peregrini. Et questo sia il sentiero, che ci conduca alla via principale, a Iesu Christo salvatore, che ci habbia poi per bonta sua infinita a racconciliar col patre eterno: il che in solitude, nella città, tra le genti, nelle publice adminstrationi, com moglie, con figuoli si puo coll’ajuto di sopra et non altrimenti benissimo fare.

Et se io non son tale, che mi dia il cuore di seguire il mio Signore nella patria mia imputasi questo alla dapocagine mia, alla superba mia natura; che non puo schifarsi, anzi non sa ne vuole dagli errori altrimenti che fuggendo et non alla vita seculare, o piu tosto civile, non mai da Iesu Christo biasmata. Et se nel mio cuore io ho gia buon tempo sentito questo stimolo, che mi sprona et caccia alla relgione, siane di questo lodato Iesu Christo, ch’usa in diversi modi l’opere di coloro, ch’a lui si danno.

Siano adunque tra noi poste de canto le contentioni; et quello solo si existimi essere nella vera via di salute, che si secondo il voler suo. Et se voi sarete nella patria, tra vostri, et chi sa? Forse che precorrerete a molti, che nelle solitudini vengono ad habitare. Tutte le sorte di buone vite i lodo; et in ciascuna quello meglio camina, che piu ardentemente ama il suo Signore. Ne altra misura so io ritruovare della perfectione della vita, che l’amore dei Iesu benedeto. Et se quello amorenno tutti intreremo tutti per uno istesso sentiero. Et egli lodato ne sia, se di piu accendere il cuore dell’uno si vora degnare, che dell’altro il che non poneva pero tra noi una differentia tale, che separi la vera et unica via, per la quale tutti i christiani debbon caminare.

Tutto questo ch’io vi dico dicevi frate Paulo, con questo insieme; che le tante ripressioni fectevi fu per zelo dell’onore di Iesu Christo; potendosi interpretare gli animi vostri essere inclinati a piu tosto biassimare la vita de religiosi che la civile. Et se ben questo non sonavano expresse, et absolutamente le parole, ma di me solo favellavano, volsse nondimeno il buon Paulo prevenire, et a chi volesse cosi intendere a dati vostri, et a raffrenare anchora gli animi vosti, che non si lassassino, quando verra talhora il tentatore, sedure a blandirsi a loro medesimi, et credere, che quel stato in che essi voluntariamente si ritruovano si il piu perfetto. State sani, scrivete, et amate Iesu Christo.

Die 12 aprile 1512 piu per la stretezza del tempo et la presta partita del messo non scrivo.

Fr. Pietro vostro piu [illegible] et piu contento che mai.

[Undated post script]

Se verrete a vederci n’havete qualche contento, per il loco, et per moltaltri rispeti. Se da guerre, et rumori sarete impediti, passerano, non durerano sempre. Noi di loro tanto ci ‘incresce, quanto le nuocono a proximi nostri alla Chiesa di Dio…[64] Questo solo rispeto talhora ci fa udire le nove del concilio, che solo per altro non l’udiressimo forse tanto: siamo tutti uniti a mai non abandore il vero papa, ad esso ubedire et per lui exponere, piu tosto che negarlo, la propria vita, sperando nell’ajuto di sopra. Cosi vi conforto tutti: un dio, Iesu benedeto; una chiesa, la Santa Sede romana; un pontifice vero vicario di Christo, Julio.ii.: a chi donni iddio tuto quello di bene, che si puo ad un pontefice donare in questa vita, et nell’altra anchora. Desidero la salute sua, ne son iudice de mancamenti, ch’en lui overo nel grege suo fusseron quantunque publici, ch’io credere non debbo. Et voi similmente feitti et se vi conforto a simil opere, incolpatene che mi si conviene.

Raccomandatime al mio carissimo Gradenico,[65] al generoso Savorgnano,[66] al Musuro,[67] Navaiero,[68] et gli altri. Non scrivo a molto per non aver tempo. La nota di che io vi scrissi si va tanto crescendo, ch’io mi dubito poi, che prima ritorni il giorno ch’ella sia al meggio, non ch’al fine aggiunta. Sforzeromi compirla questa estate a dio piacendo.

Dopo scritto odo rumor, rotturo de campi, fughe, presure, morte de genti; cosa do movere e saxia lachrimare non che noi, che sempre a questo tenuti siamo. Iddio ajuti la chiesa sua. Noi qui sopra siamo tutti unitamenti disposti a partir ogni tormento, et la morte istessa prima che per nostra bocca altro pontifice si confessi, che Julio.ii.: siamo in questa nostra solitudine, et con questo dispositione si rimaremo fina che a Iesu Christo piacera. Il qual sempre pregamo, et pregeremo di cuore che vogli prestarci gratia, igore, fortezza de finire e giorni nostri nella confessione del nome suo, della sua santa chiesa, et del vicario suo vero in terra. Voi tutti amici miei disponetevi allo istesso, ne dubitate, che l’auito di sopra non è per mancarvi mai.

A voi Theupo[lo] raccommando la famiglia del nostro Messer Marino,[69] de chi temo assai. Un tratto so certo ch’el giorno[70] del fatto d’arme l’era in Faenza; è sicuro di vita, non si di priggione. Consolate la moglie, et siate in scambio mio; tenuto sete et a Gesu Christo nostro farete cosa grato.

15. Giustiniani to Tiepolo and Contarini, 18 April 1512[71]

Forse, che’era meglio, carissimi miei, avendo vedute le vostre lettere dirzzate al Quirino, come di cosa a me non pertinente, come a quelle, che da sè non avean operato, quel che forse intendeano, era meglio, giudico ora, o non vi scrivere io niente, o seppur scrivea, raffrenar la mia immoderata impazienza, perchè il mio scrivere in quel modo non a me si conveniva, nè a voi era conveniente così acerbamente scrivere. E che credete voi che le selve, gli eremi facciano gli uomini pii, che non possano errare? Io sono sempre uomo, ed uomo peccatore, e non di quella prudenza, della quale vorrei e dovrei essere. Se ho fallato, non mi maraviglio, sapendo in parte la imperfezione mia, che in simili e maggior errori mi fa cadere. Pure, come suole essere sempre Dio pietoso, che del mal ne trae del bene io spero, che con tutto, che sia stato errore il mio quel modo scrivere, nientdimeno e a voi, e a me sarà stato in qualche modo utile.

A voi, che avendo, come avete portata una tale ingiuria pazientemente, massime parendovi essere a torto ingiuriati, ne avete guadagnato merito grande, principalmente il mio non solo buono, ma buonissimo messer Gasparo, il quale con tanta gentilezza ed umanità si scusa, anzi difende, e mi mostra ch’io abbia fallato, che il suo umanissimo rispondere mi confonde della mia arrogante e superba lettera, nella quale, se il Tiepolo si duole d’esser chiamato con istrani nomi, ha una grande ragione. Dovea senza usar così ingiuriose parole dirgli il parer mio; ma che si puole? Tutti erriamo qualche volta; voi l’effetto di vivere con il mio caro amico trasportò ad empire quattro lettere di affezionate parole, essagerando qualche volta tal cosa, ch’era di poca stima.

A me la mia impazienza coperta da un ombra di carità di giovarvi mi trasportò ad usare quelle importune parole, tanto più è il merito vostro a sopportale. A me anco avrà giovato l’aver errato questa volta, che per l’avvenire mi guarderò, e sarò più rispettoso nel parlare non solo con voi, con i quali, per molta umanità vostra, e per esser appresso voi conosciuta la mia insopportabile impazienza, ogni errore mi è facilmente perdonato, ma con altri, con il quali se avessi usato simili termini, non l’avriano così facilmente sopportato, come fate voi.

Sono anche contento, come pare, che ognuno di voi ricerca, che io faccia, di occupare qualche ora e scrivervi particolarmente, non già più con quelle male parole, ma con più umanità, come spero, e sforzarmi di farvi intendere, quali sieno quelle parole vostre, che mi hanno fatto così gridare pazzamente, e benchè infino allora io non dubitassi, nè mai dubitai, nè sono per dubitare della buona mente vostra, nondimeno il senso delle parole credo farvi vedere in qualche luogo tale, che conoscerete aver anche voi errato, e non direte più al modo, che dite adesso. Ora si usa per iscudo la buona intenzione; allora si usarà credo, il non aver così espressamente conosciute le determinazioni de’ santi Dottori e della santissima chiesa di Dio. Le vostre lettere poi allora vi rimanderò, che sono già da me in tutte le margini postillate, e questo ragionamento tra noi non credo, che farà altro che utile. Se voi sarete stati feriti in qualche mal parere, come le lettere vostre alla mia mente dimostrano, potria essere, che se io vel saprò mostrare, mutarete sentenza; se anche lo scriver vostro fosse senza alcun errore, gioverà a me, che scrivendo e rescrivendomi voi verrò a a conoscere la mia mala opinione, a giudicar errore quel, che sia errore, e sforzerommi di lasciarlo. E di far questo, già senza che voi lo dimandaste, io ve lo avea nelle prime lettere promesso, ed ho già a farlo cominciato; ma che vi parerà udire, che non mi sento bastante ad esprimere quello, che io desidero, per quelle lettere vostre senza usare la libertà da pazzo impertinente.

Pur quando avrò scritto, o darò le lettere a fra Pietro, che avanti che vengano a voi, siano delle parole ingiuriose espurgate. Delle lettere mie al Qurino drizzate, Messer Gasparo, io lascio il carico ad esso Querino di mandarvi quelle e quante gli piace; ma due cose vorrei da voi, ma che non le pubblicaste, l’altra che non le perdeste, non perchè non voglia che le si perdano, ma perchè perdendole voi, non vengano in mano di altre persone, che non le vedesse poi con altro occhio, che di messer Gasparo. Le mie lettere eziandio a voi per l’avvenire, così voi addimandandomi, quando io non sarò in altro urgente bisogno occupato, saranno e spesse, e lunghe. Ma bisognerà, che mi diate qualche licenza di parlare, e di quelle cose, che a me parerà, e di usare la mia non dirò impazienza, ma per coprire il mio errore, chiamerolla libertà di dire, altrimenti non vi scriverei con soddisfazione della coscienza mia.

Che sebbene dissi pazzamente di non voler partecipare con voi, fu un certo minacciare piuttosto per imprudenza, che per altro conto. E voi il potete già aver conosciuto, che avanti che possi aver ricevute queste vostre, voi avete credo da Pietro ricevuta una lunga, anzi lunghissima lettere, nella quale se sono anche stato, come credo, impaziente ed offesovi, bisogna che mi perdoniate, e che m’imponiate silenzio, ed io così non vi offenderò; pur or non saprei mai far fine di ragionar con voi carissimi, più che non credete da me amati, ma altra opera a sè mi chiama, sia per me quì fine.

State sani, di quella sanità, quæ non perit, non di quella, che manca, benchè anche quella io vi desideri, ma vorrei con la sanità del corpo e la integrità dei sensi e dell’intelletto l’usate sempre in ricreare, in rinovare la sanità dell’animo, che altro non è all’animo, credete, che l’aderire al creatore suo con tutto l’intelletto, e con tutta la volontà, quel solo sempre speculando, quel solo sempre amando. Or ecco testudo Aquilam ad volandum hortatur; perdonate mi di ogni error mio, e pregate Dio, che anch’egli mi perdoni i molti maggiori di questi. M.d.xii adi xviii aprile in eremo Camaldulensi.

16. To Paolo Giustiniani, 20 April (1512)[72]

Che io già molti et molti mesi non via habia scrito, Reverendo mio Padre Frate Paulo, non crediate esser proceduto da alguna diminution de l’amore et observnatia che sempre io ho portato a Vostra Reverentia et al nostro Padre Frate Piero, nè meno da alguna oblivion, ma solum la causa, a dirve liberamente il vero, è stata quella mia aegritudine, de la qual vià ve scrissi, nè dapoi tuta questa aestate passata nè questa invernata me ha libero et sciolto lasciato.

Al qual tute quelle cose, de quale era conveniente che io a vui scrivesse et che da voi io udisse per lettere, eranno in tuto contrarie et opposite; immo me è stato forza star di continuo in sollazi et iochi, contra di quello che ià per avanti havevo io ne l’animo mio fermamente deliberato.

Il che fredo che dal summo Dio sia stato permesso (per lassar hora le cause particulare, che son state molte et grande) non ad altro fine che aziò io bene cognosca et comprenda che nui da per nui non semo suffienti, secondo el dicto de San Paulo, pur di pensar non che di operar cosa che buona sia, et che del tuto la laude solum dì esser tribuita a quello che è fonte et origine de tutti li beni, La wual cosa, benchè io per avanti la sapesse, pur non la penetrava nè vedeva come io adesso la vedo, et me persuadevo che con li mei studii et con un viver a un mio modo potesse esser bastante de ritrovar la quiete, in la qual io reposasse.

Hor cognosco che io son homo non solum separato dal vulgo, come io me credeva, immo, il più infimo del vulgo; et vivome in questa sorte di vita humile et basssa nè da esser comparata non dico a la vostra ma a quella dil forzo de’ saeculari, dandome a studii humani et di quelli prendendo qualche spasso cognoscendo et vedendo che el stomacho mio debole non è sufficiente di digerir quel solido cibo de le sacre lettere, aspetando che il divino lume, dal quale etiam cognosco questa expectation, quando a lui piacia, me illumi et facia che quel che veramente è in sè dolce, a me etiam parà dolce, non amaro, come fin hora mi è paruto. Nè per niente in ciò mi diffido de la sua bontà, da la qual son certissimo esser più amato che da me medesimo. In questo mezzo viverò in questa humilità, sempre sperando. Hor di questo basta.

De la restitution del Magnifico Iuliano in casa sua et de la election del suo fratello ad summo grado del pontificato[73] veramente ne ho ricevuto quel piacer, qual forsi non molti, benchè universalmente a tuti questa election sua sia stata gratissima. Me ha paruto questo esser grande principio di instaurar la povera christianità a la sua pristina valitudine, et di excitar a luce ogni sorte di virtude. Non resto ne l’animo mio, ogni volta che mi rimembra, di ringratiar Dio di questa election et pregar la Maiestà sua se degni confermarne questo tanto dono per longo tempo.

Piacendo a Dio, ho deliberato ad ogni modo, con questi ambasciatori che andarano a Rome per dar obedientia al Pontefice, di transferirme anchora io a Roma et far la via da Firenze dove, se non sereti, poi me ne vegnerò al vostro Heremo a rivederve et goderve. Sichè, havendo questo pensiero, non ha fato deliberation de vegnir hora, nè che me mandiate cavalcature.

Interim con l’animo son con vui. Ve prego che il simele faciate verso di me facendo continua memoria ne le oration vostre di me.

Messer Priore Baptista Egnatio è stato in questi giorni amalato da ponta usque ad desperationem omnium, tal che li sui beneficii erano già stadi impetradi. Ho[ra] è ben risanato, et fin pochi fiorni ve scriverà.

M. Nicolò Teupolo con tuti li altri nostri amici stano sani et tuti insieme a la vostra oration si ricomandano. A dì 20 April [1513]. Gaspar Reverentiae tuae deditissimus uti filius.

Al Molto Reverendo Padre Frate Paulo Iustiniano.

17. To Giustiniani and Querini, 17 July (1512)[74]

Honorandissimi Padri. Havendo cum ambedui voi ragionar de una medesma cosa, non mi a parso separarvi con mie lettere vui che uno locho, uno pensiero, uno affecto sempre tien coniunctissimi, et per non dimorar con molte parole e darvi noia: Sapeti ambedui come io questi tre anni adrieto, dapoi che per le guerre me transferì dal studo patavino a Venetia, et con vui presi più strecta amicitia che per lo adietro havevo, sempre hebbi questo pensiero di fornir quelli studii de philosophia humana a li quali havevo ià data bona opera, et poi trasferirme a la doctina christiana et in quella con quiete passar in timor de Dio li mei anni.

Fornito che io hebbi quel studio, me ne subintrò, a non so che modo, uno altro de le mathematice, et de la theologia de San Thomaso, ma praecipue de le mathematice, a le quale per do anni continui ho dato assidua opera, insieme con la theologia di San Thomaso. Et poi con quelli mei amici che sapeti non ristava di riveder qualche cosa de philosophia. Et cusì questo tempo passato ho transcorso aspetando con grandissimo desiderio di haver fornito quel studio de le scientie humane che ià me havevo proposto, sperando poi di menar una iucunda et tranquilla vita in quelli studii, che ià sol con el pensar in elli me rallegrava a quella volta.

Hora fornito el studio da me proposto et venuto el desiderato tempo, credo per la anxietà usata questo passato anno in quelli predicti studii, son incorso in quella disposition melancholica che ià sapeti che io patì grandissima. La qual, benchè non sia cusì intensa come fo quella, pur mi molesta con sì tristi et turbidi pensieri, con tal imagination paurose (paurose, dico, di cose che la ragion discorre esser quasi impossibile) che pocchi, credo, se trovi al mondo con l’animo più inquieto di me.

Me son venuti in odio li studii, et quella sol cosa che a l’altra volta mi ralegrava, cioè la lection de la Scriptura Sacra, hora me dà grande molestia. Et molto più, che me par me serà forzo mutar vita, nè mai, credo, vegnerà el tempo che io possi quietamente versar in quella Scriptura che altre volte mi soleva racender el cuore, quasi che la me sia vegnuta in noia et sia causa di movermi questa melancolia.

In questo stato io mi ritrovo, et ià più de dui mesi vivo in ocio et cerco di star in feste et solaci più che io posso, perché cusì li medici me conselgiano. Pur el corpo da una parte da l’altra questi foschi pensieri mi molestano, et tanto più, che quel solo refrigerio che me haveva proposto, contra ogni colpo de fortuna, cioè le Sacre lettere, hora non me danno alguna consolation, et dubito che mai non vegnirà quel tempo che le mi diletano.

Vedeti ben, Padri, fratelli et amici mei, il miserabile stato del vostro amico et, per humanità vostra, del vostro fratello, el qual, benchè non desperi nè mai sia per desperar de la misericordia et bontà divina, de li meriti de Iesu Christo cruxifixo, pur ha grande parte de la speranza sua ne le oration de li amici et servi de Dio, quali seti vui, i quali, oltra la charità che portate a tuti li christiani in Iesu Christo benedeto, so che a me portate singular affection.

Rincorro adonque a vui con quella efficatia che poteti da per vui iudicar, pregandove che ne le oration vostre ve degniate di pregar Iesu Christo cruxifisso, vero nostro mediator, che se degni liberarme di questa affliction et perturbation de animo, da queste vane paure, da questa tentation sopragiontame, che per questa tal egritudine non possi più versar ne la sua doctrina et far una vita dedita al suo servicio.

Et benchè da per me discorri non esser possibile (benchè adeso per li peccati mei lui permetti che io dubiti di questo) che contemplando quello che è summa dolcezza, nel qual niente di amaritudine se trova, possi nascer in me peniseri amari, et ponendo tuta la mia speranza in quello che è solo forteza, in me possi nascer pensieri paurosi, pur pur a le volte io ciedo a quelli che ne l’animo me dicono: Non est salus ipsi in Deo eius; nè li rispondo constantemente: Tu autem, Domine, suceptor meus es, gloria mea et exaltans caput meum.

Immo, più presto dico nel pensier mio: Dapoi che cusì piace al mio Signor che io non viva in quelli pensieri iucundi de lui, come fanno li più perfecti che non gustano altro dolce se non el summo bene, io me viverò ne li solazi, ne li piaceri, non però lassando al mio potere la sua legge in le cose che sonno peccati mortali, et cusì goderomme el mondo, perché questa tristitia me è pur troppo amara. Et in questo pensiero io sonno.

Pur in me è una speranza che forsi, quando meno io aspeterò et meno crederollo, che la sua bontà se degnerà di racender questo mio core et scacierà ogni vana paura, ogni intranquillità et farammi uno animo chiaro, limpido, constante et forte, sichè potrò dir de me medesmo: Paratum cor meum sperare in Domino, confimatum est cor meum, non commovebor, donec despiciam inimicos meos. Il quando io nol so, sallo lui.

Credo che la Maestà sua, oltra di mei desordeni del studio et fixe et continue cogitation in quello senza prender recreation alguna, non per altra causa habbi permesso che io sia caschato in questa affliction, se non aziochè io ben cognosci che il farme quieto et tranquillo non sta in me come io credeva, pazzo che io era, el qual pensavo che, forniti li studii de scientie humane, allhora a me stesse di viver contento et tranquillo. Del tuto si benedictum nomen Maiestatis eius.

Haveria grato che non solamtne voi do’, ma etiam quel Padre Renchiuso et qualche uno altro de quelli Padri che a vui parerà, facesse oration per me di questo. Aspeto vostre lettere che me consoleno, non proponendome difficoltà alguna nè austerità alguna nel viver mio per adeso, perché me induresti in una quasi desperatione, ma solum dimonstrandome l’amor de Iesu Christo verso de noi, confortandome che io aspecti, perché poi secundum multitudinem dolorum in corde meo, laetificationes suae laetificabunt animam meam. Et di ciò aducandome exempli, li quali me moveno assai.

Voria che dal Padre Fra Thomaso, el qual patise questa simile disposition benchè più intensa assai, intendessi come el sta, se la habuto queste cotal perturbation de animo et come lui le ha scaciate. Questi tali exempli, i quali hanno habuto bon exito maravelgiosamente me confortano. Prudentibus et amicis pauca. Bene valete nostri memores in Uesu Christo, foelices animae! A dì 17 Luglio [1512]. Gaspar vester scripsit.

A li honorandi Padri Frater Paulo Iustiniano et Frate Pietro Querino in Camaldolle.

18. To Querini and Giustiniani, 26 November (1513)[75]

Non posso negare, quando io mille volte volesse, che in me non sia grandissima dapocagine et quasi infinita negligenta, mancando cusì evidentemnte in quelli officii a li quali deveria con ogni promptitudine di animo atendere.

Sono già mesi e mesi, dapoi che io vi scrissi a Roma (benchè nè quelli primi giorni aspetasse risposta da vui), che, giudicando quelle mie lettere non haver habuto ricapito, deliberai di scriverve, aziò con questo mezzo potesse nutrir quel desiderio de la iucundissima conversation vostra, il qual ne la memoria mia è infixo talmente che assai assai fiate è causa di darme noia. Pur questa innata mia pigritia mi ha fato differir, procrastinando de giorno in giorno, in fin a hora. Et forsi che, per confessare liberametne il vero, più oltra serìa proceduto, se in questi giorni li longi et ardenti ragionamenti che di voi ho fato con Messer Alvixe Callino Bressano, observantissimo dil vostro nome, non mi havesseno risvelgiato. El quale, sì per la sua bontà innata, che invero sempre è stato inclinatissimo al ben vivere nel timore de Dio, sì etiam per la experientia che in questi tempi ha habuta de la volubilità et inconstantia de tute le cose mondane et quanto poccho de alleviamento, per non dir contento ne loro si trova mescolato con infinite molestie, il che hora manifestissimamente ha compreso per la morte de un suo gentil fratello el qual, gioveneto, essendo ne la compagnia del nostro capitanio, in questo ultimo conflicto è stato morto, ha deliberato, spento da un ardentissimo desiderio, di venir a star qualche giorno lì con vui, quando non sia per darve incomodità, dove dice lui solamente poter trovar rimedio a la tranquillità de l’animo suo, et dove lui spera haver adito di trovar un modo di viver el qual li sia di satisfaction. Dil che me ha commesso che io, con quella efficacia che posso, vi debbi scriver et pregarve che, per vostra opera, lui habbi comodità di haver un logeto per lui et uno suo in quello vostro monasterio over boscho. Nel qual, per qualche giorno stantiando in compagnia vostra, spera, immo è certo di trovar una gran medicina a la sua vita.

Io, cognoscendo la sincerità de l’animo di questo giovene et molti altri sui gentil costumi, sapendo etiam che in vui arde una charità la qual vi ha aceso grandissimo desiderio di adiutar al proximo vostro ne la via de Dio con tute vostre forze, li promisi di farlo. Et cusì, secondo la promission che io ho fata a questo gentilissimo giovene, risvelgiato da quella pigritia che me teneva opresso, mi mossi a scriverve, pregandove con tuta quella instantia che io posso, volgiati operar talmente che questo mio cordialissimo amico satisfaci a questo suo pio desiderio, perché in vero me rendo certissimo che forsi tal fruto fareti in costui, qual nè lui nè forsi vui credeti. Mi penso che el dever sia che con vui io usi pocche parole, cognoscendo lo amore che, per gentilezza vostra, in Iesu Christo mi portate, et tanto me iudico bisogni, quanto me par veder che a questa da vui sereti promptissimi.

Aspecto di questa cosa subito risposta, aziò io el possi avisar quel che el debbia far. Se de lì, per via de Mantoa, potesti scriverli vui, serìa molto melgio, perché de qui a Bressa, per queste execrabile guerre, non si può cusì commodamente scriver. Per charità, vi prego, pilgiate queste due fatige, zoè di scriver a lui circa questa cosa, drizando le lettere over immediate a Bressa, over a Mantoa a Messer Zan Iacomo Bardellon, dal qual subito li serà dato ricapito. Et etiam di risponder a queste mie. Ma di questo basti.

Io de qui, honorandissimi mei Padri, vivo con li nostri amici in li studi, cercando di aquetar l’animo mio in questa basezza, dapoi che ascender più non mi è concesso. Incominciai già pochi giorni a veder quella excelentissima opera di Augustino: De Trinitate, la qual leggo con grandissima iucundità di animo. Leggo etiam quel de Republica di Platone, el qual hora è stato impresso ne la sua lingua. Ricevo utilità et da le cose da quel excellente homo scripte et etiam da la lingua ne la qual fazo profecto leggendo cusì excelente auctore.

Il resto del tempo dispenso parte con li amici nostri, parte in qualche sollazo over di musica over di qualche altro simil ioco. Son molto spesso con el nostro Messer Triphon Gabriel,[76] da la conversation del qual prendo grandissimo piacer et ricevo grande fruto, perché in vero è homo de animo compositissimo et di grandissimo iudicio in ogni sorte di lettere.

Molto più spesso son poi con el nostro Messer Priore Baptista, Messer Nicolò Teupolo et Messer Marco Gradenico et Messer Marin Zorzi. Questa in breve transcorso è la forma del mio viver in questa invernata, perché questa aestate ho dispensato qualche giorno et mese in villa.

So et ben cognosco che a cui pare, leggendo questo mio modo di viver, di veder un che va errando in una profunda valle, essendo vui in un alto et iucundo monte, nè sa trovar el vero sentiero ma per certi spini fora dil sentiero va de qui ed de lì involtandose. Questo istesso cognosco anchora io. Niente di meno, come di sopra ho ditto et per altre mie vi scrissi, in fin che piace a Dio non possendo più ascender, mi volgio contentar di questa mia bassezza. Non però volgio cusì obcecarme che io non cognosci o vegi che la non sia abassezza ma altezza, come fanno altri che da quel che delecta et conviene a loro fanno iudicio de la perfection de le cose in si medesme, qusi che la imbecillità sua debbi esser mensura, per la qual se convenghi mensurar la perfectiondel modo di viver. Non so io in questo errore, benchè sia in questa humil vita.

Padre Fra Paulo, vosro nepote, fiol de Messer Donado Contarini, per vostro nome mi domandò quelle vostre letere che apresso di me si ritrovavno, perchè da vui haveva commission di mandrvele. Io veramente ge ne ho pocche. Et pur, si qualche una mi vi resta, mal volentiera me privo di loro. Pur farò tanto quanto voreti. Credo che la causa di questo sia che sono perventure a le man di qualche maligno, el qual ne habbi ricevuto scandalo. Veramente che da me, et cusì credo da li altri, non siano state monstrate ad altre persone che ad quelle ne le quale speravamo potesse el vostro spirito in quelle dipincto far qualche fructo. Et questa, non dibutate, fo la intention nostra. Se la cosa poi in qualche persona ha operato il contrario, di questo nè a vui nè a nui se pol dar culpa ma solm a la lor malginità. Nè questa deve esser sufficiente causa di redimandar le vestre letere che in vostro loco tegnemo in abscondito cognosce el vostro et nostro core. Se qualche uno poi de le bone operation prende scandalo, ben sapeti che questo è scandalum accpetum non datum.

Per tanto vi prego io insieme con li altri vostri amici, che vi degniate di visitarne con vostre lettere, come già era usanza vostra.

Già mi mancha la carta, nè la prigritia me lassa voltar folgio. Io a le oration vostre, facendo fine, mi ricomando. Aspeto risposta presta. A dì 26 Novembrio [1513]. Gaspar Contareuns scripsit.

A li mei Honorandissimi Padri Frate Pietro et Frate Paulo Monachi in Camaldole. In Camaldole.

19. To Querini from Rome, 13 June (1514)[77]

Reverende Pater mihique sempre colendissime. Non sono molti giorni che venendo da uno mio amico me ne andai a casa del nostro Egnatio, ove trovai lui esser occupato in scriver una lettera a Vostra Reverentia con grande exhortatione, con le quali cercava di persuaderla ad aceptar questa dignitade over, più presto, cargo, el qual da lei con cusì promto animo era refutado.

Io alhora, el qual molto ben cognoscevo l’animo vostro et quanto la opinion del vulgo era luntana dal vero, nel qual essendo vui ben fondato, chiaramente comprehdevi le dignitade et honori terreni non esser nostri veri beni ma adombrati et fenti et in sè contenire molto assentio temperato con poccho melle, me ne risi de questa sua exhortatione, persuadendome certo dever esser vana nè dever sortire algune effecto, sapendo io che non haresti cangiato la iucundità di mezza hora, la qual sentivi et gustavi essendo chiuso ne la vostra cella, con tuti li honori et tute le felicità del mondo.

Per il che, ridendome, ne feci una linea sotto quelle che per lo Egnatio vi erano state scrite, burlando con vui. Perché in vero, come per altre mie più fiate ve scrissi, dapoi che quella felice vita, posta ne la contemplatione et laude divina, la mia debellezza (de l’animo, dico) non sostenne, mi aforzo di quetar la mente mia in questa bassezza de la vita civile, sospirando, ogni volta che me ne ricordo, a quella iucundità la qual so che ne la mente vostra et di Frate Paulo vostro ad ogni hora scaturisse. De la quale a me solum è restato el desiderare, et cerco di occupar l’animo mio in diverse occupatione, tute però basse, ne le quale più presto posso dir di occuparme che di prendere diletto.

Hora, per ritornare dove lassai, partito da lo Egnatio dapoi quella burla, comenzai fra me melgio considerare sopra tal cosa, et da uno canto pensando al ben vostro et felice stato, me confermava ne la mia opinione. Da l’altro canto, considerando al stato nel quale si trova la pover Chiesia de’ Christiani, ricuperata da la eterna dannatione con el preciosissimo sangue di Iesu Christo, et in quanti travalgi et spirituali et temporali è venuta, essendo dilungata da quella charità verso Dio et verso el proximo, sopra la qual la ha fondata quel vero lume de le humane et angelice mente, el qual dice: Hoc est praeceptum meum, ut diligatis invicem, sicuti dilexi vos, et che di ciò bona causa era stata el poccho religioso affecto et exemplo de quelli che ne li passati anni hanno governato la Chiesia de Dio, il che però iudico esser stato permesso di sopra per li peccati del populo christiano, ipse enim facit regnare hypocritam propter peccata populi, et per ipsum tyranni obtinent terram, cominciò in nel mio pecto reacenderse uno desiderio, el qual già molti anni è di tanto ardore ne la mia mente quanto alguno altro, immo più di ogni altro: cioè di vedere che una volta la clementia divina drizassi li occhi sui a questa povera sua navicella la qual fluctua in tanta tempesta et che suscitasse qualche homo dabene el quale, postposta la sua commodità propria, volesse et potesse torre qualche carigo di questa familgia christiana, la qual da li inimici sui, mali angeli, è in diverse maniere per instrumento di mali homeni dilaniata.

Et scorrendo più oltre con el pensiero, cominciai a considerare a la election di questo nostro Summo Pontefice[78] el qual, contra el pensier de tuti, da el Spirito Sancto era stato assumpto a questa dignitade, quasi che la languida Chiesa di Christo ad optimo medico per lui fosse stata commessa, de la qual assumption, et a quella fiata et ogni hora dopoi, io per me ne hebbi et ho tanta allegrezza, qual non saperia exprimere, sperando che per lui la divina bontà si degnasse di far qualche bona operatione ne la sua cara sposa.

Ma poi, più oltre procedendo, mi pare pure che Sua Sanctità, per sé sola senza instrumenti, mal potria condurre al desiato porto questa sua navicella. Per il che, essendoli di bisogno de instrumenti, homeni boni et che ne la vita activa valgiano nè con ambitione cercano tali honori ma per necessità de la Chiesa, postposta la sua commodità, chiamati, li aceptano: perdonatime, Frate Pietro mio, in tuto son rimosso, dice da vero, da quella prima mia opinione et son venuto a questo altro extremo, che non poteti, senza offension ed denigration de la charitade che portate a Dio et al proximo, refutare questo cargo; non dico dignitade, perchè quando lo aceptassi come dignitade, ve inganeresti di gran pezza, come so non ve inganati.

Non sapeti vui che il tropo amor di sè è amor perverso? Non postponer le sue commodità a le commodità del proximo suo non è acto nè operation christiana. Credeti vui non esser nato se non a vui? Ve par che el sia conveniente cosa che, se dal Signor a cui servite ve è imposto qualche cargo di qualche operatione, la qual sia a sua gloria et ad exaltatione del suo nome et al ben de li sui figlioli con cusì caro precio ricomprati da lui, debiati refiutarla?

Ben sappeti, Patre et fratello mio, che infiniti sono li lacci per li quali el nostro nemico si sforza di allacciarne. Guardate che sotto uno bono pretexto non vi sia latente el laccio.

Desiderava lo infiammato Paulo patir ogni cosa, postponeva la commodità di esser presto coniuncto con el summo bene, benchè a lui fosse optimo, per la commodità de’ sui fratelli in Christo, quali tuti siamo, cupiebat fieri anathema fratribus. Che, si havesse desiderato over cercato lo opposito, certamente se haveria si medesmo inganato, et sotto una inganevole charità saria stato ascosso lo amor di se stesso, el qual è origine de tuti peccati, come sapete melgio di me.

Faceva et desiderava questo Paulo, et vui, Padre et fratello mio, ve par che el sia una bona operatione, postposto el tuto, atender a vui medesmo, al qual ben se potrà dire: Quomodo pugnas, delicate miles, quid operaris pro tua caelesti Hierusalem, quando un cargo che te è imposto non voi aceptare?

Perdonatime, se passo el termine. Non vorria per cosa alguna cognoscer in vui sì pocho amore de Dio et de la Chiesia christiana et tanto amore di voi medesmo. Se ne sta el misero populo christiano in mille parte scisso, tuto squarciato et sanguinoso per le discordie, nè è quasi modo di trovare rimedio al suo male, per esser el capo suo, zoè prelati, più infermo che el resto. Et già tanti anii è in tante tribulatione.

Hora che, per la clementia divina è stata fata provisione di uno optimo pastore el quale, cognoscendo haver bisogno de instrumenti idonei a questo suo governo, vuol dare qualche cargo a coloro che lui existima esser idonei, et loro gi basta l’anima di ricusarlo! Hor chi volete vui? Se tuti li homeni da bene fesseno questa excusatione, che tolgia el governo? Li ribaldi! Et se dite: Sono etiam de li altri da bene et idonei, lassa che io sequiti lo instituto viver mio; et perché volete voi haver questo avantagio più de li latri, non senza gran carigo de la conscientia vostra? Se el simile havesse facto Mosè, el simile havesse facto Pietro et Paulo, la Chiesia de Dio non serìa a quel termine che hora è, nè serìa a quel termine nel qual già per lo adrieto fo.

Ma direti vui: Loro furono specialmente chiamati et a loro per boccha de Dio specialmente fo commesso, il che non è a me. Deh, Frate Pietro mio, non sapeti vui che la Chiessia è drizzata dal Spirito Sancto ne le sue operatione? Non sapeti che el Summo Pontifice gerit vices Christi? Hor se questa vocatione vienne da lui contra vostra volgia, et con ogni vostra recusatione lui persiste, potetive persuadere che la non sia vocation divina? Voleti vui havere qualche visione per la qual questo cargo ve sia commesso? Certo non, che creda io.[79]

Per tanto, cum sis vocatus a Domino, non fate, non fate, Frate et Padre mio, che el troppo amor de vui medesmo ve induca a refutar la fatiga la qual Christo vuol che, per exaltation del suo nome et per ben del populo suo, tolgiate sopra le vostre spalle.

So ben io et, volendo rimovere ogni ironia, sapeti ben vui, se fosti cardinale et vivesti al modo faceti hora et parte ne l’Heremo, parte in Corte dimorasti, di quanta utilitade et di quanto exempio seresti a tuto el mondo, et forsi che assai prelati muteria el suo modo di viver per vergogna almen, se non per altro rispecto. Et cusì, a poccho a poccho procedendo, forsi pervegnessemo ad una aetate aurea la qual, quando io vedessi, moreria poi contento.

Per tanto, Frate Pietro mio, per viscera charitatis, per vulnera Iesu Christi ve prego, immo ve coniuro che non debbiate fare questo torto al populo christiano, el qual forsi per questa via potria sperar di veder melgior anni de li passati.

Non ve dico cosa alguna de la patria terrena vostra et nostra, l’amor di la qual deveria apresso vui esser in qualche conto, a la qual potresti non solum in le cose temporal ma le spiritual, dico, con la vostra auctorità et exempio giovar assai.

Non ve dico el rispecto de li amici vostri, fra li quali di amore non credo esser el secundo, benchè per le altre condition sia infimo. Non desiderai mai cosa alguna magiormente quanto viver con vui tuti li miei anni. Ma poiché dal Spirito Sancto fosti chiamato a quella suprema vita contemplativa in lo Heremo, a la qual non avendo io penne di aiungere, son solo rimasto in questa profunda valle senza guida alguna del mio vivere dapoi la partita vostra et di Frate Paulo, et sono precipitato in assai baratri, ne li quali, essendo in vostra compagnia, mai serìa precipitato.

Se da quella suprema descendesti in questa, ne la quale in habito seculare potesse viver con vui, niuna altra cosa me potria tenire che non spendesse questi anni che me resta de la vita con el mio Frate Pietro. El qual descenso però per mia utilità non desidereria ma per la utilità comune. Et a vui, al fine, non serìa stato descenso ma ascenso, essendo fondato ne l’amor de la gloria de Iesu Christo. Et questo che hora vi parre ascenso, se veramente considerate, è gran bassezza de animo et poccho amore del proximo ma inordinato di vui stesso.

Desidero, quando ve sia commodo, vedere do’ vostre linee. Perdonatime se son stato presumptuoso in volerve consigliare et con cusì presumptuose parole. Non so che, che ho nel pecto, di furore, me le ha dettate. Ne le vostre oration pregove fate mention di me vostro fiol et servo. A dì 13 Zugno [1514]. Gaspar Contarenus tuus scripsit. Al mio Honorandissimo Padre Frate Pietro Monacho Camalduilense. Romae in Palatio Sanctissimi Domini Nostri.

20. To Querini from Rome, 11 July (1514)[80]

Non aspectava veramente, honorando Padre mio, altra risposta di quella che, per una vostra, comune a tuti nui vostri amici, mi è stà facta, perchè ben cognosco vui, già dedicato al servitio et a l’honore, laude et exaltation dil nome di Iesu Christo, non esser tanto del commodo vostro et di vostra quiete invagito, che volesti refutar quel cargo che per el suo Vicario vi fosse imposto.

Laudo el consiglio vostro di remeterve in tuto ad obedire et a quella inclinatione di animo che di sopra vi serà excitata et a quello che per il Vicario de Christo vi serà imposto. Nè per algun modo reputo esser vostro officio a cercar over procurare tale dignitade. Immo quando le cercasti (dicano li altri quel che li pareno) apreso di me nè quella rectitudine di animo nè quel decoro che apartene a la profesion vostra servaresti. Lasciate pur guidar a Dio le cose, nè contro a le vocatione di sua Magiestà vi obstinate, et ipse faciet, come dice el Propheta. Hor di questo non più.

Spero fin pocchi mesi vegnir in persona a farve quella riverentia che la dignità vostra et la riverentia che io vi porto ricercano.

Già pocchi giorni dal nostro Padre Frate Paulo receveti una scrita, però molto per avanti, per la quale molto mi tentò ne la patientia, et fecemi quelle reprehensione nel mio modo di vivere che io meritava. Pur, per dirve liberamente el vero, vedendo io la imbecillità mia la qual non mi lassa agiunger a quello termine el qual lui et io voria, non posso fare che non siano tale sue exhortatione, immo reprehensione, causa di generare ne l’animo mio uno grande discontento, immo, più presto, un mezza quasi depseratione.

Niente di meno, rivolto poi a la clementia divina et summa sapientia la qual per oculti ma iusti iudicii dispone le cose nostre humane et le actioni de’ diversi homeni a diversi gradi, de li quali alguni sono altissimi, alguni mediocri et alguni bassi, li quali però tuti, quando che con animo humile sono aceptati, risultano et in bene di coloro che li aceptano et etiam in bene de l’universo primo effecto de sua Magiestà, tuto mi consolo et contentome di questo grado humillimo, sperando non con mie forze di animo, non con mie l’actione, come già me credeva, ma solum sub umbra alarum suarum una volta pervenire a qualche più alto grado di viver, non cusì involto in mille errori come è hora. Et cusì con questa speranza passo el tempo.

Dal che ben poteti vui et lui cognoscere quanto siati obligati a sua infinita bontade, che se ha dignato di exaltarvi a cusì excelente vita. Sed quis scit, an de stercore erigat aliquando hunc pauperem?

Haveria molto besogno de la conversation di qualche persona, la quale mi consilgiasse et progesse adiuto, et breviter facesse quel officio che facevati vui quando vivevamo insieme. Ma chi sa, forse anchora non mi serà negato el viver con vui. Interim ringratierò Dio de la mia humiltà et bassezza, et vui el lodarete di la vostra altezza, che ben poteti dire: Non fecit taliter omni nationi.

Hor, non vi par che io sia pazzo, el qual a vui facio la risposta de le letere di Frate Paulo? Perdonatime! Quando io vi scrivo, me ne vengo cusì impremeditato, che quel che mi viene in boccha io scrivo, il che però mi par poter far a baldezza.

Non vi agravi, quando havete un poccho di tempo, di scriverme non dico una letera ma due linee metendome però in compagnia di che piace a vui.

Non haveti forse tempo di leger tante cianze, et pur io cianzo. Perdonatime. Ne le oration vostre fate mention di me, come soleti. A dì 11 Luglio [1514]. Gaspar Contarenus deditissimus scripsit. Al mio molto Reverendo Padre Frate Pietro Monacho Camaldulense. Romae, in Pallatio Sanctissimi Domini Nostri.

21. To Giustiniani from Ravenna, 29 April (1515) [81]

Reverendo Pater mihique colendissime. Heri zonzessemo qui a Ravenna insieme con Messer Alvixe Calin et Messer Nicolò Dolphin[82] per visitar vostra Reverentia, la qual più desidero di veder et ragionar con lei come forse ogni altra cose che mi potesse venire.

Pertanto non mi acertando cusì questi Padri che quella sia per venir al Capitulo, ho voluto per questa polliza farli inteder come siamo qui per aspetarla et abraciarla, però senza tropo indugio.

Vostra Reverentia se meta in viagio et vengi al Capitulo et a riveder nui, li quali so che per gentillezza sua quanto alguno altro suo amico ama.

Plura coram. In Ravenna, a dì 29 April [1515] Gasparo Contarini scripsit.

[P.S.] Mandamo do’ cavalcature per vostra Reverentia, aziò non habiati scusa vui. Se non havessemo dubitato di falirve per strada, fossemo venuti fin l’insù a trovarvi. Al Reverendo Padre Fra Paolo Heremita in Camaldole.

22. To Giustiniani from Ravenna, 25 May (1515) [83]

Ben credo io, che havesti facto deliberation al partir nostro da Ravenna che mai più non ritornasemo a Venetia, ma che over rimanessemo lì heremiti, over che ritornando per la via che ne ricordasti, precipitassemo giù da qualche uno de quelli dirupi. Ma Dio ne ha servato. Ve pare a vui che quella sia via assai facile? Se credevo trovar tal via, over non mi partiva de lì, over ritornava a Firenze, et da Bologna et Ferrara me ne andava a Venetia.

Hora scerzo, ma sapiati che per strada, oltra la faticha et timor, era molto ben inphlegma, non già però con vui ma con la strada cusì difficultosa. Dei gratia semo giunti a Ravenna salvi, et fin pocche hore se partiremo per Venetia.

Mando ad Alphonso, fiol de Messer Raphael Pithi,[84] una lettera et un Vergilio et una altra a Messer Pier Francesco da Galgiano[85] al qual ho grandissima affectione per la sua gentillezza et vostra relation de lui, a le quale pregove che subito dagati ricapito.

Valeriano credo se ne verrà con nui a veder Venetia. El Delphin se ricomanda assai. [Ravenna, ca. 25 Mai 1515]. Al Reverendo Padre Frate Paulo Heremita suo come Padre honorandissimo in Camaldole.

23. To Giustiniani from Venice, 30 May (1515) [86]

Reverende Pater. Son gionto a Venetia, et già sono tornato, per quel che io me creda, da Hierusalem. Non vi pare che el mio viagio sia stato presto? La causa è il satisfare a mia sorella, la quale viene a stare in casa nostra. Patientia! Cusì me ne havesse adveduto, quando era lì a l’Heremo over a Firenze, vi so ben dire che cusì presto Venetia non mi haverebbe veduto. Tamen in omnibus laudetur Dominus.

Valeriano mi ha fato tanto bona compagnia, quanto non potresti pensare. Li resto obligatissimo. Credo harà habuto piacere di veder Venetia. Se in qualche cosa li potete giovare, oltre ad ogni altro rispecto, per amor mio giovateli tanto più volentieri. Partendosi lui de qui più presto di quello che me credeva, non posso mandarve longe lettere. Una altra fiata suplirò.

A quelli Padri Heremiti, et maxime a quel giovene novitio (credo se dimandi Fra Constantino) mi racomandereti assai, pregandoli che ne le sue oratione faci memoria di me. Ma sopra tuti al Padre Rinchiuso, del quale serò sempre devotissimo.

Vale nostri memor. Se scriveti a Messer Pier Francesco da Galgiano, racomandateme assai. Et cusì al Diaceto et altri nostri amici. Il Delphino a tuti quelli Padri, et praesertim a vui, si racomanda assai. In Venetia, a dì 30 Magio [1515]. Gaspar tuus scripsit.

[P.S:] Mandovi il Lucretio. Questo altro volume mandareti a Messer Raphaelo Pithi, al qual scrivo che il dia a Messer Pier Francesco da Galgiano. Al Reverendo Padre Frate Paulo Heremita ne l’Heremo de Camaldole.

24. To Giustiniani from Venice, 9 June (1515)[87]

Jesus. Veramente Reverendo mio fratello et Padre. Non so qual sia stato magiore, o la alegreza che io hebbi in vedere vui, l’Heremo et quelli gentilhomeni fiorentini, o il dolore che io sento ne le viscere del cor mio per la presta partita mia da vui. Se il senso del dolore, per esser presente, il contento siando già passato, non mi inganna, a me pare che di gran lunga il dolore superi la alegrezza, intanto che comparo la perturbatione de animo che hora sento per questa dipartita da vui, a qualunque altra perturbatione che mai sentisse. Et se non fosse che la speranza di rivedere vui et quelli altri nostri amici a qualche tempo, non però longo, me consola et conforta un pocho, non so come potrìa supportare questo discontento. Nè crediate che asprezza di Alpe over lungezza di camino mi generi alguna timidità ad exequire il desiderio mio.

Fu cusì inmatura et acerba et sùbita questa mia divisione da vui et da quelli gentilhomeni, con li quali allhora allhora mi haveva con grandissima benivolentia coniuncto, che a mi pare havere diviso il core et lassato de lì la magiore parte, nè fin qui, pensative certo, esser stato algun altro pensiero in l’animo mio nè il dì nè la note se non di vui et di loro.

Non so io da qual causa sia processa questa affectione ne l’animo mio di quel paese et quella cipta. A la partita, benchè sentisse grandissimo dispiacere, pur credeva de lì a pocchi giorni essere libero, ma hora il vedo più presto crescere che minuir in parte alguna. Sempre me si rapresenta a la mente, lasserò dir di vui et de li altri Padri vostri, over Messer Marcello, over Messer Francesco Diaceto, la memoria de li quali con summa veneratione mi è restata ne l’animo, over Messer Raphael Pithi et Ruscellai, ma sopra tuti il gentilissimo Galiano, el quale fin che vivi amerò forse quanto me medesimo. Al quale ho scrito più fiate, et hora scrivo, perchè, dapoichè altrimente per hora non posso conversar con lui, ogni sabato son per scriverli et consumare un’hora ragionando con lui a quel modo che mi è concesso. Un tuta la septimana non credo sia per spendere una hora con tanto mio piacere quanto quella.

Tamen, oltra le lettere, per satisfaction mia vi prego, quando con lui vi trovarete, racomandatime assai, et confortatillo a non se intrichar con molgie, benché suo padre a ciò il suadi molto, come per sue mi scrive. Cercati etiam di suaderli il viaggio de Hierusalem per uno altro anno, al quale so lui esser da sì inclinato.

Da quelli vostri Padri Heremiti dirò poche parole per non tenirve più in ciance. A tuti mi raccomandareti, ma praecipue al Rinchiuso et al Padre Fra Hieronimo et al novitio Frate Constantino, al quale etiam per la sua gentillezza et grandissima charitate li sono in tuto affectionato, et confidome assai che le sue oratione facte con quel affecto di core il quale ho compreso in lui, mne siano per giovare assai. Raccomandatime adonque con gradissima stretezza.

A vui non dirò già che vi aricordate di me ne le oratione vostre, essendo certo che molto più vi ricordate di me di quello che io faccia di me medesmo.

Valeriano mi è stato et mi è tanto grato per la sua bontà che non desidero altro che occasione di poterli giovar in qualche cose et con effecto dimonstrarli lo animo mio.

Non so che cosa sia questa: tuti vui de lì, credo, con qualche potione simile a quelle di Circe me haveti cusì presso che non più venetiano ma thoscano mi posso senza dubio chiamare.

Vale nostri memor. Vostro nepote salutarete molto per mio nome. Venetiis, a di 9 Zugnio [1515]. Gaspar Contarenus tuus scripsit.

Al Molto Reverendo Padre Frate Paulo Heremita ne l’Heremo di Camaldole.

25. To Giustiniani from Venice, 28 June (1515)[88]

Iesus. Veramente, Padre Frate Paulo, molto melgio di me quasi in uno instante comprendesti la qualità de l’animo mio, quando ne l’horto di Classes a Ravenna insieme ragionava con vui. Dopoi, ben lo intrinseco mio considerando, ho compreso esser il vero quello che vui dicevati.

Io non so essere homo, ma, da uno certo furore transportato, vorrei in un momento ascender sopra i cieli; nè molto dopoi cascho nel modo de’ bruti animali, quasi disperando di consequire quello termine il quale me avevo io proposto ne l’animo. Il quale errore è stato et è causa di molti mei mali.

Né anchora so io tegnire questa mediocrità nel mio affecto. Pure a poccho a poccho mi acorgo che altra è la conditione de uno che sia in via, altra di quello che è nel termine de la via. Similmente diversa è la conditione di colui che è in porto, et di quello che anchora è nel mare iactato da diverse procelle.

Nui qui semo in via, et nostro officio è non cercare di havere la nostra quiete de qui, nè vivendo potere pertingere a quella la quale aspectiamo. Ma a nui se apartiene qualche hora dil giorno suspirare a quella et ardere dil suo desiderio.

Et se la cogitatione murmura et dice: Ben tu suspiri et desideri, non mai però perveni al termine; pazzi son questi cotal desiderii et vanii; non è melgio restringere lo appetito suo et contentarse de sua sorte, et essendo mortale, adoperarse ne le cose mortale? da prudente homo è rispondere, per quel che io me creda, che come ne la puerile aetade il cercare le cose che apartiene a la aetà virile è buono, benchè quella aetade non sia apta ad consequire quelle tal cose, et pazzo serìa quel padre che cotali pensieri prohibisse a uno sia fanciullo che di cose virile parlasse over pensasse, non essendo ello apto a consequirle, cusì mi penso che in questa nostra vita non sia vano persistere nel desiderio di quella quiete la qual non qui ma ne la nostra coeleste patria speramo di consequire. Et questo die bastare a nui, se ben cognosciamo la nostra conditione.

Et se qualche volta la cogitation ne dice: Pur non viene quella quiete, pur non ami nè canti a Dio con quel affecto che desideri, devemo, per quel che a me pare, rispondere con el Propheta nel Psalmo: Quomodo cantabimus canticum Domini in terra aliena? Fuor di la nostra patria non ne è lecito cantare li cantici de la filgiola de Sion. Qui ne basta piangere et desiderare, ricordandosi di quella caeleste Hierusalem, et se dopoi questa tale consideratione versamo ne le cose mondane, et per la fragilità nostra caschiamo in molti diffecti et peccati, non per questo disperarsi et non volere più ritornare a quella consideratione che di sopra ho detto, quasi indegni de lei, et a la quale un huomo mondano non debbi attingere, immo ritornare lì devemo con apiacere et dire al nostro Dio che ad ogni modo semmo sui, dicendo con Augustino: Si peccaverimus, tui sumus; si non peccaverimus, tui sumus, et humiliare il cor nostro nel suo conspecto.

Nè questo basta, non caminando per la via. Perché quel summo bene habita una luce inaccessibile, a la quale non solo lo intellecto humano ma lo angelico non pertinge per sua natura. Però, non sequitando il vero sentiero, mai non potremmo pertingere a quella luce inaccessibile. La via nostra è Iesu Christo, a la humiltà del quale non potendose in fin hora, immo desdignadose de inclinarse la superbia de lo animo mio, cercando di atingere a la luce de la divinità come fecero i philosophi non christiani, è poi rivolto in una profundissima caecità. Et pur hora me ne acorzo, pur hora me ne avedo. Il che me ha poi generato ne l’animo infinite perturbationi, cagione di molti mie mali.

Rengratio, et in ogni fortuna et caso ringratierò lo onnipotente Dio non solum de’ infiniti doni concessimi de la sua bontade ne la prospera fortuna, ne etiam de ogni infaelicità ne la fortuna adversa, il quale, a poccho a poccho, per ignotam regionem mi ha conducto a vedere un poccho di lume, et a discerner il recto sentiero.

Benchè anchora non mi sia messo a caminarli per entro, ma hora a la dextra, hora a la sinestra declinando nel mio viver vacilli, pur mai mi serà tolto questo per gratia sua che non speri in lui, dal quale procedendo questo mio desiderio, procederà anchora il desiderato fine.

Hora che in fin qui, Fra Paulo, ho scrito, mi vergognio de me medesmo, parendome che le parole che vi ho dette non convengino a me, come in vero non convengono, et che a me pertineva scrivere ad altro modo. Questi sono li mei paroxismi: hora scaldarse un poccho, hora, disperando di pertingere a quel affecto di core che vorrei, rivoltare in sdegnio et in perturbatione li pensieri facti.

Pur, con vui ragionando, mi pare ragionare con me medesimo, amandove io tanto et essendo tanto da vui amato, quanto non saperei dire, havendo etiam gran confidentia ne la oratione vostre et ne le vostre admonitione, perchè, in vero, non so io tegnire per niente questo mezzo. Ma di questo basta.

Vi mando una lettere de Messer Sancto Moro, l’altra de Messer Nicolò Teupolo, il quale è in più intrigi che mai fusse, et supportali con grandissima constantia di animo. Messer Triphone sta bene, il simile il Delphino, li quali assai si ricomandano.

Ho habuto da Messer Pier Francesco da Gagliano spesse volte lettere, fra le quale una copiosa de le cose et laude di Fra Hieronimo. Holli risposo anchora io copiosamente et liberamente quel che io sento, perchè cusì mi astrengeva che devesse fare. Non ho possuto non risponderli quel che io sentiva apertissimamente, havendoli la affectione che io li ho, la quale, in vero, Padre Frate Paulo, è tanta quanta non crederesti mai. Nè io saperia di ciò rendere causa alguna. Pur è cusì, benchè a tuti quelli gentilhomeni, immo a tuta quella ciptà de Firenze porti singular affection et benivolentia.

Se vedeti qualche uno de quelli gentilhomeni, ricomandatimi a loro strectissimamente, maxime al Ruscellai et Pithi, al cui filgiolo Alphonso mandai per Fra Hieronimo, partendome da Ravenna, un Vergilio et una lettera. Non se se ge l’habiate mandata. De Galgiano non ve dico altro, perchè spesso se visitiamo con lettere. Et hora questa l’ho drizata in le sue mane. Farò fine.

A quelli Reverendi Padri Heremiti, maxime al Rinchiuso et Fra Constantino pieno di dolcezza et charitade me ricomandareti assai pregandoli che ne le sue oratione facino frequente memoria di me, suo filgiolo et servo.

Vale nostri memor. In Venetia a dì 28 Zugnio [1515]. Gaspar Contarenus scripsit. Al Reverendo PadreFrate Paulo Heremita ne l’Heremo di Camoldole.

26. To Giustiniani from Venice, 9 July (1515) [89]

Jesus. Già pocchi giorni per via de Firenze ve scrisi algune ciance, et quel che importava me dismentichai.

Messer Luca Bonfìo, el qual con el contin de San Bonifacio se ritrova hora in questa terra, hora a Padova, ve prega che li mandiate quella grammatica hebrea di F. Pietro. La qual me dicesti, se ben mi ricordo, di darme, poi vui et io se dismentichassemo. Non vi agrevi hora mandarmela più presto poteti o per vostri monachi o per via da Firenze.

Aspecto con desiderio veder vostre. A quelli Reverendi Padri racomandatime assai, ne le oratione de li quali molto spero.

In Venetia a dì 9 Lugio [1515]. Gaspar tuus uti filius. Al Reverendo Padre Frate Paulo Iustiniano Monacho ne l’Heremo di Camaldole.

27. To Giustiniani from Venice, 1 and 16 November (1515)[90]

Iesus. Me ritrovo, Reverendo mio Padre Frate Paulo, haver tre lettere vostre, a le quale non ho anchora facto risposta, una de le quale recevì già alguni giorni essendo in villa, doe poi me ha dato il Reverendo nostro Frate Hieronimo. De la quale ne ho preso grandissimo piacer, nè meno da una, la qual è l’ultima, data a dì ultimo Setembrio, grandissimo riso, benchè ne hebbi fra me habuto un poccho di vergogna, che la mia pacìa sia stata cusì grande che in fin lì, in quelle solitudine, ne sia pervenuto il suono, benchè non ben compreso.

De qui già doi mesi, per la necessità del denaro, fo messo uno imprestedo il qual poi si scontasse in tuti li dacii doppoi Zener proximo. Alguni imprestorono bona summa di danari, li quali poi furono tolti de’ pregadi orindarii, li quali allhora se creavano et rimaseno per tute le balote. Il che acese talmente la ambition ne li animi nostri che tuti corseno a questo imprestedo; et cusì etiam erano creati ne li officii.

Io me ritrovava in villa Pieve di Sacco, et molto me ne rideva di tal pacìa et considerava che la ambition senza comparatione haveva habuto magior forza che il ben de la patria et le grandissime necessità, ne le quale spesse volte aveva veduto le cose nostre, nè però mai se haveva trovato una tal prompteza di animo ad adiutar la patria. Hor, essendo io cusì in villa, fo una domenega publicato da far il consegio proxime futuro, uno avogador di comun. Subito intrò in testa ad alguni mei amici, et sopra tuti a’ mei fratelli, di far che io mi metesse a questa prova. Et cusì mi scrissono non lettere ma comandamenti et minacie che non devesse contraporme a questo suo voler, ma volesse compiacerli.

Io prima mosso da la volontà loro, et poi excitato dal stimulo de l’ambitione, benchè allhora non li comprendesse, me ne venni a Venetia et brevitor fui tolto, insieme con Francesco da Pesaro da Londra solo, il qual offerse manco di me, et caschai. L’altra domenega poi fui tolto con Messer Alvixe Bon doctor, il qual etiam imprestò, et rimasi a casa. Sichè haveti inteso il sucesso de lo esser electo del Congilio di X. Et cusì come per la electione falsa vi dolevi, cusì hora per questa duplice repulsa vi dovere ralegrare.

Io, in vero, nel principio ne presi più presto sdegno che dolore. Dopoi, ritornato in villa a li studii et a la quiete, molto mi ritrovai satisfacto, considerando quanto era il melgio nel suo studio ragionare con Platone, con la Biblia o simili auctori che studiare processi de ladri. Et cusì me ne son stato un mese, et hamme quella stancia mirabilissimamente conferito.

Dopoi, cazato de la invernata, son ritornato a Venetia, dove ho ritrovato Messer Nicolò Teupolo nostro esser in tuto expedito de le sue lite, talmente che possiamo dire che doppo morte è risuscitato a vita et è ristituito a tuti nui, sui amici. Hora se ritrova in villa et fra do’ giorni serà de qui.

Circa a quel modo di viver, dil qual scrissi al Callino, zoè di esser frati senza capucino, ben sapeti, Padre mio, et il vero scorgeti, che io non ho molto disciolto l’animo de le affectione mondane. Perchè, in vero, quando con tuta la efficacia dil voler mio potesse dire: Dirupisti, Domine, vincula mea, tibi sacrificabo hostiam laudis, non mi acaderia aspetare altro rassetamento de le cose, come ben dite voi, ma senza altro vi scriveria: Frate Paulo, aspectatime che questa aestate sarò con vui et poi la invernata vegnerò a repatriare.

Et il medesmo haveria facto questa aestate già passata, ma il respecto che io ho, et quasi mi pare essere obligato di havere, a’ mei fratelli et altri mei amici, il non esser etiam in tuto privo de l’affecto de le ambitione, nè haverle del tuto calcate, me generano questa tepideza. Ma ben vi dico che, parte per il dimorar in villa, parte etiam per la compagnia con la qual converso in la citade, et per li studii, non mi allontano da quel termine che mi ho proposto nè da quel modo di vivere, immo mi vado sempre più accostando et più con la experientia comprendo il vero.

Ben è vero, Padre mio, che circa il capucino io non mi penso nulla.[91] A me non solum [non] dilecta ma genera horrore un tal pensiero. Nè a me per niente pare che una tal perfectione di viver convenga a la infirmità et debellezza de l’animo mio. Habiate patientia, chè, in vero, quanto sento ne l’intrinseco del cor mio, non son chiamato a quella vita, nè in parte alguna inclinato.

Io ho udito et saprei replicare molto bene tute quelle ragione che me havete dicto; pure la conclusione di loro a me dissona. Sichè a questa cosa più presto adoperative con oratione che con persuasione. Benchè credo, immo son certo, che per le vostre oratione il summo Dio, donatore di tuti i beni et dispensatore de diverse gratie a diversi, secondo che a loro convengano, mosso da le oratione vostre drizi l’animo mio a quel stato che è conveniente a me. Et, se sono de più perfecti, non sono forse a me convenienti. Che so io? Et che sapeti vui?

Non mi pare a me che di altro si debbe pregare Dio, se non, ut dirigat nos in viam rectam secondo la voluntà sua, nè poi si debbi prescrivere a sua Magiestà più una che una altra, ma aceptar quella bona, a la qual vidi essere il tuo core inclinato. A me pare cusì. Non so se forsi erro. Ma a vui, che mesurati il cor de altrui secondo la mensura dil vostro affecto, non pare cusì. V’il credo, perché suole cusì accadere. Et però, per la imperfectione che vedete in nui, bene potete vui dire: Benedictus Dominus, qui non fecit taliter omni nationi, et ringratiarlo di tanto bene a vui concessove. Ma di questo basta.

Pensative, Padre mio molto Reverendo, che io son assiduamente con vui et grandemente desidero di rivederve. Et uno di mei grandi diporti è il redurme a memoria quel loco de l’Heremo et quella quiete. Nè meno mi sovengono a mente quelli altri vostri Reverendi Padri, maxime il Renchiuso et il Padre Fra Constantino, il quale, per la sua gentilissima natura et grandissima charità, porto singulare affectione et observantia, et spesso spesso me ricordo di lui.

Frate Hieronimo me ha dito di havere una corona da darme per nome suo. Benchè anchora non me l’habbi data, il dono me è stato gratissimo, ma molto più, senza comparatione, il cognoscere lo affecto dil donatore. Il ringratiarete adonque per infinte volte per mio nome di tal dono, et pregatilo che se degni di fare assidua memoria di me ne le sue oratione. Il simile officio farete con il Rinchiuso et con quelli altri Padri.

Mi pare haverve dito assai ciance, le quale però, per l’amore mi portate, non vi sdegnereti havere lecto. Scrivetime spesso et amatime come faceti. S’el vi acaderà vedere o scrivere a qualche uno de quelli gentilhomeni nostri amici, non vi sia grave racomandarme a loro.

In Venetiss a dì primo Novembrio [1515]. Gaspar Contarenus uti filius scripsit.

[P.S.] Ho lettere dal Callino el quel se ritrova a Merone in Bressana et sta bene et senza fine si racomanda a vui, et pregave assai che lì debiate dare aviso et notitia del Signor Magnifico, et ciò che l’à a fare de ritornarse a sua Signoria; perchè altro non atende che vostre lettere circa ciò. Quando li scriverete, drizate le lettere a mi, perchè subito li darò aoptimo recapito.

Nostro barba Messer Piero Contarini, el qual è stato sempre con nui, come sapete, da una febre acutissima assalito, in pocchi giorni se ha partito di questa vita. Vi prego che faciate oratione per lui. Non solum vui ma etiam quelli altri nostri Padres Heremiti. Per non esser stati cavallari, tenuta in sin a dì 16 Novembrio. A Reverendo Padre Don Paulo Heremita ne l’Heremo di Camaldole in Firenze. Al Monasterio de li Agnioli.

28. To Giustiniani from Venice, 12 January (1516)[92]

Ihesus. Reverende Pater. Il nostro Messer Pier Francisco Galliano fu a Bolognia a vedere la pompa del Pontefice et dil re, dove fu’ anchora io, et hollo conducto a veder Venetia, dove è stato 24 giorni, et hora volse partir molto in presa. Per tanto, non havendo tempo di scrivere, ho voluto farvi solum queste due linee dinotandovi il nostro ben essere et che molto desidero di veder vostre ma molto più di veder vui.

Ho habuto gran piacer de la consuetudine del Galliano questi giorni, Et hora che el si parte ne ho gran despiacere. Pur la speranza di rivederlo preso mi consola.

A quelli Padri Heremiti, et precipue al Rinchiuso et a Frate Constantino mi racomandareti per infinite volte.

In Venetia a dì 12 Zenaro [1516] Gaspar tuus scripsit. Al Reverendo Padre Frate Paulo Heremita ne l’Heremo di Camaldole. In Camaldole ne l’Heremo.

29. To Giustiniani from Venice, 4 March (1516)[93]

Ihesus. Reverendo Padre mio. Dopoi molti pensieri che io havevo facto fra di me per iscusare apreso vui la mia negligentia di scriverve et rispondere a doe vostre lettere, mi ha parso il melgio tuor il consilgio del Propheta il quale dice: Dixi, confitebor adversum me iniustitiam meam Domino, et tu remisisti impietatem peccati mei. Cusì io, liberamente confessando lo error mio al mio Frate Paulo senza altra excusatione, impetrerò da lui venia.

Vero è che la ritornata da Venetia del nostro gentilissimo Galliano ha posuto suplir al difecto del mio scrivere, havendo lui con la viva voce molto melgio explicato el stato nostro de qui dil quello che le lettere haveriano possuto fare.

Il travalgio et disturbo che havete habuto in Firenze et in Corte per la Religione a me non è cosa nova, perché tandem per experientia ho collecto questa universale propositione essere vera, che la vita de l’huomo in terra è una continua militia. Et ben sapeti quanto se inganna colui che pensa ne lo exercitar de la militia poter trovar quiete. Ma la quiete nostra è in speranza del fin nostro et del ben nostro, la qual però è cusì forte che qualunque è ben atacato a questo ramo, benchè sia da molte perturbatione agitato, non però mai è sommerso over da uno loco a l’altro iactato.

Il docto et prudente discorso vostro del rimedio che trovate di fare che lo affecto sequiti la deliberatione, se non in tuto saltem in qualche parte, et la causa per la quale uno home dedito a le cose spirituale se sente discontento, et qualche volta se appilgia poi al pegio, mi è stato di summo piacere intendere et legere, perchè in vero a me pare che subtilissimamente havete indagtato quella tal causa, et poi prudentissimamente haveti excogitato il rimedio a questa cotal aegritudine.

Vero è che a un huomo non religioso ma seculare, a me pare che blandire un poccho più a lo affecto non è fouri di proposito, pure che non se passi li termini del ben vivere. Ma come ben sapeti vui, in tute queste tale operatione bisogna che la prudentia sia quella che commensuri tute le circumstantie et trovi il mezzo nel qual è la virtù. Però mal si puol dare regula universale che in tuto convenga a tuti li huomeni. Ma pure, quanto più si può accostarse al modo per vui excogitato, mi pare sia il melgio.

Molto volentieri vorrei che queste nostre abitatione non fusseno cusì distante che impedissino il potervi, se non sempre, almen qualche volta vederve et con vui ragionare, dal quale ne prenderei grandissima consolatione et magior utilitade. Ma il vostro stato molto spirituale et il mio molto mondano mal si possono insieme convenire a rimovere questo impedimento. Ma pure spero in l’altissimo Dio, el quale provede a ciascaduno secondo il suo bisognio, che a qualche modo, non da nui excogitato, forsi satisferà a questo commune desiderio nostro.

Son per andare domane in villa a fare questi giorni di quadragesima che restano, dove mi darò a qualche studio sacro et a la agricultura. Et forsi che de lì vi scriverò più copiosamente.

Hora ho a scrivere assai lettere. Et perchè Valeriano me insta, volendose partire, non posso essere cusì prolixo come vorrei.

Non risterò di aricordarve quel che son certo faciate, zoè di aricordarve di me ne le vostre oratione. Al Padre Rinchiuso, a Frate Constantino et a tuti quelli altri Padri per infinite fiate ricomandatime, pregandoli che se degnino pregare Dio per me. Vale.

In Venetia a dì 4 Marzo [1516]. Gaspar Contarenus tuus. Al Reverendo Frate Paulo Heremita ne l’Heremo de Camaldole.

30. To Don Constantino from Venice, 25 May (1516)[94]

Ihesus. Reverende Pater mi. Per el nostro Frate Paulo mi furono resse lettere di Vostra Reverentia a me, secondo il solito, iucundissime. Molto rengratio Dio che me ha dato tal gratia che Vostra Paternità, insieme con quelli nostri Heremiti, conservi memoria de nui, et cusì caldamente me ami oltra ogni nostro merito.

Lo invito che quella me fa che vengi all’Heremo a star questa aestate con vui mi è stato gratissimo. E in vero, se urgente facende familiare non mi havesseno, contra mia volgia, retegnuto de qui, io serìa cusì volontiera venuto a fare questa aestate con vui, come faria ogni altra cosa che più de le altre mi fusse grata. Patientia! Bisognia qualche volta vivere non a suo modo. Ma spero ad ogni modo non doppo molti mesi vegnire a stare qualche giorno con vui, perchè, invero, tanta affectione impresse ne l’animo mio la charità vostra in quelli pocchi giorni ne’ quali fui lì ne l’Heremo, che pocchi giorni mi passano senza ricordarme di quelo sanctissimo loco et di quelli Reverendi Padri.

Mi è stato di summo piacere intendere che Messer Bon da Bergomo nostro, olim monacho di Santa Iustina, sia venuto lì all’Heremo, perchè, in vero, dal tempo che el cognobbi in studio in fin hora ho habuto sempre optimo concepto de lui et holli portato grande amore. Hora che el sia reduto in quel sancto loco con la Paternità Vostra et con Frate Paulo cum reliquis Patribus Heremitis ne ho habuto gran consolatione.

Molto fiate ho ragionato de lui con el Padre Magiore et con Frate Paulo, da li quali ho inteso, oltra le cose pertinente alla religione, lui essere molto dedito al studio de ogni disciplina liberale, il che me è stato iucundissimo, perchè in quella solitudine et in quel ocio spero che el sia per pervegnir ad una grande excelentia. Vero è che, confiso ne l’amore che li porto, non resterò poi, con più ocio, di ricordarge con mie lettere algune cose pertinente alle lettere, nelle quale a mi non satisfa a pieno. Voleva tacere per hora, ma per mi è forza dirlo. Ho lecto uno dialogo del Padre Magiore intitulato Methias, el quale molto mi ha satsifacto, ma in algune parte, le quale sono state immutate nel trascirverlo da lui, non mi ha molto piaciute algune affectatione nel stilo et algune imitatione apuleiane. Molto desidereria che nel stilo, lassato Apulio, imitasse Cicerone et auctori simili. Ma di questa materia son per scriverli più amplamente.

Al fine mi resta pregare Vostra Reverentia che me ami et se aricordi de mi nelle sue oratione. A quelli Reverendi Padri ricomandatime senza fine.

In Venetia a dì 25 Magio [1516]. Gaspar Contarenus scripsit. Al Reverendo Pdre Don Constantino Heremita nell’Heremo di Camaldolle.

31. To Paolo Giustiniani, 26 May (1516?)[95]

Ihesus. El nostro Messer Raphael Pitti, venuto in questa Terra, mi rese una di Vostra Paternità, a la qual non posso far cusì lunga risposta come vorrei, per esser implicito in algune faccende domestice, le quale me impediscono assai et disturbano da altre operatione. Ma fin doi mesi spero essere del tutto explicito da loro et ritornare al mio pristino ocio.

Me dolgio assai per li costumi de la Terra, un poccho più ristreti che non sono a Firenza, non haver possuto in tuto satisfar al desiderio mio in far veder ogni cosa a Messer Raphaelo, però chè de le zogie de San Marco et del consilgio non c’è sta’ ordine poter fare che lui le habbia visto. Dopoi etiam non si ha possudo veder algune case che voria che le havesse visto per li nostri respecti et cetera che intendeti.

Voria volentiera poterli haver facto compagnia verso Fiorenza et verso lo Heremo, ma semo per divider algune possession che havemo insieme con Daniel Dandolo, et a me è stato imposto questo cargo el qual me tegnerà occupato questa aestà. Patientia! Passata la inveranta spero senza fallo vegnir a far qualche giorno con vui.

Perdonatime se son breve; ad una altra fiata suplirò. Al Renchiuso, a Fra Constantino et a quelli altri Padri racomandatime per infinite volte. Una altra volta scriverò a Fra Constantino. A dì 26 Magio [1516] Gaspar Contarenus scripsit. Al Reverendo Padre Frate Paulo Monacho in Camaldole.

32. To Giustiniani from Venice, 16 August (1516?)[96]

Iesus. Venendo de lì al vostro Padre Magiore, el qual è stato molti giorni qui con nui, in loco di nostre lettere narerave, Reverendo Padre Frate Paulo, lo essere et il stato nostro, el qual però non è mutato de lo essere nel quale ne la vostra partita lo lassaste.

Io non ho anchora expedita quella divisione con quelli nostri gentilhomeni Dandoli, ne la quale era quando vi ritrovavi de qui. La causa de questa ritardatione è stata la aegritudine et morte de Messer Daniel Dandolo, qui requiescat in Domino. Per il che non ho possuto applicar lo animo ad atendere a quello che vi haveva promesso, zoè di venir a star con vui ne l’Heremo uno over do’ mesi di questa aestate.

Dopoi, le cose in la Romagnia sono cusì travalgiate per le guerre, né mancano suspecti, che per consilgio etiam del Padre Magiore non si havessemo posti a tal viagio. Per tanto differiremo questo nostro desiderio a questa primavera nella quale certissimo, piacendo a Dio, se non altri, Messer Baptista Da la Torre et io verremo a trovarvi et a star con vui do’ mesi al meno.

Federico, nostro fratello, con grande desiderio aspecta quel tractato De contemptu mundi et de excelentia amoris divini, el qual scrivere li prometesti, quando eravati de qui. Ogni giorno mi sollicita che vi scriva di questa cosa. Sapeti che, havendoli promeso, seti obligato atendere a la promesa ad ogni modo. Essendo obligato, melgio è che presto vi liberate di questa obligatione, nam qui cito dat, bis dat. Siché vi prego instantemente che questa tractato vengi presto a nui.

El Pesaro[97] se ricomanda quanto puol et sappe. Similiter tuti li altri vostri et nostri amici, li quali è longo a commemorare. Mei fratelli il simile. Al Padre Rinchiuso ricomandatime, pregandolo che nelle sua oratione se degni di fare mentione di me. A Fra Iustiniano, a Fra Constantino etiam ricomandatime assai. Nec plura. Vale nostri memor.

In Venetia, a dì 16 Agosto [1516] Gaspar Contarenus uti filius scripsit. Al Reverendo Padre Frate Paulo Monacho Camaldulense over Heremita ne l’Heremo di Camaldolle. Ne l’Heremo.

33. To Paolo Giustiniani, 16 September 1516[98]

Non ho potuto prima che ora Revmo mio padre frate Paolo rispondere et satisfare a una vostra lettera da ma già alchun giorni ricevuta perchè per mio ordine che nelli giorni adrieto havea dato con Messer Lionardo da Porto nostro fui constrecto ad andare con lui et con alchuni nosti Amici in Vinetia dove sono stato circa x giorni. Dipoi son venuto a Pieve di Sacco dove mi son posto a lleggiere quelle opere di Fra Jeronimo Savonarola del qual mi scrivere. Vero è che quel libro della Reformation della Chiesa[99] non ho trovato tra le opere le quali dal vostro Gentilissimo Ghagliano mi furono mandate: nè da questi nostri librarii è stato modo di haverlo perchè non tenghon nè hanno queste opere di F. Hy.o Ho vistoel libro de prophetica veritate:[100] Ho visto i’libro delle sue revelationi.[101] Ho visto infino a ora gran parte delle sue prediche facte dopo la excomunica le quali reputo sieno la terza parte delle quali dite voi.[102] Hor per satisfare al comandamente di vostra Rev.a benchè sappi quanta presumptione io usi in voler mettere il judicio mio in cose sì ardue delle quali posso dire che poca o quasi nulla cognitione habbi tamen parendomi minor presunptione eldire liberamente quello che io sento et esser in questo judicio suo et di quelli altri P. Rev.di li quali sono come io credo in quel convento Metropolitano ragunati.[103]

A me pare che dua cose in genere nella prima faccia muovino nella mente di ciascheduno ragionevolmente dubitatione. Una è che predicare che la excomunica del pontefice non si debbi obbedire nè lui obbedirla. La una è publicamente farsi propheta et interpretare la scriptura secondo la sua prophetia.

Quanto alla prima descendendo al particulare di tre conclusione che paiono reprehensibile

la prima che non si debba ubedire al comandamento del Papa facto sub pena excommunicationis

2a che nel tempo della excomunica exorta el popolo a participare e sacramenti della chiesa et lui li partecipa

3a che e’ dice mai volersi fare absolvere di tale excomunica il che pare tutto opposito alla umilità christiana.

Tutte queste conclusione posson parer suspecte; tamen examinata dipoi la cosa più dentro et considerando il caso el qual pon lui (il qual non so però se così fussi), a me pare che facilmente si possino sostentare quelle tre conclusioni, benchè la seconda sia più difficile a mio judicio che le altre.

Quanto alla prima, ben sapete ch’el comandamento del Principe non è altro differente da unaq leggie se non che la legge è universale, secondo che citano questi Theologi e maxime el lume della Theologia S. Thomaso in molti luoghi, e la ragione di quello che è iusto. Essendo il iusto o naturale o divino o positivo, solum il positivo toglie l’efficacia sua dalla leggie et dal principe impositore della leggie. Ma il iusto naturale et il iusto divino son solamente dichiarati per lle leggi, ma non toggano il suo vigore dalla leggie nè dal principe, ma da Dio, el quale è institutore della natura et della leggie divina. Dal che ne seguitaq che la leggie nel principe danno (sic) vigore a quella parte della leggie nella quale si conviene el iusto naturale o vero il iusto divino, che el principe nè la legge possi astringere alcuno a quello ch’è contra al iusto naturale o divino. Onde queste tal legge son domandate dalli Theologi più presto corruptione della leggie che legge. Hora a questo agiungiamo quello che è manifestissimo, che il precepto della charità è precepto naturale et divino. Seguita adunque che niuna leggie facta contro alla charità non è valida, immo non si debbe servare. Essendo adunque un comandamento facto sub pena excomunicationis non differente da una leggie, se non che la legge è universale et il comandamento è particulare, io credo indubitamente che tal comandamento facto etiam dal Pontefice non di debba ubidire, bencè sempre li comandamenti delli Pontefici sie debbino nella miglior parte interpretare. Ma il caso è quando la cosa fussi manifesta, come dice lui, del che non posso far iudicio alchuno perchè non intendo come passassi quella cosa.

La 2a conclusione è più difficile, cioè nel dire che nel tempo della excomunica si debba participare li sacramenti della chiesa, la dispensation delli quali mere è subiecta alla potestà pontificia. Tamen io credo che in un sol caso questa conclusion si possi sustentare cioè quando dallo abstenere dalli sacramenti seguitassi qualche grandissimo schandolo contro la charità del proximo o contro allo honor di Dio: in quel caso credo io (salvo miglior iudicio) che non faria male chi participassi delli sacramenti. La ragione che mi muove è questa. Prima perchè io crederria che la intention del pontefice non fussi che io mi astenessi dalli sacramenti quando ne seguissi quello scandolo, arguendo a simili che in articulo mortis, dove è pericol della salute dell’anima, la volontà del pontefice per qualunche grande scomunica non è vietare ad alchuno la participation delli sacramenti. A simili interpetrerria la volontà del Pontefice in questo caso esser pia interpretatione, perchè crederria che tal comandmento fussi contra charitatem, el quale non si debbe servare. Imperochè chi comanda uno antecedente al quale ne seguita uno consequente, di necessità comanda etiam el consequente. Seguitando adunque da questa abstinentia quelche è contro allo honor di Dio o alla charità del proximo, questo tale comandamento si debba reputare contra charitatem, perchè quando alchuno Vicario d’uno Signore vuole usar la potestà datagli da quel Signore, non dico indetrimento suo ma indetrimento et disonor del Signore appresso gli subditi di quel Signore non debba essere ubbidito in tal caso; altrimenti si presteria prima obbedienza al vicario che al Signore. Ma nel nostro caso el vicario diDio useria la potestà datagli contro Dio et la charità, que est plenitudo divine legis. Adunque non debbe essere ubbidito. Vero è che per far maggior bene al proximo non crederria che e’ non si dovessi abstenere dalgi sacamenti, perchè Dio sa provedere al prefecto della sua chiesa sanza la nostra inobedienza; e ben sapete che questo caso saria molto diverso da quel di sopra.

La 3a conclusione seguita dalla prima: perchè absolution si cerca dello errore, non essendo quella transgressione errore, non si debbe cercare absolutione. Vero è che la revocatione di tale excomunica si debbe cercare, nè lui dice il contrario di questo, che non volessi già tirare le sue parole al senso tristo, il che non si debbe fare. Et questo basti quanto al primo.

Quanto al 2° del prophetare, io vi dirò il vero: quando non vedessi in quello huomo una profondissima doctrina et non havessi inteso della sua sancta vita, io di quelle revelationi ne haveria riso. Et dipoi il grande ingegno et gran doctrina mi danno sospecto di fictione; pure il fingere una cosa così puerile mi pare da nuovo, in un tale huomo non so quello mi creda. Tamen cum dubia in meliorem partem sint trahenda, io non faria mai iudicio di questa cosa et credo che solo Dio possi fare.

Unum est che io non credo per niente che in quella parte possi essere damnata per heretica, perchè non ci è cosa alchuna contra alla fede, nè contro alla fede è che adesso non possino esser Propheti. Fare unjudicio determinato di questa cosa mi par cosa molto prosuntuosa et pericolosa. Et il simil dico nello interpetrar la scriptura sacra secondo la sua prophetia: Chi sa tutti li sensi della scriptura? Questa rennovatione della chiesa io non lla so per prophetia, ma la ragion naturale et divina me le decta. La naturale perchè le cose humane nonvanno secondo una linea recta infinita ma vanno secondo una linea circulare;benchè tutte non fanno el perfecto circulo et quando so venute a un certo termine di augumento vanno poi in giù. Applicate voi. La ragion divina mi decta etiam che qualche volta Dio debba regulare la sua chiesa, il che debba sommamente desiderato da tutti li christiani. Nam si sal evanuerit in quo salietur? So che siate stracho, perdonatemi se sono stato presumptuoso. Ho voluto ubbidre, rimectendomi però in tutto alle determinatione della Sancta Romana Chiesa et di vostra paternità. De his satis.

34. To Paolo Giustiniani, 15 Novemeber (1516?)[104]

Ihesus. Reverende Pater. Per lettere del nostro gentilissimo Gagliano me è significato Vostra Reverentia essere lì a Firenze, credo per le cose de Fra Hieronimo. Già molti giorni vi scrissi quel che a mi pareva, secondo che per vui mi fu rechiesto. Volentiera vorei saper la opinion vostra et la determinatione di quello sacratissimo Convento metropolitano,[105] et intendere particularmente le oppositione che li sono facte. Mi farete piacer se, senza incommodo vostro però, me ni darete aviso.

Seti stato, per quanto intendo, in la Marcha a visitare alguni Heremiti, homeni molto religiosi. Di questo vostro viagio voria etiam me scrivesti.

Noi de qui ragionamo di vegnire dopo Pasqua a trovarve a Ravenna, et poi di stare qualche giorno con vui a l’Heremo. Molti dicono di volere venire. Noi so poi in quanti resteremo.

Ferigo, mio fratello, ve prega, quanto li è possibile, che vi degnate de scriverli una lettera et, per quella, exhortarlo a rimovere la affectione da le cose del mondo et ponerla in Dio.

Hora non ho molto tempo di scrivere. Aspecto vostre con desiderio. Tuti li amici vostri, et el Callino per sue lettere, mi hanno commeso che li ricomandi a le ortaione vostre, a le quale io etiam sempre mi ricomando.

A dì 15 Novembrio [1516]. Gaspar tuus scripsit. Al Reverendo Frate Paulo Heremita Camaldulense, in Firenze.

35. Giustiniani to Tiepolo and Contarini, March 1517[106]

Benchè sia già un’ anno, che voi tacete, nè per il mio sollecito scrivervi non possi cavarvi in tanti mesi due parole di mano, non per questo tacerò io co’miei carissimi padri di onore, fratelli negli anni, e figliuoli in amore, messer Niccolò e messer Gasparo, e quando ad ogni altro tempo avessi stabilito di tacere, oimè, oimè, che nella morte del mio e vostro carissimo Egnazio io non posso in alcun modo raffrenare, che alle pietose orecchie vostre non isparga le mie lacrimose querimonie; ed ove posso io trovar, chi più prontamente accompagni il mio dolore e le mie lacrime che voi? Perdonate alla mia fragilità; voi forse aspettavate da me lettere piene di consolazioni, ma non potendo da un fonte amaro proceder rivo di alcuna dolcezza, io non posso di altro, che di miserabili lagrime, e di lacrimevoli sospiri empire le mie a voi sì altre volte ingrate, ora ingratissime lettere. Piango, fratelli, lagrimo e sospiro con tanta amarezza, con tanta acerbità la morte del mio Egnazio, che se poteste dentro dell’animo mio penetrare, vi faria la pietà della mia pena sparger forse più lagrime, che per la morte del comune amico non ispargete.

O Egnazio mio dolcissimo, o carissimo Egnazio, o fratello o padre Egnazio, quanto il tuo dipartir da noi è grave e molesto al tuo frate Paolo, il quale o nessuna, o poca consolazione ritrova. Credeva di aver nell’animo mio fermamente edificato un tal dispregio delle cose, che possono avvenire, che non mi avessi mai di evento alcuno a molto rallegrarmi, nè molto dolermi, ma la morte tua Egnazio mio hà ogni incominciata edificazione mia rovinata, e non solo mi dolgo, me nè modo, nè misura non sò conservare nel mio dolore. O messer Niccolò, o messer Gasparo piangete e sospirate, e lamentate meco la morte del nostro carissimo fratello; non è fortezza di animo non piangere, ma molto più valoroso animo è quello, che in tal conto non sa trovar fine al suo dolore.

Io vi raffermo non saper in alcun modo moderarmi, piango assai di fuori, piango molto più di dientro, piango, e dappoi il pianto io piango, ed il fine del pianto è un nuovo pianto, e le lagrime del cuor mio finiscono in lagrime, ma non v’ingannate però, non piango, nè me dolgo punto, che il carissimo amico nostro sia dalla miseria di questa peregrinazione nostra terrena dipartito, che non istimo già cosa da lagrimare questa dipartita da questo mondo; ma ben mi duole senza misura, ben piango senza freno, che il Mondo e le sue vanità abbino così fino alla fine tenuto occupato l’animo suo, ch’egli si abbia lasciato prevenire dalla morte, avanti che abbi alla vocazione di Dio acconsentito. Crediate voi, che mi dolga semplicemente il morire dell’amico mio? non crediate questo per nessun conto, che in se la giudico la migliore di tutte le cose, che possono agli uomini avvenire; ma ben mi duole e sempre dolerà il pensare, che ingannato dal fallace Mondo il Egnazio abbia serrate le orrecchie alle continue vocazioni di Dio, abbia sprezzato le amorevolezze, con che Dio alla Religione il traea, abbia poco o niente sentita la sferza, con la quale diversamente battendolo Dio lo scacciava dall’amore del Mondo, abbia al fine tanto calcitrato contra lo stimolo del Signore, che abbia aspettata la vendetta e la sanguinosa spada di Dio sopra di sè.

Non giudico, non parlo dell’altra vita, che inscrutabilia omnia sunt judicia Dei, ma di questa presente vita, sono tanto temerario nel giudicare, ch’io non posso credere, che altro abbia a noi tolto il nostro Egnazio, ed a lui tolta questa vita, che la durezza del cuor suo, e l’ostinato suo contendere contra il voler di Dio, il quale in mille modi lo chiamava alla Religione. Io ho letto tante volte nelle pistole di san Bernardo e di diverse persone, e molte volte con grande osservazione letto, che non dubito di affermare, che quelli, che sono chiamati alla Religione, e non consentino alla vocazione di Dio, non possono lungamente vivere sopra la terra, e mi duole che io ne ho ora un troppo vivace e troppo famigliare esemplo.

Sallo Dio, che egli è più di un’anno e mezzo, che sono vivuto sempre con grandissimo timore di quello, che io ora sento amarissimo effetto; potrete saperlo voi, che forse qualche mia lettera avete veduta a lui indirizzata, quante volte io gli ho messo davanti agli occhj quello che desiderava, ch’egli s’ingegnasse di fuggire, ma egli sempre più duro è caduto alla fine nelle mani di Dio. Credomi certo, se io tardava qualche, non voglio dir anno, ma mese, a farmi religioso, non sarei finora in questa vita durato; credomi certissimo, che se il mio Egnazio si avesse, come dappoi tanta inclinazione e quasi promissione dovea, donato al servizio di Dio nella Religione, egli ancora saria con noi in questa vita; questo è quello, fratelli, che amaramente crucia l’animo mio, che mi pare, che il nostro Egnazio sia stato micidiale di sestesso, non ha voluto lasciar il Mondo vivendo, ad hallo lasciato morendo. Dubitava egli, come fariano i suoi senza qualche ajuto esteriore, ora sono senza ajuto, ed hallo pur lasciato, e voi che stimo, che qualche volta abbiate con lui usate quelle parole, che usaste di scrivere al Querino, ora godete voi l’Egnazio, ora rincrescavi, che si faccia Religioso; se voi aveste tutto ajutato il buon desiderio suo, quanto lì avete raffredato, forse saria ora vivo l’Egnazio, ch’è morto; di che perdonatemi, con voi me ne adiro, e molto più mi adiro con me stesso, ch’io non gli sia stato più importuno e molesto, che io non sia fino a Venezia venuto a cavarlo dal Mondo e dalle mani della morte.

O giudizi di Dio imperscrutabili, non mi sia imposto a colpa a giudicare quello, che per mille esperienze è comprobato, quel che il buon san Bernardo così affeverantemnte afferma. È morto Egnazio, perchè non ha voluto vivere; è morto Egnazio, perchè ha voluto contendere con Dio, questa è la cagione di tutte le mie lagrime, di tutti i miei pianti; e se alcuna consolazione riceve l’animo mio, questa sola io sento, che penso la clemenza di Dio della durezza e contradizione sua avergli data questa punizione colla privazione di questa vita, per non gli dare la privazione dell’eterna beatitudine. Non ha voluto l’indurato animo consentir a Dio, che lo chiamava alla sua servitù; ma non ha potuto vincere la benignità di Dio, il quale mutando in bene il male, hallo chiamato; e tratto per forza alla sua beata visione. Se questo solo conforto non mi restasse, io credo, che mi creperia il cuore dalla veemenza del dolore.

O vane cure degli uomini, o vanissima umana prudenza, con quanta esaminazione andava il buon Egnazio perscrutando, come viveriano i suoi vecchj, se si facea Religioso, ora come viveranno essi, ch’egli è morto? Ricordomi scriver già più di due anni, che la pietà, ch’egli mostrava di avere a’ suoi, era una manifesta crudeltà; ora mi rincresce, che sono stato troppo veridico. Fidatevi ora delle vite nostre miseri uomini mortali; sperate pur più nella vostra stessa industria, che nell’abbondante grazia di Gesucristo. O quanto temo, che sia sforzatamente e malcontento partito da questa vita, o come sono sicuro, che se fosse stato Religioso, saria volontaria e lietamente morto. O quanto più sicuro sarei della salute sua, se egli fosse nella Religion morto! temea non durare ne’digiuni, e senza digiunare è mancato; gli rincrescea l’allontanarsi per un poco di spazio da voi amici suoi, ora vi ha per sempre lasciati in questa vita. Queste sono quelle cose, che considerando il sapientissimo Salomone dicea; che temerà le brine, caderà sopra lui le nevi, io non mi so raffrenare, perdonatemi, e quanto jo dico, sappiate, che io il dico più per voi, che per l’Egnazio; per voi, acciochè se mai vi trovarete esser da Dio chiamati, non vogliate contro lo stimolo di Dio calcitrare; non aspettate che Dio con aperta voce vi dica: Fatevi Religiosi, ma considerate ben le cose, che vi accadono, esaminate voi stessi, i vostri cuori, e conoscerete bene, se Dio vi chiama alla santa sua servitù, non vogliate mai fidarvi tanto della prudenza vostra, che non conosciate la somma prudenza di Dio esser maggiore, che tutte le umane prudenze.

Non sospinge Dio alla Religione senon quelli cha sa, che la puole leggermente portare; quelli, alli quali la immensa bontà sua ha determinato di donarli sempre buon ajuto e fortezza, e contentezza grande in quelle cose, delle quali l’umana prudenza teme di aver discontentezza. Io prego il misericordioso Dio, che piuttosto non vi chiami, se voi siete per non volerlo udire. Stimo immensa grazia di Dio il dono della santa vocazione alla Religione, ma a chi non acconsente, temo che sia doppia dannazione, onde molto meglio è non esser alle nozze invitati, che essendo invitati dispregiar l’invito. Vigilate sopra voi stessi, carissimi, & faciant vos aliena pericula cautiores; non siate nelle cose vostre così fermi, nelle vostre prudenze, che non attribuiate più alla prudenza divina. Vi dolerete forse di me, che non sappia far altro, che molestarvi in simili ragionamenti; lamentatevi, doletevi a vostra posta, che io non voglio contender con Dio, il quale mi mette nell’animo, ch’io di simil cosa spesso e lungamente vi scriva.

Voglio piuttosto offender voi, che offender mio Dio, massime che io so, che l’offender, che io vi faccio, non è di altra maniera, che quello si fa ad un infermo, quando se gli porge per la sanità sua qualche non troppo dolce medicina; così queste mie rozze e strane parole, se le vorrete ben esaminare, non sono però tanto amare, che non abbiano in sè qualche ajuito alla sanità. Sono pazzo a molestarvi più; perdonatemi, e sopportatemi. Avrei molte, molte, moltissime cose da scrivervi, ma non ho nè modo, nè tempo, nè mente a mio modo.

Se si potesse avere un quinternaccio di alcune cose mie, cioè quel mio mezzo uomo, che avea messer Pre Batista, mi saria caro, Avea eziandio di mia mano alcune cose di san Girolamo, che si trovano, che io trascrissi in Gerusalemme. Mi saria etiam a caro aver tutte le lettere, ch io gli ho scritto, dappoichè son monaco, se l’ha riservate. Da voi messer Niccolò una volta, quando che sia, desidero udire, che abbiate fatte soddisfare quelle cose del testamento mio, che possono aggravare l’anima mia, tralle quali numero quelli di Alvise, e quelle di M.. Ben state sani dell’anima e del corpo. In Roma M.d.xvii. Marzo. Fra Paolo.

36. To Giustiniani, 19 April (1518)[107]

Iesus. Reverendo mio Frate Paulo. Non ho prima fato risposta a tre vostre letere, credendo, come havea fermo deliberato, di farvi la risposta a bocha. Et benché qualche occupation familiar mi dava impedimento, pur havea pensato di lassar ogni altra cosa et venir a Ravenna a questo vostro Capitulo, et de lì transferirme con vui a l’Heremo et far do’ mesi di questo instade con vui fra quelli boschi; ma subito dapoi Pasque me è sopragionto uno impedimento et una egritudine, la quale mi ha dato asai molestia et hor è causa ch’io non vi scriva de mia mano.

La egritudine che io vi dico è uno certo humor colerico el qual, per quanto dicono i medici, ascende dal figà et me causa un dolor ne l’ochio dextro et ne la tempia, tal che qualche volta pur veder el lume mi fa grandissima nogia a l’ochio oltra el dolor ch’io sento in tuta questa parte dextra del capo. El star veramente al sol, pur per uno instante, mi è intolerabile. Per il che son sforzato di lassar andar a Capitulo senza di me Don Justinian et tuti questi alti Padri con li quali, non possendo venire io et ragionar con vui in presentia como desiderava, ho voluto saltem con letere satisfar a la risposta che volea farvi a bocha.

Quanto a Messer Baldasara Carduci, et Theupolo et io ne havemo ragionato asai con el Magnifico Messer Marin Giorgi, et havemoli mostrate le vostre letere. El quale è molto ben disposto et, quanto aspeta a lui, la cosa serìa conclusa; ma el suo collega, el qual è Messer Zorzi Pisani, è assai più duro. Pur se vederà con destreza, maxime intraveniando l’opera del nostro Generale, de condurlo a qualche bon segno et a qualche conclusione, vedendo etiam che Messer Baldasara si contenterìa de minor salario de ducati 500, per quanto el Generale dice haver da lui.

Spesse volte anchora con Messer Marino havemo ragionato di condur el Diaceto, ma non troviamo ben il modo di poterlo fare et di poter persuadere a questi nostri Padri ch’el si faci.

Di Don Justiniano, el qual ni haveti ricomandato con tanta instantia circa a la recuperation di suo fratelo, non vi dico altro se non che tanto si extenderà la operation nostra quanto si extenderà el potere, benchè lui per adesso de qui non ha de besongo di quello che credeva. Lui è per andar, dapoi questo Capitulo, in Alexandria, per quanto lui me dice, con una nostra nave con la quale va etiam Luca nostro fratelo, el qual si sforzarà di farli ogni piacere.

Ferigo, nostro fratelo, fin hora ha aspetato con gran desiderio el Tratado che li promesti di farli a sua instantia, de contemptu mundi et amore divino. Hora, vedendo che non è venuto et tratato, come sperava, si comenza a lamentar di vui. Io cerco di excusarvi, ma si el trado non vien presto, la mia excusation sarà vana.

Tuti li amici vostri che de qui sono, maxime Theupolo, Pesaro, Soranzo si ricomandano per infinite volte et vi aricordate de loro ne le oration vostre. Me veramente vi dignereti di ricomandarmi a tuti quelli Padri et maxime al Richiuso vechio et a Don Constantino li qual instantemente pregereti per mio nome che faci memoria di me ne le sue oratione.

Una altra fiata de mia mano, Domino concedente, vi scriverò più copiosamente. Hora farò fine. Vale nostri memor.

A dì 19 April [1518]. Gaspar Contarenus uti filius. Al Reverendo Padre Frate Paulo Iustiniano Honorandissimo Padre a l’Heremo.

37. To Andrea Gritti from Worms, 25 April 1521[108]

… Unde venuti questa matina a levarmi di casa el vicecancellier et prefato maistro de casa cum alcuni conseglieri regii me accompagnorono a palazo insieme cum il clarmo orator Cornelio; dove trovai la Mtà caes. in un salloto, sentata in una sedia coperta de restagno d’oro, sotto uno baldachin de restagno d’oro. Da uno de li lati erano sentati tutti electori del imperio excepto el duca de Saxonia, da l’altro ladi li revmi cardinali Sedunese[109] et Curcense.[110] Avanti sua Mtà erano in piedi lo ilmo monsor de Chievres, magnifico grancancellier, et molti altri principi si Alemani come Fiamenghi et Spagnoli. Al intrar nostro dentro di esso salloto et facendo nui reverentia a sua Mtà, quella si levò in piedi, a la qual apresentatomi in el basar la mano si levò la bereta dal capo. Dapoy apresentatoli le lettere credential et volendo principiar ad exponerli quanto havea in commissione da V. Celne, sua Mtà fece portar una bancha coperta de veludo rosato, ordinando che se coprissamo el capo et dovessamo seder; il che nui cum ogni modesta reverentia recusando quella molto ne instò a seder; ma io la pregai, per mia commodità, fusse contenta potesse star in piedi. Sua Mtà cussì permisse volendo però se coprissamo il capo; et a questo fussimo obedienti.

38. To Nicolò Tiepolo And Companions from Worms, 25 April 1521[111]

Magnifici Fratres etc. Come nel andata a trovato malissime strade et mali tempi con neve et piova, a veduto molti lochi et cità, ma niuna più grande et bella di Augusta dove dimoroe un giorno et fu honoratissimamente veduto dal Duca di Baviera che era li et li fo mostrato il palazo di Focher[112] bellissimo et ornatissimo. Scrive il suo zonzer li a Vormatia adi XX, incontrato miglia XV dal clarissimo Cornelio suo precessor e lontano di qui miglia tre dal Magiordomo del Re e da alcuni sui Consieri da li quali fu accompagnato sino a lo alogiamento et stato in casa fino il zorno di San Marco, perchè questa Maestà e stata occupata con quelli Principi alemani, nè li ha potuto dare audientia. Poi la mattina et Magiordomo et tutti quelli del Consiglio d’Aragon et prima dal Vice Canzelier e insieme con l’orator Cornelio andoe al palazo, dove trovò la guardia di Sua Maestà in ordinanza da le scale fino a la porta del salotto over comera dove l’era. E intrato in quel salotto Sua Maestà si levò insieme con tutti li Electori che vi erano li, mancava il Duca di Saxonia. Erano etiam il Cardinal Sedunense[113] et il Cardinal Curzense.[114] Et fato le debite riverentie a Soa Maestà si acostoe e baso la mano di Sua Altezza, la qual si cavò la bareta. Poi fattosi dar la lettera di credenza dal secretario, et basiatola ge la presentoe. Soa Maestà la tolse et detela a Gran Canzelier; aperta la lettere et lecta, Sua Maestà si sentò in sede curuli, poi fece sentar li Electori ad uno ad uno con gran ceremonia, et poi li do Cardinali, fece portar una banca coperta di veludo per nui doi oratori, voleva si sedesse, io ricusai dicendo non licebat Soa Maestà instò grandemente et lui per non essere imputa di arrogante, disse che li era più comodo il star in piedi et cussi fece la sua, dice, oratiuncula, a la qual azonse diverse parte per satisfar a la sua commissione. Fu udito attentissimamente da ogniuno si da Soa Maestà come da li Electori et Cardinali che sedevano, come da infiniti altri Principi alemani, hispani et fiamenghi che stavano in piedi et alcuni Prelati docti li quali sonno in sta corte. Finita l’oratione si ritirono insieme li Electori et Sua Maestà et da poi un pezo li fece risponder per il Gran Canzelier a parte a parte a la sua oratione con parole molto amorevole et affettuose, li disse chel scriveria quella sua cussi amorevol risposta per le prime a la Illma Signoria, et ritornoe a casa accompagnato da quelli instessi. Questa audientia per quanto tutti dicono e sta honoratissima non solita darsi per questa Maestà ad altri oratori. Poi pranso andoe a visitation di oratori del Papa et Franza et etiam del Cardinal Sedunense con il qual stette a ragionar più di una hora, dal qual fu molto honorato et accompagnato fino a la scala, et lo volse metter a la man dritta. Ozi è stato da Monsignor di Chievers[115] et dal Gran Canzelier[116] et poi pranso da lo illustrissimo Infante fratello di questa Maestà, il quale lo mandoe a levar di casa da alcuni sui gentilhomini, ritrovoe la sua guardia a palazo in ordine e con Sua Signoria nel salotto era il Cardinal Curzense con molti gentilhuomini et Signori. Li fece latine quelle parole li parse convenir e dal suo secretario per suo nome li fu benignamente riposto, et cussi si parti da lui. Continuerà visitar questi Electori et Cardinali. De his satis.

Quanto al frate Martino Lutherio non li ho parlato ne veduto, benchè lui sii stato in questa fin heri damatina. Mi e stato necessario governarmi a questo modo per diversi rispecti: nam habet intentissimos inimicos et maximos fautores, et res agitur tanta contentione quanta non facile crediderim. Ma da molti ho inteso oltra le pacie che ‘l dice, che concilia erraverint: quod a quodlibet layco existente in gratia sacramentum heucharistiae confici queat, et quod matrimonium possit dissolvi; quod fornicatio non sit peccatum et quod omnia eveniant de necessitate. Il che parlo ho inteso solum dal Cardinal Sedunense. Oltra questi errori intendo lui esser imprudentissimo et assai incontinente et ignaro delle doctrine. Lui in questi giorni e stato suaso da questi Principi et per nome dela Ces. Maestà, che vogli ritratarsi; nientedimeno ha voluto persister in sua pertinacia et cusi hogi questa Maestà fece una dichiaratione di sua mano contra di lui, in copia si manda a la Signoria. Non potria dire il favor che lui ha di qui, il quale e di sorte, che dubito partito che sara questa Maestà et risolta la dieta, parturira qualche male effecto maxime contra praelatos Germaniae. In vero se costui fusse stato prudente et fusse stato in le prime cose ne se havesse implicato in manifesti errori de la fede, seria non dico favorito ma adorato da tutta Germania. Il che mi disse il Duca di Baviera in Augusta et molti altri et io il vedo per experientia. – Conforta ditto Nicolò Teupolo andar a la sua legatione in Anglia, perché tal vita e bellissima et honoratissima, simillima à quella di studii, se non che questa a magior. Qui ci sono molto docti homini et greci et latini et philosophi, benchè non li habbi ancora conosciuti. Partiti de qui sene anderemo in Fiandra, non so se poi in Hispania. Vos bene valete ac rescribite. Hanno dicto Martin Luthero partito heri matina sopra una careta accompagnato da 20 a cavallo.

39. To Matteo Dando from Worms lo, 26 April 1521[117]

Duodecimo Kalendas Maias[118] Vormatia perveni, cum biduum prius in Spira urbe restitissem: nam a Francisco Cornelio[119] oratore certior factus eram, ita constitutum esse ab Imperatore, ut ea die circiter horam vigesimam primam in urbem ingrederer. Obviam mihi venit per quindecim millia passuum Cornelius orator cum nobilibus quibusdam Genuensibus, Neapolitanis ac Siculis, verbis quae fieri consuevere ultro citroque factis una Vormatiam versus iter direximus cumque ad quatuor milia tantummodo abessemus ab ea civitate, quidam ex regio consilio praemissi ab Imperatore mihi occurrerunt, a quibus amice ac honorifice exceptus, urbem ingressus sum satis celebrem, pompa per viam frequentia hominum qui spectatum venerant stipatam, domumque ductus regios illos dimisi multaque collocutus cum oratore Cornelio atque Andrea Rubeo a secretis oratoris, cum Cornelius una mecum cenare voluisset cenatum dormitumque ivimus; postridie summo mane Cornelius orator ad Ducem Chievrensem ivit, ut cum ipso constitueret, qua hora Imperatorem adirem. Nihil certe Dux respondit, sperare tamen se dixit post prandium tempus commodum fore: hora tamen prandii Andream Rubeum a secretis mitteret, quo internuncio certam horam constitueret. Venit ad me Cornelius, postquam rebus divinis interfuerat (nam mihi domo egredi non licuit, antequam Regem adirem, id namque moris est), una pransi sumus, post prandium reversus Rubeus ad ducem Chievrensem, Chievrensis excusare Regem, qui ea die sicuti sperabat tempus commodum non haberet, nam cum Electoribus imperii quaedam a Rege tractanda erant non parvi momenti. Nos re intellecta de plurimis variisque rebus sermonem inivimus ac nonnulla de litteris, quibus Cornelius dare operam coepit, ac non tantum latinis verum etiam Graecis. Interea Dux Cariati ad me visendum venit multis comitantibus, quem benigne honorificeque excepi. Post primam salutationem ac amica verba ultro cirtoque dica venimus in mentionem fratris Martini Lutherii,[120] qui, ut nosti, magnos tumultos in Germania excitavit multosque nobiles fautores habet ac nudius quartus venerat ab Imperatore accersitus, fide data, a nullo ipsi vim faciendam, sed ut tuto cum vellet et quo vellet recederet. Pridie vero eiusdem diei, quo hic veni, fuit Martinus coram Imperatore et Electoribus omnibus. Ibi interrogatus Imperatoris nomine an omnia ea opera, quae sub eius nomine circumferebantur, fuissent ab eo edita, respondit, scire se velle, quaenam ea essent opera, quae eius esse dicerentur. Nam facile fieri potuisset, ut aliquot non sua sibi essent adscripta. Continuo lectus est index eorum operum. Quo perlecto asseruit, ea omnia opera a se edita fuisse. Tunc item interrogatus, an se affirmasset, ut vera omnia ea esse asseveraret, quae in his operibus scripserat, respondit, se nolle statim ad eam percunctationem respondere, sed tempus idoneum sibi daretur, quo cogitare secum posset ac animo pensare, quae in illis scriptis continerentur. Excepit Imperator, eum quidem neque id mereri neque aequam rem poscere, cum dudum probe nosset, quam ob causam accersitus esset, commomodum iam tempus habuisse cogitandi ac pensandi quae vellet. Attamen pro sua humanitate se ad crastinum rem differre, eademque dici hora revertantur. Abiit Martinus ac cum rediisset hora constituta, multa verba fecit coram Imperatore et teutonice. Summa vero fuit illius orationis invehi in romanum pontificem ac romanam curiam, insuper se adserere, Contantiense Concilium, quo Ioannes Hus damnatus fuerat, errasse maleque ea tunc decreta fuisse contra Ioannem Hus seque in ea sententia perseveraturum, donec convictus esset rationibus aut auctoritatibus sacrae paginae. Dismissus est ab Imperatore, summoque mane postridie eius diei Imperator syngrapham propria manu conscriptam, in qua se natum dicebat regibus catholicis ac christianissimis imperatoribus proindeque se a maioribus suis degenere nolle; Martini haereses omnibus viribus oppugnaturum esse suppliciumque sumpturum de ombibus, qui ei inhaererent, adeo ut neque regnis neque vitae esset parciturus. Eamque syngrapham Electoribus proposuit. Electores tempus petiere, quo consultare ac decernere de ea re possent. Saepius vero postea ad Imperatorem reversi videbantur assentiri Imperatoris decreto, verum multis exceptionibus adhibitis, sicque res adhuc in dubium vertitur nihilque certi decretum est. Verum Imperator videtur animum affirmasse contra Lutherium, nec immerito. Nam quae admodum a multis accepi, in eam dementiam et eam furorem vir iste devenit, ut reiiciat decreta conciliorum, dicat, a quolibet laico confici posse sacramentum eucharistiae, matrimoniumque dissolvi posse, fornicationem simplicem peccatum non esse ac innuere mulierum illam communitatem, de qua Plato in sua republica. Omitto ea quae dicit de confessione et eucharistia. Nocte quae eum secuta est diem, quo Lutherius dimissus est ab Imperatore, in valvis templi episcopalis affixa est syngrapha, qua quatuor centum nobiles simul cum innumeris vilioris notae interminabantur interitum in eos qui contra Lutherum essent eosque ad arma provocabant, praesertim episcopum Moguntinum,[121] in quem maxime indebacchantur … Si Lutherius hic moderatius ac prudentius egisset neque tam erronea ac pia tetigisset, sed prioribus illis perstitisset, tota Germania sibi adscivisset; ea est erga eum insanientem Germanorum quam plurimorum propensio. Ac valde vereor – quum viderim hominem se affirmasse neque ulla ratione neque metu neque precibus posse sententia dimoveri -, ne, quum primum decesserit Imperator et conventus hic principum dissolutus fuerit, magnus tumultus excitetur in tota Germania non sine maximo dispendio episcoporum ac totius cleri Germaniae necnon cum iactura christianae religionis. Adeo multos intelligo huius factionis esse, qui rem hanc nimis fovent, contra quos video nullum audere luctari. Passim in hac urbe eius libri venduntur, quamvis et Pontifex et Imperator hic agentes id fieri vetuerunt. Intra domesticos parietes principum maximos etquam plurimus (habet) fautores. Nescio quorsum res evadet, sed timeo eventum. Ego hominem neque allocutus sum neque vidi; miraberis fortasse, cum scias, me id quam maxime cupere. Verum ratio temporum sic exigit, tanta contentione res hic tractatur. Sed quantum intelligere potui, Martinus hic expectationem fere omnium fefellit. Nam neque vitae ignarus adeo, ut nihil egregium habeat praeter imprudentiam. De Martino hactenus.

Ego domi moratus sum quatuor totos dies, nam propter varias ac multiplices germanicas occupationes Imperator me audire non potuit. Demum die XXV huius mensis, hesterna inquam divo Marco dicata, circiter horam nonam post noctem mediam misit Imperator nobilissimos viros Hispanos, regios inquam consiliarios omnes Taraconensibus[122] negotiis praefectos, qui me dono deducerent ad se visendum, quibus comitantibus nec non Francisco Cornelio oratore pompa satis celebri regiam adii. Insessis equis ubi descendimus, invenimus omnes milites custodiae Regis praepositos a valvis regiae usque ad Regis cubiculum dispositos. Ingressus Regis cubiculum vidi Imperatorem admodum iuvenem ac omnes Electores praeter Ducem Saxoniae, Cardinalemque Sedunensem ac Curgensem, qui omnes stantes me exceperunt. Ego Regis manum exosculatus, qui detecto capite stabat, ut me honestaret, accepta a Laurentio Trevisano secretario senatus literas cum eas osculatus fuissem, Imperatori tradidi ac Imperator scribae suo legendas tradidit. Perlectis litteris assedit Imperator in curuli sede, post id iussit Electores ac Cardinales sedere. Cum hi consedissent, ad Cornelium et ad me delata fuere sedilia tecta panno serico. Ego cum mihi non licere sedere coram Imperatore dixissem, instabat Imperator. Verum ne me arrogantiae, qua a pleris(que) Veneti notari solent, insimularet, asserui mihi magis commodum fore, si stans orarem. Ac tandem orationem habui eam, quam antequam instinc discederem tibi perlegi. Deoque optimo gratias, quod ita attente ab omnibus auditus sum, ut vix credibile videri potuerit in tanta hominum frequentia, hominum inquam principum Hispanorum et Germanorum, qui omnes eo convenerant, ut me audirent. Cum perorassem re paulisper consultata mihi benignissime per Cancellarium Imperator respondit, sicque ab eo dimissus sum non sine laude totius consessus. Nunc videor mihi e carcere exiisse, nam sunt ac (?)[123] Marchionem Chievrensem Imperatoris alterum nec non Cardinalem Sedunensem, cum quo horam et amplius moram duxi variis sermonibus tempus terentes; multa amicissime ultro citroque dicta, plurima de Lutherio. Tandem ab eo dismissus adeo honorifice, ut me et Cornelium puderet honoris delati, adeo praeter dignitatem Cardinalis mihi videtur studium adhibuisse in me honestando, omitto quae de oratione, quam habueram mane coram Imperatore, di(xit). Intellegis vitae mea rationem. Ad hanc diem valeo optime ac optima valetudine sum, animo laeto atque alacri. Genus hoc vitae me maxime oblectat, quod simillimum censeo Patavino vivendi generi, praeterquam hoc maius quoddam prae se fert ac magis amplum; utor consuetudine nonnullorum hominum utriusque linguae periforum, necdum omnes literatos cognovi, nam paucis me adire licebat, antequam ad Regem adiissem. Credo iam te legendo fessum esse, idcirco finem faciam. Litteris tuis binis quas accepi nihil est quod respondeam, praeterquam Deum optimum orem, ut te cum uxore Paula incolumes diu servet, clarissimis parentibus tuis me plurimum commendato. Eadem mihi scribenda erant Augustino Pisauro, quem scis quam unice diligam; verum ne laboris hoc capiam, te etiam atque etiam oro, ut ei hasce nostras tradas, postquam perlegeris, quas tibi ipsique scriptas volo. Vale ac me ama. Vormatiae raptissime etc. die 26. Aprilis 1521.

40. From Corner and Contarini (Worms) to Andrea Gritti, 28 April 1521[124]

… Circa frate Martino Luther, del qual scripsi a V. Sertà io Francesco[125] per mie de 19 quanto havea fino quel giorno, è successo dapoy che questi electori et principi cum assenso de tuti li intervenienti in la dieta resposeno a la requisition fattali da questa Mtà in la sententia, che per le predette scrissi ley haver pronuntiato contra ditto Luther, lo contenuto de la qual sarà cum queste: che essendo materia de momento, la pregavano fusse contenta lassarli proceder a parte cum lui, per veder da farlo revocar quanto intendeva sua Mtà, videlicet le cose de directo contra le constitution et decision terminate in li concilii Constantiense et altri, lassando come in suspenso quelle che taxano la potestà pontificia, qual lui chiamava abusion, et iudicassi fatto ad arte per tenir el pontifice et farlo descender a le voglie de sua Mtà; ley mandasse uno per nome sua che assistesse a tal cosa insieme cum quelli che loro deputariano a tal effecto; al che non volse ley contentar, nisi che esse ex se lo facesseno, et darli termine tre giorni solamente. Li quali essendo passati senza haver potuto far fructo alcuno, mandò sua Mtà uno doctor cum uno secretario suo al ditto frate Martino facendoli intimar per ultimo peremptorio che non facendo lui revocation de le cose prefate dovesse immediate la matina sequente partirse et ritornarse per guardarli el salvo conducto l’havea dà sua Mtà, dove lui voleva, dandoli giorni 20 di termine ad uscir de la Germania, aliter era deliberato haverlo in le mano (!) et castigarlo come convien al error suo. Per il che quello respose non voler far alcuna revocation, immo dimmandava esser convincto cum ragion de la scriptura sacra. Et cum questo è partito, nè se sa dove il se fermerà; essendone stà pure affermato che questi principi promettono a ditta Mtà esser sempre parati ad ogni provision la vorà far contra lui per punirlo; che dio vogli succedi cussì, attento il gran favor et seguito l’ha in queste parte di Alemagna.

Li oratori del sermo rè de Hungaria partirono il giorno che io Gaspar intrai in questa cità; et lo illmo infante partirà dapoy diman per Linz, dove consumerà il matrimonio suo. Et de lì anderà in Hungaria la sorella de questa Mtà caes. et de sua Extia per far lo instesso cum quel sermo rè, al qual par già siano andati oratori de detta Mtà per ritrovarsi a simel solemnità de nozze. De la qual partita de lo illmo infante parlando hozi nui con questo magnifico grancancellier, ne disse sua Mcia in proposito de li stati che questa Mtà li renuntiava, che la se risevava tuti li lochi erano in contention cum V. Subtà; et che la partita sua de qui teniva non tarderia a mezo il futuro mese, essendo lei desiderosissima di ziò et non meno questi signori de la dieta, la qual attendono cum ogni diligentia ad finir. Et per quanto se ha, è tutavia circa le cose loro particular per esser stati questi giorni preteriti occupati ditti signori in la materia del preditto Luther, anchorchè da altra parte intendemo questa Mtà scorrer volentieri fino l’habi nova dal pontifice di qual animo el sii verso lui, per esserli suspectissimo el procieder avanti de Sguizari[126] conducti per sua Stà; et savete che tutavia continua et augumenta che tuti li cantoni de ditti Sguizari siano accordati cum el rè christmo ne la forma che io Francesco scipsi per quelle di 19.

El magnifico orator Franzese hebbe 3 dì lettere del rè suo per corier proprio, al solito venuto in giorni 5, et hane communicato quella Mtà significarli come quel revdo orator de questa Mtà caes. li haveva ultimamente declarato che, se’l principe de Navara,[127] duca de Gelder[128] et Roberth de la Marchia[129] tempterano cosa alcuna contra sua Mtà, la allianza, che è tra ley et esso rè christmo, se intendeva per rotta, et non mancheria ley a diffenderse et far contra li dicti quello che (?) potrà. Al che sua christma Mtà non li havea anchor dato altra risposta; ma fra 3 giorni ge la daria, et del tenor advertiria sua Magtia de qui. La qual ne ha subiunto esserli stà scripto da qualche suo amico in quella corte, che la starà in questa per pochi dì; che se cussì fusse, potriasse tenir vera la nova preditta de Sguizari. Ex Vormatia, die 28 aprilis 1521.

41. From Corner and Contarini in Worms to Andrea Gritti, 4 May 1521[130]

… [Et parlando] nui di questo cum l’orator Franzese ne disse che in quel zorno da uno de li electori li era stà fatto intender, come quella mattina in la dieta da monsor de Chievres era stà proposto per nome de la Mtà caesarea a sue signorie che le dovessero poner ordine et governo a le cose del imperio, et che immediatamente loro resposeno che prima sua Mtà dovesse observarli quello li havea promesso, sì circa li capituli da loro posti come in altro. In li quali capituli si contien quello che alias io Francesco significai a V. Subtà, che è per far uno consiglio de 20 in questa Alemagna cum uno presidente, qual voriano fusseno li electori del imperio a quartieron, videlicet ogni 4 mesi uno de loro; al che par la Mtà caes. non assenti, ma voria ley poner tal locotenente. Poy vi è òa difficultà de la spesa anderà in questi 20 consiglieri, la qual sua Mtà non voria farla; sichè se tien se risolverano in nulla.

Habiamo visitato il illmo marchese de Brandeburg, al qual usandoli quella affectuosa forma di parole mi parseno a proposito a la visitation sua per nome de V. Sertà, monstrò sua Sria et con le parole et cum segni haver havuto molto grato tal officio, dicendone che, se la persona sua poteva esser de qualche fructo etiam apresso la Mtà caes. et questi illmi electori, tuta la offeriva ai commodi de V. Celne. Rengratiassemo sua Sria sicome fu conveniente a tal amorevol offerta. Cum li altri illmi electori habiamo tentato di far tal officio, ma ne hanno facto risponder che ne farano a saper quando il potremo visitar; i qual iudicamo per non haver qui le loro fameglie, non volendo admetterne se non cum le cerimonie solite sue Thodesche, fugono questa visitation. Ex Vormatia,die 4 maii 1521.

42. To Andrea Gritti from Worms, 12 May 1521[131]

In la dieta questi illmi electori se sono resoluti in far el conseglio de iustitia in questa Germania, in el qual 4 conseglieri dieno esser posti per la Mtà caes., sei dieno esser posti per li electori, il resto veramente fino al numero chi dice 23, chi 24, computati li sopranominati, debeno intervenir per nome de li principi et terre franche; et apresso dicti conseglieri die esser posto uno locotenente per questa Mtà. Il loco, dove habino ad far la ressidentia, se dice esserli deputato a Norimberg, et la spesa vi anderà in prefato conseglio, se trarà de li denari del imperio.

Heri poy havendo fatta questa ordination del conseglio, prefati electori hano concluso di prestar favor a la prefata Mtà caes. per andar in Italia a pigliar la corona, videlicet di darli fanti 20 000 et cavalli 4000 pagati per mesi sei. Et cussì heri sera partiti di dieta, sue signorie furono ad essa Mtà caesar. facendoli la prefata offerta, a la qual infine disseno che la pregavano in due cose satisfarli: la prima che sua Mtà havesse cura a la salute de la persona sua; le secunda ad procurar che questo conseglio di iustitia habi loco et poner pace et quiete in questa Germania. Del tempo veramente che habino a darli questi cavalli et fanti, heri sera per uno che pratica in qualche loco de persone da conto de questa corte, primo mi fu ditto che li offerivano ad ogni ben piacer de sua Mtà; dapoy ritornato disseme che era stà miglio advertito, videlicet che tal subsidio loro electori haveano offerto a sua Mtà ad ongi suo beneplacito dal mese de septembre 1522 adrieto, che da quel tempo a questo vi sono mesi 15. Questa mattina poy procurando de saper la certezza, variamente la me è stà dechiarita; tamen il magnifico orator Francese, il qual heri sera per il mio secretario advertiti de tal nova, a sua Magtia alhora incognita, et da ley poy questa matina intesa variamente, sicome essendo cum lui me dechiarite, dapoy pranso venuto a la abitation mia me ha affirmato che da uno de questi electori li era stà facto a saper che dicto presidio loro ge l’hanno offerto dal mese de septembre 1522 adrieto, come di sopra è dinotato, cum una addition apresso, che loro fano questa offerta a sua Mtà, dummodo la deliberation del conseglio de iustitia habi loco, et che la pace seguiti fra loco, principi Alemani, cosa che ad esso magnifico orator et a qualche uno che a pratica et cognition de questa nation, li par difficile debi succeder. Me subionse poy prefato orator che licet dicono di dar cavalli 4000 et fanti 20 000, tamen loro se hano risolto che la contribution de questa spesa sii fatta per cadauno come è stà solito far a li altri subsidii dati di gente al avo de questa Mtà et sui precessori per andar a tor la corona; la qual contribution non ascende al far più de fanti 17000 et cavalli 3000, che in tuto seriano persone 20 000.

Restano, per quanto intendo, alcune poche cose particular però da esser expedite in la prefata dieta, a le qual fra 3 over 4 giorni haverano date expedition; de le qual et de la deliberation del conseglio de iustitia et questa del subsidio promesso a la Mtà caesarea et demum de tuto quello se ha tractato, vederò de haverne particular et veridico adviso et il tuto per mie lo notificherò a V. Celne, a la qual hora li apresento quello che più fundatmente ho potuto intender sopra tal materia.

Heri sera ad hore 23 incirca el revmo cardinal Maguntino mandò a chiamarel revdo apostolico, al qual li significò, come per lettere del degano suo de Manguntia[132] li era fatti intender, frà Martino Luther el dì de Sta Croce[133] esser stà preso da uno nominato Hector Boemo, inimico del duca di Saxonia, quale havea persequitato esso Lutherio qui in Vormatia et dapoy la partita per camino per far tal effecto. La forma de la captura se dice esser stata in questo modo, videlicet che in esso dì de la Croce havendo lui predicato inuno vilazo in la provinzia de Saxonia, et havendo data licentia a lo araldo lo accompagnava, cum dirli che non li achadeva più la persona sua, et dapoy pranso montato in chareta cum 1 o 2 persone per andar a visitar certi sui parenti circumvicini al prefato villazo, fu arsaltato in itinere da esso Hector Boemo, lo qual fecer mutar de habiti esso Lutherio et lo condusse cum se, nè si sa dove. Quello instesso prefato degano scrive al prefato nuntio apostolico, et per tuta la corte questa matina è divulgata tal nove, la qual però esso nuncio et quelli che hanno iudicio non la credono, ma tengono sii una cosa finta et facta ad arte da esso Lutherio, quale habi voluto dar questa voce fingendo di esser captivo, adziò che’l possi andar più liberamente in Datia, come se dice, over altrove come li parerà…

È mancato de questa vita il revdo episcopo de Tuin, uno de li secreti consiglieri de questa Mtà caes., de nation Milanese et prima medico di sua Mtà et nunc facto ecclesiastico et devenuto suo consiliario et molto intimo di quella; il qual è stato infirmo pochissimi dì, nè si ha dato al lecto salvo el giorno che lui morite, che fu di 10 di notte; la cui morte ha molto doluto a la prefata Mtà caes. Lo illmo monsor de Chievres ha al continuo la febre et sta gravemente. Li hano tracto sangue et tosado et molto se dubitava de lui; pur par che questa nocte habi qualche poco megliorato et cussì hozi, non però talmente che non stiino anchor in timor de la persona sua. È morto etiam in brevissimi giorni un de li maestri di casa di questa Mtà, nominato dun Zuan da la Cova, che è quello vene ad incontrarmi in nome de essa Mtà caes. al mio intrar in questa cità. Il fiolo de dun Zuane Emanuel, che è ambassator a Roma, è stà dato per desperato da li medici. Molti altri se attrovano infirmi et persone da conto, et indies qualche uno more et presertim Spagnoli; la causa si iudica per l’aere frigido regna in questa parte contrario a la complexion de quelli non sono del paese. Ex Vormatia, die 12 maii 1521.

43. To Andrea Gritti from Worms, 18 May 1521[134]

Dapoy le ultime mie, che furono a dì 14 del instante, per haver qualche meglior informatione de questo subsidio promesso per la dieta a questa caes. Mtà, sapendo che lo ambassator de Mantoa, che è qui apresso questa Mtà, va qualche volta a visitation del marchese de Brandiburg elector per la parentella è fra el marchese signor suo et prefato elector,[135] sun stato cum lui orator, et intrato in diversi ragionamenti lo interrogai dextramente di questo subsidio promesso a questa Mtà. Il qual me disse esser stato a visitation del ditto marchese de Brandiburg, il qual li dechiarite, come la dieta se havea resolto nel numero de la gente per il subsidio, che era de fanti 20 000 et cavali 4000, come per mie di 12 del instante scrissi a V. Sertà; ma che non erano risolti nè per quanto tempo li dovea pagar, nè a che tempo se li havea dar prefata gente; tamen che’l credeva se risolveriano di pagarle per uno anno et darle da septembrio proximo a uno anno, che serà de septembre 1522. De la qual communicatione factame dal prefato orator Mantoano parendo a proposito doverne far participe lo ambassator di Franza, tacendole però chi me l’havea significato, ma tamen dechiaritoli unde la veniva, mandai el secretario mio a sua Magtia per communicargela; il qual li respose come la resolution, la qual lui mi havea communicato et io per mie de 14 significai a la serma signoria vostra, lui l’havea havuta dal revmo Treverense electore, cum il qual se havea doluto che prima li havesse facto scriver al rè suo christmo, come non erano per dar subsidio alcuno ad essa Mtà caes., et che poy se havesseno risolti di darli 20 000 fanti et 4000 cavali; il qual revmo Treverense li havea risposto che lui le havea ditto la verità, zioè che non erano per dar subsidio ad essa Mtà caes., se prima non si metteva ordine a la iustitia di Alemagna et la pace fra li principi; et che hora, che era terminato et dato ordine al conseglio de iustitia, non haveano possuto far di manco di prometter di darli il subsidio, quale altre fiate era stà dato ad altri imperatori, cum quelle conditione però che se faci iustitia et se poni pace fra li principi Alemani; il che questo magnifico orator Franzese se persuade cum difficultà doversi far, concludendo el dicto orator che daria opera di informarsi meglio. Questa matina poy attrovandose sua Magtia cum me, me disse che questa Mtà caes. rechiedeva le prefate gente per marzo proximo et che la dieta voleva più tempo; et cussì la cosa era irressoluta. Heri veramente andato dal magnifico grancellier, si per intrar cum lui in la tractatione de le cose de Napoli, come per intender qualche cosa novo, et dechiaritoli la confedentia che V. Sertà hauta in lui et lo amor che la i portava, me rispose che invero quella non se inganava, perchè sempre seria prompto a prestar ogni favor a V. Sria apresso questa Mtà, et che l’era Italiano et desiderava il ben et la pace de Italia; subgiongendomi che hora sono treaguefra la Mtà caes. et V. Celne et che se deveria procurar la pace. Io li respusi prima rengratiando sua Magtia del bon animo et molti boni officii prestati verso V. Celne, da la qual dissi mai non esser per manchar di abraciar la pace cum questa Mtà, de la qual lei era observantissima, et di dar ogni opera a la commune pace fra li principi christiani. Poy ragionando dextramente lo ricercai di questo subsidio, et inter loquendum da lui hebbe che la promessa era de fanti 20 000 et cavali 4000, pagati per 6 esi, comenzando però li dicti mesi quando la gente serano in li confini de Italia. Quanto veramente al tempo quando se doveano dar dicte gente, ben non me lo exprimete, ma pur disse che era difficultà de il tempo, ma che la Mtà caes. poteria far dicte gente quando la voleva, et che poy al tempo destinato costoro dariano il pagamento. A me, principe serme, in intender la verità bisogna andarla cercando per diverse et infinite vie, perchè niun c’è da conto in questa corte, il qual sii coniuncto a V. Sertà, dal qual possi intender cos alcuna. ma mi par esser chiaro circa questo subsidio del numero, zoè de fanti 20 000 et cavali 4000, perchè per ogni uno questa si ha. Dal tempo etiam, per il qual se hano obligati pagar dicte gente ne sun certo, che è per mesi 6, benchè molti dicono per maior tempo; ma havendo io questo dal grancancelliere, lo credo. Del tempo mo per quando si obligano dar dicte gente, io sun dubio et credo non esser facta ben resolutione in la dieta di questo articulo. Non resterò di usar ogni diligentia in certificarmi et subito ne darò notitia del tuto a V. Sertà; a la qual non resterò iterum replicarli quello che ho inteso et presertim dal magnifico grancancellier de la resolutione fatta in la dieta di far il conseglio de iustitia in questa Germania, che per mie 12 significai a V. Celne, videlicet che in dicto consiglio ne intervenirano persone numero 23, zoè 4 consiglieri et uno locotenente qual ponerà la Mtà cesarea, 6 serano posti per li electori, 4 per li principi seculari et 4 per li principi prelati, 2 da le terre franche, 1 per li baroni et altri gentilhomeni de la Alemagna et 1 per li prelati che non sono principi.

Il magnifico orator Franzese heri ad hore 20 incirca fu a lo allozamento mio et me disse, la matina havea ricevuto lettere dal rè christmo suo date in Catiglion a dì 10 del presente, per le qual li scrivea haver ricevuto la risposta li havea facta la caes. Mtà, a la qual non li achaderà dir altro. Poy li subiunge che in conformità del offitio che lui orator havea facto cum questi illmi electori in iustificar le parte de sua Mtà et farli intender la desfida la facea questa Mtà caes., ley scrivea lettere a cadauno de essi electori et che le mandava, aziochè le havesse a presentar; et sua Magtia me lo monstrò, dandome una de esse a leger, che fu quella scripta al revmo Treverense.[136] [… [137]] Le qual lettere prefato orator me disse che era per presentargile in quella instessa hora, et cussì ha facto cum cadauno de loro, sicome lui dechiarite al mio secretario, qual mandai a sua Magtia per saper, si in discursu sermonis cum alcuno de prefati electori havea subtracto cosa alcuna del tempo che sue Srie erano per risponder a la Mtà caes. de darli il subsidio prenominato; del che lui orator disse nulla haver inteso.

La guerra tra questa Mtà et el christmo rè se tien quasi principiata a questa parte, perchè è pur fama de qui la prefata Mtà christma dar favor a d. Rubertho de la Marchia. Le poste poy che vengono de Spagna è certissimo che sono retenute in Franza, et questi dì qui za hano posto ordine de haver lettere de quel regno per via de mar, essendo occupati li passi ad haverle per terra. Preterea da una parte et pur heri matina el dicto orator Franzese fu dal magnifico grancancellier a dolerse de la retention de alcune mercadantie de Franzesi su el territorio de Trevere, dicendoli che questo era segno di querra. Al che lui magnifico grancancelliere li respose, che etiam loro faceano il simile, retenendo le poste regie in el passar per la Franza, subgiongendoli: el rè de Franza se ha doluto cum questi electori che la caes. Mtà lo provoca a la guerra desfidandolo et se iustifica, come se loro electori dovesseno esser iudici de essi rè et non fusseno subditi et subiecti de essa Mtà caes., come sono. Al che lui ambassator li respose che el suo rè christmo non tolleva per iudici detti electori, ma il pareva ben doverli far intender che sua Mtà non desiderava la guerra, ma era provocata da la caes. Mtà, che lo havea desfidato. Sichè V. Celne intende, in qual stato sono le cose de qui; che idio permetti che pur le arme debino esser fra Christiani, le se movino de qua da monti et non passino in Italia! Io ho ricercato ditto magnifico ambassator circa il partir suo de qui; il qual me rispose, indusierà qualche zorno per veder la resolution de questa dieta. Al qual tempo, quando pur el rè christmo vogli far la guerra a quella Mtà, forsi era meglior differir ad far queste demonstration l’ha facto.

Vi furono hozi 4 dì lettere da Roma de 3 del presente al nuntio apostolico, le qual ge scrive d. Raphael de’Medici, qual se ne andò in posta a Roma il giorno io gionsi in questa terra, mandato dl pontifice a questa Mtà; et le scrive, come al Santità del pontifice havea ricevuto la dechiaration havea fatto prefata Mtà contra Martin Lutherio sottoscripta de sua mano, la copia de la qual S. Sertà hebbe in quelle scripte per el clarmo precessor mio et me; la qual dechiaration sua Stà havea fatto leger in pleno consistorio, che fu molto grato a tuti, havendosse sua Mtà caes. dimonstrata catholica et bon fiol de questa sancta sede. Che altro per non li diceva essendo andato il pontifice a la Magnana; ma fra dui giorni li expediria una posta cum significarli quanto farà de bisogno. La continentia de le quali lettere lui nuntio me presente expose ad essa Mtà caes. hozi terza matina in camera sua, essendo in compagnia de lui nuntio d. Hieronimo Leandro mandato a questa Mtà da la Stà pontificia per le cose del dicto Martin Luther, come è noto a V. Sertà. La captura del qual Martino Luther da quel Hector Boemo non fu vera, sicome io scrissi che era stà dicto, ma ficta secundo io significai che da quelli haveano iuditio era tenuta; et ritrovasse esso Lutherio in le parte de Saxonia sono et gagliardo cum el pristino favor.

Lo illmo monsr de Chievers sta al solito nè fa alcuna meglioratione, immo heri matina, per quanto intendo, movendosse per causa de la medicina tolta da lui li vene uno accidente. La febre mai lo abbandona; la età etiam vi se adiunge de anni 63, ita che si fa triste pronostico de la infirmità sua…[138] Ex Vormatia, die 18 maii 1521.

44. To Andrea Gritti from Worms, 22 May 1521[139]

… De 19 del presente forono le ultime mie con due scripte a V. Celne el zorno precedente … Dapoy stando vigilante ad haver più lume de la verità de la resolution de questo subsidio promessa da la dieta a la Mtà caes. per andar a tor la corona in Italia, et tenendo circa questo tuti quelli mezi siino possibili di esserne ben chiaro, come cosa che a mio iuditio molto più importa tra le altre occorrente materie de qui da esser intesa da V. Sertà, havendo io contracto familiarità cum el doctor Parantainer de Augusta, persona molto litterata et presertim de li studii de humanità, de li qual lui molto se delecta, lo qual doctor cum dui altri soli sono quelli che intervengono in la dieta per nome de 29 terre franche, et havendolo heri invitato a disnar cum me per poter più familiarmente parlar seco et subtrazer qualche cosa circa ditta resolutione, hebbi tandem da lui che la prefata dieta se era risolta del dar delli 20 000 fanti et cavali 4000 et pagati per mesi 6 a la caes. Mtà senza però specificatione quando debi principiar el termine de li sei mesi, che mi fu dicto per il grancellier secundo scrissi dover esser, ionte che fusseno dicte gente a li confini de Italia; il che, come dico, prefato doctor nega esser specificato. Del tempo veramente quando sono per dar ditto subsidio, disseme anchor non esser presa alcuna resolution, ben la Mtà caes. haverlo ricercato per el mese de marzo futuro; tamen che era impossibile potersene darlo in si brieve termine, cegnando che conveniriano più tempo mettervi in la execution de essa offerta. Et dicendoli io che forsi la Mtà caes. faria le gente avanti, et poy a lo tempo loro li dariano el pagamento, secundo il grancellier me havea dicto et io scrissi a V. Celne, me interrompete subito dicendo: non potest, perchè la si è risolta darli il subsidio de gente et non de denari.

Questi electori et principi continuano a redursi in la dieta per prender resolution a molte altre cose spectante a la Germania nè si partirano de qui, per quanto vien ditto, si non quando partirà la Mtà caes., la qual luni de matina, che fu il secondo zorno, l’hebbe quello dolor corpo, come io scrissi a V. Celne, et cum qualche alteration de febre, tolta una medicina de mana, per de evacuation li è cessato il male et sta bene, de la persona dico, che del animo credo sii molto travagliata per questi novi apparati a la guerra fa el rè christmo, che è fama de qui haver gran numero de fantarie et gente d’arme trà in Borgogna cum se, come cum el domino Ruberto de la Marchia, contra el qual d. Ruberto questa Mtà, per quanto sun advisato, se ritrova haver da fanti 8000 et lanze 400. … [140] sapiate, secretario, che el mio rè desidera veder pace fra questi duo rè et non la guerra. Ma sopra tuto non è per permetter ch’l rè de Franza superi questa Mtà caes., la qual vogliando hora procieder contra uno suo subdito et vassallo, come è Ruberto da la Marchia, el rè di Franza li obsta; cosa contra el dover…

Lo illmo mons. de Chievres è stà dato per desperato da li medici; et se la gratia del nostro signor dio non lo adiuti, non vi è più speranza de la vita sua. Ex Vormatia, die 22 maii 1521.

45. To Andrea Gritti from Worms, 24 May 1521[141]

Per mie de hozi terzo zorno, che per non esser spazata la posta per Italia serano cum queste, significai a V. Sertà come il magnifico orator Franzese era stato quella matina da la Mtà caes. a dimandarli licentia de ritornarsene in Franza et che sua Mtà se havea reservato darli risposta a quella sera o la matina subsequente, il che lui orator iudicava lo facesse per haverne prima parola cum li illmi electori, che cussì è seguito; perchè la sera del quel instesso giorno sua Mtà mandò a chiamar prefato ambassator, et andato la ritrovò cum li prefati electori, el gubernator de Brexa et el magnifico grancancellier, dove dal preditto grancellier in nome de essa Mtà caes. li fu ditto, che la se doleva de li termini usava la Mtà christma in voler venir a le arme conta ley et che malvolentiera la condescenderia a simel roptura de guerra, perchè sempre intention sua era stà et era di conservar la pace, amicitia et parentella contracta tra sua christma Mtà et ley; ma che dapoy la voleva cussì et che lui, ambassator, li dimindava licentia, ge la concedeva, subiongendo esso grancancilier al prefato orator, se lui havea a dir altro, cegnando se la voleva desfidarla alla guerra. Al che sua Magtia disse immediatamente haverli risposto che havendo lui ricevuto ultimamente lettere dal sermo rè, patron suo, per le qual li commette che presentate l’haverà le lettere che sua Mtà christma scrivea a cadauno de li illmi electori, de le qual io ne deti adviso a V. Sertà per le mie de 18, lui debia dimandar licentia a sua Mtà caes. de ritornarsene in Franza; et che per tanto havendo exequito l’ordine del signor suo, del consignar le lettere, li restava solum de far questo ultimo effecto de tor licentia da sua Mtà. Et perchè per più vie sun stà advertito che el revmo Maguntino elector havea usato al prefato ambassator di ditta audientia alcune parole gagliarde contra el christmo rè, dicendoli che se ben sua Mtà christma monstrava far la guerra a la particularità de la Mtà caes., tamen la se poteva reputar contra l’imperio, essendo ley capo, et che ne fariano provisione cum bon modo, dimandai al ditto ambassator, se alcuno de li electori haveano usati parola alcuna. Mi affirmò asseverantemente che nullo de loro fece moto alcuno; immo che sua Magtia iudicava che vedendoli cum la Mtà caes. li dovesse esser dicto qualche parola per nome de essi electori dal magnifico grancancellier, al che zà se havea pensato de far la risposta, zoè de dir al ditto grancancellier che per non intender ben la lengua sua, la i dovesse dar in nota quello che la exponeva per nome de prefati electori, che l’havesse a dir al christmo rè suo, perchè la voleva far tradur le parole in Thodescho et legerle poy ad essi electori per poter haver de loro bocha la confirmation de quanto li veniva significato; ma non li è achaduto far cosa alcuna, perchè da dicti electori nè per nome suo parola alcuna li era stà facta. Io deschiarisco a V. Sertà quello mi ha refferito esso ambassator et quanto da altra via ho inteso de le parole usate dal revmo Maguntino, che cussì mi par officio mio sii, zoè il tuto fidelmente significar a V.Celne.

La dieta è quasi fornita. Io ho procurato de intender la conclusion hano fatto del tempo debeno da el subsidio de li fanti 20 000 et cavali 4000, et me è stà significato tra li altri dal doctor Parantainer, che, come in le alligate nomino, intervien in essa dieta per le terre franche, el qual monstra esser molto amico de la nation nostra et haver havuto familiarità cum diversi oratori de S. Subtà, che sono stati appresso el quondam sermo Maximiliano imperator defuncto, et tra li altri oratori mi ha nominato el clarmo m. Alvise Mocenico, del qual monstra esser molto partiale, et el quondam magnifico m. Vincenzo Querini, che la dieta se è risolta di dar prefato subsidio a la Mtà caes. da avosto proximo ad uno anno, che sarà de avosto 1522. Ben mi ha subioncto che, se sua Mtà lo vorà anchor 4 o 5 mesi avanti, non ge serà denegato, et etiam al presente, se el rè de Franza venirà contra la Germania o lochi dependenti dal imperio; monstrando che a tuti questi principi despiaceva li movimenti Franzesi contra questa Mtà caes., come ho ditto per altre mie a V. Sertà, che furono queste, videlicet “iste rex Francie è in causa per questi sui movimenti contra caesarem che siamo stà concordi in queste resolution et deliberation nostre, il che mai ho pensato, ma iudicato certo, dovessamo venir a le arme tra nui”; parole inveroda esser molto benponderate! Dimandai ad esso doctor se l’era specificato il loco, dove dovea principiar li sei mesi de le prefate gente ad essere pagate; disse di non, perchè le se dariano, dove farà bisogno, etiam in Franza contra regem christmum, se’l venirà contra Germanos. Lo ambassator di Franza mi ha affirmato haver inteso quel instesso cum una dechiaration apresso, videlicet che la dieta ha dechiarato dar dicto subsidio ad avosto 1522, come di sopra dico; et se per caso l’andasse in Spagna et fusse passato il termine promesso, el sii in libertà de sua Mtà haverlo dapoy quando li piacerà, dummodo sii facto intender ad essi electori et principi 3 mesi avanti per haver tempo de preparar le prefate gente. Questo è quanto fino hora ho inteso circa ditta resolutione, nel che però non sun per manchar de certificarmene meglio et in questo et in cadauna altra cosa che io potrò intender esser stà tractada in esse dieta degna de scientia sua, et lo significherò a quella. …

Lo ambassator de Franza partirà dimane o l’altro et ha havuto il salvoconducto et persone lo accompagnerà fina in el territorio de Lorena.

Vi sono lettere da Roma hozi terza sera venute per la posta da d. Raphael di Medici[142] de 12 del presente et sono scripte a questo revdo nuntio apostolico, el qual è stato prima cum el magnifico grancancellier et poy cum la Mtà caes. Non posso intender particularmente lo continentia sua, salvo ho havuto che el pontifice da bone parole a questa Mtà caes., de le qual questi non se contentano, imo tengono sua Stà hora Franzese, et per la corte se ne parla quasi palesemente de questo.

La Mtà caes. è dicto et de bocha sua esser venuto che havendosse la dieta quasi per finita, partirà luni o marti de la septimana futura et anderà per aqua fino a Cologna; ma tengo che, essendo zobia el corpo de Christo et volendo sua Mtà celebrar dicta festa, differirà la partita fino a venere. Se fra questo tempo se spazerà stapheta per Italia, V. Celne harà mie lettere; quando che no, la mi harà per excusato, perchè fino dove se firmirà sua Mtà caes. non potrò drizarli altre mie lettere.

Lo illmo mons. de Chievres questa matina ha tolto la extrema unctione et sta a la gratia de nostro signor dio. Ex Vormatia, die 24 maii 1521.

46. To Andrea Gritti from Worms, 26 May 1521[143]

Heri ad hore 22 incirca fu finita et risolta la dieta per questi electori et principi, in la qual vi andò Mtà caes. accompagnata da prefati electori e principi Germani, necnon da tuti li altri sono apresso sua Mtà si Hispani come Fiamengi. Era sua Mtà vestita de restagno d’argento sopra una mula; avanti di ley cavalcavano duo araldi vestiti cum le insegne imperial et in mezo el suo vicemaestro de stalla cum una spada in mano, come è solito portar li imperatori in simel solennità. Stete sua Mtà in essa dieta per spatio de una hora et rengratiò li principi del subsidio promessoli al prender de la sua corona in Italia; al che furono de quelli che a la presentia de sua Mtà disseno che in ley era stà usata maior demonstration de honorificentia che zà 100 anni sii stà facta ad alcun altro imperator suo precessor, presertim in la promission factali del subsidio predicto, che alcun altro imperator non ha havuto il simile. Del tempo dil qual subsidio hor per la corte è voce publica sii ad beneplacitum da sua Mtà caes., facendo però ley intender quando la lo vogli 3 mesi avanti. Ma lo ambassator de Franza, che è partito questa matina in l’alba del giorno (cum el qual ho fatto quel officio in el prender licentia da sua Magcia che si convien et so esser di mente di V. Sertà), heri da sera ad una ora di nocte passando avanti l’abitation mia et vedendo uno de li servitori mei in la porta, disseli che l’andava per uno servitio et de ritorno veneria a parlarmi. Il che factome intender lo expectai fino ad hore 3 di nocte, unde non venendo mandai a sua Magcia una lettera io scrivea al clarmo orator Badoer,[144] significandoli apresso che fino a quella hora io lo havea expectato. Respose al servitor mio che’l non era venuto ad me iudicando che al hora lui ritornò a casa, io fusse andato al lecto; ma che questa matina andando il mio secretario a ley avanti il suo partir, li dichiariria quante el me voleva dir. Et cussì fu prefato secretario a sua Magcia al hora stabilita; dove da lui ambassator li fu dinotato, come heri sera, quando el passò da casa mia et fu dall’illmo marchese de Brandiburg per prender licentia da sua signoria et se la voleva ordinar cosa alcuna lui havesse a refferir a la Mtà christma, dice che sua signoria li dechiarite quello era stà deliberato in essa dieta: et prima la ordination del conseglio de iustitia in tuta questa Germania al numero de 23 persone et deputato ad far residentia in Noremberg; che il locotenente era stà posto da la caes. Mtà lo illmo infante suo fratello, cum el qual doveano esser dui presidenti, uno posto per nome de li signori seculari et l’altro per nome de li ecclesiastici, li qual duo presidenti però se dieno mutar de 3 mesi in 3 mesi. Dapoy li communicò il subsidio promesso a la Mtà caes. per la corona, che è de fanti 20 000 et cavali 4000 et darli ad avosto 1522 et per 6 mesi, principiando però li 6 mesi conducte siano dicte gente a Trento. In fine li subionse che questi illmi electori vedendo la discordia era al presente tra la Mtà caes. et il christmo rè, ne prendevano despiacer grande et che desideravano veder pace fra ambi loro, in la qual lui se offeriva, se cussì piaceva a la christma Mtà, de intrometterse insieme cum questi altri illmi electori, et che fariano condescender la Mtà caes. a quanto è il dover, al che non potria recusar; et che la ne volea de ziò scriver a la Mtà christma et li manderia le lettere, le qual disse fino al hora non le havia havute, ma le expectava; le qual pocho dapoy stante in questo conferimento furono portate dal homo del prefato marchese consignandole a lui orator, il qual homo fu mandato cum esse lettere da sua Magtia a la camera del suo secretario et voltatosse verso il mio disse: “Queste sono le lettere che io diceva il marchese scriver al mio rè. Et perchè io desidero haver in nota quanto me disse heri sua signoria per poter far vera relation al mio signor, che quanto io ho inteso de la resolution de la dieta haverlo de bocha del prefato marchese, io dissi a sua signoria che non intendendo ben altra lingua salvo la Franzese pregava la mandasse una persona a la mia abitation, per la qual potesse tor in nota in lengua Franzese quello sua signoria me havea dechiarito circa la dieta; et cussì è venuta la presente persona havete veduta, expectarete uno pocho, che dapoy el serà partito, vi monstrerò quanto che serà stà notato.” Et cussì fece sua Mtà monstrandoli la notation scripta, continente quello di sopra a bocha sua Magtia havea dechiarito, in due cose tamen variante: la prima circa el pagamento de le gente, che a bocha diceva esser pagate per mesi 6, et tamen in la nota era scripta per mesi 8; al che lui orator disser stà forse notato per error. L’altra vi era una zonta de più, videlicet che prefati electori et principi haveano promesso a sua Mtà caes. che venendoli contra cum le arme il christmo rè, erano per deffenderla dandoli favore et adiuto: il che esso magnifico orator disse intenderse venendo sua christma Mtà contra le cosse spectante o dependente dal imperio. La qual parte comproba molto quanto el doctor Parantainer mi communicò, sicome in le alligate scrivo, zoè de la mala contenteza era in questi principi et signori de li movimenti Galici contra caesarem. Et a questo proposito non tacerò a V. Sertà una cosa che io omessi de scriverli in le precedente mie, significatami dal prefato doctor: dove el me disse che dariano etiam il subsidio promesso per la corona a la Mtà caes. per operarlo contra el rè di Franza venendo lui contra la Germania, lui doctor me subionse che de questo ne haveano fatto parola fra loro et trovavano che in brevissimi giorni bisognando a la Mtà caes. haveriano da questi lochi circumvicini al Rheno da fanti 12000 prompti et cavali 2000, oltra il subsidio de la liga de Svevia, che è de fanti 20 000 et cavali 2000, che, se cussì fosse, fariano uno potentissimo exercito. Io veramente da persone fide digne ho, et cussì tengo sii la verità, che el subsidio promesso a la Mtà caes. è da avosto 1522 adrieto, come in le alligate mie scrivo, et se pur la lo vuol più presto, ge lo facia a saper 3 mesi avanti. La qual zonta credo sii stà posta più presto per dar reputation ad essa Mtà caes. che per exequirla, si non in caso de grandissimo besogno, perchè havendolo ricercato sua Mtà haverlo per marzo futuro et a loro parendoli molto difficile poterlo prometter a quel tempo, l’hano avantazata de uno mese de quello haveano designato a darlo, videlicet da septembre ad avosto, et poy cum questa altra zonta. Serme principe, se in questa dechiaration de le materie sopradicte io ho usato qualche pocho de longeza in la naration sua, quella me perdoni, perchè parendomi officio mio in niuna cosa sopra de ziò metter del mio, ma tantum dechiarirli la pura et mera verità del facto, et volendo lassar a ley far sopra de ziò il suo sapientissimo iuditio, mi convien rapresentarli particularmente quanto intendo et da cui et demum in la forma me è specificato.

La Stà del pontifice havendo scripto per questa ultima posta venuta sui brevi sì a la Mtà caes. come a li illmi electori, et in quello de la Mtà caes. usando molte dolze et honorate parole de ley, laudandola de la dechiaration facta contra Martin Luther, la exhorta ad continuar in persequitarlo et de venir cum sui mandati publici contra le opere et libri sui siino brusati, ita che più non apparino; lo qual breve heri da sera ritornata prefata Mtà caes. de la dieta in palatio presenti li electori et altri principi fece leger pregato breve alta voce; et cussì fu ordinato li mandati per tuti li lochi de la Germania, che tute le opere de esso frà Martin Luther siino brusate et lui sii bandito nè possi star in queste parte. Non so quello seguirà.

Qui è stà divulgato che el canton de Suiz de Suizari con dui altri non hano voluto sottoscriver alla apponctamento hano facto li altri cantoni cum la christma Mtà; che se cussì è, V. Celne ne die esser meglio certificato perlatre via.

Do lo illmo monsor de Chievres[145] invero, principe sermo, non so più che dirli. Lui hozi terza matina tolse la extrema unction, et fu iudicato che’l non dovesse scorrer la nocte subsequente. Tamen la sera respirò un pocho et il corpo fece operation da se; et da quella hora fina al presente va cussì scorrendo. Tuti li medici che sono a la cura sua, excepto uno Germano,[146] che fa più il gagliardo de li altri, tengono che per li segni vedono in luinè per medicine li possino dar, nè per altro el possi sublevarsi, salvo se la medicina del nostro signor dio, che è la gratia sua, non lo vivifichi. Ex Vormatia, die 26 maii 1521.

47. To Andrea Gritti from Brussels, 4 July 1521[147]

Serenissime Princeps et domine excelentissime. Ozi terzo zorno, scrissi inter alia a Vostra Serenità el zonzer dil Serenissimo re di Datia in Anversa, et che heri dovea far le entrata in questa cità, che cussì ha facto, perchè Soa Maestà vene ad alozar la sera ad uno loco intermedio tra Molines et qui, dove disnò festegiato da alcuni principi et signori, che li furono mandati incontra da questa Maestà Cesarea, la qual ad hore zecha 21 montò a cavalo acompangato da noi tre oratori, zoè pontificio, anglico et io, che cussì hanno havia fato intender dovesseno far, et da tutti li principi, signori et zentilhomeni sono in questa corte, cum le fameje loro, che poteano esser da cavali 600. era vestita Sua Maestà de uno sajon soprarizo d’argento, et montò a cavalo nel parcho, dove ni tutti la aspetavamo, et qui fece uno pocho di la persona sopra dicto cavalo, stringendolo molto agilmente, che fu invero molto comendato et laudato da cadauno. Da poi la se inviò ad incontrar el prefato serenissimo re di Datia, et cavalcò quasi per milia 6 de i nostri. Dicta Maestà di Datia veramente veniva sopra uno carro positivo, zoè di quelli che questi fiamengi serveno per el viazo in questi lochi circonvicini, come Anversa, Gant et altrove, et era sola in el carro. La compagnia la seguiva era a cavalo. Zonti che furono ad una balestra distante l’una da l’altro, la Maestà Cesarea se fermò in campagna che era una gran praderia, et el serenissimo re di Datia desese dal caro et montò sopra una chinea, che li era preparata. Soa Maestà havea in dosso uno sajo di raso negro, ut una capa di pane negro a la spagnola atorno, in capo una bareta di veludo negro a la foza fiaminga con una perla per pendente. Da poi fatose a modo de una strada per li cavali da uno canto e da l’altro, venero ambe Maestà ad strenzer li lor cavali l’una ne l’altra, et apropinquati, cegnando questa Maestà Cesare de discender, quella di Dacia fo più presto a piedi, et cussì la Maestà Cesarea fece, dove se abrazorono, tenendo le barete in mano; da poi si copriteno la testa, et oer mezo de interprete, che uf monsignor la Audeniter di questa Maestà, feceno insieme le parole forte et conveniente a simel congresso, questa in francese e quella in todesco, che per quelo ho inteso, ditto re di Datia disse che tenendo grandissimo desidero di veder essa Maestà Cesarea, non havea temuto de passar per 100 liga alemane incognito per li lochi de li soi inimici e venir a lei, oferendosi molto; la qual li corispose al proposito. E stati in simel amorevoli coloqui per spatio di uno quarto di hora, montorono a cavalo et se fermorono tanto che a lui re di Datia li fu fato reverentia, et basatoli la mano da ni oratori et da li principi et signori. Da poi se inviorono verso la terra. Volse essa Maestà Cesarea meter ditto Re di sopra, ma lui non volse, in modo, quando el cavalchava per segno di reverentia stava uno poco discosto indietra da lei Maestà Cesare, la qual sempre avedendose de questo lo expectava et cavalchava al par, parlando alora insieme senza interprete. Introno in la cità ad hore meza note, dove a l’ingresso di la porta erano preparati grande numero di torzi apizadi, e per le strade dove passorono facti fochi, luminarie cum tapezarie et pani di seda davanti le case, ornate le strade di fiori, frone et cum altri segni de festività; et cum simel pompa fu acompagnato fina a la stantia a lui preparata, che fu il palazo dil conte de Nanso propinquo a quella de la Maestà Cesarea; avanti del qual passango, fece grande istantia pregato re di Datia de non esser più acompagnato da essa Maestà Cesarea; ma quella non volse restar mo lo acompagnò fino in la corte del ditto suo alozamento.

Questa matina non è ussito el prefato Serenissimo Re di casa. Questa sera veramente la Maestà Cesarea li ha fato uno bancheto, che a nostro modo chiamano convito, et è andata a levarlo di caxa, venendo insieme fina a la sala dove era preparato la cean, a la porta de la qual in lo ingresso de ambe Maestà se apresentorono le illustrissime amdame Margarita e al qu. Regina de Aragona, fu moglie dil qu. Catolico re Ferdinando, le qual acolseno lui Serenissimo re di Dacia et da lui furono abrazate et basate al costume francese. Stati poi in sla in diversi rasonamenti, se poser a tavola, zoè loro duo Serenissimi Re et esse dite illustrissime Madame, nè altri mnazò in prefato loco. Finito il convito, fu principiato a balar in la sala, et hanno balato ambe Maestà cum le damisele de le prefate illustrissime Madame, e cussì feceno li altri signori et zentilhomeni, et utta hora, che sono hore duo di note, continua la festa che a principi et zoveni non suol fastidir. Questa Maestà Cesarea fa ogni segno de honorificentia verso el prefato Serenissimo Red, al qual li ha deputati parte di la sua corte, sì de li capelani, come maistri di caxa, zentilhomeni et guardie che lo servino. È dito re di Datia principe serenissimo de età di anniin 36 in 40, mostra in la faccia gravità et civacità, porta la barba ma ornata el modo italiano et non todesco, ha capelli scuri, più presto rizi che destesi, de comune statura, tendente però più a grandeza che a baseza, è ben proporzionato, nè grasso, nè magro. È venuto Sua Maestà per terra et non con nave secundo fo divulgato et io scrissi a Vostra Celsitudine. È venuto con persone 6 e non più per le poste, che per quanto mi ha ditto el magnifico Gran canzelier ha fato in qe zorni lige 200 alemane da suo paese a qui, pasaando per la metà dil camino, come Sua Maestà disse a lo Imperador e di sopra dechiarisco, per lochi de soi nimici, et questa sua venuta è stata solum per visitar et veder questa Maestà Cesarea, la qual è voce se ne servirà di lui in la presente guerra come persona ezperta de le arme. Questa matina ho recevuot 4 letere di Vostra Celsitudine, di 1 7 et 21 etc. la nova dil prender di la terra de lo Crogno, come scrissi, trovai esser stà nova busa. nè da quelle bande de Novara altro de qui se intende, oltra le nove se ebbeno per le letere di 13 del pasato, portate da quel zentilhomo venuto qui de Spagna, secundo significai a Vostra Celsitudine. Grazie etc. Ex Bruxele, die 4 Julii 1521, hora secunda noctis.

48. To Matteo Dandolo from Brussels, 5 March (1522)[148]

Diebus hisce baccanalibus, interfui invitatus ab Imperatore quibus ludis, quos ipse Cæsar cum multis principibus edidit. Quidam fuere vulgares ac cuicumque regioni comunes, ii inquam quibus gravis armaturæ milites connixi hastis inter se concurunt, atque ex equis hastarum vi deturbantur in caput supine ni robusti sint. In pugnæ ejus simulachro, certe Imperator palmam retulit omnium sententia, ac longo intervallo omnes alios superavit. Non nulli ludi fuere prorii Afris Mauritamæ, qui levibus ac pernicibus equis modo insequentes hostem modo fugientes pugnant. Hujus etiam pugnæ simulachrum edidit Cæsar primusque omnium in campum prosilijt, ac pulcherrime egit mauritanum militem. Tertios etiam ludos hesterna die edidit imitatusque pugna equitum turcarum ac græcorum levis armaturæ. Fuere quinquaginta et amplius duabusque aciebus instructis. Alterius dux erat Imperator et alterius illustrissimus princeps Ferdinandus Imperatoris frater. Concurrere primum invicem connixi hastis temere more bellantium ac fractis hastis quisque gladium arripuit et nullius habita ratione passim prout qisque adversario occurrebat, magna vi irruebat stricto gladio atque adversarium feriebat : jucundum sane spectaculum ! Ex hoc quoque certamine Imperator non mediocrem gloriam est consecutus. Dedimus etiam operam epulis et choreis de quibus longius scribere cum jam quadragesimam attigerimus nepharium puto; quamobrem vale, clarissimo parenti tuo gratias agas, inqentesque mecum gratuletur, cui vicissim meo nomine gratulaberis. Nam plene novique ejus est erga me paterna benivoltenia non minus gaudium ab ipso conceptum fuisse pro hoc mihi honore demandato, quam ego ipse pro me conceperim. Iterum vale nostri memor. Ex Brusellis die 5 Marcii.

49. To Batista Egnatio from Brussels, 28 April 1522[149]

Hic heremita cui ad te litteras do, natione Hispanus, et quinque annos et amplius in heremo Pyrenneis montibus sanctissimam vita egit. Tandem hac hieme, cum essemus Othnardi, venit ad Cæsarem, cum quo jam pridem in Hispania consuetudinem habuerat. Aderam ego cum intromissus fuit. Exceptus est a Cæsare perquam honorifice, nam et detecto capite amplexatus est hominem, ac cum eo familiariter confabulatus est. Magnus cancelarius cum interloquendum incidissemus in mentionem huius ivit, mira de eo prædicavit, et nonnulla miracula mihi naravit ab eo gesta, et in navigatione ab Hispania in Britaniam usque, ac deinde postquam huc pervenit, quæ non minus sibi persuasit quam quod sol meridie luceat. Denique vir est magnæ existimationis apud plerosque omnes qui hic adsunt. Er ego miracula neque facile credenda neque facile reiicienda censeo : hic tandem divino fortasse impulsu nuper magno desiderio est veniendi in Italiam, ac ad nos venetos, ibique sibi heremum sub ditione illius Reipublicæ in quopiam monte constituendi, ubi sperat se nonnihil cristianæ religioni profuturum. Cogitat etiam interdum navigare Hierosolimam, quam ob rem a me instanter petiit ac contendit ut ipsi ad amicos meos qui istic qunt atque etiam ad Principem litteras darem, a quibus novus homo iuvare queat ut comodius fiat voti compos obsecutus. Ego pio huius viri studio, te et fratrem Lodovicum clugiensem præ cæteris elegi quibus hunc mittam, et si non doctum opinione, tamen omnis fore probum ac sanctum commendarem. Plura ab eo coram intelliges. Facies puto Deo Optimo rem gratam si tua opera hunc intueris. Vale. Ex Brusellis, die 28 Aprilis 1522.

50. To the Andrea Gritti from Vallaldolid, 24 September 1522[150]

Poj a di 6 del instante gionse a Sevilla una[151] delle cinque nave, la qual questa Maiesta mando gia anni 3 cum alcuni portogesi fugiti dal Serenessimo Re di Portogallo[152] a discoprir le spiciarie, da dita nave gionta ha habuto la Maesta Cesarea una letera, dela quale mando la copia a V. Ser.a et la tradutione in Italiano datami dal Magnifico Cancelliere, et V. Ser.a vedera, come sono andati 54 gradi sopra la linea equinotial, che a tanto sotto la tramontana, opposita ala nostra, quanto la Engelterra è sotto la nostra; et poj a banda destra verso occidente hanno ritrovato quel stretto di cento lige; et come hanno ritrovato le insule, dove nasce ogni sorte di specie, et tandem come sono ritornati per il viazo, che fanno portogesi, zoè per levante, et cusi hanno girato la terra a torno. Per la letera V. Cels. vedera il tutto piu chiaramente. Hanno portato 60 Cantara di garofoli et mostre de tute altre specie. Il patrone si expecta dal qual venuto che sera tute le particularita, che intendaro degne dela scientia di V. Ser.a, io li daro adviso. Questi se hanno posto in gran speranza de queste specie. Il cargo intendo esser sta dato al episcopo di Burgos, et preparano di fare il deposito et il comercio a le Crugne. Credesi etiam, che questa cosa debbi metter guerra fra Portogesi et questa Maesta Cesarea. Et a questo proposito de Portogesi: non ometterò segnificar a V. Cels., come intendo, che uno de questi di e sta retenuto qui in Vagliadolit uno corier del Sereno Re de Portogalo, che andava in Franza, et toltoli le letere di alcuni, che erano sotto il mazo del Re prefato di Portogalo, quale mazo non è sta tocato. Pur non so, si ancora el corriere sia relaxato. Dat. Vallisoleti die 24 Septembris 1522.

51. To Venetian Senate from Valladolid, 24 November 1522[153]

Altro da novo non havemo quà, salvo che son venute due nave de Turcaten et de Tenustitan,[154] quale se sono soprastate nelle insule de li Azori chiamate da li antiqui insule Casseterides, quale sono del re di Portogallo, e questo per paure de corsari; ma lì è stata mandata scorta sufficiente, et già poteno esser gionte a Sivilia. Scriveno come Fernando Cortese[155] ha recuperato la gran cità de Tenustitan con tutti quelli paesi et provincie che vi ho mandato in nota, et apresso se ne ha agionti de li altri, et tuta vie conquista. Ha trovato il more de Sue zioè autrale, et due insule de le perle, dove se ne è grandissima quantità et grossezas. Ivi fabricava due navilii per discoprir le insule de le spiciarie, quale se farano molto propinque, et abreviarano il camino credo di 2000 leghe.

Manda su in queste nave un presente a l’Imperator di perle, gioie et altre cose preciose de quel paese, che valeno da cento milia ducati, et etiam portano verge d’oro per summa de 40 in 50 milia ducati, che sono de li quintalade et dritti, sive datii che apartengono a la Maestà Cesarea, et prometeno gran cose et intrade per l’advenir. Le altre particularità, come vengano le nave o homini de quelle, zercherò di intenderle et parteciparvele.

Ne le sopraditte insule de li Azori è stà il terremoto grandissimo a li 4 del passato, et praesertim in una di esse chiamata San Michel, quale era la principal, et è quasi tutta ruinata. Sono cascati sei o sette monti, zoè le summità, et alcune di esse hanno oppresso le ville et terre propinque integramente. Ivi erano granari dil re di Portogallo et munitione assai, perchè tal insule zè molto fructifere. Tutto è perduto, et è una compassione ad intender la partichularità de li lochi ruinati e gente morte, e stropiate o sepulte vive.

52. To Giustiniani from Valladolid, 7 February (1523)[156]

Iesus. Reverendo mio Padre Frate Paulo. Forse prendereti non mediocre admiratione che prima che hora non habbi facto alguna risposta a le vostre humanissime et dolcissime letere, ma in verità (oltra che per la humana et gentil natura vostra, so che et la tardità et negligentia mia haveresti tolto in bona parte) di questo causa è stata la fortuna la quale, come se suol dire, se interpone sempre a disturbare il bene.

Non vi potria exprimere exprimere con quanto desiderio expectasse qualche literina da vui, sperando insieme a quel modo goder la iucundissima consuetudine vostra, essendomi tolto ogni altro, et da le admonitione et parole vostre prender non mediocre fructo, et alquanto fare risentirsi questo mio adormentato core, il quale, quando più deveria accendersi et firmarsi ne li beni veri et stabili, non in tuto da lui per la divina gratia incogniti, alhora più se infreda et più si pone in la via lubrica et lassasi transportare come una folgia da li venti mondani, hora in qua et hora in là, senza mai firmarsi, hor fino in Fiandra, de donde vi scrissi, havendo questo desiderio, et poi portatolo sempre meco da Fiandra in Angliterra et da Anglia per l’oceano fin a qui in Hispania. Tandem in loco de le vostre letere me furono date letere da mio cugnado Messer Mathio Dandulo, per le quale non si excusava, ma deplorava lo infortunio che li era a cascato, cioè che, havendo habuto dal clarissimo Messer Benedeto Gabriel le vostre longissime lettere a me drizate, doppo che lui le hebbe lette, le lassò sopra il suo scagno et, andato fuori de la Terra per alguna giorni, ritornato mai più non potè ritrovarle; et cusì, doppo una longa querimonia, disse che per il primo me manderia algune altre vostre più breve, le quale li erano restate et cusì già un mese over più io receveti con summo apiacere queste vostre letere breve, le quale mi sono state gratissime. Et vedendo che la continentia di quelle perdute pertineva a me, et di queste che ho habute pertineva vui, mi è sta’ più grato haver perdute quelle che queste, ad ciò chè il desiderio vostro se habbi possuto adempir per mia opera, secondo che me rechiedeti.

A questa adonque alligate vi mando una letera di questa Caesarea Maiestà a la Sanctità del Pontifice, la qual Sua Maiestà benignissimamente subito me concesse, una altra poi de Monsignor de Lassao, il quale io intendo essere stato suo coniunctissimo, et una del Nuncio suo, il quale è hispano et fu lassato Nuncio da Sua Sanctità, quando s’è partita qui de Hispania, per la grande familiarità che haveva habuto qui seco. Se la posta differisse a partire fino domani, haverò una altra de questo Magnifico Gran Cancelier, il quale ha ordinato che la sii facta, ma li sui secretarii per diverse occupatione anchora non ha facta, benché queste tre sono sufficientissime. Spero, per la bontà del Sanctissimo Pontifice, havereti poccha difficultà a impetrare quel che desiderati, immo penso, parlato che Sua Sanctità vi habbi, non sia per bisognarvi altro mezo. Nè più de ciò.

Hor vi ragionerò alquanto di me et del mio travalgio grande del corpo, ma magiore de l’animo. A la fine de Magio partissemo de Fiandra et passasemo sopra la insula de Ingilterra, dove dimorassemo fino a dì 6 Luglio, el quale tempo passai con il nostro Suriano, patendo molti incommodi et pericoli de morbo, in Lar[in]ti [?], in Antona.

Nel prefato giorno di Lugio, juxta la solita bona fortuna di Caesare, con tranquilissimo tempo in diece giorni passasemo l’oceano et sbarcassemo in Biscalgia, in un porto dicto Sancto Andre, del quale loco, passati li Monti Pyrenei, in verità asperrimi, siamo pervenuti nel piano de la Hispania, et tandem, già cinque mesi, firmati qui in Vagiadolith, con grandissimo incommodo de alogiamenti et del vivere.

Hor questo è stato il viagio mio con grande travalgio corporale. Di quello de l’animo non vi dirò altro, ma lassarolo pensare a vui, il quale haveti inteso il progresso de le cose.

Ma ben sempre lauderò, più anchora di quel che posso, la bontà divina, la quale ha indrizato le cose a melgiore camino di quello che ogni uno haveria iudicato; talmente, che la pace è stata fin qui conservata. Spero che ne lo advenire anchora non mi abandonerà ne le action mie.

Hor basta quanto al travalgio de le cose publice.

Diversi poi affecti continuamente infestano questo mio pocho confirmato, over, più presto, instabilissimo core, li quali cusì in particulari non si possono scrivere, ma bene da uno prudente et experto de le cose del mondo, come vui seti, possono essere compresi. Onde, in verità, son venuto in questa firma conclusione, la quale, benchè prima io l’havesse lecta et l’havesse saputo dire, niente di meno ora per la experientia io la penetro benissimo con lo intellecto mio, cioè che niuno per le opere sue su puol iustificare over purgare lo animo da li affecti ma bisogna rincorrere a al divina gratia al quale se ha per la fede in Iesu Christo, come dice Sancto Paulo, et con lui dire: Beatus cui non imputavit Dominus peccatum, sine operibus.

Onde chiaramente comprendo quelli philosophi antiqui: benchè vedesseno la verità in questo, dicendo che a la faelicità era necessaria la purificatione de l’animo da li affecti, niente di meno erano poi grandi paci, pensando questa purificatione potersi fare per la asuetudine, aquistando li habiti de le virtù le quale reprimesseno li affecti. Hore a me pare vedere in me medesmo et in altrui che alhora quando l’homo pensa di havere acquistado queste tal virtù, alhora aponto più facilmente cascha. Onde concludo quod universa vanitas omnis homo vivens, et che bisogna che se iustificamo per la iustitia de altrui, cioè de Christo, al quale coniungendose, la iustitia sua se fa nostra, nè de nui stessi fidarsi in un minimo puncto, ma dire: A nobis retulimus repsonsum mortis.

In questa materia io ben desidereria vedere qualche cosa del vostro, perché, a dirvi il vero, facta experientia di me et vedendo quel che io posso, mi ho reduto a questo solo, parendomi tuto il resto nulla,

Vi ho forsi tenuto più a tedio di quello havesti voluto. Perdonatime. La pena è scorsa non me ne advedendo. Pregate Dio per me che mi guidi cusì ne le publice actione mie come in le private. Nec plura. Bene vale nostri memor.

In Vagiadolith a dì 7 Febraro [1523] Gaspar Contarenus tuus. Al molto Reverendo Frate Paulo Justiniano Heremita.

53. From Andrea Contarini, 28 January 1524[157]

Magnifico et honorado fradello. Dal Masaron per un messo aposta vi scrissi, et a hora si replica di la nostra malla; che in vero quando mi penso mi par quodammodo esser fora di me; che’l nostro signor Dio ne sia sempre laudato. Essendo in el Masaron a la marina, dagano presto expedimento al dispaso nostro, fosem asaltadi et retegnudi nui tre Patroni, di scrivani et un fiol di missier Agustin da Mulla et uno de missier Zuan Donado da la Becharia, a requisition de questi Inquisitori. Unde fossemo menadi in uno castello, et poi la matina sequente qui in Murzia; unde siamo stati tutti examinadi, et breviter li diseno che la retenzion nostra non è salvo che questi Inquisitori vol che se li dagi tutti i libri è sopra le galìe, overamente vol poter vegnir in galìa a mirarli si non son niuno che sia contra la fede nostra. Qual retenzion diceano esser stà comandà per el signor Inquisitor zeneral qual se atrova de lì, con voluntà di la Maestà dil re; la qual cosa potreti considerar di quanta importanza la sia, sì per el tardar de la galìa, come per dover andar le galìe senza nui, che ‘l cor mi crepa di dolor. Non bisogna dir altro, salvo ringratiar la bontà divina; e più ne è stà ditto per questi Inquisitiori, che non dagandoli muodi di veder ditti libri, li era forzo procedano contra de nui. Et perché, come sapete, credo el Capitanio non el posi far per le leze nostre, vedete in quanto travaglio si trovamo; et ne par, per opinion de tutti nui breviter la cosa sia impossibile di expedirlo de qui. Li habiamo mostrato li nostri salvi conduti, i qual sono di tal maniera, come sapete che mai credo non ne sia stà facto i simel, tamen nulla ha voluto: perchè dise haver el comandamento dil signor Inquisitor zeneral come di sopra vi si ha ditto. Non si pol altro; bisogna che de lì, con quella più presteza vi sia possibile, vediate di haver el dispaso nostro, digandoli el grandissimo interesso et il risego coremo di l’armada francese, che in vero l’ è una cosa di crepar di dolor vedersi retegnudi per cosa minima. Siate prudentissimo et ben considerate il pericolo et interesso habiamo meglio di quello vi dico scrivendovi; ge bisogna sora tutto presteza per el presente: Aspetiamo la risposta et la opinion vostra zerca la galìe, qual vi prego di subito subito ne dati aviso quello habiamo a far in tal caxo, si le galìe debeno andarsen o veramente se è cosa che porti poco tempo, aziò nui se ne possamo andar. Non so che altro dirvi; vedete el travaglio nostro, provedete al bisogno. Psando vegnir vui … missier Tomaxo qe qui, mi farete cosa gratissima non hessendo vostro disturbo, et maxime vedendo la cosa esser longa, abenchè non spero serà se non brevissima. Iddio sia quello non ne abondoni, aziò nui in persona se ne potiamo andar; che in vero non andando ne saria di grandissimo interesso, maxime io in particulari, che mi trove molte cose sì de noli come di robe lassate in Tunis. Vi prego date expedimento al corier più presto vi sia possibile, perchè haveremo fatiga a tegnir el Capitanio in fino a quel’hora. E tanto più che sier Daniel Dolfin è di opinion le galìe vadino senza aspectar altra risposta. Marco Antonio Dolfin et io volemo el consiglio vostro, che Dio per sua bontà ne vaci preso di questi travagi. Nui, su le galìe, breviter vi dico che per ho per opinion sia qualche libro ebraico; ma ben iudico non sia contra la fede nostra. Vosamo volentiera li desti avixo per questo messo, si la cosa habia ad expedimento in zorni 2 over 3. Non so che altro dirvi. Nui siamo in una caxa indestreta, benissimo visti da tutti e par che tutta la terra ne habbia habuto dispiacer. A v. m. mi aricomando; date expedimento al corier presto presto. Questi Inquisitori si hanno lassato intender che ancor che i havesseno licentia di veder tutti i libri non ne podeno dar expedimento, salvo è bisogna venga de lì dal signor Inquisitor mazor. Intendete tutto.

54. To Ferigo Contarini and brothers from Madrid, 7 February 1524[158]

Fratres amatissimi. Essendo andato messer Tomaso nostro fratello a Cartagenia io suplico per lui le galie de Barberia ritrovandosi nel porto Mazaron et essendo li patroni in terra per expedirsi tutti tre insieme con do scrivani et il fiolo dil clarissimo messer Agostino da Mula et di messer Zuam Donado de la becharia, furono ritenuti ad instantia de la inquisitione di questi Regni et conducti a Mursia. Io saputo ch’ebbi la nova, el primo giorno fu adi primo dil instante, feci tutta quella diligentia, che io podetti, per haver la sua liberatione. Parlai a la Maestà Cesare a tutti dil suo conseglio et lo inquisitore maggiore. Tamen non poti havere se non sperantia et intedere la causa de le loro ritentione, la quale mi dissero esser perché vendevano una biblia latina, hebrea et caldea con la espositione di Rabi Salamon, doctor hebreo, il quale in molti lochi contradice a la fede catholica. L’altro giorno dapoi vedendo la expedition diferirsi, parve a messer Tomaso di andar per le poste fino a Mursia et poi a Cartagenia, la causa per le publice meglio intendereti, ma il rispetto privato per provedere a le cose nostre et andar con la galia, quando la expedition de li patroni fosse prolongata. Hor tandem dapoi ogni instantia adi 4. dil istante reducto tutto il conseglio de la inquisitione, parlai longamente dichiarandoli il costume de Italia et di tutta la chiesia catholica esser di admetter ogni auctore infedele, quantunque contradicesse a la fede, quanto li paresse, come Averois et molti altri perché si faria iniuria, quando non si volesse, che li adversarii non fussero auditi et lecti, aducendoli molti ragioni; poi dissi, che Rabi Salamon era alegato da san Tomaso, da Nicolò di Lyra et altri doctori catholici infinite volte, poiché quando fusse ben dannato tal auctore, non si dovrà per questo ritenire li patroni venetiani al interesse grande et privato et publico, et breviter credo che poco lasasse di quello che si poteva dire. Loro consultorono tutto quel giorno, tandem la sera senza volere che io ben intendesse la expeditione loro, spazorono a Mursia per le poste che non essendo in colpa li patroni subito fossero liberati, et quando fussero in colpa, che datali una leggiera penitentia fussero pur liberati, come saria dire di andar attorno un monasterio over una chiesa con cierio in mano over altre simile ceremonie, le quali qui usano, ma che de li altri si mandasse qui informatione cum uno di quelli libri. Non so, se la deliberatione iungerà avanti che le galie sieno partite, pur andando li patroni mi dubito che altri resteranno, maxime se li libri fussero di alcuno di loro. Le galie dal Mansaron erano partite et erano a Carthagenia, come mi scrive Andrea da Mursia.[159] Questa inquisitione in questi regni è una cosa terribilissima, nè il Re medesimo ha potestà sopra lei, et per li Christiani novi una cosa che a noi par minima, a costoro pare grande. È stato etiam dicto, che hanno venduto libri di Lutherio, ma io nol credo. Del successor mio non intendo cosa alcuna; (habiamo vostre lettere de 18 Decembrio. É venuta nova di Portogalo, come quel Serenissimo Re haveva fatto il mercato infrascripto: io l’ho auto così in nota da mei amici. Un cantaro di Portogalo è 125 lire de le nostre da unzie 12. il mercado adunque è sta fatto in nome di Zan Francesco da la Faità che ne tiene la magior parte, in cimpagnia con alcuni alemani: 13 milia cantara de piper a ducato 34¼ el cantaro; 400 cantara de garofoli a 50 ducati el cantaro; 700 cantara di canela a ducati 65; 2000 cantara di gengei a ducati 30. Nè il Re può vender piper dentro a uno anno se non a contadi; del al qual summa 7500 cantare di piper aspectano al Faità, et dil resto secundo la instess proportione.)[160] Io hebbi già alcuni giorni da Lione il salvo condutto per poter passare per Francia, il quale mi mandò il Reverendo Archiepiscopo di Capua,[161] nè del successor mio intendo pur una parola. (La frota de la nave, le quale de qui de Hispania passorono a Ligorno con lane, se aspecta de ritorno. Se con quella non compare non so più che dire, nè che sperare; nè altro. Il summo Idio tutti felici vi conservi.)

55. To the Venetian Senate from Toledo, May 1525[162]

A dì 27 April 1525, ad hore 5 da poi mezzodì, fece la intrata sua solennemente la Maestà Cesarea in Toleto, et fu in modo videlicet: Li andorono prima incontro tutte le arte di la terra cum li sui penoni, atorno de li quali cadaun havea certi mascaradi ad diversi habiti cum un tanburlo, et qui dove potevano facevano certi balli di chiranzana o moresca. Questi seguivano quelli delle lor arte, se secundo li mestieri era il numero delle persone che in alcune ascendevano ad homeni 500 in 600, tutti vestiti secondo la qualità loro. avanti però di queste arte fu la guardia del campo, che sono contadini vestiti di verde, et in questi vi era bon numero di ballestrieri. Da poi le arti veneron li scrivani et nodari de la cità, et drieto loro li phisici vestiti tutti di seta, che de raso, che de damasco, et chi de veluto. A questi seguitavano li iurati al numero di 42, tutti vestiti de una medisima livrea, zoè de uno robon de veludo cremesino, cum li loro servitori cum cape et berete rosse. Da poi venivano li regitori al numero di 24, et etiam loro ad una divisa de roboni longi de veludo cremexin, et le berete di veluto negro. Et questi regitori con li iurati sono la iustitia di la terra. Vene dapoi il clero et lo archiepiscopo vestiti di scarlato, et cussì la mula fornita di veluto cremesin; il qual archiepiscopo, facta reverentia a Sua Maestà al campo, immediate ritornò a la terra per ricever Sua Maestà a la ecclesia maior, come è solito di farsi. Le arte apresentatose a Sua Maestà al campo, deteno volta a la cità, et cussì li nodari et phisici havendoli basata la mano, poi li iurati et regitori feceno quello instesso in basarli la mano. A la porta fece Cesare de more iliuramente di observar li privilegi de la terra, dove li furono apresentate le ciave di quella. Intrò Sua Maestà a cavallo, vestito de una zimara de lama d’arzento, era di sotto restagno d’oro, fodrata de raso cremesino, la qual portavano li regitori de la città, avanti de li qual andavano pur a piedi tutti li iurati cum le barete in mano. A la stapha havea Sua Maestà dui de li sui maistri di stala; della compagnia sua forono alcuni cortesani, però in poco numero; da poi li pagi sopra li cavalli di Sua Maestà, iunti cavalcavano el conte di Nansao, el marchese di Brandiburg, et il Gran Maestro di … ; poi domino Cesare Feramosca vice gran cavalariso con la spada desnudada in mano. Da drieto di Sua Maestà sequivano li oratori, quali furono li infrascripti, zoè el Nuntio pontificio cum lo orator anglico, lo ambassator polono cum lo orator venetiano, poi lo ambassator fiorentino in mezo di quel di Genoa et Mantoa. Da li lati caminavano li lanzchenech et spagnoli, che è la guardia di Cesare, et da drieto era la guardia da cavallo, zoè li fiamengi. Cum questo ordine Sua Maestà andò prima a la chiesia et da poi al alozamento suo, che è quasi in capo di la cità. Alla chiesia mazor fu facta rapresentatio cum do giganti, et uno … praeterea una aquila bianca et musica, facendola descender sopra il capo di Sua Maestà una corona imperial. Tutte le strate dove haveva ad passar Sua Maestà erano ornate di tapezzarie; e le fenestre infinito numero di done et homeni et cussì abasso per le strade, che certo fra quelli ussiteno al campo et alle finestre, item, per le calle, come è ditto, assendevano quasi al numero de … milia persone. La nocte poi furono facte luminarie per tutta la città in segno di letitia, et come è solito farsi in tal intrate.

56. Report to the Senate of Venice, 16 November 1525[163]

Serenessimo principe ed eccellentissimo sentato; in questa mia relazione delle cose pertinenti alla legazion mia presso Cesare, lasciando ogni superfluità ed ostentazione, mi ristringerò a tre sole parti. Nella prima narrerò li regni e le provincie soggette alla maestà cesarea, con le cose ad esse attinenti. Nella seconda si dirà delli consiglieri della prefata maestà, che sono come istrumenti, per li quali si governano questi regni. Nella terza riferirò della persona di Cesare, e delli attinenti a quella per propinquità di sangue; cioè del serenessimo arciduca Ferdinando suo fratello, delle sorelle, e di madama Margherita sua zia; le quali cose espedite, sarà il fine di questa mia narrazione.

E cominciando da quanto appartiene a quello che prima è stato proposto, tutti li regni posseduti ora da Cesare gli sono pervenuti per eredità da quattro bande; cioè, alcuni da Massimiliano imperatore suo avo paterno, altri da madama Maria sua ava paterna, alcuni del re Ferdinando il Cattolico suo avo materno, ed altri dalla regina Isabella sua ava materna.

Delle provincie provenienti da Massimiliano, alcune appartengono alla corona dell’impero, alcune altre sono di patrimonio privato della casa d’Austria. Di patrimonio privato sono tutte quelle provincie confinanti da mezzogiorno coll’Italia, e collo stato di vostra serenità, le quali da oriente toccano l’Ungheria, da occidente parte gli Elvezj e parte la Germania, da settentrione la Svevia, il ducato di Baviera, ed altre provincie di Germania.

È diviso tutto questo paese in diverse provincie, dove sono molti signorotti, ovver più presto gentiluomini, li quali hanno qualche giurisdizione e qualche entrata, ma niuno è che sia notabile. De’ prelati ve ne sono due di condizione, cioè il vescovo di Presburgo e il vescovo di Trento. Il vescovo di Presburgo ha circa venti mila fiorini d’entrata. Quando io passai per quel luogo, il vescovo era morto; ora intendo esser morto quello, che dopo la mia partita fù eletto, ed essere stato eletto in luogo suo don Giorgio d’Austria, figliuolo naturale dell’imperatore Massimiliano, giovine di circa anni venti, molto amato da Cesare. Il vescovo di Trenta ha d’entrata circa quattordici mila fiorini, il quale ora è molto avanti nella grazia dell’arciduca Ferdinando, e fa professione d’esser molto affezionato a questa eccellentissima repubblica.

L’entrata di questo paese saria, quando tutta fosse integramente riscossa, da settecento mila fiorini; ma è stata così dissipata, ed alienata da Massimiliano imperatore, che credo non possi ora quindici mila, ovvero ad summum dugento mila fiorini, per quanto ho avuto da uomini di fede degni. Vero è che Ferdinando arciduca, al quale fu negli anni passati concesso da Cesare tutto questo paese, come allora per mie lettere significai a vostra serenità, usa ogni diligenza di riscuotere queste entrate impegnate ed alienate dall’avo suo Masimiliano, per il che, da quanto ho inteso, ha contratto grande malevolenza appresso quelli gentiluomini. La spesa sua ordinaria non è molta, perchè oltre la guardia della persona sua, e degli ufficiali suoi, pochi altri vivono a spese dell’arciduca, nè tien gente d’armi ordinarie, nè fanteria; pur di così piccola entrata credo poco gli possa avanzare.

Il modo del governo di questo paese, oltre li giurisdicenti, li quali si pongono in ciascheduna città, in Inspruch è un consiglio del contado di Tirolo, il quale ha grande giurisdizione e riputazione, talchè molte fiate l’imperatore Massimiliano se ne è doluto con qualche suo intrinsico amico. Ma ora intendo che il serenissimo Ferdinando arciduca ha privato alcuni di quel consiglio, e cerca con ogni sua forza di abbassarlo.

L’animo di tutto questo paese verso il suo signore arciduca non è molto ben disposto, sì per esser li loro costumi molto alieni dalli costumi ispani, nei quali è nutrito il prefato arciduca, e sì per il conte Salamanca secretario ispano, il quale può il tutto appresso Ferdinando. Sono pure informato che non hanno affezione verso questa illustrissima repubblica per causa delle guerre passate, anzi che sono quasi tutti di pessima volontà.

Questo stato tutto fu dato dalla cesarea maestà a Ferdinando suo fratello, benchè per eredità vi avesse egli giurisdizione, con condizione però che in quanto al contado di Tirolo non si chiamasse se non governatore, finchè ovvero Cesare avesse tolta la corona in Roma, ovvero fossero passati sette anni, benchè poi, è già un anno, in Ispagna mi fosse detto che la cesarea maestà era stata contenta, che si intitolasse conte di Tirolo. Fu anziandio aggiunto alla giurisdizione di Ferdinando il ducato di Virtemberg, territorio molto bello e fertile, il duca del quale ora è fuoruscito, ed è in Francia. Cagione di persuadere a Cesare, che facesse così bel dono al fratello, furono il magnifico gran cancelliere, don Mercurio Gattinara, del quale di sotto si dirà, ed il confessore cesareo, frate di S. Francesco, il quale morì in Vagliadolid in Ispagna. Questo è quanto mi occorre degno della notizia di vostra celsitudine circa il ducato d’Austria, che è pervenuto a Cesare per Massimiliano imperatore,ed era di suo privato patrimonio.

Quanto poi alla corona dell’impero, sua maestà cesarea ha superiorità sopra tutta la Germania, amplissimo paese diviso in principi ecclesiastici, principi secolari, baroni, che non sono principi, prelati, che pur essi essi non sono principi, città franche, ed elettori dell’impero. Cominciando da questi ultimi, gli elettori sono sette, computato il re di Boemia, il quale interviene come principale ogni volta che accada eleggere il re de’ Romani futuro imperatore. Li altri sei sono tre secolari e tre ecclesiastici: i secolari sono di tre principali casate di Germania; il conte palatino di Baviera, il duca di Sassonia e il marchese di Brandemburgh. I tre prelati sono l’arcivescovo di Treveri, ch’è cancelliere per la Francia, l’arcivescovo di Colonia, che è cancelliere per l’Italia, e l’arcivescovo di Magonza, che è cancelliere per la Germania. Questi ecclesiastici nella dieta imperiale, ed eziando presso Cesare, precedono li secolari. Il conte palatino ha d’entrata circa novanta mila fiorini, e molta gli fu tolta per forza dal langravio d’Assia[164] al tempo che il predetto conte fu scomunicato dall’imperatore Massimiliano; e se ora par nuovo a vostra serenità questo nome di scomnicazione, di sotto io dichiarerò questo costume di Germania. Il duca di Sassonia ha d’entrata da circa cento mila fiorini, e il marchese di Brandemurgh settantamila. L’arcivescovo Maguntino, il quale è fratello carnale del marchese prefato, ha d’entrata fiorini ottantamila, e molto più averia, se molte cose dell’arcivescovato non gli fossero state usurpate. Quello di Treveri ne ha circa trenta mila; e quello di Colonia quaranta mila. Costui ora ha una differenza con la città sua, perchè vorria avere la giurisdizione temporale in essa, come hanno gli altri due arcivescovi nelle loro cittadi, e quelli della terra per niun modo consentono, nè mai sono per consentire, nelli presenti tempi essendo troppo ampliata la setta luterana.

Gli altri principali prelati poi, oltre a questi tre elettori, sono in numero di trentotto. Quel che è di maggiore entrata è l’arcivescovo di Salzburgh, che ha dalla sua chiesa da settanta mila fiorini, benchè molti dicano più grande somma. Gli altri principi secolari sono venticinque, li principali delli qualli sono il marchese Casimiro di Brandemburgh, cugino dell’elettore, il duca Giorgio di Sassonia, li quali hanno d’entrata da cinquanta mila fiorini per uno, il langravia d’Assia, che ha d’entrata da sessanta mila fiorini, e il duca Guglielmo di Baviera, le entrate del quale ascendono alla somma di fiorini quarantamila. Costui è gentilissimo signore. Io ad Augusta, essendo incammino per andare alla corte cesarea in Vormazia, lo visitai, ed ebbi da lui un onorevole convito, e in verità a me parve avere egli più dell’Italiano, che del Germano, come anche mi parve il marchese di Brandemburg elettore, nel quale alla bellezza del corpo è congiunta grandissima gentilezza d’animo. Nella elezione di questo imperatore egli e l’arcivescovo di Treveri favorirono la parte del re cristianissimo. Gli altri principi secolari sono di minor entrata; nè voglio io narrarla più particolarmente, per non generar tedio alle eccellenze vostre per cosa di poca utilità.

Li baroni e conti che non sono principi, ma hanno però giurisdizione, sono da circa cento; gli abati più illustri sono trentatrè, e sette abadesse di ragionevole entrata, e con buona giurisdizione. Le Terre Franche poi sono circa novantaquattro, ma otto sono fra loro principali, cioè Colonia, Augusta, Norimberga, Goslar, Argentina, Francoforte, Lubecca, ed Ulma.[165] Di queste io n’ho vedute tre, Augusta, Ulma, e Colonia. Ulma è terra mercantesca, massime di cotoni, e cose dipendenti, ma non è molto grande, nè molta bella. Augusta è bellissima città, posta in una bella pianura nella prima entrata di Germania dalla banda di Trento e di Inspruch; qui sono mercanzie assai, benchè il commercio non è ora così grande come soleva essere nelli tempi preteriti, essendosi trasferito in gran parte a Norimberga. Qui in Augusta abita messer Giacomo Fucher[166] grossossimo mercadante, e di facoltà, per quanto è fama, di più d’u milione di ducati. Non ha figliuoli, ben ha nipoti, figliuoli del fratello. Colonia poi ho veduto, la quale supera tutte l’altre, e per comune consenso è la prima città di Germania. È grandissima, molto ornata di belli edifizj, piena di popolo, copiosa di belle donne, e molta ricca. È posta accanto al Reno, il quale li è navigabile da navigli assai grossi. Fuor delle mura, sopra il fiume, ha un luogo, dove si discaricano le mercanzie, perchè è città di gran traffico, nella quale poco, ovver niente si può desiderare delle cose, le quali appartengono alla grandezza, e bellezza d’una città.

Il modo del governo di Germania fu statuito nell’ultima dieta imperiale fatta in Vormazia, nella quale si trovò la cesarea maestà, e questo è oltre al governo delli principi (li quali governano gli stati loro) e delle terre franche, le quali a modo di repubblica si governano da per sè. Il governo del quale parlo è l’universale di tutta la Germania. Furono dunque nella detta dieta di Vormazia instituiti due consigli, uno di stato, e l’altro di giustizia. Quello di stato è di ventidue membri, delli quali quattro sono posti da Cesare (due come imperatore, e due alri per conto degli stati, li quali sua maestà ha in Germania); sei poi sono posti dalli elettori, perocchè ciascheduno di loro sei ne pone uno; li principi secolari, ne pongono eziandio essi uno; li principi ecclesiastici un altro; li conti e baroni ne pongono uno; gli altri signori ecclesiastici, che non sono principi, ne eleggono ciascun anno quattro, delli quali uno per tre mesi si ritrova sempre nel prefato consiglio, sicchè in un anno tutti quattro hanno avuto il loro loco. Similmente le otto principali città fra le terre franche nominate di sopra, pongono due nel detto consiglio, mutandoli di tre mesi in tre mesi; li primi tre mesi, cioè la prima quarta dell’anno, uno pone Colonia un altro Augusta; nella quarta seconda uno è d’Argentina e l’altra di Norimberga, nella terza tocca a Lubecca et Goslar; nella quarta, cioè nelli tre ultimi mesi, tocca a Francoforte ed Ulma ponere uno per ciascuna di esse. Li sei altri che mancano a compire il numero di ventidue, sono posti da sei parti, ovvero cantoni, nelli quali è divisa tutta la Germania, uno per ogni cantone. Nelli cantoni sono compresi gli elettori principi, così secolari, come ecclesiastici, le terre franche ed altre, ed intervengono ciascuno per il loro cantone: e così è compito il numero prefato di ventidue. Questo consiglio ha da provvedere a quelle cose, che appartengono al beneficio dello stato di tutta Germania.

Fu anco, come è detto di sopra, instituito in questa dieta imperiale di Vormazia un altro consiglio, detto di giustizia, il quale è composto di diciannove membri, di cui il principale è il giudice della camera, il quale è eletto da Cesare con li altri principi, ed ordini dell’impero; due altri sono aggiunti a questo giudice della camera, i quali sono conti, ovvero baroni. A questi tre Cesare solo, come imperatore, ne aggiunge due, e due altri come principe dell’impero per gli stati, i quali sua maestà tiene nell’impero. Sei ne pongono gli elettori, ciascheduno di loro uno: gli altri che restano fino al numero di diciannove sono eletti da sei cantoni di Germania. Ben è da notarsi, che questi sei cantoni sono secondo la divisione di Germania fatta altre volte in Costanza, la quale è diversa da quella della quale facemmo menzione di sopra, quando parlammo delli sei del consiglio di stato eletti dai sei cantoni di Germania. A questa consiglio, come principale, si riferiscono tutte le cose di giustizia di momento, come saria le differenze tra un principe e l’altro, ovver fra comunitadi, e simili negozj.

Qualche fiata in Germania si convocano diete, dove intervengono, se sono diete particolari di qualche provincia, li signori e gli oratori delle cittadi di quella provincia.

Nella dieta imperiale, quella che abbiamo detto essere universale di tutta Germania, entrano dunque gli elettori dell’impero, li principi secolari, li principi ecclesiastici, e le terre franche, cioè i deputati per esse. In capo della sala, nella quale si congregano, pongonsi gli elettori; dalla parte destra li principi ecclesiastici; dalla sinistra li principi secolari; e dall’altro capo li deputati delle terre franche all’incontro degli elettori, e così tutta la dieta si risolve in quattro voti; onde fatta la proposizione di qualche cosa per nome di Cesare, ovvero ora del luogotenente di Cesare, Ferdinando suo fratello, gli elettori si riducono insieme, e così da per sè insieme si riducono li principi ecclesiastici; li secolari e li deputati delle terre franche parimenti da sè; e consultata la materia, ciascheduna parte dà il suo voto, ossia quello della maggior parte di essa, e quel che da tutte quattro è approvato, s’intende esser concluso dalla dieta imperiale: dalla deliberazione della quale se qualcheduno devia, è in potestà di Cesare d’ammonirlo, e poi, se è ostinato, di scomunicarlo, che è dar tutto il suo in preda a qualunque può più di quello, e quel che si acquista di esso de jure si può possedere; e questo è ciò che di sopra toccammo parlando del conte palatino, e del langravio d’Assia,[167] il quale ha tolto molti luoghi del prefato conte palatino al tempo, nel quale fu scomunicato da Massimiliano imperatore.

V’è eziandio in Germania la lega di Svevia,[168] la quale comprende molti principi, molte terre franche e altri baroni. Le precipue fra le terre franche comprese in questa lega, sono Norimberga ed Augusta: fra li principi precipui sono il duca di Baviera e l’arciduca d’Austria. Questa lega è molto unita, e di grande riputazione, e fu precipua causa di cacciar il duca di Virtembergh[169] di stato, e di far eleggere questo Carlo imperatore. Ultimamente poi ha rovinato Francesco di Sickingen,[170] il quale era un signorotto capo de’lutherani, ladro di strada, e capo de’ gentiluomini poveri, inimici del viver quieto. Rovinò eziandio in Franconia[171] molti altri signorotti simili, dati a rubare il mercadanti per le vie, e a perturbare il viver quieto delle terre franche, perchè il costume, ch’era appresso i Germani fino al tempo di Giulio Cesare, è durato fino alla nostra età, e il mestiere di porsi alla alla strada, ed esercitare li latrocinj, è tenuto per esecizio di uomo valoroso. Però quando l’oratore del re cristianissimo disse (avanti che si facesse l’elezione dell’imperatore, alla qual dignità lui molto pretendeva) che se creavano il suo re imperatore, prometteva in breve tempo di espurgare così la Germania da’ rubatori di strada, che con quella istessa sicurtà s’anderia per Germania, che si va per Francia, fu avuta questa proposizione molto a male.

Di questa così grande provincia, la cesarea maestà ne ha pochissima entrata, perchè li principi hanno li beni loro, e sebbene riconoscono l’imperatore per superiore, nientedimeno non gli pagano cosa alcuna. Le terre franche pagano, ma molto poco, talmente che il dottor Pettinger d’Augusta,[172] uomo vecchio e practico nelle cose di Germania, mi affermò che Cesare di Germania non aveva più di dodici mila florini.[173]

La natura e costumi de’ Germani s’accostano al ferino; sono robusti e valorosi nella guerra; poco estimano il morire; sono sospettosi ma non fraudolenti, nè maligni; sono d’igengo non sublime, ma s’applicano con tanta fissione e perseveranza, che riescono bene sì in diversi opifici manuali, come eziandio nelle lettere, alle quali ora molti danno opera e fanno grande profitto. In loro non c’è molto ambizione di stato; verso di Cesare non sono molto ben affetti per l’assenza sua, parendo loro che faccia poco conto di quella provincia. A Ferdinando meno ancora per non essere mai stato veduto da loro. Verso vostra celsitudine non hanno mal animo, massime le terre franche, anzi sono affezionate; ed a me in ogni terro fu fatto onore, e ciò per il continuo commercio che hanno avuto con questa nostra città e il buon trattamento fatto sempre da noi a quella nazione.

La forze di Germania, quando fussero unite, sariano grandissime, ma per le divisioni, che sono tra loro, non sono se non piccole, e poca obbedienza danno uno all’altro, benchè abbondino in cerimonie. Per il breve tempo, che sono stato in Germania, questo è quanto mi sovviene degno di notizia di vostra celsitudine.

Ora passerò alle signorie possedute dalla maestà cesarea, come discendente da madama Maria sua ava materna; la quale fu unica figliuola di Carlo duca di Borgogna,[174] della Fiandra, della Brabanzia,[175] del contado di Artois[176] dell’Olanda, e d’alcuni altri simili luoghi, che ora tutti sono dati da Cesare al governo di madama Margherita sua zia.

Questo paese è piccolo, ma ha in sè molte grosse città, e castelli. Le principali città sono Gant, Anversa, Bruselles, Malines,[177] Lovanio, e Bruges.[178] Io le chiamo città per la grandezza, e bellezza loro, benchè niuna di esse abbia vescovo, ma tutte sieno tutto sotto la cura dei vescovati di Cambrai e Tornai. In Louvain c’è uno studio assai celebre in quelli paesi. Malines è dove madama Margarita fa la sua residenza quasi sempre. A Brusselles suole stare l’imperatore quand’è in quelli paesi, perchè lì ha una bella stanza, e un bello palazzo accomodato di luoghi atti a molti esercizi, cioè a giostrare, e fare bagordi; ha eziando un parco ivi congiunto, dove si nutriscono molti cervi. Gant è grandissima città, e molto popolosa, e il popolo d’essa è molto unito, e qualche volta ha fatto molte novità in Fiandra. Passano per questa città di Gant tre fiumi navigabili molto belli. Bruges non è molto grande, ma è bella, popolosa, e divisa da molti rivi mescolati d’acque salse, le quale per un canale passano dalla marina, dove è il porto della Schelda; talmente che in qualche loco d’essa si vede certa similitudine di Venezia. Solevavi esser un grande commercio di assai mercanzie, e traffichi; ma ora per esser guasto il porto della Schelda detto di sopra, lontano circa tre leghe dalla città, il commercio è quasi tutto mancato e tutto trasferito in Anversa, benchè ancor in Bruges siano molti Ispani, li quali fanno mercanzie. Anversa è fatta una città molto bella per il grande commercio ora ridotto lì, sì di spezierie che vengono da Portogallo, come di corami, ed altre cose, che vengono di Dania, d’Inghilterra, e dalle isole Orcadi.[179] Vero è che quelli della terra non hanno molte faccende, ma hanno utilità dalli dazj, dall’affittar le case loro, e simili cose: ma li traffichi si fanno da gente forastiera. Questa citta ha un porto bellissimo non già di mare, perchè è discosta dal mare forse sedici ovver venti leghe, ma li tre fiumi, li quali passano per Gant, e quello che passa per Bruselles si coniunguno insieme, e uniti passano presso le mura di Anversa, dove più in giuso si congiungono con uno delli rami del Reno, e anco vanno al mare insieme. La marea poi che cresce dal mare gonfia l’acque talmente, che sino in Bruselles io ho veduto il fiume ritornare in suso. Adunque appresso le mura d’Anversa vi è un bellissimo e amplissimo porto, tanto che sino alla porta della terra s’accostano navi grossissime, e galee grosse con ogni comodità. Oltre queste città principali sono molti castelli minori belli, e popolosi, li quali lungo saria riferire ad uno per uno.

In queste provincie non ci sono prelati di conto, perchè non ci sono vescovati; ben sonvi alcune abbazie. Signori poi li quali abbiano giurisdizione temporale, ve n’hanno circa cinquanta: non hanno però costoro molto grande entrata. Li principali sono il conte di Nassau,[180] il quale ha circa venti mila ducati d’entrata; ora gli ne sono aggiunti circa trentatrè mila per le sue nozze con una gran dama di Spagna, erede d’uno stato di circa venti mila ducati d’entrata: gli altri tredicimila glieli ha dati l’imperatore d’entrata in vita di ambidue loro, e questo ha fatto per concludere queste nozze. Oltre il conte di Nassau, v’è in Fiandra il marchese d’Arscot, nipote che fu del signore di Chievres, il quale ha circa venti mila ducati di rendita. Gli altri hanno minor rendita, talchè alcuni ve ne sono, che non ascendono alla somma di sette mila fiorini. L’obbligazione di questi signori è di servire le cesarea maestà in tempo di guerra con certa somma d’uomini d’arme, chi più e chi meno secondo la condizione loro. Hanno giurisdizione negli stati loro: pure le appellazioni vanno al consiglio dello imperatore.

Il modo del governo di queste provincie è, che le terre principali per privilegi loro antichi, ottenuti in diverse occorrenze di guerre, hanno il civile, ed il criminale, e riscuotono tutti li dazj. Hanno eziandio il carico di fare le spese necessarie all’utilità ed ornamento delle cittadi loro. Danno poi una certa somma ogni anno alla maestà cesarea. Vero è, che le appellazioni si devolvono al consiglio universale, del quale fra poco diremo. In tutte queste città il governo è in mano di tutto il popolo, eccetto Anversa, la quale è governata da pochi nobili. Poi, ciascheduna provincia ha uno di quelli signori principali per governatore, il quale ha carico di vedere l’amministrazione delle entrate e le spese, e procurare che le cose si governino e procedano secondo l’ordine. C’è poi il consiglio generale di molti dottori, presidente del quale è madama Margherita, la quale eziandio è governatrice universale di tutte queste provincie. Questo consiglio fa residenza in Malines, città propria di madama Margarita, ed a questo consiglio si devolvono tutte le appellazioni di giustizia. Madama poi ha il governo del tutto, appresso la qual in signor d’Osrath è di grandissimo potere. È stato questi, di assai basso loco e di poca facoltà, alzato a grande grado per favore di questa madama. Di questo governo li popoli non si contentano molto, ed hanno grandemente in odio questo signor di Ostrath.

L’entrata di tutte queste provincie, l’ordinaria dico, non eccede la somma di circa centoquaranta mila ducati, de’quali dalla Brabanzia sessanta mila, dalla Fiandra trenta mila, dall’Hainaut quindici mila, dal contado d’Artois sette mila, e d’Olanda, Zelanda, e Lucemburgh trento mila. La Contea di Borgogna è assegnata a madama Margherita in vita sua, donde, trae circa ducati venti mila, ed altrettanto trae di Savoia dal Contado di Bressa, pure per suo duario. Ma tornando all’entrate dell’imperatore, di tutte queste Provincie non trae più di centoquaranta mila ducati. Ha poi servizi straordinarj in tempo di guerra tanti quanti vuole; e in verità io credo, che in dieci mesi nelli quali fummo in Fiandra nel principio di questa guerra contra Francia, cavasse de’detti servizj da ducati settecento mila e forse più, come allora per mie lettere significai a vostra celsitudine. La spesa ordinaria non è più di dugento lancie alla francese; ora per la guerra l’ha augumentate sino al numero di lancie quattrocentro. Ha poi la spesa della sua corte, come sonola guardia, la cappella, quelli del consiglio, ed altri tanti ufficiali, talmente che si può reputare non gli avanzare cosa alcuna di questa entrata ordinaria.

L’animo di questa provincia verso il suo principe è ottimo; tutti lo amano grandemente, e tutti naturalmente sono grandi inimici de’ Francesci, eccetto la città di Bruges, la quale ha fama d’essere assai proclive a Francia, nè molto affezionata a questa casa d’Austria, dopo che fu preso da quelli di detta città Massimiliano imperatore, avo paterno di questo Carlo, e che l’imperatore Federico, il quale venne sopra Bruges con grande esercito per liberar il figlio, le fece molti danni, come penso esser noto all’eccellentissime signorie vostre, alle quali, per quanto ho potuto comprendere, benchè questi paesi non abbiano una particolare affezione, pure sono piuttosto ben affetti, che altramente, parlo dell’universale, chè in particolare ne sono pur alcuni, li quali essendovi trovati in queste guerre preterite alli servizj di Massimiliano imperatore contra la serenità vostra, hanno concepito, e ancora ritengono, odio contra quella.

Seguita ora ch’io narri gli stati devenuti a Cesare per eredità del re Ferdinando avo suo materno; e questi sono i regni della corona d’Aragona e gli annessi a lei. Nella corona d’Aragona principali sono tre stati, cioè il regno d’Aragona, e il principato di Catalogna, nel quale ora si contiene Barcellona, che soleva essere contado da per sè, ed il contado di Rossiglione.[181] Di questi sopra il mare Tirreno sono la Catalogna e il regno di Valenza, e il regno d’Aragona è più indentro fra terra. La Catalogna da Oriente confina con la Linguadoca di Francia, da Occidente col regno di Valenza e parte con la Castiglia, da Mezzogiorno ha il mare Tirreno, e da Tramontana ha il regno d’Aragona, e tocca eziandio da questa parte un poco la Castiglia. Il regno di Valenza è più abbasso verso Occidente, da Oriente tocca il principato di Catalogna, da Occidente e da Tramontana è circondato dalla Castiglia, a Mezzogiorno ha il mare. Il regno poi d’Aragona, il quale come dicemmo è fra terra, confina anche lui da Oriente, parte con la Linguadoca[182] e parte col contado di Fois[183] di Francia, da Occidente e Tramontana ha la Castiglia, da Mezzogiorno la Catalogna.

Questo è il sito delle tre provincie che sono prinipal parte della corona d’Aragona. Ciascuna di loro ha una bella, e famosa città, la quale si può dir metropoli di quella parte. Nel regno d’Aragona v’è Saragoza, ovvero Cesarea Augusta, edificata sopra il fiume Ebro, città assai bella, allegra, abitata da molti cavalieri. In Catalogna; benchè Lerida sia il capo di quel principato, pure ora diremo Barcellona essere la metropoli, città eziandio lei bella, posta sopra il mare in forma d’una semicircolo, del quale l’arco sono le mura della città da parte di terra e la corda il mare, il quale batte nelle coste proprie della città, nè da quella parte ha mura alcuna, nè eziandio ha porto alcuno, ma mera spiaggia. Nel regno di Valenza c’è Valenza, la quale io non ho veduto, ma è molto laudata da tutti, massime per la copia de’ cavalieri e gentiluomini, benchè ora per questi tumulti popolari stati in Ispagna nelli passati anni, molti di quelli gentiluomini si sono rovinati.

In tutte quest provincie sono circa dicannove signori, li quali hanno giurisdizione. Nel regno d’Aragona sono sette, il primo de’quali è il duca di Luna, il quale può avere da dieci mila ducati d’entrata; il conte d’Aranda poi n’ha circa otto mila; li altri sono di minor entrata fino a ducati cento venti. Nel principato di Catalogna sono tre; il primo è il duca di Cordova, il quale ha circa trentacinque in quaranta mila ducati d’entrata; il visconte di Peralda n’ha da otto mila; e il conte d’Ampurial sette mila. Nel regno di Valenza sono nove; il primo è il marchese de Feria, il quale ora è governatore dellaregina Gioanna, madre della cesarea maestà; ha costui d’entrata da ducati sedici mila; poi v’è il conte d’Olivares, il duca di Candia nipote del quondam papa Alessandro, che hanno da circa otto mila ducati per ciascuno; gli altri sono di minor entrata.

Ancora sono in queste provicine tredici prelati, dei quali tre arcivescovi, e dieci vescovi. Gli arcivescovi sono di Saragoza, di Valenza, e di … Quello di Saragoza ha circa venti mila ducati d’entrata; soleva averne meno, ma questo arcivescovato ha ora molto aumentato l’entrata sua, da che fu arcivescovo un figliuolo naturale di Ferdinando il cattolico, e il presente è pur figlio naturale del predetto arcivescovo, ossia nipote dello stesso re Ferdinando. L’arcivescovo di …. ha circa dieci mila ducati d’entrata ed è di casa Cardona. Di Valenza arcivescovo è il cardinale di Liegi, fiammingo, ovvero francese, fratello di Roberto della Marca,[184] ed ha circa nove mila ducati d’entrata. Sono poi dieci vescovi, delli quali cineque hanno circa cinque mila ducati d’entrata per uno, e gli altri cinque hanno la metà di questa somma.

Il governo di questi regni in grandissima parte è in mano degli stessi regnicoli: perchè cacciati li Mori da quelli regni da molti nobili, li quali abitavano la montagna, questi elessero fra loro un re, il quale obligarono a servar loro tanti privilegj, che per verità solo di nome fosse re.

In ciascheduno di questi tre regni è mandato per la maestà cesarea un vicerè. Nel regno d’Aragona poi c’è la giustizia major, ch’è un giudice il quale il re elegge, nè poi può cacciarlo dall’ufficio, ma dura in vita. A costui vanno le appellazioni delle sentenze del vicerè, come contra di costui si può appellare al vicerè, e quando le sentenze di loro due sono conformi, quel giudizio è definitivo. In Aragona poi hanno una certa giurisdizione, che si chiama di manifestazione; che cioè, quando uno è preso d’ordine del re, s’egli prende una carta di manifestazione dalla giustizia major di Aragona, che non è altro se non liberarsi dalle mani del re e porsi nelle mani della giustizia major, subito è lasciato dagli ufficiali del re, e dato in mano alla giustizia del regno; e così il re non può procedere contra alcun reo: e questo è in ogni caso; eziandio di lesa majestatis. Questa cosa è peculiare d’Aragona. In Catalogna c’è un’altra giurisdizione peculiare, che un privato può disfidare a querra un altro privato, e disfidata la guerra, bisogna che li parenti ed attinenti dell’uno e dell’altro si guardino insieme come nemici, e durante la guerra se sono morti, sono morti impune. I Catalani dicono aver questo privilegio, perchè fossero uomini esercitati nel combattere e nelle guerre, per potersi poi difendere dalli loro nemici, con li quali hanno avuto molte e grandi guerre.

C’è poi nella corte cesarea un consiglio detto d’Argona, nel quale è un consigliero per ciaschedun di questi regni, il quale chiamano reggente; e questo consiglio spaccia, insieme con il gran cancelliero, molte cose appartenenti a questi regni, e sono eziandio giudici di appellazione non già d’Aragona e di Catalogna, ma di Valenza, Napoli, Sicilia, et altri regni annessi alla corona d’Aragona.

Questi tre regni d’ordinario non danno alcuna entrata alla maestà cesarea, perchè nelle guerre preterite, per bisogna delli re passati, sono state alienate tutte le entrate a persone private, e così, benchè vi siano grandissime gabelle, nientedimeno il re non ha cosa alcuna, ma il tutto è de’ privati. Vero è, che se il re facesse residenza nel regno, dariano una colta sufficiente al suo vivere. Estraordinariamente però si suole da questi tre regni dare ogni tre anni un servizio al re di ducati seicento mila, diviso a questo modo; che a Catalogna ne toccano da trecento mila, ad Aragona dugento mila ed a Valenza cento mila, e per dare questo servizio è necessario ridurre le corti, le quali però non si possono ridurre se il re non è presente, e dimandi lui il servizio al regno. Ove è da notare, che ridotte le cortile quali constano de’ membri del clero, della nobilità per sangue, del popolo, e della nobilità per privilegio (e quest’ultima in Aragona si dimanda la classe de’cavalieri, e in Catalogna de’ popolari onorati), ognuno il quale pretende d’esser creditore del re per qualche modo, ovvero ha qualche aggravio dal re, può sospender la risoluzione delle corti, e la esibizione del servizio; ne si può procedere ad altro, se costoro tutti infino ad uno minimo non sono satisfatti: ond’è in libertà d’un calzolaro, di uno fabro ed altro simile tenere il tutto interdetto, finchè non gli sia satisfatto. Questi tali privilegj sono in grandissima noja alla cesarea maestà, talmente che non ha voluto finora mai andare in quei regni: ben ha tentato, per mezzo del gran cancelliere, e di molti di quelli regni, che rinunciassero a questi loro privilegj, e che si chiamassero le corti in sua assenza, ma non gli è stato possibile. Anche so, che domandò al papa d’esser assoluto dal giuramento fatto di servar l’autorità della giustizia maggiore d’Aragona, e di quella giurisdizione di manifestazione, la quale io ho di sopra detto.

Questi popoli non sono molto affezionati a Cesare, e n’hanno piena corrispondenza della maestà sua, la quale si chiama mal servita da loro. Di questa eccellentissima repubblica io non posso dire che siano nè bene nè male affezionati, se non qualcuno in particolare; il poco commercio che abbiamo insieme e la lontananza è causa di questo. Vero è che le terre di marina, come Valenza, per quel ch’io intendo, più presto è bene, che male affezionata per il maggiore commercio.

La natura di costoro, a mio giudizio, è più civile, che di quelli di Castiglia. In Aragona vi sono due fazioni, una di Luna e l’altra di Urea; capo di quella di Luna è il duca il Luna, e di quella di Urea il conte d’Aranda; le quali ora per alcuni benefizj sono molto indignate insieme, e partendosi il re da quelli regni grande pericolo è, che vengano all’armi, per quello che mi fu detto da cittadini esperti in Saragoza: e questo basti quanto alli regni d’Aragona, per non attediare la serenità vostra.

Annessi alla corona d’Aragona sono le isole di Majorica, e Minorica, l’isola di Sardegna, la Sicilia, e il regno di Napoli.

Majorica e Minorica sono sotto un vicerè; similmente sotto un altro vicerè è la Sardegna. L’entrata di queste tre isole, battute le spese, può essere di ducati trenta mila. Della Sicilia poi ha ordinariamente ducati cinquanta mila, eccettuati li servizj, quali Cesare impone spessi; per il che l’animo di quell’ isola è molto alienato da lui, in tanto che alcuni di loro desiderano il Turco. Altri, come il conte di Camerata, con alcuni gentiluomini suoi complici, avevano trattato con il re di Francia per dargli quell’isola, benchè delli Francesi siano inimicissimi naturalmente i Siciliani, ed ancora è in memoria di tutti il loro vespero famoso.

V’è poi il regno di Napoli, del quale per essere più propinquo, nè essendovi io stato, le vostre eccellenze forse ne avranno maggiore informazione, ch’io non possa dare: pure non resterò di dire queste poche parole. La entrata che solevano avere li re passati da quel regno era maggiore di quella, che ora ha la maestà cesarea, perchè soleva passare la somma di ducati settecento in ottocentomila, et ora appena giunge alla somma de’ seicento mila; e questa diminuzione è perchè la cesarea maestà ha venduto ed alienato molte cose pertinenti alla corona. Le spese poi ordinarie, computate molte pensioni assegnate sopra le entrate di quel regno, penso che debbano giungere all’entrata. Si pagano d’ordinario nel regno di Napoli ottocento uomini d’arme, poi cento gentiluomini, li quali hanno dugento ducati all’anno per ciascuno di loro, e seicento cavalli leggieri, computando cento balestrieri. Sonvi poi le spese di tenere fornite e guardate alcune rocche, come Gaeta, castel dell’Ovo, Castel Novo, ed altre simili. Son vi altresì gli ufficiali principali, delli quali il primo è il vicerè, il quale ha dieci mila ducati di provvisione, ed è ora il signor di Lannoy[185] fiammingo, il quale in questa impresa contro Francesi è stato capo generale. Sono poi in Napoli sette primi officiali, cioè il giustizario, il camerario, il protonotario, il cancelliero, l’amiraglio, il contestabile, il marescalco, ognuno dei quali ha duemila ducati di provvisione all’anno; sicchè aggiungendo le spese degli altri ufficiali, giudico che poco, ovvero niente avanzi dell’entrate, massime ora, che, come ho detto, molti e molti hanno impetrato provvisione sopra quell’entrate.

Quali siano gli animi di quel regno verso Cesare, le signorie vostre lo devono saper meglio di me, che non son stato in quel regno; pure io intendo che molti e molti sono di mal animo e poco contenti. Alla serenità vostra questi della Puglia, ed altri luoghi, li quali altre volte sono stati sotto il suo vessillo, et li vicini loro, hanno grandissima affezione, nè altro desiderano se non ritornare alla devozione di quest’ eccellentissimo stato.

Seguita ora, ch’io narri delli regni pertinenti alla Castiglia, li quali sono venuti nella maestà cesarea, come erede della regina donna Elizabetta sua ava materna. La Castiglia è una grande provincia, la quale comprende in sè quasi tutto quel paese che dagli antichi fu chiamato Hispania: dalla parte di tramontana confina coll’Oceano, ora detto il Golfo di Biscaglia; da mezzo giorno parte con li regni d’Aragona et di Valenza, e parte con il mare Tirreno; da oriente, per li monti Pirenei, confina con la Francia; da occidente, parte col regno di Portogallo, e parte coll’Oceano. In questa provincia si contengono molti stati, li quali hanno nome di regno, il che è stato dedotto dai Mori, li quali già furono signori di tutta la Spagna, ed erano diversi regali signori in diverse parti, che tutti avevano nome di re, come ora li signori Mori, che sono in Barbaria, benchè siano piccoli. Così adunque in Castiglia sono molti regni, come Leon, Toledo, Castiglia Vecchia, Siviglia, Granata, ec., li quali saria ora superfluo a raccontare. Ma ora tutta questa provincia si divide in due parti principali, cioè in Castiglia Vecchia, la quale comincia dalli monti Pirenei, e dal Golfo di Biscaglia, e va infino alla montagna che divide la Castiglia per mezzo, e va da oriente verso occidente, e la Castiglia Nuova, la quale principia da quest’istessa montagna, e va infino al regno di Valenza e al mar Oceano. Tutta questa grande provincia si può dividere ad un altro modo, il quale è più a proposito della intenzione nostra, cioè nelle terre, che sono della corona regia, in quelli delli signori temporali, e in quelle dei signori ecclesiastici; e queste sono di due maniere, perchè parte sono de’vescovi o arcivescovi, e parte de’ cavalieri delle tre religioni, cioè di S. Giacomo, di Calatrava, e di Alcantara.

Questi tre religioni furono instituite in Ispagna al tempo delle guerre contro in Mori; quella di S. Giacomo fu di gentiluomini laici, l’altre due furono di monaci, li quali, con la licenza del pontefice, presero l’armi in mano contro gl’Infedeli, e però sinora li cavalieri di S. Giacomo hanno moglie e figliuoli, e quelli di Calatrava e di Alcantara non possono avere nè moglie, nè figliuoli. Li beni delli monasteri loro furono applicati a queste due ultime religioni. Quella di s. Giacomo poi è stata dotata da molti, e talmente, che ha grandi entrate, come si dirà. Queste tre religioni solevano avere li loro gran maestri, li quali avevano grandi entrate, e conferivano tutte le commende, ond’erano di grande autorità in Castiglia, e qualche fiata davano che pensare alli re. Ora tutti questi tre maestraggi sono aggiunti alla corona reale, e il re conferisce tutte queste commende. Li maestraggi d’entrata hanno insieme più di cento mila ducati, e li commendatori insieme altrettanto.

I vescovi ed arcivescovi sono in Castiglia molti, ed hanno grandi entrate. Gli arcivescovi sono quattro, cioè quello di Toledo, il quale è eziandio Primate di Spagna, e ha d’entrata da sessanta mila ducati e più; il secondo è l’arcivescovo di Siviglia,[186] che ha ventidue mila ducati; il terzo è quello di S. Giacomo di Compostella, che ne ha sedeci mila; l’ultimo è l’arcivescovo di Granata, il quale ha circa ducati sette mila d’entrata. Molto celebre è la chiesa di Toledo per ricchezza, la quale, per quanto il medesimo arcivescovo mi ha detto di sua bocca, ha d’entrata tra l’arcivescovo, li canonici, cappellani, e fabbrica della chiesa, da ducati cento cinquanta mila. Per devozione è celebre la chiesa di S. Giacomo, alla quale molti vanno in pellegrinaggio, come a tutti è noto. I vescovi di Castiglia sono ventisette: il primo è quello di Burgos, il quale ha da sedici mila ducati d’entrata, poi quelli di Palencia e di Sagunzia hanno per ciascuno da quattordici mila ducati. Sotto questi sono Salamanca, Segovia, Zamora, Leon, Cordova, Cartegena, li quali hanno da circa otto mila ducati per uno; li altri poi hanno quasi tutti meno fino a ducati mille dugento, che è il più povero. In totale l’entrata de’vescovi ed arcivescovi di Castiglia ascende alla somma di ducati trecento mila. Oltre questi c’è il priore di S. Giovanni, cavalier di Rodi, il quale ha circa venticinque mila ducati di rendita, il quale ora è un figliuolo del duca d’Alba, in vero gentilissimo cavaliere.

L’altra parte di Castiglia sono li signori e baroni; questi sono sessantrè, dico signori che hanno titolo, oltre molti, che hanno giurisdizione senza titolo; di questi sono dieci duchi, undici marchesi, e quarantadue conti. Fra li duchi di maggior entrata sono il contestabile, il duca dell’Infantado e il duca di Medina Sidonia, i quali giungono per comune credenza alla somma di ducati cinquanta mila d’entrata per uno; poi il duca d’Alba che n’ha da trenta in quaranta mila; gli altri circa trenta mila, o poco meno. Fra i marchesi li principali sono il marchese di Villiena, e il marchese di … , le entrate dei quali due ascendono alla somma di quaranta mila ducati per uno. Il marchese di Viliena soleva essere molto più ricco; ma perchè favorì già la parte della Beltrama,[187] la qual diceva essere figliuola del re Enrico di Castiglia contra la regina donna Elisabetta, sorella del prefato re Enrico, ava della maestà cesarea, gli furono tolte molte cose. Gli altri marchesi hanno meno, sino alla somma di otto ovvero sette mila ducati. Li conti, come abbiamo detto, sono quarantadue, de’quali il principale è il conte di Benavente. Costui ha d’entrata da cinque mila ducati; li altri hanno molto manco, sino a otto, et sette mila ducati. Oltre questi sonvi gli adelantadi, dieci di numero, li quali hanno nelle provincie, dove sono capi, alcune preminenze, ma non giungono a gran somma, tranne lo adelantado di Granata, il quale ha da venti mila ducati d’entrata. In totale l’entrata di tutti questi signori di Castiglia ascende alla somma di un milione, e cento mila ducati. Costoro hanno giurisdizione ampla nelli loro stati; niente di meno le appellazioni delle loro sentenze si devolvono alle cancellerie regie, se non sono lontani più di cinque leghe dal loco ove fanno residenza le cancellerie, ovver la corte regia. Li servizj eziandio che paga il regno al re, come di sotto diremo, sono ripartiti secondo la porzione loro, e delli sudditi, e vassili di questi particolari signori. Sono altresi obbligati ogni volta, che si fa guerra per interesse della corona di Castiglia, mandar una certa quantità di gente, secondo come il re fa la distribuzione. Sono eziandio obbligati d’andare in persona ogni fiata, che il re va in persona in campo. Gran parte delli castelli minori di Castiglia è sotto la giurisdizione di questi signori privati; le terre principali sono del re, e sono in numero molte, ma diciotto sono le principali, le quali sono capo ciascheduna d’esse d’una certa parte di Castiglia, come di sotto si dirà, dove parleremo del modo di convocar le corti del regno. Io ne ho veduto poche di queste diciotto, cioè Burgos, Vagliadolid, Madrid, Guadalajar, e Toledo. Burgos è capo di Castiglia la Vecchia, come della Nuova è Toledo, le quali due contrastano insieme di preminenza. Burgos è città non molto grande, posta in una costa di monte, molto frigida e ventosa, abitata da mercadanti, li quali hanno grandi commercj in Francia e in Fiandra: Toledo è molto maggiore, popolatissima, posta su un sasso, e circondata da tre parti dal fiume Tago.[188]

Il territorio universalmente della Spagna, eccetto l’Andalusia, la quale ha fama d’essere fertile, è molto arido, ed ha poca gente, avendo rispetto alla grandezza del paese. Il governo di Castiglia, oltre che in ciascheduna città sono li correggitori, ovvero mandati dal re, ovvero eletti da esse città, secondo li privilegj che hanno, e oltre li adelantadi e vice-rè delle provincie, sono due cancellerie principali; una d’esse fa residenza in Vagliadolid, e a lei riferisce tutta la Castiglia Vecchia; l’altra fa residenza in Granata, e a questa ha relazione tutta la Castiglia Nuova, eccetto però la città di Siviglia, la quale ha una giustizia da per sè. In Gallizia eziandio c’è un’altra cancelleria posta per comodità di quelli sudditi, acciò non siano costretti venire così da lontano alla espedizione delle loro liti. Queste cancellerie in Francia si chiameriano parlamenti, ed a Milano senati. Delle sentenze di tutti i giudici minori si può appellare a queste cancellerie, purchè le cause eccedano la somma di ducati sedici, e quando s’è avuto due sentenze conformi in queste cancellerie non c’è più appellazione, se non al consiglio generale del regno; ma bisogna, che colui, il quale appella depositi ducati millecinquecento, li quali, perdendo la lite, perde eziando. Presidente di ciascheduna cancelleria è un vescovo, perchè i prelati in Ispagna molto s’impacciano nel governo della giustizia e cose del regno.

Oltre queste cancellerie, sono nel regno di Castiglia ordinariamente cinque consigli; uno generale di giustizia ed altre provvidenze del regno, il secondo della guerra, il terzo delle Indie, il quarto dell’inquisizione, il quinto di stato: ma di quest’ultimo ci riserveremo a parlarne di sotto, dove diremo degl’istrumenti, cioè delli consiglieri, per li quali la cesarea maestà governa li suoi regni.

Il consiglio di giustizia è quello, al quale ho detto potersi appellare dalla sentenze conformi delle cancellerie, depositati ducati millecinquecento. Presidente di questo consiglio è l’arcivescovo di S. Giacomo, uomo, quel d’ora, di buona vita e buona fama. Il secondo consiglio, quello dalla guerra, è di cinque ovver sei persone; cioè il commendator maggiore di S. Giacomo, ch’è il principale, Don Diego Vitado, Don Ugo di Moncada, il signor Cesare Fieramosca napolitano, vice gerente del vicerè di Napoli nell’officio di cavallerizzo maggiore; il maggiordomo maggiore ancora lui interviene in questo consiglio, ed insieme hanno cura di provedere, e procurare tutte le cose necessarie alla guerra.

Del consiglio dell’Indie presidente è il vescovo d’Ossuna,[189] confessore di Cesare, frate di San Domenico,[190] il qual era generale di quell’ordine. Fu da Cesare eletto a quell’episcopato, e suo confessore, poi fu fatto presidente di questo consiglio. È uomo di buon ingegno, aveva fama di buono religioso, niente di meno, dopo avute queste dignità ha mostrato d’esser molto ambizioso, ed avere l’animo assai inquieto, talmente che appresso tutti ha perso molto del suo credito, e appresso la maestà cesarea, per quel che intendo, non ha guadagnato nulla.

Il quarto consiglio è della inquisizione contra la pravità eretica. Presidente di questo consiglio è l’arcivescovo di Siviglia,[191] uomo di gran sangue, di casa di Manrico, e di buona fama, e buona mente. Questo consiglio è di tanta autorità e tanta venerazione, che tutti tremano di lui. Nel suo procedere, procede con maggior severità, e più terrore di quello, che in questa eccellentissima repubblica soleva essere il consiglio dei Dieci. A me pare che eserciti una vera tirannide contro quei poveri cristiani novelli,[192] delli quali hanno fatto tanto strazio, che più dire non si potria.

Oltre questi consigli, sempre seguitano la corte regia tre deputati a vederele petizioni, le quali si danno al re; sono costoro il dottor Caravagial,[193] Don Giovan di Padilla, ora commendator maggior di Calatrava, e il segretario Covos[194].

Ha eziandio il re li suoi tesorieri, ed aveva instituito un consiglio sopra li denari, che ora non esiste più.

Ne resta di narrare del modo di convocare le corti, quando la cesarea maestà ricerca servizj dal regno. Tutta la Castiglia, computando eziandio li vassalli delli signori particolari nominati di sopra, ha relazione a diciotto cittadi; e però quando il re vuole chiamar le corti del regno, si scrive a queste diociotto cittadi, ciascheduna delle quali elegge due procuratori, e li manda alla corte con ampla autorità di poter promettere e concludere il tutto, con istruzione del voler suo. Le cittadi sono queste; Burgos, Leon, Vagliadolid, Cuenca, Segovia, Cordova, Granata, Siviglia, Toledo[195] ; e fin qui basti aver detto del modo del governo di Castiglia.

Ora narrerò le entrate, le quali la maestà cesarea ha di Castiglia, e le spese ordinarie ch’ella fa. La prima entrata del regno è dell’alcavala[196] e del terzo delle decime. L’alcavala è dazio, che si paga nel comprar e nel vendere così delle cose mobili quanto delli stabili, toties quoties, ed è del dieci per cento, sebbene non si riscuota molto esttamente, ciascheduna città accordandosi a pagar tanto per l’alcavala. La terza parte delle decime fu concessa dalli pontefici alli re di Castiglia per le guerre continue, che facevano con li Mori. Queste rendevano un milione e quarantamila ducati, ma molte sono state alienate nelli tempi preteriti, cioè concesse a diversi signori, o vendute per bisogno del re, sicchè battuta la somma alienata, non restano ora pel re più di cinquecento e ottantaseimila ducati. Delli maestrati di San Giacomo di Calatrava ed Alcantara, li quali ora sono annessi alla corona reale ha da circa centomila ducati, la qual somma si riduce odinariamente in sessanta ovvero ottantamila. Ha poi dell’entrata straordinaria, la quale è già ridotta in ordinaria, delle crociate e bolle cinquecento mila ducati ogni tre anni, che sono da cento settanta mila ducati all’anno; la quale entrata è di indulgenze e concessioni simili alli confessionali qui in Italia, e questa fu pur essa concessa per le guerre contro Mori. Ora veramente s’usa in ciò una grandissima crudeltà e tirannide verso quei poveri contadi, e popolo minuto; imperocchè quando si predicano queste bolle tutti sono sforzati di andar alla predica, e quelli che colle buone non le vogliono torre, li sforzano tante fiate andare alla predica, che li poveri uomini per non perdere affatto d’attendere alli mestieri e al vivere loro, le togliono per forza, e così si cavano questi denari.

Ogni tre anni il regna dà poi un servizio di ducati quattrocento mila, che monta all’anno circo cento trenta mila. Ha poi il re dell’oro, che si cava dall’Indie, venti per cento, che può montare circa a cento mila ducati all’anno. Sommano tutte quest’entrate un milione e cento mila ducati circa.

Diremo ora la spesa. Prima si volevano tener in Castiglia mille trecento uomini d’arme, ma erano mal pagati e mal in ordine; ora li hanno ridotti a mille; v’hanno eziandio mille cavalli leggieri. Solevansi tenere già alla frontiere della Francia, nel regno di Navarra, da tre mila fanti, ora li hanno ridotti a minor numero, e sono circa mille. Tutta questa spesa, computando li capi loro ed ogn’altra cosa, dicono essere di ducato dugento e tredici mila all’anno. Per le guardie poi delle fortezze di Castiglia hanno di spesa ducati trentatrè mila all’anno, e molti di questi sono gettati via, perocchè molti di quelle fortezze sono inutili, nè d’alcun profitto al regno, ma ben a coloro che le hanno. Spendono poi in salarj di quelli del consiglio e ajuti, che il re dà a molti, li quali hanno più spesa che salario ordinario; in queste spese pongono ducati trentaduemila. In corrieri poi e in doni, che si fanno agli ambasciatori de’ principi, li quali vanno a Cesare, pongono quarantamila ducati. La spesa della casa della maestà cesarea, computando la guardia, la capella, e quelli che hanno il piatto da sua maestà, ascende alla somma di ducati duecento mila all’anno. La spesa poi di quattro galee sottili, le quali si tengono armate per guardar la costa da’ Mori, benchè non si tengano sempre galee, ma altri navigli, dicono essere di ducati ventitrè mila all’anno. Si spende poi in mantenere Oran, e li altri luoghi dell’Africa, sessantesette mila ducati all’anno. Sonvi poi li gentiluomini, detti continui, della maestà cesarea, li quali hanno diverse provvisioni secondo la condizione loro, e sono duecento; e questa spesa si pone ventisette mila ducati. E necessario eziandio, che il re in Castiglia faccia diverse mercedie doni, perocchè questo è antico costume di quel regno; anzi li re precedenti hanno fatto tante mercedi, che hanno alienato grande parte dell’entrate della corona regia. In questi mercedi si pongono ducati quaranta mila all’anno. Si danno eziandio dal re provvisioni a molti, e poveri e mediocri, e vecchi e giovani eziandio, li quali sono obbligati a certi servizj del regno; e in questi si pongono ducati ventisei mila. Questa è la spesa ordinaria del regno di Castiglia, la quale ascende a settecento e tre mila ducati; la qual battuta dall’entrata, resteriano d’avanzo ducati trecento ottanta mila circa: ma la spesa poi straordinaria, la quale quanta sia, ciascuno che governa una famiglia il sa, porta via tutto questo sopravanzo, sì che si può dire a capo dell’anno essersi a capo dell’entrata, massime ora che le cose sono ordinate, anzi da poi che Cesare ebbe questi regni, s’è proceduto di disordine in disordine, da questi in guerre civili, e dalle guerre civili in guerre esterne.

La natura degl’Ispani, per il continuo commercio che già molt’anni hanno avuto in Italia, credo che ciascheduna delle vostre signorie la sappia molto bene. Sono di complessione melanconica; e tutti hanno il corpo atto all’esercizio dell’armi, ed atto a patire; sono eziandio uomini d’ingengo, e stimano l’onore, il quale però non stimano esser principalmente in altra cosa, che nelle armi; però di natura sono attissimi quanto altri d’ogni altra nazione all’esercizio della guerra. Non sono però in Castiglia molti, li quali siano attualmente buoni a tale esercizio, nè eziandio alcun buon capitano; e questo procede per non essersi esercitati, il che molto bene si vide già sono due anni, quando la cesarea maestà si conferì in persona a Pamplona in Navarra, dove si videro passare e gli uomini d’arme e la fanteria, li quali tutti erano mal in ordine, e mal atti; nientedimeno sono, come ho detto, di natura disposta a farsi atti coll’esercizio. Sono uomini nel parlare assai riservati, ma nei gesti e movimenti altieri, e di poca carità verso il prossimo, ed invidiosi. Queste sono le buone, e triste parti, che hanno gl’Ispani.

In Ispagna si fa grande giustizia, la quale però declina più tosto a crudeltà, che ad alcuna clemenza. L’animo loro verso la cesarea maestà non è buono, anzi direi meglio quando dicessi ch’è pessimo, così delli grandi, quanto degli altri. La causa è prima nella concorrenza che fanno coi Fiamminghi, li quali vedendo essi essere intimi con Cesare, nè sua maestà fidarsi nelli servizj della persona sua d’altri che di loro, e che hanno adito libero sempre a Cesare, il che non hanno gl’Ispani, non lo possono patire. L’altra causa è la natura di Cesare, la quale è di sorte, che non sa accarezzare alcuno, il che è causa, che pochi lo amano; ma da Cesare gl’Ispani hanno la corrispondenza, imperocchè se essi hanno odio verso di lui, egli all’incontro ha la natura, ed i modi loro in somma noja, benchè si sforzi di simularlo. Verso la serenità vostra non posso dire che abbiano mal animo, nè che abbiano, parlando in generale, affezione particolare; pur per essere lontani, e per non avere avuto alcuna concorrenza con questo stato per il passato, e per avere udito ragionare delle guerre nostre contro Turchi, come ad essi è occorso contro Mori, per queste cause, più presto hanno buon animo, che altro; pur, come ho detto, non c’è affezione particolare, nè di conto.

In Castiglia vi sono due fazioni antiche, una di Velasco, l’altra di Manrico; capo di quella di Velasco è il contestabile; della parte di Manrico è il duca di …, il quale è di quelli duchi che hanno meno entrata, pure è di nobile famiglia antica. Ma oltre a queste, vi sono ora le fazioni nuove fra li popoli, e li signori, le quali si suscitarono quando Cesare fu la prima volta in Ispagna col signore di Chievres; imperocchè cavando sua maestà quantità grande di denari, sì per farsi eleggere imperatore, come per dare a’ suoi Fiamminghi, si sparce fame che voleva porre molte imposizioni al regno; e ritornati li procuratori dalle corti, quelli di Segovia tagliarono a pezzi un lor procuratore, perchè aveva consentito al re oltre la commissione loro. All’incontro i Toledani onorarono molto il loro procuratore, il quale aveva costantemente negate le petizioni del re. Onde volendo Antonio Fonseca punir Segovia, fatte genti, volle condurre le artiglierie del re, le quali erano in Medina del Campo; ma non volendo la città di Medina permettere che le togliesse, egli accese fuoco in una parte della terra, il quale processe, e bruciò gran parte di quella, e molte robe di mercadanti, li quali erano lì alla fiera, e così si levarono le comunità. In quel principio parendo alli signori che quel moto fosse contro il re, stettero quieti; ma li popoli, tolte le armi in mano, presero a dire essere onesto che il re si aiutasse del regno, e che essi volevano spendere la facoltà e la vita per l’onore del loro re, quando non avesse del suo; ma che era eziandio onesto che il re prima si aiutasse del proprio, e di quel tanto che era stato alienato dalla corona contro il dovere, e dato alli signori, e così voltarono l’armi contro li signori, li quali allora si levarono per il re, e così furono grandi ruine fra loro, come a vostra celsitudine è notissimo, le quali tutte sono cessate con uccisione e danno delli popoli, e poca remunerazione delli grandi, in che eziandio fu Cesare poco grato ad ambe le parti. Niente di meno per la concorrenza che è fra l’una e l’altra parte, questo si può dire, che il presente imperator Carlo V abbia maggiore autorità, che re qual mai fosse in Castiglia, perchè con una sola parola potria cacciar tutti li signori dalli loro stati, ed acquistarsi la benevolenza de’ popoli. Però li signori stanno molto bassi contro il voler loro; e con ciò basti del regno di Castiglia.

Annessi alla corona di Castiglia sono il regno di Navarra, il quale però ho di sopra posto come parte della Castiglia, e le Indie. Il regno di Navarra è piccol regno posto fra li monti Pirenei, e discende eziandio nel piano della Francia, posta fra il regno d’Aragona, Castiglia e la Francia. La cesarea maestà non ha se non poco entrata ad questi regni, e quel poco spende negli ufficiali, cioè vicerè, ed altri, che tiene li, e nella fortezza di Pamplona: tuttavia, è regno di grand’importanza, imperocchè è la chiave della Castiglia. La principal città è Pamplona, la quale è fra le città della Spanga, ed è assai bona. Il vescovato di essa è del cardinale Cesarini,[197] soleva valere cinquemila ducati, ma ora val più per la diligenza che usa il commesso del cardinale. Sono in questo regno due parzialità, una degli Agramontesi, della quale è capo il gran marescalco, e questi sono Francesi; l’altra è de’ Pamplonesi, e questi sono affezionati a’ Castigliani. Il capo di questi è il contestabile di Navarra, che è il conte di Lerin; niente di meno universalmente tutti di questo regno hanno odio agli Spagnuoli, e desiderano il loro re naturale, che è il signore di Albret.[198] Il contestabile e conte di Lerin ha d’entrata circa ottomila ducati; il marescalco quattro in cinque mila. Le due fazioni di Castiglia hanno congiunzione con le due di Navarra, la fazione Agramontese con quella di Velasco, il capo della quale è il contestabile di Castiglia; la Pamplonese, con quella di Manrico; nè altra cosa notabile è da dire del regno di Navarra.

Sono annesse eziando alla corona di Castiglia le Indie, le quali sono due, cioè l’orientale e la occidentale. Della orientale ora sono differenze tra il re di Portogallo, e il re di Castiglia, perchè già alcuni anni, al tempo di Colomba genovese[199], il quale ritrovò le terre dell’Indie occidentali, navigano eziandio i Portoghesi, fu fatto con l’autorità del pontefice, allora Alassandro VI, la divisione che le signorie vostre eccellentissime sanno; che tirando una linea dal nostro polo artico allo antartico, che è una linea meridiana, la qual passasse per le isole Canarie, tutto quello che fosse dentro questa linea appartenesse al re di Portogallo, e quello che fosse oltre la medesima appartenesse al re di Castiglia. Ma ora i Portoghesi avendo navigato tanto verso l’Oriente, che hanno passato le Indie e li Cini, che ora chiamano China, e le Isole Molucche,[200] ed avendo la loro nave Vittoria circondato il mondo, come già tre anni scrissi al celsitudine vostra, sono venuti in differenze non solamente delle isole Molucche, e della China, ma eziandio di Malacca, che è la Aurea-Chersoneso appresso gli antichi,[201] se sieno della giurisdizione di Portogallo, o vero di Castiglia, facendo quella linea meridiana un circolo finito secondo la geografia di Tolomeo; della quale controversia non credo mai sia per vedersi la fine, e la verificazione. Ma il re di Portogallo per volere la terra del Brasile, che è di poca utilità, ha posto ora in difficoltà quelle che sono di grande importanza, e specialmente Malacca, che è una città marittima, principale emporio di tutta l’Aurea-Chersoneso. Delle isole Molucche, che sono cinque, e sopra esse, nè in altro luogo, nascono li garofoli,[202] devesi pure fare gran conto; e già alle Corugne[203] era preparata un’armata di cinque navi per andarsene a quel viaggio per nome de’Castigliani; pure per queste pratiche di matrimonio tra Cesare, e l’infanta di Portogallo era stato sospeso il partire di detta armata.

A questo punto non voglio tacere, che per l’informazione ch’io ho avuta delle cose de’Portoghesi, prima credo, come mi è affirmato da uomini praticissimi di quel regno, che quel re abbia assai minor somma di denaro, di quello che comunemente si crede, perchè fa una grandissima spesa in mantenere quelli viaggi dell’Indie, e bisogna che tenga diverse fortezze, e diverse armate, che gli costano un pozzo d’oro: poi io credo eziandio, che quel viaggio suo delle Indie sia per minuire, e non per aumentarsi; imperocchè, come dico, ci va grandissima spesa, poi li Portoghesi sono mal voluti quasi per tutti li luoghi delle Indie, vedendo li paesani che essi si vanno fortificando a poco a poco, e facendosi signori del paese. Da persone degne di fede io so, che, già due anni, cinque barque di Portoghesi furono rovinate, e prese da quelli della China, li quali eziandio essi avevano fatto un’armata. Sicchè essendo malvoluti, e andandosi quelli del paese continuamente facendo esperti nel navigare e ne guerreggiare, penso che la difficoltà ogni giorno debba farsi maggiore. Poi questo nuovo re giovane non usa la diligenza, che usava il padre, e già quelli suoi capitani, che ha in le Indie cominciavano fra loro a competere, ed avere risse insieme. E questo basti quanto all’Indie Orientali.

Sonovi poi le Indie Occidentali. Questo è un grandissimo paese, lo scoperto finora, e di giorno in giorno si procede più oltra, e se ne discopre di maggiore, ed è diviso in isole, e terra ferma. Le isole sono in buon numero conle piccole, ma tre sono le maggiori. La prima e principale è l’Isola Spagnuola,[204] posta quasi sotto il tropico di Cancro, lontano dalla Spagna circa due mila miglia, e grandissima. Alcuni lo fanno poco minore della Spagna; ha molte montagne, e molte fiumare. Gli Spagnuoli hanno edificato in quest’isola tre cittadi, e la principal si chiama S. Domenico, nella quale fa residenza l’almirante, e il consiglio regio. Questo almirante è figliuolo di Colombo Genovese, e ha grandissime giurisdizioni concesse a suo padre, benchè molte gli ne sono state usurpate, e continuamente gli se ne usurpano dell’ altre; io l’ho lasciato alla corte, dove era andato per espedirsi. Quest’isola soleva essere abitatissima, talmente che Pietro Martire, il quale è Milanese, e del consiglio dell’Indie, ed ha eziandio il carico di scrivere l’istoria di quei paesi e di quelle navigazioni,[205] mi afferma che fra l’isola Spagnuola e la Giamaica, che non è molto grande, solevano essere, quando furono ritrovate da Colombo, un milione d’anime e più; ora per li crudeli trattamenti de’Spagnuoli, li quali si per le grandi fatiche che hanno dato a quelli poveri uomini insueti, in farli cavar l’oro, sì per li morti da disperazione, la quale è stato così grande cosa, che s’hanno trovate delle madri, le quali hanno ucciso li propri figliuoli, sono mancati quasi tutti, talmente che ora nell’isola Spagnuola non sono 7 mila anime, e ora comprano degli schiavi negri della Barbarìa, e lì mandano alle miniere; delli quali molti, poco avanti il partir mio di corte, se erano congiunti con alcuni di quelli del paese, ed erano fuggiti insieme alla montagna. L’altra isola principale, la quale è a ponente di questa Spagnuola, è l’isola di Cuba. Qui sta un governatore in nome di Cesare, dal quale luogo si partì Ferdinando Cortes, il quale ha ritrovato Jucatan,[206] come di sotto dirò. Di quest’isola non si parla molto, come si fa della Spagnuola, dalla quale aveva ommesso di dire, che vengono ora in Ispagna, oltra l’oro, grande quantità di cassie, di zuccari, di liquori, ed eziandio cavalli buoni, cose che non solevano nascere prima in quell’isola, ma gli Spagnuoli ve le hanno portate, e ora vengono in perfezione. Solo il frumento non riesce, perchè per la grassezza del terreno viene tanto grande, e morbido, che si perde in erba. L’isola di Cuba non è tanto fertile, come la Spaguola. La terza isola, quella di Giamaica, non è molto grande a comparazione di queste, pure anche lei è assai grande e fertile. Sono poi molte e innumere isole piccole, molte delle quali sono abitate da Canibali, uomini fieri, li quali non solo mangiano uomini, ma vanno alla caccia degli uomini, come si va alla caccia delle fiere. La terra-ferma poi è un paese grandissimo, che principia da un capo, il quale si chiama il capo di S. Agostino,[207] che è lontano dalla Spagna circo cento cinquanta miglia, o poco più, ed è oltre il circolo equinoziale quattro gradi. Da questo capo si partono due coste: una va verso il polo antartico, ovvero verso il mezzodì, declinando però un poco al ponente, e va questa costa fino a cinquantdue, over cinquantaquattro gradi lontana dal circolo equinozziale, dove fu dalla nave Vittoria ritrovato quello stretto,[208] il quale è lungo cinquecento miglia da levante in ponente; dopo, quanto più verso l’antartico continui questa costa non si sa. Nella prima parte di questa costa è la terra del Brasile, posseduta dai Portoghesi. Poi più in giù abitano i Patagoni, uomini fieri, e grandi assai più di noi altri, per quello hanno riferito quelli della nave Vittoria. La altra costa comincia pure dal capo di Sant’Agostino, e va fra ponente e tramontana, dalla quale si è navigato, come si computa, per cinque mila miglia. Di questa costa parte è abitata, da canibali antropofagi, come ho detto, e parte da uomini più mansueti. È da sapere che questo territorio, quasi per mezzo, ha di contro l’Isola Spagnuola e ivi si stringe tanto, che da questo mare Oceano settentrionale, detta Hombre de Dios, e l’altra sopra il mare meridionale detta Panama, dove è da notare, che nel mare meridionale, per mezzo di questa terra di Panama, c’è un’isola poco distante dalla terra-ferma, chiamata l’Isola delle Perle[209] (le quali poi vengono a Siviglia, come molti de’ nostri mercandanti sanno, li quali ne hanno comperate) e così procede questa costa sino al Jucatan, il quale è una penisola simile alla Morea, benchè alcuni dicono essere isola, ma il far lui e la terra ferma essere cosi basso, che non si può andare in quella, se on con barche molto piccole. Da questo Jucatan nella terra propinqua, poco più all’occidente, sbarcò Fernando Cortes già cinque anni, e penetrò nella terra, dove trovò molti popoli, e molte città, fra le quali una provincia detta Tolteche[210], la quale era inimicissima al re di Tenochtitlan,[211] di dove con molte guerre, e molte lusinghe false si è fatto signore. Questa città è meravigliosa e di grandezza e di sito e di artfizj, posto in mezzo un lago di acqua salsa, il quale circonda circa due cento miglia, e da un capo si congiunge con un altro lago d’acqua dolce; non è però molto profondo, e l’acqua cresce e cala ogni giorno due volte, come fa qui a Venezia. Dalla terra alla città sono alcune strade fondate nel lago. Li abitanti sono idolatri, come tutti gli altri di quei paesi, mangiano uomini, ma non tutti, solo mangiano li nimici che prendono in battaglia. Sacrificano eziandio uomini alli loro idoli. Sono poi industriosi in lavorare; e io ho veduto alcuni vasi d’oro, ed altri venuti di là, bellissime e molto ben lavorati. Nè hanno ferro, ma adoprano alcune pietre in luogo di ferro. Ho veduto eziandio specchi fatti di pietra. Lavorano poi lavori di penne di uccelli, miracolosi. Certamente non ho veduto in altre parti alcun ricamo, nè altro lavoro tanto sottile, come sono alcuni di questi di penne, li quali hanno un’altra vaghezza, perocchè paiono di diversi colori, secondo che hanno la luce, come vediamo farsi nel collo d’un colomba. Ora questo Fernando Cortes è per procedere più oltre, e già verso il mezzogiorno aveva ritrovato circa dugento miglia lontano dal Jucatan il mare meridionale, e molte altre città, e ha trovato un’acqua amplissima dolce, fra la quale e questo mare meridionale è un territorio, non più di due miglia largo, e spera eziandio di trovare che quest’acque dolce pervenga anche prossima a quest’altro mare settentrionale, il che quando si ritrovasse, credono che per quella via con grande facilità potriano navigare all’isole Molucche, ed altri luoghi dell’Indie Orientali per torre le spezie senza intricarsi con li Portoghesi. Da Panama poi verso mezzogiorno, dove è quello stretto detto di sopra, ritrovato dalla nave Vittoria, non si sa cosa alcuna; e ora la maestà cesarea aveva fatto un’armata di cinque navi in Sicilia, e fattone capitano Sebastiano Cabot suo piloto maggiore, il quale è veneziano d’origine, per andare investigando tutta quella costa primieramente, poi perchè andasse eziandio nelle Indie. Questo è quanto in brevità si può dire alla celsitudine vostra degno di relazione di queste Indie, le quali, come dissi, sono annesse alla corona di Castiglia. E già sono venuto, serenissimo principe, alle fine della prima parte propostami, che era dir delli regni posseduti dalla cesarea maestà.

Verrò ora alla seconda parte, che era di dir degli instrumenti, con li quali Cesare governa questi suoi regni. Questi, come dissi, sono quelli del suo consiglio, senza il quale Cesare non ispedisce mai cosa alcuna pertinente allo stato. Questi consiglieri sono ora più e ora meno, secondo pare a lui; ma ora sono otto ed un secretario. Di questi otto, due sono Spagnuoli, quattro Fiamminghi, uno Savoiardo, e uno Italiano. Li due Spagnuoli sono il commendator maggiore di San Giacomo, e Don Ugo di Moncada, entrato nuovamente in luogo di Don Giovanni Emanuel, il quale ha lasciato tal carico, non gli parendo avere quella riputazione, la quale pareva a lui meritare. Li Fiamminghi sono il conte di Nassau,[212] il quale è eziandio gran ciamberlano, entrato in luogo del signor di Chievres; il vicerè di Napoli, monsignor di Beaurain, figliuolo che fu del signor di Roeux, e signor di …, il quale ora si trova in Portogallo. Savoiardo è monsignor di Bressa, gran mastro. Italiano è il gran cancelliere,[213] che è piemontese, dottore leggista, il quale nel tempo, che madama Margherita era moglie del duca Filiberto di Savoia, s’accostò a lei, e per suo mezzo fu addottato dall’imperatore Massimiliano in alcune legazioni. Poi fu eletto per madama suddetta presidente di Borgogna, dal qual grado ora è asceso ad essere gran cancelliere di Cesare. Costui è di complessione sanguinea, allegro, prudente, e pratico nel negoziare, un poco cavilloso, animosissimo, laboriosissimo tanto, quanto a pena si potria credere; mangia una sol volta al giorno a desinare; la sera mai non cena; scrive quasi ogni cosa, che occorre, di sua mano. Per mezzo suo vanno tutti i negozj privati, e tutti quelli di stato; quando vengono lettere di fuora, Cesare subito le manda al cancelliere, il quale le legge tutte, poi scrive un sommario della continenza delle medesime; fa poi un memoriale di quello, che a lui pare debbasi rispondere. Va poi in consiglio, dove si legge prima il sommario delle lettere; poi la risposta, secondo la opinione del cancelliere, si consulta, e quasi sempre si conclude al modo escogitato per lui. Tutte le provisioni eziandio, che è necessario di fare, così di denari, come di gente da guerra e da armata trattate, escogitate, e finalmente ordinate per il cancelliere, il quale fu in verità una fatica, che non so se un altro si ritrovasse, che la potesse fare, come la fa lui; talmente che malissimo si faria in ogni spedizione a quella corte, se non fosse il gran cancelliere. E so dire che un giorno ragionando col signor di Trapani, nepote del prefato gran cancelliere, io dissi: La cesarea maestà ha più bisogno del cancelliere, che lui di sua maestà. Costui è buon italiano d’animo; alla celsitudine vostra io non voglio dire che abbia affezione particolare, ma credo che abbia buon animo. Al duca di Milano è affezionatissimo, e n’ha buona causa, perchè sua eccellenza gli ha donato uno stato nel ducato di Milano, dal quale ha più di otto mila ducati d’entrata. Degli Spagnuoli è poco amico, ma de’ Francesi inimicissimo, e tanto poco si fida in loro, quanto non si potria dir meno, e così sempre ha consigliato Cesare, che non si fidi in quelli. Del pontefice è affezionato, massimamente ora, che ha avuto un breve da sua santità di essere cardinale.[214]

Il governatore di Bressa, Savoiardo, è pur egli degli allievi, over creati di madama Margherita. Costui ha l’ufficio di maggiordomo maggiore di Cesare, che è onoratissimo luogo, ed è uomo da bene, religioso, prudente, ma un poco frigido. Costui sempre ha aderito al gran cancelliere in tutti li suoi progressi.

Delli Fiamminghi, il conte di Nassau è uomo, che si toglie pochi carichi e si dà buona vita, massime ora, che è maritato. A costui Cesare porta grand’ affezione, ma lui poco si carica nelli negozi; però niuno negoziante va per suo mezzo, sebbene potria assai se prendesse carico di negoziare.

Il vicerè, Fiammingo pur esso, è antico servitore nella casa di Cesare, ed è cavallerizzo maggiore, officio molto onorato. Questi è stato poco in corte a mio tempo, ma la maggior parte ha fatto giri in Italia; però da altra banda vostra celsitudine ne avrà avuta miglior informazione, che da me si potesse; pure, per quanto intendo, costui è uomo molto collerico di natura, e molto sobrio non solo per Fiammingo, ma eziandio per Ispano, se fosse di quella nazione. Nel parlare, a me parve molto prudente e destro, talmenteche credo abbia temperato quella sua iracondia; in apparenza dimostra esser affezionato agli Italiani, ma in verità è molto ad essi inimico, e ha fatto mali offizi, nè ha mancato da lui di persuadere a Cesare che s’accordi col re di Francia alla rovina d’Italia. Del che io mi passo molto breve, per aver il tutto significato a vostra celsitudine per mie lettere. La cesarea maestà gli ha affezione, ed è venuto in corte dopo questa vittoria[215] con grandissima riputazione. He grande inimicizia col signor di Borbone, coll’agente del qual ha avuto parole molto ignominiose. Non so ora, che il signor di Borbone anderà in corte, quale sarà la fine.

Il signor di Beaurain è giovane, e da fanciullo nutrito con Cesare, il quale gli porta grand’affetto. Costui s’è molto affiticato in diversi viaggi per mare, e per terra, esponendosi ad infiniti pericoli per amor di Cesare. Costui ha condotta e conclusa la pratica del signor di Borbone, al quale porta grand’affezione, e però è poco favorevole alle cose di Francia. A Italia non mostra buono animo, e credo la causa principale sia, perchè è poco amico di Francia.

Monsignor di …, il quale ora è oratore in Portogallo per concludere il matrimoni fra Cesare e l’infanta, sorella di quel serenissimo re, è uomo astutissimo, dedito alla propria utilità, affezionato a Francia per quanto si dice. Questo è somelier maggiore di Cesare: a’ Italiani in genere ha fama d’essere inimico, benchè dissimuli.

Resta ch’io dica delli due Ispani. Il commendatro maggior di San Giacomo è non di gran famiglia, allevato dal re Ferdinando; ha d’entrata circa dieci mila ducati; è uomo prudentissimo e molto accorto; ha fama di essere un poco timido. Costui desiderava la pace universale; non credo che agli Italiani porti nè particolar odio, nè particolar affezione, e di vostra celsitudine credo più presto desideri bene, che male; pur non ha particolar inclinazione; è vecchio d’anni sessantacinque e molto debole. L’altro e don Ugo di Moncada. Costui è Valenziano, nutrito in Italia sotto il duca Valentino; è uomo destro, e più civile degli altri Ispani; ha buon ingegno; nelle imprese sue è poco fortunato, come s’è veduta l’esperienza già molte fiate in poco tempo. È entrato nuovamente nel consiglio di stato, e favorisce alla parte del vicerè, e consiglia Cesare conto Italia alla pace con Francia.

Dal discorso fatto, vedono le eccellentissime signorie vostre, che il consiglio di Cesare è diviso in due parti: il capo d’una è il cancelliere, con il quale aderisce il governatore di Bressa, e il signor di Beaurain; consiglia costui Cesare per la via di farsi monarca universale, e attendere alla impresa degl’infedeli, la quale è propria d’un imperatore cristiano, ed abbassare la corona di Francia, la quale sua maestà mai si potrà fidare, per averne altre fiate veduta l’esperienza; al che è necessario che si tenga Italia amica; e così poi all’impresa contro gl’infedeli, non sa qual maggiore nè più necessario mezzo possa avere Cesare di questo eccelso stato; nè questo osta alla monarchia, imperocchè i Romani, Ciro, et altri, che sono stati quasi monarchi universali, non hanno però per mano loro propria signoreggiato il tutto, ma hanno avuto altri re, ed altre repubbliche amiche, le quali li hanno favoriti, godendo esse frattanto il proprio. Questa è la via per la quale guida il cancelliere la maestà cesarea. All’incontro il vicerè e don Ugo di Moncada, il consiglio dei quali favorisce quanto più puo il marchese di Pescara,[216] consigliano Cesare all’accordo con Francia, e alla ruina d’Italia, della quale dicono si farà padrone accordandosi col re cristianissimo; ma la cesarea maestà, al partir nostro di corte, pareva accostarsi al consiglio del cancelliere, e che quello prevalesse. Dopo giunto in Italia, e veduto questo tumulto nello stato di Milano, io ho presa grandissima ammirazione, giudicando che questa commissione così particolare il marchese non l’abbia avuta da Cesare, dal quale solo avesse, per qualche sospetto contro il duca, qualche commissione generale; ma che lui spinto dalla sua mala volontà contro il duca, e contro Italia, aiutato poi dall’arciduca d’Austria, il quale aspira sommamnete al ducato di Milano, sia proceduto tanto avanti, quanto vediamo. questa è l’opinione mia; tuttavia vedremo presto, dopo che questa nuova sarà giunta in Ispagna, come si moverà la maestà cesarea, e allora si potrà fare più fermo giudizio. Nè quanto a questa seconda parte delli consiglieri, che sono gl’instrumenti di Cesare in governare gli stati suoi, altro m’occorre degno di scienza della celsitudine vostra.

Vengo ora alla terza parte del mio discorso, che era dalla persona di Cesare, e delli suoi congiunti per sangue. La cesarea maestà è giovane d’anni venticinque, tanti quanti n’abbiamo del millesimo dopo il mille e cinquecento, compirà il vigesimo sesto addì ventiquattro del mese di Febbrajo nel giorno di San Mattia, nel quale ebbe la vittoria contro l’esercito francese,[217] e fu preso il re cristianissimo. È di struttura mediocre, non molto grande, nè piccolo, bianco, di colore più presto pallido che rubicondo, del corpo ben proporzionato, bellissima gamba, buon braccio, il naso un poco aquilino, ma poco, gli occhi avari, l’aspetto grave, non però crudele nè severo, nè in lui altra parte del corpo si puo incolpare, ecetto il mento, anzi tutta lamascella inferiore, la quale è tanta larga, e tanto lunga, che non pare naturale di quel corpo, ma pare posticcia, onde avviene che non può, chiudendo la bocca, congiungere li denti inferiori con li superiori, ma gli rimane spazio della grossezza d’un dente, onde nel parlare, massime nel finire della clausula, balbutisce qualche parola, la qual spesso non s’intende molto bene. Nelle armi di giostra, e a giochi di canne alla leggiera è così destro, quanto altro cavaliere che sia in sua corte. È di complessione in radice melanconica, mista però con sangue, onde ha eziandio natura corrispondente alla complessione. È uomo religiosissimo, molto giusto, privo d’ogni vizio, niente dedito alle volutà, alle quali sogliono esser dediti li giovani, nè si diletta di spasso alcuno. Qualche fiata va alla caccia, ma rare volte; soli si diletta di negoziare, e stare nelli suoi consigli, nelli quali è molto assiduo, e gran parte del tempo in quelli dimora. È molto poco affabile, più presto avaro che liberale, per il che è poco ben voluto; non dimostra essere ambizioso di stato; ben ha grande ambizione d’armeggiare, e molto desidera ritrovarsi in una giornata di guerra; dimosta eziandio d’avere gran desiderio di fare l’impresa contro gl’infedeli; desidera eziandio sommamente di venire in Italia, pensando che da questa sua venuta dependa la grandezza sua.

Quanto all’animo che sua maestà abbia verso vostra serenità, e gl’Italiani, certo è, che dopo cacciato d’Italia l’anno preterito l’esercito francese, lui era satisfattissimo di tutta Italia, massime di vostra celsitudine. Ora mò, non essendo state date le genti debite a quest’ultima giornata contra il re cristianissimo, benchè le parole siano buone, io non saprei affermare nè una cosa, nè l’altra, perchè sua maestà è di natura molto riserbata nel parlare. Quello che dico di vostra serenità dico del papa, al quale davano principalmente la colpa, che vostra celsitudine fosse andata così ritenuta con sua maestà. Verso il duca di Milano è da credere che abbia molto mal animo, il che la esperienza dimostra, vedendosi l’esercito cesareo essersi insignorito di tutto quello stato. Verso il marchese di Mantova non ha buon cuore, parendogli che da alcun tempo in qua non l’abbia ben servito. Penso che meno si estimi offeso dal duca di Ferrara, perchè se ha dato favore alla parte Francese, gli pare avergli dato causa lui, avendolo sempre reietto per rispetto del pontefice. Col re d’Inghilterra ha eziandio mal animo, e molti mesi sono io scirssi a vostra serenità, che fra loro cominciava a nascere discordia; ora mò, che è conclusa la pace fra il regno di Francia, e quel serenissimo re d’Anglia senza suo intervento, penso che sia malissimo soddisfatto. Verso l’arciduca suo fratello, per l’importunità sua, che mai non cessa di domandar cose nuove a Cesare, si giudica non abbia molto amore.

Aveva pretermesso, dicendo di sopra della natura di sua maestà, d’aggiungere quest’altra condizione, che Cesare è di poche parole e di natura molto modesta; non si eleva molto nelle cose prospere, nè si deprime nelle avverse. Vero è che più sente la tristizia, che l’allegrezza, giusta la qualità della natura sua, la quale ho detto di sopra essere malinconica. Veramente in questa così grande vittoria avuta contro il re cristianissimo usò tanta modestia, che fu un miracolo; non si vide un segno d’insolenza, nè in parole, nè in movimento alcuno. Ben ha una parte non laudabile molto, dico d’inclinazione naturale; che, per quanto mi disse il suo confessore, col quale avevo qualche familiarità, dico il frate di san Francesco, che morì in Vagliadolid, è naturalmente Cesare memore delle ingiurie fattegli, nè le può dimenticare così facilmente. Questo è quanto si può dire da me della persona di Cesare, degno di notizia di questo eccellentissimo senato.

Venendo mò alla persona dell’arciduca d’Austria, unico fratello di Cesare, dico che questo è d’età di ventitre anni. Già sono passati quattro anni, ch’io non l’ho veduto. Allora era più piccolo di persona della maestà Cesarea, e più magro: ha il labbro inferiore un poco grosso, e il mento un poco in fuori, ma non dispare come il mento di Cesare. È di natura che tende al collerico; però è acutissimo, pronto, ardentissimo di stato, e di signoreggiare; ragiona volentieri e vole intendere ogni cosa. L’animo di costui verso Italia, e massime verso vostra celsitudine, per li andamenti suoi, credo che sia pessimo. Dai Germani è mal voluto: all’incontro è amato grandemente dagl’Ispani, fra li quali fu nutrito, e così sono state bene compensate le cose. Cesare nutrito in Fiandra, e grande amatore di quei costumi, e inimico delli costumi ispani, è stato posto re in Ispagna; costui nutrito in Ispagna, e imbevuto di quelli costumi, è stato posto in Germania per signore. Appresso Cesare i Fiammignhi hanno grande autorità: appresso l’arciduca, il conte Salamanca ispano; e così è stata limitata la potenza d’ambidue dalla sapienza divina.

Ha poi la cesarea maestà quattro sorelle. La prima è madama Leonora, la quale fu moglie del re di Portogallo defunto; ora è stata promessa a monsù di Borbone.[218] È maggiore d’età di Cesare, e penso abbia ventotto anni; non è brutta, nè bella; a me pare sia molto buona; non ha per alcun modo di quelle grandezze ispane, ma è vera fiamminga. Di costei è una sola figliuola, ed è in Portogallo, la quale la cesarea maestà ha molto tentato d’averla nelle mani; però non l’ha ancora avuta. Costei ha di dote quattrocento mila doble, che sono poco meno di tanti ducati d’oro, le quali il re di Portogallo s’obbligò di darle in dote, avendo una figlia sola, per il contratto dotale. Madama Leonora desiderava avere il re cristianissimo per marito: pur non si partirà dalle voglie di Cesare. La seconda sorella, minore di Cesare, è madama Isabella. Questa è maritata nel re di Dania, il quale venne a visitare Cesare in Fiandra, quando noi vi andammo. È uomo, se è lecito così parlare d’un re, che ha del leggero, e l’effetto ha dimostrato la sua leggerezza, perchè è stato cacciato dal suo stato, ed ora è in Fiandra con sua moglie, e suoi figliuoli, vivendo a mercè d’altri. Questa sorella non è stata veduta da me.

La terza è madama Maria, moglie del re d’Ungheria. Questa io ho veduta, e visitata a Inspruch, dove era con la cognata, moglie dell’arciduca, e sorella del re d’Ungheria. Costei è magra, acuta, ha fama d’avere grande ingegno, e valere assai.

La quarta sorella è madama Caterina, ultimamente maritata in questo re Giovanni di Portogallo. Questa non ho veduta, perchè stava sempre chiusa in Tordesilla con sua madre.

La madre di Cesare, come ho detto ancora vive, ed è melanconica in Tordesilla; al suo governo è il marchese di Feria. Lei alle volte ha alcuna fantasie, nelle quali s’affissa, e poi ritorna; non si vede mai; sta chiusa in quella rocca di Tordesilla.

C’è poi madama Margherita, sorella che fu del re Filippo, padre di Cesare: costei prima fu maritata nel duca Filiberto di Savoja; ora è vedova, ed è al governo della Fiandra. Ha d’entrata circa cinquemila ducati, venti mila in Ispagna per il suo duario, venti mila in Savoja pure per il suo duario nel contado di Bressa, del quale è governatore il maggiordomo di Cesare, come di sopra dissi. Ha poi la contea di Borgogna datale da Cesare, dalla quale ha dieci mila ducati, e la terra di Malines in Fiandra le è stata data a godere in vita sua. Costei è riputata d’animo favorevole alle cose di Francia. E con ciò, serenissimo principe, sono venuto alla fine delle tre parti, le quali proposi nel principio del mio parlare alla serenità vostra.

Giunse poi il fine delli due mesi, che fu il termine deputatomi per vostra celsitudine di stare col clarissimo messer Andrea Navagero, successor mio; e il clarissimo messer Lorenzo de’ Priuli mio collega, ed io prendemmo licenza dalla cesarea maestà, e da quelli altri signori, li quali si trovavano in corte, e così partimmo, lasciato il clarissimo messer Navagero, il quale oltre la singolar dottrina sua, per la quale è celebre e in Italia, e fuor d’Italia, ha tanta prudenza, e desterità, che del servir suo questo eccellentissimo stato, non solo in questa legazione, ma in ogni altro carico tanto si può prometter della persona sua, quanto d’ogni altro. Anche il suo segretario, Zuannet Negro, è in verità molto diligente, ed affezionatissimo alle cose di vostra serenità; ha eziandio prudenza, e buona intelligenza, onde si deve averlo per caro e buon servitore, e quando si dia occasione riconoscerlo.

Partiti di Toledo, e fermatici a un luogo sei leghe indi lontano, la cesarea maestà mandò per un suo tesoriere a donare al magnifico messer Lorenzo de’Priuli mio collega dugento ducati in un sacchetto, ed a me in un altro ducati mille. Ripartiti poi, e giunti a Madrid, dove è la persona del re cristianissimo, fossimo a visitare il signore vicerè, il quale si trovava li, in compagnia del re cristianissimio, dal quale, oltre l’altre buone parole, fossimo molto esortati, che facessimo ogni buona opera con vostra celsitudine per accordarla con Cesare, perchè seguiria poi una pace universale, e si volteriano l’armi contro gl’infedeli, alla quale impresa Cesare è animiatissimo; poi da sè ne invitò, se volevamo vedere il re cristianissimo. Noi che desideravamo d’avere tale occasione, gli rispondemmo, che volentieri gli avremmo fatto riverenza, e avremmo veduto il trionfo di sua signoria. E così partiti con sua eccellenza, ci trasferimmo alle stanze della prefata cristianissima maestà, la quale ritorvammo passeggiare in quell’istesso corridore, dove ritrovai la cesarea maestà quando me ne andai a congratular con lei della vittoria avuta contro Francesi, nella quale il re fu fatto prigione. E presentati al re cristianissimo, gli facemmo la debita riverenza. Avanti che gli cominciassimo a parlare, chiamò li il vicerè, il quale si accostò, e sempre stette con la berretta in mano. Io dissi, che benchè non avessimo alcun nuncio per sua maestà, nientedimeno ritrovandoci a visitazione del signor vicerè, sua signoria, per sua umanità, ne aveva offerto di condurne alla presenza di sua maestà, acciò le facessimo riverenza, e che noi, li quali volentieri seremmo venuti da capo del mondo per vedere e fare riverenza a un tanto re, avevamo ringraziato grandemente sua signoria, e che così eravamo venuti. Soggiungemmo, che vero è che avremmo desiderato di ritrovar sua maestà in più felice stato; nientedimeno che quella doveva star allegra, perchè non minor gloria aveva acquistato appresso tutto il mondo, avendo sopportare la fortuna avversa così generosamente, e da magnanimo, di quello che prima aveva acquistato nella prospera, e nelle grandi vittorie avute. Perocchè non era di minor virtù vincere la fortuna contraria, che li inimici. Poi, che sua maestà doveva stare allegra e di buon animo, avendo da fare con la maestà cesarea piena di buona volontà di buon animo, intenta solamente al beneficio comune dalla cristianistà. Rispose la maestà cristianissima, che ci vedeva volentieri, e ci ringraziava di questo ufficio fatto con lei, e così la si offeriva a noi in tutto quello, che la poteva. Della bontà di Cesare disse, che così era informato, e sperava molto in lei. Noi prendemmo licenza dalla prefata maestà, e poi dal signor vicerè, il quale ci accompagnò fino a mezzo la scala fuori.

Partimmo da Madrid, e continuando il nostro viaggio venimmo dopo molti giorni a Saragoza, metropoli del regno d’Aragona. Li trovammo il reverendissimo legato Salviati,[219] e il signor Giovanni Lascari, il quale fu due fiate amorevolmente a visitarci. Noi fummo a visitare il legato, dal quale fummo ben veduti, e dopo le parole amorevoli dell’amore che il pontefice portava a vostra serenità, disse avere inteso da alcuni degni di fede, ritrovandosi in Barcellona, che il re cristianissimo aveva detto, essendo li, che se Cesare avesse voluto, si averia tolta l’impresa contro li potentati d’Italia, nominando il pontefice, e questa eccellentissima repubblica.

Partimmo poi di Saragoza, e giunti a Barcellona per rinunziar li nostri carriaggi, e aspettar il salvacondotto, fu necessario, che ci fermassimo li alcuni giorni, dove ritrovammo il signor di Beaurain, il quale era venuto in posta per incontrare il signor di Borbone, che coll’armata doveva capitare in quel luogo. Ci ritrovammo con sua signoria, la quale efficacemente ne esortò ad operare che vostra serenità confermasse la confederazione sua con Cesare, replicandone quello che il cardinal ne disse a Saragoza, che il re cristianissimo non aveva mancato di fare a Cesare diversi partiti a ruina di vostra celsitudine.

Continuando il viaggio nostro, dopo che a Perpignano[220] ebbimo il salvacondotto della serenissima regente di Francia, entrammo nella Francia. Giunti ad Avignone, fummo a visitare il reverendissimo cardinale d’Auch,[221] del quale fummo ben veduti, ed accarezzati. Ne disse sua signoria reverendissima che il duca di Ferrara le aveva scritto, che fra pochi giorni lo aspettasse, perché voleva passare per Francia, e andare in Ispagna a Cesare. Ne disse poi la pace nuovamente conclusa fra il regno di Francia e il serenissimo re d’Anglia, la quale ci disse, benchè fosse pubblicata perpetua, tuttavia essere solo per venti anni, e che davano al prefato re due milioni di ducati a cento mila ducati all’anno. Dopo calate un poco l’acque del Rodano, le quali per le pioggie continue era grossime, partimmo; e venuti nel Delfinato a Valenza, vi ritrovammo don Andrea Doria, il quale venne a visitarene, e molto ne ragionò della lega d’Italia contro l’esercito ispano. Non ometterò gia questo, che vedemmo per cammino in Francia molti Italiani malissimo soddisfatti de’Francesi, e malissimo pagati. Di lì finalmente giungemmo a Lione, dove il signor Teodoro Trivulzi con molti gentiluomini ne venne incontro fino alla porta della terra. Vennero ancora due mandati da madama la reggente,[222] dalli quali fummo accompagnati all’alloggiamento, e poi visitati frequentemente. A madama, il terzo giorno, facemmo riverenza, e prima la ringraziammo assai del salvacondotto concessone da sua serenità. Dopo ci estendemmo molto in farle intendere il buon animo di vostra celsitudine verso il re suo figlio, sua serenità, e il regno di Francia, estendendoci molto in questa parte, e commemorando li molti benefizj ricevuti da quella corona, delli quali le eccellenze vostre tutte erano ben memori, e che se avevamo fatto qualche cosa non così secondo la volontà sua, ciò era stato fatto molto più contro la volontà di questa repubblica; ma che le condizioni de’ tempi erano state tali, che impossibile era far altramente, e che lei, la quale era madre del re cristianissimo, non avria potuto far altro, quando fosse stata in luogo di vostra serenità. Dimostrò di accettar bene tutte le nostre escusazioni, nè si partì in generale, dicendone che avanti il nostro partire ritornassimo a lei. Noi dopo due giorni ritornammo; ne disse, che ne aveva ritenuti lì un poco più di quel, ch’era il volere nostro, acciò ci riposassimo un poco, sapendo, ch’eravamo stanchi dal viaggio lungo; poi ne aggiunse altre buone parole generali, nè dicesse però ad alcuna particolarità; e così da noi corrispostole, prendemo licenza da sua serenità.

Fummo eziandio a visitare il signor di Prato,[223] oratore cesareo, il quale giunse in Lione lo stesso giorno, nel quale giungemmo noi; la quale visitazione facemmo assai segreta, e usategli quelle parole, che ne parveno convenienti, gli facemmo intendere, che n’era stato forza visitare madama per ringraziarla del salvocondotto fattone per su serenità, e che l’avevamo trovata desiderosa di pace, e di ricuperare il figliuolo. Ne corrispose gratamente il prefato signore, e ne disse che la pace, la quale non fosse per avere alcuna fraude, saria ottima.

Fummo eziandio a visitare il signor di Vandomo,[224] suo fratello il cardinale,[225] e il signor di Lautrech,[226] dalli quali fummo esortati a dire a vostra celsitudine, che avverta alla grandezza di Cesare, e attenda alla lega d’Italia, la quale ha grandi forze, e può far assai, quando lo voglia. Il sig. Teodoro Trivulzio fu eziandio da noi visitato, il quale abbiamo ritrovato uomo molto prudente, e ben affezionato alle cose di vostra celsitudine.

Partiti poi da Lione, e giunti alla Gabelletta, intendemmo il moto degl’Ispani contro il duca di Milano, e che avevano ritenuto don Jeronimo Morone[227] in Novara, dove s’era conferito al marchese di Pescara per fare un consulto generale. Questo intendemmo da un gentiluomo del duca di Ferrara, il quale andava a Lione, per avere salvacondotto per il passare del duca di Ferrara[228] a conferirsi in Ispagna a Cesare per assettare le cose sue con il pontefice. A Lione però non si credeva dovesse impetrare salvacondotto. Poi fra li monti in Savoja, a San Giovanni di Moriana, ritrovammo il prefato duca di Ferrara, il quale per più d’un miglio e mezzo ne venne incontro fuori della terra, e con noi usò umanissimo ufficio. Si ragionò di questi moti degl’Ispani, e della lega d’Italia; ma il ritrovammo tanto riservato, quanto si può desiderare in un prudentissimo signore.

Continuando il nostro viaggio, giunti a Torino, visitammo la duchessa di Savoja, sorella seconda del re di Portogallo, et il signor di Ginevra, fratello del duca. La persona del duca intendemmo essere in Ginevra, e li aspettammo d’aver un salvacondotto dal marchese di Pescara, per passare sicuri, il quale il mandò cortesemente, e in compagnia del gentiluomo che lo portò venimmo a Milano; ma prima capitammo a Casal di Monferrato, dove da quella signora marchesana fummo benissimo accolti. Visitammo sua signoria dopo cena: la trovammo in una camera in castello coperta di negro per ragione della sua vedovanza. Lì era eziandio suo figliuolo, giovanetto di undici anni, due sue figlie, una delle quali è promessa al marchese di Mantova, e un fratello di suo marito. È donna giovane ancora, bella, prudente e molto amata dalli suoi.

Partiti di là, giungemmo finalmente a Milano, dove ritrovammo il magnifico messer Marco Antonio Venier, oratore di vostra celsitudine appresso quel duca, molto travagliato per questi tumulti che occorrono. Lì dimorammo un giorno per visitare il marchese di Pescara: vistiammo sua signoria, la quale trovammo molto afflitta da una mala, anzi pessima disposizione, dalla quale penso non sia per liberarsi.[229] Lo ringraziammo della patente fattane, e del gentiluomo mandatone per sicurtà nostra. Furono poi usate molte parole generali, hinc et inde. Ne disse sua signoria di avere da conferire molte cose con noi, ma non potere per allora, perocchè era indisposto, e si riservò ad essere col magnifico orator Venier, e così prendemmo licenza da lui. In Milano femmo un altro ufficio, non ci parendo al proposito d’andare in castello a visitare l’eccellenza del signor duca, con monsignor Tommaso stato lungamente oratore del prefato signor duca alla cortedi cesare, ed assai familiare mio, e intrinsichissimo del duca. Con lui dunque ci ritrovammo, e prima il pregammo che facesse le nostre scuse con la eccellenza del duca se non eramo andati in castello a visitarlo, come era nostro desiderio, perchè temevamo d’accrescere sospetto alli cesarei, e nuocere a sua signoria. Dopo gli dicemmo che confortasse sua eccellenza a stare saldo, e di buon animo, nè perdersi punto, perchè Dio non mancherebbe d’ajutarlo per qualche mezzo buono, nè mai mancehria da vostra serenità di fare ogni ufficio per la conservazione sua e del suo stato. Andò e ritornò dal duca, e per nome suo ci riferì, che sua eccellenza laudava che non avessimo conferito con lei; poi ringraziava noi molto del buon animo, e buoni ricordi datigli, dicendo che così era per fare, e che pregava vostra celsitudine non l’abbandonasse.

Partiti da Milano, cavalcando con diligenza, siamo pervenuti alli piedi di vostra serenità, alla quale altro non mi resta dire, se non del secretario Trevisano, e di me. Di lui io non posso se non grandemente laudarmi, e raccomandarlo all’eccellentissime signorie vostre, perchè e affezionatissimo suo servitore, diligente, prudente, ed a me è stato ossequentissimo; non ha schivato nè fatica nè incomodità alcuna per servirle, talmente che a Pamplona prese un’egritudine, della quale poco mancò, che non morisse; però merita la grazia di vostra celsitudine, la quale deve riconoscer tale suo servitore.

Di me non posso dir altro, se non di non avere mancato di buon volere in servire le vostre eccellentissime signorie,e che non ha guardato a fatica o a spesa per onorarla e servirla nelle cose sue; solo la sufficienza è stata poca; pur se qualche frutto s’è avuto di questo mio servire di cinquantasei mesi, la laude si deve dare a Dio, il quale qualche fiata per vili, e bassi instrumenti opera buoni effetti, acciò tutti conoscano l’onore, e la laude essere debita a lui e non ad altri. Dixi.

57. To Giovanni Battista della Torre from Venice, 13 July (1526)[230]

Magnifico mio messer Iuan Battista. Heri insieme con vostre lettere mi fu dato quel mio libretto, di quanto il vostro Fracastoro[231] et voi sete rimasti satisfatti, mi piace assai, benche non sii senza qualche dubitatione, che l’amore quale mi portate in alcuna parte non vi habbi ingannato. Molto desidero di sapere quelle cose, delle quali dissentite, et se non fosse, che il nostro Pesaro vuole che rispetto ad alcuni suoi negotii familiari, desideriamo alquanti giorni la nostra andata a Padova, seria contento di aspettare di conferirli senza lettere con noi. Hora che mi pare avanti il principio d’Agosto che non possiamo adar a Padoa, non vi sia grave in poche parole per nostre significarmi le cose, in le quali dissentite toccando solum la ragione, accio ancora io possi considerarle, perche in verita non ho reletto se non una fiata questo mio compendio doppo scritto che l’hebbi. Il Callino se ritrova qui et vi se raccomanda, il medesimo fanno tutti i miei et vostri fratelli et li amici communi con il Fracastoro et messer Raimondo. Vi prego, non omittiate a far il debito per noi, il debito cioè di raccomandatione. Ms. Mattheo Dandolo qui presente non si contenta, che di lui cosi in genere habbi parlato, ma in particolare vi si raccomanda senza fine. Di Venetia adi 13. Iulio [1526].

58. To Giovanni Battista de la Torre from Venice, 5 October (1526)[232]

Magnifico mio messer Gio. Battista de la Torre molto honorando. Doppo l’acerbissimo caso del nostro messer Agostino da Pesaro ritrovandomi quasi fuora di me stesso per cosi grande perdita, me ne andai in villa et dopo a Padova et de li a Lunolo et a Rovelon per divertire l’animo da cosi noioso pensiero. Ne in verita n’ho ritrovato alcun rimedio più presentaneo di quelli cogitationi, le quali dopo ritornato che fui alla villa me furono gia alcuni giorni apportate dalli amorevolissime et prudentissime vostre lettere, perche in verita per conto suo ni devemo dolere, imo piu presto ne converebbe rallegrarsi cognoscendo certissimo, che quella mente cosi serena, cosi pura, la quale desprezzava ogni cosa terrena, et sempre hanelava a quelli che sono veri, stabili et non apparenti beni, essendo ancora congionta a questo corpo terreno et alligata a questi sensi, hora che e sciolta et libera sia perventua a quella vera felicita, per la bonta et misericordia divina, la quale et noi qualche fiata s’imaginiamo quasi un’ombra, et in quello poco di pensier d’essa ne pare esser felici. Per conto nostro ben certamente si dovemo dolere essendo privi di cosi eccellente, caro e in vero singolar amico, del quale potemo esser certi di non mai ritrovare il pari. Ne questo dolore, messer Gio. Battista mio, conviene molto meno a voi che a me: perche io vi testifico, che pochi imo pochissimi vivono, dalli quali voi siate piu amato et estimato di quello che voi da lui. Niente di meno questo dolore è piu presto da homini che se medesimi amano che d’amico. In gran parte mitiga etiam il mio dolore un certo discorso, il quale mi riccordo haver letto appresso santo Agostino nelle sue confessioni in uno simile caso; nel quale conclude quel santo et peregrino intelletto, che ogni virtu, ogni gentilezza, ogni bellezza etiam di corpo è una participatione et una istessa ombra di quel sommo bene, il quale è in se immutabile et tutto buono, pero quel solo per se si debbe amare, et ogni altra particolar virtude si deve amare per lui et in lui. L’istesso ho etiam letto appresso Platone, il quale introduce Socrate ragionare dell’amore et dice, che da queste particolar bellezze l’huomo si eleva per la via dell’amore ad amare quella idea della bellezza, della quale queste particolari sono participatione, et cosi non fa conto di queste se non per quella in se bellezza. Pero, mio messer Gio. Battista, vedendo la mutabilita de ogni cosa particolare, non dovemo amare cosa alcuna ne etiam noi in se stessa, ma solum in Dio, nel quale è il fonte d’ogni bene da noi amato, et cosi sapendo che lui è immutabile, pensare, che quel che amiamo principalmente, non ne se puol mai torre a noi, benche vediamo mutatione in la participatione di quel bene solo et per se bene. Ne a noi da quello in tutti gli suoi iudicii non è procurato se non il meglio nostro, benche a noi moltefiate non pare cosi. Questi sono li pensieri, con li quali io mi vo consolando, come farete anchora voi et fanno li altri suoi amici. Ben è debito nostro conservare sempre, mentre che siamo lontani da lui, una verde memoria di cosi raro et virtuoso amico, al quale in eccellenza et destrezza d’ingengo, in lettere, in gentilezza d’animo, in natura sopra ogn’altro amorevole io confesso non haver mai ritrovato il pari. Pero vi prego con quella maggior instantia che posso, che voi et il Fracastoro nostro vi vogliate affiticar di celebrarlo con qualche inventione, come saperete fare, accio tanta virtu non rimanga ascosta, et si satisfacci al debito dell’amicitia et dell’amore che ne era da lui portato. Fattelo, vi prego, fattelo, caro il mio messer Gio. Battista, che mai faticha alcuna vostra non fu meglio collocata. Heri ritornai di villa, hora cominciero pensare al mio capitaneato di Bressa, dove voglio, dico voglio comandandovi per l’autorità che ho con voi, che facciate una gran parte del tempo meco. Interim vale. A messer Raimondo et al Fracastoro racomandatemi, quanto si pole. Di Venetia adi 5 Octob. 1526]. Gaspar Cont.

59. To Giovanni Battista de la Torre from Venice, 8 November (1526)[233]

Molto magnifico mio messer Gio Battista. Ho ricevuto insieme con vostre lettere li duoi epigrammi latini et la canzonetta volgare nelle materia che vi ricercai, le quali à me son state di somma satisfattione, massime la canzona volgare, perche à me pare oltra tutte le altre sue bellezze, che contenga una verissima sentenza molto philosophica, cioè la breve immutatione di tutte le cose inferiori. Lasciamo hora le ragioni de philosofi et veniamo alla esperienza. A me pare un’anno tanto breve, che non me ne accorgo, quando è passato gia. Primo fu mille anni che cosi breve tempo poche fiate replicato si possono estimare pochissimo tempo. Hora mo se consideriamo avanti la guerra Troiana overo etiam li tempi d’Homero, che tanto incirca distano da noi, et che consideriamo la disposition del mondo all’hora si nel vivere deli huomini come de li paesi et a questo nostro con le mutationi, le quali son state di mezzo, certo è cosa quasi incredibile, si che ogni sorte de le cose mutabile circa la duration loro è pocho meno di quella istessa, come bene dicete voi. Tal che io non discorrendo, che certo in cosi piccolo animale, quanto è l’homo, che cosa admirabile è ritrovarsi una virtu cosi capace et cosi grande, che à lei longissimi spatii di tempi et le mutationi delle parti dell’universo cosi grande, come sono provincie et mari, pareno nulla. Et cosi à me pare la experientia sensata restare a quello ch’ à iudicio mio dimostra la ragione naturale della qualita dello intelletto humano. Vedete bene, come la penna mi ha portato fuora del proposito. Perdonatemi, con voi ogni inettia mi par poter usare. Ritornando adonque sommamente ringratio il Fracastoro et il mio messer Gio. Battista, che habbi cosi subito satisfatto a quanto desiderava pregandoli, che oltra le memoria del nostro gentilissimo Pesaro celebrata in questi versi, hora si riccordi in qualche maggior suo monumento celebrarla anchora, accio vivi in qualche modo et qui fra noi come vive et sempre vivera appresso la vera vita. Nec plura. Senza fine mi raccomando a V. Magnificentia et à tutti li amici nostri che sapete essere in voi. Da Venetia, 8. Novembre. [1526]. Gaspar tuus.

60. Report to the Venetian senate, 1530[234]

Serenissimo principe ed eccellentissimi padri. Io stimo certo, che saria ragionevolmente tenuto dalle SS.VV. Ill.e sapientissime cosa molta inetta, quando io volessi in questa mia narrazione ovvero relazione della ambasceria esercitata per nome di questa Repubblica serenissima, prima apresso il pontefice, di poi appressso al medesimo a alla Cesarea Maestà, replicare particolarmente tutte le trattazioni e negozii che mi sono passati per le mani; avendoli tutti minutissimamente significati per mie lettere alle EE.VV, le quali li hanno tutti in memoria; et tedio saria per loro il ridirli, massime, perché i negozii, i quali più importanto, cioè, la trattazione e la conclusione della pace con Cesare, sono così recenti, che meglio ovvero non meno, sono fissi nella mente di questo Senato, che di me medesimo. Pertanto, lasciando tutta questa parte di trattazione, mi rivolgerò a narrare tutte quelle altre, che (essendo degne di essere intese dalle SS.VV.EE.) non si hanno potuto nè si possono così spiegare con lettere, come adesso si farà colla viva voce. Però, narrerò alle SS.VV. principalmente tutto quello della persona, natura, e volontà del pontefice e di quelli che gli sono appresso, che è buono che da quelle s’intenda; ed il simile poi farò della Cesarea Maestà e de’ suoi. Dirò anche alcune parole dell’illustrissimo signor duca di Milano, col quale a Bologna sono stato a tre mesi; cioè quello che in così poco tempo io ne habbia potuto comprendere. Ma avanti ch’io venga a queste parti principalmente proposte, per non pretermettere in tutto come siano succedute le cose nel tempo di questa mia legazione, farò una brevissima ricapitolazione di tutto il mio viaggio.

Partii adunque dalla presenza di Vostra Signoria alli 18 di maggio l’anno 1528; a tempo che il pontefice, essendosi alcuni mesi avanti partito di Castel San’Angelo, dopo l’assedio le la capitolazione fatta coll’esercito cesareo, si era ridotto ad Orvieto, dove ancora si ritrovava quando io partii da Venezia. Giunto a Pesaro, fui onorevolmente raccolto per nome dell’illustrissimo duca d’Urbino; et similmente dipoi in Fossombrone, dove ritrovandosi la signora duchessa, feci con essa il dovuto officio di visitarla. Partitomi di là, intesi per strada, che Sua Santità si era partita da Porvieto edandava a Viterbo; laonde io rivoltai il cammino, ed entrai due giorni dopo la Santità Sua. Ed il medesimo giorno vi entrò Giovanni Antonio Musettola,[235] mandato dal principes di Oranges, il quale ha poi ottenuto il luogo di oratore cesareo, che ancora tiene. Ritrovai in corte, altro l’oratore ordinario del re cristianissimo, il visconte di Torena[236], prudente e gentile signore.

Andai all’udienza di Sua Santità; alla quale avendofatto intendere, con quel più destro modo che mi somministrò il mio debole ingegno, quanto avevo in commissione da vostra Celsitudine, e massime circa Ravenna e Cervia, Sua Santità molto si resentì: ed il giorno dietro, ridotti insieme tutti gli oratori della lega appresso di essa, ed alcuni cardinali e il decano del sacro Collegio, cioè il reverendissimo Farnese, che fu poi Paolo III;[237] molto si dolse di Vostra Serenità; e di poi deliberò di mandare a Vostra Serenità il visconte di Torena. Lascio, d’industria, tutto il particolare, per non incorrere nelli inconveniente, i quali nel principio del mio parlare disse di volere schifare: le SS. VV, EE. sono memori del tutto. Rimase Sua Santità fermissima nel suo proposito di avere Ravenna e Cervia; e non potendole riavere, non si risolse mai di accostarsi alla lega. Aggiungendosi poi le difficoltà ch’ella aveva col duca di Ferrara e colla Repubblica di Fiorenza, ed essendo stato così grandemente offesa dalli cesarei, non aveva volto l’animo all’amicizia, non cessava l’oratore Musettola (uomo ingegnoso e di valore assai, ma di lingua e di audacia molto maggiore) di sollecitare la Santità Sua all’amicizia con Cesare; e massime, grande ignominia sua, che il pontefice da lui fosse espulso da Roma, e se ne stesse a Viterbo, quasi come esule dalla Chiesa Romana. Il pontefice non si sapeva risolvere, ma aspettava il successo dell’esercito dei Francesi, il quale teneva assediato Napoli, ed aveva acquistato già quasi tutto il regno.

Ora, essendo Sua Beatitudine in questa irresolutione, venne finalmente l’inaspettata nuova della rotta di essi Francesi sotto Napoli, e dello esterminio di tutto quello esercito.[238] Per la qual nuova Sua Santità cominciò a dare orecchio alli cesarei circa la ritornata sua a Roma; la quale finalmente si conchiuse con promissione, che presto gli fossero restituite Ostia e Civitavecchia, che erano in mano dei cesarei, per li patti fatti in Castello con pontefice: e così alli 6 di ottobre 1528 giungemmo a Roma.

Aveva però Sua Santità, avanti che partisse di Viterbo, fatto segretamente cardinale il generale di San Francesco, Spagnuolo;[239] il quale, molti mesi avanti aveva negoziato l’accordo del pontefice con Cesare, e lo aveva mandato segretamente in Ispagna.

Giunti a Roma, si stette in grande aspettazione della ritornata di questo cardinale di Spagna; il quale finalmente ritornò, ma non riportò altro che buone parole. E tutto questo maneggio fu rimesso al principe di Oranges,[240] vicerè di Napoli e capitano generale cesareo in Italia; e a lui si conferì da Roma il pregato cardinale; insime col quale il pontefice mandò l’arcivescovo di Capua.[241]

Subito di poi il papa si ristentì, ed infermossi d’una egritudine lunghissima e pericolissima; la quale tenne Sua Beatitudine molti e molti mesi, e lo condusse fina al punto della morte: anzi fu divulgato da motli ch’egli era morto. Nelli quali mesi, in verità, gravissimo Senato, tutti si ritrovarono in grandissimo pericolo e travaglio; essendo in Roma carestia incredibile: chè il rubbio di frumento (cioè due stara e mezzo, o poco più, delle veneziane) si vendeva venti ducati d’oro e più; nè si trovava da comperare ogni latra cosa pertinente al vivere. Ostia e Civitavecchia, come ho detto, erano in mani de cesarei; l’esercito, discolo ed uso a rubare e saccheggiare, era intorno a Napoli; e molte altre cose perturbavano grandemente gli animi d’ognuno. Per finalmente Sua Santità migliorò, et con una certa somma di danari che si sborsarono, si riebbe prima Civitavecchia, e poi Ostia.

E a questo modo, poco a poco, il pontefice si andava accostando più a Cesare: e per ultimo, nel principio della state ovvero nel fine della primavera, mandò in Ispagna, nunzio a Cesare, il vescovo di Vasona, vincentino, suo maestro di casa;[242] il quale, di giungo, a Barcellona concluse la pace e confederazione tra Cesare ed il pontefice: i capitoli della quale, raccolti in memoria, io scrissi a Venezia subito allora. Imperocchè sebbene segretamente mi fosse mostrato la copia di essi, ad literam, come la stava, non potetti però averne esempio alcuno; sicchè mi valsi della memoria. Poiche giorni dopo, venne di Francia la trattazione e poi la conclusione della pace fatta tra Cesare e il Re cristianissimo[243] in Cambrai; per la quale fu esclusa questa illustrissima Repubblica, e tittu gli altri confederati.

Cesaer, in questo tempo, si pose all’armata sua; e sopra le galere di Giovanni Andre Doria imbarcò la persona sua a Barcellona, e venne in Italici. Giunse a Genova li 12 di agosto, circa il tempo nel quale il campo del Turco giunse in Ungheria ed in Austria, e veniva sotto Vienna. La Santità del pontefice allora, così ricercata da Cesare, creò cardinale il gran cancelliere di Sua Maestà, Domenico Mercurio Gattinara;[244] e si ragionò di andare a Bologna, per vedersi con Cesare; il che finalmente si risolse e si concluse.

Ci partimmo da Roma alli 6 di ottobre (1529) per andare a Bologna, dove arrivammo alli 24 pure di ottobre, essendo Cesare in Piacenza.

Venna la nuove che l’esercito turchesco si era levato da Vienna, con danno assai de’ suoi uomini, ma di cavalcature e di altri animali grandissimi.

Cesare giunse a Bologna alli 5 di novembre, e si cominciò subito a trattare la pace, alla qulae Sua Santità e tutti li suoi io vedi sempre prontissimi. Vero è che dalli ministri suoi d’Italia, e massime da Antonio da Leva,[245] si fece quanto fu possibile per disturbarla: ma pur alla fine, per la bontà divina, dalla quale è proceduto così buon effetto, se n’è venuto alla conclusione alli 23 di dicembre. Né qui voglio io omettere, che il giorno avanti ch si facesse la stipulazione il pontefice vi voleva ponere un capitolo, che Vostra Serenità disse il possesso alli vescovi eletti da lei, nè più si impedisse in modo alcuno di fare altra denominazione. Io risposi a Sua Santità che, non avendo mai scritto a Venezia in questa materia, non aveva commissione alcuna; e pertanto, che non poteva consentire a quel capitolo: ma che bene mi meravigliavo, che la ponesse difficoltà in questa cosa, della quale io era certissimo (per quanto poteva giudicare col mio debole ingengo) che la non avria difficoltà alcuna. Il che mi sforzai di persuadere a Sua Santità, per non interponere qualche intrico dalla conclusione della pace, essendo già accordato il duce di Milano, e convluso tutto.

Or questo basti per una rammemorazione del successo delle cose in questa mia legazione. Tutto il resto è accaduto dopo la ventua delli quattrro clarissimi oratori:[246] ai quali lascerà di raccontare la pompa della coronazione di Cesare.

Verrò adesso alla parte più principale pertinente al pontefice, cioè alla qualità, natura e volotnà sua, e de’ suoi aderenti.

Sua Santità e di età di anni 52;[247] grande di persona, ben proporzionato e complessionato, sanguigno, e un poso lusco; anzi dell’occhio destro non vede molto. Vero è che per la lunga e pericolosa egritudine che ha patitio, non è ancora ritornato alla pristina e naturale sua abitudie. È uomo di buon giudizio; non ha grande invenzione, ma ragiona e discorre benissimo sopra ogni cosa che gli vien proposta. La natura sua, per quanto si può comprendere, è un pocco fredda; però è tardissimo nel risolversi, e non pco timido. Non si comprende che in lui l’amore o l’odio possano molto; e a me pare che non ami ni odii alcuno veementemente; è di natura collerico, per quanto intendo, ma si raffrena e tempera talmente, che vi e alcuno che lo giudichi collerico. Dimostra di essere desideroso di vedere gli abusi di Santa Chiesa regolati, ma nientedimeno egli non manda ad esecuzione alcun simile pensiero, nè risolve in far provvisione alcuna. Quanto ad affezione di stato, dimostra non avervi molta inclinazione; ma potria ben essere che simulasse; imperochhè, non ha mai mostrato il contrario: tuttavia l’effetto è poi riuscito altrimetni, tenedosi assediata quella povera città dall’esercito cesareo per nome suo. Dimostra di desiderare sommamente la pace d’Italia, la conservazione di ess, ed anche la riputazione d’Italia; nella quale non parendogli di vedere altro nervo che lo stato di Vostre Eccellenze, desdiera grandamente di avere bona intelligenza con questa Serenissima Repubblica; perchè a questo modo gli pare che in Italia sariano tali forze, che non bisogneria dipendere in tutto da altri, cioè, nè da Francia nè da Cesare. Però a me pare che, sebbene forse naturalmente i Fiorentini non siano molto affezionati a questo stato (di Venezia), Sua Santità, e per ragione detta e per ben suo, abbia buon animo verso Vostra Serenità, e desideri molto di essere bene unita con lei.

L’animo di Sua Beatitudine verso Cesare avanti la venuta di Sua Maestà in Italia, non era molto buono; nè fece accordo ne lei, se non perchè gli parve di essere sforzata dagli interessi suoi particolari di Ferrara e di Fiorenza, di Ravenna e di Cervia. Ma da poi che ella si è ritrovata colla predetta Maestà, e ha practicato con essa familiarmente tre mesi e più, a me pare che ellla si abbia mutato d’animo e di opinione, A me ha ella più volte detto con ogni asserveranza, che ha compreso certissimo essere in Cesare bonissima intenzione e sommo desiderio della conservazione della pace d’Italia.

Verso il Re cristianissimo non mi pare comprendere che abbia mal animo; ma non gli ha ancora affezione.

Al re d’Inghilterra ha naturalmente buon animo, e pare essergli obbligato per molte buone dimostrazioni fatte da quella Maestà verso Suo Beatitudine nei tempi delle sue avversità, per l’ajuto datogli di certa somma di danari nel tempo ch’era assiedato in Castelo; e però circa, quanto puote, di scorrere nella materia del divorzio, per non rompersi con lui: ma non so poi quale ne sarà il fine.[248]

Verso il re Ferdinando, fratello di Cesare, non mi pare che abbi a se non buona mente; non avendo anche cosa alcuna in che competere con lui.

Al duca di Milano[249] ha buonissimo inclinazione, e ha fatto per la conservazione di Sua Excellenza ogni buono ufficio con Cesare; ed egli ha grandissima confidenza in Sua Santità.

Verso il marchese di Mantova[250] è ben disposto, e paro che fra di loro si asempre stato amore e confidenza assai.

Al duca di Ferrara,[251] per mio giudizio, ha Sua Santità animo pessimo, imperocchè, otlre alla competenza dello stato e di Modena e di Reggio, parve a Sua Santità che la preso e la rovina di Roma, sia stata principalmente causata da esso duca, perchè si accordò con monsignor di Borbone e gli dette passo e vettovaglie: il che, quanod non avesso avuto dal duca predetto, quelll’esercito non avria potuto passare alla rovina di Roma.

Al duca di Urbino,[252] penso non abbia molto buon animo, per le cose passate, anchorchè non lo dimostri.

Questo e quanto me pare di poter narrare del pontefice, che sia degno della notizia delle SS.VV.EE. Apresso Sua Santità nelli negozii di stato, non ci è alcuno che possa più del magnifico Don Giacomo Salviati,[253] suo cugino per la moglie, che fu sorella di papa Leone.

Costui è uomo di pronto ingegno; sebbene molti non lo stimano così grave, come saria il bisogno. E di natura francese, e ha sempre tenduto a quella via, ancorchè ora paia applicato a Cesare, accomodandosi ai tempi.

Usa il pontefice per segretario il Sana[254] nella cose di stato; il quale fu già secretario ed allievo del vescovo di Verona.[255]

Gli è molto congiunto per antiquissima affezione il cardinale Santiquattro,[256] di casa Pucci, fiorentino; ma costui non s’impaccia che delle cose di Fiorenze; e sebbene io creda che intende ancho tutto il resto, non ha però maneggio alcuno.

Ha Sua Santità due nipoti di casa Medici: uno figliuolo del fu Lorenzo dei Medici, duca i’Urbino, ed è naturale. Costui e duca di Penna, che è un luogo nel Regno, il quale hebbe Cesare, nel tempo che papa Leono si accordò con lui (1521). – L’altro è cardinale e figliuolo per naturale del fu magnifico Giuliano dei Medici. Questo secondo è bello di aspetto, e mostrasi molto gentile ed affabile; l’altro è poco famoso, e minore d’età. E mi pare che Sua Santità contenti più dell’ingegno e dei modi di Alessandro, che di quelli del Cardinale. Questo Alessandro è promessa Margherita, figliuola natuarel di Sua Maestà Cesarea. Il cardinale non era, nè è ancora applicato ad esser cherico, ma ad esercitare l’uffizio dell’armi e al governo di Fiorenza, quando vi rientrino; ma la grave egritudine di Sua Santità lo persuase ad accettare il cardinalato.

Ci è poi appresso Sua Santità l’arcivescovo di Capua, fra Nicolò, germano di nazione.[257] Costui, dopo la rovina di Roma, non ha negoziato più cosa alcuna; finchè fu mandato a Napoli col cardinal Santacroce; nè dipoi si è molto impacciato in negozii. E imperialissimo, e ha sempre tenuto quella fazione; però il papa in utto non si confida in lui; è di buon animo, amorevole ed elemosiniere, ma è chierico.

Il vescovo di Verona supera di intrinsichezza con Sua Santità tutti questi; ma ha deliberatamente lasciato la Corte, ed attende al suo vescovato. Costui ha sempre tenuto la parte francese, ed è affezionato a Vostra Serenità; ma a me pare sopra tutto ottimo religioso e vero vescovo; avendo veduto che, nè la persuasione dei cardinali di Vostra Serenità (la quale io feci per di lei nome) nè il papa, lo hanno potuto tenere in Corte, lontano da suo vescovato.

L’entrata ordinaria del papa è molta poca; essendo stati obbligati da papa Leone quasi tutti i dazii e l’entrate e gli uffizii che aveva nuovamente fabricati e venduti. Ma l’entrate estraordinarie sono varie. Ora ha posto una gran quantità di sale nel paese del Cheisa a prezzo grandissimo; dal quale, si fa stima che sia per cavare una grossa entrata. Vi sono poi le imposizioni che importano assai, o bene o male che si faccia; ma sono incerte, a perciò non si puo dire particolarmente e con verità cosa alcuna delle entrate del pontifice. E ciò basti, per quanto appartiene a questa parte.

Verrò ora alla Maestà Cesarea; intorno alla quale io sarò breve, avendo altre volte riferito ampiamente, quando ritornai dalla legazione di cinque anni continui presso di lei. Dirò tuttavia in che mi pare che sia mutata.[258]

L’età di Cesare è di anni 30, finiti alli 24 di febbraro preterito.[259] Di corpo, se non gagliardissimo, è però sano e benissimo disposto; nè ha altra patre cho lo disconci, che il mento. È prudente, riservato, ed attende con ogni diligenza alle sue faccende: talmentechè scrive ora di sua mano alla moglie in ispagna e al fratello in Germania lettere lunghissime. Il papa mi ha detto, che, negoziando con lui, portava un memoriale notato di sua mano di tutte le cose che aveva da negoziare, per non lasciarne qualcuna indietro. Non è dedito molto a piacere alcuno; va in caccia qualche volta, massime dei cinghiali: benchè a Bologna non sia uscito di case che rare volte, e per andare a messa in qualche chiesa. È molto religioso più che mai; parla molto di più e divisa di quello che faceva in Ispagna. Io qualche volta ho negoziato due ore continue con Sua Maestà; il che non facevo in Ispagna. Non è più cosiì fermo nelle opinioni sue, come già la natura lo inclinava. Unb dì, liberamente ragionando meco, Sua Maestà hi ha detto, essere di natura fermo nelle opinioni sue: e voledno io scusare, dissi: «Sire, l’essere fermo nelle opinioni huone è costanza, non ostinazione»; ed egli mi rispose subito: «e qualche volta son fermo nelle cattive.» Onde a me pare che, colla prudenza e buona intenzione, Sua Maestà abbia smortzato il difetto della naturale inclinazione. Quanto alla intenzione sua, a me pare buonissima, attendente massime alla conservazione della pace.

Verso questa Repubblica, ancorchè, per le cose passate, non si possa credere che abbia buone intenzione, pura a me pare che Sua Maestà abbia accetato le giustificazioni fatte, e compreso il giust e ragionevole timore di Vostra Serenità. Ed io gliene ho parlato liberamente, ed essa è stata molto ben capace, a giudizio mio, delle ragioni da me adotte.

Verso il re di Francia ha ed avrà sempre somma diffidenza, tenendo sempre certissimo che, ad ogni occasione che si porgesse al suddetto re, esso non mancheria di fargli danno e vergogna.

Anche al re d’Inghilterra porta Sua Maestà Cesarea mal animo; pretendendo il detto re di fare il divorzio colla sua amido (zia); il che egli si reputa a disonore assai.

Al re ferdinando, suo fratello, porta grandissimo amore; a fra loro è grandissima congiunzione.

Del re Giovanni d’Ungheria non è da parlare; perciocchè a ciascuno è noto, che Cesare non gli può essere amico, se non per altro, almeno per rispetto al fratello.[260]

Al pontifice (ora che ha fatto questo parentado col duca Alessandro suo nepote, e che rimedia alle ingiurie passate col dargli l’esercito suo) fa grandissimo onore e somma dimostrazione di riverenza; e così è credibile che sia per fare nel futuro.

Contro il duca di Milano aveva per lo avanti pessimo volere; perché motli dei suoi lo avevano posto grandemente in odio di Sua Maiesta. Ora, per la dimonstrazione che ha fato il duca di confidarsi in lei e di rimettersi tutto nelle sue mani, mi pare che si sia fatta ben disposta verso di lui.

Similmente l’ha molto bene disposto la confidenza che ha dimostrata il duca di Ferrara, il quale gli dette in mano le città di Moden e Reggio, e quasi sè medesimo.

Del duca d’Urbino fa gran conto, tenendolo molto perito nell’arte militare, come veramente è; nè credo che gli abbia mal animo, ma buono. E questo è quanto alla persona di Cesare.

I consiglieri suoi sono: il Gran Cancelliere,[261] ora cardinale. Inimico per natura dei Francesi. È buono italiano; nel negoziare è alquanto furo.

Ci è poi il commendatore Covos,[262] spagnuolo, gentil persona; il quale è fatto grande, dopo la partita mia di corte. Credo che anche costui ami la pace d’Italia, e che non sia mal disposto verso questa serenessima Repubblica; sebbene non le habbia affezione particolare, come non l’ha alcuno degli altri consiglieri; non essendo stipendiati da lei, come sono dagli altri principi.

Il terzo consigliere è monsignor di Granvella.[263] Costui è fiammingo e dottore legista; nè io l’ho conosciuto prima, perchè al mio tempo fu in Inghilterra e Francia. Egli ha fama di esser uomo di buona mente.

Il conte di Nassau[264] e monsignor di Bervien sono fiamminghi, ambedue amatissimi da Cesare; ma però non s’impacciano molto nelli negozii.

L’arcivescovo di Bari[265] è spagnuolo, nudrito lungo tempo nella corte di Roma, costui è prudente, gentile e buono.

Ci è poi il vescovo di Osma,[266] suo confessore; il quale ha lo spirito molto alto, e dimostra di essere ben disposto versa la Serenità Vostra e verrso le cose di questo dominio.

Ci è più monsignor di Prato,[267] fiammingo, uomo da bene e molto versato nelle lettere latine; ed ha fama universale di andare per buon cammino.

Ci è anche Don Garzia di Padiglia,[268] commendator maggior di Calatrava e dottore in leggi, che ha un cervello un poco di sua voglia; ma è però un buon gentiluomo.

Questi sono quelli che entrano nel songilio della Maestà Cesarea; ed ho giudicato di loro quel tanto che sia degno della scienza di Vostra Celsitudine e di voi altri ilustrissimi et sapientissimi signori. Onde, già pervenuto alla fine delle parti proposte in principio di questa mia relazione, mi resta solamente a dire alcune poche parole dell’illustrissimo signor duce di Milano.

A me pare, per quella poca practica che io ho avuta con Sua Eccellenza, che il duca sia uomo di buono ingegno e molto pronto e benissimo disposto verso questo eccellentissimo Senato; il quale egli giudica essere, dopo il signore Iddio, il suo unico sostentamento; e da esso dice vivamente di riconoscere la recuperazione del suo ducato. L’animo suo verso Cesare, sebbene da prima non lo era, ora credo che sia buono; sì perchè ha riavuto lo stato, come perchè è mal disposto verso i Francesi, ed inclina a questa parte imperiale per natura. Verso il marchese di Mantova non ha buona inclinazione, per il tentativo che ha fatto di avere da Cesare lo stato suo; siccome allora io ne scrissi a Vostra Serenità. Cogli altri principi d’Italia non so chy’egli sia intimo. Riguardo a qeilli che sono fuori d’Italia, Vostra Sublimità può giudicare meglio di me. Ai Francesi non può il duca essere amico, nè aver punto buon cuore, pretendendo il re Christianissimo ragioni sopra quel ducato, come fa cogli altri. Ma sopra di ciò non posso dare a Vostra Serenità più particolare informazione, essendo stato poco tempo con Sua Eccellenza. Appresso la quale è il primo d’amore il conte Massimiliano Stampa, poi Angelo Riccio,[269] e messer Domenico Sauli:[270] il Taberna è pure in ottima estimazione, e cos’ il Ghilino suo segretario, uomo da bene.[271] Il resto dell’informazione del predetto signor duca, io lo lascierò al chiarissimo oratore, messer Gabriele Veniero; il quale, al suo ritorno, satisfarà Vostra Serenità, come ha fatto e fa nelle operazioni sue.

Non terrò dunque più a tedio le SS.VV.EE; alle quali, se in questa mia legazione non ho in ogni cosa satisfatto, dirò ch’esse lo imputino, parte al difetto della umana natura che facilmente erra, e parte alla mia poca sufficienza; ed accettino la buona volontà, che, senza dirlo altrimenti, esse sanno essere in me, siccome è in ciascuna di esse. Le operazioni poi che seguirono secondo la loro intenzione, e massime la conclusione della pace, così necessaria alla salute d’Italia, attribuiscano alla Bontà Divina, ed a lei sola ne diano laude; perchè tanto bene non si può nè si deve riconoscere che da lei sola.

Notisi, che in voce io dissi particolarmente di tutti i cardinali che sono stati in corte al mio tempo; ma per non essere relazione molto pertinento allo stato, mi parve superfluo il darla ora in iscritto.

61. From Gianpietro Carafa, 17 October 1533[272]

Clarissime D., Superioribus diebus, quum ad nos venisse, Bartholomaeum Scagnam (Scaynum) Salodiensem virum optimum et hominem innocentissimum, rectoris sui[273] cupidatate vexatum, per praepositum nostrum[274], cui illius litteras dederamus, tibi curavimus commendandum et ne perfunctoria illa commendatio videretur Mag.ci Petri Gentilis tui plenam auctoritatis et gratiae operam addidimus, qui mihi heri vespere tuo nomine super hac re humanissime ufficiosissemeque respondit; quod quidem opportune accidit: nam Mag.co Petro abuente, litterae ab eodem Bartholomaeo venerunt, quibus omnino se vexatum ac perditum rectoris sui furore et insana cupiditate conquiritur, nec ullum est remedium, quin ab eo iniquissime crudelissismeque tractetur atque indicta causa inauditus indefensusque damnetur, nisi vos, viri clarissimi atque excellentissimi, quibue totius Reipublicae summa commissa est, socios, subditos supplicesque vestros e rapacissimorum luporum rabidissimis faucibus vel iam laceres (sic) semesosque eruatis. Jam enim nonnullos videtis, qui magistratum adepti, non ad regimen sibi provinciam, sed ad praedam traditam putent: qui quum auro atque divitiis nihil antiquius, nihil divinius habeant, pecuniis undique cumulandis tam ardenter inhiant, ut ad eorum famem explendam sitimque sedandam nulla auri atque argenti vis satis esse posse videatur: qui si in sociorum subditorumque vestrorum direptionibus atque rapinis diutius impune versentur, profecto illorum facultatibus contenti esse non poterunt, sed illo quasi praeludio excitati atque edocti, ad vestros thesauros invadendos vestrumque aerarium depeculandum expoliandumque proficient. Cui malo pro vestra praevidentia occurrite, quaeso vos, viri excellentissimi, nec sinatis hanc pulcherrimam rempublicam divinitus constitutam, praeclareque vobis a maioribus vestris servatam ac traditam quorundam perditorum civium audacia ac cupiditate corrumpi. Ipsi enim scitis, quot universorum querimoniae in auribus vestris assidue resonent, quot ad vestrum iudicium de pecuniis repetudis nomina deferantur. Eripite pauperem et egenum de manu peccatoris liberate: ne si perpulsare iniuriam quum debeamus, omittimus, ipsi intulisse videamur. Nam per Esaiam Dominus principes populi non tamquam fures, sed tamquam socios furum exsecratur ac damnat. Et in psalmo: Si vedebas, inquit, furem, currebas cum eo. Plura scribere me hominis innocentissimi, nec de vobis tantum, sed de religione, de virtute, de litteris, de vestro denique imperio optime meriti causa compelleret, sed occupationum tuarum rationem habendam duximus, et Michaeli amico rarissimo, qui tibi reddet has litteras, omnes in communi mandavimus, ut tibi nostro nomine causam virtutis, probitatis, innocentiae prolixius obnoxiusque commendet. Vale. Venetiis, 17 oct 1533. tuis virtutibus deditissimus. Jo. Petrus Episcopus Theatinus.

62. To Ercole Gonzaga from Venice, 29 May 1535[275]

Io non so se per questa assumptione mia al cardinalato[276] V. S. Rma se debbi congratular meco, over io cum essa: imperochè son certissimo che quella ne ha preso molto magior apiacere che io, al quale in verità questa inexpectata nova ha aportato nelli primi giorni almeno più presto confusione di animo che allegrezza, per molte ragione, ma pur considerando il tuto, io mi son risoluto che la sii stata una vocatione de Idio, il quale vole che io lo servi in abito clericale, et però certamente mi confido che la sua bontà mi adiuterà, cum il favore della quale io spero poter ogni cosa, ben mi gratia nel animo piacere incomparabile che mi è concesso cum questa dignità di vivere et morire apresso V. S. et cum essa versare nelli studii et nelle attione per la sancta universal chiesia de Christiani, nella quale per mutuam exhortationem vestram ac meam invicem, come dice San Paulo, spero che non saremo membri omnino inutili, manderò costì messer Vincentio mio fratello, perché basci li piedi a Nostro Signor, il quale cum viva voce conferirà cum V. S. Rma i pensieri mei, alla bona gratia della quale mi raccomando. Da Venetia alli 29 magio. Di V. Rma S. Humilis servitor. G. card. Contarenus.

63. To Ercole Gonzaga from Venice, 10 June 1535[277]

Revmo et illmo Signor mio ossemo. Non volgio fare cum Vostra Signoria Revma cerimonie in rengraziarla delle acolgientie fate a mio fratello et altri sui officii, perchè so che la offendaria. Della venuta mia costì non posso risolutamente scriverli, avanti la ritornata de mio fratello, perché, anchora che alla complexione mia debole si convenga haver rispecto a questi tempi caldi, pur in tuto seguirò, come obediente filgiolo et servitor, al voluntà di Nostro Signore. in la bona gratia del quale Vostra Signoria so che si sforcerà di conservarmi, non ampliando però tanto le cose mi che le non riescano, et si faccia vergogna a lei et a me. Interim bene vale nostri memor. Da Venetia alli 10 di iunio. Humilis servitor Gasp. car.V. Rma S. Contarenus.

64. To Ercole Gonzaga from Venice, 12 June 1535[278]

Rmo Sig. mio ossermo Anchora che io non habia che scrivere a Vostra Signoria Rma, ho voluto salutarla in queste pocce linee per ragionar cum lei a quel modo che mi è concesso per la absentia, del qual officio la prego etiam che essa non manchi di usare meco, fino che cum presentia si potremo godere, il che accelerarò quanto più presto me sarà possibile per la qualità del tempo. Interim la prego che la mi habia in memoria, come so che la mi ha, et mi ricomandi alli nostri communi veri amici. Marchio,[279] il quale è venuto qui per servirmi et informarmi di molte cose, si costì fa bisogno per il servitio di Monsignor Rmo di Ravenna in qualche cosa, Vostra Signoria Rma me ne scrivi un moto, perchè subito ritornerà. Io desidero commamente intendere qualche bona nova di quel Signor, come spero de intender presto, per quel che mi ha referito Marchio. Idio conservi V.a Signoria Rma in la sua bona gratia, alla qual humilmente mi racomando. Da Venetia alli 12 iunio 1535.

65. To Pier Paolo Vergerio from Venice, 22 June 1535[280]

Molto Rdo Signor. Ho veduto in le lettere di V. S. l’amore ch’ella mi porta, et l’allegrezza ch’ ch’ ella ha havuto per la dignitate mia[281]: diche molto la ringratio. Che quel Sereniss. Re et Rmi Signori Cardinali habbino havuto per causa mia quella consolatione di animo, che V. S. mi scrive, humilmente ringratio l’altissimo Iddio, che non solamente ha mosso la Sant. del Pontefice à chiamarmi à tal loco; ma ha anche mosso negli animi di quelli Signori tal piacere, quale ella mi scrive esser in quella corte: il qual Sig. Dio pregò, che sia contento di fare, si che io in parte corrispondi all’espettatione. Quanto alle cose del concilio et la oblation che V. S. mi fa di scrivermi particularmente il stato di quelle cose, invero ogni lettera sua mi sera grata; ma quelle, che mi verrano in tal materia, sempre mi apporterano seco maggior piacere. Et di cio ne havro ad esser obligato a V. S. la quale sicome prima per le sue virtu mi era molto à core, hora et per le istesse et per gli meriti suoi nella chiesa di Dio et per l’amore, che so, ch’ella mi porta, potra confidentemente dimandarmi ogni cosa, che per me in beneficio suo si possa fare: che io gli prometto di non mancarle, in quanto le forze mie se estenderano. Et allor mi raccomando. Di Venetia alli XXII Giugno 1535. Tanquam frater Gasp. Cardinalis Contarenus.

66. To Ercole Gonzaga from Venice, 5 July 1535[282]

Rmo et Illmo Signor mio. Non volgio restar di ragionar per letere cum Vostra Signoria Illma fin che passi questo pocco di tempo caldo, nel quale serò lontano di essa, sperando poi di goderla cum la presentia di continuo. Io in questa nova vita son sano et mi sono reduto in una stantia in Murano. La mutatione del vivere qualche fiata mi pare strano, pur ogni giorno me li adapto melgio. Son spese fiate cum il nostro don Gregorio,[283] cun il quale credo andare in villa fra poci giorni: legeremo qualche cosa piacevole per passare il caldo. Marchio persuadendomi certo che il Rmo di Ravenna, hora maxime che per la gratia de Idio le cose vanno bene, non habbi bisogno de l’opera sua, ho ritenuto meco, perchè sencia lui io seria omnino rude de molte cose pertinente a questo grado. Io so certissimo che al Rmo di Ravenna non è men grato che servi hora a me quanto si servisse a lui. Spero in Dio di godere sua Signoria R,ma cum allegrezza. Non ho che altro scriverli di me, però farò fine ricomandandomi a V. S. Rma sencia fine. Da Venetia alli 5 di iulio.

67. To Ercole Gonzaga from Venice, 7 July 1535[284]

Rmo et Illmo Signor mio Ossermo Non essendo partito il corier, alle alligate mie aggiongerò queste quatro linee ad ciò si Vostra Signoria Rma potesse fare qualche bona opera, la non pretermetta di farla. Il R.do Episcopo di Verona, cum la bontà et diligentia sua, ha reduto quel suo episcipato e diocesi ad una forma christiana quanto se hanno extese le forcie sue. Hora intendo che li canonici pretendono di levarsi dalla sua obedientia, da la quale sono retenuti nel officio de boni canonici; il che quando impetrassero, certamente ne seguiria grande disordine in quel episcopato, non solamente in loro ma etiam in altri, li quali cum questo exemplo leveriano il capo per ritornar alla licentia solita. Mi ha parso dare adviso a Vostra Signoria Rma ad ciò che, si cum la prudentia et dexterità sua la possa rimovere quelli dalli quali li canonici hanno favore dalla opinione loro, la il facia, over ponere qualche otlra remedio come li parerà convenirsi, la ne sii da me advertita; io son certissimo che la farà una opera gratissima a Idio. bene vale nostri memor. Da Venetia alli 7 di iulio 1535.

68. To Ercole Gonzaga from Venice, 9 August 1535[285]

Rmo et Illmo Signor mio. Le letere de Vostra Signoria Illma di 2 cum la inserta copia dello Illumo suo fratello et Signor mio dalla soleta alli XIX del preterito mi sono state supra modum grate. Sii rengrariata la bontà divina, in la quale spero che guiderà la republica christiana a nostri giorni a bon camino dal camino torto, nel quale la è stata et è hora, cum tanti schismi et travalgio da infedeli. Mandai subito al R.do Episcopo di Verona le letere di Vostra S.a insieme cum la copia dello Illumo Suo fratello sicome la mi comanda. Spero in Dio che la bona et christiana intentione di quel Signore non serà impedita et forsi che alla venuta mia, la qual si apropinqua, persuaderò alli adversarii sui che desistano. Il coriero mi fa pressia e però farò fine. Da Venetia alli ix di agosto 1535.

69. To Ercole Gonzaga from Venice, 21 August 1535[286]

Rengratio quanto più posso V. Illma S. della nove de Africa[287] le quale mi scrive copiosamente satisfacto del buono et religioso offico facto per V. S. Rma non dirò per lui, ma per la causa di Christo et del ben vivere del suo clero, come penso l’haverà scrito ad essa. io a Dio piacendo mi ponerò a camino fra pocci giorni, talmente che a mezo septembre verò a Rome, molti mi consilgiano che non mi ritrovi costì prima del detto tempo; a me invero pare uno giorno uno anno per ptoer liberamente godere la suavissima sua consuetudine et conferire seco tut il mei pensieri et publici et privati, li quali sempre li saranno communi come a me stesso, secondo che se conveniene ad una vera et christiana amicitia over servitù mio verso lei. intterim bene vale in domino. Da Venetia alli 21 di agosto.

70. From Vittoria Colonna, August 1535[288]

Reverendissimo Monsignor mio. Della legge divina s’intese più Cristo e Paulo che Bartolo e Baldo: però V. S. Revma bisogna pugni per li servi del Signore, intendo pensino dire che possan venire i frati licentia obtenta, questo seria una porta più chiusa che fusse mai, perchè quando questi poverini hebbero tutti i disfavori et le disgratie, se remetteva la licentia al Papa, et serà malissimo, dir quanto peximo seria remetterla a chi li carcera et li ruina: se dicesse petita, como el capitulo licet, la bolla eugeniana[289] ed ogni legge vole, serria comportabile benchè puro dannoso; per l’odio che li mostrano, ma obtenta è far proprio ottener dal dimonio contra Dio quel che vole. Similmente de l’obedientia e de l’abito che ne sono in possessione x anni con la bolla di Clemente[290], che bisogna dir sia a concilio per scrittura, se mai scrittura in ciò s’è fatta, basta dirlo a parole per non metter le cose certe in dubio, che seria un’iniustitia como sesse dicesse a uno: possedi la tua casa fin al tal tempo; sì che V. S. Revma che ha più conscientia, et vede più la verità è più obligato dirla senza respecti, che è un periculo di far danno a mille anime bone, niuno danno a tutta la religione, che con queste provate speranze mai, quelle se emendano, anzi ogni dì se ruinano che se vedessero che in verità li bisogna proveder di comodità de ben vivere a frati loro per detener i boni, serrian forzati a farlo; che così li abbatteno, li conculcano, et se fa da ogni banda summo disservitio a Dio; et però serria assai iusta conclusione che nelle altre cose si observasse la bolla di Clemente et nel venire licentia petita, como vole el capitulo licet, benchè sia pur con periculo. Serva de V. S. Rma, La Marchesa di Pescara.

La S.V. Revma sa che tanto è a dir licentia ottenta quanto scomunicar da mo tutti boni. Pensi V. S. como sonaria bene che scomunicassero quelli voglion far bene, et così à questo maxime a l’orecchia divina; è troppo dir petita, che subito l’incarcerano, ma ottenta non se è ditta mai; immo la peggio scrittura contra questi fu che quelli non venissero sin al Spirito Santo[291] sin che se reformavano, et che adesso poi che dato tanto lume di loro selli facesse peggio che mai pensi V. S. che errore. Nostro Signore Dio li faccia dir quel che so che vorria, che però la immensa bontà di Dio non li fece haver audientia quel dì, perchè ce pensassero meglio, et sapessero che mai se prefisse tempo alla bolla, nè se disse licentia ottenta, et se’l capitulo licet se potesse allegar contra questi, milli anni sono che li haverian chiuso la bocca, che bisogna dir ottenta a quello che se fa, non se pò attenere.

71. To Cardinal Jacobo Sadoleto from Rome[292]

Saepenumero ita evenire solet, ut ea, quae in horas facturus tibi videare, protrahantur longius quam initio unquem vereri potueris. Tuis ego litteris humanitatis et amoris plenis decreveram statim respondere, cum primum mihi redditae fuerunt a Paulotuo immo nostro. Verum dum paulisper differre id quod confestim facturus fueram exigui admodum momenti mihi esse videtur, tacite lapsi iam sunt complures dies, imprudenti mihi neque interim existimanti, quam turpe sit negligentiae crimine ab amico homine, quem non tantum diligam, sed etiam colam, iure notari posse. Quamquam scio, apud te, qua es humanitate, neque hoc negligentiae crimem unquam mihi fraudi futurum, quod vel ex hac tua epistola facile intelligere potui, cum ea officia, quae longe minora sunt, quam tuae singulari virtuti a me debeantur, tanti aestimas, ac propterea vocas me humanissimum hominem, qui certe ferox et immanis futurus eram, si uspiam officio huic defuissem. Quid quod adeo diligenter singula quaeque verba in eis quas ad te misi literis notas omniaque refers ad commendationem mei? Quid quod et interpretationes tuas in locis illis, qui a magistro sacri palatii, viro certe probo et diligenti, annotati fuerant, ad me miseris primum ac meum iudicium in illis quaesieris? Innumera alia sunt, quae consulto praetereo, quae adeo expresse et luculenter animi tui candorem atque humanitatem summam ac singularem erga me benevolentiam effingunt, ut singula quaeque me verbis consequi posse diffidam. Tuae id eloquentiae esset, non nostrae infantiae. Quocirca hoc tantum verbo rem concludam, posse me facile pati ab eo, cui in omnibus his virtutibus, quarum in me fortasse quaedam adumbrata vestigia deprehendi queunt, ac praeterea in sublimioribus nonnullis, quas ego neutiquam attigi, facile concedo etiam humanitate et ingenii facilitate superari. Magister legit interpretationes tuas, quibus sibi ipse satisfactum esse dicit, laudatque summopere, quod impressione hac Lugdunensi sis in melius commutaturus ea verba, quae videantur lectoribus (aliud) prae se ferre, quam id quod sentis. Qua in re valde cupio, ut nullum relinquas locum obtrectatoribus, quod certus sum, te uberrime praestiturum esse. Scripsi ego ad consanguineum meum, ut admoneat impressorem illum Venetum, si quispiam est, qui hanc tuam lucubrationem impressurus sit, ut tantisper differat, quoad Lugdunensis liber exierit, quod si forte privatis precibus ac hortationibus conficere non potuerit, ut utatur publica auctoritate. Legi in lucubratione hac tua in epistolam Pauli locum illum de caritate, quae diffusa est in cordibus nostris per spiritum sanctum qui datus es[293] nobis. Videris mihi copiosissime eo in loco exposuisse, quanta in nobis spiritus dei in baptismate datus efficiat, ex quibus facile unusquisque intelligere potest inesse sibi spiritum dei, ac quamvis non utaris eo locutionis genere, quo theologi iuniures uti solent, videlicet de sanctitate nobis restituta, et quod gratia praevenit cogitationes etiam nostras, eundem tamen sensum ea quae dicis prae se ferre. Ingenue fatebor tibi amicissimo homini culpam meam, cum Venetiis essem, summo desiderio tenebar legendi hanc tuam interpretationem ac mirifice dolebam nullum ibi ad eam diem, quod sciam, exemplar esse. Postquam autem hac sum dignitate auctus, unum produit, quod tamen quod a multis peteretur, tum quod distractus animo essem in res varias, legere Venetiis commode minime potui. Postquam vero Romam veni, habui a Paulo codicem, cui adhuc non admovi manus cum ob animum parum sedatum ob fratris carissimi interitum, tum quod in dies quod fueram facturus distuli ad hanc diem. Magnopere me nunc excitavit eius loci lectio, quam admonuisti, adeo ut decreverim peractis his diebus solemnibus nativitati servatoris nostri dicatis omissis omnibus attentissime legere totam hanc tuam interpretationem insignem et miram. Nos valemus tui frequentissime memores tuaeque iucundissimae consuetudinis fruendae cupidissimi. Votis nostris deum optimum precamur, ut faveat. Vale nostri memor.

72. From Reginald Pole, 1 January 1536[294]

Natali ipso Christo die tuas venerandas accepi literas. Quem diem per se omnibus maximis de causis gratum, multo lætius ut agerem, in causa fuere literæ tuæ, in quibus ea de Pontificis, & aliorum ex amplissimo ordine studio voluntate in Christianam Remp. scripsisti, ut plane sperem non tam per unum diem vertente anno, quam singulis diebus perpetuo anni cursu nos hunc diem festum acturos. Deus faciat se nasci in eorum animis qui Reip. praesunt; hinc enim defluere oportet, quam in reliquo corpore desidermus sanitatem, de qua quidem frustra speramus languentibus praecipuis membris; sed hoc Deus gubernabit. Meas literas tam gratas fuisse Pontifici, quam scribis, valde gaudeo & eo magis, quo minus aliquid ejusmodi poteram expectare. De tuo sacro otio quod scribis, valde tibi gratulor; sacrum vero appello, quod sacris studiis dedicatum habes, cujus me participem non esse hoc tempore, valde angor animi. Quanquam, ut verum fatear, magis tibi gratularer, si obrutum negotiis audirem, modo ejus generis essent, quæ te digna forent. Sed mihi crede parturit jampridem Ecclesia, quæ te ex isto otio excutient, & quidem præter cæteros te, qui non casu, aut hominis gratia in eum locum ascendisti, sed eo vocante, qui Ecclesiam pro sponsa habet, qui, quorum illa ministerio egeret, optime sciebat, & quod tu sustinere posses ignorare non potuit, ut qui omnia, quibus magnus es, tibi contulit, eadem a te cum fœnore in negotiis Ecclesiæ, quæ on parvi sane momenti eam circumstant, repetet, cum tempus erit idoneum. Tunc certe erit idoneum, quandocumque ille occasionem ministrabit, quod quo sæpius videro (nec enim occasiones unquam deesse possunt) eo magis sane gaudebo. Interim vero te in studiis sacris otium consumere, vehementissime tibi gratulor, & mihi, ut spero, aliquando ea de re gaudebo, quando tempus illud, quod spero, & expecto, advenerit, quo, te duce, iisdem etiam in mediis negotiis frui licebit, a quo etsi locorum spatio sum adhuc disjunctus, animo tamen semper tecum sum praesens. Cum Campense[295] nostro diligenter per literas agam, ut jubes, quem non dubito semper in tua potestate futurum, sic enim mihi sæpe de te loquenti recepit, se, quandocumque, & quocumque tu vocaveris, statim advolaturum. Impetrasse te a Pontifice, ut nostri Angli libere, & tuto Anconæ, ut solebant, possent negotiari, est mihi gratissimum. Diploma jam expectamus, quod si haberemus statim illi ad negotia Anconam se conferrent; nec dum enim hinc se movere voluerunt, antequam exploratum haberent, quid possit impetrari. Ex Anglia accepi superioribus diebus literas, & cum iis libros aliquot, quorum unus est praecipuus, Episcopi Vintoniensis[296] nomine editus, & inscriptus de Obedientia, in, quo idem argumentum tractatur, quod in Sampsonis libro,[297] Regem videlicet supremum caput Angliae Ecclesiae esse, Pontificis Rom. nullam esse authoritatem praecipuam. Vides, per quos nunc hæc authoritas oppugnatur, qui jurati eam defendere deberent, pertinacissime oppugnant, & iidem nunc libros de Obedientia inscribunt. Quod misero populo fiet, qui tales habet pastores, qui nescio an primi sint ex Episcopis, qui hoc misero sæculo, quo tot hæreses renascuntur, ab unitate Ecclesiæ, & Pontificis authoritate desciverunt? Sed hoc malum, utcumque sustineri posset, nisi (quod nunquam ante) Regem patronum, & defensorem haberet, hinc κακων ίλιάς, ex quibus quanta pernicies impendet Ecclesiæ, nisi brevi subveniatur, quid attinet scribere, cum tam brevi tempore, quantam vastitatem fecerit, non sine magno nostro, & bonorum omnium mœrore experti sumus. Sed ut revertar ad libros, ii ad me transmissi, ut me erudirent in ea sententia, quam Rex me sequi cupit, & utcumque sentiam, me tacere non permittit. Ego vero hanc mihi necessitatem scribendi ab illis imponi libenter fero, qui etiamsi tacere juberent, ut nunc quidem res sunt, nescio an obtemperarem. Quod vero nihil sit in eorum libris, quod vel mediocriter intelligentem a respondendo deterreat, ex Stephani Episcopi libro, quem ad te mittam, ut si quando libeat, eum legas, facile perspicies. Ego quod sum scripturus, ut in laudem suam Christus trahat, precari non desinam, qui te semper incolumem servet. Datum Venetiis Kal. Januar.

73. To Benedetto Accolti from Rome, 1 January 1536[298]

Non havendo io commodita di ragionare cum V. S. Rma … io con la gratia di dio son sano et vivo la vita mia consueta cum li amici, et quando mi avancia il tempo, cum qualche libro christiano sforzandomi de attingere a qualche cognitione della doctrina et vita christiana, da quale quanto piu ne lego, tanto piu mi pare essere lontano, et vivere quasi addormentato et agelato, ne ritrovo perho via di svelgiarmi et accendermi sin hora, se non per la speranica cho ho in la benignita divina, la quale al’hora prepara il modo di fortificare, svelgiare et accendere l’homo, quando esso e bene capace della sua debolezza et infirmita, la quale da per lui non puo superare et sanare. Questa in somma e la mia vita.

Sommamente desidero de intedere, che V. S. Rma sii pervenuta al loco, dove l’ha destinato il suo camino, sana et si habbi riservato l’animo dali travalgi et postasi in quiete in qualche studio degno di lei, maxime nella lectione della scrittura sacra, non tanto per curiosita de intendere, quanto per formarsi l’animo secundo quel typo et exemplare, il qual si ritrova in essa descrito. Al che son certissimo (come ho etiam compreso dalli ragionamenti facti cum lei avanti la sua partita de qui) la fortuna adversa sua li dara grandissimo adiuto. Questa compositione de l’animo conforma alla doctrina christiana e quella, la quale sola fa l’homo in terra divino et superiore a tutte le cose corporee, le quale ad un tale animo pareno come sono tute umbre molto inferiore alla divinita de l’animo nostro. Et perho a questa come a bersalgio devemo dirigere tuti li pensieri cum quelli che hanno simil gusto et intentione, legendo li santi christiani pieni di grandissimo lume et fervore et da per nui ruminando et versando in simile cogitatione. Aricordo etiam cum l’amore et reverentia che li debbo, che essendo nel suo archiepiscopato di Ravenna over propinquo la volgi rivedere il suo grege et ordinare molte cose, le quale io intesi passando deli nel viagio per Roma, che non erano bene assetade, non dico tanto delle intrade e beni temporali, ali quali si deve havere la cura debita ad esse come ad instrumento a molti beni, quanto al ben vivere del clero et del populo et de l’altro culto divino. V. S. Rma e pastore, perho die pascere il suo grege et defenderlo da li lupi et altre fiere, perche ne rendereti ragione a dio. Si V. S. Rma (come credo certo la sii per fare) si ponera a cotali exercitii: in verita la rengratiara sempre dio di questa sua fortuna, la quale la chiamara buona et prospera, non mala et rea, et si ritroveralieto et giogioso. Di Roma alli 1 Gennaro 1536.

74. From Marcantonio Flaminio, 16 January 1536[299]

Rmo S.r mio ossermo. Volendo domandare il favore et aiuto di V. S. reverendissima contra il furore di questi signori canonici di Verona,[300] mi vengono a mente quelli versi di Virgilio Iunonis gravis ira, nec exsaturabile pectus cogunt me, Neptune, preces descendere ad imas,[301] li quali versi con verità si ponno applicare a questi canonici, che non si ponno satiare di offendere il suo vescovo per fas et nefas; et tutti questi odii nascono dal non volere stare uniti col suo capo, et forse dal dolore che hanno vedendo che questa chiesa è fatta di spelonca domus dei, dapoi ch’el governo delli preti è stato transferito da loro a sua signoria. Hora costoro, vedendo ch’el reverendissimi Grimani[302] si è acquetato, in luogo di haver patientia sono intrati in maggior furore che fussero mai, et hanno mandato il reverendo M. Lorenzo Foscarini[303] a Venetia, el quale ha fatto capo al signor cavalliere Iustiniano[304], sapendo che esso era doventato nemico reverendissimo patron mio, perché non havea potuto impetrare beneficii da sua signoria; et finalmente hanno fatto tante prattiche, che hanno impetrato una lettera dall’excellentissimo Pregai[305], la quale commette al clarissimo signor ambasciator Bragadini[306], che raccomandi la causa de canonici contra il suo vescovo alla Santità di Nostro Signore, et hor il prefato Foscarini se ne viene a Roma per dire del povero vescovo tutto quello che li parerà. Et perché adesso si tratterà de summa rerum et della salute o ruina di questa diocesi, io supplico non solamente per nome del reverendissimo patron mio, ma anchora di tutti noi altri suoi servitori, et di molti altri homini da bene, che stanno con paura grandissima per il ben publico, che V. S. reverendissima secondo la sua solita cortesia si degni di pigliare la protettione di questa chiesa di Verona. Et se quella per li tempi passati è stata sempre prontissima a defendere et favorire il reverendissimo vescovo, molto più prontamente adesso ha causa di fare questo santo officio, essendo stata assonta a questo honoratissimo grado di cardinalato[307] solamente per le sue excellentissime virtù, et perché aiuti con la sua prudentia et bontà a rimediare alli desordini grandi che sono hoggidì nella chiesa santa. Se adunque il vescovo di Verona ha questa spetial gratia dal Signor Dio, che da se stesso corregge et sé, et quelli che sono commessi al suo governo, a me pare che ogni homo da bene, et sopra tutti V. S. reverendissima, debbia defenderlo prontissimamente contra l’impeto et furore di costoro, li quali non ponno patire di vedere questa chieresia ordinata, modesta et religiosa. Quello che desideriamo ottenere da V. S. reverendissimaè prima che quella si degni di prevenire al Santità di Nostro Signore informandola di questa letera impetrata dall’excellentissimo Pregai, et facendogli cognoscere che tal letera non sia da stimar tanto quanto forse stimaria sua Santità, se non fusse informata come si sogliano impetrar qualche volta simili letere etiam invitis bonis viris. Appresso, che quella si degni di pregar sua Santità che risponda al clarissimo signor ambasciator di non voler concedere questa gratia alla illustrissima signoria, non tanto per amor del vescovo, quanto per l’affettione grande che sua Santità porta a questo illustrissimo stato, al quale risulta grandissimo honore et utilità che in una delle sue città principali si trovi un vescovo, el quale non pensi mai ad altro che a riformare li costumi de religiosi et seculari, et inciti gli altri col suo bellissimo exempio a fare il medemo; et che più tosto doveriano procurare che l’autorità li fusse accresciuta che minuita, poiché la usa con tanto honore del Signor Dio et utilità di tante anime. Et perché importerà molto il modo che terrà il clarissimo signor ambasciator referendo a sua Santità la commissione della illustrissima signoria, prehgiamo V. S. reverendissima che si degni di operare che sua magnificentia habbia tutto quello rispetto che portà al reverendissimo vescovo, facendo quello che li è stato imposto con tal tempremento, che non manchi dal debito suo, né facci però niente più di quello che pò schivar di fare. Et perché il prefato Foscarini viene in compagnia delli signori ambasciatori, et è cosa credibile che s’ingegnerà di fare che sue signorie si trovino presenti quando il signor ambasciator Bragadini esporrà la sua commissione, et che anchora essi parlino per li canonici, pertanto supplichemo V. S. reverendissima che voglia anchora provedere che questo non succeda. Appresso potrà accadere ch’el prefato Foscarini farà querele contra il reverendissimo vescovo appresso V. S. reverendissima, dicendo che per li tempi passati è stato sempre più tosto inclinato al vescovo che alli canonici, et che sua signoria non ha usato con seco quella gratitudine che dovea in farli qualche parte delli beneficii che sono vacati; a questa querela si potriano rispondere molte cose, ma per non esser troppo longo, che già ho passato la mesura, affermerò una cosa sola a V. S. reverendissima: ch’el reverendissimo patron mio è stato sempre desideroso di beneficarlo, ma sempre è restato per non poterlo fare con bona conscientia; et se dicessi la causa, son certissimo che quella la approveria per ottima, me è meglio tacere. Et perché ho detto che la lettera dell’excellentissimo Pregai è contra il vescovo, alcuno potria dire che non si fa pur mentione di sua signoria nella letera, et che solamente si prega sua Santità che restituisca li suoi privilegii alli canonici; ma in questo latet anguis, né questa domanda vol dire altro se non ch’el vescovo si spogli dell’autorità che ha nella chiesa di Verona, sì che V. S. reverendissima farà una opera santissima se exorterà sua Santità a risponder al signor ambasciatore che la lite delli privilegii è stata ventilata un anno continuo, et finalmete si è determinato quello che dettava la ragione et l’honor di Dio, sì che non bisogna parlar più dei privilegii.

Io restai contra il mio consueto in Verona per trovarmi alle lettioni del Campense[308], et per gratia del Signor Dio ho patito assai meno che non solea gli altri anni, forse perché l’inverno è più mite del solito. Habbiamo veduto li propheti maggiori et minori con molta nostra satisfattione; da poi ha letto san Paulo, hora legge le epistole canoniche, et poi comincierà il Genesi, et sper che leggerà tutto il Pentateuco inanzi che si parta. A V. S. reverendissima humilmente baso la mano. In Verona. Alli XVI di genaro MDXXVI. Di vostra Dria Rma humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

75. From Reginald Pole, 31 January 1536[309]

Ex literis tuæ Amplitudinis ad Magnif. D. Dandalum scriptis intellexi, meas, quas superioribus diebus ad te dederam, cum una Stephani Vintoniensis librum mitterem, tibi fuisse reddutas. Nunc etsi nihil magnopere est, quod scribam, tamen Petro Bechimio Bohemo[310] isthuc proficiscenti non potui non aliquid literarum dare, præsertim cum id ille magnopere a me contenderet, non solum ut scriberem, sed ut per literas illum tuæ Amplitudini commendarem. In quorum altero facile sum illi assensus, ut ne hominem, tuæ benignitati notum sine meis literis praetermitterem, ut vero eum commendarem, quem propter singularem probitatem, & non vulgares literas, jampridem tibi probatum, & charum fuisse cognoveram, neutiquam assentiri potui, qui tuam benignissimam memoriam in recognoscendis iis, quos aliquando virtutis causa notos habuisti, toties sum expertus. Quare de illo satis. Mea scripta quod te video ex iisdem Dandali literis expectare, quid mihi gratius, aut optatius contingere potest? modo hoc a te impetrare possim, ut tantisper, dum legas, amici personam deponas, inimici induas. Sic enim facilius errata deprehendes, de quibus solis cupio admoneri, illa enim ad me pertinent, quæ vero recte se habent, ad me quidem nihil. Qualia vero sint quæ scripsi, ne ipse quidem scio, donec tuam censuram evaserint. Nec vero adhuc absolvi, sed eam partem quæ maxima est, in qua de authoritate Summi Pontificis agitur jam absolvi, quam ad te propediem per magis expeditos tabellarios mittam. Mirabor vero si non prius habueris, quam hæ tibi literæ reddantur. Interim in reliquis, quæ restant, non cessabo elaborare, ut finis tandem toti operi imponatur, quod Deus tandem in suam gloriam vertat, qui tuam Amplitudinem incolumem servet. Venetiis pridie Kal. Febr.

76. From Reginald Pole, 8 February 1536[311]

Cum mihi semper, ut debent, gratissimæ sint literæ tuæ, tum vero quas ad me pridie Cal. dedisti longe omnes suavitate superarunt, quas, ut video, magis tuus erga me amor, & indulgentia expressere, quam ulla commoditas, aut necessarium scribendi argumentum. Scribis enim, te quanquam scribendis in literis magni momenti fessum non tamen a tuo in me amore impetrare posse, ut cum ad eos, qui tibi hic chari sunt scribis, me tacitum praetermitteres. Atqui certe, siquis alius indignus tuis literis, ego maxime, quo tardior nemo in hoc officio est, sed qui non literis, sed voluminibus te onerare in animo habeo, in quibus componendis jam aliquot menses operam posui, ad hoc literarum officium me minus attentum fuisse inficiari non possum. Quanquam quidem nec prorsus in eo mei oblitus fui, qui ante paucos dies dederam ad te literas nobili cuidam juveni, & tibi non ignoto, Petro Behemo,[312] qui istuc recta se profecturum dicebat. Sed eundem postea compertum habui iter in aliquot dies distulisse, literasque apud se habere. Hoc vero scribo, ne in me ipsum, te indice, nimis serveram sententiam pronunciarem, si tandiu tecum silerem, qui omnes summæ observantiæ causas mihi jampridem dederis, & toties meas tibi literas gratas esse in tuis ostenderis. Sed venio nunc ad has proximas, in quibus scribis te Stephani librum, quem ad te misi, perlegisse, & tibi videri non sine summo artificio scriptum, sed argumentis levissimis contextum. In quo quidem tibi valde assentior, artificiose scriptum esse. De hoc uno libro, ac de ejus authore id judicium facio, quod in proverbio de bono aleatore dici solet iis verbis, aleatorum quo meliorem, eo nequiorem esse. Eodem modo de hoc Scriptore, quo artificiosius malam causam tractavit, eo nequiorem esse judico. Quanta vero nequitia abundet, vel hoc maxime declarat, quod cum artificiosissime scribat, nec eam celare, nec proditam ulla vel minima honesti umbra tegere possit, ut sui & maxime accusator, & proditor esse existimandus sit, quemadmodum conclusio libri manifeste declarat. Quare contra hos, ne opus quidem esse video, quis scriptis se adversarium profiteatur, cum ipsi sibi maxime sint adversarii, vel si quod ipsi afferunt, eo tantum spectet, ut quam facile admodum dilui posset. Sed utcumque illi sunt futiles, argumentum magnum est, vel potius magna sunt, nec unum sed plura, & ea gravissima sunt; ad quæ nunc tractanda me horum libri impulerunt. Illorum enim rationes evertere non est valde difficile, sed meam sententiam, quæ est eadem cum Ecclesiæ sententia, ejusmodi rationibus confirmare, quæ & plausibiles populo, & perspicuæ sint, ac vim aliquam secum afferant; qui hæc omnia conor, magnitudine oneris me premi sentio, ad quod sustinendum, ac superandum, & multis adjutoribus, & tempore, atque otio mihi opus esse sentio. De otio vero adhuc queri non possum, quo jamdiu sic fruor, ut nusquam magis, neque tranquillius; quamvis acerbissimi nonnunquam nuncii tranquillitatem animi sæpe interrumpant. Sed his nulla faciliori ratione mederi possum, quam cum contra illorum libros scribo, qui & mihi, & omnibus, qui Reip. bene volunt, omnium dolorum fuerunt causæ; in quibus quantum aliis proficere possim, qui non tam mihi, quam aliis scribo, tunc judicabo, cum censuram tuam evaserint. Cogito vero, per proximum tabellarium eam partem scriptorum meorum mittere, in qua pro Primatu Pontificis Romani contra ipsos disputo, & illorum rationibus respondeo, quod quasi corpus est ejus operis, quod sum aggressus, cui nec caput adhuc addidi, nec pedes, quod hæc duo maxime ex visceribus causæ elicienda putavi. Nunc vero in principio versor, quod pene cum corpore conjunxi, brevi autem, ut spero, totum opus videbis. In omnibus vero te cupio judicem esse, si prius a te impetravero, ut eum, quo plus reliquis omnibus rebus delector, amorem erga me tuum tantisper deponas, quamdiu quæ scripserim, omnia perlegeris. τυφλόται γαρ το φιλον περι το φιλόμινον, ut inquit ille. Sed si hunc omnino deponere tibi est difficile, qui omnium tuorum es amantissimus, saltem hoc mihi concedas, ut in damnando, quæ minus recte scripta sunt, quam in approbando, quæ apposite, amorem erga me tuum ostendas. Sed hæc tunc sunt admonenda, cum scripta misero. Atque ita plane fecissem, & isto distulissem, nisi tuam in amore indulgentiam perspectam habens, nimis sæpe de hac re admoneri non posse iudicarem.

Cum hæc scripsissem, & finem jam epistolæ imponere statuissem, ecce tibi a Verona Campensis noster ad me venit, eo consilio, ut hinc statim recta ad te proficiscatur, & una cum eo Patavio Priolus[313] noster, quem etiam, ut video, ad aliquem diem hospitem es habiturus, ut in annos Campensem, a quo miranda audio de eo progressu, quem in libris veteris Testamenti cum Venorensi fecit, qui ægre eum, & tamen libenter, cum ad te proficisceretur, dimisit. Priolo sua, sponte non abhorrenti ab hac profectione Romana, tali præsertim tempore, in comitatu jucundissimo eorum, qui etiam eum redeuntem sequi sunt polliciti, ego calcar maximum addidi, qui mea scripta illi ad te perferenda, quæ absoluta erant, commisi. Sed ignosce iis literis inquinate, & male scriptis; festinatio enim tabellarii me cœgit. Deus te incolumem servet. Venetiis viii. Febr.

Cum Timoteo nostro de Epigrammate egi, quod dicit ad tuam Amplitudinem una cum literis ante aliquot dies misisse.

77. From Marcantonio Flaminio, 16 February 1536[314]

Rmo S.or mio ossermo. Benché il reverendissimo patron mio[315] havesse cognosciuto per molte prove l’affettione che li porta V. S. reverendissima, et la prontezza di quella circa le cose pertinenti all’honore del Signor Dio, pur ha letto con grandissima satisfatione la letera che quella mi ha scritto[316], per la quale si cognosce chiaramente vhe V. S. reverendissima non solamente conserva, ma etiam aumenta insieme con l’amicitie particulari l’amore et la cura circa quelle opere che sono degne della professione christiana, et proprie di quella dignità alla quale il Signor Dio l’ha chiamata. Et benché ci sia di grandissimo contento et securezza il vedere che quella pigli così caldamente la protettione di questa chiesa di Verona, pur ci dà maggior allegrezza l’avere inteso il grano zelo et cura che prende della chiesa univerale, et la sperazna che mostra nella bontà et prudentia di Nostro Signore el quale, se vorrà seguire i consigli di V. S. reverendissima, siamo securi che sua Santità harrà l’honore et merito appresso il Signor Dio di haver ridrizzato in gran parte la religione santa, la quale horamai resta integra et salva in pochi. Ma perché questa è una impresa difficillima, et che harrà grandissimi contrasti, resta di pregare il Signor Dio, che conceda a V. S. reverendissima un animo constante et fervente, di modo che non cessi, in ogni bona occasione che si offerisca, d’instare et exhortare et sollicitare a dar principio a quelle cose che sua Santità cognosce esser necessarie all’officio suo, idest alla riparatione di questo santo edificio ruinoso; et certo seria gran cosa potersi imaginare impresa né più magnifica, né più desiderabile di questa, perché se guardiamo all’honor del mondo, qual gloria si potria parangonare a quella che acquisteria un pontefice che riformasse la religione et li constumi di tante provincie, et acquetasse tanti tumulti et dissensioni perniciose! Né si troverà mai principe alcuno, per bono et potente che sia, el quale habbia tanta facultà di farsi carissimo al Signor Dio, quanta facultà ha colui che è vicario di sua Maiestà, volendo fare il debito suo. Per il che essendo sua Santità prudente, et havendo appresso di sé chi li ricordi il debito et honor suo, possiamo haver bona speranza che la speranza di V. S. reverendissima non serà vana. Questo non resterò già di dire, che tutti gli homini da bene hanno fissi gli occhi della mente in quella, perché cognoscendo et affermando ognuno ch’el suo cardinalato non è proceduto da homini, ma da Dio, meritamente si crede che sua Maiestà voglia usarla per instrumento di qualche effetto novo et segnalato, et se la nostra desgratia (quod Deus avertat) volesse che V. S. reverendissima non avanzasse tanto gli altri suoi colleghi negli effetti et bone operationi, quanto gli ha superati nel modo della sua assontione a così ampla dignità, certo potriamo ben credere ch’el Signor Dio ci havesse abbandonati del tutto, et che non volesse far gratia a questi nostri tempi miseri di veder alcuno lume in tante tenebre. Sì che V. S. reverendissima pò esser certissima che Dio et gli homini aspettano da Lei tutti quelli excellenti effetti et operationi virtuose che si denno aspettare da un homo perfetto; et se quella non vorrà fare resistentia alle sante inspirationi, come son certo che non vorrà, habbiamo tutti certissima speranza che quella non solamente risponderà alla espettatione che ha excitato di sé, ma etiam di gran lunga la avanzerà. Et benché quasi ognuno, che leggesse questa mia letera, mi terria inetto et prosontuoso, vedendomi far simili discorsi con V. S. reverendissima, pur cognoscendo io la gran bontà et humanità sua, ho fatto quel ragionamento, che pur troppo cognoscea, che né bisognava a quella, né si conveneva a me; et tanto più arditamente ho errato, perché so che V. S. reverendissima mi perdonerà facilmente, essendo lei in parte causa del mio errore, perché si è degnata di commandarmi ch’io le scriva letere lunghe, et quello che mi viene in bocca. Il discorso che fa V. S. di quel lume divino, che sparge diversi raggi in diversi homini, è certamente bellissimo et molto efficace a mitigare il dolore che si piglia delli amici absenti; ma io confesso ingenuamente di esser tanto sensuale che questo rimedio intelligibile non ha in me quella forza che doverita in mitigare le mie piaghe, far le quali posso dire con somma verità che sia la più grave et più molesta l’absentia di V. S. reverendissima, alla quale aggiungendosi adesso la partita di M. Galeazzo[317], io mi trovo tanto addolorato, che s’el tempo non mi consola, harrò gran fatica di poter vivere più in queste nostre parti, maxime preponendo io a tutte le altre contentezze del mondo quella che nasce dal vivere con gli amici veri et unanimi, li quali sono tanto rari. Quanto alle annotationi del Campense, sarei stato prontissimo a far quanto me scrive V. S. reverendissima; ma non è bisognato, perché il Campense di sua mano annotò nelli testi di monsignor tutte quelle cose che meritavano di esser osservate et corrette, et ha portato con seco il libro per satisfare al desiderio di quella.

Quanto al priorato non l’ho voluto anchora accettare, perché fin qui non si è potuto liberarlo da quella pensione grave che gli è sopra; et quando anchora mi sia dato libero, non però harò gran causa di contentarmi ragionevolmente, come desidera V. S. reverendissima, perché io non ha robba alcuna ferma et secura, et mi vo pur vicinando alla vecchiezza; et però mi era carissimo questo priorato, perché diceano che non rendeva meni di CL ducati l’anno; ma poi se è trovato che a pena aggiunge a C ducati, di modo che computando le spese ordinarie che li sono annexe, a me rimaneranno a pena LX scudi; et quando s’imporranno taglioni, li quali sono pur frequenti, mi contenterò che me ne resino XL. È vero ch’el luogo mi sarà caro per la sua amenità, essendo posto sopra la riva del Benaco, et molto più per rispetto del Fragastoro,[318] el quale ha la sua possesione vicina un miglio, dove delibera di vivere la maggior parte dell’anno.

Io havea gran desiderio di provare se li discorsi di Aristotele si potessino scrivere con la proprietà et elegantia della lingua latina, aggiundendoli anchora qualche ornamento oratorio, che fusse però proportionato alle materie; et avendo veduto questo settembre passato il XII della Metaphisica, giudicai che quel libro fusse accommodatissimo per fare tale esperientia, perché, come sa V. S. reverendissima, quel libro contiene molti discorsi et questioni di philosophia naturale, et poi materia ample et difficili di metaphisica, et vi sono anchora interposti qualche ragionamenti di astrologia, di modo che mi pareva, che se tante et così diverse materia si potessino scrivere latinamente, potriamo esser quasi securi che ancora le altre ne serieno capaci, purché l’homo volesse durarvi fatica. Havendo adunque fatto questo discorso mi posì a fare una paraphrasi sopra il detto libro, et la condussi al fine assai tosto, non so già se assai felicemente; pur M. Galeazzo e’l Fragastoro l’hanno veduta con diligentia, et mi hanno fatto tanto animo che se fussi ocioso, idest in libertà di dispensare il tempo a modo mio, forse tenterei qualche altra simile impresa, poiché loro me ne hanno exhortato. Di questa mia paraphrasi[319] non scrissi a V. S. reverendissima nella mia prima letera, non già perché non desiderassi di parlarne, ma per un certo rispetto rustico, cioè perché mi havea imaginato che quella fusse talmente occupata che non fusse più bene fatto scriverli così famigliarmente delle cose mie, come solea fare per il passato; ma la sua letera humanissima mi ha dato animo di ritornare a quella sorte di scrivere, che a me piace sommamente, benché forse sia troppo domestica et famigliare; et se avessi quella copia di concetti et d’inventione, che ha M. Galeazzo, scriverei spesso a V. S. reverendissima, né farei cosa alcuna più voluntieri; ma essendo io molto arido, né versando in cose, che mi diano materia di scrivere, tacerò più che non vorrei, per non saper che dire. Ma per concludere quello che volea dire, io desidero sommamente che V. S. reverendissima veda questa mia paraphrasi, et spero che portò mandarla tosto. Monsignor ringratia quella della sua seconda letera, la quale li è stata carissima intendendo il bon officio che quella ha fatto col clarissimo signor suo cugnato[320] et li rende infinite gratie. A V. S. reverendissima humilmente baso la mano. In Verona. Alli XVI di febraio MDXXXVI.

78. From Marcantonio Flaminio, after 16 February 1536[321]

Revmo S.or mio ossermo. Il testimonio che fa V. S. reverendissima della mia paraphrase è di tanta autorità che per l’avenire potrò stare meritamente con l’animo quieto, et opporre queste laudi a molte detrattioni de’ maligni, le quali inanzi che habbiano veduto il libro, hanno cominciato a dirne male;[322] ma invero a me è più caro che le mie fatiche piacciano a V. S. reverendissima, et despiacciano a cento mille altri che vederle piacere a cento mille, et despiacere a quella. Il Signor Dio ne sii ringratiato, dal cui infinito lume procede ogni lume humano et ogni operatione laudabile et honesta.

Quanto alli caldi officii che ha fatto V. S. reverendissima per me con sua Santità et col reverendissimo Santiquatro[323], le renderei le debite gratie, se non conoscessi che tale officio appresso di lei non solamente seria superfluo, ma anchora quasi da inetto, poiché già tanti anni fa quella ha la protettione mia, né mai ha cessato in ogni occasione di favorire non solamente me, me etiam tutti li mei amici et conoscenti.

Quanto all’amorevolissimo invito che mi fa V. S. reverendissima, ch’io venga a Roma questo inverno, dico che s’io guardassi al desiderio estremo che ho di vederla et vivere seco, mi pareria ogni giorno un anno che venisse il tempo del viaggio; ma volendo governarmi con ragione, pare che mi bisogni comprimere questo affetto et con riverentia rifiutare l’invito suo. Et perché V. S. reverendissima si degna di essermi amorevolissimo patrone et padre, non serà fuori di proposito ch’io le dica più esplicatamente li mei dissengi. Dico, signor mio osservandissimo, che sono horamai tre anni che, vedendomi povero et senza robba alcuna secura et stabile, deliberai di ridurmi in Padoa et attendere con tale diligentia alli studii di philosophia, che accompagnandoli con quella poca cognitione che ho della lingua greca et latina, potessi haver bona speranza che non mi dovessero poi mancare mai più partiti commodi et honorati; et tuttavia perseverando in questa opinione, havendone fatto parlare a monsignor, sopraggiunse la morte del Boldieri[324], et vacando il suo priorato, il reverendo vescovo di Chieti[325] et M. Galeazzo procuronno che fusse dato a me; et perché detto priorato havea una pensione sopra di sé, che occupava più delle metà delle intrade, io per consiglio degli amici mi disposi di non accerttarlo, se prima non fusse liberato da tale gravezza; et benché monsignor promettesse di farlo et sempre ne habbia mostrato desiderio, pur sono passati horamai doi anni senza conclusione alcuna, et benché para che di mese in mese di debbia finire questa prattica, io per me ne ho pochissima speranza per la esperientia del passato. Et però, stando nel mio primo proposito, ho deliberato di stare a videre anchora infino al mese di ottobre; et se fra tanto il priorato serà liberato dalla pensione, io lo accetterò, et in tal caso non riputerei honesto ch’io mi partissi questo inverno dal patrone, perché questo non seria altro che in luogo di ringratiarlo farli una grace ingiuria statim post acceptum beneficium. Dico ch’io li farei una grave ingiuria, non perché re vera sua signoria dovesse curarsi della mia absentia, ma perché son però certo che se ne cureria et si terria offeso da me gravemente, quantunque il dissimulasse, forse per rispetto di V. S. reverendissima, et crederia di patirne incommodo, non havendo altri chi lo avisi nelli suoi studii, hora che Ms. Galeazzo non ci è. Né valeria dire che l’aere dell’inverno mi nuoce, perché sua signoria non è stata mai capace di simile scusa, et re vera l’anno passato io non sento nocumento alcuno. Adunque havendo il priorato libero, non debbo partirmi questo inverno. Ma quando la cosa non succeda, io son risoluto di dare effetto a quel mio dissegno che ho detto; et al principio del studio, parendo al Signor Dio, mi redurrò a Padoa, et odirò quattro o cinque anni Aristotele con diligentia, et mi farò familiari le materie et le questioni più necessarie, frequentando li circuli et parlandone continuamente con li megliori scholari che vi seranno, et allhora harrò fondata et quasi certissima speranza che nella vecchiezza non mi bisognerà esser secretario o leggere la Metamorphosi d’Ovido alli putti. Questa via mi par molto più secura che venire a tentare la fortuna in Roma, maxime che, perdendo l’inverno, verrei a perdere tutto il resto dell’anno; et io sono horamai giunto ad una età che mi bisogna adesso far più stima d’in giorno che non harrei fatto altre volte d’un mese.[326] A questo si aggiunge che considerando la natura mia et quanto io vaglio, non debbo haver speranza di dover piacere a coloro li quali, secondol il dissegno di V. S., hanno da beneficarmi, perché io sono taciturno, melanconico, inimicissimo di cerimonie, non so né posso conversare salvo che con homini che mi satisfaccino; sono ignorante, et nel conversare paro anchora più ignorante, abhorrendo per natura la ostentatione, et havendo caro in certi luoghi di esser tenuto più ignorante ch’io non sono, per dire liberamente a V. S. reverendissimali li mei humori. Io finalmente mi conosco haver quasi tutte quelle parti che potriano farmi ingrato a quelli signori cortigiani, per il che la mia presentia più tosto me faria danno che utile, perché vederiano le mie qualità con un occhio totalmete contrario a quello di V. S. reverendissima. Ben affermo a quella che, se fusse piaciuto alla fortuna, o per dire meglio al Signor Dio, ch’io senza dependentia di monsignor fussi stato proveduto et fatto securo delle cose pertinenti alla mia vecchiezza, senza fallo verrei questo inverno a far riverentia a V. S. reverendissima, et finito l’inverno farei tutto quello che a lei piacesse; ma poiché la povertà mi tiene et me terrà lontano qualche anni,[327] et forse non mi serà concesso d’havere questo contento in questa vita, mi consolerò con la speranza di quell’altra, dove mi confido nella infinita misericordia del Signor Dio di dover fruire sua Maiestà eternamente in compagnia di V. S. reverendissima, alla quale humilmente baso la mano. In Verona. Di vostra S.ria Revma humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

Mi sono accorto che nella mia paraphrase sono due parole scorrette a charte XXXVI nella seconda pagina, dove dice ut intelligentia, et intellectum possit esse unum, idemque re, cognitione profecto rationequem non possunt. Dove è scritto intelligentia, bisogna scrivere intelligens, dove è scritto cognitione¸bisgna correggere cogitatione. Supplico V. S. reverendissima che si degni commettere che sia corretto non solamente il suo libro, ma anchora quello che ho mandato al reverendissimo cardinale di Mantova[328], et quando si potesse fare correggere anchora quello di sua Santità, mi seria gratissima.

79. From Reginald Pole, 4 March 1536[329]

Cum ad te nuper per Priolum nostrum jam partem scriptorum meorum misissem, in quibus Samsonis argumentis respondi, quibus nititur Primatum Rom. Pont. tollere, & jam reliqua, quae hanc partem sequuntur, essem missurus, quæ in magnam voluminis molem creverunt, dubitare equidem incipiebam, cum ante pudoris fines transisse satis mihi videbar, quando te ad mea scripta legenda, in quibus necesse esset aliquam te operam consumere, a præclaris tuis studiis ausus essem avocare; tum vero prolixitatem eorum, quæ sequuntur, videns (ne a me quidem satis animadversam, antequam librario describendam dedissem) si pergerem te pluribus onerare, nescio, an merito de me judicari possit, omnem pudorem mihi esse exhaustum, præsertim cum id tibi imponerem, quod vix a pari, vel inferiore conditione petere auderem, ut is mea causa tam prolixa volumina legeret; deinde vero plus tibi imponi, non solum, ut legas, sed ut corrigas. Et quid, si ne lectu quidem digna sint, an honestum est a te petere, ut legendo corrigas? Sed quid facerem? cum me necessitas huc cogit, ad scribendum enim sum compulsus, quod si scribere compellor, etiam multo magis, ut tuum judicium mihi accersam, videor cogi, quia prorsus sine spe certa me potuisse singulari judicio tuo uti in notandis his vitiis, quæ mihi in hoc scribendi argumento rudi, & nunc primum incipienti non possunt non occurere, nunquam plane ad scribendum animum inducere potuerim. Hæc vero spes sola me excitavit, præsertim ut latius hoc argumentum tractarem, nam lingua patria non potui effugere, toties rogatus, & jussus, ut saltem aliquid exararem, quo mea sententia de iis rebus, de quibus rogabar, apud meos extaret, id quod initio facere desiderabam. Cum vero de te cogitabam, majus aliquod animo concepi, ut scilicet latius, & copiosus tractarem, quod semper ante oculos versabatur excellens doctrina, & judicium, facilitasque, & in me amor, quæ mihi in omnibus præsto futura mihi persuadebam. Quare hoc adhuc, invito pudore meo, petere non dubitabam, ut hoc onus legendi mea scripta suscipias, neque a perlegendo verbositate deterrearis, quæ si impudens videatur postulatio, hanc certe non impudentem excusationem habet, quam mihi vir optimus, & tui studiosissimus Bernardinus[330] ex sancta Theatini familia suggessit, cum me hac de causa nonnihil hærentem videret, ut diceret, causam illam, quam in meo libro tracto, non esse meam, sed Christi causam esse, & Ecclesiæ. Quare quo magis novi te ex eorum numero essere, qui Christi causam judicant suam, eo minus dubitare debeo, onus perlegendi tibi committere; nemo enim quæ in sua causa, tanti præsertim momenti, scripta sunt, non potest non libenter legere. Quare eam tibi commendare non dubitabo, neque alia excusatione hoc tempore utar. Hoc tantum de prolixitate dicam. Cum me primum illorum imperium, quibus necessario pareo, ad scribendum coegit, tum certe ut sum ingressus, multo majus imperium sensi, & amoris, & doloris, quos duos affectus causa ipsa maxime in animo meo excitabit. Nosti enim, quam imperiosi ii sunt, ubi aliquid possunt, quia difficile est frænum iis imponere, qui maxime amant, & maxime dolent. Hoc certe nunc ipse magis quam unquam sum expertus. Deinde vero vides argumenta ipsa sponte sua esse fœcundissima, & varia, quæ vix possunt tractari. Sed vides, quibuscum agendum, & cum quot; non enim Regi solum respondendum mihi proposui ipsi, qui meam sententiam requirit, sed adversarium refellendum, qui contrariam meam sententiam defendit. Sed neque cum iis solis ago, sed multo magis cum populo, cujus saluti consulendum duxi, ne perniciosis istorum edictis, & libri abducatur, & ne abduceretur, eo accuratius omnia istorum consilia erant revelanda, explicanda, & evertenda. Cum vero non hic populus Atheniensis sit acutus, & semper ad rem attentus, sed populus Angliæ; qui non teretes aures haberent, ut de Atheniensibus dicit Marcus Tullius, qui nihil audire posset, quod præter rem esset, sed surdiores: quibus si rem persuadere velis, multa præter rem sunt dicenda, multa insinuanda, hæc quidem omnem brevitatis spem excluserint. Hoc vero breviter ad te jam scribo; me omnia tuo judicio permittere, & tibi falcem vitis meæ tibi in manu tradere, ut, cum perlustraris, quæ reduntantia vedebuntur, ea omnia circumcidas, & amputes, tantum autem relinquas, quantum tibi convenire argumento, & personis videbitur, & te ita facturum in tua summa humanitate summam spem habeo.

Hactenus scripseram cum mihi redditæ sunt expectatissimæ literæ tuæ, quas xxviii. Februarii dedisti, & ex quibus illud mihi inprimis gratum fuit cognoscere: quantam primum curam mei geras (id quod maxime, quæ de mei adventu ad Urbem cum Pontifice contulisti declarant) deinde ut meam sententiam ex Priolo nostro audiveris, te in tempus maturius distulisse omnia, quæ ad hanc rem de me agenda pertinerent. Scriptorum vero meorum eam partem perlectam a te esse, in qua de Primatu Summi Pontificis, ego valde gaudeo, præsertim cum eam tibi non displicuisse, sed veheementer probari, non solum ex tuis ad me litteris, quam ex tuis ad Matthæm Dandalum intellexerim, atque in ea parte maxime fuiffem incertus, ne Ecclesiæ causam defendendo, aliquid me subterfugeret, quod cum Ecclesiæ sententia non usquequaque conveniret. Qua cura me liberatum jam esse, cum a te sic probetur, mihi prorsus polliceor. In reliquis quæ scribis, nimis acerbe, & acriter cum Rege me agere, rectissime quidem admones, & plane veritus ea scripsi, sed cum blanditiæ totius hujus mali causa fuere, quid nisi remedia contraria valere posse judicarem? Quanquam cum opus perlegeris, si quæ in principio, & in fine ad hæc lenienda non satisfaciant, ut supra scripsi, falcem in manu habes; nihil enim magis cupio quam ut meorum Scriptorum. Κανών esse non dedigneris; quibus volo eos terminos perscriptos esse, quos accuratissimum tuum judicium perscribat. Per hunc tabellarium ad te mitto, & initium hujus libri, & eam partem, quæ conjuncta est his, quæ legisti; ut jam continuato ordine usque ad finem perlegi possit; finem vero nondum persolvi, in quo totus versor, propediem vero, ut spero, absolvam. Quare hoc abs te impetrare cupio, ut tantisper apud te Priolum nostrum retineas, dum universum opus absolvero, ut in omnibus abs te instructus, judicium, & sententiam tuam ad me referat, quam in omnibus, Deo duce, sequar. Temporis augustia non patitur ad suavissimas tuas literas aliquid rescribere. Deus te incolumem servet. Venetiis iv. Mart.

Abbas S. Georgii[331] ante paucos dies huc rediit, cujus adventus fuit mihi eo gratior, quod in eo videor aliquam tui partem recuperasse, quem vivam tui imaginem judico. Deus faciat, ut te aliquando in omnibus partibus fruar.

80. To Jacobo Sadoleto from Rome, after 18 April 1536(?)[332]

Sub adventum Caesaris redditae mihi fuerunt litterae tuae plenae eximiae cuiusdam humanitatis et singularis erga me amoris. Verum propter occupationes summas optimi nostri pontificis cum in tractandis his quae pertinent ad salutem reipublicae christianae, tum his quae ad religionem spectabant et divinum cultum, cui diebus illis solemnibus paschatis[333] deesse non poteramus, omnis res tua dilata est post Caesaris discessum. Ego etsi invitus tibi tamen sum obsecutus, ut ocio tuo fruaris neque ad nos Romam venias, idque a pontifice petii tuo nomine, pollicitus te concilio adfuturum ac interim daturum esse operam his studiis, quae ad hoc christianum negotium pertinent. Qui, ut ex eius literis intelliges, omnia in optimam partem accepti ac tibi permisit, ut tuo arbitratu vitam ducas. Ea vero, quae tuis verbis Paulus ad nos scripsit, etsi prudenter excogitata intelligam, et mihi videantur referre speciem veri pastoris christiani gregis, nihilominus duxi hoc tempore, hac rerum perturbatione, qua divinis humana ac divina humanis impicata sunt, non monenda esse. Dabit deus optimus fortasse occasionem, qua commode et haec quae admones, et huiusmodi alia a nobis praestari poterunt. Nec deero ego (ut spero) occasioni. Opto expressius a te intelligere, in quo dissentias ab Augustino de iustificatione nostra et de praedestinatione. Nam praeter unum, in quo non plane ei assentior, reliqua mihi videntur rectissime ab eo exposita. Quamobrem mihi rem gratissimam facies, si tuam sententiam mihi latius explicaveris. Res enim difficillima est, ut nosti, et digna, ut a te viro doctissimo atque eloquentissimo tractetur. [1536]

81. To Benedetto Accolti from Rome, 14 May 1536[334]

Iesus… Dalle lettere ultime di V. S. io intesi il proposito suo circa li sui studii et la provisione, la quale essa era per fare al suo episcopato di Ravenna, nove ambedue a me supra modum grate. Io mi rendo certo, che la non manchi ne ad uno ne a l’altro officio, cum somma satisfactione de l’animo suo: perche in vero quando l’homo versa nelle operatione conveniente et debite alla persona, che tiene a l’hora, ha l’animo quieto, si come sempre se ritrova inquieto: quando fa il contrario. Vedemo questo expresso nelle cose naturale, le quale a l’hora riposano, quando sono nel loco a loro naturale. Come la terra quando la e nel centro, dal quale quando e lontana, sempre inclina et fa impressione a chi la sostene in alto, fin che pervengi al centro loco ad essa naturale. Pero colui il quale vole havere l’animo contento e quieto bisogna che versi nelle operatione ad esso conveniente e debite. E perche io ragionevolemente posso credere, che la fortuna un poco contraria la quale hora versa V. S., qualche fiata li dia noia et li generi nel animo qualche dispiacere e impatientia, pero li volgio adgiongere queste due linee exhortando V. S. Rma come buon suo servitore, che pensi prima, che le tribulatione non sono male a l’homo che le usa bene, anchora che siano acerbe, immo sono buone. Imperoche come dicono li philosophi e Aristotele ne l’ethica, in niuna virtu appare piu la excellentia et grandezza de l’animo che in la fortitudine nelle cose adverse: perche la si vede l’animo del homo essere superiore a tuti li casi humani et essere, come e di natura, superiore alle corporee. Poi chi vuole considerare le tribulatione come christiano, aponto in esse devemo ralegrarsi imitando per loro Christo, et per loro sapendo di pervenire alla somma felicita. Dice Santo Iacopo nella sua epistola, per lasciare infiniti altri texti: Omne gaudium existimate, fratres, cum in tentationes varias incideritis, etc. Pero V. S. stagi allegra ne reputi, come in vero non e, questa sua fortuna adversa immo buona usandola bene, et la rengratii dio, ne si dolgia di alcuno: immo nel parlare et in ogni sua actione usi quella prudentia che si li conviene. Il che faciendoa se, acquetera l’animo, dara piacere a tuti li sui amici e servitori et ogni cosa li succedera in bene. So quella essere savio et intendere molto bene qual che io volgio dire… Da novo qui havemo pocca sperancia de pace cusi necessaria alla republica christiana. Patientia. Sia fata la volunta de dio. La bolla del concilio cioe della indictione di esso presso si publicera. Non andaremo piu a Bologna vedendosi cusi poca sperancia della pace. Haec est summa. Alla bona gratia di V. S. Rma mi racomando, quae bene valeat in domino. Da Roma alli XIV di Magio 1536.

82. From Vittoria Colonna, mid 1536[335]

Reverendissime Domine, La devotion che ha al glorioso San Francesco, il stimolo da le conscienza con la fede che mi causa la bontà della S.V., me rendono secura che non attribuiranno il mio scrivere ad presumption, ma ad devotione, non ad temerità, ma ad zelo della verità.

Et quanto la femminil ignorantia et soverchio ardir mi toglie di credito, tanto la raggione et il solo interesse cristiano, qual me muove, mi presta d’autorità.

Pensava, Revmo Signore, che le cose dece anni per opere provate non bisognasse provarle ogni giorno con parole, chè come il Signor Nostro dice: Ipsa opera quae ego facio, testimonium perhibent de me, onde la perfettissima uita di septecento frati ueri mendicanti, laudata hor mai da tutte le città d’Italia non ne fusse in dubio persona alcuna; et quelle maxime che son più da cinque anni che dicevano che volevano ancor vedere un altro anno come questa sancta reforma sequisse. Et con questo colore ferno chiudere la porta, che frati de la Observantia non possesser venirve con dir che quelli se reformariano: et questi non potrian seguire. Et cossì quando con la porta aperta et quando chiusa, han sempre dato ad intendere che la Obseruantia se reformaria. Et come chiaramente se vede quella se è continuo allargata. Et questa è continuo augmentata in ordine, in spirito, in numero di perfectissimi et doctissimi patri, sichè le S.e V.e Re.me deveriano hor mai esser securi che è opera di Cristo. Et li loro sancti Capitoli con un Revmo Cardinale, e del primo ordine, oltra l’altre sue degne qualità, che ne fa fede l’infiniti lor boni exemplij, le humili et docte praedicationi, non li fussero cagioni di rinovar li affanni. Per donde se cognosce che alcuni, non per ignorantia del vero, ma per dolor del vero cerca fatigarli et far credere che siano in dissentione, odio et errori. Ma al fine questo oro nel foco s’affina et le legna delle loro insidie se consumano.

Molte cose m’han dicto che l’oppongano, che, ponendosi Cristo e San Francesco dinante, saranno resolute.

Prima che paiono Luterani, perchè praedicano la libertà del spirito, che se son subiugati alli ordinarij delle terre, che non han scripture, che non obediscano al Generlissimo, che portano differente l’habito, et che acceptano li frati de la Observantia.

Circa al primo se risponde che si San Francesco fu haeretico, li soi imitatori son Lutherani. Et si praedicar la libertà del spirito sopra li vitij, ma subgietto ad ogni ordinatione della Sancta Chiesa, se chiama errore, sarria anchora errore observare lo Evangelio, che dice in tanti lochi: Spiritus est qui vivificat, etc. Oltra che apertamente dimostrano che non li han inteso praedicare questi che lo dicano; chè si li intendessino, practicassero un poco con loro, intendessino la loro humiltà, obedientia, povertà, vita, exemplij, costumi e charità; li sarriano tanto devoti che piangeriano d’haverli fatti venire quattro cento miglia senza nisciuna necessità, et farli andare ogni giorno per tribunali fatigando, solo per posser in pace observare la loro povertà.

Al secondo de subgiucarse alli ordinarij, se responde che non se fe’ mai più humile et più cristiana opera di questa, che anchor bastasse dire: che chi biasma questa ordinatione viene contra la mente di San Francesco, il quale ad suo tempo tempo puose questo medesimo in observantia; et perhò epsi, come quelli, che non mirano in altro che redurse alla pouertà della regola et mera intention del suo autore, non in li cantoni privatamente, ma nel capitolo publico ultimamente da lor celebrato, hanno non innovato questo articolo, ma, essendo stato corropto da altri, ristauratolo e reductolo a la prima observantia, chè sottoponendose primo alla Sanctità di Nostro Signor come ad capo, se vogliono stare alla obedentia, de li prelati, lo fanno come ad membri di tal capo: et è molta più humiltà et devotione di colloro che vogliono, et dicano altrimente, vedendose maxime lo scandalo che segue et de la ruina delle anime da questa dissentione et altercatione, che seguita tutto il giorno ne le città et diocesi; di che sento parlare con signori che ne hanno vera experientia.

Circa le scripture se risponde che quante ne sonno expedite in l’ordine di San Francesco in tanti anni, cioè quelle che strengono et che son fundate sopra l’obervantia et la regola, tutte son dirette ad questi patri, come quelli che se sforzano quanto è possibile puramente observarle: oltra che hanno la copia autentica de la bolla concessa ad questa congregatione per la sancta memoria di Clemente, qual non deve servire ad particulari, come molte scripture di Papi passati determinano, Ce son de più li brevi che confirmano lo Capitolo et lo presente Vicario, et altri brevi, benchè le miracolose scripture ch’hanno sonno le ferventissime opere, che denotano ciascuno d’epsi et tutti insieme havere la bulla de le piaghe di Christo nel core et li brevi delle stigmate di San Francesco ne la mente confirmate da infinite benedictioni, che ogni giorno hanno havuto et hanno da la Sanctità di Nostro Signore; et acceptano tutte quelle scripture, che li ponno stringere l’observantia della loro regola, et quelle che in alcun modo la allargano tutte l’han renunciate et renunciano.

In quanto che non obediscano al Generalissimo se risponde che se vede, se prova, se sa che la religion de la Observantia have bisogno di reforma, et in tre loro capitoli generali hanno concluso reformarse et poi non l’han fatto, nè possuto fare: immo in li Capitoli provinciali poi han guasto, et dalla radice funnitus extirpato ogni principio di reformatione. C’è sopra di ciò una bolla de la sancta memoria di Clemente che ce l’ordina et doi brevi de la Sanctità di N.e S.e, l’uno impetrato da loro, l’altro da questi, si che chiarissimamente hanno bisogno dir reformatione, et perchè tutte le riforme fatte tra loro son guaste, et questa sola, che non li è subgetta augmenta, bisogna che stia separata, che como le S.rie V.R.me sapeno, quelli che odiano la reforma in sè stessi, l’odiano anchora ne li altri. Perchè pare che quel bianco scuopra più il negro loro, et questa è la potissima causa di tanta persecutione ad costoro. Hor se non la ponno comportare absenti, como la potrian comportar presenti? Anzi li pigliano ad consumar di sorte che o bisogna che se ne fugano, o concorrano con gli altri exclamando solo ad Dio, qual per sua pietà l’intende. Et il Rmo Sancto Croce sa quanto exclamava luy che la religion se reformasse, et non so in che modo adesso voglia guastare, impedire et ruinare quella opera, che se pò dire che Sua Revma Signoria ne dette occasioni, maxime sapendo che da tanti anni in qua sempre se sono allargati, come da quel che se vede publico nello habito, nelle cerimonie, nelle fabriche, nelle musiche, nelli testamenti che acceptano, nel conservar che fanno, nel modo di esser propietarij coloritamente, se pò intendere quel che per honestà se tace. Ma son cose contrarie ad ogni reforma, qual anchor che con molto dispiacere loro per honor de Dio et zelo de la verità le diranno loro alle S.V. Rev.me. Oltra che lo General, ad chi questi obediscano, è il primo di San Francesco; se loro obtennero mutatione al loro proposito, per non havere contraditione al largo vivere, questi anchora per posser viver stretto, et in pace hanno obtenuto altro, non per che questo General sia meglio di quello, ma per che questo non li impedisce, non se ne impaccia, et non li odia, maxime che se vede quanto questo sancto Generalato l’ha offesi et l’offende, et quella ambitione li è cagione d’ogni male; et prima andariano per le selve questi poveri padri che arrisicarse alla certa rovina loro. Et se cognosce che non è per poca humiltà che se subgiugano ad tutto il mondo, ma per non esser impediti, nè revolti da si sancto proposito. Immo penso che sia obligato ogni buon et tanto più Sua Sanctità et le S.e V.e R.me favorirli, defenderli et proibir ogni cosa che in ciò li fosse sospetta, non che contraria, acciò che quel ch’han promesso ad Dio et ad San Francesco, senza timore se possa securamente observare. Pare una disputa di ambitione che vogliano sian subgetti immediate per ruinarse, et non mediate, como stanno per substinerse.

In quanto al ricever di frati, che è quello, unde, al mio giudicio; orta est haec tempestas, ciò è voler chiudere più che Dio non vole questa porta. Oltra ce siano molte cause, che m pongono gran pagura che chi lo fa dispiaccia a Dio, dovendose ricordare di quel dicto del Signore: Ve vobis qui clauditis regnum coelorum. Ce son tanti oblighi che tenemo tutti di aiutare, spronare et infiammare li homini a la via de Dio, et le religioni alla professione loro, che deveriano andar pregando frate per frate, et secular per seculare che se reformasse. Nè posso intendere per che San Francesco debbia haver minor sorte che gli altri Sancti in questa Corte. Come le Rev.me S.V. sanno, nell’ordine di San Benedicto son circa diece reforme, tutte separate, immo se vestono bianchi per più separarse dal negro; et è necessario ogni modo di separatione. Sancto Agostino et tutte le religioni hanno fatto reforma. Hor che maraveglia è che San Francesco vogli che doi volti se siano reformati li soi, l’una prima mediocremente, quest’altra perfettamente, et che ‘l suo sancto habito, la sua evangelica regola sine glosa se observi ad tempi nostri, et che ne abbia exclusa ogni prosumptione di fundatore e di frasche. Che benchè fusse un fra Matteo sanctissimo huomo, che cominciò questa reforma, il quale vive hogge et sta fra questi patri, et curando di ambitione, andava praedicando quando se fece la bolla de la sancta memoria di Clemente, pur dico che San Francesco è il fundator lui, nè questi hanno altra guida, nè camino con altro lume.

Sanno le S.V. Rev.me quanto mons. Sancta Croce se fa cavaliero sopra il scandalo, che vol dare ad intendere che nasca dalla reformatione di questi poverelli? Non è piu che quanto lo figura et ingrandisce lui, immo è somma edificatione et utilità di tutta la religion di San Francesco et alli doi terzi di frati observanti. Non vò dire più, che potria dirlo, dispace la persecution che ad questi se dà. Anzi ogni dì scriveno con grandissima istantia che preghino Dio che possano liberamente andare ad reformarse, et per amor di Dio li pregano che resistano alle persecutioni, che insistano per la fraterna carità ad aiutarli, perchè ad lor è prohibto lo parlar, bisogna che in secreto scrivano. Immo le carceri, le croci, li minacci son tali che li convien mostrarse inimici di cappocini, et de la vera observantia, di quel che a Dio han promesso. Et si le S.V.Rev.me fusseno nel core di costoro che sanno che pena fu la loro mentre li vixero aspectando oportunità di andar ad questa reforma, che non c’è nisciun d’epsi che non habbi aspectato diece, dodeci et venti anni con speranza che là se reformassero, li avrian compassione, quando receveno. Et si ‘l Revmo Protectore et diece, che governano, la pigliassino per un altro verso, non ce sarria mai stata parola, maxime si dicessino: questi son nostri fratelli, del medesimo padre figliuoli, hanno più austerità, Dio li inspira et dà forza di observare quella rigidità, che prima se ordinò. Non vogliamo impedire quelli che vogliano seguirli; immo godiamo di vedere la nostra regola nella prima purità, et noi ad poco ad poco ce anderemo reducendo almeno alle glose de la regola. Starriano quieti et contenti tutti, perchè tra la religion di San Francesco sarria bonus, melior, optimus. Et si pur non possano redure l’altre ad quel che conviene, almen non offenda questa, che è la più perfecta, che pareria inditio di poca voluntà al servitio de Dio, al vivere christiano, purità evangelica et seraphica regola. Et non se chiame danno quel che è chiaro guadagno a la Chiesa di Dio. Se quelli de l’Observantia vengono ad questa strettezza, vanno per certo pur ad San Francesco. Che perdita nasce per questo ad Dio, ad Sua Sanctità et a l’ordine? O son buoni, o son tristi questi, che vanno ad reformarse, si son buoni, è segno evidente, che fra epsi non ponno observar bene la regola loro; se son tristi, devono havere caro di purgare di questa feccia la loro observantia: o vengono per spirito o vengono per sdegno; si per spirito, è grandissimo et mortal peccato ad impedirli, si per sdegno, felicissimo sdegno, che poi li fa si perfettamente vivere, come se vede. Benchè questa è falsa obiectione, nè è da credere che per fugire una disciplina piglieno una perpetua penitentia, et per una ambitione di non havere un officio (come dicano) vadino ad perder per sempre ogni grandeza di officio et di ambitione. Nè comanda San Francesco che con carceri, morti et supplitij se sostenga la sua regola, ma non humiltà, povertà et carità. Chi recusa l’obedientia per carità ha si poco amore, che non andarà ove non è altro che amor et carità; maxime che hanno mille modi da fugirla. Come se vede, che ogni anno ne escano da quattrocento per altri habiti, che per quelli di San Francesco. Onde se cognosce che non duole l’andar di frati alla perfectione, ma la poena di non dare ad intendere di essere i primi alla strecteza, como han fatto da molti anni in qua in causa questo rumore. Ma Dio non vole che quest’argento non se scuopra hor mai da questo oro. Et che per venti frati, che hanno questa fantasia, se consenta che tanti centenara di persone ogni giorno inganneno Dio, la professione, il voto, che fanno, et tutto il mondo, chè la maior parte de la religion se ne duole. Et quasi in tutte le città, quando vedono l’une et l’altre scripture, dicono ad quelli de l’Observantia che consideraranno la cosa, et ad cappoccini che vadino ad vestirli. Si che non so per che con argomenti humani se guastino li divini, con nuove leggi se rompeno l’antique et sancte constitutioni de la Chiesa, che permettano il restringerse ad qualunque persona regolare et la optima intention di Nostro Signore che Cardinale li difese, et Papa li duole del fastidio che in ciò li danno, di modo che si se chiude nuovamente, è ruina di tutti buoni. Meglio è dunque determinare con la ragione, con Christo, con Paulo, con le leggi, che indivinare col nostro giuditio.

Nel stato, in che questi se ritrovano, se vede il mirabile utile, che fanno: et quanto crescano in numero et perfectione. Io non so como le S. V.rev.me non tremano ad mettere la mano in cambiare una minima cosa del vivere et essere loro. Questi non domandano grandeza, non vogliono essere ricchi: solo per amore de le piaghe del Christo et de le stigmate del patre loro pregano che siano lassati stare ne la pacifica quiete de Dio et vera observantia de la loro regola. Et certo da questo molestarli ogni dì nascono tre inconvenienti grandissimi: primo il favorire, fomentare et notrire li relaxati nel stato et largheza loro et farli parere invidi, superbi, ambitiosi et privi di carità et di ragione. Secundo il male odore, che se manda in tutte le città de Italia et fuor de Italia, ove hor mai son noti questi che habbia tanta repugnantia l’optima vita loro; per che ciascuno vede le bone opre loro, ma non ogniuno intende qualche syreneo canto che li offende. Tertio, perchè si non se ne parlasse più, quelli per non cadere se emendariano ad poco ad poco, et questi per mantenersne acceptariano pochissimi altri et tutti ferventi, como già in questo capitolo hanno expressamente ordinato; si che per lo amore di Dio e del officio de le S.V.Rev.me vogliano aiutarli. Et sappiamo che bisognaria conversare con l’angioli, per observare questa santa regola. Como ponno dunque esser rubi incombusti, che stiano nel foco senza brusciarse. Et si non fusse volontà de Dio che cossì simplicemente se obseruasse, nè quel gran Sanctl’havria fatta, nè quel bon Papa l’havria approbata, nè tante volte se saria reformata; immo quando il Papa primamente l’approbò, ce fu qualche repugnantia di Cardinali et un Cardinal spirato da Dio disse: si Vostra Sanctità non approba questa regola, bisogna negar l’Evangelio di Christo, ove è fundata. Hor quanto infinito ben fece quella sola parola, parlando di cosa dubia futura, et quanto infinitissimo ne portan fare le parole de le S.V. Rev.me, lodando questa reforma già diece anni ordinata, conservata et cresciuta. Questa è la vera vocatione ove son chiamari tutti li frati di San Francesco. Queste ferventi predicationi ponno fare utile alla Chiesa de Dio, si che io non credo che Dio permetta questa impropria tribulatione si non per che il lume loro penetre più l’interni occhi de le S.V.Rev.me. Et ne facciamo capaci li altri acciò che in pace preghino per Sua Sanctità et per le Rev.me S.V. et non habino occasione di andare exclamando et piangendo ad Dio ed ad Sua Sanctita di questo torto; nè si dia occasione d’allegrezza ad tanti heretici che ce ne sonno, che se vede hoge il mondo come sta et ad quante cose se deve attendere. Et questo solo nerbo de la fede di Christo, del servitio di Sua Sanctità et de la Chiesa se vole rompere o attenuare, cosa extremamente da fugire. a la prudentia de le S.V. Rev.me

(autogr.). Circo l’abito me par si impropria querela che non ce convegna resposta; oimè se comportano mille abiti lascivi, se consenteno mille varietà alle religioni fundate senza proposito, se comporta che per parer un ghelfo, l’altro ghebellino portino li pennacchi contra la scomunica, et questi non ponno renovar l’abito del glorioso patre loro, qual per mostrarsi si despetto et povero al mondo da grandissima devotione, immo non ce è frate devoto che sotto quel capuccio non comporti ogni fatica, pensando che chi lo portò, et li serve per una cellina ove ponno sempre meditar li affari loro; et non senza causa quel gran Sancto lo portò et poi di lui sexanta anni, el che l’imagini, sigillo, reliquie et pinture chiaro dimostrano.

Hor che proposito ce è di cambiar l’obbedientia, ove X anni son stati con summa perfettione questi, per satisfare l’ambition di quelli, a quali se sa el danna che li ha fatto et fa el Generalato? Che convenientia vole che se manchi alla legge anzi che costitutione alla carità e alla ragione ai questi, per che se tema el disturbo mondano circa l’intrare a stregnersi? Et che conscientia fate che se toglia la devotione del abito a questi per la passione di quelli? Signor mio Revmo non li ruinano capucini, immo li edificano; li ha fatto danno el Cardinalato protectore et Generalato magiore, et delle pecunie et delle indulgenite et favore attendano a levar le loro superfluità a gli errori, et lasseno in pace questi poverelli, et V. S. che più el cognosce non serrà scusato innanzi a Dio, se i respetti humani l’intepidiscono; chè Christo non ebbe respetto a morir per noi. Serva di V. S. Revma, La Marchesa di Pescara.

(Al Revmo Monsignor mio Contarino. So ben non bisognava mandarla a V. S., ma per amor di Christo habia patentia di legerla, quando potrà.)

83. From Reginald Pole, 8 June 1536[336]

Etsi hoc tempore sic fluxæ res nostræ videantur, ut nihil prope certi, quo tandem sint evasuræ, scribi, aut sciri possit, tamen quoquomodo se habent, non putavi alienum a te, perscribere, cui sane maxime curæ omnia, quæ ad me attinent, toties esse sum expertus. Itaque hoc primum scribo, quem ego cum libro misi, tradito in manus Regis rursum ad me rediisse summa celeritate cum literis, & mandatis a Rege, quorum hæc summa est: Regi non displicere quæ scripsi, sed quia in plurimis, vel potius in omnibus mea sententia ab illius discrepat, Regi gratum fore, si mecum rationes utrinque conferre possit. Ex quo ansam accipit me domum revocandi, de qua suis ad me literis sic acriter agit, ut non solum hortetur; sed etiam præcipiat, ut sublata omni excusatione, nulla interposita mora, ad patriam, atque ad aulam revertar, quo melius de aliquibus rebus possit mecum communicare. Hoc idem mecum per literas agit Cromuellus[337] ille, cujus arbitrio, ut viva illa Regina nova factum est, omnia in Anglia reguntur, & ut cursu potius domum, quam lento itinere, contendam, quo citius, eo gratius, Regi meum adventum futurum scribit, atque omnibus modis ad festinandum urget; ut si cunctarer, idem famulus eadem festinatione, qua ad me profectus est, rediret, accepta ab eo fide obstrinxit. Quibus ego literis, & mandatis sic respondeo, ut nullo colore sententiarum, aut verborum adhibito, præcise, & aperte negem, me domum rediturum, nisi Rex prius domum ipse, idest ad Ecclesiam redeat, a qua, cum isthic famulus meum esset, ut ex omnibus & signis & actis colligi posset, erat alienissimus. De Tunstalli[338] enim gratia apud Regem, & Balforiensis Episcopi quæ narrabantur, vera non erant; sed verissimum, sic Cromuellum in gratia Regis manere, ut omnia non solum publica Regni, quæ prophana sunt, sed Ecclesiastica, nutu fuo, & solus gubernet. De nova illa nupta quædam bona narrantur, sed ultra verba, specie bona, reipsa nihil est adhuc perfectum. Monstra prorsus videntur, quæ hic meus de rebus Regni, & ejus gubernatione retulit, & nunc plane dicere possum, me de illo desperare, pro cujus salute omnia, quæ infra animi mei salutem sunt, libenter (Deus testor) profudissem. Sed quid faciam, si Dei verba sunt; Miserebor, cujus miserebor! Orare semper, ut spero, licebit, & quando ejus salutem procurare non possum, meam non negligere. Animam prosus perderem, si ejus nunc mandato obedirem, ideo præcise negavi. At hoc, inquies, tutum non fuit. Et quis scit, quid in ejusmodi rebus sit tutum? Mihi quidem semper videtur tutissimum, aperte sine ullo verborum fuco Christi causam profiteri. Certe majorem inde animi tranquillitatem, & fortitudinem sentio, & hoc tempore experior, qui, etsi tanquam super mare cum Petro ambulare videor, cujus magistri causam defendo: ita status nunc meus videtur fluctuare; tamen, nunquam, mihi crede, majore spe, aut fiducia vivo, quam hoc tempore. Et si vis, ut tibi vere dicam quæ sentio, magis me cruciat, cum audio aliquando, te non satis alacri animo esse, quoties quicquam in rebus meis utcumque videatur molestum. Quare si vis ipse omnem tu molestiam abstergere, esto ipse lætus, & omnia Christo, & in tuis, & in alienis negotiis permittito. Ex proximis literis ex Anglia, postquam scierit ille me non rediturum, certiora me omnia de statu meo me perscripturum non dubito. Interim, & perpetuo te Christus servet. Venetiis viii. Junii

84. From Reginald Pole, 24 June 1536[339]

Quam vellem me tecum adesse, coramque ex omnibus, quæ vel ad me, vel ad communem causam attinent agere! Sed quoniam, ut nihil aliud meum adventum impediret, vel ipsum anni tempus, & ii calores sic iter meum intercludent, ut fine maximo valetudinis periculo ad vos accedere non possim, utamur literarum bono, quæ esti in multis deficiant, tamen necesse est in his quæ ad explicandam animi sententiam pertinent, utcumque ea tibi significari, quam diutius ex ejus te desiderio teneri multo præstat; præsertim cum non solum ex literis, quas ad me scripsisti, sed etiam ex illis, quas ad Priolum nostrum dedisti, te inprimis cupere video, ut de iis quæ in Anglia nuper acciderunt, quo meliorem spem in restaurandis rebus religionis promittere vedentur, sententiam perferam, & quid vobis agendum sit, propterea quod notas illas & res, & personas habeam, per quas res corrigi debeant, significem. Quanquam quæ alia mea sententia esse potest, quam gaudium, & gratulatio? cum video cursum illum, quo homines nostri recta præcipites ad pervertenda religionis præcipua dogmata ferri videbantur, sic interruptum esse, ut jam consistere videantur, & cursum suum melius considerare, sic, ut tantum eos progressos esse, quasi poenitere videantur. Hoc enim judico ex quibusdam Capitibus, quæ ad me missa sunt, maxime pertinentibus ad religionem, quibus Rex ipse dicitur jam subscripsisse, cum antea multi de Regis animo dubitassent, & ideo licentiosius de iisdem, & populus loquebatur, & concionatores prædicabant. Quare adhibitam nunc claram de Regis animo sententiam non possum non lætari, sed multo solidus hoc gaudium fuisset, si in eo, quod reliqua dogmata omnia continet, claram Regis sententiam vidissem, idest de Unitate Ecclesiæ, & uno in terris Christi Vicario, de quo nullum verbum est in illis Capitibus, quæ vidi. Spero vero, tandem huic etiam Regem subscripturum, sine quo nec reliqua dogmata vim suam satis retinere possunt. Quid vero a vobis fieri cuperem, idem est, quod vos multo melius videtis, quam ego; ut scilicet ovem tam pretiosam, etsi longe a grege errantem, jam tamen respectantem, ne negligatis, sed omni cura, & solicitudine ad ovile revocetis. Id facilius assequemini, si summus Pastor omni velocitate eum vocet, servata tamen Pastoris majestate, ut nec errorem dissimulet, & tamen benignum se ad reditum permittat. Hoc si faciat, utcumque initio repugnare videatur, qui reducendus est, tamen cum tam multa sint, quæ verisimiliter eum rediturum promittant, & suum officium faciet, nec sine spe conabitur. Idem autem faciet, quod Dominus omnium Pastorum fecit, qui licet ad populum contradicentem, & repugnantem, tota die manus suas expandebat. Atque hæc nunc de publicis rebus. De meis rebus, idest de libro, ex quo nunc meæ respondere videntur, nihil ferme habeo, quod scribam, propterea quod in tam brevi spatio nihil ad me perferri potuit, nec perscribi ab eo per quem misi. De me potius scribere possum, quod cum mihi conscius sum in Christi gloriam omnia, quæ in hac causa feci, elaborasse, in omnem partem paratum esse, ut quidquid acciderit, æquo animo feram, ab eodem Christo spero me impetrasse. Sed quid est quod audio, te animo minus alacri, & sæpe mæsto esse? Utinam quidem tecum esse liceret. Perficerem profecto, ut si minus ratione omnem curam, quæ nunc te coquit, & versat sub pectore fixa, abstergerem, certe aspectu mei, cum vulnera, & cicatrices ostenderem, quæ mihi animi alacritatem tollere non potuere, omnem sollicitudinem deponeres; aut si mei exemplum non satis proficeret, cum artem illam tibi in memoriam reducerem, qua fretus vel inter media hostium castra securus versari nunquam dubitavi, per quam omnia pericula evasi, & dolores sustuli, cujus tu utendæ multo majorem facultatem habes. Quin perpteuo omnem dolorem, & animi tristitiam ex animo abjiceres, si hac uti deliberares, fieri certe non potest. Quale vero hoc meum vulnus esse putas, quam potens ad inferendum dolorem, quod cum undique amici mei gratulatorias literas scribant propter res mutatas in Anglia, qui casum meum ignorant, ego eodem tempore & gratulationes audire, & periculum tale agnoscere, quale nunquam hactenus impedendebat, cogor? Et tamen, ne hujusmodi quidem vulneris dolorem, hujusmodi, quam colo, artis vis me sentire patitur. Sed de hac dabitur, ut spero, locus, & tempus sæpe conferendi. Ego cum hæc scriberem, Veronam cogitabam ad optimum Episcopum, quo cum dies aliquot festivos consumere decrevi, atque illic fortassis sententiam, quæ de libro fiet, expectare. Quæ qualiscumque fuerit, statim ad te perscribetur a me. Interim tibi Christus suam pacem, & gaudium impertiat. Ex Villa Prioli Trevillana, Festo S. Joannis Baptistæ.

85. From Marcantonio Flaminio, 8 July 1536[340]

Rmo S.or mio ossermo. Da poi ch’io risposi alla letera di V. S. reverendissima, mi sopragiunse la nova della morte di mio padre;[341] et sono già da XV giorni ch’io son qui pieno di molestie et di travagli, perché mio padre mi ha lasciato in tanti debiti, che horamai son chiaro che la heredità non basterà a pagarli, et per questo la ho accettato con beneficio d’inventario, et più mi dole che dubito che mi converrà litigare, ma d’ogni cosa sia ringratiato il Signor Dio.

Il Fragastoro mi commise, che scrivendo a V. S. reverendissima pregasse quella che si degnasse avisarmi liberamente se il suo libro di astrologia merita di esser stampato, perché seria inclinato a farlo, se quella il consigliasse;[342] li seria anchora molto caro se potesse rihavere quella copia che è nelle mani del pontefice, la quale è più corretta che quella che ha in Verona. Pare anchora che V. S. reverendissima promettesse a M. Galeazzo di vedere un certo libro, che tratta la medema materia: seria dunque caro al pregato Fragastoro di sapere se è vero che quello astrologo camini per quella istessa via che esso ha trovato. Et quando V. S. reverendissima voglia scrivere, potrà drizzare le letere in mano di M. Romulo Amaseo[343] secretario della Communità di Bologna. Hoggi ho avuto aviso da Verona che monsignor Polo e’l signor Priuli sono venuti a stare qualche giorni col reverendissimo patron mio, et io, che ho sollecitato questa cosa con letere con desiderio estremo di goderli, mi trovo absente; ma metterò questa mala sorte con molte altre. A V. S. reverendissima humilmente baso la mano. In Bologna. Alli VIII di luglio MDXXXVI. Di vostra Sra Rma humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

86. To Reginald Pole from Rome, 12 July 1536[344]

Legi literas tuas plenas probitatis, prudentiæ, & egregii tui erga me studii. Gratulor summopere, quod Dei optimi munere in tanta rerum tuarum perturbatione, eam habeas animi tui alacritatem, ut quasi tuarum rerum, imo tui ipsius securus, jucundam vitam ducas cum amicis nostris, singularibus viris. Quantum ad te, & res tuas pertinet, hodie cum Pontifice multa ultro utroque dicta sunt, & quoniam dixeram Sanctitati suæ, me ex literis Abbatis nostri Gregorii intellexisse, Regem Angliæ te in Angliam revocare, confestim, me etiam annuente, bonus Pontifex inquit: Eo ibit ne Rainaldus etiam literis Regis accersitus? Tum ego: Minime, inquam, si sapiet, & meis consiliis pariturus est. Itaque, ne multis tecum agam, mi Pole, per Deum immortalem te attestor, ne te objicias manifestissimo, immo compertissimo periculo frustra; frustra, inquam, cum ex tui pernicie nulla utilitas Ecclesiæ proventura sit, immo fortasse privabis Ecclesiam Christi multis commodis: deinde, meo judicio, tentares Deum, si, cum nihil prodesse valeas, tam magno pericolo te objiceres. Nonne hæc animi tui constantia a Deo est, ac per te nihil potes? Non ambigis in hoc, certo scio. Qui ergo scis, an indignatus Deus, quod adeo arroganter tam magno periculo te obieceris, te non destituat, tibique derelictus cadas, qui nunc adeo firmiter videris stare? De hac re nihil amplius. Scio te pro tua prudentia nihil hujusmodi in animum inducturum.

Pontifex decrevit huc Romam accersere complures doctos viros, Italos, Hispanos, Gallos, ut hac hyeme simul consilium capiant de rebus Concilii futuri.[345] Itaque decrevit, te etiam, vel invitum, huc Romam vocare, ut simul cum viris his doctis, & probis, consilium ineas de rebus Concilii. Quamobrem, Deo volente, fruar te hac hyeme, nec dubito, quin etiam proxima æstate te sim fruiturus. De eo quod sentis nobis faciendum esse cum Rege, legi Pontifici quæ admoneas. Ignoro quodnam consilium capiet Sanctitas sua. Ego etiam mecum nihil adhuc decrevi, sed ambigo. Attamen fortasse Deus menti nostræ instillabit. Vale, ac me ama, Deumque optimum pro me ora. Roma die xii. Julii.

87. To Reginald Pole from Rome, 18 July 1536[346]

Postremus hic tabellarius, qui istinc ad nos profectus est, attulit mihi literas tuas ei datas viii. hujus mensis die, ex quibus intellexi rerum tuarum statum, omnemque seriem profectionis tui ad Regem nuntii. Sane, per quam doleo Regis ejus animum adeo obfirmatum esse, ut velit perseverare in hoc Schismate, ac dividere Ecclesiam Christi, quam unicam esse quotidie in Symbolo ipse profiteatur; præsertim cum opere ille tuo tam eleganti, tam erudito, ac egregii cujusdam, quin potius singularis erga eum studii, pleno, admonitus fuerit. Verebar egro, ne fortasse tantum ocii a rebus, & negotiis suis habere posset, ut librum tuum perlegeret: nunc vero legit, nec tamen resipiscit. Judicia Domini vere abyssus multa, quam humanæ mentis acies minime penetrare queat. Rex illius indolis! Rex, cujus auctoritate, & opibus Ecclesia Romana in unica Christi Ecclesia frequenter est sustentata! cujus etiam scripta exstant contra Lutheranos Hæreticos, non sine summa omnium commotione eo devenit, ut velit scindere Ecclesiam! Admonitus pulcherrimo opere ad homine consanguineo, ejus salutis studiosissimo, non tantum perseverat, sed, ut facile conjici potest, malo quodam affectu prosequitur carissimum medicum. Nihil est in humanis tutum. Bene inquit Apostolus Paulus, & recte nos admonet: Cum timore, & tremore salutem vestram operamini. Nullus sibi fidat. Verum, jam satis quæsti sumus. Revertor ad tuas literas. Eas legi Pontifici hoc mane, id quod etiam ex superioribus meis ad te literis jam intelligere potuisti. Captus est maximo desiderio te videndi, ac jam vidi literas conscriptas ad te, quibus te, etiam invitum, ad nos vocat hoc autumno ; & quoniam prudentis mihi hominis esse officium videtur, ut sibi caveat, ac timeat ea, quæ accidere non sine ratione arbitratur, nunnulla ea de re verba feci cum Pontifice, qui habitationem tibi parabit in domo Pontificia, sicque erimus sub eodum tecto, nec non ultro pollicitus mihi est, se minime defuturum his omnibus, quæ pertinent ad tui securitatem. Nolui tibi hanc partem reticere, quia ita ego statuo tibi vivendum esse, ut tuto vivas, quod meo judicio facilius, & commodius Romæ facies, quam Venetiis. Ad hunc Conventum doctorum hominum, quem Pontifex instruit, putavi maxime debere accersiri Abbatem nostrum Gregorium, singularem hominem, ut nosti, & nulli secundum. Itaque cum Pontifex, excellentis virtutis illius ignarus esset, ego ne officio Christiani, ac præcipue Cardinalis deessem, ea de illo homine retuli, quæ potui dicere ; nam fortasse non omnia potui. Quare, decrevit Pontifex eum etiam Romam accersere, jamque imperavit literas ad eum fieri. Itaque, spero nos simul jucundam hyemem acturos. Vos in plurimuis satisfacietis officio, quod scio me debere præstare, ignoro autem, an probe potero. Vale, & Deum opt. pro me ora, qui est benedictus in sæcula. Romæ xviii. Julii MDXXXVI.

88. To Reginald Pole from Rome, 22 July 1536[347]

Paucis hisce superioribus diebus binas ad te literas dedi de rerum mearum, & tuarum statu, & de mirifica Pontificis voluntate erga singulares virtutes tuas. Nunc tibi mitto hisce alligatas literas Pontificis, qui te Romam vocat hoc autumno, ut simul cum nonnullis aliis viris probis, & doctis tu quoque intersis ad Concilium, & ad Remp. Christianum in melius constituendam. Ego summo cum animi desiderio te expecto. Veniat etiam, Deo favente, noster Abbas Gregorius, quem etiam Pontifex literis suis Romam vocat, cui mitto hodies literas Pontificis. Ego divina ope adjutus satis valeo, neque res alia me molestia afficit præter angustiam quandam pectoris, quam etiamsi jamdiu patiar, nunc mihi videtur molestiam majorem afferre; nisi fortasse factus sum magis sollicitus, & meæ imbecillitatis subtilior indagator, quam prius fuerim. Marcus Antonius Superantius[348] optimæ indolis juvenis, ac fere adolescens, subita febre correptus, ac disenteria hoc mane diem obiit. Adeo paucis diebus ægrotavit, ut heri tantum sciverim ego eum ægrum esse. En tibi humanas spes. Gravissimus erit hic nuncius isthic plurimis, sed in primis, reor, Priolo nostro, cujus Superantius erat amantissimus. Vale in Domino, & Deum sæpe sanctius pro me orato.

89. From Reginald Pole, 4 August 1536[349]

Primum omnium tuam begnignitatem exoratam velim, ut mihi ignoscas, si tardius, quam par est, tuis gravissimis, & suavissimis literis responderim, cum tres me tuæ epistolæ ante oppresserint, quam ego ad te verbum. Quanquam sane rogavi per literas Priolum nostrum, ut interim, dum me fastidiosissimo negotio expedirem, quod omnem scribendi cogitationem, & tempus ad omnia alia abstulerat, ipse alique ex parte meo apud te officio satisfaceret, cui summam quasi meæ sententiæ in iis, quæ a me ad te scribenda erant, exposueram. Spero eum officio functum, & nunc eodem ipse fungar. Ab eo autem incipiam, quod mihi gratissimum fuit ex tuis literis intelligere; de tua scilicet valetudine, de qua cum non valde grata audieramus, sic te nunc sanitati restitutum esse, ut remissiori paululum vivendi genere utens, speres, te quoque imposterum effugere posse, ne iterum in eandem ægritudinem, utcumque natura eo inclinet, incidas, vehementissime gaudeo, & ut hoc tua spes te nunquam fallat, valde opto, assidueque precabor. Deinde vero, quod proxime me delectavit in tuis literis, fuit cura, quam in illis maxime ostendebas, salutis, ac incolumitatis meæ, cum me amantissimis, & vehementissimis verbis deterrebas, ne Regiæ potestati me traderem, cujus literis audieras me in Regnum revocatum, quibus ne parerem, valde te timuisse, tuæ literæ declarant, a quo me vehementer deterres. Equidem, etsi nihil unquam magis invito animo feci, quam ut illi vocanti non obtemperarem, tamen cum tempora recordarer, & quæ ab eo his paucis annis facinora sunt edita, cogitarem, non tam imprudentis, sed insani esse judicavi, meæ vitæ arbitrium illi committere, qui omnes, quotquot eandem, quam ego relinquere non possum, sententiam tenuere, aut crudelissime necari curavit, aut carcere viventes tenet, cum interim nullum unquam pœnitentiæ signum sit ab eo editum. Itaque sine ulla dubitatione respondi, me nullius imperio eo venturum, ubi illa lex regnat, quæ illam sententiam morte mulctat, quæ mihi mea vita est charior. Esti autem multa, quæ ad leniendum animum Regis pertinerent, quem hac responsione graviter offensum iri non erat dubium, adjunxeram, tamen hæc summa illarum literarum fuit, quas per eundem remisi, qui mihi Regis literas attulerat. Is erat unus ex familia mea, idem, per quem librum miseram, fidem vero dederat Cromuello, cujus arbitrio Rex jam regnat, ut si aliqua causa meum adventum tardaret, ipse statim reverteretur. Hoc vero Cromuellus exegerat, antequam illi literas Regias traderet; sed neque hujus adventum expectans (ut ex ratione dierum colligo) cum interim Tunstallus, Episcopus Dunelmensis,[350] quasdam literas illi ostendisset a se scriptas, quibus & meis respondet paulo ante ad eum missis, & sententiam meam in libro expressam oppugnat, hæc sic illi placuerunt, ut primo quoque tempore tabellarium extruderet, qui has literas ad me perferret. Quod ideo scribit se fecisse, ut mihi gratificaretur in eo præcipue, cum provideret, ne hominis mihi amicissimi sententia, cujus doctrinæ, & judicio multum semper tribuebam, & idem recentibus ad eum scriptis literis testatus fueram, tali tempore mihi esset ignota, quo si eam sequerer, mihi maxime prodesse posset. Admonet vero me, quam graviter perturbari necesse foret in reditu meo, quem jam appropinquare non dubitabat, si ejus sententiam diversam reperissem, de qua in meis ad eum literis me tantopere confidere ostendebam. Ut hac ergo perturbatione me liberaret, se præmisisse literas, hominis quidem amicissimi, sed a me sententia multum dissentientis, quemadmodum per ejus literas facile intelligerem, non solum autem qualis illius sententia esset, sed quantus totius Regni consensus in ea sententia rejicienda, quam ego amplectebar. Quare me etiam atque etiam monet, ut qui ejus doctrinam, & judicium semper probassem, ad ejus sententiam me conformarem, præsertim cum eadem sit, quam omnes, & singuli in eo Regno amplectuntur, qui aut Regni cives esse, aut Regi fidi haberi velint. Viderem ergo, in quantum me periculum conjecerim, qui librum contra hanc sententiam scripserim. Sed quia bono animo omnia me fecisse non dubitabat; si nunc monitus ab homine doctissimo, ac mei amantissimo, sententiam mutarem se curaturum, ut quæcumque scripserim, in optimam partem a Rege accipiantur, sicque reditum mihi honorificum, & in majore, quam unquam, apud Regem gratia me futurum. In hanc fere sententiam Cromuellus. Tunstalli vero literæ erant copiosissimæ. Nam & libri mei sententiam refellit, quem scribit a se perlectum, & literis meis respondet, quas ad illum statim a morte illius infelicis feminæ dederam, quæ omnium horum malorum causa erat, sperans quidem tunc meliora. Scripseram vero ad eum, permotus quorundam literas, quæ revocatum Tunstallum in gratiam Regis significabant, & , quod de ejus animo erga religionem nunquam dubitabam, ad sananda patriæ, & Regis animi vulnera sum hortatus. Sed si ejus nunc literis credere debeo, in nulla re magis, quam de ejus animo erga religionis res sum deceptus, qui meam vel potius Ecclesiæ sententiam in libro a me perscriptam, de authoritate summi Pontificis, ita refellit, ut prorsus aboleri velit. Ad ejus vero literas sic respondeo, ut primum negem librum meum ab eo perlectum; quod sic ostendo: quod & ea citat tanquam a me scripta, quæ nusquam in libro exstant, & quod argumentando ea affert in confutationem meæ sententiæ, quibus jam in libro responderam. Quem si legisset, nunquam quidem ille iisdem argumentis uteretur, quibus jam responsum est, nisi responsionem refellere in animo habuisset, quod tamen nunquam facit. Quo certius indicium mihi nullum esse potest, minime ab eo librum esse perlectum. Quare hoc primum dico, deinde argumentis ejus respondeo. Postremo cum in fine literarum quasi oratorio more concludens, patriæ primum de me judicium, post Regis beneficia, deinde propinquorum animos sic mihi proponat, ut me jubeat mecum paululum considerare, quid de me patria ipsa sit judicatura, si eam, quæ paulo ante servitutis jugo sit erepta (obedientiam, quam Pontifici præstare solebat, jugum appellans) iterum in servitutem, & sub idem jugum reducere conarer; in Regem vero quam ingratus essem, cui sempre eram charus, qui me puero in literis alendum curavit, si nunc literarum auxilio fretus, ejus sententiam, & authoritatem, Regni consensu datam, sic oppugnarem, ut prorsus tolli contendam. Quantum vero dolorem hoc idem parentibus propinquis, & amicis afferret, jubet me cogitare, si me obfirmato animo sententiam a Rege, & a toto Regno damnatam contra Regni ipsius utilitatem, & Regis honorem defenderem, intelligant. Talis est conclusio literarum ejus, nisi quod multa pollicetur de animo Regis, si sententiam mutarem. Ad hæc omnia sic respondeo. Primum tempora deflens deteriora Babyloniis, quando linguæ ita erant confusæ, ut nemo alterum intelligeret. Sed hæc deteriora esse, cum eadem verba contrarias notiones in animis auditorum pariant, ut nunc, quod ille captivitatem appellat, si Pontifici consueta restituatur auctoritas, Rex autem intra terminos, suæ potestatis se contineat, ego summam libertatem intelligo; quod ille restaurationem religionis (nam eo dicit actiones Regis tendere) ut ad antiquam formam res Ecclesiasticæ perducantur, ego oppressionem religionis, ac omnium legum, atque consuetudinum Ecclesiasticarum eversionem intelligo; quos autem ille adversarios Regis in reiiciendis his conatibus appellat, ego amicissimos, & maximos honoris ejus fautores existimo. Quare non posse me, non maxime miserabilem hunc patriæ meæ statum deflere, & quo magis defleo, eo minus cessandum iudicare, ut perturbatis rebus succurratur; neque hanc confusionem mihi unquam impedimento futuram, quominus ea perpetuo dicam, & faciam, quæ maxime noverim in Regis, & patriæ salutem, ac quietem futura. Quod si ab omnibus Rex deseratur, cum omnes fere vel spe commodi, vel terrore pœnæ a vera, & salutari sententia dicenda se subtraxerint, ut vel animam ejus perire, quam commodis suis carere, aut Regis salutis causa alicui periculo se objicere malint, sciant me nunquam illi defuturum, nac præmio ullo affici, aut periculo deterreri posse, quominus veritatem, & salutarem sententiam cognitam non omnibus modis illius animo inculcem. Hoc autem debitum illud esse, quod illius beneficio in mea educatione, & patriæ, ante omnia vero meæ in Christum pietati debeo, quod ut non omnibus modis persolvam, nihil prorsus me terrere posset. Hujusmodi fere verbis mæs ad illum literas conclusi, & tabellarium expedivi, qui in mandatis habuit, ut ea celeritate rediret, qua huc venit, idest per equos dispositos. Quia vero per eos dies opportunissime accidit, ut literas Pontificis haberem, quæ me Romam vocant, ut intelligerent, me nihil subdole, sed omnia sincere, & aperte cum illis agere, de mea deliberatione profectionis eos etiam certiores feci, quam tamen scio illis non minimum dolorem daturam, sed, ut scirent non a me ultro quæsitam, ut eo proficiscerer, quo minime omnium illi me proficisci velint, misi exemplum literarum Pontificis, & mearum, quibus Pontifici respondeo, ex quibus intelligere possint, nisi reipsa eam authoritatem auferrem, dum illi obedire recusarem, cui tam amplam authoritatem in libro tribuo, me illis literis sic adstrictum, ut prorsus facere quod imperat, nullo modo possim subterfugere. Vides nunc statum rerum mearum, in quibus hoc solum malum inest, si malum appellare debeo, quod multa mihi pericula impedent, sed his, ut spero, aut Deus providebit, aut in gloriam suam vertet. Hoc vero boni inest, quod quos nec religionis metus, nec ullus adversariæ potestatis terror deterrere potuit, quominus illorum animi ad rapinas dediti, quæ suaderent, ea facerent, obstaculum nunc rebus suis, ubi minime expectabant, invenerunt. Haud facile credes, quam timent, ne liber edatur, de quo pluribus verbis mecum agit Tumstallus, ut illum comburam, cui ego neque nego, neque polliceor facturum, sed certas conditiones propono, quibus observatis promitto me aboliturum quæ scripsi. Sed vides bonitatem Dei, quæ contra meam consuetudinem, & naturam invitum pœne cœgit, ut illas res asperius tractarem, non magis tamen aspere quam merebantur, sed si meæ naturæ fuissem obsecutus, & lenius tractassem, utcumque prorsus libertatem explicassem, liber neglectus jacuisset, neque Rex unquam verbum de eo fecisset. Nunc quia vident, si in manus hominum perveniat, ea vehementia scriptus, ut non solum magnam ignominiam actis illorum afferre, sed etiam contra eos concitare possit, quibus repugnantibus, nec se incolmes diutius permanere posse vident; hinc jam liber non negligitur, sed in maximis curis illis est, ne prodeat. Qualis vero si futurus hujus rei exitus, Deus solus novit, cui omnia permitto.

Pridie quam Pontificis Diploma acciperem, fuit mecum hic Abbas noster, quo cum biduum suavissime consumpsi, cum adesset Marcus noster Monachus, & idem titulo tenus Abbas, qui mecum assidue fuit, & nunc est, atque erit, quamdiu in hoc loco versabor, quem nosti quam amœnus sit, sed tamen maxime amœnus, quando duobus his comitatus hortos perambularem, qui me sic suo sermone pascebant, ut cum Enoch prorsus & Helia ambulare mihi visus sum in Paradiso Dei. Quoties vero te in nostro sermone desideravimus, ut felicitatem nostram compleres! Sed Romæ, ut spero, Abbate nostro eo proficiscente, eandem tecum renovabimus. Cum Abbate non sum loquutus, postquam literas a Pontifice accepit, quod accersitus a suis, nos necessario relinquebat. Sed audio eum ineunte Septembri mense iter ingressurum. Ego tam cito ad iter paratus esse non possum, quia expecto ex Anglia primum literas, & famulum. Sed hoc scito nihil mihi longius futurum, quam ut ad vos veniam, & summi Pontificis pedes, qui tanta benignitate me accersivit, osculer. Interim ad ejus Sanctitatem scripsi literas, quarum exemplum cum his misi, quas, si tibi fuerint probatæ, digneris reddere. De ea parte scriptorum meorum, quam post Prioli discessum interjectam inter libros tuos invenisti, rogo tibi curæ sit, ne in cujusquam manus veniat, ne quoquam emanet. Pridie quam hæc scriberem, huc ad me venerunt visendi causa humanissimus Dandalus, & clarissimus frater tuus Thomas. Dandalus vero me in Villam suam una cum fratre tuo abduxit, ubi jucunde, & hilare epulati sumus. Vides, ut ego te absente fruar delitiis tuis, sed paulo post spero me te ipso fruiturum, qui omnes omnium delicias mihi, ut soles, repræsentabis. Interim, rogo, tuis significes gratam tibi fuisse illorum in me humanitatem. Marcus noster me tibi scribere voluit, te inter praecipuos esse, quorum salutem quotidianis precibus Deum commendat, cujus nunc, & perpetuo tutelæ te commendo ; quem ut quam diutissime ad suum honorem, & Ecclesiæ utilitatem incolumem te servet precari nunquam definam. Datum ex agro Patavino. Rovelone iv. Augusti. Simul ac de tempore mei hinc descessus statutum fuerit, præmittam ex meis, qui de hospitio provideant.

90. From Reginald Pole, 31 August 1536[351]

Gratas meas literas Pontifici Maximo fuisse, quas ad te superioribus diebus dedi, ex tuis ad me scriptis literis intelligere, multo fuit jucundissimum; simul & summam illius in me benignitatem intellexi, & tuum in me non ignotum quidem, sed semper jucundum amorem in meis tradendis, ac recitandis libenter recognovi. Ex quo, & multis aliis facile video, quod nullum tu locum, nullum tempus prætermittas mei, & juvandi, & ornandi. Quamobrem quid hoc tempore scribam, prorsus ignoro. Cum quibus verbis tibi gratias agam non invenio, hoc tantum a datore omnium bonorum petere possum (id quod assidue facio) ut quod in referendo gratiam facultatis mihi deest, ipse dignetur persolvere, dignumque me vas tua merita recipiendi faciat. Quod autem ad meum isthuc adventum attinet, quem scribis abs te avide desiderari, si, ubi spes majoris fructus consequendi, vehementius desiderium accendi soleat, quanto magis ego hoc idem desiderare debeo, ut tecum, si fieri posset, perpetuo vivam, qui tuam divinam consuetudinem mihi proponens, mihi sane omnia polliceor quæcumque in hac vita humanus animus, vel ad superandas itineris hujus molestias, vel ad bona, & commoditates percipiendas excogitare possit, cum tu contra de me nullam fructum possis expectare, nisi forte is fructus satis est (quemadmodum prorsus tibi satis est) si quis ex animo in tui amorem, & observantium dedito capi potest, quem tibi numquam ex me defuturum polliceor, & confirmo. Sed, ut de aventu nunc meo loquar, esti nihil prorsus ex Anglia mihi in mentem venire potest, quod meum ad vos iter interrumpat, est tamen quod me paululum tardet, quod nuncium, quem illuc misi, expecto, quem audire, antequam me hinc moveam, non esset plane inutile, sed multis de causis valde commodum. Si vero aut isthic detineatur (quod facile fieri potest) aut ante xvi. dies non compareat, nec hunc, nec quenquam alium expectare statui, sed statim post illud tempus me in viam dare, Habebo autem, ut spero, ejusmodi itineris duces, quales ne optare quidem meliores possem. Hi sunt Veronensis, & Theatinus Episcopi,[352] quibuscum multa de hac mea profectione contuli, cum huc Veronensis salutandi senatus causa, ac admonendi de Pontificis voluntate in eo accersendo venisset; ii vero in omnibus pro sua summa humanitate, mei curam susceperunt; Veronensis vero ipse dux erit, qui commodis itineribus per Hetruriam[353] nos ducet. Omnino sic nobis ab eo in omnibus prospectum esse videtur, ut quod ad summam itineris faciendi commoditatem attinet, nihil nobis deesse videatur præter unum illum, quem maxime expectamus, comitem. Is est Abbas noster, qui quod antea Archiepiscopo Salernitano[354] promiserat, qui eum in Umbria expectat, nobiscum proficisci non potest. Omnes vero brevi, ut spero, ad eandem metam, idest in complexum tuum concurremus. De rebus Anglicis hoc tantum ex literis, quas ad me Orator Angliæ e Gallia[355] nuper scripsit, accepi; Nobiles quosdam ad extrema subeunda supplicia condemnatos, illum, qui pro Pontificis authoritate in Hibernia anima sumpserat, & res strenue gerere inceperat, qui postea sponte se in Regis potestatem accepta impunitatis fide dedit, hunc vero cum quatuor ejus avunculis condemnatum, alterum vero fratrem Ducis Northfolciæ ob clandestinas nuptias cum filia sororis, quæ olim fuit Scotiæ Regina, post mortem vero Regis nupsit cuidam Comiti Scoto, ex quo est hæc filia, quæ in funere videtur nupsisse, nisi Regis clementia judicum sævitiam mitiget, quæ tam ipsam, quam virum damnat. Sed existimo, non solum in iis duobus, sed etiam in illo Hybernico clementiæ suæ ostendæ occasionem Regem quærere, & propterea permisisse, ut condemnaretur. Signa vero quædam habero, quibus facile colligo, Regem, & in cujus arbitrio Rex regnat, crudelitatis suæ in alios, pertœsos, quod vident intolerabilis odii rem esse, quærere potius, quo pacto aliquo clementiæ signo dato veteri odio medeantur, quam ut per injustam tam illustrium personarum mortem idem augeant; nihil enim iniustius in omnium oculis fieri potest, si ii plectantur, quod alter, idest Hybernicus, fidem publicam, qua se jure tueri potest, habet, contra autem alterius factum nulla lex extet præter eam, quæ post factum, ut eædem literæ significant, fuit lata. Sed de his brevi sciemus. De rebus religionis accepi etiam Capita quædam, quæ nostra lingua edita, & impressa, in quibus a veteri, & Catholico more Ecclesiæ nihil dissonum video, nisi quod hoc maxime dissonem est, & nescio ne magis pueriliter, an impie scriptum, quod Rex in illis Articulis, (sic enim appellat) se quasi authorem facit, cum sic inscriptio habeat: Articoli excogitati per Mæstatem Regiam ad confirmandam concordiam in animis populi de rebus Religionis, quibus etiam Episcopi assensum dedere. Sic se habet inscriptio. Si vero quæris, quales ii Articuli sunt, Sacramenta Ecclesiæ sunt, nihil enim aliud continent ii Articuli præter quædem de Invocatione Sanctorum, & de Purgatorio, in quibus etiam eandem cum veteri Ecclesiæ sententiam tenere videtur. Vides nunc (quod maxime est miserandum) quam se Rex facit, quod hujusmodi Articolos, quasi a se excogitatos profert. Vides etiam (quod maxime est gaudendum) cum tot artes, & machinæ ad plebis animos corrumpendos sunt adhibitæ, quemadmodum misericordia Dei eos protexerit, ut Rectores tandem, quo plebes voluntati satisfacerent (ob hanc causam hæc nunc sunt edita) ad vetera dogmata confirmanda redire inviti pene cogantur: adeo ut nunc simplex nostrum malum dici potest, quod antea multiplex videbatur; fuit, & ideo difficilius ad curandum. Sed nunc solo Capitis dolore videmur laborare, haud ita quidem periculoso malo, sed tamen gravi, quod si eadem Dei misericordia, quæ e corpore morbum repulit, tollere dignetur, jam qui periculosissime ægrotabamus, salvi essemus. Utcumque vero apud se divina illa sapientia de Capite decrevit, quæ sic malum, quod in totum corpus ex capite se transfundere parabat, resecavit, ne intus penetrare posset, non nos penitus ejectos esse ostendit, sed bonam quoque spem, perbrevi integram sanitatem totum corpus recuperaturum, nos habere, quasi jubere videtur. Quod ut quam brevissime ad ejus honorem fiat, assiduis precibus precari non desino, cujus tutelæ te nunc, & perpetuo commendo. Datum Venetiis, Pridie Kalendas Septembris MDXXXVI.

91. From Gianpietro Carafa, 8 September 1536[356]

Rme in Christo pater et domine observandissime. hieri per il magnifico messer Thomaso suo fratello, hebi le lettere di V. S. Rma col breve di Nostro Signore in resposta de la mia, et intesi la causa de la tardanza di detto breve. Non ho altro che dire se non che vedendo non esser admesse le mie scuse, et conoscendo questa esser la volutà di Nostro Signore ch’io venga omnino, non son per far più resistentia nè per tardar più se non quanto mi possa levar di qua, con procurar per ciò tutti quelli mezi ch’io potò honestamtne adoprare, perchè possa far questa santa obedienza di condurmi al conspetto di Sua Santità et farle veder della mia dapocagine et miseria quel che non crede. et forse questa sarà miglio via da liberarne dalle disutili occupationi delle corti et delle città et da gittarmi in qualche cantone a penger li mei peccati; perchè certo, monsignor Rmo, non voria esser sì vano che mi lassasse dar ad intender d’esser tanto più di quel ch’io sono et se ben mi posso ingannar di me medesimo in quale – et chi è colui che non si inganne? – , pur questo saria troppo grande et insopportabile inganno, che essendomi bastato l’animo di governar due chiesolette di poco momento, hora havesse ardir di metter mano al governo del mondo, et di tal mondo! et so che Dio po’ far miracoli, qui facit mirabilia magna solus; ma quanta vanità saria la mia, se tutti quelli miracoli che Dio po’ fare, io aspettasse che li facesse per me? sichè io verrò col aiuto di nostro signor Dio, solo per sarisfar al voler di Sua Santità, la cui singular humanità merita che oltre quel che si deve alla reverentia del amplissimo luogo che tiene, solo per obsequire ad ogni voluntà, ad ogni cenno di Sua Santità io mi deba mettere intrepidamente a sopportar ogni gran farica. Et certo se da qualche banda fosse comparso qualche aiuto, secondo V. S. Rma cennava, io saria forse partito a quest’hora; pur spero che nostro signor Dio provederà da qualche altra banda. Vale felix., urget nuncius. Venetiis 8 septembris 1536. Servus Amplitudinis Joannes Petrus episcopus Theatinus. Al Rmo signor cardinal Contarino signor observanmo.

92. From Marcantonio Flaminio, 7 October 1536[357]

Revmo S.or mio ossermo. Havendomi il reverendissimo vescovo di Chieti[358] in luogo di figliolo, è debito mio haver cura di sua signoria come osservandissimo padre et signore, per il che tutto ch’io sappia che V. S. reverendissima non ha bisogno di esser avvertita, pur per più mia satisfattione non resterò di dire quello che mi viene in mente. Questo signore venne a Verona senza un quatrino, perché li sessanta scudi d’oro, che li furono dati dal reverendissimo legato[359], a pena bastarono a comprar le cose necessarie al viaggio per sé et per li suoi compagni, et fu ricevuto dal reverendissimo patron mio come padre, et è stato trattato per viaggio medemamente; et certo havea bisogno di tal cortesia, per esser debile et fiacco più assai che non harrei pensato, di modo che essendo horamai desperati di poterlo condurre a cavallo, habbiamo trovato qui[360] una lettica la quale c’impresta la signora duchessa di Camerino[361], et così speriamo con l’aviso del Signor Dio di condurlo salvo a Roma. Resta adunque che V. S. reverendissima procuri per sua courtesia che quando il povero signore arriverà trovi stantie accommodate per sé et per li suoi compagni, che sono cinque, parte sacerdoti, parte conversi; et perché, come ho detto, loro non hanno denari, bisognerà avvertire sua Santità che dia cura a qualche homo da bene che li provegga, non solamente della suppellettile necessaria, ma anchora di tutte le altre cose necessarie al vivere.

Viene anchora il signor Renaldo Polo il quale se V. S. non lo avisa, forse si troverà in qualche incommodo non havendo né casa, né supellettile; per il che tocca a V. S. reverendissima dare a questi soi amici tutto quello favore appresso sua Santità che meritano le loro dignissime conditioni, et tanto maggiormente, che sua Santità è tanto magnifica et liberale et virtuosa che harrà carissimo di esser avvertita delle cose pertinenti al commodo di questi signori; et perché sappiano dove allogiare quando arriveranno, seria molto a proposito che V. S. reverendissima si degnasse procurare che per strada si sapesse quanto bisogna. Noi staremo doman qui, poi piacendo a Dio seguiremo il viaggio, el quale serà tardo et breve, secondo che la sanità servirà il padre vescovo. A V. S. reverendissima humilmente baso la mano. In Fiorenza. Alli VII di ottobre MDXXXVI. Di vostra S.ria Revma humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

93. From Reginald Pole, 10 October 1536[362]

Quo plura, & atrociora nuper ex literis, quæ ad me ex Anglia nuper sunt allatæ, de Regis erga me voluntate, qui hanc meam profectionem ægerrime fert, accepi, eo magis necesse habeo, meam salutem, quæ nunc maxime in periculum venit, S.D.N. cujus authoritate, quam secundum Christum maxime sequor, in Regis indignationem incidi, etiam atque etiam commendare. Assecutus vero est me tabellarius Veronæ, a Rege per dispositos equos ad me missus, idem, quem ante paucos dies ipse ad Regem miseram, qui ab hanc causam jussus est omni celeritate uti, ut ad me prius literas perferre posset, quam ipse iter ingrederer. Existimabat enim, ut videtur, Rex, si qua unquam re, maxime illis literis iter meum se potuisse impedire: nec certe eum opinio fefellisset, nisi supra vires meas me divina gratia in proposito retinuisset. Nihil enim excogitari potuit ad disturbanda consilia profectionis, quod non in illis literis sint persequuti. Variæ enim erant. Primæ autem, quæ a Cromuello illo, cujus arbitrio Rex regnat, ad me sunt datæ, plenæ omni genere minarum erant, atque has ex Regis verbis scripsit. Alteræ, quas ad me Tunstallus, Episcopus Dunelmenis, scripsit, nihil continebant præter oppugnationem authoritatis Pontificis, in quibus satis prolixa oratione ostendere est conatus, si authoritatem Scripturarum sequerer, Regi potius revocanti, quam Pontifici vocanti esse obediendum. Tertiæ vero, quæ me maxime movebant, a matre, & a fratre erant scriptæ sic miserabiliter, ut prorsus iis lectis, plane ut res est (nec me fortiorem, quam sum, facio) prope succubuerim. Consilium certe profectionis jam mutare cœperam, sic enim me suppliciter obsecrabant, ne contra Regis voluntatem hoc iter susciperem, sic contra minabantur, se omnia naturæ jura mihi renunciaturos, si cœptum iter persequerer. Quo pacto hoc gravissimum naturæ telum, quod intima viscera petebat, nisi mutato consilio de profectione evaderem, non videbam. Quare id jam mecum deliberaveram, nihil dubitans de Pontificis bonitate, quin facile ab eo veniam impetrarem. Cum illi optimi Expiscopi, in quorum me comitatu scis esse, quibuscum consilium reprimendi itineris communicavi, ambo una voce, quasi divinitus ad me missi, tergiversantem retinuerunt, & vacillantem animum optimis verbis confirmarunt, cum inter cætera hoc etiam adderent, plus ad manifestandam Christi gloriam, & meorum civium utilitatem, meam de Pontificis authoritate sententiam, hoc meum factum profuturum, si constaret, ut nec Regis minas, sic nec parentum amorem ab ejus obedientiæ revocare posse, quam omnia quæcumque in prolixo eo volumine de ea re scripsi, quæ utcumque gravia, & firma sint, nisi facta cum illis consentiant, omnem authoritatem in hominum animis facile amissura; hoc vero argumentum deleri non posse, quod semper claram meam de Pontificis authoritate sententiam reddet, si, ut ad Christum discipulos cognoverunt, sic me ad Pontificis Romani ejus Vicarii obedientiam relicitis omnibus, quæ in natura jucunda esse possunt, quæ me retrahere conantur, accedere videant. Quid plura! Me persuaserunt, vel potius Christus (sic enim accipio) per illorum os. Quare statim nuncium remisi ad Regem, sic enim jussus est, & Sacramento adactus, ut accepto a me responso cum celeritate rediret. Tale vero responsum dedi, ut facile sciret, tali in causa nihil me ullius hominis minas facere. Tunstalli vero literis, vel potius volumini, in quo istam authoritatem oppugnat, non minus longa oratione, dum singula ejus argumenta solvere conor, respondi. Parentibus autem, ut potui, satisfeci, & tabellarium Bononia in itinere ad Regem dimisi. Nunc, ut scires, quo statu & quo pericolo versor, ad tuam benignitatem hunc tabellarium misi, & simul ut rogarem, ut hac de re cum S.D.N. conferas maxime, qua ratione ab horum insidiis, qui ex hac causa mihi erunt inimicissimi, tutus esse possim. De hoc enim maxime laboro, quod sciam, postquam me verbis flecti posse desperarint, eos omnia conaturos, ut me a medio tollant. Quod si Ecclesiæ utile erit, quod ad me attinet, ut quam celerrime id fiat, optabo. Sin quod ejus Sanctitas de me decreverit, id re tutissimum, & optimum judicabo, cui me totum trado, & Illum, atque te Christo, qui vos incolumes ad ejus honorem quam diutissime servet. Dat. Senæ[363] X. Octobr.

94. To Vittoria Colonna from Rome, 13 November 1536[364]

Eccellentissima, et Illustrissima Signora. Poi che Vostra Eccellentia, con le sue lettere, et il nostro Messer Luigi (Priolo), per nome di quella, m’ha fatta molta instantia, ch’io le scriva, et esponga, qual sia l’openion mia, di questa materia, tanto al di d’hoggi volgata, et disputata, cioè, del Libero Arbitrio, ho voluto più tosto, etiandio errando, odedirla, che non sodisfare alla richiesta sua, anchora ch’io conosca, questa esser materia, molto difficile; et superar di gran lunga le mie poche forze, et difficilmente poter sodisfar alla sublimità dello ingegno di quella. Pure per sodisfarla (com’io ho detto) in quel, ch’io posso, discorrerò quanto m’occorre al presente, circa questo; et cominciarò dalle cose, che naturalmente, et per la Filosofia, sappiamo del Libero Arbitrio; et poi veniremo alla Dottrina Cattolica, et Christiana di quello. Nè spaventi Vostra Ecc. questo nome di Filosofia. Perchè non sarà quella vana, la qual repudia San Paolo, ma sarà quella vera, per la quale il lume naturale, impresso da Dio nel nostro intelletto, ne dimostra la verità, in tutte le cose, che sono allui sottoposte. Il quale lume, è una derivatione, et partecipatione del lume divino, inserto nella nostra natura; et non estinto in tutto in noi, per il peccato.

Diciamo adunque, per dar principio a questo nostro discorso. Ch’a saper ben la Natura del Libero Arbitrio, necessario è prima, che ben’intendiamo quello, che vuol dire, et quel, ch’importa questo nome Libero, et poi veniremo al Libtero arbitrio.

Debbiamo sapere, che si come colui è servo, che non è posta sua, ne si move nell’ operationi, le quali fa, come servo, da se stesso, ma è mosso dal patrone; così per contrario, libero è colui, il qual è di se, et non d’altri, et si muove da se, et non da altri. Onde quanto una cosa, sia qual si voglia, è più rimossa, da esser mossa a posta d’altri, ma si move da se medesima, tanto è più rimota dalla servitù, et più s’accosta alla libertà. Hora fatto questo fondamento, notissimo a ciascuno, applichiamolo a particolar, cio è, alle cose particolari, et cominciamo dalle cose inannimate, come la Terra, i Sassi, et l’altre simili. Una Zolla di terra, un Sasso, possiamo movere, o vero all’ingiu, lasciandolo descendere al basso, o l’insu, gittandolo nell’aere. Di questi due modi, uno è naturale, cio è, il discenso, l’altro è violento, ch’è l’ascenso.[365] Dico che nel moto dell’ascenso, è in tutto servo, nel moto del discenso, non dico, che sia libero, ma più a’accosta alla libtertà, che nel moto violento dell’ascenso. Imperoche nel moto naturale, si move quella zolla, dall’inclinatione, et gravità intrenseca, nel violento, non si move d’alcuna cosa ad essa intrinseca, anzi contra l’inclinazione intrinseca, sforzata dalla violentia dell’impellente. Onde in questo moto, è in tutto serva. Nel moto naturale, perch’è, da principio intrinseco, si discosta dalla servitù, et accostasi alla condition del libero. Non è però Libera, perché si move per quella impression di gravità. Della quale il sasso, o ver la terra non è stato autore, ne causa, ma l’ha havuta da quella causa, che l’ha generato, et però si move secondo la legge, che gli è stata data. Onde non solamente non diciamo, che sia libero, in questo moto naturale, anzi dicono i Filosofi, che non possiamo dir, che si mova da se, ma ch’è mossa dalla causa generante. Et è connumerata fra quelli mobili, che sono mossi da altri.

Da questi ascendiamo agli animali brutti. De quali dice Aristotile, che si movono da se, perchè si movono dalla cognition propria del senso loro, alla qual seguita l’inclination dell’appetito loro, a perseguir quello, che conoscono, ò vero, a fuggirlo. Adunque movendosi per l’inclination dell’appetito, la qual è causa dell’operation loro conoscitiva, s’approssimano più all’esseri liberi, che non fanno le cose innanimate. Le quali hanno l’inclination ne moti lor naturali, non da se, ma dalla causa generante, onde si movono da se, et non da altri, come diciamo farsi nelle cose innanimate. Et qui incominciamo a vedere Arbitrio, ma non anchora, libero. Ne gli animali brutti, è arbitrio, perchè v’è cognitione, et certa esistimatione delle cose, che comprendono, ma non è libero, perchè non è da se, ma dalla natura, secondo l’impression dell’obbietto. Onde non conoscono il fin de lor moti (dico) come fine, et secondo la natura di fine. Nè conoscono la proportion, c’hanno li mezzi, per li quali procedono ne lor moti ad esso fine; ma sono guidati dalla natura. Si come dicessimo d’un fanciullo nella prima età, che incomincia a imparare l’alfabetto, il qual è condotto per mano dalla notrice, o dal pedagogo alla scuola; anchora che questo fanciullo si mova, da per se, caminando co’ propri suoi piedi, et vada a la scuola, per la qual camina, et poi vede la scuola, dov’è condotto; non fa però che l’imparare in quella scuola, sia il fine, per il quale ha fatto quel camino, nella proportione, et convenientia, la qual ha la strada, che ‘l fa pervenire alla scuola, ma è guidato dalla notrice. Il simile interviene agli animali. Per l’angustia della virtù conoscitiva, et per conseguente del’appetitiva in loro (si come di sotto diremo più ampiamente) non conoscono il fin, come fine; nella proportione, c’hanno i mezzi al fine: ma sono condotti dalla natura, con la lor cognition però, et appetiti, per i debiti, et determinati mezzi al fin loro. Et che la natura gli conduca, et non il proprio lor giuditio, Aristotile nel secondo libro della Fisica, testo et com.80. lo dimonstra per questo segno, cio è che tutti d’una istessa spetie, operano a un medesimo modo, nè varia l’un dall’altro. Onde seguita, che sono mossi non da proprio, et particolar giuditio loro, come da principio, il quale in diversi, non potrebbe sempre essere uno, ma da un superiore, il quale guida tutti essi. Diciamo adunque, che gli animali brutti, si movono da se, et però sono più liberi ne loro moti, che le cose inanimate. Si movono anchor con loro arbitrio, ma non libero, si come habbiam discorso di sopra.

Et se Vostra Eccellentia, vuol intendere la causa di cio, io brevemente la espicarò. Et questa parte, sia preambula a vedere, et intendere qual sia il Libero atrbitrio dell’huomo, et onde sia, et l’angustia della Virtù conoscitiva, et dalla Virtù appetitiva, d’esso. Perche ad havere arbitrio, et giuditio libero, bisogna essere capace di comprendere tutte le cose, la Natura loro, la proportion, c’hanno insieme, la Bontà, lor maggiore, et minore. Il che non può essere in altra virtù conoscitiva, se non in quella, che conosce la Nature del Bene universale, et per conseguente, i beni particolari, contentui sotto quella Natura universale. Bisogna anchor per conseguente, haver l’Appetito non angusto, determinato a un certo particolar bene, ma ampio, capace, d’ogni Bene, e del bene universale. Onde non essendo negli animali brutti, questa Potentia comprensiva, del bene universale, ma di certi particolari, convenienti a loro, et l’appetito anchora angusto, et determinato proportionato alla cognition loro, non hanno Arbitrio libero, si come uno, ch’è chiuso in una camera, ò ver sala, onde non possa uscire, non è libero, ma sta, a posta di colui, che l’ha rinchiuso, così gli animali brutti, non hano arbitrio libero, ma determinato, et conchiuso, fra certi stretti termini.

Hora conoscendosi bene un aopposito, per l’altro ascendiamo all’huomo, et vedremmo chiaramente, c’ha l’Arbitrio libero, per sua natura. Imperoche essendo dell’huomo una potentia appetitiva, che seguita l’intelletto, a tanto si estende, a quanto s’estende lo intelletto. Onde essendo lo intelletto amoissimo, perché intende tutte le cose, la volontà è anchora ampissima, et s’estende a ogni cosa, a ogni sorte di bene, et al bene universale. Onde precedente l’elettione, si move al fine, come fine, et elegge i mezzi, come proportionati al fine, secondo che le pare. Onde l’huomo si move da proprio arbitrio, et libero, et s’estende a tutti gli beni, et al bene universale. Ecco quello ch’è Libero Atrbitrio, et perche causa, è solamente nell’huomo, et non ne gli animali brutti.

Hora procediamo più in oltre in questa volontà humana, et vedremeo,

Come conservi questo Libero Arbitrio.

Et come vegna alla perfettion d’esso.

Et poi come lo diminoisca.

Et finalmente lo ponga in servitù.

Ma prima aggiungiamo un’altra cosa, per poner fine a quel, c’habbiamo detto di sopra della volontà, et libero arbitrio. Noi abbiamo esposto, in universale, la natura della volontà, et del Libero Arbitrio, ma perchè la volontà, è principio di tutte l’attioni humane, le quali sono circa i particolari, bisogna anchora, c’applichiamo al particolar quello, c’habbiamo detto in universale.

Diciamo adunque, che questa inclination della Volontà nostra, al Bene universale, bisogna, ch’essa l’applichi al particolare. Et perchè l’Appetito del fine, è il primo, dal quale si regolano tutti gli altri appetiti, la Volontà nostra, ha per sin suo, quel Bene Universale, nel qual son tutti gli altri Beni, che chiamiamo anchora Beatitudine, et Felicità. Ma perchè lo intelletto, non vede chiaramente in questo stato, nel quale siamo, dove sia posta questa Felicità, et dove consiste la Beatitudine nostra, et la inclinatione è depravata, come diremo poco di sotto, però diversi huomini constituiscono, et pongono la Felicità, in cose diverse. Ma il vero fine, è quello, che contiene ogni bene, cio è, Dio Benedetto. Onde allhora l’huomo, ha veramente il Libero Atrbitrio, quando ha, si come in universale, il Bene, così in particolare, il Bene, che contiene ogni bene, et la natura d’esso bene, et à quello, indrizza tutte le sue operationi.

Qualch’uno qui mi dimanderia. Dimmi. Non appartiene alla Potentia del Libero Arbitrio, di poter dechinar da questo fine, cio è, Dio, et poner qualche altra cosa, per ultimo fine?

Hor qui rispondo accioche non s’inganni. Che non è d’attribuire alla Potentia del Libero Arbitrio, nè alla sua libertà, il poter dechinar, da questo fine, a un altro, anzi, questo è Impotentia, et è recidere dalla libertà, et tendere alla servitù. Il che manifestamente si comprende, dal discorso fatto di sopra.

Habbiamo già detto, che la causa della Libertà, è l’Amplitudine della volontà, et la causa della Servitù, è l’Angustia. Non vedi tu, che tanto, s’estende il moto della Volontà, quanto, è l’ultimo fine; dal qual si regolano, tutte l’altre sue operationi? Se tu adunque ti partirai da Dio, ch’è il Bene Universalissimo, che contiene in se ogni essere et collocarsi il tuo ultimo fine, in altra cosa, tu ti partirai dall’Amplitudine, et ti porrai nell’Angustia, perchè ogni altra cosa, è in infinito, più angust di Dio; et così dalla Libertà, andarai alla Servitù. Il potere adunque dechinar da Dio, non è poter, nè potentia; sì come il poter zoppicare, il poter essere offeso, non è potentia, ma impotentia; come dicono ancho i Filosofi, nè appartiene alla libertà. Essendo via di destruerla, et d’andare alla servitù.

Hor da quel, c’habbiamo fino a qui detto, appare quello c’habbiamo di sopra differito di dire. Cio è. Qual sia la Vera libertà, et il modo di conservarla, et la perfettione d’essa; et allo ‘ncontro, qual sia la via di sminuirla, et farla serva; et il perficere questa sua virtù, et il conservar la libertà della volontà, et conservarla nell’Amplitudine del bene, nè dechinar da Dio, ad altro fine angusto. La perfettion di questa libertà, è il non poter dechinare da essa, rimovendo quella impotentia, benchè chiamiamo potentia, lo imminuire la libertà, et dechinare dal Bene universale, in qualche particolare, ponendolo per utlimo fine. L’essere in quello fiso, è il farla serva. Il perder la potentia di ritornare a dietro, et essere immutabile da quel fine, è perdere perfettamente la libertà vera, et far la volontà serva. Rimane nientidimeno il Libero Arbitrio, fatto però servo: perchè rimane quella potentia natural dell’anima, rimane la cognitione, et la inclinatione al Bene universale. Onde seguita. Che quel tale, quand’opera in quella servitù, operi non ispinto dalla Natura, come gli Animali brutti, ma mosso da se, et da suo giuditio. Fin’a qui habbiamo veduto la vera, et naturale libertà, et la servitù sua, contra natura.

Et perché fin hora habbiamo parlato come Filosofi voglio anchora, che procediamo un poco più oltre, pur come Filosofi, per dichiarar più che possiamo, questa difficillima materia.

L’esperientia dimostrò a i Filosofi, anchora, che non sappessono altra causa, che l’huomo dalla sua natività, era inclinato al male, non dico solamente per l’appetito sensistivo, et carnale; ma dico, per la inclination della volontà. Videro ch’era inclinato alla Superbia, all’Invidia, all’Avaritia, che sono malitie spirituali, et non corporali. Onde dice Aristotile nel 6. della Politica, cap. 2 et 4. Ch’è buono; ch’ognuno, quantunque sia nobile, grande, et in supremi magistrati in una Repubclica, sia obligato, a render ragione al popolo, ò vero, ad altri, delle sue operationi. Et soggiunge la ragione, dicendo quasi queste formali parole. Perchè il poter far quello, che l’huomo vuole, non può contenire, et comprimere il male, ò ver la malitia, ch’è, in ciascun’huomo. Vede V.E. quanto espressamente dica, il diffetto nostro naturale, cio è, ch’è derivato, con la Natura nostra, in noi. Platone, et i Platonici, come Porfirio, ritrovorono anchora certe espiationi, come recita Sant’Agostino. Sia fino a qui detto della volontà, nella qual consiste il Libero Arbitrio, che da lei deriva nell’appetito sensitivo dell’uomo, il qual la Natura ha fatto a un certo modo, ragione. Perche l’ha fatto atto, a obedire alla ragione. Si deriva poi questa libterà, a moti de membri del corpo, et a tutte l’altre operationi humane. Le quale in tanto sono humane, in quanto sono volontarie. Hora ci basta, fino a qui essere stati Filosofi.

Veniamo hora alla verità della Fede Catholica, dove vedremo, chiaramente esplicato, il rimedio chiaro, il quale essi hanno sognato. A noi per la Scrittura Sacra, è stato rivelato, che Dio, creò l’uomo retto; et esso, cooperante l’invidia del Diavolo; ci ha posti in difetti inestricabili. Ne Dio fece la morte, ma hebbe adito nell’huomo, per il peccato. Questa Rettitudine, nella qual Dio creò l’huomo, fu la Giustitia Originale. Nella qual si contien la vera libertà dell’huomo: perché la Volontà, non solamente era volta, et inclinata al Bene, in universale, ma in particolare, era inclinata a Dio, com’ al’ultimo fine: per il quale regolava tutte le sue operationi. Onde non era angustata, nè ristretta, ma spaciava libera per ogni Bene, et per ogni essere. Onde non haveva in se ostacolo alcuno, ma somma pace, et tranquillità. Imperoche le Creature, et tutto il bene, et l’esser loro, è in Dio, unito in una semplica unità. Nè c’è li, fra l’essere, et il bene, delle Creature, alcuna repugnantia, alcuna contrarietà, ma ogni cosa, è una semplicissima unità. Et poi descendendo da Dio, nelle Creature, perchè si fa angusta, incomincia haver repugnantia fra se, et in alcuni, contrarietà. Perchè la Natura d’una Creatura è difinita dalla natura dell’altra; ne si possono accoppiare insieme: perché non può essere un huomo, et cavallo insieme; ne Arcangelo, et Serafino insieme, et discorrendo poi a maggior angustia, incomincianno esser contrarie fra loro. Onde l’una corrompe l’altra, come veggiamo in queste cose inferiori, generabili, et corruttibili. Le quali però tutte, nell’Amplitudine Divina, sono una cosa medesima, senza alcuna repugnantia. Così la Volontà nostra, quando fu veramente libera, posta in Dio, non haveva alcuna repugnanita, come dice il Profeta, nel salmo 118. Pax multa dilingentibus leges tuam, et non est in illis scandalum. Fu adunque creata la Volontà nostra, in questa rettitudine, et in questa vera libertà. Ma perchè non fu creata immobile in questa rettitudine, et libertà, havendo quella impotentia, detta di sopra, di potersi applicare ad altro ben particolare, com’ad ultimo fine, dechinando da Dio, ch’è il Bene Universale, tentata dal Diavolo, et mossa dalla promessa fattale, che dovevano essere come Dii, dechinò dal bene universale, cio è, da Dio, et si voltò a se medesima, ponendo l’ultimo fin suo in se, nell’essaltation sua, ne commodi suoi, et non Dio. Onde pigliò una piega molto pernitiosa, dalla qual seguitò, che lo intelletto, massimamente operativo, s’annichilò, pigliando, quando viene all’operare, il principio di suoi discorsi, dalla inclination della Volontà. Imperoche, come dicano i Filosofi, nell’operare, l’inclination della parte appetitiva, constituisce ‘l fine allo intelletto; come toccheremo poco di sotto. In questa Giustitia Originale, l’Appetito sensitivo era in tutto soggietto alla ragione. Onde era motlo partecipe della libertà, innalzato dalle sue angustie. Et così discorrendo, il corpo era sogietto all’anima. Ma noi usciamo molto dal proposito nostro, di trattare del Libero Arbitrio; però lasciaremo l’altre conditioni dela Giustitia originale.

Hor si come l’Appetito sensitivo era fatto quasi Rationale, così rivolta la Volontà da Dio, a sè stessa; l’Appetito sensitivo si rivoltò dalla Ragione, a se stesso: dove nacquero infinite cupidità, infiniti timori, et infirmità. Onde avvenne, ch’essendo lo intelletto nubilato, nel primo principio dell’attioni, constituendo per fine ultimo, il ben proprio; nè discernendo se medesimo, s’inviluppò insieme col senso, et con il corpo, et si fece carnale, constituendo il fin suo, nella Voluttà del corpo, et di fuggir l’incommodi, et le tristezze corporali. Et questa Corruttione è poi chiamata da Christiani, il Peccato Originale. Del quale, io non voglio, c’hora parliamo, ne perscrutiamo d’esso, in quanto è colpa, ma solamente in quanto, è egritudine dell’anima, et a proposito del Libero Arbitrio.

Hora essendo nella natura humana, questa Corruttione, et questa Egritudine, fu, coime diciamo di sopra, conosciuta da Filosofi, per quel che dettava la Legge naturale, et per l’esperientia, che vedevano. Onde cercarono di ritrovare ‘l rimedio, et la medicina. Et vedendo l’inclination prava, pensorono, che con l’assuetudine nell’operare virtuosamente, la si potesse mutare, et farla retta. Insudarono nella Filosofia Morale, nelle Virtù, che sono habiti, et inclinationi, al Bene. Ma essendo l’egritudine, nel principio primo dell’operationi humane, cio è, nell’ultimo fine d’esse; nel qual la Volontà era fatta obliqua, et lo intelletto, ogni fiata, che s’inchinava all’operare obnubilato, perché seguiva l’inclination dell’Appetito, in l’ultimo fine di sua natura, quest’egritudine è incurabile, sì come nel corpo l’egritudini, che sono infisse, nel primo principio della vita, de dell’humido radicale, sono incurabili, per via della Natura. Et però i Filosofi qui inciampavano. Onde Aristotile vuole nel primo dell’Ethica, cap.3. che quello Auditore della Scientia Morale, non sia idoneo, il qual non è prima ben consumato, et assuefatto per l’educatione, alle buone opere. Perchè vedeva, che dallo intrinseco naturale, questa egritudine, ch’era nel prinicipio primo, non si poteva per quella via sanare, volse, che ‘l prinipio fosse estrinseco, per la buona institutione. Poi (come si può credere) dubitando anchora, non parendogli quello, c’haveva detto sofficiente, dubita. Se la Felicità, avviene all’huomo da Fortuna, et caso, o ver d’assuefatione, o ver sia Don di Dio. Et dice, che se l’huomo, ha in ogni altra cosa, Dono alcuno da Dio, si dee stimar, che la Felicità, sia Don, di Dio: ma che noi potevamo far assai, con la buona assuetudine, et con il sapere, et ch’era meglio, et più divino, che noi, anchora fossimo Autori della nostra Felicità. Poi nel testo della Politica cap. 2.et 4. dice quel, che di sopra diciamo. Platone in molti luoghi dice, che l’esser Buono, è don, di Dio. I Platonici posteriori, come diciamo di Porfirio, andarono più oltre, ma cascarono in maggior error perchè dissero, che gli huomini havevan bisogno d’espiatione, et purgatione. La quale egli attribuisce agli Angeli, ò ver buoni Demonii.

Vede Vostra Ecc. chiaramente, dove ne conduce la Natura, et la Filosofia Naturale, et Morale, non quella repudiata da San Paolo, superba, elevata sovra i suoi termini, ma quella, che considera l’opere di Dio, et sta ne termini suoi prefissi. Perchè quasi vi conduce a mostrarvi il vero, cio è, che dopo, che c’è dimostrato, per il lume della Fede, diciamo, hor questo, è quello che mi mancava, et in confuso, n’haveva una debol cognitione.

Ma ritorniamo alla Verità Catholica, la quale ne dimostra, c’habbiamo bisogno, per uscir di quest’egritudine, per se incurabile, d’auito esteriore, nè d’altro, che di Dio. Il qual solo penetra la mente nostra, et di dentro operando, muta l’inclination della Volontà, et l’indrizza verso Dio, per lo Spirito Santo, ch’infonde in essa. Habbiamo bisogno d’espiatione, in quanto, questo è peccato, et colpa. Il mezzo mo, di pervenire a questa espiatione, et a questa gratia, è Christo, et la Fede formata di Charità, nel Sangue suo. Et così incominciamo a liberarci di questa Egitudine, in questo mondo, con la Fede, et Sacramenti della Fede. Et così incominciamo ad haver per ultimo fine, Dio, et non noi medesimi. Incominciamo non cedere alla Concupiscentia, et infermità dell’Apetito; ma resisterli, et superale, Pur ci rimangono le relique di questo, fin che viviamo in questa carne peccatrice.

Questa è la Sententia Catholica, alla quale quasi ne conduce il Lume Naturale. Questo basti per hora haver detto a Vostra Eccellentia, in questa difficillima materia: nella qual, forse, troppo le sono stato tedioso. Ma volte volte, l’obedientia suol far l’uomo trascorrere, et la colpa, più tosto, si dee dare, a chi commanda, ch’a chi obedisce.

Il tutto, che qui ho detto, e scritto, sempre sottometto al giuditio, di qualunque meglio sentisse. Et alle sue Sante orationi molto mi raccomando, Quae bene valeat in Domini sempre. In Roma a xiii di Novembre MDXXXVI.

95. From Vittoria Colonna, 22 December 1536[366]

Reverendissimo Monsignor mio observantissimo. La V. S. rma con l’opera sua ha puro fatto sì grandi et belli sostenimenti alla navicella di Pietro, che è sicura di naufragio, et la S.V. ne porta el timone; rengratiato sia Dio, et perchè non bastò mostrar la mia alegrezza a Monsignore Revmo de Inghilterra, suplico V. S. cel dica per me, et non consenta al S.V. che la sua bontà sia da altri occultata circa la minuta impropriissima del breve[367], come messer Carlo da Fano[368] li dirrà, chè Dio ne serrà servito et io li restarò obligatissima. Da Civita[369], adì XXII di dic.bre.[370] Serva obligatissima. La Marchesa di Pescara. (Al Revmo Monsignor mio observantissimo el S.or Cardinal Contarini.)

96. To Reginald Pole from Rome, 20 February 1537[371]

Accepi a Ludovico Becatello, familiari meo, qui ad nos rediit, te prima die itineris (ut mihi fere semper accidit) aliquid incommodi sensisse, recte tamen valere. Sane fuissem aliquanto magis perturbatus, essemque magis sollicitus pro ea, qua te prosequor, observantia, nisi mihi dudum persuasissimum esset, te a Deo opt. max. dirigi, ejusque ope evasisse tuæ Gentis tumultus, ac demum summa ejus providentia servatum esse, ut commune Reip. Christianæ bonum, ac præsertim tuæ Nationis, tua opera instauretur. Ibis tutus per medias insidias hostium, non tantum eorum, quos videmus, sed eorum præcipue, quos non videmus, qui charitatis, & unitatis inimici, multiplices tibi laqueos tendent ; sed fortior est, quem in te esse sentio. Hæc spes adeo animo meo insedit, ut mihi persuaserim, nil tibi officere posse. Verum, nolim, ut eo hanc fiduciam pertinere putes, ut non adhibeas propterea diligentiam, & operam, ut bonam valetudinem serues, & pericula evites, quantum cum prudentia tua, tum maxime consilio Episcopi Veronensis, assequi poteris, cui in rebus quæ spectant ad incolumitatem tuam in omnibus pareas, velim; tibique compertissimum sit, hanc omnium maximam Diaboli fraudem ad probos, & prudentes Viros decipiendos, ut eis scilicet persuadeat, ita Deo fidendum, ut nihil præterea prospiciendum ipsis sit, atque ut sibi fidant in hac Dei fiducia, quam conceperunt, ut nullius consilio parere debeant. Prior ad præsumptionem, & tentationem Dei pertinet, posterior etiam ad superbiam. Vitabis hos laqueos, quantum poteris, resque omnes, quæ ad te pertinent, committes tuto Veronensis Episcopi judicio, qui tibi a spiritu Dei datus est comes. Hæc ideo significare tibi volui, quoniam de Ludovico familiari meo audivi, te fuisse aliquando contumaciorem in parendo ejus consilio de tuo victu, & esu piscium. Cave, nefasque putato quidpiam agere præter id, quod Episcopus in primis, & Priolus noster tibi dixerint facienda. Nos omnes valemus, expectamusque avide tuas litteras. Vale in Domino, qui dirigat gressus tuos, & in te habitet. Ex Roma die xv. Februarii MDXXXVII.

97. To the Belluno Dean and Chapter from Rome, 26 February 1537[372]

Miei come fratelli. Ex literis vestris pridie No: Ianuarii[373] datis intellexi, quam grata vobis acciderit interdicti suspensio, qua vestram ecclesiam et universam dioccesim Sanctissimus Dominus noster mea intercessione et opera ad certum tempus respirare concessit: qua de re mihi et vestro et clarissimi Rectoris vestri ac totius civitatis nomine gratias agitis, quae sane gratiarum actio, etsi mihi non iniucunda fuit, tamen hoc vos ignorare nolim, me non tantum hoc a Summo Pont. Max. impetravisse, ut vos mihi beneficio devencirem, quam ut, quod per se rectum et honestum erat, facerem. Semper enim eius opinionis ac sententiae fui, ut ad omnes bonos praecipue clericos spectare arbitrarer, caeteris omnibus, praesertim in his quae religionis sunt, operam suam etiam non admonitos praestare debere, itaque cum quo in statu res vestra esset itelligerem, pro christiani et Cardinalis persona, quam Dei Opt. Max. beneficio gero, ultra ac libenter ad vos sublevandos accessi, idem, cum res ipsa postulaverit, non solum in vos, qui mihi carissimi estis, sed et in reliquos omnes facturus: quare si quid huiusmodi unquam, quo opera mea vobis opus esse intellexeritis, acciderit, id a me per literis petere non dubitetis: numquam enim gravabor authoritatem et gratiam meam, dum vobis et animarum vestrarum saluti consulam, interponere, ut nuper pro indulgentia plenaria, quam a me requiritis, feci. Operam enim dedi, ut ea vobis frui liceret VI Id. Aprilis[374] proxime futuri, quae dies erit Dominica in Albis, prout etiam ad vos Pontificis literas perferendas curavi. Reliquum est, ut vos iterum, dum tanto beneficio summa Pontificis Max. humanitate frui potestis, superiorum temporum damma resarcire … hoc est, ut quo diutius divina hac mensa caruistis, eo nunc avidius et alacrius fruamini, quare nec vobis quicquam utilius nec mihi gratius facere potestis illudque imprimis vos praecipue rogo et obtestor, ut assidue pro salute mea tum ecclesiae vestrae S.R. Sedis authoritate ad Dominum Nostrum I. Chr. preces fundatis, qui pro sua misericordia et pietate vos semper dirigere et custodire dignetur. Romae IIII Cal. Mart. 1537. G. Card. Contarenus.

98. From Reginald Pole, 28 February 1537[375]

Ut neminem unquam abs te asperius litteris acceptum esse facile perspecta naturæ tuæ lenitas mihi persuadet, quam me, in his litteris, quas proxime ad me ex sermone Becadelli nostri scripsisti; sic erga neminem majorem te declarasse, eadem quidem verborum asperitas, & vehemens objurgatio ostendit. Agnovi tamen patris vocem, & quidem vehementiorem, quo magis filii saluti indulget, cui cum me minus operam dare aliorum querelæ ad te detulissent, hæ te excitarunt, ut omni jure tuo, quod summum est, & non aliud quam patris in filium, in me reprehendendo utereris. Quod quidem non modo facile patior te fecisse, sed etiam gaudeo, te novo hoc modo, & tuæ naturæ inusitato, quanti me faceres, voluisse ostendere. Ego vero, etsi multa fortasse habeam, quibus jure contra tam iniquos accusatores defendere me apud te possem, tamen obediendo potius his, quibus me in omnibus, quæ ad salutem attinent, parere præcipis, quam meam causam defendendo, his, quæ mihi in literis tuis obiiciuntur, respondere cupio. Cum autem in primis Veronensem proponis, cui vis, ut in omnibus obediam, hujus quidem voluntati, ut scis, ante me subjeci, cui si maxime obediam, nihil novum faciam, neque ullum novum vinculum sentio, nisi fortasse quod cujus voluntati arctissime me adhærere ante cognoscebam, istis verborum stimulis, quibus in literis uteris, quasi clavis quibusdam, me affixum sentiam, ut nulla jam ratione distrahi queam. Sed quid est, quod non contentus isto uno, cui in omnibus me obedire vis, Priolum etiam nostrum, alium dominum, adjungis? Atque hic quidem, cum legeretur illa tuæ Epistolæ pars, in qua me etiam ejus consilio subiicis, quasi consors factus imperii, quod statim in me exercere volebat, mirabiliter superbiebat. Cui cum ego magis, & propter tuas literas, & propter collegam, quam pro voluntate parerem, cum insolentius erga me sua authoritate uteretur, cum occasionem ipse vindicandi me de eo quærerem, nec reperirem ipse vindicandi me de io quærerem, nec reperirem, tandem equus meus, quo ille utitur, quasi præsentiens voluntatem meam, & quod facere conveniret, nudius tertius eum e sella excussit, non sine periculo quidem, sed sine damno, tantum ut superbiam ejus retunderet, id quod maxime volebam, & nunc multo mitiorem erga me experior. Sed, extram jocum, cum horum voluntati me parere præcipis, nec prudentioribus, nec mei amantioribus te potuisse me tradere, & ipse optime judicasti, & ipse maxime experior. Sed nunc, quod ad valetudinem meam attinet, quæ tibi scribendi in hanc rationem occasionem dedit, sic se res habet. Etsi quidem negare non possum, me primis illis diebus, quibus iter sum ingressus, valde afflictum fuisse, quod prope necesse fuit, vel propter subitam illam mutationem a summo otio, & quiete ad laborem, & negotia, vel propter repentinam etiam una cum labore mutationem victus, & ejus generis, quod laborantibus non ita salubre est, deinde ventos, & apertum cœlum, cui me ab aliquot mensibus non assuefeceram: quæ mihi primum distillationes e capite assiduas, quæ pectus etiam occupabant, moverunt non sine febre, quam maxime nocte sentiebam; tamen sic nunc his omnibus sum liberatus, ut jam mihi robustus videar ad omnes labores itineris suscipendos, cui me nunc maxime præparo. Sed neque propter superiores difficultates ullam diem intermisi, postquam Roma discessi, in quo non aliquantum viæ, & quantum per equos licebat, confecerim. Sed nunc, si quid addi potest, diligentiæ adjungam, quanquam in tempore veniemus, ut spero, quo cupimus. Qui enim nos vocavit ad hoc negotium, tempus in manu habet. Sed ut humano more dicam, cum nihil de Conventu illo certo esset constitutum, quo tempore Michæl[376] noster ex Anglia discessit, ex quo fere omnia pendent, quæ ad negotium illud pertinent, cum etiamsi indiceretur, asperitas hiemis quæ in illis locis diutius durat, eos vix convenire permittat antequam ego justa itinera faciendo in illis locis sim futurus, ubi maxime tractare illa negotia licebit; de temporis angustia non ita laboro, & tamen, quasi laborarem, quantum per valetudinem licebit, & per jumenta, sine quibus ire non possumus, ita properabimus. Ego vero ea spe vivo, qua maxime te in tuis frui ostendis, omnia tandem ad honorem Christi, cui servimus, & divinam voluntatem Sanctissimi Domini Nostri, quam maxime in hac causa ostendit, cum mihi hoc negotium dedit, esse successura. De qua spe quid sentiam, alterius erit ad te Episolæ argumentum. Hac enim in re propter quædam, quæ tu scripsisti, & alia quæ Romæ acciderunt, valde animum meum tibi explicare cupio; sed hæc, quando primum aliquis dies cessandi a labore itineris dabitur. Nunc quæ volebam ut S.D.N. ex me sciret, ad Reverendum Protonotarium Ambrosium[377] scripsi. Tu me Reverendissimis Patribus omnibus quam humillime commendabis, præcipue vero Reverendissimo Decano[378], cujus lauto hospitio Senis sumus usi, de quo in aliis litteris ad Reverendum Protonotarium scripsi, ut eodem officio meis verbis apud eundem fungeretur. Salutare etiam dignaberis Reverendissimum Capuanum[379], cujus liberalitatem in me in imo cordis repositam habeo. Eodem vero officio dignaberis fungi adversus Reverendissimos Sanctæ Crucis[380], Theatinum, & Carpenctoratensem[381]; neque Magistrum Sacri Palatii[382], & Lactantium[383] nostrum salutare prætermittes, quorum omnium orationes pro me impetrabis. Christus te prosperet. Datum Bononiæ ultimo Februrarii.

De summa Reverendissimi Farnesii erga me humanitate, quam in primo hospitio ostendit, & nunc hic per litteras me commandano, ad Reverendum Protonotarium alias scribam.

99. From Reginald Pole, 4 March 1537[384]

An nutus tuus mihi imperare non potest? & quis unquam mortalium fuit, cui tantum observantiæ & venerationis præstiterim? Certe cum ab ipso Summo Pontifici discessi, cui divina primum lex, & summa ejus in me benignitas, me in omnibus rebus subiicit, nemo est in terris, qui tantum in me juris habeat, & cui promotius in omni re paream, quam tibi; neque hoc te ignorare puto. Quid ergo opus fuit, ut binis litteris de eadem re mecum ageres? Sed veritus es, ut video ne priores mihi redditæ fuissent; & si non fuissent, quid attinebat in hac Epistola precibus mecum agere, qui sola auctoritate, & verbo posses mihi quidvis imperare? Verum ex hoc facile intelligo, quam omnis amor sit sollicitus; nam cum tibi nunciatum esset, me ob genus victus, quod per hos dies mihi præscriptum est, minus valere, non potuisti te continere, quin modo objurgans, ut in prioribus litteris fecisti, modo omnibus precibus obtestans, ut in his, quas nuper accepi, me ad curam valetudinis traduceres, & eo genere cibi uti persuaderes, quod valetudini tuendæ maxime esset accommodatum. Qua in re quam tibi, & Episcopo Veronensi, cui in me rebus omnibus parere vis, satisfacere cupiam , ex alteris meis litteris, quas Bononia ad te dedi, antequam has legas, cognosces. Ad quod Episcopus videt, & in meo victu experitur, atque (ut nihil dissimulem) negare non possum, me vestro consilio obtemperantem ita vires jam refecisse, quas ex priori victu, adjuncto assiduo labore equitandi, multum deficere sentiebam, ut aliquot jam annis melius ad ferendos labores corpus meum se habere ne recordari quidem possim. Itaque dum vestro consilio magis quam voluntati meæ, pareo, me non modo sanum factum esse, sed robustum etiam vere dicere possum. Verum causam vides, cur me ita difficilem præbuerim, & minus morigerum iis, qui maxime saluti meæ consulebant: timebam scilicet, ne quod corpori meo prodesset, aliorum animis noceret, & offendiculum afferret, quod eo majus etiam esse necesse erat, quo major est personæ dignitas, quam nunc gerimus, quam apud Deum, & homines quam maxime integram, & quam minime hominum maledictis obnoxiam servare cupio. Sed si hoc sine mairoris boni amissione fieri hoc tempore non potest, si etiam Dominus, & Magister noster hic aliquando scandala non effugit, et etiam homo vorax, & potator appellaretur, qui ab iis vitiis, ut ab omnibus aliis fuit alienissimus; nos etiam per infamiam, & bonam famam eum sequamur, præsertim causa publica, quæ mihi commendata est sic postulante, ut in omnibus rebus rationem salutis habeam. Sic tamen hoc moderate agemus, ut nisi res cogat, a recepto more non discedamus, ut quam minime fieri possit, aliorum animi offendantur. Sed hæc hactenus; neque enim dubitare debes, quod tu hortaris, quod Sanctissimus Dominus Noster præcipit (ut litteræ Protonotarii[385] declarant) quin id prompte, & libenter faciam, valetudine præsertim idem flagitante, cujus hoc tempore, magis quam alterius unquam, ratio nobis habenda est. Nunc quod mihi omni victu est carius, quod majores etiam vires mihi præbet ad tractanda, & conficienda, quæ in mandatis habeo, quam ullus cibus corpori, quod denique plus momenti habet ipsa etiam salute mea in his, quae conamur ad honorem Dei, perficiendis; hoc tibi quin ex animo etiam, atque etiam commendem, facere non possum. Id vero tale est, ut nisi scirem ad quem scriberem, ne proferrem quidem, ne ineptus viderer? Sed utcumque aliis videor, tibi videri non possum. Hoc autem illud est, quod unum discedens a Pontifice postulavi. Nihil enim aliud me causa ab eo me petiisse memini, nisi ut me suis precibus Christo una cum causis, quas mihi imposuisset, commendaret. Hoc scio aliis ineptum visum iri. Quid enim minus vulgo usitatum? Quid magis ineptum, quam a Summo Pontifice discedentem, tanquam ab infimo quodam Monacho, qui nihil majus præstare possit, nihil petere, nisi ut in suis ad Deum precibus mei recordaretur? Sed hæc erit illorum sententia, qui orationis vim, & dignitatem ignorant; ipse certe Pontifex, ut ejus Sanctitate dignum erat, plane meam postulationem accepit, idque se promptissime facturum promisit. Neque nunc aliud abs te peto, nisi ut hanc postulationem meam sæpe apud ejus Sanctitatem renoves, quod (ita me Deus juvet) sic impetrare cupio, ut in ceteris omnibus, quæ ad tuendam vitam sunt necessaria, me ab eo deseri facilius patiar, quam si in hoc uno se mihi minus facilem præbat. Incredibile enim est, & certe ejusmodi, ut verbis exprimere non possim, quantum sæpe alias mihi alacritatis, quantum spei addi senserim in meis, & deliberationibus, & actionibus, postquam eas bonorum precibus commendavi, ut easdem Deo commendarent ipsi. Incredibile, si narrarem, quot difficultates, quas animi molestias, quæ meam juventutem præter cæteros exercuerunt, hac una ratione superaverim. Quare nunc majoribus difficultatibus impendentibus, majoribus laboribus, & animi, & corporis, pluribus periculis instantibus, quo alio confugere promptius, & alacrius debeo, quam ad hanc quasi sacram anchoram? Quod si in inferioris ordinis hominum precibus tantum auxilii, & quietis in omnibus adversis rebus expertus sum, quid nunc sperare debeo, si ad aliorum preces adjungatur ejus oratio, quem proximum Christo ordinis conditio collocat, qui ejus vices in terris gerit, per cujus manus, & dispensationem habent quicumque pro populo orant, ut rite orent? Nihil certe tam durum, neque tam difficile esse potest, quod non, eo pro me orante, cum summa rei perficiendae spe aggrediar. Nam si Moysis oratio tantum virium populo Haebreorum asserre potuit contra fortissimos hostes, & numero superiores, ut, nisi eo orare intermittente, vinci nullis humanis viribus possent; si hic pro me oret, quem ordinis dignitas supra Moysen constituit, in cujus manu quæcumque salutaria humano generi esse possunt, dispensanda reliquit Filius Dei, qui ea ex Cœlo detulit, quantum spei, quantum roboris ejus oratio mihi contra omnes hostes allatura est? Sed neque hæc scribere ad te necesse fuit, satis fuisset significare; sed in his quæ vehementer cupimus, scis nihil facile posse nos una animi significatione esse contentos. Summa vero totius postulationis meæ est, ut, si quod Moysi accidit, & aliter fieri non potest, manus aliquando graves Pontifici videas, ut eas perpetuo ad Deum tollere non possit, ipse tanquam Aaron assistas, & tuis precibus sustentes. Hoc abs te sic precibus omnibus contendo, ut majore animi contentione nihil possim. Quod ad negotium attinet, quod mihi præcipue mandatum est; antequam in Galliam penetremus, nihil est, ut scis, quod possim scribere. Illic, ut spero, cito odorabimur, quid sperari, quid confici ad Dei honerem, & Ecclesiæ utilitatem, & ejus, qui me misit, possit. Omnino ita animo non deficimus, utcumque difficilia, & periculosa, quæ nobis mandata sunt, videantur, ut in dies mihi spes crescat, quas nunc tenebras Dei honori multa videntur offundere, eas Christum in majus gloriae suae lumen conversurum esse; cui te nunc, & perpetuo commendo.

Tu meis verbis Reverendissimos Patres, ut tibi commodum erit, quam humillime salutare dignaberis; nominatim vero hoc tempore Reverendissimum Hipporegiensem[386], & non solum ut humillimis verbis eum salutes, sed ut gratias ei quam maximas agas, Nepotis eius R. Vicelegati[387] summa in me humanitas, & officia hoc abs te petere me cogunt, qui me hic unum diem tanta cum humanitate retinuit, ut in nulla re humanissimi Viri officia desiderare possem. Quod etsi sua sponte, & insita humanitate eum fecisse non dubito, tamen quin magna etiam ex parte Reverendissimi avunculi ejus humanitati acceptum referam facere non possum. Iterum in Christo vale. Placentiae.[388]

Atque hic quidem cum Epistolæ finem imponere cogitarem; nescio quo pacto, cum cæteris omnibus comitibus visendæ Urbis causa e domo egressis, ego solus in ædibus relinquerer, qui proter compedes has aureas, quas nosti, non ita commode possum exire, cum hic integrum diem maneremus, quod, postquam Roma discessimus, prius non accidit, ut unum diem uno in loco commoraremur; quo reliquum hoc tempus quasi tecum consumerem, tecum autem consumere, & quasi versari videbar, si iisdem rebus, quae coram solebam, idest de iis, quæ nunc meæ curæ committuntur per litteras conferrem; itaque cum prius deposuissem calamum, iterum manus sumpsi. Quid vero nunc primum dicam, an magnam, & difficilem me provinciam suscepisse? At hoc quis non videt? Quis nescit? Quæ etiam quibusdam ita difficilis videtur etiam amicis nostris prudentissimis Viris, ut se maxime meam audaciam (sic enim appellant, cum, quod sentiunt, temeritatem dicere nolint) se maxime mirari aperte dicerent. Alii vero nimiam meam simplicitatem damnat, qui in negotia, omnium difficillima, nec minus periculosa induci, & trahi permiserim. Ad hæc ergo quid ego? Quid his respondeo? Illis quidem nihil, sed ipse mecum multa, & , ut mecum, sic tecum loqui jam volo, & hoc tibi primum, me, non minus quam illos, difficultatem videre, sed non propterea deterreri, imo hanc (… Reliqua desunt.)

100. From Marcantonio Flaminio, 7 March 1537[389]

Rmo S.or mio ossermo. Da poi ch’io son venuto qui, gli agenti del reverendissimo patron mio hanno deliberato di fare alcune executioni necessari all’honore del Signor Dio et alla salute di questa città, et hanno consultato ogni cosa con lo illustre signor Camillo[390], el quale ha considerato che questi signori canonici secondo la loro usanza faranno subito tumulto, et non potranno patire che monsignor usi delle sue facultà a beneficio del suo grege: et però ha voluto che si avvertisca V. S. reverendissima affermando a quella che in queste executioni gli agente del vescovo useranno tutta quella modestia, charità et discretione, che è conveniente a homini christiniani et spirituali; et finalmente si governeranno di modo che, se li canonici voranno fare di quelle tragedie che sono consueti, V. S. reverendissima cognoscerà in questa attione più che in tutte le altre la loro malignità et perversa natura. Per il che preghiamo quella, che parendoli necessario preoccupi la Santità di Nostro Signore a fin che le bugie et malitie di questi homini nemici della propria salute non habbiano forza appresso sua Santità, la quale, se terrà suspeso il giudicio infin che ascolti le nostre ragioni, siamo certissimi che toccherà con le mani talmente la loro malignità che forse non darà per l’avenire orecchie alle loro bugie et false querele. Quanto a quel mio negocio, mi par superfluo parlarne, sapendo certissimo che V. S. reverendissima ha più cura dell’utilità mia che non ho io stesso; questo solo dirò, che se sua Santità farà che il reverendissimo Santiquatro mi conceda quella gratia[391], io harrò il modo et mi risolvero di fare almeno tutti gli inverni in Roma; ma segua quello che vole, che io accetterò ogni cosa per il meglio, idest per la salute dell’anima mia, alla quale spero ch’el Signor Dio mi darà gratia di attendere con maggior studio che non ho fatto infin qui. A V. S. reverendissima humilmente baso la mano. In Verona. Alli VII di marzo MDXXXVII. Di vostra Sria Rma humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

101. From Marcantonio Flaminio, 9 March 1537[392]

Rmo S.or mio ossermo. È in questa città un monasterio di monache grande et richissimo, el quale si chiama delle Maddalene[393], et era già governato dalli frati conventuali di san Francesco; ma si discopersero tante scelerità che il vescovo et la città communi consensu procurorno et ottenero che fussero privati di tale governo, et si ha usato diligentia per riformare detto monasterio, et mi ricordo che l’anno passato V. S. reverendissima ne fu informata, ma vedendo che tutte le altre vie si tentavano indarno, finalmente il vescovo deliberò di seguire la forma che hanno tenuto li nostri illustrissimi Signori in Venetia, dividendo le bone dalle triste. Ma questa deliberatione non è piacciuta a tutti li cittadini, perché molti, che amano indiscretamente le sue figiole o parenti che sono in quel monasterio, et cognoscono che seranno nel numero delle reprobate, non vengono nella opinione del vescovo, et di molti gentilhomini che si moveno per ragione, et non per passione; per il che il vescovo mi commise che se io vedeva che questi impedimenti continuassero, dovessi ricorrere al favore et aiuto di V. S. reverendissima, poiche quella ha tolto la protettione di questa chiesa, et sempre è stata prontissima a favorire le bone opere, come serà questa senza dubbio; et perché vedo che li cittadini perversi hanno più forza che li boni, seguendo la commissione di monsignor, supplico V. S. reverendissima che si degni di scrivere in questa materia all’excellentissimio Consiglio di X,[394] pregando quelli signori che per honor di Dio et beneficio di questa magnifica città si contentino di commettere a questi clarissimi rettori che chiamino li agenti del vescono, et doi gentilhomini della terra delli più prudenti et costumati, et insieme con loro dividano queste prefate monache, seguendo quella istessa form che si è tenuta in Venetia, et sopra tutto provedendo che li cittadini passionati non habbiano ardimento di tumultuare et di far romori secondo la loro usanza. Et quando V. S. reverendissima si degnasse di scrivere in questa materia a questi clarissimi rettori, senza dubbio faria gran favore a questa santa impresa; et spero che quella non negherà di farlo, essendo tale officio molto conveniente alla protettione che ha V. S. reverendissima di questo vescovato. Scrissi tre giorni[395] fa a quella per certi altri negocii del vescovato, et per quella cosa mia che si dovea trattare col reverendissimo Santiquatro. A V. S. reverendissima humilmente baso la mano. In Verona. Alli IX di marzo MDXXXVII. Di vostra Sria Rma humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

102. From Reginald Pole, 23 March 1537[396]

Nisi hoc tempore cum Sanctissimo Domino Nostro conficias, ut rei pecuniariæ angustiis, in quibus jam versor, cito subveniatur, nunquam certa effugere potero, quin, quod ipse modestia quadam ductus feci, imprudentissime, ne dicam stultissime, aliis omnibus factum videatur. Sed id levius fortasse esset, nisi hæc eadem prudentia, & honori ejus, cui maxime consultum a me semper oportet, detraheret, & causæ, pro qua tot laboribus, & periculis memet obiicio, conficiendæ omnem spem auferret. Hoc scribo propter summam eam quingentorum aureorum, quæ mihi ad sumptus itineris in singulos menses a Sanctissimo Domino Nostro est decreta, de qua, etsi ab iis admonebar, qui ante me Legationibus sunt functi, quibus eadem summa decreta est, nimis exiguam esse, neque illa sustineri ullo modo posse tot sumptus, quot comitatus ille, quem mecum ducere statueram, poscebat, & quo minorem, salvo honore ejus, pro quo Legatione fungor, non possem, nisi aliunde vel ex redditibus, vel alia ratione suppeditaretur, quod deesset, idque se expertos semper in suis Legationibus fuisse, cum privatis pecuniis, quod ex publice attributa pecunia deerat, supplere cogerentur; tamen ego, cum hæc audirem, & crederem, illud autem scirem, nec ex meis fortunis aliquid relictum mihi esse, quod possem addere, nec me alienam opem, præter ejus, qui me misit, expectare, tamen, nescio quomodo, nunquam in animum inducere potui, ut vel verbum hac de re cum Sanctissimo Domino Nostro facerem. Hoc etsi feci usitata quadam mea verecundia, quæ me sempre mutum, cum de poscendis nummis agitur, facit; tamen, ut vere dicam, multo magis hoc tempore silvi, fretus generositate illa animi Sanctissimi Domini Nostri, quam toties prædicari a te audivi, & ego maxime sum expertus, sic, ut de summa non valde laborarem, quæ etsi minor fuit, quam tanti sumptus peterent, ab ejus tamen benignitate quovis tempore facile impetrari posse, quod deesset, nunquam dubitavi. Atque hæc quidem sola spes me nunc consolatur, præsertim cum experientia ipsa optima magistra docuerit, majores esse sumptus, quam ut illa pecunia menstrua commode sustenari possint. Id quod tardius fere sum expertus, cum ante angustia rei pecuniariæ me oppresserit, quam de pecunia cogitarem. Quæ res valde me moveret, nisi scirem ad quem scriberem, id est ad amicissimum, & studiosissimum rerum mearum, ac diligentissimum in negociis omnium amicorum suorum, & quo cum hac de re sit agendum, id est cum patrono omnium generosissimo, & begnissimo. Quare satis fuerit hæc significare vel ejus Sanctitati, vel tibi. Tamen, ut clarius omnia intelligatis de rationibus nunc meis, & quo pacto acciderit, ut tam cito de pecunia laborare coëperim, Priolo nostro negotium dedi, ut ad te de his distinctius scriberet. Ego certe, si montes aureos haberem, unde depromere possem, nunquam plane plus, quam ad sumptus necessarios opus esset, quicquam auferrem, &, si minus petere possem, ne hoc quidem peterem, ac neque hoc ipsum petere auderem, nisi tanta me spes teneret hujus negotiis, quod mihi Ejus Sanctitas commisit, eum fore exitum, ut si multo majores sumptus facti fuissent, facile tali animo, qualem scio Ejus Sanctitatem habere, satisfieri posset. Hoc vero scio, quod melius etiam novit Ejus Sanctitas, in nulla rem magis pie, aut honorifice ullam pecuniam insumi posse ; speroque Deum Opt. Max. reliqua sic gubernaturum, utcumque difficilia appareant, ut etiam insumptas esse, quantæcumque sint, pecunias, maxime Ejus Sanctitas gaudeat, & una cum eo universa Ecclesia, Christo suam causam adjuvante, cujus te tutelæ perpetuo commendo, & Sanctissimi Domini Nostri pedes osculor. Lugduni xxiv. Martii MDXXXCII.

103. To Andrea Gritti From Rome, 28 March 1537[397]

Serenissime princeps et excellentissimi Domini. Oltra l’altre obligatione, le quale io ho a procurare tute quelle cose che apartengono al honor de Dio et al ben vivere presertim delle persone religiose la Sanctita del pontifice quando parti di qua il Rdo. episcopo di Verona[398] mi dete la cura di lo episcopato di quella cita in questa absentiadel pastore suo, onde io ne ho particular obligo, et particular ragion ne havero di rendere a Dio. Pertanto essendomi stato scrito dalli agenti del prefato episcopo di Verona, gentilhomeni veronesi molto boni e nobeli, come alli giorni preteriti volendo loro punire nel monasterio di la Magdalena (il qual gia era sotto il guberno de frati menori conventuali et hora è sotto la cura dello episcopo) alcune monache per contenterle nel buono e religioso vivere, veneno alcuni loro parenti cum tumulto et arme, e impedirono la executione della iustitia. Per il che e credible e verisimile, che rimanendo esse monache sencia rispetto e paura ritornerano al suo pristino vivere, immo cum questo exempio qualche altro monasterio vora ancho esso excutere il iugo del bon governo e cusi tuto il buon ordine posto da quel Rdo. episcopo, vero espiscopo e raro a tempi nostri, andera a terra in questa sua absentia e sotto la cura mia. Pero mi ha parso debito mio scrivere alla excellentia vostra e pregarla cum ogni istantia, che volgi far fare processo di questo caso per nome loro in executione delle parte prese in tal materia de monache nel suo illustriss. conselgio come so io: et fare dimostratione, che le non sono per comportare simili disordeni, non li volgio pregare ne astringere per l’amore il qual io so che in particulare et in universale quelle per loro humanità mi portano, perche pur simili disordeni a me sono di carico et dishonore: ma per l’amor che portano a Dio al quale sanno quanto dispiaceno questi sacrilegii, sanno etiam quanto a questi tempi: nelli quali dimosta Sua Maestà divina di essere irato contra nui per questi et altri peccati nostri: si devemo sforciare di placarla et tenire conto grandissimo del honor suo. Debbe movere etiam la Excellentia Vostra l’honor di quella excellentiss. republica; perche certamente ad un principe non si puol fare magior iniuria, che quando nella sua iurisditione le forcie de privati ofuscano la iustitia, essendo a punto questo precipuo officio de un principe cum la auctorita e forzie sue fare, che niun privato ardisca di opponerse alla execution della iustitia. Nec alia. Alla gratia di V. Excellentia mi raccomando, e in ogni cosa sua, se pur bisogna che io il replichi, mi offerisco iuxta il poter delle debile forzie mie. Di Roma alli 28 diMarzo 1537. Obsequentissimus uti filius Cardinalis Cont.

104. In Verona to its Governors and Podestà (1537)[399]

Magnifici tanquam fratres. Credo che Vestrae Magnificentiae sapino, come da Nostro Signor il carico del governo dello episcopato di questa cita di Verona, quando il Rdo. episcopo parti de qui, fu dato a noi: onde noi ne havemo a render conto a Dio, et a Sua Santità. Pero desiderando, che il guberno di essa si exeguisca secondo l’ordeni dati da quel Rdo. e buono episcopo si le visitatione delle chiesie come nel guberno del clero et del populo, non sencia dispiacere havemo inteso, come da esse e stata impedita la visitatatione di alcune chiese, credemo ben, che a buon fine per qualche sinistra informatione le habiano posto questo impedimento. Pur le deeno etiam sapere, che l’officio delle cose ecclesiastice in un cita apartiene a lo episcopo, non alli gubernatori temporali di essa, e molto meno apartiene lo impedire il guberno di esse; maxime quando chiaramente si vede universalmente tendere secundo li commandamenti di Idio a boni costumi del clero, e alla debita observantia del culto divino. Pertanto pregamo V. Magnificentie, che non facciano questo carico a noi e dishonor a Dio, ma lassino, che li boni ordeni si exeguiscano. E si in qualche cosa li paresse potersi fare qualche meglior provisione: le portano aricordarle a noi et avisarne per sue letere: perche non manceremo al debito. Siamo certissimi, che oltra tuti li altri rispecti e ragione per l’amor il quale ne portati in particulari, e in questa, et in ogni altra causa spirituale, vederemo da V. Magnificentie prestarsi tal opera: che saperemo essere veramente amati da loro. Le quale Idio conservi in la gratia sua. [1537]

105. From Marcantonio Flaminio, 6 April 1537[400]

Rmo S.or mio ossermo. Heri mi fu data la letera di V. S. reverendissima con quella scritta alli magnifici Rettori, la quale presenterà M. Iacomo Pellegrino[401] agento di monsignor, il qual M. Iacomo è adesso tutto occupato et pieno d’affanni per la malatia d’una sua nepote a lui carissima et utilissima, la quale è hormai vicinissima alla morte; per il che lascieremo passare qualche giorni, et poi consulteremo sopra quella riformatione di monache, et ne aviseremo V. S. reverendissima. Io son stato alcuni giorni al mio priorato, il quale ho trovato più ruinato di quello che mi veneva ditto; non parlo della casa, ma della possessione che m’importa più; ma spero che questa mia venuta serà stata molto utile, et che ordinerò di modo le cose che quando bisognerà potrò stare absente con l’animo quieto. Di poi ch’io son venuto in questo ocio, mi son dato a dir l’officio con attentione, di modo che la mattina consumo una ora et mezza dicendo prima, terza et sesta, et ne cavo tanto frutto con tanto piacere ch’io non feci mai né studio, né oratione che mi fusse né più utile, né più gioconda, perché tutto quel santo libro è pieno di parole affettuosissime, di exhortationi efficacissime, di orationi devotissime, le quali illuminan la fede, aumentano la speranza, infiammano la carità, insegnano la humiltà, la patientia, tutte le altre virtù, ci fanno cognoscere la vanità delle cose mondane, la bellezza et nobilità delle divine, ci danno mille modi di laudare il Signor Dio, di ringratiarlo, di amarlo et venerarlo con tutto il core, ci depingono tutti li stati cioè de’ peccatori et penitenti, delli proficienti, delli perfetti, la miseria delli impii, la felicità delli iusti, et descriveno tanto chiaramente tutti li misterii di Christo benedetto, che si ponno giudicare più tosto historie che prophetie.[402]

Non ho già fatto questo discorso per incitare V. S. reverendissima, ché non son così inetto o così sempio, ma questo exercitio et meditatione mi ha empito l’animo di tanto contento che non possendo quasi capirlo, ho voluto communicarlo con V. S. reverendissima, la quale son certissimo che mi ama et mi desidera ogni bene, et pregherà il Signor Dio che mi doni perseverantia in questo santo studio, et ogni dì più m’illumini l’intelletto a cognoscere òa sua infallibile verità, et mi accenda l’affetto a fare prontamente la sua santissima volunta.

M. Tullio[403] resta obligatissimo a V. S. et quella insieme con me basa la mano humilmente. In Verona. Alli VI di aprile MDXXXVII. Di vostra Sra Rma humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

106. To Reginald Pole from Rome, 12 May 1537[404]

Cum primum mihi redditæ fuissent litteræ tuæ, datæ Lugdini die xxiv. Martii, simulque legissem, quæ mihi Priolus noster scripserat de angustia rei pecuniariæ, qua laborabatis, dedi operam, ut possem Pontificem alloqui, cui exposui (præfatione usus, quæ mihi facere ad rem videbatur) & angustiam, in qua eras constitutus, & quid deceret Legati dignitatem, præsertim in tam magnis negotiis versaturum; itemque ei legi litteras tuas. Accepit senex optimus amanter omnia, doluitque, te esse in hac angustia pecuniaria, quamvis a Reverendissimo Cardinali Leodiensi[405] speraret nil tibi defuturum. Verum provisurum Pontifex recepit, ut etiam per alios trapezitas pecunia in eis regionibus tibi redderetur, qua indiges: verum nolle se quingentorum aureorum summam, quæ stipendii, seu impensarum nomine, Legatis ultramontanis dari consuevit, augere, ne res traheretur in exemplum ab aliis; sed subventionis nomine, præter constitutam summam, veluti extra ordinem, ut tibi hæc pecunia daretur. Visusque mihi est propensissimo erga te animo, alacrique id polliceri, ac per Reverendum Protonotarium Ambrosium negotium confectum iri. Omnia exposui Bino[406], familiari tuo, qui quanquam diligentia usus est maxima, tamen, tum ob absentiam Pontificis, tum etiam quia res pecuniaria non facile explicatur, his præsertim temporibus, quibus Pontifici maximæ faciendæ sunt impensæ, non prius potuit negotium hoc expedire, quam hodie. Rem totam ex eius litteris optime intelliges.

Summopere cupio certior fieri, quo loco constituta sit res Anglicana, quæ sit spes sanitatis. Scis quantopere doleam ratione communis, & publicæ utilitatis Ecclesiæ, nunc cum inspiciam, præter Lutheranorum Schisma, Regnum illud Angliæ, membrum præcipuum hujus corporis, divulsum esse, ingemisco, & doleo quantum scis, immo fortasse quantum nescis, doleo, insuper, quantum Tibi non persuaseris Regis illius, qui oriebatur, ut lucifer, vicem, & casum. Qui fieri potest, per Deum immortalem! ut animus ille tam mitis, tam mansuetus, ut ad benemerendum de hominum genere a natura factus esse videretur, sit adeo immutatus? Deum Optimum quotidie fere rogo, ut ex ejus animo aboleat omne illud, quod ipse non suasit, sed inimicus ejus acerrimus inussit, tibique, qui Regem sempre, plusquam vitam tuam, amasti, & coluisti, adsit in hoc negotio, ut per te universa Ecclesia Christi, Rex tuus, ac universa Anglia patria tua, Deo gratias agat, Dei laudes decantet, cum videbimus inventam esse Margaritam, quam amiseramus, & reductam ad Ovile ovem pulcherrimam, quæ deerraverat. Expectamus ergo avide litteras tuas. Tu da operam, ut bene valeas, & eventum rerum, qualiscumque fuerit, læto animo accipias, utpote, qui optime intelligas omnia sapientissime gubernari a summo rerum omnium Opifice, quamvis nos lateat sæpenumero gubernationis ratio, & modus. Nolo etiam id præterire, ut quantum potes, conservata dignitate, des operam, ne indigeas extraordinaria ope. Pontifex namque multis impensis onustus est. Nos omnes valemus. Pontifex aggressus est Reformationis negotium; coëpit a se ipso, elegitque quatuor Cardinales, Simonetam, Ginnucium, Theatinum,[407] & me, quibus injunxit, ut diligenter videamus, & corrigamus ea, quæ expediri consueverunt per Datarium. Nos non deerimus officio Christianorum præsulum. Omnes fere Reverendissimi Cardinales favent Reformationi ; incipit immutari facies Consistorii, ea quæ proponuntur non ita facile expediri incipiunt, Canones proferuntur, perpenditur quod fieri debet, & quid non fieri ; adeo ut magnam spem, non dicam conceperim (quia nunquam desperavi) sed foveam, res nostras quotidie melius processuras. Summopere cupio te, ac Reverendissium Carpensem[408] nobis adesse, ut pluribus operam dantibus Resp. Christiana facilius instauretur. Concilium dilatum est ad Kalend. Novembris, ob id, quod Dux Mantuæ[409] petierat a Pontifice mille & quingentos pedites, centumque Equites, alendos Pontificis pecunia, ob civitatis Mantuanæ præsidium. Quæ res visa est allatura fuisse calumniam nobis, utpote, qui nollemus Concilim liberum, si armati hoc præsidio eo venissemus. Locus nondum est constitutus, Pontifex consulet Principes Christianos, as de eorum sententia locum constituet. De Turcis timor est aliquantum imminutus, nam classis longe minor futura est, quam ferebatur, quamvis ego nunquam putaverim excessuram CL. triremes, ut fortasse meministi. Verum a nobis non video etiam magnas vires comparari. Resp. Veneta habebit classem octuaginta, & si opus fuerit, etiam plurium triremium, bene armatam, & instructam. Hæc fere sunt, quæ de rebus nostris tibi scribenda fuerant. Vale in Domino nostri memor.

Hactenus jam quindecim dies, & amplius scripseram, expectans tabellarii discessum, cui possem litteras dare. Interim intellexi quæ scripsisti ex Parisiorum Lutetia,[410] & quod profecturus eras Cameracum,[411] difficultatemque quam habebas in hac Christiana tua provincia. Deo Optimo gratiæ sunt agendæ, eique commendanda causa Ecclesiæ, & quidquid evenerit forti animo ferendum. Cætera scribet ad te copiose Binus tuus. Nos volemus, tuique desiderio magno tenemur. Bene vale iterum atque iterum in Domino, Priolo salutem dicito, ac Veronensi me plurimum commendato. Ex Roma die xij. Maii MDXXXVII.

107. From Ercole Gonzaga, 15 May 1537[412]

Rmo signor mio colendissimo, essendo giunto a salvamento qua la Idio gratia, non ho voluto mancare per debito della servitù ch’io tengo con V. S. Rma, et per l’amore quale so certo ch’ella mi porta, di dargliene aviso[413] con farle intendere che con molta mia satisfattione ho trovate le cose di questa mia chiesia et della diocese talmente incaminate che ne spero ogni buon successo con l’auito di nostro signore Dio et di V. Rma S., la quale a segurtà, sempre che mi accascherà per questo bisogno, affaticherò et pregarò ch’ella non mi manchi appresso di Sua Santità, et il medesimo farò con monsignor mio Rmo di Chieti. et perché meglio me lo creda, già comincio a farlo: che un vecchio di questo paese poverissimo ho trovato, poich’io sono qua, havere in gioventù sua fatto voto d’entrare nella religione, mentre che stava carcerato: ma dapoi scordatosi del voto prese moglie et ne hebbe due figluole, finalmente gli è tornato a memoria et essendo viduo, per lo stimilo della conscientia è venuto in cognitione che gli conviene fare una della due, o entrare nella religione, il che gli sia difficile per la decrepità et povertà sua, over cercare d’esserne dispensato, il che per gli detti rispetti in lui è non solamente difficile, ma impossibile, per non havere modo con che mandare o venire a Roma: onde essendo riccorso a me con credenza di conseguire tale dispensa, né havendo io la facoltà di concedergliela, che a Nostro Signore solo sta el poterlo fare, mi farà gratia V. S. Rma di supplicare a Sua Santità con quel modo che giudicherà migliore, che si degni dispensare questo povere houmo, commutando il voto suo in qualche altra cosa ch’egli possa fare, o facendo d’altra maniera, come alei parerà provedervi di rimedio opportuno, acciochè non venga in qualche giorno a morir dannato, che certamente haverò grandissimo obligo a V. S. Rma, il nome et gli altri particolari, che introno a questo caso le occorrerà di sapere, le saranno detti dal mio solicitatore opportatore presente, al quale ne mando piena informatione. Et per più non la fastidire, mi raccommando humilmente alla sua buona gratia. Di Mantova il 15 di maggio del 37. Di V. Rma S. Humiliss.o servitore. Her. Card. di Mantova.

108. From Ercole Gonzaga, 18 May 1537[414]

Il signor duce mio fratello,[415] quale ho trovato all’arrivare mio qua molto disposto di venire a conveniente accord col Rmo et Illmo Farnese nella causa di Lucedio,[416] manda un suo agente a Rome per negociare et per vedere il fine di questa practica. però sapendo quanto V. S. Rma mi è amorevole, et quanto io le sia servidore di cuore, la priego che, dove potrà col favore et consiglio suo aiutare il detto agente et le cose nostre, non voglia mancarvi, come confido et sono certo che farà, che V. S. Rma ne restarò per sempre obligato. Et in sua buona grazia humilmente et di tutto cuore mi raccommando. Di Mantua il 18 di maggio del 37.

109. To Reginald Pole from Rome, 22 May 1537[417]

Quoniam nullas habeo litteras tuas, quibus me respondere oporteat, nam jampridem respondi postremis litteris datis Lugduni:[418] verum ne, si forte casu quopiam tibi non fuisset mea Epistola reddita, multa ignorares, quæ cupio te intelligere, ejus exemplum his adjunctum mitto. Intellexi ex litteris Prioli, quo in statu res vestræ essent. Doleo plurimum, Regem tuum, cujus bonum novi quantopere cupias, quotidie longius recedere a Christi Ecclesiæ unitate, sibique dum putat optime consulere, & rebus, dignitatique suæ, magis in præceps ferri. Dolendum sane nobis est, rogandusque Deus Optimus, in cujus manu sunt corda hominum, ac præcipue Principum, ut illius Principis misereatur, ac dispellat eas tenebras, quibus adversarii nostri insidiis cor ejus obumbratum est. Intellexi, quibus rationibus adducti decreveritis diutius in eis regionibus morari. Verum illud reor animadvertendum esse e contra, si diutius in angulo quopiam delitueritis (ut vereor) parum consulatis Sedi Apstolicæ, & magis vos ipsi periculis obiiciatis; iccirco censeo, moderationem quandam a vobis debere adhiberi, ne vel cum ignominia properetis, vel cum indignitate diutius delitescatis. Episcopus Veronensis admonuit litteris suis Reverendum Protonotarium Ambrosium, Priolum ad me scripsisse de contrahendis impensis vestris: percunctatus est a me ille, ostensis litteris Episcopi Veronensis, quidnam Priolus mihi scripsisset super ea re; ego nisi voluissem mendax haberi, non potui non illi explicare, quidnam mihi scripsisset Priolus. Itaque non potui servare ea, quæ mihi servanda esse admonuerat Priolus. Nos omnes bene valemus, teque nobiscum esse maxime cupimus. A Turcis paratur ingens classis, Principes Christiani mutuo se conficiunt, ut vides, quid nobis vel sperandum, vel timendum potius sit, intelligis per te probe. Rogandus Deus Optimus, ac mente, quantum possumus, recedendum est hinc, si volumus frui pace. Vale in Domino, & Deum orato pro Sanctissimo Pontifice, & rebus omnibus nostris ; Episcopoque Veronensi, cæterisque amicis nostris, tuis comitibus salutem dicito. Romæ die xxij. Maii MDXXXVII.

110. To Alvise Priuli from Rome, 22 May 1537[419]

Magnifice tanquam frater. Le vostre longe e amorevole letere a me sono state gratissime havendo da esse inteso tuto il progresso vostro. Voria che de li havesti ritrovate le cose melgio disposte alla reducion di quel Re di Anglia al buon camino, come era il desiderio del Rmo. nostro Cardinal Polo. Ma bisognia accommodarsi alla volunta divina et iudicare il melgio essere quel, che pare a lui, non quello, che pare a nui. Quanto al vostro stare de li over ritornare a nui, voi potrete fare melgior iudicio, che noi. Io credo, che sicome il troppo accelerare il ritorno seria de indignita: cusi anchora il molto stare chiusi in qualche angulo costi non seria molto honore. Voi saperete melgio iudicare su il fatto, che noi lontani. Lo episcopo di Verona scrisse a Ms. Ambrosio, che voi mi scrivevate per nome del Rmo. Legato de il modo over termine del contrahere le spese. Pero a me e stato necessario sencia servare la moderatione da voi prescriptami dire il tuto. Vi conforto assai a contrahere le spese: perche invero il papa fa gran spesa e pensa cum questa reformatione minuirsi assai la intrata. Nui stiamo bene. Havemo invidia del pio, costante et religioso animo di quelli dui prelati. Per lettere, che ha la republica nostra de 15. de Aprile da Constantinopoli, le si preparava una grossa armata. La Signoria arma assai ancho essa. Questi principi si ruinano insieme. Vedete, in qual termine siano le cose nostre. Pregamo Dio et in lui riposiamosi. Nec alia. Bene vale in domino. Da Roma alli 22 di Magio 1537.Uti frater G. Cardinalis Contarenus.

111. From Reginald Pole, 1 June 1537[420]

Utrunque ex tuis litteris, quas Romæ xij, Maii sciptas, v. Junii accepi, facile cognovi, & quantopere negotium suscepisti de re pecunaria cum Sanctissimo Domino Nostro procuranda, & promptissimam Ejus Santitatis voluntatem in meæ necessitati succurrendo. Quæ etsi mihi gratissima fuerunt, tamen multo quidem gratius fuisset, nullam causam habuisse appellandi Ejus Sanctitatem hac de re, nec tibi tale negotium imponendi. Scio enim, & mihi conscius sum, quam invitus hoc feci, & quantam vim naturæ meæ intuli, cum hoc peterem, sed necessitati resistere non potuimus, cui omnia cedunt, quæ, ut habet antiquus versus, ipsum summum exsuperarent Jovem. Quanto vero, & qualis fuerit hæc necessitas, ex litteris, quas Lugduno dedimus, satis, ut spero, cognovisti, quare nihil opus erit repetere. Illa potius commemoranda essent, quæ in Cameraci obsidione,[421] sic enim verissime appellare possum, nostram illic commorationem, dum per quadraginta fere dies nec mihi, nec cuiquam merorum extra exire quoquam licuit, sed quasi obsessi, & carceribus inclusi, aliorum opera conducta, semper uti ad procurandam liberationem coacti sumus; qua tandem post tantum temporis intervallum impetrata, cum ab Aula Reginæ cum authoritate venisset ad nos liberandum etiam præsidium equitum, quod ille secum adduxerat, conducere nos voluit una cum caduceatore, quod aliter tutum accessum per Galliæ provinciam in agrum Leodiensem,[422] se non audere polliceri diceret, hæc quidem necessario extraordinarias impensas, & eas quidem non exiguas attulerunt. Quia vero nunc amantissime mones, ut dem operam, quantum per dignitatem liceat, ne pecunia extraordinaria indigeam; quid in hoc præstare possim, quanta præterea voluntas fuerit, ut minori etiam summa, si fieri possit, quam ordinaria sit, me tuerer, & quantum etiam necessitati, quoad potui, restiti, ne extraordinariam peterem, rogo te, ne pigeat ex his litteris, quas Priolus noster his de rebus meis verbis scribet, cognoscere; cui idcirco hoc negotium dedi hac de re ad te scribendi, quod cum fusius hoc scribendum esset, quo magis hujus necessitatis causam S.D.N. apertam esse cupio, quando pluribus letteris hoc tempore scribendis ipse necessario impedirer, neminem eo melius hoc onere me levare posse, cui omnia mea sunt notissima, judicavi. Quare hæc ex illius litteris melius, & fusius cognosces. Hoc tamen etiam ex meis cupio intelligas, quod ad eos attinet, qui mecum sunt, & curam rei familiaris habent, sic frugalitati omnes studere, &, ut quam minime sumptus supervacanei fiant, in omnibus operam dare, ut, si Cato ille Censorius adesset, qui Œconomicus omnium severissimus, & diligentissimus habebatur, & fuit, nihil sane meo judicio haberet, in quo jure rationem dispensandi reprehendere posset. Atque si Reverendum Veronenem cogites, ne Catonem quidem in hac parte desiderabis. Ille enim, etsi ad hoc mihi datus sit benignitate Pontificis, ut mecum omnia summa sustineret, & consilio, atque opera dirigeret, ut in omnibus egregie facit; tamen mihi crede, quæ est ejus humanitas, sic se ipsum ad hæc inferiora dimittit, ut in domo mea, si quæ ordinat, quæ disponit, tam circa victum, quam quæ ad universam rem familiarem pertinent, videres, talem quidem agnosceres, cujus vel præsentia sola, ne qui inutiles sumptus fiant, obsistere posset, cura vero ut omnia recte, & ordine cum summa frugalitate fiant, abunde præstare. Quare hunc satis habeo nunc tibi nominare, ut ostendam, quantum in nobis est, & dedisse hactenus, & posthac daturos omnem operam, ut extraordinaria pecunia ad sumptus non necesse sit quærere. Sed si nec nostra voluntas, nec talis viri industria, & prudentia nos hactenus liberare poterunt, ut non interim maximi sumptus fierent, & tales, quod, quæ aliis Legatis ultramontanis pecunia est consueta dari, mihi non suffecerit, partim quidem ex superioribus meis litteris Lugdono datis causam cognovisti satis, ut spero, iustam, partim nunc & multo clarius ex his, quæ postea sucessere, ex Prioli nostri litteris intelliges, ex quibus cum cognoveris, quæ mihi extraordinario more contigere, qualia haud scio, an ulli unquam Legato multis sæculis intervenere, si extraordinarii sumptus multi fuerint, mirum nemini, qui hæc audierit, videri potest. Sed de his hactenus. De rebus Anglicis, quod aves scire quo loco sunt constitutæ, utinam quidem eo loco essent, quo tuus in Christum, & illam provinciam amor flagitaret, ac studium utriusque nostrum in illius salutem, qui nunc maxime meam oppugnat. Sed quo loco sint, satis videor explicasse, si quæ contra me illi, quorum arbitrio res universæ in Anglia geruntur, sint machinati, indicavero. Ea vero ut facilius intelligas, exemplum litterarum, quas hac de re ad Sanctissimum Dominum Nostrum scripsi, ad te nunc mitto, de quibus etiam Prioli nostri litteræ te docebunt. Quod vero ad meam Legationem attinet, quod hactenus facere potui, id solum fuit, ut in locum aliquem tutum ab istorum insidiis, & conjurationibus me subducerem, quod benignitate primum Dei, & Reverendissimi Leodiensis beneficio vix tandem videor in hac re consequutus, etsi nusquam quidem tutum ab illorum insidiis, ubi aliquo modo illi penetrare possunt, dicere me possum; sed minus certe objectum eorum insidiis Reverendissimi Leodiensis beneficio, qui de hoc loco mihi prospexit, ubi ad nutum cives erant parati omnia facere, quæcumque ad me tuendam pertinebant. Sed neque hoc impedire potuit, quominus ante biduum huc insidiandi causa Anglus quidam veniret, de quo prius cognoveram per interceptas quasdam litteras ad eum ab Oratore Regis in Flandria, quæ ad me fuerant allatæ. In illis vero scribebatur: Si perficere posset, de quibus prius fuerant inter se colloquuti, maximam gratiam apud Regem illum initurum, adjuncto digno præmio. Hic vero huc venit, eam rationem adventus prætexens, quod diceret, exilio pulsum se ex Anglia, neque habere, unde vitam sustentaret, cupere ergo in numero meorum familiarium adscribi. Sed si diutius una nocte in Urbe moratus esset, eum certe in carcerem adscripsisset; id quod nescio quo modo ille præsentiens, vel propter conscientiam timens, cum vesperi venisset, ante lucem ex Urbe se subduxit. Sed plura hujus generis ex Prioli nostri litteris cognoscere poteris, ex quibus facile colligitur, qualis sit istorum voluntas, qui omni loco, & tempore calcaneum meum observant. Ego autem in Deo sperans, non timebo quid faciat mihi caro. De tota vero causa si quæris quid sperem, ego certe maxime spero, si modo vel mediocris cura habeatur in re omnium gloriosissima, tam apud Deum, quam apud homines, & Ecclesiæ utilissima contra importunissimam istorum curam in re omnium pessima, & omnium pestilentissima. Ea vero quomodo, & qua in re maxime adhiberi debeat, quoniam Reverendus Veronensis Bruxellas nunc abest, de quo nondum scio quid egerit, nunc non possum clare scribere, sed si non possum in his litteris, per proximum tabellarium apertius omnia scribam. Sed hoc nunc clarissime, me non magis desperare de hac causa, quam filii Israel, qui in optima causa bis in aciem contra fratres Beniamin ad explorandum eorum scelus egressi, semel Deo duce illis providente, deinde etiam ad pugnam adhortante, gloriose vicerunt. Non minus certe ipse hoc tempore gloriose victores fore, qui tertio hanc causam defenderent, judicio, etsi bis nunc videtur victa, semel in Hibernia Deo duce providente, iterum in Anglia, Deo, ut ipse etiam judicio, populum hortante. Sed quocumque modo divinæ providentiæ placuerit, cum mali non cessent suas partes corroborare, negligentiores Dei servos esse in resistendo turpissimum est, præsertim cum de talibus, sive moriantur, sive vivant, victos esse nunquam dici possit. Quicumque certe eam aggreditur, Deum ducem habere causæ bonitas, & malitia adversarium, clarius, quam si Anglus eadem diceret, declarant. Quare hoc opto, ne occasiones prætereantur, quæ hoc sane tempore, quo minimæ quibusdam fortasse apparent, sunt maximæ. Sed de hoc brevi (ut spero) apertius, & distinctius. Quod vero in altera parte litterarum tuarum scripsisti Pontificem ardenter perseverare n ipso suo instituto, & optimo suo animo de Reformatione, valde quidem animum meum exhilarasti: & non minus in illis Philippi Melanchthonis capitulis, quibus tuam sententiam adjunxisti, quæ libentissime docta, & pia tua censura examinata legi, & in maximam spem veni, Pontifice perseverante in censura morum, in cæteris non ita magnam futuram controversiam, ut non facile ad professionem unius fidei in charitate omnes provinciæ consentiant. Quod pro sua misericordia Christus hoc misero sæculo concedere dignetur; qui te sibi, & Ecclesiæ diutissime servet incolumem. Leodii x. Jun. MDXXXVII.

112. To the Belluno Chapter and Canons from Rome, 2 June1537[423]

Amici carissimi. Quoniam Deo Optimo volente amotum fuit impedimentum, quo certe omnino impediebatur, ne possemus id officium praestare, quod populo sibi commisso verus semper debet episcopus, ac propterea hactenus abstinuerimus et a capienda possessione episcopatus istius ac ab omni non tantum munere, sed etiam appellatione episcopi Bellunensis (ea etenim conditione iniunctum nobis hoc munus a Summo Pont. susceperamus) lubenti animo accedimus ad onus hoc, quod initio egre suscepimus. Etenim novimus eam curam debere episcopum gregi quam patrem filiis, hanc vero absentem hominem statuebamus parum commode habere posse. Verum enim vero cum et a gravissimis hominibus intellexissemus et ex certis quibusdam argumentis nobis videamur collegisse, ingenium Bellunensis populi valde proclive et addictum esse religioni et christianae vitae necnon singulari quadam benevolentia nos prosequi, devenimus in maximam spem, posse nos etiam absentes eum gregem non solum continere in christiano officio, sed etiam multum iuvare, qui per se et sine moderatore rectum iter tenet, sperantes post nonnullos menses a publica ecclesiae cura posse nobis aliquod tempus dari, quo dilectissimum in Christo populum coram videre coramque alloqui possimus. Nunc vero vestram officium erit, et opera et vivo exemplo in christiana pietate curam nostram iuvare, ut totum id a vobis resarciatur, quod ob nostram absentiam utilitati et profectui istius populi detrahi videri potuit. Nos qui in clerum id est in hanc hereditatem vel in sortem Domini adsciti sumus, iuxta Domini verbum sumus sal terrae, quorum sapore condiendus est populus. Demus operam, ne efficiamur insipidi: quonam pacto fungi munere salis poterit in cibis condiendis sal insipidus? Simus lucerna, non tenebrae, ut lumen aliis praebeamus, non offendiculum. Haec quae nos a vobis exspectamus et universus exigit populus, spero pro vestra et universus exigit populus, spero pro vestra bonitate vos facturos sponte ac superaturos expectationem nostram. Mittimus istuc fratrem nostrum, immo fratres nostros, quibus ad vos has literas dedimus, ut diligenter intelligant omnia, quae iure istius civitatis interest episcopi, ut per eos quaemus intelligere et morbos, qui nobis curandi sunt, et virtutes, quae alendae, et incommoda cum privata tum maxime publica, ut eis opem feramus pro viribus. Scio vestra opera multum illos, immo nos per illos iuvari posse; ideo vos hortamur in Domino, ut in eis instruendis nulla vestra diligentia, nulla industria a nobis sit desideranda. Valete in Domino. Datum die secunda Iuniis 1537. Romae. Vestri amantissimus G. Cardinalis Contarenus.

113. From Ercole Gonzaga, 6 June 1537[424]

Ringraci V. Rma S. della facultà che mi ha madata di poter permutare quel voto di religione di quel povero huomo in qualche altra cosa più facile et conforme alla etate grave di lui, et cusì farò.

Aspetto anco con grandissimo desiderio di intendere qualche cose della vera riformatione; pero V. S. me ne darà sempre aviso che haverà qualche cosa da poterlo fare, et non si scorderà di mandarmi quelli sui opuscoli ultimamente composti, sicome mi promise di voler far al partir mio. se voi non venite di qua, io non penso già di venir di là, perché nel vero questa mia chiesa ha pur bisogno di molto assetto et senza me non si può dare, et io più che alcuno altro ne sono bisognoso et non mi basta l’animo di acquistarlo cotì.

In due parole li miei studii hanno ad essere questi adesso et sempre: san Thomaso et la sacra scrittura, et per darvi principio lunidì[425] mi farò incominciare le epistole di san paulo dal lettore di san Dominico qui, il quale à fra P[ietro] da Modena;[426] et questo non faccio tanto per me (che pur sperarei colli expositori poterle intendere da posta mia). quanto per commodità d’alcuno prete di questa mia chiesa et gentilhuomo della città, il quale desidera la cognitione d’esse. poi mi pare che non stia se non bene per l’essempio che s’intenda che m’occupi in simili studii, di modo tale che vi possa intravenire sia chi si voglia che habbia voluntà di fare bene. darò aviso a V. Rma S. di mano in mano secondo che anderemo procedendo, et se accasherà qualche nodo che habbia bisogno della sua intelligenza, meo jure exigam per pigione della casa,[427] della qual dubito che no si dichi quel che mette Cicerone nell Offitii, che si diceva de quel Romano: o domus antiqua, quam disparibus dominaris dominis![428] ma perciò in lode della persona di V. Rma. S. et di monsignor di Chieti et in far conoscere la differenza qual è da me a loro, li qual Dio consevi nella sua gratia et me insieme. Di Mantova il 6 di giugno del 1537.

114. To the Belluno Chapter and Clergy from Rome, (1537)[429]

Dilecti in Christo filii. Essendo piaciuto a idio et a nostro Signor doppo la morte del Rdo Cassale[430] dare a noi il carico di governare nella vita et doctrina christiana voi et tuto il populo di questa cita Bellunense, sicome nel principio non sencia molestia di animo il prendesemo, imperoche credevamo che essendo sforciati per lo’officio e dignita del cardinalato stare molto tempo immo il piu del tempo absente, mal potere fare l’officio de un vero e buono episcopo: pur volendo cusi sua beatitudine, come era il debito nostro de obedirla, li acceptaremo cum conditione, che si prima non si levavano impedimenti li quali alhora erano, non volevamo havere carico ne gubernatione alcuna. Hora essendo stati rimosi l’impedimenti et havendo io cognosciuto si per homeni gravi si per certissimi altri argumenti quanto tuti vui siate inclinati al bono et christiano vivere, et quanta affectione etiam portati alla persona nostra, con alegro animo vi ponemo a la cura e gubernatione vostra, sperando nella bonta divina, ch’ella supplira al deffetto et absentia nostra, si inspirando nell’animo a noi molte cose pertinente al ben vostro: come etiam inspirando nelli cuori vostri di udire, obedire, et havere rispecto al vostro pastore in absentia, come haveresti in presentia, e anchora di ricordarne non solamente per letere publice della communita, ma etiam di qualunque privato tute quelle cose, le quale vi paresseno convenirse a li honor de idio et a buono governo e vita di questa populo e diocesi. Nui si offeriamo, si come siamo obligati, non solamente alla communita et al publico, ma etiam a ciascaduno di voi privato di adiutarvi, favorirvi et soccorrervi cum tutil il core non solamente nelle cose spirituale, ma etiam in le temporale honeste, ne solamente qui in Roma, ma etiam a Venetia apresso la illustriss. Signoria e cusi havemo dato commissione a nostri fratelli, che facino a Venetia, a li quali potreti ricorrere in ogni occorrentia e bisogno vostro, non solum publico, ma etiam privato: perche siamo certi, che non vi mancheranno. Speramo fin qualche mese di venir a visitarvi e stare cum voi qualche tempo non sencia a piacere di questa cita et nostro. Hora mandamo nostro frate, (immo nostri fratelli) a prender la possessione et informatione di molte cose pertinente al bene vostro et officio nostro; non li mancate in informarli molto bene, perche a noi fareti cosa gratissima. Bene valete indomino, filii dilectissimi. [1537]

115. To Gian Matteo Giberti from Rome, 12 June 1537[431]

Rdo. mio Monsignore. Per le letere le quali ho havuto da vostra Signoria ho veduto, quanto la si offerisse di fare per amore mio nello episcopato di Verona, del quale fra poco tempo sero scarico. La ringratio sommamente, e mi offerisco in tute le cose sue paratissimo a farli piacere e commodo. Ho inteso etiam per lettere di padre Gasparo li boni ordeni dati per Vostra Signoria et Rdo patriarca circo li predicatori et confessori li quali mi piaceno sommamente. Ne di questo diro altro. Mi e venuto a l’orechie per homeni degni di fede, che V. Signoria per mala informatione era per fare un editto, per il quale credendosi fare bene si impediria molto bene e molto profecto nel vivere christiano, dove maxime bisogna. Si ritrova in Padoa un monacho di Santa Iustina chiamato Marco da Cremona il quale io cognosco essere homo di santissima vita et buona dottrina, et gia alcun tempo lege in el monasterio suo le epistole di San Paulo cum grandissimo profecto e maxime de scolari: talmente, che molti di loro deposti li costumi soliti de scolari viveno da christiani; et continuamente si accendono in li studii sacri; li quali solevano essere dispregiati in quel ginasio, nel quale ho etiam io vivuto qualche anno, siche si puo sperare, che quel studio nel quale nelli anni preteriti erano molte zizanie e poco buon grano: si fara un seminario di buoni customi, et delle letere sacre, il quale bene idio ha comincio operare per la bocca di questo buon monacho. Mi pare mo, chel’inimico del bene nostro sub specie boni voria rimovere questo buon fructo et opera, che costui non lega piu. Mi pare etiam che l’habia excitato diversi, li quali habent zelum Dei sed non secundum scientiam: li quali perche Lutero ha detto cose diverse de gratia Dei et libero arbitrio: si hanno posto contra ogni uno il quale predica et insegna la grandezza della grazia, et la infirmita humana; et credendo questi tali contradire a Lutero contradicono a Santo Augustino, Ambrosio, Bernardo, Hieronimo, San Thomaso; et breviter mossi da buon zelo ma con qualche vehementia et ardore di animo non se ne acorgendo in queste contradictioni loro deviano dalla verita catholica et si acostana alla heresia pellegiana e pongono tumulti nel populo. Mi ha parso debito mio tenendo il loco il quale io tengo e cognoscendo essere amato da V. Signoria di avertirla e pregarla, che la vada con li ochi molto ben aperti, quoniam inimicus hominum non dormit. Bene vale in domino nostri memor. Da Roma alli XII di Iunio 1537. Dominationis vestrae amantissiminus Cardinalis Cont.

116. From Marcantonio Flaminio, 15 June 1537[432]

Rmo S.or mio ossermo. Sono molti anni ch’io tengo strettissima amicitia con Ms. Theodoro Pagano gentilhomo di Cividal di Belluno, il quale in vero è homo tanto virtuoso et dotto et gentile ch’io mi rendo conto che se mai V. S. reverendissima il cognoscerà, lo harrà fra li più cari amici et servitori di quella città. Questo gentilhomo è hora vicario del clarissimo podestà di Verona[433], et sapendo la stretta servità ch’io tengo con V. S. reverendissima, mi ha pregato ch’io raccomandi a quella un suo parente chiamato Benedetto Pagano, il quale desidera di essere cancellieri di quella nel vescovato, et mi fa fede che questo gentilhomo è costumatissimo, dotto et prudente et attissimo a simile impresa. Et benchè alcuno potria suspicare che questo testimonio non fusse corrotto da passione, pur io mi confido tanto nella bontà et virtu di Ms. Theodoro che tengo certo che la sua relatione si verissima: et chiunque conoscesse questo gentilhomo conosceria insieme che appresso lui po’ molto più la verità che il sangue. Adunque persuadendomi che Ms. Benedetto Pagano sia atto a servire V. S. reverendissima, et havendo un disiderio estremo di far piacere a Ms. Theodoro, non posso fare ch’io non supplichi quella con tutto il core che si degni di farmi questo favore, et darmi questo contento di accettare per suo cancellieri il prefato gentilhomo; il che seguendo, V. S. si obligherà perpetuamente tutta la famiglia de Pagani nobilissima in quella città, et a me farà un beneficio tanto segnalato ch’io potrò numerarlo fra li più singulari che habbia ricevuto da quella, perché in vero non so vedere cosa alcuna del mondo che si possa comparare alla vera amicitia, né consa più grave et più desiderabile che beneficare et con ogni studio et diligentia favorire et aiutare li nosti amici, li quali se sono poi ornati di quelle virtù ch’io conosco in Ms. Theodoro, debbiamo essere prontissimi a spandere il sangue, nonché la robba, per beneficio loro. Aspetterò con sommo desiderio di intendere la risolutione di V. S. reverendissima, la quale di novo supplico che si degni di havere per commendatissimo Ms. Benedetto; et trovandolo sufficiente, come son certo che troverà, quella si degni di farli quel facore che son certissimo che ella faria per sua gentilezza alla persona mia, perché in vero io amo et osservo tanto le virtù di Ms. Theodoro che tutto l’honore et utilità, che riceverà il suo parente da V. S. reverendissima, non serà meno mio che suo. A V. S. reverendissima humilmente baso la mano. In Verona. Alli XV di giugno del XXXVII. Di vostra Revma S.ria humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

117. From Ercole Gonzaga, 16 June 1537[434]

Per l’ultima mia V. S. Rma haverà veduto quanto le scrissi in ringratiarla della dispensa che procurò ottenere da Nostro Signore in persona mia per quel poverhuomo della mia diocese. da poi ho ricevute molte sue, alle quali facendo risposta, primamente mi rallegro con lei della sua prima messa, et tanto maggiormente parmi di poterlo fare quanto ch’io son certissimo che sarà stata accompagnata da quella devotione et sincerità d’animo che et sempre ho conosciuto in V. Rma S. et sommamente si richiede in così gran passo; onde so che haverà sentito incredibile consolatione, et duolmi assai di non ve essere anch’io stato a parte, perché riputando ogni sua satisfattione mia propria, mi sarei sforzato almeno col ridere mostrare fuori quanto fosse il piacere che di ciò havessi sentito, governandomi nel temperarlo secondo il parere di monsignor Rmo Santacroce,[435] quale sicome per cortesia sua mi ama cordialmente, così non m’haverebbe lasciato trasportare dalla dolcezza oltra il conveniente.

Poi perch’ella disidera sapere alcuna cosa de miei studi, invero non son anchora sulla via che spero et disegno ad ogni modo di pigliare; pure non mancherò di dirle come ogni giorno ordinariamente faccio venire il lettore qui di san Domenico a leggere nella mia saletta una lettione dell’epistole di san Pavolo, alla quale sempre, oltra quelli di casa mia, si truova buon numero de preti et molti gentilhuomini di questa città, quali sì per tenermi compagnia, sì ancho per udire il detto lettore, che veramente è persona dottissima et di gran valore, non ne lasciano una. peranchora non siamo venuti a passo ond’io possa pigliare occasione d’excitare il sublime ingegno di V. S. Rma a scrivere alcuna cosa; ma quando occorrerà, non mancherò di farlo, poiche così mi commette.

Quanto alle cose della mia chiesa et diocese, ringratio nostro signore Dio che per le visite, quali ho continovamente fatte fare questi tre o quatro anni passati, le ho trovate in tal termine che me ne ho da contentare. vero è che non è anchora stato compiutamente essequito ciò che nelle visite predette fu ordinato; ma a questo attendo hora et alla riformatione de monesterii delle monache, quali benchè non fossero incorse in maniere di vivere men che honest nè scandalose, nondimeno per essere state tanto senza visitatione, s’erano pure innovate delle cosette che in processo di tempo havriano potuto causare qualche disordine, sichè tale riformatione non può essere se non utile, buona et santa.

Del particolare dell’abbatia di Lucedio già m’ero risoluto governarmi secondo il volere di V. S. Rma, conoscendo prudentissimo et amorevole, quando mi sono sopragiunte lettere da Rome che m’avisano la pratica essere già incaminata et negotiarsi giuntamente per l’Illma signor Costanza[436] et per l’Illmo signor marchese di Aghilar,[437] per la qual cosa non m’è occorse altramente mutare il mandato nè scrivere altre lettere, ma solo voglio pregare V. S. Rma (anchora ch’io sappia essere superfluo) che non voglia mancare a miei agenti nè dell’amorevolissimo suo consiglio nè di tutto ‘l favore che potrà appresso di Sua Santità, come ho fede nell’infinita bontà et cortesia sua. et con questo fine mi raccomando con tuttl l’animo alla sua bona gratia. Di Mantova il 16 di giugno del 1537.

118. From Jacopo Sadoleto, 17 June 1537[438]

La singulare affettione, et osservantia ch’io porto a V. S. Rma, et la certezza ch’io ho del amor suo verso me, di che io ne veggo ogni dì nuove dimostrationi, mi fanno in questa mia absentia aspettare da lei tutti quelli officii, ch’io stesso se fussi in Roma, farei per le cose mie et de li miei; et tanto più mi prometto del opra sua che de le mia, quanto ella mi avanza di auttorità; però accadendomi hora volere mandare a executione una gratia ch’io domandai a N. S. in Nizza al mio partire, pertinente grandamente alla commodità de le cose mie et alla utilità di Paolo mio nipote, devotissimo servitore di V. S. Rma, dove accaderà riparlarne a S. S. et ridurle a memoria li prieghi ch’io le feci alhora, et la benignità con che ella mi rispose, et instarle di nuovo a volermi far gratia di questa mia giusta domanda; ricorriamo Paulo et io allo aiuto di V. S. Rma, pregandola ch’ella voglia esserci in questa cosa quello amico et prottettore, ch’ella suole essere in ogni nostra occurrentia; et pigliar lei questo assonto di parlare a S. S. et a nome nostro et suo impetrarci questa gratia; la quale oltra che desideramo summamente per l’importantia de la cosa, è per esserci anchora assai più grata, ottenendola per opera di V. S. Rma. Che cosa ella sia, et tutto quello che bisogni fare, scriviamo al lungo al nostro Messer Carlo, per non occupare V. S. Rma con sì lunga lettera; egli le referirà quel che bisogna, et si piglierà cura di tutta questa espeditione.

Monsig. Rmo Polo stà molto sano; et mi pare si contenti assai di questa stanza: A me la fa molto più grata et gioconda del solito la compagnia et presentia sua. Et tanto più per la frequente mentione che faciamo nelli ragionamenti nostri di V S. Rma, desiderando spesso, o ch’ella fussi qui con noi a godersi questa vita quieta, o che costì si potesse stare con l’animo più quieto. Et veggo nelle humanissime lettere di V. S. Rma che noi parimente havemo qualche parte nelli pensieri suoi; Di che io quanto posso per la mia parte la rengratio, et molto in sua bona gratia mi raccomando pregandola di salutarmi in mio nome il nostro Messer Galeazzo. Paulo infinitamente si raccomanda nella bona gratia di V. S. Rma. Di Carpentras alli xvii di Giugno 1537.[439]

119. From Reginald Pole, 29 June 1537[440]

Quas ad me xxij. Maii dedisti litteras, xxij. Junii accepi una cum exemplo litterarum, quas xij. Maii dederas; id quod cum studium tuum mihi gratissimum declararet, quantum cuperes, ut desideratissimæ tuæ ad me litteræ perferrentur, tum vero ex illis intellexi, quantum oneris mea causa sustinueris, ut de re nummaria cum Sanctissimo Domino Nostro prius ageres, post cum Domine Ambrosio, ea, quæ ad eam causam pertinebant, communicares. Quod quidem onus ideo appello, non solum quod tuam naturam video exploratam habere, quam non libenter hujusmodi rebus te immisceas, sed quod idem multo maxime in me ipso experior, nihil fere tam grave esse, quod non libentius sustinerem, quam ad ea flagitanda revocari, quæ semper in minimis meis curis ponenda statui, de quibus vix unquam etiam necessitate urgente a me impetrare potui, ut aut loquar, aut scribam. Sed hoc tempore necessitas vicit, non solum ut ipse hoc onus subirem, sed ut magnam partem hujus tibi imponerem, in quo ferendo eo minorem tui rationem habendam esse mihi persuadebam, quo magis recordabar, qualem te illi adjutorem præbueris, qui id mihi jugum imposuit, quale hoc, & multa alia onera ferre non permittit recusare. Quod ut faceres, si te, ut mihi est exploratissimum, solus amor mei excitavit, quid tam difficile esse potest, præsertim quod ad aliquam partem levandi hujus oneris pertinet, quod non ab eodem amore audeam postulare? Hujus quidem certa fiducia me audacem apud te fecit. Sed de his hactenus. Reliqua ex Prioli nostri litteris cognosces. De meo reditu, quod scribis judicium tuum esse, ut nec nimis accelerem, quod id fortasse causæ nocere potest, nec nimis etiam tardem, ne id non satis dignitatis habere videretur, si diutius hic quasi in angulo quodam delitescerem. Quod ad hanc partem attinet, scito, ut delitescam, hoc mihi per adversarios minime licere, qui, multo magis quam vellem, per nuncios, & speculatores suos, non solum per hanc provinciam, sed omnes vicinas regiones, meam hic commorationem celebrari faciunt, sic autem omnia vestigia mea observant, ut non modo hic latere, sed neque aliquo me movere possem, ut non facilius exercitus delitescere, quam ego hoc tempore possem. Quod si ea præcipua cura esset, ut meæ saluti consulerem, primo quoque tempore hinc ut aliqua ratione me subducerem, in primis conandum judicarem. Verum si quid magis conducat, potius est attendendum, prodesse maxime, nulla vero ex parte obesse dignitati posse judico hic meam commorationem ad tempus. Cujus meæ sententiæ etsi rationem nunc reddere oportere video, tamen me in illud tempus reservabo, dum certiora afferantur, ad quæ nunc exploranda misi, de quibus me per proximum tabellarium certiorem te facturum spero. Interim te, & perpetuo in Christo valere cupio. Datum Leod. xxix. Junii MDXXXVII.

120. To Reginald Pole from Rome, 30 June 1537[441]

Accepi litteras tuas datas Leodii x. hujus mensis die, simulque Epistolam Sanctissimo Domino Nostro scriptam, itemque litteras, quas misisti Collegio Romanorum Cardinalium non obsignatas. Reddidi Pontifici litteras, quas ad eum scripseras; avide vero, & accurate legi, & tuam ad me Epistolam, & eam, quam Collegio nostro destinasti. Heri post prandium egi cum Pontifice de rebus tuis, qui summopere laudavit Epistolam tuam, quam confestim legendam misit Cardinali Farnesio,[442] nepoti suo, ut sibi exemplum habeat, ad cujus instar possit animum, & bonis litteris colere, & eximiis etiam virtutibus, ac præsertim Christianæ pietati inhærere. Ægerrime fert, quod te videt constitutum in maximis difficultatibus, ac periculis. Officia Cardinalis Leodiensis[443] in te conservando, & honestando pergratissima Ei fuerunt, cui acturus est gratias per litteras Apostolicas. Laudat te, quod ad Collegium nostrum scripseris, quas cum primum Consistorium erit, legi faciet : tradidi eas legendas Beatitudini Suæ, accepit libenter, atque adhuc in manibus habet. Quantum ad rem pecuniarum attinet, ne Ei molestus essem, dixi me acturum cum Reverendo Protonotario Ambrosio. Longius autem sermonem traximus de rebus Anglicanis, cæterisquæ omnibus, quæ ad negotium pertinent. Putat Pontifex prudenter omnia, nec videt, rebus Christianæ Reip. ac Principum, ita ut sunt, constitutis, cum Turcarum princeps omnibus viribus collectis in nos ducit, & amplissimum, simulque potentissimum Exercitum, ac ingentem classem, posse nos quidquam sperare. Præterea multum tibi timet in iis regionibus degenti, quem censet summa diligentia servandum esse, veluti pretiosum Thesaurum, ut ejus verbis utar, cum aliis rebus, ac commoditatibus Ecclesiæ, tum melioribus temporibus. Ideoque appetentibus etiam Calendis Novembribus, quibus indictum Concilium est, reor, Eum decrevisse, ut ad nos tuto redeas. Aget autem de hac re diligenter, & cum Serenissimo Romanorum, & cum Christianissimo Gallorum Regibus. Ego quidem non tantum summo desiderio, quo fateor me teneri, tui videndi, ac fruendi jucundissima consuetudine tua, verum etiam a Rep. esse censeo, ut ad nos tutus redeas; nam humana conjectura nullum aditum coniicere possum patere nobis ad sanandum, aut aliqua ratione curandum eum morbum, cujus curationem summopere cupimus. Hæc raptim tibi potui scribere. Vale in Domino nostri memor. Ex Roma pridie Calend. Julias MDXXXVII.

121. From Ercole Gonzaga, 18 July 1537[444]

(He is writing on behalf of) il nostro monsignore Aprutino,[445] (who is being disturbed) da uno sfratato barro et ribaldo publico, chiamato per nome frate Giovan Battista Ferrigno, (and he asks Contarini) che si degni pigliare la cura et protettione di questo da ben gentilhuomo et prelato tanto benemerito della sede apostolica, quanto V. S. Rma sa meglio di me, et col’autorità et prudenza sua fare capace Nostro Signore do quanto mal essempio sia che un tale prelato, volendo fare ufficio di buon pastore in curare il suo gregge et castigando i tristi, sia così mal trattato, che dove ne dovria riportare laude et premio, gliene sortisca danno e scorno insieme, etc.

Di Mantova il 18 di luglio del 37.

So[446] che li appostati dispacena a V. Rma S. quanto fanno a me, che più non si può dire, et perciò mi rendo certo che si afaticharà voluntieri in benefitio del nostro vescovo et in obbrobrio di quel rubaldo, et aciò la possi fare meglio l’uffitio con Nostro Signore et ogni altra persona, over accascherà, la certifico haver fatta notomia[447] di questi rubaldi sfratati in questa mio diocese et finalmente hon havere mai ritrovata alcuna sorte d’huomini più cattiva di loro, sicome consta di infiniti processi, quali sono appresso di me. et questa non è gran cosa, perchè come si manca a Dio una volta, ogni altro defetto pare ligieri.

122. From Reginald Pole, 21 July 1537[448]

Legi tuas litteras, quas ad Priolum nostrum x. Junii dedisti, quas video te scripsisse, cum nihil dum de nostro huc adventu acceperas. Sed paulo post existimo te meas litteras de omnibus rebus habuisse. Video vero te, cum illa scriberes, valde nostro periculo fuisse commotum, quod certe timendum fuit, si illis in locis hæsissemus, in quibus cum illas litteras dares, nos adhuc esse iudicabas. Sed Dei bonitas, Illustrissimi, & Reverendissimi Leodiensis opera, melius nobis de loco prospexit; quod ni factum fuisset, frustra quidem ad reditum hortabaris, nisi prius per Pontificis amicos via fuisset patefacta ; id quod maxime ut fieret, in litteris ad Dominum Ambrosium[449] scriptis contendi. Tunc enim obsessi magis, quam liberi videbamur, ut nusquam ex Urbe, in qua clausi tenebamur, exire liceret, quæ ne ipsa quidem satis nobis tuta fuit. Nunc vero etsi de Urbe ad commorandum satis, ut spero, tuta, nobis sit prospectum, id, quod Dei primum beneficium summum, & Reverendissimi Leodiensis agnoscimus, tamen si hinc discedendum esset, quo pacto itineri nos committeremus, quacumque eundum esset, ut non iisdem angustiis, quibus prius teneremur, nisi prius SS.mus Dominus Noster cum Principibus, per quorum provincias esset transeundum, omni auctoritate, & gratia egisset, ut ubique transitus liber, & tutus detur, prorsus non video. Sed tu nunc times, si diutius in his regionibus commoraremur, ne indignitatem ea res haberet, præsertim cum tam tenuis sit spes nos aliquid proficere posse, in eo quod caput est totius Legationis. Ad hoc quidem, si litteras meas, quas hinc binas ad te, & ad Sanctissimum D.N. de his rebus dedi, acceperis, nihil attinet plura scribere, quam quæ in illis sum complexus ; omnia enim in medium attuli, quæcumque mihi in utramque partem multa de his rebus cogitanti in mente venire tum potuerunt, neque alia nunc occurrunt, sed ut tum me in omnibus judicio, & voluntati, atque imperio Sanctissimi Domini Nostri subjeci, it nunc facio. Paratus autem semper ero facere quod jubet, pertinere tamen ad officium existimans nihil occultare eorum, quæ mihi in negotiis versanti, & propius omnia intuenti ad successum rerum facere aliqua ratione videbantur, quemadmodum illæ litteræ, si perlatæ sunt, satis ostendunt. Quo magis vero cogito, & ea video, quæ in Anglia sunt consequuta, & quotidie fiunt, etsi sensus eo me impellat, quo maxime semotus a periculis esse possem idest ad vos; tamen certe negotium ispum, quod mea salute antiquius esse debet, ad manendum potius hortatur. Nec vero de indignitate est timendum, cum nihil magis dignitatem tueatur, quam quod ausi sumus, & audemus contra tot minas in his locis subsistere, in quibus causæ adversarius minime omnium nos manere velit, & ejecturum minatur. Quod si nunc discederemus, etiam ejecisse gloriaretur. Sed hoc non tanti existimandum est, quid ille aut dicat, aut glorietur, nisi eadem res multorum bonorum animos magis fortasse quam quicquam eorum, quæ hactenus contra illorum spem acciderit, deiiceret. Mitto ad te exemplum litterarum, quas Anglus quidam Vir bonus, qui hic Lovanii studiis dat operam, ad me misit;[450] ex quo cum quid de commoratione nostra sentiat intellexeris, in qua re nihil ejus sententiam ab illorum, qui causæ maxime, & dignitati nostri Ordinis favent, dissentire puto, tum vero rogo advertas, quod tandem consilium det, & quem modum progrediendi in hoc negotio præscribat. Memet certe mei ipsius suppudebat, cum illam legerem, quod non prius mea sponte de hac re cum Sanctissimo Domino Nostro egissem, quod plus causæ prodesse posse nunc video, quam non modo censuræ illæ, & execrationes, de quibus toties est actum, sed vel quicquam illorum, quæ vel ante, vel hoc tempore excogitare potui. Si autem ut vere judico, contra Turcam externum maxime nobis auxilio fuisse istas preces, contra internum multo magis profuturas judicare debeo; quo magis in gloriam Dei, & Ecclesiæ utilitatem, si Christus precibus annuere dignaretur, certo cederent. Quare obsecro, cogita, quid fieri possit, & debeat. Reliqua ex Prioli nostri litteris cognosces.

Hactenus jam scripseram, cum ecce Pontificis litteræ mihi redduntur, quæ inanem omnem priorem deliberationem, quam superioribus scriptis de mea hic commoratione sum complexus, ostendunt. Illæ enim me revocant, & primo quoque tempore reditum ornare jubent. Quibus cum promptissimo animo parere, sim paratus, frustra quidem priora scripta mitto, nisi forte hoc ad rem facit, ut ex illis, & ex iis, quas nunc scribo, scias nihil tam fixum in animo meo esse posse, quod non statim ad imperium illius, cujus obedientiæ me totum dedi, sim rejecturus. Itaque ad Pontificem scripsi, nihil prorsus opponens eorum, quæ in tali causa tam celerem reditum possent verisimili ratione dissuadere, sed monstrans tantum id quod est, animum in obediendo promptissimum. Quod vero mea sponte optabam, hoc solum fuit, ut vel agricolarum patientiam tali in causa, qui agricolas animarum esse profitemur, ostenderemus, qui in præcipuis suis fructibus jactis seminibus hyemis saltem spatium, ut adolescant, expectant. Et ego quidem ultra unius hyemis intervallum, ut tantæ causæ, cujus femina tam bene jacta erant, ad maturandum daretur, nihil sane eram postulaturus. Sed hoc nunc illius providentiæ committo, cujus causa agitur, qui vel momento temporis speciosiore proferre potest, si velit, quam universa rerum natura, vel in universo tempore. Reverendus Protonotarius[451] in suis ad Reverendum Veronensem litteris, ita reditum nostrum accelerat, ut ne expectari quidem a nobis id tempus velit, dum a Rege Ferdinando afferatur Diploma, quod tutum transitum concedat, sed nos confidere vult illis litteris, quas ad Nuncium Apostolicum[452] apud Regem scriptas esse dicit. At certe nimis recens est hæc plaga, quam ex nimia credulitate accepimus, dum Cæsaris Oratoris verbis sine litteris de nostro in Flandriam transitu crederemus (quæ praecipuas difficultates, & pericula maxima peperit) quam, ut iterum spei tantum nostræ nec litteris, nec verbis eorum adhuc confirmatæ simili in periculo credamus. Sed Domino credimus, & in Domino confidimus. Quod vero fieri nunc in humanis potest, hoc solum esse video, ut illius, & consilio, & operæ tradamus, qui contra multorum, & præter omnium expectationem nos incolumes huc conduci fecit, & tuta nobis omnia, dum hic fuimus, præstitit. Is est Illustrissimus, & Reverendissimus Leodiensis, ad quem nunc Dominus Veronensis, hujus rei gratia, ut ejus, & consilium exquirat, & opem petat, est profecturus. De transitu per Galliam nulla prosus est spes, præsertim cum hoc constet Regem dixisse, se nimia invidia apud adversarium causæ premi, quod prius transitum dederit, quo etiam ne penetrare quidem possemus, nisi sponte easdem nobis, quas prius, difficultates accerseremus; cum quicquid molestiarum hausimus, & periculorum, ea omnia inconfinibus Galliæ, & Flandriæ nobis acciderint. Quod reliquum est, cum quantum erit in nobis procuraverimus ad itineris securitatem (ne si aliter faceremus, ut nunc sunt tempora, temere nos processisse videri possemus) alacres, ut spero, postea nos itineri dabimus, præsertim cum hac primum spe nos consolati fuerimus, si quid adversi acciderit, id nobis Dei voluntate accidisse, & ob ejus causam nos pati, & cum Dei filio compati. Quod si compatiamur, & conregnabimus. Si enim hoc ejus bonitati placuerit, ut incolumes ad vos evadamus, præter divinam consolationem hanc etiam in terris de reditu habeo, quod ad patronum omnium benignissimum redeo, & ad tuum complexum, atque consuetudinem fruendam, qua in terris, ne vivam, si ad animi jucunditatem, & fructum aliquid habeo, quod præferam. Christus te incolumem servet, Datum Leodii xxj. Iul. MDXXXVII.

Quod Priolus noster meis verbis in Reverendi Veronensis causa scribit, obsecro, tibi curæ ut sit, ne ad labores, necessarios quidem illos, quos tanta humanitate, mea etiam causa, pertulisse dicere possum, sed graves utrique nostrum, etiam non necessarios, ubi nunc causa præcipua cessaverit, adjungere compellatur; quod quidem fieret, si postquam Veronam sedem suam perveniret, inde Romam me sequi cogeretur. Quare hac in parte, si gratias referre non possum, saltem ne labores frustra cumulare illi videar, utriusque nostrum precibus a Sanctissimo Domino Nostro indulgeri valde cupio.

123. To Reginald Pole from Rome, 21 July 1537[453]

Binus familiaris tuus a secretis nunc mihi significavit, post horam tabellarium hinc ad nos profecturum, ideo rogor paucis lineis concludere Epistolam. Litteras tuas, simulque Prioli nostri nudius quartus accepi, ex quibus intellexi, quo in statu res vestræ essent. Nudius tertius fui cum Pontifice, cum quo egi, ut litteræ Apostolicæ Regi Romanorum, Regi Galliæ, & Archiepiscopo Coloniensi[454] scribantur, quibus a Principibus illis efficaciter contendatur, ut vobis procurent tutum ad nos reditum. Negotium datum fuit Blosio,[455] qui ad vos, ut audio, missurus erat eas litteras. Hic nomine Pontificis agetur etiam cum Oratoribus Cæsaris Regis Romanorum, & Regis Galliæ, ut per suas litteras idem agant. Pontifex longe præfert reditum vestrum per Galliam, quam per Germanium, ubi non erit vobis agendum cum tot Principibus, quorum diversæ sint factiones, & studia. Hæc sententia mihi quoque magis probatur. Deus Optimus diriget gressus vestros. Cadent a latere vestro mille, item decem millia, ad vos autem non appropinquabunt. Ego avidissime expecto vestrum reditum. Nos valemus, urgemur magnis æstibus, quos tamen magna in parte minus molestos reddit noster Galeatius.[456] Classis Turcarum maxima, simulque terrestris exercitus cum Rege jam aliquot diebus pervenere Aulonem[457], seu Valloniam; in dies, seu potius in horam expectamus nuncium, quod in Italiam trajecerit exercitus. Hic sit delectus peditum. Omnes nostri familiares, item Reverendissimus Theatinus, ac Sadoletus plurimum se tibi commendant. Bene vale in Domino. Angustia temporis nunc resistit, ut possim respondere Priuli litteris. Ex Roma die xxj. Jul. MDXXXVII.

124. To Isidoro Chiari from Rome, 23 July (1537) [458]

Reverende pater. Etsi omnium amicorum meorum literae mihi solent esse iucundissimae, nescio quadam ratione tuae mihi redditae proximis hisce diebus literae novam quandam voluptatem adtulere, ac benevolentiae inusitatum quendam gustum. Non tamen ob eam rationem quod post tuam hinc profectionem primas literas accepi (fieri namque plerumque solet, ut animus excitetur aliquanto vehementius primis ac inusitatis motibus, quam consuetis ac inveteratis), verum et totius epistolae argumento et animi tui egregio erga me affectu, quem conniventibus etiam oculis facile potui perspicere, adeo delectatus sum, ut non satis queam verbis assequi, quantum fuerim laetatus. Mihi certe rem omnium gratissimum ac desideratissimam facis, quod deum optimum assidue oras: ut opem ferat infirmitati meae, hoc praesertim loco, in quo constitutus sum, et hoc rerum statu, quem omnes intelligunt. Nulla equidem res est, quae magis consoletur (ingenue fateor) inter tot procellas fluctus versantem, quam bonorum ac piorum hominum, qui me vehementer amant, assidua apud deum optimum oratio. Horum alis confido facile posse me, etiam fracta navi, fluctibus oppressum attolli e profondo, et sublatum per aera tranquillum, quo vis ventorum et tempestatum non pervenit, ad portum tendere cuiuscumque periculi securm. Delectavit praeterea me summopere admonitio illa tua, seu potius, ut pudori tuo inserviam, commemoratio officii quod praestare debeo, quod semper meditari et animo versare, postquam in hunc ordinem amplissimum a deo adscitus sum. Nullus diffiteri potest, mi pater et frater, eum esse reipublicae christianae statum seu potius eam turbationem: ut indigeat opera multorum praesulum, qualem tute pro tua erga me benevolentia me esse effinxisti ac tibi persuasisti. Verum etsi ego longe absum ab ea animi virtute, sunt tamen nonnulli nostri ordinis, qui poterunt facile multum rem communem iuvare, et de quibus possumus omnia nobis bona polliceri. Adest pius pariterque magnus pontificis animus. Nonnulli praeterea episcopi emergunt, qui magnum nobis lumen praeferunt: quocirca non desperandum censeo ibi abundaturam esse dei gratiam, ubi delictum adundavit. Reformatio, quam institueramus, aliquamdiu retardata est tum ob Turcarum motus, tum ob nostram inertiam. Nos etenim, quibus pontifex id munus commiserat, fuimus aliquanto segniores in eo obeundo: pontifex tamen adeo nos excitat, ut omnino sperem parituram tandem hanc nostram congregationem fœtum, quem iamdiu parturit. Scio te cupere de rebus his certiorem a nobis fieri: ideo nolui omittere, quin tibi hoc significarem. Tu deum orato, ut id opus perficiat, quod coepit. Scio patrem nostrum Gregorium esse in coenobio Mantuano. Ex eius leteris te raro esse Mutinae nesciebam. Audivi in ea urbe esse complures cives et doctos et probos, nunc te eorum consuetudine oblectari plurimum gaudeo. Philippus Mutinensis,[459] familiaris meus, de quo tamen nihil scribis, est, ut reor, tecum frequentissime, nisi familiaria negotia eum aliquando distrahant. Nos valemus tui memores ; da etiam tu operam, ut bene valeas, deum assidue orato, ut gressus nostros dirigat in semitis suis, ut rempublicam suam servet nec nobis, sed nomini suo, quod invocatum est super nos, det gloriam et pontificem mente et corpore servet nobis incolumem. In hoc vestro ocio, si quandoque mihi scripseris ac excitaveris ad ea quae debeo praestare: mihi facies rem admodum gratam et fungeris officio veri amici. Bene vale et me ama. Ex Roma die XXIII Iulii 1537]. Tui amantissimus G. Carlis Cont.

125. To Pietro Bechinio Boemo from Rome, (1537) [460]

Te in patriam terram incolumem pervenisse ac bene valere cum patre ac universa familia tua plurimim gaudeo, ac deo optimo gratias ago. De vestrarum rerum statu, quod proximo conventu nihil sit actum ac universum negotium sit dilatum ad concilium, quamvis longe mihi gratius fuisset, si res citissime deducta fuisset ad eam pacem et unitatem quam optamus: nihilominus, cum difficile sit amovere ea quae iam inoluerunt, spero divino beneficio nobis praestitum iri, ut hoc concilio ac universorum christianorum conventu pristina pax et unitas ecclesiae Christi restituatur. Legi pontifici optimo literas tuas, qui et commendationes tuas amanter accepit, omniaque bona tibi patrique tuo ac universae familiae optat. De episcopo Mutinensi nuncio pontificio quae scribis, longe mihi gratissima fuerunt ; maximo certe christianae reipublicae et apostolicae huius sedis commodo accidit, ut tam probus vir legationis munere apud vos et Germanos fungatur. Ego equidem summopere amo cum hominem et virtutes eius non vulgares suspicio. Legi pontifici ea quae mihi de eo scripseras. Lactatus est plurimum optimus senex nec mediocriter laudat officium, quod tibi praestat. Apparatus serenissimi Romanorum regis, quos scribis, laetor quod non frustra fuerint facti, immo magna clade hostes affectos fuisse ac insigni victoria regem potitum nunciis ex Venetiis allatis accepimus, Deus optimus et rebus christianae reipublicae consulat pro sua bonitate nosque omnes dirigat inviis suis ac incolumes servet. Bene vale in Domino. 1537]

126. To Geronimo Querini, (1537) [461]

Reverende ac observande pater. Postremus tabellarius, qui huc Venetiis venit, adtulit mihi literas tuas datas invico sancti Sebastiani agri Vicentini: quibus certior factus sum de rebus tuis ac de controversia, quam habuisti coram summo principe et collegio cum legato et episcopo Paphensi,[462] ac quod post eam concertationem visceris Gradensem[463] populum, prima inquam fundamenta sedis, quam obtines, demum quod in villulam tuam concesseris veluti in Linternum.[464] Equidem non possum non summopere dolere, quod laici et prophani homines quotidie audiant inter nos esse lites et controversias, quibus praecipue ut Christi domini discipulis convenit pacem colere, pacem praeferre ac pacem omnibus praedicare. An ignoramus, cuius spiritus filii sumus? Non diffiteor, quin interdum hoc possit accidere nulla nostra culpa. Verum quantum fieri potest, cuperem ego, ut vitaremus haec non modica offendicula, quae multum detrahunt dignitati et existimationi nostri ordinis, adeo ut verear, ne nomen domini potius conculcetur quam sanctificetur in nobis, et non retineamus amplius appellationem et naturam salis, quo populus condiatur, sed potius absintii ac fellis, quo populus dei in dies magis amarescat. Pervenerat ad aures meas quidam tenuis rumor huiusce rei. Nesciebam tamen hanc vestram controversiam iam in publicum prodiisse, quam adhuc ignoro, quaenam fuerit. De Aloysio Mocenico[465] senatore optimo, qui certe aemulationem domini habet, sed interdum non scientiam, magnam cepi voluptatem, quod iam ingenuo animo fassus fuerit, se hactenus errasse in oppugnanda existimatione et auctoritate tua; nec tantopere tibi reor gratulandum esse, quam ipsi, quod nullo pacto fuerit pertinax in tuendo errore, sed confestim ingenue fassus sit, se errasse, et a parente, te inquam episcopo, veniam petierit. Eandem mentem opto etiam aliis. Quod patrias sedes ac urbem patriam tuam tuae a Christo fidei commissam liqueris: nimirum non mediocriter doleo. Video per te, quam sit citra naturam humanae societatis et ecclesisticae hierarchiae evangelicaeque doctrinae, pastorem abesse a grege, ac gregem degere sine pastore: nisi quaepiam gravior causa haec faciat. Mihi certe semper displicuit haec iurisdictionum confusio, quam arguit etiam Bernardus sanctissimus vir in libris de consideratione ad Eugenium. Velim, ut te accommodares tempori, nisi quodpiam gravius obstet quod ignorem, ac si non posses proficere, quantumvis velles, id quod per occasionem temporis potes. In calce epistolae tuae scribis mihi de episcopo Gregeto[466] et de tumulto illo Vicentino. Ego optime hominem novi et doctum et probum esse, sed aliquando acriorem et vehementiorem. Nosti enim quaestionem, quam Lutherani excitarunt de gratia et libero arbitrio, cui annexa est etiam tota ea disputatio de praedestinatione sanctorum et de reprobatione malorum, quam principio Luterani inusitatis verbis perveretunt : nunc vero, quantum potui coniicere ex quibusdam scriptis Melantonis, longe magis quam principio accedunt ad catholicum sensum. Hac ergo quaestione divulgata multi viri catholici insurrexere contra Luteranos, ex his nonnulli vehementiores, pro studio pietatis tuendae imprudentes, dum tueri volunt liberum arbitrium, detrahunt gratiae dei, et sensim labuntur in haeresim Pellagianam, ac putantesse contradicere Lutero, contradicunt Augustino, Ambrosio, Bernardo, Hieronimo, ac demum sententiae catholicae. Valde vereor, ne noster Gregetus, qui mihi alioquin est amicissimus, sit hac in re paulo vehementior et studio improbandi Luteranos ne peccet, et praeterea excitet rixas, ac demum dum alteri alteris contradicunt: ne populi animi implicentur quaestionibus, e quibus doctissimi viri nesciverunt se explicare. Fatetur ingenue multis in locis Augustinus, nescire se solvere eum nodum, cur deus hunc trahat et illum non trahat. Iustissimo dei iudicio fit, sed nobis occulto, immo inquit Paulum apostolum sic se explicuisse ab hac quaestione, ut diceret : Quam incimprehensibilia sunt iudicia eius, quam investigabiles viae eius ! Quamobrem vellem, ne huiusmodi quaestiones excitarentur coram populo nec etiam cuipiam verteretur fraudi, si in orationibus ad populum magnificaret quantum fieri potest gratiam dei, ac ostenderet imbecillitatem naturae humanae: quae semper eget dei gratia et dei auxilio. Hic etenim est cardo christianae pietatis et in hac redifferunt christiani a philosophis: qui extulerunt naturam hominis, et gratiam dei ignorarunt. Iam fortasse longius te detinui quam par erat, quamvis in eo ocio in quo es puto parum posse tibi negotii adferre literas amicissimi hominis etiam longissimas. Finem tamen faciam, bene vale in domino ac serves memoriam mei, praesertim in precibus: quibus assidue deum optimum oras. Non est, quod tibi offeram operam meam quantulamcunque in rebus tuis omnibus. [1537]

127. From Reginald Pole, 10 August 1537[467]

Etsi nulla prope mea Epistola ad te fuit, postquam in hanc provinciam veni, quæ non secum testimonium aliquod attulit summæ in me humanitatis, & beneficientiæ Illustrissimi, & Reverendissimi Leodiensis, tamen cum ille augere non cesset suam benignitatem; nec ego cessare possum de eadem sæpius testimonium reddere, præsertim cum non tam in meum commodum redundet, quam in honorem Sanctissimi Domini Nostri, & istius S. Sedis, & Sacrosancti Collegii; sic autem est, ut ex pluribus meis litteris perspicere potuisti, nisi Dei bonitas in his provinciis talem virum quasi Josephum alterum in salutem fratrum præmisisset, & in summa auctoritate collacasset, jam Legatus Vicarii Christi, & communis Patris omnium Christianorum hostibus illius nominis, & sedi prædæ fuisset, neque in provinciis Principum Christianorum invenisset, ubi in tuto pedem ponere posset; hic vero deficientibus aliis, a quibus omne subsidium merito expectabatur, non solum tutum locum præstitit, sed sic omni humanitate receptum in tutum est complexus, ut non solum frater a fratre, sed ne filius quidem a patre plura expectare posset. Hoc vero eo nunc libentius repeto, quod video incidisse occasionem, per quam Sanctissimus Dominus Noster ostendere possit, quam grata hæc illi officia fuerant, quod non minus maxime generoso animo SS.D.N. jucundum fore scio, præsertim cum causa, quam sibi concedi postulabit, talis sit, ut tanto viro, & tam benemerito de Sede Apostolica gratificando, universæ huic provinciæ, quæ summa illius industria, & viglilantia Reverendissimi in fide, atque obedientia Sanctæ Sedis tenetur, quæ jam vacillare cœperat, ad Dei honorem, & animarum salutem maxime consulere possit. Qualis vero hæc causa sit, quoniam Rev. Veronensis litteræ ad Dominum Carolum de Fano[468] fusius eandem explicant, qui in mandatis habet, ut eandem tecum conferat, ab eodem dignaberis intelligere; hac tantum per meas litteras abs te cupio impetrare, ut perceptam, & cognitam ad Sanctissimum Dominum Nostrum referas. Reliqua maxime generoso ejus animo permitto. Sed de iis hactenus. De me hoc tantum scribere possum, ad reversionem me sic esse paratum, ut quando ita Sanctissimo Domino Nostro visum fuisse jam pridem intellexerim, neque hoc tempus fuissem expectaturus, nisi Rev. Veronensis ab Aula Reginæ, & ab Illustrissimo Leodiense recedens, & mihi ab illo mandata retulisset, illum se non posse pati, ut prius e provincia discederem, quam mutuo salutaremus, atque una aliquot dies consumeremus: quare rogare, ut paucos dies expectarem, illum haud cunctaturum, quin statim post Rev. Veronensem subsequuturum; id quod eum fecisse ex ratione dierum video, nunc enim in vicinam nobis Urbem, quæ octo milliaribus hinc distat, eum pervenisse audio, & post biduum affuturum. Reliqua ex Prioli nostri litteris intelliges, & quæ restant coram, quando, ut spero, Deus nobis prosperum ad vos iter concesserit, ubi nihil mihi jucundius esse possit, quam te salvum, & incolumem cum communi Patrono invenire. Dues hoc faxit, & in multos annos idem concedat, Leodii x. August. MDXXXVII.

128. To Reginald Pole from Rome, 12 August 1537[469]

Heri, paulo antequam pranderem, redditæ mihi fuerunt litteræ tuæ datæ xxij. die Julii Leodii, simul cum litteris, quas destinaveras ad Pontificem, nec non cum exemplo pientissimæ Epistolæ ad te conscriptæ ab eo Juvene tuæ Gentis,[470] qui Lovanii dat operam litterarum studiis, quique ob pietatem, & eruditionem omni mihi videtur laude dignus. Perlegi omnia diligenter, & quoniam Pontifex ex hac nostra regione Urbis, quam nunc colimus, diverterat in Vaticanum, misi Becatellum nostrum; qui omnes tuas litteras, quas mihi scripseras, item exemplum Epistolæ illius pientissimæ, ac tuas ad Pontifiem litteras dedit Rev. Protonotario Ambrosio legendas, ut etiam, si ei videretur, commodiori hora faceret copiam Pontifici omnium, simulque tuam Epistolam ei redderet. Recepit is se omnia facturum tempore commodo, asseruitque gratissimam fore Pontifici Epistolam Angli, Græca, & Latina lingua simul conscriptam. Hodie, cum mensæ assiderem, remisit Protonotarius omnes tuas litteras, simulque significavit per nuncium, eum, qui mihi tuas litteras attulit, hoc vesperi tabellarium hinc in Flandriam profecturum, cui daturus ipse erat ad te litteras nomine Pontificis, mihique item injunxit, ut Sanctissimi Domini Nostri nomine tibi eadem scriberem, videlicet, tribus rationibus Pontificem adductum fuisse, ut te inde Romam revocaret. Prima, quod non sine indignitate putabat te isthuc amplius moram trahere absque spe ulla quicpiam efficiendi; deinde, quod, & tibi timeret, ac etiam vereretur, ne Leodiensis, magis quam par esset, incommodi caperet ob diuturnam vestri cunctationem Leodii; postremo, cim indictionis Concilii tempus, Kalendæ, inquam, Novembres, jam prope esse incipiant, summopere concupivisse, ut ad id tempus tu quoque nobiscum adesses. Verum, quoniam ex litteris tuis multa intellexit, quæ persuadere nobis possint, non inutilem Dei Ecclesiæ, & conservandæ pietati Anglorum, tuam ibi curationem fore, rem omnem, ac deliberationem, consiliumque, tui vel reditus ad nos, vel mansionis, tuo judicio permittit. Facias tu id, quod magis in rem Christianam fore existimabis. Hæc summa. Nescio, an hæ nostræ litteræ te sint inventuræ in Flandria, an in itinere. Deus Opt. Max. dux tui itineris est. Quicquid evenerit in meliorem partem accipito. Nos hic valemus, sed urgemur gravi æstu, qui tamen incipit mitescere. Turcarum classis cepit in ora Salentinorum oppidum Castrum[471] per deditionem, & quamvis polliciti fuissent, se permissuros omnes incolumes abire cum his rebus, quas ferre, per se unusquisque posset, nihil minus capto oppido, cum jam recessuri Oppidani, & milites, portas exissent, & a præfecto classis, qui aderat extra mœnia, libera eis profectio, ut pacti fuerant, pronuntiata esset; discessit præfectus in oppidum, at Turcæ, vix dum præfectus abjerat, ad unum omnes trucidarunt infantes, & fœminas, præter juniores, & quosdam adolescentes. Hactenus nihil egregium Turcæ fecerunt. Captæ fuerunt a Principe Doria[472], præter naves onerarias quasdam, xiv. Triremes optime instructæ, non tamen potitus est victoria incruenta ; se Messanam recepit, classem instaurat, ut majoribus viribus rem hostium interturbet. Nostræ Triremes etiam inciderunt in classem Turcicam, a quibus excepti, ut hostes ; dues ex nostris Triremes ceperunt, tertia depressa, nostri omnes ad unum a Turcis cæsi. Turcarum Triremis una a nostris capta, omnes ii trucidati. Non video, quorsum Deus Optimus hunc magnum armorum apparatum dirigat. Summis precibus a bonis omnibus orandus, ut det gloriam non nobis, non nobis, sed nomini suo, ne dicant impii, ubi est Deus eorum, ubi Christus, cujus nomen est invocatum super nos ? Quidquid tamen evenerit, magno animo tolerandum. Hæc sunt, quæ ut scires digna putavi. Multa præterea possem tibi significare, sed brevitas temporis, æstus, ac longius jam scripta Epistola, simul cum segnitie quadam, mihi persuadent, ut finem faciam. Dii te, omnesque tuos nobis incolumes servent. Vale in Domino. Ex Roma die xij. Augusti MDXXXVII.

129. From Reginald Pole, 21 August 1537[473]

Etsi quoties ad statum Angliæ respicio, idest ad eos, qui nunc potiuntur rerum (quos video, ita odiosos esse omni generi hominum propter continuas suorum cædes, & spolia Ecclesiarum ac fidem nulli servatam, ut nihil infirmius eorum statu esse possit, modo esset qui vel paulum impelleret, quod diutius deesse non posse, & propter vicinum novis, & justis de causis maxime inimicum, & transfugatorum numerum, qui apud eum sunt, maxime mihi persuadeo) ægro certe animo, quoties hæc cogito, hinc divellor, ubi in tempore ad omnes occasiones pro utilitate Ecclesiæ, si quid acciderit, videor adesse posse; tamen cum Vicarius ejus, qui Dominus est, & Sponsus Ecclesiæ, ac omnia ad ejus utilitatem, etiam quæ damnosissima videntur, dispensat, me jubet redire, libentius nunc quidem ejus imperio, quam meæ voluntati pareo, sciens supra omne sacrificium gratam illi esse obedientiam. Quare nunc promptissimo animo venio, quamquam adversariorum malitia securitatem itineris valde suspectam facit; de quorum conatibus sæpius sum admonitus. Sed hic vero Illustrissimus, & Reverendissimus Leodiensis, qui ultra omnem spem jam aliquot menses nos ita fovit, ut quamquam ex ipsius verbis omnia magna expectare potuerim, nunquam tamen tantam humanitatem, tantam munificentiam expectaverim, vere enim hoc tempore, quo hic fimus, & maxime in discessu plusquam Regia liberalitate erga nos est usus; hic, inquam, quicquid excogitari poterit, ut omnes laqueos effugiamus, maxime post Christum, ut spero, providebit, qui jam triduum de via ex itineris ducibus consultavit, dum singula circumspicit, quæ cadere possint, & omnibus periculis occurrere studet, tantæ illi curæ est, ut incolumes evadamus: quod Christo præcipue duce futurum spero. Cras autem, illo concedente, nos viæ committemus. Te nunc, & communem Patronum si videre liceat, patriam, & propinquos omnes videbor recuperasse; ad vos enim omnia, quæ hac in parte delectare possint, videntur esse translata. Christus te conservet. Leodii xxj. Augusti MDXXXVII.

130. From Ercole Gonzaga, 29 August 1537[474]

Se V. S. Rma haverà intesa la falsità che di nuovo ha commessa quel frate Giovan Battista Ferrigno da Salerno, onde è fuggito dalle mani del bargello, non so come, si sarà pur chiarita quanto indegnamente il Rev. vescovo Aprutino[475] veniva travagliato et torteggiato da colui per vigore di certi brevi imeptrati col mexo delle sue tristitie. hora il vescovo desiderarebbe che essendo chiara la malignità et sceleratezza dell’uno, et la bontà et innocenza dell’altro, si rivocassero detti brevi com’è conveniente et honesto. però supplico V. S. Rma con tutto l’animo che si degni interporre l’autorità sua, acciochè ‘l disiderio del vescovo, qual è ragionevolissimo et santo, sia adempiuto, che da lei lo riconoscerò per gratia singolare, alla quale humilmente mi raccommando di cuore. Di Mantova il 29 d’agosto del 37.

131. From Ercole Gonzaga, 1 September 1537[476]

Se l’humanità et cortesia di V. S. Rma non fosse, com’è, infinita, non saprei mai cominciare a scusare tanta negligenza quanta è stata la mia in rispondere alla lettera sua, che già duo mesi hebbi colla risposta ch’ella fece al trattato delle pensioni prodotto dal Rmo Santiquattro.[477] ma confidato della benignità sua, mi scusarò prima sopra il caldo, che qui per alcuni giorni è stato eccessivo; poi sopra l’andata mia a Brescia, dove con dolce et continua ricordatione di V. S. Rma mi ho goduto il nostro monsignor Rmo Cornaro;[478] sono stato ancho a visitare la mia abbatia d’Acquanegra[479] et ho havuti alcuni altri negocii, li quali non ricordo già, perché con essi reputi di potermi scusare a bastanza, ma più tosto per pregarla che si degni accettarli per buoni et sufficienti. Domani parto per Ferrara, dove starò quindici o venti giorni a solazzo; et volendo in questa mia partita dare ricapito ad ogni cosa, ho trovato che son debitore a V. S. Rma di questa risposta, che altramente Dio sa come fosse andata. le dico adunque ch’el trattato sopradetto m’è sommamente piaciuto, parendomi che ella habbia detto tutto quello che si può dire in tal materia, et quanto più lo leggo, tanto più mi finisce di satisfare. così gliene bacio mille volte le mani et la supplico che non voglia restare perciò di scrivermi et mandarmi delle cose sue, perchè il fastidio che ho havuto di non mi sapere scusare a questa volta, sarà cagione che mi guarderò per l’avenire d’essere negligente con lei, alla quali di cuore mi raccommando. Di Mantova il primo di settembre del 37.

132. From Reginald Pole, 30 September 1537[480]

Prius Tridentum ipse perveneram (quam Urbem nosti in conspectu pene Italiæ esse) antequam mihi redderentur illæ litteræ Rev. Protonotarii, in quibus verbis S.D.N. significabat, integrum meo judicio relinqui, sive hybernare vellem in provincia Leodiensi, sive ad Urbem redire. Sed quod non integrum fuerit aliter facere, quam quod facio, quodque necessario ad Urbem mihi properandum fuerit, locus ipse, ubi me illæ litteræ offenderunt, satis declarat. Agnosco vero utrobique summam S.D.N. in me benignitatem, & in Dei causam perpetuum zelum, quem, & priores litteræ, quæ me revocarunt, maxime ostendunt, & posteriores, quæ hoc idem judicio meo permittunt, magis explicant; tuæ vero litteræ in eandem sententiam scriptæ, maxime. Quibus hoc tantum nunc respondere possum, iudicium meum tale esse, ut optime cecidisse existimem, quod evenit, idest ut non prius illas litteras haberem, quam prioribus parvissem, Deique voluntatem esse, ut ad vos redirem, quod spero intra paucos dies futurum; has enim litteras Bovolonæ in Villa Rev. Veronensis scripsi, quæ non longe ab Hostilia oppido Agri Mantuani in ripa Padi posito distat, quo nos cras cogitamus, ut inde Ferrariam secundo Pado navigemus, & post eodem flumine usque Ravennam; hoc enim, & ad facilitatem itineris maxime confert, &, cum nos Loretum cogitemus, illa via maxima compendiosa videtur. Rev. Veronensis Ferrariæ nos relinquet, si tali verbo uti licet, ut relinqui nos dicamus ab illo, qui, ut præsens consilio, amore, omni genere officiorum nos prosequi numquam cessavit, sic multo magis discedentes, adjunctis etiam liberalitatis suæ pignoribus, in quem ego potius liberalis esse deberem. Sed hoc cum Deus dederit, nunc abstulisse videtur, ut aliorum liberalitati locum patefaciat: sed hæc nunc ejus liberalitas sempre eum præsentem mecum futurum, nec unquam ab eo relinqui posse, maxime ostendit. Veronæ mihi jucundissimum accidit, quod Illustres Thomam fratrem tuum, & Matthaeum Dandulum, sororis tuæ virum, sum amplexus, qui mei salutandi causa, statim ut de meo adventu audierunt, eo advolarunt, haud alio, mihi crede, genere gaudii illos amplexans animum mihi profundi sentiebam, quam quo solebam perfundi parentes, & propinquos ex longo intervallo videns, quos in horum similies Deus transtulisse videtur. Priolus noster alter Achates a latere nusquam discedit. Reliqua coram, ut spero, brevi. Christus te servet. Pridie Kal. Octobr. MDXXXVII.

133. To Ercole Gonzaga from Ronciglione, 1 October 1537[481]

Ritrovandomi l’altro giorno a Neppi[482] a sollazzo cum Nostro Signore, recevi le letere di V. S. Rma date a Ferrara alli 9 over 19 del preterito. mi è stato gratissimo che la si era per partire de lì molto contento per le amorevoli tratamenti fateli da quello Illmo duca,[483] con il quale che il habia facto per mio nome quel officio che io la pregai, la ringratio sommamente. mi è stato etiam di singulare apiacere l’havere inteso che a Sua Excellentia si stato cusì grato come V. S. mi scriva.

Della partita da nui del Rev. episcopo da Fano[484] devemo certamente dolersi tuti, perchè havemo perso un grande homo. ho detto a Nostro Signore la morte sua et del possesso preso da V. S. Illma per vigore del suo regresso. Sua Santità ha habuto despiacere grande della morte di quello buono episcopo. quanto al regresso di V. S., mi dimandò se la lo haveva; et dettoli da me che la lo haveva, non mi toccò altro, nè del possesso preso non mi disse altro nè io li feci altra rechiesta, parendomi non vedere in Sua Santità una minima scintilla di difficultà over titubatione, sichè son certissimo non bisognerà fare altro officio. quanto al pensiero il quale V. S. mi ha communicato circa quello episcopato, in verità a me piace assai. pur quando io habia licentia da lei, voria communicarlo cum il maistro del sacro pallazzo,[485] il quale per essere frate di quel ordine, della istessa patria, forse mi potria dire qualche particulare che nui non sapemo. ma a me, per quel che posso vedere, pare che l’habia ben pensato. della pensione etiam da essere constituita ad uno fratello dello episcopo, laudo grandemente.

Come V. S. Rma haverà inteso, la nostra inclita republicana Signoria ha resoluto de compiacere della terra de Vincentia[486] a Nostro Signore per fare il concilio. l’oratore[487] qua in viaggio fecer la expositione a Sua Beatitudine, la quale ha habuto un extremo apiacere et è in opinione di prolongare il concilio a kalende di genaro a partirsi fra pocci giorni da Roma per Bologna. pur per molte cagione credo si risolverà di alongarlo un pocco più. giovedì sera seremo a Roma per fare la resolutione in consistorio. intendemo che questa nova andata a Roma ha fato un gran tumulto apresso ogniuno.

Spero in Dio che la terra de Vicentia serà di vicotria contra tuti li inimici di Christo et di restauratione della sua chiesia santa.

Io son facto valente homo: cantai la messa del spirito sancto in san Pietro per questa sanctissima lega. V. S. mi ritroverà fra li provecti nè haverà cagione di ridere alle mie messe. Audentes Deus ipse juvat! il nostro Rmo Polo era gionto ad Hispruch alli 13 del preterito.[488] spero che V. S. l’haverà veduto prima di me, e io spero di vederlo presto cum grandissimo contento. bene vale in domino. Da Rocilgion a dì primo di otobre.

134. To Ercole Gonzaga from Rome, 10 October 1537[489]

Io scrissi a V. S. Rma in resposta delle sue quanto mi occorreva circa lo episcopo di Phano.[490] hoggi mi è stato a ritrovare lo episcopo Thelesino,[491] familiare del Rmo Caesarino[492] e di patria Anchonitano, et è amico mio fino al tempo che io era oratore presso Caesare. mi ha pregato che, volendo esso vivere da episcopo nella sua diocesse nè possendo farlo per molti necessarii respecti, immo più presto per molti evidentissimi impedimenti, li quali non narrerò a V. S. Rma per non esserli molesto, e sapendo che il regresso di questo episcopato di Phano era in lei, sapendo etiam che la non era per tenirlo in nome suo, devesse io prendere il carico di ricomandarlo a V. S., offerendosi di cuore quel carico di pensione per quelli servitori sui, li quali essa volesse, il quale paresse etiam ad essa, perchè lui non faceva conto di altro se non di vivere lì apresso la usa patria nel officio di episcopo. Io li risposi che anchorachè sapesse V. S. havere facto già molto altro pensiero, pur che io li scriveria, non possendoli mancare per l’amicitia vechia la quale io hom cum esso lui. V. S. Rma credo che lo cognosca, perchè habita suo vicino. a me è parso sempre homo da bene, anchorachè non habia gran letere. Io ho facto l’officio del amico, il spirito sancto inspiri V. S. a fare l’honore de Dio et il bene di quella chiesia.

Hebbi le letere di V. S. insieme cum lo exemplo delle lettere della Excellentia del duca scrite a Nostro Signore circa il pagamento delle decime del clero. luni parlai in consistorio a Rmo Gianuci.[493] parse a Sua Signoria il melgio che, sencia dare noia a Nostro Signore, che ne ragionassemo cum il camerlengo[494] e per suo mezo, si fusse possibile, expedissemo il negotio. cusì li parlassemo a ritrovassimo Sua Signoria dispositissima; pur disse che ne parleria cum il thesaurario. messer Nino[495] poi mi ha detto che si dubita che la lettera del duca sii stata data al papa et che Sua Beatitudine non habia facto scrivere lei. die[496] informarsi et parlarmi. poi non si mancherà un punto al debito.

Del concilio V. S. Rma haverà saputo che in consistorio si deliberò di fare la prorogatione fina alle kalende di magio in el loco de Vincentia concesso dalla Illma Signoria de Venetia. La partita nostra de qui non è risoluta; pur credo che faremo qui la invernata fino a martio. Io son ritornato in pallazzo e vivo secundo il solito. Desidero, se lei non posso, almeno vedere sue letere spese et intedere delli studii et vita sua. nec plura. la prego che si degni ricomandarmi alla Excellentia di Madama et del duca. bene vale in domino. Da Roma alli 10 octobre 1537.

135. From Ercole Gonzaga, 15 October 1537[497]

Di gran contento m’è stato intendere che V. Rma S. aprobi la ellettione fatta da me della persona di fra Pietro[498] al vescovado di Fano, cusì nostro signore Dio ne sia sempre lodato. quanto al parlare de fatti di lui al mastro di sacro palazzo non mi sarebbe dispiaciuto, se non fusse stato che, essendo qui il nostro monsignore di Verona et communicandogli il pensiero mio, sopragionse la di V. Rma S., la qual ci fece risolver di non tardare più per ongi cos che potesse accadere et anco per maggiore sgravezza dela conscienza mia. cusì io parlai al frate, il quale si maravigliò tanto di questa cosa quanto di alcuna io gli havessi potuto proporre, et volle tempo di pensarvi et consultarsi. Finalmentem anchorachè non sii bene del tutto risoluto, penso che non resisterà al spirito. non fu mai fatta resignatione più libera di questa et più santa. perchè nè io mi sono mosso per alcun rispetto humano a farla, nè lui ne ha mai saputa cosa alcuna, onde o con parole o con cenni habbi potuto mostrare ambitione di simil cosa. et non havendo altro che me le dire, me raccommando in sua buona gratia. Di Mantova il 15 di ottobre del 37.

136. From Ercole Gonzaga, 17 October 1537[499]

Per la lettera delli 14, che di mia mano scrissi a V. S. Rma, haverà veduta la risolutione ch’io haveva fatta di dare il vescovato di Fato a frate Pietro Bertano, lettore qui in san Domenico. per le ragioni che in essa mia si contenevano hora le aviso havere messo il disegno in effetto, come da messer Gurone, fratello del padre, che viene costà per la speditione, potrà intendere mi. resta adunque solo di supplicare a V. S. Rma che si degni per amore mio, bisognando, coll’autorità sua favorire et aiutare la cosa, sichè habbia il fine da me desiderato. che non mi potrebbe per hora fare maggiore et più segnalata gratia di questa; et a lei con tutto l’animo humilmente mi raccommando. Di Mantova il 17 d’ottobre del 37.

137. From Ercole Gonzaga, 19 October 1537[500]

In questo ponto ho havuta la di V. Rma S. di 10 di questo, la qual contiene la raccommandatione del vescovo Thelesino, il qual haverebbe desiderato di permutare meco la chiesa sua in la mia di Fano. io respondendo dico a quella di havere già deliberato di darla a frate Pietro di Modena, sicom V. Rma S. intenderà per una altra mia della data di hieri, et havendo già fatta questa deliberatione secondo la conscienza mia et quello che m’è stato spirato da Dio, non la posso mutare nè voglio manco. però quella mi scuserà col detto vescovo, offerendomi in quello che possi in servigio suo nel resto et perchè havevo scritto a questi dì a V. Rma S. di voler mettere pensione della terza parte de frutti sopra a detta chiesa di Fano in favore d’un delli fratelli del vescovo morto, hora le faccio sapere come io sono avisato dal Beccadello et mio solicatadore, che sono quivi in Fano, che la chiesa non vale più di 500 scudi l’anno per lo ordinario. onde gravandosi di quella pensione, colla spesa che ha di vicario, fattore et simile sorte d’huomini, la qual ascende almeno a cento et cinquanta scudi, oltra la fabrica che bisogna far nella capella grande, che fu buttata in terra dal vescovo morto per rifarla più grande et capace, non restarebbe quasi niente al vescovo onde potesse fare il debito suo. però mi sono risoluto di non agravare detta chiesa di nisuna pensione, et vederò di ritrovare verso di satisfare al predetto fratello del vescovo col mezzo di qualche pensione nella diocese mia di Tarrazona,[501] over bisognarà anco il favor di V. Rma S. per non chi havere l’indulto sopra. ma una altra volta farò intendere a quella l’animo mio più lungamente: fra tanto me le raccommando in gratia insieme col Rmo Theatino. Di Mantova il 19 di ottobre del 37.

138. To Ercole Gonzaga from Rome, 31 October 1537[502]

Hebbi li giorni passati la leter di V. S. Rma et Illma, per la quale la mi avisava essersi risolta della ellectione dello episcopo di Fano, della quale per avanti la mi haveva scritto cum ordine che io non ne parlasse ad alcuno. alla quale sua letera non ho prima che hora risposto, per essere stato un poco suspeso, se io li devesse scrivere un certo mio pensiero, venutomi in mente dopoichè io risposi alle prime letere di V. S.; et certo io inclinava più presto a tacere che scrivere; pur essendomi pervenuto a l’orecchie, non già da messer Nino, ma da altri, che Nostro Signore haveva fatto intendere a V. S. Rma che per questa volta la sii contenta lassare disponere a Sua Beatitudine di quel episcopato, il che intendendo etiam monsignore Rmo Polo a messer Aluixe di Priuli nostro. Sono stati risolutamente del parere et pensiero mio novo et mi hanno impulso a scriverlo omnino a V. S., sichè io li dirò liberamente tuto il mio discorso. a me pare che V. S. Rma in el collocare questo episcopato deve advertire di darlo a persona nella quale sii prima satisfacto a l’honor de Dio et al bisogno di quella cità: dopo che, quanto si puole, si satisfaci etiam alla famiglia dello episcopo morto et di quel primo, il quale lo commise a la fede di V. S. solamente per rispecto della sua familgia. per tanto ho pensato, se paresse a V. S. hora che ha inteso il motivo di Nostro Signore, di collocarlo in la persona di messer Lodovico Becatello mio secretario, la saria provisione per la quale si satisfaria in ogni parte ad ongi cosa, et più che pare questo medesimo al Rmo Polo et Priuli. messer Lodovico in verità è dotato di letere, di una bontà et religione certamente più che singulare (mihi crede). nè in questo officio se lasseria superare da qualunque altro bono episcopo che si trovi hora; è poi padre et più che padre di tuta quella famiglia, la quale tanto ama quanto io non saperei explicarli. lo episcopo defunto per suo testamento li ha lasciato il governo di la sua famelgia, lo ha pregato che soliciti apresso il suo successore che alcune bone opere incomminciate per esso in Phano si recuano a perfectione. però per tute queste ragione pareria che V. S. Rma, et a Nostro Signore, ponendovi uno subdito della chiesia di tanta bontà per satisfare ad ongi parte del debito di V. S. et maxime per ponerlo nella famiglia del primo episcopo. credo certo che V. S. adduria ragione alla quale Sua Santità rimaneria satisfacta. nui etiam de qui non mancheremo cum Sua Beatitudine al debito offico. due difficultà vi restano: una di persuadere a messer Lodovico che prendi questo carico, il quale pensa ogni altra cosa che questa, et si non fusse l’amore di quella familgia, io crederia che questa difficultà fusse molto grande; pur spero che si lascierà conselgiare. l’altra è persuadere a me stesso che io mi privi di cusì suave e dolce compagnia; e in vero, per confessare a V. S. il vero, questo mi ponge il core, ma caritas negligit que sua sunt!

Ho facto questo discorso a V. S. Illma per satisfare alla conscientia mia et al parere del Rmo Polo et Priuli nostro, homeni cusì prudenti et boni, come sa V. S. la bontà divina la facia risolvere secundo la sua voluntà, et la conservi in sua gratia. Da Roma a dì ultimo d’ottobre.

139. From Ercole Gonzaga, 3 November 1537[503]

V. S. Rma sa la provisione che ho fatta del vescovato di Fano nel padre lettore qui di san Domenico, et le ragioni che m’hanno indotto a farla. hora Nostro Signore m’ha fatto scrivere per messer Nino che disiderarebbe di disponerne ella a modo suo et darmi in contracambio un altro vescovato; ma perchè non mi piacquero mai simil pratiche de benefici, gli ho in risposta commesso che supplichi a Sua Santità che si degni d’approbare et admettere questa provisione fattane da me, sicome santa et buona et che non potrebbe essere la migliore, perchè certo non saprei in questo come meglio satisfare alla conscienza mia di quello ch’io habbia fatto. et perchè potrebbe essere facilmente che Sua Beatitudine si fosse talmente fermata su questo suo disiderio che a farnela levare vi fosse bisogno di persona di maggiore autorità che non è il detto messer Nino, ne ho voluto scrivere a V. S. Rma, pregandola efficacissimamente che con tutti quei modi et mezi che giudicherà opportuni, voglia operare con Sua Santità di maniera che resti contenta di quello che per isgravamento dell’anima mia ho fatto, et tanto più volentieri quanto suole sempre abbrazzare et diffendere le opere buone; perchè a dirlo a V. S. Rma liberamente come si deve, quando la vedessi pure talmente volta a questo che per modo alcuno non volesse che la dispositione nel detto padre havesse effetto, io mi risolverei di tenerlo per me et crederei di poterlo fare con buona conscienza, poichè da Sua Beatitudine mi fosse impedito di darlo a quella persona che sola per la bontà et sceinza sua mìè paruta degna di’haverlo:[504] sichè di gratia V. S. Rma non vi manchi bisognando, che non mi potrebbe fare il maggior piacere et più grato di questo, et a lei con tutto l’animo mi raccommando. Di Mantova il 3 di novembre del 37.

140. From Francesco Cornelio, 6 November 1537[505]

Molti giorni, & mesi sono, che non ha scritto a V. S. Rma, & questo principalmente per non molestarla, & occuparla in legger cosa di poco momento, & poi anche perche ero risoluto di venir a Roma, & già havea dato ordine alle cose mie, volendo partirmi al principio di Ottobre; ma la deliberatione fatta nel Senato di conceder la Città di Vicenza a N.Sig. per il celebrar del Concilio mi ha ritardato, sapendo il gran desiderio che ha S. Santità di farlo, come per le cose passate se n’ha potuto veder la experientia; & hora che si ha saputo l’haver accetata quella Città, & il tempo determinato per detto Concilio, mi è parso meglio l’expectar di qui; che in sì poco tempo converia andar, & ritornar da Roma: il che ho deliberato poi che ho inteso essermi stata data bona licentia da S. Santità, ricercatala in nome mio per il Rmo Pisani.

La causa che mi facea venir a Roma principalmente era, che stante la Lega fatta con S. Santità, & Cesare contra il Turco, ogni giorno si havesse a ragionare in Concistorio, & privatamente con S. Santità in tal materia, che parendomi intenderne assai bene per la lunga experientia ch’ho havuta, tenea esser debito mio il ritrovarmi per poter non solamente esprimer il mio concetto con la lingua, ma nelli bisogni esponer la propria persona a ogni pericolo in servitio di S. Santità, & della Fede di Christo. Successe il levar dell’assedio da Corfù con mio gran piacere, ch’ha tolto per qualche tempo l’occasione di ragionar così frequente in tal materia, & poi la risolution del Concilio, come ho detto, che mi ha fatto ritardar di quì. Però quando venghi in proposito a V. S. Reverendiss. nelli ragionamenti con N.S. occorrendo Cruciata, o altra simil occasione, offerirli la persona mia, restarò obligatissimo dell’offico che farà V. S. Rma, & accettarò ogni carico mi sarà dato da S. Santità, senza alcun rispetto del comodo mio: parendomi esser obligato di far molto più in servitio della Fede di Christo, & in ogni caso sarò sempre obedientissimo a S. Santità, come è debito mio, & bon servitore.

Dopo la mia partita da Roma non mi ho potuto riaver mia tanto, ch’io possi caminare come facevo, ancor ch’io habbia fatto dieta assai, & tolto molte purgationi; & ultimamente l’acqua del legno, che pur ne spero qualch’ utile, che il nostro Signore Dio lo permetti; & quando nò, acquietarò l’animo, & mi conformarò con la sua volontà, sopportando ogni cosa patientemente.

Qui si è detto, che Nostro Sig. desidera poner questo Concilio persone qualificate di dottrina, judicio, & bona vita, & fa diligente inquisitione di tali, che meritano la gratia di S. Santità. Essendo questo vero, ho voluto ridur a memoria di V. S. Rma il nostro M.r Augustino, il quale & per dottrina, & boni costumi, penso li siano pochi che possino esser preferiti. Però quando li pari a proposito parlarne con S. Santità, io credo che ‘l saria homo utile, & di gran beneficio a quel ch’hora si dee trattar nel Concilio. Ben è vero che lui non ha bisogno di dignità Episcopale senza la comodità di viver, perche hora nel stato che si trova può scorrer honestamente, & accrescendo la dignità senza il modo di conservarla, saria un viver in miseria, & in povertà. Però il tutto rimetto al prudentissimo judicio di V. S. Rma, la qual molto ben conosce detta M.r Augustino, ch’è suo affettionato servitore. Quando anche paresse a V. S. Reverendiss. che qualch’altro di quelli miei Signori Reverendiss. facesse insieme questo medemo officio, lei sarà contena farmene dar aviso, acciò non si manchi di ajutarlo. Et in bona gratia di V. S. Reverendiss. raccomandandomi le bacio riverentemente le mani. Di Brescia alli VI. di Novembre del MDXXXVII.

141. From Marcantonio Flaminio, 11 November 1537[506]

Rmo S.or mio ossermo. Ms. Hieronimo Cesana cittadino di Serravalle è homo di ottimo ingegno et dottore excellente et lungamente versato nel foro, et è homo di costumi gentilissimi et molto religioso, le quali conditioni fa che io lo amo come fratello, et a queste cause si aggiunge che siamo allevati et cresciuti insieme, et nella lunga absentia da Serravalle esso ha sempre havuto più cura delle cose mie che non harrei havuto io medemo, et tuttavia non cessa di adoprarsi in tutte le mie occurrentie. Io, per contro, lo ho sempre amato con tutto il core, ma non ho havuto mai occasione di mostrarli in fatti questa mia benevolentia et gratitudine di animo. Hora è venuta questa occasione, perché esso desidera di scrivere il clarissimo signor Ms. M. Antonio Contarini[507] nella pretura di Padoa, et si confida che potrà conseguire questo suo desiderio col favore di V. S. reverendissima, se io di ciò la supplico. Per il che prego quella humilmente che si degni darmi questo contento, che questo mio carissimo fratello habbia questo honore con la mia intercessione, che certamente non potrei haver più grata nova di questa. Esso si contenta di haver l’officio delle vittuarie, non possendo esser giudice del maleficio, et quando questi doi officii fossero già dati, accetterà l’officio dell’aquila[508], benché questo sia di pochissima utilità et tenuissimo. Sì che V. S. reverendissima si degnerà instare per uno delli altri doi. Et perché quella si degna di amarmi et havermi fra li suoi servitori, non mi esternderò in pregarla, tendendo per fermo ch’ella si contenterà di operare che io habbia questo contento, il quale in vero serà grandissimo.

Ion sono in Sessa con Ms. Galeazzo,[509] né penso di partimi per questo inverno. A V. S. reverendissima humilmente baso la mano. In Sessa. Alli XI di novembre del XXXVII. Di vostra S.ria Revma humillimo servitor Marcantonio Flaminio.

142. To Ercole Gonzaga from Rome, 22 November 1537[510]

Rmo et illumo Signor mio osservmo Io non volgio negare che le letere di Vostra Sa Rma date alli X del presente mese non mi habiano apportato qualche molestia di animo, vedendo da esse che l’haveva preso non piccola perturbatione per quello che io li scrissi de M. Lodovico Becatello[511] per lo episcopato di Fano. Nientedimeno molto magiore è stato lo apiacere che il despiacere, il quale io ho da esse havuto: prima perchè io ho conosciuto che l’opinione mia di non scriverli era melgiore di quella di coloro li quali mossi da buon zelo, non solamente mi exortorono, ma mi sforzorono a scrivere quel che io li scrissi. Io veramente mosso da certa ragione la quale dirà poi a bocca a Va Sa Rma, – nè mi pare hora di ponerla in letere- ma più per non parere pertinace ne l’opinione et iudicio mio, volsiciedere alla loro instantia. Hora mò per la reuscita essi, insieme cum me, habiamo cognosciuto che melgio era seguire il parere mio che il loro, onde ne ho preso apiacere.

Doppo questa una altra magiore causa mi pare essermi data di apiacere, adherendomi allo appetito che seguita la ragione, perché, confesandoli ingenuamente il vero, forsi la magiore adversaria che io habia in questo mondo è la bona opinione, che hanno di me li mei amici patroni, fra li quali Vostra Sa è precipua, da li quali disseminato poi nelli altri mi dà occasione spesse fiate di creder di medesmo più al detto di altrui et alli loro ochi, che ai mei – Certamente io mi vegio molto diverso et molto più basso di quello che qualche fiata odo da altrui che a me, onde ne adviene che io lasso da canto la humilità et mi accosto al contrario suo, del quale non potria essere a nui, al bene nostro, al studio nostro il magior veneno. V. S. Rma intende benissimo che la protectione di uno christiano è la carità, la quale è il dono grandissimo datone da Dio, quae diffunditur in cordibus nostris per spiritum sanctum qui datus est nobis. Nè cosa alcuna è che più della humilità generi, augumenti et conservi lo influzo da dio in nui procedente in la infusione della carità. Beati veramente sono coloro li quali senteno bassamente di sè medesimi. Questa conclusione si provarebbe per ragione efficacissime come ben sa Va Sa

Ma lasciate le ragioni, vegiamo quello che ne dice la Scritura, in la quale non c’è altro che verità. Deus humilia respicit et alta a longe cognoscit. Custodiens parvulos dominus. Humiliatus sum et liberavit me. Superbis resistit, humilibus dat gratiam. Nisi efficiamini sicuti parvuli non intrabitis in regum coelorum … et infiniti altri loci. Sì che per ritornare dove lasciai, che Va Sa Rma minuisca l’opinione la quale ha di me (purchè non minuisca l’amore, perochè questo mi seria da dovero molesto) mi è cosa tanto utile et di tanto contento, secundo l’appetito della ragione, che io non la saperia explicare, et cusì prego che la facia, et cusì dica a tutti di me, perchè la dirà più il vero che prjma, et a me farà grandissima utilità. Ben li toccarò due parte comprese nelle sue letere, delle quale la prima tocca a me, la secunda a M. Lodovico Beccatello, nelle quale certamente Va Sa Rma prende errore: io veramente nè hebbi scritto, nè ho havuto intentio di scriverli,che M. Lodovico Beccatello havesse lo episcopato di Fano in deposito, per rinonciarlo poi ad uno delli fratelli dello episcopo defuncto, perchè certamente come dice V. Sa io ho sempre aborito et aborisco più che mai simili abusi, ma io intendevo che M. Lodovico havesse modo di sustentare et nutrire la familgia di quello sancto episcopo, la quale io intendeva per la partialità et seditione essere ruinata a Pistogia, et che tutta si fondava sopra lo episcopo defunto. Questo fu il mio pensiero, et non deposito alcuno dello episcopato, et cusì è in verità.

La parte che tocca a M. Lodovico mi dà ben certamente grande molestia perchè io vegio il povero homo, sencia colpa alcuna, inscio usque ad hanc horam et cusì serà in futurum per me, di tutto questo officio et pensiero facto dalli amici dello episcopo et sui, havere apresso Va Sa Rma perso molto del credito che haveva dalla bontà sua, la quale Dio volesse che in me cognoscesse essere tanta et tale quale cognosco in lui, et si li homini del mondo non la cognosse, ben la cognosse Idio. Però la prego cum ogni instantia che la depongi questo sinistro judicio suo, per che in verità la se ingana, et pecca facendo iniuria et iniustitia verso il suo prossimo, nè si persuadi che io mi inganni et che per simplicità sii seducto, per che io so bene che non me ingano, et mi pare ptoere cusì certametne, over pocco meno, dire questo de lui quanto si parlassi di me. Per tanto la prego che non li resti punto di suspicione de M. Lodovico et per discarico della conscientia sua et per non fare iniuria a questo homo da bene.

L’ultima parte della letera di Va Sa Rma io non l’ho detta a M. Lodovico, nè ho voluto dimandare el parere suo, perchè essendo mio secretario il non monstrarli la letere di Va Sa li seria cosa nuova, nè per alcuno modo volgio mostrarla, però la prego che per una sua leterina a parte la mi volgi replicare lo istesso et io le risponderò al hora, nè il tempo molto ne stringe.

De novo qui non c’è cosa alcuna di momento, le nove si expectano da Lombardia. In verità mi dubito che Dio sia irato contra di nui et del popolo christiano, et vole afligerlo per il mezo de questi fui principi. Hora è venuto nova che il Rmo di Siena[512] è morto, et cusì se ne andiamo ad uno ad uno, nè pare però che sii il facto nostro, overo che apartenga a noi. La bontà divina si degni di aprire li ochi et le orechie nostre, sì che non siamo renitenti al suo limpidissimo lume, nè sordi alla sua efficassima et terribile ma amorevolissima voce. Bene valeat in domino illuma dominatio vestra cui me humiliter commendo.

Il R.do episcopo di Verona mi ha facto grande instantia che io li mandassi quel libro de conciliis, lo quale scrissi al papa. Io li l’ho mandato con ordine che subito lo mandi a Va Sa, la quale prego che lo tenga presso di sè, nè lo mostri ad altri. Iterum vale. Da Roma alli 22 di novembre 1537. Humilis servitor Gas. Carlis Contarenus.

143. From Francesco Corner, 27 December 1537[513]

Per la sua di XIII. ho voluto quanto benignamente V. S. Rma mi scrive l’officio fatto con Nostro Signore in la materia, che per avanti li scrissi, di offerirmi a S. Santità in ogno occorrentia a servitio della Fede in Christo in questa impresa Turchesca, & che Sua Santità l’ha ricevuta, & accettata non bonissimo animo, ringratiandomi &c. al che non ho a dir altro, se non infinitamente ringratiare V. S. Reverendiss., che aspettata la occasione habbia fatto per me così amorevole officio. A me basta che S. Santità sappi il bon animo mio in servitio della Repubblica Christiana, & di S. Santità. Lei poi con la sua prudentia governarà la cosa come meglio li parerà, & io ne restarò ben satisfatto. Quanto a M.r Augustino, come scrissi per l’altra mia, egli non ha bisogno di apparentia, ma dello effetto: però non pigliaria l’habito Episcopale senza il modo di poter vivere, parendoli poter star molto meglio in questo habito quel poco che tiene, che in lo Epsicopale in povertate, & miseria.

Con molta mia satisfatione ho inteso il ben esser di V. S. Reverendiss. & quanto la si habbi assuefatta al viver Clericale. Spero che’l Nostro Signore Dio l’augmentarà, & l’accrescerà di giorno in giorno. Io sto in aspettatione d’intender la risolutione, che haverà fatta N.Sig. dopo le Feste del suo venir di quì, il che non credo possi mancare: altrimente saria forzato alla quadragesima venir di là, parendomi hormai esser stato pur troppo fora della Corte.

Per l’altra di XIV. ho veduto l’officio fatto da V. S. Reverendiss. con Nostro Sig. circa il Clericato vacato per la morte del mio Servitore, del che la ringratio sommamente, & certo Nostro Sig. mi fa torto in derogare l’Indulto, & far quello ch’altro Pontefice non ha mai fatto. Pur S. Santità è Signore, & patron del tutto, & faccia quanto li piace, che tutto sarà ben fatto. Quanto a F. Gioan Antonio di Sebenico, io so ben che V. S. Reverendiss. me ne parlò, & me lo raccomandò strettamente, & io li dissi, che non potevo mancare di obedirla sempre che la mi comandasse molto maggior cosa di questa: però che dopo ch’io era Arciprete non havevo anche dato alli miei beneficio alcuno, havendoli dato qualche intentione. Io spero ancora che venirà l’occasione, che si potrà satisfar in qualche parte al detto Gio. Antonio, essendo così in piacere di V. S. Reverendiss, alla quale quanto più posso mi raccomando. Et riverentemente li bacio le mani. Di Brescia alli XXVII. di Decembre del MDXXXVII.

144. From Ercole Gonzaga, 2 January 1538[514]

Ho intermesso il scrivere a V. Rma S. questi dì passati, perchè ho studiato tutta questa invernata di bonissima voglia, et sapendo che ciò facendo io servirla molto più che a scriverle, ho presa la mia solita sicurtà della amorevolezza sua. vi s’è aggiunto poi il silencio delle cose di Lombardia, il quale è cusì grande che più non si parla di arme, come se fussero in Asia.[515] et ogni animo è adrizzato collà ove hanno questi ministri delle parti a convenire. et io quanto per ragione naturale sperarei pochi nella pace; ma mi pare di vedere certi segni da quali piglio augurio che nostro signore Dio voglia fare delli effetti suoi, quando manco se sperano dalli intelletti bassi. et certo è stato molto a proposito questo giubileo, qual ha mandato Nostro Signore fuori, il qual in questa terra et diocese ha fatto cusì buon profitto a laude di Dio che io ne resto molto soncolato et me reputo molto tenuto a Sua Santità, alla qual il medesmo Dio doni grati di fare di queste opere spesso, come si conviene al debito dello grave offitio et peso che tiene, della grandezza del quale ogni dì più mi vado chiarendo dalla proportione di questa mia chiesa, la qual mi dà tanto da fare che bene si può dire: che unde et tempeste debbono essere in quel mare cusì grande, pochè un lagetto tanto piccolo fluttua di cusè mala maniera! pur con tutto ciò la Dio gratia le cose mie passano assai bene, et io mi sforzo ad essere di manco cattivo essempio, insignando per questa via alli miei diocesani parte del vivere christiano, perchè non posso con l’opera dello insegnare colla lingua et dottrina, qual non è piaciuto a Dio di darmi.

Cusì volesse la divina maestà sua che havessi intesa qualche buona risolutione circa alla incomminciata riforma, la qual era aspettata da tutti li buoni di Lombardia, ma da pochi creduta per la corruptela del vivere di quella corte, alla quale pare somma felicità ogno cosa che sia utile et disiuncta dalla honesto. piaccia a nostro signore Dio di mettere nel animo di Sua Santità a fare qualche cosa, innanzi che si dia principio al concilio, perchè non si facendo vedo quella restare in molto biasmo apresso tutto il mondo; et se pure allhora si farà qualche cosa, serà attribuita alla necessità et non alla nostra voluntà, sicome mi racordo che un giorno disse in concistorio, et non m’è parso fuoir di proposito di repplicarlo adesso alla V. S. Rma, non mi parendo più efficace argomento ad un nato gentilhuomo, come è Sua Santità et che persuada più che quello del honore et del biasmo etc. de his hactenus.

Li miei studii passano assai bene; ma non ne posso rendere conto minutamente a V. Rma S.; solamente le dico in generale che ho visto tutto il secondo libro del’anima[516] dopoi di ogni santi, al qual tempo incominciai ad udirlo di novo; et ho annotate molte cose quali mi sono parse et belle et nove nelle lettioni di messer Angelo nostro, le quale tutte si serbano al giuditio di V. Rma S., quando saremo insieme, et non vi serà altro che fare. di san Paulo, sono gionto con molte intermissioni fin all’undecimo capo et mi pare ogni dì più di intenderne manco et bon pro faccia a quelli messeri Romani, alli quali quella madama Phepe[517] portà la epistola scritta loro. vi so dire che ne dovevano intendere assai, poichè in tanti centinara christiani ogni santo vi ha scritto sopra, et a faticha con tutto ciò se ne penetra una particella. certo, monsignore mio, io non ho mai ritrovata cosa che mi faccia maggiore difficultà di quella santa epistola, et Aristolete a parragon suo mi pare una cianza. pure fra Pietro nostro s’affaticha voluntieri in sollevar la incapacità et pocho spirito mio et mi satisfa assai. hoggi o dimani ritornarò alli studii, quali mi è stato forza di intermettere per le capelle di queste feste et in giubileo qual ho preso.

Io, quanto alle cose del concilo, sono d’opinione che, seguendo la pace, possi essere che si muti il luogo di Vincenza, la qual per essere molto piccola non è dubbio che sarebbe assai incommoda a tanta brigata, che mo’ s’habbia a fare, non mi sorte dubito alcuno, facendosi la pace. et non mi pare buona opinione quella di alcuni, li quali dicono che li principi non lo voranno, perchè vi si potrebbe trattare cusì del pregiuditio delle cose loro come delle nostre. et mi movo da questa ragione che a detti prencipi debba importare più un buon concerto, che si possi fare in concilio, del modo di offendere Infideli, et massimamente al imperatore, che non desidera altro et non viene per altro effetto alla pace col re Christmo, che non può importare qualche pochi di interesse che potessere patire in detto concilio, tanto più che sempre a loro starà di accettare et non accettare quanto voranno. questa è la mia opinione scritta a V. Rma S. per comandamento suo.

Resta mo ch’ella mi manda quella sua cosaccia che dice havere fra le mani acciò me ne pigli quel piacere che a questi dì ho preso del compendio delli concilii,[518] il qual sopra modo m’è satisfatto, et io per me non so vedere per qual causa quella non voglia che si dia in mano di ognuno che desideri vederlo. il detto compendio mi fu mandato di ordine di V. Rma S. dal nostro monsignore di Verona. et qui restando mi raccommando in buona gratia di quella insieme col Rmo Polo, mio singularissimo signore, et maestro di sacro pallaccio. Di Mantova il 2 di genaro del 1538.

145. To Lattanzio Tolomei, before 19 January 1538[519]

Magnifico mio messer Lactantio, dalle vostre lettere non senza incredibile dispiacere ho inteso il tumulto et travaglio di quella nobilissima città vostra patria et da me dilectissima et sempre honorata per molte cagione; et tanto maggiore è il dolore mio perché veggio essere tumulto non di beni temporali, ma de quelli beni nelli quali sol consiste ogni nostro bene et nostra felicità. Mi aggionge dolore che io veggio questo male havere havuto occasione da uno grande bene, dal quale per la humana malignità et fraude diabolica non vi è nato quel frumento al quale è stato ordinato questo seme da Christo. Ma quello infelice lolio, il quale ha fatto la corruptione del bono seme facta dal adversario di ogni bene nostro. Perhò, mosso da uno ardore intrinseco conceputo dal dolore, non mi ho possuto contenere che, anchora che io sia occupato in diverse cose et che questa questione sia difficilima, non habbi preso le penna in mano et postomi a scrivere in tutta questa materia utilissima et difficilima quello che Dio se degnerà di dettarmi nel core, sperando nella bontà sua che per mia bocca et questa mia scritura dirò qualche cosa non di sconveniente alla sua amplitudine et grandezza incomprehensibile, et a nui utile. Ma per incominciare dalla radice di tutta questa materia, devemo advertire che la astutia del adversario nostro ha posto hora nella chiesia di Dio due parti, le quale ambe per atendere più al honore loro, et ad essere superiore del compagno, che al honore di Dio et il bene del proximo, si hanno opposto l’una a l’altra et ambe due conducono l’homo il quale non le advertisse bene in precipitio. La prima è di questi nostri li quali fanno professione di catholici et oppositi a’ luterani; et questi per difendere il libero arbitrio, non seme acorgendo, molto derogano alla gratia di Christo et tandem per studio di contradire a lutherani contradicono alli precipui dotori della Chiesa et, da la verità catholica declinando, si accostano alla heresia di Pellagio. Questi altri al incontro, dapoi che hanno letto un poco di sancto Augustino et sono un poco tenti dalle parole di quello sanctissimo homo, facti molto lontani dalla humiltà e carità di Augustino, montano sopra li pulpiti et proponono alli populi questione et dotrine difficilime, male intese dal loro et explicate poi cum sententie paradoxe; talmente che di buone seme, come più diffusamente dirà di sotto, corrotto per la loro superbia et ignorantia del populo, ne nasce non furmento, ma infelice lolio et avene sterili.

Ma, perché intendiamo meglio quello che havemo ordito, devemo prima sapere et ben notare essere sententia de tutti e philosphi e theologi christiani che la bontà e infinita grandeza divina simplicissima et summamente una di dentro della sua amplitudine contiene ogni altra sorte et natura di cause, della quali alcune sono contingenti, altre necessarie, alcune hanno il libero arbitrio, alcune sono private di esso, et altre poi sono casuali et de sua natura indeterminate et infinite; queste tutte sorti de cause sono comprese et regolate da questa prima, la quale non è di alcuna di queste nature, ma exciede tutte queste cause le quali sono determinate a certa natura, sì come havemo detto. Lo exemplo di questo potemo vedere in un regno, nel quale ci sono iudici et iustitia, ci sono questori sopra le intrate et denari publici, ci sono capitani di gente d’arme, fantarie et altre; ma sopra tutte queste potestate contracte a certa natura di facende del regno: ci è il Re, il quale non essendo né questore, né pretore, né alcuna di esse puote uscire fuori della amplitudine di questa unica et simplice potestà regia. Onde concludeno li philosophi et doctori christiani insieme che in ogni actione delli agenti et cause inferiori, in quanto [a] quello che ci è di actione et non di effecto nel actione, Dio supremo è la prima causa efficiente di quella actione, et le altre cause secunde et limitate ad una certa natura sono come instrumenti de Dio, il quale le produce cum quella sua simplice et unica actione non limitata come havemo detto, da la quale tutti li effetti perhò sono produtti secundo il modo conveniente a loro natura et per instrumento delle cause etiam inferiore conveniente a quelli effecti. Onde li effecti necessarii produce quella unica causa per mezo delle cause necessarie et necessariamente, li contingenti per mezo delle cause contingenti, li liberi per la cause libere, cusì li casuali per cause indeterminate et illimitate; esso perhò superexciede tutte queste nature, et il suo modo di causare in se medesmo considerato exciede ogni natura et è incomprehensibile dal nostro intellecto, il quale intende quel che intende per determinate spetie et nature, onde l’angustia sua non pertinge a quella amplitudine, ma solo potemo sapere che è incomprehensibile da nui.

A