Early 16th century correspondence

Witnesses and Companions along the Way

Compiled and transcribed by Br Paul Hanbridge OFM Cap

Fourth edition, formerly “A Sixteenth Century Carteggio”

Rome, 2007, 2008, Dec 2009

The birth and growth of the Capuchin Fraternity had many widwives and nurses – men and women who gave the fledgeling group their moral, political and material support. For example, Caterina Cybo is the one who successfully pressed home the petition to Pope Clement VII for the papal bull of approval for the tiny new fraternity, resulting in the promulgation of Religionis Zelus issued 3 July 1528. The interventions of Vittoria Colonna in favour of the Capuchins knew no social boundaries. And the friars found support among other contemporary reformers, such as Cardinal Gaspare Contarini and the Bishop of Verona, Gianmatteo Giberti – just to name a few.

The large volumes edited by Br Costanzo Cargnoni, I Frati Cappuccini. Documenti e testimonianze del primo secolo, (5 voll. in 6 tomi. Edizioni Frate Indovino, Perugia, 1988-1993) are remarkable for their broad scope and quantity of their contents. The historical and textual introductions for each document and section of documents render this corpus even more valuable.

The little collection here only has some letters written to, from or about Capuchins in the first two decades of their existence. This collection focuses on the relationship between the Capuchins and Italian reform up to the eve of the convocation of the Council of Trent.

A Collection of Correspondence

The Capuchin Reform and Bernardino Ochino

Letters in their original languages

Bernardo, ben potea bastarvi averne

Co’l dolce dir, ch’a voi natura infonde,

Qui dove ‘l re de’ fiume ha più chiare onde,

Acceso i cori a le sante opre eterne;

Ché se pur sono in voi pure l’interne

Voglie, e la vita al destin corrisponde,

Non uom di frale carne e d’ossa immonde,

Ma sète un voi de le schiere sperne.

Or le finte apparenze, e ‘l ballo, e ‘l suono,

Chiesti dal tempo e da l’antica usanza,

A che così da voi vietate sono?

Non fôra santità, fôra arroganza

Tôrre il libero arbitrio, il maggior dono

Che Dio ne diè ne la primera stanza.[1]

Table of Content

Introduction

The texts in this compilation have been taken from the following:

Other published texts of similar relevance may be found:

List of Correspondence

1. From a Bull of Leo X, 19 July 1519

2. Caterina Cybo to Ercole Gonzaga, 29 October 1534

3. Guidubaldo della Rovere to Ercole Gonzaga, 29 October 1534

4. Caterina Cybo to Ercole Gonzaga, 19 November 1534

5. Agostino Gonzaga (Rome) to Isabella d’Este 12 March 1535

6. Vittoria Colonna to Gasparo Contarini, August 1535 (?)

7. Letter of Carlos V to Paul III, 4 December 1535

8. Carlos V to Cardinal Campeggio, 17 January 1536

9. Vittoria Colonna to Ambrogio Recalcati, Roma, early 1536

10. Vittoria Colonna to Paul III, 29 February 1536

11. Vittoria Colonna to Contarini and the Commission of Cardinals, 1536

12. Vittoria Colonna Ambrogio Recalcati, between May and December 1536

13. Vittoria Colonna to Eleonora Gonzaga Della Rovere, 27 June 1536

14. ‘Cedula’ of Bernardino of Asti

15. Vittoria Colonna to Ercole Gonzaga, from Monte San Giovanni Campano, 22 April 1537

16. Ascanio Colonna to Ambrogio Recalcati, from Marino, 7 May 1537

17. Carlo Gualteruzzi to Vittoria Colonna, 4 June 1537

18. Vittoria Colonna to Ercole Gonzaga, 12 June 1537

19. Vittoria Colonna to A. Recalati, 8 November 1537

20. Vittoria Colonna to A. Recalati, 3 December 1537

21. Fra Martino da Treviso (OFM Conv) to Gian Pietro Carafa, 22 February 1538

22. Sworn depostion by Fra Martino da Treviso on the teaching of Fra Bartolomeo Fonzio, Venice, 22 Februay 1538

23. Vittoria Colonna to Ercole II d’Este, 26 March (1538)

24. Pietro Aretino to frate Andrea Volterano, 20 July 1538

25. Giovanni Guidiccini to Annibal Caro, August 1538

26. Sonnets of Giovanni Guidiccioni dedicated to Bernardino Ochino

27. Victoria Colonna to Paul III, 16 September 1538

28. Vittoria Colonna to Reverendo osservandissimo Padre mio

29. Vittoria Colonna to fra Bernardino Ochino (?)

30. Pietro Bembo to Vittoria Colonna, 23 February 1539

31. Pietro Bembo to Vittoria Colonna, 15 March 1539

32. Pietro Aretino to Messer Giustiano Nelli, 20 March 1539

33. Pietro Bembo to Vittoria Colonna, 4 April 1539

34. Pietro Aretino to Paul III, 21 April 1539

35. Vittoria Colonna to Ercole Gonzaga, 16 January (1540)

36. Bernardino Ochino to the Viceroy, 6 June 1540

37. Giorgio Andreassi nuntio in Venice to Alessandro Farnese, 13 August 1540

38. Bernardino Ochino to the Council of Siena, 5 September 1540

39. Bernardino Ochino to the Council of Siena, 28 September 1540

40. Giovanni Morone from Worms to Alessandro Farnese, 22 December 1540

41. Giovanni Domenico Sigibaldi to Giovanni Morone, 1 March 1541

42. Fra Eugenio De Mittis, in Milan, to Giulio Della Rovere da Milano in Venice, 6 March 1541

43. Giovanni Domenico Sigibaldi from Modena to Giovanni Morone, 4 April 1541

44. Giovanni Domenico Sigibaldi from Modena to Giovanni Morone, 21 April 1541

45. Giovanni Domenico Sigibaldi from Modena to Giovanni Morone, 22 April 1541

46. Alfonso d’Avalos d’Aquino in Milan to Paul III, 28 June 1541

47. Bonifacio Ruggeri in Rome to Ercole II at Ferrara 16 July 1541

48. Council of Siena to Bernardino Ochino, 6 November 1541

49. Paul III to Giorgio Andreassi nunzio in Venice, 21 November 1541

50. Bernardino Ochino to the Council of Siena, 22 November 1541

51. Paul III Gregorio Cortese (Congregation of Monte Cassino in Mantova), 10 December 1541

52. Bernardino Ochino to the Marchese del Vasto, 10 February 1542

53. Gasparo Contarini to Bernardino Ochino, 1 April 1542

54. Council of Siena to Bernardino Ochino, 28 April 1542

55. Council of Siena to Bernardino Ochino, 28 April 1542

56. Bernardino Ochino to the Siena Council, 20 May 1542

57. Gasparo Contarini from Bologna to Renata di Ferrara, 9 July 1542

58. Alexander Farnese to Bernardino Ochino, at Verona, 15 July 1542

59. Paul III to Bernardino Ochino, in Verona 15 July 1542

60. Paul III, Licet ab inizio, 21 July 1542

61. Bernardino Ochino from Verona to Ercole Gonzaga, 7 August 1542

62. Lattanzio Tolomei from Roma to Siena, 11 August 1542

63. Bernardino Ochino to Gian Matteo Giberti, 15 August 1542

64. Bernardino Ochino to Gian Matteo Giberti, 18 August 1542

65. Bernardino Ochino to Gian Matteo Giberti, 20 August 1542

66. Bernardino of Siena to Vittoria Colonna, 22 August 1542

67. Pietro Martire Vermigli from the Badia Fiesolana to the Canons of S. Frediano in Lucca, 24 August 1542

68. Bernardino Ochino to B.D., autumn 1542

69. Bernardino Ochino to Gian Matteo Giberti, 31 August 1542

70. Gian Matteo Giberti to the Marchese del Vasto, 11 September 1542

71. Marcantonio Flaminio to an unknown correspondent, 12 September 1542

72. Fabio Mignanelli from Venice to Alessandro Farnese, 23 September 1542

73. Gian Matteo Giberti to Fra Francesco di Calabria, Capuchin Provincial Vicar, Milan, 26 September 1542

74. Bernardino Ochino to Alessandro Farnese, 2 October 1542

75. Bishop of Cava (Tommaso Sanfelice) to Alessandro Farnese from Trent, 6 October 1542

76. Ochino’s Foreward to his book of Sermons, 10 October 1542

77. Fabio Mignanelli nunzio to Alessandro Farnese in Roma, Venice, 12 October 1542

78. The Governor of Como, Rodrigo d’Arze, to the Grand Chancellor Francesco Taverna, 12 October 1542

79. Rodrigo d’Arze from Como, to the Grand Chancellor Francesco Taverna, 12 October 1542

80. Claudio Tolomei to Bernardino Ochino, 22 October 1542

81. Rodrigo d’Arze from Como to the Grand Chancellor Francesco Taverna, 17 November 1542

82. Rodrigo d’Arze from Como to the Grand Chancellor Francesco Taverna, 18 November 1542

83. Uberto Gambara in Piacenza to Alessandro Farnese, 22 November 1542

84. Vittoria Colonna to Marcello Cervini, 4 December 1542

85. Bernardino Ochino to the Signoria di Venezia, 7 December 1542

86. Marcantonio Flaminio to Pietro Carnessechi, 1 January 1543

87. Bernardino Ochino, Pietro Vermigli and Mainardi to Gian Pietro Carafa, 1 January 1543

88. Fabio Mignanelli to Alessandro Farnese, 18 January 1543

89. Girolamo Muzio to Alessandro Farnese, 3 March 1543

90. From “catholicus quidam” in Geneva to the governor of Novara, 3 April 1543

91. Bernardino Ochino to Muzio Giustinopolitano, 7 April 1543

92. Response of Gianpietro Carafa to Ochino’s flight, 1543 (?)

93. Marcello Cervini to cardinal Carpi, 27 June 1543

94. Paschasio Broët to Francis Xavier, 1 March 1545

95. Bernardino Ochino to the Council of Siena, 1 November 1543

96. Niccolò Martelli to Vittoria Colonna, 22 June 1544

97. Angelo Masserello in Trent for the Council, Diarium I, Tuesday 27 October 1545

98. Ignatius of Loyola to Claudio Jajo, 12 December 1545

99. Durante Duranti to Paul III, 11 January 1546

100. Marcantonio to Caterina Cybo, 25 February 1547

101. “Lettera di Fra Berardino a P.P. Paolo III” 1548-1549 (?)

102. Andrea Gualuanello to Ignatius of Loyola, 25 June 1554

Introduction

The purpose for this compilation has been to gather under one cover relevant documentation already published in many hard to find places. I offer this collection as a research tool. This compilation is the third edition. Earlier editions were called A Sixteenth Century Italian Carteggio. The focus in the selection process has shifted from the Capuchin reform in general (in the first edition) to Bernardino Ochino and the relationship between the Capuchin Reform and Italian Reform prior to the Council of Trent. This two-part bibliography presents the works which contain the documents transcribed here, and other works more readily available with documents not transcribed here. Such compilations can never be complete. There are other, larger collections too regarding the Capuchin Reform during its first century (see Edouard d’Alençon, Callisto Urbanelli, Costanzo Cargnoni and Vincenzo Criscuolo, to mention a few.)

The [BCC:numbers] are the shelf numbers of the titles in the Biblioteca Centrale dei Cappuccini, Rome.

Addition material in this recived third edition (22 April 2010)

Letters 80 and 87, and Letter 101 in this compilation is published here for the first time under the title. “Lettera di Fra Berardino a P.P. Paolo III”. This is a transcription of VadSlg ms 469 of the KANTONSBIBLIOTHEK, ST. GALLEN. I am grateful to Dr. Gamper of the Vadian fond of the library for his invaluable assistance.

The texts in this compilation have been taken from the following:

Benrath Karl, Bernardino Ochino von Siena. Ein Beitrag zur Geschichte de Reformation. Mit original-Dokumenten, Porträt und Schriftprobe, Braunschweig, Schwetschke und Sohn, 1892 [BCC: 44.L.22]; also Bernardino Ochino of Siena: A Contribution twards the Hittory of the Reformation, trans. By Helen Zimmern, James Nisbet & Co., 21 Berners St., London, 1876

Benrath Karl, “Lettera a Paolo III. Documento sconosciuto del secolo xvi” in La Rivista Cristiana, 2(1874) 257-272, 289-302

Bullarum Diplomatum et Privilegiorum Sanctorum Romanorum Pontificium, Taurinensis editio, Augustae Taurinorum, mdcclx, vol. vi, p.344-346 [BCC: 013.A.9]

Cantù Cesare, Gli Eretici d’Italia, 3 vols. Unione Tipografica, Torino, 1865-1866 [BCC: 80.M.10-12]

Cargnoni Costanzo (ed.), I Frati Cappuccini, 5 vol. in 6 tomi. Edizioni Frate Indovino 5 vols in 6 tomes. 1988-1993 [BCC: 023.E.37-42]

Casadei Alfredo, “Lettere del Cardinale Gasparo Contarini durante la sua legazione di Bologna (1542)” in Archivio Storico Italiano, Firenze, 118(1960) 75-130, 220-285

Cuthbert of Brighton, The Capuchins. A contribution to the history of the Counter-Reformation, London, Sheed and Ward, 1928 [BCC: 23.L.51,1-2 or 23.L.45-46]

Chabod Federico, Per la storia religiosa dello stato di Milano durante il dominio di Carlo V. Note e documenti. Seconda Edizione a cura di Ernesto Sestan, Roma, Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, 1962 [BCC: MANS.G.536]

Ehses Stephanus, Concilium Tridentinum Diariorum, actorum, epistularium, tractatuum. Nova collectio, Tomus Quartus: Actorum pars prima, Herder, 1904 [BCC: 023.d.5]

Ferraro Giuseppe Guido (ed.), Lettere del Cinquecento, UTET, Torino, 1948, 1967

Firpo Massimo – Marcato Dario, Il Processo Inquisitoriale del Cardinal Giovanni Morone. Edizione critica. Istituto Storico Italiano per l’età moderna e contemporanea, 6 vol. 7 tom., 1981, 1984, 1985, 1987, 1989, 1995

Firpo Massimo– Pagano Sergio, I processi inquisitoriali di Vittore Soranzo (1550-1558). Edizione critica. 2 voll. Città Del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, 2004

Fontana Bartolomeo, “Documenti vaticani contra l’eresia luterana in Italia” in Archivio della Società romana di storia patria, 15(1892) 71-165, 365-474

Fontana Bartolomeo, “Documenti vaticani di Vittoria Colonna Marchesa di Pescara per la difesa dei Cappuccini” in Archivio della Società romana di storia patria, 9(1886) 345-371 [BCC: 26.N.14,A]

Fontana Bartolomeo, “Nuovi documenti vaticani intorna a Vittoria Colonna” in Archivio della Società romana di storia patria, 10(1887) 595-628

Fredegando d’Anversa, “Bernardino Ochino. Fautore della Pseudo-riforma” in L’Italia Francescana 6(1931)156-183

Marcantonio Flaminio, Lettere, edited by Alessandro Pastore, Roma, Edizione dell’Ateneo & Bissarri, 1978 [BCC: 71.L.36; MANS.I.279]

McNair Philip, Peter Martyr in Italy. An Anatomy of Apostasy, Oxford, Clarendon Press, 1967 [BCC: MANS.I.417]

Merkle Stephanus, Concilium Tridentinum diariorum, actorum, epistularum, tractatuum. Nova collectio. Tomus primus; Diariorum pars prima, Herder, 1901 [BCC: 029.D.2]

Monumenta Historica Societatis Jesu a patribus ejusdem Societatis nunc primum edita. Epistolae Mixtae ex variis Europae locis ab anno 1537 ad 1556 scriptae, Tomus quartus. Matriti, Augustinus Avrial, 1900 [BCC: 66.A.18]

Monumenta Historica Societatis Jesu a patribus ejusdem Societatis edita. Epistolae pp. Paschasii Broëti, Claudii Jaji, Joannis Codurii et Simonis Rodericii, ex autographis vel originalibus exemplis, Matriti, Gabrielis Lopez del Horno, 1903 [BCC: 66.A.24]

Monumenta Ignatiana ex autographis vel ex antiquioribus exemplis collecta. Series Prima. Sancti Ignatii de Loyola. Epistolae et Instructiones. Tomus primus. Matriti, Gabrielis Lopez del Norno, 1903 [BCC: 66.A.22]

Nicolini Benedetto, Bernardino e la riforma in Italia, Napoli, Riccardo Ricciardi, 1935 (extract from volume 57 of the Atti dell’Accademia di scienze morali e politiche della Società reale di Napoli.) [BCC: opusc.60.258] Has twelve letters (1539-1543) in the appendix. Five of these letters are Ochino’s: 18 February, 5 April and 26 April 1539 to Fredercio II Gonzaga, and 7 August 1542 to Card. Ercole Gonzaga. Benedetto Nicolini, Lettere di negozi del pieno Cinquecento, Bologna, 1965 (12 letters pertaining to Venice, including Mignanelli, Marco da Brescia to Bernardino Ochino, and Ochino’s Latin reply.) [BCC: 163.C.16]

Ochino Bernardino, I “dialogi sette” e altri scritti del tempo della fuga, introduzione, edizione e note a cura di Ugo Rozzo, Torino, Claudiana, 1985: Including letters to the Signoria of Venice, 7 December 1542 (128); to Girolamo Muzio (ad Mutium Justinopolitanum), 7 April 1543; to the Signori di Balia della città di Siena, 1 November 1543 [BCC: 56.E.97]

Pagano Sergio, Il cardinale Uberto Gambara vescovo di Tortona (1489-1549), Firenze, Casa Editrice Leo S. Olschki, 1995

Paschini Pio, Tre ricerche sulla storia della chiesa nel Cinquecento, Edizioni Liturgiche, Roma, 1945 [BCC: 156.E.19]

Pastor Ludovico Von, Storia dei Papi dalla fine del medio evo, V: Paolo III (1534-1549), Roma, Desclée e editori, 1914 [BCC: 80.L.6]

Piccolomini Paolo, “Documenti Vaticani sull’eresia in Siena durante il secolo xvi” in Bullettino Senese di Storia Patria, 15(1908) 287-385

Reumont Alfred von, Vittoria Colonna marchesa di Pescara: vita, fede e poesia nel secolo decimosesto, versione di Giuseppe Müller and Ermano Ferrero, Torino, Loeschi, 1892 [BCC: 72-C-21]

Rozzo Ugo, I “dialogi sette” e altri scritti del tempo della fuga, Torino, Claudiana, 1985.

Silos, Iosephus, Historiam Clericorum regularium a congregatione condita, pars prima, Romae, Vitalis Mascardi, 1650 [BCC: 80.O.8]

Tacchi Venturi Pietro, “Il vescovo Gianmatteo Giberti nella fuga di Bernardino Ochino” in La Civiltà Cattolica 64(1913)4, 320-329

Tacchi Venturi Pietro, “Vittoria Colonna e la Riforma Cappuccina” in Collectanea Franciscana 1(1931) 28-58

Tacchi Venturi Pietro, “Vittoria Colonna. Fautrice della Riforma Cattolica” in Studi e documenti di storia e diritto, 22(1901) 149-179 [BCC: 60.G.22]

Tacchi Venturi Pietro, Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: Documenti, Roma, Civiltà Cattolica, 1931 [BCC: 79.E.9B]

Vittoria Colonna, Carteggio, assembled and published by Ermanno Ferraro and Giuseppe Müller. Second edition with Supplement assembled and annotated by Domenico Tordi, Turin, Ermanno Loescher, 1892 [BCC: 64.D.24]

Zaccaria Boverio Da Saluzzo, Annali de’ Frati Minori Cappuccini, Composti dal M.R.P. Zaccaria Boverio, Diffinitore Generale dell’istesso Ordine. E tradotti nell’italiano da Fra Benedetto Sanbenedetti, Predicatore Cappuccino, In Venetia. Appresso i Giunti. 1643, 1645 [23.N.16 etc]

Other published texts of similar relevance may be found:

Campi Midio (ed.), “Carteggio tra Michelangelo e Vittoria Colonna (1539-1540)” in Michelangelo e vittoria colonna. Un dialogo artistico-teologico ispirato da Bernardino Ochino, Torino, Claudiana, 1994, p.123-126

Criscuolo Vincenzo, I Cappuccini. Fonti documentarie e narrative del primo secolo (1525-1619), Curia Generale dei Cappuccini, Roma, 1994

Eduardo d’Alençon, De Primordiis Ordinis Fratrum Minorum Capuccinorum. Commentarium Historicum, Apud Curiam Generalitiam O.M. Cap, Romae 1921

Eduardo, d’alençon, Tribulationes Ordinis Fratrum Minorum Capuccinorum Primis Annis Pontificatus Pauli III 1534-1541, Apud Curiam Generalitiam O.M. Cap, Romae, 1914

Eduardo D’Alençon, “Gian Pietro Carafa. Vescovo di Chieti (Paolo IV) e la Riforma nell’Ordine dei Minori dell’Osservanza. Documenti inediti sul Generalato di Paolo Pisotti da Parma e la Provincia di S. Antonio, Francesco Salvati”, Foligno, 1912 originally published in Miscellanea Francescana 13(1911) 33-48, 81-92, 112-121, 131-144. See also [BCC: opusc.46.42]

Girolamo Muzio Giustinopoltano, “De cultu Ven. Matthaeo a Bascio antiquititus exhibitio testimonium omni suspicione maius, anno 1553 datum” in Analecta Ordinis Fratrum Minorum Capuccinum, 46(1930) 44+. This article contains two letters by this famous opponent of Ochino and ally of Gianpietro Carafa. In these letters (in Italian) to Carafa (Perugia 30 April 1553 and Pisaro 29 August 1553) he reports and criticises the Friars Minor for their pre-emptive canonisation of Matteo da Bascio.

Marcantonio Flaminio, Apologia del Beneficio di Christo e altri scritti inediti, a cura di Dario Marcatto, Firenze, Olschki, 1996: to Alvise Priuli, Napoli, 1540-1541 (173-177); 1540-1541 (166-173); Alvise Priuli to Marcantonio Flaminio, Roma, 1540-1541 (195-199); to Alvise Priuli, Naples 1540-1541 (161-166); to Giulia Gonzaga, 14 gennaio 1542 (200-206); to Pietro Carnesecchi, 18 dicembre 1548 (206-211); to Giulia Gonzaga and Caterina Cibo, 4 May 1549 (211-217); to an unkown correspondent (217-220).

Firpo Massimo – Marcatto Dario, I processi inquisitoriali di Pietro Carnesecchi (1557-1567). Editio critica. Città del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, 2 vol., 4 tom., Collectanea Archivi Vaticani 43 (vol.1) and 48 (vol.2), 1998, 2000

Fontana Bartolommeo, “Documenti dell’Archivio vaticano e dell’Estense circa il soggiorno di Calvino a Ferrara” in Archivio della Società romana di storia patria 8(1885), 101-139

Fontana Bartolommeo, “Documenti dell’Archivio vaticano e dell’Estense sull’ imprigionamento di Renata di Francis, duchessa di Ferrara” in Archivio della Società romana di storia patria, 9(1886) 163-227;

Gleason Elizabeth (a cura di), Reform Thought in sixteenth century Italy, Scholar Press, Chico, California, 1981. English translations, including Il Beneficio di Cristo and Ochino’s fourth dialogue.

Paladino Giuseppe (a cura di), Opuscoli e Lettere di Riformatori Italiani del Cinquecento, 2.vols. Bari, Laterza & Figli, 1913. Volume One contains and Italian version of Il Trattato del Beneficio di Cristo, 22 lettere valdesiane, and 29 Sermoni of Bernardino Ochino.

Piccolomini Paolo, “Due lettere inedite di Bernardino Ochino” in Società Romana di storia patria, Roma, 1905 [BCC: OPUSC.60.691]

Rozzo Ugo, “Vicende Inquisitoriale dell’eremitano Ambrogio Cavalli (1537-1545)” in Rivista di storia e letteratura religiosa 16(1980) 223-256

Urbanelli Callisto, Storia dei Cappuccini delle Marche, Curia Provinciale FF. Cappuccini, Ancona,1978-1984

Regarding other texts of Bernardino Ochino in particular: Apart from early publications of Ochino’s writings, Italian extracts may also be found: See I “dialogi setti” as above. Apart from the Dialogues and Letters, this book contains the Proemio alle “Prediche” published in Geneva in 1542 (128-129); Also from the Geneva Prediche, in Michelangelo e Vittoria Colonna see Che cosa è el iustificarsi per Christo (113-116). Also in this collection: Predica quinta lucchese –prima parte (81-86); Predica [seconda]predicata in Vinegia (87-94); Terza predica predicata in Vinegia (95-103); Predica [nona] predicata in Perugia [e Venezia] (104-112). Twenty nine (/50) sermons (Italian) have been published in Giuseppe Paladino, op.cit. English translations of the Seven Dialogues: Rita Belladonna, Seven Dialogues (with introduction and notes); Fourth Dialogue also translated in Elizabeth Gleason, Reform Thought in sixteenth century Italy. Some of these and other preflight homilies have been reproduced in Costanzo Cargnoni I Frati Cappuccini III/1: Predica predicata in Perugia il giorno di San Nicolò alli scolari, (pages) 2118-2133; Predica prima (Lucca 1538), 2135-2138; Predica seconda (Lucca, 1438), 2138-2146; Predica terza (Lucca 1538), 2146-2155; Predica quarta (Lucca 1538), 2156-2167; Predica quinta (Lucca 1538) a: 2167-2174; b: 2175-2178; Predica prima predicata in Vinegia la Domenica di Passione del 1539, 2179-2191; Predica predicata in Vinegia il martedì dopo la Domenica di Passione 1539 (Annunciation), 2192-2202; Predica predicata in Vinegia il venerdì dopo Passione 1539, 2202-2215; Predica predicata in Vinegia il lunedì santo 1539, 2231-2241; Predica predicata in Vinegia il giovedì santo 1539, 2242-2255; Predica predicata in Vinegia il lunedì di Pasqua 1539, 2256 – 2270; Predica predicata in Vinegia il terzo dì di Pasqua, 2271-2290; Predica predicata il giorno della festa di S. Maria Maddalena (22 July 1539), 2291-2306; Marco Bracali (editor), Labirinti del libero arbitrio by Bernardino Ochino, Firenze, Olschki, 2004

Order

The texts are, by and large, arranged in chronological order. Some of the documents have no certain date assigned them. In which case they appear first among the documents written in the supposed year of their composition.

Italics

In the Italian transcriptions that follow I have italicised some wording only to indicate the use of Latin words in the text being transcribed. The italicisation is not meant as emphasis.

Footnotes

Ordinarily the footnotes are those of the respective editors or other commentators. Footnotes in square brackets [ ] and preceded by are my own comments. Not all the footnotes accompanying the published texts have been transcribed. Nor do I agree necessarily with all the opinions expressed by the other editors.

List of Correspondence

1. Leo X Confraternity of the Hospital of Santa Maria dei Miracoli 19 July 1519
2. Caterina Cybo Ercole Gonzaga 29 October 1534
3. Guidubaldo della Rovere Ercole Gonzaga 29 October 1534
4. Caterina Cybo Ercole Gonzaga 19 November 1534
5. Agostino Gonzaga Isabella d’Este 12 March 1535
6. Vittoria Colonna Gasparo Contarini August 1535
7. Carlos V Paolo III 4 December 1535
8. Carlos V Cardinal Campeggio 17 January 1536
9. Vittoria Colonna Ambrogio Recalcati Early 1536
10. Vittoria Colonna Paolo III 29 February 1536
11. Vittoria Colonna Gasparo Contarini and Commission of Cardinals 1536
12. Vittoria Colonna Ambrogio Recalcati Between May and December 1536
13. Vittoria Colonna Eleonora Gonzaga Della Rovere 27 June 1536
14. “Cedula” of Bernardino d’Asti Boverio an.1536, nn.16-22 1536
15. Vittoria Colonna Ercole Gonzaga 22 April 1537
16. Ascanio Colonna Ambrogio Recalcati 7 May 1537
17. Carlo Gualteruzzi Vittoria Colonna 4 June 1537
18. Vittoria Colonna Ercole Gonzaga (and his unsent reply) 12 June 1537
19. Vittoria Colonna Ambrogio Recalcati 8 November 1537
20. Vittoria Colonna Ambrogio Recalcati 3 December 1537
21. Fra Martino da Treviso (OFM Conv) Gian Pietro Carafa 22 February 1538
22. Sworn deposition of Fra Martino da Treviso (OFM Conv) At the request of card. Gian Pietro Carafa 22 February 1538
23. Vittoria Colonna Ercole II d’Este 26 March 1538
24. Pietro Aretino Frate Andrea Volterano 20 July 1538
25. Giovanni Guidiccioni Annibal Caro August 1538
26. Three Sonnets of Giovanni Guidiccioni August 1538
27. Vittoria Colonna Paolo III 16 September 1538
28. Vittoria Colonna Fra Bernardino Ochino
29. Vittoria Colonna Fra Bernardino Ochino?
30. Pietro Bembo Vittoria Colonna 23 February 1539
31. Pietro Bembo Vittoria Colonna 15 March 1539
32. Pietro Aretino Messer Giustino Nelli 20 March 1539
33. Pietro Bembo Vittoria Colonna 4 April 1539
34. Pietro Aretino Paul III 21 April 1539
35. Vittoria Colonna Ercole Gonzaga 16 January 1540
36. Bernardino Ochino Viceroy, Naples 6 June 1540
37. Giorgio Andreassi Alessandro Farnese 13 August 1540
38. Bernardino Ochino Council of Siena 5 September 1540

 

39. Bernardino Ochino Council da Siena 27 September 1540
40. Giovanni Morone Alessandro Farnese 22 December 1540
41. Giovanni Domenico Sigibaldi Giovanni Morone 1 March 1541
42. Fra Eugenio De Mittis (Eremitano) Giulio Della Rovere da Milano 6 March 1541
43. Giovanni Domenico Sigibaldi Giovanni Morone 4 April 1541
44. Giovanni Domenico Sigibaldi Giovanni Morone 21 April 1541
45. Giovanni Domenico Sigibaldi Giovanni Morone 22 April 1541
46. Alfonso d’Avalos d’Aquino, il marchese del Vasto Paul III 28 June 1541
47. Bonifacio Ruggeri Ercole d’Este 16 July 1541
48. Council of Siena Bernardino Ochino 1 November 1541
49. Paul III Giorgio Andreassi 21 November 1541
50. Bernardino Ochino Council of Siena 22 November 1541
51. Paul III Gregorio Cortese OSB 10 December 1541
52. Bernardino Ochino Marchese del Vasto 10 February 1542
53. Gasparo Contarini Bernardino Ochino 1 April 1542
54. Council of Siena (a) Bernardino Ochino 28 April 1542
55. Council of Siena (b) Bernardino Ochino 28 April 1542
56. Bernardino Ochino Council of Siena 10 May 1542
57. Gasparo Contarini Renata di Ferrara 9 July 1542
58. Alessandro Farnese Bernardino Ochino 15 July 1542
59. Paul III Bernardino Ochino 15 July 1542
60. Paul III Licet ab initio 21 July 1542
61. Bernardino Ochino Card. Ercole Gonzaga 7 August 1542
62. Lattanzio Tolomei Siena Council 11 August 1542
63. Bernardino Ochino Gian Matteo Giberti 15 August 1542
64. Bernardino Ochino Gian Matteo Giberti 18 August 1542
65. Bernardino Ochino Gian Matteo Giberti 20 August 1542
66. Bernardino Ochino Vittoria Colonna 22 August 1542
67. Pietro Martire Vermigli To the Canon confreres of Sant Frediano, Lucca 24 August 1542
68. Bernardino Ochino B.D. Autumn (?) 1542, after the letter to Colonna
69. Bernardino Ochino Gian Matteo Giberti 31 August 1542
70. Gian Matteo Giberti Marchese del Vasto 11 September 1542
71. Marcantonio Flaminio Unknown 12 September 1542
72. Fabio Mignanelli Alessandro Farnese 23 September 1542
73. Gian Mattero Giberti Fra Francesco di Calabria 26 September 1542
74. Bernardino Ochino Alessandro Farnese 2 October 1542
75. Tommaso Sanfelice Alessandro Farnese 6 October 1542
76. Bernardino Ochino Foreword to book of sermons 10 October 1542
77. Fabio Mignanelli Alessandro Farnese 12 October 1542
78. Rodrigo d’Arze Francesco Taverna 12 October 1542
79. Rodrigo d’Arze Francesco Taverna 12 October 1542
80. Claudio Tolomei Bernardino Ochino 20 October 1542
81. Rodrigo d’Arze Francesco Taverna 17 November 1542
82. Rodrigo d’Arze Francesco Taverna 18 November 1542
83. Umberto Gambara Alessandro Farnese 22 November 1542
84. Vittoria Colonna Marcello Cervini 4 December 1542
85. Bernardino Ochino Signoria di Venezia 7 December 1542
86. Marcantonio Flaminio Pietro Carnesecchi 1 January 1543
87. Ochino and others (?) Gianpietro Carafa 1 January 1543
88. Fabio Mignanelli Alessandro Farnese 18 January 1543
89. Girolamo Muzio Alessandro Farnese 3 March 1543
90. “catholicus quidam” Governer of Novara 3 April 1543
91. Bernardino Ochino Girolamo Muzio 1543
92. Gianpietro Carafa “Bernardino Ochino” 1543
93. Card. Marcello Cervini Cardinal Carpi 27 June 1543
94. Paschasio Broët Francis Xavier 1 March 1543
95. Bernardino Ochino Council of Siena 1 November 1543
96. Nicolò Martelli Vittoria Colonna 22 June 1544
97. Massarelli’s diary At the Council of Trent 27 October 1545
98. Ignatius of Loyola Claudio Jajo 12 December 1545
99. Durante Duranti Paul III 11 January 1546
100. Marcantonio Flaminio Caterina Cybo 25 February 1547
101. “Bernardino Ohino” Paolo III 1548-1549
102. Andrea Gualuanello Ignatius of Loyola 25 June 1554

1. From a Bull of Leo X, 19 July 1519[2]

Abbiamo saputo che testè i diletti figli antichi e nuovi confratelli della confraternità dell’ospedale di santa Maria del Popolo e di san Giacomo in Augusta a Roma, osservando pietosamente che da alcuni anni confluivano da diverse parti del mondo a Roma, madre commune di tutti i fedeli, i poveri infermi infetti da malattie incurabili di diverso genere in tal numero, da non trovar adito senza difficoltà negli ospedali della città, sia causa la moltitudine di tali individui, sia per il fastidio delle loro malattie moleste alla vista ed all’odorato; sicché detti poveri colpiti da morbo incurabile, cercando tutto il dì il vitto per Roma, giravano qua e là anche su piccoli carretti e veicoli dando tedio a se ed a quelli che incontravano, e che molti di essi, aiutati da nessuno del loro modo di vivere, cadevano in più gravi malattie, e privi di ogni aiuto cristiano andavano incontro a morte prematura; desiderosi di provvedere a ciò con opportuno rimedio, avevano stabilito ed ordinato che di qui innanzi in perpetuo il detto ospedale si chiami dei poveri incurabili e che in esso siano recevuti, nutriti e curati tutti gli infermi d’ambo i sessi, infetti da qualunque malattia anche francese (eccetto la peste e la lebbra) che vi cerchino rifugio e vi siano condotti; e finchè ci sono essi, a meno che i redditi di detto ospedale risultassero esuberanti, non possano essere accolti là infermi guaribili, perchè per essi c’erano molti e ricchi ospedali in città.

2. Caterina Cybo to Ercole Gonzaga, 29 October 1534[3]

Ill.mo et Rev.mo Monsignor mio osservatissimo,

Poi ch’io ha giuocato et perdutomi tutti miei fratelli, son forzata ricorrere alla protettione de mia patroni come è V.S. R.ma, quale havendo io sempre tenuta per mia Signore et Patrono, hora si vogli essermi anche protettrice nelle cose che mi occorreranno per mio interesse et de li amici miei, com’è hora che avendo i fratini costi una loro casa et havendo bisogno di favore, essendo io loro affezionata come sono, prego V.S. R.ma che in tutto quel ch’ella potrà li voglio aiutare et favorire et me ne farà tal gratia che ne li havrò perpetua obbligatione et così reverentemente le bacio le mani, rendendole infinite gratie de la congratulatione ch’ella mi ha fatta del parentado contratto di mia figliuola con lo Ill.mo Signor suo nipote et dove io prima havea la servitù con Lei hora vi sarà servitù et la parenteza benchè indegnamente.

Di Camerino il 29 di 8bre del 1534.

Serva la Duchessa di Camerino.

3. Guidubaldo della Rovere to Ercole Gonzaga, 29 October 1534[4]

Questa Ill.ma Signora Duchessa mia matre havendo singular devotione nei frati chiamati scapucini et desiderando che per le occorrentie che alla giornata si trovano havere in Roma faccino acquisto di uno particolare Protettore loro, mi ha ricerco con grande instancia gli voglia far raccomandati alla S.V.R.ma et Ill.ma et perchè desidero extremamente com’è debito mio, in tutto quel ch’io posso gratificare questa Signora, non ho voluto mancare ad istantia sua di questo offitio appresso quella la quale però prego efficacissimente che a contemplatione della predetta Signore et per amor mio si contenti pigliare la protettione di quest frati.

4. Caterina Cybo to Ercole Gonzaga, 19 November 1534[5]

Ill.mo et R.mo Monsignor mio oss.mo,

Rendo infinitissime gratie a V.S.R. del buono animo ch’ella tiene di far tutti quelli piaceri ch’ella potrà alli frati scappuccini per amore mio et così ne li resto per sempre obligatissima et perchè mi scrive la difficultà ch’ella ci conosce a poter loro far servigio, le rispondo che quanto l’impresa è più ardua et difficile, tanto sarà maggiore l’obbligo che io ne le havrò et quanto le paia col R.mo Santa Croce oprarci el mezo del R.mo di Bari io mene rimetto al suo più sano parere: in qualunche modo si aitino a me non importa, pur che si aitino, che invero per la loro vita et buoni esempli meritano che ognun buon Christiano parli per essi et così di nuovo riverentemente le bacio le mani, Di Camerino il xix di 9bre del 1534.

Serva la Duchessa di Camerino.

5. Agostino Gonzaga (Rome) to Isabella d’Este 12 March 1535[6]

La S. Marchesa di Pescara è venuta in Roma cum animo d’andar a Loreto. S. Ex. è totalmente data al spirito, et per quanto ho inteso come ritorni nel regno disegna sequestrarsi dal mondo et mettersi in un certo monastero erecto per una S.ra Longa donna di santissima vita, over anche pare che siano per entrare alcune S.re di prezzo, fra l’altre m’è stato decto de la S.ra Duchessa di Camerino, ma non so se lo credi. Essa S.ra di Pescara alloggia cum le sore di S.to Silvestro, nè vole che alcuno la visiti et quando va per Roma va sconosciuta, in un abito abiettissimo. Queste due mattine è stata alla predica in S.to Lorenzo in Damaso, ove è uno ex.mo predicatore de l’ordine de quelli Capuccini di S.to Francesco chiamato fra Bernardino da Siena, homo di santissima vita et molto dotto. Le prediche sue sono tutte sopra la dechiaratione de li evangelii, nè attendono ad altro che a insegnare come se habbi da caminare per la via del Paradiso; ha un fervor mirabile, accompagnato cum una voce perfettissima. Reprende eccellentissimamente come si deve, nè guarda di dir tutto quello che sente ch’abbi ad essere per la salute de chi l’ode, et tocha principalmente li capi, di modo che vi concorre tutta Roma. Il R.mo de Medici non ne lassa predica, et molti altri de questi R.mi che solevano andar a S.to Agostino se sono redutti qui, talchè non è mai giorno che non habbi una bona parte del Collegio. Il R.mo mio (?) vi è stato due volte et non più, perché continuava S.to Agostino, che certo anche quel predicatore è ex.mo. Hora penso che continuerà questo altro perché li è piaciuto sopra modo queste due volte che lo ha udito.

6. Vittoria Colonna to Gasparo Contarini, August 1535 (?)[7]

Reverendissimo Monsignor mio.

Della legge divina s’intese più Cristo e Paulo che Bartolo e Baldo: però V.S. Rev.ma bisogna pugni per li servi del Signore[8], intendo pensino dire che possan venire i frati licentia obtenta, questo seria una porta più chiusa che fusse mai, perchè quando questi poverini hebbero tutti i disfavori et le disgratie, se remetteva la licentia al Papa, et serà malissimo, dir quanto peximo seria remetterla a chi li carcera et li ruina: se dicesse petita,[9] como el capitulo licet, la bolla eugeniana[10] ed ogni legge vole, serria comportabile benchè puro dannoso; per l’odio che li mostrano, ma obtenta è far proprio ottener dal dimonio contra Dio quel che vole. Similmente de l’obedientia e de l’abito che ne sono in possessione x anni con la bolla di Clemente[11], che bisogna dir sia a concilio per scrittura, se mai scrittura in ciò s’è fatta, basta dirlo a parole per non metter le cose certe in dubio, che seria un’iniustitia como sesse dicesse a uno: possedi la tua casa fin al tal tempo; sì che V.S. Rev.ma che ha più conscientia, et vede più la verità è più obligato dirla senza respecti, che è un periculo di far danno a mille anime bone, niuno danno a tutta la religione, che con queste provate speranze mai, quelle se emendano, anzi ogni dì se ruinano che se vedessero che in verità li bisogna proveder di comodità de ben vivere a frati loro per detener i boni, serrian forzati a farlo; che così li abbatteno, li conculcano, et se fa da ogni banda summo disservitio a Dio; et però serria assai iusta conclusione che nelle altre cose si observasse la bolla di Clemente et nel venire licentia petita, como vole el capitulo licet, benchè sia pur con periculo.

Serva de V.S. R.ma

La Marchesa di Pescara.

La S.V. Rev.ma sa che tanto è a dir licentia ottenta quanto scomunicar da mo tutti boni. Pensi V.S. como sonaria bene che scomunicassero quelli voglion far bene, et così à questo maxime a l’orecchia divina; è troppo dir petita, che subito l’incarcerano, ma ottenta non se è ditta mai; immo la peggio scrittura contra questi fu che quelli non venissero sin al Spirito Santo[12] sin che se reformavano, et che adesso poi che dato tanto lume di loro selli facesse peggio che mai pensi V.S. che errore. Nostro Signore Dio li faccia dir quel che so che vorria, che però la immensa bontà di Dio non li fece haver audientia quel dì, perchè ce pensassero meglio, et sapessero che mai se prefisse tempo alla bolla, nè se disse licentia ottenta, et se’l capitulo licet se potesse allegar contra questi, milli anni sono che li haverian chiuso la bocca, che bisogna dir ottenta a quello che se fa, non se pò attenere.

7. Letter of Carlos V to Paul III, 4 December 1535[13]

Muy sancto Padre, Señor R.mo,

Enteniendo que en la Provinçia de Italia se ha començado á instituyr nuevamente una çierta secta que se llama de los Capuchinos eximiéndose de la obediençia del ministro general de la orden de Sant Francisco y conosciendo per experiencia quánto más escándalo que edificaçion en nuestra sancta fee Cathólica engendran estas novedades, nos ha paresçido scrivir á V. S.ad y suplicale lo mande mirar, y no permita ny dé lugar que se proçeda adelante en esto, y specialmente no consienta que en ninguna manera se introduzga en España por el escándalo que en la religión podria traer, remytiéndos al muy R.do Cardenal de Sancta Cruz protector della que le hablará más largo çerca destos, á quien supplicamos á V. S.ad dé entero crédito, cuya muy sancta persona nuestro Señor conserve por muchos años para el felice regimiento de su sancta y universal yglesia. De Nápoles a IIII° de Deziembre Año de M.DXXXV.

Don Carlos por la divina clemencia emperador

de los Romanos, augusto Rey de Alemania, de

las Españas, de las dos Siçilias, de Hierusalem, etc.

El rey (A tergo) A nuestro my sancto Padre.

8. Carlos V to Cardinal Campeggio, 17 January 1536[14]

Don Carlos: Por la divina clementia Emperador de los romanos, augusto Rey de aleman[I]a, de las Spañas, de las dos Sicilias, de Hier[usa]l[e]m. Muy R.do en Ch[ris]to padre Car[dena]l Campejo, n[uest]ro muy caro y muy amado amigo. Haviendo entendido que se ha levantado en Italia cierta secta dicha de los Capuchinos, la qual diz[en] que cresce cada dia u podria ser causa de algunos inconvenientes como lo son otras cosas nuevas u hauemos scripto al Conde de Cifuentes n[uest]ro embaxador que hable a Su San[tida]d de n[uest]ra parte sobrello para que lo mande remediar y le tornamos a serivir de nuevo. Rogamos vos affetuosamente que tengaus tan bien la mano con Su San[tida]d para que mande que se remedie con brevedad conforme a lo quel Conde le supplicare de n[uest]ra parte, q[ue] en ello nos hareys singular complacençia.

Muy R.do en Chr[ist]o padre Car[denal]l n[uestro] muy caro y muy amado amigo, n[uestr]o o Señor os tenga en su continua guarda.

De Napoles a xvii dias de Enero de mdxxxvi años.

Yo el Rey

Covos, comendador mayor

Al muy R.do en chro padre Car Campegio

Nro muy caro y muy amado amigo.

9. Vittoria Colonna to Ambrogio Recalcati, Roma, early 1536[15]

Li mei peccati vogliono che mai se favori fra Lodovico quando operava bene. Hor che vol ruinar questa congregation lo favoriscano, con una impia pietà e maligna carità. Suplico V.S. faccia quello che al nostro R.mo Palmier suplico, et veda la sua: e certo è strana cosa che havendo Sua S.tà ottima voluntà verso me et il R.mo Palmieri favorirme et V.S. per grandissimo amico, se siano tante dificultà al ben de cinquecento anime, per detenerne un solo, et volerce tanti affani et tante lite: et certo io sto stordita in Roma, chè in Napoli non me bisognaria provar non esser impia, nè cruda, nè pazza e a V.S. infinitissime volte me recomando.

Al servitio de V.S.R.da. La M.sa de pes.ra

(A tergo) Al R.° et mio singularissimo m.Ambrosio Secretatio de Sua S.tà.

10. Vittoria Colonna to Paul III, 29 February 1536 [16]

Dieci anni sono che se comenzò questa sancta congregatione per vivere austeramente nella propria regola de San Francesco, et sempre con tutta la possibile repugnantia humana, acusata da alcuni che han preso a destrugerla, e cressuta in fervore, numero et ordine, si che se vede el chiarissimo miracolo, ne se nega, ne se po negare, et van cercando se e facto in Sabbato.

La religione ditta de la Observantia, non nega el R.do Generale et più gli altri frati, nei proprij brevi da loro expediti, che hanno necessità de reformarse, et che lo vogliono fare, et ha molto tempo che durano queste dilationi et promesse. Hor queste due propositioni: de la optima vita et observantia de questi reformati, et la neccesità hanno quelli de reformarsi. sono cose chiare, palpabili et certe, che solo quelli non le vedono che non le vogliono veder. Hor come e possibile dunque che se parli de meter questi, per longo spacio esperimentati in si rigorosa vita, a la obedientia de quelli, che essi medesimi confessano che non la possono fare. El pastore deve in lume, virtù, spirito et sanctità excedere le sue percorelle, andarli con lo exempio vanti et condurle sempre a Dio piu vicine. Dunque ogni pecorella di questa seria in merito, in perfectione de vita et in streteza de Regola superiore ad soj pastori; et tante fatighe che X anni,[17] con tanta gratia di Dio conservate, serian subito perdute, et la obedientia, ordinata per observare la Regola, seria casion de alargarla. Et per dirlo piu chiaro dico così:

La Regola non e facta per la obedientia, ma la obedientia per la Regola, però se caminano per la via de Dio, con maxima observantia de la Regola, con obedire lo optimo Pontefice Paulo, non so che nove obedientie bisognino; ultra che[18] recognoscono el Generale de San Francesco de Conventuali, non per che sia meglio de l’altro, ma per che li lassa nella loro observantia et pace, non li proseque, non se li monstra inimico, non calumnia el ben fare, non va informando el mondo contra di loro. Et per che dicto Generale de Conventuali recognosce el Generale de li Observanti, questi vengono ad esserli subiecti mediate, se non immediate.[19] Si che non esta el pensiero de costoro, non esserli subiecti, ma in conservar loro austera vita et vera observantia, como per experientia se é visto che questa sola se conserva, che non é in lor mano, et tutte le altre principiate da loro se sono alargate. Et essi medesimi dicono che trenta milia frati et non piu, che sono, é quasi impossibile reformarli. Dunche non so perché tanto esti encresce[20] de questi pochi, che chiaramente monstrano posserlo fare. El cercare questo primato con tanta anxieta, precipitatione, é offesa de Dio, é etiam loro infamia, et un dare ad intendere che non fanno per zelo, ma per che perdeno el credito et le elemosine, vedendo si che questa vita vera de Sàn Francesco se pò fare ogni tempo.

El ministro San Francesco hora lo chiama ministro, hora custode. La perfection de la seraphica et evangelica Regola non consiste in sillabe o doctione, ma importa bene che siano in verità ministri, et che, ad exempio de Christo, ministrent spiritum et vitam. Et così faciendo stare questi ad altra obedientia, quale se vede essere più larga, farria el Ministro el contrario del officio suo, per che li mitigaria el spirito et le togleria la radice de la vera Regola.

El dire: volemo recognoscere el Generale, ma che non se gli impedisca la vita loro; dunche questa seria vera ambitione et perfidia, et non servitio de Dio, metendoli in periculo, dubio et fastidio, senza cambiare altro che la apparentia. Et per che anderiano primo per le selve, come son andati et come San Francesco prophetiza[21], che comportarlo. In questo non dirò altro.

Reformensi quelli, attendano, mo che Christo esta al deserto, considerlo li et non impedire quelli che lo vanno imitando; pensino che la quaresma viene, che deveno attendere che si gran Religione pasca el christiano grege. Comensino non dico a lassare cose de quali non se deve parlare, per che non é Capucino che non mettesse la vita per honor de la Religione, ma dico le cose chiare contra la Regola; mettansi un poco nella vera austerità, povertà et umil vita, come San Francesco comanda, lasseno tante pompe, sumptuose fabriche, canti figurati et superfluità. Vedasse un poco de fervente spirito fra questi che li governano, sian veri pastori, entreno per la porta de la charità, non per la fenestra de la ambitione; sian veri frati, guideno ben le anime che li son date in cura; non voglian credere che non si possa quel che se vede si pò, et quel fece con piu austerità San Francesco et quaranta anni poi. Facian per opera cognoscere che li mena zelo optimo, et come loro. Tanto più che questi hanno optima, sincerissima, sancta, evangelica obedientia et mirabile ordine come ogni homo pò vedere. Et mandino pur Commissarij per li lochi, et li troverano come li primi compagni de San Francesco et la regola in summa observantia. Et quando quelli et loro conventi serano tali, alhora potran dire fiat unum ovile et unus pastor; et il ministro sancto alhora (potrà dire) quel che precede al evangelio, ego sum pastor bonus; che stando le cose così, con ovile differente, non pò essere un solo ministro. Et però San Francesco vole che la sua Regola se observe, et questa é la importantia. Et sempre che se é tropo alargata ha mandato nove reforme. Et per che questa é la più perfecta et la più simile al suo principio, et trova el mondo più deteriorato, però ha più repugnantia et più di⁄icultà de tutte le altre, si che veramente repugna a ogni christianità el tanto molestarli, che pare tutti quelli militano. Siano sancti et in pacifica observantia de la Regola, et ad questi soli se faccia tanta et sì continua guerra. Immo sono obligati Sua Sanctità, il R.mi Cardinali, tutti principi et più il loro Protectore adiutarli et favorerli, come sola luce nelle nostre tenebre, et come quelli che soli in sì licentioso seculo observano la evangelica et divina doctrina de Christo et de San Francesco. Tanto più che tutti quelli che lassano li respecti humani et le complacentie terrene, et miran solo Dio vedeno la sua gratia in costoro, et le contrarietà nascere da pensieri né recti, né sinceri. Venuti ad tanto inganno che non curano calumniare il glorioso sancto, con dire che non fé habito, ma pigliò un panno, come se nella Regola non si distinguesse l’abito, o non se ne vedessero conservati per reliquie, et sigilli, et picture, et mille modi. Ma per che l’habito non fa la via bona lassarò stare queste impertinentie, ma solo pregarò Dio che li inspire ad reformarse, acciò che poj possino parlare con qualche fondamento. Ultra che senza le tante ragioni in fructo, se sono ancor de quelle che usano loro, cioé hanno la Bolla de Clemente, Brevi, approbation delli pontifici, et supra tutta la cognitione del optimo Papa Paulo, che Cardinale li defese, et però credo Dio lo sublimò, et mo Pontifice ama la verità; ma va con tanti respecti che prevalgano contro lo intento sancto suo quelli che oppugnano, et per esserci Cardinali che la pigliano a denti, et l’un mal volentieri contradice al’altro in consistorio et a la presentia de molti Cardinali, che sono apena auditi, non che intesi. Ma Dio inspirerà i boni ad sì chiara intelligentia.

Hor veniamo al prohibire che non vengano quei fratri ad questa reforma, per che se causa scandalo. Dunche lassi ogni uno de far ben per che causa scandalo ad chi non lo fa. Non si comporti più che i figlioli lassano i padri ed intreno in religione, per che a le loro case causa scandalo. Non se sofra più che de le religion de San Benedeto, de San Dominico et le altre vadino ad quella de San Francesco, per che ad quelli altri causa scandalo. Guastensi le lege tutte, non si consideri le parole de Paulo et de tanti sancti, che se deve tendere a la perfectione et eligere la vita più secura, et che la Regola de San Francesco é tale, immo de Christo, che bisognerebbe conversare con li angeli per pienamente observarla; et costoro vogliono impedire lo andare a la perfectione, non recordandose che cum sanctus sanctus eris, etc. Anzi é o⁄itio de boni togliere tuti li impedimenti al santo vivere di questa reforma, al quale edifica et non da scandalo alli veri observanti. Anzi é certo che la più parte de la religione dispiace questa prohibitione, legami, brevi et streteza. Et solo da molestia ad octo o X persone che governano, quali vogliono che per auctorità se li creda. Et se vede chiaro el poco motivo che fa la costor vita in quelli, che in tre mesi hor maj che sta la porta aperta non se ne sono venuti XX. Non sono oggi sî ferventi li spiriti che questa austerità piacia ad molti; si che in chiuderla si fa grandissimo deservitio a Dio, per che si chiude la meglio vita a 3,000 anime, quali tutti credeno che possano venire; et de quanti, per essere impediti, nor sanno se ha de dar conto a dio; et in lassarla aperta ultra che se evade tanto periculo de offendere la divina voluntà et si observe aogni bona lege et costume. Se vede che non se fa danno alcuno per che qui se acceptano con tutte le cautele et consideratione del mondo, come Vostra Sanctità per alcune lettere ha visto che non son vere le falsità che li oppongano.

Lassarò stare che li Observanti se separarono da Conventuali, et non hebbero tanta repugnantia, et fò optimamente facto; che ha molti anni tutti seriano stati conventuali, che fra il molto fango non po’stare bianca la neve.

Lassarò stare che non se deve ragionevolmente prohibire. Lassarò stare le cose humane cerca la informatione data ad Sua Magestà et molti altri, quali poj se admirano con intendere il vero. Lassarò stare che questi non domandano niente, se non che se lasseno in la pace de Christo et che viva la evangelica libertà de recevere et observare qui venit ad me non eiciam foras. Et quelli demandano prohibitioni, legami, impedimenti et scomuniche, che par proprio contenda la legge de Moyse con la gratia de Christo, la carità con la ambitione, et la humiltà con la grandeza. Et veramente non me dole de questi che ponno ben dire quis me separabit a charitate Christi, ma me dole de quelli che in tanta luce son cechi, et che tante volte habiano hauta invidia a quelli che servirono Christo in terra; et ogni di diciamo: fortunati pastori, beati Magi, felice ab Arimathia, gloriosa Magdalena et Marta; et poj habiamo le cose de Christo in terra chiare et vive, et la observantia de la sua evangelica vita, et le perseguitano. Et se vede questo povera congregatione ogni giorno abbassare la testa et humilmente dire cur me caedis. Per amore de Dio non se metano tante nube intorno che adombrano la vera luce a la sancta bontà del Pontifice, che questo seria più presto pena a chi la ama et più scandalo a tuta la christianità che cosa potesse succedere.

Oyme! Come non tremeno quelli che le son contrarij? Come ponno mai dormire, che non temano la justicia de Dio? Come el verme de la conscientia non li rode tanto che ormaj desistano? Che merito rendeno a Dio de la gratia che li fa? O che conto gli darano che per loro non é restato de guastar un opera de reformare migliaa de persone, sapendo che per un anima sola Christo tornaria in terra de novo!

Io non so che move questa cosa, si non tentatione. Tanti frati incogniti, tante religioni infructuose, che non se sa che nome habiano, tanti de San Joanne, tanti de San Francesco, che ogni di escono de la Observantia per farsi seculari preti, confessori, abbati, episcopi et cardinali, et nisciuna cosa offende, nisciuno dà scandalo et nisciuno importa, si non questa per che é la meglio de tutte. Sempre le cose de Christo et de soi servi han dato admiratione, conturbato gli respecti humani; et desso medesimo dice non veni mittere pacem. Dunche se deve lassare la austera, optima vita, divina reforma, per non causare scandalo a persone che governano?

O cum quanta certeza poteria monstrare che questo impugnare non é con la volonta de la religione de la Observantia; e quanti monasterij fan fede che staban et de l’altra parte se dogliano che non stano. Anzi del prohibire nasce infinito scandalo; provino per una anno lassare la porta aperta, poj tante volte han provato el contrario, et vederano che maj dal bene nasce scandalo. Anzi ne nascerà vera reforma in quella, et optima confirmation in questa, et se parlarà al hora con più proposito.

Certo non se po’ admetere adesso nisciuna lor ragione; et dicono non ponno castigare li frati per che se ne saltano i qui.[22] Dunche may l’altre religione han possuto castigare li frati loro, perche ponno andarsene ad San Francesco, che é più streta. Volesse Dio che movesse zelo de castigare et reformare, che attenderiano ad altro che a ruinar li reformati!

Dio per sua bontà conservi la bona voluntà ai boni et la conceda a quelli che non l’hanno. Le cose del mondo sempre in prima facie apparent bone, ma non restano al martello. Cosi le vision delectano in principio, più le false che le vere. Però, per amor de Dio, non se ne stian a relatione, gustino, intendano, pensino questa verità, che son certa l’intrarà nel core.

Et perche, intendo, dicono addesso una nova cosa, cioé che son tutti reformati et che han ben visto et non han bisogno, et che se penteno de haverlo ditto ne i brevi; et il General ad me et in mille lochi. Dico che Dio il faccia et che dico son tutti sancti. Io che ho vera noticia de tutti i loro monasterij del Regno et de Campagnia ne son chiara, et tutti el sanno se han bisogno de reforma. Ma sia come lor dicono, non negarano, o per dir meglio non ponno negare che la vita de Capuccini non si a austera, più stretta, et tale che chi non ha occhio nol vede, siché questa basta a negar la obedientia per le ragion sopra dicte et a far tocar con mano che é maximo errore dirlo et cosi sì chiuder la porta al venir a la più stretta vita.

11. Vittoria Colonna to Contarini and the Commission of Cardinals, 1536[23]

Reverendissime Domine,

La devotion che ha al glorioso San Francesco, il stimolo da le conscienza con la fede che mi causa la bontà della S.V., me rendono secura che non attribuiranno il mio scrivere ad presumption, ma ad devotione, non ad temerità, ma ad zelo della verità.

Et quanto la femminil ignorantia et soverchio ardir mi toglie di credito, tanto la raggione et il solo interesse cristiano, qual me muove, mi presta d’autorità.

Pensava, Rev.mo Signore, che le cose dece anni per opere provate non bisognasse provarle ogni giorno con parole, chè come il Signor Nostro dice: Ipsa opera quae ego facio, testimonium perhibent de me, onde la perfettissima uita di septecento frati ueri mendicanti, laudata hor mai da tutte le città d’Italia non ne fusse in dubio persona alcuna; et quelle maxime che son più da cinque anni che dicevano che volevano ancor vedere un altro anno come questa sancta reforma sequisse. Et con questo colore ferno chiudere la porta, che frati de la Observantia non possesser venirve con dir che quelli se reformariano: et questi non potrian seguire[24]. Et cossì quando con la porta aperta et quando chiusa, han sempre dato ad intendere che la Obseruantia se reformaria. Et come chiaramente se vede quella se è continuo allargata. Et questa è continuo augmentata in ordine, in spirito, in numero di perfectissimi et doctissimi patri, sichè le S.e V.e Re.me deveriano hor mai esser securi che è opera di Cristo. Et li loro sancti Capitoli con un Rev.mo Cardinale, e del primo ordine, oltra l’altre sue degne qualità, che ne fa fede l’infiniti lor boni exemplij, le humili et docte praedicationi, non li fussero cagioni di rinovar li affanni. Per donde se cognosce che alcuni, non per ignorantia del vero, ma per dolor del vero cerca fatigarli et far credere che siano in dissentione, odio et errori. Ma al fine questo oro nel foco s’affina et le legna delle loro insidie se consumano.

Molte cose m’han dicto che l’oppongano, che, ponendosi Cristo e San Francesco dinante, saranno resolute.

Prima che paiono Luterani, perchè praedicano la libertà del spirito, che se son subiugati alli ordinarij delle terre, che non han scripture, che non obediscano al Generlissimo, che portano differente l’habito, et che acceptano li frati de la Observantia.

Circa al primo se risponde che si San Francesco fu haeretico, li soi imitatori son Lutherani. Et si praedicar la libertà del spirito sopra li vitij, ma subgietto ad ogni ordinatione della Sancta Chiesa, se chiama errore, sarria anchora errore observare lo Evangelio, che dice in tanti lochi: Spiritus est qui vivificat, etc. Oltra che apertamente dimostrano che non li han inteso praedicare questi che lo dicano; chè si li intendessino, practicassero un poco con loro, intendessino la loro humiltà, obedientia, povertà, vita, exemplij, costumi e charità; li sarriano tanto devoti che piangeriano d’haverli fatti venire quattro cento miglia senza nisciuna necessità, et farli andare ogni giorno per tribunali fatigando, solo per posser in pace observare la loro povertà.

Al secondo de subgiucarse alli ordinarij, se responde che non se fe’ mai più humile et più cristiana opera di questa, che anchor bastasse dire: che chi biasma questa ordinatione viene contra la mente di San Francesco, il quale ad suo tempo tempo puose questo medesimo in observantia; et perhò epsi, come quelli, che non mirano in altro che redurse alla pouertà della regola et mera intention del suo autore, non in li cantoni privatamente, ma nel capitolo publico ultimamente da lor celebrato, hanno non innovato questo articolo, ma, essendo stato corropto da altri, ristauratolo e reductolo a la prima observantia, chè sottoponendose primo alla Sanctità di Nostro Signor come ad capo, se vogliono stare alla obedentia, de li prelati, lo fanno come ad membri di tal capo: et è molta più humiltà et devotione di colloro che vogliono, et dicano altrimente, vedendose maxime lo scandalo che segue et de la ruina delle anime da questa dissentione et altercatione, che seguita tutto il giorno ne le città et diocesi; di che sento parlare con signori che ne hanno vera experientia.

Circa le scripture se risponde che quante ne sonno expedite in l’ordine di San Francesco in tanti anni, cioè quelle che strengono et che son fundate sopra l’obervantia et la regola, tutte son dirette ad questi patri, come quelli che se sforzano quanto è possibile puramente observarle: oltra che hanno la copia autentica de la bolla concessa ad questa congregatione per la sancta memoria di Clemente, qual non deve servire ad particulari, come molte scripture di Papi passati determinano, Ce son de più li brevi che confirmano lo Capitolo et lo presente Vicario, et altri brevi, benchè le miracolose scripture ch’hanno sonno le ferventissime opere, che denotano ciascuno d’epsi et tutti insieme havere la bulla de le piaghe di Christo nel core et li brevi delle stigmate di San Francesco ne la mente confirmate da infinite benedictioni, che ogni giorno hanno havuto et hanno da la Sanctità di Nostro Signore; et acceptano tutte quelle scripture, che li ponno stringere l’observantia della loro regola, et quelle che in alcun modo la allargano tutte l’han renunciate et renunciano.

In quanto che non obediscano al Generalissimo se risponde che se vede, se prova, se sa[25] che la religion de la Observantia have bisogno di reforma, et in tre loro capitoli generali hanno concluso reformarse et poi non l’han fatto, nè possuto fare: immo in li Capitoli provinciali poi han guasto, et dalla radice funnitus extirpato ogni principio di reformatione. C’è sopra di ciò una bolla de la sancta memoria di Clemente che ce l’ordina et doi brevi de la Sanctità di N.e S.e, l’uno impetrato da loro, l’altro da questi, si che chiarissimamente hanno bisogno dir reformatione, et perchè tutte le riforme fatte tra loro son guaste, et questa sola, che non li è subgetta augmenta, bisogna che stia separata, che como le S.rie V.R.me sapeno[26], quelli che odiano la reforma in sè stessi, l’odiano anchora ne li altri. Perchè pare che quel bianco scuopra più il negro loro, et questa è la potissima causa di tanta persecutione ad costoro. Hor se non la ponno comportare absenti, como la potrian comportar presenti? Anzi li pigliano ad consumar di sorte che o bisogna che se ne fugano, o concorrano con gli altri exclamando solo ad Dio, qual per sua pietà l’intende. Et il R.mo Sancto Croce sa quanto exclamava luy che la religion se reformasse, et non so in che modo adesso voglia guastare, impedire et ruinare quella opera, che se pò dire che Sua Rev.ma Signoria ne dette occasioni, maxime sapendo che da tanti anni in qua sempre se sono allargati, come da quel che se vede publico nello habito, nelle cerimonie, nelle fabriche, nelle musiche, nelli testamenti che acceptano, nel conservar che fanno, nel modo di esser propietarij coloritamente, se pò intendere quel che per honestà se tace. Ma son cose contrarie ad ogni reforma, qual anchor che con molto dispiacere loro per honor de Dio et zelo de la verità le diranno loro alle S.V. Rev.me. Oltra che lo General, ad chi questi obediscano, è il primo di San Francesco; se loro obtennero mutatione al loro proposito, per non havere contraditione al largo vivere, questi anchora per posser viver stretto, et in pace hanno obtenuto altro, non per che questo General sia meglio di quello, ma per che questo non li impedisce, non se ne impaccia, et non li odia, maxime che se vede quanto questo sancto Generalato l’ha offesi et l’offende, et quella ambitione li è cagione d’ogni male; et prima andariano per le selve questi poveri padri che arrisicarse alla certa rovina[27] loro. Et se cognosce che non è per poca humiltà che se subgiugano ad tutto il mondo, ma per non esser impediti, nè revolti da si sancto proposito. Immo penso che sia obligato ogni buon et tanto più Sua Sanctità et le S.e V.e R.me favorirli, defenderli et proibir ogni cosa che in ciò li fosse sospetta, non che contraria, acciò che quel ch’han promesso ad Dio et ad San Francesco, senza timore se possa securamente observare. Pare una disputa di ambitione che vogliano sian subgetti immediate per ruinarse, et non mediate, como stanno per substinerse.

In quanto al ricever di frati, che è quello, unde, al mio giudicio; orta est haec tempestas, ciò è voler chiudere più che Dio non vole questa porta. Oltra ce siano molte cause, che m pongono gran pagura[28] che chi lo fa dispiaccia a Dio, dovendose ricordare di quel dicto del Signore: Ve[29] vobis qui clauditis regnum coelorum. Ce son tanti oblighi che tenemo tutti di aiutare, spronare et infiammare li homini a la via de Dio, et le religioni alla professione loro, che deveriano andar pregando frate per frate, et secular per seculare che se reformasse.[30] Nè posso intendere per che San Francesco debbia haver minor sorte che gli altri Sancti in questa Corte. Come le Rev.me S.V. sanno[31], nell’ordine di San Benedicto son circa diece reforme, tutte separate, immo se vestono bianchi per più separarse dal negro; et è necessario ogni modo di separatione. Sancto Agostino et tutte le religioni hanno fatto reforma. Hor che maraveglia è che San Francesco vogli che doi volti se siano reformati li soi, l’una prima mediocremente, quest’altra perfettamente, et che ‘l suo sancto habito, la sua evangelica regola sine glosa se observi ad tempi nostri, et che ne abbia exclusa ogni prosumptione di fundatore e di frasche. Che benchè fusse un fra Matteo sanctissimo huomo, che cominciò questa reforma, il quale vive hogge et sta fra questi patri, et curando di ambitione, andava praedicando quando se fece la bolla de la sancta memoria di Clemente, pur dico che San Francesco è il fundator lui, nè questi hanno altra guida, nè camino con altro lume.

Sanno le S.V. Rev.me quanto mons. Sancta Croce se fa cavaliero sopra il scandalo, che vol dare ad intendere che nasca dalla reformatione di questi poverelli? Non è piu che quanto lo figura et ingrandisce lui, immo è somma edificatione et utilità di tutta la religion di San Francesco et alli doi terzi di frati observanti. Non vò dire più, che potria dirlo, dispace la persecution che ad questi se dà. Anzi ogni dì scriveno con grandissima istantia che preghino Dio che possano liberamente andare ad reformarse, et per amor di Dio li pregano che resistano alle persecutioni, che insistano per la fraterna carità ad aiutarli, perchè ad lor è prohibto lo parlar, bisogna che in secreto scrivano. Immo le carceri, le croci, li minacci son tali che li convien mostrarse inimici di cappocini, et de la vera observantia, di quel che a Dio han promesso. Et si le S.V.Rev.me fusseno nel core di costoro che sanno che pena fu la loro mentre li vixero aspectando oportunità di andar ad questa reforma, che non c’è nisciun d’epsi che non habbi aspectato diece, dodeci et venti anni con speranza che là se reformassero, li avrian compassione, quando receveno. Et si ‘l Rev.mo Protectore et diece, che governano, la pigliassino per un altro verso, non ce sarria mai stata parola, maxime si dicessino: questi son nostri fratelli, del medesimo padre figliuoli, hanno più austerità, Dio li inspira et dà forza di observare quella rigidità, che prima se ordinò. Non vogliamo impedire quelli che vogliano seguirli; immo godiamo di vedere la nostra regola nella prima purità, et noi ad poco ad poco ce anderemo reducendo almeno alle glose de la regola. Starriano quieti et contenti tutti, perchè tra la religion di San Francesco sarria bonus, melior, optimus. Et si pur non possano redure l’altre ad quel che conviene, almen non offenda questa, che è la più perfecta, che pareria inditio di poca voluntà al servitio de Dio, al vivere christiano, purità evangelica et seraphica regola. Et non se chiame danno quel che è chiaro guadagno a la Chiesa di Dio. Se quelli de l’Observantia[32] vengono ad questa strettezza, vanno per certo pur ad San Francesco. Che perdita nasce per questo ad Dio, ad Sua Sanctità et a l’ordine? O son buoni, o son tristi questi, che vanno ad reformarse, si son buoni, è segno evidente, che fra epsi non ponno observar bene la regola loro; se son[33] tristi, devono havere caro di purgare di questa feccia la loro observantia: o vengono per spirito o vengono per sdegno; si per spirito, è grandissimo et mortal peccato ad impedirli, si per sdegno, felicissimo sdegno, che poi li fa si perfettamente vivere, come se vede. Benchè questa è falsa obiectione, nè è da credere che per fugire una disciplina piglieno una perpetua penitentia, et per una ambitione di non havere un officio (come dicano) vadino ad perder per sempre ogni grandeza di officio et di ambitione. Nè comanda San Francesco che con carceri, morti et supplitij[34] se sostenga la sua regola, ma non humiltà, povertà et carità. Chi recusa l’obedientia per carità ha si poco amore, che non andarà ove non è altro che amor et carità; maxime che hanno mille modi da fugirla. Come se vede, che ogni anno ne escano da quattrocento per altri habiti, che per quelli di San Francesco. Onde se cognosce che non duole l’andar di frati alla perfectione, ma la poena di non dare ad intendere di essere i primi alla strecteza, como han fatto da molti anni in qua in causa questo rumore. Ma Dio non vole che quest’argento[35] non se scuopra hor mai da questo oro. Et che per venti frati, che hanno questa fantasia, se consenta che tanti centenara di persone ogni giorno inganneno Dio, la professione, il voto, che fanno, et tutto il mondo, chè la maior parte de la religion se ne duole. Et quasi in tutte le città, quando vedono l’une et l’altre scripture, dicono ad quelli de l’Observantia che consideraranno la cosa, et ad cappoccini che vadino ad vestirli. Si che non so per che con argomenti humani se guastino li divini, con nuove leggi se rompeno l’antique et sancte constitutioni de la Chiesa, che permettano il restringerse ad qualunque persona regolare et la optima intention di Nostro Signore che Cardinale li difese, et Papa li duole del fastidio che in ciò li danno, di modo che si se chiude nuovamente, è ruina[36] di tutti buoni. Meglio è dunque determinare con la ragione, con Christo, con Paulo, con le leggi, che indivinare col nostro giuditio.

Nel stato, in che questi se ritrovano, se vede il mirabile utile, che fanno: et quanto crescano in numero et perfectione. Io non so como le S. V.rev.me non tremano ad mettere la mano in cambiare una minima cosa del vivere et essere loro. Questi non domandano grandeza, non vogliono essere ricchi: solo per amore de le piaghe del Christo et de le stigmate del patre loro pregano che siano lassati stare ne la pacifica quiete de Dio et vera observantia de la loro regola. Et certo da questo molestarli ogni dì nascono tre inconvenienti grandissimi: primo il favorire, fomentare et notrire li relaxati nel stato et largheza loro et farli parere invidi, superbi, ambitiosi et privi di carità et di ragione. Secundo il male odore, che se manda in tutte le città de Italia et fuor de Italia, ove hor mai son noti questi che habbia tanta repugnantia l’optima vita loro; per che ciascuno vede le bone opre loro, ma non ogniuno intende qualche syreneo canto che li offende. Tertio, perchè si non se ne parlasse più, quelli per non cadere se emendariano ad poco ad poco, et questi per mantenersne acceptariano pochissimi altri et tutti ferventi, como già in questo capitolo hanno expressamente ordinato; si che per lo amore di Dio e del officio de le S.V.Rev.me vogliano aiutarli. Et sappiamo che bisognaria conversare con l’angioli, per observare questa santa regola. Como ponno dunque esser rubi incombusti, che stiano nel foco senza brusciarse. Et si non fusse volontà de Dio che cossì simplicemente se obseruasse, nè quel gran Sanctl’havria fatta, nè quel bon Papa l’havria approbata, nè tante volte se saria reformata; immo quando il Papa primamente l’approbò, ce fu qualche repugnantia di Cardinali et un Cardinal spirato da Dio disse: si Vostra Sanctità non approba questa regola, bisogna negar l’Evangelio di Christo, ove è fundata. Hor quanto infinito ben fece quella sola parola, parlando di cosa dubia futura, et quanto infinitissimo ne portan fare le parole de le S.V. Rev.me, lodando questa reforma già diece anni ordinata, conservata et cresciuta. Questa è la vera vocatione ove son chiamari tutti li frati di San Francesco. Queste ferventi predicationi ponno fare utile alla Chiesa de Dio, si che io non credo che Dio permetta questa impropria tribulatione si non per che il lume loro penetre più l’interni occhi de le S.V.Rev.me. Et ne facciamo capaci li altri acciò che in pace preghino per Sua Sanctità et per le Rev.me S.V. et non habino occasione di andare exclamando et piangendo ad Dio ed ad Sua Sanctita di questo torto; nè si dia occasione d’allegrezza ad tanti heretici che ce ne sonno, che se vede hoge il mondo come sta et ad quante cose se deve attendere. Et questo solo nerbo de la fede di Christo, del servitio di Sua Sanctità et de la Chiesa se vole rompere o attenuare, cosa extremamente da fugire. a la prudentia de le S.V. Rev.me

(autogr.). Circo l’abito me par si impropria querela che non ce convegna resposta; oimè se comportano mille abiti lascivi, se consenteno mille varietà alle religioni fundate senza proposito, se comporta che per parer un ghelfo, l’altro ghebellino portino li pennacchi contra la scomunica, et questi non ponno renovar l’abito del glorioso patre loro, qual per mostrarsi si despetto et povero al mondo da grandissima devotione, immo non ce è frate devoto che sotto quel capuccio non comporti ogni fatica, pensando che chi lo portò, et li serve per una cellina ove ponno sempre meditar li affari loro; et non senza causa quel gran Sancto lo portò et poi di lui sexanta anni, el che l’imagini, sigillo, reliquie et pinture chiaro dimostrano.

Hor che proposito ce è di cambiar l’obbedientia, ove X anni son stati con summa perfettione questi, per satisfare l’ambition di quelli, a quali se sa el danna che li ha fatto et fa el Generalato? Che convenientia vole che se manchi alla legge anzi che costitutione alla carità e alla ragione ai questi, per che se tema el disturbo mondano circa l’intrare a stregnersi? Et che conscientia fate che se toglia la devotione del abito a questi per la passione di quelli? Signor mio Rev.mo non li ruinano capucini, immo li edificano; li ha fatto danno el Cardinalato protectore et Generalato magiore, et delle pecunie et delle indulgenite et favore attendano a levar le loro superfluità a gli errori, et lasseno in pace questi poverelli, et V.S. che più el cognosce non serrà scusato innanzi a Dio, se i respetti humani l’intepidiscono; chè Christo non ebbe respetto a morir per noi.

Serva di V.S. Rev.ma La Marchesa di Pescara

(Al Rev.mo Monsignor mio Contarino. So ben non bisognava mandarla a V.S., ma per amor di Christo habia patentia di legerla, quando potrà.)

12. Vittoria Colonna Ambrogio Recalcati, between May and December 1536[37]

R.do Segnor,

Desidero saper como sta et questa sorte de zuccaro più stretto potrà provare, benchè l’altro me par meglio. Parlai con Trani per seguir el parer de V.S. et credo che farria ogni bene perchè cognosce el fra Lodovico esser un seditioso pieno de mille insidie e sedutto da Santa Croce et da molti alla ruina de questa povera congregatione. Ma perchè madonna felice gliel recomonda molto, temo che mostri ver lui una carità crudelissima perchè verria in danno de molti. Ch’l medesmo Trani a viste cose stranissime che lui machinava: puro, havendo trovata Sua S.tà tanto benigna che più non potria dirse, me par ce fidamo de Trani, perchè, se manca, la Sua S.tà lo remediarà, et vede tutta pia la intention mia et del vicario: si che la S.V. potrà farme gratia mandar a dire a Sua S.tà che quel moto proprio justissimo che li detti sia servita soprasederlo: perchè Trani faccia bene, che la Sua S.tà se degni dirli che per ben de questa congregation releghi costui lontano de Roma et che se stia li senza poter nè ordir, nè tessere con un compagno solo sin al capitulo et, a ppena de scomunica, non parta et se intenda starvi a obedientia del vicario: et V.S. ancora ne astenga assai Monsignor de Trani non mostrando naschi da me che diffidi de lui in cosa si justa. Et per certo fu stranio che sua R.ma S.ria aceptasse ditta appellatione; chè sì prova chiaro frati non appellano mai; nè bisogna più far generali, se frati per correttione appellano a cardinali et questo lo ha fatto contra el breve del papa. Perdoni V.S.

Al comando della S.V.R:da

La Marchesa de Pescara

Monsig:or de Trani dice volerlo religar et troncarli ogni ala e ogni modo da machinar: ma per madonna Felice temo, onde bisogna firmar ben con lui che lo faccia; perché tale è la necessità et la voluntà del papa, ancor el justo fosse darlo al suo vicario.

13. Vittoria Colonna to Eleonora Gonzaga Della Rovere, 27 June 1536[38]

Illustrissima Signora mia.

Perchè ogni dì parlamo lo imbasciator et io delli affanni de quella fortunata signora, me ne remetto a lui circa lo advisarne Vostra Signoria; la qual, como per una altra mia haveràinteso, stia sicurissima che mai da lei ce è stato un defetto al mondo, anzi summa descretione et patientia. Signora mia, il li mando ogi un mio a parlare e sapere se a lei pare, senza altra licentia del marito, venirsene a Sora, el che io iudicaria per ogni respecto bene, et pigliare questa colpa sopra di me, d’esserne stato cagione. Se in questo mezzo vien la voluntà del marito procurata dal signor Ascanio, al qual lo ho sollecitato per doi staffette che andavano, bene; se no et ne avenga el contrario, ce attaccarimo sopra lo haver ditto de sì la Duchessa da Tagliacozzo[39] e il signor Ascanio. E como è lì, se portà far ogni cosa meglio; pure intenderò la voluntà sua de lei stessa. Et prima se li piacerà et vederò quello responde Vostra Signoria et così farrò. Signora mia, se pur quelli replicassero a non voler che la venga in Sora, tanto potrà tardar, quanto io vo ad Arpino, che serrà fra XX dì; che allora io la farò venir in ogni modo, che ce andarò a posta. Et à bene non pubblicare niente, chè non vorria sella conducessero altrove, chè questa gente è tale, che mai Vostra Signoria con la sua bontà el potria credere. La S.V. tenga per certo che ne ho l’ansia, che pò haver lei, et spero la sua bontà la farrà vincer tante dificultà, che in sì tenera età se gli para dinanzi. Suplico V.S. me faccia gratia mandar subito le alligate al loco de’ capuccini de Fossombrone[40], chè questa povera congregation ha hauta una gran persecutione adesso et che vedendo Santa Croce[41] (che la ha presa in odio perchè scopre troppo i difetti de quelli de i zoccoli[42] non poter per via del Imperatore offenderla, qual da Napoli scrisse al Papa contra de lei, et poi intesa la verità cella ha raccomandata, ha preso expediente de turbarla, et mosso un fra Lodovico, che ha un cervello balzano, e reduttolo a mille inconvenienti, che in Capitulo se voleva uscir con quanti posseva, et fece la alligata patente contra ogni convenientia: chè merita ogni male chi dice difetti veri, quanto più i falsi, ultra infiniti altri errori. Dio li ha remediati, ma puro ha hauto tanto favor da Santa Croce che non se è fatto quel che conveniva, onde bisogna refaccian Capitulo per levarli le gratie li haveva concesse, sperando le usassi in bene, chè mai potria dirse quanto errore ha fatto a metter a disputa così puro oro, como è questa congregation; che, creda V.S., da lui in poi vivon tutti como nella primitiva Chiesa. Se appillò al cardinal de Trani,[43] perchè non volea obedire, dicendo che ‘l vicario nol lo pò comandare, non considerando che quel frate che appella è scomunicato, e che tuttochè li habia fatto ogni favor possibile, pur lo ha cacciato de Roma. Dice andarà a Fossombrone a inquietar il V.S.; me creda, che heri me son comunicata, che costui è apto a ruinarla, et si mostra humil, ma molto grasso. Se pur venisse a V.S., de gratia per humiliarlo un poco, mostrili che fa grande errore a non voler star in obedientia, che ce stette San Francesco; che ‘l Vicario li fa partito che stia dove li piace, purchè io non penso se non al ben comune. Et così anco prego V.S. faccia dire a quei frati che non li credano cose che dica, che in Capitulo sapranno la verità et vedranno le scritture. El povero fra Belardino ha voluto morir delle insolentie de costui;[44] ma Dio voleva purgar questa cosa e publicar questi occulti veneni, che a poco a poco la haveria redutta alla obedientia de’zoccoli; che como fosse, li serria ruinata como tante altre reforme fatte fra loro, tutte già guaste. Questa sola se preserva, perchè con licentia del Papa se io haverò mai gratia a Santa Maria de Loreto, over spero andar presto, de parlar a V.S., saperà con quanto ordine de Dio se governa questa povera reforma perseguitata da tutti li homini troppo mondani; et quanto, Dio perdone, ha fatto mal questo fra Ludovico per istigatione de che la vorria guastare; ma si Deus est nobiscum, quis contra nos? Baso le man di V.S. e la suplico me comandio sempre. Da Roma, a XXVII de giugno.

Al servitio de V.S. Illustriss. Deditiss.

La Marchesa de Pescara.

(A la Ill.ma et Ex.ma S.ra mia la S.ra Duchessa de Urbino.)

14. ‘Cedula’ of Bernardino of Asti[45]

Boverio, Annali de’ Frati Minori Cappuccini, an.1536, nn.16-22 (I:301-304)

L’ann. di Christo 1536: di Paolo III: 2 di Carlo V: 18 della Relig. 12

(16) Non si perdè punto di tempo, furono eletti i Cardinali. E mentre contestata la lite fra le parti, si bilanciava con molta diligenza questo negotio. Fra Bernardino Generale, intimato per tutta la Religione il digiuno, ed istituite orationi particolari, con le quali si raccomandasse alla Divina clemenza il grave pericolo, che soprastava alla Riforma, diede opportunamente al Cardinale Antonio Santa Severina, uno de’ tre eletti, che favorivano la parte de’ Cappuccini una cedula, in cui fi toccavano i capi delle rispiste, e le ragioni principali, colle quali si regettava l’union pretesa dal Generale de gli Osservanti. Si conserva questa cedula nel nostro archivio di Roma, & è del tenore, che siegue. [Boverius]

(17) Questo è il duodecimo anno, da che preßo di noi furono gittati i primi fondamenti della Congregatione de’ Cappuccini, accioche in essa con maggiore austerità professassimo la vita e la Regola del Beato padre S. Francesco. E se bene non è mai scorso giro di tempo, da che vide i suoi natali sin ad ora, nel quale non sia stata combattuta gravamente da quelli, i quali cospirarono contro di essa per estirparla; si è però sempre mantenuta, anzi è di tanto cresciuta nel numero, e nella moltitudine, nell’osservanza religiosa, e nel fervore; che tutti sono tenuti di concludere in essa la virtù Divina, ed un che di miracoloso, e di celeste.

(18) L’Ordine dell’Osservanza, e per consequenza l’istesso Generale, non niegano, che non siano in estremeo bisogno di Riforma, e perciò vanno promettendola ogni giorno. Lungo tempo l’abbiamo attesa, ma fin’hora non si veggono che dilationi di giorni, di mesi, e d’anni. E come potranno accoppiarsi insieme queste due cose? Cioè un’ottima, e perfetta osservanza di Regola in quelli, che sono già riformati, e ne gli altri publica inoßervanza, e necessità di riforma? In qual modo sotto un medisimo capo poßono accomunarsi insieme membri tanto disgiunti, che in un sol corpo convengano quelli, che vivono austerissamente conforme al Regola, e quelli, che delicatamente vivono fuori de essa Regola? Qual comunicamento può ritrovarsi frà la luce, e le tenebre? Qual’unione frà Christo, e’l Demonio? Et in somma dovendo il Pastore andar’avanti alle sue percorelle con la vita, e coll’esempio, & essendo proprio ufficio dal capo l’influire all’altre membra spirito, e vita: come potrà rettamente governare le pecorelle, e guidale co’l suo esempio sù’l dritto sentiere dell’oßervanza religiosa, chi cammina per strada totalmente contraria? Ò come potrà, facendo ufficio di capo, compartire all’altre membra spirito, e vita religiosa quegli, che di relogare (sic) osservanza non hà ne vita, ne spirito? Niuno puo dar quello, di che è privo. Si che sarebbe più tosto necessario, che il capo contro la dignità propria ricevesse da’ membri il vigore, e la vita: overo, che sotto di questo capo, (il che più comunemente sole avvenire) s’estinguesse anco ne’ membri ogni vigore, ogni vita, et ogni spirito. Et in questo modo quell’ubbidienza, la quale è indirizzata all’osservanza della Regola, distoglierebbe i Religiosi dalla stessa osservanza, e li guidarebbe all’inosservanza. Ma tocchiamo il punto più chiaramente.

(19)Non è ordinata la Regola del nostro padre S. Francesco all’ubbidienza, ma l’ubbidienza alla Regola. Ogni volta che attendiamo ad oßervare perfettamente la Regola sotto l’ubbidienza di N. Signore Paolo lll. Pontifice Ottimo, e de’ nostri Superiori, perche hà egli ad imporcisi un’altro giogo d’ubbidienza non tanto utile, quanto al sicuro dannoso all’osservanza religiosa? Non mostriamo noi alcuna renitenza nell’esser soggetti al Ministro Generale de’ padri Conventuali, perche lo giudichiamo megliore, e più zelante di quello dell’Ordine: ma perche non c’impedisce nell’ oßervanza della nostra Regola, ne hà in odio i Cappuccini, non li perseguita, non si mostra loro nemico, non li carica di villanie, non lacera la loro fama, e buona riputatione presso de’ Secolari. Et essendo, che il Generale de’ Conventuali, riconosce quello de gli Osservanti come capo di tutto l’Ordine, mentra la Congregatione de’ Cappuccini è soggetta al Ministro Generale de’ Conventuale, viene ad essere (benche non immediatamente) anch’ella soggetta al Generale dell’Osservanza. Ben sappiamo noi, che non per oltro fine, ci vorebbe il Generale aver soggetti, e poterci governare à suo talento, che per ridurci al niente. Ne v’hà intorno a ciò alcun dubbio; perche chiaramente si scorge, ch’eßendo andata per terra ogni qualunque Riforma incominciata sotto il loro comando, solo questa de’ Cappuccini per esser’ esente dall’ubbidienza dell’ordine, si mantiene ancora in piedi, anzi si vede più florida di giorno in giorno. Et perche spontaneamente confessano, che non si può riformare tutto l’ordine, essendo cresciuto al numero di trenta milla Frati; con qual ragione hanno tanto pizzicore, che questo sì picciol numero di Cappuccini, i quali hanno ritrovata facile, non che possibile la riforma, e l’osservanza della Regola promessa al Signore, spunti, e fiorisca felicemente? Non veggono, che mentre con guerra tanto crudele, con tanta ingiuria del nome Divino, e scapito della propria riputatione aspirano ad aver sopra di noi questo impero, altro non fanno, che mettere più in chiaro à gli occhi di tuti, che sono guidati da carità, ne da buon zela, ma da zelo d’invidia, e di timore di non restar privi delle consuete elemosine, overo di non perdere in parte quale credito, che prima avevano; per questo particolarmente, che vedono i Popoli mancar’ in essi quel perfetto esemplare di religiosa osservanza, e di vita evangelica, il quale mirabilmente risplende trà i Cappuccini.

(20) La perfettione dell serafica, ed evangelica Regola non consiste nelle parole, e nelle cerimonie, ma nella verità, e nello spirito. Laonde il padre S. Francesco chiama nella sua Regola il Generale con nome di Ministro, perche veramente deve ministrare a’ suoi sudditi spirito, e vita. Hora se il Generalissimo si soggettasse i Cappuccini: quale sarebbe lo spirito dell’ubbidienza, che ministrarebbe loro? Non sarebbe al sicuro quello dell’altissima povertà, e dell’ oßervanza religiosa, ma si ben quello, che secondo lo stato presente dell’inosservanza comune gli spingesse alla rilaßatione; onde non verrebbe à ministrare ne spirito, ne vita conforme alla Regola.

(21) Rinovellino adunque, e riformino se stessi quelli, che ci vogliono aver soggetti; e cessino di perseguitare chi vive in perfetta Riforma. Incomincino, come comanda la Regola ad esser seguaci della povertà, dell’austerità, e dell’umilità del Serafico Padre. Circoncidano tanti sontuosi edificij, tanti pomposi ornamenti, tanti ricorsi illeciti à pecunie, e tante cose superflue. S’infervori, e s’infiammi ne’ Prelati una brama ardentissima d’imitar Christo, & il padre S. Francesco, e ne gli altri s’accenda un spirito focoso di puramente osservare in ogni cosa la Regola: si diano à vedere i Superiori veri, e legitimi Pastori, i quali non per altra parte, cioè per favori, e subornationi entrino à forza ne gli onori: ma per la porta dell’umiltà siano rapiti alle dignità, & alle Prelature. Pascano con la dottrina, e con l’esempio l’anime à lor comesse; Ne persuadano à se stessi, overo à gli altri eßer cosa impossibile ciò, che veggono farsi sovente, e dimostrarono esser possibilie il nostro S. Padre, i suoi Beati Compagni, e tanti altri, che à questi seguirono; E quando averanno richiamati se stessi, & i loro Conventi alla perfetta forma dell’osservanza religiosa, all’ora senza un minimo contrasto si portà co’ voti di tutti descretare, e stabilire questa unione frà di noi. All’ora si faccia un sol’Ovile, & un sol Pastore: percioche buono parimente sarà il Pastore, che precederà le sue percorelle. Ma mentre sono frà di se discordanti gli Ovili, & il Pastore dall’uno d’essi è conosciuto, & all’altro è incognito; non può esservi un sol’Ovile, ne d’amendue eleggersi un sol Pastore. Principalmente non riconoscendo il nostro Serafico padre altro Ovile, ne altro Pastore, che quelli, i quali insieme concordano nell’osservanza della Regola. E per tanto subito che vede la Religione traviare da questa osservanza, per non restar privo affatto dell’amato Ovile, sveglia nuova Riforma. E perche questa nostra de’ Cappuccini, come quella, ch’è delineata più al vivo conforme all’idea del principio dell’Ordine, cosi ancora sormonta in perfettione tutte l’altre Riforme; perciò non è maraviglia invero se patisce maggiori contradittioni, e sia stimate da tutti come immondezza, e spazzatura, siche vivendo pacificamente tutti gli altri tanto i Conventuali, quanto i Zoccolanti arrolati sotto l’insegna del Serafico Padre, come se aveßero toccato la meta dell’osservanza religiosa, solo i Cappuccini siano molestati, e combattuti, come traditori della lor Regola.

(22) A questo particolarmente devono il Sommo Pontefice, & i Cardinali applicar gli animi loro, e porgere aiuto à quelli, i quali ritornano al mondo la norma della vita evangelica, e fanno risplendere Santa chiesa co’ luminosi splendori delle virtù, e de gli esempi d’ una vita perfetta, e tanto più spalleggiarli con l’autorità loro, quanto maggiormente li veggono molestati, e travagliati da quelli, che mettendosi sotto a’ piedi al regolare osservanza, non s’arrossiscono, e non temeno di macchiare la fama del Serafico padre, con dire, ch’egli non portasse ne il Cappuccio quadrato, nell’Abito di panno vile, quasi che gli abiti del nostro Beato padre, e de’ suoi Compagni, che sono riveriti nel Mondo come degne reliquie, & i quadri, e le pitture, che si veggono in più luoghi non ne facessero pienissima fede. Ma perche non è l’abito, che faccia il Monaco, ma ben si la virtù, tralascero tutto quello, che non fà al nostro proposito. E solo prego il Signore, che conceda loro lo spirito della santa Riforma, affinche più saviamente, e con maggio verità possano discorrere di cose di tanto rilievo. Questi furono i punti, ch’egli toccò succintamente nella cedula.

15. Vittoria Colonna to Ercole Gonzaga, from Monte San Giovanni Campano, 22 April 1537[46]

Ill.mo et R.mo Mons.r mio obs.mo

Poi deprovata la mula di V.S. me par ringratiarla de novo ch’è bonissima et serve molto bene. Essendo in Arpino passò dellì il padre fra Ber.no et li vennero le alligate del S.r Don Ferrante[47], et perchè el P. de Salerno[48] hebe lettera dal Cardinal Sanseverino[49] che se contentava S. S.tà che a preghere di decto P. andasse a Salerno, lui ha risposto che li seria molto caro andare in Sicilia, ma che Su S. faccia lei, perchè bisogna vadi dove li è comandato. Il Marchese del Vasto[50] ancora molto lo desidera sì che se vede sempre la bontà de le S.rie V.re, che a lei como al S.r Don Ferrando piace, ma non lassarò dirli che un Spagnolo me scripse che in casa del nostro Car.le, amico se andavano glosando de falsa invidia le sue sante parole. Credo certo non con volontà del dicto Car.le, perchè se non son tornati li Neroni, che il lume de Dio li sia odiose, et che le cose, ove son migliara de sinceri testimonij se possano extorcere, tanto più che le sue prediche et in Perusa[51] et in Napoli[52] son state tanto scripte da boni et tanto estimate ch’è gran ardir che l’invidia confonda sè stessa, a la quale non c’è altro rimedio che mancar de esser bono, però ogni dì crescerà in lui. Il quale mo che parte ricomando ad V.S. che da tante insidie lo difenda, non per sè, ma per il fructo de tante anime, che se ben altri predica, non moveno, non fanno la utilità delle sue, como se vede. Credo che andarà però verso Roma, benchè sia perplexo; chè se sta, li dicono che cerca o desidera grandeze, se va humilmente predicando: fuge Roma: lui non se escusa, nè parla per non mostrar credere che de lui se facci conto, et tanto tacere potria attribuirse a presumptione: vedeno che a le passate diverse insidie el potente spirito de Christo se fa più vivo, cercano hor caluniar questo lume che havemo et de cqua (sic) nasce che li eretici ce cavan li occhi, perchè como Christo compare a modo de Pharisei andamo a le calunnie, a pervertir le parole, a seminare occulte spine. Io ho voluto advisarne V.S. perchè, ove bisogno, facci l’offitio, che la sua virtù et bontà conviene, chè almeno se non lo amano et honorano, como ne le cità ove non è passione ha facto, almeno lo lasseno ne la sua fatigha salvar le anime; il che se vede fa maravigliosamente, benchè io per mia tristitia non ne habia hauta altra consolatione che de udirlo dire da infinite persone.

Scrivo la alligata al R.mo Santa Croce[53], perchè como Dio sa li effetti, et con S. S.tà ho alcuna volta deslodato. Suplico V.S.R.ma ordini le sia data.

Dal Monte San Io.[54], il dì XXII de aprile 1537.

Serva obligat.ma de V.ria Ill.ma et Ex.ma S.ria

La M.sa de Pes.ra

(Al Ill.mo et R.mo mio obs.mo il Cardinal di Mantua)

16. Ascanio Colonna[55] to Ambrogio Recalcati,[56] from Marino, 7 May 1537[57]

Molto R.do Signor.

Scrissi a Nostro Signore sopra le cose del rev.do fra Bernardino d Siena, et la Signoria vostra in nome della Beatitudine Sua mi ripose benignamente, di che baso li santissimi piedi. Et il scriver mio si causò da esse[re] informatissimo de molti che usano molta diligenza per calunniare il ditto patre, perseguitarlo et impedirlo et forsi farli danno; et essendo esso patientisimo et modestissimo, ci fanno su ogni disegno, et non lassano che escogitare et operare per farli dispiacere; et di questo io ne son informatissimo, intanto che concitano etiam li temporali a faurirlo(sic)(?), vedendo tanta espressa iniquità; e quando io sarò con Sua Santità, ce lo dirò diffusamente, perché ne so chiaro, et da uomini miei tornati da Napoli, et per parenti et amici, ch’ho in quella parte. Hora il detto patre è passato a Roma, dove ho inteso che pur seguitano contro di lui. Per il che si è risoluto (secondo me scrive) non voler partire, che non sia alli piedi di Sua Beatitudine come obedientissimo e fidelissimo, per far l’uffitio li conviene, et m’ha fatto forza ch’io non vada alli piedi di S. Santità, perché tiene la Beatitudine Sua per tale, che Christo e la verità bastino contra ogni contrasto, essendo massime la sua volontà volta all’honor de Christo et della sua Santa Ecclesia; e così son rimasto con ferma speranza che denanzi a Sua Santità possa più il vero di tutte l’altre cose. Questo ben supplico V.S. Rev.da si degni in mio nome dire a Sua Beatitudine che ‘l detta fra Bernardino li è così fidele et devoto, quanto religioso ch’io conosca sopra la terra; et so quello ha detto a me et ad altri sempre; anzi io confesso che in me non è simil o così ardente affettione. Il volerlo calunniare con tanta malignità, non nego che a me fa gran violenza; perché veder persone, che non amano né Christo né sua Santità, mi par molto forte. Ringratio ben Dio c’havemo bon giudice. Se il r.do patre detto non fusse per stare a tutte l’obedienze di Sua Beatitudine et mi volesse far signore del mondo, non lo potrei vedere; ma sapendo certo ch’è per esser obedientissimo et è devotissimo, è necessario me mostri ardente per esso, perché, salvato l’honore et l’ubedienza di Sua Santità et il suo servitio, io dico liberamente che, per quanto giustamente potrò, son per difenderlo da questi persecutori, che fra l’altri ce ne sonno alcuni che non deveriano haver animo alzare la faccia al cielo.

La S.V.R.da mi perdoni se parlo tanto, chè sa ch’io adoro Sua Beatitudine et dove vedo salvo il suo honore, la sua authorità et potestà; e sapendo ch’el detto patre vuol stare all’obedienza di sua Santità, arditamente me riscaldo: immo dirò pur questa parola: L’hanno contate le parole in pergolo a Napoli ad una ad una, per pontarlo e da certe persone che, se fossero contate le loro, non ce ne saria pur una per farne un presente a Christo. Mi conforto in saper chi è Sua Santità, et volesse Dio che di questi pontefici ce ne fussero stati, che non haveriamo tante heresie, nate per esaltare li tristi et discacciare li huomini da bene; et ringratio Dio che m’habbia fatto viver tanto ch’habbi visto un papa che va raccogliendo gli huomini degni et poveri per esaltarli.[58] Sì che io non temo, ma me riscaldo perché so il vero; et quando a questo s’habbia a venire di cimentare le parole et tutto l’esser di questo padre, io son costretto venir a dir quel che padrone universale del mondo et de la potestà de Christo. Alla signora Marchese[59] ho scritto che tutto è rimediato, che son certo lassava il viaggio: chè se va a vedere le pietre dove Christo fu, più conviene aiutar quelli dove Christo habita. Prego V.S. in nome di quella signora et mio voglia parlare caldamente a sua Beatitudine et far quello che faria io; et a Sua Santità basio li piedi, et a V.S. mi raccomando.

De Marini, li .vij. di maggio. mdxxxvij.

17. Carlo Gualteruzzi to Vittoria Colonna, 4 June 1537[60]

Ill.ma et Ex.ma S.ra

Questa mia sarà per far riverentia a V. Ex. dopo la mia tornata a Roma, dalla quale sono stato absente presso ad un mese, in fral qual tempo haveva pure speranza di poterle basciar la mano almeno così a cavallo, essendo ella medesimamente in quel mezzo tempo in viaggio, sì come io sapea ch’ella doveva essere. Ma l’Ex. V. non volle consentirlome, scrivendo non voler che se sapesse la strada che a far havea, credo io per non mi dar occasione di tornarmene consolato a questo veramente nido et ricetto di tribulati. Ma come che il fatto si stia, gionto in Roma, ho inteso V. Ex. esser in Ferrara et dovervi stare per aventura tutta questa estate, laonde non ho voluto, nè potuto mancare di questa humile visitatione, la quale fie non solo per mia parte, ma etiandio a nome di Mons. di Verona mio. Il quale per l’ultime sue scritte in Chambrai dice che è gran tempo che non ha inteso alcuna cosa di V. Ex., et che ciò gli è grave sopra modo, imponendomi strettamente che io in tutte le mie lettere ne gli renda buon conto et di lei et de’ suoi disegni, et ispetialmente del suo viaggio. Alla qual impositione et comandamento io no potrò rispondere senza l’auito suo, degnandose ella farne intender alle volte di sè et dello stato suo alcuna cosa, il quale se le desidera sempre felice.

Mons.r, come io detto ho di sopra, si ritrovava in Chambrai, et doveva insieme col Legato[61] andar a Liegi, luogo neutrale, per ordine del Re di Francis. Il quale, per essere suto ricercato dall’ Inglese di far loro poco piacere[62], haveva fatto intendere che il parea che fosse bene che ‘l Legato non si trasferisse alla corte sua, ma più tosto si fermasse in qualche luogo neutrale in Fiandra. Mons. di Verona andò a basciar la mano a S.M.tà, dalla quale fu rivecuto con molto honore, et s’abbattè appunto andare alla presa del castello d’Hedim.[63] S.S. trovò tutti quelli R.mi Cardinali, che accompagnavano il Re loro, armati in arme bianche, et incominciò a dar loro la baia et motteggiarli sopra la profession che facevano, tutta differente da quella che far doveano.

Io ho scritto a Siena, dove intendo esser hora il padre fra Bernardino, che Mons. di Verona lo desidera haver questo anno che viene alla sua Chiesa. Ma non vorrebbe che l’anno incominciasse a Quaresima, come si suol fare in molti lochi, perciò che quel predicar di alhora li pare cosa fatta a stampa, ma desiderarebbe ch’egli v’andasse come prima potesse. Ho dato l’impresa a M. Lattantio[64], non so come saremo ben serviti: questo dico perciò che temo non sia sforzato andar altrove, che da l’un canto il Vicerè di Sicilia scrive qui a diverse persone che adoperino d’haverlo, et dall’ altro il Marchese d’Aghillar[65] lo vorrebbe per Firenze; pur nonostante questi gran domandatori, non o anchora perduta del tutto la speranza della dimanda di Mons.di Verona, et in gran parte l’ho fermata sul favor di V. Ex. Ch’abbia ad aiutarmi seco, quando pur habbiamo ad haver bisogno d’intercessione et di mezzo appresso di li, che appena il credo, sì è tutto disposto al compiacer gli amici et servi di Christo, et ispetialmente quelli che sono inviati alla strada, che esso medesimo predica al mondo.

Non mi resta a dir altro per hora se non raccomandarmi infnite volte a V. Ex. et con quella maggior reverentia che io posso basciarli la mano con questo inchiostro, poscia che altrimenti per hora non m’è dato poterlo fare.

Di Roma, alli IIII di giugno MDXXXVII.

Di V. Ill.ma S.

Devotiss. Servo Carlo Gualteruzzi

(Alla Ill.ma et Ex.ma S.ra la S.ra March.sa di Pesch.a, mia S.ra et Patrona osser.ma a Ferrara.[66])

18. Vittoria Colonna to Ercole Gonzaga, 12 June 1537[67]

Ill.mo et Rev.mo Mons.or mio obs.mo

La mia intentione, como V.S. R.ma sa che li scrisse de quel[68] remetter de danari, hera firmarme in Mantua non possendo per hora passar in Ierusalem; poi per timor che lì se congregasse molta gente per il Concilio,[69] pensai stare in Venetia, finchè posseva passare; poi a Dio è piaciuto che sia qui in Ferrara molto quieta e consolata. Dio gratia, chè la Ex.tia del Duca[70] e tuti me satisfanno della mia desiderata libertà de solo attender alle vere carità et non tanto misturate como quelle che se causano dalla conversatione. Piaccia alla bontà divina che queste hore tutte mie le spenda de modo che non ne sia niusciuna mia, ma tutte de Christo. La mia S.ra Duchessa de Urbino me disse che V.S. verria qui: hebbi molto caro per imparar dal suo bono et da lui mal trattato spirito alcuna cosa. Scrissi a V.S. de quelle tele ordite dalla invidia contra el padre fra Belardino, et perchè V.S. partì subito, non vorria rimanesse con quella ombra contra la luce, che lui ha da Dio. Li dico che per lettere de molti intendo che fu in Roma, et il papa e tutti i boni li ferno grandissime carezze, et che onora la Chiesia, et che vada con tutta la benedittione possibile, che se vedeva dalli mirabil frutti nascer l’invidia, et ogi me scrivono l’alligata, sì che molti il dimandano et io lo vorria lì in Mantua, che me pareria ove V.S. l’aiutasse a far frutto. La prego me faccia intender se crede serria per fare opera in servitio de Dio, perchè in qualche modo vedria de impedir l’altri, ma[71] non bisogna dirne altro; li basta me advisi el suo parere, et Dio lo mandarà over più lo servirà. Faciame gratia dire al S.r Duca e madama che li baso le mane, e quel S.r, che li ha aperta le mente e mollificato il cuore, se degni farcerlo arder del suo fuoco e perficer nella sua gratia.

Da Ferrara, a dì xii de giugno.

S.va oblig.ma de V.S. Ill.ma et Ex.ma La M.sa de Pes.ra

Cardinal Gonzaga prepared a reply, but since he went to Ferrara himself the letter was not sent. It is found in Carteggio, p.145-146, note 1.

Alla Marchesa di Pescara.

Ill.ma Sig.ra mia osser.ma. Hebbi a questi dì una di V. Ill.ma S., che mi fu di molta satisfatione per havere inteso essa con quanta quiete del animo la si stia costì in Ferrara, dalla qual cosa, perchè so che è molto desiderata da lei, non posso io se non pigliarme piacer grande. Ben è vero che di maggior contento mi sarebbe stato che quella dimora, che V.S. dissegna di fare in queste nostre parti di Lombardia, fusse più presto stata qui in Mantova che altrove, ove so che havrebbe havuti di molti contenti spirituali et temporali, che non può havere costì, non perchè il Principe non sia delli virtuosi et cortesi, che io conoschi, ma più tosto per non essere in Ferrara quella regola di vivere nelli preti et altri di Chiesa, che si ritrova qui. Apresso a questo habbiamo uno ospitale che si chiama della Misericordia, tanto ben governato da alcune di queste gentildonne, et in sè così buona et pia opera, che mi rendo certo che sarebbe stato materia degna del spirito et abbondante charità che Dio N.S. gli ha concessa. Il nostro Principe poi et queste altre S.re ill.me sarebbero restate molto satisfatte della sua stanza qui, et agiungendo che questa città sia più imperiale che l’Imp.e proprio et di tanta confidenza al sig.r Marchese del Vasto, quanto altra si sia di tutta Lombardia, discorro che a noi doveva toccare questo favore della presenza di V. Ill.ma S.; et se io havessi creso che quando ella mi ricercò che da Roma qui le facessi rispondere alcuni denari, che ciò fusse fatto da lei per volere stanciare qui tutto il tempo che le convenisse stare di qua, io non solamente l’havrei mandata ad invitare per mei a posta, ma io gli sarei venuto in persona. Ma per confessare il vero a V.S., non havrei mai pensato che per venir qui et starvi qualche tempo fusse bisognato ch’io l’havessi fatto rispondere li predetti danari, sapendo che io sono qui uno delli più accomodati che vi sia, et tanto tanto suo servidore che non reputerei il mio esser mio veramente, se non fusse altro tanto il suo. Ma poichè non si può fare che V.S. non sia dove è, et che forsi è stato per lo meglio ch’ella habbia fatta amicitia con quel ill.mo sig.re, laudarei mo che non fusse tanto d’altro, che non si dignasse d’esser anco di noi una parte di questo tempo che starà di qua, perchè l’assicuro che, senza comparatione, haverà maggior satisfatione et contenti spirituali qui, che non ha in Ferrara; et quando non ve ne fusse alcuno altro che un assai accomodato luogo delli nostri capuccini, non so quello che mi possiate replicare. Quando V.S. si risolva di venire, come strettissimamente la priego a volerlo fare, sia contenta di rimandarmi indietro il presente mio pallafrenieri, qual mando a questa posta, et insieme con lui uno delli suoi, il qual habbia gusto di case fatte al cervello suo, chè se ne provederà una, che serà di sua satisfatione, et se gli farà un salvocondotto amplissimo che nissuno la molesterà, si non quanto vorrà ella che li sia dato fastidio. Et io le porrò alle mani due mie sorelle monache, con le quali vorrò che sguazzi tanto consolata, quanto se fusse al monte Calvario col capo in quella buca della Croce, et se cusì non è, mi contento che mi dii in preda del nostro gastaldo, il cui contado non è molto discosto de qui. Et non havendo altro che mi dire, baciole le mani, et la suplico a ricordarsi di me in utroque foro. Di Mant., il xviii di giugno 1537.

Di V. Ill.ma S. Servitore

Her. Car. Di Mant.

Post. Mi sono lasciato trasportare dal dolce ragionar seco et dal desiderio che io ho, che V.S. sappia che non potrei ricevere maggiore contento al mondo che di vederla qui, et non le ho risposto cosa alcuna intorno al nostro frate Bernardino, del quale non ho mai dubitato anchora che in Roma si dicessero di molte cianze, come si sole di ogni uno; ma quanto alli casi suoi non mi saprei risolvere, se non parlassi prima con V. Ill.ma S.; però dovendo esser questo o ch’io venga costì o ch’ella si trasferischi qua, mi riserbo di dirle quanto mi parerà che Dio potrà operare qua et altrove per istrumento di lui.

19. Vittoria Colonna to A. Recalati, 8 November 1537[72]

Molto R.do S.or

Non so se per l’affettion della cità de Bologna o per quella lettera che scrissi alla S.V.R.da pensando che qui venisse interditto, intendo se ordina che fra Belardin predichi llì la quaresma;[73] et perchè li hanno gran volutà han tenuto san Petronio per lui questo tempo tutto, sperando haverlo li l’advento, ma la quaresma se trovavano haverlo dato. Puro a llor sempre serrà caro cambiare. Però bisognarebbe, se Sua S.tà resolve che vada a Bolgona, che’l R.mo S.or Legato scriva a chi li pare che colui che haveva a predicar lì vada a San Salvator de Venetia ove haveva da andar fra Belardino, o veramente V.S. facci che lasseno seguir al detto fra Belardino la obedientia che ha de consolar ditti frati de San Salvator, qual obedientia li fu impedita per lettera de V.S: ordinandoli andassi a Fiorenza. Andò et ha satisfatto lì con xxx prediche fra Prato et Firenza. Si che la quaresma non conviene più lli, non ce essendo la figlia de Sua M:tà che domandava.[74] A Roma serria impossible per la stracchezza e freddi e male strade, si che prego V.S. o lo lasseno seguir quella obedientia de andar a San Salvatore o, se ordina a Bologna, se faccia che li sia dato el pergamo, perchè da sè nol potria, nè vorria fare et la cità el brama tanto che ogni piccol cenno bastarà del Legato far che l’altro vada a San Salvator de Venetia, o lassarve andar lui, che, certifico V.S., ove va fa servitio alla S.tà Sua, honore a Dio et a’ buoni. De tutto la prego lo faccia resolver, et nostro S.or Dio sua molto R:da persona guardi. Da Ferrara a dì viii de novembre.

al servitio de V.S.R.da

La Marchesa de Pescara

(A tergo) Al molto R.do et molto mag.co S.or el S.or ms. Ambrosio Secretario secretissimo de Sua S.tà.

20. Vittoria Colonna to A. Recalati, 3 December 1537[75]

Molto reverendo signor,

Le mie lettere a vostra signoria andorno su le poste de gambari, ma le sue resposte non son venute su i tigri, perché oggi tre de dicembre ne ho recevute.

Rengrazio infinite volte la signoria vostra e baso a sua santità i piedi, che conceda ad mia satisfazion l’Advento, qual per esser comenzato qui e non venuta ancor la obedienza, che credo sia in poter della figlia de l’imperatore, e io non essendo andata a Bologna, perché ogni dì il duca[76] me dice che l’accordo con sua santità se fa; me ha parso non dirne altro, ma lassar seguir la predicazion, qui questi pochi giorni con la prima grazia che sua santità me aveva concessa, che diceva o qui in Ferrara o in Bologna; e la quaresima poi andarà ove la figlia de l’imperatore vorrà. E certo vorria che lei determinassi luoco ove se facesse frutto, e non curasse de sé e li soi. Or Dio la inspirarà.

Prego nostra signoria legga questa a sua santità, perché sappia che causa ce ha detenute qui, che certo me era più caro Bologna, ché, ancor qui se faccia frutto grandissimo e ce ne fosse necessità, sempre sto sollevata finché non vedo l’accordo pubblicato e stabilato.

Rendo alla bona prudenzia del mio signor Ambrosio e alla divina sagacità del santo papa Paulo infinitissime grazie della procurata e conclusa tregua tra i doi principi[77], dalla qual se aspetta la tanta da sua santità desiderata pace. E ho avuta lettera in questa ora del marchese[78], che fu molto a tempo. Li ho risposto che ne rengrazie sua santità, che so certa absolutamente lui la ha condutta per modi quasi invisibili a llor stessi, che per longa istigazione li ha redutti a spontar de negoziarla, che certo l’imperator li deveria restar obligatissimo e non meno il re.

Non lasserò dire a vostra signoria che in ogni grande e minima cosa mostra la sua prudenzia e che discerne le altrui malignità, che non valse passar la obedienzia che avevan fatta quei simplici frati capucini al padre fra Belardino, dandoli quella iniqua bronta[79] de non so chi a intendere che la obedienzia de sua santità deroga ad umiltà. Cosa inaudita, quia est servus servorum Dei e tien con Cristo l’ultimo loco, maxime tali ordini. El povero padre ha la obedienzia del suo general che predichi over li par far frutto; ma perché molti lo cercano, e lui vorria sempre satisfar sua santità, lassa far a loro, né sa dir: «Io non voglio obedir el papa, ma sì el general», come se milli fraticchi non avessero ogni dì milli ordini dal papa.

Creda vostra signoria che l’invidia nol lassa vivere; mille persecuzioni ogni dì. Mo che son certi [che egli] non ‘l pensa a dignità, vorrian che manco facesse frutto. E, se sua santità fosse Pilato e vostra signoria Caifas, credo che cento volte avrian gridato Crucifige.

Mandai a vostra signoria li sonetti, ora li mando questi altri pochi. E benché questa lettera sia longa, lo prego la legga a sua santità, che me par aver quelle solite grazie de parlarli.

Da Ferrara, a dì III de dicembre [1537].

Prego el secretario de vostra signoria faccia dar la alligata a San Nicola de’ capucini in Roma.

Al comando de vostra signoria,

La Marchese de Pescara.

21. Fra Martino da Treviso (OFM Conv) to Gian Pietro Carafa, 22 February 1538[80]

Reverendissime domine, domine mi colendissime, post mannum oscula.

Anchor che, za molti zorni, non habia cum mie visitato Vostra Signoria Erverendissima, per non occorrer cosa pertinente a quella, al presente, reverendissimo signor mio, essendo venuto in Venetia, primo dal reverendissimo legato me è sta intimato un breve del Nostro Signor, el qual commanda ad esso reverendissimo legato[81] et reverendissimo patriarcha[82] debano informarsi da me de la vita de maestro Bartolomeo Fontio veneto, professo nel convento de Venetia. Monsignor mio, non mancherò de quello io congosco, né tacerò quanto saprò de lui, da poi son stato arsaltato da alcuni gentilhomini, du uno Contarini, nominato Francesco[83], sopra nome Morgante, et da un zovene Andrea Pasqualigo, qualli separatamente me hano parlato del Galateo, digando saper loro come eran venuto per querelar dicto Galateo col serenissimo et col reverendissimo legato, con li qualli ho parlato. A meza quadragesima vegnerà questo Andrea Pasqualigo, el qual è nepote del reverendissimo monsignor Contareno, qual spera cunza le cose sue. Ho resposto gaiardamente che Vostra Signoria ha il processo et le scripture sue et che lui non se puol defender et holi dicto l’ingani et la obstination sua. Et quando erra in preson, el serenissimo prinicpe mandò quel frate de San Iob[84] a confessarlo et ch’el referite non saper confessar hereitici. Del tuto ho dato notitia de questo, ma el non voria fusse chiamato a Roma, et butato a negar, lui et quel altro maestro Bartomolomeo Fontio[85]; pur facia la Santità del Nostro Signor. Maestro Bartolomeo Fontio per sue ha scripto de qua come Lutherani li hano scripto et facte gran promesse s’el vuol tornar, et che spera iustificarse et conseguir un bon benefitio; et però, monsignor, bisogneria far se professeno …

De Venetia, a dì 22 febraio 1538.

E.D. V.R. servus frater Martinus Tarvisine provinice, sancti Antonii magister provincialis Ordinin Minorum Conventualium

22. Sworn depostion by Fra Martino da Treviso on the teaching of Fra Bartolomeo Fonzio, Venice, 22 Februay 1538[86]

Die .xxii. februarii m. d. xxxiii. (sic)

Reverendissime domine, domine legate dignissime. Requisitus a Dominatione Vestra de mandato sanctissimi domini, domini nostri Pauli Tertii divina providentia pontificiis maximi, ut in breve continetur, ut exponam quid sentiam de magistro Bartolomeo Fontio, primo dico ipsum male sensisse de catholica religione, sicuti voz et fama publica est; qui pluries reprehensiones fuit de erroribus suis; primo reverendus dominus Ioannes Vigerius, dum erat religionis nostre Conventualium sancti Francisci generalis, cui delata fuit querella contra eumdem fratrem seu magistrum Bartolomeium Fontium, ita quod, facta quadam investigatione et examinatione, dictus reverendus generalis cameram eius requisivit, et nonnullos libellos eius manibus descriptos adinvenit, titulum cuiusdam vidit De servo arbitrio, adeo quod iudicavit eum male sensisse de catholic fide; qui satis fuit reprehensus ab ipso generali, etiam a reverendo magistro Ioanne Francisco Marino, tunc provinciali magistro provintiae sancti Antonii. Qui itidem provintialis, ipso in socium provintiae assumpto, eum expellit a se ipso et absolvit eum ab officio societatis provintiae ob hance heretici notam, qui etiam, ut audivi a prefato provintiali, fuit abiuratus a dicto reverendissimo generali.

Postea hereseorum officium inquisitionis cum exercerem, pluries eum reprehendi; similiter reverendissimus dominus cardinalis Theatinus, qui tunc Venetiis aderat, sufficienter admonuit, ductum a me ante conspectum dominationis sue, tum de intimo Lutheranorum consortio, tum de suspectis eius predicationibus. Qui tunc promisit se non amplius ea concionaturum; in quo tamen defecit. Nam in quadragesima sequenti, dum erat concionator in ecclesia Sancti Hieremie, a reverendissimo legato domino D. Altobello Averoldo vocatus fuit et reprehensus et admonitus ut ea declararet, que essent ad salutem animarum et non ad destructionem fidei. De quibus parum cure habuit; continuans enim predicationem, ad quam omnes Lutherani et heretici concurebant et precipue omnes Alemani, manifestabat peiora prioibus, que erant ad detrimentum fidelijum et scandalum plurimorum et, ut mihi relatum fuit, negabat libertatem arbitrii et confessionem auricularem, seu sacramentalem, non esse necessariam circa delicta particularia, sed generalia tantum, et Ecclesiae auctoritatem, et dicebat tantum fide, et non opera, ad salutme esse necessarium.

His temporibus reverednissimus dominus legatus, cum talia ad eius aures pervenissent, misit exploratores qui suprascripta et multa alia pertulerunt, qua re a sua Reverendissima Dominatione ab officio predicandi suspensus est. Qui etiam, ut intellexi, formavit processum et tandem decreverat ut detineretur; qui, hoc audito, statim fugam petiit et, religionis habitum deponendo et favore Lutheranorum, ad Germanos hereticos profesctus est;ibi per aliquos annos habitavit, postea, ut puto, eorum partocinio ad propria remeavit. Postea, ut intellexi, Bisantium agressus est; qui, ut delatum est mihi, expulsus fuit a Grecis propter negationem sacramentorum Eucharistie et Confessionis. Verum est autem quod ego non geci processum, eo quod diligenter reverendissimus suprascriptus legatus non defecerat. Ad maiorem autem informationem examindandus est dominus Rubertus, tunce secretarius reverendissimi suprascripti domini legati ; etiam essent examinandi reverendi magistri videlicet, Angelus Testa, minister sancti Bonaventure ; Paulus Ziani ; Jacobus Zucatus, minister Franciae.

Ego frater Martinus, Tarvisinae provinciae sancti Antonii magister provincialis, meo iuramento depono suprascripta manu propria.

23. Vittoria Colonna to Ercole II d’Este, 26 March (1538)[87]

Ill.mo et Ex.mo S.or S.or mio obser.mo

Mirai in Ierusalem, diedi in Egitto, pensai starme a Bologna in silentio[88] e il dì medesimo che dal Castello partii per andarvi hebbi resposta da madamma[89] qui che faceva predicar el padre[90] in Pisa, non in Firenza; così voltai le redine, et per fugir cirimonie venni in un monasterio; ma de poi son state tante le carezze de madamma che, se io non havesse gustate quelle de V.S. et de madamma de Ferrara, iudicaria che Spagnoli fanno assai; ma infin quando più godeva delle mirabil prediche, è stata tanta la instantia de Firenze che contra la voluntà de madamma ha bisognato remandarlo a quella cità, et io ho concorso per lo honore de Dio et magior frutto. Me sto qui consolata sin che serrà tempo ir a Lucca a bagni, qual presi, observarò la promessa. Suplico Vostra Ex.tia dica a monsignor che de quel tintor, che li dette quella nova, stia sicuro che non è nè credo serrà, per quanto se pò cognoscer el futuro, et a la S.ra Mascara, che alla avemaria me impauri, dica che ho grandissimo voglia de poterli parlar doi hore, serrà poi. El padre fra Belardin quando partì, che fu ieri, me disse che molto basava le man de V.Ex.tia, et se con le preediche che addesso non se n’è Vostra Ex.tia scordato, io spero che lo haverimo lì la quaresima che viene; certo qui per tutto è adorato, et son tutte burle, se non le sue prediche de quaresima, puro io me sto senza et ho ditto, è statto quel che Paulo dice: anathema ottabat esse pro fratribus meis. Vostra Ex.tia me faccia gratia darla al conte Alfonso,[91] qual prego et così messer Quaglino diano nova de me alla Ex.tia de madamma, alla S.ra Iacova, S.ra Margarita e compagne e a tutte e tutti. Da Pisa, a dì xxvj de marzo.

Serva obligat.ma de V.Ex.ma S.ria

La M.sa de Pes.ra

(All’Ill.mo et Ecc.mo S.or mio oss.mo il S.or Duca di Ferrara.)

24. Pietro Aretino to frate Andrea Volterano, 20 July 1538[92]

[…] Amo bene l’ottimo fra Bernardino, tromba e squilla del Verbo di Dio; e dei saluti, che a lui deste in mio nome e a me date in suo, vi rendo cordialissime grazie. E mi pare essere più che umano, quando sì fatti uomini dimostrano d’aver caro la ossevanza in cui gli tengo.

Di Venesia, il 20 di luglio 1538.

25. Giovanni Guidiccini to Annibal Caro, August 1538[93]

Messer Annibale mio, La bellezza del vostro sonetto, il quale m’indrizzaste nel ritorno mio di Spagna, vi farà molto ben conoscere, come egli ha fatto a me, che n’ho fatto il paragone di quanto io vi sia ancora tenuto. Potete bene stare a buona speranza, dov’io non potrò arrivare all’altezza de’ vostri concetti, né rendervi così fina testura come fu la vostra, ch’io m’ingegnerò di superarvi co ‘l numero, e far sì che vi chiamiate sodisfatto del debito nel quale la vostra cortesia, anzi la divinità del vostro ingengo, v’aveva posto. E quando pure o per mancamento di vena o di soggetto io no ‘l facessi, a chi debbo io più volentieri essere obligato che a voi? e voi da qual debitore potete ritrarre maggior volontà d’animo che da me? il quale a niuna altra cosa più più efficacemente penso che a rendervi pari gratitudine in questo; e ne gli effetti dell’amicizia, maggiore. Io pensai, quando diedi principio all’uno di questi sonetti ch’io vi mando, di ragionarvi più tosto di questa mia villa e delle cose poetiche che delle gravi; ma per la vostra de’ 13 del passato nella quale mostrate piacervi la mia solitudine per lo frutto che sperate de’ miei studi, ho sentito in un certo modo muovermi, non dico a confermare la speranza vostra, la quale si lascia ritar dell’affezione più oltre che ‘l convenevole, ma a dimostrarvi qual sia veramente la vita mia; e che io son forse degno di tante lode in questo luogo quante io meritava riprensioni altrove. Fusse piacer di chi può in me più che io stesso che potessi godermi questo onestissimo ozio; ch’io mi reputerei da molto più che non farei se io arrivassi a quella meta degli onori che mi scrivete.

Sono oramai consumato ne’ viaggi e ne’ servigi; e per quelli, e per l’acqua ch’io bevvi molti mesi per timor della podagra son talmente indebolito dello stomaco, che più tosto ho da star in aspettazione della morte che con isperanza della vita. Io ho più di quello che basta a viver modestamente. Convien por fine a’ desideri avanti che essi, con perdita dell’anima, lo pongano al viver nostro. E perché ho io da desiderare la corte? per esser bersaglio della invidia e delle fraudi? Non sapete voi in qualche parte, messer Annibale mio, le persecuzioni che io ho avute?[94] le quali mi hanno alcuna volta messo in tanta afflizione che ho domandato felici quei che son morti? L’avere più di quello che io ho, saria superfluo alla moderazione del viver mio; e forse mi faria mutar quei buon pensieri li quali ora mi tengono allegro. Io v’affermo per la mia fede e per la benevolenzia, la quale io vi porto, ch’io son così lontano da desiderare cose grandi ch’io non so se l’aver altri gradi e redite mi fusse più piacer che noia. È il vero che io sono tanto obligato a gli onori e a’ benefici ricevuti dalla bontà di Nostro Signore e anco in qualche particella all’opinione de gli uomini, che non posso mancare di non dar questi pochi anni alla disposizione della sua voluntà: e però me ne verrò quest’ottobre a Roma con animo di star più ch’io potrò quieto, e con voi.

Ora ritonro alla lettera vostra: la quale mi fu gratissima, per aver letto e riletto più volte il modello della fonte di Monsignor vostro, molto meglio dipinto dalla vostra ingeniosa lettera che dalla eccellente mano di fra Bastiano:[95] il quale fu tanto cortese che non si lasciò pregare a mandarmi il desegno di quella del Senese;[96] sì come quello di Monsignor vostro, dipinto da non so chi altro buon maestro, mi fu mandato dal fratello vostro: il quale, conoscendo poco voi e molto se medesimo disse al mio Pietro non esser possibile a darlo ad intendere per lettere. Mi piace ch’egli si sia ingannato. Ringrazio ben voi della vostra fatica; sì come vi prego che a nome mio ringraziate lui della sua pittura; il quale, secondo che mi scrive l’uomo mio, ebbe in man propria quella seconda lettera che voi ricusate aver ricevuta: la quale, perciò che conteneva l’essecuzione dell’opera ch’io aveva promessa di fare co ‘l Cardinale, m’incresce fin all’anima che sia mal capitata. Sadeva, come vedrete, molto in proposito d’averla allora; e dubito che m’abbiate tra voi tenuto per uomo che diminuisca con l’opere le parole; in tanto che, per liberar me di questo dubio e voi forse della mala impressione, ve ne mando la copia: la quale riserbò il mio Lorenzo,[97] quando io vi scrissi. Vivete con la grazia di Dio e con la memoria di chi v’ama.

Da Carignano[98] [agosto 1538].

Ho udito in Lucca pochi dì sono fra Bernardno da Sena, veramente rarissimo uomo: e mi piacque tanto che gli ho indirizzati dui sonetti, de’ quali ve ne mando uno. L’altro, che feci ieri, ve lo manderò er le prime mie.

26. Sonnets of Giovanni Guidiccioni dedicated to Bernardino Ochino[99]

O messaggier di Dio, che ‘n bigia vesta

l’oro e i terreni onor dispregi tanto

e nei cuor duri imprimi il sermon santo,

che te stesso e più ‘l ver ne manifesta,

il tuo lume ha via sgombra la tempesta

dal core ove fremea, dagli occhi ‘l pianto;

contra i tuoi detti non può tanto o quanto

de’ fèri altrui desir la turba infesta.

L’alma mia si fe’ rea de la sua morte

dietr’al senso famelico, e non vide

sul Tebro un segno mai di vera luce:

or, raccolta in se stessa, invia le scorte

per passar salva e s’arma e si divide

da le lusinghe del suo falso duce.

A quei ferventi spirti, a le parole

che quasi acuti strai dentr’al cor sento,

scaldo i freddi pensieri, e lor rammento

quanto talor invan da me si vòle;

levansi allor ardenti al sommo Sole

che tutto scorre e vede in un momento.

Servo fedel di Dio, quel che divento

allora è don de le tue voci sole.

Ché non sì tosto ne’ bei rai m’affiso,

ch’ io scorgo il ver che qui l’ombra ne vela;

e quel tanto son io per te beato.

S’aggelan poi; ma tu, cui solo è dato,

spesso gl’ infiamma e lor mostra e rivela

li ordini occulti e ‘l bel del paradiso.

O sante figlie de l’eterno Sire,

Fede, Speranza e Carità, ch’avete

spesso assalito il core, or pur sarete

vittoriose del suo folle ardire.

Fuggesi già l’antico uso e ‘l desire,

ché non può cosa indegna ove voi sete;

già tra le schiere de’ beati liete

la virtù vostra mi si fa sentire:

sì dolce adorna il dicitor celeste

i vostri merti e sì nel vostro foco

le sue parole e lo mio spirto accende.

De le repulse che vi die’ moleste

il cor, che ardì soverchio e vide poco,

duolsi e v’inchina con divote emende.

27. Victoria Colonna to Paul III, 16 September 1538[100]

Beatis.mo patre,

Stava con somma consolation sperando presto basarli i piedi et starme otto o x giorni in Prata poi venirmene [a Roma]. Han mista questa dolcezza in tanta amaritudine che non penso più a Roma, scrivendome che Vostra S.tà condexende a dar nove molestie a capucini, poveri minimi obedientissimi servi de Vostra S.tà, quali non se defendono, non tramano, et son doi anni che io mai ne ho scritto in loco alcuno, e il general del Obser[vanza], dilato capitulo, andò a Nizza, tramò per tutto induce[ndo] a dirne male, e informar Vostra S.tà et tam proprio imp[e]r[io]?[101] Della prudentia carnale inimica de Dio. Ma se Vostra S.tà vol sapere el frutto mirabil che fanno capuccini et la obedientia et lo honor che fanno a Vostra S.tà mande doi commissarj sinceri per tutte le cità de Italia, et vederà che spirito, che cre[dito], che inimicitia con li eretici, che obedientia a ogni ord[ine di] Vostra S.tà et como son domandati et como aspramente ripresero una sola parola che disse un loro predicatore in Genova, che mostrava minacciar de futuro danno, che è cosa che ogni un lo fa; tamen stanno loro zelantissimi de non errare in cose che dispiacessi a Vostra S.tà Maxime oimè, Patre Santissimo mio, che ce è? Oimè non se sa le reforme loro fra loro tutte guaste et inten[dera] meglio dalle lettere mando, che iersera per miraculo arrivaro qui i doi frati. Oimè non se sa che Vostra S.tà non fa cosa per ignorantia? Se vol ruinarli, faccialo de sua mano et non per altri; chè in tal caso serrò contretta andar gridando che me aiutino a procurar che li boni vadano for de Italia, poichè qui non ponno stare perchè la bontà de Vostra S.tà non opera per l’impedimento de tristi. Io ho ferma speranza nella prudentia dell S.tà Vostra la qual sola me tien qui; perchè le buscie ditte a Vostra S.tà o ad altro principe haveran corte gambe quando se andarà a dirli el vero. Bel premio se dà al pover fra Belardino, del esser ricercato da tutte le cità et mai mover passo senza desiderar saper li cenni de Vostra S.tà et così ha exspressamente ordinato a frati [che] Vostra S.tà sia sempre como lume de ogni pensier loro; [et agli alt]ri, che han l’intento loro de haver fatto chiudere la porta, dovria V.ra S.tà imponerli silentio, chè così movono ogni dì novi litigij per ruinarli, et tanta exsperientia vista del preservarsi più perfetti non basta. Dio li perdoni et dia a Vostra S.tà ognor più lume del suo servitio. Da Lucca a d’ xvi de 7:bre solo la vita[102]………. vita de Capucini è nuovo roverso a ponto de lu …………

Serva de Vra S.tà la………..

[A tergo] Sãtis.o ac Beatis.mo dño dño nostro pape (sic)

28. Vittoria Colonna to Reverendo osservandissimo Padre mio[103]

Io pensarò di scriver così humilmente sopra lo Evangelio della adultera qualche meditation simplice; però lassarò star le difficultà tanto discusse et ventilate, cioè che li scrivesse il Signor et perchè s’inclinasse etc. Dirò solo che costei hebbe una singolar gratia, et forse delle maggiori, che Christo concedesse in terra. Due adventi si leggon di Christo, l’uno tutto dolce, ove solo mostrò la sua gran bontà, clementia et misericordia, nel qual disse in molti luoghi che veniva per li peccatori, per medico delli infermi, per ministrare, per dare la pace, la luce, la gratia, tutto infocato di carità, vestito d’humiltà, soavissimo et pietoso. L’altro tutto armato per molti, ove mostrarà la sua giustitia, la maestà, la grandezza, la infinita potestà, nè ci sarà tempo di misericordia, nè loco di gratia. Hor questa felice donna hebbe gratia d’essere giudicata dal giustissimo vero giudice nel suo advento dolce et nella sua benigna conversation fra noi, perchè anchor sempre stesse in sua volontà il giudicar tutto il mondo, io non trovo che dalla propria parte adversa et da lei, che era presente et taceva, fosse costituito giudice, et esso liberamente assumesse et eseguisse lo uffitio del giudicare, se non in questo atto. Dunque assolvendola adesso et facendola impeccabile d’alhora innanzi che disse: amplius noli peccare, et essendo come è immutabile, et le sue vere parole infallibili, bisogna dire che non fu necessario giudicarla più. Et benchè di tutti quelli, ai quali Christo concesse gratia particolare, si creda che sian salvi, pure a costei si vede chiaramente, anzi ch’è più, si deve tener per fermo che facese vita beata in terra, assoluta del passato et certa di non essere più condannata, nè poter peccar nel futuro. Mai niuno fece tanto utile al più intimo suo cordial amico. Come gl’inimici fecero a costei. Andarano per tentar Christo et offender lei, et essi se ne andarano confusi et superati, et ella rimase assoluta et sicura. Volendo precipitarla nei mali, la condussero al fonte vivo di ogni bene, la fecero star in mezzo fra essi tenebre et Christo vera luce, et allegarono Moisè al conditor delle leggi, anzi fattor della natura et dator della fede et della gratia, pensando o che trasgredesse la legge, o mancasse della sua misericordia. Ma le pietre della loro iniqua durezza giunte colla pessima lor volontà nel cor di questa donna, già armata della costante fede di Christo Giesù, con maggior impeto ritornarono sopra di loro. Et però penso che udendo dire: che è di voi senza peccato, getti in lei la prima pietra, si considerarono, et vedendosi pieni d’infiniti peccati, gli parve ogni peccato una grossa pietra gittar sopra ciascun d’essi, et ne andarono. Anzi credo che quando Christo erexit se, et mostrò in maestà di guardarli come reprobi et condannati, non sostennero quella vista; anzi vedendo il sol degli occhi belli obnubilato et la grandine delle pietre de’ lor peccati venirgli adosso, gli parve tempo da fuggire, incipientes a senioribus, perchè quelli eran stati i primi a far il discorso perfido di prendere Christo nelle parole; oltra che i vecchi son più ambitiosi; però anchora che, trovandosi in questa confusione che i peccati loro stessi gli lapidavano, li paresse veder l’inferno aperto et Lucifero, che li chiamava alla sinistra piena di cecità et di errore, facendo allhor Christo in essi la giustitia del peccato, che poi commisero nel glorioso Stephano. Sì che veramente furono lapidati costoro interiormente, e per far maggior vendetta di sè medesimi, volsero far beata la cagion dei loro danni, et lassarono sola con Christo la benedetta donna, la qual poteva benedire, o felix culpa, quae tantum ac talem meruit habere redemptorem! Et che honorato disprezzo che fu il suo! Partirsi gli iniqui accusatori et lassarla col pietoso giudice. O che dolce solitudine, essere abbandonata da nemici crudeli, peccatori et sempre morti non che mortali, et star sola col vero figliuol di Dio misericordiosissmo, anzi essa misericordia, et impeccabile et divino! Dicono alcuni che là restò tremando, et raccomandò al Signor etc. Et io ardisco dire il contrario: anzi credo che in partirsi coloro gli parve che ogni grave perso se le togliesse dalle spalle, et gli nacque una grandissima fede che questo benigno Signore l’assolveria; et in quelli santi occhi vedeva mille raggi di viva speranza, l’aspetto tutto ardente di carità. Et quando gli disse: mulier, ubi sunt qui te accusabant? Penso io che la volse assicurare per crescerli la fede, et li disse: dove sono? Quasi dicendo, sono un’ombra, non son niente le accuse invidiose et inique, se ben son vere; nascendo da pessima radice, non fanno frutto nella orecchia del retto giudice; io non le accetto. Basta che non t’han potuto condannare, perchè i peccati d’altri non condannano, et del tuo sei pentita; però ti voglio usar misericordia. All’ora ella, ripreso animo, con acceso amore et viva fede disse: Signor mio, nessun m’ha condannata; et a te, che sei Signor del mondo, figliuol di Dio, Messia vero, sta il mio condannarmi o l’assolvermi. Io sto sicura dinanzi a te, io mi butto nelle tue braccia; fa di me quel che ti piace. Et non hebbe ardir di pregarlo di cosa alcuna, anzi come veramente convertita, illuminata et perfetta si lassò tutta in Christo, et non riguardò sè stessa; conformò la sua volontà con quella del Signore. Et è molto da considerar questo, veder quel giudice, che poteva condannarla e assoverla, li parla, le domanda se è condannata, quasi mostrndo darli animo che lo pregasse; et ella lo riconosce per Signore et li dice: nemo, domine, dicendo chiaramente: Signor, in te sta. Et è così abandonata in Christo che, confessando la potestà, non vuol turbar la sua legge et la sua determinatione, contentandosi egualmente di quanto fosse suo servitio et honor della sua Maestà. Et per la bontà di Dio non solo la volse assolvere et fare di lei sì piatoso giuditio, ma la fece impeccabile. Alla qual gratia la sua misericordia ci conduca.

Figlia obedientissima et discepola di Vostra Reverentia.

La Marchese di Pescara.

29. Vittoria Colonna to fra Bernardino Ochino[104] (?)

Metterò anchor qui in brevità alcuni dotti concetti della Reverentia Vostra, cioè che lei,[105] vedendosi così confusa et essendoli alla presentia del vero sole dato lume et remorso della sua coscientia et li suoi peccati, la lapidarono interiormente di sorte tale che amazzò lo spirito proprio, et risuscitata con quel di Christo disse col pensiero: Signore mio, tu dici che io sia lapidata da colui, che è senza peccato, dunque non può lapidarmi altro che tu. Nessuno è veramente senza peccato, se non la tua bontà. Fammi questo gratia, io che son sicura de i raggi del tuo divin lume, saran le pietre che mandarai a percoter il mio intelletto. Fulgori del tuo amore mi penetreranno il core, et le solide pietre della fede santa mi fermarai nel peto, onde sarò morta al mondo per sempre, et solo viva alla obedientia tua. In questa modo lapidi tu, Signor, con la tua santa mano i pentiti peccatori, questi sono i martiri che per dolcezza morenno per te o in te resuscitano immortali. E quando disse: ubi sunt qui te accusabant, si pò dire quasi deplorandoli et exaltando lei: ove sono quei superbi, che sopra te, humil donna, volevano far esperientia della mia sapientia, et sono cascati nella ignorantia et translata te con la vera luce.

La Marchesa di Pescara.

30. Pietro Bembo to Vittoria Colonna, 23 February 1539[106]

Mando a V. Ill.ma S. le allegate del nostro molto rever. frater Bernardino, il quale io ho udito così volentieri tutti questi pochi dì della presente quadragesima, che non posso a bastanza raccontarlo. Confesso non havere mai udito predicare più utilmente, nè più santamente di lui. Nè mi maraviglio se V.S. l’ama tanto, quanto ella fa. Ragiona molto diversamente et più christianamente di tutti gli altri, che in pergamo sian saliti a’miei giorni et con più viva charità et amore et migliori et più giovevoli cose. Piace a ciascuno sopra modo, et stimo ch’egli sia per portarsene, quando egli si partirà, il cuore di tutta questa città seco. Di tutto ciò si hanno immortali gratie a V.S., che ce l’havete prestato. Et io più che gli altre ne sentirò eterno obligo. Non sono potuto rimanermi di dirvene queste poche parole. V.S. stia sana et mi tenga per molto devoto alla sua virtù. A xxiii di febraio mdxxxix. Di Vinegia.

31. Pietro Bembo to Vittoria Colonna, 15 March 1539[107]

Troppa cura si piglia dell’honor mio V.S. et troppo vi faticate per me, che nulla ho meritato con voi. Sì come da M. Flaminio novellamente ho inteso, io non debbo far fine, nè farò mai di rendervene immortali gratie. Chè so bene quanto l’auttorità della grande et infinita bontà vostra et il valore del vostro generosissimo animo dee potere in ogni alto luogo. Et stimo che non possano i miei calumniatori, a’ quali però io perdono, macchiarmi et nuocermi appresso verun giudice, a cui V.S. mi purghi et mi difenda. Ma vi priego che lasciate che N. S. Dio, che sa quello, che dee ben mio essere, governi egli questa bisogna, come alla sua maestà piace. Et fo V.S. di questo sicura che tutto ciò che ne averrà io riceverò da lui per lo migliore, et ne gli renderò piene gratie. Io non cercai mai d’esser Card., et se io n’ho a dir più oltra il vero, nè ancho disiderai.[108] Non voglio già negarvi che la buona openione, che ha N.S. di me havuta, non mi sia gratissima stata et più anchora per ciò, che io non l’ho nè mendicata, nè ricercata, che per altro. Ma non mi pento tuttavia di questo mio picciolo et basso stato, se non in quanto io a N.S. Dio non serva come deverei. Ma ciò nell’animo mio sta, non nella mia fortuna, et posso a sua maestà servire così in questo stato, come in altro. Ragiono con V.S., come ho ragionato questa mattina col rev. padre frate Bernardino, a cui ho aperto tutto il cuore a pensier mio, come harei aperto dinanzi a Gesù Cristo, a cui stimo lui essere gratissimo et carissimo, nè a me pare haver giamai parlato col più santo huomo di lui. Sarei hora in Padova, sì perchè ho fornito una bisogna, che m’ha tenuto qui più d’uno anno continuo et sì per fuggir le dimande et i ragionamenti, che mi sono tutto ‘l dì fatti da questi gentili huomini et amici miei et parenti sopra questo benedetto cardinalato, se non fosse che io non voglio lasciar d’udire le sue bellissime et santissime et gioevolissime predicationi et ho deliberato starmi qui, mentre ci starà egli.[109] Stia sana V.S., e me tenga nella sua buona gratia. A xv di marzo mdxxxix. Di Vinegia.

(Alla Marchesa di Pescara a Roma.)

32. Pietro Aretino to Messer Giustiano Nelli, 20 March 1539[110]

[…] E, insieme con il capitolo, avrete il Genesi, la cui composizione mi è cara, non per lo stile, che non ci è, né per il nervo, che io non gli ho dato, ma perché frate Bernardino si è mosso a guardarlo. E, perché la conoscenza de l’uomo meritamente onorato deriva de l’amicizia che la bontà sua tieno con voi, a voi ne son tenuto.

È grande la grazia, che gli ha infusa Iddio ne lo esprimere dei concetti, ne lo aprire de le Scritture e nel riprendere dei vizi. Egli, con il piacevole de l’amonizioni e con il terribile de le minacce, rintenerisce e spaventa; sì che move altrui a sperare e a pentirsi. Tutte le menti e tutti i cori, ai pensieri e a la volontà dei quali egli aggita e derizza il guardo e il grido, si commovono e raffrenano.

È incredibile il suo predicare del continuo in fervore, mantenendo fino a l’ultimo l’altezza del sincero de le parole. Io ardisco dire che, dagli apostoli al dì d’oggi, niuno abbia mai nel predicare pareggiato lui. Lo schietto e il puro di san Paolo rimbomba negli organi de le sue esclamazioni, a tempo formate e a tempo interrotte. Come risplende bene lo Evangelo, intessuto con il cristiano de le sue disgressioni! Con che lucide e con che vive catene ch’egli lega insieme il Vecchio e il Nuovo Testamento, servando sempre i lor sensi sacrosanti ne la dovuta religione! Onde le torme dei popoli non altrimenti si trasferiscono a udirlo che se egli fusse il Battista ne le solitudini. Sono sopraumani gli intelletti pieni di spiriti e gli spiriti pieni d’intelletti, che si veggono e si sentono nel catolico de le sue prediche, il grave corpo de le quali respira con un fiato sì possente e sì veemente, che ben si vede in che maniera la natura o lo studio gli fanno squillare le cose di Dio vero, di Dio sommo, di Dio solo.

Veramente egli è l’onor del suo Ordine e de la nostra Italia, né si può se non stupire dei suoi andari, percioché in lui è forza di eloquenza, grazia di dire, profondità di scienza, eleganzia di lingua, suono di voce, grado di fama, maestà di presenza, nobilità di patria, lodi di vita, providenza di etade e sincerità di animo. Oltra ciò, tutti i suoi discorsi sono orditi di misericordia, di salute e di remissioni. E buon per le nostre anime, se di sì fatti sacerdoti si udisse nei pulpiti!

Forse che si può notare di superstizione o di ipocrisia? Mangia di ciò che se gli pone inanzi, sempre scoprendo ne la faccia il chiaro di quella letizia di che gli giubila l’anima, mercé del suo ben fare. Onde Siena, republica caritevole e giusta, ha ragione di gloriarsi de l’aver produtto cotanto padre, la cui umiltade riluce ne l’aspro del romagnuolo, che, cinto di corda, gli ricopre le carni, più che non fa la superbia d’altri nel morbido de la porpora.

Insomma bisogna essere e non parere servo di Cristo, ed è forza che il fine di chi vòle che se gli creda, non si conchiuda con l’astuzia de l’ambizione.

Di Vinezia, il 20 marzo 1539.

33. Pietro Bembo to Vittoria Colonna, 4 April 1539[111]

Vostra Ill.ma S. ha più da rellegrarsi della nuova dignità et grado datomi da N.S., per ciò ch’ella ne è stata in buona parte cagione, che per alcun mio merito, di che ella per sua molta cortesia ragiona meco nelle sue lettere, nelle quali veggo il grande affetto suo verso me, che da ogni parte soprabonda alla verità et si spande con la piena falda del suo caldo amore et del suo chiarissimo ingegno. Il che fa che io tanto maggiori gratie ne le ho da rendere et rendo tutto pieno d’infinito obligo alla sua singular bontà et benivolentia. N.S. Dio, dalla cui pietà ogni cosa viene, mi doni tanto della sua gratia che io possa rispondere alla credenza di voi. La quale in tanto non sarete sopra ciò ingannata, che io porterò meco sempre una ardente volontà di bene adoperare ad honor della maestà sua. Il nostro frate Bernardino, che mio il voglio da hora innanzi chiamare alla parte con voi, è hoggimai adorato in questa città; nè vi è huomo nè donna, che non l’alzi con le laudi fino al cielo. O quanto vale, a quanto diletta, o quanto giova! Ma mi riserbo di parlar di lui con V.S. a bocca. Et ancho ho pensiero di supplicar N.S. ad ordinar la sua vita di maniera, che ella possa bastar più lungamente ad honor di Dio et giovamento de gli huomini, che ella non è per bastare, così duramente governandola, come egli fa. Lo avvenimento del dono fattomi da N.S. tanto m’è più caro et grato stato, quanto io spero a brievi di veder V.S. et honorla et riverirla presentemente, alla quale con tutto il cuore et con utto il mio affetto mi raccomando. A iv d’aprile mdxxxix. Di Vinegia.

(All Marchese di Pescara a Roma.)

34. Pietro Aretino to Paul III, 21 April 1539[112]

[…] dirò solamente che sì chiara persona ha dato mille anime al paradiso con l’avere transferito in questa città catolica e vostra divota il tanto umile quanto buono fra Bernardino da Siena, la cui sincerità, ridotto il suo core, la sua mente, la sua eloquenza e la sua discrezione ne la sua lingua, ne la sua faccia, ne le sue ciglia e nei suoi gesti, converte le disperazioni in salute, gli odii in carità, i vizi in virtù e le superbie in umanitade. Onde io, che ho visto nel predicare egli, la essenza de la eternità, il Padre in voce, il Figlio in carne e lo Spirito Santo in colomba, mosso da quella sua tromba che si fa udire col fiato apostolico, ho creduto e le ammonizioni de la riverenza sua, le quali vogliono che questa lettera, in mia vece gettatasi ai piedi de la vostra santità beatissima, le chiegga perdono de la ingiuria fatta a la corte de la stoltizia de le scritture mie […][113]

35. Vittoria Colonna to Ercole Gonzaga, 16 January (1540)[114]

Ill.mo et Ex.mo Monsig.or mio obs.mo

Promisi a mastro agabito scriver a V.S.R.ma per lui, poi la matina che partì me trovai occupata, sicchè per non mancar li darrò questa molestia, et circa ditto patre non so che dirme, perchè in pulpito non lo ho mai odito, ma è molto aprobato dal R.mo Santa Croce, sì che da V.S. ne aspetto el total vero iuditio, maxime hora chil il R.do fra Belardino, passando de qui per andar a predicar in Napoli, me disse troppo gran cose della solida et non simulata virtù et bontà della S.V.R.ma, alla quale ho molta invidia che stia fuor de qui. Li baso le mane infinte volte, et la prego dica poi al preditto Agabito che li ho scritto per lui.

Da Roma, adì xvi de gennaro.

Serva de V.Ill.ma et R.ma S.,

La M.sa de Pes.ra

V.S.R.ma haverà ben inteso i molti affanni de molti, perchè el nostro Cardinal Fregoso aceptassi de provar d’esser un novo rubo incombusto.

(A lo Ill.mo et R.mo Monsign.or mio obs.mo el S.r Cardinal de Mantua)

36. Bernardino Ochino to the Viceroy, 6 June 1540[115]

Al Vicerè di Sicilia.

Gionto qui a Palermo, non sapendo io altramente, le Galere de la Religione la notte immediata segnente si partirono, anchora che con quelle non era possibile venisse (venissi) per non haver satisfatto a questa felice città. Al presente havendo hauuto notizia di queste de la Ecc.a del Principe che vengono, molto volentieri sarei venuto se non fusse che per alcuni razionabili rispetti son stato impedito. Però S.E. accetterà in questo mio volere ed insieme saprà ch’io sono et sempre sarò desideroso di servirla. Et circa el predicare, quando S.S. Ill.ma talmente opera che da Roma me sia comandato che io vengi, secondo il desiderio Suo non mancherò, anchora che io fussi lontanissimo, perché questo mi reputarò a singolarissima gratia. Et con questo basando la mano di S.E. fo fine et me racomando.

Di Palermo a lit 6 di Giuigno nel 1540. Di S.E. Deditissimo, Frater Bernardinus Senensis.

37. Giorgio Andreassi nuntio in Venice to Alessandro Farnese, 13 August 1540[116]

R.mo et Ill.mo S.or et Patron mio Col.mo

Predicando la quaresima passata in San Cassiano di questa città un M.ro Giulio della Rovvere Milanese, frate dell’Ordine degli Heremitani di S.to Agostino, cominciò, intorno agli .viii. dì della quaresima, a venirmi richiamo ch’egli predicava cose sospette d’heresia. A che volendo ovviare humanamente, lo fei venire da me, et ammonitolo a parlare catholicamente, se non volea pentirsene, lo rimandai. Avenne, quattro o sei dì dapoi, che il serenissimo Principe[117] mandò a dirmi haver inteso come in San Cassiano predicava un lutherano et che ci provedesi; onde chiamatolo di nuovo, li dissi la nuova querela havuta di lui di bocca del Principe, soggiungendoli esserci richiamo che havea parlato della confessione, conchiudendo che solamente era cosa buona et utile per la vergogna che ha quel tale di palesar il suo peccato, et che già furo alcuni che volsero levarla et facevan male; tacendo che la fosse necessaria, et accennando quella esser de iure positivo et così non necessaria. Però, havendogli io imposto che predicasse quanto prima della necessità d’essa confessione, secondo che da molti gli veniva scritto et detto, non volse farlo.

Proseguendo dunque di predicare per modi pieni di colori, coperti et maligni, andò di mal in peggio insin all’ultimo, disseminando simili lutheranerie et in cambio di mostrarsi catholico, si come mi prometteva, si scoperse il contrario. Tal che, venuta la settimana santa, poiché fin allhora non gli aveva tolta la predica, per haverlo ammonito et trovato disposto al mio desiderio, anchorchè havesse avuto il tratto doppio, lo lassai star insin all’ultimo dì di Pasqua, nel quale, sendo già moltiplicate in buona summa le querele di lui, fui astretto a mandargli a torre tutti e libri et scritture della camera, et lo fei arrestare. Trovarsi infra i libri due de’ reprobati et molte lettere sospette et di persone sospette. Et perché, tosto che questo fu esequito, si scoperse per lui il favore troppo in abbondanza et de primi gentilhuomini di questa repubblica, anchorchè de prima anchora li fusser contrarij segretamente, mi parve bene non usare rigore, et no ‘l facendo carcerare, processi extraiudicialmente esaminadno xxv testimoni, et costituito lui, sì sopra dette lettere trovategli, come sopra l’imputationi dategli, essendosi nel costituto mostrato molto sospetto, provando i testimoni non solamente l’infamia di quelli, ma molti articoli lutherani et cagionevoli di grande scandolo. M’era noto dalle lettere trovateli che in Trieste non havea fatto men mal uffitio, et da un processo formatoli contra in Bologna seppi il medesimo. Et benchè per lettere del R.mo Ridolphi, protettor di cotal ragione, mi fosse fatta fede che il padre generale dell’ordine, di commissione di Su S.ta, havea già assoluto esso mastro Giulio, mi volsi consigliar da Savij ciò che, per il deposito de’ testimoni et costituto su detto, mi havessi a fare. Sendo adunque stato risoluto da un collegio de dottori di dever procedere contra il medesimo mastro Giulio a più stretta inquisitione, ho, già quattro giorni, per honore della fede et debito dell’uffitio, fatto carcerarlo[118] et, formata una inquisitione di trenta capitoli contra di lui, gliela manderò il primo dì giuridico per farlo rispondere et poter procedere ad ulteriora, esaminando i testimoni giuditialmente et procedendo seconda la forma de’ sacri canoni.

Perché dunque in quest’ultimo atto della carceratione sono più tosto accresciuto che scemati li favori de’ gentilhomini et grandi a questo frate, i quali non si guardavano manco d’accompagnarlo quando da principio lo facevo venire a costituirsi, e perché son certo che non opraranno manco mezi et fautori di costà, stando come sta, tutto ‘l stato Veneto in aspettatione di veder l’esito di tal inquisitione contra il predetto mastro Giulio, ho voluto darne notizia a V.S.R.ma acciò la rappresenti a Su S.tà l’importanza di questa cosa, et qualmente passandosi di costà assolutione senza pena, come per il passato, ci corre rischio che in breve non si vegga tanto accresciuto il numero de Lutherani in queste parti del dominio vinitiano, et qui principalmente, che non se ci possa rimediare dopoi per nessun verso. Io fra tanto seguirò il corse della giustitia et quanto Su. S.tà m’ordinerà; et ciò ho fatto et fo per le commissioni datemi da quella a bocca, alla qual non ho voluto prima far intendere altro, non mi parendo conveniente per insin che la cosa non venisse al termine in che stà. Bacio le mani a V.S.R.ma et in suo buona gratia humilmente mi raccomando. Da Vinetia, alli .xiii. d’agosto 1540.[119]

Di V.R.ma et Ill.ma S.

Humile s.or il Ves.o di Chiusi

[Fuori:]

Al R.mo et Ill.mo S.or et Patrono mio Col.mo

Mon.or il Car.le Farnese Vicecancell.re a Roma.

38. Bernardino Ochino to the Council of Siena, 5 September 1540[120]

Molto magnifici signori etc. Non penso vi habi a esser difficile el persuadersi che molto volontieri verrei in questa quaresima a predicare alla mia Siena, sichome per una vostra ò visto sarebe intento di veste (sic) signorie: resta solo che da chi può comandarmi io non sia impedito: di me potrà servirsi nel scrivere che a me el venir sarebe gratissimo pur che sia con volontà di Sa Stà. questo medesimo ò expresso al rev.mo Monsignore Ghinucci, et perché del tempo fuor della quaresima Sa S.tà non è solita impedirmi, quando a vostre signorie paresse che io venisse in questo tempo avanti alla quaresima, mi dieno un cenno del quando, chè non mancarò col non cessare anchora di tentare per la quaresima, il che sarà etiam più facile di obtenersi per esser lì. et se in altro posso, si servino di me che per la singulare affetione li porto mi sarà facile tutto in Christo per el qual vivo et spero di morire. resto con pregarlo che vi prosperi sempre con la sua buona gratia in ogni vera felicità.

Da Romae 5 settembris 1540.

Delle vostre magnifice Signorie, Frater Bernardinus Senensis.

39. Bernardino Ochino to the Council of Siena, 28 September 1540[121]

Molto magnifici signori. Non è più presto resposto per non essere resoluto di Sa S.tà. Ogi s’ è contentata che io per lo advento venghi, così mi sforzarò circa a Ognisanti essere a Siena. Preghiamo el Signor ch’ el mio venire non sia vano. Resta che vostre signorie in quanto posso mi comandino che non sarà cosa tanto difficile che lo amor non me lo renda facile.

El Signor vi conservi et prosperi nella sua gratia.

Da Roma 28 settembris 1540.

40. Giovanni Morone from Worms to Alessandro Farnese, 22 December 1540[122]

R.mo et Ill.mo Sig.or mio Sig.or osser.mo

Molti giorni et mesi fa, per scaricarmi appresso Dio et per obstare quanto potea alla ruina de molte anime, non solo scrissi a V.R.ma et Ill.ma S., mediate la quale il tutto potesse venire a notitia de N.S., m’anchora a bocca et per memoriale mi duolse col R.mo de Nicastro, hora S.ta Croce,[123] che nel mio vescoato erano mali principij di pessime heresie, et pregai N.S. per li pericoli et bisogni di quella chiesa, overo mi concedesse el ritorno, overo si degnassi fare provisione che questa infirmtà non pigliasse maggior piede. Et adducea l’essempio di Gemania, qual forsi da minore scintilla ha eccitato tanto incendio et raccordava alcune provisoni &c.

Di queste mie letter et diverse instantie non ho mai havuto altra risposta che qualche speranza de ritorno, congiunta però con comissione de havere pacienza sin al fine hor delli colloquij d’Haganoa et di Wormatia, hor della Dieta.

Fra questo mezzo queste male piante hano fatto continuamente maggior radice et dilatato li rami, in tnato che mi vien scritto, che a Praga, in Bohemia, non si ragiona tanto de’ tutte l’heresie come a Modena, et nelle boteche si parla contro il purgatorio, conta la Messa, contra la potestaà ecclesiastica, contro l’invocatione de santi, et altri articuli, non altrimente che si faccia in Germania. E fra li altri vi sono stato alcuni predicaotir de santo Agostino, di quell’Ordine del quale era Martino Luthero, quali fraudolentemente con grand’arte hanno sparco mal seme per tutta la città; quali predicatori di novo erano ricercati d’alcuni inclinati alla setta, et usavano dell’opera delli conservatori della città per ottenire detti predicatori.

Sappia V.R.ma et Ill.ma S. che questo mal ha maggior fundamento che non si pensa, et dubito che a poco a poco, si dilatarà tanto che si farà incurabile. Per tanto humilmente supplico quella si degni advertirne diligentemente N.S. et pregarla voglia fargli provisone, perchè Soa S.ta è obligata.

La prima provisione sarrebbe, er remover il presente pericolo de questi frati, che Soa S.ta concedesse, per breve, facultà al mio vicario che potesse inhibire a tutti li frati essemtti, che nessuno predicasse senza sua licenza, anzi che de facto inhibisse che in altro luoco non si predicasse che nella chiesa cathedrale. Né crdi V.S.R.ma ch’io cerchi usurparmi per questa via potestà sopra la fteria, alla quale so non mancono molti ptotettori, ma conosco li pericoli tnato iminenti che non ho rispetto aggravarmi più di quello ch’io vorrei. Ma questa provisione non basta; perché bisogna cercare più a fondo et andare alla radice del male, qual dubito sia fondato in maggir luoco che in Modena; et perciò è necessario mandare huomini discretti, fideli et dotti per la Inquisitione con piena autorità di fare l’ufficio.

E appresso supplico V.R.ma et Ill.ma S. non gli voglia perdere tempo; perché, se li buoni ingegni et nuone lettere di quella città con qualche adiuto externo si fondassero nel male, come forsi disegnano, sarrebbe danno irrecuperabile, et fra puoco tempo se ne sentirebbe nova per tutto.

Et humilmente bascio la mano de V.R.ma et Ill.ma S.ria

Da Wormatia, alli .xxvj. de decembre. M.d.xxxx.

Di V. R.ma et Ill.ma S. Humil.mo ser.re Il ves.o di Mod.a Moroni

41. Giovanni Domenico Sigibaldi to Giovanni Morone, 1 March 1541[124]

… Comparse qua frate Bernardino da Siena scapucino. Tutta la città si commosse a farlo predicar cum mia licentia. Era alogiato a Santo Pietro.[125] Andai a pregarlo ch’el predicasse; tandem si lassò vincere et el giorno sequente, che fu l’ultimo de febraro, fece una predica per un’hora: che cosa era Christo. E poi smontato, senza fermarse se ne andò de longo verso Regio per andar a predicar a Milano. E tanta confidenza, amor e devotione in Christo lassò in questo curioso popolo quanto ne capeva el domo, che fece piangere ducento homini marmorei, tal che ogni homo lo desidera. Et se io havesse condesceso, l’harebbeno sforzato restar qua, ma io non volse fare carrico a questo carmelita, il qual anchor lui era ad oldere cum li conti, Achademici et d’ogni generatione. Tengo certo ch’el signor Dio estirparebe queste heresie quando detto scapucio predicasse. Io, visitandolo, lo pregai per la quadragesima del sequente anno. Ha detto essere già deputato a Genoesi. Domandai per l’advento. Ha risposo che quest’anno finisse l’officio suo, però ch’el non può disporre di sé, ma farà quel che Nostro Signore aut l’obedientia de soi prelati li commetterà. E perché io conoscho in questo pocho gusto n’ha dato el fruto che ne cavarebe Idio per tale padre, però m’è parso avertirne Vostra reverendissima Signoria che ottenga da Nostro Signore li sia commesso venga qua l’advento a predicare. E di questo ne supplico assai, per salute de questo popolo.

42. Fra Eugenio De Mittis, in Milan, to Giulio Della Rovere da Milano in Venice, 6 March 1541[126]

Maestro Ambrosio è andato al Castelazo[127] a predicare per volontà del p. maestro Augustino di Piemonte[128] quale l’è tanto stimolato che l’a fato andare, che luy non li voleva andare; maestro Augustino suddetto comenzerà predicare qui in santa Marcha; fra Bernardino generale de Capuzini predicha in duomo; il Barleta da Padova[129] predicha a Santo Francesco, non so come andarà …

43. Giovanni Domenico Sigibaldi from Modena to Giovanni Morone, 4 April 1541[130]

… De li nostri preti alchuni si reformano et se dano a simil opere de pietà, chi in mendicar per li orphanelli, chi in celebrar messa a li poveri de Santo Iob, chi visitando li poveri de la sua parochia etc.

Ma, ohimé l’opposito intendo de certi frattazi de Santo Francesco et de Santo Augustino, li quali ne le confessioni rubano le anime a Christo, invitandole a luxuria; et de monastero di Santo Francesco se fa prostibulo, tale che m’è stato notificato che doi frati solamento sono da bene: il resto è mera lascivia.

El predicator fa pochissimo, anci nullo fruto. Per ‘l mio iudicio la causa vien da lui, che non fa util predica: zanza assai mal a proposito. Però pochissima audientia li viene.[131] Se l’heremitano o altro predicasse, certo potrebe lui predica a le mura. Per il che m’è parso bene ch’el lettor de Santo Domenico habia comminzato legere il venere et ogni festa, dove concorre assai più persone che a la predica. E pur quest’anno havevamo bisogno d’un buon predicatore.

Temendo che la risposta de Vostra reverendissima Signoria non me venesse troppo tarda, ho ricerchato il reverendissimo de Carpo,[132] protettor de l’ordine tutto di minori, concedermi frate Bernardino da Siena capucino per l’advento et frate Ottaviano da Messina[133] conventuale per la quadragesima. Espetto risposta.

Same letter[134]

… Mi pace la resolutione circa la provisione predicatore, il qual ha tanto pocha audientia che me sgomento, benché mi pare che la volpa venga da lui.

Spero che mi serà concessi li doi predicatori, frate Bernardino per l’advento et frate Ottaviano per la quadragesima, dal reverendissimo cardinale de Carpo, protettor de l’ordine minor universalmente. Frate Bernardino me lo promesse, quando li soi superiori lo deputarano; frate Ottaviano l’ha promesso a messer Giovanni Castelvetro in Montoa, quando el suo generale voglia.

44. Giovanni Domenico Sigibaldi from Modena to Giovanni Morone, 21 April 1541[135]

… Non potremo havere quel mastro Ottaviano da Messina per la quadragesima, perhcé el protettor del orine, monsignor reverendissimo de Carpo, vol mandarlo in Spagna. Però ho scritto a messer giovan Battista Guidobono veda otterne de quatro altri uno, seconda la nota li ho mandato.

Non so se anchor potremo havere el scapucino (frate Bernardino dico), perché intendo essere infermo et alchuni dicono essere morto a Milano. Però ho scritto al prefato Guidobono veda farmine haver un altro de li scapucini. Questa setta intendo essere talmente ostinata che, s’el venisse el santo Battista, non li crederebe. Non vult intelligere ut bene agat.

45. Giovanni Domenico Sigibaldi from Modena to Giovanni Morone, 22 April 1541[136]

… De li predicatori, havendomi rescritto el reverendo messer Giovan Battista Guidobono ch’el reverendissimo era per mandar mastro Ottaviano in Spagna et ch’el haveva gran rispetto a deputar fra Bernardino a questa piccolo cità, io li ho replicato ch’el opera me sia dato aut un mastro Agapito da Taiacoza, aut el Costazaro, aut mastro Raphaele da Fiorenza, aut mastro Agostino da Ferrara; et per l’advento che, quando pur non mi potesse essere concesso frate Bernardino, ch’almen mi conceda uno de li scapucini che sia excellente. Anchor non ha recevuto nova. Già haveva scritto a fra Bernardino che, finite le predice a Milano, fusse contento venir a conservarmi la promessa. Et la signora Lucretia scrisse el simile al magnifico messer Francesco Sfrondrato a Milano, il qual li ha risposto che frate Bernardino li ha detto non poter venire perché li convien andar a Napoli a capitolo, et pensa andarvi per Genoa o per Può verso Ravenna. Però quella sia contenta anchor lei scrivere a Roma per havere la provisione de predicatori per l’advento et quadragesima, conforme al mio scrivere.

46. Alfonso d’Avalos d’Aquino in Milan to Paul III, 28 June 1541[137]

Beat.mo et Sant.mo Padre.

Per la mala dottrina di doi Frati Heremitani et un altro delli Minori Conventuali, che alla prossima quadragesima predicavano in alcune città di questo Stato et per le loro camere poi appartatamente andavano imprimendo de le falsità negli animi di molte persone, è successo che alcuni eran talmente rimasti infetti di heresia, che non solamente ardivano a parlarne in publico, ma a disputarne anchora con obstinatione. De la qual cose, havuto notitia assai più tardi di quel che harei desiderato, poi che già li frati auttori d’ogni male eran fugiti via, dubitandomi che nel Stato non se augumentassi tal veneno, como intendo haver fatto in alcune città de Italia, astretti dal’honor de Dio et da la satisfatione et servitio de la Santità Vostra et di sua Maestà (ai quali so non esser, se non sopra ogn’altra cosa molestissimo che simili casi occorrano in la christianità, maxime a lor tempi et in Italia), posi ogni diligentia possibile in far perseguitar quelli temerarij che spargevano il mal seme raccolto da la malvagità de detti frati, tal che se n’hebbero alcuni, et fattogli consignar a l’inquisitore, procedendosi secondo li canoni, tutti hanno dimandato penitentia. Et così parte di loro, come giovani, mossi più presto da leggerezza che di altro, è parso al detto inquisitor di condenargli alle carcere a tempo, altri, como più gravati, a carcere perpetuo, pena, a mio giuditio, non assai degna dell’error loro. Onde ho declarato il carcere essere più conveniente commutarsi a la galera, over non haranno la fuga facile, et serviranno pur a N. S:or Dio in recompensa delle offese fatte a sua divina Maestà.

Dapoi, per la captura et pena de questi, essendosi molti absentati, parvemi dover essere grato a Dio et cosa che potessi apportar qualche remedio, di permettere, et così permesi al inquisitore che facessi un editto che, se alcuno de quelli che erano stati in errore, non trovandosi sino al’hora denuntiati, spontaneamente venessero a penitentia, si accetterebbero secretamente del detto inquisitore; per il che molti ne sonno ritornati, o almeno han dimostrato di ritornar al vero lume con segni di bona contritione. Fecesi parimente avertire tutti li priori de Heremitani et Minori Conventuali del Stato che non permettessero alcuno in gli loro monasteri parlare nè disputare sopra dottrina aliena da la fede catholica, altrimenti se gli torriano i loro monasteri, et si darebbono ad altri religiosi di meglior vita. Con tutto ciò s’intende ogn’hora più l’infettion propagarsi; et avenga ch’io non cessi di pensar continuo in qual modo si potessi del tutto eradicare di questo Stato, fra l’altre cause delle quali per aventura può ricevere augumento, potria esser, al parer mio, la potissima et principal il vedersi gli heretici permeso da la santa Chiesa, che, essendo colti nel error loro et codotti in potere della giustitia, quella gli habbi da esser ministrata da ecclesiastici, l’autorità de’ quali si vede assai debile, quando le persone non sono totalmente relapse; onde, assicurandosi per la prima volta della vita, ardiscono quello, ch’io tengo per certo che non farebbero, se, subito che fusser presi, havessero da temere, oltre la pena eterna, anchora la temporale.

Et quando dagli antiqui pontefici fu dat l’ordine così mite alle pene delli heretici, mi vo imaginando che forse la pravità loro nan have, come hora, il fondamento così largo et diffuso in tante parti del mondo, né il pericolo alla Stato, et ecclesiastico et temporale, era tanto iminente et manifesto, como per la molto copia di perfidi christiani in questi nostri tempi si dimostra.

Perciò, quando V.ra S.tà fossi servita che in questo dominio, con l’intervento delli giudici ecclesiastici ordinarij, potessi io, senza aspettare altro relapso, fare castigare il primo error di heretici corporalmente, secondo la qualità delli casi et delle persone, et così clerci como layci, sarì talvolta espediente assai atto a refrenare tanta temerità.

Supplico donque humilmente a Vostra Beatitudine, parendole così essere servitio di Dio et bene alla christiana religione, comandi che mi si dai aviso de la sua voluntà, ch’io le prometto, come christian obedientissimo et humil suo servo, ponerci il maggio studio et diligentia che si possa. Et attalchè la Stà V.ra intenda li capi nei quali erravano alcuni di costor, che forno presi, non erano se non circa i principali articoli della nostra santa fede, come è la confessione, il sacratissimo sacramenteo, il libero arbitrio et in effetto delli più scelerati et impij che tengano lutherani et zuingliani; perché veda hora Vostra Beatitudine se gli è bene trattali con clementia et humanamente, second le miti dispisition de canoni. Et N. S.or Dio adempij tutti li suoi santissimi desiderij.

Di Milano, a 28 de giugno 1541.

De V. Beat.ne Humile servo e soy santissimi piedi basa. March. Del Vaste

47. Bonifacio Ruggeri in Rome to Ercole II at Ferrara 16 July 1541[138]

… nel consistorio d’hieri, sentendosi che questa lutheranaria etiandio in qualche città d’Italia si spargea, s’era data la cura universale della Inquisitione a doi reverendissimi, Teatino et Brundusino, che avessero ad eleggere et mandare fuori inquisitori secondo che giudicaranno espediente, et che in caso che nel dominio di Vostra Eccellentia bisognasse per essercitare il loro officio del favore et braccio di quella, la volesse essere contenta di concederglielo come si conviene a quel bon principe ch’ella è. Io dissi a Sua Santità di farglielo intendere et ch’io mi rendevo conto ch’ella in questa cosa serebbe caldissima et ben animata, perch’io sapea in quanta abominatione le era questa heresia et la cura ch’ella ponea di preservarne il stato suo; come non era molo che, essendo accapitato in Modena un del dominio de Venetiani ch’altre volte era stato frate et predicatore, et hora apostatosi andava in giro mo’ qua mo’ là spargendo di questa ria sementa, la lo fece prendere et confurre in Ferrara ove, fatto venire l’inquisitore di Bologna insieme con quello di Ferrara, lo fece processare et fu condemnato in perpetue carceri. Et che quella havea mandato qua il processo al revendissimo Contareno che havea fatta instanza di vedere sopra che articoli egli era inquirito, non havendo da prima questo ribaldo per quello che, veduto il processo, l’hebbe poi. Sua Santità ne commendò molto Vostra Eccellentia, dicendo che così devean fare i principi catholici et questa era cura loro. Hora questa Inquisitione data alli doi reverendissimi è causata per una lettera scritta a Sua Beatitudine dal marchese del Vasto, che, vedendosi pur in Milano qualche principio di questa peste et massimamente di un frate che predicava ivi [Agostino Mainardi], ricordava che, parendogli che l’Inquisitione ordinaria fosse troppo fredda, era da fare provisione più gagliarda perché non si agomentasse. Et essendo state varie opinioni fra gli reverendissimi se si devea osservare gli ordini dati da i canoni o pur, come si fece in Franza per questo re, procedervi con quella rigidità et eccedere le constitutioni, fu deliberato che si procedesse della maniera che dice la bolla che fu fatta per la cosa di Francia, essendo stato molto commendato il scrivere del marchese.[139]

48. Council of Siena to Bernardino Ochino, 6 November 1541[140]

Al rev.mo padre gen.le deli scappuccini frate Bernardino Occhini.

La molta affetione e cordiale amore che sempre questa nra città portò e porta ala R.V. per le buone e virtuose qualità sue, con molta forza ne astringe perche le doviamo havere scritta questa nra per la quale le diciamo sicome la città tutta hoggi la desidera con tanto voglia che qualsivogl’ altro più desiderato bene che le succedesse non le arrecaria equal (sic) contento che godersi la p.ntia sua. et imperciò con quella caldezza che per noi si può maggiore e con tutto el cuore la preghiamo et in charità entro le viscere di Jesu Christo le domandiamo per gratia che si mai ebbe in animo di far cosa che dovesse esser grata con gloria di Dio a questa nra Rep., che vogli porre da parte alp.nte[141] ogn’ altra cura ancorche le porghi incomodo e degnarsi venire a predicare in questa città tutti questi giorni che sonno fin’ a natale, perche la medesima tutta per fermo crede le devino esser d’un tal frutto le prediche sue che per quelle ne venga in essa grandemente innalzato l’imenso honor di Dio per il largo aqquisto faranno così dela salute dela Rep. come quella ch’ infinitamente ha in pregio il grande honor di Dio, di cuor, ama il benesser’ dela patria sua et a noi sempre ha dimostrato volerci amorevolmente compiacer’ per qualsivogli cagione, non ci mancarà, et per questo non le diremo più lungamente se non che di continuo cel’ offriamo con ogni nro potere paratissimi. che nro Dio la contenti.

49. Paul III to Giorgio Andreassi nunzio in Venice, 21 November 1541[142]

Venerabili fratri Georgio, episcopo Clusino, in tot dominio Venetorum cum potestate legati a latere nostro et apostolice Sedis nuntio.

Paulus papa III.

Venerabilis frater, salutem &c. Exponi nobis nuper fecit dilectus filius frater Julius Mediolanensis ordinis sancti Augustini Heremitarum, quod, licet per te seu tuum generalem auditorem, accitis secum nonnullis sacre theologie magistris, super eo quod anno presenti tempore quadragesimili et ante per multa tempora ipse contra catholicam fidem in ecclesia Sancti Cassiani Venetiarum, astante populi multitudine, nonnulla heresim ac pravitatem lutheranam sapienta predicaverit, ac multa erronea et heretica, sue de heresi suspecta, verba protulerit, contra eum per modum inquisitionis processum seu procedi ceptum fuerit, nihilominus, cum premissa vera non esse cognitum fuerit, a processu et expeditione cause huiusmodi, in eiusdem Julii, premissorum occasione carcerati, grave damnum et preiudicium, cessatum estitit. Et propterea pro parte dicti Julii nobis fuit humiliter supplicatum, quatenus sibi in premissis oportune providere de benignitate apostolica dignaremur. Nos igitur, eiusdem Julii indemnitati, secundum Deum et iusticiam consulere volentes, Fraternitati Tue per presentes committimus et mandamus, quatenus in causa et causis predictis per te vel alium procedas, illamque et illas, prout iam incepisti, audias et cognoscas ac non retardes, ipsum fratrem Julium, prout iuris fuerit, damnando vel absolvendo, fine debito terminare, a carceribus, in quibus mancipatus reperitur, quatenus culpabilis non existat, liberare et relaxare auctoritate nostra procures, non obstantibus constitutionibus et ordinationibus apostolicis ceterisque contrariis quibuscumque: in hoc enim rem iusticie consentameam efficies nec coges nos desuper aliter providere.

Datum Rome, .xxi. novembris 1541, anno 8. M.Martiranus Blos[ius]

50. Bernardino Ochino to the Council of Siena, 22 November 1541[143]

Molto magnifici signori Priori Governatori e Capitani miei osser. Mi dolgo per la molta affetione et cordiale amor che porto et alle Signorie vostre et alla patria di non poter soddisfar a quello che per debito me si conviene, et a quanto saria el voler di quelle io non harei già aspettato che mi avessin fatto istantia di venire costà a predicare, che – quantunque non sia secondo il merito di quelle – al primo cenno sarei venuto, ma mi trovo da molti giorni indrieto con un dolor grande di schiena et con altre indispositioni attalchè si ben mi forzasse a venir, non potrei predicare. e per questo ho ricusato anchi a molti e mi sò fermato qui che, tra chè curarò il mal, mi verrò rassettando le mie scritture. per questo le S.V. si degneranno per tal impedimento scusarmi contentandosi di quanto è voler di Dio per la mia imperfetione. e di questo è il mio buon volere verso di tutti, e mi faran gratia avermi nella vostra protectione, e cosi a quelle con tutto il core mi fo racomandato.

Dal luogo nro di Firenze, il di xjj di novembre del D 4j.[144]

51. Paul III Gregorio Cortese (Congregation of Monte Cassino in Mantova), 10 December 1541[145]

Dilecte filio Gregorio Cortesio abbati monasterii Sancti Benedicti Manutani, ordinis eiusdem s.ti Benedicti Congregationis Cassinensis.

Dilecte fili, salutem. De probitate, pietate ac doctrina tua confisi, volumus ac tibi iniungimus ut ea, qua maiori poteris, dexteritate investiges, an in civitate Mutinae ex qua oriundus es, luterana vel aliae hereses sint et si aliquid huiusmondi inibi pullulare repereris (et) ad nos de re et de tuo in ea re consilio scribas, ut ipsi oportune desuper providere possimus.

Datum Rome, .x. decembris 1541, a.° 8°

Blos[ius]

52. Bernardino Ochino to the Marchese del Vasto, 10 February 1542[146]

Al Marchese del Vasto. – Illustrissimo Signor. Non fu mai ne manco sarà il più valoroso capitano di Christo: imperò che dove gli altri vincono con potenti eserciti, per forza d’arme et artigliarie, et molti con inganni, astutie o favori di fortuna, Christo venendo in questo mondo, solo soletto entrò in guerra. Et disarmato d’ogni forza et favore del mondo, nudo in su la croce, vestito solo di verità, humiltà, patientia, charità et dell’altre virtù con impeto d’amore, in una sola guerra ha superato per sempre non gli huomini del mondo, ma gli infernali spiriti, la morte, li vitii et tutti gl’ inimici di Dio et fatta la più bella et ricca preda dell’anime per tanti secoli state già in si misera servitù che mai si facesse o potesse fare. E ben vero che vi lasciò la vita: ma questo rende più mirabile el suo trionfo et la sua gloria.

Però essendo si divin capitano, vostra Eccellentia non si ha da vergognare, anzi da honorare d’essere nel numero deli suoi valorosi cavallieri, massime che le palme, corone, vittorie, trofei et trionfi deli suoi soldati senza camparatione sono più gloriosi che quelli del mondo. Et si ricordi, che prima, cioè nel sacro battesimo, fu ascritto alla militia di Christo, che a quella di Cesare: et mancar di fede a Christo è cosa tanto più vile, quanto che Christo de gli altri Signori è più ricco, liberale, potente, pio, santo, giusto et pieno d’amore; et sichome furono impie quelle parole della turba: Non habbiamo altro Re, che Cesare, così divine quelle di Christo: Rendasi quelle che è debito, a Cesare, ma non si manchi a Dio. Et hora tanto più quanto non si serve, anzi si disserve a Cesare ogni volta, che s’ingiuriasse Dio, dal favor del quale pendono gl’ imperj et monachie del mondo.

Questo ho scritto, non perché io non pensi che vostra Eccellentia habbia sempre l’occhio aperto all’honor di Dio si come son costretto a credere et dalle vostre virtù et dall’amor ch’io vi porto, ma vi veggo nelle altezze del mondo, dove li venti impetuosi deli rispetti humani sono potentissimi, tal che bisogna esser perfettissimo per vincere. Però l’impresa è conveniente alla grandezza et nobilità dell’animo vostro. Gli altri vostri amici faranno festa et mangificaranno le vostre vittorie del mondo: et io quando vincerete voi stesso et non haverete per idolo il rispetto del mondo, anzi per grandezza di spirito gli sarete superiore, et non servirete al mondo ma vene servirete in honore di Dio.

Sono stato più che longo, et ho non sodisfatto al desiderio mio, ma l’ho esercitato. Però farò fine per non fastidirvi et a me crescere voglie. Forse che un giorno verrò a rivedervi. In questo mezo et sempre pregarò il Signore, che vi prosperi in ogni beneplacito suo con la consorte et figliuoli. Da Venetia alli X di Febraro M.D. XLII.

Di V.S. Illust.ma Frate Bernardino da Siena.

53. Gasparo Contarini to Bernardino Ochino, 1 April 1542[147]

Molto R.do Padre come fratello. Io giunsi il giorno della Madonna a Bologna, sano et salvo, per la Iddio gratia, con tutta la famiglia, et ragionando con questi gentilhomenj bolognesi della P.V., ho trovato ch’ella è sommamente da tutti desiderata et forse non con menor affetto d’animo verso lej di quello che sia il mio. Però la prego quanto maggiormente posso fatto Pasqua, ella se ne venga a Bologna, et se prima vorrà irsene a Verona, potrà farlo, et di quivi venirsene a noj. L’aspettiamo per ogni modo doppo Pasqua, et quanto più presto, per più starsene con noi, ella verrà, tanto maggio piacere ci farà a tutti universalmente. Et a me in particolare. N. Signor Dio sia sempre con lej, et li doni la sua santa gratia. Di Bologna, al primo d’aprile MDXLII.

54. Council of Siena to Bernardino Ochino, 28 April 1542[148]

Il di xxviij di aprile.

(Al molto rev.do pre fre Bern.o occhino cosi fu scritto.)

Molto rev.do pre. Piacque al eterno Idio far tanto di gratia a questa nra patria con el mezzo della bona volonta della M.à Cesarea e prudente operatione deli agenti suoi che a civile e conveniente modo di viver si riducesse da quella licentia quale dala R.V. conosciuta ne fu più volte con tante efficaci ragioni ripresa, che se fussero stati in noi li animi quali dovevano, non tanto oltre havvremo ritardato a riformarci. perilche come siamo certi che quella sicome è amorevole cittadino della patria sua ne ha presa quella consolatione che si conveniva, cosi ancora ci persuadiamo che a perseveratione di tanto bene non le debbi mancar la volontà di operare quanto fusse approposito. laonde conoscendo quella che non meno importante sia el confermar li animi neli buone institutioni che indurveli – atteso che a questo effetto non sapremo sperar in modo miglior che la voce e persuasion della vra R.a – non possiamo pensar che quella piena di carità, di offitio che tanto se li conviene, ci habbi a mancar, e però pieni di confidentia che ella debba compiacerci la preghiamo che, come prima le e comodo, vogli venir a star da noi qualche giorno per darci l’aura di quella consolatione quale ala prossima futura quaresima più largamente ci promettiamo, havendo la S.tà di N.S. promessocelo fermamento allora che passò di qua alla via di Lucca. serà certamente opera degna della virtu e bonta sua satisfar a questo honesto desiderio della sua patria. laquale tutta caldamente con la voce nra ne la pregar, e iniseme che si contenti nele orationi sue pregar Dio che ci illumini a quella via che sia a servizio e laude sua e a V.R. dia pace.

55. Council of Siena to Bernardino Ochino, 28 April 1542[149]

Il di xxviij aprile.

Al rev.mo Padre Frà Bernardino Occhini. Se la citta nra trovò gr.a nel cospetto di Dio dopo molta licentia redursi a bella forma di vivere, noi teniamo per fermo fra li ottimi istrumenti usativi essere stato dali primi la publica voce et la segreta insieme di V.R. la quale con tanto ardore più volte ci fè con vivi argomenti vedere la molta trasgressione nra. Et perché desideriamo a la incominiciata via caminare a più confermatione nostra, crediamo niente essere più necessario che la presentia sua, la quale se ci ama tanto quando ancora eravamo cosi disordinati quanto pensiamo che più ci vedra volontieri si venendo vede qualche frutto di quel seme, che per volontà di Dio le piacque spargere in noi. Contentisi adonque quella non denegare questa gratia alla sua amata patria la quale se comodamente potesse sicome con queste n.re l.re strettissimamente glielo dimandiamo saria tutta unita insiema venuta a ricercarvela. Sara opera certo piena di quella carità alla quale tante volte ci ha invitato et perche speriamo come prima essa ne haverà comodo esserne sodisfatti. Non diremo altro senon pregarla che nelle sue orationi di noi si ricordi e Dio li dia pace.

56. Bernardino Ochino to the Siena Council, 20 May 1542[150]

Alli molto mag.ci S.ri li S.ri Priori et governatori del com(une) et il cap(itano) del popolo della Città di Siena. Molto magnifici signori. Per essere lo amor della patria justo et santo et tanto più quanto è d’un bene universale e pubblico, cognosco che tanto più siamo obligati a amarla quanto siamo a Dio più proximi. però per esser frate non so excluso da questo dolce vinculo, anzi tanto più strectamente ligato quanto in me fusse più charità. unde est che mi so congratulato del felice essere della mia patria et o incominciato a honorarmene però in Christo, tanto ne sento dire bene, et desiderarei presentialiter godermene, sichome del contrario le altre volte ne o hauto molestia, et tanto più quanto per la vostra vedo el desiderio di v.e S.e et della città, maxime quando credesse havere a giovare. ma poi so qui a Verona, ad instantia del clarissimo dominio veneto o hauto un breve da S.a S.tà dove mi impone che ritorni in Vinetia et li stia in fin tanto che altro non determina. tal chè so impedito, et bisogna mi haviate non solo per excusato, ma compassione, et tanto più quanto el venir mi sarebe più contento ch’el restare. pregarò bene el Signore che, essendo suo onore, faci che sua S.tà osservi la promessa, et io quanto più presto potrò me ne verro a la mia Siena. pregando dio che la conservi et prosperi nella sua gratia et pace etc.

Da Verona alli 20 di magio 1542.

57. Gasparo Contarini from Bologna to Renata di Ferrara, 9 July 1542[151]

Alla duchessa di Ferrara.

Excellentissima et ill.ma signora. Per la lettra di Vostra Excellentia ho inteso il gran desiderio tiene di havere don Pietro Martire predicatore per questa Quadragesima. Certamente ho sempre desiderato et desidero poter far cosa grata a V.E. Onde grandemente mi duolo hora non mostrarglielo con effetti. Et questo perché il detto Padre già molti giorni è stato promesso al r.mo Morone per la sua Chiesa nella città di Modena. Quella sia certa che se questo non fosse, ancor che io ne habbia grandissimo bisogno qui in Bologna, posponerei ogni cosa per servirla, attento il gran desiderio tengo far cosa che li piaccia, la quale non meno amo et osservo che l’Ex.tia del signor Duca. Sì che la si degni havermi per iscuso se hora non la satisfaccio di quanto mi ricerca, riserbandomi a servirla in ogni altra occasione che mi si dia di poterlo fare, che sempre me trovarà prontissimo et desiderosissimo di compiacerla. Et a quella per quanto vaglio mi offero. Che il nostro signor Dio lungamente in sua gratia la conservi.

Di Bologna, alli VIIII di luglio 1542.

58. Alexander Farnese to Bernardino Ochino, at Verona, 15 July 1542 [152]

A frate Bernardino.

Reverende pater. Essendo venuto all’orecchie di Nostro Signore alcune cose di certi frati dell’ordine vostro, che, per esser sopra la materia della religione, tanto zelosa, hano bisogno di remedio et che si osti a’ a principij; Sua Beatitudine, che vi dice non potersi facilmente venire ad effetto relevante senza che prima ne possa ragionare con la Paternità Vostra; le piacerà che, dopo ricevuta la presente, la pensi di venirsene fin qua quanto più presto la potrà con sanità; alla quale desidero che attenda, et che me habbia nele sue orationi, offerendomi a lei sempre. Da Roma, a 15 di luglio 1542.

59. Paul III to Bernardino Ochino, in Verona 15 July 1542[153]

Dilecte. Etsi nuper ad te scribi fecimus nostro nomine per nepotem nostrum cardinalem de Farnesio ut, ob causas in eius litteris expressas, ad nos te conferres, tamen, quoniam res nobis est valde cordi, ut debet, non contenti litteris dicti cardinalis, etiam nos ipsi ad te scribere voluimus, te hortates tibeque in virtute sancte obedientie precipientes ut ad nos quam primum venire non differas, ut tuo consilio, opera et interventu utentes, que providenda in hoc fuerint, oportune providere possimus. Datum Romae, apud Sanctum Marcum etf., 27 iulij 1542, anno 8. Blosius

60. Paul III, Licet ab inizio, 21 July 1542[154]

Paulus episcopus servus servorum Dei, ad futuram rei memoriam.

Licet ab initio nostrae ad summi apostolatus apicem assumptionis id semper nobis cordi fixum institerit, ut fides catholica ubique floreret et augeretur, ac omnis haeretica pravitas a christifidelibus nostra diligentia procul pelleretur, necnon diabolica fraude seducti viam veritatis cognoscerent, et ad gremium et unitatem ecclesiae reducerentur; et si qui, animi perversitate ducti, in eorum damnato proposito persisterent, ita plecterentur, ut eorum poena aliis transiret in exemplum. Nihilominus sperantes quandoque eosdem sic seductos, tum Dei omnipotentis misericordia, tum fidelium orationibus, ac dictorum virorum praedicationibus, errores suos recognituros et, illis abiuratis, ad sanctam Ecclesiam catholicam redituros, etsi id aliquantum differrent, auctoritate sacri oecumenici et generalis concilii, quod ad id in primis propediem celebrare sperabamus, deterritos, veram et catholicam fidem amplexuros, et ea mediante in semitis iustitiae ambulaturos fore, negocium inquisitionis haereticae pravitatis huiusmodi in hanc usque diem distulimus.

§1. Verum cum concilium huiusmodi ex diversis rationabilibus causis, et praesertim bellorum turbinibus, quae hactenus inter principes christianos viguerunt, nondum inchoari potuerit, et humani generis hoste procurante, fidelium animi novis haeresibus in dies magis polluantur, omniaque schismatis dissidiis repleantur, lacereturque fere christiani nominis unitas, inconsutilisque Christi tunica scindatur.

§2. Nos ne, dum dies concilii per nos novissime indicti expectatur, omnia in deterius labantur providere volentes, ac nequentes per nos solos, aliis etiam arduis occupatos curis, omnia exequi, dilectorumque filiorum nostrorum Ioannis Petri Sancti Clementis, Ioannis S. Sixti, Petri Pauli S. Balbinae, Batholomaei S, Caesarei, Dionysii S. Marcelli, et Thomae S. Silvestri tituli presbyterorum cardinalium fidem, doctrinam et virtutem perspectas habentes, ac de eis plurimum in Domino confidentes, eosdem Ioannem Petrum et Ioannem ac Petrum Paulum et Bartholomaeum, necnon Dionysium et Thomam, cardinales, nostros et apostolicae Sedis in omnibus et singulis reipublicae christianae civitatibus, oppidis, terris et locis, tam citra quam ultra montes, ubilibet etiam in Italia consistentibus ac in Romana Curia, super negotio fidei, commissarios et inquisitores generales et generalissimos, autoritate apostolica, tenore praesentium constituimus et deputamus.

§3. Ac eis contra omnes et singulos a via Domini et fide catholica aberrantes seu de eadem fide male sentientes, aut alias quomodolibet de haeresi suspectos, illorumque sequaces, fautores et defensores, ac eis auxilium, consilium vel favorem, publice ve occulte, directe vel indirecte, praestantes, cuiuscumque status, gradus, ordinis, conditionis, præeminentiae fuerint, etiam absque ordinariis locorum, etiam in causis, in quibus ipsi de iure intervenire habent, inquirendi; et per viam inquisitionis vel investigationis, seu alias, etiam ex officio, procedendi; ac culpabiles quoscumque seu suspectos præcedentibus inditiis, carceribus mancipandi; ac contra eos usque ad finalem sententiam inclusive procedendi, et culpabiles repertos, poenis, iuxta canonicas sanctiones debitis, puniendi; ac ultimo supplicio damnatorum bona, prout iuris fuerit, publicandi.

§4. Necnon, ad effectum praemissorum, procuratorem fiscalem et notatios publicos et alios officiales ad praemissa necessarios et opportunos, etiam clericos sive religiosos, cuiuscumque Ordinis fuerint, deputandi et constituendi.

§5. Et si necesse fuerit aliquos clericos saeculares, aut cuiuscumque Ordinis regulares, etiam in sacris et presbyteratus ordinibus constitutos, propter praemissa, degradari, per quemcumque catholicum antistitem, quem praedicti cardinales duxerint deputandum, convocatis et sibi ad hoc assistentibus duobus abbatibus, aut aliis personis in dignitate ecclesiastica constitutis, ad actualem degradationem eorumdem clericorum, eorumque Curiae saeculari traditionem seu dimissionem, alias, prout etiam iuris fuerit, procedi faciendi.

§6. Ac contradictores quoslibet et rebelles sententiis, censuris et poenis ecclesiasticis ac privationis omnium et singulorum beneficiorum et officiorum ecclesiasticorum per eos quomodolibet obtentorum, necnon inhabilitationis ad illa et alia in posterum obtinenda, aliisque opportunis iuris remediis, appellationis diffugio semoto, compescendi.

§7. Et auxilium brachii saecularis invocandi, omniaque et singula alia, quae praedicti cardinales, ad haereses et in fide huiusmodi errores, ad praesens in republica christiana ubilibet vigentes, reprimendos et radicitus extirpandos, necessaria fore cognoverint, et ad officium inquisitionis haereticae pravitatis de iure pertinent, faciendi, gerendi, ordinandi, exercendi et exequendi.

§8. Necnon ad praemissa omnia et singula in quibusvis civitatibus, terris et locis, de quibus eisdem cardinalibus videbitur, et quoties ipsi cardinales opus esse cognoverint, alias personas ecclesiasticas idoneas, literatas et Deum timentes, in theologia magistros, seu in altero iurium doctores, licentiatos, baccalaureos, in aliqua Universitate Studii generalis graduatos, in trigesimo eorum aetatis anno ad minus constitutos, seu ecclesiarum cathedralium canonicos, vel alia dignitate ecclesiastica praeditos, cum simili aut limitata facultate, substituendi et subdelegandi; ac eos, in toto vel in parte, simul vel successive, ad eorumdem cardinalium libitum, etiam in negociis et causis per eos tunc incoeptis, revocandi et loco ipsorum alios similiter qualificatos deputandi, ita tamen quod praedicti cardinales et alii ab eis pro tempore deputati de absolutionibus et reconciliationibus reorum, qui ad veritatis lumen redire voluerint, quas nobis expresse reservamus, ac aliis, quam haeresis crimen sapientibus, delictis et excessibus se intromittere nequeant, plenam et omnimodam facultatem eisdem auctoritate et tenore concedimus.

§9. Et nihilominus, auctoritate et tenore praemissis, statuimus et ordinamus quod omnes et singulae appellationes per eos, contra quos vigore praesentium procedi contigerit, a quibuscumque per ipsos cardinales deputatis pro tempore interponendae, ad eosdem cardinales devolvi debeant; ipsique cardinales causas appellationum huiusmodi, cum omnibus et singulis earum incidentibus, dependentibus, emergentibus, annexis et connexis, audire, cognoscere et decidere.

Ac in quacumque instantia fuerint, fine debito terminare, ac executioni debitae demandare.

§10. Et tam in causis appellationum huiusmodi quam alias, ad effectum praemissorum omnium, quo opus fuerit, tam in dicta Curia quam extra eam et in partibus, etiam per edictum publicum, constito summarie et extraiudicialiter de non tuto ad eos accessu, citare, ac quibus inhibendum fuerit, inhibere; et appellantes simpliciter vel ad cautelam a quibuscumque excommunicationis et aliis sententiis, censuris et poenis ecclesiasticis in eos latis absolvere possint, prout de iure fuerit faciendum. Decernentes quaecumque per ipsos cardinales, seu ab eis deputatos in praemissis quomodolibet pro tempore gesta, plenam roboris firmitatem obtinere et perpetuo inviolabiliter observari debere.

§11. Et sic per quoscumque iudices et commissarios, quavis auctoritate fungentes, sublata eis et eorum cuilibet quavis aliter iudicandi et interpretandi facultate et auctoritate, iudicari et definiri debere; nec non irritum et inane quidquid secus super his a quocumque, quavis auctoritate, scienter vel ignoranter, contigerit attentari.

§12. Non obstantibus felicis recordationis Bonifacii Papae VIII, praedecessoris nostri, qua cavetur ne quis extra civitatem suam vel diocesim, nisi in certis casibus, et in illis ultra unam diaetam a fine suae dioecesis ad iudicium evocetur; seu ne iudices, qui a Sede praedicta deputati fuerint, contra quoscumque procedere, aut aliis vices suas committere praesumant; et de duabus diaetis in concilio generali edita; ac aliis constitutionibus et ordinationibus apostolicis contrariis quibuscumque; aut si personis praedictis, vel quibusvis aliis, communiter vel divisim, ab eadem sit Sede indultum quod interdici, suspendi vel excommunicari, aut extra vel ultra certa loca ad iudicium evocari non possint, per literas apostolicas non facientes plenam et expressam ac de verbo ad verbum de indulto huiusmodi mentionem; et quibusvis aliis privilegiis, indulgentiis et literis apostolicis, sub quibuscumque tenoribus et formis quomodolibet concessis, confirmatis et innovatis, per quae praesentium literarum, et iurisdictionis ipsorum cardinalium in praemissis executio impediri quomodolibet vel differri possit, quae, quoad hoc, ipsis aut alicui eorum minime suffragari posse vel debere decernimus.

§13. Nulli ergo omnino hominum liceat hanc paginam nostrae constitutionis, deputationis, reservationis, concessionis, statuti, ordinationis et decreti infringere etc.

Datum Romae apud S. Marcum, anno Incarnationis dominicae mdxlii, xii kalendas augusti, pontificatus nostri anno viii.

Dat. die 21 iulii 1542, pontif. anno viii.

61. Bernardino Ochino from Verona to Ercole Gonzaga, 7 August 1542[155]

Penso che Vostra Signoria reverendissimo si ricordi che, già fui a Mantua, li racomandai la causa di messer Iacomo Philetto, et mi respose molto prestamente essere expedita, ma esserci difficultà nella exequtione et che ancho in questo Vostra Signoria reverendissima non mancharebe di quanto fusse possibile. Hora, perchè in parte so quanto è grande la sua necessità, et perchè et epso et el fratello mi sono amicissimi, et non ò picoli oblighi maxime con messer Francesco, so’ sforzato ritornar a suplicarla che, atesa la necessità, per amor che porto et per esser così iusta, veda se è possible in tutto [o, se] non a parte veder sia satisfacto, non restarne [obligato][156] più che se a me proprio ne fusse facta gratia. Et mi perdoni se li so’ molesto.

Monsignore reverendissimo[157] sta benissimo et si racomanda. Et, di gratio, in questi caldi si preservi. Io so’ stato infin a hora per veder se la nostra desiderata obedientia per la mia Mantua veniva. Sarà facil cosa che da qui a qualche giorno parta. Ma dove sarò, li sarò sempre affectionatissimo. Et el Signore vi preservi sempre nella sua divina gratia.

62. Lattanzio Tolomei from Roma to Siena, 11 August 1542[158]

Due stemperamenti del mondo vanno al presente attorno che danno timore, l’uno è quello dele guerre, l’altro è quello dele heresie, massime perchè si intende non solo havere infetta la Germania ma essersi sparso ancora in Italia et nominatamente in Lucca. Qual disordine intendendosi ha dato occasione di fare una deputatione di cardinali a questo effetto qual si pensa che habbi ad essere come un inquisitione generale et particularmente con li signori Lucchesi al presente si tratta di tor via li disordini che a poco a poco per negligentia di chi vi doveva provedere sono cresciuti in quella città, quale et per lettere et per homo a posta per bocca del cardinale loro Guidiccione si mosta pronta a fare ogni remedio; et questo scrivo parte come nuova de le cose che occorrano quà et parte per fare intendere a Vostre Illustrissime Signorie che in tra li altri avvisi di heresie, che ci sono, son stati nominati ancora certi luoghi del territorio vostro, come Sarteano et Montalcino acciochè parendo a quelle vi ponghino le urecchie; benchè la cura sopra le heresie paia et sia cosa spirituale, perchè essendo in li principii de la reformatione de lo stato vostro fatta mentione ancora di questo non sarebbe forse fuori di proposito intendendosi esser così di avvertirne li ordinarii et eshortarli a tenerne buona cura et offerirli ogni opportuno favore. Questo io dirò di mio giuditio che a me la religion pare il fondamento de la vita humana et che mai si faccia alteratione in quella che non vi si accompagni alteratone et variatione del stato secolare; et per questo sarebbe forse da tenerne cura non solo per conscientia, ma per prudentia acciò non si turbasse la quiete ancora ne le cose temporali. Buona fama credo ne acquisterebbero Vostre Illustrissime Signorie et appresso a Nostro Signore quà gratia non piccola.

In tra li atlri ordini di frati in questa contagione disordinati sono stati nominati li Scappuccini di fra Bernardino et per questo intendo che sua paternità è stata chiamata quà da Sua Beatitudine per trovare a questa cosa remedio essendo vera. Quando sarà quà mi ricordarò di nuovo instare per haverlo questa quadragesima, si come l’arcivescovo et Vostre Illustrissime Signorie più volte mi hanno commesso, a le quali di continuo con reverentia mi raccomando.

Di Vostre Illustrissime Signorie

Obsequentissimo ser Lattantio Tolomei.

63. Bernardino Ochino to Gian Matteo Giberti, 15 August 1542[159]

Rev.mo Monsignore

Partirò hoggi con la gratia di Dio per Roma et V.S. Reverendissima sia certa che non essendo impedito che omnino andarò, et mi è molto andar per consiglio vostro che li ho tal rispetto ch’el suo iudicio el preporrei al mio et di molti altri, sicché stia sicura ch’io andarò benché so trovarò delle contraditione. Per via ho parlato a fra Bartholomeo accesamente et vi verrà a trovar et penso vi satisfarà. Poiché son tornato ha havuto una lettera della Signora Duchessa di Camerino di 22 del passato: sta bene et si raccomanda a V.S.; non mostra saper altro. Resto col ringratiarla di tante amorevolezze et sono niente al rispetto della vostra voluntà. Dignatevi di core pregar Dio per me.

Veronae, 15 augusti 1542

Di V.S. Rev.ma

Frater Bernardinus Senensis

64. Bernardino Ochino to Gian Matteo Giberti, 18 August 1542[160]

Rev.mo Monsignore

Benché per la via habbia havuto chi mi induceva a non andare, nientedimeno me n’è venuta più voglia qui in Bologna. Monsignor Reverendissimo mi ha visto volentieri et intertenuto questo di per haver tempo di ragionare insieme. Mi doglio bene ch’el si senta alquanto indisposto; pur penso non serà altro. Pregate Dio per me con sapere che pregate per uno che è tutto vostro.

Da Bologna alli xviii di agosto mdxlii.

Di V.S. Rev.mo

Frater Bernardinus Senensis

65. Bernardino Ochino to Gian Matteo Giberti, 20 August 1542[161]

Rev.mo Monsignore,

Per gratia di Dio sani siamo a Firenze con animo di seguitare, benché ritrovi molti mali passi. Il Signore mi conduca et V.S. Reverendissima non mancarà pregar Dio per me che ne ho molto bisogno. Messer Stephano mi ha fatta optima Compagnia et ne resto sempre obligatissimo a V.S., benchè so che questo è niente alla sua gran voluntà. Non starò a replicarli che per sempre potrà di me disporre et mi sera grato che mi comandi. La Ill.ma S. Duchessa di core in Christo saluta la S.V. Rev.ma la qual prego el Signor conservi et augmenti nella sua gratia.

Da Firenze xx augusti MDXLII.

Di V.S. Rev.ma frater Bernardinus

66. Bernardino of Siena to Vittoria Colonna, 22 August 1542[162]

In non picciolo fastidio di mente mi truovo qui fuore di Firenze[163], venuto con animo di andar a Roma.[164] Benchè nanti ch’io fussi qui, da molti ne sia stato disuaso, ma intendo ogni dì più le cose et il modo col quale procedono, sono stato particolarmente da Don Pietro Martire[165] et da altri molto persuaso di non vi andare; perchè non potrei se non negar Christo o esser crucifisso. Il primo non vorrei fare, i secondo sì, ma con la sua gratia, ma quando lui vorrà. Andar io alla morte voluntariamente, non ho questo spirito hora. Dio, quando vorrà, mi saprà trovar per tutto. Christo ne insegnò a più volte fuggire, in Egitto et alli Samaritani, et così Paolo mi disse che io andassi in altra città, quando in una io non ero ricevuto. Dapoi che farei più in Italia? Predicar sospetti et predicar Christo mascarato in gergo? Molte volte bisogna bestemmiarlo per sotisfare alla superstition del mondo, et non basta, chè ad ogni disgratio basterebbe l’animo scrivere a Roma, et puntar me: et così presto ritorneremo ai medesimi tumulti. Et scrivendo manco potrei dar luce a cosa alcuna. Per questi et altri rispetti eleggo partirmi, et particolarmente perchè io veggo procedono in modo che io ha da pensare che vorrebbono infino esaminarmi et farmi rinegar Christo o ammazzarmi. Credo, se Paulo fosse nel mio termine, non piglierebbe altro partitio. Posso dir che come per miracolo sono passato Bolgona et non son stato ritenuto per la voluntà, che ho mostrata di andare, et per la bontà et prudenza del Cardinal Contareno[166], sì come ne ho avuto evidenti indicii. Di poi ho inteso che Farnese dice che sono chiamato perchè ho predicato heresia et cose scandalose; il Theatino[167], Puccio[168] et de gli altri, che non vo nominare, de gli avisi che ne ho havuto, [parlano] in mode che, se havessi crucifisso Christo, non so se si facesse tanto rumore. Io son tale quale sa V.S., et la dottrina si può sapere da chi mi ha udito. Imo mai non predicai più riservato nè con più modestia che questo anno: et già senza udirmi mi hanno pubblicato per uno heretico. Ho piacer che da me comincino a riformar la Chiesa. Tengono in fino un frate in Araceili con l’habito nostro che al Capitolo generale ordinarono gli fosse levato l’habito, onde vedendo tanta commotion di me, penso sia bene cedere a tanto impeto. Dall’altra parte pensate se mi è aspro per tutti li rispetti. So considerarete. So ben che ‘l senso repugna a lasciar tutto et a pensar che si dirà. Christo ha permesso et voluto ch’essi mi necessitino così a qualche buon fine. Mi sarebbe stato sopra modo gratissimo parlarvi et havere el vostro giuditio et di mons. R.mo Polo o una lettera vostra; ma è più d’un mese che non ho vostre lettere. Pregate il Signor per me, ho animo servigli piu che mai con la sua gratia, et salutate tutti.

Da Firenze, alli xxii di agosto mdxlii.

67. Pietro Martire Vermigli from the Badia Fiesolana to the Canons of S. Frediano in Lucca, 24 August 1542[169]

Honorevoli Fratelli et dilettissimi in Christo Jesu,

A me è stato necessario il partirmi dalla religione, et a voi come stimo non doverà esser molesto, per che già quanto alla maggior parte vi dolevate di haver per colpa mia vattivo nome, et esser fatti fratelli de’ padri heremitanj di s.to Austino, con la partita mia adunque spengnerassi cotesta vostra gattiva fama, e s.to Fridiano tornerà nel suo pristino honore: del resto poi se bene o male vi habbi retto o governato sia iuditio di Dio, et non di homini. Alla persona mia hanno fatto necessario il partire tanti rumori levati a Lucca, a Roma contra la verità; si fussi rimaso mi bisognava al tutto o predicar contra il vero, il che mai on harei fatto, se mille vite vi fusero ite, overo saria incappato nelle mani de’ persecutori dello evangelio; et havendomi Dio aperta la via allo scampo del uno e l’altro invonvenietne, non l’ho voluto tentatre con il rimaner tra voi. Questo voglio bene interporre, che nulla quanto a denari o robbe ho tocco della religione, testimonio ne chiamo a Dio et a’ miei fattori: et havendovi in sino adhora singularm.te amati, non volgio lasciar anche su l’ultimo di darvi bon consiglio. Governatevi in questo mio caso a questo modo: elegetevi un nuovo Priore, et la electione fatta mandatela al padre Rettore, acciò presto vi proveda di prelato, al quale io nella inclusa scrivo il tutto, et mandogli la Renuntia del Priorato. A’ scolari date fama che il Padre Rettore, sentendo li tumulti di Luccha e che io in loro ero o nominato o almeno sospetto, per levar tutti li scandoli che potessero intravenire non sneza ordine dato da Roma, come quello il qual non vole che la Città per me patischa nulla; mi ha rivocato e rimosso da cotesta Prelatura, facendo nova provisione, et così paia che la Religione tenga conto della authorità del Papa, come tutti volere [sic: volete?] che paia, et mostrarasi havere a cuore la quiete della Città. Prego il benedetto Dio che a tutti voi dia quel lume della verità che si richiede alla salute etterna, di modo che più intendiate la verità cristiana e le scritture di quello in sino adhora havete fatto. Di me poi che si sia non accade cerchare, et su pur volete intendere in che loco sono, vi fo sapere che con Christo sono in croce, havendo abnegato per la verità evangelicha tanti honori, dignità, servitù et commodi quanti sapete cho io havevo già conseguiti, quando tanto non mi fussi curato di ritenere e difendere la verità Cristiana. Non ho fatto come quelli che all’ora si parteno dalla religione, quando vi sono disgradati o vituperati, né possano ottenere li honori che desiderano: io alhora me ne sono ito quando havevo il vento prospero, né questo vi scrivo già per vantarmi, ma acciò retraendovi dal mormorare meglio consideriate la cosa, et vediate che sol a questo partito mi ha ridutto il non voler predicare il falso, né ingannare il Populo: il nostro benedetto Dio per Christo Jesu salvator nostro dirizi le vostre vie in bene.

Data a Fieso, ali xxiiij di Agosto M.D.xlij

libero dalla Hypocresia per gratia di Christo

D.P. Martjre da Firenza.

68. Bernardino Ochino to B.D., autumn 1542[170]

Fra Bernardino da Siena capuzzino a messer B.D., fratel maggior in Christo etc.

Partendomi da Fiorenza, consigliato dagli amici et persuaso dallo spirito di Christo a non essequire la deliberacion presa di andar a Roma, scrissi alla nostra signora marchesa, né dipoi ho inviato lettera niuna in Italia,[171] se ben molte volte ne ho havuto desiderio, sì per dar nova di me sì per sgravarmi di alcune colpe che intendo che mi son state date. Ma la prima cosa (come poco necessaria) ho pretermesso; la seconda, come più importi quanto all’honor del mondo che alla gloria di Dio, non ho esseguito. Anzi, con lo essempio di molti santi homeni et con l’auttorità delle Scritture sante diffendendomi dalle tentationi, et conformato in quello che intrinsecamente mi ragionava lo spirito di Christo, cioè che ‘l mondo habbia sempre perseguitato i suoi con improperii, con minaccie, con le spade et col fuoco, et parendomi che più tosto dovesse in me medesimo godere di esser nel numero di questi che voler cercar di giustificarmi, ho taciuto. Hor la commmodità del messo, la instantia che egli me ne ha fatto per parte vostra, el debito della christiana amicitia mi muovono a scrivervi la presente, con la quale intendo voi quanto io sia confortato dal mio Christo et quanto volentieri io soporti per amor suo le persecutioni, non solo non devierete dal diritto camino sul quale io vi lassai per timore delli falsi christiani, ma vi aitarete ogni dì più et disporrete a portar la croce, se mai haverrà che così piaccia a Christo, assecurato che la mercede vostra non solo serà copiosa nel regno suo, ma che anco in questa vita non sarete già mai abbandonato da quello spirito, il quale fa parer le fatiche riposo, le ignominie honori, et finalmente la morte vita. Le quali cose tutte ho esperimentate et experimento in me medesimo.

Io adunque quanto al corpo mi trovo sano, quanto all’animo quieto, et ringratio il mio Dio che mi pone nell’animo che dica con Paul

: “Michi mundus crucifissus est, et ego mundo,”[172] non curando gli suoi honori né gli suoi biasmi. Anzi dico col medesmo: “Si adhuc mundo placerem Christi servus non essem.”[173] Non voglio già negar che per lo adietro non habbia tenuto qualche conto di questo mondo ma, sì come gli ero cieco affatto nelle opere di Christo, mi reputavo migliore quanto più andavo fomentando le sue superstitioni, predicando, leggendo et ragionando come gli altri. Le quali cose confesso haver fatto un tempo per ignorantia, ma un tempo anco persuadendomi che haverei datto scandalo quando havesse alla scoperta detto la verità, scandalizando i superstitiosi et licentiando gli ribaldi carnali. Ma non ho potuto tanto esser moderato che io habbia fuggito la croce della quale mi contento, poi che così è piacciuto al mio Dio, il quale come ottimo et sapientissimo padre ha voluto quando gli è parso che io mi scuopri del tutto suo et non haver più lega col mondo, il quale pur troppo mi ha lusingato un pezzo. Ma Christo se ha ben permesso le tentationi, non mi ha per ciò lassato vincer, perché havete a sapere che mentre che era in Italia, era invitato con premii et con honori a seguitare la via commune, et se io havese voluto grattar le orecchie dei gran principi chi sa che un giorno non mi havesse anch’io coperto la chierica almeno di un cappel verde et forse rosso. Io havevo servitù et pratica intrinsica col papa et con gli cardinali, ma ho voluto con tutto ciò dipender non da huomini ma da Christo. Et se ben tallhor, come ho detto, ho tacciuto il vero, non ho però voluto predicar il contrario: di qui son nati gli odii, di qui le persecutioni, di qui la croce.

Ho predicato la giustificatione per la fede, senza agiuto delle opere, non perché io nieghi le opere, ma perché il sangue solo di Christo basta a lavar tutte le nostre colpe; chi dice il contrario detrae i meriti suoi. Le opere si hanno da fare per gratitudine di un tanto beneficio, et chi non fa opere non ha fede: anzi, sì come il fuoco non può star senza allumare et rescaldare, così non può esser fede senza opere, et quelle piacciono perché son fatte per amor di Dio et non per amor proprio. Et come possono le opere che hanno per fin se stesso esser buone, essendo noi pieni di innumerabili difetti? Hora si potrebbono dire infinite ragioni et addurre innumerabili autorità delle Scritture sante, ma perché la cosa è chiarissima et voi ne sete per la Dio gratia capacissimo passerò più oltre con lassarvi solo in memoria che ottimamente ci spogliò delle confidentia delle opere nostre Isaia, quando disse che tutte le giustitie nostre sono sì come il panno di donna menstruato. Et per chiuder la bocca a questi superstitiosi che ne fanno mercantia, dico che non si trovi christiano di effetto che non creda di qual si voglia sua opera dover più tosto dimandar perdono che premio a Dio. Così essorto voi che facciate, perché per buona che l’appari sempre ci serà mescolato qualche rispetto del mondo o interesse proprio. Né vi lassando acciecar dall’amor di voi stesso, il quale è tale che etiam belle opere di Christo vuol la parte sua, troverete così esser la verità.

Intendo che mi imputano che io ha lassato l’habito di frate, come se io havesse negato la fede, spogliatomi di speranza et aggiacciato di charità verso Dio et prossimo. Confesso che ci possano esse degli frati boni, et che così come l’habito non dà così non toglie il paradiso, ma dico bene anco che gli habiti et tutte queste cose esteriori, caerimoniose et superstitiose sono di pericolo per la confidentia che vi si pone. Io quando diventai frate non sapevo quello che seppi poi che Dio mi diede la gratia, el lume sopranaturale; et mentre ch’io stetti in Italia, sapendo di non far né ben né male, me ne stava nell’habito per levar via ogni occasione di scandolo, ma poi che mi è convenuto partire et chi’io sono venuto in luoco ove si attende più agli effetti che alla apparentia, anzi dove son prohibite tutte le insigne di religione fuorché quella vera di Christo, che consiste nelle opere della vera charità, che havevo io a fare? Perché dovevo esser dissimile a questo che importa nulla?

Ho inteso che dicono che io non dovevo venire in questi paesi rebelli dalla chiesa, pieni di false opinioni et heresie. Rispondo che sendomi impedito il predicar costì non dovevo far come il servo inutile che nascose il talento, ma negotiarlo: però forza era che io venisse in luoco dove si potesse spendere et essercitare. Quanto a quello dicono degli huomeni di questo paese, rispondo che o sono veramente christiani o no. Se non sono, farò l’ufficio mio predicando Christo et la verità, come anco facevano gli apostoli nel tempo della primitva Chiesa nei luochi che non haveano accettati questi beneficii; se mel prohibiranno come costì, fuggirò di terra in terra, come insegna Christo; si mi riterranno sì ch’io non possa, morirò volentieri per la gloria sua, et così haverò essercitato il dono di Dio insino alla morte. Se anco son christiani, come mi do ad intendere, non ha fatto error alcuno venir a viver fra questi fratelli di Christo et miei, ove son stato ricevuto con grandissima charità, dalla quale insin hora vedo che procedono molte opere loro.

Il mondo, sì come il corpo humano è sustentato da boni et cattivi humori, è et così mantenuto da buoni et tristi huomeni; qui credo ne siano di ogni sorte. Ma quanto si vede assai meno che in altri luoghi, qui non si trova sì vil donnicciola et fanciullo che non sappia che cosa è evangelio et che cosa se habbia a credere et per che cosa si habbia a operare; qui si predica ogni giorno puramente lo evangelio di Christo, della dichiaracione del quale non si inferisse filosofia o dottrina scholastica; qui non si essercita sacramenti senza la parola di Dio afinché l’huomo sappia quel che fa: qui non è sacerdote che non sia approvato di vita et di dottrina; qui si fa ad ogni tempo il cathechismo universale di tutto il populo; qui son luoghi sostenuti dal publico per nudrir gli infermi necessitati, et agli altri poveri sani se gli provede che habbiano da lavorare, né si vede un mendicante; se qui capita un povero pellegrino è alloggiato et nudrito, et se vuol fermarsi è instrutto da christiano: se vuol studiar vi son schole di ogni honesta professione, et se vuol passar più altre se gli provede del necessario; qui non si fanno né feste né giochi né balli né canti, non lascivie né canzoni dishoneste; l’uso degli habiti et l’altre vanità sono prohibite; le liti son terminate in brieve, et qui puniscono le buscie fatte in giudicio, si gastigano gli adulteri et biastematori; sì quanto alla policia del mondo et all’honor di Christo si vive, o sia per tema delle leggi o per amor di nostro Dio, modestissimamente, tal che a me pare che questo sia quasi un ritratto della vita eterna. La dottrina è evangelica: altro non predicano, altro non dicono che Christo. Christo et lo evangelio sono le norme et le regole di tutte le loro attioni et dottrina.

Don Pietro Martire, che ognun che lo cognosce sa che di dottrina et di costumi non havea chi lo avanzasse, insieme con alcuni altri dotti et santi huomeni capitorno qui con dissegno di non fermarsi, ma hanno tanto ben trovata radicata la fede et tanto dilatata la vera et non finta et superstitiosa charità che si son fermati: leggono, predicano et si essercitano valentissimamente nel verbo di Dio et fanno frutti simili al seme che spargono. Così piacesse al Signor che si facesse per tutto il mondo! Spero però nella sua divina bontà che ogni dì più di scuopriranno gli elletti sui in ogni luogo, perché pare che sia un germe quel della parola di Dio che mai fruttifichi mentre che ‘l demonio sta quieto. Io so che in tutte le terre di Italia sono di questi che intendono le cose per il verso, né sono ingannati dal diavolo che spesso si transforma in angelo di luce; et se non son conosciuti è perché non ardiscono scoprirsi per tema dei farisei de’ tempi nostri. Ma facciansi pur inquisitioni, tolgansi pur via gli libri, ché hormai è talmente moltiplicato quel benedetto seme di Abraham per bontà di Christo, il spirito del quale ragiona nel cor de’ suoi eletti ministri mirabilissimamente, che ogni remedio che si tenti in contrario è per riuscir vano. Et di questo il processo che se ne vederà ogni giorno ne renderà grandissimo testimonio.

Io hora so qui in Geneva, over son molti che intendono la lingua mia; vivo in una povera stanza, però col necessario per il mantenimento della vita, la quale poi che è così assuefatta si contenta di poco. Sono agiutato nelle mie necessità et confortato da Christo che non mi abbandona, et son talmente per sua bontà resoluto che posso arditamente dir con Paulo che so abbundare et so patire et soportar con un medesimo animo tutto quello che di bene et di male mi aviene, reputando di esser retto dalla particular providentia di Dio, il quale havendo io accettato per padre, reputo io che tutto ciò che mi sapientissimo si dee creder. So ben anco che si dirà di me che qui sono venuto per viver più accommodatamente et forse licentiosamente: Dio che vede i cuori è testimonio dell’animo mio, et chi qui mi vedesse lo saperebbe dal corpo. Anzi, s’io havesse atteso a questo non stavo in luoco più aggiato che in Italia, ove da ciascun ero conosciuto, ovunque andavo mi volevano alloggiar, convitar, apresentare. In quante cità son stato tutti i principi et primi huomini, et poi di mano in mano discorrendo ad ogni stato di persona, mi facevan tanto honore, mi porgevano tanta commodità che s’io havesso voluto nudrire l’ambicione o pascer la carne non bisognava partirmi per venir, lassando i parenti et tanti amici, in luoco ove non era cognosciuto et apena inteso. Ma tutto ho reputato nulla rispetto di Christo, istimando questo mondo un fumo, un’ombra, gli honori, la robba et la commodità di questa vita mettendole per niente: anzi, sapendo che di me sarebbe detto quello et peggio mi son resoluto. Che ‘l mondo faccia pur l’effetto suo, ché per bontà di Christo non mi turberò punto: anzi, mi parrà felicità esser di quelli che dice Christo son beati perché patiscono per il nome suo improperii et che attesta che quelli che voglion viver piamente in Christo per lui patiscon persecutioni. Sì che intendo di me dir male, non vi atttristate né mi deffendete, che sarebbe…

Ho voluto che voi come più christiano sappiate quello che di me havete udito affine che, se pur il demonio o i false christiani vi tentassero per sedurvi, siate armato prima con lo scudo della fede et la spada della parola, ma anco poi di parte delle mie ragioni. Persevererete negli studii che son veramente christiani, et quanto più voi farete profitto tanto più vi humiliarete sotto alla potente mano del Signor. Tutto quel che leggerete applicatelo a voi stesso o a beneficio delle membra di Christo, et non studiate per curiosità come molti altri né per ambitione, perché di qui aviene ch’el demonio fa interpretare falsamente, onde son nate tante false opinioni, tante heresie et tante superstitioni. Perseverate instantemente nelle orationi, essercitatevi nelle vera charità et pregate con gli apostoli il Signore che vi accresca la fede, fondamento et radice di ogni buona opera. Non vi conformate in nulla col mondo, ché mentre gli piacerete dispiacerete a Dio ché sono capitalissimi nimici. Pregate continovamente per me et per tutte le membra di Christo, et contentatevi che non potendo voi hora vedermi in carne ci vediamo in spirito, con speranza di haverci a vedere in gloria. Il che piaccia a Dio per Christo nostro signore. Amen. Da Geneva.

69. Bernardino Ochino to Gian Matteo Giberti, 31 August 1542[174]

Se ben come Paulo scrisse alli Corinthij, in Christo summa verità non è est et non est,[175] nientedimeno nui nelle cose nostre ci mutiamo; io ho fatto un passo sì aspro che la difficoltà che ci ho havuto mi fa pensare che sia stato Dio che me ha fatto pigliare questo partito, massime che andando in Roma non haverei possuto più predicare, o predicare Christo in maschera et parlare in gergo, et satis superque satis datum est hypocrisi et superstitionibus; imo mi bisognava o negar Christo et perseguitarlo o metterci la vita. El p° era impietà, la seconda parte stultitia non essendo inspirato a ciò. Quando Dio mi vorrà, per tutto mi trovarà. Christo con l’essempio mi insegnò a fuggire et con le parole quando disse, che non essendo ricevuto in una città fuggissimo in altri, et lui piccolo fuggì in Egitto et dipoi in Samaria et in Galilea, quando sentì San Gio. essere in carcere. Mons. Rmo Contarini non mi disse che non andassi, ma me ne diè cenno. Questo dico perché è morto et queste parole non gli possono pregiudicare. Nullameno haverei esseguito il Suo consiglio, et forse sareste stato di altra opinione se fuste stato in Bologna. Pregarsi il Signore che questa mutatione sia tanto più in gloria sua quanto mi è estata più aspra et difficile. Dio sa el mio desiderio. Quando sarò fermo vi avisarò, salutate tutti gli amici in Christo et pregate Dio per me.

Da Morbegno l’ultimo d’Agosto del xlii.

Fr. Bernardinus Senensis

70. Gian Matteo Giberti to the Marchese del Vasto, 11 September 1542[176]

Ill.mo et Ecc.mo Sr mio.

Quando pensava di esser ben fermo che niuno accidente (ogni volta che fusse senza mia colpa) mi potesse comovere, remettendo ogni cosa alla providentia del S.re, in questo caso del nro padre F. Bernardino mi son trovato molto gabbato perche et per il publico scandalo che ne pigliarono li boni et la exultatione che ne farano li contrarij et per l’amore et osservantia privata, ne ho sentito tanto dispiacere che mi ha fatto conoscere debilissimo, et se la lrã[177] di Vra Eccellentia da Aste risponsiva all’aviso che li dava dalla sua chiamata et andata a Roma non mi havesse provocato, non mi saria bastato l’animo di pigliar la penna et scrivergli di questa materia. in la quale se la mostrava fastidio più che del travaglio che all’improviso hano procurato di darli li inimici in Piemonte, havendo esso padre la querela giustissima et la elettione delle arme et un campo più che franco essendone S.re N.S. Dio, et li voti et favori d’ogni sorte de homeni di qualche degna conditione in tutta Italia: che fastidio sentirà hora Vra Ecc.tia, che giudicarà quello di che io temo che con haver mutato proposito, tutto si sia volto in suo desavantaggio et disfavore. da che cominciò N.S. a fargli sapere che andasse a Roma per una lrã del Cardinal Farnese molto cortese, vidi il padre conturbarsi, non per sentirsi come lui mostrava machiato, ma perche il pareva che la chiamata non fusse discreta essendo già stato divulgato per tutto due mesi prima che era Lutherano et che per tale era chiamato a Roma, dove si intese che erano capitati alcuni Cappuccini a dir mal di lui in queste materie, et che erano stati raccolti in Araceli. pur concluse di andare et rescrisse al Sr Car.le che andaria valendosi della comodità che li dava lassando passare questi caldi asperrimi, della qual interposizione di tempo io mi valsi prima in procurare a Roma per via delli patroni et amici, se si poteva differire questa chiamata sinche fussino estinti questi rumori o pur quando fusse necessario di andare, che comandassino al padre che andasse a cavallo se havevano voglia che vi arrivasse a qualche tempo et vivo. avanti che havessi risposta sopragiunse un breve mandato dal S.r Legato di Venetia per un nuntio a posta, el quale era semplice et comandava strettamente che andasse; et poco poi sopragiunse la mia risposta per la qual ero avisato che era necessario che il padre andasse et che a procurare il contrario si faria pregiuditio alla causa sua, ma che si era parlato a N. S.re della comodita di venir a cavallo et haveva comendato il ricordo et dato comissione che così che io havessi da parte sua authorità di comandare expressamente et provedere. et essendo tempo di venire alla executione disputandosi la materia tra sua p.tà[178] et me in utram partem, mai io volsi admettere ragione alcuna in contrario, se non che dovessa obedire, havendo o non havendo errato, nel primo per constituir un esempio vero di humiltà et penitentia al mondo di altro che di parole: et questo edificaria et gli saria el maggior honor che si potesse imagginare. nel secondo caso nel quale con molto mio piacere sua p.tà se metteva francamente, tanto più lo doveva fare quanto che non doveva fare questa ingiuria a quel capo della Religione che N.S. Dio vuole che habbiamo, che fusse per farli torto, massime essendosi in casi et persone simili visto più presto essempio di benignità che di severità; ma molto più per la confidentia che fusse per liberarlo di ogni angustia o farlo beato se fusse perito per la verità, parendomi che poiché Sua M.tà[179] gli dava occassione che potesse confermar con li fatti tutto quello che diceva tanti anni fa con la vita et con le parole che non dovesse ometterlo. et facendomi sua p.tà honore di lasciarsi vincere alle mie ragioni le quali tutte tendevano a questo scopo, con grandissimo mio piacere et fermeza che ne riusceria con grandissimo contento, con questo vento è andato a Firenze tuttavia scrivendomi più volte per camino che trovava contrarij ma andaria omnino.

Et da Firenze mi replica il med.mo per la compagnia che gli detti, la quale rimandò havendo trovata chi lo accomodaria più avanti – ma penso che mutasse proposito perche di poi ho inteso da un suo frate che stravestito l’ha accompagnato in li confini del Bresciano, che stravestito è andato verso Grisoni. di che ho sentito et sento tanto dispiacere che non trovo consolatione, et dipoi il primo ricorso è N.S. Dio, non lascio certo che pensare se si potesse trovare via che se ben si fosse un poco disconcio il manico di un si bello et degno vase, non si permettesse che si havesse a rompere tutto a fatto.

Due cose possono haver mosso questo povero padre: o il zelo del mal governo che paresse a lui della Chiesa, et questo non comincia hora et fu dal principio et ci sarà sempre del bene e del male, et tanti santi homeni et dotti, a i quali son certo che lui deve credere et in tempi più tristi non hanno mostrato odio a chi governava, ma compassione, et hanno seguito quelle vie che sono leali, di parlar privatamente, scrivere, admonire et piangere et orare privatamente, et se si son fatti ridotti insieme de santi homeni et Ecclesiastici, non hanno mancato di fare l’officio liberamente, le quali attioni et la patientia loro, non possendo più, mi pare che deve più presto esser immitata che la rabie o imprudentia di chi senza proposito ha conturbato tutto il mondo, senza haver fatto profetto alcuno se non di haver accomodato alli tristi la veste di questo falso pretesto della verità evangelica essendo altramente nudissimi.

L’altra cosa potria essere il dubio che ha havuto della severità de N.S., et di questo lasciando andare che dalla natura et modi tenuti fin qui non si po’ entrare in tal sospetto mi pare che la simplicità con la quale Sua S.tà lo chiamava et li non fare opera alcuna di farlo retenere in queste parti che per la congiontione strettissma che ha con questo illustrissimo Dominio son certo che li saria successo. hor non era un salvo condotto amplissimo il veder che a Bologna et per tutto el stato Eccl.co non li fosse fatto altro che honore et non bisogna diffendersi che la Be. Me.[180] del Card. Contareno non l’havesse exeguito, perche io non vorrei già che Sua S.tà l’havesse ordinato che l’haveria obedita; et poi il Governatore in man chi stava il tutto, è tanto creatura et fidato de sua Beat.ne che non ci saria stato dubio alcuno. et io era entrato in una confidentia tale che essendo stato potissima causa che si fosse posto alla obedientia che Dio prima et poi sua S.tà non me ne haria fatto uscire se non con honore. et scrissi sopra ciò a Roma una lrã particulare avanti che sua P.tà partisse et che la fusse datata da chi sua S.tà potesse dar fede che non fusse fatto ex eventu, per la qual obbligandomi per sua Beat.ne che questo mio consiglio riusciria bene, sono certo che quando fussino stati li più gravi errori del mondo che non haria voluto permetter ch’ io mi fussi gabbato in giudicar quello che giudico ancora adesso della singolarissima benignità et clementia sua.

Et poiche mi imagino che o haverà scritto o non mancarà di scrivere il padre a V. Ecc.tia ancora che sia certo che quanto mi avanza in tutte le altre parti, mi haverà avanzato etiam senza mio aviso in far tutti quelli offitii che convieneno al bene publico et privato, non di meno non mi son possuto contenere di scrivere la presente a V. Ecc.tia più prolissamente di quello mi haveo proposto, ma non già tanto quanto mi porta il dolore et desiderio, non per pregarla che facci ma per ringraziarla di quello che ha fatto et farà in ridurre questo buon padre. il qual prego N.S. Dio che ne guardi di tal exito; et a V. Ecc.tia in questo et in ogni cosa presti la consolatione che desidera et alla sua gratia quanto posso mi racomando. Da Verona alli xj di Settebre M.D. XLij

71. Marcantonio Flaminio to an unknown correspondent, 12 September 1542[181]

Era mio debito, et tutta via sarebbe, che io mi ingegnassi di consolare in parte V.S. et li clarissimi signori fratelli di quella santa anima, ma in vero questo crudelisima ferita è stata comune anchora a me, che non sono stato, né sono anchora atto a consolare altrui, havendo grandissimo bisogno io di esser consolato; benché il danno che habbiamo ricevuto è tanto et tale, che non basta la prudentia humana, né la eloquentia del mondo a consolarci, ma bisogna che ci voltiamo a quello unico consolatore degli afflitti, che dice quelle dolcissime parole: venite ad me omnes, qui laboratis et onerati estis, et ego reficiam vos. Credetemi, signor mio, che se noi non accettiamo questo amorevolissimo invito, non trovaremo mai né consolatione, né pace, né quiete in questo mondo, né mai ci mancherà cagione di piangere et di sospirare; ma se noi anderemo al nostro Iesu Christo, se l’anima nostra si riposerà nelle sue braccia, fuggiranno da noi li pianti et li sospiri et le melanconie: perciò che dove è Christo, quivi è sempre tranquillissima pace et perpetuo gaudio in spirito santo. Egli è unica dolcezza delle nostre amaritudini et unico riposo delle menti afflitte. Sì che signor mio stiamo uniti con Christo, se vogliamo godere una perpetua allegrezza; ricordiamoci sempre che nel battesimo siamo morti con lui et risuscitati con lui. Se siam morti con lui, perchè ci lasciamo tanto travagliare dagli accidenti del mondo? Se siam risuscitati con lui, perchè non viviamo una vita tranquillissima et celeste, simile a quella che viveremo dopo l’ultima resurrettione? Perchè non ci conformiamo in ogni cosa con la santissima volontà di Dio? A che ci giova esser christiani, se ci lasciam vincere dal dolore et dalle passioni, come coloro che non conoscono né Dio né Christo? Certamente tutti questi difetti nascono da pochissima fede, che se noi havessimo pur una fede mediocre, saria impossibile che la morte altrui, nè la propria, né la perdita della robba, né la gravezza dell’infirmità, né alcun’altro accidente fusse bastante a darci tanta perturbatione et tanti travagli. Riconosciamo adunque in noi il difetto della fede, et di questo ci doglia, et non della morte di coloro che sono stati chiamati da Dio a una vita beatissima et sempiterna; che questa sorte di dolore non conviene alli christiani, i quali, se sono veri christiani, sono membri di Christo così in morte come in vita, et per consequente stanno uniti in Christo con gli amici et parenti christiani così in morte come in vita; et se li christiani morti sono con Christo in cielo, anchora li christiani vivi sono con Christo in cielo, come afferma san Paolo, et come sanno per esperientia coloro che conversano con li corpi in terra et con la mente in cielo. Sì che se vogliamo godere i nostri amici et parenti christiani etiandio dopo la morte, conversiamo in cielo, dove è Iesu Christo nostro capo et dove conversano per consequente tutti li veri christiani, i quali sono membri di Iesu Christo. Ma poniamo che la morte ci potesse dividere dali nostri amici et parenti, ci portà ella dividere da Iesu Christo? Potrà ella fare che Iesu Christo non sia sposo inseparabile dell’anima nostra? Et se Iesu Christo sta sempre con noi, vegghia et dorme sempre con noi, perchè ci dee dare tanto dolore la morte o la absentia degli amici? Non ci basta il nostro Iesu Christo? Chi ci può consolare nelle tribulazioni, moderare nelle prosperità, soccorrere nelli pericoli, confabulare con noi sì dolcemente, inamorarci di Dio sì ardentemente, come il nostro Christo? Havendo adunque noi Christo, perché ci dole tanto la perdita degli amici et di parenti? Perché facciamo così poco honore alla sua amabilissima presentia? Certamente questa è una grandissima ingratitudine, una grandissima villania, una estrema cecità, la quale nasce da poca fede et da poca charità. Sì che, signor mio, risvegliamoci horamai, et consideriamo che siam christiani, cioè di Dio et non servi del mondo, creature spirituali et non carnali; conserviamo adunque il nostro decoro, et come legitimi figlioli di Dio et superiori alla viltà della carne, habbiamo uno animo grande et generoso che resista valorosamente a tutti gli impeti del mondo, della morte, del demonio et dello inferno. Tegniamo per certo che il caso et la fortuna sono vocaboli vani et profani, tegniamo dico per fermo che il nostro padre eterno governa con somma providentia tutta questa gran machina del mondo et tutto quello che in essa si contiene, egli dà la vita et la morte, la povertà et la ricchezza, le prosperità et le adversità. Adunque se noi vogliamo di figlioli di Dio diventare amici di Dio, debbiamo humiliarci sotto la potente mano sua, ricevendo ogni cosa dalla sua providentia, benedicendo il suo santissimo nome in ogni tempo, in ogni luogo et per ogni cosa, mortificando la prudentia della carne, acciò che lo spirito viva et regni in noi et ci unisca sì con Dio che mora del tutto la nostra mala volontà et viva in noi la bona volontà di Dio: in questo mondo viveremo sempre allegri et contenti, perciò che togliendoci Dio la robba, gli amici, li parenti et la vita, egli farà la nostra volontà, essendo la volontà di Dio la nostra volontà. Così si glorifica Dio et si conserva il decoro christiano, et in questa misera vita si gustano li beni della vita eterna. Ma se vogliamo godere tanta felicità et ascendere a tanta dignità, habbiamo in odio noi medesimi et mettiamo tutto il nostro amore in Iesu Christo. Egli sia nostro Signore, nostro fratello, nostro amico, nostro maestro, nostre delitie, nostra giustitia, nostra vita et unica nostra beatitudine, amiamo lui sopra ogni cosa et ogni cosa per lui. Et in questo modo l’amore delle creature non ci potrà mai dar dolore né amaritudine, essendo egli fondato nel fonte del gaudio et della dolcezza della vita eterna. A lui sia gloria in sempiterno. Di Viterbo alli xij di settembre del xlii.

Marco Antonio Flaminio

72. Fabio Mignanelli from Venice to Alessandro Farnese, 23 September 1542[182]

Sono due ore di notte ed è venuto da me mons. di Verona allegro e con un animo molto ben composto. Mi ha detto che li rettori di Verona hanno fatto intendere a Sua Signoria che venga fino a Venezia, per ordine de li Signori de’ Dieci, e così è venuto all’obedienzia, nè ha in sé parte alcuna di timore. Io credo che, se li processati avessero deposto contro di Sua Reverenzia cosa di momento, serebbe stato chiamato nanzi la morte loro.[183] Sarà bene, in evento che si procedesse da magistrati secolari contra la persona di un tanto prelato, che V.S. R.ma Ill.ma pensi quelle provisioni che li parranno necessarie. Aviamo parlato a longo della miseria di fra Bernardino e della poco prudente lettera e non cattolica scritta di Fiorenza a la S.ra Marchesa di Pescara, affirmandomi che è passato in terra de Grigioni e che, nanzi la partita sua di Verona, con difficultà grande si risolveva a venire a Roma.

73. Gian Matteo Giberti to Fra Francesco di Calabria, Capuchin Provincial Vicar, Milan, 26 September 1542[184]

R. Padre et fratello,

Certo come la V.P.tà mostra non si può inmaginnare di scrivare a persona che mi avvanzi di sentir molestia di quello che è occorso circa il nostro padre, che sempre non solo lo chiamarò ma lo amarò per tale sin tanto che lui medemo non me lo precida; et quando lo facesse, mai non restarò di servar viva la carità et desiderio della sua salute, sì per il male et scandalo che ne segue nel publico, sì ancora per il privato suo interesse. Et mi duole sin all’anima che havendogli N.S. Dio fatto grazia, dirò così confidentemente, di essersi imbattuto nel più amorevole et fedele amico et figliuolo che havesse potuto havere, et partitosi per suo consiglio per andar a far quello che gli conveniva, (che) non is sia valso di questa mia vittuaria atta a portarlo sin in capo del mondo, se non sino a mezo camino[185] et li buttato via quella, si sia poi con provisione tanto contraria et nociva posto a navigare per gli scogli, havendo un fiume tranquillissimo et che lo menava a seconda. Et che sia vero la Ill.ma S. Marchesa che lo ha fatto intendere, farà testimonio che, passando poco avanti che si sapesse della mutatione del proposito del padre Nostro Signore per Viterbo et andando sua Eccelentia a basargli li piedi, Sua Santità, tra le altre accoglienze che gli fece, gli entrò a parlare del p. fra Bernardino,[186] dicendo che lo aspettava da hora in hora; et soggiunse parole tanto amorevoli che era più presto da dubbitare de le troppe carezze che haria ricevute da Sua Beatitudine che temer del contrario.[187] Hora, essendo seguito un sì grande errore, non solo a mio giuditio, ma de quanti che conoscho et boni et amicissimi del padre, ha hauto a far experientia, etiam in questa parte, del amor ch’io gli porto; perchè vi prometto certo che ho sentito uno di quei dolori, che [non] mi ricordo in vita mia haver sentito il maggiore; et non ho mancato, non tanto di desiderare, quanto di pensare et procurare ogni via di veder che si emendasse il mal fatto; et tra li altri remedij ricorsi all’Ill.mo et Ecc.mo Signor Marchese,[188] scrivendo una longa lettera a Sua Eccellentia che se haveva notitia, dove fusse il padre, o la potesse havere, che si degnasse, per l’honor di Dio et per la charità che so che porta al padre, far in questo ogni opera. Et ho tanta confidentia di tutte le degne parti di quel signore che l’harà fatto, etiam senza mia supplicatione, non che pregandola così efficacemente, et sto aspettandone qualche risposta.[189]

Et non pensate ch’io manchi in tutti li altri luoghi di quelli modi ch’io mi posso immaginare che servino a questo; per il che potrete estimare che, se non è seguito il partito proposto da voi per la lettera che mi ha portato uno dei vostri fratelli, et per quello che mi ha esposto tanto a Verona quanto a Venetia, per dove mi trovò che ero per montare a cavallo, più largamente a bocca, non è perchè io non habbi animo di abbracciare tutto quello che facesse a questo proposito, ma perchè non giudico che lo facci questo che proponete voi, parendomi che la vera via non sia da procurare assicuramento da alcuno potentato, quando bene si potesse havere; perchè non credo che alcuno che facci professione di sentir bene si mettesse a pensarci senza licentia di Nostro Signore; ma che la regale sia che ‘l padre medesimo con quella humiltà et termini che saprà fare, se vorrà, ne supplicasse Sua S.tà esponendogli che le mera paura et spavento postogli da persone diverse per camino, lo ha fatto divertir dal proposito, col quale andava a buttarsi alli suoi santissimi piedi et a mostrare ch’era innocentissimo di tutte quelle cose che gli volessino essere apposte, et che non havendo possuto comandare a questo suo timore, ogni volta che Sua B.ne si degni trovare rimedio a questo in quel modo che parrà a lei, purchè sua paternità resti sicura, ch’è pronto in tutto il resto a mostrarsi di sorte, che non ha fatto altro errore, che non havere hauto quella confidentia che doveva, se non di Nostro Signore, de li suoi ministri, delli quali pare che più havessi horrore.

Questo, il mio fratelli, è il mio parere, et piaccia a N. S.re Dio che il padre ne facci più capitale che non ha fatto del primo, et, [se] serà preso, in pochissimi dì tornerà ogni cosa al suo sesto et liberarà li amici et li boni dell’anzia grande et scandalo in che li ha posti, et on darà quel contento al demonio et a li suoi seguaci, che ora pigliano. Che s’el padre havesse aperto li occhi et le orecchie a vedere et sentire chi gli propone et dice le cose in verità et non in maschera, son certo che eleggiaria prima mille morti et tormenti volontarij che stare a questo modo.

Et perchè non pensaste che io fussi di quelli medici che curano altri, ma poi nel proprio non pigliano quelli rimedij, è piaciuto a N. S.re Dio di permettere che un mese di lungo si sia vociferato che io ero participe di alcuni scelleratissimi ed abominabili tradimenti che si sono scoperti di danno di questa Ill.ma Signoria;[190] et ogni dì venivano li amici et li nemici a veder con diversi affetti s’io ero stato preso; et sua Maestà sa quanto stavo franco, et mi ha fatto grazia di mostrarlo co li fatti. Perchè, essendomi stato fatto comandamento in quel dì ch’erano stati impiccati tre di questi miseri, ch’io venisse a Venetia, non mi haria tenuto tutte le catene del mondo, che io non fussi volato et che non mi fusse parso più dolce di mille vite et imperij del mondo, morire innocente che, con un minimo scrupolo di suspetto star, dove mi volessi, sicuro. Se questo havesse fatto il padre, gli saria intravenuto quello che ora intraviene a me, che non si dura fatica a investigar contra al fatto mio, ma si pensa a farmi careze et trovar modi che questa chiamata paia per ogn’altro respetto, che per ombra alcuna che si habbi del fatto mio. Et perchè dico “se il padre havesse fatto questo” non precido che non sia ancora a tempo; perchè mi rendo certissimo che N. Signore sarà verissimo vicario del suo Signore et Salvatore, che abbracciarà la povera pecorella, e tanto più ne farà festa, quanto che essendo quella che amava et haveva in tante delitie che haveva cura di collocarla ne li più freschi et belli pascoli che havesse, il ritorno gli sarà più caro, et tutti li veri servi del padrone et del vicario et che amano sua paternità, ne haranno tanta allegreza, quanta ne sentono hor mestitia; che, se non fusse altro che questo, moveria un core d’una tigre, non che quello del padre, che, se non ha mutato natura, mi par pur ricordarmi di haverlo provato il più dolce et amorevole del mondo. Et così prego N. Signore Dio che me facci vedere che sia in questo caso di tanta importanza che, se mi lasciassi trasportar dal appetito di scrivere et da l’abbundantia che mi suministra la ragione, non farei mai quasi fine di scrivare. Ma se sua paternità tra quelle che deve muoversi da sè non si resolve a questa deliberatione per quello che vede che chi l’ama in sincerità sente et lo persuade, penso che indarno si scriveriano li volumi.

Mons. R.mo Legato[191] di questa città (che in tutto quello ch’io sento del padre, non voglio dire che mi supera, ma dirò ben la verità che, essendomi in tutto il resto superiore, in questo dico assai a dire che mi è eguale) con la cui signoria havemo consultato di questo fratello vostro et mio, in tutto è del parere che dico di sopra, et se non fusse che per tenere il luoco che tiene di S. S.tà non gli par di poter fare cosa alcuna senza sua participazione o commissione, non hari mancato di scrivere et mandare et far tutti quelli officij che si possono desiderare dal più amorevole fratello et antico amico, et della medesima patria[192] che sono. Ma il padre può tener per fatto tutto et muoversi per la voluntà et affetto che mostra, il quale è comune con tutti quelli che l’amano. Esso Monsignore è di oppinione che alcuno di voi non si deva muovere per andare a trovare il padre, essendo in parti suspette, senza che il vostro superiore, ch’è a Roma, ve n’habbia dato licentia, il che si deve pensare che non faria senza voluntà di N. Signore. Et io tanto più concorro in questa oppinione, quanto che non è mancato de li vostri proprij che hanno detto che molti di voi principali facendo mostra di andar er fare questi officij li andarete con animo, quando non lo tiriate dalla vostra, di lasciarvi tirar da la sua, et restare ancora voi là; et questo lo agumenta la partita che ha fatto, deposto l’abito in casa de luterani et pigliando ricapito al camino da loro quel vostro fratello che era stato lassato guardiano a Verona,[193] il quale in questo et in parlar da pazarello conto la Chiesa et mostrarsi pieno di questi oppinioni dannatissime et dire che di tutto è stato illuminato dal p. fra Bernardino, et che dovunque andava, cominciando dal capitulo et poi per le provincie, non atendeva ad altro che a illuminar le persone, usando questi termini, perchè voi poi così illuminati fuste il sale da condir li altri, non ha mancato di dar occasione di credere del padre quello che io non voglio fare, sin che non vedo. Ma per levar via li scropuli, et non si mettere a pericolo che, o per una causa o per un’altra, v’intervenisse qualche disastro, saria di oppinione che non andasse alcuno di voi; ma che trovaste messi che per carità e per farvi piacere gli portasse vostre lettere, per le quali gli facesse sapere la oppinione delli suoi amici et quel più che N.Signore Dio v’ispirasse; et per mezo dell’Ill.mo S.or Marchese, quando vi manchino li altri, non vi mancarà modo, et fate capo al R.M. Galeazo nostro[194] et mostrateli quanto vi scrivo che son certo che non potrete desiderar più di quello che trovarrete in lui di opera et consiglio et ogni sorte di officio amorevolissimo.

Per haver comunicato con questo vostro fratello la necessità in che mi ha posto fra Bartolomeo di tenerlo[195] non ve ne dirò altro, perchè mi dole troppo et vorrie non me ne ricordare. Il p. fra Bernardino sa che non usai tanta diligentia in desiderarlo, mentre che l’ho conosciuto obediente et catholico, quanto doppo che venne l’ultima volta, essendomi posto in suspetto, che lo mandasse via. Et dicendomi sua paternità che per l’amor di Dio lo tenesse in Verona, dove pensava che col respetto et amore che mi haveva, che staria in freno, et facendomelo promettere più volte; partito che è stato ha fatto il contrario ch’io non mi posso immaginare, donde sia proceduta tanta mutatione. Et dalle careze ch’io gli ha fatto, come se mi fusse fratello, et dalle commendationi che ogn’uno mi ha visto far di lui, mentre che lo meritava, so che si può tener per certo che, se non fussi stato più che forzato, non saria proceduto a far una cosa tanto dispiacevole, de la quale ho fatto mandare a informare il padre Aste[196] et li vostri superiori; et per quanto sarà in me non cercarò gasticare il suo male, ma sanarlo et tale inspiratione inspiri a ogni uno di fare et a chi ne ha di bisongo, di esser pronto a riceverlo.

Et alle sue orationi con tutti li fratelli sempre mi raccomando.

Di Venetia, alli 26 di settembre mdxlii.[197]

[a tergo:] Al R. Padre fra Francesco di Calabria vicario de’Cappuccini, in Province di Milano.[198]

74. Bernardino Ochino to Alessandro Farnese, 2 October 1542[199]

Reverendissimo et illustrissimo.

Penso che vi sarà cosa nuova et di non poca ammiratione ch’io sia qui, et nel modo che intederete dal presente latore. Et questo è perché ero condotto a tale che mi bisognava morire, o era pericolo assai manifesto, con non poter predicar più et senza colpa mia. Dico così arditamente perché si può sapere che dottrina ho predicata: palam locutus sum mundo. L’invidie et emulationi sono state grandi, et è stato porto orecchie a chi ha straparlato, et l’hanno governati come gli è piacciuto; talché dai miei più intimi amici sono stato consigliato così, immo posso dire sforzato, ché, quanto a me, sarei in ogni modo andato. Et da Verona per andare partendomi, mi condussi a Firenze, et parlai a lungo com monsignor reverendissimo Contarino che gia era principiata la sua infermità,. Questo anche più volte fuggì et si ascose, et Paolo et degli altri santi; et andare voluntariamente alla morte è un tentar Dio, il quale, quando vorrà, mi troverà per tutto. Christo è il premio di quelli che predicano Christo. Ma sappia vostra signoria reverendissima che io ho solo a render ragione a Dio d’haver havuti troppi rispetti humani; però forse Christo mi ha condutto qui acciò possi, se non predicare con la viva voce, almanco scrivere liberamente, il che penso di fare et già ho incominciato a dar principio. Il vostro a bocca potrà riferirvi più a pieno. Io non ho altro che dire se non che la signoria vostra reverendissima può sapere che può di me disporre come di cosa sua; et me ‘l creda o ne facci esperienza, et si degni di pregar Dio per me, che mi perservi et augumenti nella sua divina gratia.

Di Genevra, agli 2 di ottobre 1542.

75. Bishop of Cava (Tommaso Sanfelice) to Alessandro Farnese from Trent, 6 October 1542[200]

… Fra Bernardino[201] in habito da soldato passò per il Mantovano, et hor se intende che sia nel paese de Grigioni e che senza il suo habito predichi. Domandato dal Sgr. Ascanio Colonna, il quale a caso si rincontrò con lui, quando egli passava, perché havesse scambiato panni, dicono che rispondesse che non era più tempo d’andare in mascara.

In Verona intesi che ‘l vescovo, se ben haveva havuto buona cera dali Signori Venetiani, havendo lor chiesto licentia per andar ad una sua abbadia, li fu negata, però con belle parole e con isperanza di presto licentiarlo.

76. Ochino’s Foreward to his book of Sermons, 10 October 1542[202]

In Christo Fratello Bernardino Senese alli pii, candidi & sinceri lettori S.

All’impii Christo non satisfece, imo quanto più se gli demostrò divino, tanto più el perseguitorno. Se Christo non gli satisfece lui, molto manco gli potrei satisfare io. Però lassandoli da parte, alli pii dirò, che quando havesse possuto in Italia predicare più Christo, se non nudo, si come ce’l donò el Padre et si doverebbe, al manco vestito et velato, come già in parte mi sforzavo di fare – pur a buon fine per non offendere i superstitiosi – non mi sarei partito. Ma ero venuto a termini tali ch’el mi bisognava stando in Italia tacere, imo mostrarmi inimico dell’ Evangelio o morire. Et io non volendo negar Christo, sicome non dovevo, et non havendo spetiale revelatione, né particulare spirito d’ andare voluntariamente alla morte, per non tentare Dio elesse partirmi, sì come m’ ha insegnato Christo & con la dottrina et con l’esempio, che ancho lui fuggì più volte, et in Egytto & in Samaria et in Galilea et più volte si nascose. Il che fece ancho Paulo et altri Santi. Quando verrà l’hora mia, Dio mi saprà trovare per tutto. So bene che s’el pio & ancho el prudente, considerarà quello che ho lassato in Italia, a quante calunnie mi son’ esposto et dove sono andato in questa mia ultima età, che sarà certo ch’ el mio partirmi non nacque de humana et carnal prudentia, ne ancho da sensualità: sicome spero in Christo la mia vita dimostrarà. Imo sa Dio che la mia sensualità s’è dolta che Christo tanto habbi possuto in me. Dapoi adunque Italia mia che con la viva voce non posso per hora più predicarti, mi sforzarò scrivere, & in lingua volgare, acciò sia più comune, & pensarò che Christo habbi così voluto acciò ch’ io non habbi altro respetto che alla verità. Et perché la giustificatione per Christo è principio della vita Christiana, però incominciarò da essa nel nome di Giesu Christo nostro Signore.

77. Fabio Mignanelli nunzio to Alessandro Farnese in Roma, Venice, 12 October 1542[203]

Fra Reginaldo da Mantova[204] scrive di Somasca (loco vicino a como) che fra Bernardino era capitato a Chiavenna, terra de Grigioni a confini di Italia, dove si trova frate Agostino[205] cacciato di Piemonte dal signor Marchese per heretico; che in Chiavenna fra Bernardino, havea replicato le medesime parole scritte alla signora Marchesa,[206] et fin qui havea predicato Christo mascharato, che per lo avvenire lo predicaria senza maschara. Se è restato in Chiavenna, o partito alla volta di Basilea, o di Trento non ho nuova certa. Le sue attioni presenti son triste, da le quali si può facilmente far inditio delle avvenire. Quanto a le passate, a la venuta mia in Venetia lo trovai in credito universalmente. Non di meno non mancorno diverse persone che appresso di me riferissero il predicar suo per sospetto. Ricercando il fondamento non trovai chi iustificasse cosa alcuna di sostantia. Hora per l’ordine che mi dà V.S.R.ma Ill.ma ho fatto venire da me diversi religiosi separatamente; et insomma, quanto a le prediche sue concludono che le positioni non erano heretiche, ma che si conosceva arte in ommittendo, perché a molti propositi occorreva predicando far mentione della Scrittura Santa et dichiararla cattolicamente contra li luterani, il che non fece mai; di modo che il suo tacere dava sospetto a gli homini dotti et da bene; et Monsignor Agria[207] disse a homo di qualità: “Se io fusse Papa, costui non predicherebbe.” La fuga sua, secondo il parer mio, ha havuto in sé principalmente il testimonio della sua conscientia più che altro disegno. Monsignor di Verona[208] ha in prigione un cappuccino[209], che haveva libri heretici et cominciava a parlar largamente contra la Chiesa.

Ho fatto intendere a Sua Signoria che non lo relassi senza ordine di sua Santità. De li altri hanno detto alcuni mesi sono che fra Bernardino non voleva più predicare, perché non si poteva dire il vero. Andarò procurando intendere chi ha praticato con lui familiarmente et, facendo ritratto alcuno che importi, ne darò avviso a la S.V.R.ma Ill.ma.

[Di Venetia a li xii di ottobre del xlii.]

78. The Governor of Como, Rodrigo d’Arze, to the Grand Chancellor Francesco Taverna, 12 October 1542[210]

… Ultra di questo alli giorni passati l’Ill.ma signora Marchesa[211] me inviò certe lettere a effetto le mandasse a frate Bernardino de Sena, che dovea essere a Chiavena; al qual non le inviaie, perché tenea aviso ch’esso frate Bernardino era partito, che uno mercante d’essa città me disse haverlo incontrato in Zurich in habito seculare con uno suo fratelo, et che gli disse che volea andare a Genevra et puoi a Basilea et pregò esso mercante che lo recommandasse al Morfetta, con dirgli che lo retrovaria in Genevra o vero in Basilea. Et così esso mercante, incontrato detto Morfetta puoco lontano de lì, esequite sua inbasciata: come de ciò fecci aviso alla prefata Ill.ma signora Marchesa. Alla qualle anchora ho avisato che m’è venuto alle mani un frate Iulio provinciale gienoese, che facea transito per qua in habito seculare, et che gli ho trovato alcuni libri de mano che penso non siano ben catolici, per il suspetto che d’esso se tiene che sia de quela seita.

Hoggi ancora me sono capitati trei d’altri del Ordine de Sancto Dominico in habito seculare, fra’ quali c’è uno frate Angelo de Mesina in habito de mercante che molto dificile è stato in palesarse; nondimeno forsi per timore s’è publicato et ad esso se sono trovati alcuni libri d’heresia, et a uno de li altri duoi, che sono Conventuali, s’è ritrovato materia et libri d’archimia, et archimista si può giudicare sì per esso come per lo che da esso s’è cavato: per il che con honestà et descrittione li tengo con buona custodia, sino a che piacerà alla S.V. de ordinare del tutto quelo se havrà de fare. Et così supplico la S.V.

79. Rodrigo d’Arze from Como, to the Grand Chancellor Francesco Taverna, 12 October 1542[212]

Havendo scritto a V.S. de li frati del Ordine de Sancto Dominico quali havea retenuti, la S.V. me ordinò che gli inviasse li libri de heresia trovati a frate Angelo de Messina et che gli tenessi bona custodia, che se me ordinaria quelo che havria a fare. Accade, che aspettando io tal ordine, che il priore del convento de Sancto Dominico qua ha hauto noticia de tale detentione; per il che ha inviato a richederme essi frati, et doppoi è venuto lui, con dire ch’io era incorso in escuminicatione a ponere mane in persone religiosse et di novo rincorea a perseverare in detenirli, et per ciò che volessi consignarli a lui, che è inquisitore et a chi spetta fare ragione et giustitia in tal caso: alla quale cose me esortava, altramente che protestava contra di me. Per il che, consultato il negocio et confidandome d’esso patre priore et inquisitore, ce li consignai in sue mani, con promessa de reiconsegnarmeli ogni fiata che li richedessi. Et adhora ce appare ch’esso priore me habbia avisato che li duoi frati conventuali compagni de frate Angelo sono fugiti, per la qual cosa subito ho provisto a frate Angelo che non faccia il medemo, et son stato col priore et dolutomi de lui, con dire che non ha usato la debita diligentia che ce convenia et ch’io non credo che tal fugha sia senza soa scientia; et esso si escusa molto et offerise de consignarse dove ch’io gli ordinarò. Però m’è parso farne aviso a V.S. a tale che ella puossa ordinarme quelo havrò a fare.

80. Claudio Tolomei to Bernardino Ochino, 22 October 1542[213]

Ritornādo a li di passati di villa in Roma, mi fu sibito detta una nuova, laqual non solamente mi parve nuova, ma stotla incredibile, e spaventosa. Mi fu detto che voi, non so con qual istrano cōsiglio sete passato dal campe de Catolici a gli alloggiamenti de Luterani, consecrandovi a quella setta heretica, e scelerata, tutto subbito mi raccapriciai, e come si dice, mi feci il segno de la Croce. Di poi essendomi da quattro, da sei, e finalmente da ciascun confermato il medesimo, fui costretto a mal mio grado a crederlo; parendomi haver udito assai piu stravagante nuova, che se me fosse stato detta che le colobe si convertissero in Serpenti, o le caprette diventassen Pantere. Ma pensando poi come lucifero bellißimo Angelo idvenne Diavolo, coninciai avvedermi che agevolmente potevan avvenir questi horribili trasformazioni; onde molti giorni sono stato in dubbio s’io dovevo scrivervi, pur s’egli era meglio il tacere, ristringendo intra stesso il dolor, ch’io ho sentito, e sento per questa vostra nuova e spaventevol mutazione; percioche da l’un lato mi pareva non poterci guadagnare scrivendo, pi c’havete si fisso il pensiero in questa nuova saetta, e mostrato al mondo non sol con le parole, ma con l’opere ancora il risoluto animo vostro. e piu tosto temevo, che voi col rispondermi, non mi travagliaste la mente, ch’io speraßi di potervi ritirare indietro da questo viaggio, c’havete preso, perch’io so bene, quanta sia la dottrina vostra, quali, e quante sian le fiamme de la vostra eloquenza,, le quai due cose agevolmente haverebben poruto ne la lor dolcezza invaghirmi, e invaghito in qualunque pericolos luogo trasportami, Ma da l’altra parte temevo tacendo di non esser poi costretto a far poco honorato giudicio di voi: che nō sapēdo le nostre ragioni, ne quale spirito v’habbia mosso a partirvi, io non sparei mai appresso molti, che v’accusano, scusarvi a bastanza, e solo mi rimane un luogo volgare d’iscusazione, dicendo ch’io non posso credere, ch’un frate Bernardino Occhino, mostratosi per humo di molt prudenza, di bonta singolare, di somma religion, sia hor senza giusta cagio trapassato in una tal diversità di pensiero, e di vita: la quale allegazione, se ben forse a qualcuno parendo lor, che l’innovar le cose stabilite ne la relgione, il disobbedire a suo superiore, il trapassar da catolici a gli heretici, non sia cose, ne prudente, ne da religioso: e finalmente che’l partirsi da questa santißima verita, laqual da primi Apostoli s’è di mano in mano, insin a nostri tempi conservata ne la chiesa Romana: che’l partirsene dico non sia lecito ne concesso in caso veruno; anzi si deve sopportar ogni pena per confessarla, e difenderla; la dove i stratij si converteno in piacere, le carceri in libertà, i tormenti in gioia, la povertòa in ricchzza, la morte in vera ed eterna vista, si come gia fecero tanti antichi martiri, liquali non si volsero mai discostar da gli articoli confessati da la Chiesa catolica, laquael è (come disse San Paolo) colonna e fermamento de la verità. Quando dunque io sneto, che cosi si parla di voi, allora tutto mi conturbo, e m’attristo, in tal guisa, che a la fin mi son risoluto scrivervene, pregandovi s’egli è honesta preghiera, che mi rispondiate, e vi sforziate d’illuminarmi le tenebre di questa vostra non aspettata mutatione: perche insin a tanto ch’io non n’ho altra luce, io non posso se non creder che ella non habbia havuto luce di Dio. Forse me dira qualcuno, che voi vi sete partito d’Italia, perche ci sete stato perseguitato, e ch’in ciò havete imitato l’esempio di Christo, e di Paolo, e d’alcuno altri Santi, li quali essendo perseguitati si fuggirno da le mani e da l’unghie de perseguitatori: e mi dirà, che spesse volte gli accusati dal mondo, sono iscusati da Dio, e i dispregiati dal mondo sono honorati da Dio. Ma io non so in prima come a ciascun sia lecito di fuggirsene via, contra i comandamenti, e decreti del suo maggiore, alquale egli è sottoposto, e obligato ad obedire, si come è interventuo à voi. Di poi non intendo qual sia stata questa persecuzione, ne qual sia questa accusatione, o qual disnor, che v’è stato fatto, onde vi fosse necessario il fuggire. Ben mi ricorda, ch’in Italia eravate apprezzato, honorato, riverito, e quasi per cosa divina adorato. e predicando voi il santo nome, e la vera legge di Christo, eravate con tanta divotione da tutta Italia ascolatao, che ne in voi maggior grazia, ne in lei migliore spirito si poteva desiderare. Ne per esser voi in tanto honore, e riverenza del mondo, eravate (come credo) in minor grazia di Dio; anzi in tanto maggiore, quanto maggior frutto facevate, e ispiravate continuou amor di Dio ne l’anime cristiane; si come ancor fu il vostro primo padre, e maestro San Francesco, ilquale da popoli, e da Principi sommamente riverito, fu nondimeno cosi caro servo a Dio, ch’egli meritò d’esser segnato di qulle stimmati, che soffri il Signor Giesu Christo in Croce. Ma si dirà, che ne l’ultime vostre prediche, alcune cose detta da voi, furono avvertite, notate, riprese, accusate come piene di non sana, ne catolica dottrina, che dirò io qui: so non che, o quella asscusazione era giusta, o ingiusta, se ingiusta, di che temevate voi? Perche non piu tosto chiamato, venivate a rome? e qui dinanzi a questo giustissimo Principe, il quale sommamente v’ammava, havereste, come oro nel fuoco, raffinata quella opinion che s’havev de la bontà, e de la virtù vostra. ecco San Bernardino nato prne la vostra patria, e de l’ordin vostro, il quale accusato, come Idolatra, venne a Roma, e si purgò chiaramente, onde molto piu divenne gloriosa e lucente la sanità del la vita sua, e ne segui maggior frutto nel popol di Dio. Non poteva esser tanta la malignità de vostri accusatori, che non fosse maggior la forza de la verità, sostenuta, e difesa ancor da quel favor, che era per noi, non pur in roma, ma in tutta Italia. Mad se la lor accusazione era giusta, io non so quel, che si possa dir qui, se non che o per ignoranza, o per malitia era sparsa da voi quella dottrina nel volgo. Di che per dir il vero, l’un mi par malagevole, e l’altro quasi impoßibile a credere. Mas sia stato pur o l’uno o l’altro. Se fu per ignoranza, grande obligo havevate a gli accusatori vostri, liquali accusandovi, eran cagion, che voi doveste riconoscer il vero, e partendovi da le tenebre de l’errore, potevate ridurvi ne la luce de la verita; laqual cosa non era altro che ridursi a Christo somma verità, fonte, principio, e origine di tutti i veri: e se fu per malizia, reo pensiero è questo, ne so qual luogo da difendervi ci rimanga, quando che questo fine è biasmato ne l’huomo, abhorrito nel Christiano, condennato ne religioso, anatematizzato in colui, che predica la parola di Dio, e crederi quasi, che chi si cōduce a si reo effetto, gia piu non sia huomo, ma che ch’egli si sia trasformato in Dimonio. Ben li ricordarei, che il pietosißimo Iddio non abbandona chiunque ricorre a lui, e che dolcißimi sono i frutti di quel santo Sacramento de la penitenza. onde non puo scioglier la piu vera via, ne pigliar il pui vivo e saldo rimedio, che pianger come Pietro amaramente il peccato suo. forse ancor mi si dirà, che ne ignoranza è stato tutto ciò, ne malizia, ma una maggior illuminazione ne le cose di Dio. e che Christo v’ha aperte molte verità, le quali insin à quel tempo v’haveva celate; si come ancora al suo tempo li piacque illustrar la mente di Paolo, e convertirlo da Giudaismo a la vera fede. Dunque Christo insegnò o rivelò il contrari, che a suoi e successori de gli Apostoli? e insegnò loro falsa dottrina? e cosi di somma verita si trasformò in istrana bugia? Dunque Clemente, Anacleto, Evaristo, Aniceto, e quelli altri grandi spiriti di Dio furono ingannati e insieme ingannarono altrui? Dunque Ignazio, nel cui cuore si trovò scritto il nome di Christo, non hebbe da Christo vera dottrina? che dirò di tanti altri, che suffesser di poi? Crederem mai, che Ireneo, Origene, Cipriano, crderem, che Athanasio, Didimo, Damasceno, crederem, che que due gran lumi di Capadocia, Gregorio, e Basilio. Crederem, che Ambrosio, Girolamo, Agostino, Bernardo, e tanti, et tnati altri santißimi, e maravigliosißimi dottori de la legge di Christo habbiano tutti errato? e in luogo di mostrarci la luce, ci habbiano involti ne le tenebre, e in vece di insegnarci la verità, ci habbiano inviluppati ne le bugiei Non puo esser sano d’intelletto, che crede questa falsità, dicendoci maßimamente Christo Salvator nostro, che dove ü il corpo, quivi si congregano lßAquile. Ma che piu? Christo dunque per molto tempo ha abbandonato la sua Chiesa? perche quando questa veritä catolica, innanzi a l’empio Lutero, si credeva per tutto, se quel ch si credeva non era vero, Christ ci haveva abbondanati affatto. laqual cosa è horribil pur a pensare: dicendoci Christo: ecco ch’io son con voi insin al finimento del secolo. egli è necessario (crediatemi) ch’en questo mar torbido e tempestoso de le varie opinioni, ci sia una ferma stella, a laqual si riguardi, e la qual c’indirizzi al vero camino de la strada di Dio. questa si come da molti santi, e dotti huomini è stato mostrato, non è, ne puo esser altra, che la Chiesa Romana, incominciata da Pietro, in cui Christo prima fondò la sua chiesa, e per continua succeßion di Papi, pervenuta insin a presenti tempi. Ne vi varrebbe contra di ciò l’allegar luoghi de la scrittura, intesi, e isposti a vostro modo: perche sempre (quanto a me s’appertiene) mi ricordarò di quel buono e fedel consiglio d’Origine Adamanzio, il quale dice. Ogni volta, che qualcun vi mostra scritture canoniche, contra quel che osserva, e sua la Chiesa, a la qual consente il popol di Christo, par che dica proprio. ECCO IN QUELLE CASE È LA PAROLA DE LA VERITÀ, ma noi non gli debbiam credere, ne partirci da la paterna ed ecclesiastica tradizione; ne ci si convien credere, se non come la Chiesa anticamente ci ha insegnato. finalmente vi dico, che nessun buono si parti mai dal la Chiesa catolica, e nessun, che se ne parrtisse, fu mai stimato buono. Di che si posson tante vere ragioni allegare, che forse non è verità in dottrina alcuna, che sia di questo vero piu vera. onde quanto piu in questa cosa ripenso, piu mi trovo inuluppato ne le defesa de la vostra causa. e vorrei volentieri non v’amar tatno, per non sentir quel dolore, ch’io sopporto hora, per cagion di questa vostra nuova calamità. Siamo lecito con questo diverso, e forse non atto vocabolo temperar quello errore, che nasce da la volontà vostra. Ma poi ch’ancor in me vive quello amor, che gia v’accesero le singolarißime virtù vostre, piacciavi almen di darmi qualche consolazione, col farmi sapere le ragioni del consiglio vostro, che se non potessen levar mi il dispacere affatto, potrebben forse addolcirlo, e al leggierirmelo alquanto. Ben vi consiglierei, che se come io credo, vi sete partito d’Italia per salute de la persona vostra, piu timoroso frse che non bisognava, vi consiglierei dico, che vi fermaste a questo segno, over hor sete, ne trapassaste piu innanzi, non predicate, non iscriverste, non parlaste cose contrarie a la dottrina catolica: anzi d’ogni cosa detto o fatta da voi, vi rimetteste umilmente al quidicio de la Chiesa Romana: perche facendo come vi dico, sarà sol ripreso in voi un timore, nato da non troppo consiglio: ma se vi governate altrimenti, con linasprir le cose ogni giorno. Alhor sarete di una pertinace ostinazione, e d’una ostinata heresia condennato. Nel prom caso, standovi queto e humile, si solleverà tutta Italia in favor vostro, vi desideraranno, vi chiamaranno, pregara per voi, e con molto lor contento v’impetraranno ogni grazia; ma seguendo voi il secondo, si spegneranno in tutti quelle reliquie d’amor, ch’anchor in molti cuori si mantengon caldi: e in lor luogo n’entraranno l’odio, e lo sdegno, e l’ira contra di voi. Io certo sono ridotto a tale, che dove prima (come sapte) vi pregai molte volte, che pregaste Iddio per me, al presente conoscendo il contrario bisogno, non fo altro che pregare Iddio per voi; e hora di nuovo umilmente lo prego, che gli piaccia d’illunminarvi, e aiutarvi. Di Roma a li XX d’Ottobre MDXLII.

81. Rodrigo d’Arze from Como to the Grand Chancellor Francesco Taverna, 17 November 1542[214]

… Occorre che hoggi m’è capitato alle mani un altro frate scapuccino, in habito seculare, quale se volea coprire con dire che era spiziaro; et dubitando io del la verità, gli ho richiesto come so compone uno latuario de fiori de persici: nel che, non sapendosi risolvere, gli ho richiesto se era cristiano et se portava seco alcuna divotione, et esso, per farme credere che sì, ha cavato uno officio. Et finalmente ha confessato che è frate et che vole andare da frate Bernardino da Sena, et dice che lui se nomina frate Hieronimo da Bologna; et perchè me ha detto essere de missa, non ho volsuto astringerlo a dire più ultra. Dil che m’è parso darne aviso a V.S., con supplicarla me faccia gratia de avisarme di quelo che avrò a fare sì di esso frate Hieronimo come de frate Iulio, del quale alli giorni passati scrissi a V.S., alla quale ne havrò obligo de servire.

82. Rodrigo d’Arze from Como to the Grand Chancellor Francesco Taverna, 18 November 1542[215]

Ho receputo le lettere de V.S. de 15 del presente, scrittemi sovra ‘l particolare de li frati che sono fugi(ti): al che non me occorre dire altro, perché me conviene contentarme de quelo che è volontà de S.E. et V.S. et di quelo che sia a soa satisfattione. Circa li frati scappuccini, de’ quali scrissi largamente hieri a V.S., la supplico che sia contenta, parendogli, de resolvere con la Ill.ma signora Marchesa et responderme quelo che avrò a fare, che io desio de sgravarmi d’esso negocio; et quando che non se me ordena altro in ciò, darò essi frati in le forze de’ suoi superiori a tale che li puniscano secondo suoi meriti. Et me ne ricercha il loro provinciale con grande instantia; et il loro priore qua molto me ha reccomandato esso frate Hieronimo, che il tenga con bona custodia, perché lo tiene per smagiato d’heresia…

83. Uberto Gambara in Piacenza to Alessandro Farnese, 22 November 1542[216]

Venerdì proximo passato[217] fra Bernardino da Siena era in Genera, dove sta fermamente; veste di negro come tarie [?] scuro, con berretta da secolare, et è seco un napolitano che ha una gran barba rossa et bianca[218], il quale ha predicato in Siena, Roma et Fiorenza in San Lorenzo, et vi sono sei altri compagni, et tra li altri uno fiorentino, preposito o piovano di San Frediano di Lucca[219], molto letterato, tutti vestiti da seculari, con le spade; mangiano ogni dì carne et omnia que apponuntur, dicano che non conoscano feste né domenica se non al serrare de le botteghe, dicano ancora volersi maritare secondo che Idio li inspirerà; lui si chiama messer Bernardino, Volse donare a costui [Pandolfo delle Stufa] 6 opere de le sue scritte in vulgare, piene di blasfemie et ribalderie, de le quali dice ne prese una, ma per che leggendola non li piacque, l’abruciò, né l’ho ossuta havere. Dice che fa professione voler predicare Cristo non in maschera, ma scoperto, liberamente, et tra le altre cose che mette in quel libro dice che per haver il cardinal Contarino confessatoli et laudatori le sue opinioni, è stato avenenato et fatto morire. Dice che voleva cominciare a predicare in quel luogo fra tre giorni, ancora che da pochi in esso sia inteso. Il prete sopra detto fiorentino et così letterato ha hauto una lettera in un catone [sic] de li Svizzeri, et dice crede andarà presto a leggere. La comunità non daà loro se non la casa, et la fanno assai male, et vivano per necessità sobriamente.

84. Vittoria Colonna to Marcello Cervini,[220] 4 December 1542

Illustriss. Et Reverendiss. Monsignor obligatiss.

Quanto più ho avuto modo di guardar le actioni del reverendiss. Monsignor d’Inghilterra, tanto più m’è parso veder che sia vero et sincerissimo servo de Dio: onde quando per carità si degna respondere a qualche mia domanda, mi par di esser sicura di non poter errare seguendo il suo parere. Et perchè me disse che li pareva che se lettera o altro di fra Belardin mi venisse, la mandassi a V.S. Reverendiss. senza responder altro, se non mi fossi ordinato, havendo hauto oggi la alligata col libretto[221] che vedrà, celle mando. Et tutto era in un pligho dato alla posta qui da una staffetta, che veniva da Bologna, senza altro scritto dentro; et non ho voluto usar altri mezzi che mandarle per un mio de servizio. Sicchè perdoni V.S. questa molestia, benchè, come vede, sia in stampa, et Nostro Signor Dio Sua Reverendiss. persona guardi con quella felice vita di Sua S., che per tutti i suoi servi se desidera. Da Santa Catarina di Viterbo, a dì iiij di decembre.

Serva di V.S. Reverendiss. Et Illustriss.

La Marchesa di Pescara

Mi duole assai che quanto più pensa scusarsi, più se accusa, et quanto più crede salvar altri da naufragi, più li expone al diluvio, essendo lui fuor dell’Arca, che salva et assicura.

85. Bernardino Ochino to the Signoria di Venezia, 7 December 1542[222]

Moisè, a tempo nutrito sotto l’ombra della figliola di Faraone in amazare l’egyzio monstro, ché in verità non li era figlio, sì come Paulo scrise a li Ebrei, al xj, fugì di poi e ne forno causa li falsi suoi fratelli. Del che, ben che molti se ne admirasseno e mormorasseno, nientedimeno fu per colutà di Dio, – e Paulo nel sopradetto loco el prova, – perché elese più presto esser afflitto col populo di Dio che fruir a tempo il peccato e ebbe per magior richezza l’imperio di Cristo che li tesori de li egyzii. Dirò similmente di me che non arrei possuto scientemente e voluntariamente eleger tante calumnie con tante mie mortificazioni appresso il mondo se Dio non mi avesse mosso a governato lui. É ben vero che senza dargliene occasione, sì come possono testificar quelli che mi hanno udito, se già non si chiamano offesi perché dicevo che eravamo salvi per Cristo, mi condusseno in tal necessità, lassando stare l’averme già publicato per eretico, ma in citarmi e nel modo che teneno, che bisognava andar o fugir; e andando era forsa o negarlo con Pietro, o tradirlo con Iuda, o esser sepolto con la sinagoga. Onoratamente morir con Cristo mi sarebbe per sua grazia stato dolce, ma non ere veniuta ancora l’ora mia; arrei tentato Dio. Paulo fugì il tribunal di sommi sacerdoti e appellò a quello di Cesare; or pensi Vostra Serenità[223] come serrebbe andato al tribunal di Antecristo, potendo fugire; il che ferno li apostoli più volte, e immo Cristo. É ben vero che volentieri arrei eletto la mia Venezia per rifugio, né mi sarria diffidato del vostro giusto e onesto favore; mo volsi patir più presto io solo che dare occasione di far patire ad altri. Con l’amor non mi son allontanato, e Dio sa quanto desidero veder che Cristo regni nella mia Venezia, e che sia libera da ogni diabolico giogo, e maxime da quello che sotto le spezie di bene la tiene più oppressa, e vi exorto ad essere in verità amici di Cristo e a volere intender il puro Evangelio, e non perseguitar, ma favorir quelli che vi predicano la parola di Dio. La qual è sì chiara che per sua defensione non ha bisogno di carcere né di foco, immo è sì potente che, come Paulo scrisse, getta per terra tutte le forze del mondo, la falza dottrina di Maumet e quella de Antecristo, perché non possono per sé sussistere; però hanno bisogno di esser difese con l’arme. Accettiamo adunque Cristo per nostro signore, imperoché, se bene stituisce un regno di grazia, non però ruina le republiche, immo non è cosa alcuna che tanto le magnifiche e stabilisca sì come l’Evangelio: non eripit mortalia qui regna dat celestia. Già Cristo ha incominciato a penetrare in Italia; ma vorrei che v’intrasse glorioso, a la scoperta, e credo che Venezia sarà la porta, e felice a te se la accetterai, e guai a quelli che con Erode per uman timore il perseguitaranno. Già è venuto del regno di Cristo, già [in] diverse parti del mondo incomincia a regnare a la gran Babilonia ha a cadere, sì come è scritto ne la Apocalypse; l’opre di Dio non posson dissolversi, come Gamalia[224] il disse; però accettianlo con festa; il che prego il Signore concede a tutti, massime a la mia Venezia.

86. Marcantonio Flaminio to Pietro Carnessechi, 1 January 1543[225]

Alli mesi passati noi parlammo alcune volte insieme del santissimo sacramento dell’altare et dell’uso della messa; perché l’abominevol setta zuingliana va crescendo per tutto, et molti, seguendo l’opinion del Luthero, condannano d’idolatria la messa, et d’impietà coloro che l’ascoltano. Per la qual cosa V.S. meritamente desidera di sapere come si debbe rispondere a costoro, dovendo noi essere apparecchiati a render ragione della nostra fede a ciascuno. Et quantunque a me paia che le cose, che noi dicemmo allhora, possano bastare ad ogni persona veramente pia; nondimeno, perché queste materie sono di grandissima importantia et essentialissime nella dottrina della chiesa, et noi havendo commodità et otio debbiamo informarcene, di maniera che possiamo non solamente confermare nella verità i pii, occorrendoci opportuna occasione, ma etiandio confutar la falsità degli adversarii, ho voluto veder quello che respondono loro i nostri nelle dette materie. Et perché son rimaso molto satisfatto di tal lettione, giudico esser debito mio di avisarne V.S., affine ch’anco essa legga i medesimi scrittori et li consideri bene, il che facendo mi rendo certo ch’ella potrà gagliardamente rispondere a tutte le obbiettioni, che hoggidì si sogliono fare in contrario. Adunque V.S. vegga Alberto Pighio nel primo libro de Hierarchia Ecclesiastica, cap.VI, dove vederà chiaramente che la chiesa catholica ha creduto sempre la realità del corpo et del sangue di Christo nel sacramento dell’altare.[226] La qual cosa dimostra ancora il Roffense nel libro contra l’Ecolampadio.[227] Del sacrificio della messa vegga il medesimo Pighio nel secondo libro della predetta opera, cap.V, dove dimostra che in questa materia non si può riprender la chiesa moderna, che non reprenda insieme quella di tutti i tempi antichi; et oltre a ciò risponde alle obbiettoni degli adversarii,[228] il che fa anco nel libro delle conroversie.[229] Ma il Concilio Coloniense in questa parte a me satisfà sopra tutti, et è molto commendato in questa materia dai dotti et pii; per la qual cosa prego V.S. che lo legga nel trattato della messa.[230] Ma perchè forse ella non haverà sì tosto commodità di veder questi libri, voglio per sua consolatione sottoscrivere alcune parole di Ireneo scrittor greco molto celebrato dai dottori antichi, et esso è tanto antico che afferma d’haver conosciuto Policarpo discepolo di san Giovanni Evengelista, et dice che al suo tempo durava anchora nella chiesa il dono delle lingue et della prophetia et de’ miracoli.[231] Costui, nel quarto libro contra gli heretici, cap. 32, parlando di Christo, scrive in questo modo secondo la traduttione latine: Sed et discipulis suis dans consilium primitias Deo offerre ex eius creaturis, non quasi indigeret, sed ut ipsi nec infructuosi, nec ingrati essent, eum, qui ex creatura panis est, accepit, et gratias egit dicens: hoc est meum corpus, et calicem similiter, qui est ex creatura, quae est secundum nos, suum sanguinem confessus est, et novi testamenti novam docuit oblationem, quam ecclesia ab Apostolis accipiens, in universo mundo offert Deo, ei qui alimenta nobis praestat, primitias suorum munerum in novo testamento: de qua re in xii prophetis Malachias sic praesignificavit. Non est mihi voluntas in vobis, dicit dominus omnipotens, et sacrificium non accipiam de manibus vestris: quoniam ab ortu solis usque ad occasum nomen meum glorificatur inter gentes, et in omni loco incensum offertur nomini meo, et sacrificium purum, quoniam magnum est nomen meum in gentibus, dicit dominus omnipotens. Manifestissime significans per haec, quod prior quidem populus cessavit offerre Deo, omni autem loco sacrificio offertur, et hoc purum, nomen autem eius glorificatur in gentibus.[232] Il medesimo, nel cap. 34 del medesimo libro, parlando della oblatione della messa per confutare alcuni heretici dice queste parole: Quomodo autem constabit eis eum panem, in quo gratiae sunt actae, corpus esse Domini sui, et calicem sanguinis eius, si non ipsum fabricatoris mundi filium dicunt, idest verbum eius? Et poco appresso soggiunge: Quomodo autem rursus dicunt carnem in corruptionem devenire, et non percipere vitam, quae corpore Domini et sanguine alitur? Ergo aut sententiam mutent, aut abstineant offerendo quae praedicta sunt. Nostra autem consona est sententia Eucharistiae, et Eucharistia rursus confirmat sententiam nostram: offerimus enim ei quae sunt eius congruenter communicationem, et unitatem praedicantes carnis et spiritus. Quemadmodum enim qui est a terra panis percipiens invocationem Dei, iam non est communis panis, sed Eucharistia, ex duabus rebus constans terrena et coelesti; sic et corpora nostra percipientia Eucharistiam, iam non sunt corruptibilia spem resurrectionis habentia: offerimus autem ei non quasi indigenti, sed gratias agentes donationi eius sanctificantis creaturam.[233] Il medesimo nel V libro scrive in questo modo: Quando ergo et mixtus calis, et factus panis percipit verbum Dei, fit Eucharistia sanguinis et corporis Christi, ex quibus augetur et consistit carnis nostrae substantia. Quomodo carnem negant capacem esse donationis Dei, qui est vita aeterna, quae sanguine et corpore Christi nutritur, et de pane, qui est corpus euis, augetur.[234] Queste sententie d’Ireneo secondo il mio parere sono bastanti per sé sole a confutare gli avversarii, perché chiunque non è accecato dalla passione o dal demonio, per esse può conoscer tre cose notabii. La prima, che la chiesa primitiva, nel cui tempo Ireneo fu vescovo di Lione, teneva per certo che nell’Eucharistia ci sia realmente il corpo et il sangue di Christo. La seconda, ch’ella usava d’offrire a Dio il corpo et il sangue di Christo sotto la specie del pane et del vino. La terza, che questa sorte d’oblatione fu introdutta nella chiesa dagli apostoli et instituita da Christo, quando ipse accepit panem, et gratias egit, dicens hoc esse corpus suum, et calicem dicens, hunc esse sanguinem suum:[235] et così ha creduto et credendo ha afferto la chiesa in tutte le parti del mondo di secolo in secolo infino a tempi nostri; et così credono et usano d’offerir tuttavia i Greci, gli Armeni, gli Indiani et tutti gli altri fedeli sparsi per tutte le parti dell’Oriente, et già per tanti secoli divisi dal commertio della chiesa latina. Per la qual cosa si può vedere et toccare con mano, quanto sia grande la superbia et la temerità di coloro ch’ardiscono d’impugnare la realità del corpo et del sangue di Christo nell’Eucharistia et l’oblation d’essa; benché havete a sapere che gli adversarii oppongono in questa materia alla chiesa universale delle cose, che sono mere calunnie: come sarebbe a dir, che la messa vaglia ex opere operato sacerdotis tantum ad remissionem peccatorum, la qual cosa non crede né dice la chiesa universale, come dimostrano gli auttori che vederete et come afferma etiandio il cardinale Contareno nel libro de’ Sacramenti, accusando gli adversarii: Quod nobis falso attribuant nefanda illa, missam scilicet esse sacrificium ex opere operato sacerdotis, quo veluti aemulo sacrificii Christi sacerdos nobis mereatur remissionem peccatorum.[236] La qual cosa afferma non ritrovarsi mai detta da alcuno auttore, né antiquo, né moderno in questo senso. Et soggiunge: Quid plura? nonne in canone ipsius missae dicimus: Suscipe sancta Trinitas hanc oblationem, quam tibi offerimus, ob memoriam passionis, resurrectionis, et ascensionis Iesu Christi domini nostri; item, hoc facite in meam commemorationem, unde et nos servi tui memores venerandae passionis etc. Ecce expresse dicimus, quod memoriam facimus passionis Christi, offerimusque corpus eiusdem, et sanguinem, per quod unum sacrificium reconciliati sumus Deo.[237] Ma certamente, come dice il medesimo, unusquisque per se facile existimare potest, cuius pudoris si antiquissimum morem ecclesiae propria auctoritare mutare.[238] Et se il tale o il tale abusa la messa per ignorantia o per malitia, non per questo ella et la chiesa si deono condannare, perché parimente potrebbono condannare l’oratione del Signore, con ciò sia cosa che molti l’abusano. Ho vedete quanto siano peggiori de’ mali maestri molti discepoli. È cosa manifesta ch’el Bucero è stato uno de principali impugnatori del sacramento dell’altare, et per giudicio di molti ha nociuto più del Zuinglio; nondimeno egli da poi conosciuto il suo errore s’è ritratto, et negli atti del colloquio ratisponense stampati in Argentina[239] afferma che esso et gli altri eletti da protestanti ad essaminar la dottrina della religione sono stati d’accordo con noi, che nel sacramento dell’ Eucharistia si eshibisce a colui che si communica il vero corpo et vero sangue di Christo nostro Signore, et che egli in questo santissimo sacramento si dee adorare, et afferma ciò farsi dalla parte loro. Né niega che nella chiesa antica egli non si usasse di riservare, ma solamente dice: varie observatum esse in Ecclesia veteri.[240] Questa è la ritrazzione del Bucero et de’ suoi adherenti; et nondimeno molti di quelli, che da loro hanno imparata la falsa dottrina, dalli medesimi non vogliono imparar la buona, ma si stanno ostinatissimi nelle loro imaginationi, accecati dalla superbia humana, amatrice delle novità et nimica delle vie communi. La qual superbia si nasconde facilmente sotto il falso zelo della religione, et allhora i suoi inganni sono sommamente difficili da scoprire quando le persone per così fatte novità si mettono in pericolo di perdere l’honore, la robba et la vita; perché allhora non si possono imaginar d’essere ingannati dalla carne et dal diavolo: et così ogni hora più s’indurano nelle falsità et diventano acerbissimi censori del prossimo, condannando d’impietà l’universal senso et perpetuo uso della chiesa, et chiunque non si fa servo delle loro opinioni. Da questa arrogantia et da questi amari zeli gli liberi nostro Signor Dio, et doni loro charità et dolcezza di spirito et tanta humiltà che s’astenghino dal giudicar temerariamente i dogmi et l’usanze della chiesa, condannando rigidamente tutti quelli che con vera humiltà di cuore le riveriscono et seguitano; et comincino a credere che molti di coloro, che da essi son condannati et tenuti idolatri et impii, perché non credono quello che credono essi, sono veramente religiosi, pii et a Dio cari; et per contrario nemico et odiato da Dio chiunque seguita questa loro superba presontione. Et noi, signor mio, se non vogliamo far naufragio in questi pericolosissimi scogli, humiliamoci nel cospetto di Dio, non ci lasciando indurre da ragione alcuna, per verisimile ch’ella ne paresse, a separarci dall’unione della chiesa catholica, dicendo con David Vias tuas Domine demonstra mihi, et semitas tuas edoce me, quia tu es Deus salvator meus,[241] et senza dubbio saremo essauditi. Nam bonus et rectus Dominus propterea diriget mansuetos in iudicio, docebit mites vias suas.[242] Là dove volendo giudicar le cose divine col discorso humano, saremo abbandonati da Dio, et in questo secolo contentioso talmente ci accostaremo all’una delle parti, et odiaremo l’altra che perderemo del tutto il giudicio et la charità, et dimanderemo la luce tenebre et le tenebre luce,[243] et persuadendoci d’esser ricchi et beati, saremo poveri, miseri et miserabili, per non saper separare preciosum a vili; la qual scientia senza lo spirito di Christo non si può imprare, al qual si a gloria in sempiterno. Amen. Di Trento. Il primo di gennaro mdxliii.

87. Bernardino Ochino, Pietro Vermigli and Mainardi to Gian Pietro Carafa, 1 January 1543[244]

Cartello di messer Bernardino Occhino da Siena al cardinale di Chieti.

Mi è pervenuto all’orecchie qualmente molti d’i seguazi del papa, et tra gli altri voi monsignore reverendissimo di Chieti, il quale, mentre che vi pareva ch’io fossi uno de membri suoi, mi havevi per buono et per santo et poiché mi vedete scoperto di quale fatione sono, mutando sententia, mi havete per heretico et per scandaloso scomunicato; et mai le lingue vostre si veggiono satie di lacerar il nome et l’honor mio accioch’altri non seguiti le mie pedate et non creda alle mie parole. Io sono soldato et son soldato di Iesu Christo, veggio questi vostri mordi menti lacerar no pur l’honor mio, ma quello del nostro Signore. Del mio honor non mi curo, anzi lodo Iddio che mni fa degno di patir ignominia per lui, ma del honor del mio Signore, al quale solo si aspetta et non al opapa ogni laude, ogni honor et ogni gloria tanto mi cale che con le sue arme in mano desidero sosternirlo, però quante volte voi o altri havete detto, dite o sete per dire ch’io habbia fatto male lasciar il papa per accostarmi a Christo o a qualunque altr cosa, che sotto la mia coperta tocchi l’honor del mio Signore; tanto dico che havete mentito, mentite et mentirete et ogni volta che mi prove direte di campo franco, libero et sicuro in Italia, non che in Lamagna, io mi afferisco a sostener contra di voi et di qualunque altro fariseo:

Che il papa è veramente l’Antichristo et che voi altri suoi seguaci sete sui membri.

Et che mentite che vi sia altro purgatorio che il sangue di Christo. Et che mentite ch’in voi sia libero arbitrio.

Et non sostentare che noi siamo predestinati, et che siamo salvi per gratia et non per opere.

Et che non dobbiamo haver imagini.

Et che loa vostra messa è ridotta mercantia.

Et che non ci è differentia da un giorno all’altro o da un tempo all’altro.

Et che ci è lecito mangiar d’ogni cosa.

Et che la nostra dottrina non ruina li stadi ma li mantiene.

Et che il matrimonio non si debbe mai prohibire a sorte alcuna di persone.

Et che non né differentia alcuna da secolari a religiosi, se non in quanto che vi chiamate religiosi et sete più scellerati.

Et che la confession auricolare da voi trovata è espresso inganno. Et che le vostre religioni sono ridotte al guadagno.

Et che le vostre ricchezze son da dar a poveri più tosto che a lasciarvele o a sol- dati per diffender l’Italia dalla canagli di Levantico.

Et che bisgona che lavorate con le mani e con vostre fatiche guadagnate il pane.

Et che i vostri canoni, decreti, decretali, finalmente tutte lee vostre leggi, statuti et constitutioni sono dottrine di davoli, illusioni, inganni e falsità.

Et che sono sciochi et pietre insensate quelli che non vi hanno per Antichristo perché da i vostri fatti cattivi putete ben essere consociuti.

Et che delle due potestà impiissimamente usurpate dal papa, cioè la temporale et la spirituale, in ambe due esse è a suo poter espresso tiranno. Nella temporale non fa bisogno di provarlo, perché si vede manifestamente da tutto il modo la manifesta tirannia, come in avelenar Cardinali et altri grandi et per meglio dir ricchi personaggi et officiali, over impoverirli al torto per arrichir i suoi, in rovinar i perugini, in tuor il suo al signor Ascanio Collona, al duca d’Urbino, al conte Ludovico Rangoni, et a’ suoi figlioli bambini innocenti, al vescovo d’i Rossi, a suoi fratelli, alli signori Varani, all’abate di Farfa et ad altri assai, oltre ciò in metter taglioni crescer il sale et similmente in mille sue altre ladrerie manifeste. Talche meriterebbe esser impiccato come ladro, squartato come assissino, abbrusciato con tutte le sue radici come Gomorra, tagliato a pezzi da popoli come tiranno et finalmente fulminato dal cielo come Antichristo. Ma la tirannia ch’egli usa nelle cose spirituali, mettendo d’haver pottestà nelle cose del Spirito, io intendo mostrarla valorosamente nello steccato et sostener tutto quello c’ho detto e son per dire, acciochè le misere anime delle genti senza fede non stiano più sotto questa detestando et abominevole tirannia.

Et perché non habbiamo a consumar il tempo in moltiplicare cartelli, ma tosto si venga alla fronte, pigliate pur voi qual sorta et maniere d’arme vi piace, ch’io per me non voglio altre arme che quelle di che in questi combattimenti Paolo al VI delle Efesini, al V delli Tessalonicesi comanda al cristiane che si armi, cioè prima voglio havere li lombi miei cinti della verità et voglio indosso la corazza della giustizia et della charità et in capo l’elmo della speranza della salute et a piedi l’operation dell’Evangelio et voglio in una mano il scudo della fede, il quale spinga le lusinghe accese del maligno, nell’altra mano la spada del Christo, ch’è quella che Gioanni dice che’esce dalla bocca del figliolo dell’huomo, la qual è dall’una et l’altra banda arrotata per amazzar l’Antichristo et suoi seguaci et voglio che christo sia il mio padrigno. Con queste arme et con questo padrigno io entrerò nello steccato et sostenirò quanto ho detto contra di voi et di qualunque altro contradicente con qualunque sorte altra di arme et con il papa stesso et questo ogni volta che da voi mi sarà proveduto di campo franco, libero e sicuro, il qual aspetto con la vostra risposta infra termine conveniente, ma non lo facendo io con la publica stampa farò noto al modo i vostri inganni, la vostra ignominia et le vostre scelleratezze et farò vedere alle semplici pecorelle che voi sete lupi rapaci vestiti di pelle di pecora, acciò conoscendovi vi fuggiano et a voi diano ogni biasmo et a Christo ogni laude, il quale per sua misericordia vi converta.

Di Genevra il di primo genaro 1543, manu propria. Io Bernardino Occhino da siena affermo quanto sopra si contiene. Io Pietro Martiro fui presente a quanto di sopra si contiene. Io Agostino di Piamento fui presente a quanto di sopre si contiene.

88. Fabio Mignanelli to Alessandro Farnese, 18 January 1543[245]

Frate Julio da Milano[246] fu condennato al tempo di Monsignor di Chiusi a star un anno prigione con altri preiuditii che sono ne la sententia[247]. L’anno è finito a li xv dello instante et il carcerato fa instantia per la sua liberatione a la quale non si può mancare secondo la iustitia ordinaria. Ma ho trovato che Monsignor di chiusi portò a Roma il processo originale senza lasciarne copia in Venetia, credo per darlo a li R.mi Inquisitori; et perché il negotio è di momento, mi è parso sopra sedere nella liberatione, acciò che essendo in Roma il processo, in roma si facci la resolutione. M.° Julio non ha quel credito di bontà che haveva il misero fra Bernardino, ma ha lingue et letter non meno che lui.

In molte città nobili d’Italia nasce una nuova spiritualità a la quale a me par che dian mano homini grandi, con academie, congregationi. Ipocriti et malcontenti che per diverse vie tirano la plebe et l’acqua al lor molino; et simili istrumenti, come la persona di Frate Julio, secondo il mio debil parere, sono di consideratione non piccola di poter fare bene et male; et essendo già publicato per heretico, credo sia da temere il male. Però rimetto volentieri questo negotio al sano et dotto iudicio dell R.mi Inquisitori…[248]

[Di Venetia a li xviii di gennaro del xliii].

89. Girolamo Muzio to Alessandro Farnese, 3 March 1543

From an unpublished letter to cardinal Alessandro Farnese, written from Milan 3 March 1543, kept in the Archivio di Stato di Napoli (Carte Farnesiane, filza 714, folio 519), Girolamo Muzio wrote the following:

Nuovamente essendo io a Melano ritornato, ho di lui (Ochino) molte cose udite, ma delle scritture sue non ho potuto havere altro che una lettera sola (the one to Vittoria Colonna), alla quale, quanto per le altre occupationi me è stato conceduto, mi sono posto a far risposta. E, non contento di haverla a lui mandata, essendo questo querela di honore non tanto suo nè mio quanto di Christo, secondo che ho voluto io questo mio, mandandolo a V.S. ill.ma, in questa guisa affiggerlo ad una colonna principale, sopra la quale la Santa Chiesa di Christo riposi.

90. From “catholicus quidam” in Geneva to the governor of Novara, 3 April 1543[249]

Benchè la patria nostra[250] sia infecta del pessimo seme che seminato have quello avenenato serpe di Martin Luther, tamen se ne sonno de boni et chatolici[251] christiani li quali sonno in continuo conflicto contra alli lutherani et fanno quanto possono et sanno.

Perhò havviso Vostra Signoria como questi che sonno novamente venuti, ziovè il Siena cun li sui seguaci et cun quelli che prima vi erano, multo se preparano et se armano contra alla Santità dil nostro santo et beatissimo Papa, et contra a tuta la corte,et ànno multi in diverse cità et patrie, chi li avisano, li confortano et li inanimano a far più che non fanno, et multi signori et persone grande li scriveno.

Ma tra li altri ve è uno in Roma, qual praticha in corte dil papa et è multo nominato tra questi lutherani, et spesso spesso li scrive, et ie ànno in lui gran speranza: il qual si chiama il Lombardello, et è fratre de l’Osservanza di Santo Francisco, como se conosce nel suo scrivere. Et à scripto como spesso disputa inanti a Sua Santità et che spera che Sua Santità lo deba far grande. Costui dà tuti li avvisi di quello che se fa in corte del Papa et molte cosse scrive in vuergogna et vituperio di Sua Santità.

Avisati adonche Sua Santità, a cio remedia contra a questo ribaldo et la mandi via fora de la corte, et non tenga tal sorte de traditore appresso di sè, ma lo castigi como merita.

A ciò sapia sua Santità che ie scriviamo il vero, questo vi sia in signo della verità: lui ha scripto qua como, in dispecto de li suoi maiori, sta ivi in Roma et che à facto far dal papa una riprensione ali sui mazzori de Araceli.

Mando a Vostra signoria, o signor governator, a ciò Vostra Signoria, come fedele servitor, dia haviso alla Santità del papa, a ciò possa remediare. Nè Vostra Signoria mandi questa lettera a ciò non fusse cognosciuta et che me venisse in danno: volendo io far bene notare, se li lutherani lo sapessero, fariano de me quello che fecero li judei a Sancto Stephano. Si che Vostra Signoria me sia fidele, a ciò possa darne de li altri havisi.[252]

91. Bernardino Ochino to Muzio Giustinopolitano, 7 April 1543[253]

Bernardino Ochino Senese a Muzio Giustinopolitano S. et P. dove rende la ragione della partita sua d’ Italia.

Sonno alcuni giorni che mi fu data una tua Epistola alla quale non solo non detti immediatamente risposta, imo non pur finì di leggerla, per essere molto longa & io occupato in cose di maggiore importantia. Ma di poi havuta più commodità, leggendola viddi che l’intento tuo è impugnare una lettera, nella quale in nome mio si fa scusa della mia partita, & per che ho visto ch’ è da altri scritta, però in nome mio, non so già con quale animo, però se bene io potessi respondere & replicare a tutte le tue parole, non m’ è parso espediente essendo fondata sopral falso. Ma perch’ el fin tuo è dannare la mia partita et calunniare la mia mutatione, però quanto spetta a questa responderò et dico che essendo giovanetto ero in questo inganno il quale ancora regna in quelli che sonno sotto l’impio regno d’Antechristo, che pensavo havessemo a salvarci per le nostre opere proprie, et che potessemo et dovessemo con digiunij, orationi, astinentie, vigilie et altre simili opere satisfare alli peccati et acquistarci il paradiso, concorrendo però la gratia di Dio.

Havendo adunque desiderio di salvarmi, andai considerando che vita dovessi tenere, et credendo che le religioni humane fusseno sante, massime per essere approbate dalla Chiesa Romana la quale pensavo non potesse errare, parendomi che la vita de frati di San Francesco, nominati dell’osservantia, fusse la più aspra, austera et rigida, però la più perfetta et a quella di Christo più conforme, entrai infra di loro. Et benchè io no vi trovassi quello che m’era imaginato, niente dimeno non mi si mostrando per all’hora vita migliore, secondo el mio cieco giùditio, stetti così in fino a tanto che incominciorno apparire al mondo i frati Cappuccini. Et visto l’asprezza della vita loro, con repugnantia non piccola della mia sensualtià et carnal prudentia presi l’abito loro, et credendo haver trovato quello che cercavo, mi ricordo che dissi a Christo: Signore, se hora non mi salvo non so che farmi. – Vedi se ero impio Phariseo. Posso con Paolo dire (Gal.1): Io profittavo nel Giudaesimo, sopra molti si mia età, troppo zelante delle paterne tradizioni et amaestramenti.

Ma pochi giorni stetti con essi ch’ el Signore cominciò ad aprir mi gli occhi et me fece in fra l’altre vedere tre cose: La prima, che Christo è quello che ha satisfatto per li suoi eletti et meritatogli el paradio, et che lui solo è la giustitia nostra. La seconda, che i voti dell’humane religioni sonno non solo invalidi ma impij. La tertia, che la Chiesa Romana benché di fuore resplenda agli ochi carnali, nientedimeno è essa abominatione in conspetto di Dio. Hor, havedomi il signor così mostrato chiaro, et havendo di ciò el testimonio delle Scritture sacre, immo et dello Spirito Santo, facendo in me la legge el suo offitio – caddi della cima della presuntione di me stesso nel profondo della disperatione delle mie opere et forze, et veddi che sotto spetie di bene havevo sempre con Paulo perseguitato Christo, la sua gratia et il suo Evangelio, et che quanto più con maggiore impeto d’opere mi ero sforzato d’andare a Dio, tanto più m’ero allontanato. Però mi trovai in una gran confusione. Ma non restai li. Imperochè Christo mostrandomisi con la sua gratia, cadendo con Paulo dalla confidentia propria, respirai a Dio, et ponendo in esso le speranze mie, mi commessi in tutto al suo governo, poiché per me stesso ero sempre andato al contrario.

Et ben che varie cose mi venisseno inanti, niente di meno non mi si mostrò alcun modo di vivere, nel quale potessi per all’hora più onorare Dio, che servirmi di quella maschera dell’habito, et di quella estrinseca et apparente santità di vita, in predicare la grazia, l’Evangelo, Christo et il suo gran benefitio. Questo dico, attesso et considerando, quale et quanta era et è la superstitione d’Italia, et lo stato nel quale mi trovavo. Et cosi incominciai a mostrare che siamo salvi per Christo. Vero è che veddi gli occhi d’Italia si infermi che, se havessi alla scoperta subito mostrato la gran luce di Christo, non potendo tollerarla, l’harei in modo tale offesa che gli Scribi et Pharisei, i quali in essa regnano, m’harebbono occiso. Et giudicai essere bene non così subito scoprirgli la gran luce dell’Evangelio, ma a poco, a poco, per condescendere alla sua debole vista. Però contemperando le parole al suo lippo vedere, predicavo che per gratia et per Christo siamo salvi, che lui ha satisfatto per noi et ch’ el ci ha acquistato il paradiso. Vero è, che non scoprivo esplicatamente l’empietà del regno d’ Antichristo. Non dicevo: adunque non ci sonno altri meriti, satisfationi, indulgentie, che quelle di Christo, nè altro purgatorio – lassavo simili illationi farle a quelle che da Dio per gratia havevano vivo sentimento del gran benefitio di Christo. Non harei ditto: “voi sete sotto l’impio regno d’Antichristo, il quale fa residentia a Roma; i costumi della sua et vostra Chiesa sonno corruttissimi, ma non manco la dottrina; le vostre religioni humane sonno essa impietà et non ci è altra vera religione che quella di Christo; voi sete manifesti idolatri, et in pigliare i santi per vostri advocati offendete Dio, Christo, la madre e tutt’ il paradiso.” Non potevo esplicare simili verità; ma le tacevo espettando che Christo mi mostrasse quello che voleva fare di me. E’ ben vero che in secreto esplicai il vero a molti, delli quali alcuni che per tentarmi m’havevano domandato, et altri per loro proprij interessi, manifestorno al Papa et Cardinali qual fusse la mia fede, mostrandosi contrario di quello che già, in camera parlando, havevano mostrato d’ accettare per vero. Non mancorno anco persone, le quali mosse da invidia et sì per la religione come per le predicazioni adiutorno a dare il tratto alla statera, con dire che predicavo heresie, et tanto con maggiore veneno quanto che in modo tale che nissuno poteva puntarmi nè pigliarmi in parlola, et che per el gran credito che havevo, havrei potuto un dì fare qualche gran commotione in Italia con ogni minima occasione, massime perche infra i Cappuccini molti et precipue i primi predicatori adherivano alla mia opinione, et di continuo moltiplicavano quelli che essi chiamano heretici, perche credano veramente in Christo.

Hor ben sai che Antichristo con li suoi primi membri, temendo con Herode di non perdere il regno et sapendo che quello di Christo rovina il loro come quello che gl’è contrarijssimo, con Caiphas concluseno ch’ io morissi, et furno eletti sei Cardinali et deputati a spegnere ogni lume che più scoprisse le loro ribalde latroncellerie. Hor con furia mirabile fui citato da Antichristo, et commandato che subito andassi alla sua presenza. Feceno anco sapere per tuyto, ch’io era citato per heretico si come essi dicevano.

Trovandomi in quel caso, consigliandomi con Christo et con li pij amici dissi in fra me stesso: – Tu sai che costui, il quale ti chiama, è Antichristo al quale non sei tenuto obedire. Costui ti perseguita a morte perché predichi Christo, la gratia, l’Evangelio et quelle cose le quali con essaltare el figliolo di Dio distruggono il suo Regno. Pero questa è una impresa a essi di stato. Puoi adunque essere certo ch’egli ti torra la vita, si come ne hai avvisi et certeze. Un giorno più che fussi andato avanti, ero preso da dodici i quali la vigilia di San Bartholomeo a cavallo circundorno el monasterio de’ Cappucini fuor di Siena per pigliarmi, si come è publico; et non mi truovando corsero verso Firenze, a fare il simile.

Dicevo e me stesso: Tu vai a morire scientemente et volontariamente senza speranza di frutto, imo con scandalo de’ pij; tu vai a tentare Dio esponendoti alla morte senza particolare rivelatione ò spirito; tu sei homicidial di te stesso: tu poi et debbi con Paulo et con gli altri santi, imo con Christo fuggire, si come con l’essemplio et con le parole t’ha insegnato fare in simili casi, dicendo: ‘se vi perseguitano in una città, fuggite in un’altra.’ Tu in obedirgli con andare ad una certa morte, honori et approvi supremamente la sua autorità, con disonore sommo di Dio; tu mostri a tutt’ il mondo d’haverlo per vero et legittimo vicario di Christo in terra, sapendo certo ch’egli è Antichristo. Però dai gran scandalo al mondo con ingiuria di Dio. Christo s’ è servito di te in fin’ a hora con questa mascara dell’habito et vita, acciò che con minor suspitione della superstitiosa Italia potessi predicare la gratia, l’Evangelio et il gran benefitio di Christo: hora Dio si vuole servire di te in altro modo. Vuole che alla scoperta scriva la verità, senz’ alcuno rispetto humano – il che perche non postreti fare stando in Italia, però Dio t’ ha condotte in questa necessità.

Dipoi non potevo più tacere vedendo cosi impiamente sotto spetie di pietà ogni dì di nuovo crocifigere Christo. Era necessario ch’ io parlassi, si come sanno quelli che più familiarment praticavano meco, et ch’ io dannassi non solo i costumi ma molto più l’impia dottrina del regno d’Antichristo; nè potevo vivere in fra quell’impie et diaboliche superstitioni, hipocrisie, idolatrie, inganni o tradimenti d’anime. Ben sai che al partirmi repugnava il senso et la carnale prudentia, secondo la quale mi era difficile lassare Italia con parenti et amici, quel credito, reputatione et nome, et scientemente espormi alle calunnie et infamie del cieco mondo, imo di tanti Farisei, i quali per invidia erano si pieni di veneno che crepavano. Vedevo la bella occasione che harebbono da sfogarsi. Mi suadeva la prudentia humana a più presto morire che vivere cosi infame. Ma lo spirito respondeva, che è somma gloria del cristiano vivere per Christo et con Christo infame al mondo. M’adduceva anche lo scandalo che ne pigliarebbeno molti. Ma veddi che era de’ pharisei, del quale secondo Christo, non dobbiamo curarci. Christo anco fu et è scandalo al mondo, et quando l’impij per la sua morte sommamente si scandalezorno, i pij sopremamente s’ edificorno. Se anco andando a Roma m’avesseno morto, i farisei sarebbono stati di me scandalezati. Però il loro scandalo non poteva evitarsi. Hora non sò qual persona sarà che abbi spirito, imo giuditio, che non veda ch’io feci ottimamente a partirmi, non potendo più col mio stare in Italia servirmi dell’abito, predicare, giovare alli miei fratelli in Christo, imo nè vivere; et partendomi potendo scrivere et aprire la verità con speranza di frutto. Et chi è quello di sano guiditio che in tal caso non potendo più servire a Christo nel regno d’Antichristo, non si fusse partito? Obediresti tu ad Antichristo, s’ el ti chiamasse per torti la vita, potendo preservarti a honore di Dio, esaltatione del suo regno et confusione, vergogna, morte, annihilatione di quella fetente et sporca meretrice d’Antichristo? La quale benche dentro sia piena di sporcitie, imo essa abominatione in conspetto di Dio (2 Thess.2), nientedimeno è chiamtata dal cieco vulgo Chiesa Romana, solo perché lisciata di colori mondani resplende negl’ occhj degl’ huomini carnali.

So che dirai: quando cosi fusse, haresti ragione; ma non è vero che siamo giustificati per gratia et fede in Christo, et non per l’opere nostre, nè che i voti delle religioni humane sieno invalidi et impij nè anco che quella ch’ è chiamata Chiesa Romana sia la Babillonia d’ Antichristo: che quando cosi fusse, haresti in tal caso fatto ottimamente a partirti.

Hor io ha chiarito tutto nelli primi venti sermoni che già sonno in luce, ho apertamente mostrata la giustificatione per Christo et per tanto ho gitato per terra quanto al foro spirituale, l’humane satisfationi et meriti, l’indulgentie, il purgatorio et l’altre impie blasfemie della dottrina d’Antichristo repugnanti alla gratia, all’Evangelio et alla giustificatione per Christo. Nelli altri venti che anco sonno in luce, ho fatto vedere chiaro come i voti delle religioni humane et primi membri d’Antichristo sonno invalidi et impij, et che non e’ è altra vera religione al mondo che quella di Christo. Et negli altri sequenti che hora s’imprimano si vedrà come quella che havete per Chiesa die Christo è la vera Babillonia, nella quale colui che tiene il principato, è esso Antichristo, et voi l’havete per Vicario di Christo.

Però lassa stare di impugnare piu me et la mia partita giustamente fatta et se puoi impugna la dottrina, chè sono per difenderla con la gratia di Dio. Si è potente la verità che se ben si unisseno tutti li diavoli a scrivermi contra, sarebbe forza che restasseno confusi. Ma sete ben voi ciechi, stupidi, insensati et stolti, dapoichè dove i Santi hebbeno lume di Antichristo inanti che venisse et lo congobbeno per tale, voi nè esso nè i suoi membri vedete, havendogli inanti agl’occhi et nel tempo nel quale si dimostra contrario a Christo con somma impietà. Et ben che Christo habbi cominciato e scoprirlo per Antichristo et dato di ciò lume a tanti et singolarmente a i più nobili spiriti: i miseri et empij Farisei non solo non l’hanno in horrore essendo essa abominatione, imo l’adorano per Dio in terra et l’hanno esaltato sopra Dio si come predisse Paulo (2Thess.2). Sonno innumerabili gli errori i quali havete imparati nell’impia schola d’Antichristo, per essere la sua dottrina impura, falsa et diabolica. Nè havete altro scudo per defendervi se non con dire: Così ci hanno insegnato i nostri parenti et prelati con i membri d’Antichristo – il che se basta per scusarvi in conspetto di Dio, lo lasso giudicare a voi. Lassa, lassa dunque le tenebre d’Egitto, parteti dall’intollerabile servitù et tirannide di Faraone. Non ti lassare ingannare dall’estrinseco splendore del mondano regno d’Antichristo; risguarda all’ humile Christo in su la croce et pregalo che’ el ti apra gl’occhi et dia lume del vero. Il che quando per sua gratia ti concedesse, non dannaresti, imo approveresti il mio essermi in tal caso partito.

Non potendo adunque giustamente dannare la mi mutatione se in prima non gitti per terra l’invincibile et inespugnabile verità che si contiene nelli miei sermoncelli – vedergli un poco, et con animo puro, sincero et candido, che sò, resterari preso dal vero. Che temi a leggerli, se come buon Christiano hai nel core il testimoni della Spirito Santo et sei in verità? La quale quanto è più discussa, resplende, et quanto più se gl’approssima el falso suo contrario, tanto più si dimostra chiara. Sei forse di si poco giuditio che essendo come pensi in luce et chiarezza di fede, in ogni modo temi di non essere ingannato? Non è si piccolo il lume della verità ch’ella non si possa facilmente discernere: ma se sei in tenebre, sì come dimostri dovresti tanto più cercare et non fuggire la luce della verità, quanto che ne hai più bisogno, acciò chè insieme con gli altri eletti fratelli di Christo et figlioli di Dio rendiamo al nostro ottimo et divin Padre ogni laude, honore et gloria per Giesu Christo Signor nostro. Amen. Da Geneva, al septimo d’Aprile MDXLIII.

92. Response of Gianpietro Carafa to Ochino’s flight, 1543 (?)[254]

[Cantù’s introduction]: Il papa, irritato anche da una lettera dell’Ochino,[255] voleva sopprimere i Cappuccini, quasi con lui aderissero, e n’avessero bevuto gli errori, ma ne fu dissuaso da ragioni, sopra le quali gli storici di quella religione tessono pompose dicerie. Claudio Tolomei nobile senese, appena seppe apostatato l’Ochino, gli diressa da Roma il 20 ottobre 1542 una lettera, che s’ha a stampa, donde appare quanto senso avesse fatto quel passo tra un populo che l’ammirava e stimava. Esposte le ragioni di perdurare nella Chiesa, dove unicamente è la vertià, lo pregava almeno a tenersi tranquillo e non inveire contro la Chiesa cattolica. Il cardinale Caraffa, che poi fu papa, deplorava quell’apostasia colle parole onde le Scrittura deplora la caduta dell’angelo Lucifero.[256]

[Text]: Ancor ci suonano nelle orecchie quelle tue splendissime prediche, dei beni della continenza, della devozione alle cose sacre, dell’osservar i digiuni, dei panegirici di santi, delle lodi di monaci, dell’onor della povertà: ancora ci stai davanti agli occhi co’piedi scalzi, mal in arnese, mal acconcio; ancora hai freddo, hai fame, hai sete, sei nudo: ed or tra cibi e bevande, dilicature e letti fra molli coltri, in volgari taverne, fra beoni, fra incestuosi, fra bestemmiatori, svergognato apostata soffri d’esser veduto? Dove son quelle tue magnifiche voci del disprezzo del mondo, della beatitudine delle persecuzioni, della costanza nelle cose avverse? Dove le acutissime tue invetive contro la cupidigia dei beni, la vanità delle ambizioni, le false insanie? Tutto è confuso, tutto disfatto. Dove tu stesso, che predicavi di non rubare e rubi, di non adulterare e adulteri? Tu maestro distruggi tutta l’opera che dianzi insegnavi. Chi darà agli occhi miei una fonte di lacrime per pianger giorno e notte un bastone della Chiesa spezzato, un maestro di popoli accecato, un pastore mutato in lupo? Che hai tu a vedere colle barbare genti? Che colla straniera nutrice, che colla matrigna, che colla meretrice la quale uccise il proprio figlio, e cerca separare il figlio vivente dalla vera madre? Riconosci il seno che ti nutriva, la voce di quella che piange, e grida, Torna, diletto mio, come la capra e il cerbiatto sul monte degli aromi. Sarà mite per te la verga del sommo pastore; troverai un padre indulgente, qualor ti mostri figlio ravveduto. Ti commuovano il coro de’ santi, le preci de’ fratelli tuoi, le lacrime de’ figli; non deludere, non vilipendere quelli per cui Cristo è morto… Te non perseguita quella che odia il peccato non il peccatore, che a tutti porge le mamme, che a nessuno chiude il grembo. La Chiesa non può perseguitare Cristo in te, che da Cristo ti scostasti: non ti segua l’ambizione tua, non la tua iniquità, e non avrai alcuno avverso, non alcuno persecutore; sia una sola fede, e sarà una la pace: sia una confession sola nella Chiesa, e una la ragione dell’amicizia. Via i vitelli d’oro; via il culto sulle alture; non vi siano Roboamo e Geroboamo, Gerusalemme e Samaria; sia un solo ovile e un solo pastore.

Latin text [257]

Cardinal Theatinus corruptam iam Ochini mentem, non uno, ut innuimus, testimonio didicerat: verum ut tanti nominis, ac dignitatis virum rescivit, a suo tandem Ordine, atque a fide ad hæreticorum partes descivisse, ac misisse post paulo impiam de fugæ suæ consilio ad Pontificem Apologiam, in qua contumeliarum plaustra in Romanam fidem, in summum Christi Vicarium, in Catholicum nomen effunderet: commiseratus præcipitem viri casum, mentisque abalienationem, epistolam ad ipsum lucubravit, dignam plane, quam aut ipsemet, aut Chrysostomus exarasset. Nam praeter eximium, ardentemque fidei zelum, quo revocare ad suam frugem impium transfugam, ac desertorem Religionis studet, quæsitis e sacra Scriptura verbis, admirando quodam genere eloquentiæ, ac sermone plane diserto, acerrimoque illum prolixius increpat, monetque. Ne egregia hac lectorem parænesi fraudemus, illam hic ex Ioanne Baptista Tufu[258] exscripsimus quæ sic habet.

Quid tibi in mentem venit, o Bernardine? Quis te Domini malus, velut reprobum olim Isræliticum Regem, arripuit spiritus? Pater mi, Pater mi, currus Isræl, & auriga, quem paulo ante, quasi in spiritu, & virtute Eliæ ascendentem mirabamur in Cælum; quid modo cum curribus,& equis Pharaonis descendentem dolemus in Infernum? Quomodo cecedisti Lucifer, qui mane oriebaris? Quomodo obscurantum est aurum, & mutatus est color optimus, argentum tuum versum est in scoriam, vinum tuum mixtum est aqua: Vinea Dei electa, vinea deliciosa, vinea fertilis, quæ suavissimos botros proferebas, quomodo conversa es in amaritudinem vitis alienæ? Expectatus ut faceres vuas, quid tam acidas fecisti lambruscas? Qui dulcissimos filios tuos inebriabas, quomodo acetum, & amarissimuim fel propinas? Qui nutriebaris in croceis, quomodo amplexatus es stercora? Quid orbatum lugemus, & sterilem, quem innumerabilium videbamus Patrem lætantem filiorum? Totus ad te confluebat Italicus populus, totus inter ubera tua morabatur. Tu terram prodidisti, Tu populul occidisti. O delire senex, quis te fascinavit, ut alterum tibi confingeres Christum, quem a Catholica Ecclesia non didicisti? Ut te ad aliud converteres Evangelium, quod ab uberibus matris tuæ non suxisti? Tu signaculum similitudinis, tu præco Altissimi, tu tuba longe, lateque sonans, tu plenus doctrina, tu decorus scientia, tu Cherubin, extinctus, & protegens, tu in delicijs Paradisi fuisti; posuit te Dominus in monte sancto suo, posuit te in lucernam super candelabrum, posuit in salem populorum, posuit columnam in templo suo, posuit te custodem in vineis, posuit te pascere gregem populi sui: & elevatum est cor tuum in decore tuo, perdidisti sapientiam tuam in altitudine superbiæ, in multitudine iniquitatum tuarum polluisti sanctificationem tuam, proiecisti sermones eius retrorsum, convertisti te ad idola domus Isræl, libasti Baalim, factus in laqueum, & in scandalum universo mundo: idcirco proiecit te in terram, & quasi sal infatuatam emisit foras, ut conculceris ab hominibus: omnes, qui viderunt te; omnes, qui te audierunt, obstupescunt super te, quia nihil factus, & nihil eris, morte incircumcisorum morieris in terra aliena. O, inquam, delire senex, an non cognoscis, has omnes propheticas voces in te esse completas? Has non ignoras vir doctissimus; hæ non te latent, virum in sacris litteris eruditum. Ah quam magnus eras, Bernardine, in oculis omnium; si in oculis tuis parvus esse voluisses. Ah quam pulcher eras, & speciosus; nisi speciem ipse tuam adamasses, nisi umbram ipse tuam captare contendens, veram pulchritudinum, teque ipsum misere demersisses. Consartum illud sacrum tuum rude, rubentes pileos, & Pontificum mitras superabat; nuditas tua purpurea, pretiosaque operimenta vincebat; nobile illud stratum tuum in crate, ac tabulis, molissimis cubilibus deliciosius poterat æstimari; profunda illa tua, & admiranda paupertas omnes terræ diuitias possidebat; exaltata erat in mundo, & usque ad Cælos gloria tua: modo traditus in reprobum sensum, factus es in derisum omni populo; canticum eorum tota die. Ut quid tam male propter te hodie audit Evangelicum ministerium? Tam male tractatur Monasticum nomen? An non pudet, senem ab infantia Christianum, a pueritia Deo dicatum, ad tantam insaniam devenisse, ut in gravi hac ætate tua ea vel facere, vel dicere non erubescas, quæ nec Ethnici faciunt, ne Publicani? Tu extremam iam paupertatm semel, & secundo professus; modo pecuniam contrectas, modo auro suffarcinaris, modo pauperis pœnitet Christi? Tu antiqua, consuetaque Ordinis tui abstinentia minime contentus novum; tibi, ac sectatoribus tuis vivendi rigorem induxeras, longiores vigilias, acriores inedias, asperius indumentum, duriora ieiunia, humilioris corporis nuditatem, arctiorem denique rerum omnium egestatem. Hæc tu Magister imduxisti; hæc tu in provecta iam, & senili ætate probasti; nulla hic adolescentiæ excusatio, nullus errori relinquitur locus. Modo repentina levitate, sacrilega mutatione, non dexteræ Excelsi, sed invidiæ Diaboli, proficta fraude procedis, seculari habitu, nobilibus vestimentis: modo sacra irrides, modo ieiunia abrogas, modo continentiam culpas, modo absque dierum selectu, vel reverentia quibuscumque pinguibus saginaris, modo extremam eructas cœnam, & crudum pavonem in balnea portas: toto ætatis tuæ tempore facie livida, prolixa barba, veste pannosa, severam pollicitus vitam; nunc unguenta redoles, nunc voluptati indulges, nunc bacchanalia vivis. Multa bona opera mundo ostendisti, multos ab erroribus revocasti, multos continenter vivere docuisti, multis piam largitionem persuasisti, multos ad meliorem vitæ frugem induxisti: nunc quicquid ædicasti, destruis; quicquid parasti, amittis; nunc quantum in te est, malo tuo exemplo omnes ad vomitum compellis; & qui tam perverse, & imprudenter peccas, multo sane deterius quod peccas, excusas; & dum ad ea, quæ male agis, tuæque turpitudini patronus accedis, magis quam eras, peccator, efficeris. Detur timori Romani Pontificis, quod peccasti; detur sanguini, quod ad Schismaticas partes commigrasti; certe maledicentiæ tuæ virus, & impium excusationis tuæ venenum, nulla simulatio protegit, nulla causa falsa defendit. Pudet me, (mi Pater, ubi Catholicus esse volueris, semper venerande) pudet omnes candidos Christianæ veritatis cultores, ea de te ipso iactante audire, quæ nullus unquam adversarius ausus esset infringere; scribis enim in illis tuis præclaris, quæ volgo circumferuntur, Apologeticis litteris, hactenus te Christiano populo velatum Christum prædicasse; deinceps vero verum illum, ac liberum producturum te, comminaris. Quid est, quod loqueris, Pater? An non vides, tuis te teneri laqueis? tuis pedicis irretiri? Quæ unquam saxa, quæ Cruces, quis parricidarum culleus, quæ asinariamola in caput tuum, in tuam cervicem, in tuum sufficient supplicium? An putas, te impune iamdudum Christianum populum illudere potuisse, qui Antichristum pro Christo prædicaveris? qui Pharisaicum fermentum pro sacra doctrina, qui pharmacum pro vero lacte propinaveris? Siccine simplicem gregem infecisti? Siccine innocentes oves, carnifex, sermonum tuorum lenocinio ad lanienam attraxisti? Et quam fidem tibi posthac adhibendam sperare possis, qui impijssimis mendacijs auditores tuos seduxeris? qui tamdiu panem pollutum porrexeris? Qui tamdiu divinum Verbum adulteraveris? Vides ad quod saxum impingis? Vides quam profundam tibi præparas foveam? Vides quam ex diametro in verticem tuum iniquitas tua descendit? Attende, obsecro, quam male tibi non constas, quam periculose teipsum mutas: Si veritatem tibi esse constabat apud Lutherum; si Petrum, & Paulum, eorumque Ecclesiæ successores non recte videbas ambulare in sinceritate Evangelii; si quæ in populis prædicabas, non secundum Catholicã fidem esse sciebas; cur tamdiu siluisti? Cur Dei veritatem in iustitia detinuisti? Cur in stercore ipso tuo computruisti? Cur impie Hieroboam in illis tuis vitulis aureis omnem Isræl peccare fecisti? An putas, strophis hisce tuis nobis illudere, & ne veram prævaricationis tuæ causam agnoscamus, cornicum, ut veteri dicitur proverbio, nobis oculos infigere? Quin potius cum B. Rege confiteris? quin vociferaris? Hactenus Ecclesiæ vera prædicavi; hactenus in sana doctrina perseveravi, hactenus Catholicum sensum gustavi; hactenus talentum mihi creditum bene dispensavi: nunc superbia mutavit cor meum; nunc lumen oculorum meorum non habeo; nunc feonum agri, ut bos, comedo; nunc rationabilem exetus mentem, cum feris, & bestijs habito. Quis non videt? quis non intelligit, quo spiritu ductus sis in desertum, ut tenteris, & vincaris a Diabolo? Dum magnus haberis in Ecclesia, dum Principes audiunt, dum te populi admirantur, dum nobiles te prædicant, & Italiæ Civitates; tuam latet hypocrisim incorruptum verbum, quod disseminas. Ubi sanctissimus Pontifex te citat, ubi conscientia tua te accusat, ubi iniquitas pœnam formidat: nunc primum nudum te agnoscis, nunc primum ad aliud Evangelium te convertis. Vides, in te non hærere mandatum, sentis male sartum figmentum; si male locutus es, pœnitentiæ testimonium perhibe de malo: asperge te cinere, accinge te sacco, induere cilicio, in ieiunio, fletu, & plantu, teque pœnitentem ostende. Videat populus, quem seduxisti; videat Ecclesia, quam decepisti, quod iniquitates tuas agnoscis, quod peccatum tuum contra est semper. Hanc pœnitentiæ formam vel tuus ipse bonorú operum antiquator, Evangelicus Epicurus, Lutherus, negare non potest: tam in Isrælitico Rege, & Ninivitis, quam in cæteris omnibus pœnitentiã omnium arbiter Deus approbavit. Nunc vero tibi induendus erat faccus, quem ut iactanter fortasse assumpseras, sic procul dubio temerarie dimisisti; nû dura subeunda erat eremus, ubi & Pontificis ultionem evitares, & divinã adversus te indignationem placares. Tu vero spreto religioso cultu, diviso genitricis utero, confractis sponsæ tuæ uberibus, abrogatis sacris cæremonijs, relictis patrijs legibus, confugisti ad Assyrios, defecisti ad Babylonios, conversus es ad Balach,& fecisti tibi præputium iuxta ritum gentium, ut dimices contra matrem tuam, ut exprobres populum Isræl, & maledicas Ecclesiæ Dei, ut sommo Pontifici detrahas. Accessisti ad gentem Apostatricem, ad Domum exasperantem, ad populum incredulum, ac rebellem, ubi crapulæ, & ventri indulgeas, ubi incestuosa matrimonia iungas, ubi deneges, ubi Christum iterum crucifigas, inconsutilem eius tunicam scindas, & partem ex ea cum impijs militibus facias, ubi Evangelicam libertatem, iuxta quod dixit B. Apostolus, in occasionem carnis convertas; matrem, quæ te genuit, reliquisti; ex eius ore mel, & lac suavissimum susceptisti; nunce aperis contra eam os tuum; exaltas, & exacuis contra eam linguam tuam, levas contra eam calcaneum tuum. Heu, heu, Pater mi, quid fecisti nobis sic? tantum ne potuit indignatio? tantum ne valuit ambitio? vere astra non sunt munda in conspectu Dei, & in Angelis suis reperit prauitatem. An non satius erat tibi in exilium, & in carcerem ire, quam Ecclesiam Dei confundere? An non præstabat mortem ipsam oppetere, quam Dei legem derelinquere? quam sacra vota infringere? quam solennia instituta violare? Ut quid tanto Orbis totius scandalo, tanta animarum pernicie tanto existimationis tuæ dedecore, caniciem tuam cum dolore deducis ad inferos? Adhuc in auribus nostris resonant illæ tuæ luculentissimæ conciones de continentiæ bonis, de Sacrorum devotione, de ieiunorum observantia, de mirificis Sanctorum præconijs, de monasticis laudibus, de paupertatis honore. Adhuc ante oculos nostros appares nudis pedibus, pannosus, & horridus, adhuc alges, adhuc esuris, adhuc sitis, adhuc nudus existis; & inter epulas, & comestiones, delicias, & cubilia, inter mollia strata, inter vulgares tabernas, inter ebrios, inter incæstuosos, inter blasphemos, inverecundus Apostata videri sustines? Ubi illæ tuæ voces magnificæ de mundi contemptu, de persecutionum beatitudine, de constantia in adversis? Ubi acerrimæ illæ tuæ inventiones contra bonorum cupiditates, contra ambitionum vanitates, & insanias falsas? Confusa sunt omnia, & cassa sunt omnia. Ubi tu ipse, qui prædicabas non furandum, furaris; qui non mœchandum, mœcharis? qui abominabaris Idolum, & sacrilegium facis? Ubi tu ipse Magister, totum id operis destituis, quod antea docebas. Quis dabit capiti meo aquam,& oculis fontem lachrymarum? ut nocte fleam, ut luce plorem baculum Ecclesiæ confractum, magistrum populorum obcæcatum, pastorem in lupum conversum, sapientem patrem in reprobum sensum commutatum, Christi præconem diabolum effectum. Quis magum susitet Samuelem? Quis mansuetum Davidem exhibeat, qui Absalonem lugeat infelicem? Quis proferat Evangelicum patrem, qui a meretricibus revertentem prodigum filium recipiat? Si forte surgas, si forte ad eum redeas,& dicas, Pater, peccavi in Cælum, & coram te; iam non sum dignus vocari filius tuus, fac me, sicut unvum de mercenarijs tuis. Annon tibi melius existimas reverti ad Patrem tuum, ad domum genetricis tuæ, ubi abundas panibus, quam in longinqua adeo regione pascens porcos, mori? Quid tibi in barbaris gentibus? quid tibi cum alienigena nutrice? quid tibi cum nouerca? quid in externis ædibus? quid cum prava, & adultera? quid cum muliere meretrice, quæ etiam proprium oppressit, & viventem veræ matris filium conatur dividere? Agnosce ubera, quæ te lactaverunt; agnosce vocem vocantis, vocem plorantis, vocem in Rhama, vocem ab excelso clamantis: Revertere, dilecte mi, & assimilare capreæ, hinnuloque cervorum super montes Bethel, super montes aromatum. Non poterit oblivisci mater infantem suum; non poterit Pater contineri, quin occurrat, quin amplexetur, quin osculetur, quin proferat stolam primam, & occidat vitulum saginatum. Mitescet super te virga summi Pontifis, ubi mitescat in te furor sacrilegi erroris. Senties indulgentem Patrem, ubi te Catholicum exhibeas filium: moveat te sanctorum chorus, moveant fratrum tuorum preces, moveant filiorum lachrymæ. Noli ipsos decipere, noli ipsos parvifacere, pro quibus mortuus est Christus. Leva in circuitu oculus tuos, vide quos in Christo genuisti, quos dulcissimo lacte nutristi, quos solido cibo pavisti: omnes isti congregati sunt, & venerunt tibi, venerunt orationibus, venerunt votis, venerunt obsecrationibus, ut pie suscipiant, ut in humeros suos gaudentes imponant, ut ad dominicum gregem lapsum pastorem reducant; ut visa tua resipiscentia, gratias Altissimo referant, pijssimaque voce decantent: Pater noster perierat, & inventus est; mortuus fuerat,& revixit. Oportebat te, o frater Bernardine, qui veritatem profiteris, ad ad militiæ tuæ libertatem veritatis testimonio non abuti: & Scripturæ auctoritates ad erroris redargutionem assumere, non ad firmandam impietatem pervertere; ne eius soliditate levissimas sermonum tuorum nebulas, ut clarissimo Solis iubare facile dissipari non posse, vana tibi persuasione præsumeres. Quid namque tibi cum pastoris voce, qui iam lupus dignosceris? An on rapinam arbitraris nostrorum tibi virorû surripere testimonia? Vocat te Romanus Pontifex, vocat te Christi Vicarius, vocat te Caput Ecclesiæ; nihil adhuc comminatur, vim nullam intentat. Tu ad vocantis vocem, nuditatis tuæ conscius te abscondis? Tu a facie Domini Dei tui fugis? Tu Principi populi Dei maledicis? Tu contumeliosus Semei in Regê tuum saxa convertis, & super hæc omnia, Evangelicam tibi sententiam arrogare non erubeschis? Si me persecuti sunt, & vos persequenter: sic tibi blandiris, o Bernardine; sic belle tibi, tuisque decantas, si me persecuti sunt, & vos persequentur? Quasi non idem liceat furibus & homicidis; quasi martyrem faciat pœna, non causa? Quid ad peditos, & pravos homines, quod ad magnos Apostolos dictum fuit? Quid ad sicarious, & latrones, quid ad sacrilegos, & adulteros, quod ad humilies, & Religiosos viros, quod ad fideles, & Deo caros, divinû promulgavit Oraculum? Si me persecuti sunt, & vos persequentur. Quos vos? Vos discipulos meos, vos electos meos, vos imitatores meos, vos Vicarios meos, vos Prepositos Ecclesiæ meæ, vos persequentur; vos, inquam, humilies, vos obedientes, vos sanam doctrinam tenentes, vos a fortissima pœna nõ recedentes. Ecce de quibus Veritas dicat; ecce de quibus bonus Pastor prædicit, qui me persequenter. Qui sic dixit, qui ad tales, ac tantos dixit, non utique ad vos dixit, non vos designavit, vos seductores, vos apostatas, vos rebelles, vos ebrios, vos incestuosos, vos sacrilegos, vos Christianos Epicuros: vos, qui meritò a pijs Præsulibus, ac Principibus persecutionem patimini, non propter iustitiam, sed propter scandala vestra, propter duritiam vestram. Vos igitur iuste Ecclesiæ virga percussit, vos iuste salutaris gladius obtruncat, vos iuste pia medica manus a sano corpore resecat, de quibus nequaquã dictum est, & vos persequentur; alioquin cavendum erit Chrsitianis principibus, ne sceleratum quempiam occidant, ne reum aliquem omnino sua sententia condemnent: impleantur for sceleribus, domus homicidijs, viæ latrocinijs, valeat lex Cornealia, dormiat Iulia, ne Evangelicæ comminationi obnoxij fiant, ne audiantur cum Bernardino acclamantes, si me persecuti sunt. Cavendum ergo erat ipsi Petro, ne durum quidpiam moliretur in Ananiam, & Sapphiram. Cavendum & Paulo, ne Corinthium incestuosum sathanæ traderet in carnis interitum; ne Magistri sententiam eis obijceretur, si me persecuti sunt? Quas igitue cornicaris, quas obijcis nubes, quas ad populum phaleras, ut de te, tuisque sectatoribus credi velis ad se non dictû, si me persecuti sunt. An non fortasse non minus te aliquid existimas magnis Apostolis? Num ad signa tua rugiunt dæmones? Num ad umbram tuam sanantur informi? Ut verum de te asseras dictum, si me persecuti sunt. Non te persequitur quæ odit peccata, non homines; quæ omnibus laxat ubera, quæ nulli gremium claudit; non persequi potest Ecclesia in te Christum, qui longe a Christo recessisti: non te persequator ambitio tua, non te presequatur iniquitas tua, & nullum habebis adversantem, nullum senties persequentem. Sit una fides, & erit una pax; sit una in Ecclesia confessio, & una amicitiæ ratio. Tolle vitulos aureos, tolle excelsa; non sint Roboam, & Hieroboam; Hierusalem & Samaria; sit unum ovile, ut unus pastor:& simul tolles, Si me persecuti sunt, & vos persequentur.

Hæc eleganter, & vehementissime Cardinalis Theatinus. At quia obfirmatum Lutheriano adamante Ochini pectus reperit, pervadere medullas telum minime potuit. Quamvis, ut Capuccinorum monumentis constat, superiore is postea lumine perfusus, restitutus tandem orthodoxæ menti fuerit; atque instituta publica Lutherianæ fidei palinodia, id quod hæretico in limo profundius, ac diu infixis perquam raro accidit, supremum vitæ actum Genevensi in scena, ubi impurissimam personam egerat, catholice clauserit; ac in ipsa veri confessione plurimis exhaustus vulneribus suorum asseclarum manu occubuerit.

93. Marcello Cervini to cardinal Carpi, 27 June 1543[259]

Parma, 27 giugno 1543

Li presenti due frati scappuccini instigati dal demonio si erano partiti dalla religione per andar a tovare fra Bernardino, ma aiutati fra via dalla bontà di Dio si sono ravisti del loro errore; et così tornati indietro l’hanno confessato et domandatone l’absolutione, il che per haverne havuta autorità da N. S.re ho fatto io. Invioli hora a V. S. Rev.ma a fin che essendoseli dato per penitentia di servire qualche settimana all’hospitale dell’incurabili di San Jacomo costi, per parermi ciò cosa salutifera all’anime loro, le piaccia ordinare che vi sieno admessi. Et intanto che loro serviranno qui, il che si rimette a V.S. Rev.ma, si portà pensate quid sit agendum de casi loro. Et a lei mi raccomando humilmente.

Di Parma alli XXVII di giugno 1543[260]

94. Paschasio Broët to Francis Xavier, 1 March 1545[261]

La summa gratia et amor di X°. nostro signore sia sempre con tutti.

Ad honore de Iddio signore nostro et confusione mia, vi narrarò in poche parole la tepidità mia nel servitio del Signore et del prossimo dipoi quatro mesi che vi scrissi, a ciò voi preghiate Iddio che se degni farmi più diligente in lavorare nella vigna sua.

Al principio che ariuai in Faenza erano molti poveri infermi miserabili, quali visitai per la città et visito ogni settimana, et vedendo che non gli era provisto, né spiritualmente, nè mancho corporalmente, con la licentia del vicario, praticando con molti huomini da bene, havemo fatto una compagnia, qual se domanda la compagnia della charità, alli quali ho dato in scritto per capitoli il modo di vivere in tal compagnia; et l’officio loro è di visitare li poveri infermi miserabili per tutta la città et provederli primo spiritualmente, essortandoli alla confessione et communione, et poi corporalmente, prouedendoli d’ogni cosa di necessità per il vivere loro durante l’infermità etiam di medico et di medicina.

Anchora molti huomini et donne se confessano con meco, quali fanno assai buon frutto spiritual, del che Dio sia sempre lodato et benedetto. Anchora, perché molti huomini et donne sonno in questa città, quali sono machiati di questa dottrina lutherana, qual hanno seminato alcuni predicatori passati, maxime frate Bernardino Ochino da Siena et perhò vigilo soppra tutta la città, a ciò non disputino per le boteghe, come facevano per il passato, per espingere più tale mala dottrina.

Item, il primo dì della quaresima ho comminciato per gratia del Signore declarare la dottrina xpiana. nella chiesa delle convertite. Anchora per gratia de Iddio ho fatto alcune regole et modo di vivere religiosamente alle dette convertite, et le faccio osservare et vivono in commune senza proprietà, benchè non siano ligate per voto nissuno. Non altro.

Di Faenza, il primo dì de Marzo 1545 Paschasio Broet

Al suo in X.° fratello charissimo, Mtro. Francisco Xabier

95. Bernardino Ochino to the Council of Siena, 1 November 1543[262]

Bernardino Ochino alli molto magnifici signori, li signori di balìa della città di Siena. Christo giustitia et pace nostra.

Se infin a hora ho scripto a molti et non a te, Siena, città mia, non è stato per defecto d’amore. Ma perché, sapendo quanto – chome di me tenera et amorevole patria – ti se’carnalmente dolta et afflicta della mia partita, non mi bastava l’animo di poter così subito satisfarti, consolarti et con spiriutal fructo darti lume del vero. Ma hora che ‘l tempo ha in parte mitigato el tuo dolore, talché con animo più quieto, tranquillo et chiaro potrai discernere meglio el vero, mi so’ resoluto scriverti, non per excusar la mia partita, essendo stato già necessitato farlo (per honor di Dio) in più resposte la quali sonno in luce et puoi vederle, né con animo di explicarti tutte le verità che sonno necessarie credersi et sapersi dal Christiano et longo tempo sonno state sepulte nel regno di Antechristo, per non esser possibile farsi in sì breve epitsola et per haver già incominciato a farlo in alchuni sermoni che sonno impressi et penso di continuo sequir con la gratia di Dio mentre che li piacerà darmi vita.

Ma ho pensato a voi, magnifici signori di balìa, fare una confessione della mia fede quanto a uno articolo solo, dalla viva fede del quale pende tutta la salute della vera chiesa di Christo et la ruina del regno di Antechristo, però per epso so’ perseguitato. Et questo è che io credo et confesso con Paulo che, essendo li homini (per el peccato del primo parente) figlioli de l’ira et della damnatione, morti et impotenti a relevarsi et a reconciliarsi con Dio, Christo, justitia nostra mandato dal suo eterno padre, con atribuirsi li peccati delli suoi electi et offerisrsi in croce per epsi, ha satisfacto plenissimamente et in tutto placato l’ira di Dio, imo adoptati per figli del suo etterno padre et facti suoi heredi, richi di tutti li divini tesori et gratie, Et tutto per Christo, per mera gratia et misericordia di Dio, senza che ‘l meritassemo o facessemo alchuna opera la quale in tutto o imparte fusse di tal gratie degna. Talché, non perché gli electi aprano li ochi, cognoscano Dio, vanna a epso et operano in gloria sua opere sancte o si fanno forza di operale, però Dio li accepta, abraccia et li ha electi. Ma perché per mera gratia li ha electi in Christo, però li chiama internamente et tira a sé, li apre li ochi, li dà lume spirito gratia et li fa far opere buone in gloria sua; in modo tale che, benché l’impio sia libero in far et non far molte opere humane et basse, niente di meno, infin che per Christo non è regenerato, essendo captivo et servo del peccato, non può operar opere divine et alte per non esser in sua libertà di operare né in tutto né in parte in gloria di Dio. Et questo perché non in alchun modo in sua potestà l’haver spirito, lume sopranaturale, fede, speraza, charità et l’altre virtù necessarie per operar a gloria di Dio. Imo l’impio, mentre che è impio, se ben facesse tutto quello che potesse, non solo non amarebbe Dio con tutto ‘l core et el proximo (infin alli inimici) chome se medesimo, ma non osservarebbe straccio della divina legge nel modo che è obligato. È ben vero che farebbe dell’opere extrinseche, ma non a honor di Dio, sì chome è tenuto. Però né satisfarebbe a un minimo suo peccato o obligo, né meritebebbe apresso a Dio beneficio alchuno, né si disporebbe immodo alchuno alla divina gratia. Imo in tutte quelle opere sue peccarabbe non per farle, ma per non farle a gloria di Dio sì come è obligato. Né per questo debba l’impio mancare di andare a udir la parola di Dio, di fare elemosine, orationi et simili opere, imperoché ‘l non farle peccarebbe molto più. Dio vuole ch’el si passi per simili mezi et che se li obedisca nel modo potiamo con ricognoscere ogni gratia in tutto da Dio per Christo et in nissuno modo da noi.

Ma di poi che siamo per Christo liberi del peccato et che per fede regenerati, se ben restano in noi le prave concupiscentie a exercitio di virtù, nientedimeno haviamo un cor novo et tale che non li consentiamo né obediamo, imo li repugniamo. Alhora, essendo veramente liberi, liberamente et con spirito operiamo opere grate et accepte a Dio, secondo le quali ci renderà; non perché in se sien degne de esser premiate, essendo (anco quelle de’ giusti) sempre imperfecte et non tali quali ci sarebbe debito et si converrebbe alla infinita bontà di Dio: benché tali difecti non ci sieno imputati per esser noi già membri di Christo. Ma li iusti saranno premiati secondo le opere loro in quanto che quelli che haranno facte migliori opere haranno hauto maggior lume della bontà di Dio et con maggior fede abracciato per suoi li tesori di Christo: però se ne saranno più insignoriti, li goderanno con maggior sentimento spirituale et saranno più felici, ma non già per la dignità delle loro opere ma per la dignità delle opere di Christo et per mera bontà et misericordia di Dio. Però, benché potiamo satisfare alchuna volta alli debiti et oblighi che haviamo con li homini et apresso di epsi meritar qualche gratia, nientedimeno non potiamo in modo alchuno satisfare a un delli minimi oblighi et debiti che haviamo con Dio né meritar apresso a lui una minima gratia. Imo di continuo crescano li oblighi nostri et, remoto Christo, tutte le opere nostre pesate alle bilancie della divina iustitia sono degno di punitione. È pur vero questo che, se havessemo a gloriarci delle opere, io potrei gloriarmi sopra molti altri imperoché con Paulo facevo proficto nel mio iudaismo sopra molti miei coetanei. Ma ora, col medesimo Paulo, reputo chome fango tutte le opere et iustitie mie né cerco se se non di posseder Christo con fede per mio et di esser trovato in epso richo, non delle mie iustitie et opere, ma delle sue.

In conspecto di Dio adunque non vedo altre satisfactioni che quelle di Christo, né altre indulgentie se no’ quelle che per lui haviamo; et solamente in Christo vedo esser purgati li peccati de’ suoi electi et plenissimamente. Et se ben Dio alchuna volta li castica, non è per satisfarsi né per purgargli da’ peccati o della pena ad epsi debita, essendosi tutto adempito a sufficientia et suprabondantia in Christo, ma per svegliargli, humiliargli, preservargli et exercitargli in tutte le virtù, con fargli ogni dì più perfetti. Non vedo anco altri tesori spirituali et meriti che quelli di Christo, né altre gratie et benedictioni et iustitie. Et è empiissima cosa patire o operare con intento di satisfare in conspecto di Dio alli peccati o alli oblighi che haviamo con lui o con animo di meritare apresso a Dio. Perché è un dir che Christo non ha satisfacto in tutto né meritatoci ogni tesoro et gratia, ma che in parte siamo salvi per noi, con diminuir la gloria di Christo (la quale per epso si debba tutta dare a Dio) et darne parte a l’homo (al quale non si conviene se non oprobrio, confusione, vergogna et vituperio).

Credo anco et confesso che al mondo non fu mai né sarà altra vera, pia et sancta religione seno’ quella di Christo, la qual consiste in creder vivamente che siamo in tutto purgati da’ peccati per Christo et per lui reconciliati col Padre, iustificati, sanctificati, adoptati per figlioli di Dio et facti suoi richissimi et felicissimi heredi. Et colui che questo crede con maggior fede è miglior Christiano et religioso. Tutte le altre religioni nella quanti li homini cercano, credano et pensano iustificarsi, purgarsi et aricharisi da sé (in tutto o imparte) sonno impie et tanto più quanto che più patano o si affadicano a questo fine con sotterrare el gran benefitio di Christo. Né per questo damno ne ritrago dalle buone opere, imo nissuna cosa è che tanto exciti et serva a ben operare sì chome questa viva fede: che siamo salvi in tutto per Christo, per mera gratia et bontà di Dio et in nissun modo per nobilità, dignità, bontà o prectiosità di opere nostre. Agiongo anco di più che è impossibile farsi da noi una opera veramente buona, grata et accepta a Dio, se non haviamo questa vive fede. Imperoché, mentre che l’homo pensa almanco imparte potere satisfare et meritar da sé, non opera mai in tutto a gloria di Dio. Et questo perché, non sentendo el gran beneficio di Christo di esser salvo in tutto solamente per lui, resta sempre in amore proprio et confidentia di sé, però opera per interessi suoi. Ma quando in Christo sente tanta bontà di Dio che solamente per Christo et per gratia crede esser salvo, alhora, non havendo più causa di operar per sé et scuoprendoseli supremamente la gran charità di Dio in Christo, è sforzato a operar non da servo per timor di pena o speranza di premio, ma da figlio per impeto di spirito et di amore a gloria di Dio. Et queste sonno l’opere che li sonno grate.

Credo anco et confesso essere una sola universae sancta et catholica chiesa in Christo, cioè la congregatione de li electi et di quelli che credano in tutto esser iustificati per Christo. Questa è quella che non può errare in cose che importino alla salute stante in epsi lo Spirito Santo. Et se le electi qualche volta cascano non però periscano, imperoché Christo è con epsi sempre et sarà infin alla consumatione del seculo.

Credo anco et confesso che tutti li electi si salvano per Christo et per mera gratia et non per alchuna opera loro: né in tutto, né imparte. Et credere così è l’unica fede per la quale li veri et boni christiani sonno differenti da tutte le altre false fedi, religioni et sette. Imo in questa fede consiste tutta la somma della christianità. Et in più credo et confesso questo essere l’unico et vero evangelio di Dio, promesso per li profeti nel vechio testamento, predicato da Christo, da Paulo, dall’aspostoli et dalli sancti. Di questa verità ne sonno piene le scripture sacre et in particulari le epistole di Paulo alli romani et galati. Questa è quella evangelica verità per la quale Christo fu crocifixo, lapidato Stephano et li profeti di Dio, li apostoli et sancti persequitati incarcerati flagellati et morti.

Per questa verità so’ fuor di Italia persequitato a morte et dalli antechristiani hauto per excomunicato. Ma la causa è sì iusta per la qual pato che mi scusa per se stessa. Se erro in questo articolo hanno anco errato dal principio del mondo infin a hora tutti quelli che in verità sonno stati sancti, precipue li apostoli et singularmente Paulo, imo et Christo. Et meritano tutti di essere excomunicati, reprobati et maledicti. Imo se in questo erro si doverebben brucia li evangelii, l’epistole di Paulo et tutte le scripture sacre, imperoché l’evangelio sarebbe un inganno, falsa la fede di Christo et impia la religione. Il che è impossibile, imperoché ‘l spirito di Dio et le scripture sacre rendano testimonio di questa verità. Studiatele, con humiliarvi di core a Dio, et vi darà lume del vero.

Ho incominciato, et con la divina gratia sequirò, di dare in luce, sommariamente et volgarmente, quelle cose che sonno necessarie al Christiano, acciò siate inexcusabili apresso a Dio. Direte: «Le tue opere sono prohibite legersi.» Rispondo che questo è evidente segno che le danno lume del vero et epsi non vorebbeno esser scuperti. In quelli miei sermoncelli non vi è in substantia altro che le proprie sententie et parole delle scripture sacre. Però in prohibirle prohibiscano alli populi la parola di Dio. Vedete se sonno impii et se se li debba obedire! Et dall’altra parte, ne le publiche scole et per li pulpiti, lasiano legere et predicare prophana, heretica, impia dottrina. Purché non tolghino l’acqua a’ loro mulini!

La luce dello evangelio non è piccola che, se sete in epsa, haviate da temer che io v’inganni, imo è sì grande che (secondo Paulo) è ascosa solamente a quelli che periscano; et se sete in tenebre dovete farvi beffe di chi vi prohibisce el lume. Non amo sì poco la mia patria che io volesse ingannarla, imo li miei, me stesso et Christo. Se anco io fusse solo in credere et confessare el vero evangelio, et voi non mi credesse, havreste qualche apparente scusa. Ma non vedete che la magior parte de’ Christiani hanno aperti li ochi al vero, maxime i nobili, pii et veramente docti spiriti? Oh, se in Italia, in Francia et nella Spagna potesse liberamente predicarsi lo evangelio sì chome in Germania! Quasi ognuno lo acceptarebe, sì potente è la verità.

Ma, con tutto che sien prohibiti li libri christiani et el predicarsi la pura parola di Dio (et di più puniti crudelissimamente quelli che confessano o si mostrano amici dello evangelio), nientedimeno quanto sono più persequitati, exprobati, incarcerati, bruciati et morti più crescano. Se vedesse el numero delli segreti Christiani che sonno in Italia, in Francia et nelle altre parti del mondo, vi stupireste. Se la non fusse opera di Dio si dissolverebe sì chome dixe già Gamaliel. Ma la va sempre crescendo.

Forse potete dire che questa sia doctrina nuova? È quella de’ propheti, di Moisè, di Christo, de li apostoli et di tutti li sancti: quella che incominciò al principio del mondo, è durata infin a hora et durarà sempre. Vero è che per un tempo è stata sepulta. Et in modo tale che, quando alli tempi nostri Christo incominciò a dar di sé un poco di lume, si verificò quello che già predixe quando dixe: «Credi che quando verrà el figlio de l’homo, cioè a manifestarsi in spirito, troverà fede in terra?» Chome un folgur et un baleno che vien da oriente e subito appare in occidente, imo illustra tutto, così fa adesso lo evangelio. Doctrina nuova sonno le humane et diaboliche inventionti et traditioni che si predicano nel regno di Antechristo sforzandosi non di captivar la loro carnal prudentia et sensualità alla parola di Dio ma di tirar con li argani fuori d’ogni sexto alli loro propositi le scripture sacre, con corromperle et depravarle et con servirsi del nome solo di Christo, della sua chiesa et religione, imporlo di nuovo in su la croce.

Forse ch’el credere che siamo salvi solamente per Christo, per mera gratia et bontà di Dio, è doctrina sospecta? Imo è securissima. Talché, se ben non havesse per sé el testimonio delle scriture sacre et del Spirito Sancto, in ogni modo è sì clara che per se stessa si manifesta vera, sancta et divina, perché dà tutta la gloria a Dio et a l’homo ignominia et confusione. Et in queste cose non si può né excedere né errare. Christo, quando volse provar a li hebrei (li quali calumniavano la sua doctrina), che l’era vera, sancta et divina, el demostrò con questo mezo, perché la dava tutta la gloria a Dio. Sospecta vi debba esser la doctrina d’Antechristo, perché exalta l’homo con deprimer Christo. L’homo non è altro che uno impio et venenoso verme et nella sua salute vuol essere campagno di Christo!

Forse che non ce è stato predicto tutto quello che hora haviamo inanti alli ochi? C’è stato pur predicto che Antechristo debba venir et che ‘l suo regno debba succedere a l’imperio romano, sì chome Paolo scripse, che sarà homo di peccato, figliolo della perditione, che sederà nel tempio di Dio et di demostrarà al mondo come se ‘l fusse Dio? Imo per questo si chiama Antechristo, perché si mettarà innanti a Christo et si farà adorar in loco suo et extollendosi sopra Dio: li sarà contrario. Alhora, abondando la iniquità, epsa abominatione starà nel loco santo.

Ditemi, non haviamo noi viste tutte le predicte cose nella tirannide papistica? È stato anco predicto, non solo che le opere loro saranno di Satana, ma che la doctrina loro sarà di demonii. Et epsi dicano che non possano errare! Paulo dice che l’homo animale non intende le cose del Spirito. Et loro, essendo carnalissimi et impiissimi, non solo presummano di volere giudicar, sindicar et damnar le cose divine et spirituali, imo (caminando alla ceca) vogliono che se li creda che non possano errare.

È stato pur predicto che farà alhora tal tribulatione che non fu mai la simile et che sedurranno et ingannaranno el mondo infin con segni, miracoli et prodigii mendaci et falsi. Talché, se quelli giorni non fusseno abreviati, ognuni si damnarebe, infin alli electi, se ‘l fusse possibile. Ma Dio li abreviarà per lor respecto. È stato pur predicto et predicato che la chiesa debba reformarsi. Non vi par forse che ne habbi bisogno, et non mancho nella doctrina che ne’ costumi?

Haviamo anco incominciato a vedere verificarsi quello che già Paulo predixe, cioè che Christo occiderebbe Antechristo non con le forze humane ma col spirito della sua bocca, cioè con la sua parola et che ‘l destrugerebbe et anihilarebbe el suo regno col mostrarsi in spirito claro et illustre et dar lume di sé alli suoi eletti. Ditemi, si vede pur che già è incominciato a cadere el suo regno. Et che sia el vero, dove è hora quel credito, quella reputatione, maestà, reverentia, obedientia, auctorità, dominio, tirannide infin nelle conscientie che già li papi con ingannar el mondo havevano da un vinticinque anni in là? Dove è quella affluentia di populi i quali corrivano a Roma dove sono tante loro rendite et entrate? Già el mondo si fa beffe delle loro indulgentie, iubilei, absolutioni, benedictioni, reconciliationi, meriti et gratie. Et così delli loro interdicti, excomunicationi, censure et maleditioni, Et se una scintilla sola da un sì poco tempo in qua ha dato tanto lume del vero, che credete faranno hora tante torcie accese?

Al mondo non furno forse mai, da li apostoli in qua, sì clari spiriti, né anco sì ben discusse le scripture sacre sì chome hora. Questa è opera di Dio el qual vuol sempre honore delle sue imprese. Venciarà adunque. Però col sangue de’ martiri el qual si sparge di continuo in diverse parti del mondo. Et si verificarà quello che dixe Christo: che ‘l suo evangelio sarabbe predicato per tutto ‘l mondo. Et alhora verrà la fine.

Non vedete che non adoran già più Antechristo seno’ certi homini carnali per interessi propri et gente data in reprobamento? Et se el populo ebreo non acceptando Christo quando venne in carne non fu excusato apresso a Dio (per dire: «Li nostri prelati dicano che non è el messia ma un seductore et non possano errare. Li haviamo a credere? Et non debbiamo volere essere più savi di tutti li altri? La nostra sinagoga et chiesa l’ha repudiato. Siamo obligati a fare el simile ancoi noi») non saranno anco scusati quelli che hora non acceptano Christo, el qual si mostra in spirito. Né li giovarà el dire sì come molti dicano: «Noi voliamo credere secondo che ci hanno insegnato li nostri parenti et secondo che haviamo trovato credere li altri. La nostra chiesa et i nostri prelati non possano errare et credan così. Noi voliamo saperne più di loro». Imo tanto manco saranno excusati quanto che hora Christo si mostra con maggior clarità et quanto che hora sonno in diverse parti del mondo tante chiese, tanti populi et nobili spiriti che hanno riceuto lo evangelio et quanto che la chiesa di Antechristo è più corropta in doctrina et costumi che non fu mai la sinogoga de li ebrei. È possibile che non vediate la loro falsa religione esser piena d’humane inventioni, hipocrisie, superstitioni, idolatrie et abominationi?

Oh, quanto saresti felici, et si sarebbe per te, se ti purgasse, Siena mia, da tante ridicule, pharisaiche, fastidiose, pernitiose, stolte et impie frenesie di quelli che mostrano di esser li tuoi sancti et sonno epsa abominatione apresso a Dio, et pigliasse la pura parola di Dio et el suo evangelio nel modo ch ‘l predicò Christo, li apostoli et quelli li quali in verità l’hanno imitato! Non vuoi fare qualche demostratione verso di Christo, essendo dotata di tanti nobili spiriti? Vuoi forse esser l’ultima a cognoscer Christo? Apre, apre horamai li ochi al vero, acioché cognoscendo el figliolo di Dio per ogni tua iustitia, sapienza, salute et pace, vivendo a Dio sempre felice, li renda ogni laude, honore et gloria per Iesù Christo signor nostro. Amen.

96. Niccolò Martelli to Vittoria Colonna, 22 June 1544[263]

L’affettione et la servitù (a gran ragione) che portava quel poverin di Lodovico Martelli[264] mio cugino, alla singular bontà et unica virtù vostra, humanissima Signora, insieme con l’havermi dato grata udienza, nel visitare quella nel tempo che il raro et più c’huomo fra Bernardino da Siena predicava in questa Terra,[265] mi danno ardire, poi che l’hà della servitù mio anchor conoscenza, di scriverle queste xxv parole et pregarla, che li presenti Sonetti in lode di Christo, scemati à un numero di forse cinquanta, gli accetti, per ragionar di quel soggetto, di che la gratia della bontà sua, vi ha sparso et difuso tutto il bello dell’anima vostra, et non pei meriti del loro rozzo fabbro, et se lode alcuna nel cospetto dell’humanità vostra me n’averrà, serà solo per mercè di quella, che presentandole un saggio de l’uno stile et de l’altro, mi confortaste a seguitar questo, et non quello, che Dio il volesse che io l’avesse fatto, ch’io non viveria hora si inquieto, et in stato si confuso, et inchinandomi reverentemente à quella virtù che Dio vi spira vi bacio la pietosa mano. Di Fiorenza à di xxij di Giugno mdxliiii.

Nicolo Martelli.

97. Angelo Masserello in Trent for the Council, Diarium I, Tuesday 27 October 1545[266]

[…] Dopo mi conferì alcune nove havute d’Allemagna, cioè, che frà Bernardino Occhino da Siena era hora in Augusta, dove havea «preso una casa» et havea mandato a torre la sua sorella il cognato, che attendessono ad habitare in Augusta, et che hora era più perfido che mai contra la sede apostolica et la religione de frati, dicendo quel male che sapeva maggioare. Questo frà Bernardino Occhino è homo di anni in circa 70, il quale ha vissuto infin da piccolino nella religione de frati zoccolanti, poi di quella entrò nelli scapuccini, la quale regola hebbe quasi la prima origine da lui; et si portava tanto bene negli exempli, dottrina, prediche, boni costumi et santa vita, che da tutti universalmente era reputato come huomo santo, di grandissima reputatione in tutta l’Italia. Ma perché era persona ambitiosissima, havendo fatte tutte quelle bontà per sola hipocrisia per ucellare all’essere cardinale, et vedendo che non gli riusciva, mutò proposito per desperatione et fuggendo da Roma cominciò a predicare in Venetia alla scoperta contro la sede apostolica, la qual materia fu udita volentieri dalli Venetiani, essendo loro al presente, per quel che si vede, molto nemici di quella sede; ma essendo chiamato a Roma da S. S.ta come quello che era in fallo[267], non ardì andarvi, ma se ne fugì a Lutherani et andò nel 42 a Genevre, dove è stato sin al presente, che dicono esser venuto in Augusta. […]

98. Ignatius of Loyola to Claudio Jajo, 12 December 1545[268]

Esta será para [que] solamente, teniendo secreto, estéis al cabo para mejor entender y negoçiar esta obra de caridad de tanto momento, sucediendo á gloria de Dios N.S., y es, en breve, que una persona de mucha caridad, familiar, y que, mucho a, conoce á frai Bernardino, me vino á hablar para que io entendiesse acá sobre su negotio, tomando alguna uia media por algún modo de satisfatión misericordiosa etc. Yo le respondi que, si io tuviese letras suias, sin las quales yo no siento modo para hauer de hablar al papa, ó á unos ó á otros etc., yo no faltaría con todas nuestras fuerças etc.; así que ofreció la tal persona à escrivir allá para haver letras suias etc. Así que, aprouechándoos desto, sin que él sepa nada, sino como de vuestro, pues, come escriuis, está tan cerca, nos parece acá que aprouecharía, si os parece en el Señor nuestro, procurar de visitalle de una manera ó de otro, y sentir dél alguna cosa, tomándole alguna palabra, para que con toda caridad por qualquier uia le pudiéssemos ayudar, y él tomase ansa para ayudarsse con la ayuda de nuestro Senor. Ultra desto, para que le mováis, inçitandole, qué cosa es esta que hazéis, qué esperáis etc.; y que todas cosas le serán propitias, ofreçiendoosle para el favor cumplido de acá. Si muestra temor, prometiéndole la Compañia, pues acá estoy [y]o, está Mtre. Laínez, Mtre. Salmerón. Que çerca su persona y todas sus cosas, piense y tenga per çierto tenernos á todos como á su mesma ánima.; viendo si le podréis sacar alguna letra, ó aquello que en Dios N.S. con èl pudierdes hazer allá, que no sienta que de acá os escrivimos etc.; con toda breuedad possible escriviendonos acá en particular sobre lo que passare çerca esto etc.

De Roma 12 de Deziembre 1545.

En ninguna manera la dicha persona sepa esta auiso que os hazemos.

A tergo eadem manu: Copias para Jaio á Tilinga.

Alia manu. Potrebbe servire, se si sapesse di che negozio si tratta.

Et alia: Il negozio senza dubbio è sopra il redurre fra Bernardino Ochino alla fede, et è lettera del B.Padre.[269]

99. Durante Duranti to Paul III, 11 January 1546[270]

Beatissime Pater.

Alli giorni passati io fui avisato come in Matelica era capitato uno delli lutherani fugiti da corte Savella. E subito io scrissi allo sig.re Alexandro volesse usare ogni diligentia in troverne il vero e ch’el non potria fare cosa più grata a Dio et all S.tà Vostra che darli in poter mio, lui et ogni altro che fusse maculato in tale heresia. E, cossì il detto signore, fatta molta diligentia, trovò che ce era stato, ma che era partito per andare ad uno castello de lo signor Ascanio Colonna, ut ipse dixerat, ma che haveva detto de ritornare, et mi mandò uno suo fidato a farmi intendere il tutto, quale io ringratiai, con incaricarlo che volesse usare ogni vigilantia, acciò che, se ritornasse, fussi ritenuto; de modo che, per voluntà de Dio, è ritornato lì è stato ritenuto, e per satisfatione sua il detto signor Alexandro ha voluto mandare un suo a fare intendere il tutto a Vostra S.tà, et a me ha rimandato quello suo primo a raguagliarmi, con dire che farà de lo pregione quello che V.Bea.ne li ordinarà. Io li ho arricordato che lo faccia molto bene custodire; però ne ho volute dare noticia ancor io a quella e suplicarli se ne faccia rigorosa iustitia, et quanto citius tanto melius; perchè questa generatione perversa ha de molti fautori oculti e palesi, e se a Vostra S.tà piacerà de darmi questo carico, li farò cognoscere quanto me dispiace tale secta, e li darò il debito castigo, sì come vole la iustitia.

Ulterius ho lettere da Bressa da li mei, et inter cetera mi avvisano che il Vergerio indegno vescovo si trova lì, e molto sfacciatamente va seminando de queste heresie e che da molti lì son prestate orecchie. e che, se non si li rimedia, che farà molti inconvenienti. Supplico alla S.tà vostra li piglii quello rimedio che alla prudentia sua li parerà oportuno, perchè questo veneno non vada più dilatandosi, chè mi pare che ce siano de molti infetti et occulti che hormai non saperemo da chi si guardare, perchè multi vestiuntur pellibus ovium, intrinsecus autem &c.[271]

Questo dico, perchè alla mia partita da Roma mi fu dato uno medico per molto dotto e de boni costumi, quale, per essere lui da Iorci, castello de Bressa, io lo accettai, nè mai ho possuto considerare se non bone opere extrinseche di lui. Et il giorno di Natale si comunicò con me e con alcun altri mei familiari, et il secondo dì de lo anno mi adomandò licentia, con dire che haveva hauto aviso per homo aposta che uno suo fratello stava malissimo in Bologna e che era necessitato de andare con prestezza. Et io li diede licentia con prometterme ch’el ritornaria presto; et il dì da poi hebbi aviso da Roma che ancor lui de illis est. Se Dio volesse che lui tornassi, volentieri li daria il castigo.

Da Camerino, alli .xi. Ien.ro 1546

Di V.Bea.ne

Humill.° servo

Durante car.le

100. Marcantonio to Caterina Cybo, 25 February 1547[272]

Ill.ma S.ra mia colendissima

La riverenza et l’affettione christiana che porta a vostra eccellentia mi spingono a secriverli una lunga lettera sopra la morte della illustrissima signora duchessa sua figliola,[273] ma io mi trovo sì confuso, per questo caso et per altri accidenti moltissimi, che me elleggo piutosto di tacere che di scrivere senza spirito, et in ciò mi confermo, considerando che non potrei dire per consolarvi cosa la quale non vi sia notissima; perciò che, oltra alla continua lettione della Scriptura santa, nostro Signor Dio v’ha esercitata sì lungamente nelle adversità, et tribulandovi v’ha sì fattamente consolata che l’esperienza de’ tempi passati vi rende attissima a consolar voi stessa et tutti gli altri afflitti. Però questo solo vi voglio dire: chi vi considera nel mondo, signor mia, vi vede infelicissima, chi vi può considerare in Christo vi vede beata et tanto più favorita da Dio, quanto più crescono le tribulationi per ciò che tanto più diventate conforme a Iesu Christo crocifisso; di maniera che mi certifico ogni hora più che voi sete nel numero di coloro de’ quali dice l’apostolo che, avendogli Dio preconosciuti, gli ha anco predestinati ad essere conformi all’imagine del suo figliolo, che portò sempre la croce in questo mondo; et dice chiaramente che chiunque vole essere suo discepolo, toglia la sua croce ogni giorno, et la seguiti se vuole pervenire alla palma della superna vocatione de Dio, il quale vi affina nella fornace delle tribulationi, acciò che purificata dall’amor di voi medesima et di tutte l’altre creature diventiate sposa degna del suo figliolo; il quale allora s’inamora ardentemente dell’anima, quando la vede del tutto desolata nel mondo, et allhora li fa sentire la dolcezza della vita eterna, quando abbonda l’amaritudine di questa vita fragile et caduce, per la qual cosa mi rendo certissimo che, sì come vostra figliola colla sua absentia vi contrista la carne, così Christo ve ralegra lo spirito colla sua presentia et vi farà sicura che la signora duchessa hora vive più che mai, ricevendo una vita beatissima da quel medesimo spirito che vivifica l’anima vostra in un medesimo corpo, del quale essendo amendue membra, la morte non sarà mai bastante di fare che non siate sempre coniunctissime in Christo; et questa divina unione si farrà tanto più perfetta, quanto più morrà in voi l’affetto della carne che vi rende noiosa l’assentia corporale; benché, se vorrete paragonare il danno che havete fatto voi perdenedo in questo mondo vostra figliola col guadagno che ella ha fatto acquistando in paradiso la visione beatifica d’Iddio, vederete il vostro male rispetto al suo bene haver quella proportione che ha una picciolissima goccia con tutta l’acqua del mare, et per conseguente non pur lo spirito, ma la carne essalterà a Dio vivente rendendo infinite gratie alla sua misericordia, la quale ha trasferito questa sua eletta dalle tenebre di questo misero mondo alla luce del suo regno felicissimo: perciò che, se veggiamo tutto dì ch’el bene di figlioli prepondera tanto nello affetto materno al proprio commodo, che le gran signore procurano con ogni sollecitudine di maritar le loro figliole in Polonia et in altri paesi lontanissimi per farle regine, ancora che sappiano di non doverle mai più vedere in questa vita, perché non si dee ralegrare sommamente il vostro core, essendo stata chiamata vostra figliola dal suo celeste sposo in paradiso a ricever la corona della giustitia, la quale Dio ha preparata a tutti coloro che l’adorano in spirito et vertià? ma queste et tutte l’altre ragioni ch’io potessi dire hanno forza di consolare le persone pie secondo la proporzione della fede la quale, mostrandoci Dio in forma di patre benignissimo, ne fa tanto superiori a tutti gli accidenti humani che nessuna adversità può debilitare la nostra costantia, perciò che, se Dio è nostro Dio, che ci mancare alla felicità ancora che tutte l’altre cose ci mancassero? Et che tutte le creature congiurassero contra di noi? Però, signora mia, pregate di continuo nostro Signor Dio che vi acresca la fede, con la quale invochiate sempre il suo santo nome, et lo spirito di Christo che habita ne’ nostri cuori per la fede vi consolerà in tutti i vostri affanni et, alzandovi da terra, vi farà conversare in cielo con vostra figliola et con gli altri spiriti beati; et così le lagrime et i gemiti si convertiranno in perpetuo giubilo et benedirrete Dio in ogni tempo, et sepmre nella vostra bocca sarà la sua laude; et in ricompensa di questa mia lettera tutta fredda et mal composta me ne scriverete voi una piena di spirito fervente per farmi tolerare con tanta patienza la morte della signora marchesa di Pescara, con quanta alegrezza ella se ne va all’altra vita; la qual cosa non scriverei all’eccellentia vostra per non aggiungerli afflittione, se non sapessi che la morte di così gran donna se saperà subbito per tutta Italia, anzi per tutta la christianità. Il padre delle consolatione ci consoli tutti. In Roma. Alli xxv di febraio. Del xlvii.

In questo medesimo giorno[274] alle deciotto hore la signora marchesa è partita dal mondo con tanta alacrità di spirito et con tanta fede che non dobbiammo honorare la morte sua con altre lagrime che nate di dolcezza et di gaudio puro et santo.

Di V. Ex.tia

Obedientissimo servitor Marcantonio Flaminio

101. “Lettera di Fra Berardino a P.P. Paolo III”[275] 1548-1549 (?)

Epistola invectiva Bernhardj Occhinj in qua vita et res gestae Pauli tertij Pont. Max. describuntur [101r] [blank 101v]

ALLO ILLU|STRISSIMO ET ECCEL|LENTISSIMO SIGNOR IL| Signor Ascanio Collona| .S. OSSmo [102r] [blank 102v]

La Eccell.V. ha da sapere che al principio della tribulatione mia recevuta da Papa Paolo terzo, per la quale fui costretto (per sicurezza della vita mia) ridurmi in questi paesi di Germania Io composi alcuni sermoni et altre operete: le quali non mancavano punto di quel debito, che all’huomo christiano, & catholico si cõviene: come in esse chiaramente si pò vedere. Et non dimeno con molte prohibitioni & escomuniche intesi che dal Papa in Italia tosto fortio [?] vietate à ciascuno: di tenerle & legerle la qual cosa mi parve tanto fuori del ragionevole, massimamene vedendo che non contento di tribularmi, si andava à camino di perseguitare anchora le cose mie: che sino all’hora mi disposi comporre questa mia Epistola per correttione di esso non dimeno considerando poi tra me stesso, per l’offitio del buon Religioso, che piu convenenvole fosse, senza por mano al primo colpo all ultimo, & piu potente rimedio contro lo infermo, espettare qualche tempo per vedere se con el pentirsi delli errori passati e gli facesse quello che se le conveniva per il che determinai di soprasedere la publicatione di essa sino ad hora ma conosciuto di [103r] poi per vera esperienza, una impenitenza finale della vita di questo huomo, con lo haver peggiorato ogni giorno piu le azzioni, & costumi soi: & che la intentione sua non era divina, come doveria essere, ne humana, ne di fera, ma di un pessimo, & sfrenato demonio, mi sono determinato, in ogni modo di publicarla al pnte piu per salute di chi la leggerà, che per frutto che lhuomo possi sperare di penitenza, da esso aggiogendoli tutte le altre sue scelleraggine fatte da quel tempo in qua. Ne sappendo io lo intenso rancore & amaritudine che e gli contra ogni debito, porta alla Eccell. V. & alla Illma sua famiglia, ho pensato potere indrizzare queste mie fatighe ad altra persona meglio che à lei, per molti rispetti, ma molto più per consolarla, accio che ella vedendo da cui riceva persecutione, maggiormente si confermi nella vera & ottima bonta sua: & si tenga viè piu grato à Dio, quanto che patisce maggior travaglio, da cosi da cosi abominevole, & reprobo soggetto. dico in ogni maniera di peccato. Impero si degni riceverle ricervele con lieto animo: & con l’ombra sua farle scudo, ricoprirle &, difenderle dai venenosi morsi di chi, se li volesse contrapporre, alla quale prego quel che solo il puo fare che li doni quella felicita, che ella istessa desidera.

DI V. Illma & ECCma S.|Humile Servitore.| Berrardino Occhino. [103v]

CORREZZIONE EVANGELI|ca di berrardino occhino|a Paolo Terzo Pontifice Romano.

Ingiustissimo & iniquissimo patre & indebitamente detto pastore universale: se non quanto Iddio ha permesso, con la malizia et persecutione tua, raffinare li eletti suoi, & punire con questo mezzo é peccati de popoli: ho intesso le prohibitioni da te fatte à, chi leggera le cose mie, & pche p la iniquità che inte regna, mi e prohibito hora poter parlare con viva voce, in quelle parti a quelli, p li quali nelle predicationi & orationi mie, ho affaticato semp¯ (il che assiduamente ancor faccio) non ho voluto rimanere di non publicar questa mia lettera p far prima verso di te l’uffitio della debita correzzione, & poi la escusatione mia con utile de buoni, quantunq quantunche io habbia poca speranza, che un vecchio otta ottuagenario, resusciti dalla mala, & perversa vita tenuta sin qui, & poi pche tu revochi tali prohibitioni, come indebite, ò vero non potendo cio ottenere, che almeno p me si confermino in q’lle parti gli animi delli servi di Iesu Christo nel ben vivere, partendosi dalle false tue dottrine, & de tuio seguaci, & per cio fare, mi è paruto ragionevole [104r] incominciare prima dalli principij della vita tua, seguendo l’ordine di essa sino, à questi tempi: accio si conosca come ben corrispondi in essa il detto principio con el mezzo, & il fine di essa, dal che potrà poi giudicar ciascuno, se da spirito diabolico o divino sei statto elletto, à quella degnita, & di tal uffitio non ho potuto mancare per il debito del buon Christiano, massimamente hora che ono [sic] in luogo securo: accio che se non in tutto in parte, al meno per me si dichiarino à ciascuno le insidiose & piene di malitie dottrine tue p difensione, & scudo di quelli che seguano la verita. quali p quanto vagliano le forze mie, potranno conoscer p questa mia lettera, come posseno, indrizzandosi à Dio, schifare le tue falsità giudicando chiaramente se la vera charita, amore, pieta, & fede, che fu in Pietro, è in te, per chagione delle quali cose hebbe preminenza sopra li altri apostoli sopra la qual cosa, hora non indendo intendo di raggionare lassano cio al tempo suo: in caso che li principi Christianj vogla vogliano che in log luogo sicuro, & da persone intelligenti, & libere, liberamente p le utile della vera chiesa, de Dio si possa parlare, di che tosto se ne avederemo: ne pensaro, con questo modo passare el termine del bon relligioso: p che come [104v] dice Paolo, chi pecca pubblicamente come tu fai pubblicamente, é nella chiesa di Dio di riprendere, e con el parlare é con el scrivere, il che osservó Hieronimo contra vigilantio, & contra Giovanni Hierosolimitano riprendendoli de suoi peccati, con le Epistole sue pubblicamente, di che ne fanno anchora fede quelle che egli scrisse contra elvidio, & contra Ruffino, & Pelagio, dicendo egli nella Epistola contra Giovanni Hierosolimitano, & che contra li uomini perversi, & publici peccatori non e, da fingere, ma ostarli senza alcuna indugia in publico, e in segretto per castigarli: concio sia che le tue enormità scandalizzando troppo el mondo, in pregiuditio della fede di Christo per il che letta questa giascuno potrà poi vedere, quanta auttorità (non dico alla chiasa [sic] di Dio quale sempre intendo eccettuata no potendo ella gia mai, p la parola sua mancare) ma alle cose tue, dal vero ordine in tutto pervertire si debba, p il li elletti di Jesu nostro salvatore attribuire, & quantunche paia che á supremi magistrati non possino essere giudicati, & ripresi, dalli inferiori ne che la loro auttorita cessi, anchor ancor che fossimo trasgressori della legge, dico questo esser vero, quando [105r] non pervertono la fede, e la legge, é precetti di Christo, ma quando in cio mancano, & sono scandalo privato, & publico, come tu in ciascuna azzione chiaramente come fece Paolo à Pietro resistendoli in faccia publicamente sonno da essere non solo ripresi, ma riprovati da ciascun bon Christiano: essendo noi tutti membri, servi, gente elletta, & regal sacerdotio, in Christo, appresso del quale non é accettatione di persona. Et avanti che à ciò fare io venghi: usero quel detto di Giovanni, cioè, Anticristo, è venuto et molti antichristi p causa tua hoggi si veggiano nella chiesa impero io prego à imitatio’e di Paolo à Thesalonicensi é buoni christiani, che p le opere tue perverse, & de tuoi seguaci, non si voglolio vogliano porre in terrore alcuno, ne manchare della vera fede et frutti suoi che sono le giuste operationi: per questo confidando nello spirito de Dio: il quale da lui ci fu promesso infallibilmente che havessi à rimanere con li suoi elleti eletti in eterno: et che sempre ne rendessi testimonio che siamo suoi figliuoli; & coeredi: il quale è da credere che ti habbi voluto sostenere, & sostenga al mondo per confusione [105v] di te stesso principe d’ogni cattività, & come e detto per gloria dei buoni, accioche con grande utile della fede sua. tanta tua iniquità sia poi tolta via al suo luogo e tempo essendo cosa verissima, che quelli e qualj vorranno vivere con Jesuchristo, per essere piu potenti nel mondo li cativi hanno da patire diverse persecutioni, per essere massimamente queste prosperita mondane da Dio permesse per confusione, & esterminatione de chi, indebitamente le usa, come tu. Onde è da credere che egli tosto con la sua immensa virtu occiderà te falso, & venenoso serpente, con lo spirito della bocca sua: distruggendoti con tutta la tua corrotta & maligna progenie: & seguaci, falsi profeti, & seduttori: che hai appresso. Imperò per la passione di Christo prego ciascuno, che seguiti il vero camino della salute: & che non si rimova punto dal suo proposito perseverando in aumento della fede, & gloria di Jesu nel suo evangelio à noi notificato, con el vero, & infallibil testimonio de suoi santi Apostoli quali come dice Giovanni, ellesse mietitori del seme sparso dalli santissimi Patriarchi, & Profeti, per ciò che egli ci darà sempiterna pace, & riposo al suo loco, & tempo no’ patirà la verga di te iniquo pastore lungamente si non quanto egli prenda frutto, & essercitarsi sopra de giusti et elletti suoi, li quali con la sua for[106r]tezza, sustenta sempre, & non permetterà che restino gia mai confusi, aitando la debolezza loro. pcioche egli ha ordinato sin al principio che e suoi fideli no habbino maggior persecutione di quello che possano sostenere ma che ogni cosa, come vero principio, mezzo, & fine, conservatore, & dottore de tutto in cui, per cui, & á cui sono ordinate tutte le creature resulti in gloria sua.

Tornando adunq3 la alla materia nostra per descrivere la vita tua falso pontefice, dico che molto ben si sa che in tua giovinezza da Papa Innocentio Cibo foste incarcerato per dui homicidij, & per la morte della tua matre, che avvelenasti facendo di poi affogare crudelissimamente quel servitore che era consapevole di cio (cosa veramente impia in ogni età, & in ogni maniera di huomini: per la qual cagione essendo tu poi fuggito del castello per mezzo di quel bonbardiero, & di quel Prete che portò le corde, da te cosi mal remunerato, non ti havendo potuto il Papa dar la morte, come meritavi, Cibo hora Cardinale per la perfida natura tua, saviamente dubbita, che la vendetta non risolva sopra di lui, conoscendoti sommamente vendicativo: é però cautamente ti fugge. Di poi ti dei ricordare con che arti pervenisti alla dignità del Cardinalato. della quale [106v] il Collegio tutto ti riput ributto tre volte: ma have’do di poi tua sorella Madonna Julia Fernese, mandato un piatto di maccaroni alla Romanesca a Papa Alessandro, & mandato li à dire che proprio era un maccarone, à lassarsi in cio contradire da Cardinalj; giurando non voler più andare dove egli fosse, nel consistoro venente, potendo più l’appetito, che la raggione in lui, indebitamente: ti creò Cardinale p ilche havêdo tu (come è detto) per le honor del mondo, uccisa la matre, non ti doveva poi per ascendere ad alcuna degnita esser lecito condure la tua sorella sotto quel Pontefice, have’do prima, & di poi, gustato tu ancora dell acqua istessa di quel Farnesio fonte.

Ne dovevi ancor tenere inimititia con el S. Renzo da Ceri, quando portavi Cardinale el cappuccino fonderato di maglia pche havesse avelenato q’ll’altra tua sorella, quale gli faceva all’uso della casa tua, poco honore, & ti dei ricordare ancora del stupro, & ingan’o che comettesti in Ancona, quando eri legato della Marca, al tempo di Papa Julio nel la Madre di P. Luigi: con dargli ad intendere essere, un gentiluomo parente del Legato: fingendo con li testimoni falsi di sposarla travestito: talche segretamente la notte poi nelle faccende essendoti cadduta la cuffia, di capo, et ella havendo tocco [107r] con mano, la chierica Cardinalesca, rimase cõ infiniti stridi tutta sconsolata, laqual cosa fu cagione della psecuzione che facesti a Ravenna, pche havendo egli fatto impicare alcuni parenti suoi, lo trattastj poi per vendetta come ognuno sa. ricordandoti ancora che in castello. S. Angelo quando Cle. VII. vi era priggione Il Cardinale de Ancona suo zio, in presentia del Papa ti disse che eri membro putrido della chiesa: per esser all’hora Cardinale, della maniera gia detta; & per haver uccisa la matre et un tuo nepote, per haver tutto lo statto de Farnesi, di che volendoti processar Papa Julio, ad intercessione del Cardinale di .S. Sabina fosti liberato. le quali ingiurie tutte le hai ricordate al Nepote et alla casa sua: togliendoli Nepe indebitamente. Ancora ti devi ricordare di quel scelestissimo atto, quando el .S. Nicolo da la Rovere, ti trovo alle strette con la S. Laura Farnese tua Nepote carnale, sua moglie in Gallese: correndoti adosso con un pugnale, tal che egli ti feri nella gola, dove ancora à chi vi guarderà bene, ne apparisce el segnale.

Et gli spessi concubiti tuoi con la dilettissima figliola Constanza, che per appariti più bella, non soleva perdonare a lisci, per causa della quale, et per poter meglio godervi insiema, avelenasti Bosio [107v] Sforza suo marito, che se era aveduto dell’antica vostra pratica, et per cio in vita nel suo viso rade volte si vidde mai aluna allegrezza: con tutto che fosse genero di un pontefice, et in tanta felicita. Deve ti ancora sovvenire delle tante simonie, che in cardinalato hai fatto, con ogni sorte di gente: di che ne fà fede la vendita di qual priorato in Spagna a Lodovico Torres Spagnolo, et molte altre che al S. Antonio dalla Rovere, et all’Arcivescovo di Benevento suo fratello, hai fatte, & con altri ancora, le quali per esser tante &, si note, alla Corte Romana, & al mondo, mi piace hora di omettere, per venire à quello che più importa.

Et in questo luogo si fà inanti la ingratitudine che usasti a Clemente tuo predecessore: quale assediato in castello, havendoti elletto per legato all’Imperatore per la sua liberatione, & havendolo tu posto prima alla taglia di non volervi andare, se non admetteva la renuntia del Vescovado di Parma, in Farnese tuo Nepote prima all’hora dietà di dieci anni, fu cosi sollennemente da te agabato, perche in Genova poi ti fingesti infermo, per lassar con buona carita, & et contra el dovere [108r] della legge Christiana, perir el tuo superiore in carcere, per esserle in anti al tempo successor suo con male arti.

Ne per hora entro nel pellago immenso della tua sfrenata lussuria, essercitata assai più che quella di M. Antonio, Com’odo el Heliogabalo: di che se ne vedono manifesti segni: per gli tanti figliolj occulti, & palesi, che tu hai, quali tutti saprei nominare se volesse, ma per buon rispetto li taccio temendo per esserne alcuni Cardinali date [sic] creati, non ti siano successori.

Ma dimmi malvagio Pastore par ti chel fusse cosa da Christiano, quando Clemente ti lasso legato in Roma, per farti la piazza inanti alla casa, rovinar tante case, & non ne pagare alcune. del che non contento ancora, nel pontificato, hai con quella furia di latino Juvenal, & co’ il Boccaccio Fiorentino distruttori de poveri, per allargarti meglio, quasi che distrutta mezza Roma con immenso danno di mille persone povere: che per tal causa vaño mendicando, & si sono morti con le lor famiglie. imitando in ciò Nerone distruttore della patria sua quale per far più bella la casa, [108v] usò anche egli simel crudeltà la quale veramente si pò accompagnar’ con quella che tu usasti à quel povero tuo servitore, che tanti anni ti haveva servito, nel cardinalato, chiamato el Bian Binca da Parma, quale facesti indebitamente uccidere, & forsi secondo alcuni, de tua mano lo facesti, di che cacciandoti el Cardinale Salviati per lalite [sic] della Abbatia di Tola di Piace’za in criminale, facesti tanta esclamatione co’ Clemente: tal che per bontà sua, la cosa non passò più avanti. essendo già per tal conto Giulio de grandi tuo intimo servitore prigione quale tosto fù rilassato p bonta di quel Papa. cosa che tu contra alcuno Cardinale no’ haveresti fatto, o altro Prelato ricco.

Et qui passo la imensa avidatà [sic] che sempre disordinatamente havesti del Pontificato, particandolo [sic] cosi sfacciatamente come el minor peccato, che habbi. non ti ricorda’o [sic] delle riprensioni che sopra di cio hai fatto a molti Cardinali: essendo che tu insensato vecchio, hai introdutto più de altri questa usanza, in quel colleggio: ma non passo già quel notabil detto di santi quattro vecchio: quale per haver tu impregionato Pierluigi in Ronciglione, perche no’ voleva amettere Ranuccio tuo figliuolo alla successione dello statto, non trovando egli verso per indurti [109r] merce della solita crudeltà & ostinatione tua à rilassarlo, ti disse. Monsignore q’sta cosa vi leva el pontificato, quia si in figlio filio3 hoc quid in alios laddove tosto egli per questo fù rilassato dal carcere.

Et in tal proposito mi sovviene quel detto del Cardinale d’Araceli, quando é sciocchi Cardinali ti volsero pur ellegger Papa, al tempo di Adriano: dicendo egli guardate Signori, quello che fate, che io l’ho confessato sedici anni: di che se alcuni che si tenevano fanij [sic: savii] all’hora, fossero stati ricordevoli, no’ sarebbono di poi, incorsi nel secondo errore. ma Dio gli tolse il cervello, perche da te fiera bestia, havessero la penitentia delli loro gravi peccati, come già di essi la maggior parte l’hà ricevuta.

Sovviemmi ancora la immensa liberalità che usasti alla chiesa di Parma tua sposa, ove volendo tu cantar la prima messa, non ti vergognasti distaccar le arme del Cardenale Allessandrino. gia Vescovo di quella città del piu bel paramento che vi fosse, per non farne uno di novo come in simel solennità si usa di fare attaccandovi le tue.

Ma vedendo venendo alla conclusione dico che nelle scelleraggini hai superato Loth: perche s’egli dormi co’ le figliuole, no’ lo seppe, essendo ebriaco: ma tu [109v] con la figliuola, con la sorella, & nepote (come di sopra si dice) scientemente lo hai fatto più volte. Hai ancora superato David nel caso di Uria: pche di quello egli comj se ne fece penitentia, ma tu di Bosio non hai fatta alcuna, havendoti goduta tua figlia, & sua moglie molti anni.

Hai superato Caym: pche egli s’avvidde molto bene, del suo peccato. ma tu uccidendo la tua madre per l’honor del mondo, reputi non haver fatto nulla.

Hai ancora superato Absalon: perche per avidità del dominare pseguitò el padre, godendosi la sua concubina: ma tu con minor escusation’ facciattamente, hai sempre procurato el pontificato: & hai più de una volta usato co’ le carni tue, tal che p uccider p impudicitia (come dissi) tua madre, facesti noto al mondo aggevol cosa essere che tu fussi nato di adulterio, come è þprio della tua famiglia. Hai ancor superato Amon figliuolo di David, quale se bene strupro [sic] la sorella, li venne poi per abhominatione di tanto peccato, in odio. ma tu perseverando continuamente nel camino usato gia sei fatto incorrigibile. Hai ancor superato Ruben che maculo la concubina del padre, perche si vidde pur’ dopo la morte, & beneizzione [sic: benedizione] di Jacob: & per la buona successione sua, che non persevero [110r] come tu, nel mal fare. perche come dice il þfeta, parlando di Juda no’ è hoggi mai rimosto in Italia luogo, arbore, citta ne villa, che tu no’ habbi co’ publico, & grave scandolo co’taminato con la immensa tua lussuria, & pessima vita: non havendo riguardo, ne all’eta, ne alla conditione, & dignita tua. le quali cose oltre, come è detto, che sonno di scandalo publico, no’ meritano in te essus esscusatione alcuna: come fanno in quelli che in gioventù sua errano del che tosto Iddio si scorda mentre però no’ vi sia la perseveranza: percioche tu sel scellerato cosi pubblicamente hai in gioventù & vecchiezza peccato che molti per il tuo errore anzi tutta Italia ne rimane contaminata. Onde convenevolmente è da giudicare che come sei erroneamente falso vicario de Dio, cosi ancora perversamente osservi la dottri’a sua: imitando Salomone, che decrepito per compiacere alle sue concubine, si fece Idolatra: del che ne fa ampia testimonianza, la publica concubina, che in Fraschati hai sempre tenuta: da cui ne hai havuto nel tuo indegno Papato una figliola, et questo si dice accio no’ adducessi farlo, come si dice di David della sua Sunamite, per aiure in questa tua eta ostinata, & piu che mai perversa, la [110v] digestione dei tuoi mali humori: quali sonno tali, che hoggi mai hanno rovinato tutte le nobili famiglie d’Italia alla Chiesa suddite eccetto che una: allaquale per haver tu trovato un soggetto simile à te, hai perdonato, del che il Duca d’Urbino, inanzi che togliesse tua nepote p moglie. Colonnesi, Ursini, Baglioni, Varani, Rossi, Pallavicini, fanno fede: havendo no’ per altro che per instigatione della tua figliola Constanza, ruinato l’Abbate di Fanfara, & tolto Camerino à Urbino. se no’ per darlo à Ottavio: mancando delle promesse alli Varani, alli quali no’ contento di questa ingiuria, ne hai fatte delle altre che si tacciano, & li Rossi p instigatione della Laura Pallavicina, tua vecchia concubina, & li Colonnesi per l’ostaculo ti fece al tempo di Adriano el Cardinale Colonna al pontificato. & dove Christo si ci disse, noi dover lasciare el Padre, & la matre, gli figlioli, & le proprie case, & finalmête il mondo per seguir lui, co’ dechiaratione che altrimenti no’ potevano, conseguire el regno del cielo: tu no’ solo no’ hai osservato questo precetto, come quello che in ciò a glialtri doveresti dare essemplo, ma confondendo el Christiano nome per arricchire i, tuoi bastardi, & successori, generatione [111r] sino alla decima linea tanto esosa nella legge antiqua: no’ hai lassata alcuna sorte di sele scelleragginj à comettere, supportando tanti lor vitij abhominevoli, che hoggi mai hanno riempito el mondo d’intollerabil fetore. con darli ancora di quei titoli de quali per legge divina, ne humana sono capaci, ò meritevoli.

Et che dirremo di quella intollerabile sceleranza di .P. Luigi tuo figliolo, quale ammazzò cosi vittuperosamente quel santo, & dotto giovane del Vescovo di Fano, in quel modo che appena ardisco di pensare no’ che discriverlo essendo come dice Paolo che le brutte, & dishoneste parole corrompano é buoni costumi: & tu non solo lo hai tollerato, ma absoluto da tanto eccesso, & dallo havere con gli altri saccheggiata Roma sua patria, come sa il Vescovo di Cesena, & Jacobo Cortese, che ne fecero le minute quali dinanzj al’co’spetto de Dio (come participi di cio) sarano tenuti à rendarne conto, & della tua assolutione valerà quanto potrà. O, infelice, & insensato Pastore, no’ dovevi tu almeno per l’offitio tuo, imitare e figlioli d’Israel? alli quali come si vede nel Libro de giudici, tanto dispiacque, che é figliuoli [111v] di Beniamin havessaro morta la moglie del Levita, di effraim con la loro sfrenata lussuria, che pigliate le armi contro di loro tutti li amazzorono de ccc in fori.

Non ti dovevi ancor ricordare che Finees figliuolo di Elleazzaro meritò el sommo sacerdotio, per uccider Zambri con la sua Madianite in braccio, & placo con quel atto l’ira d’Dio, contra di lui commessa Oyhme [sic] no’ è, da credere che piu spiaccia à sua maesta divina quest’atto abhominevole che quello per il quale dimostrò tanta ira contra Pentapoli? Oyhme no’ era piu conveniente essendo tu Vicario di Dio uccidere questo falso mostro per mezzo della giustitia, che no’ solo assolverlo di tanta scelleraggine ma ancora di dignità; & ricchezza, ogni di più accrescerlo? donducendolo continuamente: p tutta Italia co’ grandissimo scandolo del prossimo tuo & finalme’te spogliando la Chiesa honorarlo di tittolo di Principe, & Duca di due cosi famose città, & honorate, le quali Dio col mezzo dell’honorata spada del conte Giova’ni Angosiola, no’ hà patito lungamente p la morte di cosi acerbo tiranno, che elle siano soggette à cosi indegna, & scelerata bestia: dandoti à vedere quello che in tu dovevi fare & che lasciasti la carne per l’ombra di essa, & che le tue prudenze sono tutte Carnali. [112r]

Sei ancor peggior che Acab: quale se bene uccise Nabot, per havere la vigna, come tu hai fatto p haver la robba di Ravena, & altri degni Prelati: si humiliò poi nel conspetto di Dio, & merito perdono. ma tu per havere la robba de Medici, & del Camerlingo, li facesti avelenare senza alcun pentimento della vita tua che (si possa vedere) Sei ancora peggiore di Abimalec quale ammazzo .lxx. fratelli p signoreggiarre, havendo tu p altrui robba fatto violenza à Francesco del Nero alla .S. Lucrezia Salviati, cacciandola co’ li sbirri fuora di casa sua. à Jacomo Baldutio, quale con quei tuoi carnefici Pierantonio da Cesena, & Alessandro Pallentero, che sono e tuoi vianesij, assassinasti, & al Vescovo di Como, all’Arcivescovo di Amalfe, à Francesco & Catelano Gallerati, à Paolo Serraglio co’ infiniti altri che p brevità taccio, & no’ pensi scellerato vecchio che Dio ti habbi a punire, come Corre quel contrasto con li superiori no’ volendo tu supportare p alcun modo esser sotto posto al Concilio; & con parole estrinsecamente facendo vista di volerlo, & co’ gli effetti oprando il contrario. Non credi tu ancora che come Datan, & Abiró no’ habbi a esser inghiottito della terra per tener viva continuamente con occulte pratiche (anchora che finalmente, in appare’za [112v] paia che procuri, la pace) la dissensione de Principi Cristiani, il che manifestamente dechiara Siena tante volte tentata: & le leggi che hai voluto fare co’ el Re de Francia, animandolo à far venire el turco per rihaver Piacenza, la quale Iddio volle dove pensasti che fosse la essaltatione della casa tua, ch’ella sia l’ultimo eccidio, havendoti p questo effetto alienato Cesare, & tolta la nemista dell’Illmo Don Ferrante Gonzaga, & casa sua il quale Iddio per molte sue bone opere conserverà perche habbi ad estirpare la tua falsa, & velenosa progenie, & cio lo devi gia conoscere chiaramente per le tante insidie che le hai preparate contra, & nessuna gia mai ne habbi potuto haver effetto.

Tu hai il nome di Paolo si, ma no’ gli effetti pche egli biasimo sempre el scandalizare el prossimo: ma tu scellerato no’ ti vergogni haver contratto parentado publicamente co’ l’Imperatore, & in presenza della nobilita di Roma, p contratto rogato p il Cortese haver dotata la figlia sua di .ccc. mila scudi: per haverla poi à processare per fattucchiera, far & et fargli mille oltraggi, come le hai fatto continuamente, uccidendo con li tormenti, & veleno quel povero frate del Pallavicino, acciò per giuditio d’Dio, [113r] dove in lei pensasti havere el fondamento della tua famiglia ella fussi la destruzzione, & ti dei ricordare ancora che in una sola mattina desti .lx. milia ducati p dotia alle quattro sorelle di Santa Fiora tue nepoti.

Sassi bene huomo inveterato, & rimbambito nel peccato, che questi danari, non li portasti da Valentano, Canino ò capo di monte ma che li cavasti della povera Chiesa: dilapidando senza frutto di essa, anzi con suo detrimento infinito, i suoi beni: per il che come Baldasarro coscia doveresti esser deposto. Succhiando continuamente el sangue di poveri subditi: con infinito danno .&. scandolo di tutti: co’ lo imponere ogni giorno nove gravezze che hanno desolate miseramente tutte le co’munita della Chiesa vendendo continuamente jubilei, & indulgenze. le quali spero che co’e a Giezi quale volle vender la salute à Naman ti acquisteranno la lepra con la destruzzione di tutta la progenia tua. Ne ti vergogni ribaldo publico, & infame haver dato di provisione co’ titolo de co’faloniero della Chiesa à ql vile, & disonesto di .P. Luigi .xl. mile scudi lano,& .xxx. mila à Ottavio suo figliuolo: et tante provisione a tutte le dame [113v] Farnesie, & a .S. Fiori & poi dire che li turchi immanissimi sovrastanno la povera Italia per angariar meglio il stato Ecclesiastico: di che ne sono piene le tue, false bolle: quali causano ogni giorno con tante intollerabilj gravezze alli toi poveri popoli, grandissimo scandolo in ogni parte.

Questi sono gli nemici del sangue humano, & della fede di Christo che fan’o tanti mali, & tante estorsioni, hor con .ccc. mila scudi lanno þpetuamente: hor co’ el sale, hor mezzi frutti, hor con decime, hor co’ censi, & livelli, & simili impositioni aggravando, & distrugge’do in tutta la liberta ecclesiastica: sotto di te divenuta misera servitù, pmettendo poi che larmata turchesca passasse senza alcuna lesione p el stato ecclesiastico lultima volta che Barbarossa fu nelli nostri mari talche per il comertio che secretamente hai con l’infideli, ragionevolmente ti sarà tolta l’occasione di poter più usare simili preambuli, nelle bolle, & ti co’vera ritrovarne de gli altri co’ nove fintioni.

Paolo dice, che se con el mangiar carne pensasse scandalizzare el prossimo che in eteno [sic: eterno] non ne gustaria; & tu con grave, & comune scandalo del christianesmo non ti sei vergognato maritare una tua nepote a [114r] Hieronymo Orsino. che sotto la fede uccise el fratello approvando co’ quelle malvagie nozze simil sceleraggine. Ne ti sei curato vendere Modena, & Reggio al Duca di Ferrara. & alienare Parma, & Piacenze: li quali non acquistasti gia mai alla Chiesa. il che Clemente pur si vergogno di fare ma Iddio forsa il quale dispone, & governa soavemente ogni cosa, per li soi mezzi lo havera promesso per aventura, per dar principio à qualche buona riformatione della Christianità: essendo tu co’dotto à tale cecità che no’ ti vergogni mettere in effetto tutte q’lle cose, che altri si sono vergognati & astenuti di fare.

E ben lecito per legge humana e divina in qualche urgente necessita della chiesa servirsi de bene de subditi, ma no’ gia per arrichire cosi numerosa, & infame famiglia, come e la tua, rivoltando larmi cosi ingiustamente contra quelli che non vogliano ò, non possono pagare tali gravezza? di che la povera Perugia Fermo el .S. Ascanio Colonna, ne fanno fede. & non è, minore il þcetto fatto alli subditi, & servi in obedire al suo superiore, che sia quello de padroni vso [sic: verso] li servi in non far lor cosa per la quale si scandalizzi el soggetto, [114v] & inferiore à se affligendolo indebitamente, di che Paolo in muolti luoghi parlando alli servi, & poi alli padroni di quello che convenghi à ciascuno di essi di fare, in molti luoghi ne escalama amplissimamente, & ragionevolmente stimo io contra quello di loro, il quale è il primo a passare tal divina institutione: che le huomo essendo da cosi manifesta, & aperta oppressione (come è la tua) contra de toi sudditi aggravato, si possa, & debba contrapporre: pche à Roboam dividendo el regno suo, con questi mezzi, et ribellandoseli é popoli per tal cagione, Iddio non volle consentire, che co’ armi si vendicassi contro di loro come che di tale punitione non fossero degni, essendo egli col darli amplissima causa, suto el primo trasgressore della divine tradizionj, Tu sapesti molto bene per l’Ardighello [sic] riprendere el Re di Francia per l’amista che gli teneva co’ protesta’ti, [sic: protestanti] et co’ gli infedeli, & lo Imperatore con Inghilterra biasimandolo più volte, & non ti avedi di tanti toi defetti cosi notabili, li quali se pure havessaro la esscusatione che essi hanno sarria men male.

De dimmi scelerato huomo come pensi tu poter esser Vicario di collui che dice el regno suo non essere di questo mondo, & dichiarò quelli soli essere suoi fratelli madre, & padre, che fanno la volunta del padre suo col dar [115r] repulsa alli zebedei della petitioni sue co’ mal animo chieste, havendo tu co’e per l’opere chiaramente apparisce, posto ogni tua cura in cose abhominevoli, et carnali, et solo in lassar la tua successione grande, et famosa: servendoti cosi sfacciatamente dello scudo della relligio’e di Christo, per adempire cosi disonesto appetito, & non ti accorgi meschino, che’l profeta dice, gli impij come te non poter lungamente regnare sopra la terra, & che li buoni finalmente la possederanno. pche Dio non li abbandona gia mai, & non ti accorgi dico che egli si ride delli tuoi vanni pensieri: et li destruggera à luogo, et tempo: con la infinita sua prudenza, et bonta.

Non hai letto ancora che nel tabernacolo de Dio no’ intrava’o se no’ quelli che operavano la giustitia, & herano boni, tra li qualli no’ poi esser tu ho'[sic:huomo] malvagio, no’ sai tu che il core dello impio, è come un mare tempestoso, & che l’huomo malvaggio nella scrittura si rassomiglia all’ herba d’un prato, che la matina è verde, & la sera colta é, secca et alla polvere inanti al vento. no’ sai anchora che de cativi, quantunche piano [sic: paiono] posto in alto seggio) quando sono ricerchi da boni, no’ si ritrovava el luoco suo, perche no’ possono durare. no’ sai ancora che megliori sono le poche ricchezze al giusto, & buono, [115v] che non sono le grandi al peccatore, come te, é che queste poche sonno, da Dio þservate, & aumentate, et quelle finalmente in poco tempo distrutte Lorenzo degno santo al quale hai posto successore ne l’uffitio suo al Cardinale Farnese, dispensò molto bene li tesori ecclesiastici, ma tu, & esso non li dispensi se non in proprietà della tua casa. O meschini non ve avvedeti che questo (se le cose passate insegnano quele che seguano) sarà tanto fuoco: perche lj occhij del .S. sono sopra li giusti sempre per dirizzarli a buon camino: & le orechie sue per essaudire le pregiere loro. li quali essendo da cattivi oppressati, è necessario che continuamente preghino el .S. che li liberi. onde egli che non può mancare alle sue promesse, rivolgerà el volto suo sopra de noi [sic: voi] altri tutti nati de falso, & venenoso seme, per estinguere el nome vostro sopra della terra no’ sai tu che ancora, è scritto, grideranno é, buoni contra de cattivi nel conspetto de Dio, & saran’o essauditi: dico tanto in questo mondo, come nel’ altro perche per sua bontà vole che è, siano perseguitato, per raffinarli, ma no’ gia estini [sic] come tu cerchi di fare. Non hai vecchio senza sentimento veduto, tanti essempie inanzi delli tuoi predecessori ch’ hanno simile animo havuto, come loro sia riuscito il pensieri vano, & perche dunque movj l’ira de Dio, & delli principi christiani, co’ si poco giuditio [116r] verso di te? seguendo quello che co’ ogni ragion’ dei evitare? non sai tu quello che dice Paolo, che egli l’occhio della begnità, & patientia ti aspetta à penitenza. Non sai che questi modi te thesaurizzi ognior ognihor piu la giusta ira sua? massimamente nel giorno del suo infallibile verace, & universal giuditio. comando Paolo che e vescovi non fossero novelli nella fede di Christo, & che quelli che si erano portati bene in uno uffitio, fossero promessi [sic] a dignita della Chiesa maggiore: ma tu osservi unaltra regola, che li incantatori, & li astrologi promuovi a Cardinali, & Vescovadi di che Sermoneta, Sanelli tuoi nepoti, & Borgia, col darli sette è, otto Vescovadi per uno, fanno fede, & se pur’ hai promesso ad alcuna dignità qualche virtuoso, che non si po negare, lo hai fatto per mal fine, & per ostare allj Cardinali vecchi che pensano doppo di te a essere Papi come ancora con nove creazioni cerchi al þnte di fare il qual stile osservi in tutte le cose tue; & ne hai ancora per rincompensa di quei pocchi boni fatti tanti de tristi. che di questo non meriti alcuna commendatione: massimamente che tosto per esser’ troppo libero el povero Contarino, & amatore della verita, lo hai con veneno spento.

Oyhme che maggior vituperio si puó sentire nella Chiesa [116v] di Dio. che lo esser’ suto da te, ad instanza di quell scellerato, & infame di tuo figliolo, creato Cardinale el Gambero Idolo de tradimenti, è vero imitatore de vitiJ, & Rimini publico cinedo, & Acquaviva in fame in ogni maniera di lussuria. et il parissio publico falsario, & il Ghinucci, e il Somonetta, per havere assassinato Ravena, & Monte publico concubinario, & imitator di sodoma, & il Sfondrato perche no’ leggi male intese disfenda [sic: diffenda] le tue false upinioni, de nel che hai veramente imitato l’auttore tuo Alessandro, quale esso ancora per simil conto, creo’ el Cardinale Alessandrino ma no ti’ curare che à te avverrà q’llo che di tali creationi meriti dj conseguire. perche saranno alcuni di essi (se per sopravivano à, te) q’lli che distruggerano la tua famiglia, permettendo spesse volte Idio con el suo giusto giuditio distruggere le perverse cogitationi de gli homini cattivj co’ q’lli mezzi che essi giudicano et elleggano per li migliori, et più atti alle loro cattive intentioni: Il che non per altro, è da lui fatto, se no’ per darci ad intendere che egli è, moderatore governatore principio mezzo, & fine de ogni cosa et che, come dice Paolo; senza esso no’ siamo pur sufficienti à pensare alcuna cosa, & tieni p certo, che cio non può mancare, per haver tu prezzato più la benedizzione di Esau, che quella [117r] di Jacob. & fatto maggior’ fondamento in lassare è, tuoi, ricchi de boni temporali che dell’amore de Dio, & della benivolenza de popoli, & amici. no’ ti ricordando di quel savio detto, cioe che nissuno regno pote gia mai esser’ sicuro, senza la benivolenza de gli homini.

Ma per venire à quello che piu importa, cioè provare che per nessun modo, tu poi esser detto Vicario di Christo, ma del diavolo sotto compendio. Dirò che più volte hai votata [sic: vuotata] la cassa di Loreto, il che reputo peggio, che ‘l dire contra l’imagini, & adorationi de santi, & contanti carnefici Corsi, & d’ogni natione tese tante insidie per uccidere il S. Don Ferrante Gonzaga. & poi per contrapesare à tante sceleraggini, e hora cosi ingiustamente tribuli il Cardinale Morrone. che il p il Conte Galeotto Sogliano, & per il Medico Ringera tante volte hai tentato, avelenare Raven’a. che hai fatte tante compre false de beni de .S. Spirito di .S. Paolo, & d’altri delli danari della Chiesa: dicendo che erano della casa Farnese. Che hai rotti tanti legatti fatti à i luoghi pij, per havere quelli danari. Come il testamento di Gibraleone del’Agnello, & altri fanno fede. Che no’ punisci se no’ è delitti, dove pretendi utilita, come il fratricidio di [117v] Antonello Sanello fa fede co’ molti altri che per brevità lascio. Che sotto la fede di Farnese assassinasti el Vescovo di Pavia. che ogni di in quel tuo datariato, & penetentiaria: non si sente se no’ furti, falsità, & rubbarie, & finalmente vendere in varij, & dishonesti modi xþo, & il suo sangue: cose dette mille volte senza alcun frutto, et che si spesso, & co’ si poca gravita, hai discorso per tutta Italia a parlamento co’ li Principi: sempre co’ qualche mal disegno di proprietà, & che per un commodo della persona, non ti curasti curaresti vedere rovinata tutta la republica christiana: volendo Paolo che per vera carita si cerchi laltrui bene, et no’ il proprio. che tu sei al male, et à tuoi interessi cosi pronto, et al bene’ di altri cosi tardo, & instabile. Che nel principio del tuo Pontificato, hai detto voler mostrare, quanto in te potesse più lo spirito che la carne, & lo habbi cosi bene, come è detto di sopra osservato. Che attossicasti el Cardinale de Cesi: pche ti fù contrario al tuo pontificato, havendo egli detto àgli altri Cardinali che guardassero di no’ fare un patre di famiglia Papa. Che hai cosi bene imitato Clemente nella avaritia. Giulio nella collera, & stizza, et poca relligione. Paolo secondo nella malignita, & lunghezza: et finalmente l’auttor [118r] tuo Allessandro nella crudeltà, & libidine, & che tu sia doppio, inessorabile, ostinato, & mai perdoni. Che nessuna cossa habbi fatta degna, ne di Principi seculare ò, vero ecclesiastico, ne’ di privato. Che non ti diletti parlare se no’ continuamente con sbirri; spie, & carnefici, i piu crudeli sempre essaltando, & li buoni deprimendo disegnando sempre sopra la robba d’altri et che tu sia vilissima p no’ haver voluto mai entrare in alcuna impresa honorevole, ma solo lacerare, & haver briga con li inferiori che da te non si possa havere audienza. se no’ da chi parla de tuoi interessi, & se pur’ si ha, sia tumultuaria, et tocchi alloro l’udire, & no’ esser udito. Che habbi affrontata Madama tua nipote dell’honor suo, & per no’ ti haver voluto compiacere, che tu sia stato in continua guerra co’ esso lei, & che come Frate Baccio ti disse: sul visso, no’ ti satiaresti mai empire e’, cestoni. Che habbi oltraggiato tutti e, Principi d’Italia senza proposito alcuno come può far fede il Duca di Fiorenza per il favore che cosi indebitamente contra di lui hai dato alli frati di S. Marco nominandolo in concistorio per heretico & il Duca di Mantovo, & Il Duca di Ferrara. Che hai negato. li alimentj alla mogliera di Napolione Orsino che habbi comenzato a fabricar lentamente a .S. Pietro nõ p [118v] buon zelo, ma pche la vendita delle Indulgenze habbi meglior spaccio. Che hai schernito il mondo con queste tue reformationi da te volute, con quella volunta che ciascuno sa. la quale deve incominciare da te prima. Che hai fatto el Castel di Sant Angelo, el cavallo dj Falaride, no’ si sentendo altro ogni giorno, in esso se no’ stridi de poveri indebitamente tormentati. Che hai fatti molti Cardinali poveri, & ignobili, per farli lance spezate di Farnese, et p creare un successore amico a tuoi. Che quando fai male ad uno, no’ ti consigli se no’ co’ gli inimici suoi. Che come Nerone tormento molti christia’j per escusarsi dallo incendio di Roma: cosi tu ancora p esscusatione del veleno dato a Cesis. Medici, & altri habbi fatto tormentar molte persone. Che tu sia largo nel prometere, & nello attendere ove non è tuo interesse, falacissimo. Che tu sia stato un altro Tiberio a i tempi nostri, & peggiore, inquesto che esso no’ hebbe cognitione della luce, & della fede di Christo q’le tue tu usi come tenebra. Che habbi offeso ogniuno, et nessuno habbi offeso te. Che co’ si ferma, & dannosa intentione habbi cerco co’tra ogni legge divina, et humana, et ogni consuetudine sel si puo fare el successore nel Papato, volendolo lassare per heredità à tuoi, et non contento di q’sto [119r] veduto che p bonta di Caesare no’ ti riusciva il pensiero, che cerchi con ogni industria p distruggere bene il nome Italiano, doppo à te di far capitar. Il Papato nella natione Francese. Che hai cosi sfacciatamente fatto dui fratelli Cardinali con alleger l’essempio di dui Colonnesi, provando che erano fratelli, p assomiliarsi nella pittura di Anagni. Che non hai auitato se no’ di parole, é Principi co’tra gli infidelli. Che hai rotto el testamento del Trivultio, che ti cieco creo Papa, & che cosi sollennemente habbi oltraggiato el Vescovo di Verona morto in Scotia nelli servitii della sede apostolica togliendoli quel segretario, che egli haveva co’fidato, nella vita dell’Arcivescovo di Firenza, p morte sua. Che hai sempre mantenute le carestie a tuoi sudditi, p guardagno tuo particolare, & de tuoi Che hai per mezzo di Alessandro Vitello fatto morir di fame tanti Italiani nella guerra della Magna pche lo Imperatore rimanesse vinto. Che hai fatto decapitare Giulio Cibo p li tradimentj tuoi, & co’sentito à quella solemne sbirraria del Manfrone, che hai dato licentia à .P. Antonio di Cesena di lassar la moglie p farlo Vescovo che hai dispensato Hermes Stampa, che haveva gli ordini sacri al tor moglie. la qual cosa ordinatamente [119v] fai illicita, solo pche Farnese tuo nepote habbia la coadiutoria sul Vescovado di Navara. Che indebitamente hai fatto þfessione di nobile, & la nobilita cosi iniquamente habbi perseguitata. Che da molto tempo in qua nessuno tuo þdecessore habbi havuto maggiore occasione di esser buono di te, e no’ dimeno non ne sia stato da .ccc. anni in qua el più tristo imitando molto bene nelle scelleraggini un altro Pontefice Romano, co’e te, detto, Nicola terzo de li Orsini. quale co’e dicano e scrittori impose fine, alle vere bontà de molti santj Pontifici. che farano inanzi a lui, tal che meritame’te fu detto dissipatore dela chiesa. Che le publice, & private inimicitie sempre non hai non solo spente, co’e era tuo uffitio, ma nutrite. Che cosi impudicamente co’ poca riverenza dell’uffitio tuo, & cosi spesso, haj speso el tempo à far bancheti. Che habbi portato collera co’ el .S. Stefano Colonna pche ti contraddisse alla distruttione di Fermo, & di Perugia, cose da te procurate per vendetta, & guadagno, ma più pche egli intesa la vitta della Constanza tua figlia, si pentj di volerla per moglie, quando gli la volesti dare, & finalmente che a tuoi pensieri si risolvino in vivere, arrichire, & ingradire, é tuoi. dispiacere sempre à buoni, & mantenere, a cattivi, accumulando danarj [120r] sperando solo nell’incerto delle ricchezze mundane, & seguendo in tutto l’Astrologia, la quale qto sia detestabile, anzi cosa infedele in un Pastore, intendo hora di provarti si chiaramente che per ogni via si conosca, che no’ meriti quel Pontificato è si come Baldassarro Coscia p questo, & altre cause, meriti esser privato, anzi che da q’llo sei ipso iure giustamente dicaduto: no’ volêdo co’ la tua mala vita, & pessima essempli entrar nel cielo, ne permettere che altri ci entrino, adorando come Hieroboam più le cose create del chel creatore, & non permettando che si adori Idio in Hierusalem, co’ interdir le buone dottrine, & libri à quelli che vogliano seguitare Christo, impregionando come Acab li buoni relligiosi, & essaltando, & credendo à tristi. come egli fece a Sedechia. Perche se del vero no’ temesti, faresti come si fa di qua: ove à nessuno, è vietato leggere qualche vole accio che co’ questo mezzo si possa meglio conoscere el vero dal falso, & per provare questa vera upinione. faccio questa conclusione. Che chi seguita l’astrologia, divinatoria, no’ crede in Dio, & in conseguenza p la opinione di tutti no’ può esser ne Papa, ne Christiano chiamato perche di gia che no’ non crede, è giudicato [120v] lasciando hora da parte la disputa, setu sia Pastore universale o, semplice Vescovo ò vero che in ogni caso, scandelizando el mondo, come è, detto tu sia soggetto al concilio, le quali oppinioni hora no’ fanno mestieri, lasciandole al suo luoco, & tempo, & che tu non tenga altra via che q’lla dell’Astrologia: penso non mi sia necessario à, provarlo, essendo che le cose notorie massimamente che sono con scandolo universale, come è, questa, no’ habbino mesteri di prova, pche la essaltatione de Cecio di .S. Croce detto Marcello da Monte Pulciano, li doni, & dignità date al Gaurico, allo Astrologo portugese, & lo haver fatto Vescovo quel Frate di .S. Paolo discepolo di Paris. Ceresaro Astrologo Mantuano, & lo haver fatto Generale di S. Dnico frate Agostino recuperato da Faenza, tutti professori di tale arte, co’ molti altri che p brevità io taccio. co’fermando q’sta publica, et universale opinione di te nella quale me imagino ragionevolmente che nessuno debba dubbitare havendola tu medessimo confirmata sempre, et più che mai, nel dare il gonfalone, ad Ottavio tuo nepote, qn in Araceli, aspettando il ponto della co’stellatione desti ta’to é tal scandalo à gli astanti, che p questo tu solo atto co’trario alla Christiana relligione giustamente [121r] poi esser de posto dal Papato. Ma tornando alla prova della conclusione nostra dico che’l no’ fare come tu, alcuna azzione senza la osservatione de punti, hore, et horoscopi, rende segno manifesto che non credi in Dio: ma che sei servo del diavolo, di che fa fede Hieremia profeta, q’le ci insegna à non temere alcuno segno del cielo: dechiarando vane le leggi di quei popoli che a tali cose attendevano, & Hieronymo in quel luoco chiaramente tieni q’llj che credano alcuna cosa dependare da corpi celesti, quelli osservano, adorare la cose create, & no’ il creatore: & essere infedeli essendo che no’ sono fatte se no’ per segno de’ li anni, mesi, & giorni: senza havere alcuna forza di operare se non quanto Dio vole: affirmando da fede no’ poter stare co’ simili osservationi, & tali esser pessimj come Herode è, Faraone: quali soli nelle scritture osservorno li horoscopi, della natività loro: stimando alcune stella esser begni benigne, & altre no’, come che potessero giovare, & nocere agli huomini, & questa oppinione tanto dispiaque alli antichi, che Origine p no’ attribuir alcina alcuna cossa alla luna quale secondo è, medici, molto noce à corpi nella infirmità, disse che’l demonio [121v] era quello che astutamente faceva simili operationj quando scema, & cresce, diminuando, & accrescendo la infirmita dell’ huomo, co’ mirabil velocità per offuscare le menti nostre, & trarle à se co’ et fargli prestar fede à corpi celesti, & p cio di quel lunatico sanato da Christo. egli dice, che no’ pativa se no’ p mezzo del diavolo, & no’ del corpo lunare, & nella espositione del .xv. capo dello Esodo. dice simili osservationi di stelle esser infirmita dan’osa, infedele, & egiptiaca, & no’ per altra càggione che p esser tal’ arte prohibita, & Christiano in Giovanni allultimo capo, riprende Pietro che voleva sapper la morte di esso Giovanni, & li Apostoli similmente sono ripresi volendo sapper: inanzi el tempo, la restitutione del regno d’Idio Israel dicendoli che no’ era uffitio loro: sappere é segreti de tempi, & de momenti: quali Dio haveva reservati in sua postesta, & Augustino al .V. delle citta de Dio al .x. capo. poi che hebbe dimonstrato la vanità di osservare é punti determinati, come tu sai nelle azzioni tue rispondendo ad alcuni che dicevano, che p la astrologia, & similj osservationj molte volte si conoseva [sic] Il vero, dice [122r] chiaramente che tal volta cio accade, p opera del diavolo, quale per patti occulti, che hà in tale arte, rivela alcune cose, che egli conosce dovere essere, etia’ Dio che detti astrologi no’ sapino tali patti, & ciò affermano molti sacri dottori potere esser per scienza, & opera del demonio, si co’me nella scrittura, dico nel secondo delle sententie alla viii. distinzione. affermano i Dottori delli demoni incubi, & succubi, & nel secondo libro della dottrina Christiana pur’ Agostino disse il medesimo, cioe delli patti occulti sopradetti el quale seguita el Lirano, dove disputa: quali fossor le sortj, che caddero sopra Matthia. dalla q’le opinione facilmente si conosce se chi ha p natura dell’arte, patti espressi quantunche ad alcuno occulti, con el demonio può essere pastore universale: ò no, & che seguitando tale arte, non doveno (come dice Giovannj) anco esser salutati, & san Thomaso dimanda l’astrologia divinatoria suþstitione, per quel patto, che dice Agostino, chiamando servi del diavolo quellj che la seguano.

Et non paia cosa strana quello se dice hora di tal patto: pche Idio come si prova in Matteo al .xx. [122v] capo dice non ti sei co’venuto meco della mercede dell’opera: adunque no’ ti querelare se hai il tuo dovere: onde per quel testimonio manifestamente, come p molti altri, ancora si prova Idio haver patto con noi per le buone opere, & similmente nel male, lo può havere el diavolo p le cative. come in q’sta, ma non però la faccio io .Sig. del male, co’stituendo duj principij come Il Manicheo, ma cio dice, pche non paia duro, q’llo si dice di tal patto. & il Gaietano dice, questj talj essere quelli propriamene, che nelle loro natività, & azzioni osservano, & puontj.

Dichiarasi q’sto ancora meglio nella vecchia legge al .xxii. dello esodo dove dice, li malafici overo sortilegi no’ patirai che vivano: pcioche p vertù di detto patto occulto assai manifestamente si prova talj esser veramente malefici, quando anno hanno comercio alcuno palesa ò segreto co’ el demonio, & nelli numeri: meglio che in altro luoco si prova manifestamente, tale arte non esser nella scrittura tollerata, pche parlando del popolo d’Israel, dice, in lui, no’ è augurio, ne divinatione, per essere amato da Dio. quale q’ndo gli pare el tempo, gli rivella quello che fa mestieri, à gli homini di sapere, & non piu. [123r]

Et se lo volessi addurre tutte le autorità della sacra scrittura, che co’cordano in cio, farei un libro no’ una lettera: ma satisfacendomi di q’ste poche, perche sj manifesti al mondo, di quanta autorità, tu debbi essere massimamente per il scandalo publico, che in tutte le tue azzioni, & particularmente in q’sta dai al popolo Christiano, passarò à dire quattro parole, ancora della professione dellarte magica, che tu fai: Il che la essaltatione, & l’amista cosi stretta che havesti co’ Fra Dionisio fra Jacono Nachianti, fra Berardino Calino, Bresciano, & li demonij trovati a .P. Luigi nella morte, sua da te dateli fanno chiaro che meriti di esser privato dj q’lla dignità pcioche appresso gli antichi, etiam Dio giontili, era tanta abhominevole questa professione, che e Christiani sotto nome de Magi, & di malafici erano co’demnati come Ambrosio parlando di Angesa apertamente testifica, & Apollonio Tianeo, essendo di ciò infamato co’ ogni sforzo, studdeò di levar via tal macchia, & Apuleio fu costretto, sendo di ciò accusato, purgarsi: accio non fusse condennato p mago, et questo no senza causa facevano, sappendo alli demonij come à insidiatori [123v] esser data tanta forza, che causano molte volte in questo nostro aere, quale essa essi habitano, molte pestilenze, & tempesta. & p questo son detti da Paolo spiriti, che hanno potestà di questo aere, & da Dio sonno chiamati Principi di questo mo’do. che in lui non hanno parte.

Se adunque quelli che no’ conoscevano la vera beatitudine, ne havevano cognitione de Dio, ne manco delle sacre lettre, ab horrivano questo, come può esser tollerato dalli Christiani uno che chiamandosi capo della Chiesa no’ si vergogna di continuo tale arte essercitate, scongiurando è, demonij, & prestando favore à i professori di simile arte, essendo che quelli e, quali scandalezzano el prossimo. per parola d’Dio, debbano esser spenti, & tolti in tutto dal mondo, no’ eccettuando pontifice, ne altra psona del mondo di che sorte si voglia, et accio meglio s’intenda quanto ella sia detestabile, é da sapere che l’appetito del diavolo é, di essere adorato co’e Dio, acciò possi adempire quello che nel principio disse, Io sarò il Ciello sopra le stelle, & essaltarò il solio mio, et sarò simile allo altissimo. & per ciò non cessa Instigare gli huomini che lo adorino, [124r] & accio facciano q’sto, si dimostrano in qualche cosa, quasi à Dio simili, come in amare la castità, del che fece tanta, professione Apollonio Tianeo, come nella vita sua appare. donde nasce che pare si diletti di persone caste in rivelare la castità, del cose occulte, predirle future. Il che Esaia dimostrò appertenere sol á Dio, quando disse, diteci q’llo che debbe essere, & speramo voi essere Iddij. et ancor’ fa segno di suscitar morti, come q’lla Phitonissa fece, secondo la openione di alcunj di Samuel, & come Lino narra di alcuni di Samuel, & come Lino narra [sic] di Simone Mago, et molte altre cose, come dar tesori, monere [sic:movere] co’ terremoti insoliti la terra, da quallj segni ingannati gli huomini credono poi esso haver tal potenza & pche come é, detto, solo à Dio cio þpriamente, appartiene, che secondo Paolo, da vita alli morti, & chiama le cose che no’ sonno, come q’lle che sonno, & à cui ogni cosa è presente, gli huomini credendo in quella arte, si fanno talmente schiavi del diavolo, che in tutto come, tu hai fatto, lo abbandonano, & q’sti sonno quelli contra li quali, Paolo esclama, & dice, che Iddio li tolera, & conduce al senso reprobo. [124v] havendoli previsti al male, per più co’,fussione loro, & maggiore manifestatione della gloria sua.

Et che sia Il vero ch’el diavolo tali cose cerchi, lo dichiara lultima tentatione di Christo, nella qle gli promisse tutto el stato del mondo, segitandosi in terra, lo adorasse, la qual cosa come detestabile abhominando Christo, lo scaccio da se dicendo, un solo Iddio disse dovessi adorare & era questa cosa tanto nelli anticha legge essosa, che Iddio disse à Moise, chi sacrificarà alli Iddij, fuor che al Signore sarà ucciso, & non patirai vivere. & à Saul è, attribuita per laude grande haver spento gli indivini, & p il contrario grande ignomina lo havere ricerca quella Phytonissa che gli suscitassi chi paresse alluj.

Et Achab et Ochozia suo figliuolo che si co’sigliavano co’ Belzabub Dio di Accaron sono gravamente puniti. & in un giorno trecento Profeti di Baal forono uccisi. & Ochozia dimandando aiuto ai Helia, fù ripreso co’ dirgli che andasse dalli þfeti del suo padre che egli adorava.

A Manese per gravi vituperio si attribuisce haver co’secrati. é suoi figliuoli, et fattoli passare per Il fuoco, & haver promesso vivere é, magi, & Phitonj, [125r] & simili indovini nel regno suo, si come Ezechia, et Josia sonno lodati sommamente di haverli spenti, et nel nuovo testamento quanto questo sia Illicito, dechiara Christo, quando no’ pmette i demonij dirli che egli sia figlio di Dio, no’ volendo accettare ancora nel vero Il testimonio del diavolo, dandone p cio un documento, che da i demonij nessuno aiuto, possiamo drittamente ricevere ancor che ne mostrino di volerci auitare [sic], & q’sto drittamente medessimo ci insegna in .S. Luca al .xxii. capo. quando dechiara lo aversario haver richesto, à Dio di sbatterci come frumento, nel crivello, acciò p le tribulationi pdessimo la fede.

Et alli Efesii dimostra Paolo, la nostra guerra esser no’ solo contra la carne ma li spiriti di questo aere contra la potestà spirituale, che no’ si vede, et no’ di haver co’versatione seco, come tu fai pche sempre tanto ne incitano, al male che da Pietro Apostolo, e detto fratelli siate sobrij, & vigilate, pche el diavolo vostro aversario co’tinuamente à guisa di leone ruggiando cerca p divorarvi, & condurvi al peccato: la qual cosa, et dalla tentatione di Job, tanto dal demonio procurata, & dale parole di Giovanni [125v] Evangelista nella sua Apocalipsi, si manifesta, el qual dice, guai agli habitatori della terra: pche egli è, sciolto el diavolo, il che dimostra che co’ el demonio si debbe vivere, come co’ un nostro ppetuo inimico, & insidiatore, & si come, é traditore del suo Signore chi si accosta al suo nemico, & da lui cerca favore, cosi che cerca dal diavolo, per qualunche modo tacio ò occulto, aiuto, e certo ribello de Dio, & nemico della fede sua, & privato ipso Jure di ogni dignità, & del nome di Christiano, la dove se come dubitavi no’ sei morto alli cinque di Maggio, come ti þdisse Il Ceresaro, credilo à me che ciò fia [sic] p riservarti l’alto et imortale Iddio à maggior punitione: il qual retarda el supplitio, p maggior gravezza della vendetta, ne sarà buona scusa, alli tuoi, il volere far morire, le tante offese fatte ad altrui, co’ la psona tua sapendosi molto ben, che eglino sonno alla maggior parte della colpa di esse.

Aggiongesi à q’sto, che come tu li attribuisse quello che è proprio à Dio, lo adori, & pero prendi el carattere di quella bestia, che descrive Giovanni nel cui capo [126r] e lo spirito, della biastema, & questo è pecare in spirito santo, é a morte: per li quali no’ si deve orare, essendo ciò, come dice Christo, peccato irremissibile ne luno, & laltro secondolo.[276] Talche inessun modo come Christiano, & capo della chiesa, merti [sic] tal dignita, anzi ignominiosamente, esser diposto, & morto, facendosi à te non altrimente, che a Saul quando mando alla Phitonissa, tal che posto nelle mani delli inimici suoi, da quelli per punitione di tale peccato, fu co’stretto à dari per se stesso le morte, la qual cosa verificandosi in te, no’ pastore ma Antichristo, meritamente dei esser chiamato.

Onde p far fine a questa mia rivolgo el parlare mio alli Principi Christiani p la salute nostra, che proveggano à tanto nostro comun, danno, & errore, essendo che le loro potestà imperij, come dice Paolo, venghino da Dio, no’ per altro, se no’ per salute delle genti sue, è cosi come tutti i, buoni, sacerdoti, sono obligati, à provedere pregar per lj loro, cosi anchora essi essendo cosi giarissima (sic:chiarissima), che eglino sonno fatti p li popoli, & no’ è popoli p loro, [126v] sonno obligati, à provedere co’ le opere, & fatti & co’ le arme ancora bisognando, à quelle violenze, alle quali é, poveri devoti di Jesù non possono darrimedio, se no’ co’ el buon essempio, & buoni esshortationi, pche ne lo esodo quando più al popolo d’Israel faceva mestieri di aiutto, Idio quantunche à preghi di Moise, le desse Aron sacerdote, per compagno, no’ dimeno già mai cosi aptamente, ne co’fidentamente apri el suo segreto, ad alcuno, se no’ à esso Moise p soventione delli meschini hebrei, dimostrando quanto nelle calamita di quel popolo, egli co’fidassi più nelli Principi seculari, che in altri, & ció meglio ancor si prova, nello esodo ancora pche Moise fu quello, che unse in sacerdote Aron, dando ordine p mezzo suo, a tutti li stabilimenti della relligione sua, & no’ fú Aron che costituisse ó eleggesse p principe Mose, dalche manifestamente si prova la maggioranza sua, sopra, é Prelati ecclesiastici. qn [quando] essi no’ gli proveggano & þvasi p le dedicatione, oratione, & benediccione del te’pio fatta da Salomone co’ cio sia che Il principe sia ancor sacerdote secondo lordine di Melchisadech. [127r]

Et al xxxiii ca della esodo, ritrovo Aron essere suto ripreso da Mose, per haver consentito alla Idolatria del vitello, & certo, e s’egli havesse ostinatamente come tu fai perseverato nel peccato, quale per timore commise, che egli sarria stato, dal fratello non solo corretto, ma deposto, & morto con li altri .xxii. milia che uccise, ne gia mai ritrovo el detto Aron havere corretto Mose, alche si aggiunge l’auttorita di Salamone sopra Abbiatar Sacerdote, rimovendolo per suoi demerti [sic] dal sacerdotio, & in suo luoco constituendo Sadoc pcioche un Papa ingiusto secondo Origine sopra Matteo al xvi: nella sua Hemolia [sic], & il Gaetano à lultimo di S. Giovanni, é Papa equivoco Il che chiaramente si dimonstra, oltre le cose sopra dette, p lo haver patito, & patire, una pittura cosi obscena, & sporca, come q’lla di Michela’gelo, nella capella di Roma, ove si hanno da cantare gli uffittij divini: che molto meglio servirebbe in un theatro, ò scena comica: la q’le uppinione havendo tenuta quel valent huomo del Fregoso, come contrario alle tue voglie, con veneno l’uccidesti. [127v]

Invitissimi Re et Principi Chrestiani siate adunq3 pregati da me divotissimo servo di Jesu Christo, di depporre gli odij tra di voi, & attendere à questa santissima opera, cioè di condure q’sto Antichristo, q’sto mostro horrendo, in luoco securo, dove ogni buon Christiano, possa libermente parlare, per utile della fede sua essendo noi, come dice, Paolo, membri suoi: & esso Christo capo, & primogenito tra nuoi suoi fratellj, & popolo, acquistato col pretioso sangue suo. che ciascuno co’oscerà grandissimo frutto: in prohibire é venenosi morsi di si fiera bestia: pcioche altrimenti facendo, è Principi infideli intraranno nel luogo vostro, per correggere voi insieme con quelli che persuppongano [sic] no’ havere, superiore Il concilio (quali giustamente doveriano essere da voi corretti) perche come dice Hieronimo, la fede di Christo ha havuto, non minore aumento sotto é: Principi infideli, che diminutione sotto quellj che hanno à parole solo, fatto professione di fideli, & poi nelle opere sonno stati al contrario. [128r]

ET TU INVITISSIMO CAESARE AVE(dj)TI[277] bene inquesto concordia, che tratti con q’sto huomo pche tutto quello che le darai sarà operato contro di te, & sovvengati delli tanti ingani che ti hà fatto, quando non pensava di essere offeso da te accioche conoschi quello che egli sarebbe al þnte [presente].

ET, perche Intendo alcuni scrittori ó, per via de historia, ó di altra compositione haver pigliato assunto di lodar questo mostro, mossi da mera adulatione, & per aventura, da qualche loro commodo: & interesse: gli admonisco: che advertano molto bene: à non pigliar fatica di contradire à cosi manifesta verità pcioche alla sua fatica sarrà data quella fede: che meritaranno offuscando ogni altra sua impressa. Oltre che io, & alcuni altri servi di Christo Jesù ci obligamo à diffendere con lo scrivere: & co’ li libri in mano: tutto q’llo che hora si scrive, & qui si contiene: et talemente [128v] rispondere alle adulationi loro chel presente secolo: & quello che verra chiaramente conosera la mala natura di quello che lodera, & insieme di colui che sara da essi lodato. Imperò se apparecchino pure: à questa giusta guerra: che troverrano buon riscontro: dicho di persone: che non seguiranno genelogie interminate: ne vanita di belli stili: & dotti sermoni: mundanj: ma la verita di Jesu Christo havendo detto Paolo che piu tosto vorrebbe dire cinque parole: che edificassero il prossimo: & la Chiesa co’ la verita: inanzi che havere quanta eloquenza: & candidezza di stile: che si possi trovare per compare dele vanita: & delle bugie piene d’immensa: & intollerabile adulatione: come saranno queste: se pur veranno a luce.

LAUS DEO [129r]

102. Andrea Gualuanello to Ignatius of Loyola, 25 June 1554 [278]

La gratia et pace del nostro signor Jesù X.° sempre scia con nui. Amen. Per laltra nostra la R.V. ha itese come gli homini elessene uno curato della terra, et quello voleno, o scia confirmato dalli signori cardinali o non scia confirmato, dicano che hanno gli suoi signori, che sonno cardinali et pontifici in gli suoi paesi; dicano: faremo il debito nostro a domandarla. Se lo concederanno, la torremo; se anchora faranno il contrario, videant ipsis. Gli heretici veneno in la terra, come intendo, et derideno gli homini nostri, che hanno posto per tri anni la sua speranza in cardinali, et spese molti dinari, et maxime in revocare la bolla del Rdo., et fare quelle giesie iuspatronato et dargli auctorità de potere ellegere uno che gli parea, et puoi revocarlo senza domandare la parte. Quelli pochi spirituali stanno tutti admirativi, pensando a questa cosa, ma gli altri ne vanno cantando per la terra. Tenemo certo che doventarà heretica prima, quia peccatum trahit ad aliud, puoi gli signò suoi non cercano altro. Et hanno tanti heretici in un terra, domandata Cuore, che non gli puonno stare: voleno che vadeno alle altre terre. Et questo è perché sonno fugiti d’Inglitera; et fra gli altri gli è il beato fra Bernardino capucino, che predicava i Ferrara con tanta audientia, et ha moglie, et una figliola, dotta secundo la dottrina heretica: se credea che fuose morto, ma non è vero; et molti altri apostati. Hor veda la R.V. como se ritrova questa valle, et se le ne non venese de quelli ogni giorno, ne vene per suoi negocij, et sempre lassano qualche parole, perché non attendeno ad altro cha seminare, maxime in questa terra, perchè voriano che fuosse come Chore, ut omnes i foveam caderent[279] da suoi sorti[280] quante bolle vole il populo, non vole. Questo lo dicano apertamente, et venere matina lo demostronno.

Nui celebrassemo la messa più tardo del sollito, et uno fece sonare la campana per le persone, acciò venisseno alla giesia, et per essere passato la sua? hora, pensorno che fuosse il Rdo., che volesse pigliare il posesso della giesia. Alchuni si levorne et corserno alla giesia per volerlo lapidare con saxi, perché le strade sonno piene, et se venira per far tal cosa, non voleno per niente. Sonno tanto irati contra de lui et delli suoi, che per pocho gli amazariano tutti, et lo dicano aperte.

Hanno noticia che serà qua presto, fuorse nanti la festa de santo Pietro, che è la festa della giesia, per la qual se combatte. Hanno spese scudi 500 per questa servitù continua che cercano quelli che hanno troppo bono tempo in questa vita, o vere che non pensano se non al mondo.

Altro non havemo da scriuere alla R.V., se non che a quella et alle sue orationi di continuo se aricomandiamo. Die xxv de Zugno 1554, di Morbegnio. Il servo et figliolo indegno.

Andrea Gualuanello

Inscriptio: Al molto Rdo. Padre, il P.M. Ignatio Loyola, preposito generale della Compagnia di Jesù. In Roma.


Endnotes:

  1. “Bernardo, it should be enough for you / With that sweet speech infused in you by Nature, / To light our hearts to high eternal works, / Here where the King of Rivers flows most clearly. / Since your own inner wishes are sincere, / And your own life reflects a pure intent, / You’re rather an inhabitant of heaven. /As to these masquerades, dances, and music, /Sanctioned by time and by ancient custom – /Why do you now forbid them in your sermons? /Holiness it is not, but arrogance to take away free will, the highest gift/ Which God bestowed on us from the beginning.” Tullia d’Aragona (c. 1510-1556) in Women Poets of the Italian Renaissance. Courtly Ladies & Courtesans, edited by Laura Anna Stortoni, translated by Laura Anna Stortoni & Mary Prentice Lillis, Italica Press, New York, 1997, p.86. The king of Rivers is the Po, and the place is Ferrara, where she was at the same time as Vittoria Colonna (p.81). There she reportedly ‘befriended’ Girolamo Muzio (1496-1576).
  2. Extract in Pio Paschini, Tre ricerche sulla storia della chiesa nel Cinquecento, Roma, Edizioni Liturgiche, 1945. p.37
  3. This letter was published by Eduardo d’Alençon in De primordiis Ordinis fratrum Minorum Capuccinorum 1525-1534. Commentarium historicum, Romae, apud Curiam Generalitiam O.M.Cap. 1921, p.124.
  4. Guidubaldo della Rovere was Caterina’s son-in-law, the first-born son of the Duke of Urbino, and Cardinal Gonzaga’s nephew. See Dizionario Biografico degli Italiani, vol. 25, Rome, 1981 [BCC: 025.L.25], p.238+; Eduardo d’Alençon also published this letter, De primordiis, p.124
  5. In Eduardo d’Alençon, De primordiis, p.124
  6. Alessandro Luzio, “Vittoria Colonna” in Rivista storica Mantovana 1(1884) 1-54, p.26; See Eduardo d’Alençon, Tribulationes ordinis fratrum minorum capuccinorum primis annis pontificatus Pauli III (1534-1541), Rome, 1914, ch.ii, n.2 and note 2, p.6. His reference is G. Belluzzi (called the Sammarino), Diario autobiografico edito da P. Egidio, Napoli, 1907, p.39.
  7. Autogr. Archivio segreto Vaticano, Concilio di Trento, vol. xxxvii, f.177; Bartolomeo Fontana, “Documenti vaticani di Vittoria Colonna marchesa di Pescara per la difesa dei cappuccini” in Archivio della Società Romana di storia patria, 9(1886) p.355, n.1; Carteggio, pp.93-96; IFC II, n.2003, pp.193-195
  8. The editors of the Carteggio note here (p.93-94, note 1):Questa lettera è scritta in favore dei cappuccini. La riforma di Matteo di Bascio fatta nel seno degli osservanti aveva rincontrato inimicizie e gelosie; poi una bolla di Clemente VII del 3 di luglio 1528 aveva approvato l’unione dei seguaci di Matteo coi conventuali, permesso ad essi di ricevere nella loro compagnia chi volesse prendere il loro abito. Così era riconosciuto l’ordine dei cappuccini. Ma essi ebbero altri incagli da parte di Clemente VII, che li espulse da Roma. Vittoria Colonna e la duchessa di Camerino, Caterina Cybo da Varano, nipote di Clemente VII, si adoprarono presso questo per ottenere il ritorno dei cappuccini. Vittoria da Marino venne per questo scopo a Roma (Boverio, Annales ordinis Minorum Sancti Francisci qui Cappuccini vocantur, t.1, Lugduni, 1632, an.1534, xxiv.)Morto, poco dopo, Clemente, Paolo III, che gli succedette, proibì, il 18 dicembre 1534, ai cappuccini di ricevere osservanti o frati di qualunque altro ordine, sino alla celebrazione del capitolo generale degli osservanti. Poco dopo, il 12 di gennaio 1535, levò tale divieto, salvo per gli osservanti sino alla riunione del capitolo da tenersi verso la Pentecoste. Il 14 d’agosto rinnovò la proibizione generale di accogliere frati dell’osservanza ad altri. Ma, il 29 dello stesso mese, concesse facoltà ai cappuccini di ricevere gli osservanti assegnato alcuni luoghi over poter praticar una riforma.Questa lettera appare scritta mentre attendevasi una concessione del papa ai cappuccini di accogliere frati nella loro riforma. Essa è senza indirizzo, ma può dubitarsi sia stata mandata al Contarini, trovandosi in un volume di lettere scritte a lui, però avente sulla legatura uno stemma, che non è il suo. L’editore di essa la credette scritta in principio del gennaio 1535, il che è impossibile, non avendo il Contarini avuto la porpora che nel maggio. Quindi conviene assegnarla all’agosto prima del breve del 29. Ci rimane però sempre qualche dubbio nel giudicarla mandata al Contarini, dacchè questi non venne a Roma che nel principio del settembre (Dittrich, Regesten und Briefe des Card. G. Contarini, Braunsberg, 1881, p.78, n.264.) In fatti può sembrare non troppo naturale che da lui, lontano e appena allora entrato nel sacro collegio, Vittoria potesse sperare appoggio per i suoi protetti.Sulle relazioni del Contarini con Vittoria discorre Reumont, p.175 e segg. Ai lavori attorno a questo personaggio citati dallo stesso,p.312, è da aggiungere Dittrich, Gasparo Contarini, 1483-1542, Braunsberg, 1885.
  9. (Carteggio, p.95, note 1): Vittoria temeva che per entrare nei cappuccini fosse necessario chiedere licenza ai superiori (licentia obtenta), mentre nel breve della Penitenzaria apostolica del 18 maggio 1526 erasi permesso a Matteo da Bascio e a Ludovico e Raffaele da Fossombrone di vivere fuori del convento in qualche romitaggio, purchè avessero chiesta licenza al superiore, anche se questi non l’avesse concessa (licentia petita non obtenta).
  10. Carteggio, p.95, note 2: La bolla ricordata sembra sia quella di Eugenio IV dell’11 gennaio 1445.
  11. Religionis Zelus, 3 July 1528.
  12. This is a reference to Pentecost, and the time of the General Chapter.
  13. In Pietro Tacchi Venturi S.I., “Vittoria Colonna. Fautrice della Riforma Cattolica” in Studi e Documenti di Storia e Diritto, Roma, 22(1901), 173; Pietro Tacchi Venturi, “Vittoria Colonna e la Riforma Cappuccina” in Collectanea Franciscana, 1(1931) 38, note 2. Cf. Melchiore da Pobladura, “El Emperador Carlos V contra los capuchinos. Texto y commentario in una cartà in edita: Nàpoles, 17 ennero 1536” in Collectanea Franciscana 34(1964) 373-390. “Nos parece fuera de duda que el inspirador de la misive imperial fue el proprio cardenal Quiñones” (p.377.) This is not a new opinion. In the same article Pobaldura published a second letter addressed to Cardinal Campeggio (p.382), which appears next in this compilation.Pobladura notes (383): “Si bien la palabra “secta” etimológicamente no implica un significado odioso y peyorativo, en cuanto significa un minoria relgiosa y reformista que abraza un determindado modo de ver, pensar y vivir diferente del seguido tradicionalmente por la mayoríae por el grup predominante de asociados.” In his judgement (383) the historical and ideological context satisfactorily explains the Emperors unusual interest (384):El año 1525 la inquisición lanzaba el primer anatema oficial contra la “secta” de los alumbrados. Cuatro años más tarde (1529) tenia lugar el proceso contra su corifeo Perdo Ruiz de Alcaraz; la parte dispositiva y la motivación del proceso es como un eco del primer edicto. No se puede negar el influjo del franciscanismo en este movimiento iluminístico, aunque no conveniene exagerar u flasear su interpretación. Por sus no disimuladas simpatías con los alumbrados, algunos franciscanos – con razón o sin ella (no es el caso de discutirlo ahora) – fueron inplicados en su direcció y desarrollo. Es muy probable que el cardenal Quiñones – conocedor de la situación – hiciera pesar lo sospecha de una desviación peligrosa en el ánimo de su augusto amigo para forzarlo a tomar cartas en el asunto e impedir que la naciente reforma capuchina, animada y sostenida por una intensa vida spiritual, se estableciera en la península.At this point note the Venturi’s description (in the second article, p.40-41) of why Louis Fossombrone was opposed to a/the/that (?!) General Chapter of 1535. (On this question Cuthbert (The Capuchins I:92, note 12) alludes to Paul of Foligno who attributes Louis Fossombrone’s reluctance to his dislike for Bernardino Ochino.)Questo cappuccino, tra le fiere procelle l’una appresso dell’altra scatenatesi sopra di lui e dei compagni, erasi addimostrato, come a ragione fu scritto, “colonna ferrea e muro di bronzo” (Bullarium, I, 21, note). Ma nell’estate del 1535, cedendo ad una forte ventata di ambizione, incominciò ad uscire di cervello, e a rivolgere le armi contro quella sua religione vero la quale erasi pure acquistato insigni benemerenze. Mentre i padri più gravi giustamente richiedevano che, dopo sei anni di assoluto governo, convocasse il capitolo per nominare il Vicario Generale e i Definitori, fra Ludovico si dette a tergiversare e ad andar per le lunghe, dando continuamente parole senza mai venire ai fatti. Intervenne la Marchesa esortandolo a soddisfare l’onestà domanda; vi interpose anche gli uffici d’una saggia consigliera, la Duchessa di Tagliacozzo; ma finalmente veduta riuscir vana ogni dolce maniera, ricorse a Paolo III che ingiunse al frate di convocare il capitolo. Questo infatti si tenne in Roma, a Sant’Eufemia, nel novembre del 1535, e il povero Ludovico non venne eletto neppure definitore. Per quest’ esclusione punto e ferito nel vivo dell’amore proprio non resse più e passò ad impugnare la scelta del Vicario Generale, caduta nella persona del pio fra Bernardino d’Asti. Trasse dapprima dalla sua il Cardinale di Trani Gian Domenico de Cupis, che non ancora aveva appreso a ben conoscere l’uomo, e forte per di più del favore del Quiñones, cui le tortuose vie di fra Ludovico davano animo e modo a continuare nell’ opposizione ai Cappuccini, riuscì ad ottenere un altro breve pontificio che ordinava si radunasse un nuovo Capitolo per l’anno seguente, a fine di procedere a nuove elezione. Venuta che si fu agli scrutini sull’entrar dell’aprile, fra Bernardino d’Asti e i definitori, eletti l’anno innanzi, vennero tutti unanimemente rieletti.

    One should note that the author relies upon Boverius as his Capuchin historian. This is probably due to the fact that the previous Chronicles remained in manuscript form until the twentieth century, whereas Boverio’s Annales Minorum Capuccinorum were printed, and even translated from Latin and published in Italian in the first half of the 1600’s.

    On Boverio’s particular approach, Stanislao da Campagnola (Le origini francescane come problema storiografico, seconda edizione riveduta e aggiornata, Perugia, 1979, p.104-105) :

    Incamminata su questa strada, la storiografia cappuccina stentava a trovare dimensioni più reali e più credibili, e soprattutto meno polemiche. E poi, incaricato di “continuare” la storia dell’ordine, non si comprende perché ogni storiografo si sentisse in dovere di riprendere il racconto dalle origini. È ciò che farà, ancora una volta, Paolo Vitelleschi di Foligno negli anni 163-1637 con la sua nuova Historia che non giunse a termine perché nello stesso anno 1627, quando ormai era uscito il primo volume degli Annales fratrum minorum del Wadding, l’incarico veniva passato a Zaccaria Boverio di Saluzzo che nel 1632 pubblicava il primo opera storica cappuccina apparsa alle stampe e, si noti, in linga latina.

    Questi Annales del Boverio, senza dubbio importanti per la storia cappucina, non entrano nell’ambito delle nostre considerazioni se non in quanto rispecchiano nell’ Apparatus e nell’esposizione dei fatti sotto l’anno 1524, la stessa temperie in cui era maturata la precedente storiografia della nuova famiglia francescana. Essi denunciano i naufragia dell’osservanza per poi mostrare, allegando le profezie nonché le perdiodizzazioni del Clareno, che riforma cappuccina, oltre che essere stata realizzata seguendo le intenzioni di Francesco, era veramente quella “attesa” per riportare il francescanesimo allo spirito delle origini.

    Campagnola continues in note (p.103, n.105):

    Per alcune intemperanze verbali, denunciate già dal Wadding (cf. Annales minorum, ad annum 1525, n.xix-xx), l’opera del Boverio sollevò proteste, per cui nel 1651 incorse nella censura ecclesiastica che ne chiese l’espurgazione, sia nell’originale latino che nell’edizione italiana apparse nel frattempo…Secondo il Wadding gli Annales capuccinorum, particolarmente il primo volume, offendevano l’osservanza, e gli sembrava che il Boverio “ita ut plus ferme operis insumpisse videatur in deprimendo observantum instituto, quam in extollenda capuccinorum sodalitate” (Annales minorum, ad annum 1525, n.xxx). In realtà, occorre notare che il Boverio si era mostrato assai più cauto e moderato di alcuni suoi predecessori nella mansione di annalista, le cui opere non suscitarono discussioni per il fatto che rimasero per secoli in manoscritti ad uso interno della famigli cappuccina, senza conoscere celebrità. Si sa tuttavia che il Bellintani nel 1597 era in trattative con un tipografo veneziano per la stampa della sua Historia, trattative poi fallite. Per un inserimento di questi scritti cappuccini nella storiografia dell’epoca si veda S. Bertelli, Ribelli, libertini e ortodossi nella storiografia barocca, Firenza, 1973, 142-144.

  14. From Melchior de Pobladura, “El Emperador Carlos V contra los Capuchinos. Texto y comentario de una carta inedita: Napoles, 17 enero 1536” in Collectanea Franciscana 34(1964) 373-390, p. 382
  15. Ivi. Cart. Farn. Fasc. 252 autogr. This letter and the next are not found in VC’s 1536 correspondence in the second edition of the Carteggio. Pietro Tacchi Venturi published this letter in “Vittoria Colonna. Fautrice della Riforma Cattolica” pp.174-175. He indicates that no trace of the date remains. The context suggested to him a date prior to the April chapter and its consequent renewed elections, after Ludovico Fossombrone had the Nov 1535 chapter elections rescinded by Papal authority. Ambrosio Recalcati was apostolic protonotary at the time.
  16. From Cuthbert of Brighton, The Capuchins. A contribution to the history of the Counter-Reformation, London, Sheed and Ward, 1928, Vol.II, p.441-447. Also in I Frati Cappuccini II, nn.2007-2015, pp.201-208 with variations in spelling; Edoardo Alençon (a cura di), Tribulationes ordinis fratrum minorum capuccinorum primis annis pontificatus Paul III (1534-1541), Haec Brevis Illustratio Monumentorum, editorum vel ineditorum, quae ad dicti Ordinis historiam spectant, correcta et ampliata secundo prodit, Roma, Curia Generale, 1914, p.27-31. There are two copies in the General Archives by the same hand.Following Eduardo d’Alençon (Tribulationes, p.24-27) Cuthbert and Cargnoni, I Frati Cappuccini. Documenti e testimonianze del primo secolo, vol.II, Perugia, EFI, 1988, p.199+ believe the letter is addressed to Paul III. D’Alençon gave it a date, 29 February 1536. D’Alençon notes: In letteris Victoriae ad Paul III, sub die 16 sept. 1528, editor (Pietro Tacchi-Venturi in “Vittoria Colonna fautrice della riforma cattolica” p.32) unam vocem supplet et animadvertit: “sembra però che manchi qualche parola rimasta nella penna alla scrittrice.” “Tribulationes” 27, n.2. However Tacchi Venturi’s comment (p.178, n.1) applies to Vittoria Colonna’s letter from Lucca to Paul II, 16 Sept 1538: “Stava con somma consolation…” also in this compilation. But since it is without a title, or date, one view held that it may have been a draft used for a letter to Contarini. While this letter may have been a draft, the writer elsewhere addresses ‘Your Holiness.’ It seems plausible that the friars would have helped Colonna compose this letter. Its careful, almost homiletic, structure and tone not, I believe, properly hers. It is not only plausible that the friars would want to assist her with such a letter, but have also take the initiative to have her make such an intervention. Given the opportunity, it is unimaginable that the friars would not have wanted to help in the composition of the letter. That their assistance would have been welcome, especially that of Ochino, is also likely, particularly if when we keep in mind Ochino’s familiarity with her regarding Louis Fossombrone and the Chapter at this time. Little imagination would be needed to sense in this letter something of her devotion towards him. In light of these observations, I would suggest that the Cedulo may have given her (and perhaps to others, both friars and influential lay-patrons) to help in the defence of the nascient order. Is it not plausible the Ochino would have been important in Colonna’s formulation of her letter. While there seems to be a literary dependence between Colonnas’ letter and the Cedulo (included in this compilation) of the friars, I suggest the opposite chronological order to that given by Cargnoni below in this note, if not only possible, but even more plausible. While a more acceptable, and consequently ‘traditonal’ view understood Bernardino d’Asti as it author, could the author have been the other Bernardino?]Cuthbert makes the following note (op.cit. I:p.101-102, note 33):The original letter sent to Paul III is yet to be discovered, but a transcipt of it is in the General Archives of the Capuchins. Until the recovery of this transcript by P. Edouard d’Alençon, the letter was attributed by Bernardino d’Asti. Boverious (anno 1537, I) gives an inaccurate Latin translation and divides it into two parts, which he treats as separate documents. The first part he describes as a letter sent to Cardinal San Serverino in 1536, the second part as sent to Paul III in 1537. Somewhat naively he surmises that Paul III was too busy at the time to reply to it! Boverius had before his eyes the text given by P.Paolo da Foligno in his MS Chronicle (fol.208-211). Paolo ascribes the document to Bernardino d’Asti. What led Boverius into dividing the document it is impossible to say. The letter has been published from the transcript in the Capuchin Archives by P. Edouard in Tribulationes, pp.27-31; preceded by a critical disquisition which leaves no doubt as to its authorship and the date when it was written. Cf.. ibid., pp.24-27The reader should note that San Benedetti’s translation of Boverius’ Annales only includes the first section of the document (included below as the Cedulo of Bernardino d’Asti.) Apart from his free translation with adjustments and additions, Sanbenedetto’s translation is also an abridged version of the original Latin text.

    The Chronicle of Paolo da Foligno includes the text in MHOMC VII, pp.345-351. There the editor, Melchior of Pobladura, notes:

    Praesens informatio latine versa et aliquantis per adulterata invenitur in Bov.I: a.1536, n.xxii-xxvii, p.200; a.1537, n.1. p.233. [Ed: The first section is the schedula of Bernardino, found in the Italian version: Anno 1536, n.xvii – xxii, pp.301-304. As noted above, Sanbenedetti omits the first section, along with other documentation, at the beginning of anno 1537.] Ad auctorem autem informationis quod attinet Eduardus Alenconiensis, postquam et ipse illam Bernardino Astensi tribuerat, re maturius perpensa, illam adiudicare non dubitavit Vitoriae Colonna. Porro Eduardus Alenconiensis, qui nostrum codicem novit et prae manibus habuit, informationem ed alio examplari excerpsit et edidit et illustravit. Cf. Eduardus Alenconiensis, Tribulationes, p.27-31.

    Cargnoni adds, “Questa lettera è stata immediatamente utilizzata dai Cappuccini per difendersi contro gli avversariI Frati Cappuccini II, p.199, Noting its deliberate logic and homilietic tone, I would ask three questions. Is it not likely that the friars encouraged Vittoria Colonna, if not initiated her intervention? Is it not likely that they would have wanted to assist her in the composition of its arguments (if not necessary that they do so)? Is it not likely that shw would have welcomed their assistance, particularly that of Ochino who enjoyed a privileged relationship with her at the time? Is it not likely that serval copies of the Cedulo were a confidential circulating draft as a guide for the writer’s petitions, and of course, VC received the same. That multiple copies were made is suggested by the fact that two copies of the cedulo, by the same hand, are found in the general Archives.

  17. Cargnoni: This repeated chronological clue suggests a date of 1536.
  18. Cargnoni: The second copy says: non so che nove obedientie se sonno, ultra cheIFC II, 202, n.8
  19. Cargoni: According to the Bull Omnipotens Deus [12 June 1517] the master general of the Conventuals had to be confirmed by the the minister general of the whole Order. According to Religionis Zelus (3 July 1528) the Capuchins were subject to visitation and correction by the Conventual minister in whichever province the Capuchins were to find themselves.
  20. Cargnoni reads gli (sli) encresce, while the second copy has osli encresce. IFC II, 202, n.12
  21. Cargnoni (p.203, note 16):Queste profezie sono state sentite molto dei primi cappuccini come ne fan fede le prime cronache. Si rifanno alla tradizione degli Spirituali e sono legate sopra tutto a Frate Leone e a Frate Corrado da Offida. Una accenna si trova nella Speculum perfectionis, 71a (interpolatio) (FF n.1765; Fontes Franciscani p.1967-1968; SF3: 71 interpolation, p.318.) Nel cap. 35 della Leggenda Antica del Minocchi recentemente studiata dal Marini si parla di questa profezia come di una informazione di Frate Leone e Corrado da Offida. Vi si legge: “Et essi [i demoni] metteranno tanto scandalo intra li frati et lu mondo, che nullo serrà che possa portare l’habito tuo, e non per le selvi […] Et allora multi fuggerando a li deserti […] Et sancto Francesco disse:- De que viverando li mey frati, li quali habitarando pe le selve? Al quale disse Christo:- Io pascerò loro, si como pascii li figlioli de Israel nel deserto de manna.-“ (cf. Minocchi, La Leggenda Antica, Firenze, 1905, 73). La sostanza di questa profezia si legge anche in Actus 65; De Conformitate, iv, 428,15,30, etc.
  22. Cuthbert: Thus the reading the MS. in Capuchin General Archives. Père Edouard d’Alençon suggests the reading “in questa.” The Capuchins II, 447, n.1
  23. Carteggio, 110-123 from Archivi Segreti Vaticani, Concilio di Trento, vol. xxxvii, f.170. The Carteggio follows Bartolomeo Fontana, “Documenti vaticani di Vittoria Colonna Marchesa di Pescara per la difesa dei Cappuccini.” Also in IFC II, nn.2020-2031, pp.216-227 reading from the same document, but noting a new pagination in the codex: f.175r-181r, replacing 170r-176r. See also Benedetto d’Alatri, “Vigorosa apologia. Lettera di Vittoria Colonna al Cardinal Contarini” in L’Italia Francescana 22(1947)107-112[: Originally the letter was addressed to the commission of cardinals. The plural form still remains in other parts of the letter.] Costanzo Cargnoni: This letter refers to the Capuchin chapter held in April 1536 and to the pontifical Brief that confirmed it. The letter predates the Bull of Paul III on 25 August the same year which confirmed the recognition of the Capuchins and placed their Vicar under the General of the Conventual Friars who was thus recognised a leader of the whole Order of Saint Francis. At this time a grave danger menaced the Capuchin reform, namely the announcement of an Observant reform. Its general worked to have the pope put the Capuchins and the observants under the same leadership. The Pope left the matter to a commision of cardinals, [to whom this letter of VC is addressed. The commision consisted of Quiñones (Santa Croce), Lorenzo Campeggi and Antonio Pucci] The vicar General of the Capuchins, Bernardino of Asti presented a request to one of the cardinals, Antonio San Severino. This request may be compared with this letter of VC. The text of this request is in Boverius, Annales Minorum Cappuccinorum, an.1536, XVII-XXII. [: The parallels between Vittoria’s letter and the Cedulo in Boverius has suggested to some that VC’s shaped the Capuchin apologia and identity found in the Cedulo. More simply, if the text of Boverius is authentic, could the parallels also suggest that the Capuchins shaped Vittoria’s apologia and idea of their identity? See above, p.15, n.1]
  24. Cargnoni reads suquire
  25. Cargnoni: sappe
  26. Cargnoni: sanno
  27. Cargnoni: roina
  28. Cargnoni: paura
  29. Cargnoni: Vae
  30. Cargnoni: includes an elipsis at this point.
  31. Cargnoni: sapeno
  32. Cargnoni: Se quelli che l’Observanzia
  33. Cargnoni: non
  34. Cargnoni: suplizi
  35. Cargnoni: quell’argento
  36. Cargnoni. roina
  37. Ivi. Cart. Farn. 252, Autogr. Tacchi Venturi, op.cit. p.174-175. The editor gives his reasons for the dating (p.167) and says that “ Il contesto mette fuor di dubbio che fu diretta al Recalati.” p.174, note 2. Also in IFC II:nn.2018-2019, pp. 212-214, where Cargnoni also gives the same year.
  38. Carteggio, 106-110. The editors refer to the original autograph in the State Library of Florence, and then to Saltini. Saltini’s version dates the letter ..Da Roma a d’ 17 giugno 1536, see Rime e Lettere di Vittoria Colonna, p.410. The footnotes are those of the editors of the Carteggio.
  39. The Duchess is Giovanna d’Aragona, the wife of Ascanio Colonna
  40. The friary founded by Luois Fossombrone in 1529.
  41. Cardinal Francesco Quiñones de Luna, the minister General of the Order of Saint Francis, thence the cardinal with the title of Santa Croce in Jerusalem,. In 1534 he was nominated protector of the Order. He opposed the Capuchin reform.
  42. The Friars of the Observance.
  43. Giovanni Domenico Cupis di Montefalco, called the cardinal of Trani, to whom Louis turned after the Chapter of 1535, and who participated in the chapter of 1536 on the pope’s behalf.
  44. Fra Bernardino Ochino da Siena had urged VC to have Louis Fossombrone call the chapter of 1535. He joined the Capuchins from the Observants in 1534. That year he preached the Lent in Rome at San Lorenzo in Damaso.. Cf. Reumont, p.147,151,158.
  45. So called by Boverius. See footnote for the letter of Vittoria Colonna to Paul III, 29 February 1536. The so called “Cedula” of Bernardino d’Asti for the Cardinal of San Severina is included for comparison with Colonna’s letters: La devotion che ha and Dieci anni sono, especially the latter. In the Latin edition of Boverius, the document has been divided in two. Sanbenedetti’s translation and abridgement includes only the second part, transcribed here.
  46. Carteggio, 137-140.
  47. Don Ferrante Gonzaga, signore di Guastalla, vicerè di Sicilia, fratello del duca Frederico e del cardinale Ercole.Sul suo desiderio di avere predicare a Palermo Bernardino Ochino, vedi lett. di Nino Sernini al cardinale Gonzaga, Roma 1° giugno 1537:Don Ferrando mi ha scritto che desiderarebbe molto quest’anno haver frate Bernardino da Siena che predicasse in Palermo, et perchè questo suo deiserio havesse effeto, S. Ex. Ne scrisse al detto frate, il quale rispose modestamente, come quella per la sua lettera vederà. Io ho pensato che per ottener questo non vi sia miglior mezzo che V.S. Ill.ma et la S.ra Marchesa di Pescara, da che si truova in coteste bande; et per volere in questo messo intertenere la practica, ne ho parlato a M. Carlo de Fano come a suop amico, acciochè gli scrivesse, il quale mi ha detto che pensa saremo assai tardi, perchè crede habbia già promesso al vescovo di Verona …[Luzio Alessandro, Vittoria Colonna in Rivista storica mantovana, 1(1884), 1-54] Cf. letter of Carlo Gualteruzzi a VC, n.LXXXIV in Carteggio.
  48. Ferrante Sanseverino principe di Salerno.
  49. Antonio Sanseverino.
  50. Alfonso d’Avalos d’Aquino d’Aragona (* Ischia, 25 May 1502; †Vigevano, 31 March 1546), the second marchese del Vasto, and third marchese di Pescara. Married 26 November Donna Maria d’Aragona, daughter of Don Ferdinando, first Duke of Montalto. (www.sardimpex.com./files/Avalos.htm 10 March 2007) Era governatore civile e militare del dominio di Milano dal febbraio 1538, e vi durò sin al 1546, anno della sua morte. Pietro Tacchi Venturi, Stopria di Compagnia di Gesù in Italia, vol. I/2: Documenti, 2° ed. correta ed ampliata, Roma, 1931, p.127, n.1. Firpo e Marcatto, Processo Inquisitoriale Cardinale Morone II, p.950, n.88 note that he was also marchese di Pescara.
  51. L’Ochino predicò a Perugia nell’avvento del 1536 in San Lorenzo, come ricavasi da cronache contemporanee, p.es. da quella recentissamente stampata dal Fabretti, Cronache della città di Perugia, Torino, 1888, vol.II,p.183.
  52. In San Giovanni Maggiore nella quaresima del 1536, dove lo udì sovente Carlo V.
  53. Cf. Carteggio, lettera LXX.
  54. Ora Monte San Giovanni Campano (circondario di Frosinone), vicino ad Arpino, non nel Ferrarese o nel Bolognese, come dissero il Campori e il Reumont (p.163). Essa era partita in quei giorni da Arpino. La data dell’8 aprile 1537, che il Frizzi (Mem. Per la storia di Ferrara, t.IV, Ferrara, 1796, p.313), senza addurre testimonianze, assegnò all’arrivo di Vittoria in questa città, ripetuta dal Campori e dal Reumont (p.158, 31), deve adunque essere respinta.
  55. Tacchi Venturi, P., Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: Documenti, Roma, Civiltà Cattolica, 1931, 116-117. Page 115, note 1: [Transl.] Ascanio Colonna was duke of Paliano and of Tagliacozzo, and the father of Marcantonio, and husband of Giovanna d’Aragona. Together with his sister he was a great admirer and devotee of Ochino, prior to his apostacy. The part he played so resolutely to purge him from the stain of Lutheranism, after the sermons in Naples in 1536, remained unknown to Benrath (p.67+) and to everyone else concerned with the life of the famous Capuchin. Because of his ferent devotion to the friar, who became an apostate in 1542, Ascanio fell under suspicion of having little true faith. However, he belongs among those who, through ignorance more than anything else, and not being of Catholic sentiment in some points that had not yet been defined and declared by Trent, did not intend nor ever wanted to be separated from the Church of Rome in order to join the reformed sects. The orthodoxy of Ascanio is attested by the friendship he had with St. Ignatius up to his death. Cf. Polanco, Chron., III 427, IV 188.
  56. Ibid. note 2, p.115-116: Ambrogio Recalcati, a Milanese, was the protonotary whom Paul III favoured greatly until December of this same year, he fell out of grace and was detained in Castel Sant’Angelo. (The author then includes two sources of material, including a contemporary, who expressly recalls that peculato was the cause of Recalcati’s downfall. He was touching the till it seems – this at a time when the Holy See was experiencing a financial crisis.)
  57. In Pietro Tacchi Venturi S.J., Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: Documenti, Roma, Civiltà Cattolica, 1931, pp. 116-117.
  58. Ibid p.117, note 1: Evidente e ben fondata allusione alle recenti nomine di cardinale, quali furono lo Schönberg, il Fisher, il Contarini, il Carafa, il Sadoleto, il Polo, l’Aleandro, ed agli altri prelati, come il Cortese, il Fregoso, il Giberti, chiamati a Roma per attendere al gravissimo negozio della riforma. Cf. ibid. part I, p.16+.
  59. ibid. p.117 note 2: La Marchesa di Pescara, cioè Vittoria, sorella di Ascanio, fautrice della riforma dei Cappuccini e del loro Generale, l’Ochino, aveva stabilito di passare allora a Gerusalemme alla visita dei Luoghi santi. Vedi la sua lettera del 12 giugno 1537 al card. Ercole Gonzaga, in Colonna, Carteggio, p.143. Cf. pure, ivi pp. 137-140 l’altra sua dei 22 aprile 1537 al medesimo, nella quale difende l’Ochino dall’accuse mossegli contro dopo la predicazione della quaresima in Napoli. Cf. Reumont, Vittoria Colonna, pp.151-172.
  60. Carteggio, 140-143
  61. Il cardinale Polo mandato dal papa nei paesi d’altralpe. Egli doveva risiedere nel Belgio, salvo che potesse far ritorno nel suo paese, dond’era partito, essendo caduto in odio ad Enrico VIII per l’affare del divorzio.
  62. Quando il Polo venne in Francia, l’ambasciatore inglese chiese a Francesco I di consegnarglielo. Il re rifiutò ed invitò il Polo a continuare celeremente il suo viaggio verso i Paesi Bassi. Intanto Enrico VIII dichiarava traditore il cardinale, ne metteva a prezzo la testa, e faceva offerte all’imperatore per averlo nelle mani. Il Polo allora da Cambrai si recò a Liegi (giugno), e nell’agosto fu richiamato a Roma.
  63. Fatta da Francesi il 13 aprile 1537.
  64. Lattanzio Tolomei da Siena, cugino di Claudio, uomo dotto ed amante delle arti. Cf. Reumont, p.188.
  65. Il marchese d’Aguilar, ambasciatore cesareo a Roma. Egli voleva far andare l’Ochino a Firenze, per compiacere a Margherita d’Austria, figlia naturale di Carlo V, vedova del duca Alessandro de’ Medici, assassinato il 7 gennario de quel medesimo anno.
  66. John Calvin (10.07.1509 – 27.05.1564) visited Renata da Ferrara sometime between March and June 1536. John C. Olin, “Calvin, John” in New Catholic Encyclopedia vol.2, p.1088.
  67. Carteggio, p.143-145
  68. Carteggio p.143-144
  69. Called by the pope for 23 May 1537.
  70. Ercole II d’Este, who governed from 1534 to 1558.
  71. Carteggio, p.144-145
  72. Archivio di Stato in Napoli, Carte Farnesiane fasc. 252. Autogr. P. Tacchi Venturi, “Vittoria Colonna. Fautrice della Riforma Cattolica,” p.177
  73. The first Sunday of Lent 1537 was 14 February. The first Sunday of Advent that year was 2 December.
  74. Margherita d’Austria, the natural daughter of Charles V, became the widow of duke Alessandro de’ Medici on the night of 6 January 1637. Tacchi Venturi, p.178, note 1.
  75. Costanzo Cargnoni, I Frati Cappuccini II, n. 2037, pp. 235-236
  76. Cargnoni notes: This refers to Ercole II d’Este (1509-1559), son of Alfonso I and Lucrezia Borgia, fourth duke of Modena, Reggio and Ferrara, married to Renata of France, daughter of Louis XII.
  77. The truce between Carlos V and Francis I, to which Vittoria alludes, is that of Monzone
  78. Alfonso d’Avalos, marquis of Vasto
  79. “bronta,” according to Cargnoni, means error or mistake. However, I believe the term has a stronger sense of protest or complaint.
  80. This letter is published in a section containing “documents on Lutheran propoganda in Italy” in Pietro Tacchi Venturi, Storia della Compagnia di Gesù in Italia narrata col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: documenti, second edizione corretta ed ampliata, Roma, Civiltà Cattolica, Sept. 1931, pp. 118-119. On page 118, note 1, Tacchin Venturi observes: Gian Pietra Carafa, to whom this letter is addressed, since 1532 had praised to Clement VII the zeal of fra Martino, provincial of the Conventual Friars of the Treviso Province. He wrote of him as a suitable and ideal inquisitor. This testimony can be found in Caracciolo, Vita et gesti di Giovan Pietro Carafa, ms. in the Biblioteca Casanatense (ms. 349), lib. ii cap. ix, fol. 142. Cf par. I, 36, 73-75. Tacchi Venturi sources the letter: Arch. di Stato in Napoli, Carte Farnesiane, fasc. 744 (originale). Nel verso, di altro mano: 1538. Magistri Martini Tarvini, ministri provinciae sancti Antonii ordinis Minorum Conventualium, Venetiis, 22 februari – Romae, 10 martii, De Galateo et Bartholomaeo Fontio haresticis.
  81. Girolamo Verallo, elevato alla propora da Paolo III, 8 April 1549.
  82. Bartolommeo Fontana publish both briefs in “Documenti Vaticani contro l’eresia luterana” in Archiv. della Società Romana di storia patria15(1892), pp. 157+
  83. Tacchi Venturi observes: “The record of Francesco Contarini, compared with the pontifical briefs of 26 July 1540, demonstrate that Francesco’s character of favouring heretics was an old failing of his already.”
  84. Clement VII had exhorted Carafa to quickly carry out the trial against Girolamo Galateo since 9 May 1530. (See the Brief published by Fontana, “Documenti Vaticani” p.111. Galateo was later condemned to life imprisonment and his life ended in jail under Julius III. Cf Gerdes, p.266; Benrath, Gesckichte(sic), p.8 +
  85. Four briefs dealt with the matter of the heretic Bartolomeo Fonzio in 1531, 1532, 1536 and 1537. See Fontana, “Documenti Vaticani” pp. 113, 130, 148, 157.
  86. In Pietro Tacchi Venturi, Storia della Compagnia di Gesù in Italia narrata col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: documenti, second edizione corretta ed ampliata, Roma, Civiltà Cattolica, Sept. 1931, pp. 120-122. Tacchi Venturi sources the letter: Arch. di Stato di Napoli, Carte Farnesiane, fasc. 744 (originale). Nel verso, accanto al recapito, di altra mano: 1538. Depositio magistri fratris Martini, ministri provinciae Sancti Antonii, apud legatum venetum, contra Bartholomeum Fontium haereticum, die 22 februarii.
  87. Carteggio, p.156-158
  88. Vittoria, dopo essere rimasta circa dieci mesi a Ferrara, ne partì il 22 febbraio 1538 per Bologna, com si raccoglie da una lettera firmata Rinchinos al cardinale Gonzaga, citata dal Campori (p.12) e pubblicata dal Luzio (p32, n.1), che avvertì quel nome essere lo pseudonimo del cardinale Benedetto Accolti, detto il cardinale di Ravenna. Carteggio, 156, n.2
  89. Margherita of Austria, widow of Alessandro de’ Medici.
  90. L’Ochino era stato nell’agosto 1537 a Ferrara, e vi aveva fondata una casa di cappuccini.
  91. Alfonso Trotti?
  92. Cargnoni, I Frati Cappuccini II: n.2059, p. 266.
  93. Giuseppe Guido Ferrero (ed.), Lettere del Cinquecento, UTET, Torino, 1948, 1967, p.425-427.
  94. He alludes to the underhanded hostility of the papal protonotary Amrogio Reclacati because of which Guidiccioni was recalled from the nunciature in Spain in 1537.
  95. Sebastiano del Piombo
  96. Perhaps Baldassare Peruzzi.
  97. Lorenzo Foggini, Guidiccioni’s secretary.
  98. Near Lucca, where Guidiccioni had a villa.
  99. http://www.bibliotecaitaliana.it/xtf/view?docId=bibit000237/bibit000237.xml&chunk.id=d3556e595&toc.id=&brand=default (downloaded 1 November 2008).
  100. Archivio di Stato in Napoli, Cart. Farnes. 252. Autogr. P. Tacchi Venturi, Vittoria Colonna. Fautrice della Riforma Cattolica, p.178-179
  101. Tacchi Venturi,ibid. notes (p.178, note 1): Ho supplito imperio; sembra però manchi qualche altra parola rimasta nella penna alla scrittice.
  102. The paper is torn in these places.
  103. 1535-1542? La nostra congettura (Carteggio, p.241-245) che questa e la seguente lettera (the next in this compliation), continuazione della presente, siano dirette all’Ochino, il cui nome fu taciuto nella stampa fatta ne 1545, dopo la sua fuga, ci sembra non troppo arrischiata, badando agli epiteti della sottoscrizione appropriati alla relazione della marchesa col cappuccino. L’appellative poi di Reverendo osservandissimo Padre mio conviene ad un frate. Certo è che non sono dirette nè al Polo, nè al Contarini, nè al Morone, nè ad altro prelato, con cui la scrivente adoperava il titolo di monsignore.
  104. Carteggio, p.245-246, 1535-1542, to Bernardino Ochino?
  105. The adulteress of the Gospel. The editors of the Carteggio see this letter as a continuation of the previous letter above.
  106. Dalle lettere di M. Pietro Bembo, Vinegia, 1552, col. IV, p.98. Ccrteggio, p.169
  107. Delle letter di M. Pietro Bembo, Venegia, 1552, vol. IV, p.99; Carteggio, p.171-172
  108. He was made cardinal 24 March 1539.
  109. In 1539, the first Sunday of Lent was 23 February.
  110. Costanzo Cargnoni, I Frati Cappuccini II:n.2060, pp. 266-267
  111. Delle lettere di M. Pietro Bembo, Vinegia, 1552, vol. IV, p.101; Carteggia, p.173-174
  112. Costanzo Cargnoni, I Frati Cappuccini II: n.2061, pp. 267-268
  113. In the English translation of Karl Benrath, Bernardino Ochino of Siena: a Contribution towards the History of the Reformation,trans. Helen Zimmern, 1876, p.17 the author says, “We possess another description of him from the samer period of his life” (i.e. in his early 50’s). Benrath also notes that these observations come from an opponent to Ochino, Antonio Maria Graziano in Vita Cardinalis Caommendoni, ii, cap.9. Benrath specifies the reference no further, but mentions that Grazian later became bishop of Amelia. The description: “Everthing about Ochino contributed to make the admiration of the multitude overstep all human bounds, – the fame of his eloquence, he prepossessing, ingratiating manner; his advancing years, his mode of life; the rough Capucin [sic] garb; the long beard reaching to his breast; the grey hair; the pale, thin face; the artificially induced (?) [sic] aspect of bodily weakness; finally the reputation of a holy life. Wherever he was to speak the citizens might be seen in crowds; no church was large enough to contain the multitude of listeners. Men flocked as numerously as women. When he wnet elsewhere, the crowd followed after to hear him. Ochino was honoured not only by the common people, buyt by princes and kings. Wherever he came, he was offered hospitality, he was met at his arrival, and escorted at his departure, by the dignitaries of the place. He himself knew how to increase the desire to hear him and the reverence shown him. Obedient to the rule of his order, he only travelled on foot – he was never seen to ride, although his health was delicate and his age advanced. Even when Ochino was the guest of nobles – an honour he could not always refuse, – he could never be induced, by the splendour of the palace, fess, and ornament, to forsake his mode of life. When invited to table, he eat [sic] of only one very simple dish, and he drank little wine; if a soft bed had been prepared from hi, he begged permission to rest on a more comfortable pallet, spread his coleak on the ground, and laid down to rest. These practices gain him incredible honour throughout all Italy.”
  114. Carteggio, p.182 – 183
  115. From Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena. Ein Beitrag zur Geschichte de Reformation. Mit original-Dokumenten, Porträt und Schriftprobe, Braunschweig, Schwetschke und Sohn, 1892, p. 277.
  116. In Pietro Tacchi Venturi S.J., Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: Documenti, Roma, Civiltà Cattolica, 1931, pp. 122-124. A detailed report on the preaching Giulio della Rovere Milanesi, calling for action so as to prevent an irremidial spread of heresy in the Veneto.
  117. Gian Andrea Giustiniani
  118. Da questo dato si ricava che fra Giulio Milanese, o della Rovere, venne sostenuto prigione per lo meno più di tredici mesi, constandoci che ai 21 novembre 1541 era ancora carcerato in Venezia.
  119. Tacchi Venturi’s edition reads ‘1545.’
  120. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp. 277-278
  121. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp. 278. The editor gives the date in the title as 27 September 1540
  122. In Pietro Tacchi Venturi, Storia della Compagnia di Gesù in Italia narrata col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: documenti, second edizione corretta ed ampliata, Roma, Civiltà Cattolica, Sept. 1931, pp.125-127. The editor sources the letter to the Arch. di Stato in Parma, Carte Farnesiane, 1540 (originale). Nel verso della seconda carta, di mano di un segretario: «40 Vormatia Dal Vesc.o di Modena alli .xxvij, di dicembre. Ricevuta alli .x.v. di gennaro 1541.»
  123. Tacchi Venturio notes: Marcello Cervini received the bishopric of Nicastro on 18 August 1839 and was made a cardinal, with the title of Santa Croce in Gerusalemme on12 December of the same year.
  124. In Massimo Firpo – Dario Marcatto, Il processo inquisitoriale del cardinal Giovanni Morone. Edizione critica, Istituto storico italiano, Roma, 1984, vol. II: 949-950.
  125. Cfr. Tommasino de Bianchi, called Lancillotti, Cronaca modenese, 12 vols., Monumenti di storia patria delle provincie modenesi. Serie delle cronache.” Voll.ii-xiii, Parma, Fiaccadori, 1862-1884: Vol. vii, page 19 (28 February): “Questa mattina per el lunedì de carnevale ha predicato in domo frate Bernardino da Sena dell’ordeno de capuzoli, quale vene da Bologna e va a predicare a Milano, et gera tanta gente che apena se ge poteva stare, et gera tutta la Cademia, la quale voleva ch’el restasse a predicare in Modena questa quatragesima, e ch’el padre del Carmene ch’è venuto a posta ge daria el loco, et havevano persuaso ditto padre a lasarlo predicare et era contento ch’el predicasse, et è stato persuaso el signor governatore con el signor massare e molti altri, etiam li Accademici, andare a Santo Petro, dove è alloggiato detto frate Bernardo, a pregarlo ch’el volesse restare a predicare questa quatragesima, e cussì è stato pregato dal priore del Carmeno in nome del suo predicatore e da misser Carolo Codebò e da molti altri cittadini, et non ha voluto, alegando ch’el non vole desordenare el loco dove lui ha da andare a predicare a Milano, e cussì se ne sono tornati a casa: e a questo ge sono stato presente io, Thomasino Lanceloto presente scriptore. A mi pare che queste cose non procedano con vera fede, ma per gara: perché li frati de Santo Augustino non pono predicare, non voriano li soi fautori che quello del Carmene (ch’è uno valente home detto el Granella) predicasse e impedirlo per tutti li modi che potesseno. Al mio parere ogni homo doveria impaciarse delli suoi offitii a lasare governare li altri ali suoi offitii, et el temporale non se doveria impaciare del spiriutale.” Sugli echi della predicazione modenese dell’Ochino si veda la bena nota lettera inviata il 3 luglio 1542 da Giovanni Grillenzoni al cardinale Sadoleto, cfr: F. Dittrich, Regesten und Briefe, cit. p.394.
  126. Ambrogio Cavalli (eremitano). This extract is from Ugo Rozzo, “Vicende Inquisitoriale dell’eremitano Ambrogio Cavalli (1537-1545)” Rivista di storia e letteratura religiosa 16(1980) 223-256, pp-232-233
  127. Castellazzo
  128. Agostino Mainardi (eremitano)
  129. Padovano de Grassi da Barletta, OFM Conv,
  130. In Massimo Firpo – Dario Marcatto, Il processo inquisitoriale del cardinal Giovanni Morone. Edizione critica, Istituto storico italiano, Roma, 1984, vol. II:969
  131. This preacher is Granelli.
  132. Ridolfo Pio da Carpi era stato nominato protettore dei francescani il 1° gennaio 1541: cfr. B. Katterbach, “De cardinali Rodulpho Pio de Carpo protectore OFM nominato anno 1541” in Archivum Franciscanum Historicum 16(1923) 557-558.
  133. Ottaviano da Messina, OFM Conv., († 18 July 1568), or Ottaviano Preconio, renowned preacher: “veri divini verbi praeconem.” Provincial of Sicily in 1534. Preached the Advent of 1540 at San Petronio in Bologna. Bishop of Monopoli April 1546, at Trent 1551 (Concilium Tridentinum II: 22, 228; IX: 634,808.) Transferred to diocese of Ariano June 1561 and Palermo 1562. Active in last phase of Council of Trent (CT II:359, 496, 554, 556, 688, 796, 877). Wadding, Annales Minorum xvii, 241; xix, 300, 468-469, 486. cfr: Firpo, Processo Inquisitoriale Cardinale Morone, II, 938, n.59. Giovanni Domenico Sigibaldi sought him to preach the Lent in Modena in 1542 (Firpo, Processo Inquisitoriale Cardinale Morone II, 950, 969), though in vain (Firpo, ibid. p.996). Sigibaldi describes him as a preacher “di buonissimo exemplo, sebza felle, devoto, dottissimo, fervente. Il qual anchor molto bene sodisfece questo popolo di catholica et dotta predicatione, che molto commosse a devotione li audienti.” (Firpo, ibid., p.950).
  134. In Firpo –Marcatto, Processo inquisitoriale Giovanni Morone. II: 972-973
  135. In Firpo –Marcatto, Processo inquisitoriale Giovanni Morone. II: 996
  136. In Firpo –Marcatto, Processo inquisitoriale Giovanni Morone. II: 1003-4
  137. In Pietro Tacchi Venturi, Storia della Compagnia di Gesù in Italia narrata col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: documenti, second edizione corretta ed ampliata, Roma, Civiltà Cattolica, Sept. 1931, pp.127-129. Tacchi Venturi sources the letter: Arch. di Stato in Napli, Carte Farnesiane,fasc. 744, lett. V (originale). Alfonso, notes Venturi, was the marquis del Vasto, civil and military governor of the dominion of Milan from February 1538 until his death in 1546. He was also the father-in-law of Vittoria Colonna and the marquis of Pescara.
  138. This extract is found in Firpo-Marcatto, Il Processo Inquisitoriale del Cardinale Giovanni Morone, edizione critica, Volume II: il processo d’accusa, parte seconda, Roma. 1984, note 17, pp. 1031-1032. They source the letter toState Archive in Modena, Cancelleria Ducale. Ambasciatori. Roma,busta 39. In reference to this letter, Adriano Propseri, Tribunali della coscienza. Inquisitori, confessori, missionari, Torino, 1996. (Note that the reference to Jedins Storia del Concilio diTrento refers to the 1949 edition. For the 1987 reprint go to to page 499. (The English edition, p.446.) Jedin’s contextualisation of this letter is taken up by the authors listed above (transltion my own):From Ratisbon Cardinal Contarini had indicated his concern about the possibility that the religious conflagration spread throughout northern Europe was about to cross the Alps and invade Italy. Just a few days after this warning, as a kind of confirmation, there arrived to the Pope in Rome an alarming report from the marquis del Vasto. In it he described the advances of heresy in the duchy of Milan. He stated that the means used to combat heresy until that moment were proving insufficient. Therefore in the consistory of 15 July 1541the decision was made to transfer the control of the inquisition to Rome. Cardinals Carafa and Aleandro, two reliable characters, were to be given task to put an end to the tolerance used until that moment. This was the first step towards the founding of the Roman inquisition which, nearly exactly a year later, became a fait compli on 21 July 1542. In this way the discernment of spirits began within Italian evangelism. The vicar General of the Capuchins, highly regarded as a preacher, Bernardino Ochino, withdrew from his responsibility before the tribunal of the faith and fled to Geneva. For the same reasons, his friend Vermigli, fled to Strasbourg. Evangelical circles were discovered not only in Milan and Venice, the ports of entry of the Catholic reform and the Swiss reform, but also at Modena and Lucca.
  139. In the reply of Ercole d’Este, 23 July 1542, found in the same archive (busta 44):Quanto alli inquisitori che si hanno da mandare per extirpare quelli lutherani che si trovassero per le cittate de Italia voi direte a Sua Beatitudine che, se l’accaderà exercitare l’officio loro per lo stato nostro, che noi non li mancharemo d’ogni agiuto et favore che sarà conveniente et di farele dare quel braccio che da loro saremo ricerchati; del che la supplichiamo ben efficacemente perché faremo ben di buon animo il tutto, come ancho habbiamo fatto sin qui quando è accaduto che siamo mostrati caldissimi in persequitare questa pessima generatione. Il che faremo ancho di tanto migliore animo quanto sapeno fare cosa che sia grata a Sua Beatitudine, oltra il cervitio di Dio al quale siamo tenuti.
  140. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp.278-279
  141. Read: al presente
  142. Paul III’s reply. The letter is found in Pietro Tacchi Venturi S.J., Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: Documenti, Roma, Civiltà Cattolica, 1931, pp. 130-131.
  143. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, p. 279
  144. Sic, i.e. (1)541.
  145. In Pietro Tacchi Venturi, Storia della Compagnia di Gesù in Italia narrata col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: documenti, second edizione corretta ed ampliata, Roma, Civiltà Cattolica, Sept. 1931, pp.131-131. The editor sources the letter to Arch. Vat. Minut. Brev. Pauli III, to. 22, epist.856. Nel verso, di altra mano: «10 decembris 1541 a.° 8° Ad fratrem Gregorium Cortesium ut se informet an sint Mutinae herese et provideat. Cardinalis Sanctae Crucis».
  146. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp. 281-283
  147. From Alfredo Casadei, “Lettere del Cardinale Gasparo Contarini durante la sua legazione di Bologna (1542)” in Archivio Storico Italiano, Firenze, 118(1960) 75-130, 220-285, page 93. Casadei notes (93[38]): E’ il celebre fra Bernardino da Siena, detto comunemente Ochino, aveva predicato con grande successo l’avvento a Bologna nel 1541 e tenute altre prediche anche dopo natale. Nel Diario Bolognese di Iacopo Rainieri, cit., a page. 68, in data 12 gennaio 1542, si legge: “A dì detto, fra Bernardino scapusino fè la sua sua ultima predica et reingratiò il magnifico Regimento che li avea donato uno luocho de fuora de Sanraghoza per fare una chiesia, il qualo era da Siena.” Quando il Contarini scriveva la presente lettera, Ochino si trovava a Venetia a predicare la quaresima.Easter 1542 fell on 9 April. Would Ochino have waited four months (to August) to accept Contarini’s invitation. The last letter in Casadei’s collection is dated 17 August.
  148. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp. 279-280.
  149. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp. 280-281
  150. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, p. 281
  151. Alfredo Casadei, “Lettere del Cardinale Gaspero Contarini durante la sua legazione di Bologna 1542” in Archivio storico italiano, 118 (1960) 258
  152. From Paolo Piccolomini, “Documenti Vaticani sull’eresia in Siena durante il secolo xvi” in Bullettino Senese di storia patria, 15(1908) 299-300
  153. From Paolo Piccolomini, “Documenti Vaticani sull’eresia in Siena durante il secolo xvi” in Bullettino Senese di storia patria, 15(1908) 300 or Bulllarum diplomatum et privilegiorum sanctorum Romanorum Pontificum tom. vi, 1809, pp. 344-346. This Brief was sent with that of Farnese, n.25 above. Did Ochino interpret this letter as a threatening gloved fist? Perhaps a comparison with the Brief of Clement VII to Paolo da Parma (24 Arpil 1533) may serve to identify general formulas used in such ‘form letters.’ [This Brief of Clement VII’s can be found in Edoardo d’Alençon, Gian Pietro Carafa Vescovo di Chieti (Paolo IV) e la Riforma nell’Ordine dei Minori dell’Osservanza. Documenti inediti sul Generalato di Paolo Pisotti da Parma e la Provincia di S. Antonio, Foligno, 1912, p.37.] The courteousness of the language thinly conceals, it would seem from Alençon’s commentary, a call to account directed at Paolo da Parma. Blosius was the secretary for both Briefs. Pisotti did not regard Ochino as an opponent, but relied upon Ochino to carry out some tasks of questionable lawfulness as his commissary in Venice prior to the Provincial Chapter of 1532. Ochino knew of Pisotti’s deposition from office in more than average detail, and perhaps knew the Brief. However, I am not convinced that Bernardino found Paul III’s letter threatening. The style of the letter’s language would render the author’s disposition ambiguous at worst. Cardinal Farnese’s accompanying letter to the Brief does not show signs of threat. To my mind Cardinal Farnese demonstrates a certain affection and deference to the Pontiff’s friend. Giberti read the letters and found no evidence of papal displeasure with Ochino. That Bernardino readily interrupted his sojourn in Verona preparing the young Capuchin preachers suggests that he did not feel in danger by the letter. Indeed, there were other difficulties in the fledgling congregation that would have aroused concern and attracted observation. This decree present here was issued on 21 July 1542, but not executed until a week later (see Bullarum Diplomatum et Privilegiorum Sanctorum Romanorum Pontificum Taurinensis edito, Augustae Taurinorum, Dalmazzo editoribus, 1860, vol. vi, 344-346: BCC 013-A-7). Headed by Gian Pietro Carafa, the inauguration of the Holy Office in this decree marked his ascendancy as the counter-reformation gained momentum. Carafa’s appointment may have been a concern to Ochino and many others who ominously fell silent after Bernardino’s flight.
  154. Bullarum Diplomatum et Privilegiorum Sanctorum Romanorum Pontificium, Taurinensis editio, Augustae Taurinorum, mdcclx, vol. vi, p.344-346 [BCC: 013.A.9]. “Datum Romae apud S. Marcum, anno Incarnationis dominiciae mdxlii, xii kalendas augusti, prontificatus nostri anno viii. Dat. die 21 iulii 1542, pont. anno viii.” (p.346)
  155. From Benedetto Nicolini, Bernardino e la riforma in Italia, Napoli, Riccardo Ricciardi, 1935, p.65-66
  156. The paper is torn here.
  157. Giberti, bishop of Verona.
  158. L. von Pastor, Storia dei Papi, vol. v, p.812-813. Orig. nell’Archivio di Stato in Siena. Note
  159. Ugo Rozzo, I “dialogi sette” e altri scritti del tempo della fuga, Torino, 1985, p. 121
  160. Ugo Rozzo (ed.), I “dialogi sette” e altri scritti del tempo della fuga, Torino, 1985, p. 121
  161. Ugo Rozzo (ed.), I “dialogi sette” e altri scritti del tempo della fuga, 1985, p.122
  162. Carteggio, p.247-249 Note 1: Ci siamo attenuti al testo del Muzio, migliore assai della copia senese: ma è probabile che l’editore ritoccasse questa lettera scritta con concitazione di animo. Another version is found in Bernardino Ochino, I dialogi sette: e altri scritti del tempo della fuga, a cura di Ugo Rozzo, Torino. Claudiana 1985, p.123-124. Rozzo states (p.169, note 4): Testo tratto (con semplice modifiche di mauiscole e punteggiatura) da K. Benrath, Bernardino Ochino von Siena, cit. 287-288, che utilizzò la copia della biblioteca comunale da Siena; questa lettera è stata edita per la prima volta in G. Muzio, Le mentite ochiniane, Venezia, 1551, cc.8v-9r, con qualche probabile aggiustamente formale. Nel Carteggio di V.Colonna, seconda edizione con supplemento a cura di E. Ferrero e G. Müller, torino, 1982, p.247-249, è stato ristampato il testo del Muzio. Benrath’s edition of this letter has some variations, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp. 287-288. Benrath has used the version from Siena.
  163. Nel convento di Montughi. Sulla fuga dell’Ochino (di cui Benrath, p.106 e segg.) vedi Reumont, p.223 e segg., Cf. anche i documenti mantovani editi dal Luzio, Vittoria Colonna, p.38e segg..
  164. The Sienese version, and therefore that of Rozzo, adds: dove sono chiamato.
  165. Carteggio, p.247, note 4: Pietro Martire Vermigli, allora priore di San Frediano, che,accusato come l’Ochino, non tarò a seguirlo nella fuga. Rozzo points out that Vermigli was in Florence at the time.
  166. Contarini died on 24 August 1542.
  167. Carteggio: Cardinal Carafa, archbishop of Chieti, or ancient Teate, had been nominated head of the Congregation of the Holy Office. [Thus Carafa is the Theatine Cardinal , the author of document 43 in this collection.]
  168. A florentine, Roberto Pucci was created a cardinal on 2 July 1542. This note in Colonna’s Carteggio is mistaken and probably should read Antonio Pucci. See Paolo Simoncelli, “Inquisizione romana e riforma in Italia” in La Rivista Storica Italiana 100(1988) 10, note 13. Simoncelli refers to Alberto Aubert, “Alle origini della Controriforma, Studi e problemi su Paolo IV” in Rivista di storia e letteratura religiosa, 22(1986) 336-337, who identifies Pucci as the apostolic penitentiary, but confuses Cardinal Pucci here (Antonio) with his uncle and successor, Roberto. Cardinal Lorenzo Pucci, Roberto’s brother, and both were Antonio’s uncles. Cesare Cantù also identified him as Antonio Pucci, Gli eretici d’Italia: Discorsi storici, 3 vols., Torino, Unione Tipografico Editrice, 1865-1868 [BCC: 80-M-10,11,12], II, 46 note 10. Clement VII made him cardinal priest of Santi Quattro Coronati 25 September 1531, as well as major penitenitary and protector of the Minims. He would have been Major Penitentiary at the time of Carafa’s criticism of the Penitentiary’s excesses in his Informatione. Pucci died and 1544 and was buried in the choir of Santa Maria sopra la Minerva. Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclistica, vol. LV, Tipografia Emiliano, Venezia, 1852, 80-83 [BCC: 027-I-28]. If these dates are correct, the co-signatory with Cardinal Della Valle on Exponi nobis 3 July 1528 would have been Lorenzo Pucci (†1531, Roma.) Roberto was created cardinal priest of Saint Nereo and Achilleo, 12 December 1539 and after the death of his nephew became the Major Penitentiary 1546. (†Roma 1547.)
  169. From Philip McNair, Peter Martyr in Italy. An Anatomy of Apostasy, Oxford, Clarendon Press, 1967, pp.287-288. McNari notes (p.288): This letter was first published by Negri, “Note e documenti per la storia della riforma in Italia. II. Bernardino Ochino” in Atti della R. Accademia delle Scienze di Torino, vol. xlvii (Turin, 1912), pp. 80-81. It was reprinted by F.Lemmi, La Riforma in Italia e i riformatori italiani all’estero nel secolo XVI (Milan, 1939), pp. 92-94. Since there are inaccuracies in Negri’s transcript (e.g. ‘doveva’ for ‘doverà? In the first sentence), I have preferred my own fromt he Carteggio Farnesiano, Archivo di Stato, Parma.”. Also reproduced in Emidio Campi, Protestantesimo nei secoli. Fonti e documenti I: Cinquecento e Seicento, Claudiana, Turin, 1991, pp.201-202. Campi notes (p.201): “Pietro Martire Vermigli (1499-1562), fioretino, canonico agostiniano della Congregazione Lateranense, fu abate dell’abbazia di Spoleto (1533-1536) e di san Pietro ad Aram a Napoli (1537-1540), dove entrò in contatto con Juan de Valdeés. Eletto priore del convento di san Frediano a Lucca (1541), vi fondò assieme al bresciano Celso Martinengo, al bergamasco Girolamo Zanchi, al piemontese Celio Secondo Curione, al ferrarese Emanuele Tremellio, la prima scuolo teologica riformata in Italia. Influenzate dall’insiegnamnete del Vermigli, numerose famiglie lucchesi appartenenti all’aristocrazia cittadino (i Burlamacchi, i Calandrini, i Diodati, i Micheli, i Turrettini, e diverse altre) accolsero le idee della Riforma e, in sequito, emigrarono a Ginevra e in altri paesi protestanti. Il Vermigli, minacciato dall’Inquisizione, fuggì all’estero nell’estate del 1542. Da Lucca si recò a Pisa, dove celebrò la Santa Cena con un gruppo di evangelici; da qui passò a firenze, dove si incontrò con Bernardino Ochino, anch’egli in procinto di lasciare l’Italia, e quindi prese la via dell’esilio. Trovò asilo e ampia stima come dotore in Sacra Scrittura nelle Università di Strasburgo, Oxford e Zurigo. Prima di lasciare firenze, Vermigli scrisse tre lettere in cui egli spiegò le ragioni della sua «partita» dalla chiesa di roma. La prima fu indirizzata al cardinale Reginal Pole, la seconda al Rettore generale della congregazione Lateranense, la terza – qui riprodotta- ai canonici di san Frediano a Lucca.”
  170. Massimo Firpo – Sergio Pagano, I processi inquisitoriali di Vittore Soranzo (1550-1558). Edizione critica. 2 voll. Citta Del Vaticano, Archivio Segreto Vaticano, 2004: vol.2, 562-568. Footnote 1075: Sulla base del manoscritto vaticano qui pubblicato la lettera è stata edita con qualche svista da Benedetto Nicolini, Illustrazione di un documento e vicende di un carteggio, Bologna, Archivio di Stato di Bologna («Quaderni della scuola di paleografia ed archivistica», IV), 1963, e poi inserito con il titolo Ai margini dell’epistolario ochiniano nel volume dello stesso Nicolini, Studi cinquecenteschi. II. Aspetti della vita religiosa politica e letteraria, Bologna, Tamari, 1974, pp.103-17. Poco verosimile appare l’ipotesi avanzata dal Nicolini, secondo cui la lettera «probabilmente è una rielaborazione di una o più lettere dell’Ochino, compilata con intenti propagandistici o dallo stesso Soranza o da altro seguace del Contarini» (p.13). Per la datazione della lettera (sempre che essa debba essere ritenuta autentica) cfr. infra, nota … L’inventario Codices Vaticani Latini. Codices 10701-10875 cit., p.208, suggerisce dubitativamente di identificare in un non meglio individuato Bartolomeo Desideri il destinatario della lettera, che appare comunque essere stato un ecclesiastico («fratel maggior in Christo»). Regarding apparently apocryphal correspondence of Bernardino Ochino about that that time, I have below included an letter to Paul III alleged to have been written by Bernardino Ochino.
  171. In realtà l’Ochino aveva scritto a Gian Matteo Giberto da Morbegno il 31 agosto. La lettera successive oggi nota dell’esule senese è quella inviata al cardinale Alesando Farnese da Ginevra il 2 ottobre 1542 (pubblicata da Paolo Piccolomini, Due lettere inedite di Bernardino Ochino, «Archivio della Società romana di storia patria», 28 (1905) 201-207, che dovrebbe dunque costituire il termine ante quem di quella qui pubblicata. That letter is included in this Compilation.
  172. Gal 6,14
  173. Gal 1,10
  174. Ugo Rozzo, I “dialogi sette” e altri scritti del tempo della fuga, p. 124-125
  175. 2Cor 1:19
  176. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp. 283-286
  177. Read: lettera
  178. Read: paternità
  179. Should read S.tà
  180. Beata Memoria
  181. From Marcantonio Flaminio, Lettere,Roma, 1978, p.129-131. Forse si tratta di Matteo Dandolo, cognato del Contarini, come sarebbe supporre l’accenno contentuto nella lettera ai fratelli del cardinale veneziano che sono accumunati al corrispondente nello stesso dolore per la sua morte. (p.131, note 1).
  182. Benedetto Nicolini, Lettere di negozi, 1965, p.28; note 24: “La lettera, serbata om copia, nella raccolta Epistolario scelto dell’Archivio di Stato di Parma, è stato pubblicata da Luigi Carcereri negli «Atti» citati e redita da Paolo Negri negli «Atti» dell’Accademia delle Scienze di Torino, vol. xlvii, pp. 76-77.
  183. Note 25: “Il (mons.) Valier, il Cavazza e l’Abbondio furono giustiziati il 22 mattina.” See the letter of Ludovico Tridapale to Benedetto Agnello (Venezia, 27 September 1542) which describes the event, also in Nicolini, Letter di negozi, pp.29-30
  184. Pietro Tacchi Venturi, “Il vescovo Gianmatteo Giberti nella fuga di Bernardino Ochino” in La Civiltà Cattolica, 64(1913) 320-329; also IFC II: nn. 2062-2067, pp. 269-275.
  185. It would seem from his letter to Vittoria Colonna, the Marchesa mentioned here, that Ochino was both hesitant and intent on going to Rome until he reached Florence. From his en route letters to Giberti, fear tested his risolve increasingly the closer he came to Rome until Florence, where ‘sono stato particularmente da Don Pietro Martiti et da altri molto persuaso di non andare: perchè non potrei se non negar Christo o esser crocifisso” in Bernardino Ochino, I ‘dialogi sette’ a altri scritti del tempo della fuga, a cura di Ugo Rozzo, Claudiana, Torino, 1985, p.123
  186. Nicolini (in note 26): “Circa i suoi rapporti col Giberti, cfr. B. Nicolini, Studi Cinquecenteschi II: Aspetti della vita religiosa, politica e letteraria, Bologna, 1974, p.35-53.” I have modified the bibliographid information following Ugo Rozzo, I “dialogi sette”, p.160, note 17.
  187. Questo particolare, che non trovo ricordato da altri, prova una volta di più quanto fossero benevolmente paterne le dispozioni di Paolo III verso l’Ochino, a torto negate da chi non vide nella chiamata di Paolo III altro che ipocrisia. Cf. Edmondo Solmi., “La fuga di Bernardino Ochino secondo i documenti dell’Archivio Gonzaga di Mantova” in Bulletino Senese di Storia Patria, 15(1908) 3-78, here pp.67-70.
  188. Alfonso d’Avalos d’Aquino, marchese del Vasto. La lettera del Giberti a lui alla quale si fa qui alusione, è quella dell’11 settembre 1542, edita dal Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, Brauchschweig, 1892, p.283-286. The letter is included in this Compilation.
  189. La risposta si fece attendere sino agli ultimi di settembre. L’ho trovato insieme con la lettera del Giberti, ed è così concepita:Molto R.do Monsig, mio Oss.mo,La lettera di V.S. mi satisfece in tutte quelle parti che desiderava, sì come son rimasto più che mal satisfatto di alcune prediche, cho sono comparse, di fra Bernardino, a giudicio de’ molti scandalose et molto contrarie alla oppinione che di lui se teneva. E’ stato necessario vietare qua che non si legano, et questa cose ha caminato già così male innanzi che non si deve parlarne più, ma pregare il Signore Iddio che faci tutti buoni et che quello noi suspettiamo essere in suo diservitio lo riduchi ad exaltatione maggiore della sua santa fede. Ho inteso ancora, non già per sua lettera, come era già partita da Venetia per Verona ad aspettare che passino di là i legati per inviarsi con loro al concilio verso Trento. Et mi allegro che sia fora di quelli travaglij i quali, quando sono passati, rende non poco giovamento il ricordarsene. Voglio inanzi di finire questa dirle come sua Maestà Cesarea sarà presto in Italia e forsi innanzi la primavera per ritrovarsi ancor lei alle nozze di questo santo concilio, il che forsi pochi credeano che potesse essere. Et a V.S. quanto più posso mi raccomando.Di Milano, a li xxvii di novembre [1542]Al comando di V. Signoria molto R.da.

    El march. del Vasto

    In Mem. e Lett. del card. F. Mignanelli, to.xii. Il documento è in un apografo coevo; l’anno vi fu aggiunto più tardi col lapis. Le prediche ochiniane sono quelle uscite alla luce in Ginevra con la data 10 ottobre 1542. Cf. Benrath, p.140. Sui giudizi che di queste prediche diedero eminenti personaggi della corte di Roma vedi la lettera del Sernini al Gonzaga, edita dal Solmi, pp.96-98. See letter of Vittoria Colonna to cardinal Marcello Cervini, 4 December 1542, Carteggio¸ pp. 256-257, and the footnote regarding the libretto she had received. Her letter, and the Ochino’s introduction from the book of sermons are included in this Compilation.

  190. In August 1542 he was accused of complicity for revealing state secrets to the French. See p.326, note 1 for a bibliography of this episode.
  191. Mons. Fabio Mignanelli.
  192. Siena, where both Bernardino Ochino and Fabio Mignanelli came from. “L’autorevole testimonio del Giberti è la più splendida confutazione di quanto fu asserito circa il procedere del Mignanelli di fronte al già sospetto concittadino. Cf. Benrath, p.93.”
  193. Sembra intenda parlare di fra Girolamo da Melfi, predicatore di qualche grido, cui l’Ochino con le sue spiegazioni eterodosse dell’Epistole di S. Paolo inoculò l’eresia e trasse seco nella stessa rovina. Cf. Boverio, I, 319. Alquanto oscura rimane tuttavia la frase “era stato lassato guardiano a Verona”; stantechè nel 1542 teneva siffato ufficio in quella città fra Bartolomeo da Cuneo, de quale si parla poche righe più sotto. L’espressione “stato lassato” non farebbe pensare ad un incarico temporaneo commesso a fra Girolamo in luogo del vero guardiano fra Bartolomeo? On Bartolomeo da Cuneo, ses also MHOMC VI: 48(4); MHOMC VII: 272(), 279,284; Boverius I: an.1542, n,xxv, p.314; Davide Maria da Portogruaro, Storia dei Cappuccini Veneti, vol. I, Gli Inizi 1515-1560, Venezia-Mestre, Curia Provinciale dei Ff. Mm. Cappuccini, 1941, pp. 202, 224-225; Melchior a Pobladura, Historia Generalis Ordinis Fratrum Minorum capuccinorum, pars prima: 1525-1619, Rome, 1947, p. 50; IFC II:273. See the letter of Fabio Mignanelli nunzio in Venezia to card. Alessandro Farnese in Roma, Venice, 12 October 1542, also in this Compilation.
  194. Galeazzo Florimonte, chiarissimo nella storia ecclesiastica del tempo. Di lui appunto è la lettera al Gilberti dei 6 ott. 1542, edita dal Negri, p.77, come dettata da un cotal “messer Galiazo.”
  195. Fra Bartolomeo da Cuneo fu imprigionato dal Giberti per delitto di eresia nella quale restò pertinace. Cf. Boverio I, 319. I particolari che qui apprendiamo confermano tutto insieme quanto i biografi del vescovo scrissero della sua carità verso i traviati e dello zelo sincere e forte in opporsi all’errore.
  196. Boverio I, 319
  197. La presente lettera comunicata dallo stesso giberti al nunzio Mignanelli, parve a costui degna di essere conosciuta in Roma. Trovo infatti nel registro della sua corrispondenza con la Curia, sotto il dì 30 settembre 1542, il passo seguente.“Due Cappuccini vennero a me, offerendosi andare a trovare fra Bernardino dove fusse; dicevano per ricondurlo in Italia. Et domandando licentia, la negai, rimttendoli a’ loro superiori et a Roma, come V.S. R.ma Ill.ma vederà per la copia di una lettera qui alligata che monsignor di Verona ha poi scritto al Vicario de’ li Cappuccini ne la provincia di Milano.” Cf. Mem. e Lett. citt. vii, 68.
  198. In Mem. e Lett. del Card. F. Mignanelli, to. xxii, f.16. Da apografo contemporaneo al Giberti, anzi alla stessa missiva da lui inviata a fra Francesco di Calabria. Nello stesso tomo ritrovai una copia, pure coeva, della lettera dell’apostata Vermigli ai Canonici Regolari di San Frediano, in Lucca, del 24 agosto 1542. Essa venne pubblicata la scorso anno dal Negri, p.80ss. sopra un’altro esemplare spedito al Card. A. Farnese e conservato tutt’ora nell’Arch. di Stato in Parma. The letter was also published by Philip McNair, Peter Martyr in Italy. An Anatomy of Apostasy, 287-288 and is included earlier in this Compilation.
  199. Ugo Rozzo (ed.), I “Sette Dialogi” e altri scritti del tempo della fuga, p. 125-126
  200. Extract from letter, Ehses Stephanus, Concilii Tridenti Diariorum, actorum, epistularium, tractatuum. Nova collectio, Tomus Quartus, Herder, 1904, p.251
  201. Ibid. p.251, note 4: Bernardinus Ochinus Senensis, fratrum Capucinorum generalis, qui illis diebus relicta fide catholica ex Italia aufugit. Quod narrans etiam Petrus Pauls Gualterius in diario addit: Nescitur quae fuerit profectionis causa. Ego autem, quantum ab eius intimis percipere potui, ambitionem fuisse puto. Vitt. E. 269, f.286.
  202. Ugo Rozzo, I “dialogi sette”, p.127-128, testo astratto da Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, p. 288; ristampato in Opuscoli e lettere di Riformatori italiani del Cinquecento, a cura di G. Paladino, I, Bari, 1913, pp. 119-120.
  203. Mignanelli, vescovo di Lucera, successore a mons. Giorgio Andreassi nella nunziatura di Venezia nel maggio o giugno 1542. The letter is in Pietro Tacchi Venturi S.J., Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, I/2: Documenti, 1931, pp. 325-326.
  204. Non sarà costui il domenicano fra Reginaldo Nerli da Mantova?
  205. Frate Agostino Mainardi o Piemontese.
  206. Vittoria Colonna
  207. Penso intenda Francesco de Frangepan che dal 3 maggio 1539 al 1542 tenne la sede di Agria.
  208. Gian Matteo Giberti, who died the following year on 30 December.
  209. Paolo da Foligno, in his Origo et Progressus of the Capuchin Order writes that Giberti imprisoned the guardian of the fraternity in Verona. He was also first definitor of the province of Veneto (MHOMC VII, 284). Pobladura identifies this friar as Bartolomeo of Cuneo (see also MHOMC, 273). He was arso vivo ultimately. See the letter of Gian Matteo Giberti from Venice, to Fra Francesco di Calabria, Capuchin Provincial Vicar, Milan, 26 September 1542, also included in this Compilation.
  210. Federico Chabod, Per la storia religiosa dello stato di Milano durante il dominio di Carlo V. Note e documenti. Seconda Edizione a cura di Ernesto Sestan, Roma, Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, 1962, 235-236 [BCC: MANS.G.536]
  211. The editor identifies here the marchesa Del Vasto.
  212. Federico Chabod, Per la storia religiosa dello stato di Milano durante il dominio di Carlo V. Note e documenti. Seconda Edizione a cura di Ernesto Sestan, Roma, Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, 1962, 236
  213. CLAUDIO TOLOMEI, Delle Lettere di M. Claudio Tolomei con nuova aggiunta ristampate, et con somma diligenza ricorrette, In Venegia appresso Gabriel Giolito de’ Ferrari, 1557, pp.237r- 241r
  214. Federico Chabod, Per la storia religiosa dello stato di Milano durante il dominio di Carlo V. Note e documenti. Seconda Edizione a cura di Ernesto Sestan, Roma, Istituto storico italiano per l’età moderna e contemporanea, 1962, 237
  215. Federico Chabod, Per la storia religiosa dello stato di Milano, 237
  216. Sergio Pagano, Il cardinale UbertoGambara vescovo di Tortona (1489-1549), Firenze, Leo S. Olschki, 1995, p.69, note 277. Pagano writes: “Al Gambara si deve anche una preziosa notizia sull’esule Bernardino Ochino, raccolta a Piacenza nel novembre del ’42 dalla viva voce di Pandolfo della Stufa (maestro di casa di Caterina de’ Medici), che aveva incontrato il cappuccino a Ginevra, in compagnia di Girolamo da Molfetta e Pietro Martire Vermigli, e prontamente comunicata, con lettera di quel mese, al cardinale Farnese, già edita da Paolo Negri (dalla copia fattane dal Ronchini), e più correttamente interpretata da Gigliola Fragnito.” [pp.68-69] Pagano then notes: “Cfr. Paolo Negri, Note e documenti per la storia della Riforma in Italia. II: Bernardino Ochino, «Atti della Real Accademia delle Scienze di Torino», xlvii (1912) 77-78; Giglio Fragnito, “Gli «spirituali» e la fuga di Bernardino Ochino” in Rivista storica italiana 84(1972)792-793. Il Negri, che lavorava sulla copia della lettera del Gambara approntata dal Ronchino, riteneva si trattasse di missiva di Pandolfo della Stufa forse al Giberti (la copia non reca data), ma la Fragnito, che ha reperito, come noi, l’originale fra le lettere del Gambara, dice trattarsi di inserto fatto scrivere dal medesimo legato e unito alla lettera da lui diretta il 22 novembre ’42 al cardinale Farnese, come in effetti si legge nella stessa lettera: «Quello che mi habbia riferito [Pandolfo della Stufa] di fra Bernardino da Siena lo vederà Vostra Signoria reverendissima per l’inchiusa relazione sua de verbo ad verbum ch’io le mando, sebene io mi persuado che ella habbia avuti tutti questi avisi prima, per altra via.»
  217. 17 November 1542
  218. Pagano identifies Girolamo da Molfetta here: “mi sembra molto probabile che… si possa riconoscere il cappuccino Girolamo da Molfetta, già curatore del Dyalogo della unione spirituale di Dio con l’anima del francescano Bartolomeo Cordoni da Città di Castello (Milano 1539), opera poi condannata dall’Indice … seguace dell’Ochino e suo compagno in esilio.” p.69, note 277.
  219. Pietro Maritire Vermigli
  220. Later Pope Marcellus II (1555). Saltini, p.415; Carteggio, p.256-257
  221. The editors of the Carteggio note: Probabilmente quello stampato a Ginevra col titolo: Prediche di Bernardino Ochina da Siena. Si me persequuti sunt, et vos persequentur, sed omnia vincit veritas. 1542, die x octobris. Bernardino Ochino’s forward to that edition is included in this Compilation.
  222. From Benedetto Nicolini, Lettere di negozi del pieno Cinquecento, p.42-43. Note: “Per facilitare la lettura è stata aggiornata la grafia e modificata la punteggiature”, p.viii.
  223. Ms. V.S.: Il Piccolomini legge Vostra Signoria, ma, poiché in questo tratto il discorso è rivolto al Doge, capo della Signoria, è preferibile leggere Vostra Serenità o Vostra Sublimità. (178, note 3.)
  224. Acts 5:34-39
  225. Marcantonio Flaminio, Lettere, p.133-137
  226. Albertus Pighius, Hierarchiae ecclesiasticae assertio, Coloniae 1544 [ma la dedica a Paolo III edizione dell’opera risalgono al 1538]. Il cap. VI del 1° libro, Qua certa via, ratione ac methodo orthodoxae fidei veritas in quacunque proposita quaestione, quocunque dogmate ab hereticae pravitatis falsitate discernenda sit,è alle cc. xxxiiir-lxxr, e sul sacramento eucaristico cfr. cc. xlr-lviir. Sull’opera cfr. H. Jedin, Studien über die Schriftstellertätigkeit Albert Pigges, Münster i.W. 1931, pp.24-30, ed ora G. Piaia, Alberto Pighius e la confutazione del «Defensor Pacis» di Marsilio da Padova in «Medioevo. Rivista di storia della filosofia medievale» 1(1975) 174-202.
  227. De veritate corporis et sanguinis Christi in Eucharestia […] adversus Iahannem Oecolampadium in Ioannis Fischerii Roffensis in Anglis Episcopi Opera, Wirceburgi, 1597, cfr. E.Surtz, The Works and Days of John Fischer (1469-1535), Bishop of Rochester, in the English Renaissance and the Reformation, Cambridge (Mass.) 1967, pp. 337-350, e, più recentemente, J. Rouschausse, La vie et l’oeuvre de John Fischer, evêque de Rochester, 1469-1536, Nieuwkoop, 1972, pp. 204-212.
  228. Albertus Pighius, Hierarchiae ecclesiasticae assertio cit., lib.II, cap. V, De evangelico sacerdotio et eius muneribus, et in primis de eius sacrificio, cc. lxxxvr – xciiv. In particolare il Pighio si oppone alla «absurditas» di Lutero il quale «missam testamentum potius facit quam sacrificium.»
  229. Albertus Pighius, Controversiarum quibus nunc exagitatur Christi fides et religio diligens et luculenta explicatio, [Inglostadt 1541], lib. I, controversia quinta, De missae sacrificio atque eius utilitate ac valore, cc. cxxxv – xciiv. Cfr. Hubert Jedin, Studien über die Schriftstellertätigkeit,pp. 34-40.
  230. Il Flaminio si riferisce probabilmente al capitolo De sacramento Eucarestiae (cc.89r-115r) dell’Enchiridion christiane institutionis del Gropper, pubblicato insieme ai canoni del concilio di Colonia (ed. Verona 1541). Sulla circolazione del Concilium Coloniense nel circolo attorno al Giberti, che fece stampare l’opera a Verona nel 1541 e nel 1543, cfr. Adriano Prosperi, Tra evangelismo e controriforma. G.M. Giberti (1495-1543), Roma, 1969, pp. 254-255. Anche il domenicano Ambrogio Catarino Politi si esprimeva nel 1540 in termini entusiasti nei confronti dell’opera, che poi – come è noto – fu posta all’Indice:«Nihil his temporibus vidi orthodoxius, nihil doctus, nihil denique fidelius, et omni acceptatione dignius, quod utinam et alii […] aemularentur», in Ambrogio Catarino Politi, Speculum haereticorum, Cracoviae 1540, cB.ii r. Sull’Enchiridion vedi ora R. Braunisch, Die Theologie der Rechtfertigung in «Enchiridion» (1538) des Johannes Gropper. Sein kritischer Dialog mit Philipp Melanchton, Münster, i. W. 1974.
  231. Opus eruditissimi divi Irenaei episcopi lugdunensis in quinque libros digestum […] emendatum opera Des. Erasmi Roterdami, Basilea 1526m p.126. Sulla storia di questo testo cfr. J. Ruysschaert, Le manuscrit «Romae descriptum» de l’édition erasmienne d’Irénée de Lyon in Scrinum Erasmianum, v.I, ed. J. Coppens, Leiden, 1969, pp. 263-276.
  232. Opus eruditissimi divi Irenaei, pp. 236-237. Il testo, qui e nei passi che seguono, appare citato con alcune inesattezze.
  233. Opus eruditissimi divi Irenaei, p.239
  234. Opus eruditissimi divi Irenaei, p. 296. Fra nutritur e et de pane sono cadute cinque righe rispetto all’edizione erasmiana, probablimente per un errore del tipografo.
  235. Il Flaminio evidentemente cita a memoria; i passi dei tre sinottici a cui si riferisce sono Mt 26,27-28; Mc 14,22-23; Luc 22,17-20.
  236. De sacramentis christiaanae legis et catholicae ecclesiae in Gasparo Contarini, Opera, Parigi 1571, pp. 327-397:il passo citato si trova, con leggere varianti, alle pp. 358-359. La discordanza fra i passi citati nella lettera e il testo dell’edizione parigina si spiega col fatto che il Flaminio ebbe evidentemente sottomano il manoscritto; infatti la prima edizione dell’opera del Contarini, scritta nel 1540, fu stampata a Firenze dal Torrentino nel 1553: cfr D. Moreni, Annali della tipografia fiorentina di Lorenzo Torrentino impressore ducale, Firenze, 1819, pp. 231-232.
  237. De sacramenti christianae legis, p.359
  238. De sacramenti christianae legis, p.358
  239. (Strasburg) M. Butzer, Acta colloquii in comitiis imperii Ratisbonae habiti, hoc est articuli de religione conciliati et non cinciliati omnes… Argentorati, 1541
  240. M. Butzer, Acta colloquii in comitiis imperii Ratisbonae habiti, c. 85v: «De reservatione, quia nihil mandavit Dominus et varie in veteri ecclesia observatum est…»
  241. Ps 25,5 [Vulg. 24,5]
  242. Ps 25,8-9 [Vulg. 24, 8-9]
  243. La contrapposizione, e lo scambio, luce – tenebre compare con grande frequenza nell’Antico Testamento, e soprattutto nel libro di Isaia, il Flaminio rieccheggia con queste parole numerosi passi senza citarne alcuno in particolare.
  244. In MIGUEL GOTOR, “Tradizione inquisitoriale e memoria eterodossa: un cartello di ssfida di Bernardino Ochino al cardinale Carafa (1543-1628)” in A rchivio italiano per la sotira della pietà 12(2000)89-142, pp. 140-142. I am not convinced that this letter is not apocryphal. Since this letter is primarily ‘theological’ in content rather than biographical, I was inclined not to include it in this collection. Since two other apocryphal letters attributed to Ochino are in this compila- tion I decided to include this one as yet another example of how Ochino’s reputation was used by other parties for polemical purposes. Such letters must have had a deleterious effect upon how Ochino’s actions in 1542 were interpreted. Gotor has modernised the spelling and punctua- tion from that found in the original found in the Archivio della Congregazione per la Dottrina della fede, Sano’Officio, Stanza storica, 0 2 m, fasc. 6, ff. 120r-127v.
  245. In Pietro Tacchi Venturi S.J., Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: Documenti, Roma, Civiltà Cattolica, 1931, pp. 327-328.
  246. Giuseppe della Rovere entered the Eremitani di S. Agostino around 1522 (page 327, note 1).
  247. Sopra il processo di fra Giulio, conservato nell’ Arch. Di Stato in Venezia, vedi De Leva, Storia documentata di Carol V, III, che ne pubblicò alcuni passi più rilevanti. Pietro Tacchi Venturi S.J., Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: Documenti, Roma, Civiltà Cattolica, 1931, p.124, note 1; p.119, note 4.
  248. Tacchi Venturi. Page 328, note 1, contains the reply of Cardinal Farnese, dated 4 February, as follows:La resolutione che V.S. scrive per le penultime haver presa sopra il fatto di frate Julio da Milano è stata approvata da N.S., cioè di non lo relasiar senza novo avviso; perché è cosa da consultarla qua con li R.mi Deputati; et così soprassederà il liberarlo fino al ordine che forse per le prime se li darà.
  249. From Benedetto Nicolini, Bernardino e la riforma in Italia, Napoli, Riccardo Ricciardi, 1935, p.66-67. Un brevissimo cenno di essa fu dato già dal Tacchi Venturi (Storia della compagnia di Gesù in Italia, Roma-Milano, 1910, p.28). Ma giova referirla per intero, non tanto per il rapidissimo ricordo del “Siena”, ossia dell’Ochino, quanto per ciò che vi si dice dell’ambiente ginevrino e per l’opera di spionaggio che vi si esercitava nei riguardi non solamente degli apostati italiani colà rifugiati, ma anche e sopra tutto della loro corrispondenza epistolare con amici lasciati in Italia e segnatamente a Roma. Ibid, p.66
  250. Geneva, according to Nicolini, op.cit. p.66, note 3.
  251. sic
  252. Ma, non ostante quest’ultima preghiera, la lettera dovè pure essere inviata a Roma a capitare nelle mani del cardinal Farnese: altrimenti non si spiegherebbe perchè si trovi nell’Archivio farnesiano. Ibid. p.67.
  253. Karl Benrath, Bernardino Ochino von Siena, 1892, pp. 289-294. A large extract of this letter was puyblished earlier cy Cesare Cantù, vol.2, p.48-53. The subtitle to the letter is the same as that of Benrath’s version: Bernardino Ochino senese a Muzio Giustinopolitano S. e P. dove rende la ragione della partita sua d’Italia.
  254. Cesare Cantù, Eretici italiani, vol.2, p.48.NB: The precise date of this ‘letter’ is not given. Its position in the sequence of this compilation is not chronological.
  255. Joseph Silo (see the note to the Latin text) describes a letter of Ochino to Paul III “…ac misisse post paulo impiam de fugæ consilio ad Pontificem Apologiam” See the note to the letter of Bernardino Ochino from Gineva to B.D., autumn 1542 in this Compilation; also Karl Benrath, “Cataologo degli scritti di Bernardino Ochino (nato in Siena 1487, morto in Schlackau 1564)”. Extract from Rivista Europea, Firenze, 1874, pp. 465-475, here p.472: “Questo manoscritto della Biblioteca Laurenziana di Firenze è stato pubblicato da me nella «Rivista Cristiana» 1874, fasc. di Agosto e Settembre, e nella dissertazione storico-critica ivi aggiunta credo avere reso probabile, che non è da attribuirsi ad Ochino come autore.” See Rivista cristiana 2(1874) 257-272 and 289-302. Also Benedetto Nicolini , “Ai margini dell’epistolario ochinano” in Biblion 1(1959) fasc.3-4, 297-301.
  256. Cesare Cantù, Eretici italiani, vol.2, p.47
  257. E’ referita nella Storia dei Teatini, di Giovanni Battista, vescovo di Acerra. Cantù offers a translated summary-extract on vol.2, p.48 (above). The Latin text is from Iosephus Silos, Historiam Clericorum regularium a congregatione condita, pars prima, Romae, Vitalis Mascardi, 1650, p.213-217, and is reproduced here.
  258. Giovanni Battista del Tufo, Historia della Religione de’ padri cherici theatini, Roma, 1609 [BCC: 75.G.8]. However, I was unable to find this letter, nor any reference to it, in this volume.
  259. Ludwig von Pastor, Storia dei Papi, V, 1914, p.819. Pastor cites this letter a a witness to alleged defections from the Capuchin Order after the fuga of Bernardino Ochino. “In realtà un certo numero di Cappuccini segui l’esempio del suo generale e solo poco a poco altri tornarono sulla retta via.” (Text) His note 5 reads: Boverius (I,319) tenta di palliare la cosa, ma Mignanelli scrive addì 2 novembre 1542 al cardinal Farnese: “Si pensi presto a quel rimedio che si puo et vuol fare alla congregatione de Capuccini, de quali ogni giorno si sente che gittano l’abito et seguitanao il mastro loro.” (Lettere d. princ. XXX, 228. Archivio segreto pontificio). The Capuchin Constitutions of 1552 include presecriptions concerning apostate friars. While one may ask if Bernardino was the only defection. one should also ask whether he was the first to defect. There was the case, for example, of Giovanni Baptista di Venezia who had defected from the Capuchins in 1539, having preached in senso luterano in Lucca. Cf. Pastor, V, 351, note 2.
  260. Orig. nell’ Archivio segreto pontificio, Bibl. Pia 126, f.2-2b. Cf. Ludovico von Pastor, Storia dei Papi, V, 819.
  261. Monumenta Historica Societatis Jesu a patribus ejusdem Societatis edita. Epistolae pp. Paschasii Broëti, Claudii Jaji, Joannis Codurii et Simonis Rodericii, ex autographis vel originalibus exemplis, Matriti, Gabrielis Lopez del Horno, 1903, p.34-35
  262. Ugo Rozzo, I “dialogi sette” e altri scritti del dempo della fuga, pp. 136-145. On p.171 n.31 the Rozzo notes: … il testo di questa lettera è stato ripubblicato da K. Benrath, Bernardino Ochino, pp. 294-302; noi però ristampiamo la trascrizione che si trova in appendice a V. Marchetti, Gruppi ereticali senesi del Cinquecento, Firenze, 1975, pp.247-254, che ha pubblicato l’edizione di Givevra del 1543. Questo testo è quasi per intero riportato in C. Cantù, Gli eretici d’Italia, II, pp. 53-59. Da notare che la stampa che appare alla fine de La seconda parte delle Prediche … oltre a numerosissime variante formali, reca, a margine del testo, le numerose fonti bibliche alle quali fa referimento l’autore.
  263. Carteggio, p.481-484
  264. Claudio Tolomei in una lettera a Vittoria dice che ella fu da Ludovico di Lorenzo Martelli “con meravigliosi e divini concetti celebrata e consolata” nella morte del marito (Carteggio, p.68). Egli allude alle Stanze di Lodovico Martelli a la Illustriss. Sig. la S. Vittoria Marchesa di Pescara in morte de lo Illustriss. Marchese suo Consorte, le quali leggonsi da car. 96 a 116 delle Rime volgari dello stesso Martelli stampate in Venetia in casa di misser Marchio Sessa ne l’anno M.CCCCC.XXXIII. Le dette Stanze furono da Lodovico scritte dopo il sacco di Roma, del quale in esse descrive gli orrori, in quell’anno stesso cioè, 1527, che fu l’ultimo del viver suo, come attesta Giovio nel Dialogus (p.356, co.1), da lui scritto in Ischia appunto poco dopo il sacco: “Sicut etiam per hos dies apud Caesarem Feramosca in Campania Martellium Florentinum in ipso aetatis flore occidisse audivimsus, quo nemo in amatoriis lusibus blandius atque subtilius lascivivit, nemo heroica attigit gratius atque limpidius.” L’errore di quelli che, come Crescimbeni, asserirono che Lodovico morisse in 1533, ebbe origine dal fatto che nella dedica delle cit. Rime volgari, impressa in quell’anno, ma preparata per lo innanzi, è detto: “in questi ultimi giorni del viver suo,” e forse contribuì all’equivoco anche l’esistenza nella stessa famiglia patrizia fiorentina d’un altro, e coetaneo, Lodovico Martelli figlio di Giovan Francesco, amico di Dante da Castiglione, il quale peraltro morì il 5 aprile 1530 in seguito quel duello contro Giovanni Bandini di cui ragionano gli storici Nardi e Varchi e che il Vasari dipinse in fresco nelle stanze di Leone X al Palazzo della Signoria di Firenze.
  265. Margherita d’Austria, alla quale era stato assassinato il marito Alessandro de’ Medici il dì 7 gennaio 1538, nella quaresima di quell’anno “faceva predicare el padre (Berlardino Ochino) a Pisa (dove ella trovavasi) e non in Firenze; ma è stata tanta la instantia de Firenze,” scriveva Vittoria da Pisa al duca di Ferrara in data 26 marzo detto anno “che contro la volontà de madamma ha bisognato remandarlo a quella cità, et io ho concorso per lo honore de Dio et magior frutto.” L’Ochino partì per Firenze il 25 marxo e Vittoria se ne stette alquanti giorni senza sue prediche, ma «consolata» in un monasterio con animo di rimanervi «sin che serrà tempo ir a Lucca a bagni». Peraltro Niccolò Martelli c’insegna che ella non mantenne il suo proposito e al sine si ridusse a Firenze per udire il suo fra Berlardino. La notizia ci vien confermata dal Carnesecchi, il quale nel processo afferma: “la reviddi a Fiorenza essendo lei capitata in quelle bande per andare alli bagni di Lucca nell’anno 1533.” Trovo strano però che lo stesso Martelli nel 1544 continui a chiamare l’Ochino “raro et piu c’huomo,” mentre già dall’agosto 1542 era passato alla Riforma calvinista et Vittoria aveva con lettera al card. Cervini (see above, letter dated 4 December 1542) disapprovata la defezione del suo antico confessore, dicendo ch’egli oramai era “fuor de l’arca che salva et assicura” (Carteggio, p.143,157,257, e 331). È qui pure il caso di notare che per l’assenza dell’Ochino non cessò Vittoria di proteggere la riforma dei Cappuccini ed in prova produco un documento, il quale è anche una chiosa all’estratto di lettere (n° lxxiii) a pag. 124 del Carteggio:† 1547 faccio recordo Io Iac.o herculano come del anno 1547 comparai dalli frati cappuccini per le mani della Ill.ma Sig.ra Vittoria Colonna Marchesa de peschara una casetta or vero casarino congionto con la mia casa in lo rione de treio nela parrochia de S.to Nicola de porci al presente posseduta dalla congregatione de frati capp.ni et detto S.to Nicola della Croce, alla quale chiesia apparteneva detto casareno il quale fu estimato da periti posti da detta Sig.ra et frati per prezo dei scudi LXXa de Iuli X per scudo. Quali sc.70 ha pagati per ordine del R.° fra bernardino de asti al presente vicario general de detta congregatione in più partite et a diverse persone per spese della fabbrica facevano fare in la chiesia et convento de detto S.to nicola, et per mia cautela il detto r.o patre fra benrardino me fece una polisa sotto scritta de sua mano et sigillata del sigillo del suo officio in la quale faceva fede del pagamento de detti sc.70 et la detta Sig.ra me ne fece un altra parimente per questa causa io non havessi partire.”Osservo in fine che questo prete Hercolano fu quegli che portò il viatico a moribondo M.A. Flaminio (Beccadelli, Vita del card. Reginaldo Polo – Mon. di varia lett., t.I, par. II, p.28 nota.)
  266. Merkle Sebastianus, Concilium Tridentinum diarorum, actorum, epistularum, tractatuum nova collectio. Tomus primus; Diariorum pars prima, Herder, 1901, p.302, para. V.
  267. Sine causa mutavit Woker: infetto.
  268. Monumenta Ignatiana ex autographis vel ex antiquioribus exemplis collecta. Series Prima. Sancti Ignatii de Loyola. Epistolae et Instructiones. Tomus primus. Matriti, Gabrielis Lopez del Norno, 1903, p.343-344.
  269. Letter of Ignatius of Loyola to Caludio Jay, published in Italian by Fredegando d’Anversa, “Bernardino Ochino. Fautore della Pseudo-riforma” in L’Italia Francescana 6(1931) 180, note 17. See also Sisto da Pisa, “Curiosità ochiniane” in L’Italia Francescana 6(1931) 507-512.Questa servirà unicamente per darvi, con ogni secreto, le ultime precise istrizioni, acciochè meglio possiate occuparvi e trattare quest’opera di carità così importante, se venisse a realizzarsi a gloria del Nostro Signore Iddio: egli è, in poche parole, che una persona di grande carità, e cha tratta famigliarmente con Fr. Bernardino, che da molto tempo conosce, venne a pregarmi volessi occupare su di questo negozio, prendendo qualche via di mezzo, per arrivare a qualche modo di soddisfazione misericordiosa etc. Io le risposi che non averi mancato di occuparmene con tutte le mie forze, se avessi lettere sue (di Fr. Bernardino), senza le quali io non vedo il modo di poter parlare al Papa, o a questi, od a quelli etc: sicchè quella persona mi promise di scrivere colà per avere lettere sue etc.Pertanto, profittandovi di questo, ci pare sarebbe utile, se così lo giudicate nel signor Nostro, che cercaste in un modo o in un altro di fargli una visita, e sentire da lui qualche cosa, prendendogli qualche parola, acciochè con ogni carità potessimo per qualunque via aiutarlo, e da ciò prendesse lui stesso occasione per aiutare se medesimo coll’aiuto di N. signore: ma senza che lui sappia niemte (che noi vi siamo di mezzo), ma come cosa vostra; e questo vi è facile, essendo lui, come scrivete, così vicino a voi…Oltre di ciò, per muoverlo, incitatelo così: “cosa fate? che vi indugiate?”, ed assicuaretelo che tutte le cose gli saranno qui propizie, ed offritevi a lui per il pieno favore di qui. Che se dimostra timore, promettetegli l’appoggio della Compagnia, poichè qui ci sono io, c’è il Maestro Lainez, il Maestro Salmeron: insomma che creda ed abbia per certo di averci tutti noi come la stessa anima sua, per ciò che riguarda la sua persona e tutte le cose sue. Vedete dunque se potete tirargli qualche lettera, o quello che coll’aiuto di N.S. Iddio potete lì fare con lui. Ma che non se n’accorga che vi scriviamo da qui etc.E poi quanto prima scriveteci particolareggiamente quel che sarà avvenuto intorno a questo affare etc.

    Da Roma,li 12 Dicembre 1545.

    P.S. In nessuna maniera venga a sapere la suddetta persona (Fr. Bernardino) questo communicato che vi facciamo.

    This letter is the seventh translated into English in a series: St. Ignatius Writes to His Brethren:
    Selected Letters and Instructions of St. Ignatius of Loyola, e
    dited by Joseph N. Tylenda, S.J. Copyright 2002, Joseph N. Tylenda, S.J. Revised and expanded from Counsels for Jesuits: Selected Letters and Instructions of Saint Ignatius of Loyola, copyright 1985, Joseph N. Tylenda, S.J., Downloaded, 30 October 2006:

    http://woodstock.georgetown.edu/ignatius/letter7.htm

    The purpose of this letter, which must remain confidential, is to give you information which will help you to understand and handle this important work of charity, whose success will mean so much for God’s glory. Briefly, then, a person of great charity, who is well acquainted with Fra Bernardino came to speak to me and informed me of the affair. This individual’s plan was to take a middle course and provide some satisfactory means whereby a pardon could be obtained. I answered that, if I had a letter from him, without which I did not think it possible to approach the pope or anyone else, I would do everything in my power. This person, thereupon, offered to write and ask for such a letter. Taking advantage of this, you might try to visit him for some reason or other, without letting him know of this request of mine. As you say, you are close at hand, and I think it would help to make such a visit, if you think it proper, and learn what you can from him. Assure him that we should be glad to help him, in all charity, in any way possible, if he would only grasp the opportunity of making use of our help in the Lord. In addition, you might try to move him, by asking him what he is about and what he can hope for, and tell him that everything can be arranged, and offer your services to see to it that the matter is favorably arranged here [Rome]. If he manifests signs of fear, promise him the good offices of the Society, for besides myself Master Laínez and Master Salmerón are also here. As to his person and all his concerns, he should think of us as of one mind with himself. Whether you get a letter from him, or whatever else you do in our Lord, he should not know that we have written you from here. Write us very briefly whatever happens.

    From Rome, December 12, 1545.

    By no means should that person know of this letter of ours.

  270. In Pietro Tacchi Venturi S.J., Storia della Compagnia di Gesù in Italia. Narrato col sussidio di fonti inedite, volume primo, parte seconda: Documenti, Roma, Civiltà Cattolica, 1931, pp. 140-141.
  271. Matthew 7:15
  272. In Marcantonio Flaminio, Lettere, edited by Alessandro Pastore, 1978, p.156 – 158.
  273. Giulia Varano, the wife of Guidabaldo II della Rovere died at Urbino on 17 February 1547 at the age of 24.
  274. Vittoria Colonna died 25 February 1547.
  275. The title of the letter attributes its authorship to Bernardino Ochino, though internal evidence argues that he could not have been the author. Therefore the letter is ‘apocryphal’ though not unimportant in the early history of the Capuchin fraternity. In 1874 Karl Benrath, Ochino’s bi- ographer, published the version of this letter found in the Biblioteca Laurentiana also in Flor- ence, (Plut. LXXXIX sup. Cod. 36); cf. KARL BENRATH, “Lettera a Paolo III – Documento sconosciuto del secolo xvi” in La Rivista Cristiana 2(1874) 257 – 272, 289-302. So as not to offend his readers his publication omits two brief sections. Without a date Benrath believed the Laurentiana ms was made in the latter part of the 16th century. That same Laurentiana ms served as examplar for seventeenth century ms copy now found in the Biblioteca Nazionale di Firenze (Guicciardini 2.6.36).This transcription, done in January 2010, is published here for the first time, and substitutes the Benrath’s transcription presented in earlier editions of this compilation. This is a transcription of a ms in the Vadianische Sammlung of the Kantonsbibliothek of St. Gallen, ms 469 (101r- 129r). In this ms it bears the titlepage: Epistola invectiva Bernhardj Occhinj in qua vita et res gestae Pauli tertij Pont. Max. descributnur. This ms served as exemplar for a ms copy in the Biblioteca Nazionale di Firenze (Fonds Guicciardini ms 2-6-36). The title of Guicciardini 2-6- 36 has: Evangelical correction of Bernardino Ochino to Paul III, Roman Pontiff, copied from an old manuscript copy kept in the Biblioteca Civica in San Gallo.
  276. Correction made by another hand.
  277. dj is inserted above the text by another hand.
  278. Monumenta Historica Societatis Jesu a patribus ejusdem Societatis nunc primum edita. Epistolae Mixtae ex variis Europae locis ab anno 1537 ad 1556 scriptae, Tomus quartus. Matriti, Augustinus Avrial, 1900, p.237-238
  279. Numbers 26:10: Et aperiens terra os suum, devoravit Core, morientibus plurimis.
  280. Lectio dubia