A textual comparison between 1536, 1552 and 1575 Constitutions

Prepared by Br Paul Hanbridge OFM Cap

By identifying text modifications marking the evolution of the Constitutions of the Capuchin Constitutions, to map changes in emphasis, legislation and practice.

Table of Contents

Constitution Chapters navigation buttons:

Ch 1Ch 2Ch 3Ch 4Ch 5Ch 6Ch 7Ch 8Ch 9Ch 10Ch 11Ch 12

Method

ABBREVIATIONS: α = CC1536, β = CC1552, δ = CC1575

α and β are presented synoptically, with parallel texts adjacent each other. Variations, omitted text and additional text in δ are end-noted.

TEXT COMPARISON

[ … ] shows longer sections of the text of α or β that δ takes up verbatim, or omits, as indicated in the appropriate endnote.

( … ) identifies subsections of text, even within [ … ], that contain variations.

Un-bracketed text is common to α, β and δ.

Italicised text indicates passages in both α and β that express the same thought, but with variations in word order or terminology. When one or other text variation is used in δ, the endnotes registers this with a simple δ.

Bold text indicates wording unique to either α or β. A word or passage in bold characters in α means that β has omitted the passage. A bold word or passage in β identifies text that β has introduced to the Constitutions. An endnote will indicate if δ has taken up this wording or omitted it.

Variations in wording in δ and passages unique to δ are indicated also in the endnotes relative to the text of α and β.

Spelling variations are not noted.

TEXTS

These transcriptions are from Constitutiones Ordinis Fratrum Minorum Capuccinorum Saeculorum Decursu Promulgatae, Vol.1 Constitutiones Antiquae (1529-1643), Curia Generalis OFM Cap, Romae, 1980.

Paragraph lengths have been altered from the originals to make comparison easier.

The texts of α and β have been transcribed to replicate the typefaces from the anastatic edition using Jenson Truetype, which lacks some of the standard manuscripts shorthand used in early printed books that sought to imitate manuscript style. Where such shorthand has been used, I have tried to replicate the characters by other means. For the text of δ in the endnotes, Times New Roman is used.

General Description

Style

Development in style. The grammar, orthography and set-out of the Constitutions changes between α, β and δ. All three editions are in Italian.

CC1536

Title Page:

NEL NOME DEL NO

STRO SIGNOR IESU CHRI

sto incominciano le constitutione de li Frati minori detti Ca

puccini

uses manuscript shorthand (&, and the symbols for per, pro, qua and que) and morphology (the long s and ss, contracted si, ct and st, and bar vowels preceding nn or mm, u and v the same), decorative floral initials at the beginning of each chapter, and an often Latinate vocabulary (e.g. etiam, sancta, consuetudine, immo, attamen, excepto, exemplo, facti, iuxta, proximo, item and so forth.) Paragraphs are long, though interspersed with spacers (¶). The typeface is large, and print area is 6” x 3¾” (153mm x 94mm). The book folios or fascicles are lettered A-E, with the second recto in each fascicle numbered ij. The text, including frontispiece is 38 pages.

CC1552

Title Page:

LE CONSTITUTIONI

DE POVERI FRATI

MENORI DETTI CAP

PUCINI, ORDINATE

Nel loro generale capitolo, per

Piu agevole osservanza

Della regola, nouva-

Mente corrette,

& rifo-

mate

Proverb.6.

Conserva fili mi precepta patris tui,

& ne dimittas legem matris tue.

Tene disciplinam ne dimittas eam,

Custodi illam quia ipsa est vita tua.

Spera in Domino & fac bonitatem

& pasceris in divitiis eius.

Uses occasionally some simple elements manuscript shorthand (&), morphology (the long s and a modified ss (fs instead of ff ), and the contractions of si, ct and st. The text does not use illustrated initials. The vocabulary is no longer as Latinate. Each chapter constitutes one paragraph. Each chapter begins with an indent. Spacers are not used. The typeface is smaller and crisper (perhaps a difference between new and old type, or wood and metal type?) The print area is small, 5” x 2¾” (128mm x70mm.) The book folios or fascicles are lettered A-D, with the first four recto pages numbered 1-4. The text, with frontispiece is 60 pages long.

CC1575

Title Page:

INCOMINCIANO

LE CONSTITUTIONI

DE’ FRATI MINORI CAPPUCCINI

DI SAN FRANCESCO.

CORRETTE, ET RIFORMATE.

Uses a limited manuscript shorthand as in β (&). The morphology does not use the ct contraction since the text prefers not to use Latinate words. The st‚ contraction becomes ft and the long s is still used, the long ss (ff) is used again. This text includes a prefacing table of contents and concludes with promptuarium of formulas for registering elections, a page on which is printed the length of a palmo, then the Rule and Testament, and finally the modo for profession. The text is elaborately decorated beginning with an illustrated frontispiece. The Table of Contents is also decorated, with an ornate header including the words: Semper eadem. Beginning with the same header, the Prologue pages (2) are even more elaborate. Initials illustrating biblical or hagiographic themes are frequently used and begin each chapter of the Constitutions and the Rule. The fascicles are lettered A-I, with the second page in each numbered as ij. Summaries appear in the margins. Print area is (including margin notes) 6¾” x 4½” (170mm x 115mm). The length of the text includes the frontispiece (1 page), Table of Contents (6 pages), Constitutions, including prologue (51 pages), promptuarium and half-palmo (4 pages), Rule and Testament (11 pages): a total of 75 pages.

Development

The Constitutions evolved gradatim and not radically I would say, the most changes occurring in δ to adapt to the Decrees of the Council of Trent and other Papal declarations.

In terms of language β is more innovative than δ. The latter text is often a composite of α and β, though the redactors of δ certainly had α to hand, and often return to the text of α in preference to β.

Nel Nome del nostro Signore

Iefu Christo comminciano le Constitutione

deli Frati Minori detti Capucini.[1]

Nel Nome del Si-

gnor Giefu Christo cominciano Le Con

stitutioni de Frati Minori

detti Cappucini

T T

T

[ACCIO CHE LA NOSTRA Congregatióe come uigna del altiffimo figliol de dio fi conferui nella fpirituale obferuantia della euágelica&[2] feraphyca Regula e parfo al nostro Capitulo generale:celebrato:nel alma Citta di[3] Roma:nel loco nostro di Santa Euphemia nel anno del fignore.1536.di ordinare alchuni statuti per fiepe de (la predicta Regula)[4]:acioche come la in expugnabile Torre di dauid habi li foi propugnaculi: mediante li quali potiamo defenderci da tutti li inimici del uiuo fpirito del nostro fignore Iesfu Christo:& da tutte le relaxatione: contrarie al feruentiffimo& feraphyco zelo del patre nostro:fan Frácefco li quali fono questi.][5] ACCIO CHE La nostra congregatione come piccola[6] vigna del l’altiffimo figlio di Dio, nella fpiritual[7] offeruanza dall feraphica regola meglio fi cóferui. Si come[8] parue[9] a tutto il nostro capitolo generale celebrato in Roma nell’anno del Signore 1536.ordinar alcuni statuti per fiepe di quella, in modo tale che come dauitica torre inefpugnabile haueffe propugnacoli da difenderfi contra i nemici del uiuo fpirito del Signor nostro Giefu Christo,& ogni rilaffation contraria al buon zelo del padre nostro.s.Frácefco. Cofi anchora è parfo al general Capitolo celebrato in Roma nell’anno 1552. Quelli medifimi statuti riuedere, correggere, &compire, a fine che rinouati & ristampati de tutta la nostra congregatione, fieno intefi & offeruati. Volendo in ciò imitare il fopradetto nostro padre, il quale hauédo fatta la fua prima regola, & quella dall’Apostolica fede cófirmata:vn tempo tenne. Poi per afpiration diuina quella rinouò correffe,& confirmata& dichiarata da molti fommi Pótefici come ferma & autentica ci ha lafciata in perpetuo feruad’ iquali statuti fono questi
¶(In prima circa al primo capitulo de la regula fi ordina che ex quo)[10] [la Euangelica doctrina[11] tutta pura celeste fommamête pfecta:& diuina a noi dal celo portata dal dulciffimo[12] figliol di dio:& da lui medifimo cum opere& parolle promulgata[13] & infegnata[14] (imo etiam)[15] dal fuo eterno[16] padre nel fiume Iordane:& nel móte Thabor apþbata& auctenticata:qñ diffe.Questo e il mio figliolo dilecto:nel quale mi fo cópiaciuto :effo udite:fola cinfegna& monstra la dritta uia per ádare[17] a dio:& perho tutti li homini fõno obligati a la obferuátia sua:maxime li Christiani:che lháno promeffa nel facro[18] baptifmo:& tanto[19] piu noi frati:quanto che fan Francefco nel principio& fine dela fua Regula fa expreffa mentione de la obferuantia del facro Euangelio[20]:imo la Regula fua non e altro che la medulla de lo Euangelio (unde etiam)[21] nel fuo testamento diffe efferli stato reuelato: che doueffe uiuere fecúdo la forma (del fancto Euangelio)[22]:perho acio li frati habiáo fempre inanti: a li ochi del mente la doctrina& uita del (noFlro falutor Christo Iefu)[23]:& (acio che)[24] ad exépio dela uirgine Cecilia portino fempre:nel feno del cor loro lo Euangelio facro fi ordina che][25] (ad reuerentia de latltiffima Trinita fi legano in ciafcheduno loco tre uolte lanno li quatro Euangelisti:cioe ogni mese uno.)[26] Quanto al[27] primo capitolo della regola, fi ordina che ex quo la dottrina Euangelica tutta pura&[28] celeste fommamente perfetta & diuina a noi dal cielo portata dal fapientiffimo figliol di Dio,& con opere & parole da lui palefata,& piu dal fuo gloriofifsimo padre nel fiuma Giordano & móte Tabor autenticata quádo diffe. Questo è il mio figliol diletto effo afcoltate[29], qual perfettamente infegna la dritta via per caminar[30] a Dio, onde[31] tutti gli homini fono tenuti ad offeruarla[32],&maffime christiani che l’hanno promeffa nel battefimo, ma molto piu noi frati minori[33] a iquali il Padre nostro nel principio & fine della regola, fa efpreffa mentione della offeruanza del facro Euangelio, anzi[34] la regola fua non è altro che la medolla dell’Euáglio,per il che nel fuo testamento dice che gli fu riuelato da Dio che doueffe viuere feconda la forma di quello[35]. Per tanto accioche i frati habbino fempre innanzi gli occhi della mente la dottrina & uita del nostro Saluatore,&ad effempio della uergine Cecilia lo portino fempre nel feno del core. Si ordina che [ogni mattina faluo che il venerdi in ogni luogo fi legga alla menfa una lettione dell’Euangelio facro.][36]
¶[Et perche la Regula de fan Francefco e come uno picolo[37] fpechio:nel quale reluce la Euangelica perfectione:fi ordina:che:fi lega ogni uenerdi in ciafchun loco distinctamente& cum debita reuerentia &deuotione acio che impreffa nele mente nostre][38] poffi meglio obferuarusi si lega etiam qualche deuotiffima lectione[39] ali frati:[exhortandoli a fequir christo crucifixo.][40] Et perche la regola di fan Francefco è un fpecchio, nelqual riluce la Euangelica perfettione. Si ordina che quella fi legga ogni festa feria[41] in ciafcun loco distintamente, & con debita riuerenza & diuotione, accioche impreffa nelle menti nostre (meglio fi poffa offeruare Ma ne gli altri giorni doppo il[42] fanto Euangelio, leggafi)[43] qualche diuota lettione alli frati effortandoli a fequire Christo crucififfo.
[I i fratri etiam fempre fi sforzino di parlar di dio imperho che questo molto gioua p infiammarfi nel fuo amore&acio la euangelica doctrina poffi fructificare neli cori nostri: per extirpare ogni Zizania: da la quale potrebe effere fuffocata fi ordina :che ne li loci nostri p neffuno modo fi tenghino libri difutili o uani perniciofi al fpirito di Christo fignore & dio nostro. ¶Et perche le fiamme del diuino amore nafcano dal lume de le cofe diuine:fi ordina:che fi lega qualche lectione de le fcripture facre: exponendole con fancti& deuoti Doctori. Et benche quella infinita diuina fapientia fia incomprehenfibile& alta:tamen in christo nostro faluatore tanto fi abaffo:che fenza altro mezo:con lochio puro fimplici:columbino& múdo de la fede li fimplici& idioti la poffano intendere: perho fi prohibiffe a tutti li fratri:che non ardifchono legere ne studiare fcientie impertinente & uane: ma le fcripture facre:imo christo iefu fanctiffimo nel quale fecundo Paulo:fono tutti li thefori de la fapientia& fcientia di dio.][44] Li frati anchora fi dieno loco di parlar di Dio fempre, perche questo molto gioua per infiammarfi dell’amor fuo,&accioche la Euangelica dottrina poffa fruttificare nei cori nostri, per extirpare ogni zizania, della quale potrebbe effere fuffocata, fi ordina che nei lochi nostri per nifiun modo fi tengano libri difutili,ouer uani perniciofi al fpirito del Signore,

& fi prohibifce a tutti i frati, che non ardifcano leggere ouer studiare fcienze impertinenti & uane. Ma le fcritture facre, con libri diuoti & approbati: Anzi Christo Giefu fantiffimo, nelquale fon tutti i tefori della fapientia & fcientia di Dio.

¶Et perche fu non folo uolunta del patre nostro fan francefco[45] imo etiam[46] di christo nostro redemptore[47] che la regula fi obferuaffe fimplicimente ad literam[48] fenza glofa[49]:fi come la obferuorono gia quelli primi nostri faraphyci[50] Patri.Perho effendo la Regula nostra clariffima:acio[51] piu puramente: (fanctamente & fpiritualmente)[52] fi obferui (:fi renuncia a tutte le)[53] glofe[54] (& expofitione carnale:in utile noxie& relaxatiue:le quale extiráo la Regula)[55] da la pia[56] [iusta[57]& fancta mente di christo fignor[58] nostro el quale parlaua in fan Francefco.& per fingular uiuo commento (dela Regula nostra) acceptiamo le dechiaratione de fummi pontifici][59] &la fanctiffima[60] uita doctrina& exempli (del padre nostro fan Francefco.)[61] Et perche fu non folo volonta del padre nostro, anzi di Christo nostro Signore, che a regola fi offeruaffe fimplicemente ad litteram fine glofa,fi come la offeruarono gia quelli primi nostri padri. Pero effendo la regola nostra chiariffima, accioche piu puramente fi offerui, fi rinuntia a tutte le giofe&efpofitioni carnali, inutili, & rilaffatiue, lequali estirano la regola dalla pia & fanta mente di Christo Dio nostro, il quale parlaua in fan Francefco,& per fingular uiuo commento della regola nostra, accettiamo le dechiarationi de fommi Pontefici,& la fanta vita dottrina et effempi del fopra detto nostro padre fan Francefco.
¶[Et acio che come ueri& legitimi figlioli di [62]christo nřo padre& fignore pturiti iterú[63] (da lui in fan)[64] Francefco:fiamo participi de la fua heredita:fi ordina[65]:che da tutti fi obferui el testamento del [66]Padre nostro (fan Francefco da epfo ordinato)[67]:][68] quádo proximo a [69]morte:& de le facre stigmate infignito:pien di feruore& fpirito‐fancto[70] fommamente anhelaua la salute nostra:& questo acceptiamo per fpirituale glofa[71]& expofitione de la Regula nostra[72] :fi come da epfo[73] a questo fine fu fcripto:acio[74] la promeffa Regula meglio& [75]catholicamente fi obferuasse. Et accioche come ueri & legittimi figlioli di Christo nostro padre & Signore partoriti vn’altra volta nel patriarcha Francefco fiamo partecipi della fua heredita, effortiamo che da tutti fi offerui il testamento di effo[76] padre nostro, fatto da lui quando uicino[77] alla beata[78] morte ornato[79] delle facre stimmate, pien di feruore & fpirito fommamente defideraua[80] la falute nostra. Et questo accettiamo per fpiritual glofa & efpofitione della regola, fi come da effo a questo fine fu fcritto, accioche la promeffa regola meglio & catholicamente fi offeruafci.
imo [perche in tanto fiamo figli del feraphyco padre:in quanto imitiamo la uita& doctrina fua:][81]unde [il nřo faluatore a li hebrei diffe:fe feti filgioli di Abraham:fate le opere di Abraham:cofi fe fiamo figlioli di fan francefco: faciamo le oƥe de fan Franfcefco ƥho][82] (fi ordina che ogniuno)[83] [fi sforzi imitar qsto nřo[84] padre:dato a noi ƥ regula norma& exéplo imo[85] il nostro fignore Iesu christo in lui:nó folo ne regula& testamento imo[86] intutte le sue infocate parolle& amorofe[87] opere:perho fe legano fpefo fo la sua uita& de li fuoi[88] compagni. ][89] Et[90] perche in tanto fiamo fuoi buoni figlioli, quanto che imitiamo le opere fue, [fi come][91] a gli Hebrei diffe il pio Saluatore, fe fete figliuoli di Abraham fate le opere di quello, pero fi ordina che ogniuno fi sforzi di imitare questo padre nostro dato a noi per regola & norma & effempio, anzi effo nostro Signor Giefu in lui non folo nella regola & testamento, ma anchora[92] in tutte le fue ardenti parole & amorofe opere, & a questo fine fpeffo leganfi la uita fua,& quelle de fuoi benedetti compagni:
¶[Et perchel nostro padre[93] tutto diuino:in ogni creature contemplaua:dio: maxime nel homo& precipue[94] nel christiano:ma fopra tutto ne li facerdoti : & fingulariffimamente[95] nel fommo Pontifice:el quale in terra e uicario di christo nostro fignore& capo de tutta la chiefia militãte[96]: perho uolse fecúdo la apostolica doctrina che li fuoi frati per amore di colui:][97]che fi exinani per nostro amore: fuffen fubiecti a (dio)[98] [in ogni creature:per il che li chiamo frati minori:acio non folo col core fi reputifino a tutti inferiori imo inuitati nela militante chiefia ale noze del fanctiffimo fpofo Iefu christo:cercaffino di star nel ultimo loco fecundo il fuo confeglio&[99]exemplo Confiderando anchora che effo padre nostro tutto diuino in ogni creatura, contemplaua Dio mafsime nell’huomo, & precipuamente nel christiano. Ma fpecialmente ne i facerdoti, & fingularifsimamente nel fommo Pontefice, ilquale in terra è uicario di Christo nostro Signore capo di tutta la militante chiefa,pero uolfe fecódo la dottrina apostolica che i fuoi frati per amore di colui che fi abbafsò[100] [tanto per noi effendo Dio,][101] fuffino fubietti a Dio in ogni creature, per il che chiamolli frati minori, accioche non folo col core fi riputafsino ad ogni altro inferiori, ma nelle nozze della Chiefa inuitati cercafsino di stare nell’ultimo loco, fecondo il fuo configlio & effempio,
[perho confiderando che la liberta:che fi ha.per li priuilegii& exemptioni del non effer fubditi a li ordinarii: non folo e a la fuperbia: proxima: ma inimica de la humile& Minorica fubiectione:& molte uolte perturbando la pace:parturiffe fcandalo nela chiefia di dio:][102]  
perho per conformarci al humil christo crucifixo[103]:el quale uenne a feruirci facto obediéte infino a lafpra morte de la croce][104]  
[:& non effendo a la lege fubiecto: ma di epsa signore uolse a quella subiugarsi &pagar il cenfo& tributo:effendo libero: per euitare lo scádolo fi renuncia dal capitulo generale li priuilegii del effere liberi& exemp.i da li ordinarii:& per sommo priuilegio acceptiamo col feraphyco padre di effere fubditi a tutti.Et fi ordina che tutti li uicarii ne le loro ƥuincie uadino a li loro Diocefani:& prelati ordinarii li quali fono membri humilmente fubditi al fummo Romano pontifici:el quale e capo& fuperiore de tutti:& humilmente per fe& per tutti li suoi frati li offerifcano obedientia& reuerentia in tutte le coffe diuine& canoniche:cedendo a ogni Priuilegio:che in cótrario faceffe.Imo fi come fu uolunta del nostro padre:][105]  
(fi exhorta)[106] ogni[107] frate[108] a portare fempre debita reuerentia a tutti li facerdoti. fi exhorta etiam li frati a obedire fempre có ogni poffibile[109] reuerentia al fummo pontifice fupremo padre de tutti li christiani:a tutti li prelati. per questo molto)[110] effortiamo ad ogni frate il [portar fempre debita riuerenza a tutti i facerdoti,&(ad)[111] ubedir fempre con ogni humiltà][112] al fommo Pontifice l’opremo[113] padre de tutti i christiani,& (condecentemente honorare)[114] [tutti gli altri catholici prelati.][115]
(Imo ét a)[116] ogni creature:la quale ci mostraffe la uia de dio: fapendo che quanto quella[117] perfona:a la quale fi obediffe per amor del nostro fignore Iesu christo e piu uile: tanto la obedientia e piu gloriofa& a dio piu grata.][118]  
Item fi ordina:che li frati nó folo fiano fubiecti a li loro uicarii:custodi& guardiani. Imo etiam fe ha determinato:chel Padre nostro uicario Generale:quando sara: electo:humilmentefe prefenti o mandi al Reuereñ.patre generale de conuentuali dal quale deba effere confirmato:

Et perchel padre nostro fan francifco nel fuo testamento:per euitare fimili priuilegii comanda ali fuoi fratri:che nela corte Romana non domádino alcuna littera þ la þfecutiõe de li fuoi corpi perho fonno dal capitulo generale renunciati tutti li priuilegii che relaffano la Regula& alargano la uia del spirito fi conformano col fenfo.][119]

Simileméte fi ordina che i frati non folo fiano fubietti a i lor vicarij custodi,&guardiani Ma piu fi è determinato che il nostro padre Vicario generale quando farà eletto, humilmente fi prefenti ouer mandi al Reuerendo padre Generale di Conuentuale dalquale fia confirmato. Medefimamente i vicarij prouinciali, quando faranno eletti, fi prefentino ouer mandino da nostro padre Vicario generale per la fua cófirmatione,&in quel mezzo che viene la rifposta della confirmatione poffano effercitare gli officij loro come vicarij eletti, oltra di questo, perche il nostro buon padre nel fuo testamento, commanda a i fuoi frati, che nella corte Romana non domandino alcuna lettera Però fono dal capitolo generale rinunciati tutti quelli priuilegij, iquali relaffano la regola nostra, & allargando la uia del fpirito fi accostano al fenfo.][120]

Quanto al fecundo capitulo.

 
Desiderando che la nostra cógregatione crefca molto piu inuirtu ƥfectione& fpirito[121]:che in moltitudine: fapédo che come diffe la infalibil uerita molti sóno li chiamati:ma pochi li electi:& che fi come ƥdiffe el feraphyco[122] patre (i morte ƥximo)[123] :niffuna cofa e per nuocere táto a la pura obferuantia de la Regula: quanto la moltitudine de li frati inutili carnali:& animali[124]:fi ordina:che li uicarii diligentemente examinino[125] le loro[126] conditione[127]& qualita: Quanto al fecódo capitolo, defiderádo che la nostra cógregatione crefca molto piu in uertu & ƥfettione di fpirito che in moltitudine, fapendo che come diffe la verita infallibile[128], Molti fono i chiamati& pochi gli eletti. Et come prediffe il padre nostro ƥffimo al morire. Niffuna cofa è per nocere tanto alla pura offeruanza della regola, quanto la moltitudine de frati inutili & carnali. Si ordina che i vicarij diligentemente le lor conditioni prima effaminare debbiano &le lor qualita,
[ne li riceuino:se non monstrano di hauere optima intentione& feruentiffima uolunta. Per euitare etiam ogni admiratione &fcádolo fi prohibiffe la receptione de quelli che non harano finiti fedeci anni:o uero fe bene li paffaffeno:harano la facia puerile:acio fapino per experientia quello promettano. ¶Item fi ordina:che non fi riceua a profeffione alcuno per clerico:fe non hara conueniente littere:accio che in perfoluere le diuine laude non offende:imo con lintendere quello che proferifce:fene pasca. ][129] [per non gli riceuere fe nó faranno di ottima difpofitione, &dimostrano feruente uolonta. Et per euitar ogni ammiratione& fcandalo, fi prohibifce il riceuere quelli che non haranno fedeci anni compiti, ouero fi bene gli paffaffero, haráno la faccia puerile, accioche fappiano per efperienza tutto quello che hanno in fua profeffione da promettere: Parimente, fi ordina che non fi riceua per chierico alla profeffione chi nó hara cóueniente lettere, accioche in perfoluer le diuine laudi non offenda,ma intendendo cio che dice fe ne pafca.]
¶Si ordina etiam[130]:che quelli che farano riceuuti a questa uita:prima che fi uestino: experimentino in alchuno di li (nostri lochi)[131] per alquanti[132] giorni in tutte quelle cofe:che da li frati fi obferuano:acio che fi ueda la loro bona uolúta:& epfi uno tanto negocio affummino con magiore lume:maturita& deliberatione:Ilche etiam fi intende de Religiofi:che uorano uenire a la uita nostra [Si ordina che quelli che faranno riceuuti a questa vita prima che fi uestano,fi efperimentano in alcun loco nostro per qualche giorni, in tutte quelle cofe che da frati fi offeruano, accioche fi vegga la lor buona (volonta)[133], &effi vn tanto negocio abbraccino con maggior lume, maturita, et deliberatione, ilche f’intende ancho de i religiofi che voranno venire alla uita nostra.][134]
:& acio questo meglio fi obserui:fi ordina:

che li uicarii non receuino fenza el configlio [& cófenfo de la magior parte de][135] frati:che farano in quel loco:fi trouara:

Et piu fi effortano i padri vicarij che nel riceuer’all’ordine ditte perfone, fi cófigliono con i[136] frati che faranno in quel loco fi prouaranno.
  Et acchioche questo meglio fi offerui, fe gli facciano le prefent interrogationi. Prima, fe ferma méte crede tutto quello che crede & tiene la fanta Romana chiefa. Secondo, fe è fano di mente& di corpo, & fe mai ha patito alcun diffetto di mente, o di ceruello, o fe ha hauuto mai alcuna infirmita incurabile, o contagiofa. Tertio, fe in alcun tempo ha commeffo alcun delitto fcandalo, o enorme, o pur fia stato di quello infamato. Quarto, fe altra volta è stato religiofo profeffo in alcuna religione, o fia stato nouitio nella nostra cógregatione. Quinto, fe ha debiti quali poffa pagare, non fia riceuuto per fino che non habbia fatisfatto. Sesto, fe ha moglie in matromonio confummato, fia feruata la regola. Settimo, auertono che non habbiano la faccia puerile, che fieno competentemente litterati, o uero atti ad effercitij honesti, & non fieno troppo uecchi, faluo fe delloro riceuiméto fuffe grande edificatione nel popolo & clero. Ottauo, fieno informati pienamente dell’austerita della nostra regola, & del nostro modo di uiuere. Nono, fe gli dimandi fe i lor padri & madri, o figlioli, fono tanto poueri, che fenza loro non poffino viuere, fe mancano in alcuna delle fopradette cofe, non gli riceuano.[137]
Et perche Christo fapientiffimo[138] maestro impofe a quello adolefcente:che monstraua di uolere faluarfi:che fe uoleua effere fuo Difcipulo:in prima uendeffe tutto quello[139] haueua:& deffe a li poueri[140]:[& di poi el fequitaffe:][141]il che limitatore di christo Francefco non folo obferuo:& [infegno con lo exemplo in fe& in quelli [142]riceueua:imo etiam[143] lo impone ne la Regula:][144] Et per che Christo maestro prudentiffimo, impofe a quel giouane, che mostraua di volerfi faluare,[145] che volendo effer fuo difcipolo prima uendeffe quanto haueua, dandolo a poueri, et doppoi lo feguitaffe, [il che lo imitator fuo Francefco,][146] non folo offeruò & con l’effempio infegnò, in fe tanto, quanto in quelli che riceueua, ma lo efprime nella regola.
perho[147] [per conformarci a (christo fignor nostro)[148] & ala uolunta del feraphyco padre fi ordina][149]:(che non fi uesta alchuno:fe in prima (potendo) non hara tuto el fuo distribuito a poueri:fi come e conueniente:a chi uoluntariamente e lege uita mendica: & in questo fi potra in parte uedere el fuo feruente o tepido fpirito:& effo con piu quieta& fermamente potra feruire a dio:& li frati non hauendo alchuna occafione di intrometterfi ne le cofe fue:restarano fynceri ne la loro sancta pace.) Per tanto accio che ne cóformiamo al nostro Signore Christo (Giefu)[150],& al padre Seraphico fi ordina, che i vicarij innázi, che gli riceuino, gli dicano la parola del fanto Euangelio, come dice la regola che vadano,&vendano tutti i loro beni,& dieno a poueri puotendo
[Si ordina etiam[151]:che li panni deli nouicii: che uengono dal feculo.fi referuino infino al giorno dela profeffione.][152] (Et quelli de li religiofi:per alcuni giorni:& di poi) perfeuerádo quelli de feculari fi dieno a poueri da effi proprii :&quelli de li Religiosi:da li uicarii Prouinciali immediate[153].o per mezo di qualche perfona fpirituale. ,& i panni de i nouitij fi riferuino infin’al giorno della profeffione,& (fimilmente quelli)[154] [di religiofi,& perfeuerádo quelli di fecolari, fi dieno a poueri per le lor mani, [155]& quelli di religiofi da vicarij, o (amici fpirituali)[156],][157]
¶[Et acio non poffi efferci dicto quello che christo fanctiffimo diffe ali fcribi& Pharifei.Guai a uoi:che andate circuiédo el mare& la terra per fare uno profelito:& di poi el fate effere figliolo de la gehenna di uoi molto pegiore:fi determina:che in ogni prouincia li noucii fieno posti in uno o dui lochi apti al fpirito deputati a questo per el capitulo& fe li][158] dia li mastri (de li piu)[159] maturi morigerati& illuminati de la uia di dio li quali habiano diligente cura dinsignarli non folo le cerimonie:ma le cofe del fpirito[160]:neceffarie per imitare perfectamente[161] christo nostra luce uia uerita e uita& li mostrino con exemplo& parole:doue confiste la vita del[162] Christiano & del frate minore. Ne (fia receuto)[163] a profeffiõe fe in prima non fa[164] perfectamente quello debe[165] promettere& obferuare.[166] &accioche non poffa efferci detto quello, che Christo fantiffimo diffe a Scribi & Farifei:Guai a voi che circondate il mare & la terra per far vno profelito, & poi lo fatte figlio della Genna di voi molto peggiore, fi determina,che in ogni prouincia i nouitij fieno posti in lochi atti al fpirito deputati a questo per il capitolo,& fe gli dieno[167] maestri maturi, morigerati, &(della uia di Dio illuminati)[168],quali habbino diligente cura di infegnarli, non folo le ceremonie,ma le cofe del fpirito neceffarie per imitare perfettamente Christo nostra luce, uia, uerita,&uita. Et gli mostrino con effempio & parole doue confiste la uita del perfetto christiano,& uero[169] frate minore. Ne fia riceuuto a profeffione,fe prima non fa perfettamente quello,che debbe promettere & offeruare.
Et accio (in)[170] quiete pace& silentio meglio fi fortifchino nel fpirito (:fi ordina:che)[171] neffuno (li parli)[172] prolixamente:excepto[173] el.P.Guardiano& il loro maestro.niffuno[174] etiam[175] entri in cella loro[176]:ne epfi[177] in cella de altri fenza fpecial licétia[178]. ¶Et acio[179] meglio imparino a portare el iugo del fignore: fi ordina:che etiam[180] dopo la profeffione stiano fotto la difciplina del maestro al mancho[181] per tre anni:[182]acio (non)[183] facilmente perdino el fpirito nouellamente acquistato:ma corroborandofi fempre fe uadino piu fermando& radicando ne lo amore di [184]christo fignore& dio nostro. Et accioche in quiete, pace,& filétio meglio fi fortifichino nel fpirito, fi ordina, che niffuno gli parli proliffamente, faluo che il padre Guardiano& il loro maestro. Niffuno entri nella lor cella, ne loro in cella d’altri fenza fpecial licenza. Et a fine che meglio imparino portar il giogo del Signore, fi ordina che doppo la profeffione stieno anchora fotto la difciplina del maestro al máco per tre anni, (offeruando le cofe fopradette, &)[185] cofi[186] facilmente non perdino il fpirito nouellaméte acquistato, ma corroborádo fi uaddino piu fermado & radicando nell’amore di Christo Dio & Signor nostro.
[Et perche fecundo alcuni doctori: li nouici: facendo la loro profeffione con li debiti modi fono restituti a la innocentia baptifmale:fi ordina:che dicti nouitii[187] auanti la loro profeffione fe preparino con grande diligentia con [188]confeffione[189] communione & multe[190] oratione:hauendo facta la confessione generale nel ingrefo de la religione per uestirfi del nouo homo:][191] Et conciofia che fecondo alcuni dottori i nouitij facendo la loro profeffione con li debiti modi fono restituti alla innocenza battifmale, fi ordina che auanti la profeffione fi apparechino diligentemente con preuia confeffione,& communione,&humile diuota oratione, hauendo prima fatta la general confeffione[192] nell’ ingreffo della religione, per vestirfi del nouo huomo,
& in receuere dicti nouitii tanto a la religione quanto ala profeffione fi feruino li modi& ceremonie ufitate& approbate nel ordine nostro.[193] & in riceuere detti nouitij táto all’ordine quanto alla profefsione, fi feruino i modi et ceremonie vfitate,& approbate nell’ordine nostro.
¶(Et perche)[194] non fenza caufa Christo:[195] commendo lausterita del[196] uestire di fan Ioan Baptisto:quando diffe:quelli che fi uestano di uestimenti molli[197]:sono ne le cafe de li Re:pero fi e ordinato:che li frati:li quali hano electo di effere abiecti ne la cafa di dio: fi uestino di li piu uili abiecti[198] austeri:groffi& fprezzati panni:che commodaméte potrano hauere in quelle prouincie:(ne le quale farano.)[199] Et ricordinfi li frati:che li facchi:con li quali uolse fan Francefco[200] che fi repezzaffeno:& le corde: con le quale uolse:che noi[201] cingeffemo:non fono conuenienti [202]a li Richi del mondo. Et fapendo che non fenza gran caufa il benedetto Saluatore cómendò l’austerita nel uestire del gran precurfor fuo Gioan Battista, quando diffe. Quelli che vestono molli vestimenti fono nelle cafe de i Re. Però fi è ordinato, che i frati che hanno eletto effer abietti nella cafa di Dio, fi vestano de i piu uili, abietti, austeri, groffi, & fprezzati páni che commodamente potranno hauere nelle prouincie doue faranno. Et ricordinfi i frati che i facchi con i quali volfe il nostro padre che fi rappezzafsino,&le corde có che volfe noi cingerfi, non fon cóuenienti (ai panni curiofi,& a ricchi del mondo.)[203]
Exhorta etiam[204] el capitulo generale tutti li frati a contentarfi (potendo) del habito folo:fi come fan Francefco nel fuo testamento expreffa[205] di fe[206]& de fuoi frati: quando dixe:&erauamo contenti duna tunica repezzata dentro& di fuori: Attamen[207] fe li frati ferano debili (di corpo ouer di fpirito: )[208] fe li concede[209] per la Regula: la fecundo tunica:& a questi tali non fi li concedi mantello fenza neceffita& licentia del prelato fuo:fapendo chel frate fano[210] ufar tre pannni e manifesto fegno delo extincto fpirito. ¶Et accio la pouerta: tanto dilecta[211] dal figlio di dio:& dal feraphyco[212] padre a noi per matre data:reluce in ogni cofa:che ufiamo Efforta con tutto il core il nostro capitolo generale tutti i frati a cótentarfi puotendo dell’ habito folo,fi come (il padre nostro)[213] nel fuo testamento fpecificò di fe, & de fuoi frati quando diffe:& erauamo contenti di vna tunica, rapezzata dentro & di fuori. Nódimeno[214] fe i frati faranno debili fe gli concede gratiofaméte[215] per la regola la feconda tunica, & a questi tali pero non fi concede mantello fenza neceffita & licentia del Prelato fuo, fapendo che il frate (minore fenza uera neceffita)[216] vfar tre panni è manifesto fegno di estinto fpirito. Et volendo fopra tutto che la nostra pouerta tanto dal figliol di Dio amata,& da lui & dal nostro padre a noi data per cara madre rifplenda[217] in ogni cofa che vfiamo
fi ordina:che li mantelli non excedino la extremita da le mane& fenza capuccio excepto[218] che in camino. (Ne fi portino fenza neceffita.)[219] Li habiti in lógheza nó paffino la iunctura de piedi:larghi undeci palmi:& dodeci per li corpulenti.Le maniche non fiano piu larghe:che quanto‐e‐neceffario[220] per entrare& uscire el braccio:& lóghe infino[221] a mezo la mane:o pocho piu.Le toniche fiano uiliffime& groffe: larghi.8.o.uero.9.palmi:[222] & al mancho mezo palmo piu curte dalhabito.El capuccio fia quadrato:fi come fi uede effere stati quelli di fan Francesco (che anchora restano per reliquie)[223] &de compagni:appare etiam[224] ƥ[225] le antique picture:& ‐e‐fcripto ne le conformita:in modo[226] che lhabito nostro fia in forma di croce:accio uediamo:effere cruxifixi[227] al mundo:&el mundo‐a‐noi.El cingulo de frati fia fune‐roza‐uiliffima:&groffa:con nodi fimpliciffimi[228]:fenza alcuna[229] curiofita‐(o‐fingularita)[230]:accio[231] despecti[232] al mundo habiamo occafione[233] di piu[234] mortificarci. Non [235]portino birette ne[236] capelli ne[237] cofe doppie:ouer[238] fuperflue. Si ordina che i mantelli non eccedino la estrimata delle mani ,& fenza cappuccio faluo che in viaggio,[239] &fenza neceffita nó fi portino. Gli habiti non fi portino[240] in longhezza nó paffino la giontura de piedi, larghi vndeci palmi & dodeci per i corpulenti. Le maniche non fieno piu larghe,che quanto è bisogno per entrar & vscir la braccio,&longhe fino a mezza la mano, o poco piu. Le tuniche fiano viliffime & groffe larghe noue, o diece palmi,&almáco mezzo palmo piu corte dell’habito (,&detti palmi fiano femplici, & fenza gionta del nodo.)[241] Il capuccio fia quadrato fi come fi veggono[242] effer stati quelli del (padre nostro)[243] .s.Francefco & di compagni, i quali anchora rimangono al mondo per relique. Appare oltra di questo nelle antiche pitture, & è scritto nelle conformita, in guifa tale che il nostro habito fia in forma di Croce, (accioche fi conofciamo)[244] effer totalmente[245] morti al mondo, & egli[246] a noi. Il cingolo nostro[247] fia fune rozza, uiliffima et groffa con nodi fimplici senza curiofita,accioche defpetti al mondo, habbiamo piu cagion di mortifiicarci. Non fi[248] portino berette, capelli, cofe doppie, ne fuperflue.
Item (in ogni loco nostro[249] fia una stanzetta:doue da uno a questo deputato:fi preferuino li panni de la communita:& da effo (fi tenghino)[250] mundi& rapezati per el[251] bifogno de poueri frati li quali ufati che li haranno fecondo la loro neceffita:netti li renderáno cum gratiarum actione. Et in ogni loco nostro fia vna stanzetta doue da (vn frate a ciò)[252] deputato, fi conferui[253] i panni della communita,& da lui[254] fieno tenuti mundi & rappezzati per bifogni di poueri frati, quali vfati che gli haranno fecódo la lor neceffita, netti gli rendino (con humile reconofciméto)[255].
¶(Et accio li nostri lecti)[256] fianno al quanto fimili a quello fopral:quale mori colui che diffe:Le uolpe hanno le loro cauerne:& li ucceli del celo[257] li nidi loro[258]. Ma el figliolo de lhuomo non ha doue reclini el capo:fuo[259]:Per effere etiam[260] piu uigilanti:& a (le oratione foliciti: )[261] & conformi al. P.nostro fan francefco[262] al quale fpeffo la nuda terra fu lecto:imo[263]:&Christo fancto de li fancti precipue[264] nel deferto:fi ordina:che niffuno frate:fe gia nó fuffe infermo‐o‐molto debile:dorma fe non fopra le nude tauole:(store: genestre: felici)[265] o‐ (uno pocho di paglia) [266] o feno:&nó dormino fopra le fchiauine. Per far ancho che i letti nostri fieno alquáto fimili a colui quale al módo diffe,le volpe hanno le cauerne & gli vccelli hanno[267] i nidi, ma il figliol dell’huomo non ha doue ripofi[268] il capo (per effere maffimamente[269] piu vigilanti & pronti[270] alla oratione & cóformi al padre nostro alquale fpeffo (fu letto la nuda terra)[271] & maggiorméte[272] Giefu[273] Christo fanto de i fanti (tal letto hebbe nel l’afpro)[274] deferto, fi ordina che niffun frate fe già non fuffe infermo, ouero molte debile dorma fe non fopra le nude tauole, ouero[275] (paglia, & fopra quella vna stora, ouero vna tela da facco groffa & vile,& nó sopra le schiauine.)[276]
¶Si ordina etiam[277]:che a exemplo di [278]Christo li fři gioueni:& qlli poffano:uadino fcalzi:in fegno di humilita: testimonio di pouerta: mortificatione di fenfualita:& bono exemplo al proximo:& non pótendo: fecundo la euanglica doctrina[279] & per imitar li nostri antiqui patri fi portino le sole con licentia del prelato. Ma simplice‐pure[280]‐uile:& pouere: fenza alchuna curiofita. Si ordina che ad effempio del Signor nostro i frati giouani,&quelli che[281] (questo far)[282] poffono vadano fcalzi, in fegno di humilta, testimonio di pouerta,mortification di fenfualita, & bon effempio al proffimo,& non puotendo fecondo la dottrina euangelica,& per imitar i nostri antichi padri, fi portino le fole con licenza del ƥlato,ma femplici,pure vili, & pouere, fenza alcuna curiofita.
¶Et accio li frati[283] afcendino a la celfitudine[284] de la [altiffima Pouerta:regina& matre di tutte le uirtu: fpofa di christo fignor nostro][285]:& del feraphyco patre:& nostra delectiffima matre:fi exhorta tutti li frati:che non uogliono hauere alchuno affecto in terra(:Ma fempre hauere el loro amore[286] in celo:usádo quafi per forza ɖste cose baffe[287] parciffim-améte[288] quáto‐e‐poffibile[289] a la fragilita humana[290]: reputandofi richi[291] de la loro[292] Pouerta:fi cótentino[293] (duno libreto fpirituale :imo)[294] di christo crucifixo:& di doi fazoletti có due mutande:& ricordinfi[295] che (fecundo el feraphyco padre el frate minore non deue effer altro fe non uno spechio dogni uirtu‐)[296] maxima di pouerta. (Et per afcendere)[297] alla celfitudine dell’altifsima nostra[298] regina pouerta, fpofa dell’humanifsimo figliol di Dio,&del (gloriofo nostro)[299] padre,& (nostra madre dilettiffima effortiamo)[300] caldamente[301] (i nostri frati tutti)[302],che non vogliano hauer alcun affetto in terra, ma in cielo, vfando quafi per forza queste cofe baffe parcamente quanto pate la humana fragilita, reputandofi richiffimi del theforo[303] di nostra pouerta, & fi cótentino d’hauer il poffeffo di Giesu Christo crucififfo, duoi fazzoletti & due mutáde (per neceffario vfo)[304], et fi ricordino che come diceua il padre nostro. Vn frater minore, altro non deue effer’ che un fpecchio d’ogni uertu, & maffimamente[305] di pouerta,
[¶Et accio piu expeditaméte corriamo alla uia de li diuini precepti:fi ordina:che ne li lochi nostri non fia alchuna bestiame fi caualchi.Ma in cafo di neceffita‐a‐exemplo di Christo:& del fuo imitator Francefco fi uadi fopra lafino:accio la uita nřa ƥdichi femƥ.christo humile.][306] & et per piu fpediti correre alla via della perfettione,nó fia ne i lochi nostri alcun giumento, ne fi caualchi, ma in caso di necefsita ad effempio del celeste imperatore,et del nostro padre fi vada fopra l’afino fe hauer fi puo,di maniera che la vita nostra fempre Christo Giefu in humilta dimostri,
La tonfura fi faccia di.20.in.20.giorni ouero una uolta el mefe có le forfici:Ne fi téghi baccini[307] ma uno folo raforio per le uentofe: & portifi[308] la barba‐a[309]‐exemplo di christo fanctiffimo:[310]& di tutti li nostri antiqui fancti[311]:impeho che‐e‐cofa uirile& naturale: difpecta& austera[312]. la tonfura fi faccia ogni venti giorni, ouero ogni mefe có forfici, ne fi tengano baccini, ma vn fo rafoio per le ventofe, e fi porti la barba per effempio di Christo fantiffimo,e de tutti gli antichi padri[313] nostri fanti, effendo[314] cofa virile, naturale, rigida[315], & difpetta.

Circa al Terzo Capitulo

 
Perche el nostro feraphyco padre tutto catholico:apostolico& diuino (hebe fempre special reuerentia ala chiesia Romana)[316]:come a iudice:& madre di tutte le altre chiesie:perho hauédo ne la Regula ordinato:che li clerici faceffeno lofficio fecúdo lordine (dela fancta Romana chefia)[317]:& nel fuo testamento prohibiffe el uariarlo in alcuno modo:(ƥho)[318] fe e determinato:che li frati fotto un medifimo uexillo uniti in fpúo:& chiamati in un fine (ne le duine laude)[319] feruino quáto e poffibile li midefimi riti[320] ɖnto al Mifale Breuario e kalédario li quali ferva& ufa la fancta Romana chiefia. Quanto al terzo capitolo. Perche il nostro feraphico padre, tutto catholico,apostolico, & diuino fempre hebbe riuerenza fpeciale alla Romana chiefa, come a giudice & madre di tutte le altre chiefe. Pero hauendo nella regola ordinato che i chierici facciano l’officio diuino[321] fecondo l’ordine della fanta Romana Chiefa,et nel fuo testamento prohibendo[322] il variarlo in alcuno modo. (Per tanto)[323] fi è determinato che i frati fotto vn medefimo stendardo[324] vniti in fpirito, & chiamati ad[325] vn fine, ne le diuine laudi feruino quanto è pofsibile i medefimi modi quanto al meffale, breuario, & calendario, che[326] ferua & vfa la fanta Romana chiefa,
(Et tanto li chierici quanto li laici faciano)[327] li cinq:officii per li[328] morti[329] [fecundo fe ha nel kalédario.][330] Li clerici:& facerdoti non molto litterati preuedano quello[331] che publicamente háno a legere ne la meffa& diuino officio: accioche con iniuria de le cose diuine non turbino i auditori: ne prouochino cótra fe li angeli sancti:li quali sóno prefenti a le diuine laude. & tanto chierici quanto laici facciano i cinque officij per i morti, fi come fi ha notato nel calendario. I chierici et facerdoti nó molto litterati preuedano cio che (hanno a publicamente)[332] leggere nella meffa & diuin officio, accio che con ingiuria delle cofe diuine non turbino gli auditori, & prouochino contra di fe gli angeli fanti, che[333] fono prefenti alle diuine laudi.
¶Et tanto nele meffe quanto nel diuino officio non fe dica:excepto quello sta ne li Meffali& Breuiarii cum le debite cerimonie.[334] Et táto nelle meffe,quanto nel diuin officio non fi dica fe non[335] quello che stà ne i meffalli & breuiarij, con[336] le debite ceremonie.
  [Et in ogni loco fi habbia & legga il martirologgio a prima. Ogni dominica fi faccia l’afperges, & fi dia la pace nella meffa a i frati. Nelle feste principali fi dia l’incenfo a l’altare nella meffa conuétuale,poffendo fi hauer fenza ricorfo a denari.][337]
Item[338] [fi exhorta li frati facerdoti:che celebrando non habino lochio de la intétione aperto‐al fauore‐o‐gloria humana‐ o‐uero a cosa alchuna‐temporale: ma con fimplice puro& mundo core rifguardino folo al diuino honore‐ celebrando per mera charita:con ogni humil reuerentia‐fede‐&deuotione‐& fi preparino: quáto patifce la loro fragilita][339] (:che‐e‐ maledecto:) chi có negligétia fa le opere di Dio effendo[340] [quello acto fopra li altri [341]diuino: fommamente difpiace: quádo fi fa irreuerentmente.][342] Si effortano i facerdóti che celebrando non habbiano l’hocchio[343] della intentione aperto al fauore,o gloria humana,ouero a cofa alcuna téporale. Ma con femplice puro & mondo core, folo rifguardino all’honor diuino, celebrádo per pura charita con ogni humile riuerenza fede, & deuotione, & fi preparino tanto bene[344] quanto patifce la lor fragilita, peroche effendo quello atto fommamente diuino, grauemente (Iddio fi offende)[345] quando fi fa (con poca riuerenza)[346].
Et non[347] uogliano per celebrare riceuere in terra premio alchuno (a exemplo di)[348] Christo fummo facerdote che fenza (alchuno fuo premio)[349] per noi fi offerfe in croce:imo cognofchino (per questo hauere crefciuto)[350] obligo[351] con dio. Ne vogliano per celebrare (riceuere alcun premio in terra)[352] feguédo Christo fommo facerdote, che fenza fuo guadagno (temporale[353] per noi fi offerfe nella dura croce. Ma piu presto)[354] conofcano in ciò hauer acquistato maggior[355] obligatione con Dio.
Si exhorta ét (li altri)[356] fratri:che faranno ƥñti ali facerdoti celebranti (li diuini mysterii)[357]:che con fomma reuerentia affistino[358] con angelica méte in cófpecto di dio:& fpiritualmente celebrino& fi cómunichino:& offerifcáo a dio (ɖl gratiffimo)[359].sacrificio. (Si effortano)[360] tutti i frati che faranno prefenti (al celebrar di facerdoti,)[361] che con fomma riuerenza fieno innanzi a tanto misterio con mente angelica nel confpetto di Dio, (dandofi loco di anchor loro)[362] fpiritualmente celebrare,& [con i facerdoti][363] communicarfi[364] in fpirito[365], & con loro[366] a Dio offerir[367] tanto facrificio.
[Et þche el celebrare‐ecofa di súma importantia: fi determina :che nifciuno clerico][368] (fi ordini facerdote:fe non hara paffati li uinti quatro anni fi come uogliano le canoniche fanctione)[369] & li ordinati fi abstenghino dal celebrare[370] infino che non haráno el predicto[371] tempo. (Ité fi ordina:che nefciuno)[372] clerico fia promoffo al facerdotio:fe oltra lo bono fpirito nó hara meriocre ítelligétia: accio poffi& fappi ben proferire& intendere quando celebra:le parole che dice.[373] Effendo tal ministerio di grandiffima importanza fi determina che neffun chierico fi ordini facerdote fe non hara paffato i ventiquatro anni, fi come uogliono le canoniche determinato, & gli ordinati fi astenghino da dire meffa fino a táto che fieno di tal età. (Ne fi promoua [374]chierico)[375] al facerdotio fe oltra il buó fpirito non hara mediocre intelligenza,fi che poffa & fappia ben proferire & intendere, quando celebra le parole che dice.
Et in tutte le loro meffe:& oratione fe ricordino de li benefactori: pregando dio che abuntantemente li rimuneri ne la prefente :& futura uita. Si ordina ét che:[376] li clerici:& sacerdoti:li quali legittimamente nó faráno impediti: audito el primo segno de la campana all officio diuino (quanto piu presto potranno)[377] :conuéghino al choro‐a‐ preparare[378] li loro cori[379] al fignore:douve con deuotione: cópofitione: mortificatione: quiete‐&‐ filentio penfino che fonno innanti a Dio doue debbano affummere lo angelico officio[380] di perfoluere le diuine laude. Et in tutte le lor meffe & orationi fi ricordino de i benefattori pregando Iddio che abódeuolemente[381] gli rimuneri nella prefente & futura vita[:&questo tanto per i viui quanto morti.][382] I chierici & facerdoti (quali nó faranno legitimamente impediti)[383] vdito il primo fegno della campana, all’officio diuino quáto piu presto potranno cóuenghino al coro, preprando i lor cori al Signore, doue con diuotione, compofitione mortificatione, quiete,& filentio penfino che fono innanzi a Dio, doue debbono affumere l’angelico officio di perfoluere le diuine laudi,
¶(Si ordina etiam:che)[384] fi dica lofficio con ogni debita deuotione[385]: attentione: maturita: uniformita di uoce:& confonantia di fpirito:fenza code‐o‐bifcanto[386] cum uoce non tropo alta o baffa:ma mediocre.Et fi forzaranno li frati pfalmegiare a dio piu col core che con la bocca: [accio nó habia effere dicto (a noi)[387] quello][388] che (fu dicto)[389] dal dulciffimo[390] faluator nřo[391] a li hebrei:qsto populo mi honora có le labra ma el core loro‐e‐da me lótano. & (il diuino officio fi dica)[392] con ogni debita diuotione,attentione, maturita, vniformita di voce & confonantia di fpirito fenza code, o bifcanti con voce non troppo alta, o baffa, ma mediocre, & fi sforzaráno i frati di pfalmiggiare a Dio piu col core che con la bocca. Tal che non fi poffa dir a noi cio che fu detto a gli Hebrei dal Saluator nostro. Questo popolo (có le labbra mi honora)[393], ma il lor core è da me lontano.
Si ordina ét che)[394] li laici cóuéghino al prícipio (del matutino di uespero:&di compieta)[395]:&al te deú laudamus::& facta‐la commune preparatione: incominciandofi[396] lofficio potrano ritrarfi in qualche parte [fecundo lo loro deuotione][397]:&[398] dire li patri nostre:fecundo[399] che limpone la Regula. ¶(Item fi ordina:che)[400] in tutte le feste:li laici& clerici non impediti per rationabil caufa conuenghino al uefpero& a tutte le messe che potranno.[401] (Ma) i laici conuenghino al principio del matutino,di vefpro, &di compieta,& al Te deum laudamus.& fatta la cómune preparatione comminciandofi l’officio potranno ritirarfi in qualche parte fecondo la diuotion loro, et dire i pater noster che la regola gli[402] impone[403]. Et in tutte le feste (chierici et laici)[404] nó impediti per rationabil caufa cóuenghino al vefpro,et a tutte le meffe che potranno,
¶(Si ordina etiam)[405] per euitare[406] (quelle cofe:le quale potrebeno offendere laltiffiima pouerta:la spiritual quiete&tranquilla humilita:&per conferuar la pace con li altri clerici& sacerdoti)[407] :& euitar[408] ogni impurita: (la qual potrebe col tempo)[409] maculare[410] la nostra cógregatione:che ne li nostri lochi non fi receuino morti [:excepto fe non fuffe tale che per pouerta non haueffe chil uoleffe fepelire: in tal cafo li deba aprire le uiscere de la charita.][411] oltra di cio per euitar quelle cofe le quali potrebbono l’altiffima pouerta, & la fpiritual quiete, & tráquilla humilta offendere, e per cóferuar la pace con gli altri chierici et facerdoti, per fchiuar ogni impurita che col tépo potrebbe maculare la nostra congregatione. Si ordina che ne i lochi nostri non fi riceuano morti [Ma quando fuffe qualche cafo][412] che per pouerta non fi ritrouaffe chi fepeliffe allhora fi poffano (riceuere con licétia de gli ordinarij.)[413]
¶Si prohibiffe etiam[414]:(che ne li nostri lochi non fi facino fepulture ne per li feculari:ne etiam per li nostri frati imo non uogliamo:che ne le chiefie nostre [doue per la prefentia di christo múdiffimo deba effere ogni mundicia:][415] fi fepelifchino morti:ma in alcuno loco honesto appreffo le chiefie o uero nel chiostro.)[416] Et li frati uisitando[417] li infermi[418] fi guardino nó folo[419] di indurli a fepelirfi ne li nostri lochi imo[420] (uolendo non confentino in modo alchuno)[421]:& accio questo[422] þ la nouita non fia occafione di fcandalo a quelli che non fanno di questo le rationabil caufe:fi potrano (informare& renderli del uero capacci.)[423] Si prohibifce che nelle chiefe[424] nostre non fi facciano fepulture ne per fecolari ne per frati nostri, perche doue sta la preferentia del mundiffimo agnel di Dio iui debbe apparir ogni nettezza, ma i nostri morti fi fepeliranno in qualche loco appreffo la chiefa, ouero inchiostro. Et quando i frati uifitano gl’infermi fecolari[425] fi guardino di non indurgli a fepelirfi ne i lochi nostri ,& quando effi questo richiedeffero, in modo ueruno non gli confentino,&accio che per la nouita questo non fia occafion di fcandalo a quelli che (di cio nó fanno le caufe ragioneuoli)[426], fi potranno far di cio capaci.
Morendo alcuno (de nostri frati)[427] :li altri con pio[428] affecto di charita fi sforzaranno[429] di recommendare lanima fua a dio:& ciafchedun facerdote che fara in quella prouincia doue morira:dica per effo una meffa:i clerici le uiglie di noue lectione:& li laici cento pater noster:& etiã[430] ogni sacerdote dica ogni feptimana una meffa per tutti li nostri frati defuncti. Morendo alcun frate nostro gli altri có pio affetto di charita fi sforzaranno di racommandare a Dio l’anima fua, et ogni[431] facerdote che fara in quella prouincia doue morira dica per lui[432] una meffa, ma i chierici dicano[433] le uigilie di noue lettioni, & i laici cento pater noster Et ogni facerdote dica ogni fettimana una meffa (ouer colletta)[434] per tutti i frati nostri defunti.
¶Et perche la oratione e la fpiritual[435] maestra de frati:accio[436] lo fpirito de la deuotione non fi tepidisca[437] ne frati[438]:ma ardédo continuamente[439] nel altare del core fempre piu faccenda:fi come (defyderaua el [440]feraphico padre: etiam[441] chel uero fpiritual frate minore)[442] sempre ori:niente dimeno fi ordina:che a qsto fiano deputate [per li tepidi][443] due hore particulare:una dopo compieta per tutto lanno. Laltra da Pascha infino alla (Exaltatione di fancta croce dopo nona immediate excepto che ne li di de degiuno:fi deputa:dicta fexta.&da la Exaltatióe di fanta croce iofino a pafca dopo Matutino.)[444] Et perche la fanta[445] oratione fenza dubbio è la principal maestra (nostra & madre et nutrice d’ogni uera uertu)[446] per fare che il fpirito della diuotione (fopra ogni cofa defiderabile[447] non venga meno)[448]:ma continuamente ardendo (fopra il facro altare del cor nostro)[449] fempre piu fi accenda, fi come bramaua il buon padre nostro[450] quantunche il buon frate diuoto[451] (da[452] ogni tempo interiormente ori,)[453] nondimeno[454] fi ordina che a questo fine fieno deputate al meno[455] due hore particolari, vna doppo compieta per tutto l’anno, l’altra da pafqua fin alla effaltation della Croce doppo nona imediataméte faluo che ne i giorni del digiuno, ne i quali fia doppo festa et da la detta effaltation fino a pafqua doppo il matutino.
Et ricordinfi li frati: che orare nó e altro feno uno parlare a dio col core perho[456] nó ora chi a dio parla solo có la bocca. Perho ciafchuno (fi sforzara)[457] di fare oratione[458] métale[459]:& fecúdo la doctrina (di christo optimo maestro)[460] adorare[461] lo eterno padre in fpirito& uerita:hauendo diligente cura[462] di illuminar la mente& infiammar laffecto piu che di formar parole. Et[463] avanti la oratione:dopo[464] nona o matutino: (o uero)[465] in di de digiuno dopo fexta fempre fi dicano le letanie:inuocando tutti li fancti ad orare[466] dio[467] (con noi)[468]& per noi. Ne altro officio fi adiunga in choro (excepta quel del la madonna)[469] accio li frati habino piu[470] tempo di uacare[471] ale oratione priuate& mentale:affai piu fructuofe: che le uocale. (Et fi ricordino i frati che orare altro nó è che)[472] parlar al fignor[473] Iddio col core,(vnde in verita)[474] nó ora chi a Dio parla folo con la bocca. (Per il che)[475] fi daranno loco (quáto fara pofsibile)[476] di far oratione (non tanto uocale, ma vocale &)[477] mentale, & fecódo la dottrina dell’(ottimo & mafsimo dottore)[478] orino adorádo l’eterno Padre in spirito & verita hauendo cura diligéte di illuminare la mente,& d’infiammar l’affetto piu affai[479], che di formar parole. Innanzi[480] la oratione ordinaria[481] doppo nona, ouero[482] mattutino, et (ne i giorni di digiuno doppo festa fempre fi dicano)[483] (in choro)[484] le Letanie inuocando tutti i fanti che con noi,& per noi prieghino il Signore, ne altro officio fi aggionga in choro fe non della Madonna, talmente che i frati habbino maggior tempo di darfi alla oratione priuata & mentale, molto[485] piu fruttuofa che la fola[486] vocale.
¶(Et perchel nostro[487] padre:fi come appare nel principio&fine de la Regola: uolfe:che al fummo pontifice fi haueffe fpecial Reuerentia:come uicario di)[488] christo dio nostro& coffi[489] a tutti li prelati& facerdoti[490] :Si ordina:che oltra le oratione commune ogni frater ne le fue priuate oratióe[491] preghi la diuina bonta per el felice stato de la militante chiefa:& per fua fanctita che li dia gratia di claramente fapere: efficacemente uolere:& potentemente operare tutte quelle cofe:le quale (fóno)[492] in[493] (honore& gloria)[494] de la fua diuina maiesta:falute del populo christiano& conuersione[495] de li infideli. Similmente[496] per tutti li Reuereñ. Cardinali episcopi& prelati ad effo[497] fummo[498] Pontifice[499] fubiecti :per el fereniffimo Imperatore: Per tutti li Re:& Principi Christiani:& per tutte le perfone: precipue per quelli:a li quali fiamo obligati. [Si ordina etiam:che per li Benefactori fi dicano li cinque officii posti nel kalendario: come di fopra e dicto.][500] Et concio fia cofa che il nostro catholico[501] padre fanto[502], nel principio &fine della regola, ordini che al fommo Romano Pontefice fi habbia fpecial riuerenza, come a vicario (principale in terra)[503] di Christo (Signore &)[504] Dio nostro,& ancho a gli altri prelati & preti, fi ordina che oltra le oration communi ogni frate nelle sue priuate orationi, prieghi la diuina bonta, per il felice stato della militante Chiefa, & per sua fantita, che gli dia gratia di chiaramente fapere, efficacemente volere, & potentemente operare,tutte quelle cose che[505] fiano in gloria & honore di fua diuina Maesta, falute del populo christiano & conuerfion de gli’infideli. Similméte facciano[506] per tutti li Reuerendifsimi Cardinali, Episcopi, & Prelati ad effo Pótifice fubietti:per il Serenifsimo Imperatore, per tutti li Re & Principi Christiani,& [per ogni persona][507], mafsimamente per quelli a iquali fiamo piu obligati.
Et ƥche el silentio e custodia del concepto fpirito[508]:& fecundo fancto[509] Iacobo: (uana e la religione di quello[510] el quale)[511] [non refrena la fua lingua[512]: Si ordina:che fempre quanto porta la nostra fragilita[513]:fi obferui lo euangelico filentio:sapédo che come diffe la infalibil uerita[514] (christo Iesu: )[515] Dogni occiofa parola renderemo ragione.][516] (E tanta)[517] laffluentia de le coffe diuine:che non/e/picolo errore: chel frate dedicato al diuino culto: con la facrata bocca parli de le cofe del mundo. (Oltra di ciò conofcendo, che il filentio è fidel guardia)[518] del conceputo fpirito :& che fecondo il beato Iacobo. Vana di colui[519] è la religione che[520] nó raffrena la fua lingua, fi ordina che fempre quanto porta la nostra fragilita, fi offerui l’euangelico[521] filentio fapendo, che fi come diffe la uerita infallibile, d’ogni ociofa, (cioè, inutile)[522] parola renderemmo ragione [nel giorno estrémo.][523] Tanta è [la copia delle diuine gratie in noi[524] che nó è piccolo errore che’l frate dedicato al culto di Dio có la facrata fua bocca parli fenza bifogno[525] delle cofe del mondo.][526]
Et quanto al filétio regulare fia ƥpetuo in chiefia:(in chiostro)[527] & in Dormitorio[528] Ma in refectorio dal primo fegno de la méfa infino che faráno rendute le gratie.&[529] in ogni loco [da che fara dicto completorio infin che fi foni a prima:& da pafcha infino ala exaltatione di fanta Croce dopo fexta fi faci el fegno del filentio [infino] che dopo Nona fia finita la oratione.][530] Et (chi rópera el filêtio)[531] :dica in refectorio có le braccia in croce (cinɖƺ:pater noster:& cinɖƺ: aue maria.)[532] (Et femƥ fi sforzino[533] li frati in ogni loco& tƥo parlar[534] de dio có uoce submiffa& humile cú modestia:& charitate.)[535] Et quanto al filentio regolare, fia perpetuo in chiefa &[536] in dormitorio, ma in refettorio dal primo fuono della menfa fina che faranno refe[537] gratie, & in ogni loco fia filentio doppo la compieta fino al fonar di prima Ma da pafqua fino alla Croce di fettembre, dopo festa fi faccia il fegno del filétio,fino che doppo nona fia fornita[538] la oratione, & chi rompera il filentio, dica in refettorio con le braccia in croce cinque Pater noster, &cinque Aue Maria, & fempre fe diano luogo i frati in ogni loco & tempo debito[539] di parlare di Dio,con voce baffa & humile, con modestia et charita,
[540]Si ordina etiá: che li frati non uadino foli:ma col compagno‐a‐ exemplo de li [sancti][541] difcipuli del fanctiffimo faluatore[542]. Et feruata la euangelica correctione[543] non fi emendando denunciano[544] a li foi prelati li defecti luno del altro. Ne uadino fenza la obedientia in fcriptis[545] del fuo prelato figillato col figillo del padre uicario‐o‐uero del loco (perho fi ordina)[546] :che ogni loco habi el fuo figillo:fi come e antiqua (confuetudine de Regliofi:)[547] Per la uia etiam non fi feparino:ne contendino in feme[548]:ma con ogni humilita& charita‐a‐exemplo di christo benedetto ciafchuno fi sforzi[549] di obedire& feruire fpiritualmente[550] al fuo compagno confiderando che fóno fratelli in Cristo.[551] fi ordina che i frati nó vaddino [fuor di cafa][552] foli,ma col compagno, ad effempio de i fanti difcipuli del fantifsimo pastor eterno, & feruata l’euágelica fraterna[553] correttione, non fi emendando denunciar debbino a i fuoi prelati i diffetti l’un dell’altro, & non vaddino fenza obedienza del fo prelato figillata col figillo prouinciale, o locale:[554] & a questo fine ogni nostro loco (nó manchi di hauer)[555] il fuo proprio[556] figillo fi come è anticha vfanza dell’ordine. Per la uia caminando[557] non fi diuidano[558] molto[559], ne contendino infieme, ma con ogni humilta & charita, ad effempio di Christo benedetto. Ciafcuno fi sforzara di vbbidir & feruir al fuo compagno, confiderando che fone fratelli regenerati[560] in Christo [fignor nostro.][561]
[¶Et perche fan Franfcefco[562] nel fuo testamento dice (effer li stato dal fignore reuelato:che)[563] falutando le perfone doueffemo (a exéplo di christo)[564] dire.El fignor ui dia pace:fi ordina:che li frati ufino fempre questa euàgelica falutatione.[565] Et perche il nostro padre nel fuo testamento dice che gli reuelato da Dio falutando le persone dire.Il Signor vi dia pace, fi ordina che i frati fempre vfino questa euangelica forma di falutare.
¶Et perche li ueri frati con uiua fede debano (péder dal)[566] pio[567]:& optimo loro celeste padre:fi ordina:che per][568] [la uia][569] [nó portino ne fiafchi‐ne‐ carne‐ne‐ oua ne dilicati‐o‐ƥciofi cibi‐][570] laffando di fe steffi ogni loro cura a dio:[el][571] quale pafce non folo li animali:ma ét [quelli che fempre loffendino.][572]Ne le cita‐o‐uero castelli:a li quali faranno proximi li nostri lochi:li frati[573] non fi fermino a dormire‐o‐uero mágiare fora de effi lochi fenza[574] grande neceffita. Et perche i veri frati minori[575] con viua fede debbono appoggiarfi al pietofifsimo & ottimo lor celeste padre, ordiniamo che per la via non portino carne, oua, ne delicati, ouer preciofi cibi, ne portino fiaschi [fe non per vera necefsita,][576] [in qual cafo habbino vna zucchetta, o fiafchetto, nó pero ad vfo proprio][577] lafciádo di fe stefsi ogni lor cura a Dio, il quale pafce non folo gli animali, ma ancho i maluaggi homini. Nelle citta ouer castelli a iquali faranno uicini[578] i lochi nostri non fi fermino a dormir, or mangiare fuora[579] di gran necifcita.
Et perche[580] chi fi dilecta de le feste del mundo: facilmente fi macula:fi ordina[581]: che li frati non uadino a le feste fe non per predicare la parola di dio[582] a exéplo di cristo nostro unico maestro:el quale inuitato a le festa nó uolfe acceptare:ma ui ando di poi per predicare: ricordandofi che fecundo Pau:apostolo fiáo facti fpectaculo‐a‐dio alli ágeli& alli hoí del múdo:fi sforzino di dare tal exéplo:che per effi fia glorificato [&non blafphemato][583] dio. Et ƥche labstinentia:aufterita& rigidita maxime neli fancti‐e‐laudata:perho da poi che a exemplo di christo signor nostro& di san Francefco habiamo electo un uita [arcta][584] :fi exhorta li frati [a far le fancte quadragefime:che era folito far•s• Francefco:ben che lo penitente frate fempre ieiuna. Ne fi faciano exceffiue colatione o fuperFlue:imo ne ordinarie.El mercori nó fi mangi carne.][585] Et attendo che chi fi diletta delle feste del mondo facilmente fi macchia, percio fi ordina che i frati non vadino alle feste fe non per predicare, fi come fece [l’irreprenfibil maestro][586] nostro Christo che inuitato alla festa nó volfe andare ma poi da fe vi ando ƥ feminar la diuina parola, ricordandofi che fecondo il [beatifsimo][587] Paulo fiamo fatti spetadolo[588] a Dio, a gli angeli, &a gli huomini:fiano adunche folleciti a dare di fe tal odore, che per loro fia glorificato Iddio [benedetto.][589] Anchora ƥche l’astinenza, austerita, & rigidita, mafsime ne i fanti è lodata: pero dopo che ad effempio di Christo Signor nostro, & del fuo buon feruo fan Francefco habbiamo eletta una vita fanta & stretta, fi effortano i frati a fare le fante quadragefime, che foleua fare il detto padre nostro, benche il penitéte frate fempre digiuna, & ogni cofa con debita difcretione, & non fi faciano eccefsiue collationi, o fuperflue:anzi ne ordinarie, il mercordi nó fi mangi carne.
¶Et ƥ mettere termino alla [ingluuie del uétre][590]:a lamenfa non fi dia fe no una forte di ministra.Ma nel tempo del ieiunio fi agionga una infalata cocta‐o‐ cruda:& penfino:che pocho basta per fatisfare ala neceffita:& nulla cofa per contentare la fensualita. E per metter termina alla infaciabilita del corpo, alla menfa non dia [piu] che vna forte di minestra: nel tempo pero del digiuno fi aggionga vna infalata cotta, o cruda, & fieno certi che poco basta per fatisfar alla necefsita, & niuna cofa per fatisfar alla fenfualita.
Et accioche [iuxta][591] la doctrina del [nostro fanctiffimo][592] faluatore:li noftri cori non fi grauino da la crapula‐o‐ ebrietate:ma fempre le mente[593] noftre fian fyncere:& mortificati li fenfi: fi ordina: che alla menfa nó fi ponga uino feno molto bene in aquato[594]:il che li deba etiam effere per[595] fenfuale delicie: [attefo che][596] fecundo el feraphyco [fanto][597] Bonauentura [el nostro padre fan Francefco nó ardiua a fufficiéta bere de lacqua][598] frigida[599] per mitigare lardore de la fete: [& era folito dire:che‐e][600] ‐difficile fatisfare alla neceffita fenza obedire al fenfo. [li fara dolce fe penfaranno: che a christo fu negata lacqua in fu la croce:& li fu dato uino myrrato‐o‐uero aceto& fele.][601] Et per fare fecondo la dottrina dell’innocentifsimo Saluatore, che i cori nostri non fieno grauati dalla crapula & ebrieta: ma fempre le menti nostre fieno fincere, & i fenfi mortificati: fi ordina che alle menfa non fi ponga vino fe non difcretaméte adacquato, il che ancho ci debbe parere in fenfual delitie, attento che fi come [narra][602] il feraphico Bonauentura, il nostro [humilifsimo][603] padre fan Francefco non ardiua beuere acqua [a bastanza][604] per mitigar l’ardore della fete, dicendo effere difficile fatisfar alla necefsita fenza vbbidir al fenfo.
Et fancto hieronimo fcriue che al fuo tempo etiá li monachi infermi beueuano acqua frigida:& mangiare [alchuna][605] coffa cocta era reputata[606] luxuria. [Si ordina][607] ét:che‐a‐la menfa nó fi faci fpecialita [ad alchuno][608] excepto alli infermi:iteneranti: uechi‐o‐molto deboli:[fi come ricerca&uuole la charita.][609] Et Girolamo fanto fcriue, che al fuo tempo i monachi, [benche] [610]infermi beueuano acqua fredda, & mangiar cofa cotta era stimata luffuria. Et alla menfa non fi faccia fpecialita [fe non a i frati infermi, viandanti,][611] vecchij, o molto deboli, fi come uol la charita.
Et fe alchun frate uorra abftenerfi dal uino carne:oua altri cibi‐o‐ieunare piu fpeffo:fel ƥlato [nú uede:che troppo li nuoca][612] :nó lo impedifca:[imo][613] lo exhorti [a fequitar][614] dúmó mági infieme có li altri. Et in fegno di pouerta a la méfa nřa nó fi ufi touaglie:ma un [pouero][615] touagliolino þ frate. [Et accio nó solo el corpo ma molto piu el fpirito fi pafca:fi ordina: che alla méfa femƥ fi lega una lectio fpirituale.][616] Et fe alcun frate vorra astenerfi da vino, carne, oua, o altri cibi, ouero digiunar piu speffo fe il fuo prelato nó vede, che troppo gli dia nocumento, nó lo impedifca, ma efforti [pur che mangi alla menfa con gli altri,][617] & in fegno di pouerta non fi vfi alla menfa touaglie, ma folo vn touagliolino pouerello per frate, & accioche non folo il corpo, ma piu il spirito fi pascha, fempre fi legga vn lettione fpirituale alla menfa.
[¶Si ordina ét che li frati nó domádino ne riveuino cibi ƥciofi: al nřo stato pouero nó cóueniéti.Ité non fi ufi fpecie:(excepto qú fuffe neceffario p li ífermi alli li fi deba ufare ogni poffibil charita:fi come uole la regola& ogni iusta lege‐a‐exéplo del pře nřo feraphyco:el le nó fi vergognaua p li infermi cercar la carne publicaméte.)[618] Et fe fuffe mádato alchun cibo fupFluo-có humilita ringratiandoli el recufaráno‐o‐uero có loro confentimento el difpenfaranno‐a‐poueri.][619] Si ordina oltra di ciò, che i frati non domádano ne riceuano cibi preciofi al nostro pouero stato non conueneuoli, & nó fi vfino fpecie faluo quando fuffe bifogno per i poueri infermi, a iquali fi debbe vfare ogni debita charita, fi come comanda la regola, & ogni giusta legge, imitando il padre nostro, che nó fi vergognaua per gl’infermi cercar la carne publicamente effendoci[620] mandato alcun cibo fuperfluo con humile ringratiamento lo ricufarano, o fe fara neceffarui accettarlo, con loro confenfo darlo a poueri.
[Et ƥche alchuni de lli antiq patriarchi:p la hofpitalita meritorno di receuer ágeli:fi ordina:che in ogni loco fia deputato uno el le habi diligente cura di receuere li forestieri con ogni charita poffibile:& exéplo de lhumil figliol de dio li lauaráno li piedi conuenédo a ɖllo acto di charita tutti li fŕi][621] [:diráno][622] il ɖl mezo che fi lauaráno:ɖlche deuoto hymno o fpalmo:reputádoci ƥho fempre inutili ferui [etiam che faceffemo ogni cofa a noi poffibile. ][623] Et perche alcuni di queli antichi patriarchi per la hofpitalita meritorno albergar i [fanti][624] angeli, fi ordina che in ogni loco fi deputato vno il quale habbia diligente cura di riceuere in forestieri con ogni charita christiana, & ad effempio dell’humil figlio di Dio gli lauaranno i piedi cóuenendo a quello atto di charita tutti i frati, & diranno in quel mezzo che fi lauaranno qualche diuoto Hynno, o Salmo reputádofi pero fempre inutili ferui. Et per nutrire la charita madre d’ogni vertu fi ordina che con ogni pofsibile humilita christiana fi riceuano le ƥsone quali veranno a i lochi nostri, fpecialmente i religiofi come perfone piu fignalatamente deputate al feruitio di Dio, come ancho effortaua il nostro buó padre nella sua prima regola,
¶Et accio che il nostro corpo non recalcitri cótra il fpirito:ma li fia in tutto obediente:& in memoria de la accerbiffima paffione [& fpecialmente del la penofiffima flagellatione][625] del nostro dulciffimo faluatore: fe ordina che le difcipline confuete cio‐e‐il luni mercuri& uenere non fi laffino etiam ne le grande folemnita:& fe faciano dopo Matutino:excepto quando fuffe [molto grande freddo][626] fe faciano la fera:& ne [la feptimana fancta fe faciano ogni nocte:& difciplinandofi li frati penfino cú il core piatofo il suo dolce Chrifto figliol de Dio ligato a la colona:& fi sforzino di fentir una particella de li fuoi (penofiffimi)[627] dolori:& dopo la falue regina fi dichino cinque deuote oratione.][628] & accioche il nostro corpo non recalcitri contra il fpirito, ma gli fia in tutto vbidiéte & in memoria de la acerbifsima pafsione del nostro dolcifsimo Saluatore, fi ordina che le difcipline vfate, cioe il Luni, Mercori,& Venerdi, non fi lafcino quantúche accadano in qualche gran folennita, & fi faccino doppo il mattutino, faluo quando fuffe molto intenfo il freddo, allhora fi faranno la fera. Et nella fettimana fanta fi facciano ogni notte, et difciplinandofi i frati penfino col cor pietofo il dolce loro Giefu Christo dellicato & innocente legato alla collóna [et lacerato][629], [sforzandofi][630] di sentir almeno qualche parte di i fuoi penofifsimi dolori, dicendo finita la Salue regina cinque diuote orationi.

Circa al quarto Capitulo

 
Sapendo el nostro Padre fan Francefco che fecundo la apoftolica doctrina la cupudita e de ogni male radice:uolendo totalméte extirparla da li cori[631] de li fuoi figli[632] commádo nela Regula:che in nefciuno modo[633] fi riceueffi[634] [da frati][635] denari o pecunie per fe o per interpofita perfona:il che [etiam][636] tre uolte replica ne la Regula per meglio imprimerlo ne la mente de frati: come cofa che molto li era al core:unde& christo fignor nostro[637] diceua guardateui da ogni auaricia:Perho noi uolendo integramente & plenariamente[638] fatisfare a la pia intentione& mente[639] del nostro padre infpirato dal fpirito fancto: ordiniamo:che li frati in[640] nifciuno modo habino fyndico o procuratore o ƥfona alchuna[641] in terra in qualunche modo[642] fuffe chiamata[643]:la quale[644] tenga:o uero riceua pecunia o denari per effi frati o a loro inftantia requifitione petitione‐o‐in nomedi effi per alchuno loro rifpecto& caufa.[645] Quanto al quarto capitolo, fapendo il nostro padre fan Francefco, che fecondo l’apostolica dottrina la cupidita è d’ogni mal radice, volendo totalméte stirparla dal core de i fuoi figiuoli, commandó nella regola che in conto neffuno fi riceuano da frati denari, o pecunia per fe, o per interposta perfona, laqual cofa tre volte replica in effa[646] regola per meglio fcolpirla [nelle menti nostre],[647] come cofa che molto gli era al core. Vnde il Signore diceua nell’euangelio.[648] Guardatiue da ogni auaritia. Pero noi volendo interamente & pienamente fatisfar alla pia intétione del padre nostro infpirato dal fpirito fanto. Ordiniamo che i frati per niffun modo habbino findico procuratore, o perfona in terra in qualúche maniera fufsi nominato, che téga o receua pecunia, ouero denari per efsi frati, o allora instanza, richiesta, o dimanda,o in nome loro per alcun rifpetto, o caufa.
Ma il nostro procuratore& aduocato fia Iefu[649] christo dio nostro& la fua dulciffima matre fia nostra fubstituta& aduocata:& tutti li angeli& altri fancti fiano nostri amici fpirituali.[650]¶Et perche laltiffima pouerta fu la dilecta fpofa di christo figliol de dio:& dil nostro padre fan Francefco fuo humil feruo[651] debino penfare li frati: che nó po uiolarfi: fummamente non fi difpiaci a dio:& chi loffende: offende la pupilla del fuo ochio: Ma il nostro procuratore et auocato fia Christo Dio nostro, & la madre fua dolcifsima fia la nostra fustituta & auocata, & tutti gli angeli & fanti fieno amici nostri spirituali. Perche adunche[652] l’altiffima pouerta fu diletta fpofa di Christo figliol di Dio, del padre nostro fan Francefco cara inamorata[653], debbono penfare i frati che no puo violarfi, che[654] fommamente a Dio non fi difpiaccia, & che qualúche[655] la offende, in verita[656] offéde la pupilla dell’occhio fuo.
Soleua dire el feraphyco padre:che li fuoi ueri frati nó debano far piu ftima de la pecunia& deli denari che de la poluere:imo fugirla:& hauerla in horrore come uno uenenofo ferpente [657]quante uolte il pio& zelante padre preuedendo in fpirito che molti frati laffando questa euangelica margarita:doueuano relaffarfi in receuere legati: teftamenti& fuperflue[658] elymofine:pianfe la loro damnatione: dicendo che era proximo ala perditione quello frate:che de la pecunia faceua piu ftima che del fango. Soleua dire il feraphico padre, che i suoi veri frati non debbono fare piu stima della pecunia & denari che della polue, anzi[659] fuggirla & hauerla in horrore, come ferpente venenofo quanto volte il pio & zeláte padre preuedendo in fpirito, che molti frati lafciando questa euágelica margarita, doueuano relafciarfi in receuere legati, testamenti, & fuperflue elemofine, pianfe la dannation loro, dicédo che era uicino[660] alla perditione quel frate che della pecunia piu stima faceua che del fango.
La experiétia puo far uedere‐a‐tutti:fubito chel frate fcacia de fe la pouerta:cafca in ogni altro enorme[661] uicio:per ho[662] li frati fi sforzino[663] ‐a‐ exéplo del [faluator del múdo][664] & de la sua dilecta mŕe deffere poueri de le cofe [del múdo][665] :accio:fian richi de la diuina gratia& de le fancte virtu:& celestiale richeze.[666] La efperiéza puo far veder a tutti, che[667] subito che il frate fcaccia da fe la fanta pouerta, cafca in ogni altro vitio abhomineuole.[668] Perilche i frati fe diano luoco feguitando il Saluator del mondo, & la fua diletta madre di effere poueri dell cofe del mondo, accio che fiano ricchi della diuina gratia, di fante uertu, & celeste richezze.
Et in tutto fi guardino:che uifitando alchuno infermo:ne directe ne in directe non li induchino a laffarci cofa alchuna temporale:imo uolendo farlo:non confentino:ma repugnino:[669] quanto iustaméte poffano:penfando[670] che no fi po infieme poffidere richeze& pouerta:[671] Ne fi acceptino legati.[672]Item [673]fi ordina quanto al recorfo alli amici fpirituali:per poffedere[674] piu fecuraméte questo[675] preciofo theforo de la pouerta:che in nifciuno modo uí fi ricorra etiam per cofe neceffarie: quando commodaméte poffono in altro modo permiffo ne la Regula hauerle.[676] In ogni modo fi guardino che uifitando alcun infermo [non lo inducano, ne direttamente ne indirettamente][677] a lafciarci alcuna cofa temporale, anzi volendo farlo, non gli confentano, ma cótradicano quanto giustamente poffono, fapendo che non fi accetti no legati. Si ordina quanto al recorfo de gli amici spirituali per tener piu ficuramente il tanto pretiofo theforo di pouerta, che in neffun modo fe gli ricorra, benche per cofe neceffarie, quando commodamente fi potranno per altro modo dalla regola è permeffo procurare.
Et accio fiamo[678] mancho graui a li amici:nifciuno frate facci comprare alchuna cofa di notabil precio o[679]‐fatisfare fenza licentia del padre uicario provinciale.Si concede perho el recorfo‐a‐effi[680] per cofe ueramente neceffarie:le quale in altro modo non poffino hauerfi:ma con licentia fempre de fuperiori: talmente che[681] in ogni recorfo fia fempre la uera neceffita:&licentia. Et per fare che fiamo men[682] graui a gli amici nostri[683] neffun frate faccia comprar alcuna cofa di notabil prezzo ne fatisfar fenza licenza del fuo padre vicario prouinciale. Si concede pero il recorfo per le cofe neceffarie ueramente, & che mendicando[684] in altro modo non fi poffono hauere, ma con licenza fempre de fuƥiori, in guifa tale che in ogni recorfo fia fempre la vera necefsita, & la impetrata[685] licenza.
¶Et perche fiamo chiamati a questa uita:accio mortificando questo nostro[686] extrinfeco homo-uiuichiamo[687] el fpirito: exhortiamo li frati ad affuerfarfi[688]a‐patire la penuria de le cofe del mundo‐a‐exemplo di christo:che effendo del tutto[689] fignore: eleffe per noi effere pouere& patire• Et perche fiamo chiamati a questa uita, accioche mortificando l’huomo estrinfeco fia viuificato l’interiore[690] & il spirito: effortiamo i frati ad vfarfi a patire la penuria delle cofe del mondo ad effempio di Giefu Christo benedetto, ilquale effendo Signore d’ogni cofa, eleffe per noi effere pouero et patire.
¶Et guardinfi i frati dal demonio meriodiano:el quale[691] fi transfigura[692] in angelo di luce:& questo‐e‐quando el mondo per hauerci[693] deuotione:ci applaude:& fa festa [con honorarci:& darci de le fue richeze:][694] le quale cofe: molte uolte:sonno state caufa de molti mali ne la Religione. Et non uogliono effere de quelli falfi poueri:de li quali dice il deuoto Bernardo:che fonno alchuni poueri:li quali talméte uoleno effer poueri:che non li manchi cofa alchuna.[695] Et fi guardi i frati dal demonio meridiano, il quale fpeffe[696] fiate fi transforma in angelo di luce: & questo è quando il módo per hauer a noi diuotione, ci accarezza, & festeggia,[697] con darci delle fue ricchezze & honorarci, lequal cofe molte volte fono state caufa de molti mali nella religione. Ne vogliano effere di quelli falfi poueri de iquali dice il deuoto Bernardo, che talmente vogliono effere poueri che niente gli manchi.[698]

Capitulo Quinto.

 
Attefo[699] chel nostro ultimo fine‐e‐dio:al quale deba tendere& anhelare ogniuno:& uedere di transformarfi[700] in lui: exhortiamo tutti li frati a drizar tutti li penfieriδ[701]‐a‐questo fegno:& li[702] uoltar[703] tutti lintenti:& defiderii nostri[704] con ogni poffibile impeto di amore: accio con tutto el core mente& anima forze& uirtu:con actuale :continuo‐intenso‐& puro amore ci uniamo al nostro optimo[705] pater Quanto al quinto capitolo. Attefo che il nostro vltimato fine è Iddio folo,[706] alqual debbe tendere & afpirare[707] ogniun di noi & veder di trasformarfi in lui, effortiamo tutti i frati a drizzar tutti i lor penfieri a questo segno, & iui riuolgere tutti gl’ittenti fuoi & defiderij con ogni pofsibile impeto di amore, accioche con tutto il core, mente, anima, forza, & virtu, con attuale, cótinuo, intenfo, & puro amore ci vniamo col nostro ottimo & fopremo padre.
¶Et perche fenza mezi non fi ua al fine[708]:perho ciafchuno fi sforzi di mettere da parte tutte le cose:le quale come difutile‐o‐perniciofe[709] retragano‐o‐impedifcano da la uia di dio.[710] Et de le impertinente non curandofi eleghino quelle cofe che fóno utile‐o[711]‐necceffarie per andare a dio‐eligédo infra[712] le altre quelle che piu ferueno:fi come latiffima pouerta la illibata Caftita la humile[713] obedientia‐& le altre euangeliche uirtu‐a‐noi infegnate dal figliolo di dio con parole:& con exempli in fe medefimo:& ne li foi sancti. Ma perche fenza mezi la creatura non peruiene al fuo defiato fine ogniuno fi sforzi di mettere da parte tutte le cofe lequali come inutili & dannofe ci[714] ritraheno, & impedifcono dalla via Dio, & dell impertinenti non curandofi eleggano quelle cofe che fono vtili, o neceffarie per andar a Dio, Eleggendo fra le altre quelle che a questo[715] piu ci feruono, fi come fono l’altifsima pouerta, la immaculata[716] castita, l’humile obedienza con le altre vertu euágeliche a noi infegnate dal figliol di Dio có parole & effempi in fe medefimo,& ne i fanti fuoi.
¶Ma perche‐e‐difficil cofa:che lhuomo stia fempre tutto eleuato in dio:per euita[717] locio dogni mal radice:dar bono exéplo al proximo:& per [effere mancho graui al mundo][718] ‐a‐exemplo del apostolo Paulo el quale predicando lauoraua[719] :& data ne la Regula dal nostro padre fan Franfcefco[720]:& conformarci in questo con la fua uolunta expreffa nel fuo testamento fe‐e‐determinato: che quando li frati non faranno occupati in exercitii fpirituali lauorino manualmente in qualche exercitio[721] honesto: non perho manchando quanto patiffe la humana fragilita di exercitarfi in quel tempo:etiam con la mente[722] in qualche meditatione fpirituale:[perho fi ordina che][723] métre fi lauora: femƥ‐o‐fi parli di dio[724]‐o‐fi lega qualche libro [deuoto][725]. Et guardinfi[726] li frati di non mettere el loro fine nel lauorare:ne in quello [porre alchuno][727] affecto‐o‐occuparfi tanto che extíguino: diminuifchino‐o‐retardino lo fpirito:al le debeno feruire tutte le cofe. Ma perche difficil cofa è che l’huomo stia fempre eleuato in Dio fchiuar l’ocio radice d’ogni male,& dar buon effempio al ƥfsimo per feguir in cio il vafo di ellettione Paulo, ilqual predicando alcuna volta lauoraua, & cofi [de molti altri fanti][728] padri, [& per offeruar l’ammonitione][729] a noi data nella regola dal feraphico padre, & in questo conformarfi alla[730] fua volonta efpreffa nel testamento. fi è determinato, che quando i frati non faranno occupati in effercitij fpirituali lauorino manualmente qualche honesto lauoro, non pero manchando quanto patifce la humana fragilita di effercitarfi in quel tempo in qualche meditation fpirituale, & percio mentre fi lauora fempre o fi parli di Dio, ouero fi legga qualche diuoto libro, & fiano auertiti di non mettere il fin fuo nel lauorare, ne in quello mettere affetto, ne occuparuifi tanto, che estinguafi, o diminuifca, o fi ritardi il fpirito alqual debbono feruire tutte le cofe.
Ma femƥ hauédo apperto lochio‐a‐Dio caminino[731] per la piu alta& breue uia: accioche lo exercitio dato‐a‐lhomo da Dio& da fancti acceptato& commendato per conferuare la deuotione del fpirito[732] non li fia occafione di diftractione:o‐di indeuotione. [Da laltra parte ogni frate penfi:che la euangelica Pouerta confifte in non hauere affecto‐a‐cofa terrena: Ufar queste cose del mundo parciffimamente quafi per forza costetti da neceffita:& a gloria di Dio:dal le fi debe ricognofcere il tutto][733]:& per gloria de la pouerta dare alli poueri quello che auanza‐a noi:Ricordino etiam li frati: [che fiamo alhostaria:& mangiamo li peccati de populi. Ma dogni cofa haremo a render conto][734] Ma tenendo fempre aperto l’occhio a Dio, vaddino per la piu alta & breue via, accioche l’effercitio all’huomo, dato da Dio & da fanti accettato & lodato[735] per conferuar la diuotione, non fia [a loro caufa][736] di distratione, o indiuotione. Dall’altra parte ogni frate penfi che la euangelica pouerta confiste in non hauer affetto a cofa terrena, in vfar le cofe del mondo parcamente quafi per forza constretti dalla necefcita di questa vita, & in gloria dell’altifsimo Iddio, dalquale fi debbe ogni cofa buona riconofcere.
¶Et perche como dice[737] il deuoto fancto Bernardo nefciuna cofa‐e‐piu pretiofa chel tempo:& niuna hogi‐e‐reputata piu uile:&[il medefimo etiam dice][738] che ogni tempo a noi da dio[739] conceffo faremo fotilmente examinati como lhaueremo fpefo exhortiamo tutti li nostri fratelli mai[740] stiano[741] in ocio ne fpendino il tépo loro in cofe de poca‐o‐nifciúa utilita ne í uani‐o‐uero inutile parole:[ricordandofi fempre de la[742] tremenda fententia de la uerita imfalibile:che de ogni parola ociofa renderemo ragione nel di del iudicio ma tutto il[743] tempo][744] fpendino in laudabili‐honesti& utili exercitii fpirituali‐ o‐corporali‐a‐honore& gloria de la diuina maiesta& ad hedificatione& bono exemplo[745] de li nostri proximi& fratelli[746] religiofi& feculari[747] Ma perche come fcriue il diuoto Bernardo niffun cofa è piu preciofa che il tempo, & niuna hoggi è riputata piu vile, & d’ogni tempo a noi data faremmo fotilmente effaminati, come l’haremmo fpefo, [preghiamo &][748] effortiamo tutti i fratelli nostri, chefieno giamai in ocio, ne fpendino il tempo in cofe di poco, o niffuna vtilita, ne manco[749] in vane & inutili parole. Ma tutto questo preciofo[750] tépo do acquistar’ il regno celeste fpendano in laudeuoli, honesti, & vtili effercitij, spirituali, o corporali, a gloria & honore della diuina Maesta,& edification de tutti i profsimi nostri & religiofi & secolari.

Capitulo Sexto

 
El feraphyco nostro padre fan Francefco[751] confiderádo latiffima pouerta di christo re del celo& della terra el quale quanto allhabitare nafcédo etiam nel diuerforio non hebbe un pocho di loco:uiuendo come peregrino habito[752] in café daltri[753] ‐& morendo non hebbe doue poteffe reclinare[754] el capo ruminádo ét qñto in tutte le altre cofe femƥ[755] fu poueriffimo:ƥ imitarlo comando ne la regula alli fuoi frati:che nó haueffeno alchuna cofa ƥpria:accio expediti come peregrini in terra& citadini in celo:có feruéte fpirito correffeno ƥ la uia di dio[756]:Perho[757] noi uolédo in táto nobile exéplo imitare christo in uerita:& realmente obferuare el feraphico precepto de la celeste Pouerta: per demóstrare in effecto[758] che nó habiamo alchuna iurifdictione: dominio: proprieta: iuridica poffeffione: ufo fructo:imo ne iuridico ufo dalchuna cofa:etiam de quelle che per neceffita ufiamo: [fe‐e‐determinato :che in ogni loco fi tenga uno inuentario: doue fi fcriuino tutte le cofe di notabil ualore: per nostro neceffario:& fimplice ufo prestate:da li loro patroni: Et infra la octaua del feraphyco patre‐ciafcheduno Guardiano uada in prima al patrone del loco:& regratiandolo del loco‐a‐prestato a frati etiam per humilmente el preghino: che fi degni prestarlo a frati etiam per uno altro áno:al che quádo cósétira:potrano con‐secura cófciétia habitarui. Ma quando:non uoleffe :fenza alchun fegno di tristicia: imo con alegro core acompagnari da la diuina pouerta fi partirano: ricogno fcendofi obligati ƥ el tempo che li fu prestato:& non effendo tenuto.Et simile faccino di tutte laltre cofe di notabil ualore:etiá portandole a li loro patroni:quando commodamente potrano farlo: come calici:& simil cofe‐o‐al mancho promettano di portarle: quando non uogliano piu prestarle.Et quando: non fuffeno piu apte‐a‐ufarfi rendinfi alli loro patroni nel modo faráno‐o‐fi domandi licentia di darle‐a‐poueri.] [759] Quanto al festo capitolo, Il feraphico nostro padre confiderando l’altifsima pouerta di Christo Re del cielo & della terra, ilquale quanto all’habitare, nascendo nel diuerforio non hebbe vn puoco di loco da corcarfi, uiuendo come pergrino albergò in cafe aliene, & morendo non hebbe dopoi[760] doue poteffe ripofar il capo fuo. Ruminando [oltra di ciò][761] quáto in tutte le altre cofe fu pouerifsimo, fi che per [ben feguirlo &][762] imitarlo commandò a i suoi frati che non haueffero alcuna cofa propria, accioche fpediti come peregrini in terra, & citadini in cielo con feruente fpirito correfsino per la via delle uertu a Dio. Pertáto noi volendo in cofi degno[763] effempio imitar Christo nostro duce in verita & realméte offeruare il feraphico precetto della celeste pouerta, fi dichiara & determina, che noi non habbiamo alcuna giurifdittione, dominio, proprieta, giuridica poffefsione, vfo frutto, ne d’alcun cofa, neancho[764] di quelle, che per necefcita vfiamo,

ne manco ufo giuridico de i lochi dove habbitiamo, di forte che i veri & totali patroni ci poffono mádar via fempre che a loro piace, & poffono ogni lor cofa a fua posta repigliar. [765]

¶Si ordina etiam:che quádo:li frati uorrano pgliare alchuno loco nuouo: fecúdo la doctrina de lhumil[766] Francefco in prima uadino dal Epifcopo‐o‐fuo uicario& domandino licétia di potere[767] pigliare qllo loco ne la fua Diocefi:& hauuta la licentia con la fua benedictione uadino ala communita‐o‐uer fignore:& preghino:che li uogliano prestare[768] un pocho di loro. Et guardinfi li frati:che nó pigliano alchun loco[769] có obligo di tenerlo:imo fe li impone: che non li acceptino fenza expreffo protesto di poter laffarlo ogni uolta ci pareffe expediente per la pura obferuantia de la regula:accio occorrendo laffarfi‐non fi dia fcandalo. Onde fi ordina che quando i frati vorranno pigliar alcun loco nouo fecondo la dottrina dell’humile Francefco prima vaddino dal Vefcouo, ouere fuo vicario, & dimandino licenza di pigliar quel loco, nella fua diocefi: & hauuta tal [770] licenza con la fua benedittione vaddino alla communita ouero Signore pregandoli, che ci vogliano prestare vn puoco di loco, & fi guardino di non piglar loco con obligo di tenerlo, ma piu presto di poterlo lafciare fempre che fuffe efpediente per la offeruanza pura della promeffa regola, tal che quando accadeffe lafciarne alcuno di cio non ne feguita fcandalo.
¶Et perche come peregrini‐a‐exemplo de quelli antiqui Patriarchi doueremo uiuere in picole cafipule:tugurii:&umbraculi:fi exhorta[771] li frati‐a‐ricordarfi de le parole del feraphyco padre nel fuo testamento: doue prohibifce: che in nifciuno modo receuino le chiefie:& habitatione[772]:che per effi: faranno fabricate :fe non faráno fecundo la forma de laltiffima pouerta:per il che fi innuiffe:che molto mancho‐e‐ licito a effi frati confentir che fi fabrichino fumptuofamente‐o‐ frabicarle¶.[773] Ne debano li frati per compiacere [alli fignori del mundo][774]: difpiacere‐a‐Dio:uiolare la regula fcandalizare el proximo.& offendere[775] la euágelica promeffa pouerta:gran differentia debe effere intra li grádalzi de richi:& li piccoli tugurii[776] de poueri mendici: peregrini& penitente: Item perche come peregrini ad effempio di quelli antichi a Patriarchi debbiamo viuere [in luochi humili & poueri][777]. Effortiamo i frati a ricordarfi le parole del feraphico padre, ilquale nel fuo testamento prohibifce, che in niffun modo fi riceuano chiefe, o alberghi, che ƥ loro fabricati fiano fe non faráno fecon do la forma dell’altifsima pouerta. Per il[778] che fi dimostra, che molto maco è lecito a i frati confentire, che fi construggano fontuofamente, o loro construirli, & non debbono i frati minori per compiacere al mondo, difpiacer a Dio, preuaricar [779] la regola, & ancho fcandalizar i profsimi, con offendere l’euangelica promeffa pouerta. Gran differenza cóuien che fia [fra i gran palazzi][780] de i ricchi, & i piccoli alberghi de poueri mendici, peregrini, & penitenti.
[Perho fi ordina][781] che non fi receuino lochi‐o‐che fianno facti[782] per noi‐o‐ per altri:& molto meno fi fabrichino: ne li frati promettino: che per loro fianno fabricati: fe non faranno fecundo la [fanctiffima pouertate][783]: quale hauemo ƥmessa: Perho‐o‐ questo fine fe‐e‐facto uno piccolo modello: Secundo el quale fi frabicara.[784] Le celle in longheza& largheza non paffino noue palmi:in alteza dece:le porte alte sette[785] palmi:& larghe due& mezo.le fenestre alte dui& mezo:& larghe uno mezo.landito del dormitorio largo fei palmi.[786] Et cofi[787] le altre officine fiiano piccole:humile pouere‐abiecte:& baffe:accioche ogni cofa predichi humilita‐ pouerta‐& difprezo del mundo[788]:le chifie etiam[789] fiano piccole: pouere‐[790]&honeste[791].Ne uogliano quelle effer grande per poter predicare :che fi come diffe fan Francefco migliore exemplo fi da a predicare ne le chiefie de altri: che ne le nostre: maxime con offendere la fancta pouerta.[792] Per la qual cofa ordiniamo, che non fi riceuano, fatti o per noi, o per altri luochi alcuni, [ne fi facciano, ne lafcino farfi, fe non faranno conuenienti][793] all’altifsima pouerta fanta, che [nella regola promeffa col voto[794] habbiamo.][795] Onde[796] a questo fine fi è fatto vn piccolo modello, fecondo ilquale fi fabricaranno i luochi nostri. Le celle in longhezza & larghezza non pafsino noue palmi, in altezza diece. Le porte alte otto palmi, larghe duoi & mezzo: Le fenestre alte duoi & mezzo, larghe vno & mezzo, ma l’andito del dormitorio largo fei palmi,& le altre officine fiano piccole, humili, pouere, abiette, & baffe: accioche ogni cofa predichi humilta, pouerta, & difprezzo del mondo :& ditti palmi s’intendano, come di fopra è detto, ma le chiefe nostre fiano piccole, pouere, & honeste, ne vogliano hauerle[797] grandi per poterci predicare, peroche fi come [diceua il padre nostro][798]. Miglior effempio fi da a predicare nelle chiefe d’altri, che nelle nostre, mafsime con offendere la fanta pouerta.
¶Per euitare[799] etiam[800] [tutte quelle cofe][801] che potrebeno offédere la pouerta:fi ordina:che[802] li fratti in nefciuno modo fi intromettano de le fabriche: excepto che‐a‐ demonstrare‐alli quali fara commeffo tal negotio: la pouera forma del modello follicitarli:& manualmente ƥ starli auito. [Si sforziáno etiam li frati quanto‐e‐poffibile difar quello fi po di uimini:& luto canne matoni crudi& uil materia‐a exéplo del nostro padre‐& infegno di humilita:& pouerta.&][803] habiano per loro fpecchio le piccole café de poueri:& non le moderne habitatione. Anchora per fchiuar tutto cio che poteffe offufcare questo fplendore i frati non s’intremettano nelle fabriche,faluo in dimostrare a chi fara commeffo tal negocio la pouera forma del modello, in follicitarli, et manualmente aiutarli, dandofi loco i frati quáto è pofsibile far quello, che fi puo di vimini, canne, vil materia per effempio del padre nostro: & in fegno di humilita, & pouerta: & habbino per fpecchio loro le piccole cafe di poueri, & non le moderne & fontuofe habitanze.
¶ Et ad euitare ogni difordine‐fi determina:che nefciuno loco fi pigli‐o‐laffi edifichi‐o‐destrugi fenza licentia del capitulo prouinciale:& del padre uicario generale.[804] Et nefciuno[805] guardiano poffi edificare ne distugere fe non fecundo li fera ordinato dal fuo [806]uicario poruinciale:il quale [cõ alcuni frati ad cio apti uada a dare il mõ de dicti edifiii.][807] ¶Et accio li feculari poffino di noi feruirfi ne le cofe fpirituale:& noi di loro ne le temporale:fi ordina[808]:che li nostri lochi non fi pigliano molto lontano da le cita Castelli& uille:ne ancho tropo proximi:accio per la troppo frequentia loro:non patiamo detrimento:basta che regularmente fiano distanti un miglio:& mezo‐o‐ circa approximandoci fempre[809] piu presto (a exemplo de fancti patri:& precipue del nostro) [alli folitarii deferti][810] che alle delifiofe citade. Per fchiuar[811] ancho ogni difordine fi determina, che niffun loco fi pigli, o lafsi, fi edifichi, o distruga fenza licenza del capitolo prouinciale, & del padre Vicario generale. Ne alcun Guardiano poffa edificare, o ruinare[812] fe non quanto gli fara ordinato dal fuo Vicario prouinciale, ilquale có alcuni frati a questo atti, vaddino là & diano il modo opportuno de tali edificij. Volendo anchora che i fecolari fi poffano feruire di noi nelle cofe fpirituali, come noi di loro nelle temporali,pero i nostri lochi non fi piglino molto lontani dalle citta, castelli, o ville, neancho troppo vicini,[813] accioche dalla [lor frequenza][814] non patiamo detrimento, basta che regolarmente fiano distanti vn miglio piccolo[815], o circa: accostandofi pero fempre piu presto ad effempio di fanti padri, & mafsime[816] del nostro a i folitarij deferti, che alle deliciofe citta.
¶Se‐e‐etiam[817] determinato: che ne li nostri lochi fi (potendofi) una piccola stázetta col camino per ricuere quádo bisonaffe:[li peregrini& forestieri][818]: fi come ricerca la charita:& patiffe la nostra[819] pouerta.¶Si ordina :etiam:che in ogni loco doue commodamente fi potra ne la felua‐o‐fito conceffo‐a‐ frati fia una‐o‐due cellete femote de la cómune habitatióe de frati:& folitarie:accio fe alchun frate uoleffe tener uita anachoritica (dal fuo prelato‐a‐questo iudicato idoneo) poffi quietamente in folitudine có uita angelica darfi‐a‐Dio:fecúdo lo instincto del fpirito.Et in tal tempo: accio poffi in quiete fruire dio: fi ordina: che non fe li parli fe non dal padre suo spirituale: el quale li fara come matre in prouederli: fecundo la pia mente del nostro feraphyco padre: como fe ha ne le conformita. ¶Si ordina etiam:che fe ne li lochi:quali fi pigliaranno: faranno uite‐o‐ arbori fuperflui: non fi taglino: ma col cófenfo de patroni fi diano li fructi‐apoueri:& le uite fi cauino:& fe li rendino per piantarfi in altri lochi‐o‐per darfi‐a‐poueri. Si è determinato anchora che ne i nostri lochi fia (potendofi pero) vna piccola stanzetta col camino, per riceuere quando bifognafsi alcun peregrino, et uiandante, come ricerca la charita, et quáto patifce la pouerta,

fi ordina oltra di questo[820],che fe ne i lochi che fi pigliaranno faranno uite, o arbori fuperflui non fi taglino[821] [fenza licentia del padre Vicario prouinciale. ][822]

¶Et perche fecundo la euangelica doctrina li christiani& maxime li poueri[823] frati [di fan Francefco][824] li quali in fpeciale [hanno preso‐a‐fequitare][825] christo fummo imperatore[826]& fpechio fenza macula[827] per la uia de laltiffima pouerta:debbano penfare[828]:chel loro celeste padre fappi poffi& uogli gouernarli. [Et per tanto habi di loro fpecial cura:][829] Et perche fecondo la euangelica dottrina i christiani, & mafsime frati minori quali fpecialmente hanno abbraciata la uita & sequella di Christo fommo Imperatore, fpechio fenza macola per la via dell’altifsi ma pouerta, debbono effer certi che il celeste lor padre debbia, fappia, poffa, & uoglia gouernali, & di loro habbia fpecial cura.
pero nó como li gentili i quali[830] non credano la diuina prouidentia: dobbiamo[831] có anzia& superflue[832] follicitudine procurare queste cofe del mundo:le quale el fummo[833] dio có larga mano cócede infino[834] alli bruti[835] animali:[ma come figli de lo eterno padre posta da canto ogni folicitudine carnale][836]: debiamo[837] [in tutto pédere da quella diuina liberalitate:& relaxarci ne la infinita fua bontade:][838] Pero non come Gentili, che non credino la diuina prouidenza debbiamo con anfia & fuperflua [cura, &][839] follicitudine procurar queste cofe del mondo qual Iddio con larga mano concede ancho a gli animali. Ma come fuoi ueri figlioli remoffa ogni follicitudine carnale debbiamo totalmente pendere da quella diuina liberalita, e rilafciarfi nella infinita fua bonta.
perho fi ordina:che ne li nostri lochi non fi facci prouifione di cofa alcuna etiam neceffaria per el uicto humano maxime de quelle che fi poffan mendicarfi quottidianamente: piu che per doi‐o‐uero tre giorni‐& al piu per una feprimana fecundo la exigentia de tempi& lochi•li fructi non poffino reponerfi: fe nõ per poco tempo: fecundo el iudicio del prouinciale. [Pero fi ordina che ne i nostri lochi non fi faccia prouifione di cofa alcuna][840] quantunche [neceffaria per il uitto humano di quelle che fi poffano quottidianamente médicare piu che per vna fettimana fecondo la efsigentia di tempi & lochi. I frutti][841] & cofe dell’horto non fi ripongano ne fi fementino, o piantino fe non per mágiarli frefchi.
Et per ferrare la [uia][842] alla fuperflua[843] prouifione humana:fi ordina[844] che ne li nostri lochi non fiano‐ne‐Botte‐ne‐ Barili‐ma folamente alchune pouere zuche‐o‐fiafchi•le legne maxime per il tempo deliuerno potrano reponerfi per doi‐o‐uero tre mefi. [Et accio la][845] mendicita de frati [non fia richa& delicata in nome:& non in][846] facti:fi ordina:che nó fi cerchi (ét nel carnevale) carne‐oua‐cafo ne pefcine ne[847] altri cibi ƥciofi:nó conuenienti al pouero stato nostro:excepto per li infermi:ma dati fenza domandarfi potrano receuerfi:pur che non fi offendi la pouerta.

[Et][848] fopra tutto fi guardino li frati che abundando le elymofiine per el fauore di grandi‐e‐[per la fede di populi:&][849] deuotione del mundo: non abandonino la loro fanctiffima Matre pouerta:come non legitimi figlioli de fan francefco.

Et per chiuder[850] la strada alla fuperflua humana prouifiione, fi ordina che ne i nostri lochi non fiano botte ne barili, ma folamente alcune pouere zucche, o fiafchi. Le legne mafsime [per il uerno][851] potranno riporfi[852] per duoi, ouero tre mefi, [& piu o meno fecondo] [853] il giudicio del capitolo prouinciale. Et accioche la mendicita di frati non fia riccha, o delicata in nome non in fatti, fi ordina che non fi cerchi [anchora che fia][854] il tempo di carnaffale carne, oua, cafo, ne pefci, ne manco altri cibi preciofi non conueneuoli al nostro pouero stato, fe non forfi per gli infermi, tutta uolta fe faran dati fenza dimandare potranno riceuerfi, con questo pero, che non fi ofienda la fimplice nostra pouerta. Ne fi riceuino barilli de pefci falfi, ne in cafa, ne fuor di cafa, & fopra tutto fi guardino i frati che abondando le limofine per il fauore di grandi, e per la fede di popoli, & diuotion del mondo non abbandonino la lor madre fantifsima pouerta, come non legittimi figlioli del padre[855] fan Francefco.
Ma fi ricordino di quelle belle parole [del fuo padre: el quale][856] era folito dire [con affecto ardentiffimo di amore][857]: Ringratio dio:che per fua bonta:ho fempre feruato la fede alla mia diletta fpofa pouerta.Nõ fui[858] mai de le elemofine latrone:imperho che fempre ho prefo mancho di quello[859] mi bifognaua:accio[860] li altri poueri de la loro portione non fuffeno fraudati: che fare[861] il contrario[‐e‐ furto appreffo Dio.][862] Ma fi ricordino di quelle parole che egli foleua dire. Io ringratio Iddio[863] che per fua bonta & gratia,[864] ho feruato fempre la fede alla mia diletta fpofa pouerta. Io non fu mai di limofine [ladro, perche accettai][865] fempre manco di quello, che[866] me bifognaua, accioche gli altri poueri di [fua parte][867] non fufsino defraudati, perche[868] facendo il contrario appreffo Iddio è riputato furto.
¶Si‐e‐etiam ordinato: che nel tempo de le carestie: per fubuenire alli bifogni dei poueri:fi facci le cerche de frati‐a‐questo deputati da li loro prelati‐a‐exemplo del nostro piiffimo padre el quale haueua gran compaffione‐a‐poueri: perho fe li era dato alchuna cofa per amore di dio:non la uoleua fe non conqsto pacto di poterla dar a poueri trouádo uno piu pouero di lui: molte uolte (fi come fi lege) ƥ restare fenza la nuptiale& euágelica ueste de la charita:fi fpoglio li ƥprii páni:& deteli‐a poueri:ázi che fu fpogliato dal uioléto impeto del diuino amore.[869]  
Et ƥche la nolútaria pouerta niéte ha:&‐e‐richa di tutto&[870] felice:&nó teme:ne defidera:ne po ƥdere cofa alchuna hauédo posto[871] el fuo theforo in loco fecuro: ƥho ƥ torre uia realmente:& in uerita le radice de le occafione dogni proprieta:fi ordina:che nefciuno frate habit chiaue di cella‐cassa‐ fcabello[872]‐o‐altra cofa‐ excepto[873] li officiali ƥ cóferuare quelle cofe‐che hanno a dispensare per la communita de frati: si come/e/iusto: & rationabile.[874] Anchora perche la uolontaria pouerta niente ha, & è riccha di tutto et felice, & non teme, & non defidera, ne puo perdere cofa alcuna hauendo posto il fuo teforo in loco ficuro, per tanto uolendo torre uia realmente, & in uerita le radici delle occafioni d’ogni proprieta, fi ordina che niffun frate habbita chiaue di cella, caffa, fcanzello, o di altra cofa, faluo che gli officiali per conferuar quelle cofe, che hanno a difpenfare per la cómunita dei frati, fi come è giusto & ragioneuole.
[Et perche niête poffediamo in questo mundo‐a‐nefciuno frate fia licito dar cofa alchuna‐a‐feculari: fenza licentia de li loro guardiani:li quali etiam non poffino difpenfare loro:ne ad altro dare licentia fe non di cofe minime& uile:fenza la licentia de li loro uicarii prouinciali:][875] Et perche niente poffediamo in questo monda a niffuno frate fia licito dar cofa alcuna a fecolari fenza de i lor Vicarij prouinciali.
¶Et accio fi fatisfacci a li infermi: fecundo:che dicta la ragione comanda la regula: &ricerca la fraterna charita:fi ordina:che infermandofi alchun frate:statim dal.P. guardiano li fia deputato uno frate apto: che li ferua in tutte li bifongi fuoi. Et quando fuffe conueniente:che mutaffe loco: fubito fi proueda.Et ogni frate péfi quello:che uorrebe: che in fimil cafo fuffe facto a fe. Et accioche fi fatisfaccia alli infermi, fi come detta la regione, comanda la regola, & ricerca la fraterna charita. Si ordina che infirmandofi alcun frate fubito[876] dal padre Guardiano gli fia deputato un frate idoneo, che gli ferua fecondo tutti i bifogni fuoi, & quando fuffe conueniente che mutaffe loco fubito fi prouegga[877]: & ogni frate penfi quello, che in tal cafo[878] uorebbe, che fuffe fatto a fe.
Non‐e‐alchuna matre tenera& sensuale tanto tenuta[879] al suo unico figlio:quanto‐e‐ciafchuno fratello fi come expreffe el pio nostro patre nela nostra regula. Non è alcuna madre tenera & fenfuale tanto inchinata[880] al fuo unico figliolo, quanto [debbe compatire ciafcun di noi al fuo spiritual fratello, fi come apertamente diffe il pietofo padre nostro nella regola.][881]
¶Et perche a quelli che non hanno amore in terra‐e‐ dolce‐iusta& debita cofa morir per chi mori ƥ noi in croce:fi ordina: che nel tempo de la peste li frati feruino:fecundo difpineranno li loro uicarii:li quali in fimil cafo fi sforzráno di hauer aperti lochi‐de la difcreta charita.  

Capitulo Septimo

 
Si ordina in prima per euitare[882] el periculo de fubditi:& de prelati:che nisciuno frate confeffi feculari fenza licentia del capitulo o del Padre uicario generale[883]:accioche tale officio:el quale oltra la bona confciétia‐& fufficiétia ricerca et debita experientia:non fi exerciti da quelli che non fonno idonei. [Et quelli che fonno deputati confeffori: non confeffino ordinariamente: ma in cafi particulari quando fuffeno da charita][884] cóstretti[885]& recolti in christo poffino fenza impediméto[886] piu fecuramente correre ala celeste patria. Quanto al fettimo capitolo, per euitar il pericolo di prelati & sudditi, fi ordina[887] che niffun frate confefsi secolari fenza licenza del padre Vicario generale, acchioche tal officio qual oltra la buona cófcienza fufficenza[888] ricerca anchora[889] debita efperienza non fi efferciti da coloro iquali non fono idonei. E quelli che fon deputati confeffori non confeffino ordinariamente, ma in cafi particolari, & quando fuffero di charita, & necefsita constretti, [& ɖsto fi fa per fchiuar ogni pericolo & distration di mente, accioche][890] ristretti, & raccolti in Christo poffano fenza impaccio piu ficuramente correre alla celeste patria.
Item fi ordina:che li frati fi confeffino al mancho[891] due uolte la feptimana:& fi communichino[892] ogni•15•giorni‐o‐piu speffo quádo uogliáo:& el loro Prelato iudichi li fia expediente. Ma ne lo Aduento& quadragefima fi communichino ogni Dominica:& Si ordina oltra ciò,[893] che i frati fi confeffino almeno due uolte ogni fettimana, communicando‡ [ogni dominica tuto l’anno,][894]
attendino fecundo la apostolica admonitione[895] di examinar in prima [molto bene fe steffi:la loro nichilitate& indignitate:& da laltra parte][896] el nobile dono di dio dato con tanta charita:accio non el pigliano[897] in iudicio[898] de le anime loro:ma in augumento[899] di lume:gratie& uirtute:[900]& questo altiffimo& diuino[901] facramento nel quale fi [dolcemente fe degna habitare di cõtinuo cum noi][902] il nostro dulciffimo faluatore fia in tutte le nostre chiefie tenuto in loco mundiffimo & da tutti hauuto in fumma reuerentia auanti al quale stiano& orino [quafi como fuffino ne la patria celeste infieme cum li fancti angeli.][903] attendino fecondo l’apostolico ricordo di effaminar prima fottilmente fe medefimi, confiderando la lor uilta& indegnita, & il nobilifsimo[904] dono da Dio gloriofo[905] a noi[906] dato con táta charita, fi forte che nó lo riceuano in giudicio delle lor anime, ma piu presto[907] in augumento di lume, gratia, &uertu. Et questo altifsimo & diuino facramento, nel quale fi benignamente fi degna di habitar il nostro Saluator dolcifsimo fia in tutte le chiese nostre tenuto in loco mundifsimo, & da tuti hauuto in fomma riuerenza, auanti a quello stando & orando, come fe proprio fufsino infieme con gli angeli fanti nella celeste partria.
¶Si concede alli frati: che in cafo di neceffita quando faranno fuori de lochi nostri poffino confeffarfi‐a‐altri facerdoti.¶Et per nutrire la charita‐matre dogni uirtu:fi ordina:che có ogni poffibile humanita christiana fi receua quelle perfone:che uerráno ne li nostri lochi: precipue li religiofi come perfone piu peculiarmente deputate al diuine obfequio: fi come ci exhortaua el nostro padre ne la fua prima regula.[908]  
¶]Si ordina etiam che ne li cafi referuati:li delinquéti:quanto piu presto potrano fenza lor nota:& commodamente:ricorrino humilmente a li loro uicarii: ne li quali poffano& debbano confidarfi.Et[909] li prelati fe li uederanno ueramente cótriti& humiliati cum fermo propofito di emendarfi& apparechiati alla condegno penitentia con dolceza‐a‐exemplo di christo nostro uero padre& pastore li receuino nel modo][910] fu receputo dal piiffimo padre [el prodigo figlo:& con christo fi sforzino con][911] leticia[912] fopra le proprie fpalle reportare[913] la perfa peccorella ne langelico[914] ouile. Si ordina che ne i cafi riferuati i delinquenti quanto piu presto potranno, commodamente, & senza lo nota, ricorrano humilmente a i loro padri Vicarij, ne iquali poffono & debbono confidarfi. Ma i prelati fe gli conofceranno ueramente contriti & humiliati con fermo proponimento di emendarfi, & apparecchiati alla códegna penitéza con dolcezza ad effempio di Christo nostro buon padre et pastore, gli riceuano in quel modo che dal pietofo padre fu riceuuto l’euágelico figliol ƥdigo, & infieme col nosto amorofifsmo Redentore fi sforzino có molta letitia portar fopra le fpalle nell’euangelico ouile la perfa & recuperata[915] pecorella,
Ricordinfi etiam chel nostro padre:san Francefco[916] [era folito dire che fe uoleamo releuare[917] uno che‐e‐caduto:bifogna inclinarci per pieta:fi come fece christo piiffimo faluatore quando li fu prefentata ladultera& non star con rigida iusticia& crudelta in ful tirato][918]:imo[919] [christo figliol de dio per saluarci defcefe dal celo in][920] fu la croce:& alli peccatori humiliati móstro ogni poffibile dolceza. & fi ricordino[921] che il nostro buon padre foleua dire, che qualunche uol rileuar un che giace in terra, è bifogno inchinarfi a darli mani, Il che fece fapientemente l’humanifsimo figliolo di Dio col corpo e col core quando gli fu prefentata & accufata la adultera. Ne uogliano per niente i prelati nostri con rigida feuerita star fopra il tirato, & con crudelta monstrarfi rigorofi, perche denno rammentarfi che Christo Iefu faluator del mondo, per noi faluare fcefe dal cielo in terra, & non dubitò di morir in croce, unde a i peccatori ueraméte humiliati monstro fempre[922] ogni poffibile dolcezza,
Penfino etiam:[923] che fe dio con rigida iustitia haueffe a iudicarci pochi‐o‐ nifciuno fi faluarebe:& ne[924] lo imponere la penitentia habiano fempre lochio aperto[925] di faluare:& non perdere lanima& la fama di quel pouero frate[926]:del peccato del quale nefciuno frate[927] deba fcandalizarfi:fuergognarlo:fugirlo‐ o‐hauerlo in horrore: imo hauerli compaffione:& tanto piu amarlo: quanto ne ha piu bifogno:fappendo che fi come diceua el [patre.s. Francefco][928] ogniun di noi farebe molto pegio:fe dio [929]con la fua gratia non ci preferuaffe.imo laffando al mundo per uniuerfal pastore in loco fuo fan[930] Pietro li diffe:uoleua[931] che perdonaffe al peccatore etiam che peccaffe fettanta uolte fette et anchor fi perfuadano che fe Iddio con rigida giustitia ci haueffe a giudicare, certo[932] pochi o neffuno fi faluarebbe per tanto nel darle penitenze, habbino fempre l’ochio intento a faluare non a perdere le anime ferite, [& mantener][933] la fama di quel pouero frate quanto fi puo, del peccato delquale niffuno fi debbe[934] fcandalizzare, ne uergognarlo, fuggirlo, o hauerlo in horrore, anzi[935] hauerli maggior compafsione, & piu che prima portarli amore, peroche allhora piu ne ha di bisogno, [tenendo per certo, che fecondo il dire del nostro] [936] benigno padre feraphico, ciafcun di noi molto peggio farebbe, fe la bonta di Dio con fua gratia non ci preferuaffe. Vnde[937] lafciando al mondo per fuo[938] univerfal pastore il beatifsimo Pietro gli diffe, che al perdonar del peccatore fufsi cortefe quantunche[939] peccaffe fetanta uolte fette,
[:perho fan francefco diffe in una fua epistola (nela quale uoleua:che fel frate peccaffe quanto era poffibile) ueduti li ochi del prelato[940] non fi partiffe fenza mifericordia:quando humilmente la cercaffe:& fe no la cercaua[941]: uoleua chel prelato gli la offeriffe& fe (di poi)[942] mille uolte li ueneffe inanzi:uoleua che non fi monstraffe mai fdegnato‐o‐ di ricordafi del peccato fuo: (imo)[943] per [944]tirarlo a christo nostro pietofuffimo fignore lo amaffe col core in uerita.][945] Sapendo chel pentirfe di core cum fermo propofito de non piu peccar:& exericarfi in uirtuose operationi basta apreffo‐a‐Dio‐perho Christo dando la penitentia era solito dire ua in pace:&non uolere piu peccare. ponendo tal numero finito per il numero infiinito,
¶Dal altra parte confiderino: che non punire chi pecca‐e uno aprire la porta dogni uicio atristi& inuitarli a simili errori:[946] nondimeno dell’altra parte molto hanna da confiderare, che il non punire chi pecca è un aprir la porta ad ogni uitio & fcádalo,& è un prouocar i uitiofi a fimili & a maggiori[947] eccefsi.
perho[948] fecúdo la regula có mifericordia li[949] ípóghino la códigna penitétia Per tanto accio questa poffeffione[950] del signore fia per[951] le bone fepe cóferuata:ordinamo:che ne le cofe nře& fpecialmente ne le correctione& punitióe[952] de frati nó fe obferui la fubtilita de le lege‐o‐uero le iudiciarie tele:& fecundo le conceffione [de le felice recordatione di Bonafacio octauo Innocentio :& Clemente:a nefciuno Frate fia licito de appellarfi da li foi prelati for de la nostra congregatione:fotto pena di excommunicatione late fententie& de lo carcere& de effere fcaciato da la congregatione:per che non fiamo uenuti ala religione per litigare ma per piágere li nostri peccati& emendare la uita nostra&obedire:portare la croce de la penitentia fequitando Christo.][953] Et accio che li catiui per lo tempo dauenere non diano impedimento a li boni:fiano da prelati con mifericordia puniti.¶Et perche tutti li christiani& maxime noi frati de fanto francefco douemo fempre hauere la integra[954]:& illibata fede apostolica de la sancta Romana chiefia‐& quella fermamente tenere& fynceramente predicare& pe defenfione[955] de quella effere apparechiati ad effundere el proprio[956] fangue per fin alla morte:ordiniamo che fe alchuno frate per tétatione diabolica fi trouaffe (quod abfit) maculato dalchuno errore cótra la catholica fede:fia posto[957] nel ƥpetuo carcere[958]: & [ƥ puniretali‐ o altri fimili delinquenti][959] fiano in alcuni de nostri lochi[960] li carceri forti‐ma humani: Per laqual cofa fecondo la nostra[961] regola con mifericordia impongano la [penitenza condegna, & accio che][962] questa nostra[963] poffefsioncella del Signore fia con buon fepi conferuata: ordiniamo che nelle cofe nostre, & fpecialmente nelle correttioni di frati et punitioni, nó fi ferui la fottillita [delle leggi di fecolari.][964]

 

(see text below in left column)

Et accio che alchuni frati hauendo in odio la folitudine&ɖete nřa nó retornino alle carne di Egypto effendo stati liberati da la fornace di Babilonia:dal nostro př uicario gñale& da tutto el capitulo fi excomunicano& fe denunciano ƥ excómunicati per la pñte cóstitutione tutti li apostatanti da la nostra cógregatione[965] remettédo al dicto uicario gñle& ali prouinciali la ɖlita& quantita de le pene de le quale haranno‐a‐effer puniti dicti apostati& tutti li altri delinquéti:li ɖli uicarii debbano punirli fecundo la qualita deli exceffi humilita de li penitenti:& charitaua difcretione fecundo la antique constitucione& laudabile confuetudine del ordine nostro ne le quale cose][966] perche dice lo eximio doctore Augustino che‐o‐ puniendo‐o‐ƥdonádo femƥ fi fa‐a[967]‐questo fine accio[968] la uita de lhomo fi correga:coffi fia temperata la iusticia có la mifericordia:che lo rigore de la difciplina nó manchi:& non fe exceda per troppo crudelita: ma fia curato linfermo [de punitione][969]:ne la quale la mifericordia& uerita fe refcótrino infieme: Ma perche alcuni frati hauendo in odio la folitudine & quiete nostra non ritornino alle carni di egitto effendo stati liberati dalla fornace di Babilonia, Per tanto dal nostro padre Vicario generale, & da tutto il capitolo generale fi fcommunicano,& fi denunciano per efcommunicati per la prefente constitutione, tutti gli apostatanti dalla nostra congregatione, rimettendo al ditto padre Vicario generale, & alli prouinciali, la qualita & quantita delle pene, delle quali haranno a effere puniti i detti apostati, & anchora tutti gli altri delinquenti.[970] Iquali Vicarij gli debbono punire fecondo la qualita de gli eccefsi, humilta di penitenti, & charitatiua difcretione, fecondo le antiche constitutioni & fpecialmente di Gulielmo farinerio, & fecondo le laudeuoli confuetudini dell’ordine nostro, ne lequale cofe, perche dice lo efsimo dottore Agostino, o puniendo, o perdon ando, fempre s’intende questo fine, cioe, che la uita dell’ huomo fi corregga. Sia cofi temperata adunque la giustitia con la mifercordia, che il rigore della difciplina nó manchi, & non fi ecceda per troppo crudelta, ma fia curato l’infermo di punitione tale, che la mifericordia & uerita fi rifcontrino infieme.
(Corresponds to the similarly indicated section above on right column) Et fecondo le concefsioni delle felici recordationi di Bonifacio ottauo, Innocenti, & Clemente a niffun frate fia lecito apellarfi da fuoi prelati fuor della nostra cógregatione fotto pena di efcommunicatione late sententie, & del carcere, & di effere fcacciato dalla nostra[971] congregatione, perche non fiamo qua uenuti per litigare, ma per piangere i peccati nostri, emendar la vita nostra, ubbedir, & portare la croce della penitenza feguitando Giefuo[972] Christo benedetto. Anchora conciofiache che tutti i christiani, & mafsimamente noi frati minori[973] dobbiamo fempre hauer la integra & illibata fede catholica &[974] apostolica della fanta Romana Chiefa: & quella fermaméte tenere, & finceramente predicare: per diffefa di effa effere appa recchiati a fparger[975] il fangue isteffo, & efsibirfi alla morte. Ordiniamo che fe frate alcuno per tentation diabolica fi trouaffe, ilche Iddio non voglia,[976] che fufsi macchiato d’alcun errore contra la catholica fede fia posto in carcere,& fe fapra pertinace fi offerui il testam ento del padre nostro: vnda ordiniamo che a questo fine fiano ne i lochi nostri carceri forti, ma humani.
[per la qual cofa fi elegano li prelati nostri maturi difcreti che habiuano fcientia confcientia‐ &‐expientia:& in tutte quante le cofe procedano col confeglio de li piu antiqui fratelli.][977] Anchora fi auuertifca che i prelati nostri fi eleggano maturi, & difcreti,

quali[978] habbiano fcienza, & confcienza, con[979] efperienza, quali in tutte le cofe procedano col configlio de gli piu antichi fratelli:

[980][¶Et accio che le punitione:le quale da noi fe fan con bon zelo: nó fiano impedite‐o[981]‐finistramente iudicate& anchora fia[982] magiore liberta di ƥcedere cótra li delinɖnti:ƥhibemo[983]:che li fecreti del ordine nó fiano manifesstati :imo la fama de tutti quanto ne fara pofiibile[984] debiamo cóferuare feɖtádo femƥ[985] ɖlle cofe lequale fóno ad laude& gloria de dio cagione di pace hedificatióe & falute de tutti nři ƥximi.][986] &accioche le punition, che da noi fi fanno có buon zelo non fiano impedite, o finistramente giudicate, & ancho[987] fia maggior liberta di procedere contra i peccanti: prohibiamo che i fecreti dell’ ordine non fiano manifestati: anzi[988] la fama d’ogniuno quanto fara poffibile fia conferuata, feguitádo fempre quelle cofe, che[989] fono a laude & gloria di Dio benedetto caggion di buona pace, con edificatione & salute de nostri profsimi.

Capitulo Octauo

 
Et perche fecúdo la doctrina di christo humile fignore nro li ƥlati christiáinó nó debano effere come li princii gentili:li ɖle ne le dignita fe ne in grandifcono:imo debano tanto[990] piu abaffarfi:qñto fopra le loro fpalle háno magior pefo:& penfare che doue li altri frati háno‐a‐obedire‐al loro ƥlato:effi háno‐a‐tutti li fři:fi come dal capitulo:che li elege:li‐e‐ íposto ƥ obediétia:&[991] feruirli& ministrarli in ogni loro bifogno maxime ne le fpirituali‐a‐exéplo di christo el quale uéne per fervici& ministrarci& poneř[992] per noi la ƥpria uita perho fi exhorta tutti li ƥlati[993] a‐effere ministri& ferui de tutti li loro fři:il che faráno: fe fecundo la doctrina del feraphyco padre alli loro funditi con lo exéplo& doctrina[994] li ministáno fpúo& uita. Quanto all’ottauo capitolo, perche feconda la dott rina di Christo humile Signor nostro i prelati christiani nó debbono effere come i prencipi Gentili, iquali nelle dignita fe ingrandifcono, anzi[995] piu fi debbono abbaffare[996] quanto che fopra le lor fpalle hanno maggior pefo, & pensare che doue gli altri frati hanno ad ubbedir al lor prelato, efsi hanno ad ubbedir a tutti i frati fi come dal capitolo, che gli elegge gli è imposto per ubbedienza, & feruirgli, et ministrargli in ogni lor bifogno, mafsime ne i spirituali ad effempio di Christo nostro Signore, ilqual venne per feruirci & ministrarci, & efponere per noi la propria uita. [Per táto effortiamo][997] tutti prelati ad effer ministri & ferui de tutti i loro ]fratelli, il che faranno][998] fe fecondo la dottrina del feraphico padre a loro fudditi con dottrina & effempio amministraranno[999] fpirito & vita.
¶Et in ogni electióe fi uada puraméte fimpliceméte & fantaméte& canonica méte:sforzádofi fecundo la doctrina di christo piatofo fignor nřo[1000] che inuitati alle sue noze di stare nel ultimo loco có[1001] lui&nó có lucifero nel ƥmo fappendo che li primi farranno li ultimi:&li ultimi li primi[1002]:& fugendo le dignita có christo nó le acceptino:fe nó faráno da dio cú Aaron chiamati da la obediétia fancta. In ogni elettione fi vada puramente, et[1003] femplicemente, fantamente, & canonicamente, sforzandofi fecódo il configlio[1004] del pietofo nostro Signore [quando sono][1005] inuitati alle nozze di stare nell’ultimo loco con lui, & non con lucifero nel primo, fapendo che i primi faranno vltimi, & gli ultimi faráno primi. Ma fuggendo le dignita con Christo, non le accettino fe nó faranno da Dio con Aaron chiamati dalla ubbediéza fanta.
¶Si ordina ɖnto al capitulo gñle che fi facci ogni tre áni ne la festa de la péthecoste :xome‐a‐táta negocio accómidatiffima: defignata dal nřo feraphyco padre& li ƥuíciali ogni áno il fecúdo‐o‐terzo uenerdi dopo pafcha. Si ordina quanto al capitolo generale che fi faccia ogni tre anni nella fe della pentecoste, come a tanto negocio accommodatifsima è defignata nella regola[1006] dal seraphico padre, &[1007] i capitoli[1008] prouinciali fi facciano[1009] ogni anno il fecondo, o terzo venerdi doppo Pasqua, [etiamdio[1010] nella prouincia doue fi[1011] fara capitolo generale, & in ogni capitolo prouinciali fi eleggano dal Vicario & diffinitori i custodi, fi come anticamente fi vfaua[1012], iquali nelle lor custodie accadendo alcun cafo vrgente, non poffendofi hauer la prefentia del Vicario prouinciale prouegghino, come loro parera giusto & efpediente, (ma nellultimo capitolo innanzi il Generale fi elleggano tutti i custodi da i vocali del capitolo.)[1013] Et primo fi faccia per vn fcrutinio il primo custode, che habbia a portar in capitolo generale i diffetti del Vicario prouinciale preterito[1014] con i bifogni della prouincia, & in questo[1015] primo fcrutinio (folo questo)[1016] fi elegga, & il detto Vicario preterito non gli[1017] habbia voce pafsiua. Ma poi gli altri custodi tutti in vn’altro scrutinio immediatamente[1018] fi eleggano, nel quale il Vicario fopradetto poffa hauer voce pafsiua,&non fi nomini (quel padre ne fi proponga)[1019], che ha da restare per commiffario di prouincia, (fino che fieno tutti i custodi eletti.)[1020] Et li custodi prouinciali predetti non eccedino cinque, ne fiano meno di tre.[1021] Si dichiara bene a tutti frati, che in ogni elettione è neceffario, & basta, che chi fara eletto habbia piu della meta delle voci[1022]. Et facciammo intendere, come fotto pena di peccato mortale in ogni elettione fi ha da eleggere quello, che fara tenuto migliore & piu fufficiente a quel negocio al quale fara eletto, pofposto[1023] ogni altro rifpetto, (& pero aduertano.])[1024]][1025]
Et in fegno di humilita‐&‐per de móstrare[1026] lanimo loro syncero da ogni fpecie di ambitione lontano‐cofi el uicario generale nel capitulo generale:come li prouinciali nel capituli prouinciali liberamente renunciaranno li officii loro con ogni auctoritate ne le mane de deffinitori perel capitulo electi:& in testimonio di perfecta refignatione ponetráno[1027] li figilli ne le mane de predicti diffinitori. Anchora fi ordina che[1028] in fegno di humilita, & per dimostrare l’animo nostro[1029] fincero da ogni fpecie di ambitione lontano, cofi il Vicario generale nel capitolo generale, come i prouinciali ne i capitoli prouinciali liberaméte renuntijno[1030] gli officij loro con ogni authorita[1031] ne le mani de i diffinitori per il capitoli eletti, et in testimonio de perfetta refignatione poneranno i Sigilli nelle mani de i prediti diffinitori.
Et fe accadeffe:che il padre[1032] uicario generale nel fuo triennio moriffe:fi determina che in tal caso el primo diffinitore del capitulo preterito fia commiffario generale:& cafu fuffe morto: fia el fecundo& cofi de li altri. Et fia tenuto quanto piu presto fara poffibile conuocare el capitulo per la penthecoste‐o‐circa‐o‐di feptembre: doue gia fara determinato‐oli potrano commoda mente hauerfi. Et fe accadeffe che il Vicario generale nel fuo triennio moriffe fi determina che in tal cafo il primo diffinitore del capitolo preterito fia Commiffario generale, & cafo che[1033] fuffe morto fia il fecondo, et cofi degli altri, [il fimile s’intenda da uicarij prouinciali.][1034]
[¶Si ordina etiam per dare uno modo certo fecuro& facile da potere deponere el generale:quando non fuffe idoneo:fi come fancto francefco impone ne la fua regula:che li tre primi Diffinitori del capitulo preterito hauuta probabile& sufficiente informatione de la fu infufficientia poffino& debbano doue& quando li parira expediente conuocare li frati al capitulo generale:doue fi habia auentilare fi‐e‐degno‐o‐no di effere deposto. Si ordina oltre aciò per dar un modo certo & ficuro & facile da poter deponere il general Vicario quando non fuffe idoneo fi come il nostro padre impone per la regola che i tre primi diffinitori del capitolo preterito hauuto probabile & fufficiente informatione di fua infufficienza poffano & debbiano doue & quádo a loro parera efpediente conuocare i frati al capitolo generale doue fi habbia a difcutire fe è degno d’effere deposto,
Et sel generale tentaffe dimpedire tale conuocatione al capitulo iffo fatto uogliamo: che fia del officio priuato: che fe il general tentaffe d’impedir tal conuocatione al capitolo vogliamo che fubito del fuo officio s’intenda effere priuato,
& cafu chel ca capitulo generale iudicaffe: chel generale non meritaffe di effere deposto:& che li prefati tre diffinitori séza iusta caufa haueffeno facta tal commotione ne la congregatione:fiano puniti graueméte ad arbitrario del capitulo per effere proceduti coffi indifcretaméte. ][1035] ma quando il capitolo general giudicaffe il generale non meritare d’effer caffato, & che i diffinitori fenza giusta caufa tal commotione hauefsino fatta fiano puniti grauamente ad arbitrio del capitolo effendo proceduti tanto indifcretamente.
Se determina etiam:che ne la electione de diffinitori habino uoce paffiua tutti li frati:che fi trouarano nel loco del capitulo Et li uicarii in tale electióe habiano uoce actiua:el gñale al capitulo gñale:& li ƥuinciale fi eleghino ɖtro diffinitori de li quali fimilmente doi al piu poffino effere de quelli de lanno ƥxime paffato.¶Ité fi ordena:che li prouinciale uachino dopo el loro triennio al mancho per uno anno:fe gia per rationabil caufa altramente non pareffe al padre uicario generale.][1036] Da tutto il capitolo generale [fi è determinato, che il nostro Vicario generale doppo il fuo[1037] triennio][1038] non poffa effere rieletto, ma fi [rimanga da ogni relatione per][1039] un anno almeno. [I Vicari prouinciali finito il loro triennio, non fi poffano eleggere[1040] in quella[1041] medefima prouincia, ma in quella restino da ogni prelatione liberi per vn anno, tutta volta fe faranno eletti Vicarij da vn’altra prouincia potranno effercitare tal officio per tre anni, doppo iquali debbiano ceffare da ogni prelatione per][1042] duoi anni. [Medefimamente i Guardiani non pofsino effer eletti in tal officio piu che per tre anni nel loco (isteffo)[1043], ma in vn altro loco fi bene per (fino a tre altri anni,)[1044] doppi iquali [rimaranno liberi da guardianati per vn anno,][1045] (non pero vetando)[1046], [che i Guardiani fopradetti doppo ditto tempo non pofsino effer eletti in vicarij prouinciali ancho in generale,][1047] & i compagni de i vicarij di ƥuincia, habbiano voce attiua & paffiua alla elettione del difcreto nel loco del capitolo prouinciale, & i compagni del Vicario generale habbiano voce attiua & pafsiua per difcreti nel loco del capitolo generale, quando fi eleggono i difcreti non fi pafsino cinque fcrutinij, & nel quinto fcrutinio fi fcriua che da voce tanto quanto chi la riceue, fi che non fi facendo il difcreto: il quinto fcrutinio figillato fi porti al capitolo. Si determina che ne la elettione de diffinitori i Vicarij habbino voce attiua, cioe, il Generale al capitolo generale i prouinciali ne i prouinciali. [Et nel general capitolo fi eleggano fei diffinitori, de iquali poffano effere al piu (quattro di quelli, che faranno stati diffinitori nel capitolo profsimo & preterito,)[1048] ma ne i prouinciali capitoli bastano quattro diffinitori de iquali duoi ne fieno al piu, o pofsino effere de quelli, che faranno stati il precedente capitolo.] [1049]
Et nel tempo che fe celebra il capitulo generale fi faccia continue& feruente oratione da tutti li frati de la nostra congregatione & nel tempo del capitulo prouinciale da tutti li frati de la prouincia pregado la diuina clementia[1050] fe degni di ponere tutte le cofe nostre fecondo il fuo beneplacito ad laude honore& gloria[1051] de la magesta fua& ad utilita di la chiefia sua fancta. Nel tempo che fi celebra il capitolo generale fi facciano continue feruéti orationi da tutti, & nel tempo del prouinciale da tutta la prouincia[1052], pregando Iddio che fi degni difporre[1053] tutte le cofe nostre fecondo il fuo beneplacito ad honore di fua Maesta infinita[1054],& ad utilita di [fua catholica, & christiana Chiefa][1055].

Capitulo Nonn

 
Et ƥche lo euágelizare la parola di christo maestro di la uita[1056]‐e‐de li piu degni‐utili‐alti[1057]& diuiniofficii:che fiano nela chiefia [di dio][1058]:donde[1059] ƥncipméte péde la falute del múdo : [ƥho fi ordina che nisciúo ƥdichi:fe in ƥma examinato& approbato del capitulo generale‐o‐dal padre:uicario generale:fi come uole la Regula: non li fara conceffo.][1060] Quanto al nono capitolo della regola, perche lo euangelizare la parola [di Dio ad effempio di Christo maestro][1061] di vita eterna, è de i piu degni vtili atti, diuini officij, che fiano nella fanta Chiefa dal quale principalmente [procede, &][1062] pende [doppo Dio][1063] la falute del mondo. Per tanto fi ordina che niffuno de i frati nostri ardifca di predicar al populo fe in prima effaminato & approuato del capitolo generale, o dal Vicario generale, fi come vuole la nostra regola non gli fara tal ministerio[1064] cóceffo [& imposto][1065],
Ne fe li dia tale[1066] officio fe non uederáno: che fiano[1067] di uita sancta& exemplare:claro:& maturo iudicio‐forte& ardente uolunta:che la fcientia& eloquétia fenza charita non edifica:imo[1068] molte uolte destruge[1069].& diligentemente attendino[1070] li prelati nel imponere[1071] tale officio: che[1072] nó fiano di perfone acceptatori. [Ne fi mouino per amicitia‐o‐fauore humano: ma semplicimente per honor di Dio eligendo piu presto che fiano[1073] pochi & boni[1074] predicatori : che molti& infufficiétu‐a‐ exenpolo di christo fumma sapientia[1075] che infra[1076] li gran turba de li hebrei elegete solo.[1077]12.apostoli:&.72.difcipuli hauendo in[1078] prima prolixamente orato.][1079] ne ad alcuni fi dia questo officio di predicare[1080] fe non fi veggano effere di fanta vita & effemplare, di[1081] chiaro & maturo giudicio: di[1082] forte & ardente volonta fapendo,[1083] che la fcienza & eloquenza fenza charita non edifica, ma fpeffe fiate distrugge: vnde attendano diligentifsimamente i prelati nostri[1084], che nel dar tali officij [non fiano accettatori di perfone, non fi mouano per amista, ouero fauor humano, ma femplicemente per folo zelo dell’honor di Dio eleggendofi piu presto d’hauer pochi & fufficienti[1085], & buoni predicatori, che molti infufficienti, riguardando a Christo fapientifsimo, che fra fi gran turba de gli Hebrei folamente eleffe dodeci apostoli con fettandaduoi difcipuli, & questo fece doppo hauere al padre suo proliffamente orato,
¶[Si impone[1086] etiam[1087] alli predicatori: che no predichino[1088] frafche:ne[1089] nouelle:poefie historie‐o‐altre uane‐superflue[1090]:curiofe‐ inutile:(imo perniciofe)[1091] fcientie:ma‐a ‐exemplo di paulo apostolo predichino christo crucifixo:nel quale sonno tutti li thefori de la fapientia & scientia di dio:questa‐e‐quella diuina fapientia:la quale paulo fanctiffimo predicaua infra[1092] li perfecti:dapoi[1093] che fu uiril christiano:che quando era puerile[1094] hebreo: pensaua‐fapeua: & parlaua da paruulo de le umbre e figure del uechio testamento][1095] oltre a ciò[1096] fi da impofitione a tutti[1097] i predicatori, che predicando non dicano frafche, nouelle, poefie, historie,o altre vane, fuperflue, curiofe, inutili: anzi pernitiofe dottrine[1098]. Ma feguitando il prudentifsimo Architetto della chiefa Paulo annunciaráno al mondo Giefu Christo crucififfo, nelquale fono tutti i thefori della fapienza & fcienza di Dio, perche questa fu la fupereminente fcienza, che il beato Apostolo predicaua, & parlaua fra i perfetti, pofcia che fu virile christiano, percioche quando egli era anchora puerile Hebreo, péfaua, fapeua & ragionaua[1099] da fanciullo, delle ombre, & figure del vecchio testamento.
[1100]ne douerebeno allegare altro che Christo[1101] (Lauctorita del quale preuale‐a‐tutte le perfone:& ragione del mundo[1102]) &li fancti doctori. Et non vogliano i predicatori altro alleggare, che la facra fcrittura: la cui authori ta preuale a tutte le perfone, & raggioni mondane, & confeguentemente adducano i fanti dottori.
¶Et perche al nudo& humil crucifixo non fonno conueniente:terfe phallerate:&fucate[1103] parole:ma nude pure fimplice humile[& baffe][1104]:niente dimeno diuina infocate& piene di amore‐a‐exemplo di paulo uafo di electione el quale predicaua non in fublimita di fermone& di eloquentia humana:ma in uirtu di spirito perho fi exhorta[1105] li predicatori‐ [a‐imprimerfi christo benedetto nel core][1106] Ma perche al nudo & humile crucififfo non fono conuen ienti, terfe, fallerate, & fucate parole, ma nude, pure, femplici, humili, & baffe, nondimeno[1107] diuine, infuocate, piene d’amore, ad effempio di Paulo vafo di elettione, ilquale predicaua non in fublimita di fermone & eloquenza humana, ma in vertu di fpirito fanto[1108], Perciò molto effortiamo i predicatori, che fi dieno loco di stampare nel cor loro il benedetto Giefu Christo [Saluatore, con l’humile, feruente, et afsidua oratione,][1109]
:& darli di fe poffeffione pacifica accio per redundantia di amore lui fia quello che parli in loro[1110] [nó folo con lr parole ma molto piu con le opere][1111]‐a‐exemplo[1112] di paolo doctore de le gente[1113] el[1114] quale non ardiua predicare ad altri alchuna cofa:fe christo in primo nó la operaua in lui[1115]:fi come etiam[1116] [christo perfectiffimo maestro cinfegno nó solo con la doctrina ma có le opere:& questi fonno grandi nel regno del celo:che prima per fe operano& poi ad altri infegnano& ƥdicano.][1117] et dargli di fe steffo[1118] poffefsion pacifica, accioche per ridondanza d’amore, egli[1119] fia quello, che in loro parli, non folamente con la lingua, ma con l’opera efficace, rafsimigliando in ciò il gloriofo Paulo quale non ardiua predicare alcuna cofa vertuofa ad altri, che prima Christo in lui non la operaffe, & questo fopra tutto ci commandò, & infegnò[1120] Christo Giefu[1121] maestro perfettifsimo non folo in dire, ma in effequire lui steffo, dichiarando questi tali effere grandi nel regno del cielo.
¶Ne penfino far affai: fe folaméte ƥdicano la ɖdragefima‐o‐ laduéto ma fi sforzino affiduamente predicare:al mancho tutte le feste‐a‐ exemplo di christo spechio de ogni perfectione:che andaua per la Iudea Samaria& Galilea predicádo per le citade uille& qualche uolta a una fola donna fi come fe lege de la famiritana.  
[Et quando per praticar con seculari fentano diminuirfi el fpirito (ritornino alla folitudine)[1122]:& li stiano tanto che repieni di dio limpeto li moua‐a fparger al múdo le gratie diuine.Et cofi facendo hora martha& hora Maria in uita mixta fequitaranno christo el quale hauendo orato al monte defcendeua nel templo‐a‐predicare:imo defcefe dal celo in terra per faluare le anime:][1123] Anchora fiano ammoniti i predicatori, che quádo per lo domestichezza de gli huomini fecolari fi fentono diminuire il fpirito, allhora fi ritraggano all folitudine & quiete: tanto che ripieni di Dio l’impeto del fpirito fanto vn’altra volta gli moua al predicare fi che in tal maniera feruendo hora al ministerio di Marta, hora al filentio di Maria in tal mifchiata cóuerfatione fieno buoni difcipuli del figliolo vnigenito da Dio, ilquale vn tempo oraua ful monte, indi fcendeua nel fanto tempio alla falute de populi, per laqual ancho volfe calare in questa valle di lacrime dall’altifsimo cielo empireo.
¶Si prohibifce a predicatori: che non receuino pasti ma uiuino[1124] da poueri& mendici:[fi come hanno per amor di christo uoluntariamente[1125] promesso.Et sopra tutto[1126] fi guardino da ogni fpecie di auaricia:accio liberamente& synceramente predicando christo reportino fructo in magiore[1127] abundantia:per il che fi prohibifce:[1128] (che non faccino cercha predicando)[1129] per fe:ne per li frati:accio fecundo la apostolica doctrina fia noto‐a‐tutti:che non cerchano cofe loro:ma ɖlle di Iefu christo.][1130] Auuertifcano i nostri predicatori di non riceuere pasti fuperflui, o fontuofi,[1131] ma viuédo da poueri médici di Christo, fi come per amor fuo hanno promeffo, fi [contentino dalla lor neceffaria][1132] fostetatione, & sopra ogni cofa fi guardino da ogni specie di auaritia, accioche liberaméte, finceramente predicádo il nostro Christo fi riporti frutto abódeuole, per ilche fi veta, che predicando non facciano cerche pecuniarie,[1133] ne per fe, ne per nostri[1134] frati, tal che fecondo l’apostolica dottrina fia noto a tutti, che non cercano le cofe loro, ma quelle di Giefu Christo.
Et ƥche chi nó fa legere[1135] cristo libro[1136] de la uita non ha doctrina di poter ƥdicare: Et perche chi no fa leggere il verbo incarnato verbo della vita, & libro d’ogni verita[1137] non ha dottrina da ƥdicare,
perho accio lo studii nó fi ƥhibiffe‐a‐li [ƥdicatori: che non portino molti libri][1138]:exquo in christo fi troua ogni cofa. [pero doppoi che in effo Christo beato fono tutti i thefori della diuina fapienza, & fcienza,][1139] per che meglio poffano studiarlo alla fembianza de i fanti Apostoli fiano prima instanti alla feruida oratione, & poi al ministerio del verbo,
¶Et per effere questo benedetto[1140] offitio dil predicare tanto excellente& acceptiffimo[1141] a‐christo dio nostro el quale ne lha demonstrato)[1142]:quando che lui medifiimo[1143]:con tanto feruore di quella fua diuina charita: per la[1144] falute (de le anime nostre‐lha uoluto exercitare)[1145] propinandoci[1146] la faluberrima doctrina Euangelica[1147]:[per potere adoncha[1148] meglio imprimere nel core di predicatori la norma& modo haranno[1149]‐a‐tenere:accio piu degnamente habino‐a‐ euangelizare effo Christo crucifixo predicare lo regno di Dio:& feruentemente operare la conuersione&[1150]salute de le anime][1151]:quafi[1152] replicando & quodamodo inculcando[1153] fubiungemo& imponemo: che ne loro predicatione ufino la facra Euangelio[1154]:accio che effendo noi euangelici predicatori facciamo etiam li populi euangelici. vnde per effere questo eggregio officio di predicare tanto eccellente & grato a Christo Dio nostro, il quale (ce lo)[1155] mostrò, quando ch’egli[1156] steffo con tanto feruore di quella fua diuina charita per la falute del módo, volfe effercitarlo, difpenfandoci largamente[1157] la fua[1158] dottrina faluberrima. Et per poter meglio imprimere nel core de i predicatori nostri[1159] la forma, & modo, che haranno a tenere, a tale che[1160] degnamente habbiano ad euangelizare Christo crucififfo, annunciar il regno d’Iddio, & feruidamente operare la conuerfione & salute delle anime, replicando foggiongiamo, & imponiamo, che nel predicar ufino la facra fcrittura del nouo & uecchio testamento, come fondamento principale d’ogni lor raggionamento,& fignalatamente l’euangelio, in guisa, che dimostrando in uerita, che fiamo euangelici operatori facciamo anchora[1161] i populi buoni euangelici,
¶Et laffino da canto tutte le uane& inutile questioni& opinione:li prurienti[1162] canti: e fubtilita da pochi intelligibile Ma ad exemplo[1163] del fanctiffimo precursore Ian Baptista de li fanctiffimi apostoli:& altri fancti predicatori infocati del diuino amore: Imo[1164] [‐a‐exemplo:di effo nostro dulciffimo faluatore predichino:] penitentiam agite: apƥpinquabit enim regnum celorum. [Et fecundo chel nostro padre saraphyco ne la regula ci admonifce: (annuncient uicia& uirtutes:penam& gloriam cú breuitate fermonis)[1165]:nó defyderando‐ne cercádo altro che la gloria de dio:& la falute de le anime redempte[1166] col preciofiffimo fangue del immaculato[1167] angello christo Iefu [benedetto][1168]: & fi lafsino da canto tutte le uane, inutili questioni, & opinioni, con i piaceuoli canti, & le fotti lita da pochi intefe[1169]. Ma alla fembianza del fantifsimo precurfore Giouanbattista, & de i gloriofi Apostoli, & altri fanti predicatori dell’amor diuino infuocati, imitádo fopra tutto il dolcifsimo nostro Saluatore chiarifsima lampa d’ogni nostra operatione, gridino [in uoce alta et ardente.][1170] Penitentiá agite, appropinquabit enim regnum cœlorum,& feguendo la norma del padre nostro, annuncient uitia, uirtutes, pœná, & gloriam, cum breuitate fermonis, nó defiderando, ne cercando altro che la gloria di Dio, & falute delle pouere anime ricomperate col preciofiifsimo fangue del puro agnello benedetto.
Et fiano examinati& casti li loro parlari&[1171]non defcendano ad alchuna particulare perfona[1172] [perche come dice il gloriofo fancto Hieronymo el parlare generale nifciuno offende exprobrando certamente li uicii:ma honorádo ne la creature la immagine del fuo creatore. Ma fiano effaminati & honesti ragionamenti loro, non difcédendo nel lor riprendere ad alcuna particolar perfona, perche fi come dice il beatifsimo Gieronimo :il parlar general niffun offende, condonnando certamente i uitij, ma rifpettando fempre nella creatura la imagine del Creatore,
Et][1173] como ci exhorta el feraphyco pře nel fuo testamento sforzinfi[1174] di temere‐amare& honorare li uenerandi[1175] facerdoti [1176]li Reuerñ. Epifcopi li Reuerñ. Cardinali& fupra tutti il fancto& fummo Pontifice uicario de Christo in terra general capo padre& pastore de tutti li Christiani& de tutta la chiefia militante.& [1177]tutti quanti li altri del stato Ecclefiastico: che uiueno fecundo lordine de la fancta Romana chiefia& fonno humilmente fubiecti al predetto [loro nostro capo‐padre fignore cio‐e‐al fummo pontifice. ][1178] come ancho ci ammonifce il feraphico patriarcha nel testamento, sforzarannofi di temere, amare, honorare i Sacerdoti, i Reuerendifsimi Cardinali, & Vefcoui[1179], ma fopra ogni altro[1180] il fommo Pontifice Vicario di Giefu[1181] Christo in terra, Padre, capo,[1182] & pastore de tutti i Christiani, & di tutta la militante Chiefa[1183] gouernatore[1184], cofi tutti gli altri ecclefiastici[1185], quali[1186] viueno fecondo l’ordine della fanta Romana Chiefa, & fono humilmente fubietti al fopra detto[1187] Papa[1188], tanto loro quanto nostro padre & Signore.
¶[Et][1189] como el predicto nostro Padre nel medefimo[1190] testamento cinfegna:tutti li predicatori che ci ministrano le fanctiffime parole diuine: douemo honorař& uenerare come quelli che ci ministrano el fpirito& la uita. Et fi[1191] come il [fopradetto padre nostro][1192] in fuo testamento ci infegna, tutti li predicatori, i dottori[1193], che ci amministrano il spirito & la uita[1194], dobbiamo fempre[1195] honorare[1196],
[Et accio che effi ƥdicando ad altri non diuétino repobi:laffino qualche uolta la frequentia de populi][1197]:& col dulciffimo[1198] faluatore afcendino[1199] nel monte de la [1200]oratione& contéplatione[1201]& li fi sforzino infiammarfi come feraphym del diuino amore: accio che effendo loro ben caldi poffino scaldare li altri. e per prouedere che predicando efsi ad altri non diuentino reprobi lafciaranno alcuna uolta la frequentia de popoli, & col benignifsimo Saluatore afcenderanno al[1202] monte della foblime[1203] oratione, & contemplatione: dando opera di accenderfi a guifa di Seraphini del diuin’amore, in maniera, che effendo loro bécaldi poffano rifcaldare gli altri.
[Et como gia‐e‐dicto portino feco molti libri accio che piu affiduamente legere poffino nel excellentiffimo libro dela croce.][1204] Et perche fempre fu intentione del nostro dolce padre:che li neceffari libri de frati fi haueffino in comune& non in particulare per meglio obferuare la pouerta& remouere (dal core)[1205] de frati ogni affecto& particularita:fi ordina che in ogni nostro loco[1206] fia una piccola stantia[1207] ne le quale fe habia la scriptura facra& alchuni fancti[1208] doctori. ][1209] Ne come fi è detto sopra portino feco molti libri, in modo che piu ageuolmente, & fpeffo poffano studiare nel libro eccellentifsimo della illumináte Croce di Giefu Christo, vnde effendo fempre stata intentione del feraphico padre, che tutti i libri da noi fi hauefsino in cómune, et particulare, per meglio offeruare la pouerta, et tagliar dal cor nostro ogni affetto et particolarita fi ordina, che in ogni loco fia vna piccola stáza, nellaquale fi habbia la fcrittura facra, et alcuni fanti dottori & diuoti libri,
Ma li libri inutili[1210] de gentili li quali pin[1211] presto fanno lhuomo pagano che christiano: (como‐e‐dicto di fopra nel primo capitulo)[1212] non fe tenghino neli nostri lochi. Ma[1213] fe occorreffe che ce[1214] ne fuffe alchunio:fecundo la difpofitione de li padri uicarii Generale‐ o‐prouinciali fe dia‐a‐poueri.[1215] ma i libri difutili de gétili, che fanno l’huomo piu pagano che christiano, non fi tengano, ma fe ce ne fuffe, fecondo la difpofition de vicarij generali, o prouinciali, (fi diano alli patroni, ouero fi abbrufcino. )[1216]
Et perche a chi debe degnamente& col debito ordine‐ predicare: glie neceffaria oltra la religiofa& approbata uita etiam qualche noticia[1217] de le fcripture facre[1218]:la quale naturalmente hauere nó non fi po fe non mediante[1219] qualche fcientia di studio litterale&[1220] accio[1221] che un tanto nobile& fructuoso exercitio quanto‐e[1222]‐el predicare (ne la congregatione nostra)[1223] in grandiffimo difpendio de le pouere anime de feculari: non uenghi meno. Et perche a chi debbe degnamente, & col debito ordine predicare, gli è neceffario oltra la religiofa & approbata vita, qualche intelligenza delle facre lettere, laquale naturalmente hauere non fi puo fe nó ƥ mezo di qualche studio litterale, per fare che vn tanto nobile fruttuofo effercitio del predicare, in noi non venga meno, (in graue danno)[1224] delle anime. [1225]
Si ordina che[1226] fiano alchuni deuoti[1227] studii& fancti:di charita& humilitate redundáti:tanto ne la gramatica pofitiua quanto ne le facre littere[1228]: (al qualle studio)[1229] poffino effere promosti[1230] [quelli frati][1231] li’ quali al iudicio del uicario prouinciale:& de li diffinitori ferranno di feruente charita‐di laudabil costumi‐humile& fanta conuersatione:& fecundario[1232] [fianno talmente apti ad imparare:che di poi[1233] có uita& doctrina poffino effere utili& fructiferi ne la cafa del fignore.[1234] Si ordina che fiano alcuni diuoti studij, & fanti di charita & humilita, redundanti, tanto nella grammatica pofitiua quanto nelle facre littere, alqual studio poffano effere promofsi quelli frati, che[1235] al giudicio del Vicario prouinciali & diffinitori faranno [di feruente charita di laudeuoli costumi, di humile & fanta conuerfatione, &][1236] fiano di forte[1237] atti ad imparare, che poi con vita & dottrina poffano effere utili et fruttiferi nella cafa del Signore.
Et non cerchino[1238] li studenti ad acquistare la inflatiua scientia[1239] ma la illuminatiua:& infiammante charita de christo[1240] la quale edifica[1241] lanima.[1242] Ne procurino i studenti di acquistare la gonfiatiua fcienza, ma la [illuminatiua et infiammatiua di charita,] laqual edifica,
Ne mai fe immergino[1243] tanto nel studio litterale: che per effo habiamo a ƥtermittere[1244] el studio facto de la [1245]oratione:perche fariano[1246] expreffamente contra lintentione del feraphyco[1247] padre el quale nó uoleua che mai[1248] per alchuno studio di littere fi laffaffe la [sancta oratione. ][1249] & non fi ƥfondino tanto nel studio litterale, che ƥ effo habbiano[1250] a lafciar il facro[1251] studio dell’oratione, perche fariano efpreffamente contra la intentione de padre nostro, qual nó uoleua che giamai per alcun studio di lettere fi lafciaffe la oratione fanta,
Ma per meglio potere[1252] hauere el fpirito di Christo[1253] fi sforzaranno tanto li lectori quanto li studenti a dar magiore opera[1254] al [fpirituale studio][1255] che al litterale:& cofi facendo tanto magiore profecto fi ritrouarano a far nel studio:quanto che piu daranno opera al fpirito che alla littera:perho che fenza el fpirito non fi acquifita el uero fenfo anzi[1256] la fimplice littera la quale exceca& occide [1257] anzi[1258] per meglio hauer il fpirito di Christo nostro Signore fi sforzaráno tanto i lettori quanto i studenti a piu attendere al studio fpirituale che litterale, ilche facendo tanto maggior profetto fi trouaranno fare, quanto che piu daranno opera al fpirito, che alla lettera,[1259] peroche fenza il fpirito non fi acquista il uero fenfo, anzi la femplice lettera acceca & occide.
Ma sforzaranfi infieme[1260] con la fancta pouerta di non mai laffare la uia regia che conduce al paradifo[1261] la fancta humilta: ricordádofi fpeffo dil dicto di Iacobone:che fcientia acquifitata da mortal ferita:fe non‐e‐uestita di core humiliato li fara[1262] anchora[1263] caufa di humiliarfe fe cognofceranfi hauere[1264] accresciuto noua obligatione con[1265] dio [ƥ effere stati promoffi al studio ‐& facti degni di effere introducti al la uera& fuaue intelligentia de le facrate littere fotto el fenfo de le quale sta nafcosto][1266] effo[1267] [:il cui fpirito fopra el melle‐e‐dolce a chi lo gusta.][1268] Si daranno adunque loco infieme con la fanta pouerta, di non mai lafciare la via regia che conduce al paradifo, cioe[1269] la fanta humilita, ricordandofi fpeffo di quel bel[1270] detto del beato Iacopone, che fcienza acquista da mortal ferita, fe non è uestita di cor humiliato, gli fara caggion[1271] di humilita fe conofceranno efferli accrefciuto nouo obligo[1272] con l’omnipotente Dio, per effere fatti degni del facrato studio, e per effer introditi all uerace & dolce intelligenza delle diuine fcritture, fotto lequali sta nafcosto quello, il fpirito del quale a chi lo gusta è dolce piu che mele.
[Et ogni uolta intraranno alla lectione:exhortiamo fi ricordino in fpirito humilitatis& in animo contrito leuare la méte loro‐a‐dio& dire. Domine iste uiliffimus feruus tuus& omni bono indignus uult ingredi ad uidendum thefauros tuos placeat tibi ut ipsum indigniffimum introducas :& des sibi in his uerbis& fancta lectione tantum te diligere quantum te cognofcere quia nolo te cognofcere nifi ut te diligam.dñe deus creator meus. Amen.][1273]  

Capitulo decimo

 
Si ordina che il padre uicario generale fe sforzi[1274] nel fuo triennio uifitar perfonalmente tutti li lochi& frati de la nostra cógregatione:& che li uicarii prouinciale fempre uadino uifitando li loro frattelli& tanto loro[1275] quanto li Guardiani non ceffino di charitariuamente exhortare li fubditi alla perfecta obferuantia de li diuini& euangelici precepti[1276] &configli& dela promeffa regula& de le prefente ordinatione& fpecialmente de la altiffima pouerta firmiffimo fundamento de tutta la regulare obferuantia. Quanto al decimo capitolo fi ordina che il padre Vicario generale, fi dia loco di vifitare nel fuo triennio perfonalmente tutte le prouincie della nostra congregatione,& tutti i lochi & frati [quanto a lui fara pofsibile][1277] [ con buon modo,&][1278] che i Vicarij prouinciali fi sforzino di vifitar tutti i lor [frati al meno due, o tre volte l’anno,][1279] &tanto loro quanto i guardiani non cefsino di charitatiuamente effortar i fudditi alla perfetta offeruanza de i diuini euágelici precetti & configlij della promeffa regola,& delle prefenti ordinationi,& fpecialmente dell’altiffima pouerta fermifsimo fondaméto di tutta la nostra[1280] regolar offeruanza,
Et con ogni humilta& charita corregano li delinquenti[1281] fempre mefcolando el uino de la feuera iusticia[1282] con lolio de la dolce mifericordia. & con ogni humilta & charita correggano i delinquenti fempre mefcolando il vino della feuera giustitia con l’olio della dolce mifericordia.
Et[1283] li frati fubditi con ogni humilita obedifcano a li loro ƥlati come de.s. Francefco imo de [christo dio nostro][1284] uicarii [la][1285] debita reuerentia& quádo farrano da loro reprefi& correcti fecúdi la laudabile confuetudine[1286] de li nostri antiqui [& humili padri& fratelli][1287] humilmente[1288] fe ingenochino [& patientemente][1289] fupportino ogni reprehenfione [& correctione][1290]:& non li rifpondano fuƥbamente: [ne per alchuno modo ardifcano al prelato maxime in capitulo o uero in refectorio:fe prima non haueranno domandato& obtenuta la licentia:& in cio contra facendo faciano auanti li frati la difciplina per spacio de uno miferere. ][1291] Ma i frati fudditi[1292] con ogni humilta, [& prontezza][1293] ubbidifcano a i lor prelati I[n ogni cofa nellaquale][1294] [fenza niuna dubitatione faranno certi non effer offefa di Dio,][1295] portando a loro[1296] come a vicarij legittimi[1297] del padre nostro fan Francefco, anzi[1298] di Giefu Christo [eminentifsimo Signor nostro,][1299] ogni[1300] debita riuerenza, & quando faranno da loro riprefi & corretti fecondo la laudeuole vfanza de nostri antichi padri humilmente fi inginocchiaranno fopportando amoreuolmente, [come buon figlioli][1301] ogni riprenfione, & non rifpondano fuperbamente,ne in modo alcuno a fuoi prelati [prefumino di rifpondere, quando faranno capitolati in refettorio fenza loro licenza fotto pena di fubito far vna difciplina in prefenza de i frati per vn miferere. ][1302]
Et tutti li frati có ogni studio [fi sforzino di emendarfi de li loro defecti:& con li frequentati acti uirtuofi acquistare le celestiale[1303] uirtu& cum[1304] le bone confuetudine uincere le catiue. ][1305] Ma tutti con ogni studio attenderanno ad emendar i fuoi diffetti, & con atti uertuofi frequentati distugger i vitij & acquistar le amabili uertu, & con le buone ufanze annichilare le male corrutele.
¶Et guardinfi li prelati di non il laqueare le anime de li loro fubditi con li obedientiali preceti[1306]:fe nó farano constretti da la diuina[1307] pieta o uero charitatiua neceffita. Dall’altra parte[1308] fi guardino i prelati di non allacciare[1309] le anime di fudditi con i commandamenti ubbidentiali fe non faranno astretti dalla pieta,& charitatiua necefcita.
Ité[1310] [fi ordina che li frati[1311] forestieri con ogni fraternale charita fiano receuuti li quali come ueri figlioli de lo eterno padre pieno uifitano la fua chiefia& facta alchuna reuerentia:& oratione fe reprefentino al prelato monstrandoli le odebientie loro][1312] [fenza le quale‐a‐nifciuno frate fia licito andare fora de li nostri lochi][1313]

& etiam[1314] li frati del medefimo loco quando uanno per alchuno fervitio: domandino prima[1315] la benedictione al fuo prelato:& [lo medefimo faciano quando ferano ritornati.][1316]

Si ordina parimente che i nostri fratelli forastieri ne i lochi nostri siano da tutti frati raccolti có fraterna charita, quali come ueri figlioi del padre celestiale prima vifitaranno la fanta Chiefa, & fatto dimostrando le ubbidienze loro, fenza lequali a neffun frate fia lecito andar fuora de i nostri lochi.

Et quando i frati del medefmo loco vanno per alcun negocio dimandino,[oltra la licenza,][1317] la benedittione al fuo prelato genuflefsi: & questo isteffo facciano quando ritornano a cafa,

¶Et accio che ogni cofa fe faccia con il merito de la fancta[1318] obedientia& [con la][1319] debita religiosita: nefciuno frate prefumma[1320] di pigliare refectione alchuna [tanto détro quanto fori de li nostri lochi fenza la licentia&[1321] benedictione del ƥlato][1322]‐o‐del piu antiquo padre‐o‐fratello.¶[Et tutti li frati[1323] fi sforzino di][1324] euitare[1325] li [fuperflui & uani][1326] difcorfi [:& nó fi curino di ádare ad altre chiefie per indulgentie hauendono molti fummi pontifici cóceffa maior copia ne le nostre.][1327] &[1328] accioche ogni cofa fi faccia col merito della faluteuole ubbidienza,&debita religiofita, niffun frate ardifca di pigliare refettione alcuna corporale[1329], tanto in cafa, quanto fuori fenza la benedittion del prelato, o del maggior[1330] padre, o fratello, che iui fara.[1331] Tutti pero fchiuino i fuperflui difcorfi, ne curino molto uagare per le indulgentie alle chiefe altrui hauendone copiofa concefsione nelle nostre.
[¶Item ordinamo:che neffuno frate fugitiuo de una prouincia fia acceptato in un altra fenza la licentia in fcriptis del padre uicario gñale& facendofi altraméte le fua receptióe fia nulla:& il recipiente fia grauaméte punito ad arbitrio di effo. P.V.G.][1332] ¶Et per euitare li poffibili inconueniéti fi ordina:che nefciuno frate [1333]giouene mandi‐o‐riceua littere fenza licentia del fuo ƥlato. Si ordina che niffun frate fugitiuo di vna prouincia fia riceuuto in vn’altra fenza licenza fcritta del padre vicario generale, che fe altrimente fi fara quella recettion fia nulla, & chi lo receuera fia dal padre Generale punito grauamente di tal difubbidiéza. Anchora per fchiuar ogni pofsibile inconueniente fi ordina,che niffun frate mandi o riceua lettere fenza del fuo prelato, et per la uerita
Et tutti li frati fempre debbeno defyderare de effere fubditi& obedire‐ad‐exéplo del fignor nřo Iefu christo& del nostro feraphyco padre:piu presto che effer prelati& ad altri cómandare. Ma quelli a li quali feranno per obedientia imposte le ƥlatione nó fiano pertinaci in refutarle:ma có ogni humilita& follicitudine adimpino el ministerio‐a‐se cómiffo. ogni frate debbe fommamente cercare & defidare d’effere foggetti & ubbidir ad effempio del manfuetifsimo Signor nostro Christo Giefu, & del nostro feraphico Padre, molto piu uolontieri, che di reggere, o cómandare, tutta uolta quelli a chi faranno imposte per la fanta ubbidienza le prelationi & cure di frati, non fieno pertinaci in refutarle, ma con ogni humilta deponeranno le fpalle al giogo di Christo, & con ogni zelo, & diligenza effequiranno il facro ministerio a loro commeffo,
Et [exhortiamo anchor tutti li frati che fecunda la admonitione del nostro pře nel decimo capitulo de la Rē[1334].fi guardino da ogni fuperbia& uana gloria inuidia& auaritia. cura& follicitudine de ɖsto][1335] feculo da ogni detractione& murmoratióe[1336] maxime[1337] de li ecclefiastici[1338] ƥlati del choro[1339] &de perfone religiofe[1340] :[fpecialméte de la nřa: religione][1341] ma portiamo reuerétia ad ogniuno secodo il grado[1342] fuo[1343] hauendo li tutti ƥ nři ƥři& maiori in christo Iesu nřo faluatore. pregando & effortando oltra di ciò i nostri frati fecondo l’ammonitione falutifera del padre nostro dato nel decimo capo della regola, a guardarfi da ogni fuperbia, uanagloria, inuidia, auaritia, cura & sollecitudine di questo mondo[1344], da ogni detrattione & mormoratione, mafsimamente de i prelati della chiefa, & del clero[1345], & de religiofi d’ogni forte. Ma protiamo riuerenza ad ogniuno fecondo il grado loro hauendoli tutti per nostri padri & maggiori in Christo Giefu nostro benignifsimo Saluatore.

Capitulo Vndecimo.

 
Perche fecúdo la sentétia de fante doctori maxime di s.Hieronymo la familiarita [ét de le sancte donne fi deue da li ferui de dio euitare][1346]:&con fancta cautella fugire[1347] Quanto all’undecimo capitolo, perche fecondo la fentenza di fanti dottori, & fpecialmente de prudente Gieronimo fanto la familiarita delle donne quantunche fpirituali & fante fi debbe fuggir dai ferui di Dio, & con fanta cautella fchiuare.
:perho[1348] da tutto el nostro capitulo gñale con grandiffima[1349] maturita confeglio& deliberatione fi fa ɖlla[1350] pñte costitutione[1351] [da effere][1352] per [tutta la nřa congregatione inuiolabilmente obferuata:che da li nostri frati per nefciuno modo ne fotto ɖlunɖƺ fpecie di bene:uirtu‐o‐fanctita:ne a ƥgheri de populi‐o‐de fignori:fe acceptino cure de monasterii][1353] ne ét[1354] de confraternita ne de alchuna cógregatione de hoi fiue de[1355] donne:ne fe li diano cófeffori& habiano alchuna cura di loro: credendo Per tanto da tutto il nostro capitolo generale có molta maturita, configlio & deliberatione fi fa il prefente decreto [da] [1356] tutta la nostra congregatione, per effer inuiolabilmente offeruata, che da nostri frati per niffun modo, ne fotto qualunche fpecie di bene, virtu, o fantita, ne a prieghi di populi, o di Signori fi accettino cure de monastieri, cófraternita,ne alcuna congregatione d’huomini, (o)[1357] donne, ne fe gli dieno confeffori, & habbiano alcuna cura di loro, credendo
piu presto in cio‐a‐[li uiuifici exépli di christo nostro faluatore&][1358] alle faluberrime doctrine de fancti:che a la ƥfuafióe humane. piu in ciò alle faluberrime dottrine di fanti, che alle perfuafioni humane.
¶Et ƥche alli ueri religiofi& ferui di christo fe apertiene fugire non folo li euidenti mali & peccati:ma etiam ogni cofa che poffi ƥtendere alchuna fpecie di male:pero uolemo: che li frati non uadino a ɖl fi uoglia Monasterio o ad altre cafe ne le ɖle stiano dóno[1359] religiofe in cógregatióe fenza licétia del uicario ƥuinciale el ɖle in ɖsto fia uigiláte& molto bene aduertifca:che facilméte:nó cóceda tal licétia fe nó a fratri ƥbati& in cafo di neffita o uero di gráde pieta [perche diceua el nostro ƥře.s. Francefco che dio ci haueua tolte le moglie:& il demonio ci haueua procurato le monache:][1360] Et perche a ueri ferui di Christo fi appertiene fuggire nó folo i mali euidenti, & peccati efprefsi, man anchora[1361] ogni cofa che poffa pretendere alcuna specie di male. Pero fi ordina che frati[1362] non uaddino a qual fi uoglia monasterio, o ad altre cafe doue stieno dóne religiofe in congregatione, fenza licenza del lor Vicario prouinciale. Ilquale in questo fia vigilante, & molto bene auuertifca, che facilmente non dia tal licenza fe non a frati probati [& maturi: &][1363] (questo)[1364] in cafo di necefsita, ouero di grá pieta.
¶[Et acio effendo múdi de core uediamo dio có lochio de la fyncera fede[1365] & [a le cofe celestiale][1366] fiamo facti piu apti nó habiano li frati alchuni fufpetti cófortii[1367] có dóne ne fuƥflua[1368] cóuerfatióe ƥlixi[1369] & non neceffari parlaméte có loro:][1370] Ma affine che effendo noi mundi di core pofsiamo ueder Iddio luce infinita con l’occhio della fincera méte,&a tale che fi rendiamo piu ageuoli& atti alle influenze diuine nó habbiano i frati alcuni fofpettofi cómercij con dóne, ne có loro troppa conuerfatione, ne con quelle fenza necefsita longhi parlamenti.
[Et effendo][1371] constrete[1372] da neceffita a parlarli per dar bono exemplo al mundo:fempre stiano in loco palefe: che dal compagno fiano ueduti:acio[1373] fiano a Iefu christo bono odore in ogni loco cóuerfando có purita difcretióe& honesta ricordandofi [1374] di quel [memorabile exemplo il quale fi lege ne le nostre coroniche][1375] di quel fanto frate:il quale brufando un poco di paglia diffe:quel guadagno che fa la paglia col foco: quel tanto fa il religiofo feruo de Dio con le Donne.[1376] Et quando fiano da necefsita ragioneuole[1377] constretti a parlar con donne, per dar buon effempio ad ogniuno, [& per lor maggior ficurezza,][1378] stieno in loco palefe fi che dal cópagno fiano ueduti, a tale che fiano di Christo [nostro Signore][1379] buon odore in ogni loco cóuerfando con purita, difcretione, & honestà, ramentádofi quello memorádo effempio di quel santo frate, il quale abbrafciando[1380] vn poco di paglia diffe, quel guadagno che fa la paglia col fuoco, quel tanto fa il religiofo feruo di Dio con le donne,
De fanto Ludouico Epifcopo nostro frate dice Papa Io.20[1381]ne la fua canonizatione che lo amore de la castita infin da la fua pueritia talmente li era radicato nel core che per la fidel custodia di effa[1382] fugiua per qualunɖ[1383] modo li confortii[1384] de le Donne intanto che [de niuno tempo][1385] mai folo con fola parlaua fe nó forfe con la matre& [le][1386] forelle:imperho che lui haueua cognofciuto la donna [effer][1387] piu amara che la morte.Et[1388] fanto Bernardo dice:che fóno due cofe che uituperano[1389] & confundeno[1390] li Frati:familiarita de le donne:& la fpecialita de cibi. di.s.Luoduico nostro dice papa Giouáne.xx.che l’amore della castita fin da fanciulezza[1391] talmente gli era radicata nel core, che per le fidele custodia di quella fuggiua per ogni modo le cópagnie delle donne, in tanto che mai folo có fola parlaua, fe non forfi con la madre, & sorelle, pero ch’egli[1392] haueua conofciuta la donna piu amara che la morte.s.Bernardo dice, che due cofe deturpano il frate, familiarita di[1393] donne,& cibi fpeciali,
Item non uolemo: che in nostri lochi intreno donne fenza gran necefcita o per eccefsiua deuotione quando fenza fcandalo non fe li poteffe negare:& intrando habiano honesta compagnia de homini& di donne. Ma auanti fi admettino: habiafi prima el confenfo de li Frati de quel loco:Et fiano deputati doi maturi& sáti Frati ad accompagnarli parlando fempre di cofe edificatorie in Christo Signore nostro‐& de la falute de lanima con ogni honesta religiofita& optimo exemplo:& non folo con le donne [ma etiam][1394] con li homini feculari la nostra conuerfatione fia rara‐perche la troppa familiarita loro [a noi nociua.][1395] ne i nostri lochi non intrino donne fenza gran necefsita, et intrando fe gli dia honesta cópagnia, habbiano con loro huomini, et donne da bene, et inanzi che entrino fi habbia il cófenfo de i frati dei quel loco, & farannoli deputati duoi maturi e diuoti frati ad accópanarle, parlandoli fempre della falute dell’anima, & cofe fante, con molta religiofità, & buon effempio, tal che dóne, & con huomini fecolari, la nostra conuerfation fia rara & difcreta[1396], perche la troppo & indifcreta[1397] è molto perniciofa.

Capitulo Duodecimo

 
Accio che la purita de la Regula con il debito ordine de le cofe diuine meglio fe obferui infieme con laltifsima pouerta ordinamo che ne li nostri lochi non stieno meno de fei Frati [ne piu de dudeci][1398] [li quali nel nome del dolce Iefu cógregati][1399] fia[1400] [in loro][1401] [un core& una anima fempre sforzandofi de tendere ad maggiore perfettione.& accio fiano di effo[1402] Christo ueri difcipuli cordialmente fe amino fupportando li difetti luno de laltro fempre exercitandofi nel diuino amore& fraternal charita sforzandofi fempre di dar optimo exemplo luno a laltro&[1403] ad ogni perfona etiá[1404] facendo continue[1405] uiolentia (a le)[1406] proprie pafsione& inclinationi uitiofe: perche come dice il nostro Saluatoř il regno del Celo pate uiolentia& li uiolenti cioe quelli che fanno forza& uiolentia (cioe) [1407] a fe stefsi lo rapifcono.][1408] Quanto al duodecimo capitolo, accioche la purita della regola col debito ordine delle cofe diuine meglio fi coferui et infieme l’altifsima pouerta ordiniamo, che ne i lochi nostri poffendofi fare, nó stieno meno di fei frati, ne piu di duodeci, ne iquali raccolti nel nome di Dio fia fempre vn’anima et vn core, follicitando tuttauia di caminare a maggior perfettione, & per dimostrare fe stefsi effere di Christo ueri difcipuli cordialmente fi amino fupportando i diffetti l’un dell’altro, di continuo effercitádofi nel diuin amore, & fraterna[1409] charita, con dare l’un all’altro in ogni tempo buon effempio,et edificatione al fecolo. Medifimamente facendo violentia alle proprie pafsioni vitiofe, non fcordandofi, che come dice il buon Maestro: Il regno de i cieli pate forza, & quelli che a fe stefsi fanno valorofa violenza lo rapifcono.
¶(Item)[1410] [fe ordina che ne le nostre Chiefie fia folo una piccola campana de cento e cinquanta libre (piccole)[1411] o circa:& ne li nostri lochi non fia altra Sacristia che uno armario o uero caffa con una bona chiaue:quale fempre porti fecon un Frate profeffo:nel quale armario o caffa fe reponino le cofe neceffarie al culto diuino.][1412] Et fe habiano[1413] doi (piccoli)[1414] Calici (uno di Stagno& latro)[1415] con la (fola)[1416] coppa de argento:[& no fe habbia piu de tre poueri paramenti fenza oro‐argento‐uelluto‐o feta:o altra preciofita ouero curiofita:ma con grande mundicia. Nelle chiefe nostre folaméte fia vna cápana di cento libre piccole, o circa. Ne i lochi nostri altra facristia nó fi habbia ch’un armario, ouero vna caffa con vna buona chiaue, laquale porti feco fempre vn frate ƥfeffo, nel quale armario, o caffa, fi ripongano[1417] le cofe neceffarie al culto di Dio, & fi habbiano cómunemente[1418] duoi piccoli calici al piu[1419] con la coppa d’argento:ne fi habbiano piu di tre poueri paramenti con le fimbrie, fenza oro, argento, o feta,o altra pretiofita, o curiofita, ma con molto munditia, mafsimamente i corporali & purificatoij fiano & fottilifsimi, et candidifsimi.
li palli de li Altari fiano de panno non preciofo.li candellieri de legno.&][1420] li nostri Miffali& Breuiarii (ac etiam)[1421] tutti li altri[1422] libri fiano poueramente ligati& fenza fignaculi curiofi:[accio che in tutte le cofe che fono ad nostro pouero ufo refplenda laltifsima pouerta& ce accenda a la preciofita de le riccheze celeste doue e ogni nostro theforo delicie& gloria.][1423] I pallij de gli altari fiano di panno non pretiofo, i candelieri di legno, i nostri mefIali & breuiarij con tutti gli altri libri, siano poueramente legati fenza fignacoli curiofi, talmente che in tutte le cofe, che fono a nostro vfo rifpléda la fimplicifsima nostra pouerta, laquale ci accéda alla pretiofità delle celestiali ricchezze, nelle quali habbiamo riposto ogni nostro theforo, delitie, et gloria.
[Et[1424] perche e cofa impofsibile ordinare la lege& statuti per tutti li cafi particularli (li quali)[1425] potriano accadere non effendo de quelli alcuno numero determinato. Exhortamo ne la charita de Christo tutti li nostri fratelli:che in ogni loro operatione habino deuanti a gliocchi il facro Euangelio:la Regula a Dio promessa:le sante&laudabile confuetu dine& li sacri exempli de li fanti drizando ogni loro penfiero parole& operatione ad honor& gloria de Dio& falute del proximo:&lo fpirito fanto in ogni cofa li amaestrara.][1426] Ma ƥche è impofsibile ordinare legge & statuti ƥ ogni cafo particolare, qual potria occorrere,non effendo di loro determinato numero. Per tanto effortiamo nella charita di Giefu Christo tutti i nostri frati, che in ogni lor operatione habbano inanzi a gli occhi il facro euágelio, la regola a Dio promeffa, le fante & laudeuoli ufanze, & gli effempi di fanti drizzando ogni loro penfiero, parola, & opera, a honore & gloria di Dio, & falute del profsimo, & cofi il fpirito fanto in ogni cofa gli ammaestrara.
[Per la uniformita de le cerimonie tanto in choro quanto in ogni altro loco fe lega la dottrina de fanto Bonauentura& le ordinatione de li nostri antiqui patri& per meglio conofcere (in ogni cofa)[1427] la mente del nostro Seraphico patre fe legino li foi fioretti le conformita& li altri libri] [1428]che de lui parlano. Per la uniformita delle ceremonie tanto in choro, quanto in ogni altro loco fi legga la dottrina di.s.Bonauétura, ouero le ordinationi de nostri antichi padri. Et ƥ meglio cognofcere in ogni cofa la méte del nostro feraphico padre fi leggano i fuoi fioretti, le cóformita & altri libri, che di lui parlano,
[Et[1429] perche le cóuerfione de li infideli fu molto al core al nostro Seraphico patre&per questo a gloria de Dio& ad falute loro fecódo la Regola fe ordina che fe alcuni Frati perfetti infiammati del amore de Christo benedetto& del Zelo de la fua catholica fede uorranno per diuina infpiratione andare a predicarla][1430] tra (loro)[1431] ricorrino da li loro (Vicarii)[1432] ƥuinciale o dal.[1433]P.(Vicario)[1434] [generale da li quali effendo iudicati idonei uadino con loro licentia& benedittione a tale ardua imprefa:ma nó uoglino li fubditi prefumptuofamente iudicarfe idonei a fi difficile&periculofo negotio: ma con ogni timore& humilita remettano tal loro defiderio al][1435] iudicio[1436] de loro prelati:Si potra (anchora)[1437] fare differentia tra infideli afai manfueti (ductibili)[1438] [& difposti a receuere facilmente la xƥiana fede come fóno ɖlli nouaméte ritrouati da Spagnoli o portugalefi ne le Indie:& tra li Turchi& Agareni quali folaméte con arme e inflittione de tormenti fostenneno& defendeno la lor][1439] maledetta[1440] fecta. oltre a ciò ƥche la conuerfione de infideli fu molto a lui in core. Pero a gloria di Dio & a loro falute fecódo la regola, fi ordina che fe alcuni frati ƥfetti & infiámati dell’amore di Giefu Christo, & del zelo della fua catholica fede uoranno ƥ diuina infpiratione andare ne i fuoi paefi a predicarla, ricorrano da i lor vicarij ƥuinciali, o dal padre Vicario generale da iquali efsédo giudicati fufficiéti a tal imprefa uaddino con loro ubbidienza & benedittione, non pero debbono tali frati ƥfontuofamente riputarfi basteuoli, et idonei a táto difficile & pericolofo negocio, ma con ogni timore & humilta rimettan il defiderio loro a prelati, fi potra bene far differéza fra infideli affai manfueti & duttibili alla fede, come i nouamente ritrouati da Spagnoli, o Portogallefi nelle Indie, & altri Turchi & Agareni, che có armi & tormenti diffendono la lor erronea[1441] fetta,
Nó stimino li prelati:la paucita de Frati [: ne doglianfi:per la partita de boni:][1442] ma gettádo[1443] ogni loro follicitudine[1444] & (affanno)[1445] in ɖllo el quale ha continua cura di noi: in tutte le case faciano fecódo[1446] ditta el fpirito de Dio:& [có la charita che niuna cofa fa male:&difponghino il tutto.][1447] [vnde anche][1448] non stimino i prelati nostri la rarita de frati, ouero la partita de boni: Ma gettando ogni lor péfiero in colui, che di noi ha inceffante cura facciano in tutto quáto gli infegna il Spirito fanto
Et accio che la fanta fpofa de xƥo.S.nostro& dal nostro patre diletta pouerta rimanghi fempre in noi:][1449] & la preggiata nostra madre pouerta fempre in noi viua integramente
[guardinfi li Frati che in le cofe pertinéte al diuino culto:ne in li edifici nostrine in le maffaritie quale ufamo: niuna curiofita fi troui ne fuperfluita o preciofita:fapendo che Dio uole] [1450] (piu presto da noi la obediétia nostra ƥmeffa in la fanta pouertate che li facrifici.)[1451] Et come dice Cleméte[1452] in la declaratione:[piu fe diletta del core mundo& de le fante operatione che de le cofe ƥciofe& piu ornate.][1453] guardiamofi, che nelle cofe pertinenti al culto di Dio nelli edificij, & maffaritie che ufiamo, niffuna curiofita fi ritroui, ne fuperfluita, ne preciofita, fapédo che Iddio piu vuloe da noi la pura ubbidiéza nell’offeruargli la ƥmeffa pouerta, che niuno facrificio, anzi come dice papa Cleméte nella fua dichiaratione piu fi diletta del cor módo, & piu aggradifce la fanta nostra vita, che le pretiofe cofe esteriori.
[Nódimeno in la nostra pouerta debbe refplendere ogni mundicia.][1454] Tutta uolta pero che nella pouerta fia la nettezza.
¶[Et perche il Saluator nostro primo comincio (a fare)[1455]& (dapoi)[1456] ad infegnar ad altri:cofi tutti li nostri ƥlati fiano li primi ab obferuare le ƥñte constitutione& poi con ogni fanto& efficace ardire sforzino tutti li fubditi ad inuiolabilmente obferuare‐ & fe forfi alcune cofe pareffeno in principio alquáto difficile. la fanta confuetudine le fara facillime ac deletteuole. Sapendo adunche che il pietofo nostro Saluatore primieramente operò & poi uolfe infegnare. Parimente i nostri prelati fiano i primi ad offeruare le prefenti costitutioni, & poi con fanto & efficace ardire inducano i fudditi loro ad inuilabilente offeruarle, che fi alcune di loro nel principio perefsino dure, o faticofe, la fanta cófuetudine le fara tutta via foaui & ageuoli.
¶]Et accio che meglio ne le méte de Frati fe imprimano& (le)[1457] obferuino tutti li Guardiani le facciano legere a la méfa al meno][1458] (una uolta el mefe)[1459]. [Et benche nó intendiamo per ɖsta cóstitutione[1460] obligare li frati a ƥctó alcuno[1461].niente dimeno uolemo& ordinamo che li tranfgreffori de ɖste fiano grauaméte puniti:& fe li Guardiani feráno negligéti ad obferuare& ad punire li delinquéti:fiano piu grauamente puniti][1462] loro[1463] da li.P. Vica.ƥuinciale[1464]& loro dal.P. Vica.gñale.[1465] Volendi anchora che nelle menti de frati le fiano ípreffe, i guardiani le faráno leggere alla mésa al meno [ogni duoi mefi vna uolta][1466], & quátunche non intendiamo per queste ordinationi obligare i frati a peccato alcuno Nondimeno uogliamo & ordiniamo, che i trágreffori di quelle fiano graueméte puniti, et fe i guardiani faranno negligente ad offeruarle[1467], (& farle offeruare)[1468], & a punir i delinquenti, fiano piu grauamente puniti loro da i padri vicarij prouinciali, & questi[1469] dal padre Vicario generale.
¶Et perche le ƥñte cóstitutione fono state cóposte con grádifsima diligentia& matura deliberatione:& approbate[1470] da tutto il nřo gñale capitulo& etiá da la apl’ica fede:nó fi mutino fenza il cófenfo del capitulo gñale. Ancora ƥche le prefenti cóstitutioni fon state composte con grandifsima diligenza, & matura deliberatione, & di nouo có non minor diligenza reuiste & corrette col confenfo di tutto il capito lo generale in Roma cógregato, nó fi mutino fenza il confenfo del capitolo generale.
¶Et[1471] fimilméte exhortamo tutti li nostri Patri& fratelli ƥñte& futuri che nó mutino etiá[1472] ne li capituli gñale le ƥñte cóstitione:perche como hauemo ueduto per experiétia:gráde detriméto ha dato a la Religione táte mutatione de constitutione & non fi faccino cóstitutione ƥuinciale‐ma accadédo altri cafi particulari fi ƥueda& ordini ne le tauole de li capituli gñali:& fi lafsino ferme ɖste fecɗ’o le quale habbia a uiuere& effere regulata có fanta uniformita tutta la nostra cógregatione. [Similmente effortiamo tutti i nostri padri & fratelli prefenti & futuri, che non mutino etiádio ne i capitoli generali le prefenti constitutioni, ƥche fi come habbiamo ueduto per proua, gran detrimento ha dato ala religione tanta mutatione d’ordinationi, e nó fi facciano constitutioni prouinciali, ma occurrendo altri cafi particolari fi prouegga[1473] et ordini nelle tauole dei capitoli generali, & fi lafcino ferme queste fec ondo lequali habbia a viuere, & effer regolata con fanta vniformita tutta la nostra cógregatione.][1474]
Et[1475] perche el nřo feraphico ƥře effendo in lo[1476] articulo de la morte laffo la larga benedittione de la fantifsima Trinita a li Zealtori[1477] & ueri obferuatori del la Regula [& li aggiúfe etiá la paterna fua benedittione][1478] :perho intédiamo[1479] diligétemente :& con effetto& amore obferuiamo la perfettione a noi móstrata& infegnata in effa Regula& ordine nostro laffando da canto ogni negligentia. Oltre a ciò [ƥche il nostro feraphico padre effendo in articolo di morte lafciò larga benedittione della fantifsima Trinita a i zelatori & ueri offeruatori della regola, & vi aggionfe ancho la fua paterna benedittione. Pero intédiamo[1480] diligenteméte, & con (effetto &amore)[1481] offeruiamo la ƥfettione a noi mostrata et infegnata in effa regola & ordine nostro, lafciando da canto ogni negligenza,][1482]
¶[Et perche el feruire[1483] nó con altra intétione che per fugire la pena apertene folaméte[1484] a li fpiriti feruili& mercenarii.Ma operare per amore de dio& per far cofa grata a la fua maiesta& per diuina (gratia) [1485] &gloria& ƥ dare di fe bono exéplo al cƥximo‐ & per molte[1486] fimile caufe[1487]:ɖsto fpetta al li foli ueri figlioli de Dio:perho guardinfi fummaméte li frati di trágredire le pñte cóstitutione come nó obligatorie ad alchuna colpa.][1488] & perche il feruire a Dio non con altra intentione, che per fuggir la pena appartiene a i fpiriti feruili & mercenarij, ma operare per amor di Dio, & per far cofa a lui grata, ƥ gloria sua, & falute de i profsimi, & per fimil caggioni questo è proprio de ueri & legittimi figli dell’eterno padre, per tanto fi guardino fommaméte i frati da ogni trágrefsione, benche non fieno obligatorie a peccato,
[Ma cognofcendo de chi[1489] fiamo[1490] fpirito:obferuino inuiolabilméte le lege (fantione)[1491] &statuti de la Religione anzi conofcédo di che fpirito fiamo, (cioe libero & generoso)[1492], le offeruino inuiolabilmente,
:accio che fe aggiúga gratia al capo loro:e meritino mediante ɖsti obfequii[1493] la diuina clemétia:& fiano cóformi al figliolo de Dio:el quale nó effendo obligato a le lege da fe fatte:ha perho uoluto ƥ la falute dogniuno obferuarle. Mantéghino adonɖƷ el fublime stato de la Religione :& fiano caufa de molti beni ne li ƥximi.][1494] tal che fi aggióga noua[1495] gratia al capo loro, e fiano medianti questi offequij[1496] meriteuoli della diuina cleménza, rédendofi coformi all’unico[1497] figliol di Dio, ilquale nó effendo alle leggi fue obbligato, uolfe pero per noi offeruale, fi che máteniamo [a tutto nostro potere][1498] questo bel stato di [nostra][1499] religione, di forte che fiamo caggione de molti beni ne gli altri.
[A li boni[1500] certaméte feruitori appartiene nó folaméte di adimplere ɖlle cofe che li comandano li loro (patroni ouer fignori)[1501] minacciádoli: ma etiam[1502] di uolere piacerli in molte[1503] cofe.¶Exequédo adóche ɖste cofe drizamo gliocchi nři ad nostro redéptore:accio che hauédo cognofciuto el fuo (diuino)[1504] bñplacito fi sforziamo di piacerli:nó folamente non fprezáedo le ƥñte cóstitutióe (perho che il contépto feria graue peccato[1505]) ma per amore fuo etiá[1506] (nó ufar alcuna)[1507] negligétia in obferuarle le quale (cóstitutione)[1508] obferuádole ne adiuteráno ad adimplire non folo la integra[1509] obferuátia del la ƥmeffa regula ma etiá[1510] la diuina lege& euágelici cófigli.][1511] Certaméte i buoni & amáti ferui non folaméte adempiono quanto non minaccie gli è cómandato, ma fi danno loco in ogni cofa pofsibile a fuo patroni réderfi cari & accetti. Per laqual cofa strenuamente effequédo quanto a noi è imposto leuiamo gli occhi al nostro redentore, tale che conofcédo il fuo beneplacito fi forziamo di piacergli, non folamente nó difpreggrando queste ordinationi, il difpreggio dellequali faria graue peccato, ma per amor suo adoperiamo qualúche nostra follecitudine í metterle ad effetto, Perche fenza dubio ci daranno aiuto per adimpire non folaméte la pura regola, ma con quella ogni diuina legge, & euangelici cófigli,
Et[1512] [la gřa de Dio per Iefu xƥo da li perculi ce liberara. In le fatiche anchora abúdara ƥ Iefu xƥo la cófolatióe nřa.Et ogni cofa potremo in ɖllo che ne cóforta cioe xƥo óipotente:& in (tutte le cofe)[1513] ne dara intelletto][1514] (ɖllo el quale)[1515] e (uirtu de dio& sapiétia e‐feruatore:el quale)[1516] da ad ogniuno abúdantemente& nó imƥpera:(Sumministrare ét)[1517] le forze [1518]ɖllo:el quale[1519] e uirtu e uerbo che porta ogni cofa] [1520]recordianofi [padri& fratelli chariffimi fpeffe uolte di Poi la diuina gratia per Giefu Christo mediatore nostra da ogni pericolo ci liberara, & in le nostre fatiche abondara le confolationi, fi che ogni cofa potrémo in quello che ci fara fortezza, et in ogni dubbio ci dara uero intelletto effendo egli folo virtu infinita, fapienza incóprenfibile, & Saluator perfetto, che a qualunche lo chiede con uerita fi dona copiofamente. P ámentiamofi di
quel facro& memorabile thema fopral quale fece el nostro feraphyco padre una folemniffima ƥdica][1521] ha piu de.5.milia frati gran cofe hauemo promiffo a dio [ma maiore cofe Dio ha ƥmeffo a noi: Seruemo adonche ɖste che hauemo ƥmiffo:& con ardente defyderio fufpiriamo di peruenire a quelli beni che fonno stati promeffi‐a‐noi li piacceri di questo mundo fonno breui ma la pena infermal[1522] che fe acɖsta][1523] per (fequitar delicie)[1524]‐e‐ƥpetua la paffione che fostenemo per amore di christo& la pñtia che facemo ƥ effo durara pocho:ma[1525] la gloria che ƥ ɖsto ne fara data da dio fara infinita.][1526] quel facro & memorádo thema fopra il quale fece il nostro feraphico padre vna feruente predica in [quella gráde moltitudine de buoni[1527] frati][1528] dicendo.[1529] Gran cofe (ò fratelli noi)[1530] habbiamo a Dio ƥmeffe, ma molto maggiore fono da lui promeffe a noi. Hora non manchiamo di quanto habbiamo a Dio promeffo realmente, & poi con molto defiderio fofpiriamo di peruenir a quelli eterni beni a noi promifsi. Siamo certi che i piaceri del mondo fono breuifsimi, ma la pena che peccádo fe ne acquista è fenza fine. Questa dolce penitenza che per Dio facciamo poco tépo ha da durare, ma la gloria che ne fara refarcita è infinita & immenfa.
[Molti fonno chiamati al regno di uita eterna:ma pochi fon li electi:perche pochiffime perfone feɖtano christo in uerita di core:Ma][1531] a lultimo [dio dara ad ogniuno la retributione][1532] (fecúdo le loro)[1533] opere tanto a boni quanto a tristi o la gloria o la (gehenna.)[1534] Molto fono chiamati al beato regno, & pochi fono gli eletti, poche rarifsimi fono quelli che feguitano Giefu Christo in uerita di core. Alla fine per Iddio a tutti dara il guidardone fecódo le opere loro, táto a buoni quanto a reı,[1535] o la gloria, o la géna.
¶[Queste cofe che hauemo ƥmiffo benche fiano grande: nondimeo fono niente in cóparitione di ɖlla retributione eterna che dio ne uole dare fe faremo fideli obferuatori. faciamo adoncha uirilméte:&diffidiamo de le forze pero che ɖllo optimo[1536] padre che ci creo:& ne ha dato ad obferuare la euágelica perfectione:el quale cognofce el][1537] (figmento nostro)[1538]:nó folaméte ci (dara le forze)[1539] [col fuo aiuto:ma áchora ne dara li fuoi done celestiali in táta copia& abúdátia][1540] Queste cofe da noi promeffe benche parrano grádi, nondimeno fon nulla comparato a quelle eterna retributione, laquale aurémo[1541] fe farémo fideli offeruatori, facciamola adunche virilmente non diffidandofi delle forze, perche l’ottimo padre supremo fuperno che ci ha creati, & ha ci data per offeruare la euangelica ƥfettione, qual chiaramente conofce la [nostra natural fragilita,][1542] non folamente ci dara uirtu di operare, ma oltre a ciò piouera i fuoi doni in tanta copia,
[:che superati tutti limpediméti nó fol potremo obedire el fuo dolciffimo[1543] figliolo:ma ét fequitarlo e imitarlo có grandiffima allegrezza e fimplicita di core defprezando perfectaméte ɖste cofe uifibile e temporale :& anhelando[1544] fempre a quelle cho fonno celeste& eterne.][1545] che fuperato ogni impedimento non folamente potrémo ubbidir al fuo dolcifsimo figliolo, ma di piu anchora feguitarlo & imitarlo fe noi uorrémo con grandifsima allegrezza & semplicita di core,
[¶In christo adonɖƷ el quale e dio & homo luce uera:fplendor di gloria e candore de la eterna luce:fpechio fenza macula:& imagine de dio:el quale e constituito dal eterno padre iudice e legislatore e falute de li homini al quale el[1546] spirito fancto ha dato testimonianza:cofi como in lui fonno li nostri meriti:exempli de uiuere adiutorii[1547] fauori e[1548] ƥmii: cofi anchora in effo (fi la nostra)[1549] meditatione e imitatione:nel quale tutte le cofe fonno dolce facile [1550]legiero fuaue: docte fancte e perfecto:el quale e lume& expectatione de le gente fine de la lege:falutare de dio:patre del futuro feculo: fperanza finalmente nostra:facto a noi da dio sapientia& iustitia fanctificatione& redéptione: el quale con el padre & spirito sancto coeterno: confubstantiale :coequale& uno dio uiue e regna:al quale fia fempiterna laude honor maiesta e gloria ne feculi di feculi.] [1551] il quale

fia benedetto in eterno.

Amen. Amen.

    Endnotes:
  1. δ: (Fontispiece): Nel none del N.S. Iesu Christo incominciano le constitutioni de’ Frati minori cappuccini di San Francesco corrette, et riformate. Con privilegio. In Vinegia, appresso Gabriel Giolito de’ Ferrari mdlxxvii. (Followed by six pages: Tavola delle cose contenute nella presente opera.)
  2. δ
  3. δ
  4. δ: di essa Regola
  5. δ, to which δ adds: Ma perche nel Sacro Concilio Tridentino, & dal Sommo Pontefice, si sono fatti alcuni Decreti, i quali era necessario inserire in queste nostre Ordinationi, è parso al Reverendo Padre General, & a’ Padri Diffinitori, insieme con il consenso di tutto il Capitolo, celebrato in Roma, L’Anno mdlxxv. far di nuovo ristampare i medesimi statuti, con quelle aggionte, che i predetti Decreti del Concilio, & del Sommo Pontefice ricercavano, li quali statuti sono questi.
  6. δ omits
  7. δ
  8. δ omits
  9. δ
  10. δ:Conciosia, che
  11. δ
  12. δ
  13. δ: predicata
  14. δ
  15. δ: di piu
  16. δ
  17. δ follows β
  18. δ: santo
  19. δ
  20. δ: Evangelio sacro
  21. δ: si come egli
  22. δ omits
  23. δ: Salvator Nostro Giesu Christo
  24. βδ omit
  25. δ follows α in preference to β, but for the noted differences
  26. βδ omit
  27. δ
  28. δ omits
  29. δ
  30. δ
  31. δ
  32. δ
  33. δ
  34. δ
  35. δ
  36. δ, which inverts the last two words to: sacro Evangelio
  37. βδ omit, δ:puro
  38. δ
  39. δ: divoto libro
  40. δ: acciò non solo il corpo, ma molto piu lo spirito si pasca, & si ecciti à seguir Christo crocifisso. This passage has been relocated from Chapter Three in the earlier editions of the Constitutions.
  41. i.e. sesta feria
  42. δ inserts: la lettione dell’Evangelio
  43. δ, then inserts here: mentre si mangia
  44. δ omits
  45. δ
  46. δ: ma ancora
  47. δ
  48. δ: à lettera
  49. δ: chiosa
  50. δ
  51. δ
  52. βδ omit
  53. δ inserts instead: hora di nuovo, & per sempre nell’avenire, rinuntiamo tutti i privilegi e
  54. δ: chiose
  55. δ: che rilassano la Regola, & la tolgono dalla pura osservanza sua, & la ritirano dalla
  56. δ: pietosa
  57. δ
  58. δ
  59. δ, which then adds: , & specialmente di Nicolao Terzo, & Clemente Quinto
  60. δ
  61. δ: di esso nostro serafico Padre.
  62. δ inserts: Giesu
  63. δ: di nuovo
  64. δ
  65. δ
  66. δ: esso (after β) Beatissimo
  67. δ, though substituing lui for esso
  68. δ
  69. δ inserts: beata
  70. δ
  71. δ: chiosa
  72. δ
  73. δ adds Padre nostro
  74. δ
  75. δ inserts: piu
  76. δ
  77. δ
  78. δ omits
  79. δ
  80. δ
  81. δ
  82. δ
  83. δ:si essortano i Frati, che ciascuno
  84. δ inserts: buon
  85. δ: anzi
  86. δ: ma ancora, after β
  87. δ omits
  88. β: benedetti; δ: beati
  89. δ with minor variations
  90. δ
  91. δ
  92. δ
  93. δ inserts: santo
  94. δ: specialmente
  95. δ: singolarmente
  96. δ: Militante Chiesa, following β
  97. δ
  98. δ: a sua Divina Maestà
  99. δ inserts: vivo
  100. δ
  101. δ: che per noi si abbassò tanto, essendo Dio
  102. βδ omit
  103. δ inserts: nostro Signore
  104. δ
  105. βδ omit
  106. δ
  107. δ: ciascun
  108. δ inserts: si come fu voluntà del nostro Padre
  109. δ omits
  110. δ omits
  111. δ omits
  112. δ
  113. sic
  114. δ omits
  115. δ
  116. δ: anzi ad
  117. δ reads: la
  118. δ
  119. δ omits
  120. δ omits
  121. δ: Spirito
  122. δ
  123. β: prossimo al morire; δ: vicino a morte
  124. δ
  125. δ: si informino di
  126. δ inserts: Natura,
  127. δ
  128. δ
  129. In β, the prequisite conditions for admission to the fraternity are more developed (see bold paragraph in β). Though much the same content, the precautionary conditions in δare more specific, with some additional material, and a change of order. The nine numbered conditions listed in β appear in δ in the following sequence: 1,2,3,9,5,6,4,7. Condition 8 of CC1552 is omitted in δ.δ adds the following after qualità: prima che li ricevino, anchor che siano Religiosi di quale si voglia regola, & Professione, oltra le infrascritte condittioni, che debbono havere.Primo, che si Catholico, cioè che fermamente creda tutto quello, che crede, & tiene la Santa Romana Chiesa. Che sia sano di mente, & di corpo, & si comprenda che venga con buona intentione per servir à Dio. Che sia di buona fama, ma gli infami, come chi fosse stato convinto di heresia, ò di peccato nefando, chi fosse stato in berlina, ò frustrato publicamente, ò simili, non siano ricevuti: similmente chi havesse fatto delitto scandaloso, come fatto libello famoso, tradimento, ò simili, non sia ricevuto.Chi ha padre, madre, ò figliuli poveri, in modo, che senza lui non possono vivere, non sia ricevuto.Chi ha debiti, similmente non sia ricevuto, se prima non gli paga potendo, ò ne sia assoluto dal suo creditore.Con chi è marito, in matrimonio consumato, si osservi la Regola.Chi è stato nostro Novitio, solo possa esser ricevuto dal Padre Vicario di quella provincia, donde è partito, quando però non habbia fatto scandalo alcuno, & non sia partito piu che una volta.Non sia ricevuto alcuno d’altra Religione, che di quella habbia apostato.Non si riceva ordinariamente alcun giovane per Cherico, che non habbia finito i xvii anni. ma se havrà la faccia puerile, per ogni modo gli habbia finiti, ma per Laico, ne habbia per ordinario xix. nè anco sia ricevuto alcuno, che passi quarantacinque anni, se però non fosse di lui grande edication nel popolo.Et se alcun Vicario riceverà all’ordine alcun Novitio contra gli predetti ordini, vogliamo che nel seguente Capitolo, faccia una disciplina in Refettorio.

    Se alcuno infetto di lepra, mal francese, mal caduco, ò d’altra infirmità contagiosa, overo incurabile, verrà per esser ricevuto, & essendo interrogato, non lo manifestarà, si dichiara, che la Religione non vuol esser obligata à ritinerlo:& il medesimo si intende de i nostri apostati, quando à noi ritornano, ritrovandosi infetti d’alcuna delle sopradette infermità, cioè che siano per ogni modo cacciati via, & nissun Prelato ardisca di ricevere alcuno contra la presente constitutione, sotto pena come sopra.

  130. δ: ancora
  131. δ
  132. δ
  133. δ: desiderio
  134. δ
  135. βδ omit
  136. δ insets: i piu discreti
  137. These conditions are repeated, re-ordered and re-elaborated in δ, see CC1575 p. 155
  138. δ
  139. δ, which then has: ch’haveva
  140. δ: , & lo desse a’ poveri
  141. δ omits
  142. δ inserts: che
  143. δ: ma anco
  144. δ
  145. δ
  146. δ
  147. δ: Onde
  148. δ: Signore, & Salvator nostro Giesu Christo
  149. δ, and then continues: a’ Padri Vicarii, che nel ricevere i Novitij, facciano loro sapere la parola del Santo Evangelio, come comanda la Regola. Che vadino, & vendino tutte le cose loro, & le diano a’ poveri, potendo; acciò con piu quiete di mente, & fermezza di cuore, possino totalmente al perpetuo culto divino dedicarsi. Et i Frati, fuggendo ogni occasione di intromettersi nelle distributioni delle robe loro, restarannosi sinceri nella pace del Signore, senza punto impacciarsene. Ma tal alienatione de’ proprij beni, se non l’haveranno preso l’habito, non si permetta farsi avanti al tempo determinato dal Sacro Concilio Tridentino, con le conditioni contenute nel Cap. Nulla quoque renuntiatio. Per il quale però non si intende esser prohibito aà Novitij il poter fare Testamento, quando gli parerà: si come è stato dichiarato da Pio V. & dalla Congregatione de’ Reverendissimi, deputati à tale officio.
  150. δ
  151. δ: ancora
  152. δ
  153. δ
  154. δ:cosi anco
  155. δ inserts: potendosi, ò vero con loro consenso.
  156. δ: o col mezo di qualche persona spirituale
  157. δ
  158. δ
  159. βδ omit
  160. δ: Spirito
  161. δ: veramente
  162. δ: perfetto
  163. δ: siano ricevuti
  164. δ: sanno
  165. δ: debbono
  166. δ then adds: Et però i Maestri usino diligenza di farli imparare in quell’anno, che saranno Novitij tutta la Regola alla mente, & quali siano i commandamenti di essa Regola, & i consigli, & ammonitioni, che il nostro Serafico Padre ci dà in quella, mostrando loro qual fosse l’intentione di esso nostro Santissimo Padre, circa all’osservanza della Regola, acciò fornito l’anno, sappiano benissimo wual sia poi l’obligo loro.Quelli, che verranno da’ Padri Conventuali, & Zoccolanti, faranno la probatione per un’anno, & poi la professione.
  167. δ
  168. δ
  169. δ
  170. δ instead: i Novitij con
  171. δ omits
  172. δ: parli loro
  173. δ
  174. β: Nissuno; δ: Nè niuno
  175. βδ omit this, or its equivalent
  176. δ
  177. δ:essi
  178. δ: senza licenza speciale del Maestro.
  179. δ: perche
  180. δ: anco
  181. δ: almeno
  182. δ adds here: , & quello, che sarà loro Guardiano sia il loro Maestro, facendogli osservare quel che osservanoi Novitij; & dichino la colpa ogni giorno, & faccino la discipòina ogni Venerdì in Refettorio, eccettoo se per ragionevole causa non ne fossero alcuna volta dispensati
  183. δ: acciò cosi facilmente non
  184. δ inserts: Giesu
  185. δ omits
  186. δ
  187. βδ omit
  188. δ inserts: pura
  189. δ inserts: divota
  190. δ: fervente
  191. δ, but with noted variations
  192. δ
  193. δ then adds: et niun Novitio sia ricevuto alla professione, senza il parere della maggior parte de’ Frati; quali siano stati quatro mesi continui ò circa con esso lui nel medesimo luogo. Però I Vicarij provinciali non mutino Novitio alcuno dal luoco, dove hà fatto il Novitiato vicin alla professione fra detto termine, ma se bisognasse mutarlo per qlualche necessità, ò vero accadesse mutarsi la famiglia per il capitolo da detto lugo, si faccino pigliare le voci avanti tal mutatione; la voce de i giovani non habbia vigore al ricevere alla profesione i Novitij, infin che non sono stati tre anni alla Religione, ma solamente dicano il suo parere.Si ordina di piu che la professione di ciascuno si scriva con la sua età; per mano del medesimo profitente se saprà scrivere, ò si faccia scrivere da altri con li Testimonij che saran presenti; e si conservi fidelmente & con diligenza, e quella se scriva anco dal Padre Generale Vicario provinciale in un libretto, qual ciascun Vicario darà opera di havere per registro delle professioni; Né sia ricevuto per cherico à professione alcun Novitio, se non sapra dire per se stesso l’ufficio.
  194. δ
  195. β: il benedetto Salvatore; δ: il nostro Salvatore
  196. δ
  197. δ: delicati
  198. δ omits
  199. δ: dove si troveranno
  200. δ
  201. δ: ci
  202. δ inserts: a’ panni curiosi, &
  203. δ
  204. δ: ancora
  205. δ
  206. δ inserts: stesso
  207. δ follows β: nondimeno
  208. δ omits
  209. δ inserts: loro
  210. δ
  211. δ
  212. δ
  213. δ: il nostro Padre
  214. δ
  215. δ omits
  216. δ omits
  217. δ
  218. δ
  219. δ
  220. δ
  221. δ instead: siano
  222. δ: larghe nove palmi
  223. δ relocates to follow : e de’ compagni
  224. β: oltra di questo; δ: anche
  225. βδ: nelle
  226. δ: di modo
  227. δ
  228. δ
  229. δ
  230. δ
  231. δ
  232. δ: disprezzati
  233. δ
  234. δ
  235. δ inserts: si
  236. δ omits
  237. δ
  238. δ
  239. δ
  240. δ omits
  241. δ omits
  242. δ
  243. δ omits
  244. δ
  245. δ
  246. δ
  247. δ
  248. δ
  249. δ: nostro luogo
  250. δ
  251. δ omits
  252. δ
  253. δ: conservino
  254. δ
  255. δ
  256. δ
  257. δ
  258. δ omits
  259. δ
  260. δ: anco
  261. δ: e solleciti all’Orationi
  262. δ
  263. δ: anzi
  264. δ omits
  265. δ omits
  266. δ
  267. δ omits
  268. δ
  269. δ omits
  270. δ omits
  271. δ
  272. δ omits
  273. δ omits
  274. δ follows β: che’l medesimo letto hebbe nel’aspro deserto
  275. δ
  276. δ follows β: paglia, & sopra quelle una stora, ò vero una tela grosa, & vile, & non si dorma sopra le schiavine.
  277. δ: oltra à ciò
  278. δ inserts: Giesu
  279. δ
  280. δ omits
  281. δ
  282. δ omits
  283. δ omits
  284. δ: colmo
  285. δ
  286. δ
  287. δ: terrene
  288. δ
  289. δ
  290. δ: la loro fragilità
  291. δ
  292. δ: Santa
  293. δ continues here: di due fazzoletti con due mutande per necessario uso, & ricordinsi
  294. βδ omit
  295. δ
  296. δ
  297. δ
  298. δ omits
  299. δ omits
  300. δ
  301. δ omits
  302. δ: tutti i nostri Frati
  303. δ
  304. δ
  305. δ
  306. δ follows this section, transposing it to the penultimate paragraph of Chapter Three.
  307. δ:bacili
  308. δ
  309. δ: ad
  310. δ inserts: d’altri Santi
  311. δ: tutti nostri Antichi Padri
  312. δ, which then adds: non però la nutriscano, si come dice il Canone
  313. δ
  314. δ
  315. δ
  316. δ
  317. δ: di quelli
  318. δ omits
  319. δ omits
  320. δ
  321. δ omits
  322. δ
  323. δ omits
  324. δ
  325. δ
  326. δ
  327. δ: I chierici e laici dicono il loro
  328. δ: da
  329. δ adds: per li benefattori secondo l’antico costume, & in choro sempre si dica il notturno de’ morti ogni mese infra l’anno, ma nel’ Advento & Quadragesima ogni settimana senza fallo alcuno. Et dicansi I graduali & sette Salmi penitentiali con le Littanie nella Quadragesima ne I giorni suoi secondo le rubriche del Breviario. Et essortiamo tutti à ricordarsi spesso di fare oratione per l’anime di tutti i fideli defonti, poiche il nostro serafico Padre ne fa di questo special ammonitione nella Regola, & in partiocolare per quelle de’ nostri benefattori, alle quali havemo maggior obligo.
  330. δ omits
  331. δ
  332. δ
  333. δ
  334. δ adds: Quando si dà l’incenso serva alla Messa un cherico.
  335. δ
  336. δ
  337. δ omits
  338. βδ omit
  339. δ
  340. δ: et per essere
  341. δ: tutto
  342. δ
  343. sic
  344. δ omits
  345. δ omits
  346. δ omits
  347. δ
  348. δ which then inserts: Giesu
  349. δ
  350. δ: essere loro accresciuto
  351. δ
  352. δ
  353. δ
  354. δ
  355. δ
  356. δ
  357. In βδ this concept is expressed differently, and is relocated within the sentence. β: innanzi a tanto misterio; δ: à quei divini Misteri
  358. δ
  359. δ
  360. δ
  361. δ
  362. δ: sforzandosi di
  363. δ omits
  364. δ
  365. δ omits
  366. δ omits
  367. δ
  368. δ then inserts: sia promosso al suddiaconato avanti li ventidui anni, nè al Diaconato, inanzi i venti tre, nè al sacerdotio, prima delli venticinque, secondo il decreto del Concilio Tridentino
  369. δ alters the age requirement to 25 years, according to the decree of the Councl of Trent, as seen in the previous note.
  370. δ
  371. δ: detto
  372. δ
  373. δ adds: & se non havrà compiuto quattro anni alla Religione senza licenza del Reverendo Padre Generale & chi prima sarà ordinato si sospeso ipso facto, & parimente non sia promosso
  374. δ inserts: alcun
  375. δ
  376. δ, replacing etiam with ancora, as usual.
  377. δ has con prestezza
  378. δ: preparare al Signore
  379. δ: menti
  380. δ: essercitio
  381. δ
  382. δ: cosi vivi, come morti
  383. δ
  384. δ omits
  385. δ adds: etiam quel della Madonna
  386. δ inserts: con debite pause
  387. δ has: non ci habbia ad essere detto
  388. δ
  389. δ omits
  390. δ
  391. δ: nostro Salvatore disse
  392. δ, with the insertion: Et il divino ufficio etiam quel della Madonna si dica
  393. δ
  394. δ omits
  395. δ: di vespro, di compieta, e matutino
  396. δ: cominciato
  397. δ omits
  398. δ: a
  399. βδ omit
  400. δ omits
  401. δ adds: & ogni giorno si sforzino, potendo, ascoltar la Messa conventuale
  402. δ omits
  403. δ
  404. δ
  405. δ, substituting etiam with ancora
  406. δ: schivar
  407. δ, following the word order of α
  408. δ: fuggire
  409. δ
  410. δ: macchiar
  411. δ which then follows β.
  412. δ omits
  413. δ: riceverlo con licenza delli ordinarij
  414. βδ omit
  415. δ omits
  416. δ: il far sepolture neele nostre chiese per secolari, & per Frati; ma i nostri Frati si sepellischino in qualche luogo honesto appresso le Chiese;Però a questo fine (dove commodamente si può) si faccia una capella congionta, ò vero vicina alla Chiesa con l’altare per dir messa, e con la sepoltura per i Frati che ivi moriranno.
  417. δ
  418. δ inserts: secolari, after β
  419. δ: solamente
  420. δ: ma
  421. δ: ma nè ancho ricercati di questo, li consentino in alcun modo
  422. δ: tal cosa
  423. δ: bene informare di questo, & farli capaci
  424. δ
  425. δ
  426. δ
  427. δ
  428. δ: pietoso
  429. δ: siano solleciti
  430. βδ omit
  431. δ
  432. δ
  433. δ omits
  434. δ: ò una colletta
  435. δ
  436. δ
  437. δ, after inserting the expression used in β
  438. βδ omit
  439. δ: del continuo
  440. δ inserts: nostro, following β
  441. δ: Ancor
  442. δ
  443. βδ omit
  444. δ: fino alla natività della Madonna detta non immediate; eccetto ne i giorni del digiun, & allhora si faccia doppo sesta. Ma da la Madonna di Settembre fino à Pasqua, dopò matutino
  445. δ omits
  446. δ
  447. δ inserts: in noi
  448. δ and then follows α: ò vero s’intepidisca
  449. δ
  450. δ
  451. A significant change of terminology from that of the CC1535:  come defyderaua el feraphico padre: etiam chel uero fpiritual frate minore fempre ori. The CC1575 restored the original expression in a modified form:  come dederaua il nostro Seraco Padre; Ancor che’l uero, & fpiritual Frate minore in ogni tempo interiormente ori.
  452. δ: in
  453. δ
  454. δ
  455. δ omits
  456. δ omits
  457. δ
  458. δ inserts: piu
  459. δ inserts: che vocale
  460. δ
  461. δ: adoreranno
  462. δ
  463. δ: ;&
  464. δ: di
  465. δ: ò
  466. δ: pregare
  467. δ
  468. δ omits
  469. δ omits
  470. δ
  471. δ: di attendere
  472. δ
  473. δ omits
  474. δ
  475. δ
  476. δ omits
  477. δ omits
  478. δ follows α: Christo ottimo maestro
  479. δ
  480. δ
  481. δ omits
  482. δ
  483. δ
  484. δ omits
  485. δ
  486. δ
  487. δ inserts (after β): tutto catholico
  488. δ
  489. βδ omit. δ: similmente
  490. β: preti; δ Sacerdoti
  491. δ adds & particolari
  492. δ
  493. δ: ad
  494. δ
  495. δ inserts: delli heretici
  496. δ: Il simile
  497. δ instead: medesimo
  498. δ
  499. δ inserts: immediate
  500. βδ omit
  501. δ: tutto catholico
  502. δ omits
  503. δ omits
  504. δ omits
  505. δ
  506. δ
  507. δ has
  508. β:δ il silentio è fidel guardia del conceputo spirito
  509. δ: S.
  510. δ follows β: colui
  511. δ follows this word order, though with word modifications
  512. δ: lingua sua
  513. δ: nostra fragilità
  514. δ: verità infallible
  515. β omits
  516. δ, with noted variations in word order
  517. δ
  518. δ
  519. δ
  520. δ
  521. euangelic with gap in the text
  522. not in α δ
  523. Not in α; δ: il dì del giudicio
  524. also δ
  525. also δ
  526. δ
  527. β δ omit, δ: in choro
  528. δ adds: dove senza necessità non sia lecito parlare, & bisognando si parli sommissamente, & con brevità
  529. δ inserts: generalmente
  530. δ: da Pasqua fin che si comincia à farsi l’oratione la notte, dopò pranso à hor competente si faccia il segno del silentio, & si servi sin tanto che dopò nona sia finita l’oratione; similmente dalle vintiquattro hore fin’al sonar di prima del seguente gionro, da tutti si servi silentio
  531. δ: chi lo romperà
  532. δ: cinque volte il Pater nostro con l Ave Maria
  533. δ: avertino tutti
  534. δ: religiosamente, & senza clamore, sendo tal vitio molto deforme nelle persone religiose.
  535. δ: & avertino tutti i Frati ad avezzarsi à parlar sempre & in ogni luogo religiosamente, & senza clamore, sendo tal vitio molto derorme nelle persone religiose.
  536. δ adds in choro
  537. δ
  538. α δ finita
  539. δ omits
  540. δ inserts: di piu, corresponding with etiam in α
  541. δ omits
  542. δ: Salvator nostro
  543. δ inserts: bisognando
  544. δ dichino
  545. δ scritta
  546. δ: Perilche
  547. δ
  548. i.e. insieme
  549. δ; β: si sforzara
  550. δ
  551. δ inserts new paragraph here: Si ordina che nelle terre, ove sono I nostri luoghi, nessun Frate ardisca di andare à far qual si voglia negotio, se prima non sarà rapresentato al Padre Guardiano, ò vero Vicario di quel luogo; & nissuno senza sua licenza ardisca d’andare à mangiare, ò dormire in casa di secolari, ancorche siano suoi parenti; la qual licenza, il Prelato non la conceda facilmente.
  552. δ
  553. δ
  554. δ
  555. δ
  556. δ omits
  557. δ omits
  558. δ
  559. δ omits
  560. δ omits
  561. δ omits
  562. δ
  563. δ, with modified word order: rivelato dal Signore
  564. δ
  565. δ
  566. δ
  567. δ: pietoso
  568. δ follows this wording verbatim, though with modified orthography
  569. β; δ per viaggio
  570. δ replaces with alternative reading: non portino provisione de’ cibi secondo il conseglio di Christo, se non per mera necessità, massime caminando tra genti domestiche, familiari, & divote, & da luogo à luogo di non molta distanza:
  571. δ omits
  572. δ follows verbatim; β: i malvaggi homini
  573. δ
  574. δ
  575. δ omits
  576. δ: se non per mera necessità
  577. δ omits
  578. δ
  579. The word fuora is partially obbliterated in this copy. The 1536 Constitutions and the next version of 1575 read fuora di essi luoghi senza gran necessità.
  580. δ
  581. δ: ordiniamo
  582. δ
  583. β δ omit
  584. β:santa & stretta; δ: stretta
  585. δ
  586. only β
  587. only β
  588. sic
  589. only β
  590. α:ingluvie del ventre; β: insaciabilita del corpo; δ: insatiabilità del ventre
  591. βδ :secondo
  592. β :innocentissimo Salvatore; δ Nostro Santissimo Salvatore
  593. β: cori; δ: menti
  594. β: discretamente adacquato; δ: discretamente adaquato
  595. β δ : anco ci debbe parere in
  596. β: attento che; δ conciosia che
  597. δ
  598. δ
  599. β omits; δ fredda
  600. δ
  601. β omits; included in δ
  602. δ
  603. δ omits
  604. δ
  605. βδ omit
  606. β: stimata; δ reputata
  607. βδ omit
  608. βδ omit
  609. β: si come vol la charita; δ omits
  610. δ quantunque
  611. δ
  612. β:non vede, che troppo gli dia nocumento; δ: vede che non li sia nocumento. Note troppo in α β .
  613. β: ma; δ: anzi
  614. δ
  615. β: poverello; δ omits
  616. δ relcates this sentence to an earlier part of Chapter One, CC1575, p.154..
  617. δ follows this wording
  618. δ has a parallel text in Chapter Six (page 176).
  619. quasi verbatim in β, while δ omits, including it essentially in Chapter Six (page 176). Here δ includes: Siano cauti à non lasciar mangiare alcuno secolare in Referrotrio con i Frati, eccetto quando no si potesse evitare senza scandolo, & grave ammiratione. This paragraph is paralleled in Chapter Six in αβ.
  620. The last two letters of this word in the text are illegible.
  621. δ follows verbatim with the inversion possibil carita and modified spelling
  622. β; δ: dichino
  623. β omits; δ quantunque facessero ogni cosa à se possibile.β adds a further exhortation. δ also transposes here the prohibition against riding horses from the end of chapter two in α β,but following the quite different terminolgy of α. δ also makes light provision against infractions: & se alcuno senza tal necessità manifesta cavalcarà, mangi cinque volte pane, & acqua in terra & piu ò meno ad arbitrio de’ Vicari, secondo la qualità dell’eccesso.
  624. δ omits
  625. δ
  626. β molto intenso il freddo; δ: intenso il freddo
  627. δ omits
  628. But for change of si sforzino in α to sforzandosi in β, and the omission of penosissimi, δ follows α verbatim in this paragraph.
  629. δ omits
  630. δ
  631. δ
  632. β δ: figlioli
  633. δ
  634. β: si ricevano; δ: si ricevessino
  635. δ omits
  636. δ ancho
  637. δ Onde Christo nostro Signore
  638. β: interamente & pienamente; δ: à pieno & intieramente
  639. βδ omit
  640. δ
  641. β omits; δ: altra
  642. δ qual si voglia modo
  643. α: chiamata β: nominato; δ: dimandata
  644. δ
  645. δ ò à lor instanza, requisisitione, & petitione, ò à nome di essi per alcun rispetto ò causa
  646. δ detta
  647. δ
  648. only in β
  649. δ
  650. δ adds: & però i Guardiani avisino, & prohinischino alli soprastanti delle fabriche, che finiti serranno I lochi, essi non ricevino piu denari nè pecunia ad instantia de’ Frati
  651. δ
  652. only in β
  653. only in β
  654. δ
  655. only in β
  656. δ
  657. δ gegins a new paragraph with the wording that follows
  658. δ soverchie
  659. δ
  660. δ
  661. δ: enorme & abominevole, latter adj. from β
  662. δ
  663. δ
  664. δ: di Christo
  665. δ: cose terrene
  666. δ joins next sentence as continuation of this sentence
  667. δ
  668. δ
  669. β: contradicano; δ: resistono
  670. δ
  671. δ
  672. δ adds: contra la dichiaratione della Regola di Nicolao terzo & Clemente quinto
  673. δ begins new paragraph
  674. β δ: tener
  675. δ
  676. β: procurare; δ: havere
  677. δ follows word order of β
  678. δ: & per esser
  679. δ
  680. β δ omit
  681. δ
  682. δ
  683. δ
  684. only in β
  685. δ
  686. δ
  687. δ
  688. δ
  689. δ
  690. β only
  691. δ: che
  692. δ
  693. δ
  694. δ follows this wording
  695. δ adds: Ma deveno pensare, che l’Evangelica povertà, consiste in non havere affetto à cosa alcuna terrena, in usar queste cose del mondo parcisimamente quasi per forza, costretti dalla necessità, & à gloria di Dio benedetto; dal quale si deve il tutto riconoscere. Αβ have this section toward the end of Chapter Five.
  696. δ
  697. δ: ci accarezza, e fa festa
  698. δ
  699. δ: considerando
  700. δ has transformarsi also
  701. δ: ogni loro pensiero
  702. β: ivi; δ: quivi
  703. δ: volgere after β: rivolgere
  704. δ: loro
  705. δ
  706. δ
  707. δ
  708. δ follows α
  709. δ
  710. δ: della salute
  711. δ: &
  712. δ follows β: tra
  713. δ adds: & pronta
  714. δ
  715. δ: ciò piu ci servono
  716. δ
  717. β δ: schivar
  718. δ adds from β with: seguir in questo il vaso di elettione Paolo Apostolo
  719. δ, which also adds, following β: & di molti altri Santi
  720. δ
  721. δ
  722. δ
  723. δ
  724. δ adds: con voce humile e bassa
  725. δ: “spirituale” and then adds: qual tutti ascoltino con ogni modestia, &carità, ò si tenga silentio.
  726. δ
  727. δ
  728. δ
  729. δ: per osservar l’ammonitione del laboritio
  730. δ
  731. δ
  732. δ
  733. Almost verbatim, δ includes this part at the end of Chapter Four.
  734. δ includes this text in Chapter 6, page 176
  735. δ
  736. δ
  737. δ
  738. δ, with ancora instead of etiam
  739. βδ omit
  740. δ
  741. δ
  742. δ: di quella
  743. δ: questo precioso, added from β
  744. δ with noted inclusions
  745. δ
  746. δ
  747. δ adds: Si prohibisce à tutti i Frati, che non ardischino fuor dell’ordine essercitare atto alcuno di medicina, nè come Medici di ordinar siroppi & medicine, cavar sangue, ò fare simil’atti medicinali, & chi farà il contrario sia gravemente punito dal suo Vicario provinciale.
  748. δ follws α
  749. δ: molto manco
  750. δ
  751. δ
  752. δ
  753. δ: altrui
  754. δ
  755. βδ omit
  756. δ
  757. δ
  758. δ: facciamo intendere come
  759. δ omits this section, replacing it with: nè de i luoghi, dove facciamo dimora; di sorte che i veri, e propri padroni ci possono mandar via ogni volte che lor piace, & pigliarsi tutte le sue cose à posto loro.
  760. δ: poi
  761. δ
  762. δ omits
  763. δ
  764. δ
  765. δ: nè de i luoghi, dove facciamo dimora; di sorte che i veri, e propri padroni ci possono mandar via ogni volte che lor piace, & pigliarsi tutte le sue cose à posto loro.
  766. δ inserts: padre San
  767. δ
  768. δ: accommodare d’un luogo, ò ver sito da fabricarvi; ò vero aspettino d’essere richiesti dalle Communità, ò Signori di pigliare un luogo nel lor territorio;
  769. δ: se con espressesso protesto di potere lasciarlo ogni volta che fosse spediente per la pura osservanza deòòa promessa regola;
  770. δ
  771. δ: si esortano
  772. δ
  773. δ: Per il che molto manco è lecito ad essi Frati fabricarli, ò consentire che si fabrichino sontuosamente
  774. δ
  775. δ adds: insieme
  776. δ: case
  777. δ, which adds: case
  778. The word is obliterated in the text. Il is found in the 1575 Constitutions, though the text of the latter varies: Per il che molto manco è lecito ad es Frati fabricali
  779. δ
  780. δ
  781. δ
  782. δ: non di ricevino luoghi alcuni fatti
  783. δ
  784. per tutta la congregatione si debba frabricare
  785. δ
  786. δ adds: & l’altezza del piano del Refettorio insino al solaro, cioè in sino aò tavolato, ò mattonato on passi tredici palmi, ma quando fosse moloto cattiva l’aria, si possa aggiungere insino à quattordeci palmi
  787. δ
  788. δ adds: Et perche i palmi non sono tutti di una medesima misura; però si è posto in fine del libro la misura di del mezzo palmo, secondo la quale si misureranno tanto dette fabriche, come anco i vestimenti nostri. In this anastatic version, the half palm measures 13cm in length.
  789. δ: ancora
  790. δ adds here: ma divote
  791. δ also adds: & mondissime
  792. δ: povertade
  793. δ
  794. δ omits
  795. δ
  796. δ
  797. δ
  798. δ
  799. δ: fuggire
  800. δ: onde
  801. δ
  802. also δ, then δ diverges from αβ: Sir ordina che i Frati, a i quali per il capitolo, & Padre Vicario Provinciale, sarà cp,,essp oò negotio deòòe fabriche, siano diligenti, & bene accorti in fare tenere & osservare le povera forma, & misure del modello prescritto, aggravando le loro conscienze d’ogni notabile, e non necessario eccesso; & pigliarannosi per loro specchio le piccoloe case de’ poverelli, [in αβ] &, non i gran palazzi de’ ricchi; & tutti si sforzaranno dar manualmente aiuto, con ogni humilità, pace, & carità, quando sarà loro commandaro; del resto si impone espressamente à tutti i Frati che non s’intromettino [αβ] in fare spendere denari per detter fabriche; ma lascino di ciò la cura a i deputati soprastanti di quelle, avvisandoli però humilmente, caritativamente, quando conoscessero qualche disordine, ò spesa superflua
  803. δ omits
  804. δ includes this sentence verbatim, and then adds a new paragraph: Et perche non si faccia errore nel fabricare, sì nel pigliare de’ siti, sì nel fare le stanze piu grandi del modello, & misura data di sopra, si ordina, che quando si harà da pigliare qualche luogo, il capitolo elegga quattro Frati de i migliori, piu atti, e zelanti della provincia, i quali insieme co’l Reverendo Padre Vicario habbino carico d’andare à prendere il sito, dove s’hà da fondare il luogo, & dare insieme il modello, secondo il quale po si fabrichi; Et s’ingegnino di disporlo in modo, che poi non s’habbia à guastare cosa alcuna, & quando tra essi fusse disparere tanto nel pigliare il sito, quanto ne far il modello, volemo che si ponga à voci secrete, & la maggior parte vinca, & il Provinciale non habbia se non una voce come ciascuno de’ fabriceri.
  805. δ
  806. δ inserts: Padre
  807. δ omits. Instead: habbia l’occhio aperto à nō dar tal licenza, se non vede che sia necessità espressa. Et quando vorrà fare cosa notabile habbia il consenso de frabiceri (read: fabriceri) sudetti.
  808. δ: ordiniamo
  809. δ: amando di stare
  810. δ: ne’ luoghi solitari, ò deserti
  811. δ
  812. δ
  813. δ
  814. δ
  815. δ
  816. δ
  817. β: anchora; δ: anco
  818. δ follows β (note: in the singular): alcuno povero peregrino, & forestiero
  819. δ, adding: massimamente persone religiose dedicate al servigio divino
  820. δ: oltra dio ciò
  821. δ adds: ne cavino
  822. δ adding: & chi contrasarà, se farà Guardiano quanti arbori havrà tagliato, tante volte faccia la disciplina in refettorio, & mangi pane, & acquae in terra. Se sarà suddito faccia tante volte la disciplina, & un mese porti il Caparone.
  823. βδ omit
  824. βδ omit
  825. δ: hanno eletto di seguitare
  826. δ: Imperadore
  827. δ: macchia
  828. δ
  829. δ omits
  830. δ
  831. δ: deveno
  832. δ: soverchia
  833. δ: grand’
  834. δ
  835. βδ omit
  836. δ
  837. δ: deveno
  838. δ, though with bontà instead
  839. δ omits
  840. δ
  841. δ, which then adds: non si cerchino di riporsi per lungo tempo
  842. δ
  843. δ: soverchia
  844. δ: ordiniamo
  845. δ: Et acchioche al nome della
  846. δ omits, and has: corrispondono i fatti
  847. δ
  848. δ: Per il che
  849. δ omits
  850. δ
  851. δ
  852. δ
  853. δ, then: la determinatione del Capitolo Provinciale
  854. δ
  855. δ
  856. δ: ch’esso serafico Padre
  857. δ
  858. δ
  859. δ: quel
  860. δ
  861. δ
  862. δ follows this word order
  863. δ
  864. δ omits
  865. δ
  866. δ
  867. δ
  868. δ
  869. βδ omit
  870. δ inserts è
  871. δ: riposto
  872. δ
  873. δ
  874. δ adds here: Et se alcun Frate sarà trovato esser proprietario, sia privo di tutti gl’ufficij dell’ordine, & à chi questa pena non converrà, sia posto il Capparone ad arbitrio del Padre Vicario Provinciale, & se alcuno fusse trovato tale alla morte [Quod absit] si privo della sepoltura ecclestiastica, & medesimamene di pena di proprietario, sia punito quello, che diponerà libri, ò qual si voglio altra cosa fuor de’ nostri luoghi [senza licenza del Padre Vicario Provinciale], ò del suo Guardiano, & senza saputa d’alcuni di quelli Frati, con chi sta di famiglia.
  875. δ also, with ancor instead of etiam, ad altri for ad altro, and the addition of Padri before Vicarij Provinciali.
  876. δ
  877. δ
  878. δ
  879. δ: pietosa, & inchinata
  880. δ
  881. δ
  882. δ: schivare
  883. δ: Padre Generale
  884. δ omits
  885. δ: ristretti
  886. δ
  887. δ omits
  888. α: la bona confciétia & fufficiétia ricerca and δ: la buona confcienza, & fufficienza, ricerca
  889. δ: anco
  890. δ
  891. δ omits both al mancho (α) and almeno (β)
  892. δ
  893. δ: Di più si ordina
  894. δ which then adds: & più (se vorranno) & il suo prelato giudicarà se sia bene, e egli darà licenza
  895. δ
  896. δ
  897. δ
  898. δ: pregiudicio
  899. δ: accrescimento
  900. δ: virtu
  901. δ: divinissimo
  902. δ with modification con esso noi
  903. δ also follows word order of α
  904. δ
  905. δ omits
  906. δ
  907. δ
  908. βδ omit
  909. δ, which also follows the word order of α
  910. δ
  911. δ
  912. δ: allwgrezza
  913. δ
  914. δ
  915. δ omits
  916. δ
  917. δ
  918. δ
  919. δ: anzi pensare che il dolcissimo
  920. δ and adds: & morì
  921. δ
  922. δ
  923. δ: Pensino ancora
  924. β: per tanto; δ: Per il che
  925. δ
  926. δ: lanima deò povero fratello, & mantenere òa fama sua quanto è possibile; β: le anime ferite, & mantenere la fama di quel povero frate
  927. δ
  928. δ
  929. δ adds: per sua bontà
  930. δ
  931. δ
  932. δ omits
  933. δ
  934. δ
  935. δ
  936. δ
  937. δ
  938. δ
  939. δ: anco
  940. δ: prelato suo
  941. δ: ricercava
  942. δ: dopo
  943. δ: anzi
  944. δ inserts: meglio
  945. δ includes this section, with (modifications).
  946. δ
  947. δ
  948. δ: Per ilche
  949. βδ omit
  950. δ
  951. δ: in
  952. δ
  953. δ follows α, though re-arranging the order of the material between here and the end of the Chapter. δ also adds more material before the end of the chapter.
  954. δ: intera
  955. δ
  956. δ
  957. δ adds: dal Padre Vicario
  958. δ adds: & avvisato il Santo ufficio, & i Frati osservino l’ordine posto dal nostro Padre San Francesco nel suo Testamento, in presentare questo tale nelle mani del suo Vicario; onde…; β: se sapra pertinace so psservo oò testamento del padre nostro: unde ordiniamo a questo fine
  959. δ
  960. δ: per ciascuna custodia
  961. δ
  962. δ omits
  963. δ omits
  964. δ continues with this lengthy inclusion: Et di piu si ordina, che il Frate professo, qual si partirà dalla nostra congregatione, & andarà al secolo, lasciando l’habito, ò vero andarà vagando con l’habito, se non tornerà fra termine d’un mese, non sia piu ricevuto senza licenza del R.P. Generale, ma se in detto termine ritornarà, possa essere ricevuto dal suo Vicario Profvinciale, & rocevemdpso. So prdoma cj’ oltra l’altre penitenze da darsegli per suoi errori, sia posto in Carcere per un mese continuo, & in detto tempo degiun i tre gionri della Settimana in pane, & acqua, cioè lune, mercore, & venere, & ogni Venerdi vada à fare la disciplina in refettorio publicamente per un miserere, porti il capparone per uno anno intero, dica ogni giorno la colpa, come fanno i novizij, seda alla mensa nell’ultimo lougo, & sia privo di voce attiva, & passiva in perpetuo, & se sarà Predicatore, sia privo dell’ufficio dell predicatione ad arbitrio del Reverendo Padre Generale, & nella sua recettione si assolva dell’escommunicatione incorsa, per l’apostosia publicamente in refettorio con le solite cerimonie, ilche si osservi sempre nella ricettione d’ogni sorte di Apostati; ma chi si partirà un’altra volta lasciando l’habito nostro, non si piu ricevuto senza in capitolo General.Di piu si ordina, che si alcuno si partirà da noi, & pigliarà habito di quale si voglia altra religione, ò congregatione, se non tornarà fra termine di tre mesi, non possa essere ricevuto senza licenza del Reverendo Padre Generale, ma se in detto termine ritornerà, possa essere ricevuto dal suo Vicario Provinciale, con le sottoscritte penitenze: sia posto in carcere per quindici giorni, degiunando tre dì della settimana in pane, & acqua, con fare la disciplina in refettorio il Venerdì, porti il capparone per sei mesi dicendo la colpa ogni dì, & sedendo nell’ultimo luogo alla mensa, sia privo di voce attiva, & passiva per tre anni, & nel tempo di tale privatione non possa havere cura de’ Frati, & se sarà Predicatore, sia privo della predicatione per un’anno; Ma se si partirà un’altra volta, & cercerà di tornare nel sopradetto termine di tre mesi, possa essere ricevuto nell’istesso modo, con radoppiarli la penitenza, & sia privo di voce attiva, & passiva in perpetuo, ma chi si partirà piu di due volte non sia piu ricevuto senza il capitolo Generale.Ancora, si ordina che chi andarà da una Provincia in un’altra senza obedienza scritta del suo Prelato, non possa esser ricevuto, eccetto dal Reverendo Padre Generale, ò dal suo Vicario Provinciale; & ricevendosi farà le sottoscritte penitenze: starà in carcere per otto giorni digiunando tre d’ in pane, & acqua, farà una disciplina in refgettorio, portarà il capparone per tre mesi dicendo ogni giorno la clpa, & sia privo di voce attiva, & passiva per dui anni.Ma nella stessa Provincia, chi andarà da un luogo all’altro pure senza obedienza del suo prelato, ricevendosi dal suo Vicario farà le sottoscritte penitenze: in luogo di carcere, mangi per otto giorni continui in terra degiundandone tre in pan, & acqua, faccia la disciplina come di sopra, porti il capparone due mesi, dicēdo la colpa ogni diorno, & sia privo di voce per un’anno.Ma se alcuno (oltra l’essersi partiti) harà commesso alcuni eccessi, ò delitto tanto dentro come for a dell’ordine, si come di sopra è detto, sia ancora punito di quelli, secondo la qualità and gravità loro; et se alcun Vicario Provinciale contrafarà à gli predetti ordini circa la ricettione de’ sudetti, se parrà al Padre Generale nel sequente capitolo sia privo del suo ufficio, ne possa essere piu eletto a qual si voglio prelatione per tre anni, ò faccia altre penitenze ad arbitrio del Padre Generale, & la recettione de’ tali sia nulla, & però siano cacciati via.Et perche secondo il decreto del sacro Concilio Tridentino à niun Frate è lecito partirsi dal suo luogo, over convento, anco sotto pretesto di volere andare a’ suoi superior, se non saranno da essi mandati, over chiamati con lor’obedienze scritte, senza la quali trovati, possono essere da gl’ordinarij puniti, come desertori dell’ordine suo; per tanto si ordina che s’alcunoi Frate harà bisogno d’andare al suo Provinciale, debba manifestare la causa, al suo Padre Guardiano, il quale, giudicando essere espediente, che vada gli dia l’obedienza, & il compagno; Ma caso che non li paresse espediente mandarlo, & il suddito non volesse quietarsi, debba il Padre Guardiano chiamare dua, ò tre Frati di piu maturo giudicio, & alla presenza del suddito proporre loro il caso, & giudicando quelli essere bene ch’egli vada, il Padre Guardiano sia tenuto à mandarlo, & non lo mandando il Padre Vicario, li faccia fare la penitenza, & se il suddito havresse la tal causa che non volesse manifestarla, deve scrivere al Provinciale, pregandolo che li mandi l’obedienza d’andare à lui, & aspettare la sua risposta prima che vada.
  965. δ omits this section here
  966. δ
  967. δ
  968. δ: di castigo tale
  969. This passage is not found in either α or δ.
  970. δ
  971. δ omits
  972. δ
  973. δ
  974. δ
  975. δ: il che Dio non permetta
  976. δ with minor changes: &: maturi, & discreti, quali habbino scienza, & conscienza, con esperienza, after β
  977. δ
  978. δ
  979. δ also concludes Chapter seven with this passage, though with the noted modifications.
  980. δ: &
  981. δ: si habbia
  982. δ: si commanda, & impone
  983. δ: quanto è possibile
  984. δ omits
  985. δ adds: , & chi manifestarà fuori dell’ordine I secreti della religione sia gravemente punito dal Padre Vicario, ò dal capitolo Provinciale, ò Generale.
  986. δ: anco
  987. δ
  988. δ
  989. δ
  990. δ: e
  991. δ: porre
  992. δ adds: nostri
  993. δ, while β: dottrina & essempio
  994. δ
  995. δ
  996. δ
  997. δ
  998. δ
  999. δ: Christo nostro pietoso Signore
  1000. δ inserts: esso
  1001. δ: gl’ultimi saranno i primi, & gli primi ultimi
  1002. δ. &
  1003. δ
  1004. δ
  1005. δ
  1006. δ: ma
  1007. δ
  1008. δ
  1009. δ: ancora
  1010. δ omits
  1011. δ adds: nell’ordine
  1012. δ omits
  1013. δ: passato
  1014. δ: tal
  1015. δ: questo solo
  1016. δ: vi
  1017. δ: immediate
  1018. δ: ne si proponga quel padre
  1019. δ omits
  1020. δ adds here:eccettuando le Provincie di Sicilia, & di Corsica, nellequali si servi l’ordine dato, cioè, che facciano solamente due custodi. I compagni di Vicarij di Provincia habbino voce attiva, & passiva alla elettione del discreto, nel lugo del capitolo Provinciale, & i compagni del padre Vicario Generale, habbino voce attiva & passiva al lugo del capitolo Generale, quando vi si potran trovare; Et…
  1021. δ adds: & tanto I secolari quanto I Religiosi finito il primo anno, & fatta la professione habbiano la voce attiva, ma non la passiva, insin finito I quattro anni:eccetto le ƥ qualche necessità o giusta ragione non fosseno dispensati dal P. Vicario Provinciale
  1022. δ: posto da banda
  1023. δ omits, and then adds: Et per assegnare un modo convenevole, & espediente alla institutione, ò ver provisione de’ Guardiani, si dichiara, che i Padri Vicarij con li diffinitori, possino prima conferire insieme, & discutere, quali siano da escludersi; Di poi ciascun di essi, cioè il Padre Vicario, & Diffinitori, da per se farà una lista secretamente, nella quale notarà tanti Padri, quanti Guardiani sarà bisogno di fare, eleggendo liberamente quelli, che giudicarà migliori secondo la sua conscienza, & chiamati in Diffinitione, gli scrutatori del capitolo ò rimettendo altri nuovi scrutatori, quando paresse espediente, daranno in mano di quelli ciascuno la sua lista; Et raccolto ch’ haranno gli scrutatori secretamente tra loro le voci di tutti, chiamaranno in Diffinitione il Padre Vicario con li Diffinitori, & pronunciaranno i nomi, & voci de’ Frati eletti, & se accadesse che nel primo scrutinio non fussero eletti tutti, facciasi il secondo, il terzo, & il quarto , & quanti saranno bisogno, finche s’adempia il numero necessario de’ Guardiani; ma quando eccedessero la debita quantità il Padre Vicario con essi Diffinitori, in segreto possino a loro arbitrio cassare quegli che soravanzano, secondo che giudicaranno piu espediente, fatta la provisione de’ Giardiani, si farà parimente quella de’custodi, quali si collocaranno nei luoghi proprij custodiali. Et ancora consigliandosi insieme distribuischino i Guardiani già eletti in quei luoghi, dove à loro parrà piu espediente. Et perche alcune provincie hanno alcuni luoghi in Città segnalate, & principali, quando parasse espediente per rimovere alcune sospitini, & giudicij, potranno fare la collocatione de’ Guardiani in detti luoghi à scrutinio secreto, & il medesimo faranno nell’altre cose, quando tra essi accadesse alcun disparere.Mancando alcun Guardiano meno di sei mesi inanzi al capitolo, non si faccia altro Guardiano; ma mancando sei mesi inanzi si faccia l’altro nel sudetto modo. Ma occurendo che il Vicario, & Diffinitori non potesseno convenire in uno stesso luogo, possono farlo per procuratore:Ma tuttigl’altri scrutinij de’ nostri capitoli Generali, Provinciali, custodiali, & locali, si faccino à voce vive, & secrete, talmente, che i nomi de gli elettori non siano mai publicati si come vuole & commanda il Sacro Concilio Tridentino; nè sia lecito supplire le voci de gl’assenti; & se contra la determinatione di tal decreto alcun sarà eletto à qual si voglio ufficio, tal elettione sia al tutto vana, & nulla; I chierici quantunque non siano suddiaconi, passino havere voce nelle elettioni, non ostante il decreto del Sacro Concilio Tridentino, per dichiaratione, seu concessione di Pio Quinto felice memoria; però tutti i Frati tanto chierici, quanto Laici, fatta ch’haranno la professione tra di noi, habbino voce attiva, ma niuno di loro possa havere lapassiva, se non sarà stato quattro Anni finiti nella nostra congregatione.I Predicatori quando non andaranno troppo lontano à predicare la Quadragesima, tornino à fare l’elettione del discreto al luogo suo, ma quando andaranno tanto lontano che non possino, ò non gli basti l’animo di tronare à tempo di tal’elettione, habbian voce nel luogo piu vicino alla terra dove havran predicato.
  1024. δ includes this section with noted variations
  1025. δ
  1026. δ: porranno
  1027. δ
  1028. δ
  1029. δ
  1030. δ
  1031. βδ omit
  1032. δ
  1033. δ: Il simile sia ancora di Vicari Provinciali and then adds: quando accaderà morire nell’officio, cioè che’l primo Diffinitore resti Commissario della Provincia, & habbi cura di convocare il Capitolo al tempo suo, secondo gli sara ordinato dal Generale, per la elettione del novo Vicario; Ma il capitolo Generale sia convocato dal Vicario di quella Provincia, ove il Generale sarà morto, co’l conseglio di doi Vicarij delle piu prossime Provincie & tutto questo secondo la bolla della Religione.
  1034. δ omits this section on impeachment of the Minister General.
  1035. αβδ differ in this section. δ has: Quando poi sarà eletto il Reverendo Padre Generale si mandi al molto Reverendo Padre Generale di Conventuali per la sua confirmatione, secondo la bolla di Paulo Tertio di buona memoria, & similmente ne i Capitoli Provinciali quando saranno eletti i Vicarij, i Deffinitori à nome del capitolo mandino al nostro Reverendo Padre Generale per la confirmatione loro secondo la Clementina, & in quel mezzo che viene la risposta, possino esercitare li ufficij loro, come Vicarij eletti quando stano in essa Provincia.  Ancora si è determinato ch’il nostro Padre Vicario Generale se harà finito il secondo [an innovation on the previous CC] Triennio rimanga libero da ogni Prelatione per tre anni: similmente i Vicari Provinciali finito il loro Triennio non si possino rieleggere nella medesima Provincia, ma in quella restino da ogni Prelatione liberi per un’Anno; tutta volta se saranno eletti Vicarij d’un’altra Provincia, potranno esercitare tal’ufficio per altri tre Anni doppo i quali deveno cessare da ogni prelatione per un’Anno.  Medesimamente i Guardiani non possino essere eletti in tal ufficio piu che per tre Anni nel luogo medesimo, ma in un’atlro luogo si bene per un’altro Triennio, & doppo che saranno stati Guardiani sei anni, rimaranno liberi da guardiati per un’anno, eccetto se per la necessità il Padre Generale sopradetti doppo detto tempo non possino esser’eletti in Vicarij provinciali, & anco in Generale. Et perche i prelati deveno esser, & norma de i loro sudditi, molti piu à fatti che à parole, si ordina, che il Frate, qual non puo convenire al Coro di dì, & di notte, & Refettorio con gli altri Frati, & ha notabilmente bisogno di cibi speciali, per nissun modo sia fatto Guardiano, ne se gli dia cura de’ Novitij. Et quelli, che non ponno andare à piedi non si eleghino per discreti d’andare al Capitolo provinciale, eccetto se non fosseno stati Vicarij provinciali, ò Diffinitori del capitolo provinciale, nè manco si eleggano per custodi per andare al Capitolo Generale, eccetto se non fosseno stati Generali, ò Deffinitori del capitolo Generale, Ma in modo niuno possano esser eletti per provinciali. Si determina ancora, che nella elettione de’ Diffinitori habbino voce passiva tutti i vocali che si troveranno nel luogo del CapitoloVicarij in tal’elettione habbino voce Attiva cioè il Generale nel capitolo Generale, & i provinciali ne i capitoli provinciale, & nel Generale capitolo si eleggino sei Diffinitori, de’ quali tre ne possino essere al piu di quelli che furono nel capitolo prossimo passato, ma ne i provinciali capitoli bastino quattro Deffinitori, de i quali dua al piu ne possino essere di quegli del precedente Capitolo.
  1036. δ adds: secondo
  1037. δ
  1038. δ, then: per tre anni
  1039. δ: rieleggere
  1040. δ: nella
  1041. δ then: per un anno.
  1042. δ: medesimo
  1043. δ: per un’altro Triennio, & doppo che saranno stati Guardiani sei anni,
  1044. δ which then adds: eccetto per la necessità il Padre Generale desse licenza di farsi
  1045. δ: Non si prohibisse però
  1046. δ
  1047. δ: de’ quali tre ne possino essere al piu di quelli che furono nel capitolo prossimo passato
  1048. δ with noted variation
  1049. δ
  1050. δ
  1051. δ
  1052. δ
  1053. δ
  1054. δ
  1055. δ
  1056. δ
  1057. βδ omit; δ has: Chiesa militante
  1058. δ
  1059. δ, with inclusion of tal ministero as in β
  1060. δ
  1061. δ omits
  1062. δ omits
  1063. δ
  1064. δ omits
  1065. δ
  1066. δ: se non si vedrà che sia di vita…
  1067. δ: anzi
  1068. δ adds: dicendo S. Gregorio che facilmente, è disprezzata la predica di quel che tiene vita disprezzata, seu rilassata
  1069. δ: attendino diligentemente
  1070. δ: imporre
  1071. δ
  1072. δ
  1073. δ
  1074. δ
  1075. δ: tra
  1076. δ
  1077. βδ omit
  1078. δ follows verbatim, with the noted minor exceptions
  1079. δ omits
  1080. δ
  1081. δ
  1082. δ
  1083. δ omits
  1084. δ omits
  1085. δ
  1086. δ: ancora
  1087. δ
  1088. δ omits
  1089. δ: soverchie
  1090. δ omits
  1091. δ: fra
  1092. δ: doppo che
  1093. δ: fanciullo
  1094. δ follows quasi verbatim
  1095. δ omits
  1096. δ omits
  1097. δ
  1098. δ
  1099. δ: nè doverebbono allegare altro chje Christo: la cui autorità prevale à tutte le persone, & ragioni del mondo, addurre la sacra scrittua, & consequentemente i sacri Dottori
  1100. δ
  1101. δ
  1102. δ: affettate
  1103. δ omits
  1104. δ: pero si esortano
  1105. δ
  1106. δ
  1107. δ
  1108. δ omits
  1109. δ: che li faccia parlare & operare
  1110. δ omits
  1111. δ: a guisa di
  1112. δ
  1113. δ
  1114. δ: la faceva operare ad esso
  1115. δ: ancora
  1116. δ verbatim
  1117. δ: stessi
  1118. δ
  1119. δ omits
  1120. δ omits
  1121. δ incorporates this admonition later in the chapter.
  1122. δ has a parallel passage later in this chapter
  1123. δ
  1124. δ
  1125. δ
  1126. δ
  1127. δ
  1128. δ: che predicando, non faccino cerche per se, nè per i Frati
  1129. δ again verbatim, but with minor variations as noted. δ then adds: Molto maggiormente si vieta, & commanda che non si pigli premio alcuno, ò vero simonia pecuniaria, dalle Communità, ò da altri particolari per conto della Predicatione, nè si faccino comprare libri, habiti, panni, nè cose tali, che mostrino premio, & pagamento di essa predicatione, & chi farà contra, il Vicario provinciale, faccia loro fare la disciplina per spacio d’un Miserere in Refettorio, & non si emendando, siano sospesi dall’officio della Predicatione.  Ma occorrendo per pietà fare alcuna raccomandatione di povere persone, per nssun modos’intromettino in ricevere, nè in dspensate dette elemosine, nè per se stessi, nè per altre terze persone in nome loro.
  1130. δ
  1131. δ: contentandosi della loro necessità & sopra tutto
  1132. δ omits
  1133. δ omits
  1134. δ: , & imitare
  1135. δ
  1136. δ omits
  1137. δ
  1138. δ: poiche in Christo Giesu sono tutti i thesori della divina sapienza, & scienza,
  1139. δ
  1140. δ
  1141. δ
  1142. δ
  1143. δ omits
  1144. δ
  1145. δ: cibandosi
  1146. δ
  1147. δ: dunque
  1148. δ
  1149. δ inserts: la
  1150. δ follows verbatim
  1151. βδ omit
  1152. βδ omit
  1153. δ: usino la S. scrittura, & specialmente il nuvo Testamento, & massime il Sacro S. Evangelio
  1154. δ
  1155. δ
  1156. δ omits
  1157. δ
  1158. δ omits
  1159. δ
  1160. δ
  1161. δ: dilettevoli
  1162. δ
  1163. δ: anzi pure
  1164. δ in Italian
  1165. δ: ricomprate
  1166. δ
  1167. δ omits
  1168. δ
  1169. δ
  1170. δ inserts: talmente che
  1171. δ: ad alcune particolari persone, massime Religiose, & Prelati della Chiesa, altrimente facendo, siano gravemente puniti, peroche nello loro predicationi, & in ogni altra attione il debbano havere in somma riverenza, si come ci esorta il Serafico Padre nel suo testamento
  1172. δ omits
  1173. δ omits
  1174. βδ omit
  1175. δ inserts: , & molto piu
  1176. δ inserts: &
  1177. δ omits
  1178. δ
  1179. δ
  1180. δ
  1181. δ
  1182. δ
  1183. δ
  1184. δ: Ecclesiastici Prelati
  1185. δ
  1186. δ
  1187. δ: Romano Pontifice
  1188. δ omits
  1189. δ: esso suo
  1190. δ
  1191. δ
  1192. δ
  1193. δ
  1194. δ
  1195. δ, adding: , & riverire
  1196. δ, adding here: , & ritornino alla solitudine, found earlier in this chapter in αβ
  1197. δ
  1198. δ
  1199. δ inserts: santa
  1200. α (above): li stiano tanto che repieni di dio limpeto li moua a fparger al múdo le gratie diuine.Et co facendo hora martha& hora Maria in uita mixta fequitaranno christo el quale hauendo orato al monte defcendeua nel templo a predicare:imo defcefe dal celo in terra per faluare le anime:β: tanto che ripieni di Dio l’impeto del fpirito fanto vn’altra volta gli moua al predicare  che in tal maniera feruendo hora al ministerio di Marta, hora al lentio di Maria in tal mifchiata cóuerfatione eno buoni difcipuli del gliolo vnigenito da Dio, ilquale vn tempo oraua ful monte, indi fcendeua nel fanto tempio alla falute de populi, per laqual ancho volfe calare in que‚a valle di lacrime dall’altifsimo cielo empireo.δ from here reads: ivi stiano tanto, che ripieni d’Iddio, l’impeto dello spirito Santo di nuovo gli nuova à spargere al mondo le gratie divine, sforzandosi infiāmarsi come serafini del divin’amore, accioche essendo essi ben caldi, possino riscaldare altrui; & cosi facendo, & servendo hora al ministerio di Marta, hora al silentio di Maria, seguitaranno Christo in vita mista, ilqual doppo l’havere orato su’l monte, discendeva nel tempio à predicare, anzi scese dal Cielo in terra per salvare l’anime, Però si sforzino tutti I predicatori che finito il corso del la predicatione quadragesimale di partise quanto prima dalle Città, ò terra dove haranno predicato, & tornino alli lochi loro, se non saranno astretti dalla necessità, accio per la troppo frequente conversatione, & familiarità di secolari, non venghi à perdere il frutto fatto nella wuadragesima, & siminuirsi l’autroità, & la reputatione del lor ministerio. Si ordina parimente che i predicatori sani quando non sono in atto di predicare, convenghino al coro per tutte l’hore canoniche, & all’orationi ordinarie, & faranno la vita commune con gl’altri Frati.
  1201. δ
  1202. δ omits
  1203. δ omits
  1204. δ: da i cori
  1205. δ: luogo
  1206. δ:stanza
  1207. δ inserts: , & divoti, after β
  1208. δ follows this text verbatim, except for the noted adaptations
  1209. δ
  1210. Read piu
  1211. βδ omit
  1212. δ instead: &
  1213. δ instead: ve
  1214. βδ omit. δ then inserts this paragraph: Si prohibisce ancora che nissuno ardisca, per se, ò per altri far stampare libri, ò publicarlgli senza licenza scritta del Reverendo Padre Generale, & esso Generale non dia tale licenza, se prima hoh harà fatto vedere, & esaminare dette opre ad alcune persone dotte, & sufficienti, & cosi esaminate, & approvate, potrà conceder che siano stampate, publicamente, con la licenza de gli ordinarij. Et se alcuno farà il contrario, ipso facto, sia privato di tutti gl’atti legittimi, oltre la pena del Concilio Lateranense.
  1215. δ
  1216. δ: notitia
  1217. δ
  1218. δ
  1219. βδ omit
  1220. δ
  1221. δ
  1222. δ
  1223. δ
  1224. δ: delle povere anime de’secolari
  1225. δ inserts: in ogni Provincia (dove si potrà)
  1226. δ inserts: luoghi
  1227. δ adds: altri scienze necessarie per meglio venire alla cognitione della Sacra, & scolastica theologia¸di esse divine littere, al quale siano solamtne promossi dal Padre Vicario della Provincia, & da’ Padri diffinitori nel capitolo provinciale, ò vero dal Padre Generale quei Frati ch’essi padri giudicaranno
  1228. αβδ
  1229. βδ: promossi
  1230. δ: quei Frati
  1231. βδ omit
  1232. δ: dopo
  1233. δ adds here: la quale promotione si faccia à voce secreta, & allo studio della logica, & filosofia non siano ordinariamente posti quei Frati, quali oltre à gli altri buon costumi loro, non siano almeno stati due anni alla religione doppo la loro professione, & si commanda che quelli che non sono di quella bontà che di sopra si dice, ò che sono di grosso ingegno, non si ponghino à studiare, & se ci fussero posti, si levino via quando si scopriranno essere inetti, & indegni di esso studio.
  1234. δ
  1235. δ
  1236. δ omits
  1237. δ
  1238. δ: la scienza cge gonfia & insuperbisce, ma s’ingegnino di far quadagno della
  1239. δ
  1240. δ omits
  1241. δ: la qual vivifica, & humilia l’anime
  1242. δ
  1243. δ
  1244. δ inserts: Santa
  1245. δ: farebbono
  1246. δ
  1247. δ
  1248. δ
  1249. δ
  1250. δ omits
  1251. δ
  1252. β: Christo nostro Signore; δ: del Signore nostro Giesu Christo
  1253. δ
  1254. δ: spirito
  1255. δ: ma la sola
  1256. δ inserts then inserts this paragraph: Onde si ordina che tutti i nostri lettori sani, comparischino la notte almeno in choro al mattutino, & si studino quanto possono di convenire all’officio, & all’oratione, & leggendo, attendo à se stessi sotto l’obedienza de i loro Prelati, & non predichono fra anno ordinariamente; s’impone similmente à tutti i studenti che convenghino al mattutino, & à tutte l’hore canoniche in choro, & all’oratione, altrimente facendo siano levati dallo studio.
  1257. δ
  1258. δ: alle littere
  1259. δ has instead: Quelli dunque, che saranno posti allo studio, sforzerannosi
  1260. δ: cielo
  1261. δ: sarà loro
  1262. βδ omit
  1263. δ: se si conosceranno havere
  1264. δ: appresso à
  1265. δ
  1266. δ: quel sommo bene
  1267. δ
  1268. δ
  1269. δ omits
  1270. δ
  1271. δ
  1272. δ
  1273. δ
  1274. δ: essi
  1275. δ: commandamenti
  1276. δ: per quanto potrà
  1277. δ omits
  1278. δ: tre, ò almeno due volte l’anno
  1279. δ omits
  1280. δ: transgressori
  1281. Chapter Seven encourages the exercise of mercy and not just rigida iusticia alone.
  1282. δ: &
  1283. δ
  1284. δ
  1285. δ
  1286. δ
  1287. δ: humilissimi
  1288. δ
  1289. δ
  1290. δ, which omits &
  1291. δ essentially follows the structure of β in this paragraph
  1292. δ omits
  1293. δ
  1294. δ: non conosceranno essere la divina offesa
  1295. δ: portino à loro
  1296. δ omits
  1297. δ
  1298. δ omits
  1299. δ omits
  1300. δ omits
  1301. δ follows α in this sentence
  1302. δ: celesti
  1303. βδ: con
  1304. δ, but for spelling variations
  1305. δ
  1306. δ omits
  1307. δ
  1308. δ
  1309. δ: anchora
  1310. δ
  1311. δ, but for spelling variations
  1312. δ omits
  1313. δ: parimente
  1314. δ omits
  1315. δ
  1316. δ
  1317. δ
  1318. δ
  1319. δ
  1320. δ
  1321. δ, with spelling variations
  1322. δ
  1323. δ
  1324. δ: fuggire
  1325. δ: tutti i vani & superflui
  1326. δ omits
  1327. δ
  1328. δ omits
  1329. δ
  1330. δ: se il prelato, non è in casa
  1331. δ deals with such matters at length in Chapter Seven
  1332. δ inserts: massime
  1333. δ inserts: à noi data
  1334. δ
  1335. δ inserts: di qual si voglia stato di persone
  1336. δ
  1337. δ
  1338. sic
  1339. δ: & di tutti li altri religiosi
  1340. δ omits
  1341. δ: stato
  1342. δ
  1343. δ
  1344. δ
  1345. δ: schivare; in fact: delle donne, ancorche Sante, si deve dai servi di Dio schivare
  1346. δ
  1347. δ: Però
  1348. δ
  1349. δ: questa
  1350. δ
  1351. δ
  1352. δ
  1353. δ: nè anco
  1354. δ
  1355. δ
  1356. δ
  1357. δ omits
  1358. sic
  1359. βδ omit
  1360. δ
  1361. sic
  1362. δ
  1363. δ omits
  1364. δ
  1365. δ: alle cose celesti
  1366. δ
  1367. δ
  1368. δ: o longhi, o
  1369. δ follows this sentence, with noted variations
  1370. δ
  1371. δ: astretti
  1372. δ: accioche
  1373. δ
  1374. δ
  1375. δ inserts: &
  1376. δ omits
  1377. δ omits
  1378. δ omits
  1379. δ: abbrusciando
  1380. δ: Vigesimo
  1381. δ
  1382. δ
  1383. δ
  1384. δ
  1385. δ omits
  1386. βδ
  1387. δ: &
  1388. δ omits; instead: imbrattano
  1389. δ
  1390. δ
  1391. δ
  1392. δ
  1393. δ: ancora
  1394. δ
  1395. δ
  1396. δ
  1397. δ omits
  1398. δ
  1399. δ: siano di
  1400. δ omits
  1401. δ omits
  1402. δ inserts: anco
  1403. δ omits
  1404. δ omits
  1405. δ: contra
  1406. δ omits
  1407. δ follows this wording, with the noted minor ommissions, and with spelling variations
  1408. δ
  1409. βδ omit
  1410. δ omits
  1411. δ follows this wording with the noted minor ommissions, and with spelling variations
  1412. δ inserts: communemente, as in β
  1413. δ omits
  1414. δ omits
  1415. δ omits
  1416. δ
  1417. δ
  1418. δ omits
  1419. δ follows α and β (referring to the clean corporals). However δ reads: con le loro patene bene indorate, & non si habbino piu calici, ò paramenti di queo che richiede la necessità di luoghi: Ne i parimenti, & panni d’altare si usi, oro, ò argento, o altre curiosità, o pretiosità secondo la Clementina, & ogni cosa sia netta, & monda, & specialmente, i paramenti sacerdotali. I Corporali, & purificatori siano mondissimi & candidissimi, i Candilieri fatti al torno di semplice legno
  1420. δ: & anco
  1421. δ adds: nostri
  1422. δ omits here, but includes later in the paragraph (CC1575, p.198). δ continues here, adding the following detailed indications: Et guardinsi i frati che nelle cose pertinente al culto divino, nelli edificij nostri, & nelle masseritie quali usiamo, non appare alcuna pretiosità, ò superfluità. Sapendo che Dio vuoloe (come dice Papa Clemente quinto,) e piu si diletta del cor mondo, & delle Sante operationi, che delle cose pretiose, & ben’ornate. Per il che dovemo attendere che in tutte le cose che sono ad uso nostro risplenda l’altissima povertà [parallel in αβ] la quale ci accenda alle pretiosità delle ricchezze celesto dove è ogni nostro tesoro, delitie, & gloria [α], & però prohibimo la recettione di qual si voglia cosa, anchorche minima d’oro, d’argento, di velluto, o seta; eccetto il calice, la bussola del Santissimo Sacramento, & Tabernacolo, & il velo da tenere sopra il tabernacolo, & i Padri Vicarij Provinciali quando andaranno alla visita dove trovaranno simili cose, diano la penitentia à chi l’hà ricevute, come disobenienti, & poco amatori della nostra semplicità & facciano che le siano rendute alli padroni, & non sapendo di chi siano le faccino dare ad altre chiese poverelle, essortando nondimeno che nella nostra povertà risplenda ogni monditia, & candidezza, & particolarmente nelle cose che appartengono al sacro altare, tanto nelle tovaglie, purificatori, & corporali, quali siano sottilissimi come nell’altre cose, che servono al culto divino.
  1423. δ changes the order of this paragraph with the next
  1424. δ: che
  1425. δ follows α, but for minor variations in spelling
  1426. δ omits
  1427. δ follows this text, then adds: di lui e’ suoi Santi compagni
  1428. δ: &
  1429. δ
  1430. δ: quelli
  1431. δ: ministri
  1432. δ: Reverendo Padre
  1433. δ omits
  1434. δ
  1435. δ: parere
  1436. βδ omit; δ: ben
  1437. δ omits, using: dolci
  1438. α
  1439. erronea, & pernitiosa setta
  1440. δ
  1441. δ omits
  1442. δ: ponendo
  1443. δ
  1444. δ: pensiero, after β
  1445. δ: come
  1446. δ
  1447. δ omits
  1448. δ omits. And begins next paragraph: Et However, parallel to this sentence, δ has in a previous paragrph: Per il che dovemo attendere che in tutte le cose che sono ad uso nostro risplenda l’altissima povertà la quale ci accenda alle pretiosità delle ricchezze celesto dove è ogni nostro tesoro, delitie, & gloria
  1449. δ, but in the same previous paragraph in this Chapter, CC1575 p.198
  1450. δ omits
  1451. δ: Papa Clemente quinto
  1452. δ, but in the same previous paragraph in this Chapter, CC1575 p.198
  1453. δ: nondimeno che nella nostra povertà risplenda ogni monditia, & candidezza
  1454. δ: ad operare,similar to β
  1455. βδ: poi
  1456. δ: si
  1457. δ
  1458. δ follows, and insert: & non manchino
  1459. δ: queste constitutioni
  1460. δ adds: se non in quanto ci obliga Iddio, la Regola, & la Chiesa
  1461. δ
  1462. δ:esso
  1463. δ: da essi Padrei Vicari Provinciali
  1464. δ adds: se non le faranno osservare, & non gastigaranno i Transgressori
  1465. δ
  1466. δ
  1467. β
  1468. δ
  1469. βδ omit
  1470. δ: &
  1471. δ: ancora
  1472. δ
  1473. δ
  1474. δ
  1475. βδ omit
  1476. βδ: zelanti
  1477. δ places this clause in the first part of the sentence: larga benedittione della Santissima Trinita con la sua Paterna insieme a’ veri zelatori
  1478. δ: attendiamo
  1479. intediamo while α: intédiamo and δ:attendiamo
  1480. δ: affettuoso, & sincero amore
  1481. δ
  1482. δ adds, after β: a Dio
  1483. δ
  1484. δ: honore
  1485. δ: altri
  1486. δ: rispetti
  1487. δ
  1488. δ: qual
  1489. δ: sono
  1490. δ omits
  1491. δ omits
  1492. δ: servigi Santi
  1493. δ
  1494. δ omits
  1495. α: obfequii; δ: feruìgi
  1496. δ omits
  1497. δ omits
  1498. δ omits
  1499. δ inserts: & fedeli
  1500. δ: Signori, & Padroni
  1501. δ: anco
  1502. δ inserts: altre
  1503. δ omits
  1504. δ: dispreggio di esse sarebbe gran peccato
  1505. δ: anco
  1506. δ: fuggendo ogni
  1507. δ omits
  1508. δ: intiera
  1509. δ: anco
  1510. δ follows α
  1511. δ: &
  1512. δ: ogni cosa
  1513. δ
  1514. δ: colui che
  1515. δ: sapienza di Dio, &
  1516. δ: ci somministrarà ancor
  1517. δ inserts: essendo egli
  1518. δ inserts: solo
  1519. δ substantially follows α in the previous two sentences, and here begins a new paragraph: Ricordiamoci
  1520. δ
  1521. δ: ma l’infernal pena
  1522. δ
  1523. δ: per seguirli;
  1524. δ adds: poi
  1525. δ
  1526. δ omits
  1527. δ
  1528. δ omits
  1529. δ omits
  1530. δ, then al fine, after β
  1531. δ
  1532. δ: delle sue opere
  1533. δ omits, replacing it with: confusione, & fuoco eterno.
  1534. δ
  1535. δ: Eterno
  1536. δ
  1537. δ here follows β
  1538. δ: ci fara forti, & potenti
  1539. δ
  1540. The first few letters have been obliterated; α and δ have instead: fono niente in comparatione di quella retributione eterna che Dio ci uole dare, fe saremo, etc.
  1541. δ
  1542. δ: dilettissimo
  1543. δ:aspirando
  1544. δ
  1545. δ inserts: Padre e
  1546. δ: aiuti
  1547. δ: &
  1548. δ: sia ogni nostro pensiero,
  1549. δ: &
  1550. δ